FONDIRIGENTI PROPOSTA TECNICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDIRIGENTI PROPOSTA TECNICA"

Transcript

1 FONDIRIGENTI Servizio per l erogazione del Bilancio di Competenze e assessment nonché del relativo servizio di placement sul mercato del lavoro a favore di dirigenti disoccupati che hanno diritto alle prestazioni della GSR-FASI 16/07/2010

2 Premessa Il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale d Lavoro dei dirigenti di aziende produttrici di beni e servizi firmato il 25 novembre tra Confindustria e Federmanager ha rappresentato un importante segnale di continuità e consolidamento dell innovativo modello di relazioni industriali introdotto dalle parti con il precedente contratto ; nel contempo, si è voluto proseguire nel processo di innovazione del contratto non solo, favorendo l introduzione di modelli gestionali e retributivi che leghino quote di retribuzione del Dirigente ai risultati aziendali, ma anche attraverso l introduzione di due nuovi istituti al servizio della valorizzazione e sostegno della professionalità del dirigente: il Bilancio di competenze: che si caratterizza come un percorso di sostegno alla professionalità del dirigente consentendogli di mantenere efficace nel tempo il proprio bagaglio professionale e di soft skills, al fine di un efficiente pianificazione del proprio percorso individuale di carriera, ed il servizio di Placement: che si caratterizza come una consulenza professionale finalizzata ad Assistere il Manager nel reinserimento sul mercato del lavoro. L'accordo pone infatti, particolare attenzione agli strumenti di sostegno del reddito dei dirigenti disoccupati, al fine di migliorare le prestazioni a favore dei dirigenti con almeno 50 anni di età, offrendo servizi che agevolino la ricerca di nuova occupazione. In questo caso il Bilancio di competenze risulta propedeutico all attività di Placement. Questi due tipi di servizi costituiscono parte integrante del percorso classico dell Outplacement, in particolare di quello Individuale. L'Outplacement, infatti, non è "solo" un servizio di ricollocamento, che può essere fornito da chiunque abbia conoscenze delle problematiche lavorative e del mercato (sia esso consulente o società), ma prevede di intraprendere un percorso, assieme alla persona, che attraverso il superamento della situazione precedente, la consapevolezza delle proprie capacità (acquisite e potenziali), la rinnovata motivazione, la conoscenza degli ostacoli (interni ed esterni), l'individuazione di un obiettivo, l'elaborazione di una strategia, il miglioramento delle proprie capacità di comunicazione porti in tempi brevi ad un nuovo posto di lavoro. Obiettivo dell'intervento ASSIST S.r.l., con la presente manifestazione di interesse, intende candidarsi per l affidamento del servizio per l erogazione del bilancio di competenze e assessment nonché del relativo servizio di placement sul mercato del lavoro rivolto ai dirigenti disoccupati che hanno diritto alle prestazioni della GSR-FASI pag. 2/13

3 Gli obiettivi che con questa tipologia di servizi si intende perseguire sono: recuperare le professionalità espulse offrendo loro un opportunità di riorientamento anche in funzione di un auto-ricollocazione, aggiornamento e sviluppo delle competenze per rendere appealing il proprio profilo per il mercato attuale; garantire un Assistenza personalizzata ai Dirigenti che devono attivarsi nella ricerca di una nuova attività lavorativa, adeguata ed idonea professionalmente, secondo le metodologie dell'outplacement Individuale. Il presidio dei flussi del mercato del lavoro a livello nazionale ed il costante collegamento e contatto con le aziende e professionisti del mondo del lavoro, da parte dei consulenti della società ASSIST che gestiranno il progetto, è garantita da anni di attività e da consolidati rapporti con enti, imprese ed organizzazione sia pubbliche che private. Nel 2009 in Italia la media del tempo di ricollocazione delle persone Assistite da ASSIST, attraverso processi di Outplacement, è stata di 6 mesi con conseguente soddisfazione delle parti sociali coinvolte nei progetti. Fondamenti progettuali Compatibilità del servizio con il prodotto on-line di Fondirigenti Concordemente a quanto richiesto nell invito la presente proposta è stata elaborata tenendo conto dell esigenza di strutturare l intero intervento partendo dal prodotto Bilancio di competenze disponibile sulla piattaforma web di Fondirigenti, che prevede l autosomministrazione da parte del Dirigente di un questionario di valutazione e la produzione di una serie di output sulle competenze manageriali, esprimendone i gap rispetto ad un profilo di riferimento. La parte on-line del Bilancio delle Competenze, proposta sul sito di Fondirigenti, è uno strumento di riflessione a disposizione del manager: attraverso la compilazione di una serie di questionari, il Dirigente ottiene rapidamente una fotografia completa delle proprie competenze e motivazioni. La compilazione on-line consente a ciascuno di ritagliarsi il momento e il luogo più "giusti" per questo momento di riflessione. Il profilo di competenze manageriali e professionali trasversali di ciascuno è definito rispetto a un profilo atteso, disegnato da Fondirigenti a partire da un benchmark costruito su primarie aziende italiane. Al manager, in questo modo, viene restituito un feedback puntuale sui punti di forza e le aree di miglioramento rispetto al profilo atteso. Oltre alle competenze, uno strumento dedicato gli permetterà di focalizzare gli orientamenti motivazionali prevalenti. pag. 3/13

4 La metodologia adottata da ASSIST per l erogazione del Bilancio di Competenze, che costituisce la prima parte del percorso di Outplacement Individuale, prevede la combinazione di alcuni strumenti propri dell assessment con attività individuali e con l'utilizzo di un Manuale (Roadbook) comprendente una serie di documenti/schede/letture da elaborare individualmente e che costituiranno oggetto di discussione con il consulente e di elaborazione del Dossier di Bilancio. Le prime sezioni in cui è strutturato il manuale e quindi il percorso di Bilancio, sono appunto quelle relative all analisi delle competenze e delle capacità possedute dal candidato e di quelle da sviluppare (evidenziando le eventuali carenze formative), alla sintesi e alla ricostruzione del profilo formativo e professionale, in modo da delineare i punti di forza e di debolezza per poi definire il ruolo, individuare le motivazioni professionali e pervenire all elaborazione di un progetto professionale e di un piano d azione in termini di progetti formativi, mobilità extra-aziendale e reinserimento a lavoro. Pertanto il report prodotto dal sistema, attraverso le risposte fornite dal Dirigente ai questionari autodiagnostico, quello Biografico-professionale ed al MoMa, relativo alle motivazioni manageriali, confluirà in modo armonico nell ambito del percorso di bilancio e costituirà il punto di partenza di tutto l intervento per essere poi oggetto di approfondimento e interpretazione, insieme al candidato, da parte degli esperti di ASSIST. Metodologia La metodologia proposta prevede: 1. Assist si rende disponibile ad incontrare il Dirigente prima dell adesione formale, per presentare la società, esporre sinteticamente l attività, fornire le spiegazioni richieste e raccogliere le adesioni, nei propri locali dove verrà svolto l intero percorso di incontri. 2. Gli interventi saranno svolti presso gli uffici di Assist o società appartenenti al Gruppo Lavorint, dove la persona utilizzerà lo spazio ufficio, i servizi di segreteria, telefono, fax, fotocopiatrice, attrezzature informatiche audiovisive e documentazione a disposizione. 3. Il candidato verrà accolto e Assistito da un consulente di carriera durante tutte le fasi di svolgimento del percorso di Outplacement Individuale. Nella fase di ricerca sul campo potrà, se lo ritiene opportuno, confrontarsi con i consulenti di mercato di Assist, presenti sul territorio di riferimento. (Assist dispone di sedi operative nelle seguenti città: MILANO, ROMA, PARMA, GENOVA, FIRENZE, NAPOLI, ALESSANDRIA,BRESCIA e, attraverso le società del Gruppo Lavorint, è in grado di intervenire su tutto il territorio nazionale). pag. 4/13

5 La metodologia prevede da parte di Assist l attuazione di un progetto che, agli strumenti tipici dell OUTPLACEMENT, integri, al fine di un maggior successo di tutta l operazione e di una miglior soddisfazione dei lavoratori interessati, i servizi specifici e i mezzi a disposizione di tutte le strutture (divisioni e società) facenti parte del Gruppo LAVORINT. 4. Assist si impegna a prestare i servizi di Outplacement Individuale durante tutto il periodo della ricerca; l intervento si considera terminato nel momento in cui il candidato sia assunto definitivamente o abbia intrapreso concretamente un attività autonoma, nel rispetto dei limiti temporali previsti in relazione al trattamento integrativo: 8 mesi per i dirigenti di età inferiore ai 50 anni 18 mesi per i dirigenti con un età pari o superiore a 50 anni 5. L attività si svolgerà secondo lo schema sintetico presentato più avanti, che costituisce parte integrante della proposta. Servizi di supporto L offerta prevede l attuazione da parte di Assist di un progetto che, agli strumenti tipici dell outplacement integri, ove esperibile, al fine di un maggior successo di tutta l operazione e di una miglior soddisfazione dei lavoratori interessati, i servizi specifici e i mezzi a disposizione di tutte le strutture (divisioni e società) facenti parte del GRUPPO LAVORINT, tra cui Società di Ricerca e selezione specializzate in profili: Manager ed Executive; Professional e Middle Management. Strumenti tipici dell outplacement Assist A. Bilancio di competenze: Intervento professionale teso ad ottenere, attraverso una serie di colloqui individuali, un'approfondita analisi delle competenze e delle capacità del candidato al fine di accrescere la conoscenza di sé e la consapevolezza sui propri punti di forza e di debolezza con l intento di pervenire all elaborazione di un progetto professionale e di un piano d azione in termini di progetti formativi, mobilità extraaziendale e reinserimento a lavoro. B. Orientamento/Riorientamento: Attività formativa personalizzata mediante corsi di comunicazione e di riorientamento al lavoro finalizzati ad accrescere la conoscenza del mercato del lavoro, con particolare attenzione alle seguenti tematiche: Ambiente aziendale: processi di cambiamento, mobilità extra-aziendale, opportunità formative; pag. 5/13

6 Ampliamento delle mappe di riferimento mentale sui diversi lavori interni/esterni ; Verifica del rapporto tra risorse professionali e aree professionali di possibile evoluzione; Riposizionamento sul mercato del lavoro; C. Coaching: Intervento specifico di supporto alla singola persona o ad un gruppo di persone, tramite la formazione e l'affiancamento, allo scopo di aiutare l'individuo, o l'intero gruppo, a raggiungere il massimo livello delle proprie capacità di performance per: Trasformare le potenzialità in possibilità Valutare obiettivamente le competenze Determinare il risultato desiderato tramite l elaborazione di un piano di miglioramento Individuare i punti deboli Gestire situazioni difficili Perfezionare competenze Sviluppare nuove abilità Superare i momenti di incertezza e di stress Verificare insieme al consulente il risultato D. Scouting: Ricerca sul campo delle opportunità lavorative attraverso l analisi del mercato del lavoro, l attivazione del network di riferimento, l utilizzo e l implementazione degli strumenti di contatto, fino alla ricollocazione definitiva della persona Assistita. E. Monitoraggio: Attività sistematica svolta attraverso incontri e colloqui individuali per verificare e condividere i documenti di lavoro e la strategia seguita. F. Accompagnamento: Intervento professionale di Assistenza ed affiancamento personalizzato in funzione del reinserimento sul mercato del lavoro. G. Verifica: Predisposizione di una reportistica periodica di monitoraggio delle attività relative al progetto. pag. 6/13

7 Attività integrate all outplacement Assist Temporary Management Grazie al proprio network qualificato, Assist mette a disposizione dei candidati di elevato livello professionale, possibilità di collaborazioni in Temporary Management, segnalando alle aziende interessate consulenti qualificati per la copertura di posizioni manageriali. Formazione Assist, attraverso la Divisione Training del Gruppo Lavorint, è in grado di erogare e gestire percorsi formativi qualificati e specialistici rivolti sia a personale non occupato, in funzione di un migliore inserimento lavorativo, sia a personale già presente in azienda, in un ottica di aggiornamento e riqualificazione. La Divisione Training è un ente di formazione accreditato ed in possesso della certificazione qualità (EA 37) per la progettazione e la realizzazione e di attività formative. Assist collabora, inoltre, con diversi enti di formazione su progetti ad hoc. Tra questi MyTalenTeam, società di servizi di Formazione e Consulenza in ambito di Organizzazione e sviluppo delle Risorse Umane che opera sul territorio nazionale ed internazionale. In particolare MyTalenTeam si occupa di formazione manageriale, alta formazione anche in partnership con Università e Imprese, e supporta le imprese nell accesso ai Fondi che finanziano la formazione e gestisce in outsourcing Piani finanziati da Fondi Interprofessionali, Forma.Temp e Fondo Sociale Europeo. Assist e MyTalenTeam hanno lavorato insieme per il Progetto Acrilico, Percorso di Sviluppo per i dirigenti delle PMI finanziato da Fondirigenti. Assist potrà avvalersi eventualmente di MyTalenteam qualora dovessero emergere esigenze specifiche di formazione per colmare gli eventuali gap risultanti dall assessment nel suo complesso. Strumenti innovativi di promozione dei candidati Promo CV: periodicamente vengono redatte e inviate attraverso posta elettronica apposite schede informatiche, riportanti il profilo del singolo candidato, su base grafica di alta qualità. E importante che il contenuto presenti valore aggiunto, per fare ciò è necessario suddividere le aziende destinatarie per settore o per aree di interesse mentre l inserimento dei profili, oltre alla precisa descrizione della professionalità, evidenzia in modo particolare gli elementi che costituiscono potenziali vantaggi per le aziende (appartenenza a categorie protette, liste di mobilità e pag. 7/13

8 disoccupati di lunga durata). La descrizione del profilo presenta sempre la stessa impostazione in modo che l azienda percepisca sempre precisione, attenzione e oculatezza nell offerta del servizio. Proattive filiali: settimanalmente, vengono compilati e inviati via fax, appositi profili sintetici dei candidati. Il contenuto evidenzia le esperienze professionali e i plus dei lavoratori. Le aziende destinatarie vengono suddivise per settore o per aree di interesse e contattate direttamente nella persona del Referente di Area/Settore. La scheda riporta un numero di profili variabile da 1 a 4 a seconda delle dimensioni dell azienda e della disponibilità di professionalità da parte del Soggetto Attuatore. Proattive commerciali: durante ogni visita commerciale, vengono presentati i curricula dei candidati nella provincia di riferimento e vengono discusse le loro professionalità in relazione all esigenza dell azienda. In ogni caso vengono sempre lasciate le copie dei profili ai nostri referenti aziendali HR, per future loro esigenze. Strutturazione del percorso L esperienza di Assist suggerisce che un intervento articolato così come risulta dall invito non può prescindere da: rapporto di consulenza ad personam, cioè individuale; l adesione alla metodologia degli utenti, che attraverso il contributo dei consulenti verranno accompagnati verso un auto valutazione di sè stessi, rilevata nel contesto temporale nel quale avviene l intervento, che prevede un impegno di lavoro individuale da svolgere negli intervalli di tempo fra gli incontri previsti. Pertanto, tenendo conto degli output forniti dal prodotto on-line, il servizio di consulenza nel suo complesso risulterà strutturato nelle seguenti fasi: Obiettivi Contenuti Metodologia Strumenti FASE 1 AVVIO ATTIVITA Rilevazione delle aspettative del candidato Sviluppare conoscenza e consapevolezza sul percorso Compatibilità delle aspettative con il percorso da sviluppare Definire tappe ed obiettivi del percorso Stipulare il patto di lavoro/adesione Corretta informazione sul BC e sul servizio di placement Motivazioni e percorsi che hanno portato all adesione al percorso Adesione dei destinatari/clienti alla metodologia Colloqui individuali Questionario raccolta dati Patto di adesione pag. 8/13

9 Acquisizione della consapevolezza Ricostruzione della biografia personale e professionale Inventariare e pesare le competenze professionali Identificazione dei desideri, degli orientamenti e interessi professionali ed extraprofessionale Identificazione dei punti di forza e dei punti di debolezza Ipotesi progettuali La conoscenza di sé Personalità Motivazione Inventario delle competenze Potenziale Ambiente extraprofessionale e personale Posizione professionale Ipotesi di progetto professionale Approfondimento dei risultati del prodotto on-line Somministrazione di eventuali ulteriori strumenti oggettivi di valutazione Attività di lavoro individuale Colloqui individuali Output forniti dal prodotto on-line Manuale (Questionari di auto valutazione, schede di descrizione strutturate etc.) FASE 2 BILANCIO E FORMAZIONE Acquisizione informazioni sull ambiente aziendale ed extra aziendale, processi di cambiamento, mobilità intra/extraaziendale, opportunità formative Ampliare le mappe di riferimento mentale sui diversi lavori interni/esterni Verificare il rapporto tra risorse professionali e aree professionali di possibile evoluzione Riposizionamento sul mercato del lavoro La conoscenza del mercato del lavoro Informazioni sui processi/cambiamenti in atto nel mercato del lavoro Mercato del lavoro in termini di nuovi profili e nuove competenze Il sistema formativo Attività di lavoro individuale Colloqui individuali Manuale Schede descrittive professioni, repertori online Verifica delle ipotesi progettuali Definizione del progetto professionale Analisi e valutazione delle competenze in funzione del progetto elaborato Individuazione delle aree di sviluppo in termini di bisogni formativi Messa a punto del piano d azione Il progetto formativo e professionale Competenze trasferibili Aree di sviluppo e bisogni formativi Progetto di sviluppo formativo/professionale: fasi, tempi, modalità di attuazione Attività di lavoro individuale Colloqui individuali Manuale (schede di sintesi, griglia di sviluppo del progetto professionale etc. ) Verifica e discussione del documento di sintesi Valutazione del progetto professionale Valutazione del percorso di bilancio Restituzione Personalità e Motivazione Contenuti significativi e acquisizioni del bilancio Fattibilità del progetto Colloqui individuali Manuale (documento di sintesi dossier personale, schede di valutazione) pag. 9/13

10 FASE 3 RICERCA SUL CAMPO Definizione elenco aziende target sul territorio Predisposizione/ revisione degli strumenti di self-marketing Scelta canali e strumenti Pianificazione dell attività di caccia e monitoraggio Ricerca attiva Networking Scouting Domanda e offerta Attività di lavoro individuale Colloqui individuali Simulazioini di colloquio Cv Lettere di presentazione Data base aziende Incontri mirati con consulenti di mercato In considerazione del fatto che l invito individua due segmenti di potenziali beneficiari del servizio e più precisamente: Dirigenti di età inferiore ai 50 anni Dirigenti di età pari o superiore ai 50 anni il percorso standard sopra descritto verrà differenziato in base al tempo dedicato a ciascuna categoria di destinatari e per ciascun servizio, come segue: Servizio Dirigenti < ai 50 anni Dirigenti ai 50 anni BILANCIO di COMPETENZE Durata 12 ore Durata 24 ore FORMAZIONE di riorientamento/self-marketing Durata 12 ore Durata 24 ore ACCOMPAGNAMENTO Durata 6 mesi Durata 16 mesi TOTALE PERCORSO 8 mesi 18 mesi Si sottolinea, inoltre, che il modello di Bilancio che si vuole proporre tiene conto a livello analitico anche delle specificità di genere, correlate ai diversi modi delle donne di interpretare, sostenere e conciliare i propri ruoli lavorativi, riferiti tanto al livello professionale che familiare. pag. 10/13

11 FASE 3 (ricerca sul campo) FASE 2 (Bilancio e formazione) FASE 1 (Avvio attività) PROPOSTA TECNICA Schema sintetico di flusso delle attività OUTPLACEMENT INDIVIDUALE Bilancio di competenze on-line FONDIRIGENTI CANDIDATO ASSIST SRL Rilevazione Fabbisogni formativi e definizione percorso formativo Personalizzazione del programma Ricostruzione percorso professionale Potenziamento capacità comunicative/ professionali Definizione obiettivi di carriera Autovalutazione sulla base degli output scaturiti dal prodotto on-line Inventario risorse Definizione strategia di ricerca sul mercato del lavoro Strumenti per la ricerca (messa a punto) Attività di ricerca NUOVO LAVORO (attività: dipendente, autonoma, imprenditoriale, commerciale, professionale) pag. 11/13

12 Monitoraggio E previsto un sistema di monitoraggio e valutazione del percorso funzionale ad una puntuale e dettagliata restituzione dei dati sullo stato di avanzamento lavori, nonché dei risultati finali ottenuti al termine del servizio. L intero progetto sarà tenuto sotto controllo attraverso l applicazione delle regole della Garanzia di Qualità, a cui ASSIST fa riferimento in quanto società certificata in conformità alla norma ISO 9001:2000. Il sistema di monitoraggio e di reportistica prevede: Report periodici ed un Report Finale: realizzati in base alle richieste ed indicazioni fornite dalla committenza; in linea di massima i report riporteranno le informazioni qualitative e quantitative raccolte durante le varie fasi del servizio e forniranno la fotografia complessiva dell intervento in termini di obiettivi raggiunti; qualità dei servizi, standard applicati, risorse utilizzate e quant altro utile a definire efficacia ed efficienza dell intervento. Questionario di Customer Satisfaction e di Autovalutazione: verranno proposti ai candidati sia come strumento di autovalutazione che come indice di soddisfazione dei servizi erogati. L obiettivo è quello di verificare, da un lato, l acquisizione dei contenuti e la consapevolezza della persona rispetto agli stessi; dall altro lato, il questionario viene utilizzato in un ottica di miglioramento di qualità dei percorsi. Tempi e garanzie Assist si impegna a garantire l Assistenza fino a ricollocamento avvenuto; il suo impegno cesserà al momento in cui il candidato, superato il periodo di prova, sarà assunto da una nuova azienda o avrà avviato concretamente un attività professionale indipendente. Per i candidati under 50 ciò dovrà avvenire entro 8 mesi dalla presa in carico, mentre per quelli over o pari a 50, entro 18 mesi dalla presa in carico. Nel caso in cui i candidati non si ricollocassero nei limiti di tempo suddetti, Assist si impegna a riprenderli in carico per altri 2 mesi per la ricerca di una nuova opportunità senza ulteriori costi. Le persone ricollocate prima dello scadere dei tempi previsti (8 mesi per i dirigenti under 50, e 18 mesi per quelli pari/over 50) che non dovessero superare il periodo di prova o che non dovessero essere confermate nella nuova attività, verranno riprese in carico da Assist per la ricerca di una nuova opportunità senza ulteriori costi fino allo scadere del termine. pag. 12/13

13 Profilo aziendale Sede legale e Direzione generale: Milano Via Giacomo Watt, 27 Uffici: Milano, Roma, Genova, Napoli, Firenze, Parma, Alessandria, Brescia. Assist nasce a Genova nel 1997 e fa parte del Gruppo LAVORINT, primaria Agenzia del Lavoro italiana, che opera con 45 sedi su tutto il territorio nazionale. Assist è iscritta alla sezione V- Ricollocazione - dell albo delle Agenzie del Lavoro presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ed aderisce all Associazione Italiana Società di Outplacement (AISO). Il Gruppo LAVORINT è in possesso di tutti i requisiti richiesti dalla legge per svolgere attività di Somministrazione di lavoro di tipo generalista. Assist opera in tutto il territorio nazionale e mette a disposizione dei propri Clienti la più ampia rete italiana di monitoraggio del mercato del lavoro, specie nelle regioni a maggior concentrazione di imprese e servizi. L efficacia del metodo è garantita dalla esperienza consolidata di Assist, che opera da oltre 10 anni con successo nei vari settori merceologici con esperti nel processo di ricollocamento in tutti i suoi aspetti (comportamentali, temporali, emotivi) ed in tutte le sue fasi (allontanamento, post-allontanamento, definizione degli obiettivi, ricerca, contrattazione, prova). L Amministratore e Direttore Tecnico di Assist si occupa di Outplacement dal Nel 2009 Assist ha seguito oltre candidati coinvolti in progetti di outplacement individuale o collettivo. Il Sistema di Gestione della Qualità di Assist è certificato ISO ALLEGATI: Brochure di presentazione di ASSIST S.r.l. Milano, 16 luglio 2010 ASSIST SRL pag. 13/13

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Guida 2014 Attività & Progetti

Guida 2014 Attività & Progetti Guida 2014 Attività & Progetti Sommario pag. Premessa... 4 Obiettivo di questa GUIDA... 4 Lista Progetti... 4 Referenti Progetti... 5 I. Progetto UN FIOCCO IN AZIENDA... 6 Benefici del Programma II. Progetto

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Allegato sub. 1) SISTEMA DI DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE, DEL PERSONALE E DEL SEGRETARIO COMUNALE* informato ai principi di cui all art 9 cc.

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Presentazione Formazione Professionale

Presentazione Formazione Professionale Presentazione Formazione Professionale Adecco Training Adecco Training è la società del gruppo Adecco che si occupa di pianificare, organizzare e realizzare progetti formativi che possono coinvolgere lavoratori

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (ex art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Definito dal Nucleo di Valutazione nella seduta del 06

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione

Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Aspetti metodologici per lo sviluppo del software per la Gestione della formazione Software da rilasciare con licenza GPL. Componente tecnologica: Drupal Premessa Obiettivi e Linee-Guida Mettere a disposizione

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Presentazione Progetto Sport di Classe

Presentazione Progetto Sport di Classe Presentazione Progetto Sport di Classe a sostegno dell attività motoria e sportiva nella scuola 1 GOVERNANCE dello sport a scuola MIUR - CONI - Promuove il riconoscimento in ambito scolastico del valore

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO

SCHEMA PER LA STESURA DEL PIANO DI MIGLIORAMENTO 1 INTRODUZIONE Per la predisposizione del piano, è necessario fare riferimento alle Linee Guida. Lo schema proposto di seguito è stato sviluppato nell ambito del progetto Miglioramento delle performance

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n 47. Ai Direttori Generai i degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI MIUR - Ministero dell'istruzione dell'università e della Rice,::]ca AOODGOSV - D.G. per gli Ordinamenti scolastici e la Valutazione del S.N.I. REGISTRO UFFICIALE _. Prot. n. 0006257-21Il 0/20 14 - USCITA

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione

Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione Guida sintetica per la redazione di un curriculum vitae e di una lettera di presentazione 1 PREMESSA...3 PRIMA PARTE...4 1. Il Curriculum Vitae...4 Modello...5 Fac simile 1...6 2. Il Curriculum Europass...7

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO

PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO PROGETTO STUD. I. O. STUDENTI IN ORIENTAMENTO 1 Esistono difficoltà di accesso degli studenti all Università rilevate dagli esiti dei test di ingresso. 2 A ciò si aggiunge il ritardo negli studi universitari

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli