Ottenere l approvazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ottenere l approvazione"

Transcript

1 12 Ottenere l approvazione La vittoria sorride a chi più persevera. Napoleone Alla fine, avete tutto quanto vi occorre per completare il vostro business plan. Per arrivare fino a qui sono stati trattati numerosi argomenti, e a ragione: più la preparazione di base è solida, più facilmente si otterrà l approvazione del piano. In realtà dovrebbe essere piuttosto semplice ottenere l approvazione del piano a livello interno, a meno che non si siano commessi alcuni errori madornali o che non si sia stati particolarmente creativi sui fatti. Questo libro fornisce sufficienti informazioni per produrre un piano che faccia effetto, come si sarà intuito se si arrivati a leggere fino a questo punto. Detto questo, le stanze del potere nascondono a volte alcune minacce che possono annientare anche un piano eccellente. Per affrontarle, vi forniremo alcuni suggerimenti. Se si è alla ricerca dell approvazione esterna per un finanziamento, occorrerà non sottovalutare gli ostacoli che si possono incontrare sul cammino. A volte può essere molto frustrante cercare di convincere una banca o un finanziatore a condividere la propria vision. Non ci si preoccupi. La nostra esperienza ci ha insegnato a perseverare, e a raggiungere così la fine del tunnel. Assemblare il tutto Il lavoro più duro è stato fatto. O no? Durante la lettura di questo libro, è stata sviluppata una valutazione della situazione corrente, sia osservando l attività al suo interno sia considerando l ambiente esterno. È stata costruita una strategia, che è stata a sua volta convertita in un piano, le si sono assegnati dei costi ed è stato previsto il risultato in termini di utili, beni, cash flow e necessità di finanziamento. Sono stati valutati i rischi e sono state apportate delle modifi-

2 che al piano. Ora si dispone di un piano di gestione a prova di proiettile e di un budget con cui lavorare. Tutto ciò che occorre è un timbro o un approvazione più articolata. In ogni caso, si vuole iniziare a lavorare. Il processo di approvazione non è sempre diretto come ci si potrebbe aspettare, e anche se lo fosse, è comunque bene effettuare una presentazione del piano che sia la migliore possibile. Vi regaliamo la nostra esperienza. Definizioni Per evitare frasi lunghe e complesse, utilizzeremo i termini piano interno e piano esterno. Un piano interno viene utilizzato all interno di un azienda, come una piccola ditta, una società, un ente di beneficenza, un ente governativo o una qualsiasi di queste entità che costituiscono un impresa più grande. Un piano esterno è quello che viene presentato all esterno per l ottenimento di un finanziamento. Il percorso rapido verso l approvazione 1. Prendetevi una breve vacanza. Soggiornate in una beauty farm. Giocate a golf. Andate a pescare. Fate tutto ciò che occorre per essere in forma e pronti per la battaglia. 2. Ripassate mentalmente chi sono i vostri lettori. Assicuratevi di aver davvero capito quello che vogliono leggere. 3. Assicuratevi che il piano risponda alle domande giuste, nel mondo più completo e conciso possibile. 4. Pianificate attentamente prima di consegnare il piano. 5. Preparatevi attentamente per la prima riunione e per quelle seguenti. 6. Offrite quanta più assistenza possibile per aiutare i lettori a il contenuto del piano. 7. Fornite immediatamente le eventuali informazioni supplementari. Se necessario, apportate delle revisioni al piano e imparate per il futuro. Aiutate i destinatari nella due diligence. 8. Applicate la vostra due diligence. Non firmate niente senza prima controllarlo. 9. Perseverate. Siate preparati agli eventuali ritardi, alle delusioni e ai ripensamenti. 10. Una volta ottenuti i soldi, andate al Capitolo 13. Focus I tre uomini d affari tedesco, inglese e americano presentati nel Capitolo 3 avevano ognuno un piano diverso per lettori diversi. La ragione dovrebbe essere chiara: prima di iniziare a condividere il piano con chiunque, occorre verificare che soddisfi effettivamente le esigenze dei lettori e che risponda realmente alle loro domande. Nei capitoli precedenti si è visto come identificare i lettori potenziali. Si stanno cercando due cose. 234 Il business plan

3 Un approvazione interna per la strategia e il piano (magari in concorrenza con un altra unità), cosa che in genere implica un finanziamento pressoché automatico. Un finanziamento esterno: si è già visto a chi ci si può rivolgere (Capitolo 10). I due elementi sono ovviamente molto simili, ma vi è una leggera differenza sull enfasi. Si provi a immaginare le persone che esamineranno e approveranno il piano: il business plan fornisce loro le informazioni che desiderano? L elenco dei destinatari di un business plan riportato successivamente in questo capitolo illustra come l enfasi varia a seconda dei diversi lettori. Ritengo che ci sia un mercato mondiale per non più di cinque computer. Thomas Watson, presidente di IBM, 1943 È una bella impresa Se si è alla ricerca di un finanziamento di start-up (o di un capitale di equity per la crescita), la faccenda non sarà divertente. Può trattarsi di un lavoro a tempo pieno, che dura molti mesi, prosciuga le energie e mette a dura prova il morale. Questo non deve scoraggiare, al contrario. Arrendersi ora significherebbe sprecare tutto il lavoro impiegato per produrre un business plan esemplare. Speriamo che il vostro caso sia un eccezione e che riusciate a svolgere tutto senza intoppi. In caso contrario, dovrete avere molto fegato e tenacia per arrivare fino in fondo, per continuare a lottare. Ma alla fine ne sarà valsa la pena. Voi avete una vision, e quindi sapete che potete trasformare le vostre idee in un attività di vero successo o portare l attività esistente a livelli più alti. I destinatari del business plan non condividono la stessa vision; ciononostante non restano seduti nelle loro torri d avorio a esaminare i piani: sono là fuori e fanno ciò che fate voi. Si provi a pensare a quei finanziatori, senza dubbio intelligenti e aggiornati, che volta dopo volta hanno rifiutato invenzioni eccezionali come il motore a reazione, l hovercraft o l aspirapolvere senza sacchetto. Quante centinaia di storie avete letto di inventori o imprenditori brillanti che sono stati rifiutati più e più volte perché ritenuti troppo nuovi troppo moderni o troppo rivoluzionari? Il peggior rifiuto di tutti: Non vediamo chi potrebbe aver bisogno di questo prodotto o idea, nessuno lo comprerebbe. Detto questo, è possibile, si può fare. Se si decide di non mollare, la perseveranza porterà al successo. Ci si può consolare vedendo come si difendono i dirigenti degli uffici finanziari a proposito delle opportunità che hanno rifiutato, imprese che sono state finanziate altrove e che hanno avuto successo: Non l ho finanziata perché quando mi è stata offerta il mercato non era pronto. Giusto. Evidentemente un mese in più ha fatto la differenza. Ottenere l approvazione 235

4 Fonti di finanziamento: investimenti di capitale proprio e capitale di rischio Legenda: per Paese nel 2000, in miliardi di $ USA Classifica Paese Fondi in mil.$ USA Percentuale sul totale 1 USA Regno Unito Francia Germania Canada Israele Italia Hong Kong/Cina Svezia Giappone Paesi Bassi Singapore Taiwan Spagna Corea Argentina Australia Svizzera India Belgio Altri Totale Dieci destinatari di un business plan e cosa pensano quando leggono un piano 1. Consiglio di amministrazione. Sono stati correttamente identificati gli obiettivi dell impresa e si è sviluppata una strategia competitiva vincente? Aumeterà il prestigio del consiglio? 2. Il CEO o altri manager interni. La strategia è sufficientemente buona e il piano di gestione fattibile? È in linea con il loro stile di gestione? Lo vedono come una minaccia o come un opportunità per accrescere il loro prestigio? 3. Agenzie governative. Si soddisfano i loro obiettivi; si fornisce una formazione, si creano posti di lavoro, si contribuisce a rivitalizzare le aree depresse, si potenziano le esportazioni? In caso affermativo, ci si preoccupi di dichiararlo. Li farà apparire migliori agli occhi dei media? Possono e potete ottenere pubblicità? 4. Banche. Si hanno garanzie e un cash flow sufficienti a ripagare i prestiti? Il piano minimizza i rischi agli occhi del funzionario che deve fornire l approvazione? 5. Soci in affari. Le vostre skill e le risorse sono complementari con le loro? Come si aggiunge valore alla loro attività? Avete dimostrato la vostra affidabilità? 6. Amici, angeli. Riavranno indietro i loro soldi? 7. Finanziatori. I manager sono competenti? La proposta è unica? Verrà perseguita efficacemente? 8. Società d investimento. Cosa rende questa attività speciale? Come si svilupperà? 9. Investitori istituzionali. È un attività solida? Avrà risultati migliori sul mercato nel lungo termine? 10. Consulenti d investimento. Vengono soddisfatti i requisiti formali per il collocamento pubblico o privato? 236 Il business plan

5 Cosa cercano i lettori di un piano Ammesso di conoscere coloro che riceveranno il piano, la prima sfida consiste nell assicurarsi che venga letto. Ecco perché la presentazione e la sintesi devono essere buone. È assai improbabile che chiunque legga il piano dall inizio alla fine tra il momento in cui lo riceve e quello in cui dovrà rincontrarvi, a prescindere dall intervallo di tempo che separa i due eventi. Piani interni I piani destinati a essere utilizzati entro un organizzazione ristretta riceveranno quasi sicuramente una certa attenzione, sebbene non verranno letti per intero. Si può solo sperare che i lettori trattengano alcuni elementi del piano prima della riunione successiva del consiglio di amministrazione. Poiché non si desidera che dei lettori casuali possano trovare aspetti da evidenziare e criticare, è consigliabile riflettere su coloro che si siederanno attorno a quel bel tavolo lucido (si veda il riquadro che segue). Beh, il piano non è stato ancora chiuso e già si parla della prima riunione? Sì, perché è importante guardare il piano da ogni prospettiva. Naturalmente, quando verrà il momento si accetteranno appunti e il piano trarrà vantaggio dalle critiche costruttive, ma non si vuole sicuramente che il piano venga annientato da critiche indiscriminate. Tenendo conto delle personalità dell organizzazione, si rilegga il piano e si cerchi di individuare dove i disfattisti, i profittatori e chi esercita diritto di veto possano trovare argomenti a vostro carico. Si valuti se è stata sottolineato per errore un punto debole o un incertezza o se si sono fatte affermazioni che possano essere contraddette. Se possibile, si discuta il piano con il proprio mentore per vedere se questi trova dei punti di debolezza e per avere un indicazione su dove trovare un aiuto. Alla fine potreste voler riscrivere queste parti, eliminare o difendere i punti di debolezza e sottolineare quelli di forza. Se ci si trova a lottare in un atmosfera difficile, non si permetta che il piano venga discusso troppo liberamente in anticipo sui tempi. Le chiacchiere danno agli avversari il tempo di formulare strategie. Non ci si scopra, o le idee migliore possono finire sulla scrivania del capo nel memo di qualcun altro due giorni prima della presentazione del business plan. Sette gruppi al tavolo delle riunioni 1. Il decisore. Anche se è il presidente o l amministratore a prendere la decisione, questa può basarsi per intero o parzialmente sul feedback e sui consigli altrui. Non ci si concentri solo su chi comanda escludendo gli altri. 2. L influenzatore. Spesso c è un saggio che esercita una forte influenza sul decisore. Se si conquista la sua influenza, si può vincere la battaglia. 3. Il mentore/coach. Se si è giovani o se ci si trova in una situazione nuova, ci si può rivolgere a un dirigente più anziano, con maggiore esperienza e rispettato che funga da proprio mentore e coach. In genere da questa persona ci si può aspettare un comportamento costruttivo e se questa ha influenza, anche voi diventerete forti. Ottenere l approvazione 237

6 4. Uno dei Cinque grandi con diritto di veto. A volte una persona ha il potere di annientare una proposta, a prescindere da come questa è stata generalmente accolta. Può trattarsi del contabile che ritiene le cifre del piano irrealizzabili, dell avvocato che ne discute la legalità o del cervellone che dubita della sua fattibilità. Il termine deriva dalle cinque nazioni che avevano diritto di veto al Consiglio di sicurezza dell ONU durante la Guerra fredda. 5. I disfattisti. È probabile che ci saranno alcuni oppositori. Possono essere motivati da ostilità personali, disturbi della personalità, ambizione, o forse il divorzio li rende scorbutici. A prescindere dalla ragione, evidenzieranno qualsiasi cosa negativa nel business plan. 6. I profittatori. Ci sono sempre delle persone che gravitano attorno all impresa e che passano il tempo a cercare un opportunità per fare una buona impressione al capo o approfittarsene, anche se questo significa far naufragare un piano perfettamente ragionevole semplicemente perché non è stato inventato qui. 7. I sostenitori. Vi sono infine i colleghi che danno un contributo positivo, i dirigenti che probabilmente otterranno qualcosa dal piano e infine i vostri pari nel consiglio, che in generale forniscono un parere positivo. Si faccia tuttavia attenzione ai profittatori insospettabili e a coloro che hanno interessi occulti. Non ci si basi sulla buona volontà e sull amicizia per ottenere i voti; si preferiscano i fatti e i buoni argomenti. Finanziamento esterno I business plan destinati all esterno dell impresa è ancora meno probabile che vengano letti. Sei piani su dieci vengono rifiutati prima ancora che i destinatari abbiano letto la prima pagina per intero. Se la vostra casella postale contenesse dieci business plan al giorno o alla settimana, non riuscireste a leggerli tutti. Come scegliere? Abbiamo già citato il caso in cui il piano prodotto da una grande banca è stato cestinato da una finanziaria di alto livello perché la sintesi conteneva alcuni errori banali. Le dieci ragioni fornite dagli investitori per rifiutare un business plan sono elencate di seguito. Naturalmente non si applicano a tutti i lettori e a tutti i piani. Sappiamo di finanziatori che hanno sostenuto un idea brillante che è stata loro presentata attraverso uno dei piani più disordinati possibile, e ci sono sicuramente dei casi in cui consulenti professionisti hanno prodotto dei piani che sono stati effettivamente finanziati. Ci sono tuttavia alcuni aspetti innegabili da considerare. Spesso ascoltiamo i seguenti commenti. Se i manager non si sono presi la briga di produrre un piano decente, come ci si può aspettare che guidino l attività nel modo corretto? Se manca un fatto cruciale, come le dimensioni del mercato, la vendita degli skill o il capitale necessario, dobbiamo presumere che i manager non conoscano queste informazioni importanti o che non abbiano le competenze necessarie in aree che vengono trascurate. Sappiamo che non commetterete mai questi errori madornali, altrimenti non vi sareste presi la briga di leggere questo libro. Ammesso di passare questo primo livello, quali sono gli altri punti pericolosi? 238 Il business plan

7 Le domande chiave che i potenziali finanziatori porranno mentre esamineranno il business plan sono elencate nella Figura Attraverso queste domande, cercano di misurare: la validità delle idee di business; la qualità dei manager; la fattibilità commerciale dell attività; quanto denaro occorre, per cosa e come verrà recuperato. Ogni lettore desidera vedere che si sta presentando un attività attrattiva. Nel caso di un organizzazione esistente, l esperienza passata ha il sopravvento, mentre nel caso di una nuova proposta di business, conta maggiormente la qualità percepita rispetto al gruppo dei manager. A un estremo, è improbabile che le banche concedano un prestito a una nuova impresa, poiché rimangono meno impressionate dalle nuove idee e sono più propense alle attività già avviate; all altro estremo, gli investitori di capitale vogliono solitamente qualcosa di unico, e quindi sono più attratti da una situazione di start-up. Per quanto riguarda l aspetto finanziario in particolare, le banche sono più preoccupate delle garanzie e del cash flow. È noto che banche concedono un prestito solo se si riesce a dimostrare di non aver bisogno di soldi e di riuscire a saldare il prestito. Gli stakeholder di capitale sono più interessati all entità del redimento che possono realizzare. Più è alto, meglio è. Non si compia tuttavia l errore di pensare che gli azionisti amano il rischio solo perché i fondi degli azionisti sono a volte chiamati capitale di rischio. Al contrario, sono altrettanto conservatori delle banche. Vediamo nel dettaglio come i lettori del piano valutano gli aspetti finanziari. Dieci ragioni per cui i business plan falliscono a un primo esame 1. La presentazione risulta troppo disordinata, superficiale o appare falsa. 2. Il testo è troppo lungo, con troppe generalizzazioni; prolisso. 3. Il testo è troppo corto, troppo debole e vago. 4. A prescindere dalla lunghezza, non ci sono fatti e dettagli chiave. 5. Ci sono errori (una delle cose peggiori). 6. Alcune omissioni specifiche suggeriscono che mancano skill, risorse o conoscenze fondamentali. 7. L analisi what-if è ridotta all osso (e se le vendite crollassero del 10%? Se aumentassero del 10%? Se i tassi d interesse crescessero di un punto percentuale?). 8. Le proiezioni finanziarie sono irragionevolmente ottimiste, in particolare se le vendite o il cash flow migliorano regolarmente e irrealisticamente senza variazioni stagionali o flessioni intermittenti. 9. I piani vengono chiaramente prodotti per ottenere un finanziamento, non per gestire l attività. 10. Il piano è stato prodotto da consulenti professionisti, sollevando dei dubbi sulle competenze effettive dei manager. Ottenere l approvazione 239

8 Perché i piani falliscono dopo aver superato il primo esame Se i business plan vengono rifiutati dopo aver superato il primo esame, solitamente è perché non rispondono alle domande elencate nelle Figure 12.1 e L omissione più frequente è che non si è riusciti a rassicurare il lettore sul fatto che il marketing e le vendite permetteranno di recuperare il denaro investito. Il secondo problema più frequente è l assenza del dettaglio operativo, ovvero come ciò accadrà. Entrambi questi limiti si traducono in una debolezza nell esposizione della strategia. Al di là dei dettagli concreti, l ostacolo maggiore per le nuove imprese è quello della trasmissione della vision, come si evince dalle citazioni distribuite in tutto il capitolo. Tutto ciò che poteva essere inventato è stato inventato. Charles H. Duell, commissario dell ufficio brevetti degli Stati Uniti, 1899 Ancora quei numeri Nel Capitolo 5 si è data un occhiata al mondo esterno ed è stato fatto un confronto tra la propria attività e le altre aziende nel medesimo settore. Nel Capitolo 11 sono stati valutati i progetti di capitale ed è stato stabilito il tasso di redditività. Questi sono esattamente i criteri con cui gli altri (capi, banche e finanziatori) esamineranno i dati finanziari presenti nel business plan. Sapete come è stata fatta l analisi, quindi non dovrebbe essere difficile immaginare come si verrà esaminati. Queste persone: analizzano il punto di break-even per accertarsi che abbiate ampi margini di sicurezza; considerano lo stato del conto profitti e perdite e confrontano costi e ricavi; analizzano lo stato patrimoniale, verificando la liquidità e i beni variabili; esaminano il cash flow per assicurarsi che sia solido; confrontano la vostra attività con altre nel medesimo settore. Nessuna di queste indagini dovrebbe spaventare, poiché si è lavorato a lungo sui dettagli. Tuttavia è venuto il momento di affrontare le misurazioni che vengono compiute durante la verifica dello stato di salute dell attività. Quando si va dal dottore per un check-up, si viene sottoposti ad alcune misurazioni approfondite. Un infermiera controlla l età, il peso, l altezza, la pressione del sangue, il battito, prende un campione di sangue e così via. Interessante, ma cosa ha a che fare con il fatto che il vostro RBC è di 4 milioni/ µl? Questo valore non ha senso se non viene spiegato e confrontato con un altro tipo di misura. Non si vuole certo avere la buona forma di un sessantenne se si hanno solo 32 anni. Lo stesso accade con molti dati finanziari. 240 Il business plan

9 Tutti 1. I manager riescono a descrivere adeguatamente le proprie idee? Hanno buone capacità di comunicazione? 2. Se l attività è già esistente, come è stata gestita finora? 3. Qual è la qualità della gestione? 4. Capiscono la loro attività? Hanno una comprensione approfondita dei fattori critici come i costi per articolo, il break-even, le vendite per prodotto? 5. Capiscono il mercato? Chi acquisterà? Perché? 6. Capiscono la concorrenza? Chi sono i concorrenti principali? Qual è la loro quota di mercato? 7. Dov è il piano di azione? Come la teoria viene convertita in azione? Investitori di capitale pignoli Banche facili da accontentare! Richieste di finanziamento 8. Qual è l entità del finanziamento? 8. Ci sono sufficienti garanzie per i 9. Per cosa verrà utilizzato il denaro? prestiti? 10. Cosa si acquisterà in termini di beni immobili, proprietà intellettuale, sogni? La storia 11. Quanti soldi sono già stati spesi? 9. Ci sarà un cash flow adeguato a pagare 12. Quanto proviene dai proprietari esistenti?* gli interessi e ripagare il capitale 13. Da dove altro proviene il denaro? 14. Come è stato utilizzato? 15. Con quali risultati? Il futuro 16. Come verrà finanziata un ulteriore espansione? 17. Come crescerà il nostro investimento e come verrà diluito nelle successive emissioni azionarie? Il patto 18. Che percentuale dell azienda è in offerta? 19. A che prezzo? 20. Che tipo di azionisti sono richiesti? Passivi o attivi? Con skill, competenze, contatti specifici? 21. Come gli investitori sbloccheranno i valore futuro? 22. Quale sarà la redditività del capitale? 23. Quali sono i rischi di perdita dell investimento? * È vero che, da un punto di vista logico, gli azionisti possiedono il 100% del capitale emesso. Tuttavia, un fondatore che presenta un piano potrebbe aver speso tutti i suoi risparmi e ipotecato la sua casa per un rendimento di capitale del 10%, o potrebbe non aver rischiato pressoché nulla per un rendimento del 90%. Una differenza notevole nell impegno percepito. Figura 12.1 Quello che vogliono sapere! Ottenere l approvazione 241

10 Facciamo un esempio. Una proporzione elevata di crediti commerciali scaduti può essere normale per un azienda che vende elettrodomestici a credito, ma sarebbe piuttosto insolita per un negozio di abiti che si basa sulle vendite in contanti. Questo esempio nasconde un messaggio. Possiamo indicarvi come i finanziatori e altri investitori guarderanno alcune delle cifre, ma si dovrà usare la conoscenza relativa al proprio settore per sapere le proprie cifre appaiono come buone, scadenti o indifferenti. Naturalmente c è caso e caso. Se si assemblano computer con componenti provenienti dall estero, si avrà uno stato patrimoniale molto diverso da quello di una società che produce direttamente le parti principali dei computer. Questa utilizzerà più macchinari e attrezzature e avrà probabilmente più beni immobili, e questo significa che la sua proporzione di vendite rispetto ai beni sarà più ridotta di quella dell altra azienda, se hanno la stessa quota di mercato. Se ci si ritiene mediocri rispetto alla media di settore ma validi rispetto a un concorrente specifico, ci si accerti di aver eseguito un confronto con l azienda e non con la media. Si può farvi un riferimento specifico identificando il confronto migliore o includendo alcune cifre utili a compiere questo lavoro. Si cerchi di spiegare tutto al meglio, o i lettori che si imbattono casualmente nel confronto mediocre possono pensare che si sia cercato deliberatamente di imbrogliare. Cosa guarderanno i lettori? Alcuni indicatori chiave vengono illustrati nelle prossime pagine. Si vedrà che i nomi, le parti costitutive e l aritmetica variano da paese a paese, e da analista ad analista. Per esempio l indice di rotazione dei crediti (vendite divise per crediti commerciali) utilizzato negli Stati Uniti viene invertito nel Regno Unito, dove viene chiamato debiti commerciali sul multiplo di vendita (debiti commerciali divisi per vendite). Nome diverso, modo diverso per esprimere la relazione, stesso messaggio. Si cerchi di utilizzare i termini con cui i destinatari del piano hanno più familiarità. Dalle informazioni date, si dovrebbe comunque riuscire a manipolare gli indicatori a prescindere dalla forma nominale che assumono. Il commentario che segue è stato scritto come se ci si ponesse dalla parte di coloro che interpretano gli indicatori, perché ora è il momento di esaminare il business plan. Non ci si preoccupi troppo dell aritmetica; si osservi solo cosa viene confrontato con cosa. Al termine degli esempi, verrà illustrata una relazione che aiuta a chiarire il significato del tutto. Cosa faccio con il denaro? Dove possibile, si includa nel business plan una tabella che illustri come verranno utilizzati i fondi. Se si riesce a dimostrare il valore crescente, si riuscirà contemporaneamente a mettere a loro agio i finanziatori. La tabella che segue mostra come verranno utilizzati i fondi. Entro la fine di luglio, le uscite totali di $ avranno beni e giacenze con un valore contabile di $ (il valore verrà aggiunto dal processo di produzione). Si avrà anche una licenza di vendita esclusiva per l Africa che verrà valutata a 242 Il business plan

11 Importo Totale Data Articolo a debito parziale Commento 1 giugno Deposito per i macchinari Rimborsabile 15 giugno Spese legali Esclusiva per l Africa 25 giugno Deposito per il prototipo Rimborsabile 1 luglio Consegna dei macchinari Aumento del 100% della capacità 12 luglio Consegna delle giacenze Risorse di base per la produzione 18 luglio Indicatori di liquidità Gli indicatori di liquidità indicano se è probabile che l attività soddisfi i suoi obblighi finanziari alla scadenza. Indicatore Commento Liquidità corrente Se la risposta a questa semplice somma è inferiore a 1, Beni correnti le passività correnti superano i beni correnti. È come divisi per se non si riuscisse a soddisfare gli impegni quotidiani. Passività correnti Una cifra pari a 2 può essere una buona regola (i beni correnti sono il doppio delle passività correnti), anche 1,5 accettabile. Quoziente acido di liquidità Liquidità, titoli di largo mercato e crediti commerciali divisi per Passività correnti È simile all indice di liquidità corrente, ma esclude le giacenze e altri beni correnti che probabilmente è più difficile convertire in liquidità correnti. Un risultato pari a 1 è una buona regola, ma le aziende che acquistano a credito e vendono le liquidità divise per (per esempio le catene di alimentari) possono avere quozienti acidi di liquidità bassi, fino a 0,2. Questo dimostra quanto occorra essere attenti quando si interpretano gli indicatori. Indicatori del debito Gli indicatori del debito rivelano se un azienda si sta indebitando troppo (nel qual caso dovrebbe rivolgersi all equity per un finanziamento supplementare) o se dovrebbe ricorrere ad altri debiti. Indicatore Leva (USA) o indebitamento (Regno Unito) Debito (passività) diviso per Equity Commento Indica quanto un azienda dipende dal debito o dall equity. Una leva (un indebitamento) bassa indica che ci si basa poco sul debito (i finanziamenti provengono principalmente dall equity), cosa che suggerisce un rischio minore di crisi del cash flow e una probabilità maggiore di richiesta di prestito qualora si rendesse necessario. Ottenere l approvazione 243

12 Debito sul capitale netto Confronta ciò che si possiede con ciò che è dovuto. Debito totale (passività) Un indice elevato (per esempio, se fosse pari a 2, diviso per le passività sarebbero il doppio del capitale netto Capitale netto tangibile tangibile) diviso per indica che le richieste e i creditori (capitale dei soci meno superano quelle dei proprietari. In questo casi un attività beni non tangibili) viene basata sul prestito e la possibilità che possa indebitarsi ulteriormente viene messa in discussione; il ricorso all equity potrebbe essere l unica strada da seguire. Copertura del servizio del debito Cash flow dalle operazioni (utile al lordo dell interesse e delle imposte) diviso per Pagamenti dell interesse annuale Passività eventuali Passività eventuali divise per Capitale dei soci È una misura della capacità di un azienda di pagare l interesse sui prestiti. Più l indice è elevato, più è probabile che l azienda sia in grado di pagare gli interessi sul suo debito. Una cifra divisa per pari almeno a 3 è solitamente considerata buona, e rappresenta un buon segno per un azienda che vuole ricorrere ancora al prestito. Una cifra inferiore a 1 indica un alto rischio di insolvenza o fallimento. Nel Capitolo 10 si è visto che le passività eventuali sono passività probabili o possibili che non appaiono come passività vere e proprie nello stato patrimoniale diviso per. Le passività eventuali che sono per gran parte legate all equity possono minare seriamente la stabilità finanziaria di un attività qualora si materializzassero in spettanze di pagamento. Indicatori di redditività ed efficienza gestionale Indicatore Commento Margine di profitto Indica l utile di vendita per dollaro/sterlina/franco. Utile operativo Una cifra bassa non è necessariamente negativa (nel caso (al lordo di interesse, imposte ecc.) dei supermercati può scendere a 1%); si faccia un diviso per confronto rispetto alle giacenze, alla rotazione dei crediti, Vendite al valore dei beni, ai margini di profitto lordi e alla media di settore. Una cifra sotto la media di settore può indicare prezzi bassi e/o costi elevati. Redditività dell attivo È una misura fondamentale dell efficienza operativa (ritorno sul capitale impiegato) dell attività. Un rendimento basso sui beni o sul capitale Utile operativo impiegato (molto simili, data la relazione tra le voci (al lordo di interesse, imposte ecc.) dello stato patrimoniale) suggerisce che l attività diviso per si candida alla chiusura o al fallimento alla prossima Beni totali rotazione economica. Se il rendimento è inferiore ai costi OPPURE dei prestiti, un ulteriore prestito ridurrà l utile per azione. (Beni meno passività correnti) Questa misura fornisce un buon parametro per valutare le nuove imprese. Se il rendimento è inferiore a esso, l attività non durerà. Rotazione del capitale (finanziario) Vendite divise per Capitale impiegato Misura le vendite per unità di capitale. Mostra l efficienza con cui il capitale viene utilizzato per generare vendite. Un indice basso (le vendite sono basse rispetto al capitale) tende a suggerire che il capitale non è utilizzato in modo 244 Il business plan

13 OPPURE Capitale finanziario (beni correnti redditizio. Un indice molto alto di vendite rispetto al meno passività correnti) capitale finanziario evidenzia il rischio dell overtrading, con un capitale finanziario inadeguato che potrebbe mettere i creditori a rischio. Un indice in crescita può anche indicare che un impianto o un macchinario non viene tenuto aggiornato (l ammortamento è la riduzione della base di capitale e migliora l indicatore). Rotazione dei crediti Mostra il credito consentito ai clienti. Se i pagamenti (debitori commerciali sulle vendite) vengono recuperati entro la fine del mese successivo Crediti commerciali alla consegna, i crediti corrisponderanno a circa il 12% divisi per delle vendite. Una cifra elevata può indicare un controllo Vendite finanziario mediocre. Una riduzione può suggerire un controllo migliore, o riflettere un bisogno disperato di liquidi. La vendita, o factoring, dei debiti permette di ridurre la cifra. Rotazione dei debiti (creditori commerciali sulle vendite) Debiti verso fornitore divisi per Vendite Rotazione delle giacenze/scorte Costo dei beni venduti diviso per Giacenze medie (metà rimanenze iniziali più rimanenze finali) Indica l entità del credito commerciale concesso a un attività dai suoi fornitori. Si osservino le tendenze nel tempo: un aumento può indicare una crescita nel credito commerciale richiesto per problemi di cash flow. Altri misure includono: credito su giacenza, che mostra quanta parte delle giacenze viene finanziata dai fornitori (supera il 100% nelle catene degli alimentari). debito sui crediti, in cui i grandi cambiamenti possono anche avvertire in anticipo delle pressioni di cash flow. Mostra la velocità con cui le giacenze si spostano nell attività. Una rotazione elevata indica salute, vendibilità e giacenze liquide con domanda bassa sul cash flow (o forse le giacenze sono scarse!). Un media di rotazione bassa suggerisce un eccesso di giacenze e merci obsolete (o l accumulo di scorte per soddisfare la domanda stagionale). Calcolare la media in base a due soli giorni di un periodo è estremamente pericoloso se questi non sono giorni rappresentativi. Siamo certi che non gestirete i livelli delle vostre giacenze in modo da influenzare questo indicatore. Indicatori di investimento Indicatore Redditività del capitale proprio Utile (al lordo delle imposte) diviso per Capitale dei soci Utile per azione (EPS) Utile Commento Le misure di redditività alternative (redditività dell attivo e del capitale impiegato) sono significative per il business manager. La redditività del capitale proprio è invece fondamentale per gli azionisti. È il loro obiettivo finale. Lo si confronti con quello delle banche, il cui interesse principale è costituto dall interesse e dalla garanzia. L utile attribuibile a ogni azione ordinaria (per esempio al netto delle imposte e così via) è una cifra statistica Ottenere l approvazione 245

14 diviso per Numero di azioni ordinarie Utile sul prezzo (indice/multiplo) PE/PER Prezzo dell azione diviso per Utile per azione Copertura del dividendo (tasso di recupero se invertito) Utile per azione diviso per Dividendo netto per azione Patrimonio netto Capitale ordinario dei soci diviso per Dividendo netto per azione Capitalizzazione di mercato (Si vedano i commenti) che non può essere confrontata direttamente tra le aziende, poiché dipende dal numero delle azioni emesse. La tendenza nel tempo è tuttavia via vista come critica; per molte società, una crescita costante dell utile per azione nel lungo termine è l obiettivo principale. L indicatore dell utile sul prezzo rivela l entità del guadagno annuale, stabilito al momento dell acquisto di un azione. Riflette le aspettative del mercato sulla crescita futura degli utili ed è una misura cruciale del valore dell azienda (Capitolo10). È la carota da agitare davanti agli investitori, perché indica il modo in cui potranno far leva sul loro valore azionario in uscita. La copertura del dividendo indica quante volte il dividendo viene coperto dagli utili. Una copertura elevata (basso tasso di recupero) suggerisce gli utili vengono reinvestiti per la crescita futura e che c è margine sufficiente per assicurare che i dividendi rimangano stabili. L opposto suggerisce che i dividendi potrebbero dissolversi in una fase discendente. Indica la proporzione tra il prezzo azionario rappresentato dai beni (almeno al valore contabile), con l altra porzione del prezzo che riflette le aspettative sugli utili. L alternativa è la capitalizzazione di mercato (si veda sotto). La capitalizzazione di mercato al valore contabile indica quanto vi costerebbe acquistare quote della società e quanto otterreste se vendeste tutti i beni e regolaste tutte le passività. Questo indicatore e quello precedente rivelano esattamente ciò che il mercato pensa sul valore del flusso di entrate future dell attività. Questo telefono ha troppi limiti per poter essere preso seriamente in considerazione come mezzo di comunicazione. Il dispositivo non ha per noi alcun valore. Appunto interno della Western Union, 1876 Il loro sound non ci piace e ormai le chitarre hanno fatto il loro tempo. Decca Recording Company, rifiutando i Beatles nel 1962 Dipende da ciò che si intende per rendimento? Tutti vogliono sapere quale ritorno sugli investimenti (ROI) avranno, ossia quanto avranno indietro a fronte di quanto speso. 246 Il business plan

15 Nel caso dei prestatori, il ROI è l interesse che ricevono in pagamento sul denaro prestato. Gli investitori di capitale misurano il ROI in base alla redditività del capitale proprio (ROE), poiché, ovviamente, il loro investimento è il vostro capitale di equity. Per i business manager, il ROI interessante è il rendimento sul capitale impiegato (ROCE) o il rendimento sui beni (ROA). La spiegazione è chiara. Se qualcuno indaga sul ROI, ci si informi chi è a indagare. Il ROE è importante per gli investitori di capitale, quindi è utile vedere come traggono il probabile rendimento dalle cifre che vengono loro presentate. Costi Vendite Conto profitti e perdite Margine utile Utile al lordo di interesse/ imposte diviso per Vendite totali Rotazione dei beni Vendite divise per Beni totali Rendimento sui beni totali (ROTA) Utile al lordo di interesse/ imposte diviso per Beni totali Redditività del capitale proprio (ROE) Utile al netto delle imposte diviso per Capitale dei soci netto Beni Debiti Equity Leva o indebitamento Debito diviso per Equity Stato patrimoniale Se cambiate uno di questi... cambiate questo. Figura 12.2 Tutto al suo posto. Chi diavolo vuole sentire un attore parlare? H. M. Warner, Warner Brothers, 1927 a proposito dell introduzione del sonoro nei film Ottenere l approvazione 247

16 Influenze chiave sul ROE La Figura 12.2 mostra la relazione tra gli obiettivi dei manager di un azienda e quelli degli investitori. Il collegamento tra le due parti del diagramma è piuttosto chiaro. Variando una cifra nel conto profitti e perdite o nello stato patrimoniale, si ha una modifica nel ROE. Tuttavia, se si segue la logica verso il centro e si ricorda che beni = passività (debito) più equity, allora si vedrà quanto la relazione classica sia ancora vera: Oppure, essenzialmente: Utile Vendite Beni Utile diviso per divise per divisi per = diviso per Vendite Beni Equity Equity Margine di profitto Rotazione dei beni Leva = ROE Quindi, se si aumenta uno qualsiasi dei termini a sinistra (margine di profitto, rotazione dei beni o leva), si aumenta il ROE. Alcune aziende gestiscono effettivamente questi indicatori in modo specifico. Ecco perché gli investitori di capitale li apprezzano. Gli aeroplani sono giocattoli interessanti, ma non hanno alcun valore militare. Maresciallo Ferdinand Foch, Professore di Strategia all Ecole Supérieure de Guerre Serve una sintesi del piano? A volte i commentatori suggeriscono di inviare una sintesi ai destinatari e poi di proseguire nell elaborazione del piano completo, ma non ci sembra una buona idea. Se ci si rende conto di aver bisogno di una sintesi del piano, si può estrarre le informazioni opportune dal piano completo per creare una versione breve (che presenta a sua volta una sintesi). Si scelga un formato ridotto e si indichi che è disponibile il piano dettagliato. Aprire un negozio di biscotti non è una buona idea. Inoltre le ricerche di mercato indicano che gli americani amano i biscotti croccanti, non quelli morbidi come quelli che producete voi. Risposta all idea di Debbie Fields di creare la Mrs Field s Cookies 248 Il business plan

17 Controllo finale del piano Il business plan è stato analizzato dal punto di vista del lettore potenziale. Il piano risponde in modo soddisfacente alle probabili domande? In base a questa prospettiva, la Figura 12.3 illustra le sei pagine più importanti del piano. Per la proposta di business, si verifichi che la strategia abbia caratteristiche univoche, di non sembrare che ci si basa eccessivamente su un unico fornitore, un prodotto o un cliente e di non apparire vulnerabili all attacco di un grande concorrente. Tutto ciò non dovrebbe rappresentare un problema alla luce di quanto appreso nel libro. Per i dati finanziari, si verifichi di aver evidenziato a sufficienza il cash flow prospettato. I capi delle aziende e le banche sono interessati alla redditività del capitale o a quella dei beni totali (che è quasi la stessa cosa). Se si è alla ricerca di azionisti, si sottolinei il rendimento potenzialmente eccezionale sull equity. Per un piano non-profit, si verifichi di aver evidenziato il raggiungimento potenziale degli obiettivi richiesti: benessere sociale, sostegno allo sviluppo, servizio ai clienti, prestigio e così via. Quando si ritiene che il business plan faccia il suo lavoro, si torni alla sintesi e alla conclusione (Capitolo 3) e le si riscriva. Ci si assicuri che siano leggibili e che evidenzino i fatti chiave (Figura 12.3). Siete pronti per lanciare il piano. Ma non agite frettolosamente. Prima leggete il prossimo paragrafo. Non sanno cosa li aspetta Non si consegni mai una copia del business plan a qualcuno a meno che non lo richieda specificatamente. Ma stavo per mandarlo a quei finanziatori del nuovo business park. Non fatelo, fate in modo che ve ne chiedano una copia. Il focus si è spostato; non è più come quando inviavate il piano a un destinatario ignaro. Ora i finanziatori chiedono di vederlo, se lo aspettano ed è probabile che gli dedichino un po di attenzione. Non c è Non c è Non c una ragione per cui tutti dovrebbero volere un computer in casa propria. Ken Olsen, presidente e fondatore di Digital Equipment Corp, 1977 Ottenere l approvazione 249

18 Organigramma N. Machiavelli CEO Comitato di auditing Pitagora Qualità Chi siete? Rene Descartes R&S Adam Smith Produzione Karl Marx Vendite David Hume Amministrazione Idea brillante Cosa volete fare? Strategia Come lo farete? $6m 5 Break-even Dov è il punto di break-even? 1 $4m 0 Proiezione di cash flow cumulativo Anno 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4 Anno 5 Com è il vostro cash flow? -1-2 Prob % Ritorno sugli investimenti (ROI) Cosa c è per me? Rischi e remunerazioni % Figura 12.3 Sei pagine fondamentali in un business plan. 250 Il business plan

19 Se non si tratta di un piano interno, la prima cosa da conoscere è il nome della persona giusta a cui inviarlo. La regola generale è quella di rivolgersi ai piani alti, o almeno al livello più alto possibile. A volte può essere preferibile contattare uno specialista che ha una determinata posizione nella scala, soprattutto se si sa che simpatizzerà con la causa. Se si ha un attività nel settore delle biotecnologie, si può telefonare ai finanziatori e chiedere alla segretaria il nome del loro esperto in biotecnologie. Non si permetta mai che la telefonata venga passata direttamente, a meno che non si conosca la persona con cui si vuole parlare. Ma forse non è ancora il momento di entrare in contatto diretto. Queste sono le nostre tecniche preferite per contattare i destinatari del piano, in ordine di validità. 1. Rivolgetevi a un contatto rispettato dalle parti per farvi presentare, preferibilmente durante un occasione sociale. 2. Fate in modo di incontrare il destinatario prescelto per caso a un assemblea dell azienda o durante un occasione sociale. 3. Telefonate, presentatevi e cercate di organizzare un incontro. 4. Scrivete, presentandovi e chiedete un appuntamento. In questa fase, non dite né svelate troppo sul business plan. L obiettivo è quello di avere la conferma che i destinatari effettuino gli investimenti necessari. Fate un breve accenno scherzoso alla vostra proposta e trattenete il respiro. Con un po di fortuna, il vostro commento verrà raccolto; in caso contrario, si passi alle domande dirette. Dite loro, in modo conciso: Perché dovrebbero essere interessati a voi: Ho inventato. Cosa offrite: Un dispositivo di sicurezza che fa risparmiare alle aziende migliaia di euro ogni settimana. Cosa volete: E mi occorre un finanziamento supplementare per espandere il mercato. Si noti l esempio. Una sola frase. Una dichiarazione dei vantaggi, nessuna menzione specifica del prodotto. Un indicazione che occorre un finanziamento per raggiungere l obiettivo, ma nessuna specifica. Qualcuno può andare oltre e dire che sta cercando un investitore (i clienti non spendono, investono) per contribuire al finanziamento di un progetto specifico con rendimenti garantiti. Si cerchi ancora di non entrare nel dettaglio, ma si ricordi che si desidera comunque stabilire una relazione d affari. L unico obiettivo è quello di spingere i destinatari a chiedervi una copia del business plan. Se si è sfortunati e si ottiene un no, si può chiedere un riferimento a un altro investitore potenziale, così da avere un buon punto di partenza quando si arriva a parlare con questa persona: Joe Smith mi ha detto che potreste essere interessati a. Può essere una buona idea iniziare a prendere appunti, a documentare le conversazioni telefoniche, le date di consegna e così via. Tenendo queste registrazioni, non si viene presi alla sprovvista. In particolare, si annoti la versione del business plan che si consegna. In caso contrario, in seguito, dopo aver bus- Ottenere l approvazione 251

20 sato a centinaia di porte alla ricerca del capitale di start-up, si sarà così stanchi da non ricordare cosa si è dato a chi o con chi si è concluso qualcosa. Sentito al circolo del golf George, sono lieto di presentarti Joe. Piacere di conoscerti, hai giocato bene Dopo qualche momento di chiacchiere: George, Maggie mi ha detto che lavori in banca. Sì, sono appena stato nominato responsabile dell ufficio per i finanziamenti societari. Interessante, sto cercando un finanziamento per espandere la mia società di marketing. Potrebbe interessarci, hai un business plan? Naturalmente. Posso portartelo in ufficio settimana prossima? Chiedi alla mia segretaria. Probabilmente sarò libero mercoledì pomeriggio. Consegna Una volta che un piano è stato richiesto, si scriva una lettera di accompagnamento e lo si consegni di persona il prima possibile. Si cerchi di darlo direttamente al lettore, così che si instauri un collegamento chiaramente identificabile tra il vostro piano e voi. Nel caso si venga convocati per spiegare il contenuto, ci si prepari accuratamente per il primo incontro come descritto in precedenza. Non lo firmerò Se si desidera proteggere le informazioni nel business plan (si ricordi che contiene la vostra strategia, i vostri segreti), si è pienamente autorizzati a chiedere ai lettori di firmare un accordo di segretezza prima della consegna. Alcuni autori di piani sono imbarazzati da questa idea. Non dovrebbero esserlo. Alcuni finanziatori diventano arroganti. Hanno torto. Gli investitori e i finanziatori professionisti sanno che si affidano loro segreti aziendali e firmano senza esitare. Beh, quasi senza esitare. Volendo, possono prima chiedere al loro consulente legale di rivedere l accordo. Siate disposti ad accettare la loro forma, un accordo semplificato o un lieve ritardo. In caccia A prescindere da quanto spesso si controlla la posta, non si trova mai niente che arrivi dalla banca. Anche se si passano ore a fissare il telefono, questo non suona. Quanto si riuscirà a resistere? Quando si avrà un riscontro dal destinatario? Le circostanze possono aiutare, ma se questo non accade, si può provare a fare una chiamata dopo un paio di settimane per smuovere un po le cose. Quando si rendono necessari questi provvedimenti, significa sempre che il piano non è ancora stato letto e che riposa nella casella delle cose da fare. È molto difficile convincere le persone a trovare il tempo di leggere il piano, ed è questa una delle ragioni per cui si deve cercare di renderlo agile e includere fotografie e diagrammi che possano attrarre il lettore potenziale. In questa fase, la presentazione è tutto. 252 Il business plan

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente...

1. In generale, direbbe che la sua salute è: (Indichi un numero) Eccellente... 1 Molto buona... 2 Buona..3 Passabile... 4 Scadente... ISTRUZIONI: Il questionario intende valutare cosa lei pensa della sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere aggiornati su come si sente e su come riesce a svolgere le sue attività' consuete.

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Email: cose da fare e cose da non fare

Email: cose da fare e cose da non fare OUCH! Marzo 2012 IN QUESTO NUMERO Auto-completamento Cc: / CCn: Liste di distribuzione Emozioni e privacy Email: cose da fare e cose da non fare L AUTORE DI QUESTO NUMERO Fred Kerby ha collaborato a questo

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Chimica Suggerimenti per lo studio

Chimica Suggerimenti per lo studio Chimica Suggerimenti per lo studio Dr. Rebecca R. Conry Traduzione dall inglese di Albert Ruggi Metodo di studio consigliato per la buona riuscita degli studi in Chimica 1 Una delle cose che rende duro

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO

DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO DEFINIZIONE DEL CONCEPT DI PRODOTTO 92 Generazione dei concetti di prodotto Individuazione dei bisogni dei clienti Eseguire l analisi economica Analizzare i prodotti della concorrenza Costruire e collaudare

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko

Modelli di consumo e di risparmio del futuro. Nicola Ronchetti GfK Eurisko Modelli di consumo e di risparmio del futuro Nicola Ronchetti GfK Eurisko Le fonti di ricerca Multifinanziaria Retail Market: universo di riferimento famiglie italiane con capofamiglia di età compresa

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI 2 Introduzione Questa email è una truffa o è legittima? È ciò che si chiedono con sempre maggiore frequenza

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli