I MERCATI OBBLIGAZIONARI EMU-OUTS

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I MERCATI OBBLIGAZIONARI EMU-OUTS"

Transcript

1 IL REDDITO FISSO E I CAMBI I MERCATI OBBLIGAZIONARI EMU-OUTS Crescita sostenuta per l anno prossimo in Inghilterra Sempre eccessivi i rialzi scontati dalla strip L outperformance del Gilt sul Bund non è dovuta all evoluzione dei fondamentali macroeconomici L economia del Regno Unito crescerà a ritmi sostenuti (+2.7%) il prossimo anno, ma continuerà a non presentare tensioni inflazionistiche dato che vediamo il RPIX attestarsi intorno al 1.7%, ben sotto il target del 2.5% della BOE. Continuiamo a ritenere quindi eccessivi i rialzi scontati dalla strip (più di un punto da qui a settembre 2000), anche se sono i contratti front ad avere decisamente più valore: appare decisamente un po ridotto lo spread di 50 bp tra il contratto di settembre 2000 e quello del settembre 2001, soprattutto se i valori di crescita e inflazione fossero superiori a quelli scontati ora dal mercato. L ottima performance del mercato del Gilt nelle ultime settimane è però più da collegarsi a fattori legati alla domanda e all offerta che all evoluzione dei fondamentali macroeconomici. Ciò si può notare osservando come il fenomale restringimento dello spread con il Bund sia stato accompagnato da un ben più marginale movimento sui corrispondenti tassi swap a dieci anni. Il restringimento dello spread Bund/Gilt è dovuto all eccezionale livello della domanda dei fondi pensione Il risultato è stato quello di portare lo spread contro swap dei titoli decennali a un valore di -120 bp rispetto a un valore compreso tra -80 e -90 bp dei mesi precedenti. Lo spread tra titoli decennali e trentennali è ritornato verso i -100 bp e lo spread tra il 3 anni e i 10 anni si è portato a -106 bp (dai -50, -60 bp precedenti). La scarsità delle emissioni (quest anno poco più di 14 mld di sterline) dovuta all ottima situazione dei conti pubblici e, soprattutto, l eccezionale livello della domanda proveniente principalmente dal numero sempre crescente di fondi pensione sono stati i fattori che più hanno spinto verso l alto i corsi dei Gilts. La domanda dei fondi pensione ha avuto un incremento notevolissimo poiché la legislazione inglese ha stabilito vincoli patrimoniali più stringenti che in passato per questo tipo di istituzioni. In particolare si richiedono schemi più rigidi per mantenere in portafoglio una quantità di asset sufficienti a compensare il valore delle passività e, in questo senso, i gilt sono considerati molto meglio delle azioni a causa dell alta volatilità di queste ultime. Il livello della domanda di Gilt continuerà a essere molto sostenuto Considerando che molti schemi pensionistici stanno giungendo a maturazione, si può capire che probabilmente continuerà a essere assai forte la domanda di Gilt da parte dei fondi. Tenuto conto che il budget è atteso in surplus anche per l anno prossimo (0.5% del Pil) si può capire come dal lato dell offerta la situazione non subirà significative variazioni: prevediamo un totale di emissioni sui Gilt di circa 19 mld di sterline (l incremento rispetto a quest anno è dovuto al maggiore ammontare di titoli in scadenza) e la prima asta vi sarà solo ad aprile. Dato il basso livello dei tassi d interesse riteniamo sia possibile un incremento di emissioni sul long-end rispetto al breve, anche perché se la situazione dei conti pubblici si mostrerà,nel corso dell anno, migliore di quella attesa sarà cancellata un asta sul breve termine. 38

2 IL REDDITO FISSO E I CAMBI Questa considerazione, unitamente al fatto che prevediamo una stance di politica monetaria meno restrittiva di quanto scontato dalla strip, ci porta a privilegiare il breve termine rispetto a quanto è implicito nella curva forward che vede un differenziale di -123 bp tra il 3 anni e il 10 anni alla fine del prossimo anno. Il breve appare più interessante Spread 3-10 yr uk spot e forward Allo stesso modo non crediamo che il Gilt possa così outperformare il Bund da portare il suo rendimento di oltre 30 bp al di sotto di quello del decennale tedesco alla fine del prossimo anno, così come è scontato dai tassi forward. Anzi è probabile che i forti dati di crescita previsti per il prossimo anno provochino tensioni sui tassi anche maggiori che nell area euro la quale tra l altro beneficierà di una riduzione dei quantitativi di emissione molto cospicua (v. par. area euro). L ingresso della Grecia nell Emu a partire dal 1 gennaio 2001 è ormai quasi certo visto che si prevede un tasso di inflazione armonizzato intorno all 1.8% per marzo e intorno al 2% alla fine del prossimo anno. Anche la situazione dei conti pubblici è vista in costante miglioramento, tanto che il rapporto deficit/pil sarà del 1.5% a fine anno (rispetto all 1.9% inizialmente previsto) per scendere verso l 1.2% alla fine del prossimo anno. Questo miglioramento della finanza pubblica consentirà una significativa riduzione dei quantitativi di titoli emessi: si prevede un quantitativo totale di emissione di 7.7 trilioni di dracme per il 2000 dai 8.4 trilioni del 99. Pensiamo a un atteggiamento ancora piuttosto restrittivo da parte della BOG che opererà la maggior parte dei tagli necessari alla convergenza nella seconda parte dell anno. Per quanto riguarda il primo trimestre vediamo un primo taglio dei tassi di 50/75 bp a gennaio e altri tagli nei 2 mesi successivi che porteranno il tasso a 2 settimane a fine marzo al 9/9.5%. L ingresso della Grecia nell Emu è pressoché certo Il recente doppio upgrade da BBB ad A- (S&P) ha dato un ulteriore conferma delle buone prospettive macroeconomiche dello stato ellenico e ha notevolmente contribuito alla outperformance dei Ggb contro i Bund. Questo restringimento dello spread ha però secondo noi tolto ogni appetibilità alla parte lunga della curva ellenica, perlomeno nel breve termine. Riteniamo infatti che il sentiero di convergenza dei forward sia un po troppo aggressivo, soprattutto nei primi mesi dell anno, scontando uno spread di circa 120 bp a gennaio e 106 bp a marzo contro una nostra previsione rispettivamente di 130 e 115 bp. I Ggb decennali rimangono sottovalutati solo nel lungo periodo visto che il differenziale di rendimento previsto dai forward a fine 2000 (75 bp) appare troppo elevato, ritenendo più fair uno spread di circa 60-65bp. Il recente restringimento dello spread ha tolto ogni appetibilità al long end 39

3 IL REDDITO FISSO E I CAMBI Il sentiero dei forward è troppo aggressivo sul long end Il breve decisamente più appetibile La parte breve della curva rimane ancora la più interessante: prevediamo infatti sul 2 anni uno spread contro i corrispondenti titoli tedeschi di bp al momento dell ingresso della Grecia nell Emu, mentre attualmente i forward scontano uno spread di circa 92 bp che è sicuramente troppo elevato. Spread previsti sui vari comparti della curva al 1 gennaio

4 CALENDARIO INTERNAZIONALE IL REDDITO FISSO E I CAMBI Gennaio Calendario Internazionale 2000 con le informazioni disponibili al 26/11/ /01 = In Europa il Portogallo assume la Presidenza semestrale dell Unione In Svizzera World Economic Forum in Davos (entro il 30 gennaio) 03/01 = In Italia seconda asta a medio/lungo termine 05/01 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea (mercoledì) In Italia comunicazione asta Bot/CTz 06/01 = In Svizzera report trimestrale della Banca Nazionale Svizzera (entro il 12 gennaio) 07/01 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine Negli Stati Uniti dati sull occupazione di dicembre 11/01 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine ed asta Bot/Ctz 12/01 = Negli Stati Uniti prezzi all import di novembre 13/01 = Negli Stati Uniti prezzi alla produzione di dicembre 14/01 = In Italia asta a medio/lungo termine Negli Stati Uniti produzione industriale, prezzi al consumo di dicembre e redditi reali 19/01 = Negli Stati Uniti la Fed rilascia il Beige Book 20/01 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea 21/01 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione aste Bot/Ctz 25/01 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine In Inghilterra vendita di riserve auree da parte della banca centrale 26/01 = In Italia asta Bot/CTz 27/01 = Negli Stati Uniti indice Eci del quarto trimestre /01 = In Italia prima asta a medio/lungo termine In Svizzera World Economic Forum a Davos (fino al 3 febbraio) 31/01 = In Italia seconda asta a medio/lungo termine Febbraio 01/02 = Negli Stati Uniti riunione Fomc di due giorni della Fed (fino al 02 febbraio) In Spagna elezioni generali (entro il 28 febbraio) 02/02 = In Inghilterra entro il 15 febbraio, del secondo Emu Changeover Plan 03/02 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea 04/02 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine 07/02 = In Italia comunicazione asta Bot/CTz 08/02 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 09/02 = In Inghilterra Inflation Report della Banca di Inghilterra 10/02 = In Italia asta Bot/Ctz 11/02 = In Italia asta a medio/lungo termine 15/02 = Negli Stati Uniti produzione industriale 17/02 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea 20/02 = Negli Stati Uniti Humphrey-Hawkins Testimony al Congresso (in attesa di conferma) 21/02 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione aste Bot/Ctz 23/02 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 24/02 = In Italia asta Bot/CTz 27/02 = In Germania elezioni locali nello Schleswig Holstein 28/02 = In Italia prima asta a medio/lungo termine 29/02 = In Italia seconda asta a medio/lungo termine Marzo 01/03 = In Inghilterra presentazione del Budget (entro il 30 marzo) In Italia elezioni regionali (entro la prima settimana di aprile) 02/03 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea (Governing & General Council Meeting) 05/03 = In Europa richiesta ufficiale della Grecia entro il 12 marzo di partecipazione all Euro nel /03 = In Italia comunicazione asta Bot/CTz 08/03 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine Negli Stati Uniti la Fed rilascia il Beige Book 09/03 = 41

5 CALENDARIO INTERNAZIONALE IL REDDITO FISSO E I CAMBI 10/03 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine ed asta Bot/Ctz 15/03 = In Italia asta a medio/lungo termine Negli Stati Uniti produzione industriale 16/03 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea 17/03 = In Taiwan elezioni presidenziali 21/03 = Negli Stati Uniti riunione Fomc della Fed 23/03 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione aste Bot/Ctz 27/03 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine In Austria OPEC meeting a Vienna 28/03 = In Italia asta Bot/CTz 30/03 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea In Italia prima asta a medio/lungo termine 31/03 = In Italia seconda asta a medio/lungo termine Aprile 01/04 = In Europa report annuale della Bce (entro il 30 aprile) In Austria vertice OPEC a Vienna (entro il 30 aprile) Negli Stati Uniti vertice del G7 in occasione della riunione del FMI e della Banca Mondiale 06/04 = In Italia comunicazione asta Bot/CTz 07/04 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine. 11/04 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine ed asta Bot/Ctz 13/04 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea 14/04 = In Italia asta a medio/lungo termine Negli Stati Uniti produzione industriale 17/04 = In Italia comunicazione asta Bot/CTz 18/04 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine 20/04 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine ed asta Bot/Ctz 27/04 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea In Italia prima asta a medio/lungo termine 28/04 = In Italia seconda asta a medio/lungo termine Maggio 01/05 = In Inghilterra Inflation Report della banca centrale (entro il 31 maggio) 03/05 = Negli Stati Uniti la Fed rilascia il Beige Book 04/05 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine 05/05 = In Italia comunicazione asta Bot/CTz 08/05 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 10/05 = In Italia asta Bot/Ctz 11/05 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea In Italia asta a medio/lungo termine 14/05 = In Germania elezioni locali nel Nord Reno Westphalia 15/05 = Negli Stati Uniti produzione industriale 16/05 = Negli Stati Uniti riunione Fomc della Fed 23/05 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione asta Bot/Ctz 25/05 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 26/05 = In Italia asta Bot/Ctz 30/05 = In Italia prima asta a medio/lungo termine 31/05 = In Italia seconda asta a medio/lungo termine Giugno 01/06 = Negli Stati Uniti scadenza del mandato di Greenspan In Europa termine di approvazione per l ingresso della Grecia nell Euro (entro il 19 giugno) In Giappone elezioni presidenziali entro metà luglio (termine ultimo 20 ottobre) 07/06 = In Russia elezioni presidenziali In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione asta Bot/CTz 08/06 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea (Governing & General Council Meeting) 09/06 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 42

6 CALENDARIO INTERNAZIONALE IL REDDITO FISSO E I CAMBI 12/06 = In Italia asta Bot/Ctz 14/06 = In Italia asta a medio/lungo termine Negli Stati Uniti la Fed rilascia il Beige Book 15/06 = Negli Stati Uniti produzione industriale 21/06 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea (mercoledì) In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine 22/06 = In Italia comunicazione asta Bot/CTz 23/06 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 27/06 = In Italia asta Bot/Ctz Negli Stati Uniti riunione Fomc di due giorni della Fed (fino al 28 giugno) 28/06 = In Italia prima asta a medio/lungo termine 30/06 = In Italia seconda asta a medio/lungo termine Luglio 01/07 = In Europa la Francia assume la Presidenza semestrale dell Unione Europea Negli Stati Uniti vertice del G7 e del G8 Washington In Europa vertice dei Capi di Stato del G8 a Kyushsu (entro il 31 luglio) 06/07 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione asta Bot/Ctz 10/07 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 11/07 = In Italia asta Bot/Ctz 13/07 = In Italia asta a medio/lungo termine 14/07 = Negli Stati Uniti produzione industriale 20/07 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea 21/07 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione asta Bot/Ctz 25/07 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 26/07 = In Italia asta Bot/Ctz 28/07 = In Italia prima asta a medio/lungo termine 31/07 = In Italia seconda asta a medio/lungo termine Agosto 01/08 = In Inghilterra Inflation Report della banca centrale (entro il 30 agosto) 03/08 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea 07/08 = In Italia comunicazione asta Bot/CTz 08/08 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine 09/08 = Negli Stati Uniti la Fed rilascia il Beige Book 10/08 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine ed asta Bot/Ctz 15/08 = Negli Stati Uniti produzione industriale 16/08 = In Italia asta a medio/lungo termine 22/08 = Negli Stati Uniti riunione Fomc della Fed 23/08 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione asta Bot/Ctz 25/08 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 28/08 = In Italia asta Bot/Ctz 30/08 = In Italia prima asta a medio/lungo termine 31/08 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea In Italia seconda asta a medio/lungo termine Settembre 01/09 = Negli Stati Uniti vertice del G7 in occasione della riunione del FMI e della Banca Mondiale In Inghilterra congresso del Labour Party In Germania presentazione della Legge Finanziaria (entro il 30 settembre) 06/09 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine 07/09 = In Italia comunicazione asta Bot/CTz 08/09 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 12/09 = In Italia asta Bot/Ctz 14/09 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea (Governing & General Council Meeting) 15/09 = Negli Stati Uniti produzione industriale 17/09 = In Italia asta a medio/lungo termine 43

7 CALENDARIO INTERNAZIONALE IL REDDITO FISSO E I CAMBI 20/09 = Negli Stati Uniti la Fed rilascia il Beige Book 21/09 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione asta Bot/Ctz 25/09 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 26/09 = In Italia asta Bot/Ctz 28/09 = In Italia prima asta a medio/lungo termine 29/09 = In Italia seconda asta a medio/lungo termine 30/09 = In Italia termine ultimo per la presentazione della Legge Finanziaria Ottobre 03/10 = Negli Stati Uniti riunione Fomc della Fed 05/10 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea 06/10 = In Italia comunicazione asta Bot/CTz 09/10 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine 11/10 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine ed asta Bot/Ctz 16/10 = In Italia asta a medio/lungo termine 19/10 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea 20/10 = In Giappone termine ultimo per le elezioni parlamentari 23/10 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione asta Bot/Ctz 25/10 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 26/10 = In Italia asta Bot/Ctz 30/10 = In Italia prima asta a medio/lungo termine 31/10 = In Italia termine ultimo per la presentazione della Legge Finanziaria In Italia seconda asta a medio/lungo termine Novembre 01/11 = In Inghilterra Inflation Report della banca centrale (entro il 30 novembre) Negli Stati Uniti la Fed rilascia il Beige Book 02/11 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea 07/11 = Negli Stati Uniti elezioni presidenziali In Italia comunicazione asta Bot/CTz 08/11 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine 09/11 = 10/11 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine ed asta Bot/Ctz 15/11 = In Italia asta a medio/lungo termine Negli Stati Uniti riunione Fomc della Fed 16/11 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea 22/11 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione asta Bot/Ctz 24/11 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 27/11 = In Italia asta Bot/Ctz 29/11 = In Italia prima asta a medio/lungo termine 30/11 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea In Italia seconda asta a medio/lungo termine Dicembre 06/12 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione asta Bot/Ctz Negli Stati Uniti la Fed rilascia il Beige Book 07/12 = 11/12 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 12/12 = In Italia asta Bot/Ctz 14/12 = In Europa riunione della Banca Centrale Europea (Governing & General Council Meeting) In Italia asta a medio/lungo termine 19/12 = In Italia prima comunicazione aste a medio/lungo termine e comunicazione asta Bot/Ctz Negli Stati Uniti riunione Fomc della Fed 21/12 = In Italia seconda comunicazione aste a medio/lungo termine 22/12 = In Italia asta a medio/lungo termine 28/12 = In Italia prima asta a medio/lungo termine 29/12 = In Italia seconda asta a medio/lungo termine 31/12 = In Italia termine ultimo per l approvazione della Legge Finanziaria a cura di Roberto Mialich 44

8 centrostampa elleci Meda (Mi) tel centrostampa Milano, Piazza Cordusio 2, Italia PREVISIONI Corrente gen 00 mar 00 giu 00 dic 00 BOT 3 mesi (*) 3,05% 3,30% 3,35% 3,60% 3,80% BOT 6 mesi (*) 3,38% 3,64% 3,59% 3,95% 4,15% BOT 12 mesi (*) 3,53% 3,78% 3,83% 4,10% 4,30% BTP 2 anni 4,17% 4,42% 4,55% 4,65% 4,55% BTP 5 anni 4,80% 5,02% 5,15% 5,20% 5,15% BTP 10 anni 5,36% 5,45% 5,60% 5,58% 5,48% BTP 30 anni 6,03% 6,21% 6,25% 6,23% 6,13% I dati relativi ai BoT si riferiscono ai tassi nelle ultime aste 5,50 5,25 5,00 4,75 4,50 4,25 4,00 3,75 3,50 Monitoraggio previsioni UniCredit ITALIA 10 anni apr-98 mag-98 giu-98 ago-98 set-98 ott-98 nov-98 dic-98 feb-99 mar-99 apr-99 mag-99 giu-99 lug-99 ago-99 ott-99 nov-99 dic-99 gen-00 feb-00 mar-00 mag-00 giu-00 lug-00 ago-00 set-00 ott-00 nov-00 gen-01 feb-01 mar-01 apr-01 rendimento btp 10 anni previsioni terzo trimestre '99 previsioni secondo trimestre '99 previsioni quarto trimestre ' Monitoraggio previsioni UniCredit USA-GER 10 anni mag-98 lug-98 ago-98 set-98 ott-98 nov-98 dic-98 feb-99 mar-99 apr-99 mag-99 giu-99 lug-99 set-99 ott-99 nov-99 dic-99 gen-00 feb-00 mar-00 mag-00 giu-00 lug-00 ago-00 set-00 ott-00 dic-00 spread T-note-Bund previsioni secondo trimestre '99 previsioni terzo trimestre '99 previsioni quarto trimestre '99 Questo studio si basa su informazioni e dati di pubblico dominio che noi consideriamo affidabili, ma di cui non siamo in grado di garantire l'esattezza. Non è un'offerta o un invito a comperare e vendere i titoli oggetto della ricerca. UniCredito Italiano e le sue affiliate, in qualità di enti creditizi, intermediari autorizzati ed emittenti di valori mobiliari quotati, possono detenere o intermediare o comunque avere interessi in titoli, azionari od obbligazionari, di società qui menzionate o intrattenere rapporti di natura bancaria con le stesse. Il giudizio sui titoli da un punto di vista borsistico non implica nel modo più assoluto un analogo giudizio sulla società.

LO SCENARIO DEI MERCATI:

LO SCENARIO DEI MERCATI: Un contributo alla gestione finanziaria delle Cooperative LO SCENARIO DEI MERCATI: «AUTUNNO-INVERNO 2017-2018» MICHELE DI GIANNI Responsabile Ufficio Gestione di Patrimoni SCUOLA COOP, 28 SETTEMBRE 2017

Dettagli

Cattedra di Mercati e investimenti finanziari

Cattedra di Mercati e investimenti finanziari Cattedra di Mercati e investimenti finanziari I mercati obbligazionari: un analisi dei trend più recenti Prof. Domenico Curcio I mercati obbligazionari internazionali I rendimenti dei titoli di Stato decennali

Dettagli

Gestione separata GESAV

Gestione separata GESAV Gestione separata GESAV 1/10 GESAV: caratteristiche La Gestione separata GESAV, costituita nel 1979, è la prima Gestione separata rivalutabile del mercato Italiano. GESAV vanta un track record e una storicità

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Maggio 2017 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Maggio 2017 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Maggio 2017 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A fine aprile 2017 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.799,6 miliardi di euro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Aprile 2017 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Aprile 2017 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Aprile 2017 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A fine marzo 2017 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.804,3 miliardi di euro

Dettagli

Bollettino Economico AppEndicE statistica numero 51 Gennaio 2008

Bollettino Economico AppEndicE statistica numero 51 Gennaio 2008 Bollettino Economico Appendice statistica Numero 51 Gennaio 2008 AVVERTENZE Le elaborazioni, salvo diversa indicazione, sono eseguite dalla Banca d Italia. Segni convenzionali: il fenomeno non esiste;...

Dettagli

Cattedra di Mercati e investimenti finanziari

Cattedra di Mercati e investimenti finanziari Cattedra di Mercati e investimenti finanziari I mercati obbligazionari: un analisi dei trend più recenti Prof. Domenico Curcio I mercati obbligazionari: offerta e domanda di titoli Nel 2015 le emissioni

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 3 marzo 2016 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 3 marzo 2016 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 3 marzo 2016 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Giugno 2017 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Giugno 2017 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Giugno 2017 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A fine maggio 2017 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.800 miliardi di euro

Dettagli

Nextam Partners NEXTAM PARTNERS BILANCIATO. Rapporto Mensile - agosto 2016. Asset allocation al 31 agosto 2016 Prime 5 Obbligazioni al 31 agosto 2016

Nextam Partners NEXTAM PARTNERS BILANCIATO. Rapporto Mensile - agosto 2016. Asset allocation al 31 agosto 2016 Prime 5 Obbligazioni al 31 agosto 2016 Benchmark: 100% Benchmark NP Bilanciato 2 Categoria Assogestioni: Bilanciato Nextam Partners Asset allocation al 31 agosto 2016 Prime 5 Obbligazioni al 31 agosto 2016 % Patrimonio Netto 1 BTP ITALIA 1.65%

Dettagli

Bollettino Economico APPENDICE STATISTICA. Numero 1 / 2015 Gennaio

Bollettino Economico APPENDICE STATISTICA. Numero 1 / 2015 Gennaio Bollettino Economico APPENDICE STATISTICA Numero 1 / 2015 Gennaio AVVERTENZE Le elaborazioni, salvo diversa indicazione, sono eseguite dalla Banca d Italia. Segni convenzionali: il fenomeno non esiste;...

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI TERZO TRIMESTRE 2011

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI TERZO TRIMESTRE 2011 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI TERZO TRIMESTRE 2011 1. RASSEGNA INDICATORI MACROECONOMICI INTERNAZIONALI Il terzo trimestre è stato caratterizzato dal protrarsi della crisi economica internazionale che

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2014 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2014 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Dicembre 2014 (principali evidenze) 1. A novembre 2014 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.813,3 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è

Dettagli

European Investment Consulting

European Investment Consulting European Investment Consulting Fondo Eurofer Gestione finanziaria Andamento e view Milano, 5 ottobre 2015 Economia mondiale: situazione e prospettive I mercati finanziari nel 2015 L andamento delle gestioni

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Luglio 2017 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Luglio 2017 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Luglio 2017 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A fine giugno 2017 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.805,5 miliardi di euro

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Marzo 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Marzo 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Marzo 2016 (principali evidenze) 1. A febbraio 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.826,8 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Aggregati monetari e creditizi dell area dell euro: le componenti italiane Nuova serie Anno XII Numero 29-3 Giugno 2002 BANCA D ITALIA

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2017 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2017 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Gennaio 2017 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A fine 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.807,7 miliardi di euro (cfr.

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Febbraio 2017 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Febbraio 2017 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Febbraio 2017 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A fine gennaio 2017 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.805,7 miliardi di

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Giugno 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Giugno 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Giugno 2016 (principali evidenze) 1. A maggio 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.817,6 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

IGM Fondo Di Fondi BILANCIATO AZIONARIO FONDO DI FONDI ARMONIZZATO BILANCIATO AZIONARIO

IGM Fondo Di Fondi BILANCIATO AZIONARIO FONDO DI FONDI ARMONIZZATO BILANCIATO AZIONARIO IGM Fondo Di Fondi BILANCIATO AZIONARIO FONDO DI FONDI ARMONIZZATO BILANCIATO AZIONARIO RELAZIONE IGM FONDO DI FONDI SEMESTRALE BILANCIATO AZIONARIO AL 29 GIUGNO 2012 Nota illustrativa Il Fondo per tutto

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Luglio 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Luglio 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Luglio 2016 (principali evidenze) 1. A giugno 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.825,9 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Focus: Giugno Situazione economica Flussi commerciali Italia-Cina. Centro Studi Federlegno Arredo Eventi SpA

Focus: Giugno Situazione economica Flussi commerciali Italia-Cina. Centro Studi Federlegno Arredo Eventi SpA Focus: Giugno 2016 Situazione economica Flussi commerciali Italia-Cina Centro Studi Federlegno Arredo Eventi SpA QUADRO MACROECONOMICO La Cina è la seconda economia mondiale in termini di PIL a prezzi

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 19 luglio 2017 Lievi miglioramenti I dati del sistema bancario italiano 1 relativi al mese di maggio hanno mostrato lievi miglioramenti nei principali indicatori. Per quel che

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2013

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2013 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI QUARTO TRIMESTRE 2013 1. IL QUADRO MACROECONOMICO Gli ultimi indicatori delle indagini congiunturali segnalano una ripresa graduale dell economia mondiale nel quarto trimestre

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Aprile 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Aprile 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Aprile 2015 (principali evidenze) 1. A marzo 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.820 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Fatturato del commercio al dettaglio in provincia di Brescia

Fatturato del commercio al dettaglio in provincia di Brescia CONGIUNTURA DEL COMMERCIO AL 3 TRIMESTRE 2017 Fonte: indagine congiunturale Unioncamere Lombardia. Elaborazioni a cura del Servizio Studi della Camera di Commercio di Brescia. LA DINAMICA CONGIUNTURALE

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 8 - Maggio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 9 - Febbraio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2015 (principali evidenze) 1. Ad ottobre 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.814,5 miliardi di euro (cfr. Tabella 1)

Dettagli

L'economia italiana in breve

L'economia italiana in breve L'economia italiana in breve N. 87 - Luglio PIL, domanda nazionale, commercio con l'estero Quantità a prezzi concatenati; variazioni percentuali sul periodo precedente in ragione d'anno; dati trimestrali

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Novembre 2016 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A ottobre 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.804,3 miliardi di euro

Dettagli

Corso di Aggiornamento Etica ed Economia. Per un economia intelligente, inclusiva e sostenibile a.a. 2011/2012. Professor Flavio Pressacco

Corso di Aggiornamento Etica ed Economia. Per un economia intelligente, inclusiva e sostenibile a.a. 2011/2012. Professor Flavio Pressacco Corso di Aggiornamento Etica ed Economia. Per un economia intelligente, inclusiva e sostenibile a.a. 2011/2012 Professor Flavio Pressacco Dalla Dalla crisi finanziaria alla crisi del debito La crisi finanziaria

Dettagli

Astri. Assemblea dei delegati del 23 aprile Riccardo Cesari, Università di Bologna

Astri. Assemblea dei delegati del 23 aprile Riccardo Cesari, Università di Bologna Astri Assemblea dei delegati del 23 aprile 2012 Riccardo Cesari, Università di Bologna 1 Sintesi Uno sguardo ai mercati nel 2011 I risultati dei comparti di Astri assoluti e comparati L aggiornamento 2012

Dettagli

Fondo Pensione Dipendenti della Findomestic Banca S.p.A. - Comparto Linea Conservativa. Report mensile al 30/01/2015

Fondo Pensione Dipendenti della Findomestic Banca S.p.A. - Comparto Linea Conservativa. Report mensile al 30/01/2015 Fondo Pensione Dipendenti della Findomestic Banca S.p.A. - Comparto Linea Conservativa Informazioni anagrafiche Portafoglio n. 676057 Benchmark Data inizio mandato 22/11/2013 Banca d'appoggio Service amministrativo

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Istituzioni finanziarie monetarie: banche e fondi comuni monetari Nuova serie Anno XV Numero 18-1 Aprile 2005 BANCA D ITALIA - CENTRO

Dettagli

La gestione attiva alla prova dei mercati

La gestione attiva alla prova dei mercati La gestione attiva alla prova dei mercati Elisabetta Manuli Vice Presidente 4 marzo 2015 Cosa ha funzionato nel 2014 per i fondi di fondi Strategia event driven Credito strutturato Risk management In ambiente

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2015 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2015 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI Marzo 2015 (principali evidenze) 1. A febbraio 2015 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.821 miliardi di euro (cfr. Tabella 1) è nettamente

Dettagli

Morning Call 12 LUGLIO 2017 DAILY Sotto i riflettori I temi del giorno Rendimento del Btp a 10 anni: andamento

Morning Call 12 LUGLIO 2017 DAILY Sotto i riflettori I temi del giorno Rendimento del Btp a 10 anni: andamento Morning Call 12 LUGLIO 2017 Sotto i riflettori Rendimento del Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: superiore alle attese l aumento della produzione industriale italiana, a maggio +0,7% m/m

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Moneta e banche Nuova serie 7 Anno XXIII - 8 Febbraio 2013 Avviso AVVISO Il Supplemento è articolato in tre sezioni: 1. Statistiche

Dettagli

SPECIALE FONDI INTERNI - EUROQUOTA DICEMBRE 13

SPECIALE FONDI INTERNI - EUROQUOTA DICEMBRE 13 dic-12 gen-13 feb-13 apr-13 mag-13 lug-13 ago-13 ott-13 nov-13 dic-10 mar-11 giu-11 set-11 dic-11 mar-12 giu-12 set-12 dic-12 Categoria Fondo Prodotti assicurativi legati al Fondo Obiettivo Asset Allocation

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 12 ottobre 2017 Tassi bassi, sofferenze in calo, poco credito I dati del sistema bancario italiano 1 relativi al mese di agosto mostrano una continuità con quanto analizzato

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GENNAIO 2017 L indice del commercio mondiale è calato a ottobre 2016 a seguito della leggera riduzione dell export dei paesi sviluppati e del calo più marcato dell export

Dettagli

Supplementi al Bollettino Statistico

Supplementi al Bollettino Statistico Supplementi al Bollettino Statistico Indicatori monetari e finanziari Moneta e banche Nuova serie 12 Anno XXI - 8 Marzo 2011 Avviso AVVISO A partire dal Supplemento n. 7 dell'8 febbraio 2011, vengono pubblicate

Dettagli

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2014

ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2014 ECONOMIA E MERCATI FINANZIARI PRIMO TRIMESTRE 2014 1. IL QUADRO MACROECONOMICO L attività economica mondiale nel primo trimestre del 2014 è cresciuta ad un ritmo graduale, subendo un lieve indebolimento

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Il punto sui mercati Novembre Risponde: Marco Vicinanza, Vice Direttore Generale e Responsabile Investimenti Arca SGR:

Il punto sui mercati Novembre Risponde: Marco Vicinanza, Vice Direttore Generale e Responsabile Investimenti Arca SGR: Il punto sui mercati Novembre 2013 Risponde: Marco Vicinanza, Vice Direttore Generale e Responsabile Investimenti Arca SGR: Andamento mercati azionari: il mese di ottobre è stato positivo per i mercati

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 marzo 2016 A passo di gambero I dati di gennaio 2016 del sistema bancario italiano 1 mostrano ancora una volta una situazione incerta. È indubbio che lo scenario sia migliorato

Dettagli

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Dicembre 2016 (principali evidenze)

RAPPORTO MENSILE ABI 1 Dicembre 2016 (principali evidenze) RAPPORTO MENSILE ABI 1 Dicembre 2016 (principali evidenze) PRESTITI E RACCOLTA 1. A novembre 2016 l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.814,5 miliardi di euro

Dettagli

ALTERNATIVE SPOT Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale

ALTERNATIVE SPOT Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale Tre motivi per investire in fondi alternativi nel contesto attuale HEDGE INVEST (SUISSE) SA / WWW.HEDGEINVEST.CH - 1 Durante le ultime settimane si sono verificati importanti cambiamenti di tendenze sui

Dettagli

IL WORLD ECONOMIC OUTLOOK

IL WORLD ECONOMIC OUTLOOK 649 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL WORLD ECONOMIC OUTLOOK DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 11 ottobre 013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY L ultimo World Economic

Dettagli

Camera dei Deputati 209 Senato della Repubblica

Camera dei Deputati 209 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 209 Senato della Repubblica LE AZIONI STRUMENTALI ALL ESERCIZIO DELLA FUNZIONE ISTITUZIONALE 1) I rapporti con gli assicurati Camera dei Deputati 210 Senato della Repubblica - - Camera

Dettagli

Morning Call 11 MAGGIO 2017 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi le previsioni della Commissione Ue

Morning Call 11 MAGGIO 2017 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi le previsioni della Commissione Ue Morning Call 11 MAGGIO 2017 Sotto i riflettori Rendimento del Btp a 2 anni: andamento I temi del giorno Macro: oggi le previsioni della Commissione Ue Draghi: la politica monetaria della Bce resta ultra

Dettagli

Fideuram Rendimento Fondo a distribuzione dei proventi della categoria Assogestioni "Obbligazionari Euro governativi medio/lungo termine "

Fideuram Rendimento Fondo a distribuzione dei proventi della categoria Assogestioni Obbligazionari Euro governativi medio/lungo termine Fideuram Rendimento Fondo a distribuzione dei proventi della categoria Assogestioni "Obbligazionari Euro governativi medio/lungo termine " Relazione semestrale al 30 giugno 2017 Parte specifica Società

Dettagli

STRESS TEST DEL NS. PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO

STRESS TEST DEL NS. PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO STRESS TEST DEL NS. PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO PERDITE IPOTETICHE SUI PRINCIPALI TITOLI OBBLIGAZIONARI CON IPOTESI RIALZO TASSI DI +50BPS SU TUTTA LA CURVA DA 1Y A 30Y INDICI MONDIALI 1.1.2016-29.4. 2016

Dettagli

Indirizzo Internet: Per informazioni contattare: Dir.II - Uff. VIII

Indirizzo Internet:  Per informazioni contattare: Dir.II - Uff. VIII Indirizzo Internet: http://www.tesoro.it/publicdebt Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff. VIII Indice Composizione dei titoli di Stato all emissione.. pag.1 Composizione dei

Dettagli

Morning Call 5 AGOSTO 2016 DAILY. Sotto i riflettori. La BoE abbassa il tasso base dopo sette anni e lo porta allo 0,25% con voto unanime

Morning Call 5 AGOSTO 2016 DAILY. Sotto i riflettori. La BoE abbassa il tasso base dopo sette anni e lo porta allo 0,25% con voto unanime Morning Call 5 AGOSTO 2016 Sotto i riflettori Tassi ufficiali delle principali Banche centrali: andamento da 2000 I temi del giorno La BoE abbassa il tasso base dopo sette anni e lo porta allo 0,25% con

Dettagli

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Gianfranco Torriero

Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia. Roma, 24 maggio 2010. Gianfranco Torriero Rapporto ABI 2010 sul settore bancario in Italia Roma, 24 maggio 2010 Gianfranco Torriero Agenda 1 > Roe: determinanti della redditività 2 > La qualità del credito e l adeguatezza patrimoniale 3 > Attivi

Dettagli

Gli scenari economici mondiali e le prospettive di crescita delle aree geografiche

Gli scenari economici mondiali e le prospettive di crescita delle aree geografiche Nuovi equilibri mondiali nell economia che cambia Gli scenari economici mondiali e le prospettive di crescita delle aree geografiche Lodi, 19 dicembre 2008 Fabio Sdogati INDICE Le origini della crisi Il

Dettagli

6 GIORNATA DELL'ECONOMIA ITALO-TEDESCA

6 GIORNATA DELL'ECONOMIA ITALO-TEDESCA 6 GIORNATA DELL'ECONOMIA ITALO-TEDESCA Monica Cellerino, Responsabile Territorio Lombardia Giugno 2012 AGENDA LE BANCHE ITALIANE: ESPOSIZIONE VERSO I PAESI IN DIFFICOLTÀ, RAFFORZAMENTO PATRIMONIALE BASILEA

Dettagli

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 122 GIUGNO 217 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

Stefano Ferrari Ufficio Studi Siderweb

Stefano Ferrari Ufficio Studi Siderweb Stefano Ferrari Ufficio Studi Siderweb IL MERCATO DELL ACCIAIO: PROSPETTIVE A BREVE TERMINE MONDO: LE PROSPETTIVE PER IL PIL AREA 2016 2017 Mondo 3,1% 3,4% Economie avanzate 1,8% 1,8% USA 2,2% 2,5% UE

Dettagli

Dipartimento di economia e statistica

Dipartimento di economia e statistica NUMERO 118 FEBBRAIO 217 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di

Dettagli

European economic outlook

European economic outlook OXFORD ECONOMICS Economia globale - contesti divergenti, politiche eterogenee European economic outlook (Roma,11 novembre 2014) L ECONOMIA EUROPEA L austerità è necessaria? A.Boltho Magdalen College Università

Dettagli

Filippo Lanza Fund Manager HI Numen Credit Fund

Filippo Lanza Fund Manager HI Numen Credit Fund Filippo Lanza Fund Manager HI Numen Credit Fund Milano, 4 marzo 2015 QE ad impatto forte e immediato... comprate banche e credito QE II probabile... Forse nessario (credito, azioni e oro) Detentori di

Dettagli

Previsioni (variazioni %)

Previsioni (variazioni %) Previsioni (variazioni %) 1 dollari per barile; 2 livelli; 3 valori percentuali Elaborazioni CSC su dati Eurostat, Fmi, Cpb, TR Elaborazioni CSC su dati Fmi Paesi Emergenti: Pil (variazione % e peso sul

Dettagli

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012

Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Da Agosto 2008 ad Aprile 2012 Tavola 1 - Prezzi al consumo relativi alla benzina verde con servizio alla pompa. Firenze, Grosseto, Pisa, Pistoia. Benzina verde con servizio alla pompa Ago-08 Set-08 Ott-08 Nov-08 Dic-08 Firenze 1,465

Dettagli

27 settembre 2016 CGIL FISAC TOSCANA

27 settembre 2016 CGIL FISAC TOSCANA 27 settembre 2016 CGIL FISAC TOSCANA Report Banche Credito: davvero in Italia più sportelli che all estero? In Toscana calo più accentuato anche degli addetti. Di seguito vengono presentate alcune analisi

Dettagli

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 12 SETTEMBRE 217 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di

Dettagli

Report Statistico Terzo trimestre 2013

Report Statistico Terzo trimestre 2013 Report Statistico Terzo trimestre 2013 2013 n. 3 Sommario Nota metodologica... 3 Tab. 1 e al 30 settembre 2013... 4 Tab. 2 Linee di investimento, iscritti e per tipologia di comparto... 4 Tab. 3 e per

Dettagli

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme settembre 2012

operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme settembre 2012 operatori finanziari in piazza Godiasco Salice Terme 14-15-16 settembre 2012 Debito pubblico e spread: la rincorsa Cos è lo spread e cosa rappresenta Sostenibilità del debito degli Stati: perché l equilibrio

Dettagli

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali)

L'inflazione. Il credito. Indicatore ciclico coincidente (Ita-coin) e PIL dell Italia (1) (variazioni percentuali) NUMERO 119 MARZO 217 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

ARTICOLI LA RISPOSTA DELLA BCE ALLA CRISI FINANZIARIA

ARTICOLI LA RISPOSTA DELLA BCE ALLA CRISI FINANZIARIA ARTICOLI LA RISPOSTA DELLA ALLA CRISI FINANZIARIA 1 INTRODUZIONE Ottobre 21 61 Figura 1 Illustrazione stilizzata del meccanismo di trasmissione dai tassi di interesse ufficiali ai prezzi 2 LA TR ASMISSIONE

Dettagli

Debito Sovrano spodestato dai mercati

Debito Sovrano spodestato dai mercati Debito Sovrano spodestato dai mercati Andrea Delitala Head of Investment Advisory Pictet Asset Management Pictet Asset Management Il primo mandato istituzionale risale al 1967 Assets under management:

Dettagli

Le linee di gestione. Aprile 2014

Le linee di gestione. Aprile 2014 Le linee di gestione Aprile 2014 Obiettivi OBIETTIVO CONSERVAZIONE RENDIMENTO A SCADENZA CORRELAZIONE Protezione del capitale Smoothing downside risk Low volatility Coupon cash flow generation Correlation

Dettagli

TREND POSITIVO PER L INDICE DI PROPENSIONE AL VIAGGIO, CHE CONTINUA LA SUA CRESCITA (QUESTO MESE +3 PUNTI)

TREND POSITIVO PER L INDICE DI PROPENSIONE AL VIAGGIO, CHE CONTINUA LA SUA CRESCITA (QUESTO MESE +3 PUNTI) LA RILEVAZIONE IN DETTAGLIO L indice di fiducia del viaggiatore italiano, elaborato da Confturismo-Confcommercio in collaborazione con l Istituto Piepoli, mostra nel mese di luglio una crescita della propensione

Dettagli

UCI Survey= 3 (Sett. Scorsa 2.98) )

UCI Survey= 3 (Sett. Scorsa 2.98) ) Settimana dal 20 al 27 Aprile Luca Franchi Alessandra Neri Il Reddito Fisso DATI USA E ASTE AUMENTANO IL RISCHIO DI DOWNSIDE Principali determinanti del tasso Bund: T-note ed euro/dollaro 90% 70% 50% 30%

Dettagli

Attività economica e occupazione. L'inflazione. Il credito. Le previsioni macroeconomiche

Attività economica e occupazione. L'inflazione. Il credito. Le previsioni macroeconomiche NUMERO 18 APRILE 216 Attività economica e occupazione Gli scambi con l'estero e la competitività L'inflazione Il credito La finanza pubblica Le previsioni macroeconomiche 1 7 8 11 12 Dipartimento di economia

Dettagli

MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME.

MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME. TURNI FARMACIE APRILE 2016 Sab. 2 apr. Dom. 3 apr. Sab. 9 apr. Dom. 10 apr. Sab. 16 apr. Dom. 17 apr. Sab. 23 apr. Dom. 24 apr. Lun. 25 apr. Sab. 30 apr. Dom. 1 mag. MATT. POME. MATT. POME. MATT. POME.

Dettagli

L economia della Valle d Aosta

L economia della Valle d Aosta L economia della Valle d Aosta L economia della Valle d Aosta è in graduale recupero L economia della Valle d Aosta è in graduale recupero Il miglioramento però ha interessato solo parte dell economia

Dettagli

Europa: oggi i prezzi al consumo e i dati del mercato del lavoro in Germania. Stati Uniti: oggi la prima stima del Pil del terzo trimestre.

Europa: oggi i prezzi al consumo e i dati del mercato del lavoro in Germania. Stati Uniti: oggi la prima stima del Pil del terzo trimestre. Morning Call 29 OTTOBRE 2015 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento I temi del giorno Macro: la fiducia delle imprese in Italia sale ai massimi dall inizio della crisi La Fed mantiene i tassi invariati;

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 11 febbraio 2016 Rischio sotto controllo I dati di dicembre 2015 del sistema bancario italiano 1 mostrano un rallentamento delle sofferenze. Questo dato è confortante visto che

Dettagli

Le Emissioni del Tesoro nel 2012

Le Emissioni del Tesoro nel 2012 Ministero dell'economia e delle Finanze Debito Pubblico Le Emissioni del Tesoro nel 2012 Indirizzo Internet: http://www.dt.tesoro.it Per informazioni contattare: dt.gruppo.info@tesoro.it Dir.II - Uff.

Dettagli

Il portafoglio modello in oggetto supporta una linea GPF Absolute Return con investimento azionario flessibile tra 0-100%.

Il portafoglio modello in oggetto supporta una linea GPF Absolute Return con investimento azionario flessibile tra 0-100%. L offerta di prodotti a ritorno assoluto punta su proporre un buon equilibrio tra risultati e rischi corsi, sfruttando tipicamente la capacità di gestire attivamente il trade-off rendimento-rischio. Il

Dettagli

DINAMICA CONGIUNTURALE DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN PROVINCIA DI BRESCIA

DINAMICA CONGIUNTURALE DEL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN PROVINCIA DI BRESCIA CONGIUNTURA DEL COMMERCIO AL 2 TRIMESTRE 2017 Fonte: indagine congiunturale Unioncamere Lombardia. Elaborazioni a cura dell Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio di Brescia. LA DINAMICA

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 10 NOVEMBRE 2016 L indice del commercio mondiale è calato a settembre 2016 a seguito della leggera riduzione dell export dei paesi sviluppati e del calo più marcato dell

Dettagli

Morning Call 26 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. La Commissione Ue promuove l Italia, evitata la procedura di deficit eccessivo

Morning Call 26 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. La Commissione Ue promuove l Italia, evitata la procedura di deficit eccessivo Morning Call 26 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno La Commissione Ue promuove l Italia, evitata la procedura di deficit eccessivo Tassi in calo

Dettagli

Fondo Pensione Dipendenti della Findomestic Banca S.p.A. - Comparto Linea Conservativa. Report al 30 set 2014

Fondo Pensione Dipendenti della Findomestic Banca S.p.A. - Comparto Linea Conservativa. Report al 30 set 2014 Fondo Pensione Dipendenti della Findomestic Banca S.p.A. - Comparto Linea Conservativa Report al 30 set 2014 Sommario Sezione 1. Visione sintetica del portafoglio pag. 2 Sezione 2. Performance e indicatori

Dettagli

I MERCATI FINANZIARI : ALCUNE DEFINIZIONI

I MERCATI FINANZIARI : ALCUNE DEFINIZIONI I MERCATI FINANZIARI : ALCUNE DEFINIZIONI 1 I MERCATI FINANZIARI: ALCUNE DEFINIZIONI -EURIBOR (Euro Interbank Offered Rate): - è il tasso di interesse prevalente sul mercato dei depositi interbancari per

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 9 OTTOBRE 2017 Commercio mondiale in crescita del 4,7% annuo L economia cinese conferma una crescita prossima al 7% Produzione industriale in crescita nei Paesi europei

Dettagli

Market movers Europa: oggi la produzione industriale tedesca e i prezzi alla produzione italiani. Stati Uniti: oggi i dati sul mercato del lavoro.

Market movers Europa: oggi la produzione industriale tedesca e i prezzi alla produzione italiani. Stati Uniti: oggi i dati sul mercato del lavoro. Morning Call 6 MARZO 2015 Sotto i riflettori Spread Bonos/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Bce, al via il quantitative easing dal 9 marzo; tassi fermi ai minimi, riviste al rialzo le stime del

Dettagli

Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia

Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Roma, 14 dicembre 2012 Alcuni fatti Le imprese in Italia - attive: 5.300.000 - con debiti bancari > 30.000 euro: 1.900.000

Dettagli

RAPPORTO CER Aggiornamenti

RAPPORTO CER Aggiornamenti RAPPORTO CER Aggiornamenti 14 Gennaio 2013 Tenui segnali di ripresa TENUI SEGNALI DI RIPRESA Alla fine del 2012 sono emersi primi segnali di interruzione della fase di contrazione degli impieghi. Su base

Dettagli

MEDIOLANUM AMERIGO VESPUCCI

MEDIOLANUM AMERIGO VESPUCCI MEDIOLANUM AMERIGO VESPUCCI RELAZIONE SEMESTRALE AL 29/06/2007 92 MEDIOLANUM AMERIGO VESPUCCI NOTA ILLUSTRATIVA SULLA RELAZIONE SEMESTRALE DEL FONDO AL 29 GIUGNO 2007 Signori Partecipanti, il semestre

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN TOSCANA RAPPORTO 2013 IRPET

IL MERCATO DEL LAVORO IN TOSCANA RAPPORTO 2013 IRPET IL MERCATO DEL LAVORO IN TOSCANA RAPPORTO 2013 Nicola Sciclone - Firenze, 3 febbraio 2014 La relazione fra ciclo economico ed occupazionale Le perdite occupazionali sono inferiori a quelle del prodotto

Dettagli

Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali. Analisi del Debito

Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali. Analisi del Debito Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali Analisi del Debito COMUNE DI MONTECATINI TERME 3 giugno 2008 1. Introduzione La valutazione del debito del Comune di Montecatini Terme è stata elaborata

Dettagli

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18

Unipol Assicurazioni SpA Cumulative Auto Bologna 12/01/2015 11:18 ESER. POL AGEN. POL RAMO POL NUM. POL. ESER. SIN AGEN. SIN. NUM. SIN RAMO SIN. ISPETTORATO DATA AVVENIM. DATA CHIUSURATIPO DEN. TIPO CHIUSTP RESP ASSICURATO PREVENTIVO PAGATO DA RECUPERARE 2007 1467 130

Dettagli

BTP, BTP I.L. e CCT. 10-mag set-17 4-feb giu ott mar lug-24-5 BTP CCT

BTP, BTP I.L. e CCT. 10-mag set-17 4-feb giu ott mar lug-24-5 BTP CCT BTP, BTP I.L. e CCT L attuale scenario di tassi e rendimenti estremamente compressi a causa dei noti interventi delle banche centrali, ci ha indotto a rivalutare l intero universo dei titoli di stato italiani

Dettagli

I FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI SIENA

I FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI SIENA I FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI SIENA STAGIONE 2015 (FONTE DATI: AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA UFFICIO TURISMO) Secondo le statistiche ufficiali sui movimenti turistici registrati nelle strutture

Dettagli

Focus: giugno 2016. quadro macroeconomico scambi commerciali con l Italia. Centro Studi Federlegno Arredo Eventi SpA

Focus: giugno 2016. quadro macroeconomico scambi commerciali con l Italia. Centro Studi Federlegno Arredo Eventi SpA Focus: giugno 2016 quadro macroeconomico scambi commerciali con l Italia Centro Studi Federlegno Arredo Eventi SpA QUADRO MACROECONOMICO INDICATORE 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 Popolazione (milioni)

Dettagli