IL PERIODICO. La Galleria Cassia, lunghezza 700 m., appena inaugurata.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PERIODICO. La Galleria Cassia, lunghezza 700 m., appena inaugurata."

Transcript

1 IL PERIODICO LA GIUSTINIANA E DINTORNI ANNO XVIII N. 12 PERIODICO MENSILE DI INFORMAZIONE, SPORT E CULTURA distribuzione gratuita DICEMBRE 2008 Redazione: Via della Cappelletta della Giustiniana 70c, Roma, tel IL GIORNALINO COMPIE 20 ANNI Tutto iniziò quasi per gioco (lo sport, una squadra di calcio, ). Poi come spesso accade, piano piano, gli orizzonti si allargarono. Il territorio di Roma nord si stava trasformando, la città avanzava, i quartieri periferici iniziavano a saldarsi tra di loro, i piccoli o grandi problemi di ognuno diventavano quelli di tutti. Abbiamo iniziato, così, vent anni fa a raccontare i nostri quartieri in movimento. Non solo le grandi tematiche (inquinamento elettromagnetico, abusivismo, degrado ambientale, iniqui balzelli, ), soprattutto le piccole quotidianità (le attività scolastiche, i comitati di quartiere, i problemi urbanistici, il traffico, la mobilità, ) che le cronache cittadine dei grandi giornali spesso ignoravano. Quante battaglie, quanto impegno, quanto tempo rubato alle famiglie in riunioni, discussioni, approfondimenti, per chiudere ogni mese il giornalino, come lo chiamavano affettuosamente i nostri lettori. Vent anni. Vent anni a descrivere la realtà di questa parte di periferia, senza cerchiobottismi, liberi da ingerenze, parlando un linguaggio asciutto e semplice, vicino il più possibile a tutti i cittadini. Tanti giovani sono passati per la nostra piccola redazione, più o meno talentuosi, tutti figli di quei quartieri di Roma nord che andavano a raccontare. Ognuno carico di sogni e aspettative, ma consapevole di far parte di uno stesso progetto. Quello che abbiamo cercato di insegnare a ciascuno, dapprincipio, è stato distinguere un informazione da una chiacchiera, di non gonfiare le notizie, non distorcere la realtà, ascoltare la gente, avere una visione più complessiva dei problemi. Il resto è loro: dobbiamo ringraziarli per il lavoro svolto, sono stati la nostra grande risorsa. L ultima annotazione è per i nostri lettori: l attenzione dimostrata (suggerimenti, critiche, complimenti, incoraggiamenti, ) è stata uno stimolo a continuare, anche nei momenti più difficili. Scoprire ogni mese che le copie de Il Periodico non bastavano, che la richiesta cresceva, ci ha confortati. Le nostre scelte editoriali, anche se non sempre condivise, erano credibili. Il giornalino stava crescendo, era diventato un giornale vero. R.B. G.R.A.: aperto al traffico l ultimo lotto comprendente la Galleria Cassia Normalizzata la viabilità locale di collegamento tra le zone di Labaro, Saxa Rubra, Flaminia e Castel Giubileo NIENTE PIU FILE PER CHI percorre abitualmente il versante nord del Grande Raccordo Anulare. E stata infatti aperta da poco più di un mese la viabilità di collegamento tra le zone Labaro, Saxa Rubra, Flaminia e Castel Giubileo. Un intervento che dovrebbe ridurre di molto i tempi di percorrenza in una delle zone più trafficate del G.R.A. A sottolinearne l importanza è Pietro Ciucci, presidente di ANAS. «Il ponte sul Tevere è l opera più importante di questo lotto. Un opera unica, che supera in sequenza il fosso Cremera ed il fiume Tevere e che, con il Ponte a Cavalletto e il Ponte Diga, conta di 12 corsie di marcia: 5 corsie in direzione Flaminia- Salaria e 7 corsie in direzione Salaria-Flaminia. Di queste 12 corsie, due saranno riservate alla viabilità locale, un collegamento non esistente in precedenza. Infatti prosegue Ciucci oltre a ripristinare, direttamente dallo svincolo di Castel Giubileo, l uscita per Labaro dalla carreggiata esterna del GRA, consentirà di utilizzare, per raggiungere il centro RAI di Saxa-Rubra, un percorso alternativo a quello che già esiste dall uscita diretta della complanare esterna del GRA per la strada statale 3. Si eviteranno così le annose code della stessa Flaminia. Inoltre, vengono così ripristinati i collegamenti per via Flaminia Vecchia e per il parcheggio di scambio nei pressi della centrale dell Enel». Un notevole cambiamento per la conformazione di questo tratto del Raccordo. Il nuovo ponte sul Edilizia sociale, una buona pratica ma non nella campagna romana! ALTRE AREE AGRICOLE NEL COMUNE DI Roma a rischio cemento, se il nuovo bando per il reperimento di aree finalizzate all housing sociale, recentemente approvato dalla Giunta capitolina, diventerà operativo. L intervento prevede la costruzione a basso costo (che non implica, però, una bassa qualità) di piccoli appartamenti da concedere a giovani coppie, famiglie monoreddito, anziani, studenti, da affittare a prezzo calmierato con possibilità di riscatto finale. Una forma di edilizia sociale agevolata, per la quale non si è riuscito, però, a trovare posto negli oltre 35 milioni di metri cubi di nuove case previste dal nuovo PRG (1.094 ettari di suolo consumati). In tutto oltre appartamenti, ma solo per l housing sociale. Venticinquemila ne mancano invece alla domanda di edilizia agevolata, facendo i conti degli sfratti esecutivi, delle liste di accesso alla 194, delle domande di quanti non sono riusciti a riscattare le case cartolarizzate dagli enti pubblici, di quanti chiedono un aiuto per pagare l affitto. E così, col piano approvato tra mille polemiche, col mercato bloccato dalla crisi, con una domanda che già supera l offerta, con la stretta del credito, con centinaia di cantieri aperti destinati a saturare definitivamente il mercato immobiliare della capitale, con le centralità che ancora devono La Galleria Cassia, lunghezza 700 m., appena inaugurata. Viabilità e svincoli lungo la centrale Enel sul G.R.A. Quadrante Nord Ovest: il ponte sul Tevere aperto al traffico. partire, coi vari Parchi Leonardo e Porte di Roma che dopo anni di vacche grasse cominciano a trovare difficoltà a piazzare i propri preziosi appartamenti, in una città in cui si stimano locazioni sfitte, la priorità sarebbe quella di trovare aree per nuove palazzine. E non aree piccole, non edilizia di completamento, ma comparti imponenti di almeno cinque ettari, non in zone da recuperare o attraverso demolizioni, ma, perché no, nell Agro Romano. E forte è il timore che, alla fine, nonostante le rassicurazioni dell Assessorato, questo non diventi l ennesimo regalo all onnipotente casta dei palazzinari della capitale, che sopravvivono imperturbabili ai cambiamenti delle giunte e delle maggioranze. Venticinquemila appartamenti che si potranno tradurre in 750 ettari di terreni che, da zone agricole, potranno col nuovo bando essere tramutati in quartieri. L analogo bando presentato nel 2003 proponeva, ad esempio, 48 ettari a La Storta, da aggiungere a quelli della Stazione, a quelli della nuova Centralità urbana, a quelli di Pian Saccoccia, dove stanno per partire terzo e quarto comparto; e poi 22 ettari all Olgiata, e una decina a Casal Monastero. Tutte proposte che, a ragion veduta, saranno ripresentate. L assessore all Urbanistica, Marco Corsini, assicura che fiume Tevere manterrà la funzione di direttrice principale autostradale, mentre il ponte a cavalletto, ex sede della carreggiata interna del GRA, avrà il compito di complanare esterna per garantire il collegamento con la via Flaminia Nuova e la Cassia bis mentre la via sul ponte Diga, ex sede della carreggiata esterna del GRA, assumerà funzione di collegamento tra la viabilità locale, a doppio senso di marcia, il parcheggio di Labaro e lo svincolo di Castel Giubileo. Quest ultima costituirà tra l altro un collegamento urbano tra la zona Salaria/Castel Giubileo e quella di Labaro. Se gli automobilisti hanno un motivo per gioire non si può dire lo stesso per chi si sposta con i mezzi pubblici. «Con l apertura della terza corsia spiega Antonio Scipione, consigliere del XX Municipio si rende ora necessario che l Atac e il Dipartimento VII provvedano a collegare con i trasporti pubblici la via Flaminia e la via Salaria, mediante capolinea attestati alle fermate dei collegamenti ferroviari delle linee Roma-Viterbo e Aeroporto Fiumicino-Orte. I vantaggi dell eventuale linea del trasporto pubblico sarebbero notevoli ci sarebbe il collegamento tra diversi quartieri del Comune di Roma, che oggi sono molto vicini ma difficilmente raggiungibili se non con i mezzi privati; si collegherebbero due linee del trasporto pubblico urbano su ferro e anche i residenti di Roma nord potrebbero raggiungere l aeroporto di Fiumicino con mezzi pubblici». Con un ulteriore sforzo, quindi, si riuscirebbe a mettere la proverbiale ciliegina sulla torta. Ma l inverno d oro della viabilità romana non sembra essere finito qui. Il 27 novembre, infatti, è stata aperta al transito anche la Galleria Cassia della carreggiata esterna. Lunga circa 700 metri, con una larghezza complessiva della sezione stradale di 18,40 metri, oltre a risultare una delle gallerie ad una carreggiata più larga d Italia, questo nuovo intervento mira a favorire ulteriormente lo scorrimento del traffico in una zona notoriamente congestionata nelle ore di maggior percorrenza dell anello autostradale capitolino. «Oggi ha sottolineato il Presidente dell Anas, Piero Ciucci in sede di inaugurazione il Quadrante Nord-Ovest del GRA si presenta percorribile per il 97% con tre corsie di marcia e con un tracciato più moderno e sicuro. I lavori sono stati realizzati in tempi record rispetto agli standard non solo italiani, ma addirittura europei». ALESSANDRO MAGNIFICO verranno prese «soltanto le aree che servono. È comunque nostra intenzione non intaccare le zone pregiate, ma solo quelle compromesse. Occorre accantonare l ideologia della sacralità dell Agro Romano. L Agro è sì patrimonio di Roma, ma quando la città ne ha bisogno per il suo sviluppo deve poterne usare con la dovuta parsimonia.» Legambiente, intanto, promette battaglia, e propone di recuperare una buona quota di queste cubature nelle pieghe del PRG esercitando l housing sociale anche nell urbanizzazione di completamento, o attraverso il recupero di cubature da demolizione, o dei milioni di metri cubi destinati ai megacentri commerciali, di cui francamente non esiste necessità (e che infatti stentano a trovare finanziatori). E se non c è dubbio che si debba perdere la dimensione sacrale dell Agro Romano, sarebbe ora di affermarne il reale valore, in termini di politica del territorio. La campagna è un patrimonio non perché é sacra, ma perché migliora la qualità della vita dei cittadini, perché una gestione oculata porta posti di lavoro, perché ogni amministrazione ha il dovere di preservarla per le generazioni future. E negli ultimi anni troppo spesso gli interessi di chi è qui adesso, e vuole costruire, hanno avuto la meglio. FRANCESCO MASSI

2 pagina 2 LA GIUSTINIANA. Partiti i lavori di ristrutturazione dei locali dell ex-onpi. Gli impegni della politica sociale nel XX Municipio LO SCORSO 15 SETTEMBRE IL presidente del XX Municipio, Gianni Giacomini, ha reso pubblico il Piano Regolatore Sociale, ovvero il documento di programmazione che definisce le politiche sociali che si intendono attuare per il triennio Il documento nasce dalla volontà dell amministrazione di impegnarsi a dare una risposta più puntuale alle richieste e ai bisogni della popolazione, con una particolare attenzione alla fascia di cittadini over 65. I dati raccolti dall ASL RmE, precedenti e funzionali all elaborazione del Piano stesso, indicano infatti un costante invecchiamento della popolazione del nostro Municipio e quindi una SEMBRA SCONGIURATA ORMAI l ipotesi di uno spostamento, o ancor peggio di una chiusura, dell Ostello della gioventù di Roma nel complesso monumentale del Foro Italico. Struttura storica della capitale, l ostello ha una capienza di 334 posti letto ed ospita circa 90mila visitatori l anno, l 85 per cento provenienti dall estero e il 15 per cento dall Italia. Nei mesi scorsi si rincorrevano voci inquietanti sulla destinazione d uso di una struttura che, da sola, registra più di centomila presenze l anno per il turismo giovanile di tutto il mondo, per vacanza o per studio. Scaduto ad ottobre il contratto (stipulato nel 1966) tra Coni, usufruttuario della struttura di proprietà della Regione, e A.I.G. (Associazione italiana Alberghi per la gioventù), era stata ventilata l ipotesi, da parte del Coni, di trasformare l ostello in un centro commerciale o in un supermercato, snaturando un area da sempre dedita ad attività sportive ed impedendo di fatto una tipologia di turismo vitale per Roma. La partita, a questo punto, si è giocata tra Comune di Roma e Coni, all interno di un più ampio disegno di ristrutturazione dello stadio Flaminio, del centrale del tennis, dello stadio del nuoto e di altre situazioni che sono attualmente oggetto di attenta analisi, come il restauro dei bellissimi mosaici per la tutela e la valorizzazione di tutto il complesso. E stato necessario, a questo punto, ridefinire i rapporti tra amministrazione comunale e gestione del Coni attraverso un tavolo di contrattazioni cui hanno partecipato tutti gli attori di questa vicenda. Dal canto suo il XX Municipio, per il tramite dell assessore ai Lavori Pubblici, Marco Daniele Clarke, è stato presente in ogni passaggio sensibilizzando il Ministro per le Attività Giovanili Giorgia Meloni («considero fondamentale ha detto la conservazione dell ostello della gioventù»), il Sottosegretario con delega allo Sport Rocco Crimi e il percentuale sempre maggiore di cittadini bisognosi di assistenza o di cure specialistiche. I centri che all interno del municipio offrono questo tipo di servizi sono vari, alcuni in particolare si trovano in zona La Giustiniana. Precisamente, in via Rocco Santoliquido sono attivi il centro diurno Parkinson Diogene, la casa di riposo ex O.N.P.I Roma 1, ad oggi denominata Residenza Parco di Veio e il nuovissimo Centro Alzheimer, inaugurato lo scorso 7 febbraio Questa struttura, l undicesima della città, si affianca appunto al già esistente centro per il Parkinson e può accogliere fino a quindici anziani della ASL RmE affetti da demenza senile progressiva e invalidante, per offrire loro assistenza diurna sociale, sanitaria e di trasporto a casa. Un vero e proprio polo attrezzato con sale per ambulatori, per terapie e palestre. Medici specialisti, assistenti sociali, psicologi, infermieri, logopedisti, fisioterapisti, educatori e assistenti domiciliari vi lavorano infatti nei giorni pari della settimana, dalle 8,30 alle 17, sia per favorire il recupero e il mantenimento delle residue capacità psico-fisiche dell anziano, che per offrire un concreto servizio di sostegno ai familiari che si occupano dei malati. La Casa di Riposo Residenza Parco di Veio, invece, è gestita FORO ITALICO. Soluzioni contro la chiusura dell Ostello della Gioventù Delegato allo Sport del Comune di Roma, Alessandro Cochi. «Ho personalmente inviato, in qualità di Assessore ai Lavori Pubblici ha detto Clarke richiesta scritta agli organi competenti del Comune di Roma per focalizzare l attenzione sul problema dell ostello della gioventù. Devo dire che ho avuto immediato riscontro dai colleghi del Comune, che hanno espresso interessamento e viva partecipazione alla mia richiesta». Il sindaco Gianni Alemanno ha, infatti, assicurato che è al vaglio anche una soluzione per l Ostello nell ambito del piano di restauro del Foro Italico. FABRIZIO PROSPERI dal Comune di Roma, dopo che con decreto legge si è deciso di procedere allo scioglimento dell O.N.P.I. (Opera Nazionale Pensionati d Italia) a partire dal 1 aprile «Al Centro si accede, in via vitalizia o temporanea, seguendo una graduatoria che viene elaborata dagli uffici sociali del Comune stesso, sulla base delle richieste inviate dalla popolazione» ha spiegato la dott.sa Gallieni, direttrice del centro. «I criteri di ammissibilità tengono conto del reddito, del reale stato di bisogno e dell attitudine fisica e psichica alla vita comunitaria. Oggi, nella nostra struttura trovano accoglienza circa una ventina di persone. Va ricordata comunque anche l importante alternativa offerta dal servizio di Assistenza e Cura a Domicilio che il nostro Municipio destina agli anziani e alle loro famiglie». Inoltre, sempre in via Rocco Santoliquido, sono già iniziati i lavori che, nel giro di qualche mese, dovranno portare al completamento di una Rsa (residenza assistenziale sanitaria). Con un investimento di circa euro la ASL RmE prevede di offrire assistenza a coloro che, affetti da patologie croniche, non sono più autosufficienti e non possono essere assistiti a domicilio, ma che al contempo non necessitano neanche di un ricovero in strutture di tipo ospedaliero. Info: Casa di Riposo ex Onpi tel. 06/ , Centro Alzheimer tel. 06/ , Centro Parkinson tel. 06/ SERENA TIBERI OLGIATA. Dal 2009 apripista della raccolta differenziata porta a porta nel XX Municipio CON L INIZIO DEL NUOVO anno, all interno del comprensorio dell Olgiata partirà la sperimentazione della raccolta differenziata porta a porta. Questo è quanto ha affermato il sindaco di Roma Alemanno in una recente intervista. «Il decoro urbano è una delle nostre priorità» ha esordito il primo cittadino di Roma ed ha proseguito affermando che: «Il XX Municipio, che per estensione è il più grande di Roma, rientra in primis nei nostri programmi. Sono presenti nel suo ambito aree verdi come il Parco di Veio e dell Insugherata; antichi borghi medievali come Isola Farnese, Cesano e S. Maria di Galeria ed un miglioramento dell ambiente porterà indubbi vantaggi anche al turismo internazionale». Alle domande dei presenti su come sia nata la scelta di iniziare con l Olgiata ha risposto: «E un progetto che è stato sperimentato con successo lo scorso anno in tre quartieri (Colli Aniene, Decima e Massima, ndr). Un risultato oltremodo lusinghiero se si considera che la raccolta è stata tre volte superiore alla media della capitale (60% di differenziata rispetto al 17% del resto della città, ndr). L Olgiata costituisce solo il punto di partenza perché a breve verrà estesa anche ad altre realtà del XX Municipio». La parola è passata poi ai tecnici che dovranno organizzare il servizio i quali hanno sottolineato che si dovrà progressivamente rimodulare le frequenze di svuotamento dei contenitori e i passaggi dei mezzi di raccolta sulla base delle reali esigenze della realtà locale. Delegato a tale attività l Ufficio Decoro Urbano ch è recentemente tornato a dipendere sul piano funzionale all AMA. ELENA ABBATI

3 pagina 3 Previsto entro aprile 2009 il trasferimento in via Flaminia (angolo viale Tor di Quinto) della sede del XX Municipio SIAMO ALLE BATTUTE FINALI DI UNA vicenda che, attraverso gli anni e le varie amministrazioni, ha condizionato la vita dei residenti del XX Municipio. Era, ma in fondo lo è ancora, quanto meno strano che proprio l unità amministrativa locale che più di tutte le altre, per eccellenza, deve essere più vicina ai problemi del cittadino, si trovasse geograficamente lontana da esso. Eppure questa è la realtà in cui hanno vissuto quotidianamente, per anni, gli abitanti del XX Municipio. Sparpagliate tra via Poma, via Sabotino, via Cassia e via Caprilli, le varie sedi del Dipartimento hanno creato molta confusione e svariati problemi di mobilità alle migliaia di persone che, in certi casi, si vedevano costrette a percorrere diversi chilometri per rivolgersi ai propri rappresentanti. La voce di un trasferimento della sede dal quartiere Prati a viale di Tor di Quinto, incrocio Via Flaminia Nuova, nei locali di Via Flamina, dove verrà trasferita la sede del XX Municipio. Risorse per Roma, è stata finalmente confermata. A testimoniarlo con forza è proprio la voce più autorevole del Municipio, il presidente Gianni Giacomini. Sta per venir meno quell insopportabile distanza geografica di un amministrazione che, oltre ad occuparsi dei problemi dei cittadini, divenga anche territorialmente accessibile. Forse, dopo trent anni di attesa, sembra veramente venuto il momento di mettere la parola fine a un disagio: il trasloco è, infatti, previsto per Pasqua. «Il trasferimento della sede del XX Municipio ha detto Giacomini era un punto fondamentale del nostro programma elettorale e sarà rispettato. Entro le festività pasquali lo spostamento sarà ultimato. Stiamo solo aspettando che la società Risorse per Roma trasferisca la sua attività nel quartiere Eur. I seimila mq. lasciati liberi saranno perfetti per le esigenze interne, per le varie attrezzature che vi troveremo, ed esterne vista la vicinanza con la ferrovia. Non stiamo tralasciando continua il presidente la costruzione della sede vera e propria del XX Municipio ma, per dare una pronta risposta alle esigenze della popolazione, è necessario utilizzare una struttura già operativa. Stiamo organizzando, in questo senso, vari incontri con gli uffici tecnici e con l assessore al patrimonio del Comune di Roma, Alfredo Antoniozzi, per definire il progetto di quella che diventerà, nei prossimi anni, la sede definitiva del nostro municipio». FABRIZIO PROSPERI TRIONFALE. Si rinnova il mercato rionale di piazza Thouar. Sicurezza e organizzazione in attesa del raddoppio dei banchi PROVE TECNICHE PER IL NUOVO LOOK del mercato rionale di Piazza Pietro Thouar a Monte Mario. Prima la messa in sicurezza, iniziata nell ultima settimana di novembre, e poi un ripensamento della viabilità e della segnaletica del quadrante. Quest ultima prevederà anche la riorganizzazione dei posti auto attorno alla piazza per facilitare le attività di carico e scarico delle merci. Per evitare, poi, che la sera i banchi del mercato rimangano totalmente incustoditi si è pensato di recintare l area. Il mercato di Piazza Thouar ha compiuto cinquant anni nel 2007 ma è una realtà molto complessa e ancora lontana dall aver trovato una sistemazione stabile e convincente. Basti pensare che all interno della piazza sono solo venticinque gli operatori che trovano spazio per il loro stand, mentre in realtà, gli aventi diritto sono ben quarantotto. «È per questo motivo che è in atto una verifica tecnica per capire se sarà possibile spostare il mercato» spiega Fabrizio Cirelli, presidente della Commissione Controllo e Trasparenza Il mercato di Piazza Pietro Thouar alla Trionafale. del XIX Municipio di Roma. «L area che stiamo prendendo in considerazione precisa Cirelli è il parcheggio adiacente al capolinea degli autobus dietro alla Stazione Fs di Monte Mario. Questa potrebbe essere una soluzione per far sì che tutti gli aventi diritto abbiano il loro spazio attrezzato e certo». Per lo spostamento, però, ci vorrà ancora del tempo e bisognerà anche fare i conti con le preoccupazioni degli abitanti di La Storta e de la Giustiniana che, non possedendo un proprio mercato rionale, contano su Piazza Thouar da anni per comprare cibi genuini. «Intanto assicura il presidente della Commissione Controllo e Trasparenza è fuori discussione il fatto che si debba intervenire per mettere in sicurezza il mercato esistente e garantire uno svolgimento dignitoso delle attività. Oltre al lavoro con il Nucleo della Polizia Municipale Stradale per la nuova viabilità rivela Cirelli stiamo concludendo un accordo con l Ospedale S. Filippo Neri per la concessione di uno spazio a via Paolo Emilio Castagnola, per sistemare i furgoni degli operatori del mercato. A gennaio aggiunge - ci saranno anche sorprese per quanto riguarda Porta Portese nord (il mercato domenicale vicino alla Caserma dei Vigili del Fuoco di via S.Vinci, ndr.). Anche questo mercato spiega Cirelli va sistemato attraverso una regolamentazione speciale alla quale stiamo lavorando proprio in questi giorni con la partecipazione delle rappresentanze sindacali degli operatori, della Provincia, del Comune e dei Vigili Urbani. I trecentotrentasei banchi conclude avranno presto un organizzazione più chiara e certa». SILVIA LANZAROTTO Da La Giustiniana a La Storta, Olgiata e Cesano, le stazioni ferroviarie diventano centri di aggregazione sociale e culturale PER UNA VOLTA LE STAZIONI non sono al centro della cronaca per atti di vandalismo o episodi tragici. Infatti il XX Municipio ha proposto una risoluzione, passata all unanimità in sede di consiglio, perché il Comune acquisisca i locali delle stazioni di La Giustiniana, La Storta, Olgiata e Cesano che attualmente non vengono utilizzati, per farli diventare centri di aggregazione sociale e culturale. Il proposito si inserisce nel più ampio discorso della Carta europea per lo sviluppo di iniziative sociali nelle stazioni firmata dal sindaco Alemanno, dal presidente della Provincia Zingaretti, dai responsabili di Ferrovie dello Stato e delle società ferroviarie di Francia, Belgio e Lussemburgo con l obiettivo di programmare interventi sociali nelle stazioni, coinvolgendo associazioni, volontariato, cittadini, forze dell ordine. La proposta lanciata dai consiglieri Torquati e Petrelli nasce dall esigenza da un lato di riqualificare dei luoghi, già parte integrante del territorio, diventati centri naturali di aggregazione; dall altro di intervenire su situazioni fuori dal controllo che possono diventare pericolose, come è accaduto nella stazione di Tor di Quinto con l omicidio di Giovanna Reggiani. «Dopo i proclami della campagna elettorale dichiara il consigliere Daniele Torquati è giunto ormai il tempo di lavorare amministrando una città, come Roma, che è difficile da governare. Da sempre sono convinto che la sicurezza delle stazioni passa soprattutto per la fruibilità degli spazi abbandonati. Questa è un occasione che il Comune ed il Municipio Roma XX non possono perdere in quanto potrebbe rappresentare un opportunità importante per dare ai quartieri periferici di Roma nord dei veri e propri punti di aggregazione socioculturale, sicuri e puliti.» «Tale richiesta aggiunge Marco Petrelli nasce dal fatto che, secondo il documento di programmazione economica e finanziaria il patrimonio statale può essere trasferito alle regioni o dimesso.» LARA FACONDI

4 pagina 4 Torna lo stracciarolo, piccolo rigattiere dei quartieri di periferia IN CONCORRENZA con la raccolta differenziata allestita dal Comune di Roma e dall AMA, riprende piede nei quartieri periferici del XX Municipio l attività itinerante dello stracciarolo. Era scemata nel decennale del dopoguerra dopo un periodo di intensa attività. Caratteristica saliente era vedere girare per le vie il tradizionale carrettino trainato a mano da una figura inconfondibile che gridava la sua presenza a squarciagola. Ai lati del mezzo, scampanellanti, oggetti d uso domestico ceduti in cambio di materiale di riciclaggio di ogni genere ( vetro, stracci, metallo ecc ). Sotto mentite spoglie ed in modo molto saltuario fu sostituito con il roby-vecchi, motorizzato e con tanto di altoparlante. Ora, fermo restando l ammodernamento, si può tornare a parlare dell attività dello straccivendolo perché Domenico L. ha ripristinato l antica attività ch era basata sul baratto ma lui ha inteso aggiornare il servizio di raccolta con tanto di tabella prezzi e bilancia. Alluminio e rame a 30 centesimi al chilo; 15 per il ferro e fra poco quando avrà un mezzo più capiente acquisterà carta e cartoni a 2 centesimi e 5 per la plastica. Su questi prodotti, compattati adeguatamente ed immagazzinati presso rivenditori all ingrosso, la sua percentuale varia in base alla domanda e l offerta e può arrivare anche fino al 100% in più di quello che ha pagato ai fornitori. Quest ultimi, pensionati in genere, che vivono del sociale e non riescono a sbarcare lo scarno lunario alla luce dei recenti aumenti e già all indomani dell adozione dell euro in Italia. Oggi ci dice, si guadagna bene perché alcune ditte della provincia di Torino e Milano fanno affari d oro. A Moncalieri aggiunge, per esempio c è un certo Paolo Airaldi già da tempo che compra e fa parte della filiera del riciclaggio per ditte che lavorano il materiale soprattutto all estero in Germania, ma anche Svizzera e Stati Uniti. «Ormai io ho già le mie poste ci dice gente di una certa età ambosessi che mi aspettano ogni settimana ad una data ora con i loro sacchetti differenziati di materiali da riciclare, annotando il loro peso in una nota, di cui la copia è per loro. Poi a fine mese liquido per contanti per la felicità dei miei piccoli fornitori che fanno festa con quelle poche decine di euro come fossero migliaia e piovute dal cielo». SORINA ARDELEANU Banchetto dei cornuti alla Giustiniana per la festa di San Martino «L IDEA DI QUESTA FESTA FU DI GUIDO PICOTTI che viveva con la sua famiglia nell area del Buon Ricovero e poi ripresa da Fardellotti ed altri qui alla Giustiniana» afferma Giorgio Neroni che sebbene non abbia fatto parte del comitato ha spesso partecipato agli incontri come simpatizzante. «Rappresenta una tradizione continua Neroni come la partita di calcio scapoliammogliati, che si è disputata fino a pochi anni fa. È principalmente l occasione per incontrarci, fare due chiacchiere in allegria, tra vecchi amici, tra un bicchiere di vino ed un piatto di pastasciutta». E costume da anni, infatti, alla Giustiniana che un gruppo di goliardici compagnoni si ritrovino nell imminenza della festa del loro onorato protettore S.Martino all interno di un noto ristorante locale a simboleggiare l avvenimento con al centro del tavolo un gigantesco corno bovino. Durante la cena, tra battute di vario genere, dove le mogli, dicono i partecipanti, non vengono mai menzionate, il rituale della nomina del Presidente che guarda caso da anni e sempre il bonario e confermatissimo Franco Grilli ormai abituato a calcare sulla testa al termine della cerimonia l elmo bicorne com era nell uso in battaglia dei guerrieri gallici. La festa di S. Martino, vescovo di Tours, nacque in Francia, all epoca degli dei pagani celtici che celebravano l inizio del nuovo anno a novembre. Per 12 giorni nelle vie e piazze delle città e nei villaggi si pensava solo a divertirsi in modo sfrenato sul tipo del carnevale così come si consumava da noi nel sette/ottocento. In questo periodo le autorità tolleravano gli eccessi e lo stesso meretricio faceva parte del rituale stesso che si accompagnava in maschera con quello delle donne honeste travestite. I mariti traditi però venivano fatti oggetto di scherno e di una vera caccia, sia pur simulata, nella quale essi dovevano interpretare il ruolo del cervo, animale dalle ricche e ramificate corna. Ancora più indietro, nell antichità, si svolgevano sempre nello stesso periodo i riti dei Brumalia, dedicati a Bacco, dio del vino e delle libagioni ch ebbe in Nerone un rappresentante di rilievo. Con l avvento del cristianesimo questa festa pagana fu tramutata in un rituale sacro facendo carico all Abate Martino di redimere le genti e partecipare moderazione. A simboleggiare il passato, nelle fiere paesane il bestiame cornifico veniva ricoperto di drappi e fascioni e spronato ad inseguire un uomo con in testa le corna ramificate di un cervo. SORINA ARDELEANU Premiazione al Comitato di Quartiere Grottarossa-Cassia-Due Ponti LO SCORSO 29 OTTOBRE, presso la Scuola elementare di Morro Reatino, a Grottarossa, si è tenuto un incontro del Comitato di Quartiere (Grottarossa-Cassia-Due Ponti), in occasione del quale sono stati consegnati attestati di merito ad alcuni volontari e forze dell ordine. All incontro erano presenti varie personalità, tra cui il presidente del XX Municipio, Gianni Giacomini, il consigliere Giuseppe Calendino, la preside della scuola Marzia Vitagliano ed ovviamente il presidente, nonché fondatore, del Comitato di Quartiere, Mario Mantova. Una piccola orchestra di flauti degli alunni della scuola ha aperto l incontro suonando l inno nazionale, quindi Calendino ha introdotto il discorso sottolineando l impegno dei volontari del quartiere nel garantire la sicurezza dei cittadini e cedendo la parola ai presenti, per primo, il presidente Giacomini, il quale ha ringraziato le associazioni di volontariato coinvolte, tra cui la Croce Rossa, ha poi lodato l operato di Mario Mantova e dei giovani alunni che hanno partecipato ad un intervento di pulizia del parco di quartiere ed ha invitato Vincenzo Di Michele, esperto di sicurezza stradale, a dare il suo contributo in materia. A seguire, l intervento staordinario della consigliera Lavinia Mennuni, in rappresentanza del Comune di Roma, la quale ha premiato l associazione delle guardie ecozoofile A.N.P.A. N.A., nella persona del maresciallo Emilio Boccalini ed il suddetto Pres. del Comitato, Mario Mantova e del suo collaboratore Mario Arzeo. La cerimonia si è conclusa con la premiazione di esponenti delle forze dell ordine, i poliziotti del Commissariato Flaminio Nuovo ed i carabinieri della Stazione di Tomba di Nerone. Fondato nel 2000, il Comitato di Quartiere conta sino ad oggi 52 iscritti, attualmente ha sede in via di Grottarossa n.127, va ad esso il merito dell impegno profuso nel servizio sociale e nella vigilanza dei parchi. FRANCESCA QUARANTINI Incontriamo le stelle, brillante iniziativa astronomica alla parrocchia San Giuliano SABATO 18 OTTOBRE, nel teatro della parrocchia di San Giuliano martire, è stato organizzato un vero e proprio Incontro con le stelle : un parrocchiano, Alberto Mazza, ha avuto l idea di invitare un appassionato di astronomia, l ing. Angelo Geri, per tenere una conferenza sui corpi celesti che popolano il nostro universo. A San Giuliano ha sede un distaccamento di scout del Gruppo Roma 21 dell Associazione Italiana Guide e Scout d Europa Cattolici della Federazione dello Scoutismo Europeo. «Nel percorso educativo dello Scoutismo la conoscenza del mondo, esteso all universo, e quindi anche delle stelle, interessa sia i Lupetti e le Coccinelle (i più piccoli), per scoprirne il gioco di luci e bellezze, sia gli Esploratori e le Guide, come aiuto per la tecnica dell orientamento» ha spiegato Mazza che ricopre l incarico di aiuto Capo Gruppo, con compiti essenzialmente di supporto tecnico-logistico. L iniziativa è stata motivata anche dall approssimarsi del nuovo anno e dell anniversario dell invenzione del cannocchiale (1609) da parte di Galileo Galilei, primo uomo a scrutare davvero il cielo. «Sapevo che il Comune di Roma stava organizzando delle iniziative in merito ha proseguito Mazza così nel mio piccolo ho voluto preparare i miei parrocchiani. Ho chiesto all ing. Geri, che ricopre un importante incarico nel Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, di aiutarmi; lo conosco da anni ed ero al corrente della sua passione per la materia, così ho pensato che la sua dote di comunicazione, semplice, da appassionato, fosse capace di attirare ed interessare sia i più piccoli che i più grandi». Molte persone erano infatti presenti, bambini ma anche adulti ed anziani, allo stesso modo incuriositi ed affascinati dalle immagini di stelle e pianeti proiettate su un grande schermo, che venivano man mano illustrate. Un esperienza positiva, che ha incoraggiato Alberto Mazza a ripetersi, stavolta in maniera empirica: «Spero di poter proseguire magari con qualche programma di formazione di base, integrato con osservazioni e visite in luoghi poco inquinati, che meglio si prestano all osservazione del cielo». CHIARA TIANA IL PERIODICO - Via Cappelletta della Giustiniana 70/c RM-Tel./Fax: Iscrizione Tribunale Roma N. 35 del Iscriz. Registro Nazionale della Stampa n vol foglio 785 del Direttore editoriale: ENZO ABBATI - Direttore responsabile: ROBERTO BELLINI - A CURA DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE LA GIUSTINIANA - Iscritta nel ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione) al N Delibera N 236 del 30 giugno 2001 Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Dipartimento Vigilanza e Controllo.

5 pagina 5 LA PAGINA DEI LETTORI a cura di Paolo Abbati Notizie in breve dal quartiere Le lettere (brevi, concise ma soprattutto firmate, altrimenti cestinate) vanno indirizzate a: IL PERIODICO - Via della Cappelletta della Giustiniana 70/c Roma - tel. /fax Ci scusiamo fin d ora per eventuali tagli o ritardi nella pubblicazione, ma lo spazio è tiranno! Appello ai lettori: smarrita foto storica La signora Laura Porciani della Giustiniana, rivolge un sentito appello a chi avesse rinvenuto l originale della foto (vedi copia sotto) con dedica relativa al monumento celebrativo del mago dell etere Guglielmo Marconi, realizzato dal padre nel 1944 durante la prigionia in Gran Bretagna. L opera fino a pochi anni fa ancora esisteva nella cittadina di Wynols Hill a Coalway presso Coleford ( nella foresta di Dean) al confine dell Inghilterra con il Galles e fu realizzata con mezzi di fortuna e materiale di recupero nel POW n.61 (Prisoners of War) con la collaborazione di prigionieri italiani. La foto resta l unica prova dell opera e di particolare valore affettivo per la signora Laura dopo la morte del padre. Una modica ricompensa verrà riconosciuta a chi ne verrà in possesso contattando all occorrenza i seguenti numeri telefonici: 06/ Cell. 347/ Incrocio Cassia-Grottarossa: una fermata da rivedere Come volevasi dimostrare è proprio il caso di dire nei confronti delle preoccupazioni per incidenti esternate il 16 novembre 2004 all indirizzo della direzione ATAC di via Volturno da parte di Enzo Giusti nostro affezionato lettore. In tale circostanza il latore della missiva aveva evidenziato che le fermate delle linee urbane 201 e 223 erano ubicate troppo vicine dell incrocio Cassia-Grottarossa e peraltro inopportune perché situate tra due passaggi pedonali. Per evitare ripercussioni sulla mobilità e su eventuali rischi di incidenti, nella stessa lettera era stato proposto di spostare le paline dei bus quattro o cinque metri oltre il passaggio pedonale semaforico. Voce nel deserto e così puntualmente, purtroppo, proprio in corrispondenza della fermate delle suddette linee urbane, lo scorso novembre, si è verificato l annunciato incidente nel quale è stato coinvolto proprio un autobus della linea 223, una moto e un auto. Giusti spera che ora le autorità si attivino per evitare futuri ulteriori guai. P. Leonardo Ciarlo, nuovo parroco della chiesa alla Giustiniana Ci è pervenuta una del nostro affezionato lettore Romano Rocci con la quale ci porta a conoscenza della cerimonia che si è celebrata il 12 ottobre scorso per l investitura ufficiale di Padre Leonardo Ciarlo a parroco della chiesa BVM Immacolata. La nomina si è resa necessaria per le precarie condizioni di salute del suo predecessore Padre Augusto De Angelis che ha retto l incarico per circa due anni. La celebrazione è stata presenziata dal vescovo della Diocesi di Porto e Santa Rufina Mons. Gino Reali. In rappresentanza delle autorità del XX Municipio il presidente Gianni Giacomini e il consigliere Marco Petrelli. Gradite al pubblico presente le parole di presentazione pronunciate dal nuovo parroco molto dirette nella semplicità del contesto e quelle di commiato rivolte a Padre Francisco che pro-tempore aveva sostituito con gradimento dei fedeli Padre Augusto malato. La nostra redazione a nome dei componenti e dei lettori augura al nuovo parroco i migliori auguri per un sempre più fecondo ministero pastorale. La Giustiniana: stazione nel degrado Vi segnalo una maggiore presenza di carabinieri alla fermata della Giustiniana, tuttavia i writers continuano ad imperversare sporcando con i loro spray le mura appena ripulite. Rimane tuttavia una stazione trascurata e da mesi le macchine obliteratrici non funzionano senza che mai nessuno si fosse preoccupato di ripararle. Ciò è palesemente un segno di trascuratezza da parte delle FF.SS., che va contro gli stessi interessi di Trenitalia e che tutto sommato non fa viaggiare tranquilli gli utenti, i quali vorrebbero pagare ed essere in regola. Non ultimo, l emblematica sparizione dell insegna Giustiniana che contrassegnava la località dall ingresso della stazione; una bravata ingiustificata certamente di qualche giovane e non per questo non si debba pensare a ripristinare. Romano Rocci Laurea alla Giustiniana Il 21 novembre scorso, presso la sede della facoltà di Scienze della Comunicazione Aziendale dell Università internazionale Link Campus University of Malta in via Nomentana 335, Veronica Fiore ha discusso con il Prof. Francesco Chiappetta la tesi L impresa nella nuova Era ottenendo la laurea con pieni consensi. Formatasi alla scuola francese Sant Dominique in via Igino Lega alla Giustiniana, la neo-laureata ha così completato un ciclo di studi che la proietta nel mondo del lavoro internazionale in una società sempre più bisognosa di giovani volenterosi. Veronica unisce alla concretezza di studi una sensibilità alla cultura e alla poesia sperimentata da questa testata attraverso un proficuo rapporto di stima e di fiducia durato anni che non potrà che giovarle per una formazione completa. Associandoci ai parenti orgogliosi del risultato conseguito, alla stima di amici e conoscenti questa redazione esprime alla neo-laureata un dottorato di grande soddisfazione per un futuro professionale di indubbio successo. Auguri Veronica.

6 pagina 6 Trasferimento campi nomadi fuori del G.R.A.: insorgono i sindaci IL PROBLEMA CAMPI ROM è ormai al centro del dibattito politico e di conseguenza in primo piano sui mezzi di informazione. Diverse sono state le soluzioni che gli amministratori di turno hanno proposto in questi anni senza giungere a una soluzione definitiva. Resta il fatto che a oggi la capitale conta ancora diversi campi, di cui sono pochi quelli attrezzati. Per la maggior parte i nomadi vivono in situazioni di estremo degrado e in pessime condizioni igieniche, senza i servizi minimi come la luce e l acqua. Si è da poco concluso il censimento ad opera della Croce Rossa, in seguito al quale si sarebbe dovuta trovare una nuova sistemazione per i campi irregolari, ma la situazione sembra in fase di stallo. Il sindaco A- lemanno ha dichiarato di voler concertare con il nuovo prefetto Pecoraro un piano per spostare i campi nomadi fuori dal raccordo, ma immediata è stata la reazione dei sindaci di Frascati, Zagarolo e Anguillara che rifiutano di diventare «lo scantinato di Alemanno» e accusano il primo cittadino di «spostare i problemi invece di risolverli». Nel dibattito è intervenuto anche il sindaco di Ciampino, Walter Enrico Sperandini, riguardo alla proposta di spostare DARE RISPOSTE RAPIDE ED efficaci alla richiesta di sicurezza dei cittadini della capitale, sempre più preoccupati dai terribili episodi di cronaca che a più riprese hanno portato la città e le sue periferie sulle prime pagina dei quotidiani, affinché fatti come quelli accaduti alla stazione di Tor di Quinto, e poi a quella di La Storta, non debbano più ripetersi. La Regione Lazio conferma questo impegno alla sicurezza per i cittadini, concretizzando per il 2008 uno stanziamento di oltre 25,4 milioni di euro e prevedendo all interno una quota notevole (4 milioni) al secondo Patto per Roma Sicura (il primo venne sottoscritto il 29 luglio u.s. insieme a Comune di Roma, Provincia e Prefetto). «Abbiamo onorato il primo Patto per Roma Sicura ha ricordato il presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo e stiamo onorando il secondo», sottolineando lo splendido lavoro fatto dal Prefetto Mosca attraverso il censimento svolto nei campi Rom, e annunciando che la Regione garantirà le vaccinazioni dei bambini rom, condizione indispensabili per la loro frequenza i rom del Casilino 900 a La Barbuta. «Concordo con la volontà di eliminare i campi nomadi non a norma presenti a Roma ed in Italia afferma e proprio per questo trovo assurdo pensare al campo della Barbuta come sistemazione idonea. Il campo, aperto all inizio del 1996 come temporaneo, è situato negli ultimi metri del territorio del comune di Roma, ma in realtà è all ingresso della città di Ciampino, in un'area appena al di là della pista dove decollano e atterrano circa 200 aerei al giorno». Intanto i Lagunari che collaborano con il Nucleo Speciale per il Decoro Urbano, istituito dal sindaco, hanno fatto dei sopralluoghi anche al campo di Cesare Lombroso a Monte Mario, dove sembra ci siano dei container vuoti che potrebbero ospitare altri nomadi. I sindaci dell hinterland accusano Alemanno di non dialogare con le altre istituzioni e di voler penalizzare i piccoli comuni per risolvere i grandi problemi della capitale. «Forse Alemanno pensa che il nuovo prefetto Pecoraro sia un suo assessore, visto che crede di potergli dettare la linea sui rom attacca il sindaco di Zagarolo, Daniele Leodori Spostando i campi nomadi fuori dal Gra il sindaco di Roma continua a nascondere la polvere sotto il tappeto, scaricando sul territorio provinciale un problema che meriterebbe una vera soluzione e non un intervento di facciata.» LARA FACONDI Dalla Regione Lazio 4 milioni di euro per il Patto per Roma Sicura scolastica. Per il Patto per Roma Sicura, la Regione Lazio ha stanziato 11 milioni di euro in tre anni (di cui 2,7 stanziati nell ultima giunta). Di questi, oltre 1,4 milioni sono andati alla bonifica degli ex insediamenti abusivi sulle rive del Tevere, dell Aniene e di altri fiumi; 700 mila euro per la messa in sicurezza del Parco regionale dell Appia Antica, del Parco di Veio e dell Ente Roma Natura, 470 mila euro per le forze dell ordine del Comune di Roma, 600 mila euro per attrezzature e per il potenziamento dell autoparco con 23 autovetture, 2 pulmini e 3 fuoristrada per i comandi provinciali dell Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, dei Vigili del Fuoco e del Corpo Forestale dello Stato. Ora si attende che vengano realizzati i progetti per il recupero e la riqualificazione di casali che sarà possibile destinare alla comunità o ai soggetti impegnati al presidio del territorio. Un tavolo di lavoro ha riunito in settembre i rappresentanti degli enti locali, il questore e i delegati dei parchi romani (tra cui il Parco di Veio), così da definire, dal punto di vista operativo, le modalità di coordinamento tra la Regione e i vari soggetti coinvolti nell attuazione delle iniziative. Con l occasione sono stati definiti gli interventi per le aree verdi, e si è pianificato un incremento delle infrastrutture presenti sul territorio, con la costruzione di recinzioni ed il potenziamento dell illuminazione e della vigilanza. FRANCESCO MASSI Bracciano: è allarme idrico nel bacino gestito dall Acea. Si abbassano le acque del lago E CRISI IDRICA PER IL LAGO di Bracciano. Lo scorso anno il livello dell acqua è calato di ben 40 cm scendendo addirittura sotto lo zero igrometrico convenzionale (161,74 m. s.l.m). Problemi soprattutto per la fauna e la flora locale: spiagge che si allungano, canneti completamente all asciutto e specie animali che abbandonano il bacino per lo stravolgimento dell habitat. Secondo uno studio Enea condotto nel 2004 da Fabio Musmeci e Angelo Correnti il problema è da imputare in larga parte ai prelievi d acqua effettuati da Acea tra il 1970 al 2002, dall analisi condotta con rigorose dimostrazioni matematiche risulta che «tali emungimenti (quelli di Acea) non possono essere compatibili con la conservazione del lago così come oggi lo conosciamo». Negli ultimi mesi è stato perciò compatto l attacco dei sindaci dei comuni di Anguillara, Bracciano e Trevignano nei confronti della suddetta società che può prelevare fino a 800 litri di acqua al secondo dal lago, per mescolarla poi con quella proveniente dall acquedotto di Peschiera e distribuirla in tutta la zona nord della città. Sebbene tempo fa Acea abbia nettamente respinto le accuse spiegando che «le acque del lago secondo i patti lateranensi del 1929 servono da fornitura idrica della città del Vaticano» ma «il prelievo effettivo è decisamente inferiore alla quantità stabilita», sotto la pressione dei sindaci poi ha comunque deciso di fermare le pompe dell impianto di Castel Vici. Il presidente del Circolo Legambiente del lago sabatino, Pierfrancesco Pavoni, non appare affatto convinto mostrandosi invece d accordo con la tesi che vede una concomitanza di fattori alla base della crisi idrica che ha colpito il lago di Bracciano. «Non si può parlare di un unica causa ha detto sono molti i fattori a essere in gioco. I pompaggi dell Acea sono solo un aspetto del problema, l aumento demografico e i conseguenti pozzi abusivi sono l altro. Nelle zone limitrofe al lago forte è stato il boom demografico degli ultimi anni, nel giro di poco tempo Anguillara è passata da 10 a 18 mila abitanti, dunque il numero delle case raddoppiato e i pozzi abusivi moltiplicati». Non si deve poi sottovalutare l importanza del cambiamento climatico che ha investito l Italia e comportato fenomeni quali la stagionalizzazione delle piogge, ovvero data la concentrazione di piogge nella sola stagione umida il suolo perde progressivamente la capacità di assorbire e trattenere acqua, e l innalzamento delle temperature invernali che, riducendo drasticamente la consistenza dei nevai dell Appennino, elimina le riserve d acqua a lungo termine. Le piogge di questi giorni sono davvero una benedizione, ma probabilmente non basterebbe una lunga stagione molto fredda e piovosa per riportare il lago a livelli accettabili. ANDREA LAMBERTI

7 Il Periodico pagina 7 Luoghi, personaggi e storie delle nostre parti narrate attraverso le immagini e i ricordi dei nostri lettori «SIAMO QUI DAL 49, IN QUESTA casa cantoniera, dove ho vissuto con mio marito fino al 2002, anno della sua scomparsa e dove è nata la più piccola delle figlie Anna Maria». Ci riceve Filomena Lattanzi, classe 1921, nella sua abitazione al civico 881 di via della Giustiniana insieme alla figlia che ci accompagna per rassicurarla della nostra presenza. L edificio risale agli anni 30 e realizzato dal Governatorato di Roma nell ambito della riforma fondiaria dell Agro Romano voluta da Mussolini. «Non siamo stati i primi ad entrare in questa casa, ma in sostituzione di un precedente cantoniere trasferito altrove, subito dopo il mio matrimonio. Mio marito Vincenzo Angelini, classe 1911, arrivò a Roma, prima di me, provenendo da un paesino delle marche Acqua Santa, frazione di Voci, in provincia di Ascoli Piceno. Io sono invece abruzzese di Vallecastellana in provincia di Teramo». E la figlia premurosa Anna Maria a prendere la parola per facilitare la conversazione e colmare qualche giustificato vuoto di memoria. «Mio padre prese confidenza con la capitale perché c era da tempo il fratello Emidio che faceva il pastore. Aveva avuto una vita sofferta nell ultima guerra mondiale. Durò nove anni il servizio militare affrontando le privazioni delle campagne di Russia e d Africa. Il primo approccio fu a Settecamini sulla Tiburtina per poco tempo e subito dopo nella casa cantoniera di Grottarossa, dove nacque nel 46 mia sorella Dina. Ogni strada era stata divisa in zone ed i cantonieri avevano l incombenza di provvedere alla loro manutenzione. A mio padre spettò di occuparsi del tratto della via della Giustiniana che dal ponticello di fondo valle prossimo alla nostra casa giungeva a quell altro sotto l attuale svincolo della Cassia bis. Questo per quanto riguardava l ordinaria attività. Per quella straordinaria dell asfaltatura periodica, erano sempre i cantonieri a I coniugi Filomena Lattanzi ( Sora Mena ) e Vincenzo Angelini posano per la foto ricordo con la figlioletta Dina (anni 40). Sopra: l annuale tradizione dell uccisione de lu porcu alla vigilia di Natale, com era nell usanza contadina. Il gruppo fotografato è intento alle operazioni di macellazione nello stazzo della porcareccia. Sotto: la casa cantoniera in via della Giustiniana al civico 881, residenza pluriennale della famiglia Angelini. dover intervenire ma a rotazione tutti quelli dell area che si univano con le attrezzature: carretto, pale, rastrelli, secchi di bitume e tanto brecciolino lungo il percorso che veniva cosparso a mano. Niente a che vedere con le procedure moderne e con i macchinari di oggi. Era gente simpatica ed anche se io ero ragazzina mi ricordo alcuni nomi: Renato, Nazzareno, Sergio, Alfredo Mi ricordo anche i nomi dei tenutari della zona: il marchese Cassis e la contessa De Robilant che vivevano in un casale poco lontano da noi ed avevano la fattoria a Tor Vergata in Populo. Gente per bene, seria e gentile con tutti e con i quali avevamo un ottimo rapporto.» Un attimo di esitazione ed è Sora Mena a subentrare nella conversazione volendo sottolineare che gli stessi nobili, venendo a sapere dell assenza del latte materno per la figlioletta, senza esitazione si resero disponibili a fornire quello degli animali della fattoria. «Nell area non c era niente di niente allora riprende Anna Maria quattro casali sparsi per la campagna e tanto lavoro da fare. Per noi ragazze c era ogni giorno da caricare con le conche l acqua della sorgente ch era nel fosso sotto casa, fare le faccende e aiutare a coltivare l orto. Dovevamo assolutamente studiare e questo era l imperativo di mia madre ch era irremovibile a qualsiasi nostra scusa che eludesse questo impegno. Era un gran sacrificio lavorare e studiare.arrivavi la sera stanca e dovevi fare i compiti il più delle volte al lume della candela e raramente con le lampade al carburo (acetilene ndr) che emanavano una puzza da morire. Per raggiungere la scuola non c erano mezzi e si impiegava a piedi, con qualsiasi tempo, 32 minuti ad andare e altrettanto per ritornare tra mille paure e difficoltà per una ragazzina». Orgogliosa di questo Sora Mena la interrompe: «non volevo che anche le due mie figlie vivessero i sacrifici che ho dovuto affrontare io, prima da signorina e poi da sposata». «E vero! ribadisce Anna Maria mia madre ha lavorato come e più di un uomo. Di notte a fare il pane con la farina della spigolatura che faceva dopo la mietitura alle terre nere come diceva lei; di giorno ad accudire la casa e l orto perché si viveva in gran parte con quello che si produceva sul terreno della casa.» E il ruolo di suo padre? «Lui era sempre fuori per lavoro. Quando terminava quello di cantoniere lavorava in una cava di tufo. Alla paga che ci veniva consegnata dall impresa per i lavori stradali, la famiglia poteva arrotondare con qualche lira in più. Questa doppia attività durò fino a quando con il riordino del personale cantoniere la categoria fu inquadrata tra i dipendenti del Comune di Roma e successiva assegnazione della casa. Questa dove stiamo ora, al civico 881 della via della Giustiniana, dimora attuale di mia madre Filomena.» Ultima tenutaria doc delle antiche case cantoniere che nel tempo passato fecero la storia della viabilità dell agro romano. ENZO ABBATI

8 pagina 8 PARCO DI VEIO. Degrado e abbandono minacciano le bellezze naturali e i beni archeologici dell area paesaggistica regionale DISCARICHE ABUSIVE, DEGRADO DIFFUSO, abusivismo edilizio dilagante sono solo alcuni dei mali che affliggono il Parco di Veio, prezioso contenitore di bellezze paesaggistiche nonché di beni archeologici di risalenza bimillenaria. Recentemente i carabinieri del Nucleo operativo ecologico e del Nucleo Tutela del patrimonio archeologico hanno, con attenta ispezione, preso il polso della situazione: rifiuti ovunque, di ogni tipo, dai calcinacci alle bombole del gas, passando per frigoriferi, computer e pneumatici. Il sopralluogo si poneva come obiettivo l individuazione dei siti su cui intervenire con maggiore urgenza, unitamente all esigenza di verificare eventuali inadempienze o responsabilità da sanzionare, come ha affermato il maresciallo Sansonetti del Nucleo operativo. «L attuale stato di abbandono e di degrado all interno del Parco regionale di Veio impone una seria riflessione su come l Ente di gestione intende perseguire i suoi scopi fondamentali di tutela e valorizzazione del territorio» tuona Luigi Camilloni, presidente dell Osservatorio Sociale Parlamentare, che, all indomani del sopralluogo, ha scritto all assessore regionale all Ambiente, Filiberto Zaratti, «per conoscere le intenzioni della Regione sul Parco di Veio, a fronte anche della mancata redazione ed approvazione del piano d assetto da oltre dieci anni. E una vergogna prosegue Camilloni che tonnellate e tonnellate di rifiuti di vario genere siano abbandonati ovunque all interno del Parco ed anche in un area di grande interesse nazionale come quella archeologica dell antica città di Vejo, in gran parte ancora da scavare e studiare, ma soprattutto da rendere fruibile in tutti i suoi aspetti. La gravità della situazione conclude il Presidente sta mettendo in seria discussione gli scopi fondamentali di tutela del Parco di Veio, nonché il patrimonio archeologico presente al suo interno. Quale sviluppo è mai sostenibile se non vengono sentite le Comunità del Parco, se non vengono redatti ed approvati i Piani d assetto e se sono ancora inattivi i piani economici e sociali da oltre 10 anni? Oggi parlare del Parco significa un regime di vincoli, divieti, controlli e sanzioni solo per il cittadino». La tutela del patrimonio archeologico dovrebbe essere un imperativo, ma capitano casi in cui le storture del sistema amministrazione sembrano incitare il privato a non curarsi del patrimonio archeologico ovvero a sottrarlo al godimento collettivo. Caso emblematico quello del presidente dell Associazione culturale La Giustiniana, che paga lo scotto d aver regolarmente denunciato la scoperta fortuita di una tomba etrusca del VII sec. a.c. in un terreno di proprietà. Esito dell improvvida iniziativa? Il malcapitato scopritore di tombe, per disposizioni ministeriali, rischia di veder azzerato il premio, corrisposto per il rinvenimento del reperto, a causa dell addebito, a sue spese, dei costi dello scavo e del restauro di quanto rinvenuto. Oltre il danno la beffa. Da mesi, infatti, restano inascoltate le richieste di chiarimenti formulate dal presidente dell Associazione, che da quasi un anno attende una risposta da parte del Parco di Veio, interpellato sulle iniziative che intenda adottare affinchè venga tutelato il già minato patrimonio archeologico del parco regionale. SANDRO SABA Agricoltura biologica alla Cobragor : frutta e verdura a km. 0. E costa meno! IL CAROVITA CHE STIAMO vivendo in questo periodo si fa sentire anche nel XX Municipio. La crisi ha colpito tantissimi settori ed ha conseguentemente alzato i prezzi di molti generi di prima necessità. Come sempre, a pagarne le spese sono i cittadini, che hanno quindi dovuto correre ai ripari per fronteggiare l irrefrenabile aumento dell inflazione. Il prezzo di pane e pasta si è alzato di oltre il 30% quando, paradossalmente, il costo del grano si è dimezzato ma anche frutta e verdura non sono stati risparmiati dal fenomeno. Di fronte a questa situazione i cittadini hanno cambiato il modo di fare la spesa: meno carne, pesce ed ortaggi, si va alla ricerca di alimenti più a buon mercato. Inoltre, tanti italiani hanno scelto di non servirsi più dei negozi al dettaglio e frequentare i supermercati e i discount. I commercianti, quindi, hanno perso un po di clientela ed ora vendono meno. La Co.Br.Ag.Or invece non sembra risentire di questo cambiamento. L azienda agricola di Monte Mario infatti produce la stragrande maggioranza dei prodotti che vende. «Da noi la clientela è addirittura aumentata ci spiega Francesca, che gestisce l attività con la sua famiglia perché ab-biamo mantenuto il costo di 1 euro al kilo per i prodotti nostrani». L aumento delle spese per il trasporto è uno dei motivi dell impennata dei prezzi. «Inoltre continua la pubblicità che ci è stata fatta anche per il discorso dei prodotti a kilometro 0, ovvero non di importazione, ci ha favorito. Effettivamente la gente comincia a pensare a come risparmiare per fare la spesa, ma la nostra clientela, che si è accresciuta principalmente col passaparola, trova qui tutti alimenti a buon mercato». Non solo: gli scarti che provengono dai prodotti della terra, che prima venivano buttati, sono adesso rivalutati ed utilizzati. «Tante persone infatti ci raccontano che impiegano le foglie più esterne del cavolo e dell insalata, come di altri ortaggi, per fare ad esempio una minestra! confessa sorridendo Francesca questo è un segnale positivo: vuol dire che tutto quello che abbiamo sempre predicato sulla riscoperta degli antichi sapori della tavola viene applicato». Ma i costi di produzione non sono aumentati? «Noi proponiamo prodotti biologici per tutti risponde l aumento è stato poco rilevante. Siamo stati costretti però a far pagare di più gli alimenti conservati in bottiglia: il costo del vetro col tappo si è alzato rispetto all anno scorso. Per ovviare a questo inconveniente chiediamo ai clienti di portarsi il vuoto da casa, così il prezzo per loro rimane lo stesso». Una soluzione saggia e rispettosa dell ambiente. La forzata riscoperta degli alimenti cosiddetti poveri ha fatto aumentare anche i clienti del ristorante della Co.Br.Ag.Or., aperto solo la domenica a pranzo. La scelta di acquistare la frutta e la verdura prodotti e venduti in loco, quindi, sembra soddisfare le esigenze di una spesa che guarda alla salute e, soprattutto, al portafogli. GABRIELE MARCHESE

9 pagina 9 Parcheggi salasso negli ospedali del XX Municipio. Pochi posti gratuiti «DIRIGERSI IN OSPEDALE E scoprire invece di essere finiti chissà come in quello che sembra il parcheggio di un grand hotel»: è questa è la battuta che più frequentemente si ascolta tra i pazienti e in effetti, almeno a giudicare dalle tariffe praticate, il paragone sembrerebbe opportuno. Per la prima ora di sosta si pagano 3 euro, 6 euro fino alla sesta ora e invece per tutto il tempo successivo il prezzo è maggiorato di 1,50 euro ogni ora. Praticamente, conti alla mano, chi deve trattenersi l intera giornata paga 15 euro solamente per poter parcheggiare. Inoltre, chi deve sostare quindici o venti minuti, magari solo per ritirare una lastra o un documento, paga comunque tutta la prima ora per intero. Questo è quanto accade ai malcapitati pazienti che decidono di recarsi con la propria automobile al Policlinico Agostino Gemelli per effettuare degli accertamenti o semplicemente per fare visita a persone ricoverate. Un salasso che appare ingiustificato ed esagerato a molti cittadini che, per dare voce alla loro protesta, hanno inviato numerose segnalazioni alla redazione del nostro giornale. La rinomata sede dell Università Cattolica, infatti, è dotata di un ampissima area di sosta che ruota tutta attorno al perimetro dell ospedale. Uno spazio attrezzato, come una grande tangenziale del parcheggio, in grado di ospitare fino a posti auto e dotata di segnaletica luminosa per dirigere il traffico. Questo spazio è gestito dalla Gestipark che ha un suo ufficio-sportello all interno della cittadella ospedaliera, dove tutti possono recarsi per pagare, medici ed infermieri compresi; anche a loro infatti è riservato lo stesso identico trattamento. In alternativa, esistono delle altre piazzole dove invece è possibile parcheggiare liberamente, senza pagare. Al loro interno però è praticamente impossibile trovare un posto libero ed inoltre sono dislocate molto più lontano rispetto all ingresso dell ospedale, in cima ad una ripida strada in salita, spesso troppo faticosa per malati, donne in gravidanza o anziani. Tanto che l unica opzione praticabile sembra doversi arrendere al pagamento di questo salatissimo pedaggio. Va solo leggermente meglio ai pazienti dell ospedale Villa San Pietro dove, in base al tariffario, le prime due ore di sosta costano 2,50 euro mentre 5 euro quelle successive. Decisamente più fortunati i pazienti del Pertini o del San Filippo Neri, dove invece il parcheggio è gratuito. In tempi difficili come quelli che si stanno attraversando, dove le famiglie fanno fatica ad arrivare a fine mese e la recessione economica sembra incombere, sostenere il costo di cure ospedaliere è molto dispendioso. Diventa però addirittura insostenibile se i pazienti alla voce di spesa trattamenti medici sono costretti ad aggiungere quella parcheggio. La percentuale di persone, di diverse età, che deve recarsi quotidianamente in ospedale è purtroppo molto elevata. Non tutti possono permettersi il lusso di pagare 100 euro per il costo di un abbonamento mensile al parcheggio del Policlinico Gemelli. SERENA TIBERI Nuove cucine all ospedale Sant Andrea: distribuiti 1500 pasti al giorno SONO STATE INAUGURATE DI recente la nuove cucine dell ospedale Sant Andrea, che permetteranno di preparare all interno del Policlinico stesso i pasti che fino a qualche mese fa l amministrazione era costretta a procurarsi dall esterno. Hanno presenziato alla cerimonia di inaugurazione il direttore generale Vitaliano De Salazar, il preside della II facoltà di medicina e chirurgia dell Università di Roma La Sapienza Vincenzo Riparo, Monsignor Brambilla e il Consigliere regionale del Lazio Augusto Battaglia. Le cucine sono state realizzate in uno spazio di 700 mq prima riservato al deposito e ai magazzini, per un costo complessivo di 530 mila euro. I lavori, dati in appalto nel 2005, sono stati ultimati nel tempo record di 8 mesi. Le cucine sono divise in nove aree, al fine di consentire la diversificazione del prodotto. Un settore è riservato alla preparazione di piatti freddi ed arrosti, altri alla lavorazione di carne e verdura. E stata realizzata, infine, una zona dedicata al confezionamento dei pasti, che verranno serviti a degenti, medici e studenti. La nuova struttura si caratterizza fattore di particolare rilievo per l elevato numero di diete differenziate in grado di gestire (sulla quarantina), per venire incontro alle esigenze di tutti gli utenti, con particolare attenzione a bambini ed anziani. Il servizio fornito dalla nuova mensa è frutto della collaborazione tra Azienda ospedaliera e Facoltà di medicina, le quali, attraverso dei propri studi, hanno messo a punto i programmi dietetici sui quali si basa l attività delle cucine. Notevoli anche le tecnologie applicate: sono stati installati dei forni autoprogrammabili, in grado di regolare la temperatura dei cibi a seconda delle esigenze. Alla scienza applicata nella cucina si aggiunge quella introdotta nel servizio di distribuzione dei pasti in tutto il Policlinico: verranno impiegati dei carrelli di ultima generazione, che garantiscono, grazie a particolari motori, la perfetta conservazione dei cibi trasportati. Il direttore generale De Salazar sottolinea come un ospedale d eccellenza, quale il Sant Andrea, necessitasse di un servizio interno di produzione del cibo, per completare il quadro di grande qualità che caratterizza il Policlinico. Sottolinea, poi, come il comfort non sia un lusso inutile quando si parla di sanità, bensì contribuisce, insieme alle terapie offerte, ad un pronto recupero della salute fisica. Rappresenta un fattore di grande rilievo anche in relazione all attività lavorativa e di ricerca degli operatori medici e scientifici. Un servizio, insomma, che, con il suo apporto positivo, migliora la vita di chiunque graviti sull ospedale Sant Andrea. SANDRO SABA Cesano: un successo la raccolta di sangue organizzata dai volontari dell AVC SI È TENUTA RECENTEMENTE a Cesano di Roma la seconda giornata per la raccolta di sangue, organizzata dall omonima sezione Donatori dell A.V.C. (Associazione Volontari Cesano) con l ausilio dell Ema-Roma nell ambito del progetto regionale promosso dall Ospedale S.Filipo Neri. Oltre ogni previsione l afflusso dei cittadini che si sono presentati per il prelievo nei locali della Patronesse alla sezione dell Associazione Nazionale del Fante di Cesano che ha sponsorizzato l iniziativa. Oltre al ritorno di coloro che già lo scorso anno si sono resi disponibili a fornire la loro collaborazione, altri se ne sono aggiunti al punto che il numero complessivo ha superato ampiamente le cinquanta unità. Di conseguenza i responsabili hanno stimato di aver raggiunto la copertura del fabbisogno di sangue dell intera zona e visti i risultati positivi, la sezione Donatori di Cesano ha deciso di ripetere la raccolta con maggiore frequenza modificando l annuale incontro con quello semestrale. Grande la soddisfazione del segretario dell AVC Antonio Grossi: «è un ampio progetto che appena pubblicizzato ha dato riscontri positivi fin da subito. In realtà non abbiamo dovuto faticare molto per convincere i donatori che da tempo chiedevano che qualcuno prendesse questa iniziativa e noi lo abbiamo fatto con grande entusiasmo. Siamo certi che altri si aggiungeranno e che il progetto iniziale si svilupperà man mano che le presenze aumenteranno in virtù di questo successo che gli stessi attuali donatori pubblicizzeranno con consapevolezza e soddisfazione per essersi solidalmente attivati per il proprio e altrui benessere». A tale riguardo, chiunque volesse dare il proprio contributo, può contattare l associazione ai seguenti numeri: 335/ ; 335/ CLAUDIA CABALLO

10 pagina 10 Nel cuore di Saxa Rubra la tomba del gladiatore Marco Nonio Macrino Escursioni a cavallo con i cavalieri di Cesano E DEL CELEBERRIMO Gladiatore il preziosissimo mausoleo marmoreo recentemente rinvenuto a Saxa Rubra, sulla Via Flaminia. L epigrafe incisa su un blocco del monumento funerario non lascia spazio a dubbi: Marco Nonio Macrino, il soldato romano del II secolo d.c. che ha ispirato al regista Ridley Scott il personaggio di Massimo Decimo Meridio, magistralmente interpretato da Russel Crowe. Una scoperta che lascia tutti a bocca aperta ma che ha ottenuto conferma dalla maggior parte degli archeologi e degli studiosi della Soprintendenza che si sono occupati degli scavi sull antica via consolare. A creare sorpresa non sono solo la fama e la gloria del suo Le operazioni di scavo del monumento funerario venuto alla luce sulla via Flaminia. La gigantesca iscrizione riporta il nome di Marco Nonio Macrino. L ORIENTEERING sta trovando in Italia molti appassionati. La disciplina, introdotta dalla Svezia, consiste nell esplorazione di boschi e zone immerse nella natura attraverso il proprio orientamento o semplicemente aiutati da strumenti base quali mappe, bussole e sentieri tracciati. Soltanto a Roma si contano dieci società di orienteering e quella che opera da più tempo sul terreno laziale e nazionale è l Enea Casaccia Orienteering di Osteria Nuova, a cui si deve l organizzazione della prima gara di questo sport in Italia nel Da allora sono state promosse circa 670 competizioni e almeno 700 concorrenti si sono affrontati nei boschi della campagna romana. La traduzione di questa disciplina in Italia la si deve a Valerio Tosi e Sergio Grifoni, due ricercatori dell ENEA che lavoravano al reattore nucleare di Halden in Svezia, che rimasero entusiasti dell esperienza dell orienteering e ex proprietario, ma anche le straordinarie condizioni in cui il monumento è venuto alla luce e si è conservato per circa 1800 anni. Dopo essere rimasto per secoli sepolto e protetti dal fango del Tevere, che scorreva poco distante e che ha probabilmente causato il crollo del palazzo, il rivestimento marmoreo e l enorme timpano, oltre che la struttura portante dell edificio, sono stati ritrovati per intero, sorte toccata a ben pochi dei monumenti della capitale, il più delle volte vittime di spoliazioni e devastazioni successive, spesso anche destinati alla cottura al fine di produrre la calce nelle fornaci medievali della Saxa Rubra,. È proprio per questo che si sta avanzando da più parti l ipotesi di ritorno in Italia organizzarono la prima gara mai tenutasi nel territorio nazionale. Così come allora le competizioni si svolgono in luoghi affascinanti come nel parco del Rigo, la via Francigena, la faggeta di Oriolo, le rovine di Santa Maria di Galeria e le aperte campagne intorno al lago di Martignano e Bracciano. Ogni autunno inizia la stagione delle 12 gare in un clima di festa e di gioco ma allo stesso tempo con la serietà e la consapevolezza che per raggiungere il traguardo c è bisogno di avere forza fisica, concentrazione, spirito di di una ricostruzione e un restauro dell antico mausoleo, in modo da farne un museo lineare, insieme a tutti gli altri innumerevoli reperti archeologici rinvenuti nell area. Un progetto, quello del parco archeologico dell antica Flaminia, che va avanti ormai da tempo proposto dall ex soprintendente di Malborghetto, Gaetano Messineo e che potrebbe, grazie a questa straordinaria scoperta, avere una grande svolta e prendere finalmente piede, vista anche la momentanea sospensione dei lavori edili che prevedevano la costruzione, in quel preciso punto, di tre palazzine residenziali. Malgrado qualcuno si mostri ancora scettico ed esprima delle riserve sulla reale attribuzione del mausoleo all illustre personaggio, sembra comunque che la figura del gladiatore, dell eroico combattente del Colosseo che sfidò l imperatore, sia destinata a ritornare alla luce, insieme al suo sepolcro, per compiere un altra e forse addirittura più ardua battaglia: questa volta contro gli errori e la potenza distruttiva della nostra società, che troppe volte ha brutalmente spazzato via il passato per far posto a un presente spesso più vuoto e devastante. RICCARDO FILIPPO Orienteering a Osteria Nuova: corse nei boschi della campagna romana osservazione e, ovviamente, un ottima dose di orientamento. In termini pratici, chi vuole partecipare ad una prova di questa disciplina ha in dotazione unicamente un carta topografica realizzata apposta per l occasione con segni convenzionali unificati in tutto il mondo. Si gareggia individualmente o in squadra, transitando dai diversi punti di controllo (lanterne) posti sul territorio, utilizzando la bussola. Raggiunto il punto di controllo si deve registrare il passaggio sul proprio testimone di gara. Vince chi impiega il tempo minore e chi è stato in grado di orientarsi più rapidamente e ha fatto le scelte di percorso migliori. Chiunque può partecipare a questa attività, dai più piccoli con percorsi alla corda preparati per adolescenti dai tre anni in su, ai più grandi che vogliono rendere più vivace, entusiasmante e salutare la consueta passeggiata domenicale. LORENZO COSTANTINI SI È DA POCO COSTITUITA l Associazione dei Cavalieri di Cesano, un gruppo di persone legate dalla stessa passione per i cavalli. In occasione della parata storica tenutasi alla 500 a Festa del SS Crocifisso lo scorso autunno, la costituenda associazione ha partecipato con ben 12 cavalieri, che hanno sfilato in costume nelle strade dell antico borgo alle porte di Roma. Un evento importante, che si presta molto a far rivivere appieno l ormai dimenticata tradizione equestre, evidentemente però ancora non del tutto persa. «L andare a cavallo è un usanza antichissima, carica di valori e costumi che vogliamo riportare vicini a noi»: sono le parole di Marcello Boldrini, il presidente della nuova associazione, che è anche, naturalmente, un cavaliere. Tutto iniziò qualche anno fa, quando alcuni ragazzi chiesero ad un paio di veterani cavallerizzi di insegnar loro questa affascinante disciplina. Piano piano hanno imparato a conoscersi, a rispettarsi; hanno organizzato delle passeggiate per condividere insieme le emozionanti avventure che si vivono cavalcando in mezzo alla natura. «Col passare del tempo il legame è cresciuto, si è rafforzato prosegue Boldrini e abbiamo sentito il bisogno di costituirci in un associazione giuridicamente riconosciuta: così è nata questa nuova realtà. Ognuno di noi nutre una passione sincera e profonda per la cavalleria, con tutti quei valori che essa rappresenta: rispetto, affidabilità, onore e lealtà». Se si pensa sia solo un gruppo di anziani nostalgici, incapaci di accettare i cambiamenti del tempo, si sbaglia: la forza di queste persone sta proprio nella loro giovane età. «Siamo una trentina di cavalieri, ma di over 50 ne abbiamo 3 o 4, gli altri sono tutti ragazzi tra i 25 ed i 30 anni. La nostra intenzione è quella di mantenere viva quella tradizione, soprattutto nei giovani: il mondo di oggi è pieno di devianza e malcostume» spiega il presidente dell associazione. La figura del Buttero oramai è scomparsa da molto tempo a Cesano anche se i terreni non mancano ma i valori e le emozioni dei cavalieri non sono alla fine molto dissimili. Durante le gite a cavallo che durano anche qualche giorno- è possibile riscoprire la bellezza spontanea della natura, l incantevole paesaggio che ci circonda ed il vero significato di una vita all aria aperta, arricchita dal legame che si stringe con i propri compagni. «Le uscite con i cavalieri sono delle esperienze uniche dice Boldrini che ti formano e ti aiutano a crescere, sempre. Attraverso il contatto col cavallo poi si scoprono nuovi aspetti della propria persona.» Il riconoscimento giuridico è stato voluto anche per poter meglio svolgere il lavoro di sensibilizzazione che si vuole portare avanti: «Vorremmo aprire una scuola di equitazione e organizzare gite con le scuole conclude Marcello Boldrini oltre a riproporre le antiche tradizioni il nostro intento è quello di valorizzare il nostro territorio, pieno di storia e cultura, e preservarlo dagli scempi operati dall uomo». GABRIELE MARCHESE

11 pagina 11 LA GIUSTINIANA. Nati per leggere : una biblioteca per bambini all ex-onpi ANNA NAVA E UNA GIOVANE mamma che abita da tempo alla Giustiniana, finlandese ma di padre italiano, a 18 anni è arrivata a Roma come tanti suoi coetanei studenti, qui ha incontrato il suo futuro marito e non è più tornata. Anna lavora nel turismo e ha già tre bambini, in maternità si è resa conto che nel suo quartiere (e non solo) mancavano strutture assistenziali per la prima infanzia, fu così che decise di presentare il progetto di una biblioteca per bimbi dai 0 ai 5 anni, in concorso per Idee in Comune, un bando pubblico del Comune di Roma, vincendo e ottenendo un premio di diecimila euro nel giugno L idea prende piede nello studio Mamme e bambini a raccolta all interno della biblioteca la Pagina Magica in via Rocco Santoliquido 88 (ex Onpi). Coinvolti nella lettura anche gli anziani ospiti della struttura. pediatrico della dott. Flavia Luchino, la quale promuovendo la lettura affettiva ai bambini, sul modello americano Reach Out And Read, sperimenta con i suoi piccoli pazienti ed i loro genitori l efficacia dei libri cartonati, che vanno così a sostiuire i soliti giochini di gomma o elettronici. Una volta ottenuti i fondi, si procede alla raccolta di nuovi libri ed alla loro catalogazione, grazie anche al contributo di Daniela Bizzoni, che li suddividerà secondo le diverse fasce di età dai 0 ai 5 anni, per un totale di oltre 500 libri; a parte le solite favole, troviamo testi che trattano di temi sociali o di sentimenti in maniera educativa ed illustrativa. A questo punto manca uno spazio per allestire la biblioteca, nel maggio del 2007 il Comune di Roma concede loro l uso di una stanza presso la Casa di Riposo in via Rocco Santoliquido n.88. Nasce così la biblioteca La Pagina Magica, aperta gratuitamente al pubblico il martedì ed il giovedì dalle 16 alle 18 (per info tel ). L iniziativa si pone al diretto servizio dei cittadini, senza scopo di lucro e senza alcuna affiliazione politica. Essa fa parte di una rete di biblioteche del circuito Nati per Leggere con sede centrale a Trieste (www.natiperleggere.it) che prende le mosse dal succitato esempio americano, si afferma che «rigorosi studi scientifici hanno dimostrato che i libri sfogliati e letti con amore dai genitori, sono una prevenzione efficace contro gli abbandoni scolastici, l abuso di sostanze tossiche nell adolescenza, e favoriscono lo sviluppo delle facoltà mentali del bimbo». Ma nel caso specifico, la biblioteca della Giustiniana, oltre ad offrire un valido ed utile passatempo ai genitori con figli piccoli, data la sua particolare collocazione ha visto anche il coinvolgimento degli anziani ospiti nella struttura, che hanno aderito con entusiasmo alle letture, dando così luogo ad un simbolico rapporto tra nonni e nipotini, con grande beneficio di entrambi. FRANCESCA QUARANTINI LABARO. Roma Graffiti, writers a raccolta per il 1 concorso di Murales SI E SVOLTA RECENTEMENTE A Labaro Roma Graffiti, la prima manifestazione dedicata ai cosiddetti writers, un vero e proprio concorso di Murales con in palio la possibilità di veder esposta la propria opera, fino alla prossima edizione della manifestazione, nel vicino istituto Pascal. La gara ha coinvolto circa 50 squadre, ciascuna composta da non più di quattro elementi, che si sono sfidati per quasi un'intera giornata nell elaborazione e rappresentazione di un tema scelto e comunicato poco prima dalla giuria del concorso. Ad ideare e organizzare la competizione è stata l associazione Occupiamoci di..., dal 2004 attivissima nella vita non solo giovanile dei quartieri di Labaro e Prima Porta: con questa e le altre sue iniziative (ricordiamo ad esempio la riuscitissima Labaro Rock, ormai alla sua sesta edizione), l associazione si è sempre posta come punto di riferimento soprattutto dei giovani e degli stranieri nella zona, cercando di creare momenti di integrazione ed aggregazione tra gli abitanti, e di migliorare la qualità della vita nel quartiere. È proprio all interno di questi obiettivi che si inserisce il progetto di Roma Graffiti, nato non solo per fornire un occasione nuova e originale di svago alla comunità del quartiere, ma anche per dar voce e spazio ad una pratica che sta prendendo sempre più piede nelle nostre città, in particolare nelle zone periferiche come quella del XX Municipio. I Murales sono ormai parte integrante del nostro paesaggio urbano. Malgrado spesso atti come questi rasentino il vandalismo e l'illegalità, sono sempre più numerosi quelli che oggi li considerano forme d'arte a tutti gli effetti, e sempre più frequenti i momenti in cui sono proprio le istituzioni a fornire degli spazi e dei momenti per praticare il writing nella legalità. «Da questo punto di vista affermano dal XX Municipio sono senza dubbio da apprezzare manifestazioni e iniziative come quella di Roma Graffiti nelle nostre zone, perché è proprio nelle periferie che il fenomeno trova le sue maggiori espressioni ed è da lì che si deve partire per ristabilire un auspicabile equilibrio tra estro artistico e rispetto delle regole e di ciò che ci circonda». RICCARDO FILIPPO VIII Mostra del fungo a Bracciano: in esposizione il principe del bosco CON L AVVENTO dell autunno, delle prime piogge e del lento abbassamento delle temperature crescono nei boschi delle campagne romane e tra la folta e bagnata vegetazione i primi funghi che tanto allietano i nostri occhi e tanto insaporiscono i piatti tipici di questa stagione. Sebbene queste succose piante abbiano sembianze spettacolari sia nella forma che nei colori, molte specie nascondono nella loro sostanza dei veleni nocivi al corpo umano. Per far conoscerli ed farli apprezzare a chiunque voglia saperne di più, si è svolta a Bracciano, lo scorso 18 e 19 ottobre, l ottava edizione annuale della Mostra del Fungo, kermesse dedicata al vegetale, con esposizione e articoli per la raccolta dei funghi, degustazioni e sapori tipici locali. In un unico e grande padiglione posto su un lato della centralissima piazza IV novembre, erano in mostra su lunghi tavoli coperti di teli verde smeraldo cesti e cestini contenenti le più disparate specie fungine: Prataioli, verdoni, aromatici disposti armoniosamente e illustrati da etichette recanti il loro nome scientifico e informazioni sulla commestibilità o meno degli stessi o sulla loro tossicità. Accanto ai tavoli, esperti micologi erano a disposizione del pubblico qualora avesse qualche domanda sulle varie specie di funghi e qualora richiedesse qualche spiegazione maggiore sulle proprie esperienze personali. Incredibili le variopinte forme presenti nel padiglione dalle fattezze più strane e traditrici: dal fungo che richiama la forma del calamaro, a quello simile ad un corallo di mare a quelli più famosi rossi con i puntini bianchi che nascondono nel loro interno sostanze tossiche. Interessanti anche le curiosità sulla commestibilità delle varie specie: si scopre così che alcuni funghi sono considerati nocivi in Italia mentre in Cina e Giappone sono ricercati per le loro particolarità alteranti. Infine, al termine del padiglione l organizzazione ha riprodotto alcuni habitat delle campagne romane dove i funghi trovano terreno fertile per riprodursi e crescere. Particolarmente impressionante, il paragone di alcune specie ad occhio nudo identiche ed invece classificate diversamente e soprattutto considerate le une commestibili e le altre nocive. Una mostra interessante che non mancherà di riproporsi l anno prossimo, sempre in autunno, ovviamente. L.COSTANTINI

12 pagina 12 Il Periodico della Giustiniana compie 20 anni. Cronistoria di un impegno Alcuni componenti negli anni 80 dell associazione sportiva Giustiniana Libertas, da cui ebbe origine il giornale. Riconoscibili in piedi da sin.: Di Vico, Sabbatini, D Amore,(alias Vinicio), Abbati (l attuale direttore editoriale), Conti, Severini; accosciati: Bontempi, Motta, Scicolone e Rabbi. Foto sotto: la prima copia del giornalino sotto la guida di Enzo Abbati nel dicembre 1988 La Giustiniana - Organo dell A.S. Giustiniana Libertas ; nel 1991 la testata verrà modificata in Il Periodico edito dall Ass. Culturale La Giustiniana. IL GIORNALINO NACQUE sotto la testata La Giustiniana formalmente ed in modo continuativo nel dicembre del 1988, con pubblicazioni anteriori ma in modo sporadico. Quasi una scommessa tra amici quella di dare voce ai problemi di un quartiere in grande espansione, discriminato dalle autorità, spesso indifferenti di fronte alle varie istanze dei cittadini nella convinzione che a promuoverle erano dei privilegiati che vivevano, secondo loro, in una realtà socio-economica ed ambientale esclusiva rispetto ad altre aree di Roma. Nelle riunioni che contavano, ogni qual volta che un rappresentante locale di qualsiasi colore politico (Luciano Ricca, Gianfranco Luminari, Elio Sabbatucci, ) esternava delle problematiche del quartiere sul traffico, spazi pubblici, centri di aggregazione, strutture sportive, non veniva minimamente preso in considerazione. Sulla mobilità, dicevano: «avete il treno, e sei strade: Cassia, Trionfale, Cassia Veientana, Braccianese, Formellese ecc e vi lamentate!»; sulla mancanza di parchi pubblici, rispondevano: «avete la più alta percentuale di verde pubblico procapite rispetto ad altri quartieri di Roma: parco dell Insugherata, Inviolatella, Acquatraversa, il Parco di Veio», fingendo di ìgnorare la realtà, quella della non fruibilità di queste aree. Così per l assenza di strutture sportive, punti di aggregazione ed altro. Stanchi di queste discriminazioni, La Giustiniana, da sempre quartiere dormitorio, tenta di uscire dal tunnel per il riconoscimento della propria identità: quella di una popolazione eterogenea, che in poco più di un ventennio si popola all inverosimile, unendo alle originarie aggregazioni abitative dei Cioccoloni, Neroni, Grilli, Picotti, Virgili ecc, nuove frotte di nuclei familiari. Per ben cominciare bisognava avere chiara la ricognizione del territorio sotto tutti i punti di vista. Lavoro affidato agli alunni grazie all intuizione del nostro direttore che finanziò, all inizio del 1988, con una spesa di mila lire, una ricerca promossa alla scuola media La Giustiniana, in via Rocco Santoliquido dell allora preside Giovannina Norgia De Santis. La mole di lavoro fu raccolta in un volume elaborato dall arch.trovarelli, per la parte tecnica e dall insegnante Di Stefano per quella didattica a cui il giornale attinse a piene mani e con successo. Proprio questa riuscita portò nell aprile del 1991 a modificare la testata per dare spazio a problematiche di altri quartieri limitrofi (La Storta, Isola Farnese, Tomba di Nerone, Grottarossa.) facilitati dall apporto informativo di pensionati molto disponibili e desiderosi di sentirsi utili. La formula del consenso fu riposta sviluppando il rapporto con le scuole locali e quella di volenterosi della terza età: un binomio che rappresenta tuttora un aspetto importante della pubblicazione. La svolta si ebbe sotto la nuova direzione di Roberto Bellini, responsabile del giornale; nacque Il Periodico con una nuova veste grafica, approfondimenti, ricerche di costume e tradizioni. Per mantenere il collegamento con la vecchia testata, nel sottotitolo la dicitura La Giustiniana e dintorni. Dintorni che nel ventennio, poco alla volta si sono estesi a tutto il XX Municipio sotto le consiliature dei presidenti Gianfranco Ricchi, Marco Daniele Clarke, Massimiliano Fasoli ed ora Gianni Giacomini. Grazie al consenso popolare, il giornale non ha avuto mai interruzioni di sorta; pubblicazioni ottenute senza alcun finanziamento pubblico o donazioni, ma solo per la generosità dei lettori: alcuni presenti con i loro esercizi commerciali, altri con offerte ed altri ancora sottoscrivendo pubblicazioni come il libro Ponte Milvio Porta di Roma, sulla storia locale, edito dall associazione culturale La Giustiniana, la stessa del giornale. Un futuro sotto questo punto di vista assicurato, dall imminente uscita del secondo volume Ponte Milvio Dogana di Roma che tratta la storia dei quartieri lungo la Cassia- Clodia. Pubblicazioni rese possibili in virtù della preziosa collaborazione del prof. Pino Alvaro Vatri con la decennale rubrica Come Eravamo che ha fornito spunti interessanti per il nuovo libro che, in uno con il pluriennale sommario storico di tradizioni del nostro direttore editoriale Enzo Abbati, ha consentito di penetrare dentro le famiglie locali coinvolte dall interesse per la vita dei loro antenati. Con grande soddisfazione, la scommessa con gli amici, accennata all inizio, sembra che abbia dato dei frutti che sono sotto gli occhi di tutti. Ricordiamo a titolo di esempio: la battaglia contro l iniqua tassazione del Consorzio di Bonifica; il ripristino della fermata ferroviaria della Giustinana, soppressa nel 1989; il mancato abbattimento dell Antico Borghetto Medievale risalente al 1300; l impegno fin dal 1991 contro l inquinamento elettromagnetico delle antenne della Radio Vaticana, l apertura dell asilo nido, Altre proposte purtroppo non hanno ottenuto l esito sperato, ma noi non ci stancheremo mai dal riproporle ogni qual volta se ne presenterà l occasione. Un ultimo pensiero va ai tanti giovani che hanno collaborato nella stesura del giornale con i loro articoli, alcuni ormai sposati con figli ma sempre sulla cresta dell onda in riviste e quotidiani di successo e non solo a Roma. Studenti di varie discipline indirizzati spesso a questa redazioni da professori delle scuole locali che si sono impegnati con noi per un loro futuro professionale. Alunni e pensionati, due categorie vincenti per l informazione locale e non solo per l editoria di quartiere, proponibile anche in altre realtà se unite con interesse e attenzione alle problematiche del vicino della porta accanto, che sono del resto, quelle di ognuno di noi. LA REDAZIONE

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato

GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI. Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato GINETTA COLOMBO CENTRO POLIFUNZIONALE PER ANZIANI Comune di Cerro Maggiore Accoglienza temporanea di sollievo Alloggi protetti per anziani Centro Diurno Integrato Piazza Concordia 1 - Cerro Maggiore Un

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE

COMUNE DI PIETRACAMELA NORME TECNICHE COMUNE DI PIETRACAMELA Versate teramano del Gran Sasso d Italia PROGRAMMA DI FABBRICAZIONE NORME TECNICHE Pietracamela lì 25.5.1971 Il Progettista Dott. Ing. Mario Dragone Comune di Pietracamela Piano

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina, Carta dei valori municipali parte generale schede progetto

Premessa percorso municipale, Conferenza Urbanistica Cittadina,  Carta dei valori municipali parte generale  schede progetto Premessa Il percorso municipale, che porterà alla Conferenza Urbanistica Cittadina, prevede la raccolta dei materiali progettuali, riguardanti tutta l area municipale, da acquisire nel corso delle riunioni

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

DISCORSO DEL PRESIDENTE MINA GIANNANDREA IN OCCASIONE DEL PRIMO CONVEGNO DI FEDERstrade Le proposte dei commercianti di vicinato

DISCORSO DEL PRESIDENTE MINA GIANNANDREA IN OCCASIONE DEL PRIMO CONVEGNO DI FEDERstrade Le proposte dei commercianti di vicinato DISCORSO DEL PRESIDENTE MINA GIANNANDREA IN OCCASIONE DEL PRIMO CONVEGNO DI FEDERstrade Le proposte dei commercianti di vicinato Cari amici, illustri ospiti, Voglio innanzitutto ringraziarvi tutti per

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

Rapporto sulla storia della presenza rom e delle politiche di inclusione abitativa a. Firenze. Demir Mustafa

Rapporto sulla storia della presenza rom e delle politiche di inclusione abitativa a. Firenze. Demir Mustafa Rapporto sulla storia della presenza rom e delle politiche di inclusione abitativa a Firenze Demir Mustafa I primi arrivi a Firenze I primi rom balcanici a Firenze sono arrivati verso la metà degli anni

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

Relazione sintetica seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Nerviano del 27 febbraio 2012 ore 9.30.

Relazione sintetica seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Nerviano del 27 febbraio 2012 ore 9.30. COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) Relazione sintetica seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Nerviano del 27 febbraio 2012 ore 9.30. Il giorno 27 febbraio 2012, alle ore 9.30, presso la sala

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

Un servizio ferroviario di qualità sulla linea Bologna-Vignola: obiettivo (im)possibile?

Un servizio ferroviario di qualità sulla linea Bologna-Vignola: obiettivo (im)possibile? Un servizio ferroviario di qualità sulla linea Bologna-Vignola: obiettivo (im)possibile? Una delle costanti che dal 2003 (anno della riattivazione) ad oggi ha caratterizzato la linea ferroviaria Bologna-Vignola

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE MUNICIPIO III

CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE MUNICIPIO III CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE MUNICIPIO III SEDUTA INIZIALE 5 MAGGIO 2014 CONFERENZA URBANISTICA PERCORSO COMPLESSIVO 1. Seduta iniziale della conferenza municipale Illustrazione delle questioni, degli

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011

PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 PER CRESCERE INSIEME PROGRAMMA ELETTORALE 2011 ELEZIONI COMUNALI AL COMUNE DI FISCIANO - 15/16 MAGGIO 2011 Programma 1 Area Politiche Sociali e Servizi alla Persona 2 Ambiente e Territorio 3 Giovani -

Dettagli

PREMESSA Piano Strutturale

PREMESSA Piano Strutturale PREMESSA il Comune ha avviato la procedura di revisione ed aggiornamento del Piano Strutturale, il documento che disegna il futuro del territorio, sia per il suo sviluppo, sia per la sua tutela. Per permettere

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo. Alla fine del

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione

ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO. 17 settembre 2009. Inaugurazione ANAGNINA-TOR VERGATA CORRIDOIO DEL TRASPORTO PUBBLICO Inaugurazione 17 settembre 2009 Inizio lavori 28 gennaio 2008 Inaugurazione 17 settembre 2009 Importo contrattuale 10.800.000 Stazione appaltante:

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS 2014/2015 IL PIEDIBUS NON E UN AUTOBUS COME GLI ALTRI

PROGETTO PIEDIBUS 2014/2015 IL PIEDIBUS NON E UN AUTOBUS COME GLI ALTRI PROGETTO PIEDIBUS 2014/2015 IL PIEDIBUS NON E UN AUTOBUS COME GLI ALTRI 1 PREMESSE OBIETTIVI ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI CONVOLTI PERCORSI PIEDIBUS REGOLAMENTO ALLEGATO 2 PREMESSE Il piedibus è un autobus

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano

RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano RETI CICLABILI per favorire la mobilità ciclistica in ambito urbano ed extraurbano prima edizione gennaio 2006 ultimo aggiornamento 14-06-2011 1 La mobilità ciclistica Tutti, a ragione, ritengono che l

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag.

Strade extraurbane e interramento Rho Monza pag. 31. Riqualificazione delle metrotranvie (Milano Seregno e Milano. Limbiate) pag. Una visione di città, per essere completa, non può tralasciare tutto ciò che riguarda il tema dei trasporti. Gli spostamenti, infatti, sono alla base della moderna vita sociale e di relazione, ci spostiamo

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario

MACARIOPOLI POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario MACARIOPOLI O POLLUTION CITY? Racconto con immagini realizzato dagli studenti della Classe I B della Scuola Secondaria di I Grado di San Macario La Terra sembra essere divisa in due parti Una di queste

Dettagli

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte

In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte In questi mesi ho chiesto a ciascuno di voi di contribuire alla redazione del programma per il futuro di Torino. Mi sono rivolto direttamente a tutte le donne e agli uomini che vivono in questa nostra

Dettagli

PROGRAMMA COMUNE DI SINNAI irs - Indipendentzia Repùbrica de Sardigna

PROGRAMMA COMUNE DI SINNAI irs - Indipendentzia Repùbrica de Sardigna PROGRAMMA COMUNE DI SINNAI irs - Indipendentzia Repùbrica de Sardigna ELEZIONI COMUNALI SINNAI 28 MAGGIO 2006 Irs, indipendentzia repubrica de Sardigna si presenta per la prima volta alle elezioni comunali

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson

Benvenuti In Italia. Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri. Fotografia di Ross Thompson Benvenuti In Italia Genova - Roma - Torino - Terme di Valdieri Fotografia di Ross Thompson La Piazza Raffaele De Ferrari e` la piazza centrale della citta` di Genova. Tutte le feste della citta` avvengono

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 28-29 MARZO 2010 CON RENATA POLVERINI PRESIDENTE

ELEZIONI REGIONALI 28-29 MARZO 2010 CON RENATA POLVERINI PRESIDENTE ELEZIONI REGIONALI 28-29 MARZO 2010 CON RENATA POLVERINI PRESIDENTE IL FUTURO È ADESSO Con le elezioni regionali del prossimo marzo abbiamo la possibilità di portare la nostra regione e il nostro territorio

Dettagli

Newsletter N. 6/2014

Newsletter N. 6/2014 Consiglio Regionale Lazio Newsletter N. 6/2014 Cari amici, siamo giunti alla fine del primo semestre, arrivano le vacanze e con esse la stagione ideale per rilassarci: al mare, in montagna, in campagna

Dettagli

Il mondo intorno a noi

Il mondo intorno a noi Il mondo intorno a noi SCUOLA INFANZIA CASOLA - BERZANTINA ANNO SCOLASTICO 2014/15 Le insegnanti, Germana Liani Giovanna d Isanti 1 Loredana Camiscia Angela Tomasi SCUOLA DELL INFANZIA DI CASOLABERZANTINA

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

Il cartone vince sul degrado

Il cartone vince sul degrado 1. Il cartone vince sul degrado inshare Il cartone vince sul degrado di Sergio Ferraris Al Rione Sanità ogni giorno si raccolgono 2,3 tonnellate di cartone. Un risultato eccellente dovuto non solo alla

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Newsletter gennaio 2015

Newsletter gennaio 2015 Newsletter gennaio 2015 Anche nel 2014, il nostro Villaggio si è confermato come una realtà in continuo movimento. In questo periodo ancora così difficile, i bisogni si evolvono e il Villaggio si evolve

Dettagli

Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente

Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente Intervento Claudio Masi Direttore Agenzia Milanese Mobilità Ambiente Convegno LA GESTIONE DELLA MOBILITA NELLA CITTA METROPOLITANA: PROPOSTE, PROGETTI E RISORSE PER MILANO Sala Conferenze Camera di Commercio

Dettagli

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più Interventi dei Sigg. consiglieri Bilancio 2014 Ricognizione dello stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri (art. 193 d.lgs n. 267/00 e degli art. 82 del regolamento di contabilità.

Dettagli

Discorso di insediamento Mi rivolgo ai presenti tutti, nell esprimere il mio più sentito ringraziamento per l alto onore e la responsabilità che

Discorso di insediamento Mi rivolgo ai presenti tutti, nell esprimere il mio più sentito ringraziamento per l alto onore e la responsabilità che Discorso di insediamento Mi rivolgo ai presenti tutti, nell esprimere il mio più sentito ringraziamento per l alto onore e la responsabilità che comporta il compito di realizzare questo progetto che ci

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

NEWSLETTER N 13 GENNAIO 2014 ************

NEWSLETTER N 13 GENNAIO 2014 ************ ************ Innanzitutto Buon Anno a tutti. In questi giorni sono ripresi i lavori Consiglio regionale e quindi Vi aggiorno su alcuni provvedimenti di interesse, anche per il nostro territorio. In primo

Dettagli

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014

PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 PROPOSTE DI ATTIVITA PER PREPARAZIONE ALLA FESTA DELLA PACE 2014 Carissimi Educatori, come anticipato prima di Natale con alcune informazioni sulla Festa diocesana della Pace del 16 febbraio 2014, vi proponiamo

Dettagli

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM Associazione FA.T.A. Onlus FA.T.A. FAmiglie Temporanea Accoglienza (www.fataonlus.org) ospita e sostiene bambini e adolescenti che il Tribunale dei Minori allontana dalla famiglia per disagio. L Associazione

Dettagli

alla scoperta del binario 9¾

alla scoperta del binario 9¾ campania onlus 2013 Metropolitana di Salerno alla scoperta del binario 9¾ al binario invisibile il viaggio della metro pronta, inaugurata, ma mai entrata in funzione marzo 2013 Il viaggio immaginifico

Dettagli

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe

LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe LA MIA VENEZIA Reportage di un viaggio con la mia classe Nei giorni 11 e 12 aprile sono andata in gita scolastica a Venezia. Prima di questo viaggio, nel mio immaginario, Venezia era una città triste,

Dettagli

MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA

MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA MEMORIE DI UNA GUERRA PER LA PREPARAZIONE DI UNA SECONDA COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO *** Su concessione dell Archivio storico del Comune di Cortina d Ampezzo 1915 2015 CENTENARIO GRANDE

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

I QUARTIERI DEGRADANO I TUOI DIRITTI MAI!

I QUARTIERI DEGRADANO I TUOI DIRITTI MAI! A TUTTI I CITTADINI DI ROMA I QUARTIERI DEGRADANO I TUOI DIRITTI MAI! OLTRE UN MILIONE DI CITTADINI ROMANI VIVONO IN ZONE DEGRADATE DELLA CITTA!!! ISTRUZIONI PER FAR VALERE I TUOI DIRITTI Tutti i cittadini

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca

Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca Consegna dei primi alloggi Aler per gli studenti fuori sede dell Università di Milano-Bicocca Firmata oggi la convenzione, alloggi per 30 studenti Firmata la convenzione tra Aler Milano e l Università

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36

PAESI DEL MONDO KENYA. Il mio amico SAFARI. di Massimo Leoncini. febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 PAESI DEL MONDO KENYA Il mio amico SAFARI di Massimo Leoncini febbraio 2011 - GEOMONDO - 36 In questi giorni invernali di freddo, pioggia e neve mi sono trovato per caso a guardare le foto del bellissimo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli

Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli Intervento di Anna Donati Amministrazione comunale di Napoli In Campania e a Napoli il trasporto pubblico sta vivendo una crisi drammatica dovuta, e qui sono d'accordo con quanto sostiene Marco Piuri,

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore

PROGETTO PIEDIBUS. Io vado a piedibus. ad Arcore PROGETTO PIEDIBUS Io vado a piedibus ad Arcore PREMESSA Il progetto vuole inserirsi nella famiglia dei progetti che mirano a migliorare la qualità della vita nelle nostre città attraverso la mobilità sostenibile

Dettagli

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale.

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale. VC Ginnasio Riporta un tuo recente comportamento individuale, rappresentativo della tua responsabilità sociale. - Rispettare la raccolta differenziata a scuola e in famiglia. Muovermi a piedi. - Attraversare

Dettagli

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume.

Verona nasce sulle rive dell Adige. Prima dei romani era adagiata sotto Colle San Pietro, poi nell ansa del fiume. LA CITTA COME LUOGO DI VITA. Anticamente le città sorgevano dove la natura permetteva la vita: presenza di acqua; terreni fertili; zone riparate. Poi divennero città dei luoghi scelti come snodi commerciali;

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena

UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena UIL Camera Sindacale Provinciale Cesena Via Natale Dell Amore 42\a Cesena - tel. 0547\21572 - fax 0547\21907 - e.mail cspcesena@uil.it Nell introdurre i lavori di questa importante iniziativa, mi sia consentito

Dettagli

Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale

Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale Un nuovo sistema di trasporto nei quartieri a sud dell Eur per la mobilità sostenibile di Roma Capitale Corridoi del trasporto pubblico Eur-Tor de Cenci ed Eur Laurentina-Tor Pagnotta-Trigoria La mobilità

Dettagli

Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo.

Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo. Carabiniere e Fiumefreddesi volontari in Tanzania. Esempio di carità e altruismo. Carissimi colleghi, non è il titolo di un articolo di giornale, ma la sintesi di una esperienza vera, reale e concreta.

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Volontariato Giovanile di Assistenza e Sport ONLUS.

Volontariato Giovanile di Assistenza e Sport ONLUS. Volontariato Giovanile di Assistenza e Sport ONLUS. Mi chiamo Maria Marongiu e provengo da una famiglia religiosa: ho avuto due zii vescovi, alcuni sacerdoti e alcune zie suore, pie donne e dame di carità

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia

COMUNE DI SAN GIULIANO DI PUGLIA. La ricostruzione di San Giuliano di Puglia La ricostruzione di San Giuliano di Puglia Cronologia avvenimenti 11.32 GIOVEDÌ 31 OTTOBRE 2002: un terremoto di 5,4 gradi della scala Richter fa tremare il Molise. La zona più colpita è San Giuliano di

Dettagli

FOCUS 12/10/09. Tema: SGUARDI FEMMINILI. LA CITTÀ DAL PUNTO DI VISTA DELLE DONNE

FOCUS 12/10/09. Tema: SGUARDI FEMMINILI. LA CITTÀ DAL PUNTO DI VISTA DELLE DONNE FOCUS 12/10/09 Tema: SGUARDI FEMMINILI. LA CITTÀ DAL PUNTO DI VISTA DELLE DONNE Presenti all incontro: Gina Angiolini, Daniela Ascari, Luana Gheduzzi, Lilliana Manicardi, Valentina Parenti, Pamela Tavernari,

Dettagli

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI ELEZIONI AMMINISTRATIVE 26-27 MAGGIO 2013 COMUNE DI ORBASSANO PROGRAMMA AMMINISTRATIVO 2013-2018 CANDIDATO SINDACO DOMENICO GUARNERI Il cittadino sarà al centro dell attività amministrativa dei Socialisti:

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Il Bollettino del Villaggio dell Arca

Il Bollettino del Villaggio dell Arca Cari amici con un po di malinconia ci lasciamo alle spalle l estate, ricca di bei momenti e di incontri interessanti, e ci immergiamo nel nuovo anno scolastico. Come accade ogni anno, lo spirito legato

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea

Christian, Riccardo, Camilla, Andrea Giovedì pomeriggio ci siamo recati in biblioteca per fare una ricerca sull'illuminismo. Cercavamo un libro abbastanza antico, non trovandolo la bibliotecaria ci ha portati nell'archivio e ci ha dato un

Dettagli

Cartella stampa. Indice. Uno sguardo sul Gruppo C.S.A...Pag. 2. C.S.A. Cooperativa Servizi Assistenziali... Pag. 3

Cartella stampa. Indice. Uno sguardo sul Gruppo C.S.A...Pag. 2. C.S.A. Cooperativa Servizi Assistenziali... Pag. 3 Cartella stampa Indice Uno sguardo sul Gruppo C.S.A...Pag. 2 C.S.A. Cooperativa Servizi Assistenziali... Pag. 3 C.S.A. Cooperativa Servizi Ambiente...Pag. 6 C.S.A. Cooperativa Sant Anselmo...Pag. 7 Le

Dettagli

ALLEGATO N.1 BRIEF DI PROGETTO

ALLEGATO N.1 BRIEF DI PROGETTO ALLEGATO N.1 BRIEF DI PROGETTO 1. Le origini della Fiera Ogni anno, la prima domenica di settembre, segna la ripresa dell anno pastorale della Parrocchia di Pieve di Cento. La Festa della Beata Vergine

Dettagli

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi

Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi Lezione 1 - pag.1 Lezione 1: come si descrive la posizione dei corpi 1.1. Tutto si muove Tutto intorno a noi si muove. Le nuvole nel cielo, l acqua negli oceani e nei fiumi, il vento che gonfia le vele

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Sommario. Bentornata Preside.pag. 2. L ultima avventura di Garmir: l incontro con i ragazzi del Cerboni.. pag. 3. Lo ha letto per noi...pag.

Sommario. Bentornata Preside.pag. 2. L ultima avventura di Garmir: l incontro con i ragazzi del Cerboni.. pag. 3. Lo ha letto per noi...pag. Gennaio 2010 Sommario Bentornata Preside.pag. 2 L ultima avventura di Garmir: l incontro con i ragazzi del Cerboni.. pag. 3 Lo ha letto per noi...pag.4 Cronaca sportiva pag. 5 Finalmente una lezione interessante.

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO

LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO LA COLONIA MARITTIMA VITTORIO EMANUELE III V. CANTALUPO - D. CERAUDO - V. FRASCA - S. MASTROGIACOMO 1 Argomento FASE STORICA 1 FASE : La prima colonia marina di Ostia nacque nel 1916, su progetto dell'architetto

Dettagli

Un bilancio del mandato 2009-2014

Un bilancio del mandato 2009-2014 Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria di Bologna, avvio del mandato 2014-2019 Un bilancio del mandato 2009-2014 1. Ruolo e funzioni della CTSS: cenno storico Le Conferenze Sanitarie nascono nel 1992

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva

ARGOMENTI PROPOSTI. - Progettazione per lotti e fruibilità progressiva Municipio 1 Centro Est Caserma Gavoglio, una rigenerazione urbana di interesse del quartiere e della città: esame delle principali tematiche 20 giugno 2015, dalle ore 09:30 alle ore 13:30, Scuola Duca

Dettagli

Intervento del Presidente Vasco Errani

Intervento del Presidente Vasco Errani Intervento del Presidente Vasco Errani Ci sono aspetti del confronto tra Governo e Regioni sui temi della crisi, dell utilizzo dei fondi comunitari e degli ammortizzatori sociali che vanno chiariti. La

Dettagli

APPROFONDIMENTI. Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra. Aprile 2005. Il lavoro domestico in Europa

APPROFONDIMENTI. Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra. Aprile 2005. Il lavoro domestico in Europa Avenue des Arts, 20/4 B1000 Bruxelles Telefono +32 2 2335432 osservatorio@osservatorioinca.org www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Out of the shadow Sortir de l ombre Emergere dall ombra La presenza

Dettagli