L incontro tra domanda ed offerta di lavoro nella moderna società dell informazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L incontro tra domanda ed offerta di lavoro nella moderna società dell informazione"

Transcript

1 7 Salvatore Pirrone L incontro tra domanda ed offerta di lavoro nella moderna società dell informazione 1 L influenza delle nuove tecnologie sul mercato del lavoro Le moderne tecnologie dell informazione e della comunicazione hanno profondamente trasformato la società moderna e reso più efficienti i mercati, diminuendo drasticamente i costi delle transazioni (soprattutto quelle a distanza) ed incrementando le informazioni in base alle quali gli operatori economici effettuano le proprie scelte. Negli ultimi anni l attenzione degli economisti si è concentrata sull influenza delle moderne tecnologie (ed in particolare di Internet) sui mercati dei prodotti, ed in particolare sul fenomeno dell e-commerce. Tuttavia allo stesso tempo tali tecnologie stanno modificando profondamente anche il funzionamento di mercati con caratteristiche peculiari, come quello del lavoro. L influenza delle nuove tecnologie sul mercato del lavoro è duplice: da una parte l evoluzione tecnologica modifica la struttura della domanda di lavoro, che si orienta sulle professionalità a più alto contenuto di conoscenza e soprattutto su quelle collegate ai settori in espansione, creando nuove sfide per l adeguamento della forza lavoro; dall altra, parallelamente a quanto accade negli altri mercati (di prodotti, ma soprattutto in quelli di servizi), i nuovi mezzi di comunicazione rendono più veloce ed economico lo scambio di informazioni, rendendo più efficiente il sistema Le modifiche sulla domanda e l offerta di lavoro Dal primo punto di vista va in primo luogo segnalato, dal lato della domanda di lavoro, come negli ultimi anni la crescita occupazionale si è concentrata nei settori correlati con le tecnologie della comunicazione e dell informazione (Ict) o comunque in settori ad alta intensità di conoscenza: tra il 1995 ed il 2000 questi settori hanno pesato per circa i 2/3 della crescita totale registratasi in Europa, ed in parti-

2 140 SALVATORE PIRRONE colare il settore dei computer e servizi correlati ha fatto registrare un incremento superiore al 13%. Anche l offerta di lavoro si è mossa nella medesima direzione, muovendosi verso una maggiore qualificazione: da una parte, infatti, le nuove generazioni che entrano nel mercato del lavoro sono in media più istruite delle precedenti; dall altra parte, il tasso di partecipazione dei giovani è nel frattempo cresciuto, facendo pesare maggiormente il maggior livello qualitativo di questa parte della forza lavoro 1. L adeguamento dell offerta di lavoro segue tuttavia un cammino più lento e difficile della domanda, comportando la necessità di riqualificazione di parte della forza lavoro esistente. Ciò ha creato, in molti Paesi, una crescente difficoltà nel processo di incontro tra domanda ed offerta di lavoro 2. La figura 1, che riporta dati tratti dall indagine condotta dall Isae sulle imprese del settore industriale, indica la percentuale di imprese che afferma di avere osta- Fig. 1 - Indagine presso le imprese industriali: quota di imprese con ostacoli alla produzione dovuti a scarsa manodopera. Serie destagionalizzata. Fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, NotaFlash, n. 12/2001. Dati Isae. 1 Commissione Europea (2001). 2 In linea di principio nell incontro tra domanda ed offerta di lavoro possono manifestarsi tre diverse tipologie di problemi: un eccesso della domanda sull offerta, che si manifesta in relazione all economia nel suo complesso

3 L INCONTRO TRA DOMANDA ED OFFERTA DI LAVORO 141 coli alla produzione dovuti a scarsità di manodopera (qualificata). A prescindere dalle oscillazioni dovute alle fasi del ciclo economico, il grafico mostra una chiara tendenza alla crescita di questo indicatore, passato in pochi anni dal 2 al 5-6%, a dimostrazione delle difficoltà nel reperire manodopera che abbia la qualificazione richiesta (ovvero nel reperire manodopera tout court). Quando questa difficoltà nel trovare lavoratori qualificati si accompagna ad una disoccupazione non trascurabile, essa è la spia di un cattivo funzionamento del mercato del lavoro. La misura di questa disfunzione è data dell andamento del rapporto tra il flusso annuale di vacancies pervenute ai servizi pubblici per l impiego ed il tasso di disoccupazione 3. Pur con le cautele dovute alla non completa confrontabilità dei dati tra i diversi Paesi e la frequente interruzione delle serie storiche, recenti studi hanno mostrato come negli Anni Novanta alcuni Paesi (Belgio, Germania, Grecia e, in misura inferiore, Lussemburgo, Austria e Finlandia) abbiano evidenziato una crescita di entrambi i valori, segno di un peggioramento della funzione di matching tra domanda ed offerta di lavoro 4. In Italia, ove non sono ancora disponibili dati statistici sulle vacancies comunicate ai servizi per l impiego, un indicatore analogo può essere ottenuto mediante l utilizzo della percentuale di aziende che, nell indagine Isae sulle imprese industriali, riportano ostacoli alla produzione dovuti a scarsità di manodopera. L andamento dell indicatore così costruito mostra anche per l Italia un peggioramento della funzione di matching dall inizio degli Anni Novanta: fino al 1998 vi è, infatti, una crescita di entrambe le variabili, chiaro indice di tensioni sul mercato del lavoro, mentre la crescita delle vacancies registratasi nel 1999 e nel 2000 è controbilanciata da una riduzione del tasso di disoccupazione, e può quindi essere interpretata come effetto del ciclo economico. Nel 2001 si è invece registrato un miglioramento dell efficienza del mercato del lavoro, con una riduzione, sia pure lieve delle vacancies sebbene in presenza di una riduzione della disoccupazione (fig. 2). (labour shortage); la non rispondenza della forza lavoro alle professionalità richieste da mercato (skill mismatches); l insufficiente o obsoleta professionalità della forza lavoro (skill gap). Questi problemi hanno conseguenze differenti sulle variabili macroeconomiche: mentre il vero e proprio labour shortage provoca un incremento della pressione sui salari e tramite questi sull inflazione, laddove gli skill mismatches provocano tensioni soltanto nei settori o nelle regioni cui si riferiscono. 3 Lo strumento solitamente utilizzato, la c.d. Beveridge curve, può essere definita come la traiettoria descritta dalla combinazione dei valori del flusso annuale di vacancies e del tasso di disoccupazione all interno di un sistema di assi cartesiani. Movimenti lungo la curva, cioè dove le due variabili si muovono in direzioni differenti, riflettono le fluttuazioni cicliche dell economia; movimenti verso l esterno, con entrambe le variabili in aumento, riflettono invece un meno efficiente funzionamento della funzione di incontro tra domanda ed offerta, mentre movimenti verso l interno mostrano un miglioramento della medesima funzione. 4 Oecd (2001), Bce (2002), mimeo.

4 142 SALVATORE PIRRONE Fig. 2 - Beveridge curve per l Italia, calcolata sulla base dell indagine Isae sulle imprese industriali (percentuale di imprese con ostacoli alla produzione dovuta a scarsità di manodopera) Fonte: elaborazioni su dati Istat e Isae. Le difficoltà di reperire personale riguardano in Italia come negli altri Paesi interessati sia i livelli alti e intermedi di qualificazione, sia livelli bassi, nei settori agricolo e del turismo. Almeno per le alte professionalità il fenomeno è certamente legato al salto tecnologico avutosi negli ultimi anni, che ha comportato un netto incremento della domanda di lavoro nei settori ad alta tecnologia o ad alta intensità di conoscenza. Oltre alle tensioni ora descritte, che riguardano la mancata coerenza tra le professionalità richieste e quelli presenti sul mercato del lavoro, altre tensioni si evidenziano, in Italia più che negli altri Paesi europei, sul piano delle differenze regionali. In Italia la differenza nei tassi di occupazione e disoccupazione tra le regione con la migliore e la peggiore performance è la più ampia d Europa (fig. 3) 5. Questo gap, aumentato negli anni tra il 1997 ed il 2000, è indice oltre ovviamente che del diverso grado di sviluppo economico delle diverse regioni di una insufficiente mobilità geografica. 5 La situazione non cambia se si guarda a misure di dispersione del tasso di occupazione (come la varianza, la deviazione standard o il kurtosis), come in Bce (2002), o in Commissione Europea (2001).

5 L INCONTRO TRA DOMANDA ED OFFERTA DI LAVORO 143 Fig. 3 - Tassi di occupazione nell Unione Europea a livello regionale (Nuts 2): livelli massimo e minimo Fonte: Labour Force Survey, Eurostat. Queste tensioni, unite ad un livello ancora elevato della disoccupazione, sono indice di un potenziale economico non totalmente sfruttato, e testimoniano l esistenza di processi di matching inefficienti, di istituzioni inadeguate a presidio del mercato del lavoro, nonché di una differenziazione salariale ridotta e di una insufficiente mobilità interregionale. Queste osservazioni sono tenute in ampia considerazione anche all interno della Strategia Europea per l occupazione: gli orientamenti per il 2002 (così come quelli dell anno precedente) considerano specificamente i problemi di eventuali strozzature (bottlenecks) del mercato del lavoro. Nell indicare gli indirizzi di policy per fronteggiare tale situazione, il Consiglio invita gli Stati membri a sviluppare le capacità di collocamento dei servizi a ciò preposti; elaborare strategie per prevenire la carenza di lavoratori qualificati; promuovere la mobilità professionale e geografica; favorire il funzionamento dei mercati del lavoro attraverso il miglioramento delle banche dati riguardanti le opportunità occupazionali e di apprendimento, che dovrebbero essere collegate tra loro a livello europeo, con l uso delle moderne tecnologie dell informazione e facendo tesoro dell esperienza già realizzata a livello europeo.

6 144 SALVATORE PIRRONE Si tratta, in almeno due delle azioni consigliate, di politiche strettamente connesse al funzionamento delle nuove tecnologie, sul cui si intende puntare per migliorare il processo di matching I vantaggi delle nuove tecnologie nel funzionamento del mercato del lavoro Venendo appunto ai vantaggi apportati dalle nuove tecnologie, va segnalato innanzitutto come esse abbiano modificato radicalmente le modalità con cui domanda ed offerta possono incontrarsi: da una parte, la diffusione di strumenti di archiviazione dei dati e di ricerca rapida degli stessi permettono di ridurre tempi e costi della ricerca e di renderla più efficace; dall altra parte, l incontro tra domanda ed offerta di lavoro può avvenire per il tramite di reti telematiche (ed in particolare di Internet), accessibili da casa o da altre postazioni facilmente raggiungibili. Secondo molti osservatori, questi strumenti possono in linea di principio portare ad una riduzione della disoccupazione frizionale, ossia di quella disoccupazione dovuta al tempo impiegato dai lavoratori per passare da un lavoro ad un altro. L imperfetta informazione circa l esistenza e le caratteristiche di lavoratori e posti di lavoro producono frizioni, nel senso che gli agenti economici devono impiegare tempo e risorse prima di poter dare inizio all attività; in un mercato con frizioni, prima che tutti i lavoratori disoccupati abbiano trovato un lavoro e che tutti i posti di lavoro siano coperti, alcuni dei rapporti di lavoro esistenti vengono sciolti, producendo così nuovi disoccupati e posti vacanti. L utilizzo delle nuove tecnologie può tuttavia ridurre i tempi ed i costi dell incontro tra domanda ed offerta di lavoro, riducendo conseguentemente anche la disoccupazione frizionale 6. Un altro vantaggio che alle imprese ed ai lavoratori può derivare dall evoluzione tecnologica riguarda il miglioramento della produttività del sistema di incontro, che può scaturire dalla migliore efficienza del metodo di ricerca. L esistenza di banche dati ampie e facilmente accessibili ove siano immagazzinati i curricula dei lavoratori, e la possibilità di conservare informazioni più dettagliate, rende più facile effettuare una ricerca fine, e conseguentemente trovare lavoratori più adeguati al posto di lavoro vacante. Questa efficacia può essere ancora incrementata dal fatto che i lavoratori possono accedere tramite Internet ad informazioni più accurate circa l impresa che offre il posto di lavoro, ed avere più elementi per decidere. 6 È chiaro tuttavia che anche questo sistema non comporterà certo la completa eliminazione delle frizioni esistenti, dato che alcune difficoltà come le differenze geografiche, la carenza di determinate professionalità o il semplice fatto che alcuni lavoratori vorranno comunque aspettare l occasione di lavoro migliore perdureranno.

7 L INCONTRO TRA DOMANDA ED OFFERTA DI LAVORO 145 L utilizzo della rete come mezzo per la ricerca del lavoro è uno degli strumenti resi disponibili dalle moderne tecnologie. Quanto questa modalità di ricerca di lavoro sia diffusa nel nostro Paese e nell Unione Europea nel suo complesso è tuttavia difficile da dire con certezza, data la attuale mancanza di fonti affidabili circa il suo utilizzo 7. I primi dati significativi in materia riguardano gli Stati Uniti, ove una recente ricerca basata su dati del ha mostrato che il 15% dei disoccupati (in ricerca attiva) ed il 7% degli occupati cerca regolarmente lavoro tramite Internet. Il dato aumenta significativamente se ci si focalizza sui disoccupati che hanno accesso alla rete, il 50% dei quali cerca regolarmente lavoro su Internet. Se poi si considera la crescita rapidissima della diffusione di Internet, in modo particolare in relazione ai lavoratori che più facilmente possono sperimentare periodi di disoccupazione, sembra estremamente probabile che le percentuali sopra riportate siano già nettamente superate e che il settore abbia un ulteriore espansione nel futuro. Quanto al fatto se tale metodo di ricerca comporti una durata minore della disoccupazione o meno, i risultati non sono egualmente univoci. Alcune elaborazioni econometriche sui medesimi dati sopra descritti hanno, infatti, fornito risultati che si prestano ad interpretazioni divergenti: i dati mostrano una durata inferiore della disoccupazione nei soggetti che ricercano tramite Internet (dopo un anno il 69,2% dei soggetti che avevano dichiarato di cercare su Internet erano occupati, contro il 55,6% del resto del campione); tuttavia la correlazione è inversa se si corregge in base al grado di educazione ed all età, che caratterizzano coloro che cercano tramite Internet rispetto agli altri disoccupati, e che al tempo stesso comportano una maggiore facilità nel trovare lavoro. Correggendo ulteriormente la selezione endogena della variabile usando come variabile strumentale l uso di Internet al di fuori della propria abitazione, si è evidenziato che la ricerca di lavoro tramite Internet riduce la durata mediana della disoccupazione approssimativamente di 2 mesi 9. 7 Tuttavia il recente progetto volto a ristrutturare per il 2004 la rilevazione europea delle forze lavoro prevede l inclusione delle ricerca su Internet tra le possibili modalità di ricerca selezionabili dall intervistato. Una simile domanda è contenuta nel questionario della rilevazione condotta in Canada, in relazione alla quale non si ha tuttavia notizia di una diffusione di questo tipo di dato. 8 KUHN P., SKUTERUD M., (2000). 9 KUHN P., SKUTERUD, M., (2001).

8 146 SALVATORE PIRRONE 2 L incontro domanda e offerta di lavoro nei Paesi Ocse Fino agli Anni Novanta l intermediazione tra domanda ed offerta di lavoro era visto come un compito esclusivamente pubblico. L atteggiamento verso le agenzie private di intermediazione era esplicitato nella convenzione dell Organizzazione Internazionale del Lavoro (Oil) n. 96, adottata il 1 luglio 1949: la convenzione, entrata in vigore il 18 luglio 1949, prevedeva la progressiva abolizione delle agenzie a pagamento (fee-charging agencies), e la contestuale messa in esercizio di servizi pubblici nei Paesi ove questi non esistessero. In molti Paesi tuttavia le agenzie private avevano già iniziato ad operare ed a conquistare notevoli quote di mercato attraverso l attività delle agenzie di fornitura di lavoro interinale, la cui attività di reclutamento non era ovunque considerata rientrante nella nozione di intermediazione. Sotto l influenza di una più generale tendenza verso il ritiro dello Stato da vaste aree dell economia, ed anche a causa delle critiche di inefficienza mosse verso il sistema pubblico, si è avuta negli Anni Novanta una forte spinta verso la deregolamentazione dei servizi per l impiego 10, che è culminata nell approvazione della convenzione Oil n. 181 del ; questa convenzione ha cambiato totalmente l approccio, prevedendo la generale liceità dell attività svolta da tali agenzie, salva la possibilità, da parte degli Stati aderenti alla convenzione, di disporre specifici divieti in relazione a particolari categorie di lavoratori ed a determinati settori dell attività economica. Il cambio di prospettiva ha fatto sì che in tutti i Paesi più avanzati esistano ormai, accanto a servizi pubblici per l impiego (che tuttavia in alcuni casi possono essere anche erogati da privati su commessa pubblica), anche agenzie private specializzate nell erogazione di servizi di collocamento in senso lato. Le agenzie sono essenzialmente raggruppabili in tre categorie, in base all attività esercitata: in primo luogo gli intermediari, che svolgono servizi volti a favorire l incontro tra domanda ed offerta di lavoro ovvero di mera ricerca e selezione del personale; le società di fornitura di lavoro ad altre imprese (lavoro temporaneo e staff leasing); le agenzie di fornitura di altri servizi diretti come la ricollocazio- 10 All interno dei servizi per l impiego si includono comunemente, oltre al collocamento in senso stretto, ed a quello mirato all inserimento nel mercato del lavoro di categorie protette, la selezione del personale, la ricollocazione del personale (outplacement), la formazione focalizzata alla ricerca di un posto di lavoro, la fornitura di lavoro temporaneo, lo staff leasing ed il distacco. 11 Il testo italiano della convenzione, peraltro non ufficiale, è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, serie generale, n. 26 del 2 febbraio 2000.

9 L INCONTRO TRA DOMANDA ED OFFERTA DI LAVORO 147 ne professionale (o outplacement) e la gestione computerizzata di banche dati di lavoro 12. Il processo di deregolamentazione ha avuto ovviamente diversi livelli di attuazione: in alcuni Paesi vi è stata una vera e propria privatizzazione del servizio pubblico, che viene in tutto o in parte affidato ai privati mediante pubbliche commesse; in altri vi è stata più semplicemente la sola riduzione del ruolo pubblico (e dei relativi fondi), con la apertura di spazi più ampi per la partecipazione dei privati. Quale che sia il grado di deregolamentazione dell attività di intermediazione, in tutti i Paesi europei il ruolo dei Servizi Pubblici per l Impiego nel favorire l incontro tra domanda ed offerta di lavoro è molto più sviluppato dei servizi privati 13. È tuttavia difficile dire se questa maggiore penetrazione del sistema pubblico rifletta una maggiore attrattività nei confronti degli utenti, posto che in molti Paesi la registrazione presso il servizio pubblico è obbligatoria o comunque legata alla percezione dei sussidi di disoccupazione. In ogni caso la percentuale di nuove assunzioni che è preceduta dalla pubblicazione di un avviso presso i servizi pubblici è piuttosto alta, e compresa tra il 10 ed il 50%: si tratta di informazioni essenziali per il buon funzionamento di un servizio di incontro tra domanda ed offerta di lavoro 14. Quanto alle modalità con cui il sistema si configura nei diversi Paesi, i posti di lavoro offerti (vacancies) possono essere incrociati con i soggetti in cerca di lavoro su base chiusa, semiaperta o aperta: nel trattamento chiuso l ufficio identifica il numero di lavoratori richiesti all interno del proprio registro e li comunica al datore di lavoro; nel trattamento semiaperto le vacancies sono pubblicizzate, ma senza indicare le generalità complete del datore di lavoro: i lavoratori interessati dovranno contattare l ufficio per avere le informazioni necessarie a contattare direttamente il datore di lavoro; nel trattamento aperto le offerte di lavoro sono pubblicizzate indi- 12 DE KONING J., J. DENYS, U. WALWEI, (1999). Emblematico è il caso dell Australia, illustrato da OECD, Innovations in Labour Market Policy: the Australian Way, Parigi, In questo Paese l introduzione del Job Network, nel 1998, ha di fatto privatizzato il servizio pubblico per l impiego, in cui adesso fornitori di servizi privati e pubblici sono in competizione tra loro per fornire servizi finanziati dallo Stato. Compito dell amministrazione pubblica è quello di fissare l ambito e la natura dei servizi che debbono essere forniti. Un ente pubblico di nuova istituzione, Centerlink, funge da porta di accesso ai servizi: riceve i disoccupati, indirizzandoli poi verso i vari servizi del Job Network: il Job matching service, che fornisce informazioni sulle vacancies; il Job search training, che eroga formazione alla ricerca di lavoro; l Intensive Assistance, un programma di assistenz e consulenza individualizzata, previsto per i soggetti con maggiori difficoltà. Questi servizi sono forniti dai soggetti che se ne aggiudicano la commessa, attribuita dall amministrazione con procedura di evidenza pubblica. 13 MOSLEY H., (1997), ha esaminato la penetrazione dei servizi pubblici e privati per l impiego in cinque Paesi europei sulla base dei dati dell indagine europea sulle forze di lavoro. Alla domanda su quale sia il principale canale di ricerca di lavoro una percentuale compresa tra il 20% (nel Regno Unito) ed il 77% (Germania) risponde il servizio pubblico, mentre la percentuale di disoccupati che si rivolge a canali privati non è mai superiore al 7%. 14 OECD, (2001).

10 148 SALVATORE PIRRONE cando il riferimento completo, onde il servizio pubblico non ha alcun controllo sull effettivo incontro tra lavoratori e datori di lavoro. Le diverse procedure presentano diversi punti favorevoli e sfavorevoli: la procedura chiusa presenta vantaggi in termini di rapidità e miglioramento delle liste; quelle (parzialmente o totalmente) aperte (che permettono la possibilità di chiedere il lavoro anche da parte di soggetti non registrati) tendono a selezionare persone generalmente più motivate, in quanto debbono prendere loro stessi l iniziativa. Le procedure hanno ovviamente un diverso costo di gestione, che è massimo per le procedure semiaperte, specie quando i richiedenti sono affiancati e selezionati da consulenti individuali, e minimo per la procedura aperta. In ogni caso molti Paesi combinano diversi sistemi, lasciandone la scelta al datore di lavoro, scegliendo il tipo di procedura più adeguato per l occasione, ovvero ancora dando preferenza a particolari categorie di soggetti svantaggiati prima di pubblicizzare la vacancy ad altri interessati. Tuttavia è sempre più utilizzata, anche dai servizi pubblici, la via telematica, con varie modalità: già negli Anni Novanta diversi Paesi avevano implementato un sistema di ricerca self-service mediante la messa a disposizione di terminali collegati con i propri archivi; negli ultimi anni ci si è focalizzati ovviamente su Internet, che permette di accedere alle offerte di lavoro relative a tutto il territorio nazionale (o di una area geografica) direttamente da casa o da postazioni appositamente adibite dai Servizi Pubblici per l Impiego (Spi). 3 L incontro domanda e offerta di lavoro in Italia: gli operatori privati Nel nostro Paese la disciplina degli Spi si formata a seguito di una stratificazione delle norme che si sono via via succedute nel corso degli anni. Storicamente il nostro legislatore ha avuto un atteggiamento ostile nei confronti degli intermediari privati, tanto da disciplinare la materia in senso rigidamente monopolistico. Esclusa in maniera radicale la possibilità dei privati di esercitare l attività di intermediazione tra domanda ed offerta di lavoro, la Legge 264/1949 delineava un controllo totale da parte delle strutture pubbliche su tutta la procedura di avviamento al lavoro: la procedura di assunzione avveniva di regola mediante richiesta del numero di lavoratori da assumere al servizio competente, che avviava i lavoratori iscritti nelle liste, secondo l anzianità di permanenza. Progressivamente depotenziata tale procedura a seguito della liberalizzazione del passaggio diretto tra aziende diverse, nonché dall introduzione di numerose eccezioni, il ruolo degli uffici di collocamento si è negli anni esaurito nella mera gestione formalistica e burocratica delle liste.

11 L INCONTRO TRA DOMANDA ED OFFERTA DI LAVORO 149 Solo recentemente quindi, ed anche a seguito di una sentenza della Corte di Giustizia delle Comunità Europee (sentenza Job Centre) che ha dichiarato l incompatibilità del monopolio pubblico rispetto alla normativa comunitaria in materia di concorrenza, il nostro Paese ha riconosciuto come legittima la presenza di operatori privati di collocamento. Oggetto della liberalizzazione sono state in primo luogo le società di fornitura di lavoro temporaneo (o interinale), la cui attività consiste nel porre lavoratori da essa assunti (a tempo indeterminato o di volta in volta a tempo determinato) a disposizione di un impresa che ne utilizzi la prestazione lavorativa per il soddisfacimento di esigenze di carattere temporaneo (Legge 24 giugno 1997, n. 196, c.d. Legge Treu). Subito dopo, con il Dlgs 469/97, sono state definite le modalità per l autorizzazione a svolgere attività di mediazione tra domanda e offerta di lavoro, liberalizzando dunque anche le società di mediazione tra domanda ed offerta di lavoro; tali società, secondo la definizione di legge, svolgono attività di raccolta di curricula, preselezione e costituzione delle relative banche dati; orientamento professionale; ricerca e selezione dei lavoratori; promozione e gestione dell incontro tra domanda ed offerta di lavoro; gestione di attività dei servizi all impiego a seguito di convenzioni con le pubbliche istituzioni preposte Estremamente diversa è stata tuttavia la crescita dei due settori. Le società di mediazione hanno avuto uno sviluppo estremamente deludente, probabilmente frenate dagli appesantimenti burocratici, legati alla necessità dell autorizzazione, all esclusività dell oggetto sociale ed all alto livello di capitalizzazione richiesto, nonché ad altre più specifiche imposizioni. Il settore è conseguentemente rimasto ad uno stadio di sottosviluppo, svolgendo un ruolo estremamente marginale nell economia del sistema. Un ruolo di supplenza nei confronti dell attività di mediazione propriamente detta è stata quindi svolto dalle società di fornitura di lavoro interinale che invece hanno conosciuto uno sviluppo notevole dal 1998 ad oggi, arrivando ad avviare nel 2001 oltre missioni ed a occupare circa lavoratori equivalenti a tempo pieno (fig. 4).

12 150 SALVATORE PIRRONE Fig. 4 - Lavoratori temporanei equivalenti a tempo pieno, luglio giugno 2001 Fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Rapporto di monitoraggio sulle politiche occupazionali e del lavoro, n. 2/2001. Dati Inps. Nell ambito dell incontro tra domanda ed offerta di lavoro lo spazio lasciato libero dalle società di mediazione è stato progressivamente occupato da società non autorizzate che svolgono in via di fatto l attività di selezione e reclutamento on line, mediante la gestione di banche dati di curricula e la pubblicizzazione delle offerte di lavoro. Si tratta di una varietà di soggetti piuttosto vasta, che va dai quotidiani non specializzati che offrono questa funzionalità come servizio per i propri utenti alle società multinazionali che svolgono questa attività in maniera professionale. Proprio per tentare di cogliere ed in qualche maniera di regolare questo settore la Legge 388/00 (finanziaria per il 2001), modificando l art. 10 del Dlgs 469/97, ha tipizzato altre due tipologie di intermediari, che ha sottoposto ad accreditamento da parte del Ministero: le società di ricerca e selezione del personale che, su specifico ed esclusivo incarico di consulenza ottenuto dal datore di lavoro, ricercano, selezionano e valutano i candidati sulla base del profilo professionale; le società di supporto alla ricollocazione professionale (o di outplacement), che si intende l attività effettuata su specifico ed esclusivo incarico del datore di lavoro cliente, ovvero in base ad accordi sindacali da soggetti surroganti il datore di lavoro, al fine di facilitare la rioccupazione nel mercato di prestatori di lavoro, singoli o collettivi, attra-

13 L INCONTRO TRA DOMANDA ED OFFERTA DI LAVORO 151 verso la preparazione, l accompagnamento della persona e l affiancamento della stessa nell inserimento della nuova attività 15. Il grado di diffusione dell attività di ricerca e selezione è testimoniato dall ingente numero di società accreditatesi presso il Ministero, giunto in un anno a quota 162, la gran parte delle quali ha sede nel Nord del Paese, ove più sentita è la difficoltà di reperimento della manodopera. Tav. 1 - Società accreditate per l attività di ricerca e selezione di personale per regione - situazione al mese di aprile 2002 Piemonte 9 Lombardia 75 Liguria 1 Trentino-Alto Adige 1 Friuli-Venezia Giulia 3 Veneto 28 Emilia-Romagna 21 Toscana 6 Umbria 1 Marche 7 Lazio 7 Abruzzo 1 Campania 2 Nord-Ovest 85 Nord-Est 53 Centro 21 Mezzogiorno 3 Totale complessivo 162 Nota: la modalità di accreditamento permette di considerare separatamente le diverse sedi di una medesima impresa. Fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. 15 Come esplicitato nella Nota n. 1/927 AG 8/1 della Direzione Generale per l Impiego del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l attività di mediazione ricomprende quella di ricerca e selezione del personale, nonché quelle di ricollocazione.

14 152 SALVATORE PIRRONE Introdotta, con la Legge 608/96, la facoltà di assunzione nominativa (sia pure limitatamente ai lavoratori 4 iscritti nelle liste), è sostanzialmente venuta meno anche la funzione degli uffici di collocamento come uni- L incontro domanda e offerta di lavoro in Italia: co e necessario tramite tra la domanda e l offerta di lavoro. Ci si è conseguentemente posti il problema di il servizio pubblico trovare un nuovo ruolo del servizio pubblico per l impiego, che rispondesse in maniera più efficiente alle necessità di una società più dinamica. Il Decreto Legislativo 469/97 ha innanzitutto devoluto alle Regioni (perché a loro volta le devolvessero alle province) le funzioni ed i compiti in materia di collocamento, incontro tra domanda ed offerta di lavoro ed iniziative volte ad incrementare l occupazione, contemporaneamente regolando i rapporti tra tali servizi e gli operatori privati. Successivamente il Decreto Legislativo 181/2000 ha riformato il ruolo del servizio pubblico cercando di inquadrarlo nell ottica dell approccio preventivo delineata dalla Strategia Europea per l Occupazione, ma conservando ambiguità ed incoerenze che attendono ancora di essere sanate. In questa cornice si inquadra l accordo raggiunto il 16 dicembre 1999 in Conferenza Unificata, che ha definito le funzioni essenziali dei servizi per l impiego, identificandole nelle seguenti: a) accoglienza ed informazione orientativa; b) gestione procedure amministrative; c) orientamento e consulenza; d) promozione di segmenti del mercato del lavoro e sostegno delle fasce deboli ; e) incontro domanda/offerta. Ciononostante l attività di mediazione svolta dagli Spi continua ad essere deludente. Il servizio pubblico ha consolidato presso le imprese una cattiva immagine di se stesso, tale per cui ben pochi disoccupati hanno effettivamente trovato lavoro con l aiuto del servizio: le indagini disponibili indicano che solo il 4% di chi trova lavoro, lo deve a questo servizio; conseguentemente la ricerca di lavoro si affida per lo più a canali alternativi al servizio pubblico, che continua a perdere terreno (tav. 2).

15 L INCONTRO TRA DOMANDA ED OFFERTA DI LAVORO 153 Tav. 2 - Disoccupati in base alla tipologia delle azioni di ricerca - dati in migliaia (*) LUGLIO 1999 LUGLIO 2000 LUGLIO 2001 Solo azioni presso gli Spi Azioni che non coinvolgono gli Spi Azioni di entrambi i tipi (*) Nel totale non sono inclusi i disoccupati in attesa d iniziare un lavoro. Fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Rapporto di monitoraggio sulle politiche occupazionali e del lavoro, n. 2/2001. Dati Istat, indagine sulle forze di lavoro. Su questo disservizio ha certamente pesato in primo luogo la difficoltà della riconversione delle strutture e del personale che vi lavorava, specie se valutata in relazione al contestuale trasferimento tra livelli di governo, che ha interessato competenze, strutture e risorse e che si è, inoltre, concretizzato nell assenza di un sistema informativo adeguato e basato su standard condivisi tra Stato e Regioni. Ha influito, inoltre, l incertezza e l incoerenza del quadro normativo, dovuta alla contestuale vigenza di testi normativi (il Decreto Legislativo 181/2000 ed il Dpr 442/2001 da una parte; la Legge 264/1949 dall altra) afferenti a visioni affatto diverse dell attività degli Spi. Una ragione non secondaria è poi da ricercare nella povertà delle risorse economiche poste in campo, solo in parte sanate dalle risorse all uopo stanziate nell ambito della programmazione del Fondo Sociale Europeo del settennio L incontro domanda e offerta on line Nell ottica di un rilancio dell attività degli Spi ed in particolare dell attività di incontro tra domanda ed offerta di lavoro, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha recentemente avviato sul proprio sito Internet la sperimentazione di un software di gestione on line di tale procedura, chiamato e-labor. Il software, disegnato in maniera da essere compatibile con il software gestionale dei centri per l impiego Netlabor3, si compone di due moduli, rispettivamente relativi alla gestione dell offerta di lavoro (curricula) e della domanda di lavoro (vacancies). In relazione ad entrambe le basi di dati sono previste diverse modalità di alimentazione e di ricerca. L inserimento dei dati può, infatti, avvenire direttamente dal soggetto interessato (lavoratore o azienda) tramite una interfaccia web, ovvero per il tramite dei Centri per l Impiego e di altre strutture autorizzate (ivi incluse le società di mediazione). Quanto alla ricerca, sono previsti diversi livelli di abilitazione, in modo da consentire agli uffici abilitati la visualizzazione completa

16 154 SALVATORE PIRRONE del curriculum, laddove gli altri soggetti dovranno rivolgersi al servizio competente per completare la procedura. Il sistema si pone pertanto come momento di sintesi dell attività di incontro domanda/offerta svolta dagli uffici locali e dai privati convenzionati, e conseguentemente delle informazioni rispettivamente detenute. 5 Prospettive di sviluppo: il ruolo del Sistema Informativo Lavoro (Sil) in un ottica di cooperazione tra operatori privati e servizio pubblico La necessità di un intervento che riformi il sistema di incontro tra domanda ed offerta di lavoro, sia per quanto riguarda il lato pubblico che quello privato è evidente, ed è richiamata senza incertezze nel recente Libro bianco sul mercato del lavoro pubblicato dal Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali nell ottobre del Ciò su cui il documento punta l indice è in primo luogo la necessità di creare tra attori pubblici e privati un regime di competizione, ma anche di cooperazione, che è essenziale soprattutto nel campo della produzione ed utilizzo di informazioni. In un sistema in cui gli operatori privati provvedono a fornire i servizi in un ottica di mercato, il servizio pubblico deve porsi come primo obiettivo quello di rimediare ai fallimenti di questo mercato, ed in particolare al rischio che i soggetti meno occupabili, ossia meno appetiti dal mercato del lavoro, ne rimangano al margine. Target principale del servizio pubblico sono quindi i soggetti più bisognosi, con i quali andranno concordati percorsi che, passando eventualmente per periodi di riqualificazione che ne migliorino la professionalità e la adeguino alle condizioni di mercato, giungano all esito della immissione nell occupazione. Perché tuttavia il servizio pubblico possa svolgere degnamente tale funzione è indispensabile che esso (e conseguentemente i propri utenti) possa accedere nella maniera più completa possibile alle informazioni sui posti di lavoro vacanti. Va conseguentemente «accelerata la realizzazione di un infrastruttura informatica integrata, pubblico-privata, per l incontro domanda-offerta, riformando l attuale SIL, che dovrà connotarsi come un sistema policentrico». Il Sil si pone quindi come snodo essenziale del sistema di incontro domanda offerta realmente integrato, che dovrebbe ridurre ad unità il mercato, evitarne frammentazioni e conseguentemente incrementarne l efficienza, in termini di riduzioni dei costi delle transazioni e di rapidità, e l efficacia, consentendo una ricerca più fine e più mirata. Soggetti di questo sistema saranno, oltre ai servizi pubblici competenti ed alle agenzie private di mediazione, anche gli enti previdenziali, il collegamento con i

17 L INCONTRO TRA DOMANDA ED OFFERTA DI LAVORO 155 quali è reso necessario dallo stretto nesso che deve essere instaurato tra concessione di sussidi e ricerca di lavoro nel quadro del programma concordato con le strutture competenti. Restano invece fuori dal sistema gli uffici privati di collocamento diversi dalle società di mediazione, quali le società di fornitura di lavoro temporaneo, quelle di outplacement e soprattutto quelle di ricerca e selezione, che pure avrebbero potuto arricchirne le potenzialità informative. Questo disegno ha già la sua premessa e copertura giuridica nell art. 10, comma 6, del Dlgs 469/97, secondo il quale le società di mediazione autorizzate si impegnano a «fornire al servizio pubblico, mediante collegamento in rete, i dati relativi alla domanda e all offerta di lavoro che sono a loro disposizione». La disposizione è rimasta a tutt oggi inattuata, ed indefinite restano tuttora le modalità di accesso a quei dati (che pure avrebbero dovuto essere definite con decreto ministeriale da emanare entro 120 giorni dall entrata in vigore del Dlgs 469/97). Tuttavia l evoluzione del sistema di incontro domanda/offerta on line potrà costituire lo standard per l interscambio di informazioni suddetto. Il lavoro futuro dovrà incentrarsi in particolare sulla sempre maggiore integrazione tra i Centri per l impiego e tra questi e gli operatori privati; ruolo del Ministero del Lavoro dovrà essere allora quello di fungere da cerniera (ed al tempo stesso di impulso) di questo collegamento, fissando gli standard di interoperabilità, ed al tempo stesso quello di monitorare il sistema, permettendo il confronto tra le diverse realtà locali e l identificazione di buone pratiche.

18 Bibliografia BANCA CENTRALE EUROPEA (BCE), Labour market mismatches in euro area countries, mimeo, marzo BIAGI M., Istituzioni di diritto del lavoro, Giuffré, Milano, COMMISSIONE EUROPEA, Employment in Europe, Bruxelles, COMMISIONE EUROPEA, Background note IND/10/01/B/EN, mimeo, DE KONING J., J. DENYS, U. WALWEI, Deregulation in Placement Services: a Comparative Study for Eight EU Countries, Directorate-General for Employment, Industrial Relations and Social Affairs, European Commission Luxembourg, KUHN P., SKUTERUD M., Job search methods: Internet versus traditional, Monthly Labor Review, ottobre 2000, in KUHN P., SKUTERUD M., Does Internet Job Search Reduce Unemployed Workers Jobless Durations?, 2001, in MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE, NotaFlash, n. 12/2001, Roma, in MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE, Rapporto di monitoraggio sulle politiche occupazionali e del lavoro, n. 2/2000, Roma, in MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI, Libro bianco sul mercato del lavoro, Roma, MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI, Rapporto di monitoraggio sulle politiche occupazionali e del lavoro, n. 1/2001, Roma, in MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI, Rapporto di monitoraggio sulle politiche occupazionali e del lavoro, n. 2/2001, Roma, in MOSLEY H., Market Share and Market Segment of Employment Services in the EU: Evidence from Labour Force Surveys, in MISEP Policies, no. 57, OECD, Employment Outlook, OECD, Employment Outlook, Parigi, OECD, Innovations in Labour Market Policy: the Australian Way, Parigi, OECD, Labour Market Policies and the Public Employment Service, Parigi, OECD, The Public Employment Service in the United States, Parigi, 1999.

19 158 BIBLIOGRAFIA OECD, The Public Employment Service: Greece, Ireland, Portugal, Parigi, SESTITO P., Il mercato del lavoro in Italia. Com è. Come sta cambiando, Laterza, TREU T., Politiche del lavoro, Il Mulino, 2002.

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco

Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Perché non si può crescere senza ricerca Ignazio Visco Un economia sana e con buone prospettive di crescita deve saper cogliere i frutti del progresso tecnico, che solo adeguati investimenti in ricerca

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio

Tirocini a due anni di distanza dalle Linee-guida: primo bilancio Working Paper A s s o c i a z i o n e p e r g l i S t u d i I n t e r n a z i o n a l i e C o m p a r a t i s u l D i r i t t o d e l l a v o r o e s u l l e R e l a z i o n i i n d u s t r i a l i Tirocini

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

SERVIZI PER IL LAVORO

SERVIZI PER IL LAVORO SERVIZI PER IL LAVORO La collaborazione tra gli operatori pubblici e privati GLI STRUMENTI La collaborazione tra gli operatori pubblici e privati di Roberto Cicciomessere e Maurizio Sorcioni Pr e fa z

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

LIBRO BIANCO SUL MERCATO DEL LAVORO IN ITALIA PROPOSTE PER UNA SOCIETÀ ATTIVA E PER UN LAVORO DI QUALITÀ

LIBRO BIANCO SUL MERCATO DEL LAVORO IN ITALIA PROPOSTE PER UNA SOCIETÀ ATTIVA E PER UN LAVORO DI QUALITÀ LIBRO BIANCO SUL MERCATO DEL LAVORO IN ITALIA PROPOSTE PER UNA SOCIETÀ ATTIVA E PER UN LAVORO DI QUALITÀ Roma, ottobre 2001 Il Libro Bianco sul mercato del lavoro è stato redatto da un gruppo di lavoro

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani

Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani Piano di attuazione italiano della Garanzia per i Giovani 1 Il contesto 1.1 Il contesto europeo La Raccomandazione del Consiglio dell Unione Europea del 22 aprile 2013 sull istituzione di una Garanzia

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli