COMUNE DI SQUINZANO VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 17 SETTEMBRE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI SQUINZANO VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 17 SETTEMBRE 2013"

Transcript

1 COMUNE DI SQUINZANO VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 17 SETTEMBRE 2013 PRESIDENTE: Buonasera a tutti. Inizio ore 17:00. Prego, Segretario, procediamo all appello. [Il Segretario Generale procede all appello] PRESIDENTE: Non c è il numero legale. [Il Consiglio Comunale viene sospeso alle ore 17:03] [Il Consiglio Comunale riprende alle ore 18:00] PRESIDENTE: Segretario, procediamo all appello. [Il Segretario Generale procede al secondo appello] PRESIDENTE: Tredici presenti e quattro assenti. Buonasera a tutti. Innanzitutto, vorrei presentarvi la nuova Segretaria Generale, la Dottoressa Francesca Zippo; è con noi da diversi giorni, però è il primo Consiglio Comunale, per cui noi ci auguriamo, noi sicuramente collaboreremo con la Segretaria. L importante è che tutti insieme d accordo non chiediamo troppo, non alla Segretaria, in generale, abbiamo poco personale e poco di tutto. Comunque, vi vuole salutare, io passo la parola alla Segretaria Generale, prego. SEGRETARIO GENERALE: Grazie, Presidente. Vi saluto con un caloroso buonasera e prima di tutto ringrazio il Sindaco, Mino Miccoli, che mi ha dato ovviamente questa preziosa opportunità di essere il Segretario Generale di questo Comune. Ovviamente mi auguro di collaborare con il massimo impegno e con dedizione per il raggiungimento del bene comune. Grazie ancora e buonasera. PRESIDENTE: Passiamo al Primo Punto all Ordine del Giorno. CONSIGLIERA MANIGLIO: Presidente, preliminarmente avrei PRESIDENTE: La Consigliera Maniglio ha la parola. CONSIGLIERA MANIGLIO: Ancora una volta mi trovo costretta a prendere la parola all inizio di questa seduta per sottolineare una - chiamiamola - dimenticanza dell Amministrazione nei confronti dell Opposizione. Nell ultimo Consiglio Comunale, durante l approvazione della mozione che avevo presentato per quanto riguarda Casalabate, il Sindaco ci aveva promesso o perlomeno garantito che si sarebbe tenuto conto sempre e comunque anche del parere dell Opposizione e che l Opposizione sarebbe stata messa nelle condizioni di sapere quello che succedeva. Io non posso 1

2 non notare che nonostante riceviamo, giustamente, inviti di tutti i tipi anche molto strani - no, strani è una parola brutta - diciamo inviti di tutti i tipi, mi è dispiaciuto sapere che c è stato un incontro presso il Mar de Plata per una riunione convocata, mi sembra, dalla Proloco insieme al GAL a cui era presente anche il Presidente del GAL, l Onorevole Taurino, era presente l Amministrazione di Trepuzzi, sembra anche i Consiglieri di Maggioranza; io parlo per me, ma credo che sia stato lo stesso per tutti, non abbiamo ricevuto l invito per partecipare a questo incontro. Ne approfitto per rinnovare la proposta che avevo fatto nell altro Consiglio Comunale, che forse potrebbe ovviare a queste dimenticanze nel momento in cui si parla della nostra Marina che credo che sia interesse di tutti portare avanti in modo unitario, quella di formare o di tenere conto del vecchio organismo che c era. PRESIDENTE: C è molta distrazione in aula. Chi non è interessato può uscire. CONSIGLLERA MANIGLIO: O mantenere attivo il vecchio, non mi ricordo cos era, un esecutivo o il gruppo che si interessava per il passaggio della Marina a Squinzano, c era un organismo all epoca, un comitato. O si mantiene attivo il vecchio Comitato Promotore oppure io avevo fatto la proposta anche l altra volta di creare una Commissione Special ad hoc proprio sull argomento in modo che effettivamente, in questo momento delicato, possiamo seguire passo passo i lavori che riguarderanno la Marina di Squinzano. PRESIDENTE: Alle ore 18:07 entra in aula il Consigliere Saquella. Il Consigliere Marra ha la parola, così rispondiamo. CONSIGLIERE MARRA: Buonasera. Gli auguri miei e del mio gruppo e credo di tutta l Opposizione alla Dott.ssa Francesca Zippo. Le auguriamo veramente di cuore un buon lavoro, perché questa è una realtà molto difficile, con la quale io ho avuto il piacere di confrontarmi negli anni passati e quindi, da oppositore, quello che voglio dire alla Dott. ssa Zippo è di essere garante anche dei diritti, innanzitutto delle prerogative di tutti i Consiglieri Comunali e poi soprattutto di quelli dell Opposizione. Comunque conosco bene la sua sensibilità e sono sicuro che sarà sicuramente un punto di riferimento anche per noi dell Opposizione. Così come saluto il Dottore Rosafio. Io ho avuto il piacere e la fortuna di conoscere sia la Dott.ssa Zippo, sia il Dott. Rosafio: devo dire che sono state delle ottime scelte. Io avrei fatto altrettanto, quindi complimenti. Non so se l Assessore Taurino è d accordo. Anche al Dott. Rosafio auguro un buon lavoro. Anche per lui, spero che sia anche punto di riferimento per noi dell Opposizione e soprattutto per quanto riguarda il rispetto delle prerogative dei Consiglieri Comunali. Noi non chiediamo niente di particolare, vogliamo solamente chiarezza su tutte le cose e se ci è data la possibilità, vorremmo anche collaborare nella risoluzione dei problemi senza mistificazione e senza nessuna demagogia. A proposito della sensibilità istituzionale dimostrata dalla Maggioranza, mi preme rilevare e di confermare quanto ha detto la Consigliera Maniglio, perché io ne avevo già parlato con il Presidente del Consiglio, avevo detto: Va bene, Presidente, io ti faccio l interrogazione per sapere come stanno le cose e poi non l ho fatta, perché potevo essere come al solito, qualcuno dice poi che sono esagerato nelle cose, però quando si parla di problemi come quelli di Casalabate sappiamo quanto tutti ci siamo impegnati e quanto tutti abbiamo a cuore la Marina di Casalabate e non sappiamo 2

3 perché non siamo stati invitati. Perché io vi garantisco - ho visto l invito - l associazione che ha organizzato la manifestazione aveva invitato tutti, i Consiglieri di Maggioranza e i Consiglieri di Opposizione. Poi a proposito sempre di sensibilità politica, tralasciamo quanto succede nelle manifestazioni pubbliche, cose che il mostro a sette teste qual è l ex Sindaco Gianni Marra non ha mai fatto. Il rispetto istituzionale non esiste proprio grazie anche a qualche lacchè di turno, qualche persona senza dignità, alla continua ricerca di un padrone, si fa finta di non vedere le istituzioni; ma io parlo anche per quanto riguarda i Consiglieri di Maggioranza, ho raccolto anche le loro lamentele, forse ve lo hanno detto in Maggioranza e non le diranno mai pubblicamente, però bisogna avere più rispetto delle istituzioni, i Consiglieri di Maggioranza, i Consiglieri di Opposizione, i Consiglieri Regionali e Consiglieri Provinciali. Ma questo - ripeto - per inciso, non è un problema. Questo poi sta alla sensibilità di ognuno di noi, come comportarsi, ma soprattutto è importante per quanto riguarda - come diceva la Consigliera Maniglio - Casalabate. Noi vogliamo essere coinvolti. Ricordiamo che avete approvato anche una mozione, proposta dalla Consigliera Maniglio sul soggetto unico per la gestione della Marina; speriamo che quanto prima si dia esecuzione a quella mozione. Mimina, non c è bisogno del Comitato perché prima il Comitato era in piedi perché non esistevano, non era stato ancora completato il trasferimento. Adesso il trasferimento è stato fatto, abbiamo tutti un ruolo istituzionale e quindi si procederà alla realizzazione di quel soggetto unico che dovrebbe gestire la Marina. So che la Presidente farà anche delle mi riservo di intervenire successivamente per quanto riguarda la composizione delle Commissioni, anche perché lì, come al solito, avete anche lì mancato di PRESIDENTE: Consigliere Marra, ancora non stiamo lì. CONSIGLIERE MARRA: Sì, siccome avevi preannunciato che in sede di comunicazione avreste comunicato appunto la composizione delle Commissioni, anche lì è mancata del tutto la vostra sensibilità istituzionale e poi lo farò rilevare dopo. PRESIDENTE: La nostra? CONSIGLIERE MARRA: Sì, la vostra. PRESIDENTE: Ora rispondo parzialmente io. CONSIGLIERE MARRA: Non ho completato l intervento. Se vuoi lo faccio adesso, sennò lo faccio dopo il tuo intervento. PRESIDENTE: Dopo, sennò ce le dimentichiamo le cose. CONSIGLIERE MARRA: Appunto. PRESIDENTE: Allora, innanzitutto alle ore 18:07 entra in aula il Consigliere Saquella e alle ore 18:10 entra la Consigliera Guido. Poi, eri partito così bene, Consigliere Marra, complimenti, quindi finalmente siamo d accordo. Poi in delle scelte importanti, Segretario, l Ufficio Finanziario dico: Bah, stiamo lavorando bene. 3

4 PRESIDENTE: Sei d accordo. E su questo sono contenta, è già una cosa. Ora per il resto, il Sindaco risponderà sia al Consigliere Marra che alla Consigliera Maniglio per quanto riguarda la questione di Casalabate. Poi quando arriviamo alle Commissioni se ne parla. CONSIGLIERE MARRA: Una cosa solamente: io ho da rilevare tantissime altre cose, ma lo dico in maniera serena, perché noi aspettiamo ancora delle risposte del 7 Luglio, del 16 Luglio, del 20 Luglio, ho tutte qui le note. Quindi noi non vogliamo niente di trascendentale. PRESIDENTE: Può darsi che c era il Segretario. Forse ce le ha il vecchio Segretario. Poi le prendiamo. CONSIGLIERE MARRA: Vogliamo semplicemente il visto di legittimità su alcune delibere che sono state adottate. Pur finta, siamo contenti di tutti i lavori che state facendo, anche se manca la copertura finanziaria; possiamo anche chiudere un occhio per il bene della comunità, come diceva la nostra Segretaria, però su alcune delibere che avete già adottate, dove c è la firma della Maggioranza, c è la firma del DEF. Noi vogliamo sapere se quelle delibere sono legittime, anche per essere tranquilli noi. E noi aspettiamo delle risposte per quanto riguarda gli Ausiliari del traffico, per quanto riguarda le linee programmatiche, per quanto riguarda il mercato di Casalabate. Una volta che la Segretaria ci dice che è tutto a posto, noi saremo felici e contenti. PRESIDENTE: Consigliere Marra, siccome queste sue richieste sono pervenute sicuramente all altro Segretario e anche a me, però io non so se il Segretario ha risposto o meno. Rinfreschiamo la memoria: ce le ridà e le diamo alla Segretaria, la Dott.ssa Zippo, perché forse Posso pure pensare che il Segretario abbia risposto, il Segretario di prima. Adesso ci da la copia. PRESIDENTE: Ma io non lo so, perché può darsi che il Segretario ha risposto. CONSIGLIERE MARRA: Spero non siano state cestinate, perché sarebbe grave la cosa. PRESIDENTE: Sindaco, deve rispondere. SINDACO: Grazie, Presidente. Anche io rivolgo il mio saluto affettuoso alla Dott.ssa Zippo e le auguro di lavorare così, con quella passione che ha già espletato innanzi al Consiglio Comunale; così come ringrazio, per l operato e il lavoro svolto il Dott. Rosafio, così come comunico anche al Consiglio Comunale che molto probabilmente la settimana prossima prenderà posto finalmente il Dott. Arnò, che io e il Consigliere Marra conosciamo particolarmente bene perché si occupa di Polizia Provinciale, appunto in Provincia. Il Dott. Arnò, benché firmatario di una convenzione con noi, ab origine, proprio nel Giugno di quest anno, avendo avuto problemi familiari particolarmente 4

5 importanti, che adesso - grazie a Dio - ha risolto, verrà a dirigere il settore della Polizia Municipale, molto probabilmente dalla settimana prossima. Associatomi ai saluti, per quanto riguarda la contestazione che ci ha mosso la Consigliera Maniglio, noi - da quando Silvio Berlusconi fa questi processi - abbiamo familiarizzato con quella nuova figura di responsabilità posta a fondamento penale importante in responsabilità oggettiva. Io senza nascondermi dietro un dito, dico che lì c è stato un errore, nel senso che non è un errore però, cara Mimina, coordinato da noi. In buona sostanza, quella riunione è stata pensata e voluta dall associazione Casalabate 2012, che ha presentato una serie di progetti. Noi simo stati esclusivamente invitati. E ti dirò di più: io pensavo in quella riunione di trovarvi tutti quanti, quindi nel momento in cui... anche perché mi aveva chiamato il Consigliere Leone di Trepuzzi, di Opposizione, che può testimoniare in ordine a quanto sto dicendo, e quindi il fatto che quell associazione avesse invitato i Consiglieri di Opposizione di Trepuzzi, pensavo che avesse adottato lo stesso metodo con i nostri Consiglieri di Squinzano. Ritornando a quel discorso della responsabilità oggettiva, sono Sindaco di questo paese, mi avrebbe fatto piacere incontrarvi in quella circostanza e me ne assumo la responsabilità perché forse per eccesso di zelo, avrei dovuto un pochettino di più stare attento in questa circostanza e magari fare anche una telefonatina all Ingegnere Leo o all Architetto Tafuro per assicurarmi in ordine alla vostra presenza, anche perché so il contributo, come giustamente diceva il Consigliere Marra, il contributo che tutti quanti voi avete dato affinché la Marina di Casalabate passasse di territorio, così come è stato. Se ci foste stati sarebbe sicuramente un momento migliore e più importante per la comunità. Comunque - ripeto - nonostante che non ho fatto io, non abbiamo fatto noi come Amministrazione gli inviti, me ne scuso ugualmente, perché forse per responsabilità oggettiva, dovrei risponderne in questa circostanza. Chiedo scusa. 5

6 COMUNE DI SQUINZANO VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 17 SETTEMBRE 2013 Oggetto: Primo Punto OdG: Lettura ed approvazione verbale sedute precedenti PRESIDENTE: Passiamo al Primo Punto OdG: Lettura ed approvazione verbale sedute precedenti. Li diamo per letti. Se ci sono errori, la Consigliera Maniglio ha la parola. CONIGLIERA MANIGLIO: Io mi sono presa la briga di leggere il verbale. Onestamente ho rilevato che ci sono degli errori. Sono alcuni probabilmente anche poco importanti, però avrei piacere che venisse modificato il verbale correggendo questi errori. Se mi date un modo semplice per comunicare questi errori, siccome non è uno, due, tre, cioè non posso leggerveli, dovrei eventualmente dare il verbale così come - secondo me - andrebbe corretto. CONSIGLIERA MANIGLIO: L ultimo verbale. Ci sono degli errori, perché - ripeto - non sono una grande oratrice, però in alcuni passaggi non si capisce proprio il concetto che viene espresso. PRESIDENTE: A che pagina? CONSIGLIERA MANIGLIO: Eh, a che pagina, Presidente sono tante pagine. Io ho modificato il file che mi è arrivato dalla Segreteria. Se io posso rinviare il file con le modifiche che vengono segnalate in rosso e quindi che sono distinguibili e si può PRESIDENTE: La mandiamo a loro, perché loro devono correggere. Quindi noi ritiriamo l argomento, perché non possiamo approvarlo. CONSIGLIERA MANIGLIO: Oltretutto ne volevo approfittare perché la parte finale, non si capisce bene cosa è successo per quanto riguarda la relazione del Dott. Aprea e quella del Dott. Muci. PRESIDENTE: Ne abbiamo preso atto. Prendiamo atto e basta, non parliamo proprio. Nessuno parlò. CONSIGLIERA MANIGLIO: Perché il verbale non è chiaro. Non è chiarissimo. PRESIDENTE: Allora, diamo per letta anche la sua relazione, Comandante dei Vigili, e prendiamo atto di queste due relazioni, poiché gli argomenti sono finiti, Consigliera Maniglio. Allora, voi non c eravate. Io ho detto in quella seduta: Diamo per letta anche la relazione del Comandante dei 6

7 Vigili, il Dott. Luigi Muci e prendiamo atto di queste due relazioni. Cioè, queste le abbiamo date per lette e abbiamo preso atto. Questo abbiamo fatto. Voi eravate assenti e quindi questo abbiamo fatto noi. Questo è il verbale aggiornato e che è stato corretto, Consigliera. L ha avuta la copia corretta, vero? PRESIDENTE: E allora, qui è successo questo. PRESIDENTE: Ma non lo abbiamo fatto. Consigliera noi dicemmo questo: Diamo per letta l una e l altra e ce ne andammo. E prendiamo atto di queste due relazioni. Se lei le rimanda alla società, a loro, così loro le rifanno e noi poi le approveremo la prossima volta. Per cui, ritiriamo il primo argomento. Il Consigliere Marra voleva dire qualcosa. CONSIGLIERE MARRA: Guardate, io penso, Presidente, che anche se lo ritirate, almeno io personalmente, il mio Gruppo, non lo voterà mai, e credo anche la Consigliera Maniglio. PRESIDENTE: Che cosa? CONSIGLIERE MARRA: Questo verbale. Perché ci avete dato dieci versioni diverse. PRESIDENTE: Perché dieci? CONSIGLIERE MARRA: Io ne ho tre, quattro. Una sul computer, l altra PRESIDENTE: No! CONSIGLIERE MARRA: Scusa, io non ho interrotto. Allora, io credo - e lo dico veramente, sennò te lo direi - nella tua buona fede, però siccome tu hai detto che hai corretto i verbali in sede di conferenza PRESIDENTE: Non ho corretto. CONSIGLIERE MARRA: Io vi suggerisco, se mi posso permettere, seguendo il regolamento, perché io non sono nessuno a suggerire niente, che questo modo di fare non va, perché - secondo me - la ditta, le stenotipiste dovrebbero inviare a ciascun Consigliere, così come è stato lavorato in qualsiasi modo, il verbale a tutti i Consiglieri. Poi ai sensi del Regolamento del Consiglio Comunale, c è una discussione, così come abbiamo fatto sempre e ogni volta, in sede di discussione ognuno chiarisce il nostro pensiero e si vota sul pensiero di ciascuno. Quindi, lei Presidente, non può correggere verbali. Tra l altro, l Art.17 dice che I verbali sono depositati presso la Segreteria Comunale - così come lavorati dalla ditta che cura appunto la registrazione - e a disposizione dei 7

8 Consiglieri Comunali ed inviati ai Capogruppo Consiliari almeno cinque giorni prima. Inviati! Poi su quest altra cosa pure ci chiariremo, perché noi fino a quando non perché non dovete predicare bene e razzolare male, fino a quando non funziona l Albo Pretorio, non vogliamo sapere di tecnologie e cose varie. Prima di invitare noi a imparare il computer, dovete prima far funzionare l Albo Pretorio e poi accetteremo qualsiasi cosa, ci potremo sedere e ragionare; faremo la posta elettronica certificata, perché io, caro Assessore Saquella, io non parteciperò più alle Commissioni fino a quando tu mi inviterai attraverso computer. Perché non sono stato invitato per iscritto all ultima Commissione Consiliare, dove tu dal Piano di Zona sei andato a finire alla Festa del nonno. E io lo sapevo, perché ti hanno tirato le orecchie e logicamente ti hanno fatto cambiare Ordine del Giorno. Detto questo sull ultima questione del Commissario Aprea, per quello che può contare, attenzione, che anche lì c è uno sbaglio enorme. Presa d atto che vuol dire? Che avete votato? PRESIDENTE: No. CONSIGLIERE MARRA: E presa d atto che vuol dire? Perché su una c è la votazione, sull altra che è uguale, come atto amministrativo, non c è la votazione. Avete trattato male il Comandante Muci rispetto ad Aprea, perché dai verbali, sembra che è stata votata la relazione di Aprea, mentre non è stata votata quella del Comandante Muci. E quindi ecco cosa succede. Però io vorrei sapere: Ma si è votato o no?. PRESIDENTE: Si è votato a tutti e due, perché lo abbiamo scritto. CONSIGLIERE MARRA: Su una non risulta che avete votato, le assicuro, io ho il verbale, perché su una c è scritto in effetti Presa d atto, tra l altro, come al solito avete fatto qualcosa che non esiste né in cielo né in terra, da Striscia la notizia, perché quello non era argomento di Consiglio Comunale perché gli argomenti di Consiglio Comunale sono tassativamente previsti dallo Statuto e dalla 267 del Però per accontentare il Commissario Aprea, avevate quest obbligo morale e l avete portata in Consiglio Comunale. Mi dispiace. Poi forse dirò qualcosa quando parlerò della mia mozione, perché parecchie cose su quella relazione erano completamente errate. Quindi detto questo, Presidente, io ti riconosco la buona fede, però te lo dico in maniera molto senza non considerarlo un attacco personale, non dovete correggere i verbali. I verbali devono essere consegnati. Io invito la ditta alla trasmissione diretta, così come sono stati lavorati, ai Consiglieri. Poi ogni Consigliere studia il proprio pensiero e poi verrà in Consiglio e correggerà il proprio pensiero, il quale dovrà essere - così come dice il Regolamento - votato da tutto il Consiglio Comunale, perché uno non può correggere. E noi quindi su quei verbali, dove c è di tutto, noi potete darci tutti i verbali del mondo, perché io ho sette versioni, io quei verbali non li voterò mai. Né io, né l Avvocato Guido né il Dottore Pezzuto. PRESIDENTE: Consigliere Marra, adesso chiariamo. Innanzitutto dieci versioni lei non le ha. Lei ha una prima versione, cioè quella errata, e poi la seconda versione, secondo noi corretta, perché secondo la Consigliera Maniglio ci sono ancora degli errori. 8

9 PRESIDENTE: Quattro duplicati? Chi le ha mandate? Scusate quante volte avete corretto il verbali? PRESIDENTE: No, non esiste proprio. Detto questo, il Presidente del Consiglio, quando gli vengono proposte le delibere del Consiglio, dovrebbe leggersi la discussione e io me lo devo leggere perché voglio leggerlo per vedere se tutto è esatto o meno. PRESIDENTE: Io sono il Presidente del Consiglio e mi voglio guardare le delibere e la discussione. Quando mi accorgo che qualcosa non va, chiamo la ditta e dico risentitevi il disco, perché ci sono degli errori. Io non ho messo mani ai verbali, perché io non sono autorizzata. Sono loro che hanno corretto secondo quello che io ho detto. Poi una volta che io porto, come oggi, in Consiglio Comunale, per l approvazione, i verbali della seduta precedente, ogni Consigliere Comunale si alza e dice: C è questo errore, c è quest altro e noi prendiamo atto se è da correggere, come abbiamo detto oggi. La Consigliera Maniglio - che ha avuto tanto tempo per guardarsi le carte - e ha detto: Secondo me, ci sono ancora degli errori, che sicuramente saranno sfuggiti a me, allora le invia direttamente alla ditta, per vedere se ciò che la Consigliera Maniglio scrive PRESIDENTE: Loro ascoltano quello che noi abbiamo detto. Se ritengono che la Consigliera Maniglio sta dicendo delle fesserie, mica lo correggono! Perché poi alla fine di tutto, c è il disco che noi le diamo, quando lo vuole, se lo ascolta e vede se tutto ciò che è scritto, è vero. Noi stiamo cercando di adoperarci, di fare le cose per bene, perché se lei ricorda, Consigliere Marra, nella precedente legislatura, c era il Consigliere Scardia che andava a caccia degli errori per fare il rilievo al Presidente del Consiglio, cioè a me. E io ci rimanevo male perché magari non lo avevo riletto, non avevo trovato degli errori. Mi sono adoperata per vedere di fare le cose per bene. In Italia non va niente bene. Manco quando uno si preoccupa di fare le cose per bene. PRESIDENTE: Sì, il Consiglio è sovrano. Io devo approvare, infatti oggi poiché il Consiglio è sovrano, ritornano indietro. Poi se gli errori della Consigliera Maniglio si rilevano, dal dischetto, che sono giusti, l azienda mette mani al verbale, ma mai noi. Lei propone, poi loro diranno: Mi dispiace Consigliera. 9

10 PRESIDENTE: Ma insomma, che dobbiamo fare per correggere gli errori? PRESIDENTE: Consigliera Maniglio, evidenzi gli errori, avanti! PRESEIDENTE: Consigliera accenda il computer e ci dica gli errori. Datemi il verbale originale. Poi loro dovrebbero vedere se è giusto. Questo è quello del Consiglio. Qualche Capogruppo ne ha una copia qui? Nessuno. Carrozzo l hai portato? No, questo è vecchio. Una matita per favore. Perché questo è quello originale. Allora, Consigliera Maniglio, a parte che se noi riteniamo che quello che dice, se ci ricordiamo, diciamo che per noi va bene. Possiamo anche votare. PRESIDENTE: È il suo pensiero, ma se io non sono d accordo gli voto contro, no? Vediamo, adesso correggiamo con la matita. A che pagina? CONSIGLIERA MANIGLIO: Presidente, per velocizzare, se la Maggioranza è d accordo e l Opposizione, ritiriamolo. Io le metto per iscritto, più veloci, perché è inutile. Cosi la prossima volta le leggo già tutte sistemate, la pagina, il punto è inutile. PRESIDENTE: Ritiriamolo. Se lei me lo manda, noi lo mandiamo all azienda. Perché dobbiamo per forza mandarlo. CONSIGLIERA MANIGLIO: No, ha ragione il Consigliere Marra che dice che la modifica deve essere fatta in Consiglio. Io me le ordino, perché adesso, diventano un poco PRESIDENTE: Vediamo, perché possiamo vedere se sono delle sviste. CONSIGLIERA MANIGLIO: Vabbè le sviste solamente di poco conto, le tralasciamo. PRESIDENTE: Va bene. Allora ritiriamo l argomento. Votiamo per il ritiro. La Consigliera Maniglio propone di ritirare l argomento, o faccio io la proposta? Avevo proposto io. Il Presidente propone il ritiro dell argomento. Chi è favorevole alzi la mano. [Si procede a votazione] PRESIDENTE: Unanimità. 10

11 COMUNE DI SQUINZANO VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 17 SETTEMBRE 2013 Oggetto: Secondo Punto OdG: Interrogazioni PRESIDENTE: Adesso passiamo al Secondo Punto OdG: Interrogazioni. La prima interrogazione è fatta dalla Consigliera Maniglio con protocollo n Quella vecchia. L argomento è il costo. Stiamo parlando del Monastero di Santa Elia. CONSIGLIERE MARRA: Forse hai saltato un punto. C erano le due comunicazioni, no? CONSIGLIERE MARRA: Dopo? PRESIDENTE: Prima di tutto sono le interrogazioni. Consigliera la vuole leggere? COSIGLIERA MANIGLIO: La sottoscritta Consigliera Comunale Mimina Maniglio, visto che il Comune di Squinzano, insieme ai Comuni di Trepuzzi e Campi Salentina ha acquistato, da un privato, il complesso monastico di Sant Elia, pur ricadendo lo stesso nel feudo di Trepuzzi ed in forma associata con i suddetti Comuni, ha provveduto alla sua ristrutturazione, considerando che il costo del recupero architettonico ha sfiorato il milione di euro, con finanziamento regionale ottenuto in tre tranche, a partire dal 2002/2003, che nonostante una parte è ancora un rudere nel 2009 si è tenuta l inaugurazione, che in seguito a furti di rame, l impianto elettrico risulta manomesso e completamente da rifare rendendo l immobile inagibile, che a tutt oggi risulta che non esiste alcuna vigilanza sull immobile; che quello che doveva essere l esempio per tutti i monumenti religiosi pugliesi e il simbolo dell Unione dei Comuni dei Nord Salento, sembra sia diventato invece il simbolo della trascuratezza e dell incuria, chiede all Assessore competente di sapere se corrisponde al vero che quest Amministrazione non ha intenzione di continuare nella gestione associata dell immobile e se così non è, chiede di sapere quali iniziative intende attivare unitamente agli altri due Comuni comproprietari, per non lasciare sprofondare nel più completo degrado questa struttura, rendendola nuovamente fruibile da parte dei cittadini. Vorrei aggiungere, perché è la notizia del giorno, che c è stato un ulteriore furto: è stata la porta di zinco che chiude la stanza della centrale termoelettrica, quindi diciamo che purtroppo viene ancora, continuamente, manomessa questa struttura. PRESIDENTE: Premesso che alle 18:30 abbiamo iniziato le interrogazioni, finiranno alle 19:30. L assessore Taurino risponde. 11

12 ASSESSORE TAURINO: Non corrisponde al vero che il Comune di Squinzano intende sottrarsi alla gestione congiunta del Monastero, tant è che nella conferenza dei Sindaci, tenutasi nel Luglio scorso, il 19 Luglio, congiuntamente ai Comuni di Campi Salentina e di Trepuzzi, è stata affidata la gestione del Monastero dalla Conferenza dei Sindaci. Cioè è stato approvato un progetto di partenariato con un associazione, Le pulci di procuste, per quanto riguarda la realizzazione di un progetto proprio per il recupero dei beni del patrimonio storico, artistico e culturale, dove sarà attivato un campo lavoro per la valorizzazione di questo bene e soprattutto nell affidamento in concessione - ecco l aspetto positivo - l utilizzo del bene è subordinato al risanamento dei danni che sono stati effettuati, alla manutenzione ordinaria e alla salvaguardia dello stesso. Tutta la documentazione è stata acquisita dall Unione dei Comuni ed è a disposizione della Consigliera Maniglio. PRESIDENTE: Consigliera Maniglio è soddisfatta? CONSIGLIERA MANIGLIO: Sono soddisfatta perché c è l impegno a continuare, però Assessore, una domanda ulteriore: l affidamento all associazione, per quello che mi risulta, era un affidamento temporaneo, non era un affidamento di gestione continuativo, cioè riguardava un campo che si è svolto nel mese di Agosto e non c era una progettazione futura. L affidamento non era [L Assessore Taurino interviene senza l uso del microfono] CONSIGLIERA MANIGLIO: Io le dico questo per dire che in realtà, ho apprezzato questa cosa, però essendo una cosa temporanea che è durata, credo una quindicina di giorni... CONSIGLIERA MANIGLIO: Io volevo capire se questa è una direzione che si sta intraprendendo in modo definitivo o se comunque è una cosa a sé stante che non ci garantisce niente per il futuro. Questo volevo capire. Oggi chi c è che visto che hanno fatto questo ulteriore furto? Significa che non c è un affidamento continuativo nella gestione della struttura. Queste sono domande per capire meglio. ASSESSORE TAURINO: I Comuni lo gestiscono congiuntamente e la guardania dovrebbe essere del Comune di Trepuzzi che aveva le chiavi. Si è studiato questo progetto che non si isola, non si limita ad un unico step nel mese di Agosto, ma si sviluppa nel tempo; i Comuni e i Sindaci congiuntamente troveranno la formula più appropriata di gestione. Una cosa è certa, il degrado del bene non è ammissibile e siamo orientati per la salvaguardi e la tutela. Vedremo anche nell ambito delle installazioni di telecamere nel territorio comunale, di poter assicurare anche una vigilanza sull immobile stesso, o vedremo se è possibile farlo congiuntamente, perché non trattandosi di territorio di Squinzano, non potremo provvedere direttamente, però la sintesi della risposa è che appartiene a tre e non si può andare isolatamente. Ecco. 12

13 PREIDENTE: Passiamo all altra interrogazione. Il Consigliere Ippolito dov è? Consigliera Maniglio se vuole leggere l interrogazione che riguarda i parcheggi di Casalabate. CONIGLIERA MANIGLIO: La sottoscritta Consigliera Comunale, Mimina Maniglio, premesso che più volte in questi giorni - naturalmente la mia interrogazione risale a quest estate - si è parlato di due nuovi parcheggi pubblici e gratuiti a Casalabate, provvisti di segnaletica verticale del Comune di Squinzano - qui c è una rettifica perché ogni tanto ho qualche dimenticanza: avevo scritto Assessorato al Turismo, invece è Assessorato alla Mobilità e Traffico, Parcheggio Gratuito - dal momento che i suddetti parcheggi insistono su arie private, chiede all Assessore competente di sapere con quali atti si è provveduto a trasformare un area privata in parcheggio pubblico e se al momento della sua realizzazione siano state rispettate tutte le norme vigenti in materia. SINDACO: Cara Consigliera Maniglio, anche questa ha la stessa impostazione dell intervento che ho fatto all inizio; nel senso che, non possiamo nasconderci dietro un dito. Nel senso che quelle due aree a parcheggio che noi avevamo individuato a Casalabate, una era censita come area a parcheggio, praticamente quella di fronte alla Baia Negra, l altra invece non aveva quella destinazione urbanistica. Che cosa è successo? Noi ci siamo subito resi conto, all inizio della stagione che Casalabate avrebbe ospitato un pochettino più di gente rispetto agli anni passati. Abbiamo individuato questi due terreni e siamo andati a parlare con i proprietari, i quali si sono messi subito a disposizione e all interno di un concetto di natura collaborativa con l Amministrazione ci hanno dato questa possibilità di far parcheggiare delle auto, che altrimenti avrebbero congestionato il lungomare. In buona sostanza, noi, nei due parcheggi, quello di proprietà del Sig. Tafuro, di fronte alla Baia Negra e quello di proprietà del Sig. Parisi, sul lungomare centrale, hanno sottratto, quest anno, al lungomare almeno macchine ogni sera. È logico che non - ripeto, come ho detto prima - non erano previste quelle aree come zone a parcheggio, ma noi ci siamo fatti interlocutori dei quella che era un esigenza obiettiva e le abbiamo destinate a tale scopo. Chiaramente, che cosa abbiamo fatto noi: li abbiamo ripuliti, abbiamo creato dei varchi pedonali in modo tale che i conducenti, gli autisti che lasciavano le loro macchine, poi avevano la possibilità, oltre che di entrare, di defluire anche a piedi anche con degli scivoli per dare loro la possibilità di farlo più comodamente anche per coloro i quali erano portatori di handicap e quindi ci è sembrato che, benché non si fossero rispettate integralmente le norme, si sia fatta una cosa buona e giusta per Casalabate, per i frequentatori, per i villeggianti, per i residenti e soprattutto per l ambiente, tema del quale, poi più tardi parleremo in particolare con la Conigliera Mazzotta, tema al quale, la Consigliera Mazzotta e voi tutti siete particolarmente legati. Questo è quello che è successo - ripeto - senza nasconderci dietro un dito, e siamo anche certi che nonostante il vostro giusto lavoro di oppositori di quest Amministrazione, anche voi avrete sicuramente intuìto la bontà di quel tipo di operazione. Comunque agli atti degli uffici, noi abbiamo due manifestazioni di disponibilità. Per la verità oggi ero impreparato su quest argomento - nel senso che li possiamo reperire in qualsiasi momento - abbiamo due atti di disponibilità da parti di entrambi i proprietari i quali hanno recapitato all Amministrazione Comunale la loro disponibilità e contestualmente già sottoscritto, un atto di comodato gratuito, che noi pure abbiamo sottoscritto e quindi dal punto di sta di quello che è l effetto giuridico per quanto riguardava anche la responsabilità in ordine alla buona 13

14 tenuta di queste due aree, comunque l abbiamo sanato. Nel senso che i proprietari non ne erano responsabili, laddove fosse successo qualche cosa. Grazie a Dio non è successo nulla. CONSIGLIERA MANIGLIO: Io ripeto, questa è la stessa motivazione delle altre interrogazioni, quella che riguardava il mercato, quella che riguardava qui non si tratta di capire. Io sull efficacia, Sindaco, che avrà potuto smaltire qualche posto auto, ma sull efficacia sul traffico ho i miei dubbi. Perché anzi, la presenza del parcheggio porta ad un affluenza - secondo il mio modestissimo parere - di auto superiore rispetto al fatto se uno sa già che non c è. Diverso sarebbe stato se fossero stati collocati su una strada parallela, secondaria, quindi facendo defluire le macchine dal lungo mare. Questo è un altro discorso. Sul fatto che la zona di fronte alla Baia Negra fosse adibita a parcheggio, io ho i miei dubbi perché io dalla planimetria che ho di Casalabate, che riguarda il Comune di Lecce, io vedo che quella è una zona F14 e quindi sono delle aree a verde attrezzato e quindi non è. [Il Sindaco interviene senza l uso del microfono] CONSIGLIERA MANIGLIO: Dalla planimetria sembra che ricada sulla F14, quindi può essere ma non neanche quello il problema. CONSIGLIERA MANIGLIO: No, questa è quella del Baia Negra. Perché quella del Bar Marulli addirittura sono giardini e attrezzature religiose. CONSIGLIERA MANIGLIO: Quella era, Sindaco, B23 ed F13. Quella del Bar Marulli ha due destinazioni, cioè prende due fasce, la B23 e la F13. Dalla planimetria che ho io, la Baia Negra prende la F14 solamente. Comunque se lei ha il certificano, non ho motivo. Quindi il discorso non è sull utilità o meno che - ripeto - anche secondo me, sarebbe anche da dimostrare sul fatto che abbia veramente potuto limitare il traffico. Il discorso è questo - ripeto - se pure è necessario avere un parcheggio a Casalabate, si devono rispettare le regole. Lei adesso ha detto: Per fortuna non è successo niente. Io mi sono chiesta passando: Ma se ci dovesse essere la necessità di un ambulanza, una macchina prende fuoco e i Vigili del fuoco come si fa? C era della situazione semplicemente di caos. Che una cosa sia utile o sia giusta, non significa che va perseguita anche al di fuori delle norme. Il motivo fondamentale delle interrogazioni che sono state fatte da parte mia, perlomeno fino ad oggi, era proprio questo; non mettere in discussione se una cosa è utile o meno, perché io non ho titolo per decidere se una cosa può essere utile, quella è un discorso soggettivo e l Amministrazione può ritenere utile mettere un pallone pressostatico sulla villa e l utilità non la posso discutere, se da parte vostra viene deciso che è utile, però a me interessa se quell opera viene fatta seguendo tutte le norme che sono da seguire. Dalle risposte che ho avuto alle interrogazioni, io devo dedurre, ad oggi, che sono state efficaci, nel senso che, abbiamo capito che la situazione del mercato domenicale non era fatta secondo nessuna norma. 14

15 [Il Sindaco interviene senza l uso del microfono] CONSIGLIERA MANIGLIO: Diciamo che posso essere le idee diverse. A mio modestissimo parere, anche dalle risposte delle discussioni fatte in Consiglio, posso concludere dicendo che, secondo me, sia il discorso del parcheggio, sia il discorso del bus navetta per Casalabate, sia il discorso del mercato, lei dice un opinione, secondo me, confermata dalla carte, sono state tutte e tre delle cose, probabilmente utilissime, ma sono state perseguite senza il rispetto delle regole che comanda quel tipo di intervento. Grazie. PRESIDENTE: Prego, Sindaco. SINDACO: Se posso rassicurare la Consigliera Maniglio e l Opposizione, noi stiamo già lavorando, subito dopo l estate a cercare di individuare e quindi regolamentarla, perché adesso non abbiamo scuse, adesso c è un anno di tempo per regolamentare eventuali zone a parcheggio e quindi ci stiamo muovendo sin da subito. Le dico anche che abbiamo avuto tre manifestazioni di disponibilità da parte di tre grossi proprietari terrieri che hanno dei suoli sulla strada limitrofa a quella del lungo mare e alla litoranea e quindi, per l anno prossimo, sicuramente faremo le cose un pochettino più accorte. Partendo dal presupposto che qua nessuno le ha detto che abbiamo fatto una cosa che era esente da vizi, cosa diversa - ci tengo a dire - per quanto riguarda il bus navetta e per quanto riguarda il discorso del mercato di Casalabate. Poi io dico che nei confronti della collettività, almeno noi, può darsi che magari noi si sia parlato esclusivamente con persone che erano fidelizzate con l Amministrazione o erano a noi vicine, però abbiamo riscontrato recensioni importanti e positive, sia per l uno che per l altro, che per l altro tema che abbiamo affrontato. Comunque siamo andati in linea con quelle che sono state poi, effettivamente, le esigenze di coloro i quali frequentavano Casalabate, fermo restando che, sulla seconda parte del discorso, sono d accordo con lei. PRESIDENTE: La prossima interrogazione ha come protocollo n e la presenta la Consigliera Mazzotta. Ce l ha il protocollo, Consigliera? CONSIGLIERA MAZZOTTA: La sottoscritta Consigliera Comunale Tonia Mazzotta, premesso che il piano di riparto delle risorse premiali, rientrante nel quadro strategico nazionale , per le aree sottoutilizzate, ha previsto da parte della Regione Puglia, un premio a tutte le Amministrazioni che abbiano raggiunto il 40% della per raccolta differenziata dei rifiuti solidi urbani, modificando vantaggiosamente il limite europeo che richiede invece di raggiungere il 65% della raccolta differenziata; che tuttavia sul territorio della Marina di Casalabate non è stata effettuata raccolta differenziata alcuna, influendo sicuramente in negativo sulla percentuale totale di raccolta differenziata dei rifiuti che raggiugerà il Comune di Squinzano; che tale situazione comporterà una penalizzazione nel momento in cui il Comune di Squinzano andrà a conferire in discarica rifiuti, in quanto la tariffa sarà portata a euro 25,82 a tonnellata, chiede all Assessore competente di conoscere il punto della situazione in merito alla raccolta differenziata dei rifiuti del Comune di Squinzano, di sapere quali sono le intenzioni in merito alla raccolta differenziata dei 15

16 rifiuti nei territori amministrati dal Comune di Squinzano e quali provvedimenti sono in concreto previsti per adeguarci alle direttive regionali e meritarci i vantaggi previsti dalle leggi regionali in materia. PRESIDENTE: Risponde l Assessore Pulli. VICESINDACO PULLI: Consigliera Mazzotta le premetto che il dato percentuale di raccolta differenziata nel Comune di Squinzano ad oggi è del 20%. Sulla marina di Casalabate quest Amministrazione non poteva fare nulla, visto che si è insediata sostanzialmente agli inizi di Giugno per indire il bando sulla raccolta differenziata che ci sarebbe costato molto, per cui abbiamo confermato provvisoriamente, al precedente gestore, alla C.S.A., che ci è costato l importo mensile di 15 mila euro. Successivamente l Amministrazione Comunale sta predisponendo sia il capitolato che il bando per l affidamento del servizio e l individuazione del laboratorio economico che si occuperà poi di esportare anche su Casalabate la raccolta differenziata. Ovviamente, intenzione di quest Amministrazione è anche migliorare le modalità con cui si effettua la raccolta differenziata a Squinzano, per poter raggiungere quella quota prevista dalla Regione Puglia per il fondo incentivante. VICESINDACO PULLI: Penso che sia difficile a partire dalla prossima, perché raddoppiare totalmente non penso sia possibile. Oggi ci attestiamo su un dato del 20%. Raggiungere il 40% vorrebbe dire raddoppiare il dato percentuale dell anno in corso. Credo che sia un po utopistico arrivaci. Dobbiamo lavorare. CONSIGLIERA MAZZOTTA: Sono soddisfatta di essere venuta a conoscenza di queste cose, di queste informazioni. Non posso essere soddisfatta del fatto che la tariffa massima che sarà applicata ai cittadini è questa, mi sembra ovvio. Spero, come dice lei, che riusciamo a restringere i tempi il più possibile per avere questa differenziata che mi sembra importantissima anche per il territorio di Casalabate, considerato anche che, con l applicazione della Tares e dalla Tarsu ci sarà una stangata che andrà a gravare proprio nelle tasche dei cittadini, quindi sono occasioni, queste, che si sarebbero potute poi a parte la parziale scusante, come dice lei, dell insediamento recente dell Amministrazione, consideriamolo una parziale scusante VICESINDACO PULLI: Parziale è impossibile. Ci siamo inseriti a inizi di Giugno. I tempi materiali per fare Bando, Capitolato, affidamento, non c erano. CONSIGLIERA MAZZOTA: Prendo atto che lei si è impegnato e spero che i tempi siano ristretti. Grazie per il momento non posso essere soddisfatta. VICESINDACO PULLI: L impegno è sicuro. PRESIDENTE: Passiamo alla prossima interrogazione, Consigliera Mazzotta. È la n la esponga e poi 16

17 CONSIGLIERA MAZZOTTA: No, era quella che ho letto prima. PRESEIDENTE: Quella di prima era Questa è stata presentata il 9 Settembre, stesso giorno e riguarda l Arpa. CONSIGLIERA MAZZOTTA: No, quella è la mozione è la PRESIDENTE: Allora la CONSIGLIERA MAZZOTTA: La sottoscritta Consigliera Comunale Tonia Mazzotta, premesso CNR e ANCI - sono degli acronimi, per i presenti non addetti ai lavori, Consiglio Nazionale delle Ricerca e Associazione Nazionale Comuni Italiani - hanno firmato un accordo di collaborazione, che include anche le linee guida per la selezione di tre Comuni che saranno trasformati in vere e proprie smart cities nell ambito del progetto CNR Energia da fonti rinnovabili e ICT - anche questa è una sigla che sta per Information and Communication Tecnology, tecnologie dell informazione e della comunicazione per la sostenibilità energetica - che il bando prevedeva che le reti di illuminazione pubblica dei tre Comuni selezionati sarebbero diventate le autostrade per erogare alcuni servizi altamente innovativi, che entro il 9 Agosto c.a. sarebbe stato possibile candidare il nostro Comune alla selezione nazionale per avere in supporto un milione di euro in strumentazione e tecnologia, finalizzato a soluzioni per la sostenibilità energetica e ambientale; che alla domanda dovevano essere allegate le relative informazioni sugli impianti di illuminazione pubblica del Comune; che sarebbe stato opportuno che l Amministrazione predisponesse la partecipazione del Comune di Squinzano al sopracitato bando CNR-ANCI, offrendo alla nostra città un irripetibile possibilità di sviluppo ed innovazione tecnologica nell ottica della sostenibilità energetica ed ambientale, chiede al Sindaco e all Assessore competente di sapere se il nostro Comune si è candidato, entro i termini previsti, alla selezione prevista nell accordo CNR-ANCI smart cities nell ambito del progetto Energia da fonti rinnovabili - ICT per la sostenibilità energetica e se in caso di risposta affermativa, sono stati forniti anche i dati e le informazioni richieste e necessarie per la corretta partecipazione del Comune di Squinzano. PRESIDENTE: Risponde l Assessore Pulli. VICESINDACO PULLI: Consigliera Mazzotta, premesso che mi fa piacere che qualcuno si affezioni al tema delle smart city, quindi vuol dire che è un tema che sta coinvolgendo tutti quanti, però le devo fare una piccola critica. I bandi purtroppo vanno letti tutti. A questo bando, che è un bando carino ed ha anche risorse corpose, non indifferenti, vi sono dei criteri di scelta per la selezione del Comune. I Comuni che possono partecipare sono i capoluoghi di Provincia con almeno cento mila abitanti e Squinzano non lo è. I Comuni medio piccoli con meno di 7 mila abitanti e Squinzano non lo è; e i centri turistici, marittimi e montani di qualunque dimensione inclusi nell elenco redatto dall Anci e Squinzano né Casalabate rientrano in quelle tipologie. Per cui non avremmo in alcun modo potuto partecipare al bando, che ripeto, è abbastanza carino che riguarda l efficientamento energetico e su cui il Comune si sta già muovendo con iniziative su 17

18 Casalabate per quanto riguarda l illuminazione pubblica. Ho portato il bando, e al punto uno gli ho selezionato anche i criteri. PRESIDENTE: Le interrogazioni sono finite e quindi passiamo al Terzo Punto dell Ordine del Giorno. [Il Vicesindaco Pulli interviene senza l uso del microfono] PRESIDENTE: Qual è? CONSIGLIERA MAZZOTTA: La sottoscritta Consigliera Comunale Tonia Mazzotta, premesso che il Ministero dello Sviluppo Economico ha stanziato 190 milioni di euro dedicati alle nuove agevolazioni per le startup innovative del Mezzogiorno, che le domande dovevano pervenire entro il 4 settembre sul sito internet a ciò preposto, che la gestione dei fondi è stata affidata a Invitalia, che sarebbe stato opportuno che l Amministrazione avesse previsto e promosso incontri informativi ad uso degli imprenditori o futuri imprenditori del Comune di Squinzano, chiede al Sindaco e all Assessore competente di avere il punto della situazione in merito alla diffusione e alla promozione dell informazione relativa alle sopradette agevolazioni. Qual era il compito istituzionale del Comune di Squinzano? Cosa era nella possibilità di questa Amministrazione stante la situazione in cui notoriamente versa e quali provvedimenti sono in futuro previsti per sfruttare le agevolazioni economiche per gli imprenditori? Fermo restando che poi quel bando lo studierò meglio. A me detto così, ha fatto benissimo a darmi, la ringrazio. L avevo visto via internet. PRESIDENTE: Risponde l Assessore Pulli. VICESINDACO PULLI: Questo è un bando in cui gli Enti Pubblici in generale né Comuni, né Province né Regioni hanno nessun tipo di ruolo. Su quanto riguarda la diffusione di questo tipo di misure sono d accodo con lei, dovremmo fare di più. Stiamo cercando di farlo. Personalmente sto lavorando in sinergia con il Comune di Lecce che è all avanguardia in Puglia su quanto riguarda le startup innovative, per unirci a loro nel protocollo d intesa che hanno fatto con l ordine del Notariato perché quando si parla di startup innovative, si parla di società per cui vanno date prima informazioni inerenti alla creazione di queste particolari tipi di società, perché qua il bando era rivolto alle startup innovative, quindi quelle là che avessero come oggetto sociale l innovazione e l utilizzo di tecnologie digitali. Ne sta uscendo un altro della Regione Puglia su cui mi stavo concentrando di più sulle linee di guida con l Anci giovane. Questo bando è stato un parziale flop. Visto che la modalità di presentazione era online, sostanzialmente il click day si è trasformato in flop day, è sostanzialmente saltato e ad oggi è impossibile inoltrare domande. Poi anche qui, nell interrogazione ha detto un inesattezza: Le domande dovevano pervenire entro il 4 settembre, invece le domande possono pervenire dal 4 settembre in poi. Non è un bando a scadenza, non comporta alcun tipo di disagio presentare la domanda il 4 piuttosto che il 30. Per cui stiamo organizzando un progetto che possa dare l informazione tanto dal punto di vista di informazione su cosa è una startup e su come si fa, quanto sulle possibili attività di finanziamento. 18

19 CONSIGLIERA MAZZOTTA: Io questo volevo sapere, cioè a tutt oggi non è stata fatta questo tipo di informazione, la diffusione di notizia non c è. Io mi auguro quindi che in futuro si possano contattare imprenditori locali, ma anche potenziali imprenditori. VICESINDACO PULLI: Stiamo cercando di fare questa intesa. Anche perché questo finanzia anche le idee e non soltanto le imprese. Anche chi ha un idea e non soltanto un impresa, può partecipare al bando mandando un progetto online. Sostanzialmente ad oggi il sito è ancora bloccato, penso che prima di ottobre quel sito non lo possano sbloccare. CONSIGLIERA MAZZOTTA: Io non entro nel merito del sito. L informazione che deve essere fornita, altrimenti ci ritroviamo come ha detto prima: Non abbiamo fatto in tempo ecc.. Per fare in tempo bisogna essere tempestivi, nell informazione, dico io, nella diffusione della notizia, nella comunicazione. VICESINDACO PULLI: Se uniamo i due piani, sbagliamo. Primo: non è che non abbiamo fatto in tempo per incapacità essendoci insediati i primi di giugno, non avevamo il termine temporale, ora stiamo provvedendo non le cose a casaccio. Non bisogna fare manifesti, cose, storie, bisogna fare dei convegni, delle cose e stiamo studiando questa serie di protocolli d intesa unitamente al Comune di Lecce che in Puglia è il Comune all avanguardia, se non in Italia. CONSIGLIERA MAZZOTTA: Siamo esattamente sulla stessa lunghezza d onda, solo che le dico che io punto il dito sul dovere dell Amministrazione di farsi carico di questo, perché stiamo parlando di sviluppo economico e di carenza di lavoro, in piena crisi economica. PRESIDENTE: Assessore, non deve essere un colloquio. Avete finito? 19

20 COMUNE DI SQUINZANO VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 17 SETTEMBRE 2013 Oggetto: Terzo Punto OdG: Comunicazioni del Presidente. PRESIDENTE: Terzo Punto OdG: Comunicazioni del Presidente. Praticamente do la comunicazione dell insediamento delle Commissioni Consiliari permanenti che sono così composte: - Prima Commissione: Lavori Pubblici si chiama. Delia Miglietta, Fernanda Metrangolo, Umberto Carrozzo, Maria Giovanna Guido, Mimina Maniglio. - Seconda Commissione: Commercio. Marco Calandra, Maurizio Pezzuto, Annarita Taurino, Alessandro Pezzuto, Tonia Mazzotta. - Terza Commissione: Servizi Sociali. Antonio Saquella, Marco Calandra, Mino Solazzo, Giovanni Marra, Alessandro Pezzuto. - Quarta Commissione: Bilancio. Anna Elisa Sabato, Ferdinando Stefanizzi, Cosimo Ippolito, Maria Giovanna Guido, Tonia Mazzotta. Per la Prima Commissione, quella dei Lavori Pubblici, il Presidente è Delia Miglietta. Per la Seconda il Presidente è Marco Calandra. Per la Terza è Presidente Antonio Saquella e per la Quarta Anna Elisa Sabato. Questa è la mia comunicazione. CONSIGLIERA MANIGLIO: Presidente, al volo, può riferirci anche i Vicepresidenti, per cortesia? PRESIDENTE: Allora della Prima è Presidente Delia Miglietta e Vicepresidente Mimina Maniglio. Della Seconda Commissione, Commercio, è Presidente Maurizio Pezzuto e Vicepresidente Marco Calandra. Servizi Sociali, Presidente Antonio Saquella e Vicepresidente Marco Calandra. Quarta Commissione, è Presidente Tonia Mazzotta e Vicepresidente Nando Stefanizzi. Questa è quella definitiva. CONSIGLIERA MANIGLIO: Presidente, una parola. PRESIDENTE: Un attimo Mimina, eh? CONSIGLIERA MANIGLIO: Un attimo. Io le avevo chiesto di leggere anche i Vicepresidenti perché volevo capire se era stata rispettata la prassi ormai consolidata di attribuire la Vicepresidenza all Opposizione visto che le presidenze, quando la presidenza è data alla Maggioranza, se la vicepresidenza è data all Opposizione. Ho notato che tranne nella Commissione in cui ci sono io, tutte le altre Vicepresidenze sono della Maggioranza. Quindi, intanto volevo far notare questa 20

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI 1 ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA del 12 ottobre 2014 PROVINCIA DI POTENZA VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 2 VERBALE DELLE OPERAZIONI DELL UFFICIO ELETTORALE 1. INSEDIAMENTO DELL

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO

COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO COMUNE DI SAN DEMETRIO NE VESTINI STATUTO (Testo così come modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n 20 in data 03/07/2006) TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 DEFINIZIONE Il Comune di San Demetrio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DI OLGIATE COMASCO DEL 12/05/2010

CONSIGLIO COMUNALE DI OLGIATE COMASCO DEL 12/05/2010 CONSIGLIO COMUNALE DI OLGIATE COMASCO DEL 12/05/2010 SINDACO BOVI ROBERTO: Buonasera. Innanzitutto mi fa piacere che finalmente abbiamo dei microfoni che mi auguro, senz altro, anzi sono certo che funzioneranno

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI

S T A T U T O ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. Affiliata FIPSAS - CONI S T A T U T O Art. 1 - Al fine di collaborare con g1i Organi preposti alla tutele dell ambiente lagunare, nonché per conservare e razionalizzare le attività sportive che in esso vengono svolte durante

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

CURSOS AVE CON TUTOR

CURSOS AVE CON TUTOR CURSOS AVE CON TUTOR DOMANDE PIÙ FREQUENTI (FAQ) A che ora ed in quali giorni sono fissate le lezioni? Dal momento in cui riceverai le password di accesso al corso sei libero di entrare quando (24/24)

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli