sp&ciale Regolamento di applicazione 2005 Le zecche: un tema di stagione Nuova scoperta paleontologica: Felberia excelsa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sp&ciale Regolamento di applicazione 2005 Le zecche: un tema di stagione Nuova scoperta paleontologica: Felberia excelsa"

Transcript

1 Organo ufficiale delle Federazioni ticinesi FTAP e FCTI - Spedizione in abbonamento - Segnalare cambiamenti di indirizzo - GAB 6962 Viganello Numero unificato - Agosto 2005 Regolamento di applicazione 2005 Le zecche: un tema di stagione 5 sp&ciale 3 Nuova scoperta paleontologica: Felberia excelsa Rinaturazione dei corsi d acqua importanti passi in Ticino

2 La Pesca Organo ufficiale della Federazione ticinese per l acquicoltura e la pesca Sommario Numero 3 - agosto 2005 Anno C Periodico con 4 pubblicazioni annuali di cui 2 abbinate al periodico della FCTI (Federazione cacciatori ticinesi) Corsi per nuovi pescatori telefono fax Cassiere Gianni Gnesa telefono ufficio fax 086/079/ natel Redattore responsabile Raimondo Locatelli c/o Rivista di Lugano via Canonica 6 CH-6900 Lugano telefono fax privato: via Massagno 7 CH-6952 Canobbio telefono e fax Cambiamenti di indirizzo Manuela Patà Vicolo Campanile 2 CH-6596 Gordola telefono Pubblicità Pubblicità Sacchi Edizioni tecniche e commerciali casella postale 558 CH-6928 Manno telefono fax Grafica e impaginazione Graficomp SA Servizio di prestampa via Ligaino 44 CH-6963 Pregassona telefono fax L editoriale di Urs Luechinger Nuove importanti scoperte sul Monte San Giorgio La voce della Federazione La pesca agonistica: dal Trofeo 6 nazioni ai campioni STPS A salvaguardia dei nostri fiumi Io penso che Nel guadino dei più fortunati Sui fornelli Segnalibro Ci hanno lasciato Stampa TBS, La Buona Stampa SA via Fola CH-6963 Pregassona telefono fax In copertina Piano di Magadino, ambiente a rischio? (foto Graficomp SA, Servizio di prestampa)

3 L editoriale di Urs Luechinger presidente della FTAP La FTAP richiede espressamente di essere maggiormente coinvolta in un discorso globale sullo sfruttamento dell acqua La Federazione ticinese per l acquicoltura e la pesca ha preso conoscenza dei contenuti del documento posto in consultazione per la revisione del Piano direttore cantonale, esprimendo il proprio parere che qui voglio sintetizzare. Va detto, innanzitutto, che la FTAP da sempre difende con rigore gli interessi legati al mantenimento degli ecosistemi acquatici in generale (corsi d acqua, laghetti alpini e grandi laghi). E non potrebbe essere diversamente, considerando che la difesa e il mantenimento dei corpi acquatici permettono di garantire l equilibrio ecologico di un ecosistema, che va ben al di là dell automatico guadagno ittico che ne deriva. In questo senso, al luogo comune secondo cui i pescatori difendono le loro catture (tesi che poteva valere qualche decennio fa) è subentrata una nuova coscienza ambientale, di vedute assai più larghe e complete, riconosciuta peraltro ormai da tutti. Come a dire che microcentrali, nuovi progetti di captazioni inutili, deflussi minimi non ancora concessi, deflussi massimi, inquinamenti, spurghi dagli effetti difficilmente sostenibili sono soltanto alcuni degli esempi delle minacce e/o problematiche, che affliggono da sempre il nostro Cantone e alle quali non sono sempre state date risposte affidabili e garanzie appropriate. D altra parte, trattando dei mutamenti climatici non si fa riferimento al problema della futura diminuzione dell affidabilità dell approvvigionamento idrico da parte di molte sorgenti, per cui ad esempio il piano di approvvigionamento idrico del Malcantone ha dovuto essere riveduto mentre «stranamente» quello del Bellinzonese no (così almeno ci risulta)! Da qui il fermo richiamo della FTAP al Governo ad essere coerente e fedele ai concetti ecologici espressi nel documento in consultazione sul PD. La Federazione ticinese di acquicoltura e pesca, nell ottica di una più attiva e concreta politica di valorizzazione e di rispetto per il paesaggio, ribadisce che «di principio non accetteremo mai progetti che toglieranno altra acqua dai nostri fiumi e laghetti alpini», mentre si considera positivamente «un razionale e sostenibile sfruttamento idrico di falde e grandi laghi», come d altra parte «non potremo tollerare ed accettare per esempio l istituzione di parchi che neghino l esercizio della pesca» (vedi Parco delle gole della Breggia, laddove i pescatori hanno avuto parte attiva in questa lodevole iniziativa). E, ancora, va detto qui a chiare lettere che i pescatori intendono proseguire nella loro pluridecennale e battagliera attività a favore della depurazione, per la definizione di migliori deflussi minimi (settore, peraltro, nel quale siamo comunque ancora troppo indietro), per il progressivo miglioramento delle operazioni di spurgo e svuotamento (anche se non siamo ancora soddisfatti) e per l adozione di una legge sulla rinaturazione degli ecosistemi acquatici «compromessi nel passato dagli scriteriati interventi dell uomo!». In quest ottica, pienamente condivisibile, appare l intento di attuare una politica globale dell acqua come bene pubblico, assicurando un approvvigionamento d acqua potabile razionale, parsimonioso e duraturo. Il che, però, non si verifica affatto considerando il progetto di captazione di 22 sorgenti lungo il versante destro della Valle Morobbia da parte di 3 Comuni, i quali non vogliono allacciarsi al nuovo acquedotto che preleva acqua di falda da Gnosca. Idem per la domanda della CEF (Cooperativa elettrica Faido) che chiede, nell ambito del rinnovo della concessione di prelievo di acqua per sfruttamento idroelettrico, di mantenere deflussi minimi pari a zero! Come a dire che «ci preoccupa molto la decantata sensibilità manifestata da una parte del mondo economico, che alla luce dei danni fatti non ha ancora capito nulla». Da qui la piena legittimità, anzi la necessità dell iniziativa popolare in atto (attraverso la raccolta di firme) per «Acqua Viva», promossa da tutti i pescatori svizzeri a difesa degli ecosistemi acquatici. Con il rinnovato invito a firmare e far firmare perché si tratta di salvare il nostro ambiente, la vita naturale medesima del Paese. La FTAP, e concludo, richiede espressamente di essere maggiormente coinvolta in un discorso globale sullo sfruttamento dell acqua, tenendo conto di tutte le esigenze: idroelettriche, ambientali, di depurazione, di protezione, di approvvigionamento, di nuovi progetti, di rinaturazione, ecc. Tanto più perché questa visione politico-pianificatoria generale attualmente manca, «e sarebbe invece importante adottarla al fine di conoscere almeno nelle linee direttive generali cosa farà il Ticino con questa risorsa ormai forse al limite del suo sfruttamento in alcuni settori (approvvigionamento da sorgenti e sfruttamento idroelettrico, tanto per fare i due esempi più eclatanti)». Anche per quanto attiene la rinaturazione, Vedeggio, Cassarate e Ticino nell ambito di un discorso riguardante soprattutto la sicurezza idraulica sono interessati da progetti di importanti riqualifiche ambientali. Ma che ne è di questi progetti? 37

4 Nuove importanti scoperte sul Monte San Giorgio Immagine del nuovo pesce Felberia excelsa. Le notizie ottengono riconoscimenti e conferme in campo internazionale Pubblicati gli atti del simposio del Serpiano con la descrizione di un nuovo genere di pesce (Felberia excelsa). Confermate inoltre, sulla prestigiosa rivista Nature, le ipotesi dell Università di Zurigo e di Milano circa la riproduzione dei rettili Sauropterigi del Triassico medio di 230 milioni di anni fa. È stata pubblicata di recente, da parte di un editore scientifico tedesco, la voluminosa raccolta (ben 650 pagine!) riguardante le relazioni scientifiche che fanno seguito al simposio internazionale sui pesci fossili, tenuto al Serpiano nel 2001 con la partecipazione di quasi un centinaio di ricercatori di tutto il mondo. Fra i 30 capitoli del volume, tre contributi riguardano i pesci fossili del Monte San Giorgio, a conferma dell importanza scientifica della montagna riconosciuta dall UNE- SCO come Patrimonio mondiale dell umanità nel L Istituto di scienze della terra dell Università di Milano, tramite la descrizione di una nuova scoperta paleontologica, presenta uno studio sul nuovo genere e specie di pesce Felberia excelsa, trovato negli scavi in località Val Mara sul Monte San Giorgio condotti dall università milanese con la collaborazione del Dipartimento del territorio attraverso il sostegno finanziario del Museo cantonale di storia naturale di Lugano. La nuova scoperta è stata dedicata dagli autori, il prof. Andrea Tintori e la dott. Cristina Lombardo di Milano, a Markus Felber «in riconoscimento alla sua profonda dedizione e ai contributi dati agli studi del Monte San Giorgio». Markus Felber, negli anni Novanta, aveva coordinato per conto del Dipartimento del territorio la ripresa degli scavi scientifici sul Monte San Giorgio, privilegiando le ricerche anche in stratificazioni meno conosciute che permettessero fra l altro sia un confronto con gli scavi in corso in territorio italiano, sia un indispensabile collaborazione scientifica fra i tre istituti di ricerca oggi attivi sul monte: l Università di Zurigo, l Università di Milano e il Museo di storia naturale di Milano. Questa non indifferente sinergia e le scoperte che ne erano seguite, con l individuazione 38

5 di almeno 5 importanti livelli fossiliferi, avevano contribuito in modo decisivo alla candidatura e poi all iscrizione del Monte San Giorgio nel Patrimonio mondiale dell UNESCO, facendone uno dei siti paleontologici più importanti al mondo. Il prof. Tintori ritiene che il ritrovamento di questo fossile sia il pesce più significativo e più bello trovato sul Monte San Giorgio e sottolinea l importanza della scoperta, che «fa parte delle grandi sorprese del Monte San Giorgio. Questa è l ennesima prova che qualche volta bisogna rischiare, scavando in livelli non ancora indagati: certo non sempre si è così fortunati, tuttavia ritengo che il MSG abbia ancora molti segreti per tutti noi. Interessante è anche il fatto che Felberia excelsa abbia una distribuzione temporale apparentemente molto ben definita e peculiare, essendo stata rinvenuta solo in pochissimi strati: il perché è molto difficile da comprendere (variazioni ambientali?), ma ciò rimarca l importanza di uno scavo di grande dettaglio per ricostruire al meglio quello che è successo sull arco di milioni di anni nell area del Monte San Giorgio». L istituzione di un nuovo genere di fossili non è cosa di tutti i giorni e, sempre secondo Tintori, «Felberia excelsa ci ha permesso di aprire un nuovo orizzonte su un gruppo di pesci finora poco conosciuto, con resti frammentari provenienti anche da altri giacimenti alpini e tedeschi, che non si riusciva a collocare e comprendere mancando esemplari completi e ben conservati». Il fossile originale di Felberia excelsa, studiato dall Università di Milano, è oggi conservato nelle collezioni del Museo di storia naturale di Lugano. La seconda notizia, invece, giunge nientemeno che dalla Cina, dove i ricercatori cinesi e canadesi richiamando le scoperte fatte da Heinz Furrer e Karin Hänni dell Università di Zurigo, da Silvio Renesto e da Andrea Tintori di Milano confermano, sull edizione di novembre 2004 della prestigiosa rivista internazionale di scienze Nature, le osservazioni fatte sui rettili fossili del Monte San Giorgio. Si tratta, in questo caso, di studi sui Sauropterigi (come, ad esempio, il ben noto Ceresiosauro immortalato sul francobollo delle Poste svizzere e esposto anche presso il Museo dei fossili di Meride o nel Museo di storia naturale di Lugano) a proposito dei quali i ricercatori milanesi e zurighesi già avevano ipotizzato, sulla base dell eccezionalità della conservazione dei fossili del Monte San Giorgio, aspetti legati alla riproduzione di questi rettili marini che difficilmente potevano spostarsi sulla terraferma. I ricercatori cinesi, citando le osservazioni del Monte San Giorgio e paragonandole a scoperte nella Provincia di Guizhou (località cinese già nota per le valutazioni comparative eseguite nell ambito della candidatura UNESCO del Monte San Giorgio), sono stati in grado di stabilire il carattere viviparo di questi rettili, che partorivano i piccoli vivi e già completi direttamente nell acqua. La scoperta è importante in quanto permette di estendere quest osservazione ad altri gruppi di rettili marini, mettendo definitivamente da parte le ricostruzioni errate che vedono questi animali di 230 milioni di anni fa depositare le uova sulla terraferma e rimettendo in discussione certi aspetti dell evoluzione di questi rettili che, per tutto il Mesozoico, hanno dominato i mari. Il nuovo pesce Felberia excelsa proviene dalle formazioni Triassiche Tra i ritrovamenti più interessanti delle ultime campagne di scavi effettuate in Val Mara, vicino a Meride, è da porre sicuramente una nuova specie di pesce, Felberia excelsa, di cui è stata pubblicata recentemente la descrizione. Alcune particolarissime scaglie isolate, ritrovate nel corso di scavi precedenti solo in pochi livelli, avevano suscitato l attenzione e la curiosità come ci conferma il dott. Markus Felber sia per la loro forma che per l elegante ornamentazione. Molto spesso i resti frammentari od isolati recuperati nel corso di uno scavo paleontologico sono destinati a restare tali e l animale cui appartengono non viene ritrovato in modo sufficientemente completo per darci l idea del suo aspetto. In questo caso, però, la fortuna è venuta in aiuto: non solo si hanno a disposizione due esemplari completi, ma uno dei due dopo la lunga fase di preparazione si è rivelato come uno dei più bei fossili rinvenuti in questi strati. Felberia presenta un corpo alto, approssimativamente rombico, come quello di molti pesci che, attualmente, popolano le barriere coralline; le scaglie sono allungate in senso dorso-ventrale e mostrano un ornamentazione formata da file di piccole spine allineate lungo il loro margine posteriore, mentre sulle ossa del cranio è visibile una fitta copertura di tubercoli di smalto. Quella che potrebbe sembrare una pesante «corazzatura» contrasta, tuttavia, con l estrema delicatezza delle ossa e delle pinne, formate da raggi lunghi e sottili, che nell insieme danno all animale un aspetto leggero ed elegante. Tre le caratteristiche più notevoli è sicuramente da sottolineare la bocca, dotata anteriormente di denti lunghi e cilindrici, che terminano con un apice appiattito e leggermente ricurvo «a cucchiaino», ed internamente di denti larghi e tozzi con una cuspide appuntita. La forma del corpo e questa dentatura particolare soggiunge l esperto dott. Markus Felber possono dare suggerimenti circa il modo di vita e la dieta di questo animale; nei pesci, generalmente, un corpo alto e compresso lateralmente e lunghe pinne sul margine dorsale e ventrale sono caratteristiche legate ad un tipo di nuoto lento e di manovra, adatto per muoversi tra spazi ristretti e complessi, come scogli o coralli. Denti anteriori sporgenti ed interni trituranti sono invece tipici di animali, che si nutrono di organismi dotati di parti dure, quali molluschi, coralli o crostacei. Tra questi invertebrati, solo questi ultimi sono stati trovati negli stessi strati di Felberia, per cui possiamo immaginare che questi costituissero la sua principale risorsa alimentare; muovendosi lentamente ma con precisione, Felberia avrebbe quindi potuto predare i piccoli crostacei, che vivevano in prossimità del fondale, afferrandoli con i denti anteriori sporgenti e triturandoli con i robusti denti del palato. 39

6 La voce della Federazione Le riunioni della FTAP di Gianfranco Campana segretario Seduta di mercoledì 4 maggio 2005 Comitato direttivo Riunione dedicata a diversi argomenti: coordinamento sul tema delle immissioni di materiale ittico/spurghi; ritiro dell opposizione sulla domanda di costruzione della pico-centrale a Osco; esame e aggiornamento sul ricorso per le sorgenti della Valle Morobbia; servizio giuridico del DT circa le affiliazioni; opposizione alla domanda di costruzione per l ampliamento del porto ad Ascona; legge sul finanziamento della rinaturazione dei corsi d acqua e rive lacustri; iniziativa «Acqua Viva»; Commissione corsi d acqua (ex Commissione fiumi e temolo). Seduta di martedì 24 maggio 2005 Comitato direttivo Consultazione e osservazioni al Piano direttore cantonale; progetto di nuovo svincolo autostradale a Mendrisio e rinaturazione del fiume Laveggio; aggiornamento sul tema dell opposizione DC circa il porto ad Ascona; aggiornamento sul ricorso per le sorgenti in Valle Morobbia; nuovo membro nella Commissione laghetti alpini; Regolamento dilettantistico I/CH; esame/preavviso sulle proposte in consultazione; convocazione del Comitato delle società; economia e finanze (affiliazioni); spurgo della diga Carmena; aggiornamento sui corsi di introduzione alla pesca e periodico «La Pesca»; preparativi per la riunione della Commissione consultiva 2005; aggiornamento sul tema del liming al lago Starlaresc; rilascio di licenze alle Cancellerie comunali; intervento per aggiornamento del sito internet dedicato alla FTAP; azione alborella nel lago Verbano. Seduta di mercoledì 15 giugno 2005 Comitato direttivo Ritiro della denuncia per interventi 2004 non autorizzati nel fiume Laveggio; intervento per ennesimo inquinamento nel cantiere Generoso; incarico per aggiornamento del sito internet dedicato alla FTAP; aggiornamento sul tema dello svincolo autostradale a Mendrisio e rinaturazione del Laveggio; intervento per anomalie al cantiere TAT di Pollegio; aggiornamento sul ricorso per le sorgenti della Valle Morobbia; preavviso circa le proposte in consultazione; aggiornamento sui corsi di introduzione alla pesca per il 2006; sentenza per rilascio di stallatico a Nante; situazione circa le affiliazioni al Seduta di mercoledì 15 giugno 2005 Comitato delle società Osservazioni al Piano direttore cantonale; nuova Commissione corsi d acqua (ex Commissione fiumi e temolo); finanze con riferimento alla situazione delle affiliazioni al ; aggiornamento/informazioni su temi ambientali: ricorso per le sorgenti della Valle Morobbia; spurgo della diga di Carmena; microcentrali; pico-centrale di Osco; porto di Ascona; cantiere autostradale Generoso; svincolo autostradale di Mendrisio e rinaturazione del fiume Laveggio; cantiere TAT a Pollegio; legge sul finanziamento della rinaturazione A pesca di emozioni artistiche Niveo Avanzini di Lugano-Cassarate coltiva la passione della pesca da oltre vent anni. Nel contempo, però, è anche pittore dilettante e ama, soprattutto, ritrarre i bei paesaggi del nostro Cantone. Stavolta, però, si è spinto assai più lontano, come documenta questo quadro. In effetti, in quest opera intitolata «Lake st. Luis, Canada» ha saputo unire l utile e il dilettevole, ritraendo uno di quei paesaggi incantati. Complimenti vivissimi! dei corsi d acqua e rive lacustri; deflussi minimi e iniziativa «Acqua Viva»; ritiro della denuncia per interventi 2004 non autorizzati nel fiume Laveggio; canalizzazione a cielo aperto a Campo Blenio; sentenza per rilascio di stallatico a Nante; preavviso sulle proposte in consultazione; preparativi in vista della riunione della Commissione consultiva 2005; Cancellerie comunali e rilascio delle licenze. Cari soci e amici pescatori, sinteticamente questi sono i principali argomenti trattati dalla FTAP. Per ovvii motivi di spazio, non mi è possibile riportare tutto quello che «corre» sui nostri tavoli. Il Comitato direttivo rimane comunque a disposizione per eventuali informazioni che vi necessitassero. Chi dorme non piglia pesci Consegna dei testi entro il 15 settembre La chiusura redazionale del quarto numero de «La pesca» è fissata per motivi tecnici, non da ultimo il fatto che il nostro periodico esce in contemporanea con quello de «La caccia» al 15 settembre. Pertanto, ogni comunicazione che dovesse giungere oltre questa data, sarà inevitabilmente cestinata, oppure (nel caso in cui fosse possibile) pubblicata soltanto nel primo numero del 2006, la cui apparizione (come noto) è programmata per inizio febbraio. 41

7 La pesca agonistica Trofeo 6 nazioni al ponte-diga di Melide e a Campione d Italia Stravincono i giovani olandesi, delusione per il CP Lugano Venerdì 1 e sabato 2 luglio, le sponde del Ceresio hanno ospitato il Trofeo dell amicizia, una gara di pesca internazionale (una sorta di torneo mini-europeo) alla quale partecipano ogni anno 6 squadre nazionali: la Svizzera, l Olanda, l Italia, il Lussemburgo, la Germania e l Austria. La gara ottimamente organizzata dal presidente dell Associazione svizzera dei pescatori sportivi Antonio Cuomo, con il sostegno delle società di pesca Valle Morobbia e Chiasso, nonché dell Associazione dei pescatori di Campione si è svolta in due percorsi distinti: uno lungo la passeggiata del ponte-diga di Melide (dal lato di Bissone) e l altro sul lungolago di Campione davanti al Casinò. Partivano favoriti, per questa competizione, gli italiani (già vincitori di questo trofeo qualche anno fa proprio nelle stesse acque del Ceresio) e i pescatori di casa, ossia il Club pescatori Lugano. Squadra, quest ultima, diretta dai capitani Ernesto Wolhgemuth, Maurizio Salemi e Alessandro Bonfatti, e composta da Franco Guercio, Andreas Forni, Francesco Pervangher, Natalino Vit, Roberto Pasini nonché il Eccellente la prestazione individuale di Francesco Pervangher, terzo assoluto fra un cast di pescasportivi internazionali di grande levatura tecnica. La squadra del CP Lugano che ha gareggiato nel Trofeo 6 nazioni. giovane Andrea Pasini in qualità di riserva. Ma le previsioni non sono state rispettate, anzi si sono avute brutte sorprese! A Bissone la pesca è stata impostata all inglese, con il galleggiante scorrevole, da parte di quasi tutti i pescatori nel corso della prima ora. Quando il pesce, costituito quasi esclusivamente da gardon, si è avvicinato alle sponde della riva, grazie anche al richiamo della pastura, è stato possibile cambiare tattica e pescare con la canna ad innesti (la roubaisienne) o anche con le canne fisse (in rari casi). Nei settori di Campione la pesca è risultata un po differente, anche a causa della notevole profondità (anche oltre i 15 metri). In questo campo, tuttavia le tecniche dominanti nelle due giornate sono state la roubaisienne e le canne con pennetta scorrevole. Dal punto di vista del pescato, il campo gara di Bissone ha reso un po di più. Qui il fondo massimo, sulla distanza dei quaranta metri, non sorpassa i 9 metri e pescando a riva il fondo si aggira sui quattro metri. Il sabato, inoltre, visto che l acqua non era più così limpida come il venerdì e i giorni precedenti la gara, era abbastanza normale prevedere l avvicinamento del pesce sul tiro della canna ad innesti. Cosa, questa, che si è concretamente realizzata e che ha anche favorito la squadra olandese, la quale aveva impostato quasi prevalentemente la gara con questa tecnica francese. Gli olandesi hanno veramente dato una bella dimostrazione di pesca, pescando perfettamente e con grande professionalità. Un altro segreto della loro vittoria è stato l impiego del pane bianco, da loro utilizzato in maniera abbondante per il richiamo del pesce. Come detto, i pescatori del CP Lugano partivano come favoriti in ragione della buona conoscenza del Ceresio e dei suoi pesci. Ad aver pesato sul risultato finale dei luganesi sono stati i molti punti raccolti a Campione, dove i collaudatissimi Andreas Forni e Franco Guercio non sono riusciti a trovare il pesce in maniera regolare e dove la sfortuna ha anche voluto che il sabato Guercio fosse capitato in uno dei picchetti peggiori (più di quindici metri di fondo). Una nota estremamente positiva riguarda, per con- 43

8 tro, Francesco Pervangher, il quale con un primo e un secondo di settore è riuscito a raggiungere il terzo posto assoluto nella classifica individuale, preceduto da un olandese e dal nazionale lussemburghese René Stronk. Una bella soddisfazione per il giovane e brillante Pervangher, il quale va pur detto è da sempre un convinto sostenitore della necessità di ritornare a gareggiare di più nelle acque del Ceresio per evitare di perdere il «feeling» con i corsi d acqua naturali e con il pesce nostrano. Per il resto della squadra, Natalino Vit nella seconda giornata ha ottenuto un buon terzo di settore e il giovane Andrea Pasini, che era alla sua prima esperienza in campo internazionale sostituendo il papà Roberto nella seconda gara, ha ottenuto un discreto quarto posto. In totale, i pescatori luganesi hanno totalizzato 37 punti, giungendo al quarto posto. Bisogna dire che i tedeschi, giunti terzi, hanno raccolto 35 punti (quindi solamente due punti dai nostri portacolori). Anche gli italiani non hanno rispettato i pronostici, ottenendo addirittura l ultimo rango con la bellezza di 47 punti! La squadra dell Alto Panaro di Modena non è proprio riuscita ad ingranare la pesca. Un fatto, questo, molto strano poiché tra di loro figurano alcuni elementi di spicco dell agonismo italiano. I loro punti deboli sono stati, probabilmente, l utilizzo di una pastura non idonea alla pesca del gardon e un impostazione sbagliata della gara. La classifica finale è risultata la seguente: 1. Olanda con 15 punti, 2. Lussemburgo con 32 punti, 3. Germania con 35 punti, 4. Svizzera con 37 punti, 5. Austria con 44 punti, 6. Italia con 47 punti. Da ultimo, è doveroso un ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita di questa bella gara: segnaliamo l impegno profuso dall organizzatore della manifestazione Antonio Cuomo, la serietà del direttore di gara Antonio Spinosa, gli sponsor e tutti i pescatori e amici della pesca che hanno lavorato perché questa gara internazionale si svolgesse al meglio. Un complimento va anche rivolto al nostro bel lago Ceresio, che ha regalato a tutti i pescatori momenti di intensa e appassionante pesca. Raimondo Locatelli Club pescatori Valle Morobbia da ben 27 anni in piena forma Ventisette anni sono certamente un traguardo non indifferente per un piccolo club di pesca sportiva, specialmente se sono trascorsi all insegna dell impegno continuo, sia dal punto di vista organizzativo, sia da quello prettamente sportivo. Oltre cinque lustri ai bordi di fiumi, riali e soprattutto laghetti di pesca sportiva vanno ben al di là di un semplice festeggiamento con discorsi e premiazioni e, senza esagerare, si può affermare che hanno senza dubbio contribuito a far conoscere la valle Morobbia, ultimamente impostasi all attenzione pubblica in seguito alla discussione sorta attorno al progetto di un acquedotto sovracomunale. E ciò a scapito, senza dubbio, dei nostri bellissimi riali, che un giorno non vedranno più neanche una sola goccia d acqua né tutte quelle specie animali che vivono grazie ad essa. Come spesso accade, anche per il Club pescatori Valle Morobbia gli inizi sono stati dettati dal caso e dalla frenetica voglia di realizzare qualcosa di concreto per sottrarsi alla supremazia dei club sottocenerini. E così, 27 anni or sono, un gruppo di entusiasti della regione organizzò una gara di pesca nel laghetto della valle, invitando diversi pescatori ticinesi in rappresentanza delle maggiori società garistiche cantonali. L iniziativa incontrò un indiscusso successo, tanto è vero che i promotori pensarono di trasformare quell incontro estemporaneo in una gara cantonale, fondando così una società che riuscì a conquistarsi un posto nel panorama garistico cantonale. Sotto la guida del giubiaschese Giovanni Codiroli, che ha ricoperto la carica di presidente fino al 1987 passando poi alla testa della Società ticinese dei pescatori sportivi, il primo comitato si mise al lavoro, facendo affidamento sull impegno dei suoi membri fondatori, tra i quali citiamo Primo e Tullio Pedraita, Gianni Boggia, Edoardo Colombo, Giuseppe Ruggeri, Lino Bruni, Emilio Novaresi e Giovanni Bricalli. Dal 1979 ad oggi diversi soci hanno partecipato alla crescita del sodali- 44

9 zio, che ora vede alla carica di presidente (dal 1996) Michele Spaggiari, seguito da Roberto Spaggiari, Patrizio Pifferini, Claudio Burch e Antonello Barelli. Questi soci portano innanzi lo scopo primario che è quello di far conoscere anche nel Bellinzonese la pesca garistica, animati come sono da un grande entusiasmo. Il club è cresciuto e, consapevole delle proprie responsabilità acquisite, cerca di mantenere viva la partecipazione a qualsiasi manifestazione cantonale, nazionale ed estera. Nato come club di pesca alla trota, con il passare degli anni e della mentalità garistica, i soci si sono indirizzati sempre di più verso le gare di pesca al colpo, tralasciando pertanto quelle alla trota. Il cambiamento ha permesso di portare il sodalizio ad un traguardo ambito, ossia la vittoria al Campionato svizzero per società nel 1995 con i soci Michele Spaggiari, Patrizio Pifferini, Andrea Forni e Franco Nucci, permettendo altresì di partecipare l anno dopo al Campionato mondiale in Bretagne: quell avventura fu un sogno che, realizzandosi, permise al club di maturare e di affrontare le gare con uno spirito diverso, più vincente. Prima di quella storica vittoria diversi soci si sono aggiudicati il titolo di campione ticinese alla trota, tra i quali Edo Calanchini, Andrea Bariffi e Giorgio Previtali; per il colpo Gianni Manzoni si è imposto sulle rive del Ceresio e Michele Spaggiari ha vinto il trofeo Ceresio costituito dalle prime tre gare del GdP; altre soddisfazioni sono arrise ai soci Roberto Spaggiari e Giovanni Bricalli, vincitori del titolo individuale svizzero. Il club dà molta importanza allo svolgimento del campionato sociale: sovente è la prima competizione che un garista affronta, e questo lo aiuterà poi nella sua attività competitiva. Il sodalizio è però confrontato con il problema dell acquisizione di giovani leve, poiché è sempre più difficile entusiasmare i ragazzi verso quest attività. Non è così evidente insegnare con profitto l arte della pesca, se all interno del nucleo familiare o delle amicizie non ci sono gli stimoli giusti: e così tutto va perso, compreso il talento naturale che ognuno di noi ha nel proprio DNA. Il Club pescatori Valle Morobbia intende in ogni modo continuare nella sua opera di socializzazione e porterà sempre a braccetto sportività e amicizia laddove questa purtroppo manca. Un grazie particolare va a quelle persone che, in questi primi 27 anni, hanno voluto sostenerci, sperando di vederci sempre uniti in questa meravigliosa avventura che si chiama Club pescatori Valle Morobbia. Grazie! Michele Spaggiari Società ticinese pescatori sportivi, i vincitori nel 2004 Nella foto a sinistra, il nuovo comitato della STPS. Nella foto a destra, i vincitori nei vari campionati ticinesi 2004 in seno alla STPS. Da sinistra a destra: Alessandro Bonfatti (over laghetto), Michele Morandi (spinning), Aldo Cozzi (laghetto e torrente), Antonio Cuomo (colpo). In occasione dell assemblea della Società ticinese pescatori sportivi (STPS), si è tenuta la cerimonia di premiazione delle gare in calendario, prendendo atto a malincuore dello scarso entusiasmo (quanto a numero di concorrenti) alle diverse competizioni, soprattutto per quanto riguarda la trota. L assise è coincisa con le nomine del nuovo comitato, peraltro previste dallo statuto, ma anche perché in presenza di diverse dimissioni. Dimissionari, Renato Perucchini (segretario-cassiere del movimento trota e vicepresidente della STPS, per motivi familiari), Ilvo Maffezzini (presidente del movimento trota, per motivi di salute), Franco Guercio (colpo) membro, Daniele Bossi (trota) membro. L assemblea ha così votato: Antonio Cuomo del CPS Chiasso (riconfermato presidente della STPS), Michele Morandi del CPS Verbano (neo-eletto vice presidente generale e presidente del movimento trota), Michele Spaggiari (riconfermato presidente del movimento colpo e segretario della STPS), Claudio Burch (riconfermato cassiere STPS), Leila Mazzoleni (neo-eletta segretaria-cassiera del movimento trota). Il movimento trota è composto ora da Michele Morandi (con le nuove cariche), affiancato dai membri: Ezio Cozzi, Raffaele D Agostino, Davide Pisanti (neo-eletto) e Leila Mazzoleni. Il movimento colpo è guidato ora da Michele Spaggiari, Claudio Burch e, quali membri, Roberto Pasini, Franco Nucci e Ivica Junakovic. La distinzione del «pesciolino d oro» è andata per l anno 2004 ad Alessandro Salemi. 45

FOSSILI SENZA CONFINI

FOSSILI SENZA CONFINI Il Dipartimento di Scienze della Terra A.Desio dell Università degli Studi di Milano La Convenzione dei Comuni UNESCO del Monte San Giorgio (I) La Fondazione UNESCO Monte San Giorgio (CH) organizzano le

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERAZIONE TICINESE PER L ACQUICOLTURA E LA PESCA

STATUTO DELLA FEDERAZIONE TICINESE PER L ACQUICOLTURA E LA PESCA STATUTO DELLA FEDERAZIONE TICINESE PER L ACQUICOLTURA E LA PESCA 1. Denominazione, scopo e rappresentanza art. 1 Denominazione e durata Sotto la ragione sociale Federazione ticinese per l acquicoltura

Dettagli

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001

I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12. Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 I libri bianchi del Touring Club Italiano n. 12 Un Paese spaesato Rapporto sullo stato del paesaggio italiano - 2001 A cura del Comitato per la Bellezza e del Centro Studi TCI I libri bianchi del Touring

Dettagli

PASSEGGIATA AL FIUME

PASSEGGIATA AL FIUME 1 Foto Max Soldati 2013 INAUGURAZIONE DEL PARCO SUL FIUME CASSARATE AL PIANO STAMPA Sabato 28 giugno 2014 (in caso di maltempo l evento verrà posticipato a domenica 29 giugno 2014) PASSEGGIATA AL FIUME

Dettagli

Il Fiume. http://tempopieno.altervista.org/index.htm

Il Fiume. http://tempopieno.altervista.org/index.htm Il Fiume http://tempopieno.altervista.org/index.htm Anno scolastico 2013-14 Classe III E - Scuola primaria "Umberto I" - I Circolo - Santeramo (Ba) ins. Gianni Plantamura 1 Le acque Un elemento naturale

Dettagli

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali

Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Il monitoraggio del fiume Serio: Inquadramento delle criticità ambientali Relatore: SERGIO CANOBBIO Seriate,,

Dettagli

Lo stesso impegno e dinamismo venne quindi applicato e continuato anche dalla Sezione Ticino.

Lo stesso impegno e dinamismo venne quindi applicato e continuato anche dalla Sezione Ticino. ppt: copertina Gentili Signore, Egregi Signori, innanzitutto desidero ringraziare gli organizzatori, e in particolar modo Daniele Zanzi, per avermi invitato a questo primo convegno internazionale dedicato

Dettagli

Assemblea. il 22 febbraio 2014 alle ore 15.30 al Palazzo dei congressi di Lugano. Praticare la pesca in tutta sicurezza

Assemblea. il 22 febbraio 2014 alle ore 15.30 al Palazzo dei congressi di Lugano. Praticare la pesca in tutta sicurezza Organo ufficiale della Federazione ticinese per l acquicoltura e la pesca - Spedizione in abbonamento - Segnalare cambiamenti di indirizzo - GAB 6962 Viganello Assemblea dei delegati FTAP il 22 febbraio

Dettagli

Progetti UN MONDO SOMMERSO NEL PARCO

Progetti UN MONDO SOMMERSO NEL PARCO Progetti UN MONDO SOMMERSO NEL PARCO Il Parco Valle Lambro, secondo la classificazione ufficiale, è un parco fluviale. L acqua, nei suoi diversi ambienti e collocazioni, è il filo conduttore dei progetti

Dettagli

Fiume Cassarate al Piano Stampa. POSA PRIMA PIETRA PASSERELLA D ATTRAVERSAMENTO Venerdì 17 aprile 2015, ore 10:30

Fiume Cassarate al Piano Stampa. POSA PRIMA PIETRA PASSERELLA D ATTRAVERSAMENTO Venerdì 17 aprile 2015, ore 10:30 1 2 Ricostruzione fotografica Luigi Tunesi, Ingegneria SA, Lugano-Pregassona, 2015 Fiume Cassarate al Piano Stampa POSA PRIMA PIETRA PASSERELLA D ATTRAVERSAMENTO Venerdì 17 aprile 2015, ore 10:30 Documentazione

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

VALE IL DISCORSO ORALE

VALE IL DISCORSO ORALE VALE IL DISCORSO ORALE Convegno SUPSI-SIA/TI-ATG-Rotary Club Mendrisiotto AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? «Una rivoluzione per la mobilità e un opportunità per il territorio»

Dettagli

Un Parco per la scuola Proposte di educazione ambientale e attività all aria aperta

Un Parco per la scuola Proposte di educazione ambientale e attività all aria aperta PARCO MATILDICO DI MONTALTO via Lolli, 45 43030 Vezzano sul Crostolo (RE) tel./fax. 0522-858432 info@parcomatildico.com www.parcomatildico.com Un Parco per la scuola Proposte di educazione ambientale e

Dettagli

progetto organizzato da PRO NATURA TORINO

progetto organizzato da PRO NATURA TORINO progetto organizzato da PRO NATURA TORINO con la partecipazione di Pro Natura Piemonte Univ. di Torino - Fac. Veterinaria Parco Nazionale Gran Paradiso CIPRA Italia con il contributo della Regione Piemonte

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE

CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE PARCO REGIONALE DELLA VALLE DEL LAMBRO DIPARTIMENTO DI RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE CORSO DI FORMAZIONE SULLA RIQUALIFICAZIONE FLUVIALE Monza, 12 aprile 2013 Caso Studio LAMBRO DESCRIZIONE CASO STUDIO Inquadramento

Dettagli

Valore del fiume Maggia per le comunità locali

Valore del fiume Maggia per le comunità locali Alice Tognetti Master ETHZ, primavera 1 Risultati dell inchiesta e riassunto dello studio: Valore del fiume Maggia per le comunità locali Se le acque sono per legge dello stato, noi valligiani abbiamo

Dettagli

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010

Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008. I numeri del pesce catturato tra il 96 e il 2010 Il primo giornale online della provincia di Lecco Merateonline > Cronaca > Lecchese Scritto Giovedì 05 maggio 2011 alle 16:09 Riprende a crescere il pescato professionale nel Lario dopo il calo del 2008.

Dettagli

Locarno, 12 settembre 2006. Al Consiglio Comunale LOCARNO. Signori Presidente e Consiglieri Comunali,

Locarno, 12 settembre 2006. Al Consiglio Comunale LOCARNO. Signori Presidente e Consiglieri Comunali, MM no. 49 concernente la richiesta di un credito di fr. 250'000.- per la realizzazione della seconda tappa del Parco delle Camelie sulla particella no. 1858 RFD Locarno di proprietà comunale Locarno, 12

Dettagli

presenta da un idea di Giuseppe Davoli ESPLORATORI IN ERBA Giuliana Cassizzi - Angelo Battaglia

presenta da un idea di Giuseppe Davoli ESPLORATORI IN ERBA Giuliana Cassizzi - Angelo Battaglia presenta da un idea di Giuseppe Davoli ESPLORATORI IN ERBA magazine ambiente, natura, ecologia, territorio serie 6 x 26 autori testi Giuliana Cassizzi - Angelo Battaglia sceneggiatura e regia Giuseppe

Dettagli

Assemblea dei delegati FTAP il 9 marzo 2013 a Bellinzona presso il Castelgrande

Assemblea dei delegati FTAP il 9 marzo 2013 a Bellinzona presso il Castelgrande Organo ufficiale della Federazione ticinese per l acquicoltura e la pesca - Spedizione in abbonamento - Segnalare cambiamenti di indirizzo - GAB 6962 Viganello Numero - Febbraio 203 - Anno CVIII Assemblea

Dettagli

LA CASCATA È LÌ, BELLISSIMA, LIMPIDA,

LA CASCATA È LÌ, BELLISSIMA, LIMPIDA, PROGETTO EDUCAZIONE AMBIENTALE LA CASCATA È LÌ, BELLISSIMA, LIMPIDA, FRESCA INFANZIA Il progetto si prefigge di veicolare in un ottica interdisciplinare gli obiettivi fissati nel P.O.F. Esso è rivolto

Dettagli

Proposte Didattiche. Raccolta Museale

Proposte Didattiche. Raccolta Museale Proposte Didattiche Raccolta Museale IL PARCO PALEONTOLOGICO DI CENE Situato in media Valle Seriana, il Parco è nato per tutelare e valorizzare uno dei più importanti giacimenti paleontologici del mondo.

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Il parco fluviale di Cuneo trova origine in una proposta avanzata dai cittadini nel lontano

Dettagli

centro di educazione ambientale

centro di educazione ambientale Città di Cassano d Adda centro di educazione ambientale PROPOSTE DIDATTICHE per tutti i livelli scolastici INDICE SINTETICO uscite sul territorio struttura: uscita didattica sul territorio generalmente

Dettagli

La riqualificazione idrogeologica dei fontanili nell area milanese

La riqualificazione idrogeologica dei fontanili nell area milanese La riqualificazione idrogeologica dei fontanili nell area milanese Candidato: Cirone Gianpaolo (777261) Relatore: Prof. Bischetti Gian Battista Correlatore: Prof. Lassini Paolo Tutor: Dott. Besozzi Marco

Dettagli

RISORSA ACQUA Le risorse idriche del nostro territorio

RISORSA ACQUA Le risorse idriche del nostro territorio RISORSA ACQUA Le risorse idriche del nostro territorio Chi & dove Scuola Elementare di Manerbio Via Galliano, 10 25025 Manerbio Brescia manerbiodoc@ddmanerbio.it Classi coinvolte : Scuola Primaria - Classe

Dettagli

Presentazione. Situato ai piedi del Monte Lema offre diverse possibilità di escursioni su sentieri ben segnalati. 1 / 9

Presentazione. Situato ai piedi del Monte Lema offre diverse possibilità di escursioni su sentieri ben segnalati. 1 / 9 Situato ai piedi del Monte Lema offre diverse possibilità di escursioni su sentieri ben segnalati. 1 / 9 Il sito dell ente turistico del Malcantone, Caslano (091 606 29 869) vi informerà su tutte le opportunità

Dettagli

Capitolo 2: Istanza per la prima (nuova) richiesta del Label. Cugnasco-Gerra. rappresentato da. Gianni Nicoli, sindaco. richiede

Capitolo 2: Istanza per la prima (nuova) richiesta del Label. Cugnasco-Gerra. rappresentato da. Gianni Nicoli, sindaco. richiede Rapporto Città dell energia Audit Comune di Cugnasco-Gerra Capitolo 2: Istanza per la prima (nuova) richiesta del Label Redatto il: 10.1.2014 il Comune di Cugnasco-Gerra rappresentato da Gianni Nicoli,

Dettagli

0.923.221. Regolamento d applicazione

0.923.221. Regolamento d applicazione Traduzione 1 Regolamento d applicazione dell Accordo tra il Consiglio federale svizzero e il Governo della Repubblica francese concernente l esercizio della pesca e la protezione dell ambiente acquatico

Dettagli

Castagno e turismo alcuni esempi dal Cantone Ticino

Castagno e turismo alcuni esempi dal Cantone Ticino Castagno e turismo alcuni esempi dal Cantone Ticino Ciclo di serate le castagne, occasioni per il territorio Le selve castanili e il turista, problemi e opportunità. Quali possibilità per il settore turistico.

Dettagli

Il paradigma è cambiato. La FTAP ha celebrato il secolo di vita

Il paradigma è cambiato. La FTAP ha celebrato il secolo di vita Organo ufficiale della Federazione ticinese per l acquicoltura e la pesca - Spedizione in abbonamento - Segnalare cambiamenti di indirizzo - GAB 6962 Viganello Il paradigma è cambiato La FTAP ha celebrato

Dettagli

Verso l Ecomuseo del paesaggio. Report

Verso l Ecomuseo del paesaggio. Report Comune di Parabiago Azione 2 Dai vita ai parchi - Report ABCittà Villa Corvini Azione Breve descrizione dei programmi e degli obiettivi Azioni locali Assemblea non convenzionale (Workshop) finalizzata

Dettagli

Energia dall acqua acqua in montagna

Energia dall acqua acqua in montagna Energia dall acqua acqua in montagna Solaro ((MI MI) ) 13 giugno 2009 La montagna come risorsa energetica? Riferimento Biogeografico 1 o STEP Acquisizione di informazioni e competenze tecniche adeguate:

Dettagli

Da Ferrara alla Foce del Delta... lungo il Fiume

Da Ferrara alla Foce del Delta... lungo il Fiume Da Ferrara alla Foce del Delta... lungo il Fiume Dal 1 marzo al 13 maggio tutti i sabati, domeniche e i festivi ore 15.30 DUE RUOTE NEL BOSCO Escursioni in bicicletta lungo i sentieri della Riserva Naturale

Dettagli

CAMPIONATI SVIZZERI ELITE DI PATTINAGGIO ARTISTICO 2015

CAMPIONATI SVIZZERI ELITE DI PATTINAGGIO ARTISTICO 2015 CAMPIONATI SVIZZERI ELITE DI PATTINAGGIO ARTISTICO 2015 11-13 DICEMBRE 2014 PISTA DI GHIACCIO LA RESEGA LUGANO A LUGANO IL GHIACCIO DIVENTA BOLLENTE! Il Club Pattinaggio Lugano ha l onore di organizzare

Dettagli

Dic/12. bollettino comunale di novaggio. Saluto del Sindaco. Attualità e progetti in corso. Felice Campana in Gran Consiglio. Concerto di Natale

Dic/12. bollettino comunale di novaggio. Saluto del Sindaco. Attualità e progetti in corso. Felice Campana in Gran Consiglio. Concerto di Natale Dic/12 Nr. 2 Autunno/Inverno www.novaggio.ch bollettino comunale di novaggio Saluto del Sindaco Attualità e progetti in corso Felice Campana in Gran Consiglio Concerto di Natale Commissione Giovani Attività

Dettagli

Ticino River Lodge di Matteo Roncoroni Tel.: +41 76 00 65 Via al Dosso 21-6828 Balerna Ticino, Switzerland

Ticino River Lodge di Matteo Roncoroni Tel.: +41 76 00 65 Via al Dosso 21-6828 Balerna Ticino, Switzerland Ticino River Lodge di Matteo Roncoroni Tel.: +41 76 00 65 Via al Dosso 21-6828 Balerna Ticino, Switzerland PACCHETTO 1 MALCANTONE (dal 1 Aprile) Il seguente pacchetto comprende un uscita di pesca guidata

Dettagli

Titolo. Consorzio D.R.I.F.T

Titolo. Consorzio D.R.I.F.T Titolo Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento del territorio Ufficio della caccia e della pesca Consorzio D.R.I.F.T Alberto E. Conelli Oikos 2 Consulenza e ingegneria ambientale Sagl Monte Carasso (Ticino

Dettagli

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere

IL PROGETTO F.A.T.A. Parchi senza barriere IL PROGETTO F.A.T.A. Il progetto FATA, Formazione e Aggiornamento sui Temi dell Accessibilità, costituisce la naturale prosecuzione del Progetto Parchi Accessibili (2003-2006), del quale condivide principi,

Dettagli

l acqua ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGETTI DIDATTICI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE

l acqua ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGETTI DIDATTICI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGETTI DIDATTICI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE Per le classi III, IV e V delle scuole primarie e per le classi I, II e III delle scuole secondarie di I grado a scuola di... energia!

Dettagli

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore,

Fa stato il discorso orale. Egregi signori, Gentili signore, Discorso pronunciato dal Consigliere di Stato Michele Barra in occasione dell inaugurazione del Convegno Sfide e opportunità della grande mobilità organizzato da Lions Regio Insubrica Mendrisio, 5 ottobre

Dettagli

1. Quante specie o sottospecie di pesci vivono allo stato libero in Alto Adige?

1. Quante specie o sottospecie di pesci vivono allo stato libero in Alto Adige? Lista dei quiz per l esame di pesca: Si premette che la prova scritta dell esame di pesca comprende anche il riconoscimento di specie ittiche da materiale fotografico e l indicazione per esse del relativo

Dettagli

ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S.

ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S. CON IL PATROCINIO DIMinistero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale ASSOCIAZIONE PER L ARNO O.N.L.U.S. c/o UISP Via Bocchi, 32-50126

Dettagli

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente

Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente Il PIA Navigli e le Dighe del Panperduto: valorizzare l'acqua, risorsa primaria per l'agricoltura e per l'ambiente : i piani di intervento sulla rete dei canali Arch. Laura Burzilleri, Direttore Generale

Dettagli

ENERGIA IDROELETTRICA. KIT: modellino centrale idroelettrica di Entracque OPERATORI: Francesca Papaleo e Stefania Musso

ENERGIA IDROELETTRICA. KIT: modellino centrale idroelettrica di Entracque OPERATORI: Francesca Papaleo e Stefania Musso ENERGIA IDROELETTRICA KIT: modellino centrale idroelettrica di Entracque OPERATORI: Francesca Papaleo e Stefania Musso DEFINIZIONE DI CENTRALE IDROELETTRICA CENTRALE IDROELETTRICA si intende una serie

Dettagli

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Polizia Provinciale Il presidio e controllo del

Dettagli

Progetti SCOPRIAMO I SEGRETI DEL PARCO

Progetti SCOPRIAMO I SEGRETI DEL PARCO Progetti SCOPRIAMO I SEGRETI DEL PARCO Dalle pendici delle Prealpi si allunga un corridoio verde che giunge sino alle porte di Monza seguendo il corso del fiume. Il Parco della Valle del Lambro offre un

Dettagli

LAVORARE NELLE CROCIERE

LAVORARE NELLE CROCIERE LAVORARE NELLE CROCIERE tutti I consigli e I segreti per trovare Il lavoro che sogni su una nave da crociera LAVORARE NELLE CROCIERE a cura di antonio caneva daniela anzinger IL LAVORO CHE SOGNI TI STA

Dettagli

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali

Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dal Panperduto a Milano Expo un esempio di innovazione per la multifunzionalita' dei canali Dott. Massimo Lazzarini Direttore Area Programmazione ---- Padova 20 marzo 2013 Le acque del Comprensorio di

Dettagli

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi

Parc Adula Progetto di parco nazionale. Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi Parc Adula Progetto di parco nazionale Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi 1 Una piccola Svizzera nel cuore delle Alpi, Associazione Parc Adula, Marzo 2011 Missione Il progetto Parc Adula si prefigge

Dettagli

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO

NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO NATURA, AGRICOLTURA, ECOTURISMO STORIA, TRADIZIONI E PERSONE PARCO LOMBARDO DELLA VALLE DEL TICINO Parco Lombardo della Valle del Ticino 91410 ettari suddivisi in: 22.249 Parco Naturale 69.161 Parco Regionale

Dettagli

04 Aprile 2012. Cari Presidenti, Delegati Atleti, Delegati Tecnici,

04 Aprile 2012. Cari Presidenti, Delegati Atleti, Delegati Tecnici, 04 Aprile 2012 Cari Presidenti, Delegati Atleti, Delegati Tecnici, in un momento poco felice della nostra storia federale, ritengo opportuno esprimervi delle mie considerazioni che nascono da esigenze

Dettagli

CHI SIAMO COSA FACCIAMO

CHI SIAMO COSA FACCIAMO COMBINARE LO SPORT CON LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE E LA PROMOZIONE SOCIALE, CERCANDO DI EDUCARE LE PERSONE ALL ATTIVITÀ MOTORIA E ALL ESPLORAZIONE DEL TERRITORIO, IN COMPLETA ARMONIA CON L AMBIENTE CIRCOSTANTE,

Dettagli

S. ORSOLA: È ATTIVO IL CENTRO ITTIOGENICO ESCHE: IL MARSON DEL COBRA A PESCA IN GIRO PER IL MONDO SCIENZA: BARBI E TEMOLI NOSTRANI

S. ORSOLA: È ATTIVO IL CENTRO ITTIOGENICO ESCHE: IL MARSON DEL COBRA A PESCA IN GIRO PER IL MONDO SCIENZA: BARBI E TEMOLI NOSTRANI Poste Italiane s.p.a. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (convertito in Legge 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, NE/TN ANNO 3 N.1/2014 SPECIALE LUCCIO UNA NUOVA SPECIE: IL LUCCIO ITALICO

Dettagli

A TU PER TU CON IL PIANETA MARE

A TU PER TU CON IL PIANETA MARE Aurora Polare Sede legale: Viale Sapri 24/A Marina di Ravenna (RA) 48122 Italy C.F.92081660398.com A TU PER TU CON IL PIANETA MARE MODULI DIDATTICI DI EDUCAZIONE AMBEINTALE DEDICATI ALLE SCUOLE SECONDARIE

Dettagli

LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015

LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015 I VENTI DELL INNOVAZIONE EXPO 2015: ACQUA Centro Congressi Ville Ponti di Varese, 19 giugno 2014 LA TESTIMONIANZA DEL CONSORZIO ETVILLORESI: VALORIZZARE LE ACQUE DEI CANALI VERSO EXPO 2015 Arch. Laura

Dettagli

Programma 2014 SCUOLA TENNIS TCB

Programma 2014 SCUOLA TENNIS TCB Programma 2014 SCUOLA TENNIS TCB Maestri: Bernasconi Marco 079 337 30 56 Balconi Marco 076 537 19 38 Zotti Fabio 076 679 78 02 Mark Mudro 079 209 16 12 www.tcbellinzona.ch Via Brunari, 6500 Bellinzona

Dettagli

Cacciuccata Matematica 2011 Selezione 2 7 Aprile 2011

Cacciuccata Matematica 2011 Selezione 2 7 Aprile 2011 (1) Nella gara di nuoto di Matepaperopoli, GastonTre nuota il triplo delle vasche di OrazioDue, mentre Zio PaperonUno, che si è allenato nuotando nell'oro, nuota il doppio delle vasche di OrazioDue. Quante

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA VARIANTE AL PTCP PER IL RECEPIMENTO DEL PTA DELLA REGIONE EMILIA- ROMAGNA

PIANO PROVINCIALE DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA VARIANTE AL PTCP PER IL RECEPIMENTO DEL PTA DELLA REGIONE EMILIA- ROMAGNA fasc. n. 11.4.2.3/2/2008 P.G. n. 296879/2008 del 15/07/2008 PIANO PROVINCIALE DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA VARIANTE AL PTCP PER IL RECEPIMENTO DEL PTA DELLA REGIONE EMILIA- ROMAGNA

Dettagli

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive

Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Caronno P., 09-04 04-2010 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Sin dalla sua costituzione (1994) il Museo fornisce un servizio di consulenza e informazione sui principali aspetti ambientali e naturalistici

Dettagli

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Newsletter n.10 La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Un iniziativa a sostegno delle aree rurali Con questa decima Newsletter siano giunti alla fase delle considerazioni finali

Dettagli

MENSILE di FOTOGRAFIA & IMMAGINE DEL GRUPPO FOTOGRAFICO SAN PAOLO - RHO - ANNO 3 - N 9 - NOVEMBRE 2012

MENSILE di FOTOGRAFIA & IMMAGINE DEL GRUPPO FOTOGRAFICO SAN PAOLO - RHO - ANNO 3 - N 9 - NOVEMBRE 2012 MENSILE di FOTOGRAFIA & IMMAGINE DEL GRUPPO FOTOGRAFICO SAN PAOLO - RHO - ANNO 3 - N 9 - NOVEMBRE 2012 Editoriale Questo numero del Grandangolo, come già capitato ad inizio anno, ha carattere di monografia

Dettagli

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio

Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Milano - Bicocca. Sergio Canobbio Sergio Canobbio Il Torrente Lura Problematiche e Prospettive Saronno, 16-11-2009 La problematica Ambientale ALTERAZIONI: 1. QUALITA DELL ACQUA 1 3 2. REGIME IDRAULICO 3. MORFOLOGIA DELL AMBIENTE FLUVIALE

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Direttive

Dettagli

PROPOSTE DIDATTICHE E DI LABORATORIO PER L OASI DI GABBIANELLO

PROPOSTE DIDATTICHE E DI LABORATORIO PER L OASI DI GABBIANELLO ----------------------- ISCHETUS Società Cooperativa a r.l. Partita IVA 02263210482 Iscrizione Albo mutualità prevalente n A111841 Azienda con Sistema di Gestione per la Qualità certificato da Dasa-Rägister

Dettagli

Lo strumento ha quindi una valenza molto operativa e si contrappone ad una visione generica e astratta che ha rappresentato probabilmente il limite

Lo strumento ha quindi una valenza molto operativa e si contrappone ad una visione generica e astratta che ha rappresentato probabilmente il limite Contributo dell Assessore Carlo Lio (Regione Lombardia D.G. OO.PP. Politiche per la casa e Protezione Civile) per il Convegno sul Corridoio ligure-lombardo e piemontese-svizzero di sabato 15 febbraio 2003

Dettagli

Corri per il FAI e proteggi un patrimonio unico al mondo!

Corri per il FAI e proteggi un patrimonio unico al mondo! Monza, 30 maggio 2016 Comunicato stampa Corri per il FAI e proteggi un patrimonio unico al mondo! Parco e Autodromo - Sport e Cultura Domenica 12 giugno 2016 FAIrun nasce dalla volontà di unire cultura

Dettagli

VERBALE ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI DELEGATI DELLA FTHG Sala del Consiglio Comunale di Giornico Venerdì 14 giugno 2013

VERBALE ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI DELEGATI DELLA FTHG Sala del Consiglio Comunale di Giornico Venerdì 14 giugno 2013 VERBALE ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI DELEGATI DELLA FTHG Sala del Consiglio Comunale di Giornico Venerdì 14 giugno 2013 Il presidente, Mauro Osenda, apre l assemblea dando il benvenuto ai delegati

Dettagli

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE

PROPOSTE PER L EDUCAZIONE CONSORZIO PARCO REGIONALEDEI LAGHI DI SUVIANA EBRAS PROPOSTE PER L EDUCAZIONE AMBIENTALE DEL PARCO REGIONALE DEI LAGHI DI SUVIANA E BRASIMONE PER L ANNO SCOLASTICO 2008/2009 Le proposte del Parco dei Laghi

Dettagli

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it

La memoria delle terre alte. a colloquio con. www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it FOCUS ORIZZONTI La memoria delle terre alte Museo del gipeto a Rhême Notre-Dame a colloquio con Luisa Vuillermoz www.gyp-monitoring.com/index.php; www.grand-paradis.it A sinistra, Luisa Vuillermoz, Direttore

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

PROGETTO MILLEPIEDI PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E ALLA SOSTENIBILITA

PROGETTO MILLEPIEDI PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E ALLA SOSTENIBILITA PROGETTO MILLEPIEDI PROGETTI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E ALLA SOSTENIBILITA PER SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO 2015/2016 PER INFO E PRENOTAZIONI TEL: 0541/709157 ambiente@cooperativailmillepiedi.org

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITÀ SUBACQUEE

FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITÀ SUBACQUEE C.I.P.S. C.O.N.I. C.M.A.S. CAMPIONATO PROVINCIALE INDIVIDUALE, COPPIE e SQUADRE DI SOCIETA VALIDO PER L AMMISSIONE AL CAMPIONATO ITALIANO DI PESCA A SPINNING TORRENTE DALLA RIVA 2016 REGOLAMENTO PARTICOLARE

Dettagli

La flora dei campi di frumento e orzo del Veneto

La flora dei campi di frumento e orzo del Veneto La flora dei campi di frumento e orzo del Veneto Autore Stefano Tasinazzo Foto Roberto Fiorentin Roberto Masin Bruno Pellegrini Filippo Prosser Stefano Tasinazzo Foto di copertina: Veronella - VR; S. Tasinazzo

Dettagli

Fruizione e sviluppo sostenibile

Fruizione e sviluppo sostenibile CONTRATTO DI FIUME DEL BACINO DEL TORRENTE PELLICE TAVOLO DI PROGETTAZIONE PARTECIPATA Fruizione e sviluppo sostenibile VILLAR PELLICE 14/07/2014 RESTITUZIONE SINTETICA A CURA DI S&T E CORINTEA REVISIONE

Dettagli

Analisi e prospettive dell ingegneria naturalistica in Piemonte

Analisi e prospettive dell ingegneria naturalistica in Piemonte Analisi e prospettive dell ingegneria naturalistica in Piemonte Linee guida per i futuri interventi AIPIN PIEMONTE E VALLE D AOSTA dott. for. Marco Allocco 1 Il mio intervento verte sull analisi e prospettive

Dettagli

VERBALE SINTETICO DEL I INCONTRO GRUPPO TEMATICO Acqua

VERBALE SINTETICO DEL I INCONTRO GRUPPO TEMATICO Acqua PROVINCIA DI PRATO Ufficio Agenda 21 Via Giovanni Pisano, 12-59100 Prato Tel.: 0574 534260 Fax: 0574 534329 E-mail: agenda21@provincia.prato.it Web: http:\\www.provincia.prato.it PTC 2008 Variante di adeguamento

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Art. 1 PRINCIPI GENERALI ENTE PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI Regolamentazione dell'attività di pesca Premessa: Tra le finalità dell'ente Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito denominato Parco) vi sono degli importanti

Dettagli

L ANPIL OASI WWF BOSCO DEL BOTTACCIO

L ANPIL OASI WWF BOSCO DEL BOTTACCIO Il Tuffetto, associazione naturalistica costituita da laureandi e laureati in scienze naturali e biologiche, è nata per far condividere a grandi e piccoli l amore, la conoscenza e il rispetto della natura

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 2011 26 novembre 2011

ASSEMBLEA DEI SOCI 2011 26 novembre 2011 1 ASSEMBLEA 2011 - ANNO II, NUMERO 6 CIRCOLO AMICI DEL FIUME ASD, CORSO MONCALIERI 18, 10131 - TORINO WWW.AMICIDELFIUME.IT - INFO@AMICIDELFIUME.IT ASSEMBLEA DEI SOCI 2011 26 novembre 2011 2 ASSEMBLEA ORDINARIA

Dettagli

Più natura per ridurre il rischio: l'approccio della riqualificazione fluviale

Più natura per ridurre il rischio: l'approccio della riqualificazione fluviale LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO, INTERVENTI E POLITICHE LOCALI A CONFRONTO Vicenza, 12 novembre 2011 Più natura per ridurre il rischio: l'approccio della riqualificazione fluviale Andrea Goltara

Dettagli

PROPOSTA PROGETTUALE. di SALENTO IN BARCA

PROPOSTA PROGETTUALE. di SALENTO IN BARCA PROPOSTA PROGETTUALE di SALENTO IN BARCA TITOLO PROGETTO: BARCHE in RETE AREA PROGETTUALE/TERRITORIO: SCUOLE di OGNI ORDINE e GRADO della Provincia di Lecce DURATA: da MARZO a Maggio 2013 / da SETTEMBRE

Dettagli

CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA

CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA CENSIMENTO DELLA FAUNA ITTICA NEI LAGHI ALPINI NEL TERRITORIO DELLA REGIONE LOMBARDIA STATO DI AVANZAMENTO SETTEMBRE 2014 1 Il progetto di Censimento della fauna ittica nei laghi alpini nel territorio

Dettagli

Laghetti alpini senza rifiuti appello a tutti i pescatori. Il mestiere del guardapesca è il più bello del mondo

Laghetti alpini senza rifiuti appello a tutti i pescatori. Il mestiere del guardapesca è il più bello del mondo Organo ufficiale della Federazione ticinese per l acquicoltura e la pesca - Spedizione in abbonamento - Segnalare cambiamenti di indirizzo - GAB 6962 Viganello Laghetti alpini senza rifiuti appello a tutti

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

UN GIORNO NELLA VALLE DEI MONACI. per scuole e gruppi

UN GIORNO NELLA VALLE DEI MONACI. per scuole e gruppi UN GIORNO NELLA VALLE DEI MONACI per scuole e gruppi Una rete di più di quaranta realtà attive e un progetto che valorizza i beni culturali, storici, artistici, ma anche agricoli, ambientali, spirituali

Dettagli

Palasport di Monza 22 23-24 ottobre 2010

Palasport di Monza 22 23-24 ottobre 2010 Palasport di Monza 22 23-24 ottobre 2010 Numerose sono state le competizioni, per le varie discipline e per numerose classi. Mi limito qui ad uno scorcio che ho ritenuto di osservare con maggior interesse

Dettagli

VELA DAYS LAGO MAGGIORE

VELA DAYS LAGO MAGGIORE Yacht Club Locarno (YCLO) CP 907 CH-6601 Locarno email: info@yclo.ch Internet: www.veladayslagomaggiore.com Locarno, 27 ottobre 2013 COMUNICATO STAMPA VELA DAYS LAGO MAGGIORE 2014 26-27 Luglio 2014 Regata

Dettagli

PROGETTI DIDATTICI LA FAUNA ITTICA E TERRESTRE IN AMBIENTE FLUVIALE IL FIUME E L AMBIENTE AVVENTURE E DISAVVENTURE DI UN'ANGUILLA A.A.

PROGETTI DIDATTICI LA FAUNA ITTICA E TERRESTRE IN AMBIENTE FLUVIALE IL FIUME E L AMBIENTE AVVENTURE E DISAVVENTURE DI UN'ANGUILLA A.A. PROGETTI DIDATTICI LA FAUNA ITTICA E TERRESTRE IN AMBIENTE FLUVIALE IL FIUME E L AMBIENTE AVVENTURE E DISAVVENTURE DI UN'ANGUILLA A.A. 2014/2015 I progetti didattici la fauna ittica e terrestre in ambiente

Dettagli

Federcommercio confida in una massiccia partecipazione a questo evento che ha il sostegno del Cantone nell ambito delle misure anti crisi.

Federcommercio confida in una massiccia partecipazione a questo evento che ha il sostegno del Cantone nell ambito delle misure anti crisi. Alle locali società dei commercianti Lugano, 7 agosto 2009 Emozioni Ticino Colora il tuo tempo libero La campagna di promozione autunnale per tutto il Ticino! Gentili Signore, egregi Signori, abbiamo il

Dettagli

VACANZE STUDIO ITALIA MARINA DI ASCEA -SAPARCO NAZIONALE DEL CILENTO E DEL VALLO DI DIANO VILLAGGIO OLIMPIA

VACANZE STUDIO ITALIA MARINA DI ASCEA -SAPARCO NAZIONALE DEL CILENTO E DEL VALLO DI DIANO VILLAGGIO OLIMPIA INPDAP e I SOGGIORNI STUDIO 20 anni di Soggiorni Studio, tante generazioni di giovani che grazie all Istituto hanno avuto modo di confrontarsi con una esperienza all estero, dando loro una visione più

Dettagli

Pescare nella regione del Lago Maggiore

Pescare nella regione del Lago Maggiore Pescare nella regione del Lago Maggiore 1. Zone e periodi La pesca è permessa nelle seguenti zone (eccetto le zone di protezione): a) nel Lago Maggiore secondo il punto 4 b) in tutte le acque, laghi e

Dettagli

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it

Associazione Pescatori Sportivi e Subacquei Lodigiani P.le degli Sports,1 26900 Lodi 0371 432700 0371 30499 @ apssl@fipsaslodi.it Cause di alterazione delle comunità ittiche VARIAZIONE ARTIFICIALE DEI LIVELLI IDRICI Le variazioni artificiali dei livelli idrici rappresentano uno dei principali problemi a carico delle comunità ittiche

Dettagli