Dal Direttore. Gianni Papa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal Direttore. Gianni Papa"

Transcript

1 Dal Direttore La fine di un anno è il tempo dei bilanci sul passato e della speranza in un futuro migliore. Noi di Veci e Bocia abbiamo lavorato durante quest anno per aumentare ancora il senso di appartenenza degli Alpini e degli Amici degli Alpini milanesi alla nostra magnifica Sezione, e di intesa con il nostro sito internet abbiamo prodotto informazione e messo a punto altri strumenti di comunicazione per far conoscere sempre meglio quanto noi Alpini facciamo per le nostre comunità. Perché operiamo in questa direzione? Nella attuale crisi di valori della società italiana è importante far sapere che ci sono ancora persone che credono in valori positivi, che lavorano per far capire con l esempio che le tante difficoltà si superano solo dando importanza ai valori veri e non seguendo le chimere dei valori di consumo o alla moda. Cari lettori, non stiamo inventando nulla perché stiamo ancora riscontrando l attualità dell esempio che abbiamo avuto con la lieta novella che iniziò in una umile capanna più di venti secoli fa. La società italiana ha bisogno dei nostri valori e di noi perché la speranza di un domani migliore si basa anche sul sapere di poter contare su qualcuno e su qualcosa di vero e affidabile. Noi Alpini possiamo dare una risposta a questo bisogno e il nostro senso del dovere ci impone di non tirarci indietro. Gianni Papa PERIODICO DELLA SEZIONE DI MILANO DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI Direzione: Via V. Monti, Milano - Tel Fax Anno 54 - Numero 4 - Dicembre p.e.: Spedizione in a. p. art.2 comma 20/C legge 662/96 Filiale di Milano - C.c. postale Il Labaro si avvia verso il Sacrario dei Caduti Cari Alpini e Amici degli Alpini, un altro anno si è concluso e guardando ai mesi trascorsi possiamo fare un bilancio di quello che è successo. Vediamo che, nonostante il mondo che ci circonda faccia di tutto per renderci la vita, non dico difficile, ma sicuramente più complicata, noi, continuando passo dopo passo sulla strada tracciata dai nostri Veci, continuiamo a perseguire i nostri scopi senza farci condizionare. Siamo stati colpiti da tanti eventi che hanno lasciato ferite difficilmente rimarginabili a livello umano. I lutti che la nostra Patria ha subito nei teatri esteri in nome di una pace non facilmente raggiungibile, e il continuo mancato rispetto per la vita umana che si osserva in ogni angolo del mondo, non condizionano la fermezza nei nostri ideali. Ogni giorno si contano innumerevoli caduti; per la violenza di una rapina o per un regolamento di conti, per la droga o per l alcool, per ideali religiosi o per fanatismo razziale. Ed è anche difficile capire perché sia più facile distruggere che costruire. Se pensiamo al nostro ambito, noi Alpini di fronte a ciò siamo uomini differenti. Riusciamo a costruire dove gli altri distruggono, e siamo capaci di ricostruire non solo le cose materiali ma anche la voglia di amore e la speranza, dando la sicurezza di un aiuto sempre pronto per tutti, senza nessun preconcetto o distinguo, ma solamente perché riusciamo a capire che aiutare gli altri permette di rafforzare noi stessi. Anche quest anno, ringraziando Voi e le nostre famiglie che ci supportano con tanto amore, chiudiamo l anno con dei risultati che non direi positivi, ma positivissimi. Tutti i nostri Gruppi hanno continuato a diffondere i nostri ideali e a seminare Amore, e hanno continuato a lavorare ai loro programmi come se vivessero in un mondo diverso da quello degli eventi tristi. Di questo tutti noi, e io per primo, siamo grati. Questo nostro modo di vivere è di esempio, anche se talvolta qualcuno ci considera quasi come degli esseri Bruno Anselmi è andato avanti Mentre questa edizione di Veci e Bocia stava per essere mandata in stampa è giunta la notizia dell improvvisa morte di Bruno Anselmi, l Alpino più anziano della Sezione, che avrebbe compiuto i 100 anni a maggio. Nella foto lo vedete con il presidente nazionale Corrado Perona, che aveva voluto salutarlo al termine della cerimonia al Sacrario dei Caduti lo scorso 17 dicembre. Qui abbiamo potuto inserire solo queste poche righe, giusto per dare la notizia, ma dedicheremo nel prossimo numero a Bruno lo spazio che gli è giustamente dovuto. G. R. alieni, non comprendendo che siamo solo Alpini e che dimostriamo con le nostre azioni che è possibile realizzare qualcosa di bello. Ed è appunto per questo che sono convinto che il nostro futuro sarà sempre bello e roseo; noi vediamo il male, ma il male non ci infetta, e credo che anche gli altri, prima o poi, capiranno che l odio si combatte con l amore, con la fede in ideali positivi, con la determinazione nei nostri ideali, e operando con puro spirito di servizio. Mi auguro così che le feste natalizie portino a tutti la nostra serenità rendendoli più simili a noi, per far sì che tutti imparino ad essere un po più Alpini e molto meno egoisti. Cari Alpini e Amici degli Alpini, a nome mio, del Consiglio Direttivo Sezionale e di tutta la Sezione Vi ringrazio per quello che avete fatto e per quello che fate e che farete, e auguro a tutti Voi e alle Vostre Famiglie un felice e sereno Natale e un 2007 pieno di serenità e di prosperità. Giorgio Urbinati La 50 a S.Messa di Natale in Duomo Domenica 17 dicembre alcune migliaia di Alpini giunti da quasi tutta Italia sono convenuti nel Duomo di Milano per ricordare i Caduti, rinnovando per la 50 a volta la cerimonia in loro suffragio promossa da Peppino Prisco mezzo secolo fa. Ancora una volta il numero degli Alpini presenti è aumentato, con al seguito ben 258 gagliardetti e 50 vessilli ospiti, oltre ai numerosi gonfaloni delle città che ospitano i Gruppi della Sezione e di altre che hanno comunque voluto essere presenti. Tra le autorità intervenute, segnaliamo la prima presenza del nuovo comandante le Truppe Alpine, generale di C.A. Armando Novelli. Al termine della S.Messa, dopo l alzabandiera, sul sagrato hanno preso la parola il Consigliere Regionale Piergianni Prosperini e il vice sindaco Riccardo De Corato, mentre l oratore ufficiale è stato l ex presidente nazionale dell ANA Beppe Parazzini. È poi seguita, come tutti gli anni, la sfilata fino al Sacrario dei Caduti in Piazza Sant Ambrogio per la deposizione di una corona d alloro. E anche quest anno il telegiornale regionale ha bellamente ignorato la nostra cerimonia, mentre ha dato invece ampio spazio alla corsa dei Babbo Natale, pur essendo stati presenti gli operatori di ripresa sia in Duomo che sulla piazza. Pazienza... Nec videatur dum sim Gigi Rodeghiero

2 2 - Veci e Bocia Dicembre 2006 VITA SEZIONALE La Festa sezionale d autunno: due commenti E domenica sera, si cucinano le ultime padellate di castagne Anche questa volta abbiamo fatto centro. Nei giorni di sabato 21 e domenica 22 ottobre la nostra Sezione ha infatti ripetuto il successo dello scorso anno regalando ai milanesi una bella festa in occasione della castagnata sezionale. La massiccia affluenza di milanesi e turisti ci ha ripagato delle fatiche di allestire una manifestazione che rappresenta sempre un impegno per i Gruppi preposti all organizzazione e che sono gli ingranaggi della complessa macchina che permette la buona riuscita della festa. Ognuno di noi ha il suo compito e, laddove c è carenza di manodopera, la disponibilità degli alpini ed amici risolve la situazione dando quasi l impressione a chi ci vede di essere gente del mestiere. Quasi che il darci il cambio al volo per tagliare, cuocere e distribuire salamelle, castagne e polenta sia la nostra abituale occupazione. È bello vedere i Soci della Sezione che lavorano fianco a fianco, conoscendosi o rincontrandosi e l unico rammarico è rappresentato dal fatto che, se fossimo un po più numerosi, ce la godremmo magari di più. Ma tant è, e ancora una volta vale il vecchio motto: tasi e tira. Malgrado le preoccupazioni burocratiche riguardanti la disponibilità dell area e qualche lieve inconveniente, risolto come al solito, anche stavolta possiamo dire che tutto ha funzionato bene e le dimostrazioni di apprezzamento dei nostri ospiti ci hanno ripagato delle fatiche. Ora si guarda già alla prossima festa di primavera ed è giusto ricordare a tutti i Soci che la partecipazione a queste iniziative contribuirà ad aiutare a coprire almeno in parte le spese previste per la buona riuscita delle manifestazioni del 2008, quando la Sezione di Milano festeggerà il suo 80 anno di fondazione ed ospiterà il raduno del 2 raggruppamento. Franco Maggioni Come già scritto in prima pagina, nell aristocratica cornice milanese di largo Beltrami, si è svolta la sesta edizione della Festa Alpina d Autunno. Nelle intenzioni dei promotori la manifestazione punta sempre più a diventare un appuntamento fisso nel panorama meneghino, consentendo di promuovere e fare conoscere ai milanesi i numerosi volti dell Associazione. Quest anno il programma della manifestazione è stato arricchito dalla presentazione del volume DNA Alpino Racconti e immagini dal 1938 ad oggi. La cerimonia si è svolta nella sala Alessi di Palazzo Marino alla presenza del Consiglio Direttivo Nazionale. Nelle vivide pagine del volume gli autori, tutti ex allievi della Scuola Militare Alpina di Aosta, hanno raccolto alcuni episodi vissuti nei mesi in cui frequentavano i corsi. Attraverso la narrazione e le immagini, gli autori accompagnano per mano il lettore a scoprire il valore aggiunto dell essere Alpini. I numerosi soci intervenuti dall alba del sabato per l allestimento dell attendamento, sono stati accolti da un tempo inclemente. La pioggia, nonostante sia caduta incessantemente fino al primo pomeriggio rallentando il generoso ritmo del lavoro, non ha potuto scacciar l allegria dai volti. A ciò ha contribuito l opera degli addetti alla cucina che hanno riscaldato gli animi dei presenti sfornando i piatti semplici ma gustosi della tradizione alpina. Contemporaneamente dalle fumanti marmitte poste all esterno dell attendamento si spargevano per tutta la piazza i profumi del vin brulè e delle caldarroste. Un stato d animo spensierato e brioso ha preso così possesso della festa e non l ha più abbandonata fino al suo termine. Incuriositi e attratti dalle cante improvvisate dagli Alpini ai tavoli, dagli incessanti brindisi e dagli aromi della cucina i milanesi hanno dimostrato il loro apprezzamento sostando all interno dell area. Anche quest anno come nelle precedenti edizioni, preponderante è stata la presenza dei turisti. Questo risultato è dovuto alla favorevole ubicazione della festa, situata in pieno centro storico di fronte al Castello Sforzesco. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza l impegno congiunto ed insostituibile dei Gruppi e della Protezione Civile che con uomini e attrezzature hanno consentito che tutto si svolgesse in modo sicuro. L enorme lavoro ha visto infatti la partecipazione di oltre centoventi soci per più di 700 ore di lavoro. A tutti un grazie e un arrivederci alla Festa di Primavera, nelle settimane successive all adunata di Cuneo. In ultimo, un pensiero ad un socio che all ultimo momento non ha potuto prendere parte alla nostra festa: Ciao Mario, ti aspettiamo! Andrea Sacco Allegria alla festa d autunno La nuova sede della Sezione di Biella Domenica 29 ottobre la Sezione di Biella ha inaugurato la sua nuova sede sezionale. La manifestazione è stata ancora più importante in quanto nel medesimo fine settimana si era tenuto sempre a Biella il raduno dei Presidenti delle Sezioni europee, al quale hanno preso parte i rappresentanti provenienti da cinque nazioni. La manifestazione nella giornata di domenica è consistita in una breve sfilata di ingresso alla nuova sede, seguita dall inaugurazione ufficiale, con la Santa Messa e un rancio alpino veramente solenne nel grande salone della sede. I lavori di ristrutturazione dell edificio, precedentemente di proprietà Telecom, o meglio SIP visto il tempo in cui era in funzione, sono durati parecchi mesi, e sono giunti a buon fine grazie al duro lavoro di volontariato che moltissimi alpini biellesi hanno donato per la loro nuova casa. In realtà le fatiche non sono ancora finite, perché al piano terra tra qualche mese vedrà la luce il Museo delle Truppe Alpine che diverrà la più importante testimonianza permanente della nostra storia in Italia. Di esso già oggi è possibile ammirare un piccolo assaggio, ma che già fa presagire la maestosità dell opera finale. Altresì degno di nota è il monumento all Alpino posto all ingresso della sede, capolavoro di legno intagliato frutto della maestria e dell arte di due alpini, padre e figlio, di Ortisei, culla dell intaglio. Alla manifestazione hanno preso parte rappresentanti di Sezioni e Gruppi provenienti da tutto il nord Italia, per circa 50 Sezioni e quasi 200 Gruppi. Ovviamente non poteva mancare il nostro Presidente nazionale Corrado Perona che, in quanto biellese, non ha lesinato gioia, ringraziamenti ed emozioni nel vedere l ambito traguardo raggiunto dalla sua Sezione, oggi esemplarmente guidata dal Presidente Edoardo Gaja Genessa. Una bellissima giornata, in cui anche un favorevolissimo tempo meteorologico ha indubbiamente aiutato a creare un ricordo indimenticabile per noi e per tutti i nostri amici alpini biellesi. Gian Paolo Rossetti Sintesi dei verbali di riunione del CDS 2 ottobre 2006 Il CDS ha reso omaggio ai Caduti in Afghanistan con un minuto di raccoglimento. Viene deciso di non proporre un incremento della quota associativa alla prossima Assemblea Sezionale. Il CDS ha verificato lo stato della organizzazione della Festa sezionale d autunno a Milano (Castagnata), della partecipazione al Raduno del 2 Raggruppamento a Casteggio, e della Santa Messa in suffragio dei Caduti nel Duomo di Milano (17 dicembre 2006). Viene deciso di effettuare un sopralluogo a Cuneo per definire gli spazi per l attendamento sezionale alla prossima Adunata Nazionale. Il CDS approva il regolamento del 16 Concorso letterario internazionale di Lacchiarella. 6 novembre 2006 Il Presidente Urbinati e il CDS esprimono soddisfazione per la ottima riuscita della Festa di inaugurazione della sede del Gruppo di Arese (8 ottobre 2006). Viene valutato positivamente il bilancio della Festa sezionale d Autunno, cui hanno collaborato 24 Gruppi con circa 120 Soci. Il CDS ha verificato lo stato della organizzazione, e sono definiti i ruoli e i dettagli della tradizionale Santa Messa in suffragio dei Caduti nel Duomo di Milano del 17 dicembre 2006, giunta al 50 anno. Viene definita la presenza della rappresentanza del CDS alle assemblee ordinarie dei Gruppi, e sono inoltre definite alcune indicazioni procedurali. 4 dicembre 2006 Il CDS ha verificato la situazione delle candidature pervenute dai raggruppamenti per le cariche elettive alla prossima assemblea sezionale. Sono stati verificati i dettagli organizzativi e definiti gli incarichi operativi e di rappresentanza per la S. Messa in Duomo del 17 dicembre. Il Presidente Urbinati riferisce del sopralluogo fatto a Cuneo per definire l area per l attendamento sezionale. È stata illustrata la situazione dei lavori alla Struttura 3P di Cesano Maderno per la Unità di Protezione Civile.

3 Dicembre 2006 VITA SEZIONALE Veci e Bocia - 3 Prosegue anche in questo numero la serie di articoli dedicati agli Alpini che hanno dato lustro alla Sezione di Milano. Parliamo questa volta di Giuseppe Novello, personaggio famoso in ambiente intellettuale ed artistico, i cui graffiti ornano le pareti della sede sezionale. Nasce il 7 luglio 1897 a Codogno, nella bassa pianura lodigiana, terra di fertili campi, di limpide acque e di Alpini di razza. Studia presso il Regio Liceo Berchet di Milano, città dove ha modo di frequentare lo studio dello zio materno, l affermato pittore Giorgio Belloni, e di mettere in mostra una innata propensione per il disegno. Per assecondare le aspettative del padre Eugenio, direttore di banca, nel 1915 si iscrive alla facoltà di giurisprudenza dell università di Pavia dove si laureò con una tesi sui diritti d autore nelle arti figurative. Partecipa alla grande guerra sugli altipiani combattendo con la 46ª compagnia del battaglione Tirano, meritando col grado di sottotenente una medaglia d argento e una di bronzo al V.M. Congedato nel 1919 è a Milano dove frequenta l Accademia delle Belle Arti di Brera e concorre alla fondazione della nostra Associazione. Giuseppe Novello, quasi novantenne, ad un Adunata nazionale Nel 1919 partecipa per la prima volta ad una mostra collettiva e vince il concorso Fumagalli con l opera Interno Borghese. Si afferma per le sue vignette che interpretano con garbato umorismo le vicende quotidiane, i vizi e le virtù del mondo piccolo borghese contemporaneo. Nel 1925, l appena nato il periodico L Alpino pubblica i suoi disegni umoristici che illustrano con sottile ironia aspetti della naia Alpina. Nella redazione de L Alpino nasce la sua amicizia col giornalista e scrittore Paolo Monelli (quello de Le Scarpe al Sole ) che gli propone una collaborazione concretizzatasi nel volume di vignette e racconti La guerra è bella ma scomoda (Ed. Treves ). Il consenso a questa pubblicazione contribuirà a renderlo famoso e a far conoscere ed amare gli Alpini a tanti italiani. È ancora Monelli ad introdurlo al Cenacolo Milanese di via Bagutta ove incontra, tra gli altri intellettuali ed artisti, Orio Vergani, Riccardo Bacchelli e Mario Vellani Marchi. Negli anni trenta Mondadori pubblica le sue vignette in due volumi Il signore di buona famiglia (1934) e Che cosa dirà la gente (1937). Fra le due guerre l interesse dell artista per la pittura è sempre vivo: partecipa a quasi tutte le principali Mostre e Gallerie d Arte Italiane, alle esposizioni della Permanente di Milano, e ad alcune Biennali Veneziane dove vince, nell edizione del 1940, il concorso per il ritratto con Ritratto Estivo. Nel 1942 il capitano Giuseppe Novello indossa di nuovo la divisa e parte col 5 Alpini della Tridentina per il fronte russo, dove prenderà parte alla tragica ritirata del nostro corpo di spedizione guadagnando un altra medaglia d Argento al V.M. Rientrato in Italia nel marzo 1943, è fatto prigioniero dai tedeschi il 9 settembre a Fortezza e viene trasferito dapprima al campo di concentramento per ufficiali italiani di Czestochova, in Polonia e quindi nei lager di Benjaminovo, Sandbostel e Wietzendorf, dove incontrerà e farà amicizia con lo scrittore Giovanni Guareschi. Avendo rifiutato ogni forma di collaborazione col rinato fascismo, ritornerà in patria soltanto alla fine d agosto del Porta con sé una serie di vignette disegnate su ogni pezzo di carta disponibile che, insieme a quelle della campagna di Russia, riunisce in un nuovo volume Steppa e gabbia. Mondadori torna a pubblicare le sue vignette in fortunate raccolte: Dunque dicevamo (1950), Sempre più difficile (1957), Resti tra noi (1967). Dal 1948 al 1965 le sue vignette compaiono ogni settimana sulla terza pagina de La Stampa. Frequentatore assiduo della nostra sede in via Vincenzo Monti (il suo studio era in Foro Bonaparte), nell inverno dal 1953 decide con Riosa e Vellani Marchi, come lui pittori ed Alpini, di dare una ripulita alle pareti della sede, dando vita agli splendidi graffiti di naia alpina che tutt ora le ornano e che noi conserviamo con orgoglio. Amico di don Carlo Gnocchi, fa parte del comitato che raccoglie i fondi per l allestimento del sarcofago in granito della Valcamonica, ove il 3 aprile 1960 saranno traslati i resti di don Carlo. Dalla fine degli anni sessanta si dedica prevalentemente alla pittura. Alcuni dei suoi quadri più apprezzati sono esposti al museo di Codogno che ha contribuito a riordinare. Come disse Vitaliano Peduzzi: Novello non usa mai l asprezza del sarcasmo, che non gli è per nulla congeniale, ma è ricchissimo e prodigo di benevola ironia sui piccoli difetti, manie, atteggiamenti della gente per bene di tutti i giorni, a cominciare da sé stesso, ha un ironia che include solidarietà con la persona presa di mira. Indro Montanelli disse dell opera di Novello, del quale fu estimatore ed amico: Non c è, in tutta questa galleria, figura che le persone della mia età non abbiano conosciuto; non c è scenetta alla quale non abbia assistito. Un mondo morto, dirà qualcuno. Certo. Ma anche quello in cui mi piace continuare a vivere. Fino all ultimo mantenne uno spirito brillante e autoironico. Pochi mesi prima di morire, ringraziando un amico che gli aveva inviato gli auguri per il suo 90 compleanno, scriveva: Grazie per avere salutato l arrivo improvviso dei miei novantanni, arrivo che - ti giuro - mi ero ben guardato dal sollecitare. Nel 1984 il Comune di Milano gli conferisce la medaglia d oro di benemerenza. Quando Giuseppe Novello è andato avanti, Giulio Bedeschi lo ha così commemorato: Fu un grande Alpino. Modesto. Coraggioso. Un soldato. Un artista. Un galantuomo. Un signore. Intelligente. Generoso. Di grande rigore morale. Un carattere. Una figura d uomo forse irrepetibile. Un preciso, essenziale punto di riferimento nella grande tradizione alpina. Muore nella sua casa di Codogno il 2 febbraio Giuseppe Semprini - Vedi? Il Consiglio nazionale dell ANA si trasferisce a Roma! - Pazienza. Mettiamoci al lavoro. Nel 1928, con questo disegno e con questa didascalia, Novello illustrò la nascita della Sezione di Milano Ed ecco le motivazioni delle Medaglie al Valor Militare di Giuseppe Novello. Novello Giuseppe, aspirante ufficiale del 5 Reggimento Alpini Medaglia d argento al Valor Militare Alla testa del proprio plotone nell assalto di una forte posizione, per primo piombava di sorpresa sull avversario sgominandolo e ponendolo in fuga. Incurante del pericolo, ritto sulla trincea che rapidamente aveva organizzato a difesa, ributtava col proprio reparto i ripetuti contrattacchi nemici, perseverando nella strenua difesa della posizione, anche quando, quasi completamente aggirato, poteva essere tratto a ritenere inutile ogni ulteriore resistenza. Col d Echele, 28 gennaio 1918 Novello Giuseppe, sottotenente di complemento del 5 Reggimento Alpini Medaglia di bronzo al Valor Militare Comandante di una sezione lanciafiamme, per quanto non richiesto della propria opera, si portava si portava con due apparecchi alla testa del reparto operante e con esso arditamente si lanciava all assalto, rincuorando con la voce e con l esempio i soldati, che attaccando volgevano il nemico in fuga precipitosa. Canal (Piave), 31 ottobre 1918 Novello Giuseppe, capitano di complemento del 5 Reggimento Alpini. Medaglia d argento al Valor Militare Ufficiale addetto all assistenza presso un reggimento alpino sul fronte russo, partecipava volontariamente ad un duro combattimento e, alla testa di un manipolo di alpini appoggiato da carri armati, attaccava munitissime posizioni nemiche, dando esempio di grande valore e di elevato spirito combattivo. Nikolajewka (fronte russo), 26 gennaio 1943

4 4 - Veci e Bocia Dicembre 2006 PROTEZIONE CIVILE Raduno nazionale del volontariato di Protezione Civile Udine, settembre 2006 È norma che chi ha fatto il militare riesce ad adattarsi e comprendere determinate situazioni meglio di altri, proprio perché le ha già vissute. Questa è l esperienza fatta dai cinque nostri volontari di PC che hanno partecipato al Raduno Nazionale del Volontariato di Protezione Civile a Campoformido (Udine) il settembre. Anche questa esperienza è da considerare come una tipica esercitazione. Alcuni giorni prima della partenza mi telefona Roberto Polonia chiedendo la mia disponibilità ad andare a Udine con la Colonna Mobile della Regione Lombardia. Le informazioni che mi dà sono scarse: siamo in cinque, si dovrebbe montare delle tende, forse ci portano in giro per il Friuli a visitare le zone colpite dal terremoto con partenza nel primo pomeriggio di venerdì 15 settembre. Vuole la risposta entro un ora che è, deve essere, positiva. Dopo un giorno o due la partenza viene anticipata tra le 2 e le 3 di venerdì 15, per essere al casello di Udine verso le 7-7:30 e incontrare la restante Colonna Mobile Regionale Lombarda, e specificatamente con l Unità PC della Sezione di Varese. Nel giorno della partenza si rileva, e si giudica positivamente, l utilità della nostra struttura logistica denominata 3P : infatti il sottoscritto, ormai residente a circa 140 chilometri da Milano, ha dormito nella struttura usufruendo del camper; gli altri quattro partecipanti lasciano le loro auto in deposito al coperto e al sicuro, e si possono caricare i bagagli all asciutto e con tranquillità. Alle 2:30 precise si parte sotto una pioggia battente che ci accompagna sino al casello di Udine Sud. Alla guida del furgone è Cornelli, gli altri sono: Franchi, Giordano, Migliavacca, Zampieri. Alle 6:45 siamo al casello di Udine Sud e si aspetta. Verso le 7:30 non si vede ancora nessuno e il nostro referente ANA ci informa che l appuntamento è alle 8! L attesa non è inutile in quanto cominciamo già a renderci conto di cosa sarà la manifestazione. Al casello davanti a noi vi era una parte della Colonna Mobile P.C. Regione Abruzzo, e passano davanti a noi mezzi di svariate Associazioni di Volontariato di P.C. provenienti da varie Regioni incolonnati in Colonne Mobili Regionali o da soli. Alle 8, anche loro puntuali in base alle direttive avute, arrivano gli alpini di Varese e si prosegue incolonnati sino all ex aerocampo militare di Campoformido (UD). Arrivati e ritirati i pass personali, siamo sempre in una struttura militare, iniziamo la seconda parte dell esercitazione: il montaggio del nostro campo. Le tende da installare sono otto, due le montano la squadra dell AEM, le altre sei le montiamo noi alpini: siamo 16 tra alpini e amici degli alpini, ma non siamo tutti operativi manualmente, e le tende, oltre a ospitare i presenti, servono per degli ospiti della Regione Lombardia. Le tende sono quelle installate la prima (e unica) volta all aeroporto di Bresso durante una esercitazione, per cui tutta l operazione viene fatta sotto la visione di due esperti di Varese. Sono del tipo gonfiabile e possono ospitare sino a 14 persone; per l operazione di montaggio occorrono dalle 4 alle 5 persone nella prima fase, trasporto dei colli e posizionamento struttura base, e 3 persone nella fase successiva. Ci sono volute poco meno di tre ore per montare sei tende, inclusa la pausa panino e caffè offerti dai Varesini. Un vantaggio di queste tende è che se piove non si bagna l interno perché il pavimento è un corpo unico con essa; lo svantaggio è che occorre un appezzamento di terreno di una certa dimensione. Finito questo compito siamo liberi sino a domenica 17, quando inizia la seconda fase dell esercitazione, quella informativa e/o culturale, che dividerei in due settori: il campo base e le strutture esterne. Dobbiamo considerare che l informazione si ottiene sia da ciò che di positivo e nuovo si vede, ma anche da ciò che è negativo e che non si deve fare. Campo base: ospita, secondo una stima approssimativa, circa un migliaio di persone oltre ai mezzi operativi e di trasporto delle varie Colonne Mobili Regionali o Associazioni Regionali di P.C., di cui alcune operanti in settori visti per la prima volta. Interessante la visione dei mezzi (al 99% con quattro ruote motrici) e delle attrezzature di dotazione. Il terreno del campo è quello erboso adiacente alla pista dell aeroporto, ed è strutturato con una griglia in metallo posta a circa quindici centimetri sotto lo strato erboso, per cui con la pioggia non ha causato cedimento del terreno, ne ha impedito al fango di rendere difficile la mobilità. La mensa è stata veloce nel servire gli avventori, e interessante è stato il sistema e le attrezzature usate: un vassoio porta cibo con sotto vassoio in cartone spesso recuperabile. Positivi i servizi con doccia abbinata, che però richiedono utenti responsabili. Negativa la sistemazione in un unico settore dei lavabi e docce e la mancanza di appendi abiti all interno. Interessante la mostra: La Protezione Civile Scrive allestita in due hangar con filmati e pubblicazioni tecniche, informative e di comportamento, sulla Protezione Civile e il terremoto del Friuli orientate anche per le scuole. Qui si riesce ad avere una bozza del programma, avuto il giorno dopo in forma completa ad Artegna. Strutture Esterne: questa fase riguarda la giornata del 16 settembre. L organizzazione ha portati tutti i partecipanti, divisi su itinerari e orari diversi, a visitare alcune località colpite dal terremoto del Noi avevamo a disposizione due pullman, di cui uno condiviso con la Regione Marche. Su ognuno vi era un accompagnatore della Protezione Civile della Regione Friuli Venezia Giulia, ed era previsto un sistema di recupero nel caso che qualche partecipante si fosse perso o fosse arrivato in ritardo al pullman. Ci siamo trovati il 3 Dicembre al rifugio Piazza, gestito dagli Alpini del Gruppo Medale di Rancio della Sezione A.N.A. di Lecco, per stendere il programma delle nostre esercitazioni per l anno La giornata piovosa non ha favorito ad altre persone la salita al rifugio, dandoci così la sensazione di essere noi, assieme al cuoco e due sue aiutanti, i proprietari del rifugio. Sono parecchi anni che saliamo qui, a dicembre, per la stesura del programma per l anno seguente, oltre che ritrovarci per uno scambio di auguri di fine anno. Con l occasione abbiamo lasciato, per ricordare il nostro passaggio, un quadretto con le insegne della nostra Sezione e della Squadra, contenente la Preghiera dell Alpino, da noi posto nella adiacente chiesetta, dove abbiamo ricordato coloro che fecero parte della S.I.A.-P.C. purtroppo andati avanti. Il programma per l anno 2007 è presentato sotto; le nostre esercitazioni si completano sulle Prealpi lombarde nei territori di Bergamo, Como e Lecco. Unica eccezione è il Monviso, forse perché la prossima adunata nazionale sarà a Cuneo. La S.I.A. è costituita da Alpini della nostra Sezione, giovani e meno giovani, che si esercitano su terreni difficili, Durante il tragitto sono state date notizie sul terremoto e sulla fase di ricostruzione: viene ricordato come la prima fase fu un po disorganica e lenta, poi l avvento di Zamberletti e la predisposizione e applicazione di principi e norme generali fondamentali (agilità e prontezza di spesa, precedenza alle infrastrutture produttive vecchie e nuove, mantenimento delle precedenti strutture architettoniche e planimetriche, agevolazioni nella costruzione di case uni e bi famigliari, e altro); si parla degli aiuti nazionali e (di G.Giordano, segue a pag. 5) SQUADRA D INTERVENTO ALPINO ma che hanno come meta la montagna. Recentemente alcuni Bocia sono entrati e ciò fa piacere, perché vuole significare che le montagne sono ancora amate dagli Alpini. La moderna civiltà ha modificato alcuni valori e stili di vita, ma per noi Alpini rimarrà sempre vivo l attaccamento alle montagne, perché là abbiamo fatto il nostro servizio militare. Un invito, quindi, ai Bocia a farne parte. Per coloro che non conoscessero le origini, la Squadra d Intervento Alpino fu ideata dall Alpino Franco Mazzucchi nell anno Ha partecipato a due interventi di ricerca persone, a Cavi di Lavagna (GE) ed in Grigna orientale (LC). E inserita nella protezione civile sezionale e, con essa, partecipa agli interventi che ne derivano, non dimenticando lo scopo per cui è stata costituita: ricerca persone disperse e messa in sicurezza di operatori di P.C. impegnati in ambienti pericolosi per la propria incolumità. I suoi componenti si esercitano tutti i mesi, traendo ogni volta maggiore esperienza sul comportamento da tenere in montagna. Siccome a noi piace andare in montagna, uniamo l utile al dilettevole dando così maggior scopo al nostro volontariato. Giovanni Frattini Programma delle esercitazioni per l anno 2007: 21 Gennaio: Melzo (MI) presso sede Gruppo A.N.A. - raduno speciale 11 Febbraio: Località da definire cartografia ed orientamento Marzo: Piani dei Resinelli (LC) simulazione di ricerca disperso Aprile: Asso (CO) esercitazione su falesia 13 Maggio: Cuneo adunata nazionale Giugno: Monte Resegone (LC) vetta per via di cresta, da Passo del Giuff Luglio: Monviso vetta, dal rif. Quintino Sella (CN) (sabato e domenica) 26 Agosto: Monti Due Mani e Grigna orientale (LC) - visita alle targhe F.Figel e G. Mazzucchi Settembre: Pizzo d Erna (LC) - ferrata Gammauno Ottobre: Pizzo Tre Confini (BG) da Lizzola Novembre: Zuccone Campelli (LC) ferrata Minonzio 02 Dicembre: Monte S.Martino (LC) rifugio Piazza Le date, dove mancanti, saranno definite il mese precedente, considerando gli altri impegni sezionali e verranno aggiornate nel sito sezionale.

Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di

Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di Il Consiglio Nazionale Permanente delle Associazioni d Arma, nell ambito dei festeggiamenti del 150 anniversario dell unitá d Italia, ha deciso di svolgere a Torino, prima Capitale d Italia, il 3 Raduno

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori

frutto della collaborazione fra Volontari della Caritas Parrocchiale, Alunni e Alunne, Insegnanti e Comitato dei Genitori La Scuola Primaria PAOLO NEGLIA di Vanzago, nell ambito delle manifestazioni organizzate per la Festa di fine anno scolastico, ha promosso la seguente iniziativa frutto della collaborazione fra Volontari

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19 VADEMECUM 2012-2013 Pagina 1 di 19 Da compilare e inviare alla Federazione BDS (Annuali) Iscrizione federazione BDS nuovo / rinnovo ( validità anno solare); Modulo adesione Donacibo (Convenzione) Modulo

Dettagli

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore

Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore Chi ha una mano per combattere, anche solo con la penna e l arte dello scrivere, ha anche un cuore grande, capace di affrontare il sacrificio per lasciarci. Enzo Baldoni non è solo. Ognuno di noi è Unico

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

CENTRO CULTURALE VALENTINIANO

CENTRO CULTURALE VALENTINIANO SAN VALENTINO ED I GIOVANI VII edizione Concorso Artistico Letterario Anno 2016 PREMESSA: - L Associazione Centro Culturale Valentiniano, in collaborazione con la Basilica San Valentino in Terni, con il

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012

Colori e pensieri per i. bambini emiliani 04/06/2012. Colori e pensieri per i bambini emiliani 04/06/2012 Colori e pensieri per i Colori e pensieri per i bambini emiliani bambini emiliani 04/06/2012 04/06/2012 Ass. Culturale B-Side in Spazio Luce, Milano. Da una idea di: Dott.ssa Anna La Guzza, Psicologa Noi

Dettagli

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1

Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12. Livello A1 Università degli Studi di Genova Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ Completa con gli articoli (il, lo, la, l, i, gli, le) TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 30 gennaio

Dettagli

Ai Presidenti delle Pro Loco. Oggetto: collaborazione tra le Pro Loco e Treviso Marathon

Ai Presidenti delle Pro Loco. Oggetto: collaborazione tra le Pro Loco e Treviso Marathon Ai Presidenti delle Pro Loco Oggetto: collaborazione tra le Pro Loco e Treviso Marathon Gentili Presidenti, in seguito ad accordi presi tra Unpli e l organizzazione Treviso Marathon, vi portiamo a conoscenza

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.

E pace in terra. raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A. della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12. E pace in terra raccolta di poesie di alcuni alunni delle classi 3A 3B 3E 2A della Scuola Media C.Aschieri di S.Pietro in Cariano 13.12.2007 INTRODUZIONE Il lavoro è stato svolto all interno di tre classi

Dettagli

è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma

è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma Torino, 30 settembre 2013 Gentili Dirigenti Scolastici ed Insegnanti, è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma il tuo Natale, promosso dalla Fondazione Ospedale Infantile

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

Il Comune di Ravenna a-

Il Comune di Ravenna a- "Sicurezza dei pedoni": ecco la risposta di Ravenna LA CAMPAGNA REGIONALE II Comune aderisce a "Nati per Camminare" e il sindaco scrive una lettera che verrà distribuita nelle scuole: "L'auto non deve

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore E. Majorana. Liceo Linguistico, Scientifico e delle Scienze Umane. Guidonia (Roma)

Istituto d Istruzione Superiore E. Majorana. Liceo Linguistico, Scientifico e delle Scienze Umane. Guidonia (Roma) Istituto d Istruzione Superiore E. Majorana Liceo Linguistico, Scientifico e delle Scienze Umane Guidonia (Roma) GEMELLAGGIO LICEO MAJORANA (GUIDONIA) - MARCQ INSTITUTION (LILLE) RELAZIONE VIAGGIO D ISTRUZIONE

Dettagli

A.11 Leggere i testi da 1 a 5. Guardare le illustrazioni delle pagine seguenti. Abbinare ogni

A.11 Leggere i testi da 1 a 5. Guardare le illustrazioni delle pagine seguenti. Abbinare ogni PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.11 Leggere i testi da 1 a 5. Guardare le illustrazioni delle pagine seguenti. Abbinare ogni testo all'illustrazione opportuna indicata con una lettera. Indicare

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Le frasi sono state mescolate

Le frasi sono state mescolate Roma o Venezia? 1 Questo percorso ti aiuterà a capire che cosa sia e come si costruisca un testo argomentativo Nella prossima pagina troverai un testo in cui ad ogni frase corrisponde un diverso colore.

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

PROGRAMMA TRIESTE. 12 GIUGNO 2014 Ore 11,30: Conferenza stampa presso la sala del palazzo della Regione;

PROGRAMMA TRIESTE. 12 GIUGNO 2014 Ore 11,30: Conferenza stampa presso la sala del palazzo della Regione; PROGRAMMA TRIESTE 12 GIUGNO 2014 Ore 11,30: Conferenza stampa presso la sala del palazzo della Regione; 13 GIUGNO 2014 Ore 9,00: Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco - Onori ai caduti dei Vigili del

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

GEMELLAGGIO CON LA SCUOLA PRIMARIA DI VALGREGHENTINO DA VALGREGHENTINO A CREVALCORE

GEMELLAGGIO CON LA SCUOLA PRIMARIA DI VALGREGHENTINO DA VALGREGHENTINO A CREVALCORE GEMELLAGGIO CON LA SCUOLA PRIMARIA DI VALGREGHENTINO DA VALGREGHENTINO A CREVALCORE Il comune di Valgreghentino (Lecco) fin dai primi giorni successivi al sisma di Maggio 2012 ha promosso iniziative di

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA

ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARMA DI CAVALLERIA SEZIONE DI VERCELLI E PROVINCIA Lodi s immola Ten.Mo.O.V.M. Paolo Solaroli di Briona Cap.M.O.V.M. Amedeo De Rege Thesauro Annesso al Regolamento Interno DISPOSIZIONI

Dettagli

Brooks Valsusa Trail 9 e 10 Novembre 2013 Prima Edizione 1. 9 e 10 Novembre 2013

Brooks Valsusa Trail 9 e 10 Novembre 2013 Prima Edizione 1. 9 e 10 Novembre 2013 9 e 10 Novembre 2013 Cari amici mancano pochissimi giorni alla prima edizione del Brooks Valsusa Trail, con questa guida vogliamo spiegarvi meglio come verrà organizzata la manifestazione per creare meno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo.

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie 1

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

L economia: i mercati e lo Stato

L economia: i mercati e lo Stato Economia: una lezione per le scuole elementari * L economia: i mercati e lo Stato * L autore ringrazia le cavie, gli alunni della classe V B delle scuole Don Milanidi Bologna e le insegnati 1 Un breve

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

FCL NEWS MIGLIORIAMO INSIEME IL SITO DELLA NOSTRA FEDERAZIONE

FCL NEWS MIGLIORIAMO INSIEME IL SITO DELLA NOSTRA FEDERAZIONE FEDERAZIONE CAMPEGGIATORI LIGURIA FCL NEWS GIUGNO LUGLIO 2015 Numero 4 MIGLIORIAMO INSIEME IL SITO DELLA NOSTRA FEDERAZIONE Molti avranno già programmato la loro vacanza estiva, alcuni saranno già in viaggio,

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

A pesca di lucci in Svezia

A pesca di lucci in Svezia A pesca di lucci in Svezia Eccomi a raccontare una nuova esperienza di pesca..per chi non lo sapesse io sono nato in Svezia e quindi dopo diverse esperienze di pesca in giro per il mondo quest anno ho

Dettagli

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la

A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la PARTE A PROVA DI COMPRENSIONE DELLA LETTURA A.1 Leggere i testi da 1 a 5. Indicare nel Foglio delle Risposte, vicino al numero del testo, la lettera A, B o C corrispondente alla risposta scelta. Esempio

Dettagli

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari

LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI. La Biblioteca per i Pazienti. Impressioni dei Volontari LA BIBLIOTECA PER I PAZIENTI SERVIZIO CIVILE VOLONTARIO Anno 2005/2006 La Biblioteca per i Pazienti Impressioni dei Volontari Gloria Lombardo, Valeria Bonini, Simone Cocchi, Francesca Caffarri, Riccardo

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI Quarta Domenica di Avvento 20 dicembre 2015 Accensione della Candela della Corona dell

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2009-2010 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: 2 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

TORINO E LA VALLE D AOSTA

TORINO E LA VALLE D AOSTA TORINO E LA VALLE D AOSTA Equipaggio composto da :Fabio autista, navigatore,narratore. Stefy (moglie) cuoca,addetta dispensa. Marty (figlia) la pierino di turno. Partenza :17 MARZO 2011 Ritorno : 20 MARZO

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Gli alunni delle classi IV e V, il dieci marzo duemilaotto, hanno ospitato nella palestra dell edificio scolastico, il direttore della banca Popolare di Ancona, ente che ha finanziato il progetto Ragazzi

Dettagli

Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano

Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano Comitato Genitori Istituto Comprensivo di Stezzano In data di giovedì 4 giugno dalle ore 20.45 presso Auditorium Moscheni c/o la scuola secondaria F. Nullo si è tenuto il Comitato Genitori n. 4 per l anno

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

Festa di Natale 2007

Festa di Natale 2007 Festa di Natale 2007 La mattina del 19 dicembre 2007, sono cominciati i preparativi per la festa di Natale che si celebra da alcuni anni all interno dell istituto Auxologico di Piancavallo, dedicata ai

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci

IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci IL CAVALIERE DEL LAVORO Di Sigfrido Ranucci Qualcosa che va nella direzione giusta ogni tanto c è. Domenica scorsa avevamo parlato del Cavalier Tanzi e del suo presunto tesoro nascosto. GIORNALISTA Io

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

Progetto Pasqua in Siria

Progetto Pasqua in Siria Progetto Pasqua in Siria L idea Il progetto Pasqua in Siria nasce da un idea di Lorenzo Locati, professore di educazione fisica presso il Liceo Artistico di Monza che, rimasto umanamente colpito dal conflitto

Dettagli

Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI SCOIATTOLI VOLPI TOPINI

Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI SCOIATTOLI VOLPI TOPINI Eccoci qua a raccontarvi la prima tappa del nostro viaggio di crescita, di scoperte e di conquiste!!! CONIGLIETTI Siamo il gruppo più numeroso della scuola e assieme alle maestre Meri e Silvia siamo diventati

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità Progetto di musicoterapia I.P.S. Falcone Palazzolo S/O a.s. 2008/09 1 Scaletta 1 incontro 24 novembre 2008 - Finalità generale: Migliorare la socializzazione. Interazione positiva con tutti i compagni.

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

inclinazione del terreno ostacoli voluminosi

inclinazione del terreno ostacoli voluminosi Unità 7 Macchine agricole e infortuni CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti sulla sicurezza in agricoltura le parole relative alla sicurezza in agricoltura e all uso delle macchine

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici

La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici La mia famiglia non ha mai avuto così tanti amici Come possono due genitori, entrambi lavoratori e con dei bambini piccoli, fare volontariato? Con una San Vincenzo formato famiglia! La Conferenza Famiglia

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita VINO ROSSO TACCO 12 Edito da CAIRO Editore Un estratto da La Perdita Arriva un momento in cui capiamo che un capitolo della nostra vita finisce. Un capitolo si chiude e la vita cambia, inesorabilmente.

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu-

6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea. E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- Vincent Van Gogh, Il Seminatore al tramonto, 1888 6 gennaio 1936 6 gennaio 2006: 70 anniversario della Prima idea E il testamento spirituale che Germana ha preparato alle missionarie e per l Istitu- to.

Dettagli

Le classi prime al lavoro

Le classi prime al lavoro Le classi prime al lavoro RIFIUTI. ancora? Si, ancora. Questa volta usiamo solo rifiuti cartacei e qualche nozione di geometria. E otterremo risultati sorprendenti. Chi non ci crede ci segua in laboratorio

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Ci vuole un fiore. Anno scolastico 2007/2008 Concorso nazionale : La classe quinta ha vinto!

Ci vuole un fiore. Anno scolastico 2007/2008 Concorso nazionale : La classe quinta ha vinto! Anno scolastico 2007/2008 Concorso nazionale : Ci vuole un fiore La classe quinta ha vinto! Sul numero 7 del giornale Scuola Italiana Moderna, la maestra Milena ci legge il bando del concorso nazionale

Dettagli

Indovina chi è on line? : LT & Pinerolo. : LT & Genova

Indovina chi è on line? : LT & Pinerolo. : LT & Genova Documentazione a cura di Linda Giannini http://www.descrittiva.it/calip/0506/percorsi_lego.htm Indovina chi è on line? Ponte : LT & Pinerolo Ponte : LT & Genova Incontro sincrono con: Donatella Merlo Ins.

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi

DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi DOLOMITI A 360 - PASSIONE E SOLIDARIETÀ di Giuseppe Rinaldi Ci sono date nella nostra vita che difficilmente ci scorderemo, la mia è quella dell 11 settembre 2011. Tanti presupposti di questa esperienza

Dettagli

LA NOSTRA DEFINIZIONE DI REGOLA. Cosa che bisogna rispettare e mai più dimenticare

LA NOSTRA DEFINIZIONE DI REGOLA. Cosa che bisogna rispettare e mai più dimenticare LA NOSTRA DEFINIZIONE DI REGOLA Cosa che bisogna rispettare e mai più dimenticare DEFINIZIONE DEL VOCABOLARIO REGOLA. S.f. 1) ordine delle cose ripetutamente verificato e pertanto sentito come stabile,

Dettagli

PROGETTO INCONTRI FORMATIVI SEZIONALI

PROGETTO INCONTRI FORMATIVI SEZIONALI Associazione Nazionale Alpini Sezione di Milano PROGETTO INCONTRI FORMATIVI SEZIONALI Migliorare la qualità della gestione associativa Cicli di incontri preparati dalla Redazione di Veci e Bocia per i

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli