Attività del Consiglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attività del Consiglio"

Transcript

1

2 Dalla redazione C ari lettori, nel Consiglio Comunale del 17 giugno scorso è stata discussa la complessa tematica dell ICI (Imposta Comunale per gli Immobili) per la quale l Amministrazione ha adottato vari strumenti regolativi ed applicativi. In riferimento a questa tassa comunale che è materia fiscale e come tale segue la normativa dello Stato, l Amministrazione si è data, pur nei limiti delle possibilità consentite dalla legge, un regolamento; ha deciso di gestire in proprio la raccolta ed il controllo dei pagamenti, ed ha predisposto una suddivisione del territorio comunale in microzone, individuando i valori (di mercato) minimi e massimi degli edifici su cui si baserà la tassazione a partire dal Ci è sembrato opportuno creare uno spazio apposito per questo argomento che riguarda e preoccupa gran parte di noi cittadini; abbiamo scelto di dare informazioni sintetiche sul regolamento ed altre più analitiche tramite tabelle sulle classificazioni degli edifici e delle aree fabbricabili appartenenti alle tre microzone, con i rispettivi valori assegnati. Altra notizia utile: la novità del regolamento per la pulizia dei camini; troverete informazioni precise nel dialogo simulato tra il cittadino che vuol mettersi in regola e l interlocutore competente che risponde in modo concreto. L inizio del nuovo anno scolastico si aprirà con due importanti cambiamenti per la scuola elementare di Storo: l introduzione della settimana corta e l avvio della mensa. Lo spazio scuola offre in questo numero un contributo informativo e di commento sulla nuova realtà organizzativa della scuola elementare, con uno sguardo a quelli che sono stati i momenti salienti della sua trasformazione, anche in un contesto di confronto con altre scuole della Valle del Chiese. Molte altre nuove ed interessanti proposte di lettura le potrete trovare nelle varie rubriche. Noi ci sforziamo di offrire con ogni pubblicazione, un valido strumento sia di collegamento tra l Amministrazione Comunale ed i suoi cittadini sia di valorizzazione di quanto avviene nei nostri paesi. Buona Lettura. 1

3 Attività del Consiglio 2 Consiglio del 15 aprile 99 Sono assenti: Vigilio Giovanelli e Giovanni Luzzani Viene presentata l interrogazione sul progetto cestinato strada di collegamento area artigianale Darzo-Lodrone, letta dal consigliere Ennio Colò, il vicesindaco legge la risposta. Segue una replica (orale) dell interrogante e una controreplica del vicesindaco come da regolamento. Trovate i documenti nello spazio delle interrogazioni alle pagine 11 e 12. Viene poi trattata l interrogazione su problematiche relative al trasporto pubblico. Il consigliere Colò legge l interrogazione, l assessore Armanini la risposta. Colò si dichiara soddisfatto della risposta, con alcune precisazioni soprattutto con riferimento al sovraffollamento sulla linea Storo Tione. Anche i testi di questa interrogazione sono nell apposita rubrica a pagina 9. Alle ore i lavori consiliari proseguono in seduta aperta ai sensi dell art. 40 del regolamento per discutere sulle vicende della cassa Rurale di Storo. Il consigliere Dario Piccinelli, si assenta e prende posto fra il pubblico. Al dibattito è assente anche Angelo Ferretti. Il Presidente spiega i motivi della convocazione sull argomento del Consiglio in seduta aperta durante la quale possono prendere la parola anche altre persone non consiglieri. Comunica di aver invitato anche il Presidente dell Istituto di Credito, il quale ha declinato l invito, ritenendo di dover rispondere solo ai soci e formulando anche qualche velata critica di ingerenza all iniziativa del comune, che non è stato altrettanto attento nei tanti momenti positivi della società. Il sindaco espone una approfondita relazione politica sulla questione a partire dal diritto e dovere del Consiglio comunale di prendersi cura anche di questi importanti e difficili momenti della vita economica della comunità. Giuliano Beltrami dissente dalle critiche del sindaco sull assenza del Presidente della Cassa Rurale e ritiene che i problemi della società vadano trattati nell ambito della società. Anche Colò ritiene difficile e forse rischioso che il consiglio entri nei problemi della società, pur ritenendo che l argomento non debba essere un tabù per il Consiglio e continua riferendo alcune cose sentite dalla viva voce del Presidente che egli ha contattato direttamente. Il sindaco riporta l argomento su piani più ampi che riguardano la gravità della turbativa sociale nei confronti di un ente al quale da cento anni si affidano i destini economici e questo è lo spunto per una discussione sulle società a partecipazione collettiva e sul richiamo al rinnovamento. Isidoro individua la piazza del consiglio comunale come la più indicata per dibattere democraticamente sulle questioni di cui parla la gente. Salvatore rivendica il diritto e il dovere di fare una lettura e una

4 analisi della situazione della cooperazione storese, per poi porre una soluzione politica e riferisce un episodio di rifiuto al dialogo opposto dalla Cassa rurale di Storo al bollettino comunale. Si passa a discutere criticamente sugli scarsi spazi di democrazia nelle annuali assemblee ordinarie che sono celebrative e rituali e non certo costruttive delle scelte e degli indirizzi politici degli enti cooperativi. Giuliano sostiene comunque che quelli sono gli unici spazi che bisogna saper gestire per fare democrazia. Si replica sostenendo che gli spazi vengono negati. Gianpietro Mezzi invita i consiglieri ad assumere ognuno personalmente l impegno a intervenire come soci prendendo la parola nelle prossime assemblee societarie. Giorgio Ferretti ritiene che l assemblea abbia i suoi tempi rigidi e i suoi doveri rituali e lì non trovano spazio gli interventi sostanziosi di confronto democratico. Anche Giulio Beltrami concorda sul fatto che le assemblee ordinarie annuali previste dal codice civile non sono il luogo dove i soci possono esprimere la volontà, i giudizi e le critiche. Giovanni Zontini, che è membro del consiglio di amministrazione della Cassa Rurale interviene sul problema del coinvolgimento dei giovani e sulla ricerca di spazi di democrazia in momenti diversi dalle assemblee rituali. Gianpietro illustra l importanza del rinnovamento che ovviamente presuppone la necessità di spazi liberi e quindi il superamento del senso di indispensabilità da parte degli amministratori in carica. Il sindaco conclude il dibattito tornando sull importanza del rinnovamento che avviene attraverso l apertura ai giovani e alle candidature libere. Gianpietro legge la mozione proposta dalla maggioranza. Messa ai voti la mozione viene approvata all unanimità. I lavori alle ore 23,15 proseguono in seduta informale. Giuliano fuori argomento richiama alla memoria la tragica realtà quotidiana della guerra, ritiene di non presentare mozioni che rischiano di trasformarsi nella saga della chiacchiera e invece sollecita la giunta a dare il proprio contributo all operazione arcobaleno. Il sindaco ringrazia e coglie la proposta impegnandosi a portarla in giunta nella prossima seduta. Il sindaco riferisce sugli espropri arretrati e di altre acquisizioni di fatto di terreni per opere pubbliche, e sugli ultimi sviluppi della situazione della Lowara. 3 Inaugurazione alla palestra di roccia al Sas dal Vescof a cura del CAI-SAT di Storo 30 maggio

5 Consiglio del 17 maggio 99 4 Sono assenti: Olimpio Scaglia sindaco in ospedale per accertamenti sanitari, Giuliano Beltrami, Isidoro Zontini, Attilio Rinaldi, Dario Piccinelli, Angelo Ferretti. Viene approvato il regolamento del Corpo dei Vigili del Fuoco Volontari del Comune di Storo. Riferisce l assessore Danilo Scalvini sulla versione approvata dalla Giunta provinciale e letta e modificata dall assemblea del corpo locale. Viene espresso il parere al bilancio di previsione dell A.S.U.C. di Darzo per l esercizio finanziario Riferisce Pietro Giovanelli. Non ci sono argomenti all ordine del giorno per l A.S.U.C. di Storo. Seguono argomenti informali fra cui le modifiche al regolamento interno del consiglio comunale e i valori da attribuire alle aree edificabili ai fini I.C.I. Consiglio del 17 giugno 99 Sono assenti giustificati come da comunicazione del Presidente: Angelo Ferretti e Dario Piccinelli. È assente con onere di giustificazione Giorgio Ferretti. Nomina del revisore dei conti per il prossimo triennio. Riferisce il sindaco. Agli atti è depositata la proposta ufficiale con l indicazione del dott. Antonio Maffei, perché in sede istruttoria è emerso che chi ha presentato offerta migliore si trova in situazione di incompatibilità ad assumere l incarico. Viene approvato il conto consuntivo dell esercizio finanziario 1998: eliminazione dei residui attivi e passivi insussistenti, delle minori entrate insussistenti ed approvazione del conto. Relaziona il sindaco leggendo e commentando i dati principali e più significativi di alcuni tabulati raccolti in alcuni fogli distribuiti ai consiglieri. Prende la parola Colò per giustificare il voto contrario, premettendo un giudizio totalmente positivo sui numeri e sulla trasparenza del- Momenti di gloria l esposizione, ma criticando la sostanza delle scelte politiche che egli giudica negative. Messo ai voti il conto consuntivo viene approvato con voti favorevoli dodici e contrari cinque (Liste Crescere Insieme, Polo e Civica Lodrone). Vengono determinati i tassi di interesse da applicare in occasione dei controlli su annualità pregresse (art. 13 comma 4 legge n. 133). Il presidente spiega l opportunità di adottare la delibera per semplificare e adeguare gli interessi a quelli più vicini al mercato. Il consiglio comunale approva all unanimità la proposta. Vengono poi stabiliti i valori venali per le aree fabbricabili ai soli fini di accertamento Imposta Comunale sugli Immobili (I.C.I.) per gli anni dal 1993 al L argomento

6 è già stato oggetto di dibattito informale la seduta scorsa e poi è stato oggetto di alcune riunioni dei capigruppo consiliari. La giunta ha ulteriormente riflettuto sulla proposta e ha depositato a norma di regolamento una valutazione alternativa. Sulla proposta riferisce il presidente. Dopo ampio dibattito si concorda unanimemente sulla proposta alternativa della giunta che prevede per gli anni dal 1994 al 1998 un valore medio tra un minimo per il 1993 primo anno di imposizione e un valore corrente per l anno Inoltre nella categoria delle aree artigianali e industriali si aggiungono le aree commerciali e si porta la riduzione dal 20 al 30 per cento. Così formulata la proposta definitiva viene approvata all unanimità. Viene poi approvata la revisione generale degli estimi catastali e suddivisione del territorio in microzone. Il sindaco illustra il problema in generale e le competenze del comune in particolare; quindi spiega i criteri seguiti per individuare le microzone e per attribuire i valori a metro quadro. Riferisce inoltre sull incontro avvenuto ieri sera con i sindaci di valle nel quale è emersa l opportunità di definire una microzona di mezza montagna che può interessare alcuni abitati di valle e, per il comune di Storo, può riguardare la zona di Riccomassimo. Prosegue il vicesindaco spiegando e illustrando alcuni aspetti tecnici. Dopo ampio dibattito si concorda sulla proposta di individuare tre microzone e si rinvia in calce all ordine del giorno incaricando nel frattempo il vicesindaco a tratteggiare i confini delle microzone sulle mappe già predisposte e a definire l allegato descrittivo. Si concorda e si procede con i lavori. Vengono approvate le modifiche del regolamento d uso della discarica comunale per rifiuti inerti. Il vicesindaco relatore spiega che a seguito delle modifiche richieste al piano comprensoriale è ora possibile modificare anche il regolamento comunale in base agli accordi coni sindaci dei comuni vicini. Rimane inteso che l accesso effettivo alla discarica è subordinato agli accordi sulla partecipazione ai costi. Durante il dibattito emerge il problema di estendere l accesso anche al comune di Condino che non ha chiesto formalmente e che comporterebbe problemi da valutare con riferimento alla dimensione della discarica. Si mette ai voti la proposta con l eliminazione del comune di Condino. La proposta così come corretta viene approvata all unanimità. I lavori proseguono mentre alcuni consiglieri nella stanza accanto si occupano di delineare le microzone. Approvazione del regolamento comunale per il servizio di pulizia dei camini. Relaziona il sindaco fautore della proposta. La versione che viene presentata in consiglio è stata concordata nei dettagli con i vigili del fuoco di Storo. Si discute sul costo dei controlli per chi provvede in proprio alla pulizia. Nella discussione delle proposte per la definizione delle microzone, relaziona il vicesindaco L allegato della microzona 2 riprende in tutto l allegato per la microzona uno con una riduzione dei valori del 30% e con altri adeguamenti conseguenti. Illustra inoltre le linee di confine fra zone tracciate con tratto continuo di colore rosso sulla mappa sinottica del territorio riassumendo sinteticamente che la linea di livello dei 500 metri di altitudine sul livello del mare, diviene confine fra la zona uno e tre ad esclusione della zona di Riccomassimo che viene classificata zona due. Con le modifiche proposte dal vicesindaco la deliberazione viene approvata all unanimità. Si passa quindi alla ripresa del dibattito sulla pulizia dei camini. Il sindaco illustra le modifiche da lui proposte in conformità ai suggerimenti formulati dai consiglieri. Con le correzioni apportate e spiegate dal sindaco agli articoli 5, 9 e 15 il consiglio comunale approva all unanimità il nuovo regolamento. 5

7 Notizie dalla Giunta 6 Sedute del mese di aprile 99 S ono approvati in via definitiva i lavori di sdoppiamento della fognatura del centro storico di Darzo, per i quali è prevista una spesa di Il progetto è stato predisposto dall Ing. S. Moneghini di Storo. Si autorizzano i lavori di rifacimento della passerella sul rio Carbonare a Darzo, in località Circondelle, affidandoli all impresa Melzani A. di Storo per un costo di Si approva il progetto di lavori per la realizzazione di un campetto di calcio per gli allenamenti della S.Settaurense, presso il centro sportivo ai Grilli di Storo, per un importo di per le opere del primo stralcio. Si approva un contratto di appalto con il Sign. B. Zanetti di Darzo di annue per l utilizzo di tre parcheggi nel paese di Darzo (cortile ufficio postale). Si approva il progetto dei lavori di isolamento termico (cappotto esterno) dell edificio della scuole elementare di Lodrone, per un costo di Si liquida all Associazione Calcio Storo il contributo a saldo di relativo ai avori di sopraelevazione della palazzina in località Piane a Storo, ad uso spogliatoi. Si concede il contributo di in acconto, alle Pro Loco locali per l attività svolta nell anno Pro Loco Storo: ; Pro Loco Darzo: ; Pro Loco Lodrone: , al consorzio Pro Loco Val del Chiese per le iniziative programmate per il Si aderisce all iniziativa di solidarietà a favore delle vittime della guerra del Kosovo con un contributo di ( per ogni persona residente nel Comune). Si approva l espropriazione dei fondi privati per una spesa di circa finalizzata alla costruzione di nuove strade urbane a Lodrone (2 lotto). Si conclude la complessa vicenda riguardante le pratiche del condono edilizio Con la presente delibera si riconosce la non applicabilità del contributo per opere di urbanizzazione secondarie degli edifici residenziali costruiti abusivamente nelle zone agricole dal periodo settembre ottobre 1985 e soggetti a richiesta di condono edilizio. Si riconosce, inoltre, che le somme versate dai proprietari come oneri di urbanizzazione sono state richieste indebitamente e che pertanto dovranno essere restituite d ufficio. Si autorizzano i lavori per il ripristino della rete paramassi sulla strada Lodrone- Riccomassimo per una spesa di La direzione dei lavori è affidata al tecnico comunale arch.bondoni B. Sedute del mese di maggio 99 Si approva il progetto esecutivo delle opere di creazione di itinerari turistici at-

8 trezzati (creazione di una passerella sul canale ENEL in località Cà Rossa per permettere il collegamento con la pista ciclabile proveniente da Condino). Si accetta il contributo del BIM del Chiese che finanzia con fondi CEE, nell ambito del progetto Leader II, queste iniziative di valle. Si approva il piano degli interventi di politica del lavoro, denominato AZIONE12 per l anno 1999 e riguardante i lavori socialmente utili, da realizzare in collaborazione con le Amministrazioni comunali di Condino, Bondone e Brione. Si delibera di assumere un mutuo di con il Credito Fondiario di Trento per il parziale finanziamento dei lavori di completamento della rete fognaria di Lodrone. (spesa complessiva dell opera è di ). Si delibera l acquisto di attrezzature per il rinnovato parco giochi di Darzo, per un totale di circa , presso la ditta Stebo Ambiente di Gargazzone (BZ). La scelta delle attrezzature da gioco è stata concordata con la Pro Loco e con i docenti della scuola elementare e materna della frazione. Si autorizza l esecuzione dei lavori relativi alla sistemazione del parco giochi Fontana Santa e alla realizzazione del parcheggio in località Gaggio e steccato in legno, affidando i lavori alla ditta Tral di Storo, per una spesa di Si concede il contributo di al Gruppo Alpini di Storo per l esecuzione delle opere di sistemazione della strada per Verdura. Sedute di giugno/luglio 99 Inaugurazione Teatro di Lodrone nella ex Chiesa del Conventino, vista d insieme Si delibera di impegnare il contributo di a favore della Pro Loco di Lodrone per l organizzazione della manifestazione estiva Notti Live. Si approva la revisione prezzi (fino al 10 St. Av. Lav.) dei lavori di costruzione delle nuove strade urbane di Storo, predisposti dall impresa costruzioni Dalbon di Tione e vistati dal direttore dei lavori geom. D. Mezzi e che quantifica l importo in circa Si autorizza la ditta costruzioni edili Monticelli di Storo ad installare i giochi e l arredo urbano previsti presso il nuovo parco giochi di Darzo al costo complessivo di Si delibera di affidare l incarico di progettare il nuovo ufficio postale presso la Casa Sociale a Darzo al geom. D. Franceschetti di Pieve di Bono, con una spesa di Si affida l incarico per la stesura della perizia geologica e geotecnica al dott. S. Lorenzi di Storo e per l esecuzione dei sondaggi geognostici alla ditta Imprefond di Grumo (TN) necessari per la progettazione di due ponti sul fiume Chiese, con una spesa preventiva di Si autorizza l esecuzione dei lavori di pavimentazione in cemento di alcuni lotti della strada per la località Lorina alla ditta Spada Calcestruzzi di Condino ed acquisto 7

9 8 di rete elettrosaldata dalla ditta Fer Staff di Storo per un costo complessivo di Si liquidano i contributi per un totale di alle associazioni operanti nel Comune nell attività e promozione sportiva per l anno I contributi più consistenti sono stati erogati a: Motor Club Storo ; Team Volley ; Società Sportiva Eridio ; Società Atletica Valchiese Si approva la realizzazione del piano degli interventi di politica del lavoro - Progetto 12 anno nell importo complessivo di , predisposto dal direttore dei lavori geom. G. Zanetti. Si approva il progetto esecutivo dei lavori di costruzione di una passerella sul canale ENEL in località Cà Rossa a Storo (nell ambito del progetto Leader II- creazione di itinerari turistici attrezzati) con un costo complessivo di circa Si autorizzano i lavori relativi alla costruzione della scogliera a sostegno della strada Cà Rossa-Faserno (diramazione della strada principale verso la colonia alpina) affidandoli alla ditta S.I.S.A. di Storo per una spesa di Si incarica lo studio associato di geologia applicata del dott. C. Valle di San Michele all Adige (TN) di stendere la perizia geologica e geotecnica necessaria alla progettazione della prevenzione, consolidamento e protezione della strada Cà Rossa- Faserno, in località Grotta. Il preventivo della spesa ammonta a Si acquistano le attrezzature per i parchi giochi Fontana Santa e alle Piane di Storo e della nuova sabbiera per la scuola materna di Darzo, per un importo complessivo di circa Si autorizzano i lavori di manutenzione straordinaria (posatura asfalto) delle vie di campagna di Lodrone e Darzo, affidando l esecuzione dell opera alla ditta Edilbaldo di Nago (TN) al costo di Si liquidano contributi alle associazioni culturali operanti nel Comune di Storo, secondo i criteri stabiliti nel piano culturale I maggiori contributi sono per l ANSPI oratoriostoro ( ); Banda Sociale Storo ( ); Cooperativa Il Chiese ( ). Si approva il progetto esecutivo dei lavori di realizzazione della mensa nella scuola elementare di Storo del costo complessivo di (l argomento viene ampiamente trattato a pag. 23) affidando la funzione di Direttore dei lavori all ing. T.Salizzoni. Si concede e si liquida il contributo ordinario per l anno 1999 alla S.Settaurense dell importo di per il pagamento della fornitura di energia elettrica alla società sportiva. Giugno 99 - Inaugurazione Teatro di Lodrone nella ex Chiesa del Conventino Concerto eseguito dai maestri della scuola musicale

10 Interrogazioni Dichiarazioni 9 privati confinanti, alludendo al costo sovrastimato dell operazione. Settimo Scaglia (Polo della Libertà) Giovanni Luzzani (Civica Lodrone) Colò Ennio (Crescere Insieme) Interrogazione Dichiarazione Oggetto: dichiarazione di voto sulla deroga per Bar Rocca Pagana La richiesta di deroga per la realizzazione di 10 posti macchina nell ex area Bar Rocca Pagana, oggi 18 marzo 1999, è una provocazione. L adozione definitiva del P.R.G. ha subito per causa della maggioranza un ritardo imperdonabile e la gente sta pagando tutti i giorni le conseguenze con l iniziativa privata bloccata da almeno tre anni, oltre la normale scadenza prevista. I nostri paesi sono pressochè imbalsamati e la gente è stufa di aspettare il nuovo P.R.G.. Per tutta risposta la maggioranza chiede di procedere con deroghe dando proprio un bell esempio di considerazione e sensibilità verso le esigenze dei cittadini. Ma poi questi 10 posti macchina non andavano studiati nel contesto del progetto globale dell arredo di piazza Europa, come il Vicesindaco Mezzi aveva affermato? La nostra fretta ci porta a dar ragione a quei cittadini non più giovanissimi che ci hanno ricordato come il giardino pubblico adiacente alla piazza del municipio venne eliminato allora, per favorire gli interessi dei Oggetto: problematiche relative al trasporto pubblico I sottofirmatari consiglieri comunali la interrogano con preghiera di risposta scritta ai sensi del regolamento su alcune problematiche che interessano il trasporto pubblico. La stampa recentemente si è occupata criticamente dei problemi del trasporto pubblico, sollevato anche da studenti e pendolari residenti nella nostra comunità, sempre più penalizzata dalla perifericità e subalternità in tutti i settori: dalla cultura allo studio, dalla salute al lavoro, dall informazione allo sport tanto per citarne alcuni. Nel solco dell impegno intrapreso dalla precedente Amministrazione Malfer si chiede alla Giunta se e come intende sollecitare le autorità competenti ad affrontare le difficoltà che il trasporto pubblico incontra nel far fronte alle richieste della nostra gente e che noi avremmo, almeno nelle urgenze, così sintetizzato: 1- Vi sono studenti che frequentano istituti superiori a Riva del Garda e che possono usufruire regolarmente del servizio di trasporto pubblico solo venerdì e sabato. Negli altri giorno il ritorno pomeridiano da Riva è garantito solo fino a Tiarno, poi è compito dei genitori con mezzi privati. Mancando la

11 10 corsa regolare altri studenti hanno optato per il collegio. 2- Per parecchi studenti il viaggio quotidiano da e per Tione avviene in condizioni disagiate e rischiose a causa del sovraffollamento dei mezzi di trasporto. 3- Vi sono pendolari del Basso Chiese che da Trento la sera arrivano a Tione con la Trento-Madonna di Campiglio e non trovano la coincidenza verso la loro residenza. 4- La S.I.A., alla quale la Provincia ha dato la concessione per il trasporto pubblico in Trentino, non riconosce sulle proprie corriere le riduzioni ai pensionati previste dalla stessa Atesina. Ringraziando, porgono distinti saluti. Risposta E. Colò, D. Piccinelli V. Giovanelli, G. Luzzani Premesso che in alcune occasioni si sono affrontati e risolti problemi riguardanti il trasporto pubblico, come ad esempio la ricollocazione ed il potenziamento delle fermate per le autocorriere in collaborazione con la società Atesina, il prolungamento fino a Storo delle corse delle autocorriere della S.I.A., da e per il centro scolastico di Idro. In altre occasioni invece, problemi che abbiamo segnalato non hanno ancora trovato risposte, è il caso delle situazioni evidenziate nei punti 1 e 2 della vostra interrogazione. Per quanto riguarda le situazioni che avete posto nei punti 3 e 4, ci stiamo informando per avere un quadro più preciso della situazione ed eventualmente si potranno portare avanti queste richieste con gli altri comuni interessati. Distinti saluti. Controreplica Umberto Armanini (Assessore alla Viabilità) Riteniamo che il punto 2 sia il più importante da risolvere. Chiediamo all assessore competente di verificare assieme alle altre Amministrazioni Comunali del Basso Chiese interessate la compatibilità del numero di alunni iscritti alle scuole superiori di Tione con i posti a sedere garantiti dal trasporto pubblico. Colò Ennio a 2 Trofeo Comune di Storo Atleti alla partenza

12 Interrogazione Oggetto: progetto cestinato strada di collegamento area artigianale Darzo-Lodrone Nei giorni scorsi ho avuto modo di partecipare all Assemblea del Consorzio di Miglioramento Fondiario di Darzo-Lodrone; con stupore ho notato l assenza dei rappresentanti della Giunta Comunale e Maggioranza consigliare. Fra gli argomenti sollevati da un numeroso pubblico, ha tenuto banco, come si poteva immaginare, quello della realizzazione del ponte agricolo e della relativa viabilità rurale conseguente, di cui si è discusso anche all ultimo consiglio comunale. L assemblea si è anche soffermata sulla viabilità di collegamento fra Darzo e Lodrone ed ha sollecitato un urgente soluzione migliorativa anche alla luce della soluzione che si è definita con la previsione di attraversamento del Chiese, che pone quel tratto di viabilità in assoluta priorità d intervento. Il sottoscritto dopo tale premessa La interroga, con richiesta di risposta scritta, per conoscere: 1- L amministrazione Malfer aveva commissionato un progetto di realizzazione di strada di collegamento tra la zona artigianale di Darzo e l abitato di Lodrone (area Comergas-Edilsilver) all Ing. Moneghini dello Studio Quattro di Storo. Quanto è costato il progetto al Comune di Storo? 2- A quanto ammontavano i costi per questo lavoro pubblico? 3- Perché anche questo progetto è stato cestinato da questa Amministrazione? Non ritiene debba venir recuperato in considerazione della definitiva scelta di dislocazione dell attraversamento del Chiese con ponte agricolo? 4- Che giudizio da l Assessore competente della situazione logistica della ditta Edilsilver insediata nell area in questione? Non ritiene urgente imboccare una soluzio- ne di bonifica dell area, al fine di realizzare e regolarizzare le esigenze dell azienda e della viabilità? Ringraziando per l attenzione, porgo distinti saluti. Colò Ennio Risposta Non mi pare di essere mai stato invitato alle Assemblee o alle riunioni del consorzio di miglioramento fondiario di Darzo e Lodrone, e quindi non so di cosa si sia parlato nella riunione citata nell interrogazione. Per quanto riguarda le domande specifiche, le rispondo: 1. Il progetto di collegamento tra l abitato di Lodrone e la zona artigianale di Darzo, commissionato dall amministrazione Malfer il all ing. Moneghini Salvatore come lei richiama, è costato al Comune di Storo circa 34,6 milioni lire di cui circa 6 milioni pagati dall amministrazione Malfer nel 1994 e 28,5 milioni dall amministrazione Scaglia nel L importo dei lavori del progetto originario era di 597 milioni (prezzi 1994), a prezzi 1999 potrebbe essere un po di più, se venisse realizzato nel progetto originario completo. Atleti lungo il percorso 11

13 12 3. Finora questa Amministrazione non ha ancora cestinato il progetto in questione ma sta ancora studiando con il progettista la sua fattibilità e le necessarie modifiche. Non nascondo di avere, comunque, perplessità di merito. 4. Mi chiede se ho un giudizio personale sulla bonifica della area Edilsilver. Personalmente, credo che tutte le rivendite di materiali edili siano necessarie, se vogliamo costruire case, ma che siano inevitabilmente dei pugni nello stomaco dal punto di vista paesaggistico. Peraltro sono scempi che di solito gli amministratori locali si permettono di lasciare sorgere lungo le statali, come avviene anche nella nostra valle e non molto lontano da noi, a dimostrazione credo dell imprenditorialità locale. Se non altro da noi il misfatto è sorto fuori mano. Dal punto di vista imprenditoriale, stimo chi con coraggio si muove usando lo spazio che gli viene lasciato, non posso dire lo stesso di chi amministrando il comune di Storo ha lasciato l Edilsilver in una situazione di debolezza e ricattabilità evidenti. Tornando alla bonifica, e tenendo conto che le leggi in materia edilizia sono quelle che sono, mi risulta che Edilsilver abbia cercato di saltare sul treno dei condoni e mi auguro 2 Trofeo Comune di Storo Premiazioni che risulti il treno giusto, se poi non lo fosse rimane la sanatoria con il PRG in adozione. Altro, non so, o meglio, non credo si possa fare molto come amministrazione comunale. Posso dire che spero che a Roma riaprano i termini del condono edilizio ma... non dipende da me e da nessuno dell amministrazione in cui lavoro. Se posso farle una domanda che esprime abbastanza bene il mio sgomento le chiedo: lei una bacchetta magica ce l ha? Perché io non ce l ho Sperando di essere stato chiaro e completo la saluto. Gianpietro Mezzi (Assessore ai Lavori Pubblici) Controreplica 1- L Amministrazione Comunale di cui Lei è Vicesindaco è stata invitata dal Consorzio di Miglioramento Fondiario per l assemblea annuale. 2- La invitiamo ad affrontare con decisione la viabilità ed illuminazione pubblica di quest area tenendo conto della situazione della ditta Edilsilver che in questo contesto dovrebbe trovare soluzione. Colò Ennio

14 La pagina del Sindaco Vizi privati e pubbliche virtù S ull ultimo numero del bollettino ho scritto di POLITICA ( arte di governare la comunità ) IDEALE, e purtroppo i ragionamenti sulla politica ideale disturbano la digestione di chi conosce solo politica d altro genere e conservazione interessata. Io, però, torno sull argomento perché il momento storico lo richiede, e perché il nostro paese in particolare, oggi più che mai, piaccia o non piaccia a tutti, ha bisogno della predica. Del resto sono in compagnia garantita. Il discorso rivolto dal Vescovo di Trento nel giorno del suo insediamento agli amministratori pubblici, discorso che ha molto colpito, è stato incentrato sullo stesso tema. Ne stralcio la panna, affinchè esso possa essere base di qualche bell atto di contrizione e soprattutto di buoni propositi. La classe dirigente deve anzitutto rifiutare ogni forma di politica di basso profilo, appiattita sull utilità, se non personale, comunque di parte, di squadra, di partito, per investire invece su una politica di alta idealità, che sappia farsi servizio alla crescita della città degli uomini. Non deve venir meno il tentativo di cercare le vie della mediazione e del dialogo per quell unità che, pur nella salvaguardia della legittimità e necessità di posizioni differenti, permette di evitare divisioni insanabili che condannano alla sclerosi dell immobilismo. In secondo luogo non va lasciato scadere l impegno degli amministratori nella fumosità e nella retorica, nell inflazione di promesse non mantenute. La parola autentica mira a ridurre la distanza che la separa dai fatti, dalle situazioni, dalla vita. Infine va coltivata quella creatività che si esprime in capacità progettuale, contro ogni tentazione di fermarsi a gestire l esistente. Il contributo forte che la Chiesa può offrire sta nella formazione di uomini che, ispirati a valori di autentica umanità, giustizia e fraternità, con la loro sensibilità, competenza e responsabilità siano luce e sale in seno all intera comunità: non quindi assetati di potere, ma al servizio del bene comune. C è tutto e personalmente sottoscrivo. Da qui all ottimismo però la strada è lunga e ripida. Uno stop sulla situazione mi ha costretto a farlo il recente lavorio intorno ad un virtuale nuovo gruppo dirigente Cassa rurale. Praticamente sono andato porta a porta a cercare aspiranti amministratori ispiranti nuova fiducia. Unico pregiudizio la qualifica e la giovane età, non certo la famiglia ed il colore. Già, questa grossa novità nel costume locale. Ho fatto una gran fatica a mettere insieme sette, otto disponibilità, perfino queste dalla competenza non certificata. Ho scoperto in compenso decine di baldi diplomati e laureati, soprattutto donne, che con scuse diverse più o meno plausibili si sono pacificamente quanto fermamente defilati. Questa è la base preoccupante su cui ci avviamo ad affrontare il duemila, una situazione socioeconomica locale non proprio florida, un paese in posizione geografica e culturale 13

15 14 difettosa. Cause e colpe? Sono molte, e molte conosciute. In campo nazionale e mondiale il disimpegno è promosso, oltre che dalle complicanze legalburocraticoformali dell impegno, oltre che dalla deludente ed inconcludente quotidianità della politica, dall egoismo imperante. CHI ME LO FA FARE? è la filosofia dominante. Perfino il voto è pericolosamente divenuto un fastidioso accessorio. Una volta ci si sforzava almeno di delegare, oggi non importa più né chi regna né come. Il sollecito a partecipare ai consigli comunali fissati regolarmente ad ogni terzo giovedì del mese per un informazione diretta e tempestiva a Storo non ha sconvolto nessuno. Salva la media l Oreste Beltramolli sempre presente. Per gli altri che sarà sarà, più importanti risultano il tempo libero ed i consumi. In campo locale la politica del maso chiuso fino ad ieri praticata non ha certo invogliato alla partecipazione o coltivato le individualità migliori o favorito la crescita media ed il ricambio. Ed il vizietto è duro da perdere. Anche oggi pochi i nomi pubblici e ben omologati, molti tricicli (nel senso di ricicli tripli), normale l inamovibilità. Già il cittadino medio tende alla conservazione ed i giovani sono per lo più dubbiosi e timidi. È difficile che si allarghi il giro dei dirigenti se non si forniscono agli interessati i giusti spunti e gli inviti adatti. La comunità finisce così col perdere occasioni di arricchimento, i mutamenti si rendono impossibili e tutti i settori di vita del paese vanno a rischio di sofferenza. Il nostro Comune contiene alcune decine di enti ed associazioni bisognosi di lavoro dirigenziale. Moltiplicati per 6/7 persone di un direttivo medio, fanno alcune centinaia di volenterosi. In pratica ed adatti ne abbiamo poche decine. Finiscono di conseguenza negli enti sempre i soliti o le persone sbagliate espressione di interessi spiccioli o poteri forti. Ecco allora che acquista significato preciso la mozione recentemente votata dall intero Consiglio Comunale, la quale 1- sollecita le società a partecipazione collettiva e le associazioni presenti sul territorio a perseguire la crescita attraverso il costante rinnovamento e la continua ricerca di partecipazione e di democrazia interna, anche modificando le proprie regole statuarie, fissando una durata massima dei mandati degli amministratori e rivedendo l istituto della delega; 2- auspica la valorizzazione dei giovani in ogni ambito e livello, anche direttivo, fiducioso che la loro formazione e specializzazione scolastica ed universitaria, oltre alla naturale dinamicità, li troverà pronti a tutte le sfide in cui saranno impegnati; 3- incita i giovani e soprattutto le donne ad entrare con maggiore impegno e convinzione nella vita della comunità, assumendosi responsabilità coerenti con le competenze maturate e con le attitudini e le capacità di cui sono dotati. La loro rinuncia alla partecipazione nella vita pubblica comporta un grave impoverimento della qualità della vita di tutti; l invito è particolare, già detto, per le ragazze, le quali sono protagoniste dei maggiori cambiamenti in atto nella società italiana di questi anni, in quanto investono di più in cultura e battono ampiamente i maschietti, oltre che nel livello di istruzione, per logica, grinta, tenacità ed onestà. E d altra parte esso prescrive quel minimo di umiltà o quella capacità di autocritica, quel senso della misura che ci risparmi di spiaccicarci per fenomeni in tutti i ruoli. Le scarpe le faccia il calzolaio, recita un vecchio proverbio. Se poi di scarpe il calzolaio ne fa un paio alla volta meglio ancora, aggiungo di mio. Il cattivo esempio viene come sempre dall alto. Ministri che saltano dall aeronautica all agricoltura ne vediamo da cinquant anni. Sindaci che fanno i parlamentari europei sono scoperta più recente. Di zotici enciclopedici o gettonati a vita ne abbiamo anche qui. Ma si tratta, come detto, di esempi cattivi dei quali non va copiato niente. Qui si tratta invece, e non è lavoro di pochi anni, di allargare al massimo la base degli addetti, poi selezionarsi per competenza, rimboccarsi le maniche, lavorare lealmente anzi collaborare, offrirsi al confronto e promuovere le più

16 salutari rinfrescate d idee. Solo così presidenze e direttivi saranno, come si usa dire al top, gli enti risulteranno più vivi ed efficienti ed il paese si porterà e terrà al passo dei tempi. Al contrario, se per ogni rinnovo di gruppo la proposta ricorrente sarà ristretta ai jolly di turno, magari con frequenza di compagnie dalla fama cattiva sarà difficile che i giovani o i benintenzionati si entusiasmino al gioco. Il paese ne verrà a soffrire anche quando i nominati jolly si presentassero sotto le mentite spoglie di San Domenico Savio, anima candida salesiana, per il Consorzio per la Cassa rurale, la parrocchia, la banda, il caseificio e tutti i libri delle preghiere. Perché si perpetuerà un oligarchia, pericoloso governo di pochi dalla competenza incerta, dalle intenzioni magari sospette, dagli orizzonti magari limitati. La recente vicenda Cassa rurale, e prima di quella altre clamorose nel nostro paese, ci devono essere maestre in tal senso. Esse hanno dimostrato, tra tante altre verità, speriamo questa volta in forma definitiva, come sia doverosa e gradita la trasparenza dei pubblici interessi; come il dibattito, anche vivace, anche rabbioso, produca sempre le soluzioni migliori; quanto la sclerosi degli uomini e del metodo e le cerchie ristrette possano inguaiare quel che abbiamo visto fino ad oggi va bene a pochi. Gli altri imparino a farsi intendere. 15 Pippo Scaglia Storo, veduta del campanile

17 Concessioni a edificare 16 Rilasciate dal 01 aprile al 15 luglio 1999 Concessionario Oggetto A.B.V. di Berardi Variante n.1 in c/o alla realizzazione di un muro di contenimento per G. & C. s.a.s. la sistemazione del piazzale del capannone Armanini Olivo Balduzzi Tullio Baratella Eleonora Barozzi Angelo Beltrami Andrea e Beltrami Claudio Beltrami Costante e Beltrami Guido Condono edilizio per strutture al servizio dell impianto ittiogenico in loc. Ponte dei tedeschi Sistemazione della stradina esistente e del piazzale nord all interno dell area storica Conventino Tinteggiatura del fabbricato con modifica del colore precedente Variante n.3 alla ristrutturazione del portico Installazione inferriate a pianterreno e tenda parasole sul balcone al primo piano del fabbricato Realizzazione nuove canne fumarie nel muro perimetrale dell edificio Beltrami Emanuele e Modifiche alla sistemazione esterna della casa d abitazione Stagnoli Enrica Beltrami Graziano Beltramolli Giuseppe e Cortella Maria Amabile Bernardi Aurelio Berti Elisabetta Berti Eugenio e Berti Fiorenza Risanamento del fabbricato, parzialmente in sanatoria Modifiche esterne all edificio e installazione panelli solari sul tetto Variante n.2 in corso d opera alla ristrutturazione del fienile Denuncia di inizio attività per modifiche interne all appartamento del secondo piano del fabbricato Variante n.1 in corso d opera alla ristrutturazione dell edificio con realizzazione di appartamento nel sottotetto

18 Berti Franco Bettazza Claudio Bisolti Adamo Bomé Zita e Cominotti Osvaldo Bondoni Romolo Bonomini Agnese, Bonomini Francesco, Cimarolli Monica e Monduzzi Marco Bonomini Battista Bonomini Luigi e Bonomini Pietro Bonomini Pietro Bortoletto Elena Briani Giovanni Briani Livio Brugnoni Caterina Buccio Fiorenzo Tinteggiatura esterna del blocco a delle case d abitazione Installazione tenda parasole sulla casa d abitazione Installazione di cartelli pubblicitari sul capannone artigianale Parziale risanamento della porzione di edificio Sostituzione finestre del giroscale dell abitazione Variante n. 2 al risanamento dell edificio Realizzazione piazzale destinato a parcheggio al servizio del fabbricato Sanatoria per la pavimentazione del cortile e la realizzazione dello zoccolo sulla casa d abitazione Installazione tenda parasole sul balcone al secondo piano del fabbricato Sostituzione del manto di copertura della parte deteriorata dell edificio Sistemazione del bagno dell appartamento con rimozione delle barriere architettoniche Realizzazione bar a pianterreno del fabbricato Interramento vasca a tenuta stagna al servizio dell impianto fognario presso il fabbricato in loc. Sopravillo Sistemazione esterna della casa d abitazione 17 Cassinelli Costantino Cambio di destinazione d uso da ufficio a negozio del locale a pianterreno del fabbricato Cavalli Loretta Cominotti Marco, Cominotti Narciso e Zanetti Teresina Demadonna Maria Angela Condono edilizio per la realizzazione di un deposito al servizio del fabbricato residenziale Sostituzione del tetto del fabbricato Variante n.1 alla sostituzione del manto di copertura dell edificio

19 18 Eccli Mario Europan s.n.c. Faes Angelo Faes Angelo Ferretti Carmen Ferretti Fabio Ferretti Giovanni e Lombardi Luciana Ferretti Lucillo Ferretti Luigi Ferretti Mario Ferretti Marzia Ferretti Tullio Gelmini Anna Rosa Gelmini Dario Gelpi Emilio e Gelpi Gianpietro Gelpi Eros Giacometti Silvio e Marini Irene Giacomolli Elia Condono edilizio per esecuzione di modifiche e cambio di destinazione d uso dell edificio Condono edilizio per cambio di destinazione d uso ed aumento planivolumetrico del fabbricato Condono edilizio per la realizzazione di un baito adibito ad uso deposito agricolo Pavimentazione della strada interna alla proprietà per l accesso all abitazione Variante n.1 alla realizzazione di una casa di civile abitazione Condono edilizio per la costruzione di una baracca ad uso legnaia di pertinenza dell abitazione Variante n. 1 al completamento della casa d abitazione Condono edilizio per cambio di destinazione e traslazione del fabbricato Variante n.1 in corso d opera alla ristrutturazione dell edificio Tinteggiatura esterna della casa d abitazione Tinteggiatura della casa d abitazione con manutenzione delle strutture in legno Condono edilizio per esecuzione di modifiche e cambio di destinazione d uso al capannone Pavimentazione esterna della casa d abitazione Sistemazione esterna alla casa d abitazione Sostituzione del manto di copertura del fabbricato Installazione tenda parasole a piano terra del fabbricato Variante n.1 alla realizzazione di un area a parcheggio di pertinenza della casa d abitazione Ristrutturazione della casa d abitazione Giovanelli Francesco Variante n.2 alla costruzione di un fabbricato agricolo

20 Giovanelli Giuliano Giovanelli Luciano Giovanelli Marilena Grandi Angela e Tonini Felice Grandi Ivonne Grassi Bruno Grassi Francesco Grassi Leonora Grassi Vigilio ISAF S.p.A. Lombardi Albina Lombardi Luca Lombardi Maurizio Lorenzi Ferdinando, Manzoni Liliana e Melzani Barbara Lucchini Alba Maccani Renzo Malcotti Giovanni Malcotti Giovanni Condono edilizio per cambio di destinazione d uso ed esecuzione modifiche al fabbricato Installazione tenda parasole sul poggiolo della casa d abitazione Installazione tenda parasole sul balcone al primo piano del fabbricato Installazione tenda parasole sul balcone al primo piano del fabbricato Rifacimento del tetto del fabbricato agricolo Tinteggiatura esterna della casa d abitazione Realizzazione recinzione, pavimentazione del cortile e tinteggiatura esterna del fabbricato Tinteggiatura esterna del fabbricato Rifacimento della copertura e sistemazione delle facciate del fabbricato Sanatoria per modifiche interne al capannone industriale Modifiche interne ed esterne al piano sottotetto della casa d abitazione Ristrutturazione del piano sottotetto e modifiche a pianterreno della casa d abitazione Sanatoria per modifiche alla casa d abitazione Modifiche interne e cambio di destinazione d uso di parte del fabbricato Sistemazione ed adeguamento architettonico della porzione di fienile in loc. Sopravillo Realizzazione locale ad uso servizio igienico presso la casa da monte in loc. Tanoce Costruzione baito ad uso deposito attrezzi di pertinenza della casa da monte in loc. Paghera Condono edilizio per cambio di destinazione d uso e aumento di volume del fabbricato 19

COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016

COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016 COMUNE DI STORO BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PIANO GENERALE DELLE OPERE PUBBLICHE 2011 2016 Allegato e parte integrante della relazione previsionale e programmatica approvata dal consiglio comunale con

Dettagli

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente Regolamento per la concessione e l erogazione dei contributi per la realizzazione di alloggi o residenze per studenti universitari, ai sensi della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1, art. 7, comma 18

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi

Aral 83 S.r.l. Consulenze e servizi Informativa per la clientela studio Aral Ai gentili Clienti OGGETTO: Decreto sblocca Italia: stop alla DIA Gentile Cliente, con il Decreto Legge Sblocca Italia gli interventi di ristrutturazione in casa

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici.

LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO. Norme in materia di opere e lavori pubblici. LEGGE REGIONALE N. 88 DEL 26-06-1980 REGIONE LAZIO Norme in materia di opere e lavori pubblici. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 21 del 30 luglio 1980 Il Consiglio regionale ha approvato.

Dettagli

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi

LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi LINNE GUIDA PROGETTO Aci Bonaccorsi Sei Tu Il Bilancio Partecipato Del Comune di Aci Bonaccorsi PREMESSA DALL INFORMAZIONE ALLA PARTECIPAZIONE: UN PERCORSO PER LA DEMOCRAZIA AD ACI BONACCORSI Il Comune

Dettagli

Scuola Michele Pironti : la decisione

Scuola Michele Pironti : la decisione Scuola Michele Pironti : la decisione La decisione di ricostruire la Scuola è stato un atto dovuto. La relazione finale sullo stato di sicurezza del vecchio edificio scolastico rilevò un elevato grado

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto

Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto Convenzione bonifica, rimozione e smaltimento piccole quantità materiali contenenti amianto SCHEMA di Contratto d'appalto tipo CONTRATTO D APPALTO TRA Il sig. nato a il e residente a C.F. in seguito denominato

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella VERBALE DEL COLLEGIO DEI DOCENTI DEL GIORNO 12 Giugno 2014 Oggi, 12 giugno 2014 alle ore 10,00, presso l aula magna si è riunito il Collegio Docenti dell Istituto d Istruzione Superiore Q. Sella di Biella

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE TITOLO 1: DISPOSIZIONI GENERALI Art 1 Denominazione e sede. Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

Comune di Barlassina

Comune di Barlassina Comune di Barlassina Provincia di Monza e Brianza VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ORIGINALE N 39 del 13/09/2010 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE "IL POPOLO DELLA LIBERTA'

Dettagli

COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO

COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO COMUNE DI CARUGO PROVINCIA DI COMO AVVISO CENSIMENTO PRESENZA AMIANTO (ETERNIT) Il Sindaco Ufficiale di Igene Pubblica e L Amministrazione Comunale di Carugo, con delibera della Giunta Comunale n del ha

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale N. 26 Reg. Seduta del 22/05/2014 OGGETTO: OGGETTO: SUPPORTO DI AMBIENTI A FAVORE DI ROMPI IL SILENZIO ASSOCIAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88

L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 L.R. 26 Giugno 1980, n. 88 Norme in materia di opere e lavori pubblici (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE Art. 1 (Ambito di applicazione della legge) I programmi

Dettagli

RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015

RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 13/09/2015 Gazzetta del Sud (ed. Catanzaro) Pagina 43 Dopo sedici anni di stop

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 192 del 13/10/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO APPROVAZIONE DEL PROGRAMMA PER LA CELEBRAZIONE DEL 96 ANNIVERSARIO DELLA VITTORIA IV

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO Provincia di Modena Deliberazione della Giunta Comunale N. 71 del 07/05/2014 OGGETTO: CAMPAGNA DI CENSIMENTO DEGLI ELEMENTI EDILIZI CONTENENTI AMIANTO. PROVVEDIMENTI FINALIZZATI

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2823 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: approvazione del bando per l'accreditamento al servizio di trasporto e accompagnamento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 95 DEL 5-12-1977 REGIONE SICILIA. Interventi in favore delle cooperative edilizie.

LEGGE REGIONALE N. 95 DEL 5-12-1977 REGIONE SICILIA. Interventi in favore delle cooperative edilizie. Legge 1977095 Pagina 1 di 7 LEGGE REGIONALE N. 95 DEL 5-12-1977 REGIONE SICILIA Interventi in favore delle cooperative edilizie. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 55 del 10 dicembre

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 62 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Approvazione dello schema di disciplinare tra Provincia e Comunità per l'affidamento

Dettagli

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione

Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013. Programma Operativo Municipi Ulteriore rimodulazione IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n 105 del 12 settembre 2013 Programma Operativo

Dettagli

3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!"#$%&'%()*%)+#,#-&(

3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!#$%&'%()*%)+#,#-&( 3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!"#$%&'%()*%)+#,#-&( '()*+(,-.*/%( %&!"#$!!"#"$"%"&!"#$%&"'()'("&)$"#%*)+,"'("&&% 0*1%2-!3/41%-)( +--.//01',()! 7"&!,*81-)*9*3-.*/%(! 1,+-%-! '()! 3(%2,/! 52/,*3/!

Dettagli

Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO)

Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO) ELEZIONE DEL SINDACO E DEL CONSIGLIO COMUNALE (Art. 71, comma 2, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267) (Comuni sino a 15.000 abitanti) Comune di PARELLA (CITTÀ METROPOLITANA DI TORINO) Votazioni del giorno 31/05/2015

Dettagli

Come nasce una legge: dalla presentazione all approvazione definitiva

Come nasce una legge: dalla presentazione all approvazione definitiva Un giorno in SENATO Come nasce una legge: dalla presentazione all approvazione definitiva Presentazione L iter di una legge inizia con la presentazione, al Senato o alla Camera, di un progetto di legge;

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

Legge Regionale n. 37 del 30 05 1984 - -

Legge Regionale n. 37 del 30 05 1984 - - (IX Legislatura) Legge Regionale n. 37 del 30 05 1984 - - Ulteriori provvedimenti a favore delle cooperative di abitazione. (Gazzetta Ufficiale Regione Siciliana 02 06 1984 n. 24) la seguente legge: Regione

Dettagli

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515. di un programma di recupero e razionalizzazione

PARTE SECONDA. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515. di un programma di recupero e razionalizzazione 32941 PARTE SECONDA Deliberazioni del Consiglio e della Giunta DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 luglio 2015, n.1515 Programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 66 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ESTINZIONE ANTICIPATA DI ALCUNI MUTUI PASSIVI CON LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI S.P.A. Oggi ventisei del mese di

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI POTENZA

CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI POTENZA Prot. N 611 Del 2 FEB. 2012 CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE DELLA PROVINCIA DI POTENZA DELIBERA COMMISSARIALE N 12 del 2 Febbraio 2012 OGGETTO: Consegna anticipata porzione lotto di cui alla delibera

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00

Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Verbale incontro XV^ Consulta Sport Sala riunioni ANCI PIEMONTE - Piazza Palazzo di Città n. 1 Torino 17 maggio 2010 ore 10.00 Si veda foglio firme PRESENTI ORDINE DEL GIORNO 1) Insediamento della Consulta

Dettagli

DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ELENCO DEI LAVORI PUBBLICI PER L ANNO 2010 APPROVAZIONE PROGETTI.

DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE OGGETTO: ELENCO DEI LAVORI PUBBLICI PER L ANNO 2010 APPROVAZIONE PROGETTI. Servizio Lavori Pubblici e Progetti Ufficio Lavori Pubblici DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE N 044 del 30.03.2010 OGGETTO: ELENCO DEI LAVORI PUBBLICI PER L ANNO 2010 APPROVAZIONE PROGETTI. L anno duemiladieci

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA Legge 1977003 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

Dettagli

COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA CAMINI ISTITUZIONE DEL SERVIZIO Art. 1 Agli effetti della regolare manutenzione delle canne fumarie e conseguente prevenzione

Dettagli

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art.

g) il personale accompagnatore assume l obbligo di un attenta ed assidua vigilanza; ad esso fanno carico le responsabilità di cui all art. Istituto Comprensivo Rovereto Nord REGOLAMENTO VISITE GUIDATE, VIAGGI DI ISTRUZIONE E ATTIVITA DIDATTICHE E FORMATIVE SVOLTE IN AMBIENTE EXTRA-SCOLASTICO Art.1 Finalità e tipologia 1. Tutte le iniziative

Dettagli

RELAZIONE GENERALE. Premessa

RELAZIONE GENERALE. Premessa RELAZIONE GENERALE Premessa La scuola dell infanzia con il Nido Integrato persegue la formazione integrale di bambini dai 12 ai 36 mesi offrendo opportunità per il raggiungimento di capacità e competenze

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO -----------------------

GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- GIUNTA PROVINCIALE DI TORINO ----------------------- Verbale n. 5 Adunanza 3 febbraio 2009 OGGETTO: I.I.S. CURIE, GRUGLIASCO (TO) SEZIONE STACCATA DI COL- LEGNO. RISTRUTTURAZIONE DELLA VILLA N. 6. APPROVAZIONE

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011

STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011 STATO DI ATTUAZIONE al 15 SETTEMBRE 2011 BILANCIO DI PREVISIONE INVESTIMENTI ANNO 2011 (Approvato dal Consiglio comunale con delibera n. 108 del 27 maggio 2011) Anno 2011 Protezione e valorizzazione dell

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942.

URBANISTICA b) il diritto di farsi casa per abitarvi. a) delle cose di interesse artistico e storico. c) n 1150 del 17 agosto 1942. URBANISTICA La legge n 1766 del 16 giugno 1927 introduceva il concetto dello Ius caselimandi cioè: a) il diritto di costruire abitazioni rurali. b) il diritto di farsi casa per abitarvi. c) il diritto

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1

COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1 COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO pag. 1 VERBALE N. 77 DI DATA 27.06.2013 Il giorno di giovedì 27 giugno 2013, alle ore 11.00, presso il Rettorato dell Università degli Studi di Trieste si è riunito,

Dettagli

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura La buona scuola Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura Nel corso dell esame sul ddl scuola in Commissione, il testo è stato migliorato in molti articoli con il lavoro dei nostri deputati,

Dettagli

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE

COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE COMUNE DI MORINO PROVINCIA DI L AQUILA REGOLAMENTO CONDOMINIALE APPROVATO CON DELIBERA C.C. 13 DEL 26.01.2000 TITOLO I PREMESSE Art 1. Ambito di applicazione Il presente regolamento trova applicazione

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI :

SCHEMA. DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : SCHEMA DISCIPLINARE DI AUTORIZZAZIONE TRA LA CITTA DI BOLSENA E LA DITTA IPAS S.p.A. PER L INSTALLAZIONE E GESTIONE PUBBLICITARIA DI : N 02 PENSILINE DI ATTTESA BUS N 02 OROLOGI ANTICHIAZZATI N 05 CESTINI

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009 COMUNE DI ALZANO LOMBARDO ASSESSORATO AL GOVERNO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA RIQUALIFICAZIONE DEI CENTRI STORICI DI ALZANO LOMBARDO Approvato con Deliberazione

Dettagli

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici;

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici; REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E AGEVOLAZIONI ECONOMICHE PER IL MIGLIORAMENTO ESTETICO ED IL RISANAMENTO DEI CENTRI STORICI DI SCANZO E ROSCIATE ART. 1 - CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Il Comune

Dettagli

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTÀ DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 68 del 25/05/2012 Oggetto: ADOZIONE VARIANTE AL PN 11. L anno duemiladodici il giorno venticinque del mese di maggio

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3

COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 COMUNE Dl LEGNAGO (Provincia di Verona) UFFICIO TECNICO SETTORE 3 SERVIZIO I URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA CRITERI E MODALITÀ DI CALCOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE E DELLE SOMME DA CORRISPONDERE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

OGGETTO: Ristrutturazione e nuova costruzione Poligono di Tiro. Approvazione progetto definitivo.

OGGETTO: Ristrutturazione e nuova costruzione Poligono di Tiro. Approvazione progetto definitivo. 87 del 28 LUGLIO 2000 PROT. N. 23891 1 OGGETTO: Ristrutturazione e nuova costruzione Poligono di Tiro. Approvazione progetto definitivo. L anno duemila, addì ventotto del mese di luglio in Macerata e nella

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI

ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI COMUNE DI BOCENAGO PIANO REGOLATORE GENERALE ABACO ELEMENTI EDILIZI ED ARCHITETTONICI ALLEGATO AI CRITERI DI TUTELA PAESAGGISTICO-AMBIENTALE INDICE: Premessa...2 Tetto...3 Tettoie esterne per ingresso...6

Dettagli

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione Statuto Associazione per il Gemellaggio Prato - Ebensee Art. 1 - Costituzione Per iniziativa del Comune di Prato e dell ANED sezione di Prato è costituita, ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE. Vista la deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 23/01/2008 Assegnazione aree PIP ;

CONSIGLIO COMUNALE. Vista la deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 23/01/2008 Assegnazione aree PIP ; C.C. n. 50 del 26.11.2014 Oggetto: Assunzione mutuo per Debito fuori bilancio derivante da sentenza esecutiva n. 100/2014 emessa dalla Corte d Appello di Brescia, Sezione Prima Civile, ai sensi dell art.

Dettagli

Obiettivi formativi del documento

Obiettivi formativi del documento DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.S. GIOVANNI PAOLO II SAN MARZANO SUL SARNO (SA) Piazza Amendola-84010-Tel. 081/955291- Fax: 081/5189080 C.F. 80047350659 Codice Meccanografico SAEE152003 Sito: www.ddsanmarzano.gov.it

Dettagli

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015

Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 Comune di Castiglione d Adda Provincia di Lodi PIANO DI DIRITTO ALLO STUDIO 2014/2015 La facciata ristrutturata Comune di Castiglione d Adda Via Roma 130, 26823 - Castiglione d Adda Tel. 0377/900403 Fax.

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Che cos è il Consiglio di Istituto? Il C.d.I. è l organo di indirizzo e di gestione degli aspetti economici e organizzativi generali

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art.

OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A. ai sensi dell art. 19 Legge 07/08/1990, n. 241, come sostituito dall art. S.C.I.A. n. / (riservato al Comune) Timbro del Protocollo Generale AL COMUNE DI ROSTA UFFICIO TECNICO Piazza Vittorio Veneto 1 10090 Rosta Torino OGGETTO: SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA S.C.I.A.

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 14 OGGETTO: CONTRIBUTI ALLA ISTITUZIONI SCOLASTICHE A CARICO DEL BILANCIO COMUNALE - ANNO 2008 L anno duemilaotto

Dettagli

Prefazione... 1. Presentazione... 2 1. INTRODUZIONE... 2. 1.1. Che cos è la Carta dei Servizi... 2. 1.2. I principi generali... 2

Prefazione... 1. Presentazione... 2 1. INTRODUZIONE... 2. 1.1. Che cos è la Carta dei Servizi... 2. 1.2. I principi generali... 2 Edizione del Novembre 2015 Responsabile del servizio Dott.ssa Caterina PREVER LOIRI Prefazione... 1 Presentazione... 2 1. INTRODUZIONE... 2 1.1. Che cos è la... 2 1.2. I principi generali... 2 2. POLITICA

Dettagli

INTERVENTI ESEGUITI IN AMBITO A0 INTERVENTI EDILIZI

INTERVENTI ESEGUITI IN AMBITO A0 INTERVENTI EDILIZI RELAZIONE TECNICA Il Comune di Zoppola è dotato di Piano Regolatore Comunale adeguato alla L.R.52/91, adottato con Delibera del Consiglio Comunale n 63 del 25.09.1998 ed approvato con Delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SEGRETERIA GENERALE

COMUNE DI PADOVA SEGRETERIA GENERALE COMUNE DI PADOVA SEGRETERIA GENERALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2013/0479 DEL 08/10/2013 L anno 2013, il giorno otto del mese di ottobre, alle ore 11.45 presso la sede di Palazzo Moroni si

Dettagli

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale

Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale Regione Umbria - Consiglio Regionale XXIII Sessione Straordinaria Deliberazione n. 94 del 10 ottobre 2006 Legge Regionale Istituzione del garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO COMUNE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CUCCIAGO ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI REFEZIONE PRESSO LA MENSA COMUNALE DI CUCCIAGO APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 29 DEL 26.09.2008 MODIFICATO

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (ex regime concessorio) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale 12/05 Il/ La sottoscritto/a Cod. fiscale/partita IVA residente /con sede in via n. CAP tel. in qualità proprietario

Dettagli

COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO

COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO COMUNE DI VALSTAGNA BIBLIOTECA CIVICA STATUTO Art. 1 È istituita la Biblioteca pubblica comunale di Valstagna, aperta a tutti i cittadini con l intento di raccogliere, conservare e mettere in valore i

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia La ricostruzione di San Giuliano di Puglia Cronologia avvenimenti 11.32 GIOVEDÌ 31 OTTOBRE 2002: un terremoto di 5,4 gradi della scala Richter fa tremare il Molise. La zona più colpita è San Giuliano di

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

Contributi per il Restauro di Ville Venete

Contributi per il Restauro di Ville Venete Contributi per il Restauro di Ville Venete CARATTERE DEI FINANZIAMENTI L Istituto regionale per le Ville venete promuove l erogazione di contributi a fondo perduto per il consolidamento, manutenzione e

Dettagli

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Statuto STATUTO FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Articolo 1 È costituita ai sensi dell art. 12 e seguenti del Codice Civile per volontà del CREDITO VALTELLINESE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna Delibera N. 144 del 14/06/2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: PROVVEDIMENTI URGENTI IN MATERIA DI EDILIZIA ED URBANISTICA

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

COMUNE DI CERVETERI. (Provincia di Roma) Area II^ - Assetto Uso e Sviluppo del Territorio Servizio Urbanistica. Regolamento comunale

COMUNE DI CERVETERI. (Provincia di Roma) Area II^ - Assetto Uso e Sviluppo del Territorio Servizio Urbanistica. Regolamento comunale COMUNE DI CERVETERI (Provincia di Roma) Area II^ - Assetto Uso e Sviluppo del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A Regolamento comunale Criteri di applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione N. 10 in data 17.03.2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione seduta pubblica Oggetto: Programmazione di benefici a favore di cittadini

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 619 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Concessione garanzia ai sensi dell'articolo 10 bis della legge provinciale 19 febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI INDICE Articolo 1 - Articolo 2 - Articolo 3 - Articolo 4 - Articolo 5 - Articolo 6 - Articolo 7 - Articolo 8 - Articolo 9 - Articolo

Dettagli

VERBALE DI ASSEMBLEA DEL 20 MARZO 2013. Oggi, 20 marzo 2013 alle ore 18.00, presso la sede sociale in Sambuceto di San Giovanni Teatino

VERBALE DI ASSEMBLEA DEL 20 MARZO 2013. Oggi, 20 marzo 2013 alle ore 18.00, presso la sede sociale in Sambuceto di San Giovanni Teatino VERBALE DI ASSEMBLEA DEL 20 MARZO 2013 Oggi, 20 marzo 2013 alle ore 18.00, presso la sede sociale in Sambuceto di San Giovanni Teatino (CH), Largo Wojtyla, 19 si è riunita l assemblea della società FB

Dettagli