SERVIZI PER LA RICOLLOCAZIONE: IL CENTRO SERVIZI INTEGRATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SERVIZI PER LA RICOLLOCAZIONE: IL CENTRO SERVIZI INTEGRATI"

Transcript

1 SERVIZI PER LA RICOLLOCAZIONE: IL CENTRO SERVIZI INTEGRATI LUGLIO

2 Api Torino, nata nel 1949, rappresenta la cultura e la creatività imprenditoriale di una delle più importanti aree industriali italiane. E il punto di riferimento per le circa piccole e medie imprese associate, alle quali fa capo una forza lavoro di oltre addetti. Fra i compiti dell Associazione, il patrocinio unitario nei confronti delle organizzazioni sindacali dei lavoratori, e l assistenza in campo sindacale, tributario, tecnologico, ambientale e commerciale. A questo, l Associazione aggiunge azioni di rappresentanza presso Enti e Istituzioni locali, essendo interlocutore attivo a tutti i livelli sulle grandi questioni che riguardano il Territorio, il suo sviluppo e il benessere nel futuro dei suoi abitanti. 2

3 Api Formazione S.c.r.l. è un ente di formazione senza scopo di lucro costituito da oltre 1100 imprese, in maggioranza industriale e associate all API. Dal 1992 Api Formazione svolge la propria attività con l obiettivo di sviluppare le iniziative in materia di formazione destinate allo sviluppo tecnologico ed organizzativo delle piccole e medie imprese del territorio, in particolare inerenti lo sviluppo delle nuove tecnologie e dell informatizzazione. Api Formazione opera in collaborazione e sinergia con i servizi di API Torino. 3

4 La Camera di Commercio di Torino è il punto di riferimento per le oltre attività imprenditoriali presenti sul territorio provinciale, e si pone come interlocutore privilegiato per le aziende non soltanto per facilitare il disbrigo delle pratiche amministrative, ma anche per proporre diversi servizi e iniziative, orientate alla valorizzazione e alla tutela degli interessi generali dell'economia. L ente camerale è al fianco degli imprenditori anche con servizi promozionali, che assistono l impresa fin dalla sua costituzione, supportandone la nascita, seguendone lo sviluppo, raccogliendo e soddisfacendo le sue esigenze più importanti. La Camera di Commercio rappresenta, inoltre, un interlocutore di rilievo nel dialogo fra le componenti economiche operanti sul territorio. 4

5 INDICE Il progetto del Centro Servizi Integrati pag 7 Il ruolo dell orientamento nel Centro Servizi Intergati..pag 8 Il processo di orientamento..pag 8 Il modello adottato: il Life Career Devolopment pag 10 La domanda di orientamento: chi si può rivolgere al Centro Servizi Integrati.pag 12 Gli interventi erogati presso il Centro: la consulenza orientativa.pag 14 Le pratiche di orientamento di base pag 16 Le pratiche di orientamento avanzate..pag 17 Il Bilancio di competenze pag 18 Il colloquio di orientamento pag 30 Gli intervento erogati presso il Centro: il reinserimento lavorativo e l outplacement pag 33 Le fasi del processo di outplacement pag 35 I vantaggi e le criticità dell outplacement.pag 38 Il modello di gestione delle risorse umane di aziende in crisi pag 41 Prima fase: il contatto con l azienda in crisi pag 41 Seconda fase: contatto con i lavoratori in CIGS.pag 44 Terza fase: presa in carico dei lavoratori e dell azienda...pag 46 Quarta fase: i servizi previsti dal modello pag 46 L azione concertata tra Servizio Sindacale e azienda pag 48 L azione concertata tra Servizio Sindacale, Api Formazione e azienda. pag 52 L azione concertata tra Api Formazione e azienda.. pag 48 Gli interventi erogati dal Centro Servizi Integrati: la selezione e la valutazione pag 56 5

6 Il Progetto del Centro Servizi Integrati Nello scenario dell attuale mercato del lavoro si registra una marcata recessione, che determina uno stato di precarietà generale incidendo sulle motivazioni primarie dell individuo, quali appunto il bisogno di sicurezza e la stabilità occupazionale. Come diretta conseguenza anche altri bisogni, come quello dell autorealizzazione e della progettualità di vita, non trovano spazio per esprimersi, innescando una reazione a catena demotivante per l individuo. Ad oggi, dato che le aziende del sistema associativo Api e quelle presenti sul territorio possono già usufruire di un servizio per l intermediazione tra domanda e offerta di lavoro, si è pensato di ampliare la gamma di attività da fornire ai due protagonisti del mercato del lavoro (azienda e lavoratore appunto), allineandosi coi mutamenti registrati al livello di contesto occupazionale e impegnandosi ad erogare un ventaglio più completo di opportunità. La penetrazione in nuovi settori del mercato del lavoro nasce inoltre dalla necessità di adeguarsi alle indicazioni normative di recente costituzione da cui hanno preso avvio tutti i processi di riforma e di revisione delle varie agenzie per il lavoro (agenzie interinali, centri per l impiego, agenzie di intermediazione, ). Proprio alla luce di tali riforme sono sfumate tutte le varie settorializzazioni che caratterizzavano il mercato del lavoro mentre all interno di medesime realtà sono state accorpate le diverse funzioni rivolte sia al lavoratore sia all azienda (dalla selezione alla ricollocazione, dall orientamento allo sviluppo professionale). L intenzione del progetto è quella di pensare ad un Centro di Servizi Integrati, un insieme di servizi che supporti gli individui, occupati, inoccupati e disoccupati, nei momenti significativi di transizione lavorativa: l ingresso, lo sviluppo professionale, sia come cambiamento interno all azienda (ricoprire un nuovo ruolo, svolgere attività differenti o ulteriori attività rispetto a quelle standard) sia esterno, verso un altro contesto lavorativo, la ricollocazione. I momenti di transizione implicando un cambiamento che si ripercuote sull esperienza della persona, sia in senso positivo sia negativo, costituiscono un momento cruciale nella vita di un individuo che, proprio in ragione dell instabilità introdotta dal mutamento stesso, può avere bisogno di essere supportato. 6

7 Il servizio vuole inoltre essere un riferimento anche per le aziende che richiedono interventi nell area delle risorse umane: per chi ricerca nuovo personale, per chi intende implementare un sistema di valutazione per analizzare le competenze dei lavoratori, infine per chi necessita di interventi finalizzati ad approfondire il clima interno all organizzazione Il servizio si basa sul principio di integrare le attività offerte, mantenendo però una loro specificità: si tratta di mettere al centro il cliente che, a partire da un attenta analisi dei bisogni espressi, viene indirizzato verso le proposte ritenute maggiormente adeguate. L asse portante del servizio è la trasversalità delle diverse azioni che trovano un punto comune proprio nel processo di orientamento, inteso come movimento dinamico e continuo, che accompagna la persona lungo tutto l arco della vita. Il ruolo dell orientamento nell ambito del Centro Servizi Integrati Il processo di orientamento L orientamento è chiamato in causa nei momenti di passaggio canonici (dalla scuola all università, dalla scuola al lavoro, dal lavoro al lavoro ), in quelli critici (per rientrare dopo un periodo di disoccupazione, per risollevarsi dopo una perdita ) ma anche ogni volta che ci fermiamo per riflettere e rimettere in discussione le nostre scelte perché percepiamo delle difficoltà frenanti rispetto alla realizzazione di percorsi lavorativi fluidi e lineari. Il giovane che si chiede quali sono le sue predisposizioni, l adulto che all atto di un cambiamento lavorativo, voluto o forzato, sente la necessità di mettere a fuoco la propria identità professionale, il disoccupato che ricerca un occupazione, chi semplicemente desidera uscire da una situazione di indecisione o di insoddisfazione sperimentata sul lavoro, sono le tipologie di utenti/clienti che pongono una domanda di orientamento. Volendo individuare le caratteristiche portanti dell orientamento possiamo dire innanzitutto che esso è un processo educativo che accompagna tutta la vita in un susseguirsi di scelte tese a costruire e a ridefinire l identità personale e professionale. E un processo che presenta le seguenti caratteristiche: 7

8 è complesso poiché stabilisce una relazione non lineare tra variabili individuali (la personalità, le motivazioni, le attitudini, i vissuti familiari, scolastici e lavorativi..) e ambientali (i contesti a cui il soggetto partecipa attivamente - famiglia, scuola e lavoro - e quelli meno prossimi - ambito economico, sociale, tecnico-) non è direttivo in quanto la relazione tra chi orienta e chi è orientato, si mantiene in uno spazio, definito da Rogers, di libertà responsabile in cui il cliente, posto al centro, si sente incoraggiato a giocare un ruolo attivo e significativo, e il consulente di orientamento non è l esperto che dirige e controlla ma il facilitatore che affianca, sostiene e incoraggia i passi verso la consapevolezza di sé e il cambiamento; è continuativo poiché ricopre tutto l arco della nostra vita in un alternarsi di transizioni (scuola, lavoro, formazione, pause scelte o forzate) che, se gestite bene, possono diventare un occasione di cambiare e di crescere, altrimenti possono essere vissuti come momenti altamente destabilizzanti che accrescono il senso di precarietà e di fallimento L orientamento inoltre afferma la centralità dello scambio relazionale sia nel rapporto a due sia nel confronto con gli altri. Attraverso la relazione il cliente prende consapevolezza di sè stesso e quanto più è consapevole tanto più è in grado di scegliere ed impostare progetti di vita che tengano conto dell identità ma anche della direzione verso cui muove la società. In essa si attua il necessario distacco emotivo che consente di acquistare un punto di vista oggettivo meno viziato dai propri schemi mentali e più disposto a rileggere l esperienza attraverso nuove chiavi di lettura; il confronto sociale poi permette di condividere con le altre persone condizioni di vita e stati affettivi simili, di ricevere dal gruppo ulteriori stimoli e soprattutto di analizzare scelte, capacità e strategie alla luce degli esempi altrui. In sintesi l orientamento media tra due vettori: uno rivolto verso l interno (la conoscenza di sé e dei propri meccanismi di funzionamento) e uno indirizzato all esterno (la ricerca di informazioni sul mercato del lavoro, sulle professioni e sui percorsi formativi): il modo con cui comunicano i due vettori definisce la progettualità, le scelte professionali future e in definitiva la possibilità di raggiungere o meno uno stato di benessere. 8

9 Il modello del life career development Il modello preso a riferimento nell ambito del Centro è quello del life career development (LCD). Esso è un modello olistico che svolge due funzioni essenziali: realizza una visione globale della persona in quanto si estende all analisi di tutto l arco di vita, e prende in esame, collegandoli tra loro, i molteplici contenuti che riempiono e caratterizzano l esistenza (i ruoli che si rivestono nella vita, i contesti in cui si vive, gli eventi, voluti e non voluti, che accadono, le caratteristiche di genere, razza e religione che ci contraddistinguono) consente di interpretare i temi centrali di vita e di lavoro che costituiscono la trama concettuale, ovvero le convinzioni su di sé, sugli altri e sul mondo in base a cui è stato costruito il percorso esistenziale Il LCD si basa innanzitutto sul presupposto che la persona è un unità inscindibile per cui l esperienza di una situazione problematica, vissuta in una sfera della vita, si riversa anche nelle altre. Consentendo alla persona di leggere il suo percorso secondo un ottica d insieme, favorisce la presa di coscienza circa l interazione dinamica che si ha tra le diverse componenti dell esistenza e aiuta a individuare i fattori influenti sia sulle scelte passate che su quelle future: una volta compresi i motivi che hanno spinto lo sviluppo di sé e della carriera in una direzione piuttosto che in un altra è possibile avere maggiore chiarezza anche sui possibili sé, ovvero quello che possiamo/vogliamo diventare e sui comportamenti da adottare per realizzarli. L utente per far fronte con soluzioni efficaci al problema del lavoro, e per ri-progettare il futuro lavorativo in modo realistico e soddisfacente deve acquisire consapevolezza sulla storia familiare e sui diversi fattori, ad essa collegati, che hanno influenzato la scelta occupazionale tra cui i possibili stereotipi di genere, e il background etnico e razziale, entrambi responsabili della visione del mondo fatta di valori, atteggiamenti e relazioni. In ragione del fatto che l individuo è un unità indivisibile, fatta di bisogni, mancanze, potenzialità, personalità, ad esempio sarà importante che la persona si interroghi e prenda atto dei cambiamenti verificatisi nel lavoro che coinvolgono anche la vita familiare: la crisi economica e la chiusura di aziende a cui spesso è seguita la perdita del posto di lavoro, ma anche la fatica ad accettare e a gestire nuove situazioni lavorative, hanno causato 9

10 problemi a livello economico, sociale e psicologico, con riflessi sulla sfera personale (perdita di parte della propria identità e diminuzione del livello di autostima). Anche le difficoltà a conciliare tra il tempo e l energia che richiede l attività lavorativa e lo spazio dedicato alla dimensione privata, mettono in moto complesse dinamiche nella relazione famiglia lavoro. Tali dinamiche sono tra loro molto differenti con il risultato di raggiungere diversi livelli di benessere psicofisico: se alcuni riescono a vivere con maggior distacco il ruolo di lavoratore da quello di genitore/coniuge, altri riversano ciò che vivono sul lavoro, di positivo e negativo, in casa e viceversa; altri ancora compensano il senso di insoddisfazione che sperimentano in un ambito, ricercando quello che manca nell altro; molti infine vivono in modo conflittuale il rapporto tra famiglia e lavoro poiché rispondono a regole ed esigenze diverse, per cui ritengono quasi impossibile raggiungere un buon equilibrio che favorisca la conciliazione tra i diversi ruoli interpretati. Il modello dell LCD non fermandosi all analisi della dimensione lavorativa ma completando il quadro con altre informazioni (percorso scolastico e formativo, attività di svago, gestione della quotidianità, eventi che hanno lasciato un segno, caratteristiche personali che possono agevolare o ostacolare rispetto alla ricerca e al mantenimento del lavoro) consente di individuare i temi dominanti del percorso di vita e di lavoro, che sovente hanno funzionato da filtri nella percezione e comprensione della realtà. La lettura di tali temi, è funzionale alla comprensione delle dinamiche interne che muovono il soggetto all azione e quindi a raffigurarsi le rappresentazioni mentali e i processi di pensiero che hanno generato determinati comportamenti e hanno condotto a precise decisioni. L identità personale e lavorativa che emerge dalla descrizione dei ruoli giocati nella scuola, nel lavoro e negli altri ambiti di vita, costituisce il materiale su cui formulare interpretazioni e ipotesi circa i modelli di comportamento umano agiti; soprattutto l atto di interpretare, sebbene sia tipico del campo clinico, è indispensabile per introdurre il cliente a un nuovo quadro di riferimento a lui sconosciuto, che gli fornirà stimoli per affrontare in modo differente ed osservare da un altra angolatura i problemi portati nel percorso di orientamento. Per delineare l identità lavorativa il Centro prende a riferimento modelli di classificazione delle professioni suddivise in base a dati, cose, idee e persone, e teorie sulle personalità professionali e sugli ambienti di lavoro articolate in realistico, investigativo, artistico, sociale, intraprendente e convenzionale (Holland 1992); per definire l identità personale è possibile prendere in considerazione i diversi ruoli personali quali il genere sessuale, lo stato civile e l appartenenza a specifici gruppi sociali. 10

11 Talvolta, in particolare per certi utenti più evasivi e chiusi, la richiesta di esplorare sé stessi, raccontandosi anche rispetto ad ambiti che si distanziano dalla sola sfera lavorativa è vissuta come un intrusione da cui difendersi e di cui non si capisce l utilità; è invece vantaggioso far comprendere all utente e condividere con lui quali sono gli schemi mentali che hanno orientato le sue scelte nel passato e che, se non vi è un intenzione chiara di cambiamento, saranno la guida anche per quelle future. Secondo il modello dell LCD l atto di orientare assume in ultimo una valenza evolutiva oltre che valutativa: non si tratta solo di valutare le attitudini e capacità per effettuare l abbinamento giovane percorso scolastico lavoro ma anche di leggerle secondo un ottica di realizzazione e di sviluppo oltre a concentrarsi sul modo di affrontare i momenti critici, legati alle transizioni di vita, è opportuno anche porsi da un punto di vista preventivo, volto a riscoprire e a valorizzare risorse personali traducibili in competenze che probabilmente ognuno di noi possiede ma spesso, soprattutto se non ha preso parte a percorsi canonici di apprendimento quali l istruzione superiore, o se ha sperimentato solo in maniera frammentata il lavoro, ignora di possedere. La domanda di orientamento: chi si può rivolgere al Centro Servizi Integrati L emergere di nuovi scenari economici e sociali (globalizzazione dei mercati, progresso tecnologico, cambiamenti demografici) hanno comportato significativi mutamenti nel mercato del lavoro e la conseguente crescita della domanda e dell offerta orientativa. Le organizzazioni per riuscire a competere nell era della globalizzazione si sono viste costrette a drastiche operazioni di riduzione di personale che hanno riguardato diverse figure professionali. Molti profili addetti a compiti prettamente manuali sono stati sostituiti da tecnologie complesse che hanno in gran parte automatizzato i processi lavorativi; le ristrutturazioni hanno trasformato le organizzazioni che hanno assunto una conformazione più piatta e snella riducendo i livelli intermedi con responsabilità di controllo e coordinamento 11

12 Per facilitare l ingresso o il reinserimento nel mercato del lavoro si è fatto ampio uso di contratti flessibili con il risultato però di accrescere la condizione di debolezza di alcune fasce di lavoratori: con l introduzione della flessibilità contrattuale si è pensato che il target degli inoccupati (persone in cerca del primo impiego), avendo meno vincoli in entrata, avrebbe iniziato a fare esperienza prima, senza lasciar trascorrere lunghi periodi di inattività, e il target dei disoccupati (persone in cerca di un occupazione) avrebbe avuto maggiori possibilità di rientrare nel mercato a fronte delle agevolazioni fiscali, riconosciute al datore di lavoro La composizione della forza lavoro ha visto l emergere di nuove tipologie di soggetti: i tre esempi più significativi delle trasformazioni in corso riguardano il progressivo aumento della componente femminile, la crescita della porzione di lavoratori anziani a seguito delle politiche di innalzamento dell età pensionabile, la presenza massiccia di lavoratori provenienti da zone geografiche lontane. I cambiamenti sopra descritti hanno avuto forti ripercussioni sulle carriere degli individui che da percorsi lineari, spesso sviluppati nell ambito di uno stesso contesto organizzativo sono diventate bounderyless career (carriere senza confini) ovvero percorsi imprevedibili, versatili e autodiretti tra diverse organizzazioni, dove il rischio di precarietà è contenuto dall assunzione di responsabilità individuale nel pianificare e gestire il proprio futuro professionale. Uno scenario innovativo che ha accentuato il divario tra esclusione e inclusione: è comparsa la categoria dei nuovi esclusi, soggetti che, mancando di quei tratti necessari per costruire le nuove carriere fuori dai confini organizzativi (versatilità, networking e enactment), non riescono a trovare o a mantenere una collocazione nella società lavorativa. Tale categoria spesso caratterizzata da una debolezza intrinseca (basso profilo professionale, basso livello di istruzione, età avanzata, lunghi periodi di disoccupazione, titoli di studio deboli) ha contribuito a far aumentare la domanda di orientamento; ad essa si aggiunge la richiesta di chi al termine di un ciclo di studi persegue un occupazione che unisca il sogno con obiettivi realistici e realizzabili e quella di chi ricerca un cambiamento professionale per sua scelta o perché estromesso dall azienda in situazione di crisi strutturale. La domanda di orientamento che perviene al Centro è composta dai seguenti target: 12

13 giovani/adulti disoccupati per i quali l attività di orientamento è finalizzata a prevenire il forte rischio di restare esclusi dal tessuto lavorativo e sociale e di conseguenza di arrestare anche lo sviluppo personale; un percorso particolare è poi quello rivolto alle persone in mobilità o CIGS con cui si cerca di favorire il rientro sul mercato in tempi brevi, evitando una dispersione delle competenze maturate nelle precedenti esperienze ed un protrarsi eccessivo del loro periodo di inattività. adulti occupati a cui il servizio intende fornire un ventaglio di strumenti utili a pianificare il proprio sviluppo professionale, sia come percorso di carriera, interno all azienda, sia per impostare un efficace piano di ricerca di opportunità professionali che siano alternative rispetto a quella in essere i giovani, che affrontano la prima importante transizione scuola lavoro, che necessitano dio essere supportati nella scelta del percorso più adatto da intraprendere al termine degli studi, quindi di continuare a studiare o di entrare nel mercato del lavoro Il Centro si rivolge anche alle aziende che attraverso la richiesta di interventi di counseling organizzativo (miglioramento del clima interno, consulenza al ruolo, valutazione delle competenze, supporto e presa in carico dell azienda in situazioni di cambiamento..) pongono un bisogno di orientamento che può riguardare tutta l organizzazione, i dipendenti, il managment. Gli interventi erogati presso il Centro: la consulenza orientativa Di seguito sono descritti i servizi erogati dal Centro: la consulenza orientativa, la ricollocazione, la selezione, la valutazione delle persone. In essa è approfondita la dimensione personale/professionale e le scelte/decisioni future. A seconda del tipo bisogni emersi (utenza, obiettivi, tematiche da approfondire, durata del percorso) si opta per una delle strade che risulta maggiormente idonea: consulenza breve o consulenza orientativa di primo livello circoscritto sulla risoluzione del problema orientativo 13

14 counselling di orientamento personale o approccio esistenziale dove il centro è posto sul fronteggiamento di esperienze di disagio personale, connesso ai percorsi formativi/lavorativi e sul rapporto tra storie formative, lavorative e identità personale counselling di orientamento professionale o consulenza orientativa di secondo livello dove il centro viene posto sui processi di costruzione e riorganizzazione del sé professionale in rapporto a cambiamenti, scelte, transizioni che riguardano l esperienza formativa e lavorativa lungo tutto l arco della vita. Mentre il primo approccio è riconducibile alle pratiche di orientamento di primo livello (ricerca attiva del lavoro, approfondimento sul funzionamento del mercato del lavoro ) gli altri due approcci si esplicitano nelle pratiche di orientamento di secondo livello, identificabili la prima con il colloquio d aiuto e la seconda con il Bilancio di competenze. I fattori che indirizzano su uno dei due approcci dipende dalla durata dell evento di transizione, dalla tipologia di individuo e dalle sue esperienze pregresse. Il counseling di orientamento personale è più indicato per interventi di reinserimento lavorativo che riguardano persone coinvolte in processi di transizione critici, protrattesi per lungo tempo (in genere disoccupazione di lungo periodo con più di 24 mesi) tali da creare disagio e sofferenza. Si tratta di percorsi di lavoro precari e frammentati con brevi periodi lavorativi che si alternano a lunghi periodi di disoccupazione senza che la persona raggiunga una stabilità occupazionale anche per lungo tempo, al punto che la mancanza di lavoro diviene paradossalmente la condizione di normalità. Soprattutto le situazioni che comportano una forte precarietà sono potenzialmente a rischio dal momento che molto spesso questa condizione di instabilità lavorativa rende l individuo più vulnerabile e soggetto a uno stato di malessere che investe oltre al piano economico anche quello psico-sociale, causando disorientamento e blocchi nella traiettoria di vita. I soggetti in genere presentano un medio-basso livello di autonomia e si rivolgono al Centro perché inviati dai servizi lavoro della Città di Torino e delle circoscrizioni in quanto partecipanti di progetti di reinserimento lavorativo. Sono indirizzati su interventi di counseling personale anche individui che dopo una lunga permanenza presso una stessa realtà, sono stati estromessi e, a causa di scarsa qualificazione e/o età avanzata, non sono più riusciti a rientrare stabilmente nel mercato del lavoro è seguita una lunga disoccupazione. L azione di reinserimento ha il suo fulcro nel tirocinio un attività che consente di integrare la componente cognitiva (la rappresentazione dell esperienza e la sua rielaborazione ) con quella emotiva (i vissuti, le implicazioni e le 14

15 reazioni) quindi sperimentare in prima persona il contatto con il mondo del lavoro, percependone le difficoltà, le soddisfazioni, gli apprendimenti, le competenze possedute e non limitarsi solo a laboratori, realtà un po artificiali, difficilmente paragonabili alla realtà, che mettono in secondo piano la dimensione fenomenologica. Il tirocinio oltre a fornire al soggetto occasioni di contatto con nuove realtà lavorative gli assicura, attraverso la borsa lavoro, un sostegno economico per il tempo di durata del progetto. Il counseling di orientamento professionale è adatto quando si è di fronte a lavoratori, dipendenti o in mobilità, in uscita da aziende che sono state investite, a diversi livelli, da svariati problemi, talvolta sino ad obbligare la Direzione a scegliere soluzioni drastiche quali la chiusura o il fallimento aziendale (cessione di rami aziendali, trasferimenti della sede, decentramento dell ufficio rispetto alla sede centrale.). Si tratta di soggetti che hanno maturato una considerevole esperienza lavorativa e che hanno una buona capacità di rielaborazione e di verbalizzazione degli avvenimenti vissuti. Le persone provengono come canale prioritario dai Centri per l impiego, in quanto partecipanti di progetti di ricollocazione ma, anche la sinergia con il Servizio Sindacale dell API, consente di ricevere segnalazioni di lavoratori in arrivo da aziende che stanno attraversando periodi di crisi. I bisogni principali espressi da questo tipologia di utenza sono connessi con la tematica del cambiamento. E una condizione che, proprio per la componente di incertezza e di incognita che la caratterizza, costituisce sempre, nel bene e nel male, un momento di disequilibrio più semplice da affrontare se si ha un buon grado di consapevolezza e di conoscenza dei punti di forza e di debolezza. Il bilancio di competenze assolve proprio a tale funzione Le pratiche di orientamento di base Le attività di orientamento erogate dal Centro variano a seconda dei bisogni, portati dall utente ed anche al consulente è richiesto di modulare il suo ruolo in funzione delle caratteristiche della persona che prende in carico. Si parla pertanto di pratiche di base e di pratiche specialistiche, differenti in relazione alle competenze che sono richieste al consulente, al livello di profondità a cui si situa l intervento e alla messa in gioco domandata al cliente e al consulente stesso. 15

16 Le principali pratiche di base consistono nella ricerca e organizzazione di informazioni, mediante l uso di svariati canali, e quelle specialistiche sono il bilancio di competenze, il colloquio d aiuto, e i metodi di educazione all orientamento. Le pratiche di base hanno due funzioni una di filtro e l altra di informazione, attività che si esplicano in uno o più incontri individuali o di gruppo. La prima funzione ha lo scopo di presentare in che cosa consiste un percorso di orientamento professionale, al fine di fornire al soggetto i dati necessari a valutare l interesse e la disponibilità a intraprendere tale percorso. In particolare si esplicitano gli obiettivi perseguiti (formativi, occupazionali, di crescita personale e di supporto ad affrontare situazioni di cambiamento lavorativo) quali sono i tipi di intervento a cui si può accedere e, a seconda dell intervento, cosa significa in termini di impegno, di partecipazione e di tempo dedicato. L incontro ha lo scopo di aiutare l utente a chiarire quali sono le proposte di maggiore interesse e ad autovalutare l idoneità rispetto ai diversi interventi prospettati. La seconda funzione intende fornire informazioni su percorsi di istruzione e formazione, professioni, sbocchi occupazionali, i canali attraverso cui proporsi sul mercato del lavoro e interessa soggetti con caratteristiche differenti quali giovani in uscita da corsi di studio di diverso genere e grado, lavoratori che intendono cambiare, e riqualificarsi, infine disoccupati alla ricerca di nuova occupazione. La ricerca di informazioni, avviene nell ambito di momenti di gruppo ma anche individualmente attraverso l uso di tecnologie multimediali, questo se l utente è ritenuto sufficientemente autonomo e ha una certa consuetudine con tali tecnologie. La funzione del consulente che eroga informazioni è di riuscire a selezionare solo quelle salienti e pertinenti alla condizione di ogni singola persona, al fine di evitare di trasmettere un eccesso di dati, causa di possibile confusione, o di dar indicazioni distorte e non corrette Gli operatori addetti alle pratiche di base hanno buone competenze relazionali e comunicative, oltre ad una fondata conoscenza delle politiche del lavoro ma non necessitano di una formazione psicologica mirata. Le pratiche di orientamento avanzate Sono interventi che prevedono percorsi di accompagnamento alla persona, svolti individualmente e/o in gruppo; hanno durata variabile ma non si possono comunque esaurire nell ambito di un solo incontro in quanto si rivolgono a soggetti portatori di una 16

17 domanda che necessità di un approfondimento da parte di operatori con competenze specialistiche. Le pratiche avanzate di seguito analizzate sono il bilancio di competenze, il colloquio d aiuto, l ADVP, attivazione dello sviluppo vocazionale e personale. Il Bilancio di competenze Uno tra gli interventi su cui punta maggiormente il Centro è il Bilancio di competenze, inteso come pratica che supporta la persona in una fase di transizione professionale. Una situazione di cambiamento sia che interessi il mercato interno (passaggio di ruolo, spostamento di mansione ) sia quello esterno (riqualificazione, selezione, cambio voluto o forzato di contesto lavorativo ) è motivo di riflessione e di rielaborazione degli equilibri raggiunti e in quanto tale può mettere in discussione certezze ed evidenziare il bisogno di fare il punto della situazione sulla propria carriera lavorativa; il bilancio rappresenta quindi un intervento attraverso cui fare un quadro delle competenze che la persona possiede e una sintesi dei suoi punti di forza e dei punti di debolezza. Come proposta per le aziende esso agisce a due livelli: si inserisce tra le azioni di gestione delle risorse umane, in particolare riguarda lo sviluppo professionale e la progettazione della carriera lavorativa; consente all azienda di contare su individui più responsabilizzati, in grado di affrontare il processo di innovazione con le risorse necessarie e di negoziare meglio la propria collocazione professionale. Tale percorso, ha una valenza formativo consulenziale e intende raggiungere due grandi finalità: la prima è il sostegno alla persona nell analisi approfondita di sé e dei contesti organizzativi in cui è inserita, la seconda è l azione di facilitazione indirizzata all individuo nella costruzione di un progetto professionale e personale realistico, frutto di una continua negoziazione con sé stesso e con le opportunità di sviluppo date dal contesto. In dettaglio i principali obiettivi del Bilancio sono: rileggere con occhio critico e consapevole le esperienze lavorative passate e quelle attuali per individuare il motore delle scelte professionali (interessi, valori, motivazioni intrinseche ) prendere coscienza delle competenze e potenzialità possedute e delle aree di competenza da sviluppare alla luce delle richieste del mercato del lavoro 17

18 apprendere un metodo per affrontare future situazioni di transizione e cambiamento, acquisendo autonome capacità di autovalutazione, di attivazione/scelta e formandosi conoscenze approfondite sul mercato del lavoro definire un progetto professionale e personale che recuperi la spinta della dimensione ideale (aspirazioni, desideri) ma che la coniughi con quella reale (potenzialità/limiti individuali, opportunità/vincoli legati al contesto). Il bilancio erogato dal Centro pur mantenendo un impianto teorico di riferimento, connotato da una fase esplorativa e da una progettuale, che si snodano nell arco di circa 20 ore, si costruisce intorno alla persona: la durata effettiva, gli strumenti impiegati e le aree da analizzare sono definite in itinere nell ambito di un confronto aperto e approfondito tra consulente e utente. Ciò è reso possibile in quanto il soggetto che può accedere a un bilancio deve possedere l autonomia necessaria a scegliere di iniziare e di proseguire il percorso; deve inoltre essere capace e avere la volontà di prendere parte attivamente, portando un contributo fattivo. Il bilancio è infatti un tipo di intervento che può portare a risultati interessanti se si rispetta il principio di volontarietà e se vi è l adesione partecipata del richiedente Trattandosi di un azione personalizzata sulle esigenze e sulle caratteristiche dell utente, le attività sono in prevalenza individuali mentre i lavori in piccolo gruppo possono essere previsti a supporto e integrazione di quanto trattato nei colloqui a due. Il setting 1 in cui si svolge è infatti la relazione d aiuto, uno spazio accogliente di ascolto e scambio dove il cliente trova nell operatore l attenzione, il rispetto e la disponibilità necessarie a presumere il successo dell esperienza. Può essere svolto da differenti figure professionali, che collaborano come equipe di lavoro o da un consulente di bilancio che è opportuno possegga competenze diversificate: una solida expertise e formazione nell area psicologica (psicologia sociale, cognitiva, differenziale, del lavoro e dell organizzazione), una conoscenza approfondita del mercato del lavoro, delle professioni, del territorio una esperienza nella gestione del lavoro di rete (servizi per l impiego, per la formazione, per l orientamento, di intermediazione domanda e offerta di lavoro...). Il Bilancio coniuga insieme diverse dimensioni a testimonianza dei numerosi livelli di azione che si intrecciano: 18

19 la dimensione diagnostico valutativa per integrare l autovalutazione e supportare l elaborazione dell idea progettuale, mettendo in risalto eventuali incongruenze tra rappresentazione di sé e effettive caratteristiche personali e professionali la dimensione educativa per sostenere l utente considerato l attore e il protagonista che determina in modo consapevole le sue scelte e il suo percorso di carriera la dimensione retrospettiva per ripercorre l esperienza professionale e personale, recuperando informazioni su di sé e sugli elementi essenziali che danno significato all esperienza medesima la dimensione prospettica tesa a chiarire le prospettive evolutive potenziali e quelle desiderate, rispetto cui perseguire i propri obiettivi, compresi gli eventuali cambiamenti di direzione, laddove necessario A seconda del target e dei bisogni espressi il bilancio pensato dal Centro si focalizza su un approccio rispetto ad un altro tenendo però ben presente che ciascun approccio da solo può risultare riduttivo mentre è più efficace ragionare in termini di integrazione. L approccio relazionale si ispira alla logica rogersiana del counseling e punta sulla relazione cliente operatore centrale per divenire più consapevoli di sé, pertanto delle risorse su cui investire e di quelle da potenziare per raggiungere la realizzazione personale e professionale. Tale approccio è adatto soprattutto quando il target di riferimento è composto da adulti disoccupati che, a causa delle situazioni di fallimento e di deprivazione, spesso sperimentate, necessitano di un contesto non giudicante che li incoraggi e li porti a riacquistare fiducia e sicurezza in sé stessi. Il cliente messo al centro del processo di bilancio è stimolato a raccontare la sua autobiografia e ad analizzare i problemi che hanno impedito un sviluppo di carriera lineare: l analisi è condotta sia nell ambito del colloquio non direttivo, sia in piccoli gruppi ed ha la funzione di accompagnare il cliente nel processo di maturazione psicologica che prevede il riconoscimento della propria identità e delle competenze che questi ha acquisito nel corso delle esperienze professionali e di vita narrate. L approccio differenziale prende spunto dalla psicologia differenziale secondo cui ogni individuo, contraddistinto da caratteristiche psicologiche stabili nel tempo (attitudini, personalità, conoscenze, abilità tecnico operative..), fornisce prestazioni e comportamenti diversi, misurabili attraverso strumenti psicometrici (test, questionari strutturati, tecniche di osservazione del comportamento) che posseggono determinate 19

20 qualità metriche (validità, attendibilità, fedeltà). L utilità di tale approccio si ravvede nel restituire dati precisi e oggettivi su risorse e limiti dell utente nonché stimoli di riflessione a completamento di quanto emerso nell azione di bilancio. L approccio ergonomico e esperto si rifà a un concetto di competenza proprio del modello cognitivo e metacognitivo (nota), ovvero a un insieme organizzato di conoscenze e abilità, di procedure e modi di ragionamento, tipici, riferiti a compiti o situazioni di lavoro. L utente tipo di tale approccio è il lavoratore che ha maturato una significativa esperienza professionale: egli possiede una buona padronanza del compito, di cui ha una rappresentazione mentale, spesso difficile da verbalizzare. Il compito infatti è svolto secondo procedure assimilate a livello implicito, entrate a far parte dei gesti operativi abituali, riguardo cui il lavoratore non possiede consapevolezza e che pertanto non riesce ad esprimere in termini di competenze. Il percorso di bilancio ha la finalità di indurre l utente, attraverso lo strumento della verbalizzazione, a prendere coscienza, dei processi cognitivi che attivano tali procedure e a ricostruire le competenze implicate. L approccio basato sull immagine di sé consente di compiere un percorso di riscoperta della persona, fondamentale per sviluppare un idea di sé veritiera, motore di scelte realistiche e di aumento della motivazione ad agire; il soggetto ripercorrendo le sua storia personale e professionale apprende ad autovalutarsi e attraverso il confronto con l operatore e con il gruppo, acquisisce consapevolezza delle effettive caratteristiche individuali, a conferma o meno di quanto egli pensava di sé stesso. E un approccio idoneo quando l utente manifesta di recuperare e/o ridefinire una precisa identità professionale. Per salvare le potenzialità di ciascun approccio e per limarne i difetti è più costruttivo abbandonare classificazioni troppo semplificatrici a discapito del valore della complessità e leggere il bilancio di competenze partendo da una prospettiva che tiene conto dei diversi approcci. Se del primo orientamento è opportuno recuperare la non direttività propria del counseling, è necessario però ricordare che il bilancio si discosta da quest ultimo poiché prevede anche momenti in cui l operatore deve prendere posizione rispetto al percorso e alle eventuali decisioni prospettate dall utente, soprattutto se queste non sono sufficientemente ancorate alla realtà. L uso di strumenti psicometrici, visto in un ottica formativa e maturativa, e non letto secondo criteri diagnostici e predittivi, costituisce poi una risorsa atta a restituire ulteriori informazioni sull individuo per valutarne l idoneità o 20

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it

darioianes.itit 2005 Dario Ianes - www.darioianes.it Lavoro di rete e equipe educativa Nuove alleanze per il Piano Educativo Individualizzato e il Progetto di Vita Dario Ianes Centro Studi Erickson, Trento Università di Bolzano www.darioianes darioianes.itit

Dettagli

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese

I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro. Divergenze e convergenze con genitori e imprese I Giovani italiani e la visione disincantata del Lavoro EXECUTIVE SUMMARY 2 Executive Summary La ricerca si è proposta di indagare il tema del rapporto Giovani e Lavoro raccogliendo il punto di vista di

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli