Il dossier Filctem-Cgil Allarme lavoro : tutti i numeri delle crisi industriali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il dossier Filctem-Cgil Allarme lavoro : tutti i numeri delle crisi industriali"

Transcript

1 Vertenze in primo piano nella chimica, tessile, energia, manifatture Il dossier Filctem-Cgil Allarme lavoro : tutti i numeri delle crisi industriali 1. Un interminabile elenco di nomi, dati, cifre. Allarme lavoro è il dossier elaborato dalla Filctem-Cgil nazionale sulla crisi di imprese, comparti e aree industriali della chimica, del tessile, dell'energia e delle manifatture. Un report sul dramma collettivo che dal 2008 ad oggi - tra licenziamenti, mobilità, cassa integrazione, processi di ristrutturazione, contratti di solidarietà - ha già coinvolto oltre lavoratori ( solo nel settore tessile, più di nell'industria farmaceutica, oltre nella raffinazione, ecc.) e che sembra non avere fine. Ovunque dal nostro osservatorio, dalla grande alla piccola impresa, siamo in una situazione di forte sofferenza e difficoltà. Nella recente assise nazionale dei quadri e delegati svoltasi a Roma il 12 dicembre 2013 presente la segretaria generale Cgil, Susanna Camusso - gli interventi di delegate e delegati hanno messo a fuoco quelle vertenze (Prato, Vinyls, Omsa, Bridgestone, Civita Castellana, Solvay, Pirelli, raffineria Eni di Gela, Tirreno Power, ecc.) che sembrano non avere mai fine, per le quali in alcuni casi si aspettano risposte concrete da anni. Probabilmente Prato (dopo la tragedia del 1 dicembre 2013, la Filctem si è costituita parte civile) non rappresenta solo la più grande concentrazione di lavoro nero, al limite della brutalità e della schiavitù che esiste in Europa, ma anche un territorio è stato detto che ha perso oltre addetti solo nel distretto tessile dall'inizio di quella crisi che non accenna a diminuire. In particolare colpiscono gli annunci di grandi gruppi esordisce Emilio Miceli, segretario generale della Filctem-Cgil che si ritirano dal contesto italiano ed europeo sono davvero pesanti: molti di loro considerano esaurita l'esperienza industriale nel nostro paese, senza che le istituzioni italiane ed europee muovano un dito, siano in grado di una vera discussione su ciò che sta avvenendo. Se poi aggiunge il segretario ci limitiamo al nostro ambito, le stesse nostre grandi aziende (Enel ed Eni su tutte) agiscono tutte in condizioni di grandi difficoltà nel mercato italiano. Nel caso di Eni poi, se il Governo insiste nella cessione a mio parere sbagliata delle quote di partecipazione del Tesoro, si rafforzerà inevitabilmente un orientamento dell'azienda proteso a concentrare la propria attenzione fuori dall'italia. Così sostiene Miceli perdiamo dividendi stabili solo per un ristoro momentaneo del bilancio dello Stato. Risultato? Diminuiranno gli investimenti in Italia, altro che interessi del Paese!. Che fare per risollevare le sorti dell'economia reale? Due proposte su 1

2 tutte, avanza Miceli: la prima, investire una parte dei proventi derivanti dal riequilibrio della tassazione delle rendite e dalle cedole milionarie che, ad esempio Eni ed Enel, staccano ogni anno allo Stato per contribuire a finanziare almeno il loro lavoro industriale, ricerca, chimica di base e verde, raffinazione e settore termoelettrico; la seconda, abbassare il costo dell'energia, decisamente fuori competizione (+30% che in altri Paesi concorrenti) e che purtroppo rappresenta un deterrente formidabile per investimenti nella ceramica, chimica, vetro, gomma-plastica, notoriamente settori energivori: Non sarebbe utile - si domanda Miceli chiedere all'autorità per l'energia una moratoria sugli aumenti dell'energia per almeno tre anni?. 2. Cominciamo in questo lungo viaggio attraverso la crisi, innanzitutto da Vinyls, il gruppo chimico del ciclo del cloro, prima in esercizio provvisorio poi passata al fallimento, per 4 anni commissariata, con 490 addetti ripartiti nei tre stabilimenti di Porto Torres, Porto Marghera e Ravenna, che diventano il triplo con l indotto. La vertenza Vinyls è divenuta nel tempo un simbolo: dall occupazione durata un anno dell isola dell Asinara ( l isola dei cassaintegrati ), all arrampicata a 110 metri d altezza sulle torce spente del polo petrolchimico della laguna di Venezia. Di recente, dopo innumerevoli vicissitudini che hanno visto acquirenti fantasma (prima gli arabi della Ramco, poi gli svizzeri del fondo Gita) e false illusioni alimentate dagli ultimi governi, con gli impianti sempre fermi e i lavoratori per molti mesi senza stipendio. L'8 luglio 2013 il Tribunale di Venezia ha deciso di concordare sei mesi di esercizio provvisorio: il sindacato ha chiesto la prosecuzione della cig straordinaria (ottenuta per un anno a partire dall'8 luglio sia per i 125 dipendenti di Porto Marghera che per i 90 di Porto Torres, n.d.r.) e l apertura di un negoziato con uno dei soggetti interessati ( Oleificio Medio Piave ). In tutti i casi se non si troveranno acquirenti, dal luglio 2014 scatterà inesorabilmente la mobilità per tutti. Nel caso di Porto Marghera avverte Miceli non c'è solo il problema del recupero dell'area, ma è in gioco la sopravvivenza di quello che è il cuore della chimica italiana, da dove si determina l'impulso per tutto il settore industriale: se nei prossimi anni insomma, qui e altrove, l'italia sarà o meno un paese che vivrà ancora della sua produzione industriale. Certo, aggiunge Miceli il recente accordo Eni-Versalis e sindacati con 200 milioni di investimento nella chimica verde in partnership con l'americana Elevance Renewable Sciences, aiuta - e di molto - perchè rende il sito sempre più competitivo e crea sinergie tra l'industria chimica da fonti rinnovabili e quella tradizionale attraverso l'utilizzo di etilene. Sempre nell area industriale veneziana, si contano le difficoltà della raffineria Eni, le chiusure di Montefibre (80 in mobilità dal 1 gennaio 2014), Dow Chemical e Sirma, le crisi di Solvay, Pilkington (rinnovato il contratto di solidarietà per i 150 lavoratori occupati per altri 24 mesi, a 2

3 partire dal 17 settembre 2013, n.d.r.), Pansac International (su 650 dipendenti dei quattro siti ne verranno riassunti 521 in quattro anni dai nuovi acquirenti di Polirama, società della Selene di Lucca, a seguito della procedura per la cessione di ramo d'azienda 22 ottobre 2013) e Reckitt Benckiser, le difficoltà dei distretti del vetro di Murano e del calzaturiero della Riviera del Brenta: in totale, nell arco di un quinquennio, sono finiti in mobilità più di lavoratori. 3. Il modello inizialmente proposto da Electrolux evidentemente rischia di fare scuola anche nei nostri settori: la ex-memc di Novara (ora SunEdison), la multinazionale americana leader mondiale nella produzione di silicio, ha avanzato una specifica richiesta ai sindacati di riduzione del 15% del costo del lavoro entro aprile agendo principalmente sul fronte salariale e, in caso di mancato accordo, attraverso la disdetta delle intese aziendali raggiunte finora (attualmente i 458 lavoratori sono in cassa integrazione straordinaria fino a maggio 2014). Inoltre per l'altro stabilimento di Sinigo (a Merano) la società ha previsto la chiusura del reparto policristallo: a rischio il lavoro per 235 operai. Non meno grave la situazione del Sulcis Iglesiente: Eurallumina (produzione di allumina dalla bauxite), la società controllata dalla russa Rusal, nella quale lavoravano tra diretti e indotto 700 lavoratori, oggi 302 tutti in cassa integrazione; Carbosulcis, l'azienda mineraria controllata dalla Regione Sardegna, a rischio fallimento (vi lavorano 454 addetti); Rockwool, Portovesme, Rwm, Ssb, Sarmed (biomedicale), Abbanoa, la stessa Enel, tutte società coinvolte in processi di ristrutturazione che, se non scomparse del tutto, hanno lasciato per strada centinaia di lavoratori. Più nello specifico in una grande regione come la Lombardia, i dati dell'osservatorio regionale Filctem evidenziano una forte riduzione del tessuto produttivo nei settori chimico-farmaceutico, gomma-plastica, tessile, ceramica, energia, vetro: 1) le aziende coinvolte nei processi di ristrutturazione e di riorganizzazione sono, all'inizio di ottobre, 817; 2) i lavoratori coinvolti dagli ammortizzatori sociali sono circa , di cui 9300 in cassa integrazione; 4500 in mobilità; 1200 fruiscono dei contratti di solidarietà; 3) i posti di lavoro persi e che si perderanno per cessazione di attività e ristrutturazioni sono più di 6800, che si andranno ad aggiungere ai quasi persi dall'inizio della crisi. Nel mantovano poi, dopo le notizie poco rassicuranti sul futuro della raffineria Ies (410 i lavoratori a rischio), scoppia anche la grana di Pompea, uno dei nomi più noti della calzetteria e dell'intimo: l'azienda ha annunciato, nei due stabilimenti di Asola e Medole, 200 esuberi, più della metà della forza lavoro impiegata, per delocalizzare in Serbia. Emblematico poi il caso della Solvay-Selexis ( dipendenti nel 3

4 mondo, 2200 nei 12 stabilimenti italiani), multinazionale belga che opera nel settore della chimica e delle materie plastiche, che nel 2012 ha acquisito Rhodia, società chimica di specialità: qui è in atto una riorganizzazione che sta modificando i profili industriali delle attività con possibili ed eventuali impatti sull'occupazione. 4. In Emilia Romagna, in particolare a Ferrara, all interno del polo chimico, si collocano sia l impianto di servizi e attività che il celebre Centro di ricerche Giulio Natta (per un complesso di 850 unità) di Lyondell Basell, la multinazionale olandese-americana, che a metà gennaio 2013 aveva annunciato un drastico ridimensionamento del sito (dove ogni anno si producono i due terzi dei brevetti internazionali del gruppo), accompagnato da 105 esuberi, nonostante i ricavi per 51 miliardi di dollari. Poi dietro-front, si accende una speranza, dopo l'accordo del 19 luglio 2013, anche grazie alla mediazione della Regione Emilia Romagna: niente licenziamenti ma una tabella di marcia che attraverso esodi volontari e prepensionamenti dovrà conseguire il risultato della fuoriuscita di 39 unità dall'organizzazione Basell che potranno essere riassorbite coinvolgendo l'intera platea del sito. L'incontro del 20 settembre, sempre presso la Regione, avrebbe dovuto rappresentare l'avvio di un confronto interno all'azienda anche per favorire la mobilità aziendale in un quadro complessivo di riassetto organizzativo. Da quel momento in poi il gruppo dirigente di Basell non si è più reso disponibile ad aprire un confronto vero sul piano industriale: inevitabile, ai primi di febbraio 2014, una serie di azioni di lotta e di scioperi articolati. Ma Lyondell Basell faceva anche parte del polo chimico di Terni. Poi, a fine 2011, quell impianto (con 70 addetti) ha chiuso, e successivamente sono finiti in commissariamento o in amministrazione straordinaria Treofan, Meraklon spa e Meraklon Yarn. Intendiamoci incalza Miceli Basell è un'azienda sana, che deve gran parte delle sue fortune alla sua eccezionale esperienza industriale in Italia. A maggior ragione è insopportabile che la multinazionale tenga in ostaggio un'area industriale - peraltro dotata di importanti infrastrutture, dalla ferrovia a una centrale di produzione elettrica - all'interno del polo chimico ternano che potrebbe essere utilizzata per rilanciare altre imprese ( è il caso di Meraklon ) che hanno mercato ma che rischiano di soccombere. Sempre a Terni altre grane: la Sgl Carbon, la multinazionale tedescoamericana che produce elettrodi in grafite per forni elettrici, ha dimezzato la produzione nell'unico stabilimento italiano di Narni, spento un forno su due e rischia di chiudere, mettendo in mora 110 lavoratori, e l'intera industria siderurgica italiana già oggi in sofferenza (caso Ilva insegna) per gli eventuali acquisti della materia prima dai nostri diretti concorrenti. Per non parlare della Isrim (l'istituto di ricerca e formazione sui materiali speciali per le tecnologie avanzate) 4

5 per il quale è ormai decisa la liquidazione: per i 36 ricercatori si prospetta la via della mobilità. La chimica segna il passo anche in Calabria: a Cirò Marina uno stabilimento di Eni Syndial, inserito nel ciclo del cloro con 60 addetti tra produzione e miniera di salgemma a Belvedere Spinello, non ha più molte speranze di ripartire, nonostante le iniziali prospettive tutte prevalentemente legate a Vinyls. Completano la panoramica sui poli chimici i ridimensionamenti avvenuti nelle aree industriali di Siracusa e Gela. 5. Nel Lazio, otto anni dopo, la battaglia continua. È il caso della Videocon (ex Videocolor) di Anagni (Frosinone), del gruppo francese Thomson, leader nella produzione di cinescopi per televisori, chiusa nel 2005 dopo una lunga serie di ristrutturazioni. Gli acquirenti indiani Videocon si erano impegnati alla riconversione alla nuova tv al plasma, con l ausilio di sindacati, governo e Regione Lazio, attraverso un contratto di programma di 56 milioni. L operazione non è andata in porto e nel 2012 l azienda è finita in tribunale per fallimento. L'ennesima brutta notizia per i dipendenti rimasti è che il 14 giugno 2013, tutti i lavoratori - terminata la lunga cassa integrazione prevista - sono stati messi in mobilità. Ma anche in questo caso si è riaccesa una speranza: i sindacati e le istituzioni locali che più di altri si erano battuti per realizzare l'area di crisi e un accordo di programma che potesse dare risposte alle 160 manifestazioni imprenditoriali di interesse, investire nel territorio, rioccupare i lavoratori ex Videocon, lo hanno finalmente portato a casa il 2 agosto scorso: l'accordo di programma firmato dal ministro dello Sviluppo Economico Zanonato e dal presidente della Regione Lazio Zingaretti prevede un investimento per l'area Frosinone-Anagni di 81 milioni per promuovere programmi di investimento e il reimpiego dei lavoratori espulsi dalla filiera produttiva dell'ex stabilimento Videocon. Per i lavoratori licenziati spunta anche una proposta di aiuto Ue: la Commissione europea (5 marzo 2014) ha infatti proposto di fornire all'italia 3 milioni di euro del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione. Ma non bisogna più perdere tempo - sostiene con forza Miceli -, devono divenire immediatamente fruibili l'accesso al credito, lo start up di nuove imprese, l'attivazione di investimenti, gli incentivi all'occupazione perchè in crisi è tutta l area industriale di Frosinone: su 65 aziende (chimiche-farmaceutiche e manifatturiere), 45 sono in difficoltà, con più di persone coinvolte su un totale di (solo i lavoratori finiti in mobilità negli ultimi due anni sono stati 744). In Emilia Romagna, altra vertenza storica è quella dell Omsa di Faenza, il celebre marchio di calze di proprietà della Golden Lady, che nel 2009 ha chiuso lo stabilimento e trasferito parte della produzione in Serbia. Grazie alla lotta delle 340 dipendenti (poi ridotte a 229) e 5

6 all impegno di sindacati e istituzioni si è trovato un accordo di nuova industrializzazione del sito con Atl, azienda del legno che ha assunto 145 lavoratrici a conclusione di un processo di riqualificazione professionale. Resta aperta la ricollocazione di 62 addette, attualmente in cassa integrazione in deroga. Nel 2011 Golden Lady ha chiuso l impianto di Gissi (Chieti), mettendo nei guai 380 persone, solo in parte (220) riassorbite nel tessile-calzaturiero. Sempre nella Regione Emilia Romagna, due altri punti di crisi: è alta tensione con i sindacati alla Giorgio Armani s.p.a. per un piano di esodi, ricorso ad ammortizzatori sociali e trasferimenti che riguarda il destino dei 164 dipendenti negli stabilimenti di Baggiovara (Modena) e San Martino in Rio (Reggio Emilia). L'altra grana in provincia di Ferrara, dove la Servizi Ospedalieri - società del gruppo Manutencoop, leader in Italia nel settore dei servizi specialistici di supporto all'attività sanitaria si è arrogata il diritto di decidere unilateralmente il destino di 115 lavoratori, con la sospensione del sito di Porto Garibaldi, preludio alla sua definitiva chiusura. Dopo settimane di lotte e mobilitazioni, l'azienda è arrivata a più miti consigli, sottoscrivendo un accordo prima alla Regione Emilia Romagna e poi al ministero del Lavoro (23 gennaio 2014) che prevede 24 mesi di cassa integrazione straordinaria a partire dal 1 gennaio Nerviano Medical Sciences, in provincia di Milano, è il più grosso centro di ricerche e sviluppo di farmaci oncologici in Italia e uno dei più importanti d Europa. A seguito della crisi e del debito creato dalla precedente proprietà, l azienda è a rischio, con possibili conseguenze per il personale (575 dipendenti, di cui 170 ricercatori), nonostante proprio recentemente (30 luglio 2013) sia stato siglato un accordo di collaborazione con il Gruppo Ricerca Servier, società europea leader nella ricerca, per lo sviluppo e la commercializzazione di una molecola antitumorale scoperta proprio a Nerviano e, più recentemente (fine ottobre), con la società biotech americana Ignyta (accordo per 113 milioni di dollari) che garantirà a quest'ultima lo sviluppo esclusivo e i diritti di commercializzazione di due diversi inibitori tirosino-chinasi per il trattamento dei tumori del polmone e del colon. In Puglia, veniamo alle situazioni più recenti. Dopo l annuncio shock (4 marzo 2013) della chiusura dello stabilimento di Bari-Modugno della Bridgestone, la multinazionale giapponese dei pneumatici, ci sono state numerose riunioni al ministero dello Sviluppo economico per trovare soluzione alla vertenza che pregiudica il lavoro di 950 operai. Una intesa di massima è stata raggiunta (1 agosto 2013) dai sindacati e l'azienda su un progetto triennale che prevedeva la riconversione delle linee di lavorazione per produrre copertoni a basso costo (tipologia general use) al posto di quelli ad alta qualità, a partire dal Finalmente il 30 settembre al ministero dello Sviluppo Economico si firma l'accordo che consente di mantenere la produzione nello 6

7 stabilimento di Bari: prevista una riorganizzazione dell'azienda con una riconversione verso un prodotto ( general use ) a più basso valore aggiunto e la produzione a regime di 3,5 milioni di pneumatici sarà possibile anche attraverso il trasferimento di produzioni, attualmente in Asia. Quanto ai 950 lavoratori sono previste fino a 377 mobilità incentivate e volontarie; un piano biennale di cassa integrazione straordinaria; l'abbandono del ciclo continuo per quello a 5 giorni con quattro turni a 6 ore; forte sostegno alla formazione. Era partita come l'ennesima cattiva notizia, sempre nel settore dei pneumatici: l'amministratore delegato della Marangoni Tyre di Anagni (Fr) aveva annunciato (5 settembre) la chiusura dello stabilimento: 410 lavoratori (500 se si considera l'indotto) potrebbero presto perdere il posto di lavoro. Ma nell'incontro del 6 novembre scorso al ministero dello Sviluppo Economico, i sindacati sono riusciti ad ottenere un primo risultato: rinviata la procedura di licenziamento (mobilità) per i 410 operai, che sarà avviata solo se il ministero del Lavoro respingerà la cassa integrazione straordinaria per un anno (dal 1 gennaio 2014) per cessazione di attività. Il clima si rasserena perchè al ministero del Lavoro (26 novembre 2013) viene raggiunta l'intesa per la ulteriore proroga di un anno della cassa integrazione, scongiurando così i licenziamenti. 7. La Shell, una delle storiche sette sorelle petrolifere, mette in vendita in Italia una serie di attività collegate alla rete, alla distribuzione logistica e al settore Avio: una scelta che, se confermata temono i sindacati scorporerebbe le attività più fruttifere da altre a più bassa redditività. Il gruppo energetico tedesco E On., proprietario della centrale di Fiume Santo (Sassari), pur continuando a guadagnare (70 milioni di utili nel 2012) non dà corso all investimento previsto di costruzione del nuovo complesso a carbone, in sostituzione dei gruppi a olio combustibile, obsoleti e inquinanti: ad inizio 2013 la richiesta era di 130 esuberi su 249 unità. Dopo mesi di scioperi e manifestazioni, E.On. sembra si ravvedi e sta proponendo soluzioni alternative ai licenziamenti tout court (licenziamenti limitati ai soli volontari, contratto di solidarietà per 2 anni, outsourcing della logistica dei combustibili). La dinamica sembra simile a ciò che sta accadendo al centro diagnostico della Bracco, a Milano, dove la società farmaceutica e i suoi azionisti incassano 20 milioni e minacciano di licenziare 130 persone. In Friuli Venezia Giulia, inaccettabile poi l'annuncio (17 luglio 2013) della chiusura dello stabilimento Ideal Standard di Orcenico a Pordenone che mette a repentaglio il posto di lavoro di oltre 450 lavoratori. Non possiamo consentirlo diceva preoccupato Emilio Miceli, chiedendo al ministro Zanonato di riaprire il tavolo. Si possono prosegue il leader sindacale - e si devono trovare misure alternative, 7

8 anche perchè l'intero gruppo americano della ceramica sanitaria è interessato da un contratto di solidarietà difensivo fin dal 2010, destinato a scadere il prossimo 31 dicembre 2013 e, stante la normativa vigente, non sarà prorogabile. Gli incontri dell'11 settembre e del 14 ottobre 2013 al ministero dello Sviluppo Economico hanno portato a più miti consigli: la chiusura di Orcenico ha detto l'azienda al ministero non è più una pregiudiziale, dichiarandosi disponibile ad un confronto aperto nel cercare una soluzione che risponda sia alla necessità di far fronte ad un mercato in forte recessione e sia all'esigenza di tutelare l'occupazione: sospesa poi - nell'incontro del 21 novembre scorso sempre al ministero - la procedura di mobilità e attivata la richiesta al ministero del Lavoro per il ricorso alla cig in deroga per 6 mesi, dal 1 gennaio al 30 giugno 2014, proprio per ricercare un'intesa e individuare un percorso sul futuro industriale del gruppo: cassa integrazione in deroga che l'azienda ha firmato il 10 febbraio per tre mesi (1 febbraio- 30 aprile 2014) al ministero del Lavoro che, oltre ad aver determinato il ritiro della procedura di mobilità per i 410 lavoratori del sito di Orcenico (Pordenone), coinvolgerà a rotazione circa 954 unità degli stabilimenti di Orcenico stesso e di Trichiana (Belluno), mentre a Roccasecca (Frosinone) proseguirà il contratto di solidarietà. Poi Air Liquide (1.500 dipendenti) sta riorganizzando il comparto industrial merchant (gas in bombole), con il rischio annunciato inizialmente dal management di 210 esuberi che, nella fase finale del negoziato, si è ridotto a 160 unità ma salvaguardando l'occupazione tramite strumenti previsti dall'intesa al ministero del Lavoro (19 luglio 2013): cassa integrazione straordinaria, mobilità volontaria incentivata, sostegno al reddito, trasferimenti, formazione outplacement, orari. Sul versante invece dell'area sanità l'azienda ha avviato una procedura di mobilità per 36 dipendenti. Infine ancora nel settore chimico una notizia choc, recentissima: la Azko Nobel, multinazionale olandese specializzata nella produzione di vernici (attiva in 80 paesi, con addetti) chiude i battenti, annunciando la chiusura (5 dicembre) dello stabilimento di Romano d'ezzelino, a Vicenza (altri 112 lavoratori rischiano il posto dopo la riduzione del personale già effettuata nel 2011 a seguito dell'acquisizione del ramo di azienda da Dow Chemical ). 8. Completano il quadro di difficoltà le vertenze Medtronic-Invatec, Ashai Glass Company, Guess (che ha lasciato Bologna per la Svizzera: 2 anni di cig speciale per i 50 dipendenti di Crevalcore), SCM di Latina (rischio mobilità per 62 lavoratori), Geox, Sinterama, Azimut-Benetti, Eurallumina, Brontejeans (cessa attività a Catania e mette in mobilità 175 addetti), Warmor Sud, Knauf Insulation (la multinazionale tedesca leader nella produzione di pannelli di isolamento termoacustico che a Chivasso ha lasciato a casa 28 lavoratori), la ex Miroglio di Ginosa, a 8

9 Taranto (230 lavoratori in cassa integrazione), Ferrè, Nardelli, Stefanel, Mandarina Duck (un accordo del 3 ottobre 2013 ha scongiurato la fuga dello storico marchio tessile e ha consolidato la sua presenza a Bologna all'interno di un piano industriale di sviluppo: tuttavia rimangono 17 esuberi), MCS Distribuzione (che ha dichiarato di chiudere gli esercizi dal febbraio 2014: si profila la cassa integrazione per i 26 dipendenti), Fac Ceramica di Albisola (Savona) in fallimento, che si appresta a far partire la procedura di mobilità per i 140 operai, nonostante il recente (e sorprendente) annuncio di rivolgersi ad imprenditori cinesi pur di salvare lo storico marchio conosciuto in tutto il mondo. Rimane sempre aperto il problema di tutta la filiera del tessile di Castrovillari (Cs), con grandi gruppi che hanno devastato il territorio (Marlane, Foderauto, MCS, Emiliana Tessile), ora in attesa di nuovi investitori. Ultima in ordine di tempo La Perla per la quale è stato firmato al ministero del Lavoro (giugno 2013) un accordo-ponte per due anni di cassa integrazione straordinaria per riorganizzazione aziendale che riguarda 200 lavoratori. Su un totale di 580 addetti nello stabilimento di Bologna, la nuova proprietà tutta italiana (Silvio Scaglia) de La Perla ha però messo sul piatto 110 milioni di investimenti e grazie ad un accordo sindacale il rientro dei lavoratori dalla cigs: dopo soli 3 mesi i lavoratori in cigs sono ridotti a 50 e il futuro fa ben sperare. Rimangono legati al concordato e in cassa integrazione straordinaria ancora i 130 lavoratori degli stabilimenti di Roseto degli Abruzzi e di Forlì. Resta complicato il destino della Ittierre, la fabbrica della moda molisana, per la quale - proprio recentemente il Tribunale di Isernia ha concesso una proroga di 60 giorni per l'ammissione del concordato preventivo al fine di scongiurare il fallimento per i circa 650 dipendenti di Isernia.Nel frattempo tutto sembra congiurare contro Ittierre che ha perso un altro marchio quello della francese Pierre Balmain - che ha comunicato di aver rescisso in anticipo (sarebbe dovuto restare in vigore fino al 2016) il contratto di licenza firmato nel luglio Nella crisi che colpisce l'industria non va dimenticato il comparto farmaceutico che, negli ultimi sei anni, ha perso oltre posti di lavoro, di cui 8000 informatori scientifici del farmaco, i restanti tra addetti alla produzione e ricercatori. Solo nel 2013 sono a rischio più di 2000 posti di lavoro diretti: infatti Sanofi Aventis, Glaxo, Merck Sharp & Dhome (avviata procedura di mobilità per 206 unità e annunciata la chiusura dello stabilimento di Pavia) hanno accomunato ai licenziamenti degli informatori, la chiusura dei loro Centri di ricerca a Milano, Verona e Pomezia, così come Bristol e Pfizer oltre agli informatori - hanno dismesso stabilimenti di produzione. Per non parlare poi di Roche, Novartis, Takeda, Daichy Sankio, Sigma-Tau, Menarini e tante altre aziende che stanno avviando programmi di ristrutturazione che comporteranno inevitabilmente dismissioni e licenziamenti. 9

10 Comparto questo dove è indispensabile l'intervento del ruolo pubblico su ricerca e sviluppo (siamo il fanalino di coda in Europa!) Occorre senza mezzi termini - finanziare seriamente la ricerca pubblica e agevolare fiscalmente quella privata. Quanto alla ricerca farmaceutica Miceli avanza una proposta al Governo: Una parte dei notevoli risparmi del Servizio sanitario nazionale derivanti dall'utilizzo del farmaco generico siano utilizzati non per fare cassa o dirottare risorse per coprire altri buchi della spesa statale, ma per incentivare le attività di ricerca pubblica e favorire quella di aziende private, defiscalizzandone gli utili reinvestiti in ricerca. Non meno delicata è la situazione della raffinazione italiana, dove - su addetti tra diretti e indotto in più di rischiano il posto nelle 14 raffinerie rimaste nel nostro paese. Ultima in ordine di tempo la raffineria Ies a Mantova i cui proprietari ungheresi della Mol hanno annunciato l'interruzione dei processi lavorativi dal 1 gennaio 2014 del proprio sito, con conseguenze disastrose sul piano occupazionale (410 lavoratori diretti e 750 delle ditte appaltatrici). Ciononostante una boccata di ossigeno arriva dall' accordo sottoscritto al ministero dello Sviluppo Economico (15 gennaio 2014) che conferma la cessazione delle attività della raffineria e la trasformazione in un polo logistico, ma prevede una serie di impegni (bonifiche delle aree, reinsediamento compatibile con i processi di raffinazione, sostegno all'autoimprenditorialità, esodi volontari incentivati, ammortizzatori sociali, ecc.) per salvaguardare il patrimonio industriale dell'area e l'occupazione. E proprio nella raffinazione valga per tutti la vertenza in atto nella raffineria Eni di Gela (Caltanissetta) con 1100 dipendenti e con una capacità produttiva di circa 5 milioni di tonnellate di petrolio (prodotti finiti, benzine, gasolio). Il calo dei consumi e il surplus di raffinazione, secondo Eni, ha determinato un bilancio economico negativo che ha portato a sottoscrivere un accordo (aprile 2012) per la cassa integrazione per 400 addetti. Dopo un anno di fermata, si sigla un nuovo accordo con Eni (19 luglio 2013) che prevede un interessante progetto di investimento basato sulla raffinazione di gasoli anziché benzine (come richiesto dal mercato europeo), ma un esubero di personale da oggi al 2017 di 400 lavoratori (alla fine del processo Eni ha detto ai sindacati che la raffineria avrà un organico di 700 unità): il sindacato ora sta verificando, passo dopo passo, il piano di investimenti e quello occupazionale, anche se dietro l'angolo c'è la sentenza del Tar che se dovesse dare ragione al ministero dell'ambiente sulle emissioni di Co2, la raffineria potrebbe chiudere in tempi brevi. Intanto però una brutta notizia: sono iniziate le procedure esecutive per il licenziamento di 24 dei 44 dipendenti della Riva & Mariani, una impresa dell'indotto che opera nel settore della coibentazione di tubi e apparecchiature (proclamate dai sindacati due giornate di lotta). 10

11 All'Api-IP, la storica raffineria di Falconara, per far fronte alla crisi proseguono anche nel 2014 i contratti di solidarietà per i 350 lavoratori impiegati. Infine anche alla Saras di Sarroch, in provincia di Cagliari, il cui assetto proprietario di maggioranza della raffineria è della famiglia Moratti, si prevedono significativi ridimensionamenti dell'attuale organico (1150 lavoratori). 10. Altrettanti sono i lavoratori interessati nell indotto chimico con il dramma della Sardegna (Ottana Energia e Ottana Polimeri). Anche all'eni le attività industriali in Italia (chimica, raffinazione, gas) sono quasi tutte in difficoltà. La stessa Saipem (controllata Eni, che opera nel campo dell'esplorazione, costruzione, ingegneria e off shore ) annuncia, per la prima volta negli ultimi dieci anni, un forte passivo di bilancio tanto da far temere, anche in questo caso, per l'occupazione. Non ultime vanno ricordate le criticità del comparto ceramica, piastrelle e materiali refrattari (migliaia gli esuberi strutturali e 4500 lavoratori in cassa integrazione), in particolare alla Cercom di Ravenna (fermata produttiva, 90 lavoratori a rischio), nei distretti di Modena, Reggio Emilia, Sassuolo, Imola (la Coop Ceramica su tutte) Faenza e del distretto industriale di Civita Castellana, nell'alto Lazio, dove chiude la San Marciano e saltano altri 45 posti di lavoro, mentre la Catalano e la Flaminia hanno annunciato licenziamenti rispettivamente per 80 e 39 operai: lo stesso Papa Francesco ha espresso (2 ottobre) la sua piena solidarietà. Siamo con voi, ha detto senza mezzi termini il pontefice. In particolare nel distretto di Civita Castellana dal 2008 ad oggi sopravvivono 35 aziende (3500 lavoratori) su 70 (2300 lavoratori, per 1300 dei quali sono stati attivati ammortizzatori sociali). Non si trova una soluzione nemmeno per la ceramica di Crotone (ex Gres 2000), più di 200 gli addetti per la produzione di piastrelle di alta qualità, il cui destino è rimasto legato ad un imprenditore insolvente che non ha saputo rilanciare il sito, provocando il fallimento dello stabilimento al pari della Kroton Gres (ex Sasol) con 55 addetti nella chimica di base. Parliamoci chiaro: conclude Miceli sono indispensabili finanziamenti e prestiti degli istituti bancari all'economia reale, alle imprese, alla loro crescita e ricapitalizzazione. Nè facciamo mistero dell'interesse alle linee-guida del piano industriale varato recentemente dalla Cassa Depositi e Prestiti. Gli 80 miliardi previsti per rilanciare sviluppo industriale e crescita territoriale sarebbero anche per noi una bella boccata di ossigeno e darebbero impulso al Piano del lavoro della Cgil. 11. Infine la crisi economica e sociale che investe il paese non risparmia neppure le criticità nei settori dei cicli combinati a gas, nè il settore elettrico, vuoi per il vistoso calo della domanda (-2,8% nel 2012 sul 2011), vuoi per la complessità dell'iter autorizzativo per i nuovi 11

12 investimenti, e vuoi per la robusta crescita nella produzione dell'eolico (+34%) e fotovoltaico (+72%). Le ricadute nel solo settore termoelettrico ( circa gli addetti) continuano ad essere pesanti: nel solo 2012 la produzione è scesa del 6,3%. E i riflessi inevitabili sull'occupazione si fanno sentire se grandi impianti come Piombino, Rossano Calabro, Porto Tolle, Fiume Santo, Brindisi Nord, Montalto di Castro. Si riapre addirittura la vertenza della centrale del Mercure, in Calabria, dopo l'ennesimo ricorso al Tar che provoca l'arresto della produzione di energia elettrica da biomasse, proprio in un sito dotato delle migliori tecnologie per la difesa dell'ambiente dalle emissioni: rabbia e sconforto per 50 lavoratori diretti e altrettanti nell'indotto. Desta preoccupazione anche il no del Consiglio comunale alla trasformazione a gas della centrale di Porto Empedocle, ad Agrigento: si paralizza un investimento di 80 milioni di euro, si mettono a repentaglio 200 posti di lavoro. Insomma grandi centrali che rischiano dicono i sindacati - di divenire cumuli di rottami, andandosi ad aggiungere ai tanti siti termoelettrici già smantellati e da bonificare. E per l'occupazione potrebbe essere una vera e propria Waterloo del sistema elettrico italiano. Ultima in ordine di tempo la tegola di Sorgenia, una delle società del mercato libero dell'energia, che ha confermato l'apertura formale delle procedure di mobilità per 49 lavoratori (divenuti poi 40), la cassa integrazione speciale a rotazione per un anno, mobilità volontaria, ma anche reimpiegabilità per un anno nella società G.Group. Sulla crisi del settore Filctem-Cgil, Flaei-Cisl, Uiltec-Uil hanno chiesto audizioni alle competenti commissioni di Camera e Senato, e si sono incontrate, insieme ad Assoelettrica e Federutility, il 5 febbraio 2014 con il ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato, il quale ha assicurato l'attivazione di un tavolo di confronto permanente presso il ministero dello Sviluppo Economico. In tutti i casi i sindacati non si sono persi d'animo, rimboccandosi le maniche siglando accordi (in molti casi innovativi) con Enel (accordo sul turn-over generazionale che porterà alla fuoriuscita di 3500 lavoratori ma all'assunzione di oltre 1500 giovani), A2A-Edipower, E.On., Edison, Tirreno Power, Cofely, con gli svizzeri di Alpiq, per tutelare quel lavoro che la crisi rischia di travolgere anche in un settore che dove solo pochi anni fa era inimmaginabile che ciò accadesse.... NOTA: Questo Report - aggiornato al 1 marzo non ha la presunzione di essere esaustivo di tutte le vertenze in atto nei nostri settori e presenti nel paese, ma riporta in particolare quelle che hanno avuto una vasta eco sulla stampa nazionale e locale. Sarà nostra cura seguirne gli sviluppi e gli aggiornamenti: ci verranno in aiuto ne siamo certi le nostre strutture periferiche che già ringraziamo in anticipo. (a cura di C.Ca. - Comunicazione Filctem-Cgil nazionale) 12

13 13

Scheda / Il dossier Filctem-Cgil Allarme lavoro : tutti i numeri delle crisi industriali (aggiornamento 11 ottobre 2013)

Scheda / Il dossier Filctem-Cgil Allarme lavoro : tutti i numeri delle crisi industriali (aggiornamento 11 ottobre 2013) Scheda / Il dossier Filctem-Cgil Allarme lavoro : tutti i numeri delle crisi industriali (aggiornamento 11 ottobre 2013) Un interminabile elenco di nomi, dati, cifre. Allarme lavoro è il dossier elaborato

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO

COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO COGENERAZIONE IN ITALIA: UN GRANDE POTENZIALE POCO SFRUTTATO Uno studio del GSE rivela che già nel 2010 l Italia sarebbe in grado di aumentare del settanta per cento il calore prodotto in cogenerazione

Dettagli

SALVARE IL LAVORO, TUTELARE I REDDITI E RILANCIARE LO SVILUPPO

SALVARE IL LAVORO, TUTELARE I REDDITI E RILANCIARE LO SVILUPPO CGIL TOSCANA SALVARE IL LAVORO, TUTELARE I REDDITI E RILANCIARE LO SVILUPPO 3 REPORT SULL ECONOMIA REGIONALE - MAGGIO 2009 LE AZIENDE TOSCANE IN BORSA Quanto valgono in borsa - dati in milioni di euro

Dettagli

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico Osservatorio sindacale Le situazioni di crisi nel settore metalmeccanico 17 S.O.S. INDUSTRIA METALMECCANICA In caduta libera i dati dell occupazione 17 Rapporto sulle situazioni di crisi nel settore metalmeccanico

Dettagli

16-02- 04 ENI E SAIPEM. ACQUE AGITATE Resto del Carlino. 16-02- 04 VERSALIS. SCIOPERO BIS ALL'ENI Corriere Ravenna

16-02- 04 ENI E SAIPEM. ACQUE AGITATE Resto del Carlino. 16-02- 04 VERSALIS. SCIOPERO BIS ALL'ENI Corriere Ravenna 16-02- 04 RASSEGNA STAMPA 16-02- 04 LA CGIL, PORTO, INACCETTABILE LO SCONTRO TRA AUTORITA' E ISTITUZIONI Resto del Carlino 16-02- 04 ENI E SAIPEM. ACQUE AGITATE Resto del Carlino 16-02- 04 VERSALIS. SCIOPERO

Dettagli

RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA

RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA RICHIESTE PER IL RINNOVO DEL CCNL GOMMA PLASTICA INDUSTRIA TRIENNIO 2010-2012 L attuale crisi finanziaria ed economica mondiale trae origine dalla bolla immobiliare che ha maggiormente coinvolto paesi

Dettagli

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE

Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE Milano, 4 giugno 2015 Le politiche energetiche ambientali: nuovi obiettivi occupazionali Lavoro Formazione Sicurezza INTRODUZIONE La liberalizzazione del mercato dell energia elettrica e del gas in Italia

Dettagli

L Energia dell Italia

L Energia dell Italia L Energia dell Italia Abbiamo sempre offerto un servizio puntuale alla mobilità del Paese. Siamo cresciuti e oggi siamo davvero in tanti. Grazie alla forte capillarità sul territorio siamo presenti su

Dettagli

UNA POLITICA DI SVILUPPO DEL SUD PER RIPRENDERE A CRESCERE

UNA POLITICA DI SVILUPPO DEL SUD PER RIPRENDERE A CRESCERE UNA POLITICA DI SVILUPPO DEL SUD PER RIPRENDERE A CRESCERE Svimez-Fondazione Edison Intervento di MARCO FORTIS (Vicepresidente Fondazione Edison; Docente di Economia industriale e commercio estero Università

Dettagli

Premessa. Descrizione del Bilancio

Premessa. Descrizione del Bilancio Premessa Il Bilancio Preventivo 2011 è stato elaborato prendendo come riferimento i dati dell esercizio appena concluso e assumendo come obbiettivo la volontà di garantire la stessa impegnativa e intensa

Dettagli

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico.

Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Convegno Regionale : Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico. Nocera Torinese ( Cz ) Intervento di Luigi Sbarra Segretario Generale Cisl Calabria. Quando si osservano i dati statistici riguardanti la

Dettagli

L' annuncio a ministero e Regione. Oggi l' incontro con i sindacati. In bilico 350 posti.

L' annuncio a ministero e Regione. Oggi l' incontro con i sindacati. In bilico 350 posti. L' annuncio a ministero e Regione. Oggi l' incontro con i sindacati. In bilico 350 posti. di Gabriele De Stefani A casa 350 dei 390 dipendenti della raffineria destinata, da qui alla fine dell' anno, a

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Accordi di Cassa Integrazione Guadagni in deroga sottoscritti in sede Regionale ai sensi art. 2.2. linee guida anno 2012

Accordi di Cassa Integrazione Guadagni in deroga sottoscritti in sede Regionale ai sensi art. 2.2. linee guida anno 2012 Accordi di Cassa Integrazione Guadagni in deroga sottoscritti in sede Regionale ai sensi art. 2.2. linee guida anno 2012 MONITORAGGIO accordi sottoscritti al 31 ottobre 2012 1. Nota introduttiva Dal 1

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

SOMMARIO DEL 19 LUGLIO 2012. Cassa a Pomigliano, colpa del mercato. Alla Fiat di Pomigliano due settimane di stop

SOMMARIO DEL 19 LUGLIO 2012. Cassa a Pomigliano, colpa del mercato. Alla Fiat di Pomigliano due settimane di stop SOMMARIO DEL 19 LUGLIO 2012 Corriere della Sera Uff.Stampa Fismic La Stampa Agi Asca Gr1/TM News Prima Pagina Cassa a Pomigliano, colpa del mercato Alla Fiat di Pomigliano due settimane di stop Fismic,

Dettagli

LE VERTENZE OCCUPAZIONALI DEL SETTORE ICT E HI TECH

LE VERTENZE OCCUPAZIONALI DEL SETTORE ICT E HI TECH LE VERTENZE OCCUPAZIONALI DEL SETTORE ICT E HI TECH LE VERTENZE OCCUPAZIONALI DEL SETTORE ICT E HI TECH 112 Imprese monitorate 18.200 Addetti 2.033 Posti a rischio LE VERTENZE OCCUPAZIONALI DEL SETTORE

Dettagli

Documento su settore chimico farmaceutico. www.uglchimici.it

Documento su settore chimico farmaceutico. www.uglchimici.it Documento su settore chimico farmaceutico Posizione dell Ugl Chimici in sintesi a. Il settore farmaceutico in Italia soffre per la pressione internazionale, per una serie di decisioni che investono le

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70 RICERCA UIL SCUOLA

COMUNICATO STAMPA. da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70 RICERCA UIL SCUOLA COMUNICATO STAMPA da affiggere all'albo sindacale della scuola, ai sensi dell'art. 25 della legge n. 300 del 20.5.70. RICERCA UIL SCUOLA (SI PREGA CITARE LA FONTE) I NUMERI DELLA SCUOLA PUBBLICA La spesa

Dettagli

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO

IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO IN ARRIVO LO SPAURACCHIO TASI: CON LA PRIMA RATA DI GIUGNO I COMUNI INCASSERANNO 2,3 MILIARDI DI EURO Con la scadenza della prima rata della Tasi prevista per il prossimo 16 giugno, i Comuni incasseranno

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013

Aziende italiane: emissioni di CO 2 in forte calo nel 2013 AZIENDE ED EMISSIONI DI C0 2 EcoWay - primo operatore italiano attivo nella gestione e nel trading dei certificati di CO 2 - presenta il Report emissioni 2013 1 di gas serra delle aziende italiane sottoposte

Dettagli

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia

Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia Settore Sviluppo e Lavoro - Servizi alla Persona e all'impresa Servizi per l Impiego della Provincia di Pavia Il Mercato del Lavoro in Provincia di Pavia 2 trimestre 2015 Premessa Il report sul mercato

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico PROTOCOLLO D INTESA PER PORTO MARGHERA Tra Ministero dello Sviluppo Economico Regione Veneto Provincia di Venezia Comune di Venezia Autorità Portuale di Venezia e Eni

Dettagli

Scenari per lo sviluppo di energie sostenibili a Porto Marghera

Scenari per lo sviluppo di energie sostenibili a Porto Marghera Scenari per lo sviluppo di energie sostenibili a Porto Marghera VEGA Parco Scientifico Tecnologico di Venezia Scarl Scenari per lo sviluppo di energie sostenibili a Porto Marghera Sono attualmente in fase

Dettagli

FLAEI-Cisl. Segreteria Nazionale FLAEI Cisl Via Salaria 83, 00198 Roma Tel. 06 8440421 email: nazionale@flaeicisl.org

FLAEI-Cisl. Segreteria Nazionale FLAEI Cisl Via Salaria 83, 00198 Roma Tel. 06 8440421 email: nazionale@flaeicisl.org 3-4-5 giugno Il Lavoro #adottaungiovanedisoccupatoo La Formazione #adottaungiovanefuturoo ANALISI E PROPOSTE DELLA FLAEI-Cisl Il Sistema Elettrico Nazionale tra passato, presente e futuro Le politiche

Dettagli

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA

Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA ISTITUTO DI RICERCHE ECONOMICHE E SOCIALI Osservatorio Energia Scheda LE FONTI RINNOVABILI, IL RISPARMIO E L EFFICIENZA ENERGETICA PREMESSA Nel marzo 2007, l Unione europea ha varato il primo concreto

Dettagli

Natuzzi: nel piano industriale oltre 1.700 esuberi

Natuzzi: nel piano industriale oltre 1.700 esuberi Natuzzi: nel piano industriale oltre 1.700 esuberi 01 Luglio 2013-16:59 (ASCA) - Roma, 1 lug - La Feneal Uil rende noto che la Natuzzi, azienda capofila dell'arredamento in Italia, ha presentato oggi il

Dettagli

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici.

Tabella 1 Costi unitari medi per l attestazione energetica degli edifici. Relazione tecnica Schema di decreto-legge per il recepimento della Direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell'edilizia, per la definizione

Dettagli

PROSPETTIVE PER LE ENERGIE RINNOVABILI NEL SALENTO Perché continuare a credere nell energia pulita

PROSPETTIVE PER LE ENERGIE RINNOVABILI NEL SALENTO Perché continuare a credere nell energia pulita Ing. Matteo Morelli studio_morelli@yahoo.it matteo@mcmingegneria.it PROSPETTIVE PER LE ENERGIE RINNOVABILI NEL SALENTO Perché continuare a credere nell energia pulita EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA IN

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

I ritardi dei pagamenti della PA e le imprese. Convegno Cergas Bocconi 27 Novembre 2012 Itala Lise

I ritardi dei pagamenti della PA e le imprese. Convegno Cergas Bocconi 27 Novembre 2012 Itala Lise I ritardi dei pagamenti della PA e le imprese Convegno Cergas Bocconi 27 Novembre 2012 Itala Lise MA Head Bayer PH ROMA - La crisi greca continua a far gravare il suo peso sui cittadini. Oggi a pagare

Dettagli

Conferenza Europea dell Energia EPSU/SDA

Conferenza Europea dell Energia EPSU/SDA Conferenza Europea dell Energia EPSU/SDA La liberalizzazione elettrica italiana e i principali effetti sul mercato, sulla politica energetica, sulle imprese e sull occupazione Documento sull esperienza

Dettagli

Osservatorio sindacale sulle crisi nel settore metalmeccanico della Lombardia. 32 Rapporto semestrale - I dati del 2 semestre 2011

Osservatorio sindacale sulle crisi nel settore metalmeccanico della Lombardia. 32 Rapporto semestrale - I dati del 2 semestre 2011 Osservatorio sindacale sulle crisi nel settore metalmeccanico della Lombardia 32 gennaio 2012 32 Rapporto semestrale - I dati del 2 semestre 2011 GELO SULL'INDUSTRIA METALMECCANICA 4.109 LAVORATORI LICENZIATI,

Dettagli

IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl

IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl Grazie a tutti Voi per essere qui dalle fabbriche del Legno, del Cemento, dei materiali

Dettagli

- che il verificarsi delle crisi aziendali genera perciò effetti e ricadute negative sull occupazione e sui redditi dei lavoratori e delle famiglie;

- che il verificarsi delle crisi aziendali genera perciò effetti e ricadute negative sull occupazione e sui redditi dei lavoratori e delle famiglie; ACCORDO PER INTERVENTI DI SOSTEGNO AI REDDITI DELLE FAMIGLIE E ALLA COMPETITIVITA DEL SISTEMA IMPRENDITORIALE DEI COMUNI DELL UNIONE DELLA BASSA ROMAGNA PREMESSO - che l aggravarsi della crisi finanziaria

Dettagli

POSIZIONE UNITARIA DELLE SEGRETERIE NAZIONALI FILCTEM FEMCA UILCEM SULLA CRISI DELLA RAFFINAZIONE ITALIANA

POSIZIONE UNITARIA DELLE SEGRETERIE NAZIONALI FILCTEM FEMCA UILCEM SULLA CRISI DELLA RAFFINAZIONE ITALIANA Prot.: 390 Roma, 10 novembre 2011 On.le Manuela Dal Lago Presidente della Commissione Attività Produttive Commercio e Turismo della Camera dei Deputati POSIZIONE UNITARIA DELLE SEGRETERIE NAZIONALI FILCTEM

Dettagli

EXECUTIVE SUMMARY PUNTI CHIAVE

EXECUTIVE SUMMARY PUNTI CHIAVE EXECUTIVE SUMMARY PUNTI CHIAVE L'industria italiana della raffinazione apporta un contributo sostanziale all economia italiana. Il settore impiega circa 7000 persone, con circa altre 7600 che lavorano

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare PATTO PER L AMBIENTE per la lotta ai cambiamenti climatici e all inquinamento, per un Italia che,

Dettagli

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco

AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco http://www.agimeg.it/?p=2768 AGIMEG Agenzia Giornalistica sul Mercato del Gioco Giochi 2012, Milano la provincia dove si è giocato di più. In sole 4 province finisce il 25% delle giocate Sul podio anche

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL RECENTE STUDIO DELLA SVIMEZ CONFERMA NOTEVOLI DIFFERENZE TERRITORIALI ED EVIDENZIA SVANTAGGI COMPETITIVI ANCE SALERNO: CREDITO, CONFIDI A DUE VELOCITA Nel 2013 su oltre 22 miliardi

Dettagli

LE ENERGIE RINNOVABILI IN PUGLIA: Un occasione sprecata?

LE ENERGIE RINNOVABILI IN PUGLIA: Un occasione sprecata? LE ENERGIE RINNOVABILI IN PUGLIA: Un occasione sprecata? Ing. Matteo Morelli studio_morelli@yahoo.it GLI OBBLIGHI INTERNAZIONALI Protocollo di Kyoto L Italia deve ridurre nel quinquennio 2008 2012 le emissionidel

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE INDAGINE CONOSCITIVA SULLA STRATEGIA ENERGETICA NAZIONALE AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente Camera Commissione Attività Produttive Roma, 5 marzo 2014 Temi chiave 1) LA RAFFINAZIONE

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia

Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna. Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Le politiche energetiche della Regione Emilia Romagna Alberto Rossini Coordinatore ANCI Emilia-Romagna del PAES Valmarecchia Santarcangelo di Romagna 19 Febbraio 2015 Le politiche energetiche in Europa

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Sintesi I PILASTRI Più occupazione. Più competitività. Più credito. Meno burocrazia. Sono questi i quattro pilastri sui quali si regge il piano straordinario della

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

OLTRE LA CRISI? NON ANCORA

OLTRE LA CRISI? NON ANCORA OLTRE LA CRISI? NON ANCORA Le PMI dell Emilia Romagna nella doppia morsa della stretta creditizia e del ritardo dei pagamenti Allarme occupazione: a rischio la sua tenuta Bologna, 17 Novembre 2009 Ricerche

Dettagli

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012

Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma redditività, liquidità e sostegno all economia reale anche nel primo semestre 2012 Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole continua a generare redditività malgrado

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011)

BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) BORSA PROTETTA ARANCIO: DOLCETTO O SCHERZETTO? (25/10/2011) E uno dei prodotti di maggior successo di Ing, un fondo d investimento lussemburghese collocato dal 2008 e caratterizzato secondo quanto riportato

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera.

+5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno I numeri dell imprenditoria straniera. +5,7% l aumento degli imprenditori stranieri nell ultimo anno La sempre maggiore presenza di imprese gestite da stranieri rappresenta un ostacolo per gli imprenditori italiani, ma il vero problema rimane

Dettagli

Contrattualistica, previdenza e fisco a cura di Bruno Benelli Esperto in materia previdenziale

Contrattualistica, previdenza e fisco a cura di Bruno Benelli Esperto in materia previdenziale Contrattualistica, previdenza e fisco a cura di Bruno Benelli Esperto in materia previdenziale - Edilizia: riduzione contributiva dell 11,5% valida anche per il 2002 - Fondi interprofessionali, fissato

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo

L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo Festival della Soft Economy - Symbola Università degli Studi di Camerino 25 Giugno 2014 L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo Andrea Zaghi Responsabile

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

La manovra 2010 e gli effetti nei comparti pubblici della conoscenza

La manovra 2010 e gli effetti nei comparti pubblici della conoscenza La manovra 2010 e gli effetti nei comparti pubblici della conoscenza Elaborazione a cura del centro nazionale FLC CGIL sulla base dei testi/bozze relativi alla manovra 2010 attualmente disponibili I contratti

Dettagli

Un azienda, infinita energia. Company Profile

Un azienda, infinita energia. Company Profile Un azienda, infinita energia Company Profile Una missione, infinite possibilità Siamo un azienda multi-business del mercato petrolifero nazionale che opera nella distribuzione e commercializzazione di

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia

Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Briefing Creare posti di lavoro proteggendo il clima I lavori verdi nei paesi del G8 e in Italia Luglio 2009 I leader del G8 a L Aquila hanno l opportunità di dare impulso all economia e all occupazione

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Il mercato europeo del carbonio e le imprese italiane Un opportunità sprecata

Il mercato europeo del carbonio e le imprese italiane Un opportunità sprecata Il mercato europeo del carbonio e le imprese italiane Un opportunità sprecata Nel 2009 il mercato europeo delle emissioni si è tradotto in un guadagno netto e non in un costo per le imprese italiane. Nonostante

Dettagli

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese

Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese 17 giugno 2013 Il credit crunch nell economia italiana e per le piccole imprese I dati desk sul credito alle imprese Dall avvento della crisi (dal 2008 in poi) l andamento dei prestiti alle imprese italiane

Dettagli

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria

ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria ipotesi di piattaforma rinnovo c.c.n.l. legno/arredo - industria Vigenza contrattuale: 2010 / 2012 FILCA CISL - federazione italiana lavoratori costruzioni e affini 00184 ROMA Via del Viminale, 43 tel.

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013

FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013 e pubblicati a Maggio 2013 A cura dell Ufficio Studi Euler Hermes Italia FLASH SETTORI ORDINATIVI E FATTURATI Dati Istat aggiornati a Marzo 2013

Dettagli

Lo stato della finanza provinciale

Lo stato della finanza provinciale WORKSHOP Costruire il nuovo ente di area vasta: strumenti e lavoro nel 2016 e prospettive future dopo la legge di stabilità Lo stato della finanza provinciale Milano 7-8 marzo 2016 Luisa Gottardi Miliardi

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA

AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA AMMORTIZZATORI SOCIALI _ LA MOBILITA MOBILITÀ COLLETTIVA E' un ammortizzatore sociale per l'accompagnamento dei lavoratori licenziati per: riduzione di attività o lavoro trasformazione di attività cessazione

Dettagli

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ).

(1) In data 2 novembre 2012 l Italia ha notificato un aiuto per il salvataggio a favore di FORM S.p.A. in A.S. ( FORM ). COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.02.2013 C(2013) 990 final VERSIONE PUBBLICA Il presente documento è un documento interno della Commissione ed ha carattere esclusivamente informativo. Oggetto: Aiuto di

Dettagli

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI

IMU: PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI : PENALIZZATI I PENSIONATI E I LAVORATORI DIPENDENTI E PENSIONATI, SALVAGUARDATI I SOLITI IGNOTI. ABITAZIONE PRINCIPALE DA 33 A 133 MEDI EURO L ANNO. SECONDE CASE SCONTI IN 59 CITTA PER I REDDITI MEDIO

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA

DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA DOCUMENTO DELLA CISL SARDA SU PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE SARDEGNA La predisposizione del Piano Energetico Ambientale Regionale per la Sardegna (PE- AR Sardegna) da parte della Giunta regionale

Dettagli

04/06/2014. Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014

04/06/2014. Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014 Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014 Trasferimenti Volontari Individuali - DOMANDE 2013 5.930 Domande presentate 5.810 Domande inserite in graduatoria (120 RISORSE ESCLUSE PER MANCANZA REQUISITI PREVISTI DALL

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Rassegna Stampa Lunedì 24 Agosto 15

Rassegna Stampa Lunedì 24 Agosto 15 Rassegna Stampa Lunedì 24 Agosto 15 UIL Regione Basilicata Via Napoli, 3 85100 Potenza Tel. 0971/411435 444221 410556 Fax 0971/34092 E-mail urbasilicata@uil.it BARBAGALLO. ''OK A MISURAZIONE: L'INTESA

Dettagli

Il mondo produttivo e la Green Economy

Il mondo produttivo e la Green Economy Bologna Venerdì, 22 ottobre 2010 Verso un nuovo PER: linee di indirizzo per un Piano partecipato Il mondo produttivo e la Green Economy LA POLITICA ENERGETICA EUROPEA, LE GREEN TECHNOLOGIES, IL PIANO ANTICRISI

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA

2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Le proposte degli Amici della Terra Italia sul recepimento della Direttiva 2012/27/UE INTEGRARE EFFICIENZA ENERGETICA E CRESCITA Un nuovo obiettivo di riduzione dell intensità energetica per coniugare

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio

PROGETTO LOCAL CASA Local Casa è il progetto mirato sul territorio PROGETTO LOCAL CASA Il mercato immobiliare ha trovato in internet un utile alleato per dare risposte rapide ed efficaci come mai era stato possibile in passato. Il trend degli ultimi anni conferma tale

Dettagli

Strumenti adottati per ovviare agli squilibri ( dualismi ) creati dallo sviluppo del decennio precedente (N S, aree arretrateindustrializzate

Strumenti adottati per ovviare agli squilibri ( dualismi ) creati dallo sviluppo del decennio precedente (N S, aree arretrateindustrializzate Lezione 9 Modello di sviluppo 1946 60: crescita concorrenziale dal basso (imprenditori schumpeteriani) dinamismo impresso da impresa pubblica ai mercati oligopolistici (modernizzazione metallurgia, meccanica,

Dettagli

LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI

LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI Roma, 22 Novembre 2012 COMUNICATO STAMPA LA GRID PARITY DIVENTA REALTA : IL PRIMO PROGETTO IN ITALIA DI FOTOVOLTAICO COMPETITIVO CON LA RETE PRESENTATO DA WWF E UNICREDIT CON OFFICINAE VERDI Ministro dell

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli