DOSSIER Lunedì, 10 agosto 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOSSIER Lunedì, 10 agosto 2015"

Transcript

1 DOSSIER Lunedì, 10 agosto 2015

2 DOSSIER Lunedì, 10 agosto 2015 Articoli 08/08/2015 Il Piccolo (ed. ) Pagina 4 GIOVANNI TOMASIN «Italicum, in Fvg garantito l' equilibrio» 1 08/08/2015 Il Piccolo (ed. ) Pagina 15 FRANCESCO FAIN Profugo inghiottito dalle acque dell' Isonzo 3 08/08/2015 Il Piccolo (ed. ) Pagina 15 «Una disgrazia annunciata» 5 08/08/2015 Il Piccolo (ed. ) Pagina 15 Tra Romoli e Cecot polemica a distanza 6 08/08/2015 Il Piccolo (ed. ) Pagina 17 Zotti (Lega): «La gente è quasi impazzita Il caso in /08/2015 Il Piccolo (ed. ) Pagina 19 LAURA BLASICH Scalo in crescita: traffici aumentati del 12,3% 8 08/08/2015 Il Piccolo (ed. ) Pagina 19 Progetto escavo del canale arriva il via libera di Roma 10 08/08/2015 Il Piccolo (ed. ) Pagina 23 LUIGI MURCIANO Galleria d' arte Spazzapan prorogata la gestione 12 08/08/2015 Il Piccolo (ed. ) Pagina 23 Punto di riferimento per l' arte contemporanea 14 08/08/2015 Messaggero Veneto (ed. ) Pagina 11 L' Italicum "spacca" Friuli e Pd Le opposizioni: vergognoso diktat 15 08/08/2015 Messaggero Veneto (ed. ) Pagina 13 I musei saranno messi in rete Torrenti presenta la riforma 17 08/08/2015 Messaggero Veneto (ed. ) Pagina 21 FRANCESCO FAIN Profugo pakistano annega nell' Isonzo 19 08/08/2015 Messaggero Veneto (ed. ) Pagina 21 L' assessore Cecot: «Abbiamo fallito tutti» 21 08/08/2015 Primorski dnevnik Pribenik utonil v Soci 22 08/08/2015 Primorski dnevnik Zelena luc ob porastu pretovora 23 08/08/2015 Primorski dnevnik Zveza obin naj bo trijezina 24

3 Pagina 4 Il Piccolo (ed. ) «Italicum, in Fvg garantito l' equilibrio» Lo sostiene il capogruppo Pd alla Camera, Ettore Rosato. Blazina: «La norma viene incontro alla minoranza slovena» di Giovanni Tomasin w TRIESTE Dopo tante polemiche, i due collegi elettorali in cui l' Italicum seziona il Friuli Venezia Giulia sono finalmente stati definiti. Il consiglio dei ministri ha dato via libera al decreto legislativo. Che il bambino sia stato diviso salomonicamente o meno, però, è un fatto su cui i punti di vista divergono. Per la maggioranza di governo si tratta di una soluzione che salvaguardia gli interessi di tutti, accomunando nel secondo collegio Trieste, e numerosi Comuni friulani «in modo equilibrato». Per l' opposizione siamo davanti a un tentativo di frammentare gli interessi dei territori, il Friuli e la Venezia Giulia, per «meri calcoli elettorali». IL COLLEGIO Vediamo in primis il modo in cui è stato formato il secondo collegio, quello che interessa il capoluogo regionale e il goriziano. La legge vi include: il territorio delle province di Trieste e ; i territori dei Comuni di Chiusaforte, Resia, Malborghetto Valbruna e Tarvisio dal collegio uninominale di Gemona del Friuli; i territori dei Comuni di Attimis, Cividale, Drenchia, Faedis, Grimacco, Lusevera, Moimacco, Nimis, Prepotto, Pulfero, San Leonardo, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Taipana e Torreano dal collegio uninominale di Cividale del Friuli; territori dei Comuni di Corno di Rosazzo, Manzano, Premariacco, San Giovanni al Natisone dal collegio di Codroipo; il collegio uninominale di Cervignano. Nel primo collegio, va da sé, troviamo il resto della regione. LA MAGGIORANZA Cosa ne pensano i parlamentari del Friuli Venezia Giulia che sostengono il governo? Il deputato del Partito democratico Ettore Rosato è stato uno degli architetti dell' assetto finale, ed è soddisfatto dell' esito. «A me sembra ci sia un grande equilibrio che consente rappresentanza a tutto il territorio, nel rispetto dell' identità della Regione». A chi teme che accomunare la Bassa friulana e aree del Friuli orientale a e Trieste porti squilibri, Rosato dice: «Non è così. Se si guarda il collegio ci si accorge che c' è una dimensione demografica omogenea tra le province che lo compongono. Certo, se non ci fossero state le correzioni apportate dal governo la Bassa friulana sarebbe stata penalizzata, ma così non è stato». Aggiunge il deputato: «Bisogna tenere conto della delega che il governo aveva in mano per la definizione dei collegi, che non consentiva alla provincia di Udine di stare da sola e obbligava, giustamente, a non penalizzare la minoranza slovena. La soluzione scelta mi pare ragionevole». Continua > 1

4 Pagina 4 < Segue Il Piccolo (ed. ) Soddisfatta anche la parlamentare democratica Tamara Blazina, voce della minoranza a Roma: «Dopo le ultime modifiche sono stati raggiunti due obiettivi dichiara : da una parte il mantenimento nello stesso collegio dei 32 comuni definiti dalla legge 38 come d' interesse per la minoranza. Dall' altra il riequilibrio del collegio in termini di numeri degli abitanti, che pareggia un po' le opportunità per i territori». Secondo Blazina la norma così com' è «viene incontro alle esigenze della minoranza slovena ma è ancora molto lontana da quel che servirebbe. Stiamo parlando pur sempre di un collegio in cui il numero di elettori di lingua slovena è molto basso anche in termini percentuali. Riunire tutti i comuni, però, è un passo importante dal punto di vista simbolico». L' OPPOSIZIONE Come la vede il centrodestra? In tutt' altri termini, questo è certo. La deputata e coordinatrice regionale di Forza Italia Sandra Savino stronca la soluzione del governo Renzi: «Il Pd invoca la democrazia a destra e a manca ma dimostra ancora una volta di non tenere in dovuta considerazione le preoccupazioni, i pareri e i punti di vista del territorio. Sindaci in testa». Secondo Savino si tratta di una caratteristica «tipica» della dirigenza attuale del partito di governo: «Serracchiani va per le sue senza ascoltare nessuno quando si parla di sanità e lavoro. Sulla legge elettorale Matteo Renzi ha fatto lo stesso». La parlamentare forzista suggerisce che tra i due, poi, stia venendo meno l' armonia: «Il fallimento di Serracchiani in questa partita è molto grave, ha portato alla mancata tutela della comunità friulana. Non vorrei che la sua incapacità di tenere il punto sulla regione fosse un' avvisaglia dei cattivi rapporti che inizia ad avere con Renzi». Anche il capogruppo della Lega Nord alla Camera Massimiliano Fedriga non è un fan dell' Italicum: «Un collegio senza senso commenta. Io avevo spinto per un minidecreto che eliminasse le storture presenti, ma gli interessi di realtà socioeconomiche e culturali omogenee hanno dovuto soccombere davanti alle convenienze elettorali del governo». Per Fedriga «gli eletti dovrebbero rispondere a territori dalle esigenze simili, a questo punto era meglio tenere assieme tutta la regione. Comunque non mi straccio le vesti, i problemi del Paese sono altri, anche se pare che il Pd non pensi ad altro». RIPRODUZIONE RISERVATA. GIOVANNI TOMASIN 2

5 Pagina 15 Il Piccolo (ed. ) Profugo inghiottito dalle acque dell' Isonzo Pakistano trovato annegato all' altezza di Savogna. Per la polizia si stava rinfrescando. I compagni: «Si lavava» di Francesco Fain Una tragedia annunciata. Un richiedente asilo di nazionalità pakistana, S.T. le sue iniziali, 25 anni compiuti da poco, è annegato nelle acque dell' Isonzo. Si tratta di uno dei tanti profughi accampati ormai da parecchi giorni sulle rive del fiume e che vivono in condizioni difficili se non estreme. L' allarme è stato lanciato attorno alle 11 nello specchio d' Isonzo sottostante il quartiere fieristico di via della Barca. Il corpo senza vita del ragazzo è stato ritrovato, dopo un' eccezionale mobilitazione di forze che ha coinvolto polizia, vigili del fuoco, carabinieri, attorno alle Fondamentale l' intervento di un elicottero dei pompieri che ha avvistato il cadavere non lontano dal ponte sulla 56 bis, all' altezza di Savogna d' Isonzo, vicino Lucinico. Ecco i fotogrammi dell' accaduto secondo le ricostruzioni effettuate dalla polizia. Il pakistano, dopo aver lasciato i propri abiti sulla riva, è entrato nell' acqua. L' intento? Rinfrescarsi. Ma potrebbe essere anche stato che volesse pescare. È escluso, invece, in maniera decisa dagli inquirenti che si stesse lavando direttamente nell' Isonzo vista l' assenza di condizioni migliori per garantire la propria igiene personale: ipotesi che, invece, viene considerata come la più probabile e realistica dai volontari. Ad un certo punto, il venticinquenne è scivolato ed è stato letteralmente inghiottito dalle acque (gelide) dell' Isonzo. La corrente ha fatto il resto. Un altro profugo, che era presente poco lontano in quei tragici frangenti, ha assistito al fatto e ha cercato di bloccarlo, tendendogli il proprio braccio. Ma non c' è stato verso. Il pakistano è stato trascinato con forza dalla corrente. «Da lontano, ho visto il suo corpo, pancia all' aria», sarebbe stato il suo racconto agli inquirenti. A quel punto, i richiedenti asilo hanno cercato aiuto e hanno incontrato, poco lontano, un operaio che stava lavorando nei pressi del quartiere fieristico di via della Barca. È stato lui a dare l' allarme e a mobilitare le forze dell' ordine che, in pochi minuti, si sono riversate tutte in riva all' Isonzo. I vigili del fuoco hanno portato il gommone e il fiume è stato attentamente scandagliato per parecchie ore. Ma decisivo, dicevamo, è stato l' arrivo dell' elicottero dei pompieri che ha permesso di avere una visuale dall' alto. E il cadavere del pakistano è stato ritrovato, attorno alle 16.30, a Lucinico, non lontano dal ponte della 56 bis. A quel punto, i vigili del fuoco con l' ausilio di un altro gommone si sono portati nel punto preciso e Continua > 3

6 Pagina 15 < Segue Il Piccolo (ed. ) hanno recuperato il corpo senza vita dell' immigrato. Stando alle prime verifiche di carattere sanitario, l' annegamento sarebbe avvenuto subito. Non è chiaro se il giovane sapesse nuotare. E, comunque, nell' Isonzo vige il divieto di balneazione. Un' altra delle ipotesi attribuisce la responsabilità all' apertura (improvvisa) della diga di Salcano: improvvisamente, le acque del fiume si sarebbero alzate mettendo in difficoltà il richiedenti asilo che è stato inghiottito dall' Isonzo. Ma anche l' ipotesi dell' onda di piena viene pressochè esclusa dalla polizia che ha effettuato puntuali approfondimenti con le autorità di oltreconfine. RIPRODUZIONE RISERVATA. FRANCESCO FAIN 4

7 Pagina 15 Il Piccolo (ed. ) GENTILE (FI) «Una disgrazia annunciata» «É un fiume pericoloso, reso insidioso dagli innalzamenti improvvisi» Un triste presagio. Era il 24 giugno scorso, non un secolo fa. E Fabio Gentile, capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, lanciò l' allarme: un Sos che, per la verità fece anche qualche mese prima, e che diventa oggi di estrema attualità visto il tragico fatto che ha avuto come teatro il "fiume sacro alla Patria". Vediamone i contenuti. «Attenzione ai richiedenti asilo sull' Isonzo, il rischio è di andare incontro a possibili tragedie». Prendendo anche spunto dalla notizia del pescatore salvato in extremis nei giorni scorsi, dopo essere stato sorpreso dall' improvviso innalzamento del fiume, a lanciare l' allarme fu, appunto, il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale Fabio Gentile, sottolineando la costante e preoccupante presenza di migranti sull' isolotto che si forma nel mezzo dell' Isonzo, sotto la diga all' altezza di via della Barca. «Ho verificato di persona che diversi profughi attraversano a piedi il corso dell' Isonzo, sotto via della Barca nella zona del quartiere fieristico scrisse in un breve comunicato stampa Gentile, al fine di raggiungere l' isolotto che sotto la diga si forma sul fiume. Attualmente tale isolotto è pure ricoperto da vegetazione ed è un luogo abbastanza nascosto e sicuro. L' Isonzo, per chi lo conosce bene, è un fiume pericoloso e soggetto a innalzamenti improvvisi per la presenza della diga slovena di Salcano, e può tradire anche persone esperte». Ecco perché si può parlare di "tragedia annunciata": prima o poi doveva accadere. 5

8 Pagina 15 Il Piccolo (ed. ) Tra Romoli e Cecot polemica a distanza Il sindaco: «Esiste un' ordinanza anti bivacco». L' assessore: «Ognuno faccia i conti con la sua coscienza» Reazioni rispettose del tragico evento. Ma, come sempre, divergenti, se non inconciliabili. Da una parte il sindaco Romoli, dall' altra l' assessore provinciale al Welfare Cecot. Il primo cittadino parla di «un tragico incidente, secondo quelle aggiunge che sono le prime ricostruzioni effettuate dagli inquirenti. La pericolosità dell' Isonzo esiste: lo sappiamo tutti. Pertanto, questa è l' ulteriore dimostrazione che non può sopportare un numero così elevato di richiedenti asilo sul proprio territorio. Va alleggerita la loro presenza. Più di novanta non siamo in grado di accogliere». Romoli rammenta anche che in riva all' Isonzo vige un' ordinanza anti bivacco. L' assessore provinciale al Welfare Ilaria Cecot, dal canto suo, premette che sarebbe opportuno «il silenzio» di fronte a un tragico fatto del genere. «È morta una persona e potrebbe essere organizzata una veglia nelle prossime ore». Aggiunge anche: «Ognuno dovrebbe fare i conti con la propria coscienza». Non cita il sindaco Romoli ma è chiaro che la frase è diretta proprio lui. Più diretto il riferimento alle ordinanze che «non pagano e sono totalmente inefficaci. Domattina ci saranno altre persone in riva all' Isonzo. Penso sia chiaro a tutti che non si può più affrontare la questione in maniera così disorganizzata e lasciata al caso», la conclusione dell' esponente della giunta Gherghetta. (fra.fa. ) 6

9 Pagina 17 Il Piccolo (ed. ) Zotti (Lega): «La gente è quasi impazzita Il caso in Consiglio provinciale» La richiesta dei dati catastali da parte di Eni ha finito con il sollevare un polverone. Autentico. Con polemiche che sono state veicolate soprattutto attraverso il social network Facebook. Ma la vicenda ha avuto anche uno strascico polemico di carattere più squisitamente politico. Franco Zotti, consigliere provinciale della Lega Nord, annuncia che affronterà la questione anche in Consiglio provinciale. «Non possono colpire in questa maniera i cittadini. Non possono costringerli a impazzire per reperire dati catastali di difficile reperimento. Peraltro, per chi non avesse fornito quei numeri erano previste delle multe salatissime. Ma in che mondo viviamo? Non si può sempre trattare i cittadini alla stregua di sudditi che si possono colpire e vessare in tutte le maniere», l' attacco del consigliere provinciale esponente del Carroccio. 7

10 Pagina 19 Il Piccolo (ed. ) Scalo in crescita: traffici aumentati del 12,3% Nei primi sei mesi movimentate 2 milioni e 310mila tonnellate di merci. Si punta a quota 4,5 milioni. di Laura Blasich Il primo semestre del 2015 si chiude con un trend in netta crescita per i traffici del porto di Monfalcone. L' attività dello scalo ritorna a essere quella "ante crisi" del 2008, con un totale di 2 milioni 310mila tonnellate di merci movimentate contro i 2 milioni 57mila tonnellate dello stesso periodo del 2014, con un incremento quindi del 12,30% che lascia ben sperare per un saldo globale del 2015 superiore ai 4,5 milioni di tonnellate. Per Portorosega si tratterebbe del miglior risultato di sempre, dopo un inizio d' anno davvero poco esaltante. A trainare il porto sono comunque sempre i prodotti metallurgici, come conferma anche la lista del movimento navi di questi giorni, con nuovi sbarchi di bramme e bollette sulle banchine dello scalo. Continua a crescere anche il traffico di rotabili. Di automobili e altri mezzi ne sono state sbarcate e imbarcate fino a fine giugno unità contro le del primo semestre del 2014, pari a un aumento del 13,67%, una dato migliore rispetto a quello del primo quadrimestre di quest' anno. Il traffico di rotabili, quindi, rimane in espansione, dopo che in tutto il 2014 dai piazzali sono passati quasi 105mila veicoli, risultato di poco distante da quello dell' anno precedente. A impressionare è comunque il dato relativo ai metallurgici, che pare confermare la ripresa dell' attività industriale: da inizio gennaio alla fine di giugno ne sono state movimentate un milione 31mila tonnellate contro le 918mila dello scorso anno per un incremento del 12,31%. La cellulosa, che rappresenta sempre quasi un quarto del totale delle merci manipolate in porto, nel primo semestre ha dimostrato una sostanziale tenuta con tonnellate sbarcate e imbarcate a Portorosega, pari a un incremento dell' 1% sul primo semestre del Proprio in questi giorni, fra l' altro, è previsto lo sbarco in porto di tre carichi di cellulosa. In crescita, rispetto allo stesso periodo del 2014, ci sono infine gli sbarchi di carbone sulla banchina della centrale termoelettrica A2a con tonnellate contro le del primo semestre dello scorso anno, pari a un incremento del 42%. Per Portorosega il 2014 si è chiuso con 4 milioni e tonnellate di merci movimentate e una crescita dei traffici dell' 8% sull' anno precedente, ma il risultato potrebbe essere superato se il trend dei primi sei mesi troverà conferma nei prossimi mesi. Quello del 2014 è stato fra l' altro il terzo miglior risultato di sempre per Portorosega, dopo quelli messi a segno nel 2006 e nel 2007 (rispettivamente con 4,5 e 4,4 milioni di tonnellate), immediatamente prima Continua > 8

11 Pagina 19 < Segue Il Piccolo (ed. ) della crisi. L' andamento storico dei traffici è visibile tra l' altro sul sito dell' Azienda speciale porto, che ne ha rinnovato di recente la veste grafica e l' accessibilità. RIPRODUZIONE RISERVATA. LAURA BLASICH 9

12 Pagina 19 Il Piccolo (ed. ) PORTO»DECRETO INTERMINISTERIALE. Progetto escavo del canale arriva il via libera di Roma Autorizzata la compatibilità ambientale con il dragaggio fino a 12,5 metri di 885mila metri cubi di fanghi. Entro la fine dell' anno l' appalto dei lavori di Laura Borsani Via libera all' escavo del canale di accesso al Porto di Monfalcone, proposto dall' Azienda speciale. A sancirlo è il decreto interministeriale 167 datato 6 agosto e pubblicato sul sito web del ministero dell' Ambiente, a firma del ministro dell' Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e del ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Con questo provvedimento, viene quindi autorizzata la compatibilità ambientale del progetto dei lavori di approfondimento del canale e del bacino di evoluzione del Porto, proposto dall' Aspm. All' appello, infatti, mancava il parere del Mibact, che quindi ha fornito il suo placet. A questo punto, la procedura di Via per il progetto è completata, a fronte, come elencato nello stesso decreto interministeriale, di una dettagliata serie di prescrizioni. Con questo passaggio si sblocca la questione del dragaggio del canale trascinatasi ormai da dieci anni. Il progetto dell' Azienda speciale per il Porto di Monfalcone prevede l' approfondimento del canale di accesso allo scalo a 12,5 metri, a fronte del dragaggio di 885mila metri cubi di fanghi da riportare in precise, e prescritte, aree della cassa di colmata. La profondità atttuale è di 11,5 metri. Resta da capire, in parallelo, lo sviluppo del progetto proposto da Smart Gas in ordine alla realizzazione del mini rigassificatore, che prevede un approfondimento del canale a 13,5 metri per l' accesso alle navi gasiere. Progetto per il quale il 27 agosto scadono i termini per il rilascio del parere di Via. Ma intanto per il piano dell' Aspm s' è conclusa la fase di Valutazione di impatto ambientale. Dal punto di vista procedurale, verrà convocata a questo punto la Conferenza dei servizi. Il tutto per poter procedere all' appalto delle opere da parte dell' Aspm, come ha ipotizzato in via teorica lo stesso presidente Gianluca Madriz, entro la fine dell' anno. Il corposo decreto interministeriale è comprensivo di tutti gli allegati tecnici, in ordine ai pareri espressi dagli enti preposti coinvolti nella procedura di Via, le osservazioni presentate e le innumerevoli prescrizioni disciplinando le fasi di intervento di dragaggio e quelle legate all' attività di riporto dei fanghi nella cassa di colmata, fino a prescrivere il progetto di Continua > 10

13 Pagina 19 < Segue Il Piccolo (ed. ) ripristino ambientale e di rinaturalizzazione delle aree «di interesse e degli ambienti naturali» interessati nei lavori, in accordo anche con l' Arpa Fvg. Quindi, si fa riferimento alla validità temporale della procedura. Dalle disposizioni finali si evince che «il progetto dovrà essere realizzato entro cinque anni decorrenti dalla data di pubblicazione dell' estratto del decreto sulla Gazzetta Ufficiale. Trascorso questo periodo è sempre scritto nel decreto, fatta salva la facoltà di proroga su richiesta del proponente, la procedura di Via dovrà essere reiterata». Dal punto di vista procedurale, il provvedimento ministeriale sarà comunicato all' Aspm, al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, all' Arpa Fvg, alla Capitaneria di porto di Monfalcone, e alla Regione Friuli Venezia Giulia, che provvederà a portarlo a conoscenza delle altre amministrazioni interessate. Inoltre l' Aspm provvederà alla pubblicazione dell' estratto del decreto nella Gazzetta Ufficiale, comunicando il tutto allo stesso Ministero dell' Ambiente, trasmesso anche a quello dei Beni e Attività Culturali. L' assessore regionale all' Ambiente, Sara Vito, che ieri ha comunicato ufficialmente il "via libera" all' opera, ha osservato: «Si tratta di un intervento molto atteso, determinante per garantire una migliore navigabilità e quindi per un pieno utilizzo e per il rilancio dello scalo. Ciò comporterà un incremento delle opportunità commerciali e produttive dell' intero territorio, con positivi riflessi e prospettive di sviluppo anche per il Monfalconese, per la cantieristica e quindi per l' intera economica della regione». Evidenziando inoltre come ci siano voluti dieci anni per arrivare a questo risultato, l' assessore Vito parla di una «procedura complessa, che è andata a buon fine grazie all' attenzione e alla perseveranza con cui la giunta regionale, fin dall' insediamento, attraverso in particolare la Direzione Ambiente, ha affrontato la questione. Costanza e impegno hanno portato al giusto riconoscimento». Soddisfazione è stata espressa anche dalla senatrice Laura Fasiolo: «S' è risolta una questione annosa ha osservato grazie al ritmo rapido impresso dal Governo». Il presidente dell' Aspm, Gianluca Madriz, ha commentato: «Con il decreto si è conclusa la procedura di Via necessaria per la realizzazione delle opere, seguendo le relative prescrizioni contenute nel provvedimento. Il progetto rientra nell' ottica della massima collaborazione con la Regione, in virtù della delega amministrativa affidata all' Azienda speciale, per accelerare i tempi e che ora finalmente siamo riusciti a concretizzare». Madriz ha aggiunto: «Personalmente ho collaborato al progetto in minima parte, il merito va al mio predecessore, ingegner Paolo Maschio, e al direttore dell' Azienda speciale, ingegner Sergio Signore. Abbiamo "scollinato", ora la seconda fase è l' avvio dei lavori. Non sarà un intervento facile, ma ora siamo di fronte ad un segnale importante per dare impulso all' opera». RIPRODUZIONE RISERVATA. 11

14 Pagina 23 Il Piccolo (ed. ) Galleria d' arte Spazzapan prorogata la gestione In attesa del compimento della riforma degli enti locali, l' istituzione regionale rimarrà sotto la guida di Comune di Gradisca, Provincia e Fondazione Carigo. di Luigi Murciano wgradisca Una proroga alla convenzione per la gestione della Galleria d' arte moderna in attesa che sia fatta chiarezza sulle conseguenze della riforma degli enti locali. È il passaggio obbligato e di buon senso che hanno deciso di compiere i 3 enti che partecipano in forma associata alla gestione dell' importante spazio culturale gradiscano di via Ciotti: Provincia di, ente in via di soppressione, Fondazione Carigo e Comune di Gradisca. La legge regionale 26 del 2014, quella che per intenderci istitusce la riforma delle autonomie locali e va a creare le Unioni Territoriali, va di fatto a riformare non solo gli assetti di governo territoriale ma evidentemente anche le attribuzioni di funzioni e competenze amministrative del settore museale e culturale. E fra questi rientra la Galleria Spazzapan. Quanto al caso gradiscano, i tre enti avevano cautamente deciso per una dilazione nella gestione associata della Galleria, «in vista si leggeva nella delibera della prossima necessità di sviluppo di strategìe e visioni oculate d' insieme». La convenzione è giunta a naturale scadenza nel maggio del 2015, ma è stata prorogata sino al 31 dicembre di quest' anno con tre atti separati degli enti coinvolti. Un passaggio che ha consentito, oltre che il compimento della riforma degli enti locali attuato dalla Regione, anche di far coincidere la nuova scadenza della convenzione con quella dei bilanci dei tre enti, garantendo dunque la necessaria copertura finanziaria e progettualità sino alla fine dell' anno. Poi Regione e Uti l' Unione territoriale Isontina o unione dei comuni della Destra Isonzo che dir si voglia ratificheranno il nuovo assetto gestionale. Con il passaggio dei musei alle competenze della Regione. Ma vanno ancora messi dei punti fermi. Recentemente gli amministratori di Gradisca hanno incontrato anche l' assessore regionale alla Cultura, Gianni Torrenti, per fare il punto della situazione. «Gradisca ha affermato Torrenti può contare sull' unica Galleria di arte contemporanea della regione, la Galleria Spazzapan a cui garantiremo continuità di gestione e ulteriore crescita». Pare lontana, comunque, la possibilità che nella cittadina della Fortezza si inneschino le polemiche che si sono invece avute nel capoluogo, con il sindaco di Romoli che aveva proposto una gestione diretta dei Musei Provinciali da parte del Comune, oppure attraverso una Fondazione, anziché sotto l' ala della Regione. RIPRODUZIONE RISERVATA. Continua > 12

15 Pagina 23 < Segue Il Piccolo (ed. ) LUIGI MURCIANO 13

16 Pagina 23 Il Piccolo (ed. ) Punto di riferimento per l' arte contemporanea Fondata nel Fondata nel 1976, la Galleria regionale d' arte contemporanea Luigi Spazzapan (nella foto un suo autoritrattyo)fu il risultato dell' intensa attività espositiva condotta nel decennio precedente dalla locale Azienda di soggiorno e turismo in diverse sedi cittadine. Intitolata al più rappresentativo artista gradiscano, nel 1958, la galleria fu realizzata grazie al contributo determinante di Eugenio Giletti, collezionista torinese e grande amico di Spazzapan ( ), che fece dono alla Galleria di 87 opere della sua collezione. Per volontà del donatore le tele vennero cedute alla Cassa di risparmio di e divise tra e Gradisca. A cavallo di tre decenni (specie negli anni Sessanta e Sttanta con la direzione dell' indimenticato Bruno Patuna) alla Spazzapan si sono susseguite diverse mostre di rilievo nazionale e internazionale. Dal 1991 la Galleria, da istituzione collegata alla locale Azienda di soggiorno e turismo, che è stata soppressa, è diventata proprietà del Comune di Gradisca d' Isonzo ed è gestita in collaborazione con la Provincia di e con i Musei provinciali e Fondazione Carigo. Nell' aprile 2012 la Fondazione Carigo ha perfezionato l' acquisto di 30 opere su carta di Luigi Spazzapan provenienti dalla raccolta torinese di Umberto Citelli, ricongiungendo dunque le più importanti collezioni private di Spazzapan. Amico di Eugenio Giletti, Citelli conobbe Spazzapan nel Dopoguerra e ne divenne un fervente ammiratore acquistando diverse opere, mentre altre gli furono donate dall' artista stesso. Nata dal rapporto personale tra Citelli e Spazzapan, la raccolta ha il pregio di essersi formata senza intermediari e l' acquisizione della Fondazione Carigo ha il merito di averla ricongiunta nelle sale della Galleria alla collezione Giletti ricostruendo, attraverso le opere, una parte importante della vita artistica e di relazione di Spazzapan negli anni torinesi. (l.m. ) 14

17 Pagina 11 Messaggero Veneto (ed. ) L' Italicum "spacca" Friuli e Pd Le opposizioni: vergognoso diktat la legge elettoralela scelta del Governo di non tenere conto delle modifiche richieste infiamma l' agone politico Il dem Martines: decisione prepotente di Trieste. Savino (FI): la Serracchiani fa quello che vuole. di Mattia Pertoldi wudine Niente da fare sull' Italicum per chi, in Friuli, ha cercato sino all' ultimo una via d' uscita che salvasse l' integrità della provincia di Udine. Il Governo l' altra sera ha approvato in via definitiva il decreto legislativo che determina i collegi elettorali del Fvg e lo ha fatto tenendo conto delle proposte di modifica contenute nei pareri delle commissioni di Camera e Senato che per la nostra regione si traduce nei due collegi ridisegnati con un blitz dei parlamentari giuliani del Pd. Il primo comprende interamente la provincia di Pordenone, ma spacca a metà quella di Udine, l' altro mette insieme la provincia di Trieste con quella di e strappa al Friuli una consistente fetta di insoddisfatti Comuni friulani il cui estremo tentativo di restare con Udine leggasi la lettera inviata a Renzi e Serracchiani non è stato nemmeno preso in considerazione dal Consiglio dei ministri. Una decisione, quella del Governo, che però in Regione ha la conseguenza non soltanto di attirarsi le ire delle opposizioni, ma anche di spaccare in due il Partito democratico con l' ala friulana "dem" che spara ad alzo zero sulla nuova geografia elettorale del Fvg. Parlamentari Pd Al senatore Carlo Pegorer l' Italicum non è mai piaciuto, tanto da non averlo nemmeno votato, sperava, quantomeno, che il Governo si attenesse alla prima bozza di decreto legislativo trasmessa alle Camere e non sorprende, quindi, l' amarezza che traspare dalla sua analisi. «Alla fine è successo quello che temevamo e che avevamo denunciato ha spiegato cioè un peggioramento delle condizioni di rappresentanza per tutto l' elettorato udinese». Duro anche il commento della deputata Gianna Malisani. «Mi pare chiaro come siano prevalse logiche e interessi ha detto di altre zone della regione e del partito. Ho cercato sino all' ultimo, parlando con il relatore alla Camera, di spiegare le nostre motivazioni che, però, sono state cestinate. Evidentemente qualcun altro ha fornito indicazioni diverse, e opposte, per arrivare a una soluzione che non ha nulla di positivo. Mi auguro ci sia ancora uno spazio di manovra, magari a settembre dopo la pausa estiva, e mi appello alla presidente Serracchiani perché si faccia carico personalmente di questo problema e riesca a salvare l' unità del Friuli». Più moderato Paolo Coppola per il quale «l' ideale Continua > 15

18 Pagina 11 < Segue Messaggero Veneto (ed. ) sarebbe stato quello di arrivare a un punto di sintesi condiviso da tutti» anche se l' onorevole udinese invita tutti «a rendersi conto di come la situazione sia cambiata» e per quanto sia corretta «l' esigenza di rappresentanza territoriale» contrapporre Udine a Trieste «non ha alcun senso logico e pratico». Martines furioso Il consigliere regionale, ed ex vicesindaco di Udine, Vincenzo Martines è stato, in queste settimane, uno dei più acerrimi nemici della divisione in due della provincia di Udine. Così quando da palazzo Chigi è stata approvata la nuova norma che non soltanto spacca la provincia, ma allarga il secondo collegio a tutta la Bassa friulana, sino a Lignano, è letteralmente esploso. «Il fronte triestino del Pd ha tuonato è riuscito a cucirsi addosso un bell' abito su misura pensato esclusivamente per le proprie esigenze. Prendo atto sia dell' assenza di unità tra i parlamentari del mio partito eletti in Fvg che della volontà di disegnare due collegi in cui la rappresentanza diventa "un tanto al chilo" dopo una manovra messa in atto da pochi intimi a discapito del bene dell' intero territorio». Per Martines, quindi, «ci sarà da ridere al momento della compilazione delle liste» in seguito a quella che lui definisce come «una brutta pagina della politica regionale" e sulla quale "è necessaria una forte e concreta riflessione». Centrodestra Vere e proprie bordate, quelle di Martines, che arrivano dall' interno del Partito democratico attaccato, però, anche dall' esterno e dalle opposizioni a Roma e a Trieste. «Hanno volutamente deciso di smembrare il Friuli ha detto Massimiliano Fedriga, capogruppo della Lega Nord alla Camera in nome di meri interessi personali. Non mi sorprende affatto, visto che al Pd non interessa nulla dell' identità e della cultura dei territori, ma l' unica cosa a cui mira sono le poltrone. Noi ce ne siamo accorti, e lo denunciamo, da tempo. Adesso mi auguro lo capiscano anche i cittadini del Fvg». E sulla stessa linea d' onda si muove anche la parlamentare azzurra Sandra Savino. «I fatti dimostrano come il Pd faccia quello che vuole ha commentato calando le proprie scelte dall' alto senza tenere in minima considerazione le esigenze e i problemi dei territori. D' altronde ho perso perfino il conto del numero dei provvedimenti approvati soltanto grazie al voto di fiducia da parte di questo Governo. È la filosofia della sinistra: andare avanti a spron battuto senza coinvolgere o ascoltare nessuno. Tirano, ideologicamente, dritti sia a Roma che a Trieste dove Serracchiani si comporta nello stesso identico modo del suo capo che siede a palazzo Chigi». E se per il capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Riccardo Riccardi il nuovo schema rappresenta «una vergogna frutto degli interessi di una parte dei parlamentari del Pd» è pesante anche il giudizio dell' ex onorevole pentastellato Walter Rizzetto. «Il risultato di questa pantomima è un' autentica schifezza ha spiegato figlio di un modo di fare simil dittatoriale del Governo che non ha ascoltato né i sindaci né una parte dei deputati e dei senatori del partito di maggioranza relativa. Un pasticcio che non piace a nessuno se non a una fetta di parlamentari democratici che puntavano, alla fine ottenendolo, soltanto ad allargare il proprio collegio». RIPRODUZIONE RISERVATA. 16

19 Pagina 13 Messaggero Veneto (ed. ) I musei saranno messi in rete Torrenti presenta la riforma Pronte le linee guida del provvedimento di legge che sarà approvato entro l' anno Prevista una riqualificazione alla quale sarà legata la concessione di contributi. di Mattia Pertoldi wudine Si volta pagina nella gestione e nei finanziamenti dei progetti dei musei e degli altri beni culturali della regione. L' assessore Gianni Torrenti, infatti, ha presentato in giunta le linee guida del suo disegno di legge nelle intenzioni dell' esecutivo Serracchiani da tradursi in normativa vera e propria entro la fine dell' anno che mette mano, corposamente, al sistema dei beni culturali del Friuli Venezia Giulia e in particolare a quello museale. Non un semplice restyling, ma come ha spiegato lo stesso Torrenti «un rinnovamento generale del quadro legislativo di settore che consenta alla Regione di recuperare e svolgere appieno il ruolo propulsivo, di coordinamento e di indirizzo che le è proprio». Nucleo centrale Il perno della riforma studiata dalla giunta poggia sull' istituzione di un nuovo "Sistema museale regionale" nel quale far confluire tutti i musei pubblici ad eccezione di quelli statali e privati del Fvg che risultino in possesso di una serie di determinati requisiti funzionali. Criteri da stabilirsi grazie a un successivo regolamento attuativo della legge e che si baseranno sul grado di efficienza dei servizi erogati, sulla qualificazione professionale del direttore, la preparazione degli addetti e l' adeguatezza delle attività svolte anche sul piano educativo e della ricerca scientifica. Un' attenzione particolare, poi, verrà attribuita in questo contesto alla capacità di aggregazione, o meglio di "fare sistema", fra più musei per la creazione di un complesso di reti integrato in coerenza con il nuovo assetto geografico della Regione che emergerà con la nascita delle Uti. Rilevanza regionale Il "Sistema" come primo passo della riforma, quindi, ma Torrenti non si ferma qui e al suo interno pensa all' individuazione di una cerchia più ristretta di istituzioni a cui verrà data la qualifica di "musei e reti museali a rilevanza regionale" ottenibile con il raggiungimento di indicatori di grado superiore a quelli standard verificati da una Commissione tecnico scientifica creata ad hoc. Ottenere questa certificazione, inoltre, rappresenterà una conditio sine qua non per accedere agli incentivi economici ancora da quantificarsi previsti dalla riforma rivolti da un lato al sostegno delle iniziative presentate dalle singole istituzioni e, dall' altro, al finanziamento di investimenti destinati alla ristrutturazione, al recupero e alla manutenzione di edifici adibiti a museo, all' ammodernamento degli allestimenti e della dotazione tecnica e all' impiego delle tecnologie digitali. Non ci saranno Continua > 17

20 Pagina 13 < Segue Messaggero Veneto (ed. ) finanziamenti a pioggia o tutti uguali, dunque, perché le risorse dei progetti verranno ripartite con modalità stabilite nel regolamento attuativo tenendo anche conto della classificazione delle istituzioni beneficiarie in musei grandi, medi e tematici, mentre i fondi per progetti "infrastrutturali" verranno erogati in base a una procedura valutativa figlia di specifici bandi promossi dalla giunta. Altri beni culturali Fatto salvo il ruolo svolto, nella programmazione degli interventi promozionali e di sostegno e nella realizzazione di progetti integrati di sviluppo della cultura, dall' Istituto regionale per il patrimonio culturale, dall' Azienda speciale Villa Manin, dalla Fondazione Aquileia e da Turismo Fvg, il disegno di legge Torrenti mette mano anche alla gestione e alla conservazione dei beni archeologici, dell' architettura fortificata e dell' archeologia industriale oltre che delle dimore e dei giardini storici, edifici di pregio artistico e architettonico e dei beni mobili diffusi sul territorio regionale. L' obiettivo è quello di superare «la visione parcellizzata della politica settoriale, introducendo una disciplina unitaria, molto semplificata e allo stesso tempo flessibile», mentre per le biblioteche e gli archivi del Friuli Venezia Giulia si punterà, nel testo, all' aggiornamento e razionalizzazione dell' attuale legge di settore del 2006 il cui impianto di base, però, dovrebbe essere conservato. RIPRODUZIONE RISERVATA. 18

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

DOSSIER Lunedì, 29 dicembre 2014

DOSSIER Lunedì, 29 dicembre 2014 DOSSIER Lunedì, 29 dicembre 2014 DOSSIER Lunedì, 29 dicembre 2014 Articoli 28/12/2014 Il Piccolo (ed. ) Pagina 25 Presenza di immigrati: supera Gradisca 1 28/12/2014 Il Piccolo (ed. ) Pagina 31 «Cormons

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

del Senato Le funzioni

del Senato Le funzioni LA FUNZIONE LEGISLATIVA IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI ORDINARIE IL PROCEDIMENTO DI FORMAZIONE DELLE LEGGI COSTITUZIONALI LA FUNZIONE DI INDIRIZZO POLITICO LA FUNZIONE DI CONTROLLO POLITICO

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

L a Camera dei Comuni

L a Camera dei Comuni L a Camera dei Comuni breve guida CONTATTI Ufficio informazioni della Camera dei Comuni Tel: +44 (0)20-7219 4272 London SW1A 2TT Fax: +44 (0)20-7219 5839 Email: hcinfo@parliament.uk Ufficio informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli