Per idipenrjenti e pensionati pulrblici, per iloro coniuqi cr:,t'tviv*nti, per i lcrc farniliari di prirno grador non autr:sufficir:nti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Per idipenrjenti e pensionati pulrblici, per iloro coniuqi cr:,t'tviv*nti, per i lcrc farniliari di prirno grador non autr:sufficir:nti"

Transcript

1 {DAL Lú MARZ*?*15,q!* 3{} }l{}vel''l*1":l: 2S15i Per idipenrjenti e pensionati pulrblici, per iloro coniuqi cr:,t'tviv*nti, per i lcrc farniliari di prirno grador non autr:sufficir:nti

2 l., t,. l Indice 9:*r**t*g:s* éarè* à *gg*ttr: *ee!"e'uvisc.àrè,, 3 x,*gg* : * e*ee*'ecsvis* e<rè- 3 H ****flsi*re Ai'*" qi trr*slase**t! r!*:*rtcaseic"*àe p-r't" $ L;* d**re::de *i Es s'ga?e>fle Èst bx*:ex c*e9,:è e $e rèai:ee3sjfa qi*l *:33'ru; ;*":i't, *,*ntà*s*;*x*sp*e 5*gg: j3"s'.t..y L;lr #**rxer:de - $;È**eEiÈ* e t*c'g?"è5ree di ír?qs** tt* *st's*èieep *qr*. S. S$Èr*cÈt:*nÈe de$ea *$<lmeln$el dàrt. * Fue"*$e èrx *eric<p e vae*jf;exè**c cà*è hàs**glt* xssis;tq:g"exàà3i;* &rè* g* Va9$txeÈ*ite *i*íi* cc*"r*!cisne* d! re{}èt &r":àu:sr: i*i*s'exe Àià d*r fiietu* & r"&. 33 #c"*g ra rc": c'eì& :rsc ic3 essi stefiix! er Ee f* s"rt i i i a r* &rè" 33 Fr**à,*xi,sne* p*: ve$est*e &rè. 3s$ ff*ntribrut* pee" $lr st*a$*ni iraè*ff:"&ti'r*,ù"r à, *5 Fa'*s :eeis:e'*è E*È*gra iiwc3 &g"i., É* tllb!igi:l dee *ect*9ècieri* * *èeei sac 3* È'ee"e*!EèerÉ

3 ArÈ. 3"? à*'**c6*sè*xtè* ermàeeere: éc"t, i"s fn*ai$"lts:r* assis;tit! S'rt, à* {3hb!È,g$"t! e c*rie$ eieeil"&ys &r'i,, 3# ia'*{,ii r.t* Ett e mèìi c :se ixxii * ll i é4è"e, 3à ffis***"se,rt r'àì. ;,Ì,1 i<i*lx g***** b! $*: d *l g* re**ecg È ry:* *: * &ré. 33 l caè* Ènf*rafficrÈlv'*

4 ',, ' l, ',,',,..l* '!..' i r i r t r : i ;: i',1 rì r' ì at ;ì {: 1 ( i; r'; i.r I d e r1.i ri $ ;i ; I ;r!{' ilg''*:t?3*ss# Ai sensi e per gli effetlti del DM 463/98,l'iNPS ha, tra i propri scopi istil'uzionali, l,erogazione di prestazioni socialin farvore dei dipendenti e clei pensionati pubblici e dei loro familiari. Tra le finalità dell,istituto si annoverano varie politiche d'interveuto in liilvore dei propri utenti, azioni a favore di soggetti non autosufficienti e, in particolare, a sostegno dellr: persone anziane, finrali::zate alla prevenzione dlel de'cadimento cog nitivo, Tra le differenti morjalità di intervelnto er supporto dellla disabilita e non autosufficienzia si è scelto di valorizz:are l'assistenza domiciliare, da cui la denominazione del Progetto: Home Care Prenrium, ovv rc un contributo "prenlio" finalizzato alla cura, a domicilio, delle person : non autosufficienti. E, stato intr,cdotto, inoltre, un u lte riore percorso al;sistenzliale, nispetto a precedenti, analoghi prrogetti promos;si dall'i:;tituto, cons stente in un intervernto economico in favore di soggetti r'ìo,11 iautosufficienti res;identi presso strutture residenziali o per iquali sia valutata l'inrpossibilità di assistenza domiciliare. L'Home Care Premium prevede Llna forrna di intervernto "misti: ", corl il coinvolgimento diretto, sinergico e attivo d:lla famiglia, di soggetti prubblir:i e delle risorse sociali del cosiddetto "terzo settcre"' In particolare,, è stato individuato quale soggetto partner prer la realiz,zazione del modello HCP 2OI4, l' "ambito territoriale sociale" (ATS) ai sensi dell'art B, con-rma 3, lettera d), della legge n. 328/2000 o c()me differrentemente denominato o identificato dalla normiltiva regionale in maleria. L'elenco degli ambiti territoriali sociali convertzionati con l'i:;tituto per la gestione del progetto Home Care Premium è disponibile nell'allegal.o 1al p,resenee avviso.

5 i : l r'1. ;, * l,i.: ;t I r: l i:! <.: F r'r: r' r d C tt I ;t 5 {' { t i: I r,,, -,:-,,i;;;.,...,r,.. : ', I,11,,;.,..,.,,,r.1i' èrè. 3 -;3##È:? {F **LL"ieaVV3,$* 1. Il presente avviso è: volto ad indi\/idlrare isoggetti fruitori delle prerstaziorìi e dei servizi previsti dal Progetto Flome Care Pretnium riserr;ati "2OI4, esclusivamente ai res;identi presso gli ambiti territoriali sociali con v3nziorìati indicati nell'allegato 1' 2. Il Progetto Home care Premium 20L4 ha durata di nove mesi, decorrr:nti dalla data del 1 marzo 2015 finrr al 30 novenrbre 2015' èrè. 3 * S*S{*gT g ffil E*t-'&\éS'XS* 1. All,interno del presente avviso sot'ìo previste tre distirrte figure: il tit,olare del diritto, il beneficiario, il richiedente la prr:stazione' 2. Il titolare del diritto è l'iscritto alla ge:stione unitaria derlle prestaziorri creditizie e sociali e/o alla gestione magistrale o il pensionato utenter delli'r gestione dipendenti pubblici. 3. Il beneficiario e il s;oggetto destirraterrio degli interverti previsti dal Progetto, con'ìe individuato dall'etrt. 3 del presente avvi:;o' 4. Il richiedente la prestazione, ovvero colui che presenta la do'nranda di assistenza dorniciliare, è individuato tra isoggetti di cui alla tabella del srlccessivo conrma Il prospettg sotto rappresentato drescrive l,e possibili cr:mbinazioni tra soggetto richiedente soggetto beneficiario della prest,azione di assistenza domir:iliare: Richiedente che presenta domarnda per il Berreficiario dellia prestazircne Richiede:nte Il titolare Il titolare Il titolare lbenef iciario Per se stesso Coniuge convi'yente, Per rn Fa*tiare iti fximogrado, I genit,rre o figlio _-

6 Coniuge convivente di titolare Coniuge convivenrte di titolare Coniuge conviverrte di titolare Familiare di Primo grado del titola re Familiare di Primo grado del titolare Familiare di Primo grado del titolare Famil'taftr d, pr 'm" gra do det titola re Genitore "su perstite" Per se stesso P'er il titolare F r ' îam'ttafl o' pt-t gt."" "., titola r,e Fer se stesso Per il l:itolare Fì.. arltto Fam'li,*, grado del titolare di Pt"*.i ÎÚ il coniuge r:cnvivente del t,itolare richiedenteper il figlio minore orfano del titolare Tutore Per il figlio minore dr:l titolare Amminis;tratore rji sostegno derlper il beneficiario, come sopril sog getto be neficia ri cr definit:o Ambito sociale convenzionato, Per i beneficiari come sopril su delega del richiedente, come definiti indicato all'art. 7, comma 4 Ar'{:" 3 * X *#{ gp':cg*'rg 1. Sono beneficiarisoggetti destirratari deri contributi economici e dei servizi socio assistenziali previsti dal Progetto llcp 2)L4. Z. possono b,eneficiar,e dei predetti interventi: i dipendenti iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali e/o alla 1;e:;tione magis;tral e i pensionati utrenti della gestione dipendenti ;:ubblici, nonché, laddove i suddetti soggetti sianc, viventi, iloro coniugi con,riveni:i e familiari di primo gradrc, 3, possono beneficiare degli interventi di cui al comma 1 igiovani minori orfani di dipendenti iscritti alla gestione unitiarler dell,e prestazioni creditizie e sociali e/o alla gestione magistrale e di utenti pr:nsionati della gestione dipendenti pubblici.

7 .-'.:-ì.l, ;: :" i :., 1;, 'r....:..,r: r'..:i' ' 5 i., l'!r'r i.l l"' ;: ;,: i {} ll rr : al p l'ir! l d e n :':;t $ x 1 i I * j,,rt_ 4. Sono equipiarati ai figli, i giovani minori re'jolarmente affidati e i nipoti minori con comprovata vivenza a carico derl titolare del diritto. I nipoti rîinori sono equiparati ai figli qualora siano conviventi e a carico del ti';olare del clirittrr' 5. l-utti lsoggyetti beneficiari debbono essere residenti nell"affìbito territoriale di competenza di un ATS convenzionato,, di cui all'allegato 1 al presente ar'tviso' ÀrÈ. ré * Pffi*$T&gg** g $ax**ru*se'fq"it-h 1. L.e prestazioni erogate clall'istituto sono diseinte in: a) contributo col.ìo,tì'ìico menslls l.pergoto in favore del breneficiat'io, riferito al rapporto di lavoro con l'assistente familiare (prestazitln'e prevalenlte) di cui all'errt,13; b) contributo economico in favore clellîl-s per le attir,'ità gestionali a cura dello stesso; c) contributo economico in favore dell'ats per la fornillur,a, a cura de:llo stesso, di prestazioni integrative a supporto del percorso assisil:erìziale derl benefic.iario (prestazioni irrtegrative) di cui all'art Le prestazioni di curi al comma 1 potranno essere attirral:e nell'arco temporale di durata del Progetto previsto dall'art,1,, comma 2. Àrt. :p - *_& i}*f'eae f3à px X$e$egag*F a 3$\é tràa*'t#& à:f-q'?"h H,lil' fa.i'jl;*"1i.';:,',',.', #3XL F#gÈ'é 1. Frima di procedere allil compilazione dell;r domanda,,sc,corre esser(3 iscritti in banca dati, ossia essere riconos;ciuti diall'istituto (:ome richiedenti della prestazione. l-'istituto è in possesso di tutti idati relativi agli iscritti alla gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali ed erlla gr:stione magis;tral e ai pensionati utenti della gestione dipendenti pubblici (titolari dei diritto). Di contro, altri "soggetti richiedenti" previsti dill prresente avl'iso, r:h : nrrn hanno di per se rapporti diretti con le suddette gestioni, potrebbero non'3s:sere presentì in banca dati o potrebbero non essere immediatarment,e "classificatlili" come richiedenti: ne sono esempi il conir.rge convivente, il farniliare di pt'imo grado, il genitore I

8 ' : '.ttt,i 'l :.t 1',-'..:.,,"- i:irl.;il": i' r.',*ildl{: i}r'ar,'rdcttl"t 5{r{:rtì{:,..;.,){;'1;!. li,rt,;:, l' ',, t superstite di nrinore orfano di iscritto o pensionato, il tutore, l'amminis;tratore di sostegno. Tali soggetti dovranno prevent.ivamente "farsi riconoscere'" derll'istituto, presentando opportunerichiesta d'iscrizirrne in banca dati. Z. La domanda di i:scrizione in banca derti, compilatrile trannite il modulo..iscrizione in banca dati" prelevabile dillla sezione "Moclulisti,ca''', all'iriterno del sito www,inps;.it, deve essere presentarta dal richiedenl[e alla sede provinciale INpS competente per territorio, attraver:;o i canali di segurito elencati: *recandosi dirr:ttamente presso la secle prrovinciale compet:ente per territorio; -inv,iando, a mezzo llosta elettronica certificata, all'irtdirizzo pec clella sede pro'vinciale competente pelr territorio, 6s,pid digitalizzata r:lel modulo "isc-izione in banca dati", debitamente compilato; -inr,,iando, a mezzo prosta elettronica, all'indirizzo mail della sede provinciale conrpetente pler territoricl, copia dir;itarlizzata del modulo "irscrizione in banca dati", debitanrente compilato, e copia del documento di identità in corso di valid ità; *inrriando, tramite raccorrìandata con rir:evuta di ritorno,, il m0dulo "isc;'izione in banca dati", debitamente compilato, allelgando copia del tlor:umento di irlentità in corso di validità; -trasmettendcl, via f,ax, al numerrf, rlella sede provinciale conrpetente per territorio, copria del nrodulo "iscrizione in banca dati", debitanrente ccmpilato, allegando copia del documento d'iderrtitii in corso di validità, 3, Indirizzi, numeri di fax,, caselle di posta elettronica cui in'viane ipredrel-ti moduli sono reperibili sul sit,c!r,ww.inps.it Area dedicata Gesticne Dipendenti Pubblici nella sezione "'Contatti"/ "'Sedi Provinciarli e Territoriali". 4. Fer la pres;entazione della domanda di assistenza donriciliare è necessario da parte del soggetto richiedente il possesso di un upin", utili:zzabile per l'iaccesso a tutti iservizi lin linea rnessi a disposizione dall'istituto. Il PIN è un codic,: univoco identificativo personalr: cl're rileva I'identità del richiedent'er. Il Pin si può richiedere: a) On line, accedendo al sito istituz:ionale wwltr.inps.it, nella seziorìe "Come fare per", alla voce "(3tt :nere gestirer il Pl,N", di seguito, nel menù a sinistra, "Richiedere attivare il PIN' - "Richiedil tuc PIN"; b) tramite il contact ce:nter;

9 :,,,'.:,..1' I r ì. r i'"; I ;t i',j! I ;; r rj t1 i: i {) p I'i1 \, I d * rì :i i} 5('t t ir l{.,i,,.,,.-lt.,,-1, :,,,;,,,"l c) presso gli sportelli delle Sedi INPS' Per ottenere il PIN, trarnrite la procedura on line o tramite il contact center, occorrono alcuni giorni' Pertanto, r:hi ne tosse sprov''/isto deve provvedere tempestivamente. L'Istituto non sarà responsabile per il mancatr: in'vio della domanda da parte di utenti che non hanno ottenuto il PIN in tempo utiler' Una volta ottr3nuto il pin, è possibile acceclere ai servizi dal sito isltituzionale - Servizi on line - servizi perr il cittadino. Per presentare domandaqn line di perrtecipazione al concorso è sufficientessere in possesso di un "PIN oniine,'; non è: richiesto il possesso di un *P/^f di:s1tositivo". per tutte le inrformazigni relative al PIN,, è possibile sele,zionare la voce di menu "pin on line,,, nella sezione "servizi on line" pnesente sr-ll portale del sito istituzionale it, ArÈ. * * jltt :ST&43{}: * g$gff 1. Il richiedente, a ll'atto della Flresenta;lione della domranda, cleve aver presentato urìa Dichierrazione Unica Sostitutiva finalizzata all'acquisiz:ione della certificazione ISEE Socios;anitario rifr:rita al nucleo familiare in cui è presente il beneficiario. 'fale attestazione è neces;saria per cieterntinare I'ammrlntare del contributo mrensile erog;ato dall'is;tituto in favore rjel beneficiario - c'd. prestazione prevalente di cui all'art e I'ammontare del contribut<l massimo erogato dall'1;tituto in far,,ore dell'atis per la fornitura di prestazioni Integrative a supporto del percorso as:;istenziale clel beneficiario, di curi tlll'art.74. La suddetta attestazione v'iene acquisita direttamente dall'istituto. 2, eualora, in sede di istruttoria della domanda, il sisterna non rilevi una valida attestazione ISEE Socios;anitario, rrelativa al nucleo famliliare ov r:<lmpaia il beneficiario, la domanda sarà respirrta. Prirrra di trasmeltere la domanda, sarà, pertanto, necessario lar elaborare la suddetta attestazicne ISEE Sociosanitario presso l'inps o Ente preposto o convenz:ionato. 3. L,Istituto non assulme alcuna res;lonsabilità nel caso rli mancata trasmissione telematica clella suddetta attestazione da parte,jegli Enti prreposti o convenzionati o di erronea trascrizione rlel codice fiscale all'interno della medesi ma attestazione.

10 i! ;r.{ r {:i r't ;l :{-" ft r',: v I d C il :i il 5 {r{ r ir i c' ;.i. ',':1,i,,iii;:r"'' &rè,, F * L& *{3Fr &ffi*jt-&3**elggà n Ì'gRF4EF*X S3: Ktrlf gfii T"l[{-l[s1,'ÉF,TI'r# 1. La domanda di assistenza domiciliare deve essere pre:serìtata dal rir:hiedente, come definito ai sensi dell'art,2, cornma 4, esclusivamentr: per via trelematica/ pena il rigettp della stessa, accedendc, dalla home Patle del sito isltituzionale seguendo il percorso: Servi:ri on line - liervi;li erx Inpdap, Di seguito, accedendo all'area riserviata, è poss;ibil effettuarer le s;uccessive scelte Per Area tematica - Attiività sociali - Assistenza domiciliarre - domalrda o, in alternativa, per ordine alfabetico -- Assistenza domir:iliiare - domanda o, in alternativa, Per tipol<lgia di servizio.- Domande - Assistenza domiciliaredomanda. 2. Accedendo all'area riservata, con PIN on line, si è automerticamente riconosciuti cqme utenrti e comparirà,, tr,a le voci di menùr, lil possibilità'linviare la domanda per il presenle avviso. E:ntrando alla voce "lnserisci domanda" sarà visualizzato il modello da compilare, in cui compaiono già idati identificativi del soggetto richir:dent e del soggetto titolare del diritto. Dovretnno necess;ariamente essere inseriti recapiti telefonici mobìli e di casella di posta elettronica ( ) al fine di agevolare i contatti con l'istituto. Nella sezi,orìe s;uc(:essiva del rnodulo di domanda sarià possibile identificare il soggetto beneficiario per cui rsi richiede l,assistenza drcmiciliare, nel caso in cui non coincida corr il soggetto richiedente. Dopo I'invio telematico rlella domanda, I'Istituto trasrrtetterà una ricevuta di conferma all'indirizzo e-rnail indicato nerll'istanza medesirna. La domancla inviata è visualizzabile attraverso la funzione "Visualizza rlomattdr: inserite", all'interno della medesima Area F{iservata. 3. per avvalersi del servizio di assis;tenza domiciliare di cr"ri al present.e bando, devono presentare una nuova domanda anche isoggetti che già ne fruiscono per effetto del Progetto HCP 2:.012' 4. Gli operatqri di sportello individuarti clall'ats potranno inoltrare la domanda di assistenza domiciliare in favore dei beneficiari di comperl.enza territoriale solo in presenza di delega clel richiedente, In tal caso, in fetse di inserlmento della domanda, è necessario attestare la presenza della delr:ger nell'apposit.o spazio. Sarà cura degli ATS protocollare e conservare tale docurnentazione. 5. La domancla inviata e con numero dìl protocollo assegnato non è modificabile; pertanto, per correggere ogni event,uale errore, è necessario inviare una nuova 10

11 domanda. L'Istituto istruiràsolamente I'ultima domanda ricevuta entro il termine finale stabilito dal Presente avviso, 6. Lo stato di lavorazione della domanda è visualizzabile alla voce di merrù "Segui iter domanda" all'interno clella medesima Area Riservetta' 7. In caso rli particolari difficoltà nrella compil.lzion rjella domarr,da/ non superabili attnaverso gli ordinari strunrenti di supporto messi a disposizione dell'istituto e non riconducibili a problernatiche relaeiverll'ottenimento rjel PIN o alla regolare liscrizioner in banca dati, il richiedente può presentare la comanda rivolgendosi al servizic, di Contact Cerrter Integrato INPS, raggiungibile al numero telefonico gratuito da rete fissa o al numero (a pagaryìento) da telefono cellulare, secondo le indicaz:ioni presenti sul sito istituzionale. Anche in tal caso occorre essere in possesso di un PIN' B, La proceclura per t'acquisizione della domanda sarà attiva dlalle ore 12,00 del giorno 2, febbraio 2015 fino alle ore l:trqq del giorno 27 febbraio 201,5. &r"è:" & * XSY#IUTTÙX..[& È}glg-& **F4&3S*& 1, L'istruttoria deller domande, a cura della Direzione Regionale INPS territorialmente competente, viene effettuata in relazionel all'ordine cronclogico di protocollazione delle stess;e. 2. La Direzionre Regiorrale INPS compretente in esito all' is;truttoria delle domande, autorizzerà, prer le domande accolte, la presa in carico dei beneficiari da parte dell'ats, in relazione alla residenz:a del beneficiario, avviando le procedure relative a tutte le fasi di valutazione t: a(:cesso alle prresta:zioni. 3. Ai sensi di quanto prrevisto dal successivo art. 11,, le dr:mande sono accolte con riserva. 4. In caso non ricorrano i presupposti soggettivi e territoriali di ammis;sibilita al beneficio, la Direzione Regionale In ps procedelrà c,f n il rigetto motivato dell'istanza. 5, L,assegnazione della pratica all'ats, attraverso la piattaforma gestionale dedicata, è notificata al richiedente a rnezzo comunicazicne all'indiriz,z<> posta elettronica fornito all'atto di presenterzione della dornandia. t1

12 , :,,:",.''.,. '',,'",,: i :l rir;lr: iliìr' i* 11r:{: pr'rj\r I ij*n J ít 5{;drir ii,,1 "'" t''',"rj,,-,,, iì, 'tttt-.i.'.;u,.-, ''l:' i érè. ***:,H#SSa gh* C&$ffiCrS E VALTJ &Xg*ftjg *gg- :$XS*{3fti* &S:sH$?*'1*il,i.c!-'; 1. Dalla data di assesjna;lione della pratica, I'ATS ha a disposizione 15 giorni, salvo specifici casi di inrpossibilità delt beneficiario (er;. temporaneo ricovero ospedaliero, ilssenza tenrporanea drei familiari, etc'), per attivare Lrn prlmo contatto con il beneficiario stesso ) i propri famiiliari, ill fine di pianificare le attività di "presa in carico". Z. L,ATS informerà il rir:hiedente della presa in carico della domanda/ con l,identificazione dell'as;sistente sociale (case manager) che procederir con la valutazione del bisogno e la defirrizione del progrartìma socio assistenziale familiare. Il case 6;1n3rl r è un ass;istente sociatle iscritto press(l l'ordine Regionale degli Assisternti Sociali, identificato dall'ats con'renzionato. 3. Dalla data di assegnazione della pratlica, il case rnana,cler ha a disposizione 30 giorni, salvo rnotivati r:asi di impossibilità del richiedent e dei suoi farniliari, per effettuare la visita stessa e definire il programma socio assistenziale, tenuto conto del grarlo di norr autosufficien;:a individuato in bas;e ialla valutazic'ne di cui all'art , Nel caso in cui non sia stato possibik: effettuare lil vi:;itar entro 30 gicrni dalla data di asseìgnazione della pratica, per cause non motivate impr-rtabili al richiedente e ai suoi farmiliari, l'ut,ente decadrà dal clirit.to di ammissione al beneficio, con conseguente subentro di altro richiedente. 5. Durante la fase di valutazione, il case manager indirridua, in accordo con il beneficiario e isuoi familiiari, responsilbile del prclgrarnma, scelto trer ipossibili soggetti richiedenti di cui all'art. 2, comma 4. Nel casr: Cli soggetto fruitore di permessi ex l,3gge n..l per I'ass;istenza al beneficiario, il responsabile del programma siarà obbligatoriamente il medesimo' iqrg" i-* * tj$qe-tit;àex{}$*fi L -& C{3f il}axe{3etn 83: f**l\t S.#T*;:$Ui:!:i.r.l;ì*í''i.J;i; 1. La valutazione,cel case manager in ordine alla condizione di non autosufficienz,a del beneficiario è vcllta a verificare il gracto di autonomia nello svolgimento cli una o più Celle seguenti attività quoticlianer ('ADL): I2

13 t,, -.,. ' :, - :.. ' I >i r! ;; lll f';.j..: ;ù i1'à I {j írr'r,: v r dc rr ;: it 5{;r: I il i r' 4..,- aa...r., t I Mobilità rlomestica Valutazione della capi domestir:a nell'alzata e rit mobilità all'interno del cl giornata, anche con l'ausi É"ttà di mdf ite-l rirnessa letto, rrella, clrnricilio durante la I lio di supporti, di avere curer Cella 2 Igiene personale Valutazicne della capacittl propria igiene P'ersorl onale, di farer il bagno/doccia. 3 Toilette Valutazione della cap apacità di andare autonontamente in ba{ q no, d i pu lirsi e rivestirsi. Continenza e irt r co nti ne nza. 4 Vestizione Valutazione della capacità di autononramente. 5 Alimentazione Valutazione della capacitir di alimerrtarsi autononnamente in marn iera costa nte e adeguata. 6 Preparazlione Pas;ti 7 Assunzione farmaci Valul:azione della capac: pasti. di prepararsi i Valul:azione deli'autonorr or;,rattrna A;refta assunzir:ne farmaco lctg icll Att d' B Housekeeping Valultazione della capa( governo della casa, delle pulizie domestiche, delle fu rrzioni di lilvanderia della Prropria biancheria e indumenti. 9 Riposo notturno 10 Uso telerfono e strurnenti di alert 11 Mobilità extra domiciliare. SPe:;a Valutazlone della rleceri ce::;sità di eventuale assis;tenza e monitoraggl io durante il riposo nottu rn,c. ValuEazione della cetpacil tiì cli uso del telefono e degli :strumenti di comrrunicazione di erlr:rt. Valutazione della capac: ità e autonornia di mobilità extra donrir:iliar 'e quotidiana ernche per I'acquisto dei!rr:neri di Prirnaria nece:ssità, i3

14 :, " ",..:l :... j' I rl r1,,,:i* i;;r:i*t];i;{:...' Pr *l rtjcrttir $l,gralt Uso del clenaro Valrtarcn,t della càpacir:àdi disporr,e del I proprio derìaro e Palirimonio oltre le sper;e prima necessità quo[idianra. z. La valutazione del grado di non aullosufficienza verrà effettuata ut.ilizzando esclusivamente lo SChr rtld di cui all'allegato 2, parte integrante del presente avviso, verificando le condizioni derfinite nella colonnet C, "Valutazione", per ciascuna delle ADL, Contestualmente alla valutazic,ne quantitativa e rqr-ralitativa della condizione di non autosufficienza, relativament,e a ciilscuna dell'e 12 ADL, saranno verificate le moclalità, effetl.iver o potenziali, di supporto alle îecessità assistenziali relative a ciar;cuna delle inabilità rilevate, identificate nella colonna E dell,allegato 2 con annessi punteggi cli cui alla colonna F dell'allegato L,elencazione delle mqdalità di supp,srto alle inabilità è consequen;:iale, per gradi di bisogno crescenti, dove la risorsa successi\/a supporta, integra o sostituisce lalle Prececlenti : a) servizi pubblici gral.uiti: l'incapacità funzionale è o pr.ò essere intergralmente supportata dall'intervernto dell'ammirristraz,ione pubblica (inlcese come prestazioni già erogate, gratuitam :nte, da pubblici servizi territoriali o di possibile erogazione); b) familiare crcnvivent,e: l'incapacità furrzionale norr è inleqralmente s;oddisfatta dai "servizi pubblici" (c,cme sopra dr:finiti), ma dev,er t3 puo essr3re anche supportata e/o integrata da un farniliiare convivente, attraverso le cosiddette "cure familiarri" (es. coniuge, genitore, figlio, fratello, sorella, soggetto convivente, etc.). In tiale ambito sono considerate anche le formule di convivenza "informale"; c) familiare non convivente: l'incapacità funzicrnale non è integlralmente soddisfatta dai "servizi pubblici" (corne sopra definiei) e/o cla "cure fanriliari", ffia deve e può er;sere suplportata e/o integrata anche da un I'arniliare non cr:nvivente (es. genitore, figlio, fratello, sorella, fino al quarto grado <1i parentela o erffinità); d) interventi pubblici a plagamentot l'incapacità funziorr,ale è già integralmente supportata derll'intervento dell'amministrazione pubbiica (intese come prestazioni già erogate rla pubblici servizi territoriali con una contribuzione economica a I4

15 :,,',','t,,: 'l ' ",.,',t', ",, i ;,..., I : I r l.,l; i * i{ ;:.{ t * r :.1 I r: P t'r: t' r d e n!: il 5 * { r ;: I {: t. ':,: t carico del beneficilario, secondc) le disposizioni regolamentiari delle amrninistrazioni locali con'ìpetenti); e)interventi prrivati a pa(jamentor I'incapacità funzionale non è integralmente soddisfatta dai "servizi purbblici" e/o da cure familiarri (come sopra definite), ma deve e può essere supportata e/o integrata anche da risorse asslstenziali rese da cooperative, Professionisti, etc. ; f) assistente familiare: I'incapacità funzionale rlon è: o non purò essere integralmente supportiata da tutte le risorse (come sopra definite) ma cle:ve può essere supportata, intr=grata o, eventualmente, sostituita anche dall'intervento di un assistente familiare' 4. All,esito dr:lla valutazione da parte del case rnana(jer, viene attribuito un punteggio ch,e identif ica il grado cli fabbisogno assisten:ziale, costiturito dalla somma maternatica dei punteggi risultanti nella colonna f: dr:ll'allegato 2' jjir'{. 33 * Lt{:3è.gf SeHg: 1, L,Istituto procederà ad effettuare verifiche, tramite le proprie strutture medico legali centrali e territoriali, in ordine alla sussistenz:a o permanenza delle condizioni psicofisiche che concorrono a deterntinare in favore rll ciascun beneficiario il ricorso erlle prestazioni previste dal Progetto. 2. Ove venga accertata I'insussistenza o la non perrnanenza delle predette condizioni, l'erogazione di tutte le;lrestazioni previs;te dal Progr:tto verrà interrotta e sarà poss;ibile, per lîtsi, procedere all'imrrediato subentro di altro richiedente. Pertanto, il beneficiario è: ammesso con ris;erva alle prestazioni previste dal Progetto, sino all'esito delle verifiche di cui al comma 1. éc ril, 3 R * P ffi *G i*,& EtE iffi.e s{3c g{3 éq,s gx$tgx ** ggia*-tr F:& ffi 3" *g&éàil 1. Al termine della valutazione, preso atto delle opportunitii di intervento, il case manager, in accordo con il soggetto beneficiario non autosufficiente o con il responsabile del programma, predispone il Programma socio as;sistenziale familiare. Il programrna socio assisl:en,ziale familiare cerrtil=ica le prestazioni che supportano il beneficiario nelle proprie inabilità. 15

16 l '. 't ' 't '., ''.' :.-;,ir,-,' I slrt ;; i* i';,.!.{:*ililitl Pr'*v r dart;:dr 5{r{'ir lrl ;';": ' s' :rì;- i :' 2. Il responsabile del programma o il beneficiario pro\/vedono ad acc:ettare o rifiutare il programma ac(:edendo all'arr:a riservata Senrizi Gestione Dipendenti Pubblici Domanda -> l\ccesso -> cìestione Prcrgrammi Socio Assisl.,enziali. 3. Con l'accettazione del Frogramma prcrposto si attiva il Patto socio as:sistenziale familiare che dovrà es;sere acquisito nel sistema informr:rtico dell'istitttto a cura dell,assistente sociale. Per Patto s;ocio assistenz:iale farniliare si intende il documento, sottoscritto dal case mana(ler e dal r spolrs;dbile del pro(jramma o dal beneficiario, che r:ertifica le riscrse assistenziali destinate al beneficiario e descrive le mcldalità di intr:rvento. 4. Nel caso in cui la sclttorscrizione de:l P,atto socio assisteltziale filmiliare avvenga entro il 20c, giorncr del mese, gli interventi si avvieretnno dal mese immediatamente successivo. Laddo've la sottoscrizione avvenga dopo il 20o giorno del rî,os, gli interventi si arvvieranno nel secorìd() mese su(:cessivo a quello di sottoscrizionel. 5. La valutazione del grado di non autosufficienza e il Prograrnrna socio assistenziale familiare potranno esr;ere perioclicamente aggiornati' Ogni variazione del progranrmer socio assis;tenziale familiare dovrà essere ins;erita nella procedura informatica dell'istituto con le modalità e nei terrnini di cui eli commi 3 e4. 6. L'attivazionre del Paltto:socio assistr3nziale familiare genrera il diritto d;a parte del beneficiario a ricevere le prestazioni ;rre'viste dal Progetto,iì,r' l. I =* * i:l rua: ST.,jaX 3 Éré g P iafi W& l- fr gè' "8" I 1. per presta;rione prevak:nte si interrde il contributo mensile erogato dall'istituto in favore del beneficierrio,, per icosti der quest'ultimo so:;tenuti per il rapporto di lavoro con l'assistente farniliare di cui all'art.l7. 2. L'ammonterre del c,cntributo è definit.o secondo i valori indicati nella seguente tabella, in rerlazione al,valore ISEE: del nucleo f,arniliare in cui è presente il beneficiario e: al punteggio conseguito dal beneficiario mr:desimo, in esito alla valutazione a cura del cas;e manager: 16

17 '''.,., i, 1 rl rl.;; I'J l!;.{ i i}i]{i l{l 'l-rr*_,i Pr r-.'.,rcc:1.'c $i;griiv ISEE B. Cr00, , ,01 :32t.000, ,01 16.,000, , ,00,40.000, , ,00 800,00 600,00 2Oct,00 90Cr,00 350,00 30ct,00 2iio,00 200,00 200,00 n * n l l 3, Ai fini del calcolo d,ell'ammontare del contributcl economico mensile/ verranno detratte, per il valore corrisponderrte, eventuali arltre provvidenze che, con riferimento alla corrispondente rnensilità, siano ri,3or'ìosciute clarll'istituto medesimo o da altre Amnrinistrazioni Pubbliche, quali: -indennità di accompergnamento agli invalidi civili, totalrnente lnabili di cui alle leggi 11 febbraio 1980, n, 1B e smi,,l1 novembre 1988, rrr. $08; -indennità di frequenza per iminori invalidi di cui alla le<lg,e 11 ottobre 1990, n' 289; -indennità di accompagnamento ai ciechi assoluti di cr.ri alla legge iìb marzo 1968, n. 406 e smi; -indennità di comunicazione in favore dei sordi, di cui 1988, n, 508; alla legge 21 novembre -indennità speciale ciechi ventesimis;ti, di cui aller legger 21 novembre 1988, n. 508; -assegno IN,AIL per I'assistenza personale c,3r'ìtinuativ'a di cui ial d.p'r' n.1724/1965; -assegni di cura ed oelni altra provvidenza economir:et a s;upporto della condizione di non autosufficienz:a, erogate sulla base di altre rlis;posizioni cli legge o provvedimenti locali. 4. L'Istituto effettue:rà verifiche in ordine a quantcl previsto dal comma precedente ernche avvalendosi delle proprie bernche dati. I beneficiari sono responsabili civilmente e penalmente delle dichiarerzioni rese al riguardo all'atto I1

18 ..,,ì l della presentazione della domanda di ammissione aller prestazioni di cui al Progetto e di cluelle res;e in costanza cli vigenza del Progetto medesimo. 5. In caso di riconos;cimrento delle provvidenze c:ui al crcmma 3 c()l-ì effetto retroattivo, I'I:stituto proc :derà al recr.rpero degli irrrporti corrispondenti' 6. In caso di rìucleo fermiliare formato da più benelficiari, il contributo economico erogato di cui al comnna.l non potrà essere superiore a ,00 euro, salvo il caso in cui siano impiegati due distinti assisterrti farrrilierri e fermo restando quanto previslto al conrmer 2. In caso di beneficiario con rjue o più Titolari aventi diritto alla prestazione, il contributo spettante sarà, rcol'l'ìurlqrue, unico. 7. L,erogazione del contributo è esclr"rsa nel caso in cui il beneficiario sia assistito da persona che fruisce, nel medesimo periodo, di conged,cr parentale straordinario retribuito, ai sensi delle 'vigenti disposizioni normrative. tn tal caso, v'arlgono gli obblighi di cui all'art. 1.6, comma 6. &rè:. àa& - fl*g* ftggij'rú lpg$e, pffi,trgteg:5*ru3 grut'ffisiket"glfc 1, In fase di valuterzion e defirriziclne del Programm,a socio assistenziale familiare, l'al-s può assegnare una o priù prestazioni integrative a supporto del percorso assi:stenziale del beneficiario, mediante servizi professionali clomiciliari ed extra donriciliari nonr:hé supporti e servizi assistenziali e acces:;ori/ come definite all'art Il contributo per prestazioni integrative in fa,rclre rlell'ats è ricc,nosciuto, previa rendicontazione delle spese sostenute, nei limlit.i di budget fissati per ciascun beneficiario in relazione ai vialori ISEE Socios;anil;ario del nucleo familiare del beneficiario stesso. Irroltre, il contributo è ricono:;ciuto:solo nei cas;in cui sia attribuito un punteggio minimo di 331 (livello rnedio di non autosufficienza integralmenter supporl.ato da cure fermiliari) e in proporz:ione ai mesi cli vigenza del patto socio assistenziale. 3, il contributo massimo in relazione a ciascun beneficiario è individualo secondo i valori di cui alla segurente tabella: 18

19 l l.. i : l".lr1.:;i.r i';,.:.irrl:t.tirl í1t r,:vr{ie nr:.r 5i;e riili:. ISEE del beneficiario ,00 4,0c 0,01-8,000, , ,00 Eiudget per beneficiario :2.400,00 ",2:..325,OO 2:..25O,OO 12,000, tc0, , , ,00, , , , t00,00 24,0010,07-28,000,00 :,.650,00 28,0C10, ,00 :1.5;00,00 32,0Cr0, ,00 :L,:i50, C10, ,00 :1.050, Ct0,01-5;6,000,00 7 t0, ,01-7'2.000,00 450,00 I I I 4. Il contributo per le prestazioni intregrative in fervore dr:i soli minori disabili ex legge IO4/1992 o in possesso di una diagnosi di DS,Ér ex legge I70/2O7O è riconosciuto, previa r,endicontazione derlle spese sostenuter, h i limiti di budget per singolo beneficiario in relazione ai valori ISEE Sociosanitario del nucleo fanriliare del beneficiario stesso. Il cc,ntributo è riconosciuto solo nei ca:;i in cui sia attribuito un punteggio minimo di 33i (livello rnedio di non autosufficienza integralmentel support:ato da cure fzrmiliari) e in prcrporz:ione ai mesi cli vigenza del patto socio assi:;tenziale. Il contributo massimo in relazione a ciascun beneficiario è individuato secondo ivalori di cui alla seguente tabella: I9

20 ' i ',,,'.', '.,..,,,,, i : I: l. i. i * i'iur.{: *tt i:!l: fit tv td tt"l r: il $6qr;: ir:. : 't';:lì. ;';,',,,;.,i,,.,0 ISEE: del beneficiario , , , , tc0,00 Contribu to prer beneficietrio,1..687,00,4..425,00,4..125,00 t*ttpt -atrtpt ii.900, ,0I t00, , , '0, , , , C10, , C10, ,00 -tpt *a"tt"tt ,01-7'2.000,00 :i.6,37,00 3.3i00,00 i>-.9t62,00 :1.625,00,>_.21_87,00 :1,950,00.1,.t162,00 900,00 5. Il contributo di cui al presente articolo è erogato, quale unica tipologia di provvidenza, anche ai s;oggetti non autosufficielnti res;identi presso strutture sociali residenziali o per iquali sia valutatar l'imprcssibilità di erssistenza domiciliare, lrlei predletti casi, il contributo è erogato direttamente all'ats, secondo i criteri di cui al presente articolo e previa rendicontaziorìe. L'ATS provvederà er versare il contributo riconosciuto alla s;l"rllttura ospitante' Tale contributo non verrà riconosciuto qualcra il benr:ficiario stia gia fruelndo di un beneficio socio assistenziale analogo ercrgato dall'inps. 20

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere BANDO DI CONCORSO Soggiorni e Itinerari Ben-Essere 2015 Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali per i pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, i loro coniugi e figli conviventi

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Regolamento di Adesione e Gestione

Regolamento di Adesione e Gestione Direzione Centrale Credito e Welfare Regolamento di Adesione e Gestione Home Care Premium 2014 Home Care Premium 2014 Un Modello innovativo e sperimentale di assistenza alla disabilità e alla non autosufficienza

Dettagli

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA

BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA BANDO DI CONCORSO VALORE VACANZA SOGGIORNI A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2015 in favore dei figli o orfani ed equiparati - dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione

Dettagli

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM

Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program. Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Pagina1 Direzione Centrale Credito e Welfare Progetto High School Program Bando di Concorso HIGH SCHOOL PROGRAM Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della pubblica amministrazione utenti

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

VACANZE A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2014

VACANZE A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2014 BANDO DI CONCORSO VACANZE A TEMA IN ITALIA SOGGIORNI STUDIO ALL ESTERO STAGIONE 2014 Per i figli e gli orfani dei dipendenti e dei pensionati della Pubblica Amministrazione iscritti alla Gestione Dipendenti

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

Comune di Isola del Liri

Comune di Isola del Liri SERVIZIO 1 - SEGRETERIA DEL SINDACO U.R.P. AFFARI GENERALI E PERSONALE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO, AI SENSI DELL ART. 110, COMMA 1, DEL D. LGS. 267/2000, DI N. 1

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C

Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Enti Pubblici ASL AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE ROMA C Avviso Avviso pubblico, per titoli e colloquio, di mobilità regionale ed interregionale tra Aziende ed Enti del Servizio Sanitario, per la copertura

Dettagli

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui al D.D. n. 7 del 01/04/2015 Al Direttore del Dipartimento di LETTERE dell Università degli Studi di Perugia Piazza Morlacchi, 11-06123 PERUGIA

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale

Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale Da riportare su carta intestata Mod. 1 sez A Al Comune di Acireale - Capofila Distretto n.14 Via degli Ulivi 21 - Acireale DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ENTI DEL DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 14 PER

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

t/f DIPARTIMENTO DI SCIEAIZE CHIMICHE

t/f DIPARTIMENTO DI SCIEAIZE CHIMICHE Università degli Studi di Messina UNMECLE - Dipartimento Ci Scienze ChÍmiche Pr't" n"...r..!...p-.j...f,n,u,n",.r.. -.:,,.),1{i_ liei.-l:..*../...y...!...'/.*x.*.:ì Università degli Studi di Messinai 'iir,,dr..nli.j2-r,,frro

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI

AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI All ente erogatore dell assistenza educativa del CRE di DOMANDA DI ASSISTENTE EDUCATORE PER LA FREQUENZA CENTRO RICREATIVO ESTIVO (in attuazione della Decreto Regionale n.1961 del 6 marzo 2013) (modulo

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

E INDETTA. Art. 1. Articolo 2

E INDETTA. Art. 1. Articolo 2 Direttore: Prof. Filippo Rossi Fanelli SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA (CO.CO.CO.) PER LE ESIGENZE DEL CENTRO

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE

MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE Pag. 1 di 14 MANUALE DOMANDA WEB DI CONTRIBUTO A PENSIONATI NON AUTOSUFFICIENTI GESTIONE MAGISTRALE INTRODUZIONE Pag. 2 di 14 INDICE pag. 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PREMESSA... 3 2.... 4 2.1 - HOME PAGE...

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR

DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR Al Dirigente Scolastico DICHIARAZIONE AI FINI DELLA LIQUIDAZIONE DEL TFR Il/La sottoscritto/a Cognome: Nome: -C.F. Luogo di nascita: (Prov. )- data di nascita: Luogo di residenza -Prov. - C.A.P. Indirizzo:

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli