La Radiospecola. mensile dei Radioamatori Bresciani. EDITORE: Sezione A.R.I. di Brescia QUOTE SOCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Radiospecola. mensile dei Radioamatori Bresciani. EDITORE: Sezione A.R.I. di Brescia QUOTE SOCIALI"

Transcript

1 APRILE-MAGGIO 2011

2 La Radiospecola mensile dei Radioamatori Bresciani EDITORE: Sezione A.R.I. di Brescia PRESIDENTE: I2QIL - Antonio Di Pietro Vicepresidente: I2KBO - Marino Sebastiani SEGRETARIO: I2BZN - Piero Borboni CONSIGLIERI: I2ZLL - Bruno Quaranta I2RTT - Rosario Bizioli IK2UJS - Polini Viller IZ2FOS - Lorenzo Mendini SINDACO: IK2SGO - Giuseppe Gobbi Vicesindaco: I2LQF - Fabio Lodrini SEDE: Via Maiera, Brescia recapito: Casella Postale Brescia telefono: internet: Segreteria: Radiospecola: APERTURA SEDE: Martedì e Venerdì non festivi dalle ore Riunione Mensile: il secondo Venerdì del mese Riunione Ordinaria del Consiglio Direttivo: il Martedì che precede la Riunione Mensile QUOTE SOCIALI Immatricolazione: Nuovi Soci Ordinari..... Trasferimento Sezione.... Servizio Diretto QSL soci... Servizio Diretto QSL non soci Soci ordinari Familiari e Junior ordinari.... Ordinari Radio Club Familiari e Junior Radio Club.. La Radiospecola (cartacea)... La Radiospecola (file in ) Anno XLVI La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 < 1 >

3 LA RADIOSPECOLA anno 46 - numero 4-5 Aprile-Maggio 2011 Editore: Sezione A.R.I. di Brescia Redazione: I2RTT - Rosario Bizioli IZ2FOS - Lorenzo Mendini Stampa/impaginazione: Novalabor Services Materiale pervenuto da: I2AE I2BAT I2KBO I2QIL IW2CYR IW2FHP IW2NBL IK2DFO IK2UIQ IK2WAD IZ2FOS UX3IM Alpini Gino CONTRIBUTO ANNUALE Entro il 31 GENNAIO di ogni anno deve essere effettuato il versamento di Euro 5,00 con causale: CONTRIBUTO ANNO.... NOMINATIVO.... Da versare sul Conto Corrente Postale n (bollettino ad 1 ricevuta) intestato a: TESORERIA PROVINCIALE DELLO STATO DI MILANO Lista manager e Attività di Sezione Contest/Diplomi: IZ2FOS - Lorenzo IK2GZU - Maurizio Stazione radio di Sezione: I2QIL - Antonio Smistamento QSL: IK2UJF - Ermanno Corsi per OM: IW2CYR - Nino Pubbliche relazioni: I2QIL - Antonio I2KBO - Marino Assistenza Fiscale: IW2LLH - Severino Gestione bar: IK2YXQ - Evaristo Biblioteca: IK2DFO - Carlo Mappatura del territorio: vacante Gruppo Microonde: I2IRH - I2RTT - I2QIL - I2IPK IW2FFT - IK2SGO - IW2CQA Commissioni: Laboratorio meccanico IZ2LQE - Marino Laboratorio elettronico e Magazzino: I2IPK - Tony Mostra Mercato Montichiari: IK2EAD - Romeo La Radiospecola: I2RTT - Rosario IZ2FOS - Lorenzo Bilanci: I2BZN - Piero Sito Web: IZ2LSD - Dario Gestione Ponti: IW2FFT - Mauro Attività logistiche: IZ2LQE - Marino ARIRE - Protezione Civile IW2NBL - Gianni IZ2GAQ - Domenico Tecnici IK2BCP - IK2ZNE - IZ2FTR Gestione Radioassistenze: I2RTT Rosario - pianificazione I2ZLL Bruno - risorse I2KBO Marino - strategia I2QIL Antonio - rapporti con enti I2IPK Tony - elettronica IZ2LQE Marino - logistica Note di Redazione - Gli articoli pubblicati sono opera di Soci, di Simpatizzanti e di chi, nel nome della Radiotecnica, vuole far conoscere le proprie impressioni e le proprie esperienze. Sono accettati e graditi anche articoli di carattere Storico e Varie Umanità possibilmente con attinenza alla Radio, ai Radioamatori e alla vita di Sezione. La responsabilità di quanto scritto è dei singoli autori e nulla può essere addebitato all Editore o alla Redazione per i contenuti. La Redazione si riserva il diritto di modificare l impaginazione del testo senza alcuna modifica del contenuto. In caso di mancanza di spazio potrebbe essere necessario differire parte o tutto l articolo al mese successivo. Inoltre la Redazione, che per tradizione non esercita alcuna censura preventiva, si riserva di non pubblicare e/o di chiedere modifiche di quanto presentato per la pubblicazione nel caso si ravvisassero estremi non confacenti con lo spirito Radiantistico. < 2 > La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 Anno XLVI

4 ACCOGLIENZA pegnati da non poter dedicare cinque minuti a chi non si conosce. A cosa servono le manifestazioni nelle scuole o altre manifestazioni? Non devono servire a far vedere quanto siamo bravi, ma a seminare. Ma non serve seminare se poi non siamo, tutti indistintamente, capaci a raccogliere!! Dobbiamo cercare di cambiare il nostro modo di frequentare la Sezione. Uno sconosciuto ben accolto, e ci sono prove lampanti, è un arricchimento per tutti. Basta un poco di cordialità per Che la Sezione ARI di Brescia cerchi nuovi radioamatori è evidente. Non sono molti i Soci under 50. C è però un grandissimo MA Come viene accolta una persona nuova, o una persona che frequenta poco, in Sezione? Facciamoci tutti un esame di coscienza. Quante volte di fronte ad una persona non conosciuta nessuno di noi si prende la briga di chiedergli qualche cosa, di presentarlo, di invitarlo al tavolo del bar, insomma fare in modo che ritorni? Evidentemente i minuti dei Soci in Sezione sono molto, ma molto preziosi e tutti sono così imfare in modo che queste persone ritornino. Ci sono quelli come me, gli i- draulici (espressione molto azzeccata per chi come me non ha grandi basi di tecnica), che però con il tempo riescono a capire qualche cosa. Devono essere aiutati, non snobbati, come spesso avviene; costa molto poco dire ad una persona nuova vieni qua, stiamo parlando di Questo è quanto mi piacerebbe avvenisse in Sezione. Diamoci una mossa!!!!! IK2DFO CORSI PER RADIOAMATORI 2011 Anche quest anno, la Associazione Radioamatori Italiani sezione di Brescia con sede in Via Maiera N 21, (è il proseguimento di via Costalunga in prossimità dell ospedale civile), tel , organizza un corso per gli aspiranti radioamatori. Il corso, inizierà Martedì 3 maggio c.a., e si terrà ogni Martedì e Venerdì, con inizio alle ore 21.00, per circa un'ora o poco più. Per agevolare coloro che andranno in ferie, ci sarà un interruzione nei mesi di Luglio ed Agosto per poi riprendere a Settembre fino alla fine di Novembre/primi di Dicembre. In questi ultimi anni gli esami si sono svolti il Dicembre. Per diventare radioamatori si deve superare un esame presso la sede dell Ispettorato delle Comunicazioni a Milano. Ai candidati saranno sottoposte 30 domande che riguardano elettrotecnica, radiotecnica, antenne, propagazione e leggi che regolano l attività di radioamatore, sotto forma di quiz. L esame sarà superato con almeno 21 risposte esatte. A coloro che saranno promossi, il Ministero invierà la patente di operatore Radio, alla patente sarà allegato un modulo da spedire al suddetto Ministero per la richiesta della licenza e sarà assegnato un nominativo. Con D.M. del , le patenti sono unificate in un unica classe A, è stato abolito l esame di telegrafia per uniformarsi alla normativa europea. Con la Classe A la potenza massima ammessa è di 500 Watt, su tutta la gamma attribuita al servizio di radioamatore, con alcune limitazioni su particolari frequenze. Le domande di ammissione all esame devono essere spedite con raccomandata A/R al Ministero delle Comunicazioni - I- spettorato territoriale della Lombardia, Via Principe Amedeo N Milano in bollo e devono pervenire entro il 30 Settembre. A suo tempo provvederemo a consegnarvi l apposito modulo. Potete anche consultare il sito della sezione di Brescia che è: 73 iw2cyr Nino Anno XLVI La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 < 3 >

5 RIUNIONI DEL CONSIGLIO DIRETTIVO Riunione STRAORDINA- RIA del Alle ore 21,30 presso la Sezione sono presenti: I2QIL I2KBO I2IPK I2RTT - IZ2FOS I2BZN IK2SGO. Assente giustificato IK2UJS. Presenti anche i soci I2ZLL e IW2FHP La riunione convocata con carattere di urgenza dal Presidente si è resa necessaria in quanto l importo della richiesta di contributo per il rally imminente non è stata accettata dall ACI e ci viene chiesto di ridurre sensibilmente la richiesta stessa fino ad un punto che sembra di rottura. L ACI afferma di accettare quanto concordato lo scorso anno con la scorsa presidenza. Dopo ampia discussione dei pro e dei contro, viene messa in votazione se adottare la linea dura o la linea morbida, che potrebbe voler dire magari di scendere al valore dello scorso anno. Linea dura tenuta da chi sostiene che la cifra che ci viene riconosciuta è troppo bassa e piuttosto si è disposti anche a non fare il rally, la linea morbida, per contro, tiene presente il fatto che molti soci attendono questo momento per una specie di aggregazione di gruppo e che se non si facesse il rally forse non staremmo amministrando al meglio la situazione. Si introduce il concetto di mettere tendenzialmente solo una persona agli intermedi dove c è il solo servizio radio, esentandoci da ulteriori responsabilità che la persona singola potrebbe non essere in grado di fare da sola; quindi si decide di riproporre una cifra ridotta, ma ulteriormente non riducibile. La votazione vede 4 voti favorevoli alla linea dura e 2 voti per quella morbida. Alle ore 22,20 termina la riunione Riunione ORDINARIA del Alle ore 21,15, presso la Sezione, sono presenti: I2QIL - IZ2FOS - I2RTT - IK2UJS - I2BZN Presenti i sindaci IK2SGO - I2LQF. Assente giustificato I2KBO. Assente dimissionario I2IPK. 1. Il Presidente illustra la situazione creatasi nel contatto con il Direttore dell ACI, che aveva accettato di aumentare il compenso per l assistenza al Rally fino ad un punto che non avrebbe potuto accordare di più se non previa convocazione del Consiglio di Amministrazione. Visto che in questo modo si è disattesa la precedente delibera del , I2QIL segnala che se non ha più la fiducia del Consiglio è disposto a dimettersi seduta stante. Dalla votazione che segue le varie considerazione dei consiglieri ci sono 4 voti favorevoli. 2. Per l organizzazione del Rally c è ancora da finire l istallazione delle antenne in Direzione Gara a cui provvederanno I2RTT con IK2YXQ, I2XBO e IW2FHP. 3. Vista la non presenza di I2IPK, e la sua indisponibilità a partecipare al Consiglio, si accettano le sue dimissioni e si lista una rosa di 3 possibili candidati tratti in ordine di maggiori voti ottenuti alle elezioni. 4. E stato interpellato Don Giulio per una Messa in Sezione con benedizione del Labaro, si concorderà la data esatta. 5. IK2SGO segnala che non desidera più partecipare alla gestione del bar, rimanendo a disposizione solo per le speciali occasioni in cui ci sia la necessità di aiuto. 6. I2BZN segnala che la stampa a colori del libro di IW2CYR potrebbe costare intorno ai 48 Euro per copia, quindi si decide di rilasciare il libro in formato elettronico su CD ad uso degli aspiranti radioamatori che seguiranno i corsi. 7. Il corso inizierà il 3 maggio prossimo. 8. A richiesta dell ARIRE, che in questo modo potrebbero ottenere un compenso per il loro fini, si autorizza l uso della sala conferenze per la sponsorizzazione di prodotti commerciali. Alle ore 22,45 termina la riunione < 4 > La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 Anno XLVI

6 Rally 1000 Miglia Elenco dei partecipanti in ordine di nominativo. Capelli Ivano I2CJV Bignotti Luciano IK2NHJ Bertenghi Gianantonio I2GHK Bignotti Maria IK2NHK Deleidi Adriano IW2LEO Cognini Marcello I2IHM Felappi G.Pietro IK2NVE Guerini Pierbortolo IW2LVB Saputo Antonino I2IPK Astori Giovanni IK2OLF Mario Federico Scolari IW2MQA Sebastiani Marino I2KBO Sinelli Ettore IK2PTL Righetti Andrea IW2MYG Lodrini Fabio I2LQF Avanzini Guido IK2PZI Ottoboni Nicola IW2NAB Mutti Francesco I2MUT Salustiani Alberto IK2QEB Mazzotti Gianni IW2NBL Noventa Giacomo I2NGB Signori Luciano IK2RAV Adamini Donato IW2NSU Rosati Giuseppe I2NKR Depellegrin Faustino IK2SAU IW2NWR Di Pietro Antonio I2QIL Gobbi Giuseppe IK2SGO Curti Cesare IW2OLJ Roncato Roberto I2ROW Pedretti Roberto IK2TLA Ghitti Mario IZ2AJC Bizioli Rosario I2RTT Fabi Fabrizio IK2UIQ Canziani Stefano IZ2ARA Santini Guido I2SAP Polini Viller IK2UJS Morandi Giuseppe IZ2CDX Scaglioni Giuseppe I2SQT Visinoni Felice IK2UUJ Mazzotti Paolo IZ2CHS Coianiz Carlo I2UCE Negri Enrico IK2VUD Artioli Andrea IZ2EWS Baglioni Adriano I2XBO Zambelli Alessandro IK2WQK Fausto Mantovani IZ2FDU Quaranta Bruno I2ZLL Onorati Gianni IK2WZN Codenotti Alberto IZ2FNH Martinelle Francesco IK2ATG IK2XYA Mendini Lorenzo IZ2FOS Onetti Elio IK2BEH Vizzuti Evaristo IK2YXQ IZ2GAA Lambruschi Agostino IK2BPP Zabeni Dario IK2ZEP Nicolini Marino IZ2LQE Gorno Carlo IK2DFO Pilotti Giovanni IK2ZNE Cristofoletti Dario IZ2LSD Marazia Sigismondo IK2GSJ IK4YHJ Calvetti Giacomo IZ2LWG Berettera Guerrino IK2GSV Bezzi Lorenzo IN3SFL Garatti Angelo IZ2QDG Rossi Giorgio IK2HXU Magnani Stefano IW2CPZ IZ2QYS Capitanio Emerenziano IK2IAR Ferrari Ilario IW2FHP Ziliani Attilio Giovanni IZ2SPM Campanini Antonio IK2ILU Ghirardelli Valerio IW2FPH IZ2SQR Crovetti Maurizio IK2JEF Ruzzenenti Mario IW2HEZ Menegazzo Paolo IZ2SRM Gnocchi Pierluigi IK2KMF Quarantini Oscar IW2JIX Gioia Franco IZ2SSV Masseroni Nicola IK2KZV Rocchi Giulio IW2JRH Papa Omar IZ2UVR IK2MMA Menini Mauro IW2JRL Sbaragli Stefano IZ4FXT Zavatti Giorgio IK2MMR Vecchini Agide IW2KMJ Kuzmychov Alexander UX3IM Ferri Fausto IK2NDF Rodari Norbert IW2LAO Anno XLVI La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 < 5 >

7 Rally Mille Miglia 35 edizione Qualche considerazione a ruota libera Anche questa edizione è in archivio. Sebbene con qualche intoppo è andata bene! Pochi, anzi direi nessun disturbo alle comunicazioni e comunque neutralizzato in tempo reale. Unico grattacapo i segnali tra le postazioni della Moerna ed il transponder del Ladino molto bassi prima dell attivazione del transponder sulla maglia interna da parte di IW2NBL (grazie Gianni!). Un problema da indagare al più presto per evitare che cada nel dimenticatoio visto che in altre occasioni non si era presentato (questione di posizionamento antenne critico al Ladino?). Detto questo, è d obbligo un ringraziamento a chi si è dedicato con scrupolo e professionalità al proprio compito assicurando la buona riuscita della manifestazione dal punto di vista delle comunicazioni. Non posso citare tutti singolarmente quindi, grazie a tutti i bresciani (della bassa) ed agli amici della Vallecamonica, alle sezioni di Mantova e Cremona, a chi ha installato e smontato l equipaggiamento della Direzione gara, agli operatori della stessa (senza IK2LQK questa volta! Orfeo, ci sei mancato!), a chi, dalle cime a volte nevose, ha attivato i transponder! E grazie anche a chi ha coordinato tutta l organizzazione muovendo fino all ultimo i pezzi di un puzzle quasi impossibile per farli incastrare al punto giusto, recuperare o- peratori di postazione, transponder, predefinire le frequenze da usare ecc. Grazie a Rosario e Bruno (RTT & ZLL) i veri strateghi del rally! Solo un ultima nota: chiunque, sulle prove, debba attivare un transponder interno deve informare l operatore in Direzione Gara e questi, a sua volta, tutte le prove e postazioni transponder! E importante che siano tutti infor- mati dell utilizzo di questa o quella frequenza, al di fuori del piano frequenze programmato, al fine di evitare reciproche interferenze. Forse sarebbe meglio riservare preventivamente una frequenza specifica anche per questo servizio. Anche quest anno ero in Maddalena con Rosario, I2RTT, ma con un impegno più ridotto rispetto alla precedente edizione; due transponder invece dei tre dell anno scorso (veramente 4 con quello d emergenza). Un gioco da ragazzi (o quasi)! Le postazioni da interconnettere sono in vista ottica, Ladino e Direzione Gara, con segnali fondo scala ovviamente. Ancora una volta, però, abbiamo deciso di smontare tutto la sera, per evitare brutte sorprese, e rimontare nuovamente al mattino: un bel impegno. Soprattutto in considerazione che, ogni anno che passa, mi sembra che le batterie da portare sul terrazzo antistante la chiesetta pesino sempre di più! Che siano state caricate troppo? Ciao a tutti e 73 de I2KBO Alla prossima! A bassa risoluzione, ma queste sono due immagini della webcam in Maddalena che confermano che io e Rosario, lassù, c eravamo! < 6 > La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 Anno XLVI

8 LE MUF E LA NOSTRA STELLA Sole che sorgi libero e giocondo, sui colli nostri i tuoi cavalli doma. Con Galileo, che ne ha sofferto molto, per il contrasto con le massime autorità religiose del tempo, sappiamo che il Sole non sorge, come era indicato nelle Sacre Scritture, ma succede che la nostra Stella è ben fissa nel Cosmo, mentre è la Terra a girare. Galileo ne era convinto: e morì brontolando amaramente.<eppur si move>. In effetti i nostri sensi non consentono di rilevare il movimento della Terra, che pur pesante come è, compie una rotazione ogni 24 ore. I radioamatori, invece, hanno la piena convinzione che il suo movimento induce enormi variazioni alla ionosfera, e per conseguenza alle molteplici possibilità dei collegamenti radio. Noi vediamo che ogni giorno arriva dalla nostra Stella un enorme quantità di radiazioni elettromagnetiche, sotto forma di quello che chiamiamo <radiazione luminosa>. Oggi sappiamo che da una decina di metri quadrati di pannelli fotovoltaici possiamo ricavare i Kilowatt necessari al nostro consumo giornaliero, ma la vegetazione terrestre già se ne era accorta da milioni d anni, e brillantemente viveva sfruttando la fotosintesi clorofilliana. Fin dai tempi antichi l uomo ha utilizzato quell energia, assumendo i vegetali commestibili, oppure quella accumulata nella legna da ardere. Oggi sappiamo che a fianco dello spettro luminoso, la Stella emette di continuo i tremendi raggi ultravioletti. Questi hanno la capacità di scindere gli atomi in nuclei ed elettroni, faccenda che è nota come <ionizzazione>. Ora si comprende come avviene il fatto più importante per noi radioamatori: da millenni ogni giorno viene ad esistere la <ionosfera>, quella che ci consente di ottenere, utilizzando le massime radio frequenze, in regime tangenziale, una moltiplicazione per un milione di volte il segnale ricevuto su ogni replica della distanza terrena di Km. Dalle esperienze durate decine d anni, sappiamo che per effetto della rotazione diuturna terrestre, ogni due ore e mezzo la ionizzazione della <ionosfera> induce a chiudere l apertura della propagazione sui chilometri, per aprirsi sulla susseguente ed offrire l apertura sugli chilometri, poi di seguito lo stesso avviene con la chiusura degli ottomila, per aprirsi sulla susseguente distanza del Km, per un totale di chilometri. Questo curioso susseguirsi avviene nei periodi equinoziali anche per le successive distanze di , di , di , di , di , di , di chilometri, quando nelle comunicazioni in AM notiamo come un effetto d eco, sulle vocali finali del corrispondente, che si ripete per sette volte il minuto secondo. Questo vuol significare che si ripetono le concentrazioni susseguenti ogni Km per dieci volte, per venti volte, per trenta volte, per quaranta volte, eccetera, portando per il guadagno reso possibile su ogni MUF tangenziale di Km di almeno un milioni di volte il segnale, una intensità costante di ognuna delle ripetizioni d eco, indotte dai diversi giri della onde radio intorno al Pianeta Terra. Queste ora prese in esame sono le possibilità DX offerte dallo strato <F2>, eccitato in modo continuo dai raggi ultravioletti, ma la nostra Stella ha una successione di eventi aventi un periodo di circa undici anni, durante i quali sulla sua superficie si presentano dei punti meno luminosi, chiamati <macchie solari>. Queste non influiscono sulla ionizzazione dello strato <F2>, ma in sporadici eventi, chiamati <brillamenti> si hanno delle emissioni corpuscolari omnidirezionali che vanno ad interessare principalmente la ionosfera a livello dello strato <E> situato sui 100 Km di quota. Inoltre durante il periodo del minimo delle <macchie solari> queste si spostano incrociandosi all equatore solare, e le loro radiazioni corpuscolari che e- scono esclusivamente in modo radiale questa volta vanno a colpire il Pianeta Terra, datosi che esso circola sull eclittica, la quale è inclinata di circa 7 gradi rispetto all equatore solare. Nei frangenti descritti ora le radiazioni corpuscolari emesse dalla nostra Stella provocano diversi effetti alla ionosfera: il suo livello <E> diventa tanto ionizzato da riflettere diverse gamme delle onde radio. Si hanno così le aperture di propagazione chiamate a <salto corto>, possiamo definirle <MUF tangenziali 2.000> Infatti lo strato <E> situato a 100 Km di quota fornisce le Anno XLVI La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 < 7 >

9 aperture di propagazione a chilometri di distanza sulla superficie terrestre. Anche in questi casi il calcolo algebrico effettuato sulla ellissoide tangente lo strato <E> ed avente per fuochi il punto trasmittente ed il ricevente dà per risultato una moltiplicazione di circa un milione di volte il segnale ricevuto. Inoltre quando le radiazioni corpuscolari centrano il Pianeta Terra si hanno intorno alle polarità magnetiche le cosi dette <Aurore polari>, e contemporaneamente si notano delle vistose deviazioni ed intensità delle linee magnetiche intorno al Pianeta. In quei frangenti, detti <tempeste magnetiche> le aperture in <MUF tangenziali 2.000> interdicono per diverso tempo ogni possibilità delle a- perture DX date dalle <MUF tangenziali 4.000>. Questo disastroso annullamento dei DX dura di solito per circa tre anni, intorno al minimo delle macchie solari, ed ha indotto i poco attenti editori dei manuali della propagazione. Ad affermare erroneamente: maggiore è il numero delle macchie solari del ciclo, più alta è la possibilità di avere brillanti aperture DX! Attenzione: la parte evidenziata in grassetto e sottolineata è vanto della Radiospecola di Brescia! Il rivelatore che si vede in fotografia è sostanzialmente un sensibilissimo microvolt metro che misura le variazioni della tensione presente ai capi di un solenoide costruito con molte migliaia di spire avvolte intorno ad un voluminoso nucleo di ferro orientato verso il polo magnetico. Le letture si hanno su una scheda elettronica a tre cifre, e si vede che la cifra del decimale non sta mai ferma, forse per le automobili che circolano nei paraggi, forse per i treni della linea per Milano lontana quattro chilometri da quel nucleo di ferro. Durante le tempeste magnetiche le letture variano, invece, di continuo anche sulle tre cifre, e le tensioni indotte sono sfruttate per pilotare l amplificatore di un cicalino, Con saluti da Bini p.i.e. Edo I2 BAT < Mercoledì 23 Febbraio 2011> Da anni possiedo un rivelatore acustico delle variazioni magnetiche terrestri, in tal modo posso dedurre i periodi negativi alle aperture DX, e posso tranquillamente stabilire che non sono mai dipendenti dalla stagione, dagli orari, e dalle direzioni. Il nostro Presidente in Direzione Gara durante il Rally < 8 > La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 Anno XLVI

10 RALLY MILLE MIGLIA 2011 Rezzato, 20 aprile 2011 Anche quest'anno il Rally è andato, non ho sentito ancora nessuno, ma da quel poco che ho potuto capire a fine gara mi sembra di affermare che questa sia stata la prova migliore di tutti i tempi. Non ho partecipato ai briefing, ma la documentazione ricevuta e le prove degli amici di Mantova mi hanno rassicurato. Questa volta allo start della Irma non ci sono voluto andare, avevo già dato, chissà se il mitico Ilario ha potuto assaporare gli effluvi che provengono da sud quando cambia il vento il pomeriggio. Impeccabili, non avevo mai avuto un riscontro così efficiente da parte di tutti i radioamatori sulle mie prove e dalla direzione gara. L'ACI deve sapere che gli abbiamo fatto un grosso regalo, bisognerebbe non fare la radio assistenza per un anno, si renderebbero conto della professionalità e delle attrezzature che i radioamatori di Brescia mette in campo, senza parlare della logistica! Credo che nessun altro gruppo sia in grado di fare una radioassistenza così difficile come il Rally Mille Miglia e statene certi lo sanno. Se il nostro McGavin facesse un bel DVD con tutte le foto delle nostre postazioni e le mandasse al presidente dell'aci gli farebbe capire lo sforzo messo in campo! Basterebbe fare un censimento delle apparecchiature di tutti i radioamatori e della sezione. Martedì scorso, assieme a Beppe I2NKR, abbiamo testato i cavi coassiali. Fatti passare nei cavi tredici ampere a ventiquattro volt su carico fittizio e tro- vato un cavo bastardo che ho subito cestinato. Testate le antenne, progetto di Pasquale I2IRH, VHF e UHF direttive rispettivamente quattro e nove elementi, più la bi banda V/U. Ros inesistente. Cavi cortissimi il necessario, per avere la massima resa. Ecco la postazione dello stop Irma: a differenza degli amici di Mantova, abbiamo deciso di piazzarci nel primo slargo disponibile dopo lo stop dei crono. Al commissario abbiamo dato in dotazione un PMR, in maniera da comunicare in maniera immediata. Configurazione postazione. Kenwood 733 su antenna direttiva in verticale nove elementi per le UHF. Kenwood 751 su antenna direttiva in verticale quattro elementi per VHF. Yeasu 817 su antenna bi banda di riserva. Due batterie sessanta ampere testate con carico, una è stata sufficiente, ma una scorta è necessaria. Lo start lo sentivo in diretta, il ponte lo usavamo solo per la comunicazione dei tempi. In UHF sentivo tutti. Sono partito di casa alle otto e sono ritornato alle venti e trenta. Dopo poche ore di sonno alle sette dio sabato siamo ripartiti per la prova delle Pertiche ecco la postazione: Anche allo stop delle Pertiche nessun problema, segnali oltre il nove! Stessa configurazione, sentivo lo start in diretta ma loro non sentivano noi! Giornata tranquilla e abbiamo addirittura potuto festeggiare il vincitore: Siamo tornati a casa alle venti. Non so se l'anno prossimo ci sarò de ik2uiq! Anno XLVI La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 < 9 >

11 IN RICORDO DEL MIO PROFESSORE DI MATEMATICA Angelo Ferretti Torricelli "scalet" allo scientifico Calini. L'incontro avvenne 54anni e due mesi orsono qualcosa come giorni fa. In un'aula che - chiedendo venia diciamo- era rettangolare. La cattedra nel mezzo del lato lungo, noi in 52 di fronte guardando verso Nord, verso il Castello dalla parte dei Carabinieri. Sulla destra nella parte più scura l'ingresso e a sinistra le due uniche finestre a guardare in piazza Tebaldo Brusato. E Lui alto pieno di modesta solennità, se pure a camminare un po' sbilenco, sghembo, asimmetrico a stupirci con la prima lezione. Chi avrebbe mai fatto caso che certi ippocastani davanti alle finestre fiorivano prima ed altri dopo, e perchè? E subito dopo la "targa" il riconoscimento della nostra classe che per Lui non era la prima e poi le altre di seguito, ma la 'fiorita 1941' l'anno in cui a differenmza dei castani saremmo fioriti tutti insieme. Fiorita che per i doveri di regime - siamo nel era la diciannovesima dell'era fascista con un simbolo in cui il 19 romano era contenuto in una effe maiuscola. Le Sue lezioni precise, intense, con piena padronanza di materie, matematica e fisica, proposte con la passione del piacere di insegnare. Intercalate da bellissime divagazioni sulla natura, nella piccola specola sul tetto del liceo di cui era geloso custode o su piante e fiori di una piccola coltivazione pomposamente chiamata 'orto botanico'. Entrava sventolando il pacco dei compiti in classe quando li aveva già corretti. La distribuzione iniziava con quello dal voto più basso. Al primo "sei" quando l'amarezza degli insufficienti si mescolava con la liberazione dei restanti anche il Suo viso si apriva in un sorriso di soddisfazione che si mostrava maggiormente quando oltre al voto annunciava un ' più 1/2 ' per l'iniziativa. Ultimi venivano i migliori. Su tutti Baccio Treccani. Bravissimo. Nutrito forse con un biberon di pieno di latte e numeri o cresciuto in un letto di testi di matematica. Baccio andava a matematica come le automobili vanno a benzina. Era sempre il primo a consegnare svolgendo anche l'impegno facoltativo. L'alunno che ogni professore di matematica vorrebbe avere tra i suoi discepoli. Il formula uno delle soluzioni, più bravo della Caggioli, di Gorio e di Viani. In tutto il Liceo la classi erano solo quattro ma affollate. La sezione una sola la "A". E i professori: Riccardo Bartolomasi "bortol" di disegno, la De Pilati "la deutch" di tedesco, padre Manziana di religione al quale siamo ancora in tempo a chiedere perdono per averlo fatto disperare qualche volta. Il Preside Ferruccio Azzini meraviglioso in stile e u- ma n it à c h e c h ia ma va mo "bagonghi" quasi a compensare la sua scarsa statura con quella di "scalet" e "cencio" Vincenzo Lonati di italiano e latino un po' piegato dagli anni e dagli occhiali non bifocali del quale eravamo orgogliosi per avere noi quale insegnante l'autore dell'epigrafe sulla trabeazione del Vantiniano " Evanuerunt dies spes ultima vitae illuxit in Domino ". E Achille Martinelli di cultura militare, Ermanno Leonardi chiamato chissà da chi e perchè "gengiskan" compassato insegnante di storia e filosofia e Ferdinando Crotti per l'educazione fisica. Professori di sembianze diverse ma di animo quasi fosse fatto con uno stampino uguale per tutti dai quali oltre che la loro materia abbiamo imparato molto e anche a vivere nel rispetto degli altri. Caro Professor Ferretti! Le Tue mani lunghe, le dita delicatamente sottili un po' scarne dalla pelle rosea, diafana, aperte in movimenti ad accompagnare parole e le lunghe braccia ad illustrare con ampi gesti alla lavagna espressioni e teoremi, e i polsi esili a volte fuori dalle maniche troppo corte di qualche giacca che pur lisa non era ancora ora di smettere. E un viso sacerdotale, da buono, e le spalle piccole e tonde a sobbalzare e gli occhi occhi grandi a ridere con essi più che con la bocca chiusa e le labbra strette. Non importa se qualche mattina forse per non arrivare tardi a scuola la rasatura non era perfetta e un po' di barba mal fatta qua e là ancora si vedeva. Conserviamo qualche quaderno scritto con la penna e il calamaio con le note nell'ultima pagina e le conferme siglate AFT a caratteri grandi, svolazzanti e inconfondibili dell'avvenuto controllo di avere noi obbedito ai suggerimenti. Non ricordo se nei quattro anni di scuola qualcuno si sia mai rivolto al professor Ferretti dandogli del "tu". Il "lei" da parte Sua verso di noi e nostra verso di Lui era spontaneo. Ora sulla soglia dei settanta anni mi permetto di dire, anche se non può sentirci ma come se fosse qui con noi, grazie caro Professor Angelo per quello che ci hai dato, per la Tua cortesia, per la Tua disponibilità avvolte in uno stile personalissimo e incomparabile: non dimenticheremo il chiarore con cui in laboratorio facevi risaltare a raggi Rontgen la croce in una vecchia ampolla di vetro a forma di pera ed il colore, che ti estasiava, delle pervinche che rimanevi ad ammirare senza mai cogliere. Ancora grazie! Gino Bini Brescia, 7 dicembre 1991 < 10 > La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 Anno XLVI

12 IL GIOCO DEL GOLF (Seconda parte) Nel articolo precedente mi sono scordato di menzionare altri importanti strumenti che il golfista deve avere a disposizione. Nei campi con molti ostacoli d'acqua, specialmente per i principianti, un peschino è veramente raccomandato. Cos'è un peschino? Un manico telescopico con all'estremità una piccola cavità per pescare la pallina finita in acqua, laddove si riesce a vedere. L'abbigliamento è importante, deve essere consono e non sono ammesse t-shirt senza colletto, con i pantaloni corti non sono ammessi i fantasmini per gli uomini. Anche i jeans fino a poco tempo fa non erano ammessi, adesso c'è più tolleranza. Per il gioco è necessario un guanto che per i destrorsi si indossa alla mano sinistra per i mancini viceversa. Serve per un presa più salda del bastone. Ci sono altri strumenti come i "tee" supporti per la palla che si usano solo alla partenza. Poi c'è il marchino, che serve per segnare la posizione della palla sul green, marcata dietro in direzione della buca. In un ultimo campionato, Ian Pulter campione inglese, dopo aver marcato la palla con un marchino, gli è scivolata di mano e cadendo proprio sul marchino lo ha spostato. Con le regole del golf si è dovuto dare una penalità (un colpo in più) che gli è costato retrocedere di una posizione e una perdita di centomila dollari. Sul green quando la palla cade da lontano si forma una buchetta detta "pitch", il giocatore deve con uno strumento chiamato "alzapicht" riparare il green. Sul green è l'unico posto dove si può alzare la palla, dopo a- verla segnata con il marchino. Questi non è altro che un conio che assomiglia ad una moneta da cinquanta centesimi più sottile! In dotazione del golfista deve esserci anche una salvietta in spugna che serve a pulire la palla e le mazze. Quando il campo è pesante è facile che le mazze e le palle si sporchino facilmente. Durante i periodi inverna li è po ss ibile "piazzare la palla", cioè lungo tutto il fairway (la parte più rasata del campo), si può alzare la palla per pulirla e piazzarla non più distante dal punto dove è caduta di uno score. Solo in questo caso si può toccare la palla e anche nel caso in cui la palla risulti infossata oltre sul green come accennato in precedenza. Negli ostacoli (bunker e ostacolo d'acqua), non si può toccare la palla anche se infossata. Per la gara di golf, che si svolge su un percorso di diciotto buche, viene consegnato dal comitato di gara lo score, i colpi che hai in più per ogni buca e la difficoltà su ogni buca. La difficoltà della buca è calcolata sulla media dei colpi effettuati durante le gare dai giocatori. Il giocatore deve verificare il proprio corretto Handicap corrente, se fosse sbagliato in favore verrebbe squalificato. Cos'è l'handicap? In parole povere la tua bravura sul campo. Ad un HCP (abbreviazione di handicap) basso, corrisponde una abilità maggiore del giocatore. In Italia le gare per dilettanti si g io ca no qu as i s e mpre "stableford" che sta a significare l'assegnazione di punti per ogni buca. Io ad esempio gioco 23 di HCP. In sostanza posso giocare a parità di condizioni con uno che abbia HCP 1. Cosa vuol dire? Se il giro di un campo lo si deve fare in 70 colpi, io ho 23 colpi in più e per fare il par del campo mi basta fare 93 colpi per essere alla pari con chi ne ha uno solo in più e che deve chiudere in 71 per pareggiare con me. Nel momento in cui riuscissi a chiudere in 92 colpi, la volta successiva mi verrebbe diminuito il mio HCP a 22, l gara a colpi si chiama "medal". Difficilmente si riesce a giocare il proprio HCP e se a fine gara non riesci a fare almeno 32 punti ti viene diminuito il tuo HCP di uno 0,1. L'altra settimana ad esempio ho fatto 34 punti e quindi il mio HCP resta invariato. La gara successiva ho fatto 38 punti e mi hanno ridotto il mio HCP di 0,4, pertanto adesso gioco esattamente 23,3. Il mio HCP più basso di sempre e sento che sta per diminuire ancora. Anno XLVI La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 < 11 >

13 Vedete nello score sopra illustrato, dove sta scritto HCP non è altro che la difficoltà della buca, pertanto la buca più difficile risulta essere la numero 8, un par quattro di 407 metri. I colori stanno a significare la categoria di gioco: le partenze dai bianchi normalmente vengono usati nelle gare della Federazione Golf e quelle dei professionisti. Dai gialli normalmente vengono effettuate le partenze dei dilettanti, dai blu o neri gli juniores e dalle partenze rosse le donne. Si gioca "stableford" per non allungare troppo la durata della gara, i campionati dei professionisti sono giocati medal", vince chi fa meno colpi. Nelle gare stableford quando hai giocato i tuoi colpi senza imbucare si alza la palla, in quanto non hai più possibilità di fare punti e quindi si accorcia la durata della gara che dura mediamente più o meno cinque ore. In alcune gare per dilettanti, organizzate dalla Federazione, si gioca "medal" e i colpi li devi giocare tutti fino ad imbucare. Succede qualche volta di dovere fare anche dieci colpi e in quel caso la gara è andata. Alla partenza di ogni gara, i team devono essere composti da almeno tre giocatori. Lo score viene scambiato, pertanto io sarò il marcatore di un altro e viceversa. Quando devi ottemperare ad una regola del golf, devi chiedere l'intervento del proprio marcatore e fargli verificare la tua corretta interpretazione della regola che stai applicando. Quando il tuo marcatore non è del tuo stesso parere, allora in questi casi va interpellato il Marshall (arbitro) per dirimere la questione. Quando la palla finisce in acqua devi applicarti un punto di penalizzazione, puoi però piazzare la tua nuova palla entro due bastoni da dove è entrata in acqua. Pertanto se era il primo colpo dalla partenza, con la penalità applicata, il colpo successivo sarà il terzo. Lo score va firmato dal giocatore e dal suo marcatore, se manca una firma di uno dei due il giocatore è squalificato, come lo è se, ad una buca è segnato uno score inferiore a quello effettivamente conseguito. Alla fine della gara ci sono vari premi, per il primo lordo che significa i punti fatti calcolando: quattro punti per l'eagle (due colpi sotto il par), tre punti per il berdie (un colpo sotto il par), due punti per il par e un punto per il bogey (un colpo sopra il par). Poi ci sono il primo e secondo netto, che assegna i punti ad ogni buca in base al tuo HCP. Se ad una buca il giocatore ha due colpi e fa par prende quattro punti, se ne avesse uno ne prenderebbe tre, se fosse bravo non avrebbe colpi e con il par prenderebbe due punti. Pertanto difficilmente raggiungerebbe 36 punti perchè dovrebbe fare tutti par. C'è poi il premio per il primo senior, per il primo giocatore classificato, con una età superiore a 55 anni. In ultimo il premio per la prima lady. Nelle gare con molti partecipanti, i giocatori vengono divisi in tre categorie, la prima categoria con HCP da 0 a 12, la seconda categoria da 13 a 24 e la terza categoria da 25 a 36, in questo caso ci sono premi per tutte le categorie. Le regole sono decise e approvate dalla R&A che ha sede nel circolo più antico di Europa a St. Andrews in Scozia, il più antico e bel campo del mondo ambito da tutti i giocatori di golf. In pratica è lì che è nato il golf e il fascino di giocare la dove sono passati i più grandi campioni < 12 > La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 Anno XLVI

14 del mondo è incommensurabile. Oltre alle regole, trattasi di un libretto molto sostanzioso, ci sono le decisioni che vengono aggiunte via via, ogni qualvolta si presenta una particolare situazione. Per ora vi ho tediato abbastanza e continuerò nella terza puntata, se gradirete. Se qualcuno gli venisse in mente una pallina con il trasmettitore, per trovarla quando non si trova, sappiate che è stata già inventata, con il suo ricevitore tascabile de ik2uiq Momento di Pausa in Direzione di Gara con quasi tutto lo staff... radioattivo al completo manca IK2SAU (forse è il fotografo?) IK2DFO, Carlo, non manca di tenerci informati sul come il suo compagno di ventura, Alex UX3IM forniva il sostentamento di caffeina durante le due giornate del Rally. Bravo Alex siamo molto contenti di averti con noi! e non solo per il caffè. JAMES BACK È con molto piacere che vediamo i ritorno di Giacomo, al secolo I2NGB in attiva partecipazione al nostro Rally, in compagnia dell instancabile IW2FHP. Anno XLVI La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 < 13 >

15 TRASPONDER DELLA MOERNA e altro Difficile situazione della Moerna dove, in men che non si dica, nel momento in cui le comunicazioni sembravano compromesse per alcuni intermedi, il Gianni, I2NBL installa un transponder interno alla prova stessa salvando la situazione in maniera professionale. Qui le foto del transponder e del sistema, sempre in stile professionale, istallato all interno della sua macchina Si, è proprio IW2FHP è dappertutto! Dalle prove sul territorio, alle verifiche in laboratorio, tre giorni sulle PS e anche presente in Direzione Gara Grazie Ilario il tuo lavoro è molto apprezzato. Termine della smobilitazione della Direzione Gara. I2RTT con gli immancabili I2XBO e IK2YXQ (e Jeanette alla macchina fotografica). L incredibile non è quanto o come l Adriano, malgrado un ginocchio ballerino, riesca da solo a sorreggere le due batterie da 120 AH come se fossero scatole di cartone, ma è la somma dei tre OM che supera ormai i 200 anni! < 14 > La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 Anno XLVI

16 Giornali che parlano di noi. Anno XLVI La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 < 15 >

17 Debriefing del rally in Sezione - 29 aprile 2011 Presenti gli OM che hanno partecipato: I2UCE, IK2DFO, I2LQF, UX3IM, I2IPK, I2QIL, IW2FHP, IK2YXQ, IK2SGO, I2RTT, I2KBO, I2BZN, I2ZLL, IZ2LSD, IZ2FOS, IZ2LQE, IW2JRL. Inoltre altri amici OM presenti: I2QIK, IK2WAD, IZ2UQH, IK2UJF, IK2VTJ, e altri. Serata dedicata alle osservazioni di come è andata la radioassistenza. I2QIL segnala i problemi di tempistica all inizio, in un paio di casi in cui il Direttore di Gara chiedeva il collegamento quando le persone non erano ancora arrivate sul posto. I2IPK suggerisce che si dovrebbero mettere le stesse persone allo stesso posto per evitare difficoltà dovute ai cambiamenti di posizione. I2KBO aggiunge che forse si sarebbe dovuta fare una prova in più per la Moerna in quanto sul Ladino è cambiata leggermente la posizione, magari sarebbe il caso di fare subito ora una prova in tal senso nel momento che siamo ancora caldi della situazione. I2IPK segnala che mancavano anche gli orari di entrata sul percorso, e I2KBO risponde che erano stati fotocopiati in abbondanza e che ne sono rimaste ancora sul tavolo. IW2JRL segnala che si potrebbe fare un file PDF da spedire, visto che ormai tutti hanno collegamento computer. I2LQF suggerisce che si potrebbe testare e segnalare quando le persone si stanno avvicinando così che si possa rispondere qualcosa in Direzione Gara che non sia un silenzio sconosciuto. I2IPK dice che si deve avere una frequenza sempre operativa di collegamento di servizio fra i ripetitori; e I2KBO ribadisce che era la frequenza indicata in calce ad ogni foglio. I2KBO segnala che è necessario che chi attiva un trasponder lo segnali ad un OM della Direzione Gara così che, diffondendo l informazione, la si sappia e altri non usino la stessa frequenza. IW2JRL dice che sarebbe anche opportuno che prima di occupare una frequenza di faccia ascolto e chiamata per vedere se è libera. IK2SGO segnala che dal monte Creò dove era lui con il trasponder può prendere molto bene anche il rifugio Piardi (eliminando il passaggio dalla Maddalena) e addirittura si sentiva bene lo start della Irma. IZ2LQE chiede come è il monte Creò, e si scopre che se necessario si dovrebbe dormire in macchina e fa freddo. I2KBO sarebbe opportuno che la DG dia gli ok di ricevuto dopo i messaggi in arrivo e poi dovrebbe sempre essere la DG a gestire con attenzione gli start e stop che non si sentono fra loro coordinando le loro chiamate contemporanee. I2QIL segnala che quando c è stato un tappo sulla San Zeno di 18 minuti sembra non sia stato comunicato - mentre sembra anche che la PS l abbia segnalato e non recepito in DG. I2UCE ribadisce che le frequenze andrebbero numerate, (cosa che in realtà lo sono già, in quanto elencate a gruppi di tre: prima, seconda e terza). IK2SGO ricorda ancora che non si va sulla prova solo con i gommini, che ciò provoca difficoltà al trasponder e alla trasmissione tutta. I2QIL magari è naturale che le direttive siano tenute in verticale, ma forse è opportuno ricordarlo. I2UCE dice che è inutile ripetere i numerini se chi li riceve li capisce alla prima volta. IW2JRL segnala che c è ancora chi si ostina a seguire VHF e UHF da solo anche quando è in coppia, ognuno dei due dovrebbe seguire o la maglia interna o la Direzione Gara, coordinandosi a voce con l altro se necessario. IW2JRL suggerisce per lo start che ripeta un paio di volte il numero della macchina che va in prova, in quanto se viene coperto dal rumore auto si spera che in due volte la maglia interna capisca e non occupi la rete per richiedere di nuovo il numero. I2QIL segnala che in DG c è lo schema delle auto, con le luci in movimento, ed il pilota può chiedere intervento medico o meccanico dalla sua auto. Anche se il sistema non funziona ancora bene. IW2FHP segnala a volte una incomunicabilità con la DG. IZ2LSD dice che l aggiornamento delle posizioni delle au- < 16 > La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 Anno XLVI

18 to con questo sistema tipo APRS avviene ogni 30 secondi o un minuto. IW2JRL dice che in merito al tappo sulla San Zeno ci vorrebbe diligenza, che se non si vedono macchine arrivare o peggio vedi numeri non consequenziali, si dovrebbe chiedere all intermedio precedente notizie in merito. I2QIK chiede quando diventerà affidabile tale sistema di rilevazione, immaginando a quel punto che i radioamatori non servirebbero più. IK2DFO segnala che non serve avere il foglietto numerato su cui trascrivere la macchine, ma è meglio un foglio quadrettato senza numeri. I2UCE segnala meravigliato che sono solo 45 i soci della Sezione di Brescia che hanno partecipato contro i 50 delle altre Sezioni limitrofe, è una vergogna che non ci sia più collaborazione per questa attività di Sezione. Viene segnalato che ci sono stati due operatori di una PS che si erano dislocati troppo distanti fra loro. Anche se probabilmente per tentare di sentire meglio il trasponder, che all inizio aveva dato problemi. IK2SGO segnala che dal monte Tesio (roccolo di Serle) sentiva start e stop della Moerma, mentre dalla Cavallino si sentivano tutti molto bene. Fine del Debriefing. MilleMiglia 2011, Debriefing Postazione trasponder S.Zeno, I2LQF-IK2YXQ Postazione trasponder S.Bartolomeo, I2LQF-IK2YXQ I giorno, S.Zeno: antenne installate sul dosso di fronte al Rif. Piardi, nella zona dove lo sterrato di copertura del gasdotto incontra la carrareccia che sale dal passo, e c e un falsopiano abbastanza accessibile; 2 yagi verticali 9 el. UHF in diversity, con accoppiatore, una puntata sommariamente verso la V.Trompia, l altra verso V.Palot/V.Camonica; segnali da tutti gli intermedi superiori al 9+; uscita 1,2 GHz verso il TXP Ladino yagi 18 el. verticale, segnali costanti a fondo scala anche brandeggiando l antenna. Operato in bassa potenza per tutto il periodo, con alimentazione a batteria e monitoraggio di entrambe le fq con apparato separato (TM 741). Nessun problema da segnalare, salvo la quasi scarica della batteria verso la fine giornata (ricaricata durante la notte successiva); il triplo salto ha funzionato senza fastidi. Un sommario tentativo di collegare direttamente la Maddalena, con qualche risultato, da approfondire. Con un fuoristrada/4rm si potrebbe raggiungere un pianoro a circa 150/200 m. dalla strada e rifugio, più alto lungo il gasdotto, che probabilmente vede meglio la Maddalena senza influenzare il collegamento con gli intermedi, ma e logisticamente impegnativo 2 giorno, S.Bartolomeo: antenne installate sull angolo a valle (SE) del pianoro, a lato della panchina relativamente meno coperta da alberi; yagi verticale 9 el. UHF puntata parallela alla facciata di ingresso chiesa; segnali da 6/7 a 9+ per i vari intermedi; uscita 1,2 GHz verso la DG yagi 18 el. verticale puntata approssimativamente verso la parte bassa del crinale Maddalena, segnali oltre il 9. Operato in bassa potenza per tutto il periodo, con alimentazione a batteria e monitoraggio di entrambe le fq con apparato separato (TM 741). Nessun problema da segnalare, salvo la necessità di un cambio batteria verso la fine giornata; gli operatori sulla prova hanno ottimizzato senza difficoltà il loro puntamento verso di noi. Note organizzative: sebbene, a TXP avviato, due operatori siano ridondanti e quasi inutili, il volume di materiale da portare in loco, da montare ed a disposizione per emergenza e tale che, per il trasporto, il montaggio ed il monitoraggio iniziale, siano indispensabili due persone con una discreta esperienza. I2LQF Anno XLVI La Radiospecola - Aprile-Maggio 2011 < 17 >

19 il Setup di I2AE in /p Per l attività in portatile mi porto dietro occasionalmente l IC-746 e sempre l IC-706 MkIIG con il suo accordatore LDG allestiti in una valigetta pseudo alluminio, un PC portatile, antenne.cavi.. Le soluzioni di antenna che ho adottato per l attività in portatile basilarmente sono un dipolo a V invertita ed il mast formato dalla solita canna da pesca da 10 metri alimentati da un cavo RG-58. Le occasioni che mi si presentano sono 3: l attività dal camper, dalla macchina e pedonale. Dal camper normalmente lego la canna alla scaletta; molto raramente ho usato lo stilo MA-5 della Kenwood invitato sul suo mollone imbullonato al portapacchi ed al quale ho legato un paio di radiali x i 20 e due x i 40 metri; lo stilo è formato da una base e stiletti aggiunti x le varie gamme, normalmente alto sui 2,50 metri. Per attività veloci o più pratiche dalla macchina uso il solito sostegno sotto-ruota incernierato per comodità di trasporto al quale lego la solita canna. L attività pedonale usata per l attivazione di alcuni parchi ed alcune isole viene effettuata con un carrellino attrezzato con una batteria al gel da 120A però del peso di 34 Kg. che mi permette la stabilità di sostegno della solita canna da pesca. Passiamo ora alla soluzione delle antenne. Nello zaino che mi porto dietro vi si trovano: due bei picchetti di ferro, un martello, due cavi RG-58 intestati con PL259 di circa 15/16 metri, un dipolo asimmetrico, un dipolo 20/40 con morsetti, un dipolo 20/40 trappolato, una soluzione verticale 20/40 trappolata, un tester, alcuni pezzi di corda e nastri di velcro, nastro adesivo, forbici, pinze, cacciavite, un paio di guanti, Scottex, alcuni PL258. Le soluzioni che normalmente uso sono quelle con dipolo a V invertita con aggiustamento delle misure eseguito già sul campo e generalmente uso il dipolo 20/40 con trappola che mi permette appunto le due bande classiche ed una picchettatura abbastanza vicina a 120 gradi. Dalla canna da pesca di 10 metri tolgo il cimino applicando il centrale del dipolo a 9 metri e collegando il cavo all SO-239 dove arrivano i mezzi dipoli senza balun 1:1.

20 La trappola è formata da 5 spire e mezza di cavo RG-58u su un tubo di 4 cm di diametro e dovrebbe avere il taglio a 14,170 Mhz; l ingresso è dalla calza, L altra soluzione usata più raramente poiché abbisogna di uno spazio maggiore per la picchettatura ed un maggiore peso sulla cima è il dipolo asimmetrico. Questo è un dipolo ad onda intera per i 20 metri che i manuali danno con un guadagno di 3,82 db sull isotropico e comunque 1,6 db sul dipolo mezzonda ( in questo caso dei 20 metri ) L alimentazione centrale comporta un Balun 6:1 in ferrite; i due lati sono di 6,75 metri e 13,25 (quest ultimo collegato al lato caldo). Funziona bene anche in 40 metri e carica pure in 80. La soluzione che fa anche gli 80 sarebbe di 13,8 da un lato e 27,7 mt dall altro. Altra soluzione di scorta è quella più semplice che però comporta l ammaina della canna in caso di cambio gamma; il primo pezzo per i 20 metri mi è risultato di 484 cm poi il morsetto di collegamento al secondo pezzo di 495 cm. Ultima soluzione di scorta non ancora provata sul campo, ma solo in giardino è quella verticale utilizzabile appunto in quei casi particolari di piccoli parcheggi o altre situazioni. Dopo aver provato le varie Ribakov o quelle appunto a filo unico con balun 4:1 ho allestita questa x i 20 e 40 sfruttando la stessa trappola in cavo coassiale del dipolo; le misure sul campo mi sono risultate un po diverse, ma così ho stazionarie di 1:1,1 tra 14,050 e 14,300 e lo stesso fra 7,040 e 7,180. Ho usato una decina di cm di RG-213 saldato ad un PL-259 (aggiunto poi un barilotto), spellato e saldato alla calza due cavi di 5 e 10 metri come radiali ed uno spezzone di 10 cm con una banana alla quale attacco 7/8 radiali di varie misure; sul centrale un cavo per un totale di 442 cm che mi fa i 20 metri, la trappola ed altri 380 cm per avere i 40 metri. Buon lavoro a tutti, 73 Paolo I2AE

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata.

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata. Antenne Premessa L antenna di un ricetrasmettitore è uno degli elementi più importanti per la buona riuscita di una trasmissione (ricezione): senza di essa anche il miglior apparecchio radio diventa inutilizzabile.

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

FIELD DAY HF IARU REGIONE 1 - MEMORIAL I0FLY

FIELD DAY HF IARU REGIONE 1 - MEMORIAL I0FLY Notiziario della Sezione A.R.I. di Milano FIELD DAY HF IARU REGIONE 1 - MEMORIAL I0FLY Questa volta il team di IQ2MI ha partecipato al Field Day IARU HF Regione 1 ed è stata una grande festa. Tutto é iniziato

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

L AULA. Indica con una crocetta gli oggetti presenti nell aula C È CI SONO

L AULA. Indica con una crocetta gli oggetti presenti nell aula C È CI SONO L A SCUOLA PROPOSTE visita alla scuola denominazione di: - persone, ruoli e funzioni - spazi, arredi, oggetti e materiali realizzazione di cartelli plurilingue lettura della piantina della scuola le norme

Dettagli

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO.

NEL MARE DELLA NOSTRA FANTASIA OGNI PESCE E DIVERSO NELLE SUE FORME E COLORI, COME NOI RAGAZZI CHE ABBIAMO ESPRESSO QUESTO BELLISSIMO DISEGNO. SEMPLICEMENTE INSIEME per condividere esperienze, notizie, gioie, conquiste, vittorie, delusioni, difficoltà, sofferenze come in famiglia, senza giudizi, rispettando l opinione di ciascuno, certi che ognuno

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

LIBRI USATI Di Giuliano Marrucci

LIBRI USATI Di Giuliano Marrucci LIBRI USATI Di Giuliano Marrucci MILENA GABANELLI IN STUDIO La buona notizia di oggi è sulla scuola. Gli studenti che quest'anno sono entrati in classe sono 7milioni e 806 mila. La scuola è obbligatoria

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali.

Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. 8 LEZIONE: Funzioni Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: Dipendente dai materiali. Obiettivo Principale: Illustrare come compiti ripetitivi possano essere organizzati in piccoli

Dettagli

REGOLA N. 6 IL GIOCATORE

REGOLA N. 6 IL GIOCATORE Ed ecco giunti al terzo appuntamento...eh già...perché, quelli di voi che sono riusciti a leggere le prime due puntata,e ed aspettavano con ansia l'uscita della terza...ecco...sono degli EROI!!!! Francamente

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2009 2010 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di primo grado. Classe Prima

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2009 2010 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di primo grado. Classe Prima Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di I

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo.

lettera raccomandata. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire meglio il testo. Unità 12 Inviare una raccomandata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una

Dettagli

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera

informazioni che si può leggere bene, chiaro con caratteri di scrittura simile a quelli usati nella stampa, ma scritti a mano chi riceve una lettera Unità 12 Inviare una raccomandata In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni su come inviare una raccomandata parole relative alle spedizioni postali e all invio di una raccomandata

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

Il mondo nella mia antenna Festa del Paese 2012

Il mondo nella mia antenna Festa del Paese 2012 www.insubriaradio.org Insubria Radio Team 2012 Pagina 1 di 10 La radio una grande invenzione grazie a Guglielmo Marconi, che dopo molti esperimenti di successo in terra italiana, concentra successivamente

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE

ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Dicembre 2009 ULTIMO SABATO DI NOVEMBRE Sabato 28 novembre si è svolta la tredicesima edizione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Anche nella nostra provincia la mobilitazione è stata

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

2. NUMERO DA INDOVINARE

2. NUMERO DA INDOVINARE 1. L ASINO DI TOBIA (Cat. 3) Tobia è andato in paese ed ha acquistato 6 sacchi di provviste. Li vuole trasportare con il suo asino fino alla sua casa sulla cima del monte. Ecco i sacchi di provviste sui

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

NON SCRIVERE IN QUESTO RIQUADRO

NON SCRIVERE IN QUESTO RIQUADRO A. I. C.M. c/o L.S. S. Cannizzaro Via Arimondi, 14 Palermo aicm@dipmat.math.unipa.it GIOCHI DI MATEMATICA DI SICILIA 2006 QUALIFICAZIONE ELEMENTARI 2006 Nome _ Cognome _ Data di nascita Classe _ Scuola

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio)

Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio) Progetto ARISS ITIS ˆE.fermi Lucca Andrea Ghilardi 2011 The fascinating world of Radio Waves Surfing (surfando sulle Onde Radio) Onde Elettromagnetiche Un elettrone immobile genera, a causa della sua carica,

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo.

Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. Mettere l articolo determinativo e l articolo indeterminativo. 1. stadio 2. ristorante 3. cinema 4. stazione 5. biblioteca 6. monumento 7. palazzo 8. fiume 9. _ catena di montagne 10. isola 11. casa 12.

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi

Breve corso di educazione stradale per i ragazzi Breve corso di educazione stradale per i ragazzi L importanza delle regole Perché esistono le regole? Perché se non esistessero regnerebbe il caos totale. Le regole sono necessarie perché senza esse nulla

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2

Corso ITALIANO Prof.ssa S. DOTTI Liv. 2 IN GIRO PER ACQUISTI Signora Rossi: Voglio vedere una camicia per mio figlio. Commessa : Di che colore? Signora Rossi: Non so.. Commessa : Le consiglio il colore rosa. Se Suo figlio segue la moda, gli

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

Lezioni di spicce Fotografia

Lezioni di spicce Fotografia Lezioni spicce di fotografia Lezioni di spicce Fotografia 1 Introduzione L idea di queste pagine, un po spicce, vagamente sbrigative, nascono da una conversazione in chat, perché anche io chatto, con un

Dettagli

Anteprima IL CIOCCO Rallye Açores

Anteprima IL CIOCCO Rallye Açores FEBBRAIO 2012 Anteprima IL CIOCCO Rallye Açores Rally di Svezia Il metodo Tommaso Rocco: ally Franciacorta Circuit, una Skoda arriva un po lunga all inversione, tocca le gomme, si ribalta e rimane di taglio,

Dettagli

PROGETTO ANTENNA VERTICALE VHF 70 80 Mhz / 144 146 Mhz. Elaborazione di Enzo Bisconti IT9UMH

PROGETTO ANTENNA VERTICALE VHF 70 80 Mhz / 144 146 Mhz. Elaborazione di Enzo Bisconti IT9UMH Se ti capita di essere a casa magari bloccato dal maltempo, e dialoghi con un collega radioamatore via telefono o radio o Skype, inevitabilmente arrivi ad affrontare l argomento dell autocostruzione di

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola primaria. Classe Quinta Fascicolo 1

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola primaria. Classe Quinta Fascicolo 1 Prova di MateMatica - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA Scuola primaria Classe Quinta Fascicolo 1 Spazio per l etichetta autoadesiva

Dettagli

EME propagation di GM3SEK- trad.iv3gbo

EME propagation di GM3SEK- trad.iv3gbo Problemi di polarizzazione del segnale: EME propagation di GM3SEK- trad.iv3gbo Gli OM che fanno EME (moonbounce=terra-luna-terra)sulle bande 50 MHz, 144MHz e 432MHz usano generalmente la polarizzazione

Dettagli

Grandezze fisiche e loro misura. Grandezze fisiche e loro misura

Grandezze fisiche e loro misura. Grandezze fisiche e loro misura Grandezze fisiche e loro misura Essendo la Fisica basata sul metodo scientifico-sperimentale, c è la necessità di effettuare delle misure. Le caratteristiche misurabili di un corpo prendono il nome di

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Nonantola. Bomporto. Ravarino. Bastiglia

Nonantola. Bomporto. Ravarino. Bastiglia Nonantola Bomporto Ravarino Bastiglia Ciao ragazzi mi presento, sono Piedibus hei! c è ancora qualcuno che non ha sentito parlare di me? Impossibile oramai sono famoso anche a Bastiglia come a Milano,

Dettagli

Test di Ingresso. Italiano classi prime

Test di Ingresso. Italiano classi prime Test di Ingresso Italiano classi prime 1. Inserisci nella frase il termine corretto: da, dà, da a. Ho fatto una lunga camminata casa al mare b. Non mi mai la mano c. il vestito a tua sorella 2. In quale

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Scuola Primaria Pisani Dossi Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Autori: alunni 3^B Anno scolastico 2012-2013 Il 10 maggio abbiamo incominciato questa esperienza. Ci sono 4 materie: italiano,

Dettagli

Pochi minuti possono cambiare la tua vita

Pochi minuti possono cambiare la tua vita Pochi minuti possono cambiare la tua vita Caro amico/cara amica, i pochi minuti spesi per la lettura di questa presentazione saranno quelli spesi meglio in tutta la tua vita! Lo so che questa affermazione

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce.

HA - A. Domani andrò pranzo dalla zia, invece stasera resterò casa. cena perchè la mamma preparato la torta per dolce. HA - A Ricorda: HA verbo indica possedere, agire o sentire A preposizione risponde alle domande A chi? A fare cosa? Dove? Come? Quando? Completa le frasi con HA oppure con A Domani andrò pranzo dalla zia,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO. CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI E JUNIORES (Valido per la Classifica Agonistica Nazionale)

C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO. CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI E JUNIORES (Valido per la Classifica Agonistica Nazionale) C.O.N.I. FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO 1) INVITO La Federazione Italiana Canottaggio indice e l Idroscalo Club A.S.D. e il C.U.S. Milano A.S.D., quale Comitato Organizzatore, in collaborazione con il

Dettagli

TEST I (Unità 1, 2 e 3)

TEST I (Unità 1, 2 e 3) TEST I (Unità 1, 2 e 3) 1) Indica la frase che non ha lo stesso significato delle altre. (1) a) Compro una macchina per l espresso, perché voglio il caffè come quello del bar. b) Compro una macchina per

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT N E W S O U T H W A L E S HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION 1998 ITALIAN 2 UNIT Z LISTENING SKILLS TRANSCRIPT 2 ITEM 1 PAOLO PAOLO Ieri ho avuto una bella sorpresa; ho ricevuto una lettera da Paolo.

Dettagli

Corso di italiano per principianti. Professor Nicola Dell Aversano. Lezione 4

Corso di italiano per principianti. Professor Nicola Dell Aversano. Lezione 4 Corso di italiano per principianti Professor Nicola Dell Aversano Lezione 4 Senta scusi! a. Siete a Roma e avete solo una mattina libera. Quale di questi musei visitate? b. Che museo nella vostra città

Dettagli

Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo.

Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo. Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo. Carissimi colleghi, non è il titolo di un articolo di giornale, ma la sintesi di una esperienza vera, reale e concreta.

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Chiavi. Unità 1. Tutti a scuola! 5. a. 2-due, b. 7-sette, c. 4-quattro, d. 10-dieci, e. 9- nove, f. 1-uno, g. 8-otto, h. 6-sei, i.

Chiavi. Unità 1. Tutti a scuola! 5. a. 2-due, b. 7-sette, c. 4-quattro, d. 10-dieci, e. 9- nove, f. 1-uno, g. 8-otto, h. 6-sei, i. Chiavi Chiavi del Libro dello studente Unità introduttiva. Ciao! Come ti chiami? Hamid, Paula, Simone, Edmond, Fang Fang 3. Hamid, terza B; Paula, terza B; Fang Fang, compagna; Edmond, terza B 4. Fang

Dettagli

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno Kangourou Italia Gara del 21 marzo 2002 Categoria Cadet Per studenti di terza media e prima superiore Regole: La prova è individuale. Ogni tipo di calcolatrice è vietato Vi è una sola risposta esatta per

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE:

CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE: CAPITOLO 4 LE PREPOSIZIONI LE PREPOSIZIONI SEMPLICI A. COMPLETARE CON LA PREPOSIZIONE SEMPLICE: 1. dove sei? Sono Milano 2. Dove abiti? Abito Italia. 3. Come vai all'università? Vado bicicletta. 4. Vieni

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele

Maria, Matteo, Victor, Stefania, Samuele Un giorno, finita la scuola siamo passati dal bar per comprare le cicche. Eravamo a piedi, desiderosi di fare due passi all'aria aperta e di goderci la bella giornata. Quando siamo usciti dal bar è arrivato

Dettagli

PROBLEMI PASSATEMPO. tratti dalle gare matematiche

PROBLEMI PASSATEMPO. tratti dalle gare matematiche PROBLEMI PASSATEMPO tratti dalle gare matematiche La portata del ponte Due segnali stradali si trovano all imboccatura di un ponte. Essi indicano la massima larghezza, 325 cm, ed il massimo peso, 4300

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Cerchi d acqua e policromie cristalline

Cerchi d acqua e policromie cristalline Cerchi d acqua e policromie cristalline Entriamo nella casa del lago. Vanni scruta l ambiente da esperto. Apre le grandi finestre, lasciando entrare l aria fresca e pulita. Un odore d antico c investe.

Dettagli