9. GLI STRUMENTI DELLA STRATEGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "9. GLI STRUMENTI DELLA STRATEGIA"

Transcript

1 9. GLI STRUMENTI DELLA STRATEGIA Gli strumenti della strategia sono in larga parte quelli per analizzare lo scenario prima e sintetizzare i contenuti dopo. Sensibilità, intelligenza ed esperienza sono le doti principali da affiancare ai sussidi escogitati. Ma anche la cultura interdisciplinare è importante perché spesso i confini fra marketing e comunicazione spariscono. Le doti individuali richieste sono oltre alla logica: sensibilità (fiuto), esperienza (cogliere i segnali deboli), immaginazione(vedere là dove gli altri ancora non colgono nulla) e intuito(interpretareleapparenticontraddizioni). 1 Come abbiamo visto la sintesi porta a una vision attraverso uno sforzo prima logico (analizzare il mercato e inquadrare il sistema di mappatura), poi immaginativo. Il contributo, strumentale per la fase creativa, sarà nel mettere a disposizione del lettore una serie di stimoli organizzati per sviluppare pensiero laterale e visioni creative. Una specie di trainig. Come sviluppato nei capitoli precedenti dopo la vision si concepisce la copy strategy eilconcept.glistrumenticheaiutanoilplanneraperfezionareunacopystrategy(oa inventarla) sono pochi. Non ci sono strumenti che migliorano l ingegno. Posso però mettere a disposizione una checks list di considerazioni sui punti nevralgici, così potrete essere sicuri di non aver trascurato nessuna strada utile. Didatticamente ripercorrerò la struttura della copy strategy, non più per spiegarne i contenuti ma per affilare benefit più specifici, caratterizzanti, rilevanti, e anche reason why più credibili e suggestive. Per il concept vale soprattutto l immaginazione. Serve allora il training creativo esposto sopra. Uno strumento importantissimo, ma non l unico e non determinante, è la ricerca di mercato. E un aspetto molto strutturato e, a differenza degli strumenti citati sopra, già svolto da molta letteratura. Lo tratterò, proprio perché molto articolato, in un capitolo a parte. 1 Non credo sia un caso aver disegnato un profilo più femminile che maschile. Però il sistema aziendale discrimina ottusamente il manager donna. E un ingiustizia e una grave perdita di talenti. 283

2 Strategie di comunicazione 9.1 Analisi dello scenario Premessa Elogio all intuito Come l indiano legge i segnali della natura per percorrere la pista che ritiene giusta, così è necessario porre attenzione alla semiotica del mercato. Lo scenario è un paesaggio di economia, di sociologia dei consumi e di trend in movimento, in cui bisogna sapere cogliere il motivo vincente. L intuito, come per l indiano dell esempio, gioca un ruolo fondamentale. Ma oltre all intuito serve anche la curiosità, la sensibilità, la capacità di cogliere oltre la logica delle cose e percepire i segnali deboli. E importante saper vedere le piccole contraddizioni che nascondono segnali importanti. E importante una visione generale delle cose della vita che solo la cultura riesce a dare, una cultura umanistica dove l uomo conta più dei mercati Elogio alla cultura La cultura spesso permette di passare più agilmente da un campo all altro portando con sé il patrimonio di esperienze e di opportunità. L analisi dello scenario è un fatto che appartiene alla cultura di chi analizza. Solo marginalmente è un fatto di nozioni. La cultura generale è fondamentale ed è spesso l unico strumento per trovare e sviluppare i collegamenti fra le cose, le sinapsi dell intelligenza strategica Le nozioni da apprendere sul progetto in esame A questo punto entrano in gioco le nozioni: i fatti specifici che riguardano il prodotto, il suo mercato e le ricerche condotte: come funziona, come si relaziona con il consumatore, la sua storia, e le sensazioni che sa dare. Come si sedimenta la pubblicità passata e quella dei concorrenti, come possiamo misurare la forza della marca e relazionarla al prodotto, cosa ci suggeriscono gli scenari internazionali che per l occasione cerchiamo di conoscere Cosa ci dicono le quantità percepibili Una lettura sensibile dei fatti è percepibile dalle quantità in campo. I dati quantitativi hanno la forza interpretativa di un equazione. La lettura delle quantità apre delle schede tecniche che arricchiscono il progetto e danno maggior credibilità alle conclusioni Fatturati Il fatturato è una grandezza operativa relativa al volume di affari dell impresa. E un primo riferimento d ordine nel campo gerarchico. Questo dato, incrociato con gli 284

3 investimentipubblicitari 2 delsettoreforniràunamisuradell investimentoatteso.sesi riesce a prevedere il budget disponibile dei concorrenti è possibile organizzare più precise strategie di difesa e di attacco. Quanto investono i concorrenti? Che abitudini hanno nei vari Paesi europei? Quote e rapporti di forza: leader e follower Uno dei momenti più strategici è la valutazione della rendita di posizione dell azienda leader confrontata con le inseguitrici. La legge che sancisce il mantenimento del suo primato è la curva di efficacia della pubblicità, con forma a S. L efficacia di una campagna non è legata soltanto alla quantità dell investimento e alla qualità della comunicazione, ma anche alla posizione che il budget assume in questa curva. Avviene così che la curva premi più che proporzionalmente rispetto all investimento coloro che si trovino nel flesso superiore. La curva a S penalizza coloro che hanno budget ridotti. Colpa della memoria che ha una sua inerzia e il ricordo si mantiene solo al di là di una soglia di frequenza. Ad esempio, per la pubblicità B Efficacia Lacurvadiefficacianonèlineare. Nelprimotratto(finoalflesso)ilrisultatoè meno che proporzionale rispetto allo sforzo. Dopo il punto di flesso avviene l opposto. Ogni settore ha una situazione, inoltre, ogni mezzo ha una curva propria. A 2 1 Stampa televisivaillivellocriticoèdi200grp 3 allasettimana.ilproblemaèrilevante,poiché circa un terzo delle marche investono invece in una posizione di sudditanza dove tra loroeileaderpassail famigerato puntodiflesso. Facciamo un esempio utilizzando alcuni valori, per capire come l intero sistema della comunicazione pubblicitaria si possa trasformare in una trappola per i piccoli budget. SupponiamocheAsiailfollower,eBilleader,echeilleaderabbiaunfatturatodi40 milionieilfollowerunodi20.ipotizziamocheainvesta2milioniebneinvesta3. Ciò comporta già differenze poiché B investe il 7,5% e Ail 10%. Il vero problema consisteperònelfattochel effettodellapubblicitàdia,chespendei2/3dib,èsolo dellametà.quindiilleaderèprotettodallasuaposizione.spendeil50%inpiùrispetto alfolloweredhaunefficaciadoppia,del100%inpiù. 1 A 2 3 B TV Costi 2 E opportuno cercare di utilizzare, per queste valutazioni, i dati netti sugli investimenti pubblicitari, poiché quelli lordi in Italia sono troppo falsati dall alto livello delle condizioni di sconto medio. 3 Unitàdimisuradell impattoquantitativodellapubblicità. 285

4 Strategie di comunicazione Efficacia B 2 1 A A B Costi La fortuna del leader non finisce qui. La distribuzione gioca ancora pesantemente. Ipotizziamo che A abbia il 70% di copertura ponderata 4,mentreB,illeader,il90%.Pesando l efficacia della pubblicità con la distribuzione relazioniamo la voglia di acquistare un prodotto suscitata dalla pubblicità con la probabilità di trovarlo sul punto vendita. Il calcolo strettamente matematico vede la marca A realizzare un indice di efficacia ponderato di 0,7 (1x70/100). La marca B realizzerà invece 1,8, (2x90/100). La situazionefinaleèchelamarcableaderspende soloil50%inpiùrispettoalfollowera,spesa, peraltro, assorbita abbondantemente dall extra fatturato, ottenendo un efficacia aggiuntiva non del 50%, come sarebbe nell ipotesi di curva di efficacia lineare, ma del 157%inpiù.Ilconfrontoèimparigiàprimadiiniziareaprogettareicontenutidella campagna. LamarcaApuòsempredeciderediinvestirecomelamarcaB.Inquestocasorinuncia aunapartedeiprofitti,forseatutti.e unfollowercheattaccailleader.avràdaisuoi vertici l autorizzazione a tentare la scalata. Dopo un periodo di uno o due anni per riuscire nel tentativo dovrà riadeguarsi alle convenzioni finanziarie del proprio gruppo, riportando l investimento su una percentuale ragionevole rispetto al fatturato. Per non accettare le regole di questo gioco perverso, restano all impresa due vie d uscita: non utilizzare la pubblicità ma la più democraticapromozione,cheinlineagenerale 5 ha una resa, efficacia, più lineare rispetto all investimento; uscire dagli schemi tradizionali della comunicazione, cercando di essere innovativi attraverso la strategia, la creatività, il media, i new media, il comarketing, l immagine coordinata e le sponsorizzazioni. In ogni caso l approccio strategico deve tener conto della situazione particolare. In questo contesto la strategia creativa sarà di guerriglia Che ordine di grandezza vogliamo raggiungere L approccio strategico cambia notevolmente in funzione dell obiettivo di quota di mercato che l impresa intende perseguire con il prodotto/servizio. Efficacia Pubblicità Costi Promozione 4 Misuraquantovaleilgirod affarideip.v.doveèpresenteilnostroprodotto. 5 In lineagenerale, perchélapromozionepoiva comunicataequindiilproblemain partesi ritrova. 286

5 I prodotti di grandissima diffusione sono tendenzialmente i più difficili da caratterizzare. Non è semplice, come potrebbe sembrare, interpretare i valori di un elevato numero di persone, le loro aspirazioni e i modelli persuasivi più efficaci. Un rischio possibile è di irritareunapartesensibiledeltarget,unaltroèquellodiperderedivistailnuovoei cambiamenti che si sviluppano anche in fronti di retroguardia. In questo caso, quando l allarme è già scattato, è difficile recuperare. Se lottiamo per assicurarci quote di mercato non elevate, allora abbiamo più spazi nel trovare strategie di posizionamento e territori di comunicazione, possiamo entrare magari in un territorio con già un altro piccolo concorrente. Naturalmente pagheremo questa libertà con un budget dimensionato al fatturato atteso che rischia di essere sotto il punto di flesso della curva di efficacia Misurazione di grandezze con Sinottica I rapporti di ricerca di Sinottica consentono di effettuare numerose considerazioni. Riprenderemo in modo esaustivo l argomento nel capitolo sulle ricerche e sui mezzi. Per ora ci basta sottolineare come, oltre a fornire indicazioni sulla psicologia di consumo abbinata all uso dei mezzi e a dividere i consumatori per stili di vita, Sinottica fornisce informazioni sulla penetrazione 6 di certi prodotti, di certe marche o di abitudini di consumo. Queste evidenze consentono di attribuire un peso quantitativo al target che si sta progettando di raggiungere e consentono, in pratica, di valutare l ampiezza del mercato che si intende aggredire percorrendo le varie ipotesi di lavoro Misurazione di grandezze con Nielsen Shop Audit e similari Altre analisi utili sono quelle di Nielsen che misura costantemente, con buona affidabilità, i parametri relativi a diversi settori(si veda il sito Le analisi permettono di conoscere volumi, da tarare secondo l errore sistematico di rilevazione (under reporting Nielsen), di avere un idea della grandezza di altri fenomeni (stoccaggi e clienti sforniti), di avere medie significative sui prezzi e di conoscere la situazione distributiva(quanto vale il giro d affari dove il mio prodotto è distribuito) Analisi dei fattori d incremento di una quota di mercato Unprimocheckuppercapireseunincrementoodecrementodellaquotadimercatoè da imputarsi alla distribuzione o ad altri elementi del marketing mix è un algoritmo che possiamo denominare come analisi degli incrementi. 6 Nonsonoinveritàcomportamentirilevatimaatteggiamentiespressiinun intervista. 287

6 Strategie di comunicazione ANALISI DEGLI INCREMENTI L incremento della quota di mercato è spiegato dall incremento della quota trattanti (che quota avrebbe il mio prodotto se avesse il 100% di distribuzione) e della distribuzione Teorema: L incremento della quota di mercato L incremento della quota trattanti = X L incremento della ponderata N.B. Misurati in numero indice QuotaTrattanti= Quotadimercato Ponderata Incremento della quota di mercato = Incremento della quotatrattanti 7 x Incremento della ponderata ESEMPIO ANALISI%DEGLI INCREMENTI94SU93 (calcolati in Numero Indice) Numero indice Teorema: dell incremento della quota di = Numero indice X mercato(vs anno dell incremento precedente) della quota trattanti ANALISI%DEGLIINCREMENTI95SU94 Numero indice incremento della ponderata Quota di Mercato Valore Quota Trattanti ,3 24,6 24,3 Ponderata ,168= 1,155 x 1,013 16,8 15,5 XBrand Delta Market Share Valore XBrand Delta Quota Trattanti 1,3 XBrand Delta Ponderata 38,3 XBrand Delta Share of Voice La pubblicità agisce sulla quota trattanti N.B.Nel94sul93l aumentodiquotadixbrandècorrelabileall incrementodiquotatrattantiche, probabilmente, a sua volta, è legato all incremento della Share of Voice(pubblicità) XBrand Delta Market Share Valore 3,7 XBrand Delta Quota Trattanti -1,2 XBrand Delta Ponderata 1,037 = x 1,05 5,2 XBrand Delta Share of Voice Nel95su94cresceancoraleggermentelaquotadimercatoinvalore(soloperchéèaumentata la ponderata). Forse l impegno distributivo ha tolto risorse alla pubblicità. Oppure proprio mentre tagliavano strategicamente la pubblicità, rinforzavano tatticamente la distribuzione. -51,8 7 Formula:(Quotadimercato/Ponderata)*100.Indicalaquotateoricadimercatonelcasoincui fosse distribuito al 100%. E come la quota di mercato all interno dei negozi trattanti. 288

7 E opportuno porre attenzione ad adoperare, nel confronto, le quote a valore, non volumi, per rendere il dato omogeneo rispetto alla copertura ponderata. Il passaggio successivo, per capire le reali responsabilità della pubblicità, è confrontare la situazione con l incremento di investimenti pubblicitari. Per mantenere omogeneità nel confronto relazioneremo tra loro le %. Confronteremo quindi gli incrementi/decrementi delle quote di mercato Share of marketing-som con le quote di investimenti pubblicitari. Share of voice SOV. Con un foglio elettronico l esercizio è molto semplificato. Perché è importantissima questa elaborazione? Per capire la reazione del mercato alla pubblicità che avete fatto. La quota di mercato non è il più preciso stimatore. Tiene conto anche delle performance distributive (quelle realizzate dal responsabile delle vendite); dovete depurare questo aspetto nella lettura dei risultati. Il parametro che più è sensibile all operare della pubblicità è la Quota trattanti. Solo su questi numeri potete essere giudicati. Capita di fare un eccellente campagna, la quota di mercato invece peggiora. Magari è solo un calo distributivo. L agenzia viene allora assolta se può dimostrare che la quota trattanti invece cresce. 289

8 Strategie di comunicazione Un planner strategico deve studiare le performance dei concorrenti. E fondamentale capire come sta lavorando la loro comunicazione. In questo modo abbiamo informazioni più precise della pubblicità delle altre marche dell arena competitiva. Qualcuno potrà obiettare che i dati Nilesen costano, pochi sanno che le agenzie iscritte all AssAP (Asso Comunicazione 8 ) hanno a disposizione gratuita flash di Market Report e Consume Report. Le agenzie, che pur pagano sostanziosi contributi alla propria associazione di categoria, usano questi dati solo raramente. Non per pigrizia ma per ignoranza Ingegneria dei consumi attraverso Nielsen Panel Famiglie Il Nielsen Panel Famiglie consente di misurare i parametri che determinano i ritmi di acquisto dei prodotti in famiglia. Appena dopo l acquisto i partecipanti a questo panel rilevano con uno scanner, attraverso il codice a barre, i prodotti acquistati. Via modem i dati raggiungono un centro di elaborazione che restituisce una mappa dei processi di consumo. Quattro parametri disegnano il percorso, e costituiscono in pratica i poli del ragionamento che vengono utilizzati per disegnare gli scenari sull aumento del consumo 9 diunprodottoelasuasourceofbusiness. I quattro fattori sono: la penetrazione, che misura il parco acquirenti: quante famiglie, fatto 100 il numero delle famiglie trattanti il genere di prodotto, acquistano la marca in questione; l indicediacquisto,chepesailconsumo specificodellamarca.inaltreparole, fornisce informazioni su come si comportano, in termini di consumo medio, le famiglie che acquistano la marca. Il prodotto di questi due fattori darà l ACQUISTO COPERTO, che misura la quota di consumo della categoria di prodotto realizzata da coloro che trattano la marca all interno del gruppo dei trattanti la categoria di prodotto; l occasione d acquisto, che rappresenta un parametro di fedeltà attraverso l analisi dell alternanza dell acquisto fra le marche: indica infatti quanti atti di acquisto sono dedicati alla marca(in%), rispetto al numero totale di atti dedicati al genere di prodotto; l intensitàperoccasione:èunparametrodiesclusività,chemisuraseequantoil consumo si sovrappone a quello di altre marche nel periodo di rilevazione. Il prodotto di questi ultimi due fattori darà LA QUOTA NELLE FAMIGLIE ACQUIRENTI che misura la quota della marca all interno delle famiglie che acquistano il genere di prodotto. 8 L associazionedellepiùgrandiagenziedipubblicità. 9 Daqualcheannoidatinonsono fotografati almomentodelconsumo,rilevandoleconfezioni vuote appena cestinate, ma all acquisto, al ritorno dal supermercato. In ogni caso possiamo prendere questi dati come dinamica dei momenti d acquisto. 290

9 Il prodotto dell acquisto coperto per la quota nelle famiglie acquirenti dà LA QUOTA DIACQUISTO,chetendeaduniformarsiallaquotadiconsumo,cheasuavoltatende a uniformarsi con la quota di mercato. Strumenti e leve Promozione Media Pubblicità Habits Formati Fedeltà Duttilità Formati Specificità NIELSEN COMPONENTI LA QUOTA DI ACQUISTO Fattori che moltiplicati fra di loro conducono alla quota di acquisto Penetrazione Percentuale di famiglie -sultotaleacquirentilaclassedi prodotto- che hanno acquistato la marca nel periodo. Indice di Acquisto misura la propensione delle famiglie acquirenti una marca ad essere alto/medio/basso acquirenti della classe di prodotto Occasioni d acquisto% di atti di acquisto dedicati alla marca rispetto al genere di prodotto. Misura la fedeltà(l alternanza) nell acquisto tra le marche. Intensità per occasione Misura la capacità della marca di farsi consumare in modo esclusivo o sovrapposte all acquisto di altre marche. Acquisto Coperto Misura la quota di consumo della classe di prodotto realizzata dai trattanti la marca Quota acquisti (quota di consumo) Quota nelle famiglie acquirenti Quota della marca all interno delle famiglie che acquistano il genere di prodotto. x y z Cosa ci dice la segmentazione di marketing L obiettivo della segmentazione 10 è, come sempre, quello di mettere a fuoco le specificità delle diversità fra gruppi di consumatori. Le ricerche, anche se con qualche problema, aiutano l esplorazione. L utilità per una strategia di comunicazione consiste non tanto nel rilevare le reali habits, tutti i concorrenti possiedono probabilmente ricerche esaustive, ma nel percepire, prima degli altri, quali siano i bisogni, le aspettative e i desideri del target per anticiparli con un prodotto specifico o con una comunicazione sensibile su quelle leve. 10 Valeadiredell individuazionedigruppi,omogeneiallorointernoetralorodisomogenei,di consumatori, identificati in base ad un parametro scelto quale criterio di riferimento. 291

10 Strategie di comunicazione Cosa ci dice il consumatore Per cercare di anticipare informazioni sulle tendenze dei consumatori si procede con l osservazione dei trend socioeconomici. Lo studio può passare dal generale, rappresentativo della popolazione, al particolare di una categoria di consumatori di un certo prodotto. Si studiano aspetti quantitativi che permettano di dividere il target in basso,medioealtoconsumanti,quantisonoecheconsumomediohanno,einclassi specifiche: età, reddito, cultura, status. Vengono approfonditi con sempre maggiore attenzione anche gli aspetti qualitativi. Il target viene osservato nei punti vendita e in azione davanti al prodotto. Un altro aspetto di studio è la visone del pubblico attraverso imassmedia.(vedasig.fabris 11 ) Cosa ci dice l analisi delle tendenze Seguire le tendenze significa muoversi a favore di vento, poiché qualsiasi spinta nella direzione giusta verrà enfatizzata dalla situazione. La tendenza confina con il nuovo: si affaccia sullo scenario prima attraverso sparuti gruppi e poi si allarga alla massa. Si riconosce da alcuni segnali deboli e si forma in certe parti del pianeta più sensibili alle mode.lamassaèingradodidaresegnalisulletendenzequandosisonogiàinstallate nel comportamento ed hanno perso parte della spinta iniziale dell innovazione. I media sono i più veloci a cogliere le tendenze dalle avanguardie e a spalmarle sulle masse, da quel momento la tendenza esplode trovando il massimo dell accelerazione Dove si formano le avanguardie Per i prodotti giovanili e per i colori l epicentro dove si formano le avanguardie si colloca generalmente fra il Giappone e la costa est degli Stati Uniti. E singolare come la storia dell umanità abbia spostato in modo continuativo la fonte delle tendenze e della civiltà. Dalle sponde del Tigri e dell Eufrate il tragitto si è sempre svolto con sistematica regolarità verso occidente fino a raggiungere oggi il confine fra America e Giappone Come i trend entrano nelle strategie I trend sono importanti per la definizione delle strategie di comunicazione in quanto esercitano il loro impatto su diversi fronti: influenzano la definizione dei benefit, specialmente di quelli emozionali e dei concept, delle storie individuate. Un benefit ha bisogno di essere reso vivo per poter entrare in un circuito di immaginazione e lì trovare stimoli. Inserire segnali trendy arricchisce la comunicazione, purché essa resti coerente con i valori della marca; 11 G.Fabris,Sociologiadellecomunicazionidimassa (1980)FrancoAngeli,Milano. 292

11 entranoneimood,neilinguaggi; influenzanolasceltadeipersonaggiutilizzaticometestimonial. I trend emergenti, utilizzati in comunicazione, costituiscono un agile rimedio per togliere polvere da prodotti datati, evitando di essere troppo bruschi nel cambiamento per non rischiare una violenta crisi di rigetto Cosa ci dice l analisi della comunicazione dei concorrenti Spiarele mossedel nemico ètipico diogniscenario diguerra.nonèpossibilefare progetti su come occupare i territori di comunicazione senza conoscere se e come essi sono già occupati dai concorrenti. E proprio questo studio che, insieme alle caratteristiche e alla forza dei concorrenti, determina la source of business Copy analysis Nell analisi della comunicazione dei concorrenti occorre raccogliere i dati in schemi come quello riportato, capace di favorire confronti con immediatezza. La raccolta sistematica di queste schede sintetiche sulle strade percorse dai concorrenti costituisce un passo fondamentale nella preparazione alla strategia. Questa preparazione permette la conoscenza qualificata del territorio e gli spostamenti avvenuti nel tempo sono tracce da conoscere che compongono la storia del settore. Marca Prodotto Target ipotizzabile Quantitativo..... Promessa Brand Legitimacy Brand Heritage Brand Character Consumer Benefit Reason Why eventuale End Result eventuale Supporting Evidence eventuale Reassurance Qualitativo chiè.. chevaloriha. Linguaggio 1] Autorevole da leader 4] Coinvolgente 8] Etico 10] Didascalico 13] Rasserenante 2] Seduttivo/ sensuale 5] Emozionale 7] Ironico 11] Sarcastico 14] Intelligente 3] Accattivante 6] Umoristico 9] Interiore 12] Colpevolizzante 15].. Relazione fra chi comunica e chi riceve C R C R C R Tono Argomenti Meccanismi di persuasione Simboli/Visualdevice/Demo Territorio di comunicazione Miti Figure retoriche TipidiAD Significato Significante 293

12 Targetipotizzabile Promessa Consumer ReasonWhy Benefit eventuale Quantitativo..... Brand Legitimacy Brand Heritage Brand Character eventuale EndResult SupportingEvidence eventuale Reassurance Qualitativo chi è.. chevalori ha. Strategie di comunicazione Dalla storia si percepisce il cammino dell evoluzione e dove porteranno i trend. Due sono gli aspetti fondamentali da non trascurare in questa analisi: effettuare l esercizio con realismo 12, analizzando la comunicazione dei concorrenti con lo stesso occhio del consumatore che guarda la pubblicità, senza tenerecontodellecoseacuiiltargetverosiguardabenedalprestareattenzione. Analizzare gli annunci della concorrenza è un lavoro delicato, troppo spesso sottovalutato, l errore più comune, in questa fase, è l interpretazione formale e nonsostanziale.laletturadellabodycopy,peresempio,è,ilpiùdellevolte,da evitare. Nell interpretazione non occorre la cultura da professionista della comunicazion meltingpot 13 delconsumatore; compilaresoltantolecasellepiùrilevantipercaratterizzarelacomunicazionedei concorrenti. Uno spazio lasciato libero comunica che quell aspetto non è fondamentale nella loro strategia pubblicitaria. Uno spazio riempito per zelo, leggendo e rileggendo la body copy per intendere fra le righe le intenzioni dell inserzionista serve solo a portare fuori strada. E lacosapiù difficile dove tutti sbagliano!!! D] Cogliere per ogni AD gli aspetti fondamentali e solo quelli Marca Tono Prodotto 12 L eserciziononèquellodirisalirealleintenzionidell'inserzionistamaquellodistabilire,sulla base dell esperienza, il"vissuto" del consumatore esposto alla pubblicità. 13 Crogiolodidiverseeterogeneeculture. 294

13 Controlli incrociati Nei progetti importanti, visto che gli elementi citati nei punti precedenti sono spesso legittimati soltanto dalla sensibilità del planner all interno dell agenzia, è opportuno fare effettuare ad un altro gruppo di lavoro una verifica trasversale, rispondendo per ogni campagna analizzata alla domanda: Come dovrebbe reagire, cosa dovrebbe pensare, come dovrebbe comportarsi il consumatore dopo aver visto la pubblicità? Estensione all analisi dei segni(analisi semantica) Oltre agli elementi della strategia di comunicazione è importante, per certe categorie merceologiche, elaborare una mappa semantica analizzando i segni utilizzati negli annunci dei concorrenti. Per segni intendiamo i simboli impiegati per percorrere il passaggio da significante a significato. Devono essere analizzate le demo, i linguaggi, il tono della comunicazione, e le strutture narrative, almeno per sapere come il consumatore è stato abituato a relazionarsi con i messaggi. E il primo passo verso l analisi semantica 14 anche se non ha l intenzione di approfondire chiarisce schematicamente le differenze fra i competitors. Struttura narrativa. Slice of life Problem Solution Iperbole dramma Demo Esperto Metafora Humour Bronchenolo Broncomucil Bisolvon Lisomucil Tono: competente Esperto della tosse Tono: amichevole, educativo Noncalmalatosse,lafapassare Tono: Coinvolgente, umoristico Scioglielatosseelafapassare Ribex Vicks Sinecod Tono: Coinvolgente, affettivo Spegne gli interruttori della tosse Tono: Didattico Ti libera dalla tosse e torni a respirare profondamente Tono: Accattivante La tosse grassa finisce qui 14 VedasiJ.M.Floch,SemioticaMarketingeComunicazione.Dietroisegnilestrategie-(1992) Franco Angeli Editore, Milano. 295

14 Strategie di comunicazione Nell ambitodellamoda,deglioggetti 15 didesign,deiprofumi,ilsegnoèunelemento strategico fondamentale. Nei prodotti durevoli e in quelli in cui ha forte rilevanza il design, è una formidabile leva di caratterizzazione Esempio di copy analysis Davanti alla pubblicità stampa di un brillante modello Reanault di fine anni 90 (la Mégane)daltitolo(headline 16 ) Siateseridivertitevi cercodicoglieregliaspettipiù strategici. Primo non è un Esempio di copy analysis annuncio di marca ma di prodotto, quindi non ha senso riempire l area dedicata alla marca. Si capisce dall aspetto aggressivo del 17 visual che l auto in questione ha caratteristiche sportive. Il titolo, un ossimoro che gioca sull apparente contraddizione Siate seri vs. Divertitevi mi dice che non si è cercato un benefit motoristico di prestazioni.... ((( ))) D'altrondel immaginedimarcainqueglianninonloavrebberetto.siècercatounpiù coinvolgente EndResult 18.Menosiscrivepiùcisiconcentrasullecosechelasciano 15 Vedasi:A.Semprini,Ilsensodellecose.Isignificatisocialieculturalideglioggettiquotidiani -(1999) Franco Angeli, Milano. 16 Come dice Ogilvy l head line è l elemento più importante per la quasi totalità degli annunci. In parole povere è il telegramma che determina se chi legge continuerà nella lettura oppure no. Tratto da D. Ogilvy, Confession on Advertising Man - (1963) Atheneum, London. 17 Lapartevisivadell annuncio. 18 Ilbenefitdelbenefit,sel autoèbrillanteesportivaalloramidivertoguidandola. 296

15 veramente traccia sull audience del messaggio. Scrivere poco ma significativo è l aspetto più difficile ma anche più importante. Ogni settore e ogni situazione finiscono, attraverso l uso dello strumento, con individuare assieme al punto centrale(il benefit) gli elementi più specifici dell analisi. Mentre nella copy strategy il target è un elemento centrale, perché indica una scelta strategica, quando svolgiamo esercizi di copy analysis il target perde di interesse, di solito è quello dell arena competitiva dove combatte il nostro prodotto. Allora per brevità diventa un elemento dato per scontato. INSIGHT PROMESSA MARCA Ambre Hobisognodi Tecnologia una protezione ericercaal sicura dal sole servizio della protezione dal sole TV Esempi di Copy analysis BENEFIT PRODOTTO Protezione dai raggi UVA che causano invecchiamento cellulare e rughe premature END RESULT Godersi il sole senza preoccupa zioni R.W. Filtrazione fotostabile, lapiù efficace contro i raggi UVA. Bilboa TV Piacere Relax Evasione Bellezza Seduzione Complicità Abbronzatura meravigliosa. Abbronzatura rapida e intensa. (Seduzione) il piacere di apparire bella. Il piacere di godersi la vacanza Carota, Burro di cacao, Placenta H 297

16 Strategie di comunicazione Synergie TV Plénitude TV Oilof Olaz Non mostrare i segni del TV Renewal Provital Esempi di Copy analysis INSIGHT MARCA PROMESSA BENEFIT PRODOTTO Bellezza Scienza(della In una settimana subito e natura) al + Luminosità giovinezza a servizio della + Elasticità lungo tua bellezza. +Morbida E importante prendersi curadisé con prodotti specifici tempo Conil passare degli annilamia pelleperde... Avanguardia cosmetica Scienza cosmetica accessibile Leviga e rassoda (Seduzione) lerugheinbreve nonacaso tempodigiornoe la Schiffer di notte Più luce alla tua pelle Aiuta a distendere lerugheea rassodare la pelle END RESULT Pelle più giovane. Perché il mio viso esprima sempre tutta me stessa. (emozioni) R.W. Vitamine per elasticità. Acidi delicati per luminosità (la prima) Ipoallergenica Poco evidenti. Solo alcune demo IBeta idrossiacidi Moderna ricerca Dalla copy analysis al landscaping I dati di analisi devono essere poi sintetizzati in una tavola sinottica capace di evidenziare con immediatezza le aree coperte. Queste aree della mappa saranno gli TONO EMOZIONALE elementi chiave della copy strategy o i concept Nutrizione Gratificazione Tradizione o i territori di CUORE comunicazione in DI VELLA DE CECCO funzione di dove si trova BARILLA LA MOLISANA la leva della differenza Confronto RUSSO riconoscibilità CIRIO strategica. E bene, quando possibile, che gli spazi tracciati nella mappa comunichino al lettore AGNESI SPIGADORO anche l ampiezza quantitativa del TONO RAZIONALE MATERIE PRIME PROCESSO PRODUTTIVO 298

17 fenomeno evidenziato, misurata tramite l entità dell investimento, la share of voice o la quota di mercato. Nell esempio riportato in figura l area di Barilla, se non si pesano i territori, può sembrare avvicinabile. La rappresentazione ponderata chiarisce subito gli spazi che restano e ci trasmette una gerarchia degli interventi possibili. Il landscaping rappresenta un formidabile strumento strategico capace di dare una visione semplificata di realtà complesse:la struttura dell offerta. A esso sarà dedicato un paragrafo a parte(vedasi 9.3) per approfondirne l aspetto più difficile: l individuazione degli assi più espressivi per esplicitare le differenze. Affronto qui l argomento (in prima approssimazione) solo per sottolineare la relazione diretta fra l analisi degli annunci (copy analysis) e la successiva sintesi in una mappa sinottica. MATERIE PRIME TONO EMOZIONALE Nutrizione Gratificazione Tradizione CUORE DI VELLA DE CECCO Confronto LA MOLISANA RUSSO riconoscibilità AGNESI CIRIO BARILLA SPIGADORO TONO RAZIONALE PROCESSO PRODUTTIVO Altri strumenti per approfondire Quando l analisi non restituisce differenze degne di nota, bisogna predisporre Driver un successivo livello della marca di approfondimento. Brand Proponiamo questo promise schema ideato da Claude Bonnange 19 che insegue tre piste alla ricerca delle differenze perdute nel primo raffronto. KnowHow Valori funzionali Drivers per approfondire l analisi Brand personality Character Valori aspirazionali Valori emozionali Driver del consumatore Target beliefs Insight Target personality Motivazioni Carattere Driver delle argomentazioni Content Benefit RW Content arguments Rationale sul processo di convincimento 19 Unodeiquattrofondatoridell agenziadipubblicitàtbwa. 299

18 Strategie di comunicazione 300

19 Cibalgina due fast Moment Antalgil Aspirina.Asp. Efferv. Nurofren Vivin C Optadidon Ivalori della marca Brand Brand promise personality Competence Character Efficacia Sicurezza Velocità Abbastanza femminile Specificità Competenza Ampia latitudine Ivalori del consumatore Audience Believes Motivations Efficaciae Affidabile sicurezza Velocità praticità Competenza Idem+ Amichevolezza Amichevole Specifico per Raffreddore/influenza Audience Personality Character Sociostili superiori Ibenefit e il ragionamento per far preferire il nostro prodotto Contents Benefit Giovanilismo Rapidità d azione Arguments Rapidità d azione e tollerabilità DEMO Sentirsi sempre in forma Benessere in quei giorni Consuetudine familiarità Consuetudine familiarità Emozione (leadership) Emozione (leadership) Tolleranza Apologo Specificità Vitamina C raffreddamenti Forza d azione Tradizionalisti Stress problema Analisi semantica, analisi dei segni e dei codici impiegati Quando le differenze vivono nella forma, come per esempio nella moda, o spesso nella cosmetica, è utile indagare i messaggi utilizzati nel settore secondo i segni e i codici adoperati. L indagine tiene conto dei significanti svolti per comunicare un preciso significato (obiettivo) e dei codici narrativi sviluppati. Quando le vie espressive sono concentrate su un segno sarà bene non percorrere le stesse vie del concorrente, a meno che non si voglia intraprendere una strategia imitativa. Anche in Un possibile schema di copy analysis semantica Significante Funzioni simboliche Segni/ Simboli Significato Denota Funzioni semiotiche Connota questo caso bisogna conoscere bene i territori di comunicazione per avvicinarsi al limite del consentito e del produttivo senza commettere plagio. Il Codice Civile è spesso molto più tollerante del codice etico ma è soprattutto il bisogno di differenziare l offerta che, nelle strategie dei prodotti di marca, porta a non volersi assolutamente 301

20 Strategie di comunicazione confondere con l avversario. Inoltre il Codice di Autodisciplina Pubblicitaria sottolinea il divieto di sfruttare l immagine altrui con tratti che possano trarre in inganno il consumatore. Quando il trattamento pubblicitario (la figura retorica dello spot o dell annuncio) è l unico punto di diversificazione, diventa utile inserire nell analisi anche questo aspetto. Significante Segni/ Significato Simboli Morfologia: Denota Connota Bottiglia Trasparenza Purezza Trasparenza, Cura trasparente sicurezza Non nocivo Design semplice Illustrazione liberty ma anche unpo sempliciotta Esempio di copy analysis semantica Essenzialità Prodotto non industriale Marca locale, poco industrializzata Prodotto come si faceva una volta. Prodotto sicuro.. Genuinità Tradizione L analisi dei trattamenti Nella logica dell analisi volta a trovare le differenze, è importante, quando non ci sono variazioni sui contenuti, censire anche le categorie di trattamento. Riportiamo lo schemapropostodabassat 20. SCHEMATIZZAZIONE DI 10 POSSIBILI TRATTAMENTI [schema di Bassat] 1] Problema/Soluzione (il prodotto è l eroe che risolve ogni cosa). 2] Dimostrazione (enfasi sulla demo di supporto >>> Benefit o RW). 6] Analogia (enfasi sul trattamento della metafora o dell allegoria). 7] Presentatore (Racconta il prodotto o, più spesso, la marca). 3] Confronto (enfasi sul vantaggio competitivo del prodotto). 4] Attitudine (enfasi sul talento dellamarca). 5] Simbolismo (enfasi sui valori simbolici e/o mitici della marca). 8] Testimone noto o un consumatore tipo (Racconta il prodotto). 9]SliceofLife (Prodottoe/o marca nella vita di tutti i giorni). 10]SliceofMovie (Citazioni e analogie da film o produzioni TV). 20 L.Bassat,G.Livraghi,IlNuovoLibrodellaPubblicità-(1997) IlSole24Ore,Milano. 302

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet!

I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! I 3 fattori determinanti il successo o fallimento della tua azienda su Internet! Analisi delle problematiche più comuni di un investimento sul web con evidenziazione dei principali fattori di fallimento

Dettagli

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa

Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Dalla Strategia all Esecuzione Creativa Prof. Bruno Buzzo Docente di Tecnica della Comunicazione Facoltà di Economia - Università di Genova Amministratore Delegato e Condirettore Generale PBCOM S.p.A.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione MANAGERIALE

Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione MANAGERIALE Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione MANAGERIALE MANAGERIALE Le capacità chiave per affrontare i nuovi paradigmi della competizione L evoluzione della specie: passare

Dettagli

parlargli con che mezzo con quale intensità

parlargli con che mezzo con quale intensità 4.2.3 Il Piano di Il piano di integra le diverse attività di con l'obiettivo della soddisfazione del cliente Il tipo di pubblico da raggiungere con la determina contenuto e medium del messaggio Per una

Dettagli

LA VENDITA ETICA. - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V.

LA VENDITA ETICA. - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. LA VENDITA ETICA - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile, 40 Brembate di Sopra (BG) Tel. 03519965309

Dettagli

I moduli formativi. 1. Il benessere nelle organizzazioni 2. Comunicazione i avanzata 3. Teoria e pratica dei gruppi

I moduli formativi. 1. Il benessere nelle organizzazioni 2. Comunicazione i avanzata 3. Teoria e pratica dei gruppi I moduli formativi Organizzazione, leadership e strategie di cambiamento : organizzato da Com.e in partnership con L Università degli Studi di Roma Torvergata 1. Il benessere nelle organizzazioni 2. Comunicazione

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

EMOSIA: LA COMPETENZA EMOTIVA (secondo Goleman)

EMOSIA: LA COMPETENZA EMOTIVA (secondo Goleman) EMOSIA: LA COMPETENZA EMOTIVA (secondo Goleman) Fonte: Fonte: Goleman, Goleman, Lavorare Lavorare con con intelligenza intelligenza emotiva,1999 emotiva,1999 LA STRUTTURA DELLA COMPETENZA EMOTIVA: COMPETENZA

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE SCHEDA TECNICA Campagne mirate di e-mail marketing. L e-mail marketing è un mezzo che consente di ottenere in modo continuo nuovi flussi di contatti commerciali qualificati e mirati (ovvero

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

Comunicazione! e marketing. scrivere per vendere! scrivere per persuadere

Comunicazione! e marketing. scrivere per vendere! scrivere per persuadere Comunicazione! e marketing scrivere per vendere! scrivere per persuadere Circuito di significazione La comunicazione è un processo circolare : emittente e ricevente non si rapportano in modo uni o bidirezionale

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

BLUE OCEAN STRATEGY. Strategia di posizionamento competitivo Schio 20 luglio 2012 dott. Margherita Marin

BLUE OCEAN STRATEGY. Strategia di posizionamento competitivo Schio 20 luglio 2012 dott. Margherita Marin BLUE OCEAN STRATEGY Strategia di posizionamento competitivo Schio 20 luglio 2012 dott. Margherita Marin L innovazione di valore APPROCCIO STRUTTURALISTA I cambiamenti a livello di sistema sono indotti

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 11 Advertising Cos è la pubblicità Storicamente

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

Pubblicità radiofonica e creatività. dall esortazione al consumo alla seduzione del consumatore

Pubblicità radiofonica e creatività. dall esortazione al consumo alla seduzione del consumatore Pubblicità radiofonica e creatività dall esortazione al consumo alla seduzione del consumatore Chi lavora in agenzia Account tiene i contatti col cliente, conosce tutte le fasi della produzione di una

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 PRIMA PARTE - La comunicazione tra uomini e donne Capitolo 1 - Pensiero lineare e pensiero intrecciato 19 Capitolo 2 - Messaggi diretti e segnali sottintesi 23 Capitolo

Dettagli

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ

35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ 1977 2012 35 ANNI AGENZIA DI PUBBLICITÀ DIFFERENZIARSI PER SOPRAVVIVERE ALLA COMPETIZIONE E AVERE SUCCESSO Come un azienda può ritagliarsi un immagine che la distingua in un mercato sovraffollato. CHE

Dettagli

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica.

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica. Premessa Giuseppe Nappi e Vittorio del Re sono tra i massimi esponenti Italiani nel panorama della consulenza alle reti sia dirette che Franchising. Negli ultimi dieci anni hanno sviluppato molte catene

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Registro 6 COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Consigli per gestire contenuti e pubblico creando un magazine di successo TIPS&TRICKS DI SIMONE SBARBATI INDEX 3 5 8 13 15 Introduzione Senza nome resta (sempre)

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

Cosa si intende per pubblicità

Cosa si intende per pubblicità Cosa si intende per pubblicità ADV: creare un messaggio ed inviarlo a qualcuno che a sua volta avrà una reazione. SOGGETTTO MEDIATICO A PAGAMENTO!!! Advertising: TV, RADIO, CARTA STAMPATA, MURALES INTERNET!!

Dettagli

IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO

IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO IL LINGUAGGIO VISIVO DEL MARCHIO Il linguaggio iconico, ancor più di quello verbale, utilizza figure retoriche. Anche il linguaggio del marchio contiene queste figure. METAFORA La caratteristica fondamentale

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA

IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA IDEE PER LO STUDIO DELLA MATEMATICA A cura del 1 LA MATEMATICA: perché studiarla??? La matematica non è una disciplina fine a se stessa poichè fornisce strumenti importanti e utili in molti settori della

Dettagli

TRASFORMIAMO OGNI CONTATTO IN CONTATTO ATTIVO

TRASFORMIAMO OGNI CONTATTO IN CONTATTO ATTIVO CLIC web searching people social media marketing display adv SEO search engine optimization pay per click analytics DEM Newslettering Web Performance (Pay per Lead, Pay per Sale) social media marketing

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado

LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado LE RAGIONI DEL CUORE concorso per la scuola primaria e secondaria di I grado Esplorare e abitare il territorio con il cuore: esercizi di training sensoriale Siamo veramente «presenti» ai luoghi che abitiamo

Dettagli

Il comportamento del consumatore turista

Il comportamento del consumatore turista Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di marketing agroalimentare e turismo rurale a.a. 2010/2011 Prof. Gervasio Antonelli Il comportamento del consumatore turista Lavoro

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità

Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità Internazionalizzare, per vivere la globalizzazione come opportunità La globalizzazione Il mondo si fa sempre più piccolo e la globalizzazione è il nuovo ordine che accomuna le popolazioni all inter-dipendenza.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON-LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO GUGLIELMO MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

Le ricerche di marketing Cap. 4

Le ricerche di marketing Cap. 4 Le ricerche di marketing Cap. 4 Le Ricerche di Mercato Introduzione Per prendere decisioni efficaci i responsabili Marketing hanno bisogno di informazioni aggiornate, attendibili e utili. Di qui la necessità

Dettagli

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING COMMENTO FRASI LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING Il management deve convincersi non di fabbricare prodotti, ma di fornire soddisfazioni che creano valore per i clienti (Levitt) - mission del mkt è

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

MARKETING LOW COST di Cristina Mariani

MARKETING LOW COST di Cristina Mariani Indice Introduzione Ringraziamenti 1. Come effettuare un analisi di mercato low cost 1. Ricerca di mercato low cost 1.1. Ricerca formale 1.2. Ricerca informale 2. Segmentare un mercato in evoluzione 2.1.

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

12.3 Budget ottimale per gli obiettivi commerciali

12.3 Budget ottimale per gli obiettivi commerciali Valutazione delle risorse ottimali 12.3 Budget ottimale per gli obiettivi commerciali L attenzione si sposta al centro del MKTG con lo sguardo all arena competitiva. Anche qui abbiamo un metodo empirico

Dettagli

1 Chi siamo? Learning School è composto da professionisti con anni di esperienza dedicati alla risoluzione di problemi connessi con la gestione delle risorse umane in azienda 2 Chi siamo? Ognuno con le

Dettagli

LA PROPOSTA FORMATIVA

LA PROPOSTA FORMATIVA LA PROPOSTA FORMATIVA FORMIAMO PERSONE, PRIMA DI FORMARE MANAGER E UOMINI DI AZIENDA IL METODO VALORIZZAZIONE DELLE ESPERIENZE PROFESSIONALI E CULTURALI TRASFERIBILITÀ DI QUANTO APPRESO AL CONTESTO LAVORATIVO

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA

Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA Attività didattica per le scuole primarie GUIDA PER LA FAMIGLIA CHI È BAMA? Siamo un azienda tutta italiana che da oltre tre decenni rende la vostra quotidianità più comoda e più allegra, grazie a prodotti

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITA

IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITA IL LINGUAGGIO DELLA PUBBLICITA 1. Leggi l articolo e scegli la parola giusta tra quelle fornite per riempire gli spazi. Tutti i giorni i messaggi pubblicitari ci prendono d assalto. Ovunque guardiamo,

Dettagli

DATI DI SCENARIO trend 2009/2 2012/2

DATI DI SCENARIO trend 2009/2 2012/2 GFK EURISKO PER UNIPRO Analisi di targeting: gli acquirenti di prodotti cosmetici nei principali canali d acquisto. Focus Profumeria SINOTTICA trend 2009/2 2012/2 25 06 2013 LA CURA DI SÉ E IL BENESSERE:

Dettagli

Rilancia la tua azienda

Rilancia la tua azienda Gli specialisti delle strategie di vendita per le PMI Rilancia la tua azienda Con le 12 Fasi del sistema di vendita 1 st Class Selling http://www.1stclassselling.com/ Premessa Se stai leggendo questo report

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Essere imprenditori Oggi

Essere imprenditori Oggi Essere imprenditori Oggi Siamo in un mondo di competitori Ancona, 28 Novembre 2010 Gaetano Ascenzi LA MIA STORIA 1996 Inizio della storia professionale: decido che il mio hobby deve diventare la professione

Dettagli

ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole

ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole ASTROLOGIA PSICOLOGICA INTEGRALE per un evoluzione consapevole Questa metodologia di lettura astrologica nasce dal presupposto che esista una connessione intrinseca, tra la dimensione esterna della realtà

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

NEGOZIAZIONE. Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012

NEGOZIAZIONE. Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012 NEGOZIAZIONE Antonella Scalognini Urbino 29-03-2012 La negoziazione È una modalità per risolvere divergenze di interessi, attuabile quando ciascuna delle parti possiede, ed è disposta a cedere qualche

Dettagli

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING

Mi Piace! LE NUOVE FRONTIERE DEL MARKETING Mi Piace! Tutti i segreti del web marketing che le aziende devono conoscere per non perdere terreno nel complesso mondo di internet 2.0 Dario Dossena Che cosa c è dietro un mi piace? Qualsiasi cosa sia,

Dettagli

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI

Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Self- Marketing Che cos è? UN AZIONE DI MARKETING SU SE STESSI Quando ci si mette alla ricerca di una nuova occupazione, la prima cosa da fare è quella che potremmo definire un azione di marketing su se

Dettagli

Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa.

Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa. 1. Il confine tra dilettanti e professionisti Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa. Le ricerche di mercato,

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA

AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA AFFETTIVITA E SESSUALITA BENESSERE A SCUOLA DR.SSA MAIORANO ANGELA (PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA) PUBBLICHE RELAZIONI PARCHETTI CRISTINA COREOGRAFA E BALLERINA VERGINELLI MAURA L ADOLESCENZA PORTA CON SÉ

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Come iniziare: quali sono primi fondamentali passi per realizzare un punto vendita di successo

Come iniziare: quali sono primi fondamentali passi per realizzare un punto vendita di successo Come iniziare: quali sono primi fondamentali passi per realizzare un punto vendita di successo La domanda preliminare: dove aprire un punto vendita? Le scelte di posizionamento geografico di nuove aperture

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Alimentazione al Femminile A cura di

Alimentazione al Femminile A cura di Milano, 22 Giugno 2015 Alimentazione al Femminile A cura di SCENARIO E OBIETTIVI DELLA RICERCA PRESSO LE DONNE ITALIANE Questa ricerca ha l obiettivo di indagare a 360 gradi il tema dell alimentazione

Dettagli

L equipaggio giusto per navigare lungo le rotte del commercio online. Venditori online per il B2B

L equipaggio giusto per navigare lungo le rotte del commercio online. Venditori online per il B2B L equipaggio giusto per navigare lungo le rotte del commercio online Venditori online per il B2B Indietro non si torna Secondo alcune autorevoli fonti, le Aziende non sono sempre state come le conosciamo

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione. 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì

Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione. 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì Corso di Marketing per piccole imprese 48^ edizione 21 gennaio 16 febbraio 2010 martedì e giovedì Il Marketing e la Comunicazione sono strumenti indispensabili anche alla tua attività Grazie al corso scoprirai

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli