Rassegna stampa del 10/01/2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rassegna stampa del 10/01/2010"

Transcript

1 Ufficio Stampa Rassegna stampa del 10/01/ Prodotta da Kikloi s.r.l.

2 Rassegna stampa del 10/01/2010 Il Resto del Carlino Ravenna Al risveglio trovano i ladri (prima pagina Lugo)(Prime Pagine) Auto, boom di acquisti (prima pagina)(prime Pagine) Romagnola, indagini della Finanza(Economia locale) Il Corriere Romagna di Ravenna Sosta allospedale, si cambia (prima pagina)(prime Pagine) La Voce di Romagna Ravenna Il centro tra buche e buchi (prima pagina)(prime Pagine) Concerto di beneficenza(sanità e Sociale) Il Sole 24 Ore I comuni congelano 10 miliardi alle Pmi(Pubblica Amministrazione) Famiglie in fuga dalla Ceccherelli(Pubblica Amministrazione) Il bus dell'integrazione forzata(pubblica Amministrazione) L'unica strada è la redistribuzione(pubblica Amministrazione) Stranieri in aula, voce ai sindaci(pubblica Amministrazione) - Prodotta da Kikloi s.r.l.

3 press LIETE 10/01 /2010 S ht- Larbno il Resto del Carlino RAVENNA FAE MA.LuG Domenica 10 gennaio pg,, rahst?? kà Z 43,2C 1à 5545,34 . : Redazione : via XX settembre 15, Faenza - Tel Fax n Pubblicità : S.P.E. via della Repubblica, 2 Fusignano - Tel / Fax Al risveglio trovano i ladri Paura ieri notte in una casa a Solarolo. Furti in altre quattro abitazioni servizioaoaginal 4 Crisi Omsa, manifestazione in piazza n cantiere piste ciclabili per 3 milioni di eur o Lo sviluppo edilizio si sposta a sud della città Museo ceramiche, visitatori a quota 33mil a Record di nati e `saldo attivo' della popolazion e Continua ed aumentare faffluenzc al Mio rispetto , nell'istituto di vial e 6acnl u sono seni st iena cnqucnda biglietti in pili Per le pnrrn valuta de decenni i nuovi - esi hanon cupe- ani i decessi. Nel 2002 sl dovrebb e inoltre ve e r m s la soglia de i dimmelo ebian t Servizio a pngìne 14 Servizio e pagina 1 6 ote I ge rn e l f i. it Via F.11i Bedeschi, 43/A Via Torricelli, 201 B BAGNACAVALLO - Tel Tel g di Primiero Gemell i Tel Via Marconi, 52. BAGNACAVALLO ucina Romagnola. Specialità Pesce e Paell a Stanze Fornite di Telefono, Televisione e Aria Condizionata

4 press LIETE 10/01 /2010 it Resto dei Carlino RAVENNA h h. S" '' del k\ 4 Domenica 10 gennaio Insegne luminose -Totem aziendal i Decorazione automezzi Stampa digitale i Fax054il rtza 3 t www straifapabblicita. t Redazione : via Salara 40, Ravenna - Tel Fax n Pubblicità : S.P.E. - Ravenna - L.B. Alberti, 60 - Tel / Fax Auto, dboomp di acquisti Grazie agli incentivi, vendute nel 2009 quasi settecento vetture in più Alle pagine 2 e 3 Spericolata fuga: i due marocchin i davanti al gip Sulla `Romagnola ' indaga la guardia di finanza p p pinrs 4 Muore a 49 ann i presidente Circolo della Spad a Tutte le strategie di Asshotel sul «fronte qualità» Andrea sianani c stato stroncare da una terr ibile malate.. Lascia la moglie Francesca e tre figli : Filippo. Isabella e Angelica. Roberta Penso, appena eletta presidente provinciale, presenta le prossimi iniziative per render e emcora più'appcabdf le strutaire n<cmvc in v ista dell'e c te 20 I L i I r story te p zerio rip ARTEDI12 GE l` I I INVITA ALLE SERATE T A I rti,artedi' ALLA FIORENTIN A I' GIOVEDÌ DA PORCA I Di e DOMENICA A AN, ALLA SAI IIA F itt~lri, _ mai Cervia - tel

5 press LIETE 10/01 /2010 il Resto del Carlino RAVENNA Romagnola, indagini della Finanza Dopo la prima relazione del curatore si prospetta l'ipotesi di bancarotta ENTRE il curatore falli - mentare della `Romagno - la' di Alfonsine sta proce - dendo alacremente nel suo lavoro, la Guardia di Finanza è stata dele - gata dalla Procura a svolgere una serie di accertamenti sui punti più oscuri dell'amministrazione dell a società; si prospetta infatti l'ipote - si di reato di `fatti di bancarotta'. LA PROCEDURA fallimentare proprio nelle ultime settimane h a acquisito un notevole risultato a i fini del recupero di somme : il cura - tore, il commercialista Claudio Co - latorti, ha infatti venduto all'opera - tore economico alfonsinese Rober - to Ballardini i macchinari che oc - cupavano i magazzini e che non erano stati acquisiti in leasing da Ferruccio Mengaroni. Fatte le compensazioni con l'indennità di occupazione dei locali i magazzini erano rimasti di proprietà d i Ballardini le casse della curatela si sono riempite di circa trecentomila euro. Era stato lo stesso Ballardini ad offrire al curatore la disponibilità all'acquisto dei macchinari così da accelerare lo sgombero dei locali. Dei capannoni che ospitavano infatti l'attività produt - tiva della Romagnola frutta i n scatola Ballardini aveva necessità per un diverso sfruttamento produttivo. Ricordiamo che era stata la Ballardini Group a cedere le quote della `Romagnola' a Mengaroni. Con la cessione a Ballardini è completamente sfumata quella che poteva apparire la soluzione migliore per i lavoratori che una volta erano occupati alla Romagnola e per i quali è scattata, dopo il falli - mento, la procedura di mobilità, anticamera del licenziamento ovvero l'affitto dell'azienda a un operatore interessato a proseguire l'originaria attività confetturiera. PROSSIMO atto del curatore sarà la vendita all'asta dell'appartamento alla Camilluccia, a Roma. L'appartamento era stato acquisito da Mengaron i con denaro della società e intestato alla Romagnola: parecchi anni prima era stato di proprietà dello stesso Mengaroni (all'epoca avvocato a Roma) e poi era stato venduto a terzi a seguito di un pignoramento. Per quell'operazione, l'allora collegio sindacale della Romagnola (era una spa) pre - sentò al tribunale civile di Ravenna denuncia di `mala gestio' ritenendo l'atto estraneo agli oggetti sociali della società. Ma la denuncia non sortì alcun effetto. Non è stato invece pos - sibile far rientrare nel patrimonio della società la lussuosa BMW M6, cinquemila di cilindrata, immatricolata nel marzo del da Mengaroni e a sè intestata: per il curator e sarebbe stato versamente ardu o provare che era stata acquistata con denaro della società. L'auto, messa all'asta da Equitalia per cre - diti vari vantanti nei confronti d i Mengaroni, è stata venduta per 30mila euro. Posto che ormai sono stati delinea - ti nei dettagli il passivo e l'attivo della società (dichiarata fallita il 6 luglio), non dovrebbe subire ulteriori slittamenti la data del 29 gen - naio fissata per l'esame dello stato attivo e passivo. INTANTO il curatore sta acquisendo tutti i particolari necessari per la seconda e conclusiva relazio - ne al giudice delegato Roberto Sereni Lucarelli sulle condotte ipoteticamente irregolari dell'amministratore della società. Una prima relazione era già stata presentat a qualche tempo fa e proprio sull a scorta di quel documento il p m Daniele Barberini ha incaricato il Nucleo di Polizia tributaria dell a Guardia di Finanza di svolgere accertamenti. Carlo Raggi L'esame è fissato a fine gennaio. Prossim a vendita, un appartamento alla Camilluccia, a Rom a Visita alla Romagnola, all'epoca produttrice d i frutta in scatola, dopo i l passaggio delle quote d a Ballardini a Mengaroni

6 press LITE 10/01 /2010 C"ere di Ravenn a di Ravenna Faenza-Lugo e Imola REDAZIONE E PUBBLICITÀ: VIA DE GASPERI, 5- RAVENNA TEL: FAX : SPEDII. IN A.P. -45% ART.2 GOMMA2018 LEGGE FILIALE DI FORI. ALTRE SEDI: RIMINI ( ). FDRLI ( ), CESENA ( ),FAENZA-LUGO ( ), IMOLA ( ), RSM ( TI - IT- IN ABBINAMENTO CON LA STAMPA euro 1,20 Anno XVIII E N. 9 DOMENIC A 10 GENNAIO Il Ravenn a sale (nella lan a della Sial Intervista a lknniniqu e uscita dal 6E10 Arriva David Lati N e "il down dci clown «' RAVENNA. La tariffa del parcheggio passa da 35 a 50 centesimi all'ora, con frazioni di 12 minut i All ' ingresso si ritira il ticket Da domani stop ai posti liberi, si paga all'uscita alla cass a RAVENNA. Da domani un auto nel parcheggiodell'ospe- trite, che solleverà la sbarra pannello a segnalazione lu- dale di Ravenna. All'ingresso e consentirà l'accesso della minosa situato all'ingresso il cittadino dovrà prelevare il vettura. Sono queste alcune indicherà i numeri dei posti ticket dalla macchina eroga- dellenovitàlegatealnuovisi - stema di pagamento di quest a area del parcheggio, che rimarrà a pagamento. SERVIZIO a pagina 3 Traffico incanalato su una corsia Buche, si aggrava la situazion e sulla Classicana RAVENNA. Si aggrava la situazione delle buche sull a Classicana (con il traffico in alcuni tratti incanalato su un a sola corsia) e sulle arterie cittadine. ROSSI a pagina 5 Spari lungo l'adriatica convalidati gli arresti RAVENNA. E ' stato convalidato l'arresto dei due marocchini protagonisti dell'inseguimento sull'adriatica culminato con una sparatoria il giorno dell'epifania. SERVIZIO a pagina 5 Mic, crescono i visitatori soprattutto gli stranieri FAENZA. Crescono i visitato - ri del Museo internazionale del - le ceramiche: rispetto ai del Risultano in aumento soprattutto gli stranieri. *SERVIZIO a pagina 11 In tanti alla manifestazione Omsa. Tensione col sindac o Molte le lavoratrici presenti ieri pomeriggio in piazza al corteo Omsa SERVIZIO a pagina I O Una tv su Internet per informare me, Cotignola il primo Comune in regione a sperimentare il progett o La scherma ravennate in lutto per Signani COTIGNOLA. Via al progetto della Web Tv, un o strumento di comunicazione multimediale per i l territorio. Cotignola è tra l'altro il primo Comun e di tutta la regione Emilia Romagna ad avviare questa sperimentazione e u- na delle poche a dimensione nazionale. SERVIZIO a pagina 3 RICCI GAROTTI a pagina 12 o IMOLA Autodromo Nel 2010 lavori per milioni IMOLA. Verrà realizzata una copertur a dell'intera stecca dei box oltre al museo del'auto. SERVIZIO a pagina 1 3 IMOLA Dico, dal Pd reazioni in difesa del vescovo I MOLA. Dopo la letter a di 34 donne che attaccava Ghirelli sui Dico nel Pd c'è chi lo difende. SERVIZIO a pagina 1 6 IMOLA Immobili comunali Quanto spendono gli inquilini I MOLA. Tra i commercianti c'è ch i paga 37mila eur o all'anno e chi appena 7 2 per locali del Comune. SERVIZIO a pagina 1 5 Jhhìk. cm `íni O k fl 5 PROGETTAZIONE E COàiRliZ101 [ IAP'P.Ilîl Ul ieil'-: I ÍIE 1T I ACQUE DI CCARR10EE CRO1.E C [I'IìEI l lf[. 1 VASCHE dau(0eryizi LOCALI TECNICI IMPi000I TRATTAMENTO ACQUE REFLUE AUTOLAVAGG I I FOSSE IMHOFf IMPIAN I DI DEPURAZIONE A RANGHI ATTIVI IMPIANTI DI DEPURAZIONEA BIDDISCH I lauta D5 f iir 41. ì ISsS'GV 4IANOh,ài u NXID,_ ;g z DEGRASSATORI SEDIl POTATORI TIPO 0DB) UND PER FANGHI DEPURATORE MBR (MEMBRANE BIO-REACTOR ( DISOLEATORI STATICI e LAMELLARI ITTDEPURAZIONE STAZIONI DI SOLLEVAMENTO FILTRI PERCOLATORI A RQBCI i ANATROBICI IMPIANTI TRATTAMENTO ACQUE PRIMA PIOGGIA GRUPPI PRESSURIZZAZIONE ANTINCENDIO

7 press LJfE 10/01 /2010 1AVOCRL.~.à n a Ravenna Domenica 10 gennaio Anno XIII N. 9 1" o gli interventi. di r c ua Strade distrutte. E mancano i soldi.61 eodie' larcc~n t Taglio delle tecnici di e on sono già ave t ha), il ristati al U.r.e.sah, - ' per.tap-oiaosedt n questi. ^^, come r il decoro urbano Centinaia di alberi pericolanti. La forestale : attenti ai sentieri 1 La neve ha deva51t-'.o la pii ta i medici di fami g 111 Sacct.iniapag. l o Ardi fa OCSAHM O l finto di demagogi a e statalismo p Zucchi a pag. 1 1 t < AMMALI E ANIM E Un volo di bellezza Fonsaciari a pag. IO st _trta Giulio ha de - :o sì a S A pagina 2 roto Ap Il PISCO 11 'RIMO CM Due le esigenze da ra c Rav atto ilg :r t ute -r!al - h,. ta situazione e des. A pagina 1 Montana, sito ACA E IDEALI Ci hanno n.lbat o Gesù Bambino P Gambia pag. I O ie. haino e cara sti s viosa ao Atestioo (Padova) sii] Aizzata nella trasformazione di verdure fresche. Oltre nn seco - '. lo d'alte conserviera d'eccellenza ;sottol so t i hrceti, agrodolci, grigliata e biologici), nei primi anni '80 inizia a ricoprire un ruolo di prii missime piano nel segmento pri nte 11 ' mentre gli anni '90 sono caratterizzati da un l ulteriore incremento delle vendite e da un for te sviluppo tecnologico. Pur mantenendo la sua identità familiare. oggi Valbona ha una strullum moderna, organizzata e gestita co n criteri manageriali, con 80 dipendenti e u n fatturalo di 25 milioni. Con un export dell'8% _ (soprattutto in P.umpa e Giappone/, ora sta puntando l'india dove il settore agroalimentare non gode ancora di un mercato consolida - to. Insomma, anche in tempi di crisi le occa-.i t -Si non m ti Io. (~ care cercai le e saper - - le sfrutti t ml a tozza e ),) ).va piaparistei. micia te causato i una manovra p evitare Nuova sost a all' osped:-le Abusivi Lo sceriffo non ò pl sbagliai: RUSSI - :'I.- ).travolta daun'au - m~ l :. detta. A ti i a in ritardo de1- uu vigile, il condurle frenato dì colpo. La die per avrebbe scattalo tutto a destr a finendo per travolgere la vagilessa. Aparma 2 4 Gon i ulta de la Falde C'.r coiy Su a ideata ha deciso che ca a re per dicembre. Dote su i dand e c per o al sulaituomo.a. d un attuar 'amo impostesi - mie avrebbe dato Maine.

8 press LJfE 10/01 /2010 1AVOCR6,àgn a Ravenna Gruppo Corelli e Coro di Fusignano alla chiesa del Sacro cuor e Concerto di beneficenza ALFONSINE - E in programma oggi pomeriggio il concerto di beneficenza de l gruppo Corelli e del Coro di Fusignano. A chiusura degli eventi legati all e festività natalizie, alle 15.30, alla chiesa del Sacro Cuore di Alfonsine è i n programma il Concerto di beneficenz a del Gruppo Arcangelo Corelli e del Coro di Voci bianche di Fusignano. Ingresso gratuito. Per informazion i Pagina 22

9 press LJf1 E 10/01/2010 Il Sole IL J. Ance : appalti conclusi e non pagati per il patto di stabilità - Altri 1,6 miliardi dalle provinc e I comuni congelano 10 miliardi alle Pm i Giorgio Santilli ROMA Tra i pessimisti ancorati al solo mercato interno, senza possibilità di agganciarsi all a ripresa internazionale, ci sono anche le migliaia di piccol e imprese che aspettano di esse - re pagate dalla pubblica amministrazione. Hanno regolarmente onorato i loro contratti di appalto, hanno completato i lavori o consegnato la merce, devono rispondere alle banche ch e hanno anticipato i fondi e ch e esigono il rientro. Non di rad o sono sull'orlo della chiusur a per colpe che non hanno com - messo. Lavorano soprattutto per gli enti locali che, paraliz - zati dai vincoli finanziari de l patto di stabilità interno, hanno ormai abbandonato il rispetto anche delle più elementari regole giuridiche e contrattuali. Le promesse fatte dal governo di accelerare i pagamenti non hanno prodotto, al momento, risultato. I costruttori sono tra i pi ù arrabbiati per questo trattamento degno di un sistem a feudale. L'associazione nazionale (Ance) ha nuovamen - te aggiornato le stime sui pagamenti bloccati presso gli enti locali, con una previsione di 11,6 miliardi: dieci miliardi per lavori realizzati dal - le imprese in favore dei comuni e i,6 miliardi per oper e provinciali. Una battaglia in cui i costruttori hanno vicino proprio le associazioni degl i enti locali, Anci (comuni) e Upi (province). «Il patto di stabilità interno - scrive il centro studi dell'ance - è un problema che coinvolge direttamente le imprese esecutrici, che vedono bloccati i pagamenti da parte della. pubblica amministrazion e con la conseguenza pervers a di un accumulo di ingenti residui passivi in conto capitale, ovvero fondi impegnati e no n spesi, che stazionano nei bilanci degli enti locali».. Crescono così i residui ' passivi in conto capitale de i comuni, che già a fine ammontavano a 44 miliardi, di cui 15 spendibili immediatamente. Altri cinque miliardi sono i residui passivi del - le province. Si tratta spesso di risorse materialment e presenti nelle casse degli enti locali, ma bloccate dai vincoli del patto. Se questi sono i conti, con 20 miliardi di residui passivi disponibili e' bloccati, non c i sono soltanto gli u,6 miliard i di opere già realizzate a candidarsi all'utilizzo dei fond i bloccati. L'Ance rilancia il piano delle piccole opere imme - I comun i m Nelle casse dei comun i soggetti al patto ci sono oggi 15 miliardi di residui passivi no n spendibili peri vincoli del patto : milioni riguardano opere già realizzate, milion i sono invece risors e teoricamente disponibili pe r nuove opere. Settori penalizzati soprattutto l'edilizia scolastica e la viabilità Le provinc e r Ammontano a 5 miliardi le risorse presenti nelle casse delle province e immediatamente s pen di bili se non fossero frenat e dai vincoli del patto di stabilità. Per 1,6 miliardi si tratta di risorse destinate a opere gi à realizzate, mentre ammonta a 3,6 miliardi la quota di risors e cestinate a oper e mmediatamente cantierabili diatamente cantierabili ch e ha avuto un primo, parziale finanziamento nazionale, ma potrebbe recuperare risors e anche locali. Le tipologie di opere bloc - cate variano ai due livelli, mu - nicipale e provinciale. Per i comuni prevale la spesa i n edilizia scolastica, che corri - sponde al 55,9% del totale dei fondi bloccati, con la viabilit à in seconda posizione al 17, 9 per cento. Una quota consistente anche per la gestione degli immobili (9,1%). Per le province sono invece le strade a risentire principal - mente del blocco dei paga - menti alle opere già realizza - te, con 1,1 miliardi su i,6 com - plessivi. Segue l'edilizia scola - stica con 26o milioni. Stessa graduatoria anche per le ope - re potenzialmente finanziabi li, con il peso di strade e viabili - tà a 2,8 miliardi su 3,6 totali. RIPRODUZIONE RISERVATA

10 press L.If le 10/01/2010 I Sole r ` Nelle scuole/i. A Modena tutti riuniti in tre sezion i Famiglie in fuga dalla Ceccherell i Maria Piera Ceci Gli alunni stranieri qui, all a scuola primaria Ceccherelli d i Modena, sfiorano il 90 per cen - to. Sono distribuiti su tre classi, le uniche rimaste in tutto l'istitu - to. Le famiglie italiane hanno iscritto i loro figli altrove. Ma anche le famiglie di immigrati so - no fuggiti. Così il prossimo anno la scuola primaria Ceccherelli non esisterà più. Le ultime classi residue verranno aggregate a un'altra scuola. «Io che ci lavoro - ci racconta con una punta d i amarezza la dirigente scolastic a Anna Maria Quartili - non l'ho mai vissuta come una scuol a ghetto, ma gli altri sì. Le famigli e italiane hanno smesso di mandare i loro figli qui. E sudi loro ch e bisognerebbe lavorare, rendendoli consapevoli che se ci sono in classe 4-5 bambini stranieri, non succede nulla». Ma alla Ceccherelli ormai altro che 4-5 bambini per classe. «La nostra scuola di fatto separa gli stranieri dagli altri-spiega an - cora la Quartili-. Suddividerli in maniera più equa sul territorio è giusto, anche se non facile. Questa scuola viene frequentata da alunni stranieri perché son o quelli che abitano qui intorno e distribuendoli si andrebbe ad incidere sulla loro realtà quotidiana: significherebbe per esempi o nonpoter frequentare nelpomeriggio i bambini del quartiere. Ha anche qualcosa dell'ingiustizia sociale prendere i bambini con il pulmino solo perché stranieri e distribuirli in maniera uniforme in tutta la città, mentr e i loro compagni italiani possono frequentare senza problemi la scuola di quartiere». E un'ingiustizia sociale anche confinarli in una realtà che non dialoga con la nostra, impedendo di fatto una vera integrazione. Senza contare quanti sono nati in Italia da famiglie che non parlano l'italiano. «Il problema - conclude - va esaminato cas o per caso. Certo è che soprattutto fra i bambini l'apprendimento dell'italiano avviene soprattutto attraverso i rapporti amicali. Quindi è chiaro che se l'unic o italiano corretto che un bambino sente in tutta la giornata resta limitato a quello dell'insegnante, è decisamente un po' poco». RIPRODUZIONE RISERVATI

11 press LITE Il Sole L'esperimento Usa degti anni 70. Alunni neri e bianchi spostati di quartiere per combattere (invano) la seg r Il bus dell'integrazione forzata Daniela Roveda LOS ANGELES iz Nyman, esperta di marketing a Los Angeles, Jlricorda ancora come se fosse ieri il primo giorno di scuo - la dell'anno scolastico Anziché entrare in classe al su o liceo rionale Pacific Palisade s High School, Liz fu caricata s u un autobus insieme a una cinquantina di altri studenti bianchi e trasportata alla Morningside Highschool di Inglewood, quartiere nero a 45 minuti da casa. Quella stessa mattina una cinquantina di studenti neri d i Inglewood furono caricati su un altro autobus e trasportati alla Palisades Highschool, ne l cuore di un agiato quartiere bianco con vista sul Pacifico. Quella mattina del settembre 1978 iniziò così a Los Angeles uno dei più controversi espe - rimenti sociali imposti per legge negli Stati Uniti. Raramente un'iniziativa nata per attuare maggiore eguaglianza socioeconomica ha avuto tanti effetti indesiderati come il busing, il trasporto forzato di bambini da un quartiere all 'altro per de-segregare le scuole pubbliche americane. Ogni mattina centinaia d i bambini delle elementari, delle medie e delle superiori veniva - no trasportati da un angol o all'altro della città sugli auto - bus gialli del provveditorato, una politica che per questo motivo prese il nome di busing. Oggi il sistema del busing è stato quasi del tutto smantellato, ma per correggere le sue conseguenze imprevedibili e controproducenti ci vorranno probabilmente decenni. Il busing è considerato una della caus e principali della "fuga bianca " dalle città verso le periferie residenziali e del declino dell'istruzione pubblica in America. Prima che a Los Angeles il busing era stato adottato a Charlotte in North Carolina nel 1969, quindi a Savannah in Ge - orgia nel 1971, e successivamen - te in tutte le grandi città americane dove vigeva una segregazione de facto nelle scuole, in violazione della storica sentenza costituzionale del 1954 OBIETTIVO FALLITO L'eguaglianza dell'istruzion e pubblica non è stat a raggiunta : i genitori che possono permetterselo iscrivono i figli alle privat e (Brown vs Board of Educatio n che dichiarò illegale la segrega zione e diede inizio a una nuo - va era per il movimento per i diritti civili dei neri americani. La massima autorità giuridica d'america constatò 15 ann i dopo che le scuole pubblich e continuavano a essere segregate de facto, anche se non de iure, perché le città americane son o suddivise in quartieri popolat i da gruppi etnici omogenei. Da questa constatazione nacqu e quindi la proposta dell'integrazione forzata per offrire anch e agli alunni delle scuole de i quartieripoverile stesse opportunità, le stesse risorse e gl i stessi insegnanti delle scuol e dei quartieri ricchi. Liz Nyman oggi ha 45 anni, ma ricorda il trauma di'quel primo giorno di scuola 30 anni fa, le lacrime che le scendevano dalle guance mentre era dirett a verso una zona della città dov e non era mai stata, in una scuol a dove non conosceva nessuno. Ricorda le lacrime di sua madre che la salutava dal marcia - piede. Ricorda le urla dei geni - tori inferociti, le dimostrazioni per strada, l'assenteismo per protesta, gli scontri con la poli - zia. I genitori bianchi scesero i n piazza a Detroit, a San Francisco, a Kansas City. A Boston le proteste durarono addirittura due anni, e la polizia iniziò a sta - zionare agenti nelle scuole per mantenere l'ordine, per impedire le aggressioni egli atti di vandalismo. Le proteste dei bianchi erano in parte dettate da puro razzismo, ma in parte da motivi pratici : a nessuno piaceva l'idea di avere i figli inuna scuolaa 8 chilometri dacasa, odi costringere i bambini a sedere su un autobus due ore al giorno, o dover rinunciare alle attività sportive dopo scuola. Prima di Natale i genitori d i Liz Nyman ritirarono la figlia dalla scuola pubblica e la iscrissero a una scuola privata. Centinaia di migliaia di famiglie bian - che con i mezzi per farlo, decisero di fare lo stesso ; altri scelsero di lasciare la città e trasferirsi nelle zone residenziali d i periferia, dove il busing non era obbligatorio. Lawhite flight cambiò rapidamente il volto dell'istruzione pubblica americana, rendendolo paradossalmente più segregato di prima. Nel giro di dieci anni dall'adozione dei busing, i l numero di iscritti alle' scuole pubbliche a Boston, una città bianca al 54%, scese per esempio da ioomila a 57mila, 76% neri e 14% bianchi. A Los Angele s solo il 9% degli alunni del Los Angeles Unified School District è di razza bianca.il professor Gary Orfeld della università di Harvard ha calcolato pe r esempio che a livello nazionale la percentuale di neri nelle scuole dei quartieri bianchi è più bassa oggi che nel C'è chi resta convinto tuttavia che la politica del busing,ormai quasi del tutto archiviata, abbia portato molti benefici ai neri d'america. Jonathan Kozol, autore di diversi libri sull'ar - gomento, sostiene che molti r a - gazzi nati nei ghetti urbani sono riusciti ad andare all'università grazie all'iniziativa. Mai sostenitori del busing sono oggi una minoranza. La tentata de-segregazione delle scuole pubbliche non solo non ha raggiunto l'obbiettivo dell'eguaglianza dell'istruzione, ma ha creato un sistema ancor più elitario di prima. Senza il contributo dei genitori bianchi, la qualità delle scuole pubbliche è peggiorata; chi può permettersel o manda i figli alla scuola privata pagando rette di 20, omila dollari all'anno. E il sistema scolastico pubblico d'america sta diventando sempre più inadeguato areggere la sfida competitiva globale.

12 press L.IflE 10/01 /2010 Nette scuote/2. A Genova uniti alle altre categorie disagiat e L'unica strada è la redistribuzione Alle medie don Milani-Colombo di Genova, gli stranieri so - no circa il i8 per cento. Ma solo nel 2000 erano il 36% e l'istitut o rischiava di diventare una dell e tantescuole-ghetto d'italia. E in - vece, nel 2004, è arrivata l'inver - sione di tendenza. Tutti gli attori si sono messi intorno ad un ta - volo e hanno deciso di interveni - re. E pure in fretta se non sivole - va dire addio ai ragazzi italiani. Detto fatto, le scuole dell'are a centro-est, gli uffici periferici del Miur e il comune di Genova hanno firmato un'intesa interistituzionale per una ridistribuzione dei ragazzi stranieri, m a anche di quelli con particolari situazioni di disagio e seguiti dai servizi sociali. Un accordo non facile, come spiega Paolo Cortegiani, dirigen - te scolastico della don Milani- Colombo: «Fra noi dirigenti sco - lastici l'intesa è stata eccellente, perché eravamo tutti convinti che fosse una cosa da fare allo scopo di ridurre la concentrazio - ne del disagio in alcune scuole e migliorare l'uguaglianza di opportunità formative nella zona». Certo, aggiunge, c'è stato qualche dirigente che «ha avuto un po' di problemi nel far comprendere l'importanza di questo accordo agli organi collegiali» e qualche insegnante che «ha avu - to bisogno di tempo per digerire la decisione e infatti qualche scuola ha aderito al progetto con un anno di ritardo». La sua speranza è che l'esem - pio venga seguito altrove. Ma non sarà facilissimo. «Spesso - sottolinea Cortegiani - l'autono - mia scolastica si è tradotta in at - teggiamenti solitari, competitivi e individualistici delle scuole, però a Genova siamo riuscitiasuperarli. Con il tetto del 30% le scuo - le dovranno mettersi in rete e co - ordinarsi. Sarà da aprire una fas e di progettazione sui singoli territori, anche se tutto ciò non sarà possibile con le risorse economiche e di personale attuali. Civorranno fondi aggiuntivi. Con i recenti tagli - conclude - abbiam o già dovuto eliminare servizi importanti come attività di recupero e mensa. Se le risorse resteranno queste, dubito che l'inter o progetto resterà inpiedi». M.P.C. RIPRODUZIONE RISERVATA

13 press LITE 10/01/2010 ' 1 Sole a.r (D- Stranieri in aula, voce ai sindaci 1 Patti territoriali per applicare il limite del 30 per cento - La Cei apr e Eugenio Bruno ROMA Il tetto del 30% varrà anch e per gli stranieri di seconda generazione. E la sua tenuta dipende - rà non tanto dai presidi quanto dagli enti locali, che dovranno so - vrintendere allo smistamento d a un istituto all'altro dei "fuoriquo - ta" e reperire le risorse aggiunti - ve. Lo si evince dalla lettura dell a circolare n.2 del2oto del ministe - ro dell'istruzione. Tutto ciò mentre la scelta dell'esecutivo continua a dividere il mondo politico e i costituzionalisti si interroga - no sulla sua legittimità. Icapisaldi sono quelli anticipa - ti venerdì dallo stesso ministro Per i vescovi la scelta dell a Gelmini è «rispettosa» m a servono flessibilità e risors e Possibilista l'udc, dubbi dei costituzionalisti Mariastella Gelmini. Dall'anno prossimo, nelle prime classi di elementari, medie e superiori, la quota di studenti stranieri (anche se nati da noi) non potrà superare i13o per cento. Tale limite potrà essere innalzato o ridotto a seconda che ci si siano più o me - no allievi in possesso di una buona padronanza dell'italiano. Nel ribadire che i genitori potranno indicare liberamente la scuola preferita, il documento - che, essendo una circolare e non una nota come annunciato, andrà necessariamente rispettata, ndr - detta i «criteri organizzativi» da rispettare. Innanzitutto serviranno dei «patti territoriali» tra comuni, province, provveditorati, presidi, docenti, genitori e associazioni no profit per regolare i flussi delle iscrizioni, rivedere i bacini d'utenza e destinare alle aree più interessate fondi ad hoc per i serviz i complementari, ad esempio i mediatori culturali. Poi scenderanno in campo le "scuole polo", che riceveranno i desiderata delle famiglie e li smisteranno in base alle disponibilit à emerse. Quindi entreranno i n gioco i singoli presidi anche se l'ultima parola sulla composizio - ne delle classi spetterà ai consigli d'istituto mentre la scelta sul numero delle classi competerà agli uffici scolastici regionali. Ma cosa accadrà se i minori non italiani (eccederanno la soglia del 30%? Escludendo che possano essere costituite nuove sezioni - visti i tagli all'organico e l'innalzamento del rapporto alunni/insegnanti imposti dall a manovra triennale del po - trebbe essere disposto il passaggio a una nuova classe sulla bas e dei criteri scelti dal collegio dei docenti. Oppure chiedere un a deroga al direttore dell'ufficio scolastico regionale. Purch é «motivata» e fondata su uno dei seguenti motivi: alunni nati d a noi e dotati già di una buona co - noscenza dell'italiano; risorse o strutture, magari del privato so - ciale, per il sostegno all'apprendimento ; esperienze già docu - mentate in materia; esigenze di continuità didattica; assenza di vie alternative. Per favorire l'integrazione, la circolare invita gli istituti aimpe - gnarsi per mettere al passo gli stranieri. Attivando «moduli intensivi,laboratorilinguistici, per - corsi personalizzati» oppur e sfruttando la quota di flessibilità del 20% destinata alla seconda lingua. Ma anche avviando speci - fici corsi di inserimento in corso d'anno oppure tra una stagione e l'altra. Ammesso che le risors e previste dalla legge 44o del esplicitamente richiamatasi rivelino sufficienti. Immutato il fronte delle reazioni. La maggioranza continua a difendere lascelta della Gelmini. Il ministro delle Politiche agricole, nonché candidato governatore in Veneto, Luca Zaia : le va riconosciuto «il coraggio d i aver preso questa decisione che viene incontro al fatto dirisolvere un problema reale. Sempre contraria l'opposizione, sebbene il presidente nazionale dell'udc Rocco Buttiglione parl i di «idea non del tutto sbagliata». Qualche apertura in più giunge dai vescovi. Il responsabile dell a Cei per l'educazione cattolica, monsignor Diego Coletti, definisce il tetto una «scelta prudenziale e rispettosa» che punta a «garantire un'opportunità di integrazione ma non basta per risolvere il problema», auspican - do che sua applicazione avvenga con la dovuta flessibilità e in - vestimenti adeguati. Da registrare, infine, i dubbi di costituzionalità espressi dal pr e- sidente emerito della Consult a Alberto Capotosti e dell'exgiudi - ce costituzionale Sandra Contri. Per ques t'ultima la soglia rischi a di violare anche la Convenzion e Onu dell'1989 «che dà diritto ai minori di accedere allo studio qualsiasi sia la loro e la condizio - ne di origine dei genitori, anch e di irregolarità». RTPR000ZIONERISERVATP Gli studenti non italiani IL PESO DEGLI ALUNNI STRANIERI Incidenza degli studenti non italiani sul totale degli alunn i Nord-ovest Nord-est «'Centro Sud ''Isol e 12 '99-'00 '01-'02 '03-'04 '05-'06 '07-' _199 10o-'01 '02'03 `04-' 05 '06- ' 07 [ LE SCUOLE OLTRE IL TETTO Distribuzione regionale degli istituti con almeno il 30% di alunni co n cittadinanza non italiana (a.s. 2007/08) Lombardi a Emilia Romagn a Piemonte Veneto Toscan a Lazio Liguri a March e Umbri a Friuli Venezia Giulia - Trentino Alto Adige Sicilia Calabria Abruzzo Campani a Pugli a Valle d'aost a Basilicat a Molis e Sardegna i Fonte : Ministero dell'istruzione

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Indirizzo: LI12 SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO SOCIALE Tema di: DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

ALLEGATO "C" ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10

ALLEGATO C ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10 ALLEGATO "C" ALLA DELIBERAZIONE 7/12/2011 N 10 ARTICOLAZIONE TARIFFARIA DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NELL'AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE N. 7 RAVENNA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2012 COMUNE DI RAVENNA BACINO

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante

REGO OLAMENTO FUI Regolamento disciplinante REGOLAMENTO FUI anni termici 2014-2016 Regolamento disciplinante le procedur re concorsuali per l individuazione dei fornitori i di ultima istanza di gass naturale per il periodo 1 ottobre 2014-30 settembre

Dettagli

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE LE FONTI DEL RAPPORTO DI LAVORO PRIVATO ALLE DIPENDENZE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE REPORT ANNUALE - 2011 - ITALIA (Aprile 2011) Prof. Alessandra PIOGGIA INDICE 1. LA PRIVATIZZAZIONE 2. LE COMPETENZE

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe

Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Concorso Sulle vie dell Europa / On the routes of Europe Anno Scolastico 2013-2014 PERSONE IN CAMMINO OLTRE LE FRONTIERE PER RICONQUISTARE IL FUTURO Premessa Il Concorso Sulle vie dell Europa è promosso

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli