Edizioni Nuova Cultura, Roma 2004.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edizioni Nuova Cultura, Roma 2004."

Transcript

1

2

3 DOCUMENTI CIBER 1

4 Edizioni Nuova Cultura, Roma 2004.

5 Coordinamento Interuniversitario Basi dati & Editoria in Rete IL CIBER SI APRE AL FUTURO un vademecum per l oggi e per il domani a cura di Paola Gargiulo e Giovanna Terranova

6

7 Indice Prefazione... 5 Parte I Organizzazione del CIBER Che cosa è il CIBER... 7 Regolamento... 9 Linee guida per il Comitato Tecnico Operativo Fatti, date e cifre CIBERnetiquette Help Desk Glossario dei termini più comunemente usati nei contratti Parte II La comunicazione scientifica «open access» Elisabetta Tamburini: Verso l Open Access Allegato 1: Gli Atenei Italiani per l Open Access. Saluto introduttivo, prof. Vincenzo Milanesi Allegato 2: Convegni sull Open Access in Italia, Antonella De Robbio Allegato 3: Realizzazioni di Open Access in Italia, Elisabetta Tamburini... 73

8 Allegato 4: I costi dell informazione, Antonella De Robbio Antonella De Robbio: Auto-archiviazione per la ricerca e la didattica. Problemi aperti e sviluppi futuri Paola Gargiulo: SPARC e l editoria scientifica Susanna Mornati: Istanze «open» nella comunicazione scientifica: open archives Ugo Contino: PLEIADI : un portale per la ricerca su più archivi Antonella De Robbio: Proprietà intellettuale nel circuito dell informazione scientifica «open» Appendice Dichiarazione di Berlino Dichiarazione di Messina Create Change Glossario delle organizzazioni internazionali e dei termini più comunemente usati negli Open Archives

9 Prefazione Volevamo chiamare questo libretto «la Bibbia del CIBER», per rimarcare, per i credenti nel CIBER, la sua autorevolezza. Poi abbiamo deciso che non sarebbe stato opportuno, perché le Bibbie, a parte qualche divergenza esegetica, sono immutabili nel tempo. Questo scritto si presenta invece come un periodico mutevole (annuale, biennale, dipende da noi), perché vuole definire il CIBER in una sua fase concreta, quella del novembre Il CIBER, per come lo abbiamo fondato, deve essere una struttura in continua evoluzione, perché aspira ad adattarsi ad un ambiente magmatico e tempestoso, dove si confrontano, e talora si combattono, passato e futuro, dinosauri e cloni, pergamene digitalizzate e informazioni virtuali, bibliotecari e docenti, e convenzioni protocollate, Rettori attenti ed Atenei assenti, editori aperti e cooperanti ed editori scopertamente briganti. Per ognuna di queste situazioni, nella loro contraddittorietà, dobbiamo via via identificare domande, anche quando non espresse, che nascono dall ambiente scientifico e culturale dell Italia del centro-sud ed elaborare risposte adatte a funzionare nell immediato ed ad anticipare il futuro. Scusateci se è poco. Anche i più giovani fra noi si sono formati sulla carta e su questa abbiamo voluto stamparlo, come a essere certi che possa servire, nella sua piccola dimensione e maneggevolezza, con

10 6 IL CIBER SI APRE AL FUTURO maggiore agilità di un computer in rete, ma anche che, se scartabellato di frequente, si deteriori presto e ci imponga, nel tempo breve, di non sederci sulla cosa scritta ieri e ci spinga a cambiarci continuamente nelle scelte e negli scritti. Talvolta questa fredda memoria elettronica, non ostante giochiamo con i computer da molti anni, ancora ci spaventa. «Vademecum» va con noi, è un utile compagno di viaggio, per le lande che percorriamo ora. Da almeno due anni la lieta brigata itinerante del CIBER si è fatta più numerosa e sono cresciuti la nostra stima reciproca e gli interessi in comune. Il prossimo Vademecum nascerà dall incontro con i nuovi percorsi delle biblioteche digitali e conterrà i nostri nuovi regolamenti e gli strumenti riadattati, assieme alle analisi aggiornate e ai progetti in fieri. Sarà scritto da altri partecipanti e più numerosi. Cominciamo a pensarci fin da oggi. Antonio Fantoni

11 PARTE I ORGANIZZAZIONE DEL CIBER

12

13 Che cosa è il CIBER La diffusione della cooperazione tra le biblioteche di istituzioni, sia pubbliche sia private, consente l attuazione di progetti consortili innovativi e il potenziamento dei servizi, oltre a vere e proprie economie di scala. Un aspetto importante della cooperazione è la condivisione delle costose licenze di periodici elettronici e banche dati, con gli evidenti vantaggi della crescente disponibilità di dati, della facilità della ricerca e del contenimento dei costi. Altrettanto importanti sono la promozione dei servizi, la formazione dell utente per l uso esperto delle risorse, la crescita professionale di quanti sono addetti ai servizi di biblioteca digitale. A tale scopo, nel 1999 cinque università consorziate al Caspur 1 istituirono il CIBER, il Coordinamento Interuniversitario Basi dati & Editoria in Rete per la condivisione in rete di risorse elettroniche bibliografiche e documentarie. Da allora il CIBER è progressivamente cresciuto; comprende attualmente 26 atenei del Centro-Sud e continua a favorire l adesione di università ed enti di ricerca per un ulteriore ampliamento della rete. Per raggiungere efficacemente gli obiettivi, il CIBER si occupa direttamente delle trattative con gli editori e i for- 1 Attualmente le università aderenti al CASPUR sono nove.

14 8 IL CIBER SI APRE AL FUTURO nitori; rappresenta le istituzioni aderenti in varie manifestazioni e commissioni nazionali e internazionali; realizza analisi di mercato e cura la documentazione correlata con le attività; cura la crescita professionale degli operatori offrendo iniziative di aggiornamento e stimolando lo scambio di esperienze e conoscenze; diffonde modelli innovativi di comunicazione scientifica e favorisce la costruzione di una comunità composta da professori, ricercatori, bibliotecari e utenti che utilizzi appieno i servizi di biblioteca digitale e open access per lo sviluppo dello studio, della didattica e della ricerca. Il CIBER si avvale del CASPUR per il supporto sistemistico nell accesso alle risorse e per quello amministrativo-finanziario nella gestione dei contratti. Il CIBER dispone di un regolamento interno, si riunisce almeno due volte l anno in primavera e in autunno. Inoltre CIBER è membro di ICOLC (International Library Consortia Coalition) e di SELL (Southern European Libraries Link).

15 Regolamento (Bari, 13 maggio 2004) Art. 1 - DENOMINAZIONE E SCOPI Il Coordinamento Interuniversitario Basi dati ed Editoria in Rete (CIBER) è costituito tra Università ed Enti di ricerca italiani senza fini di lucro, con lo scopo di: cooperare per la costituzione e lo sviluppo di biblioteche digitali nelle Istituzioni partecipanti facilitare l acquisizione, da terzi, di servizi bibliografici e documentari in rete; agevolare il trasferimento di informazioni e di servizi tra le Istiuzioni partecipanti; cooperare alla scelta e la definizione delle risorse da sviluppare, acquistare o affittare; identificare le tecnologie informatiche necessarie, al miglior rapporto costi/benefici; curare lo sviluppo di prodotti per la consultazione e la archiviazione dell informazione scientifica in formato elettronico; promuovere la crescita professionale del personale tecnico-bibliotecario delle Istituzioni partecipanti; richiedere alle autorità competenti, a nome delle Istituzioni partecipanti, il sostegno necessario per dare alle biblioteche digitali le risorse di cui hanno bisogno per perseguire i loro fini. Il CIBER ha sede presso i locali del CASPUR e si basa sul

16 10 ORGANIZZAZIONE DEL CIBER CASPUR per tutte le sue necessità amministrative e tecniche. Art. 2 - COMPOSIZIONE Sono membri del CIBER le Istituzioni universitarie e di ricerca sopra definite, nelle persone degli incaricati, espressamente designati per la loro competenza specifica nell ambito degli scopi indicati nell art.1 del presente regolamento. I membri si impegnano ad osservare le norme del presente regolamento, approvandone la disciplina e condividendone gli obiettivi. L Adesione al CIBER avviene tramite presentazione di semplice domanda fatta pervenire al Coordinatore o comunque presentata in Assemblea. L acquisto della qualità di Istituzione partecipante si perfeziona con la sottoscrizione della documentazione predisposta dal CIBER: il Coordinatore provvederà a darne comunicazione ai membri del CIBER. L Assemblea, verificata la sussistenza delle condizioni di ammissione, delibera a maggioranza semplice la conferma o l esclusione dal CIBER. Le Istituzioni partecipanti hanno tutte medesima parità di diritti e il dovere di impegnarsi a non acquisire o sviluppare direttamente ed autonomamente i medesimi beni e servizi quando siano in corso trattative condotte dal CIBER. A ciascuna Istituzione partecipante spetta il diritto a esercitare un solo voto nelle deliberazioni dell organo Assembleare. La qualità di Istituzione partecipante si perde per il mancato adempimento, per oltre un anno, dei doveri di

17 Regolamento 11 partecipazione, per gravi inadempienze agli impegni nascenti dal presente regolamento o dalle determinazioni degli organi del CIBER. L esclusione è deliberata dall Assemblea. Agli Atenei e istituzioni di ricerca partecipanti al CIBER è riconosciuto in qualunque istante diritto di recesso, fatti salvi gli impegni assunti e i diritti maturati. Art. 3 - ORGANI Sono organi del CIBER: l Assemblea dei rappresentanti delle Istituzioni partecipanti, il Coordinatore, la Giunta e il Comitato Tecnico Operativo. Art. 4 - ASSEMBLEA Sono legittimati ad intervenire in Assemblea tutti i soggetti aderenti all associazione, in persona di un proprio rappresentante. In caso di assenza del Rappresentante ufficiale dell istituzione, il membro di quell istituzione nel Consiglio Tecnico Operativo può partecipare, previo consenso esplicito del Rappresentante assente, con pieno diritto di rappresentanza. Viene esclusa qualsiasi delega a rappresentanti di altra istituzione. L Assemblea è presieduta da un Presidente di volta in volta designato dall Assemblea medesima. L Assemblea provvede a: nominare il Coordinatore del CIBER; deliberare in merito a modifiche di regolamento ed eventuale scioglimento del Coordinamento; deliberare in merito al programma di attività, alle strategie di intervento e alle linee di azione per il perseguimento degli obiettivi di cui all art. 1 del presente Regolamento;

18 12 ORGANIZZAZIONE DEL CIBER decidere sull ammissione e sull esclusione degli associati. L Assemblea si riunisce in via ordinaria almeno due volte all anno ed è convocata dal Coordinatore. Ai lavori dell Assemblea partecipano i componenti del Comitato Tecnico Operativo. Sono altresì parte integrante dell Assemblea il Direttore del Caspur e il Segretario del CIBER. Art. 5 - FUNZIONAMENTO DELL ASSEMBLEA. L Assemblea è validamente costituita quando é presente, in prima convocazione, la metà più uno dei Rappresentanti delle Istituzioni associate e, in seconda convocazione qualunque sia il numero di Rappresentanti presenti. L Assemblea è convocata dal Coordinatore, con avviso spedito per posta ordinaria o fax o posta elettronica, almeno cinque giorni prima di quello fissato per la riunione e con l indicazione degli argomenti posti all ordine del giorno. L Assemblea straordinaria può essere convocata su richiesta di almeno un terzo dei Rappresentanti delle Istituzioni associate. L Assemblea delibera a maggioranza relativa dei presenti. Per quanto riguarda l approvazione di argomenti già discussi in Assemblea, il Coordinatore può attivare una procedura trasparente di voto tramite posta elettronica. Art. 6 - COORDINATORE Il Coordinatore è designato dall Assemblea ed è scelto tra i membri del medesimo. Il Coordinatore:

19 Regolamento 13 rappresenta il CIBER di fronte a terzi; convoca le riunioni dell Assemblea; redige il verbale delle riunioni dell Assemblea e lo fa pervenire ai Rappresentanti delle Istituzioni associate; cura l esecuzione delle decisioni dell Assemblea. Il Coordinatore può proporre all Assemblea la nomina di una Giunta, composta al massimo da quattro membri scelti tra i Rappresentanti delle Istituzioni associate. Il mandato del Coordinatore ha durata biennale e non può essere rinnovato per più di una volta consecutiva. Art. 7 - GIUNTA La Giunta viene designata dall Assemblea su proposta del Coordinatore. È composta al massimo da quattro membri, il cui mandato coincide con quello del Coordinatore. La Giunta: coadiuva il Coordinatore nell esecuzione delle decisioni dell Assemblea. Art. 8 - SEGRETARIO Il Segretario viene designato dal Coordinatore tra i componenti del Comitato Tecnico Operativo. Il Segretario: presiede il Comitato Tecnico Operativo e ne organizza e coordina, anche per via telematica, i lavori; si adopera affinché siano diffuse alle Istituzioni partecipanti le informazioni necessarie per eventuali nuove iniziative; si occupa delle trattative di acquisto a nome del CIBER, coadiuvato da una Commissione nominata a tale scopo e da consulenti possibilmente scelti tra gli esperti legali ed economici delle Istituzioni partecipanti.

20 14 ORGANIZZAZIONE DEL CIBER Art. 9 - COMITATO TECNICO OPERATIVO Per le sue attività il CIBER si avvale di un Comitato Tecnico Operativo, formato dai referenti tecnici esperti in biblioteconomia e risorse elettroniche delle Istituzioni partecipanti e presieduto dal Segretario. Il Comitato tecnico Operativo: raccoglie e organizza le informazioni utili e necessarie relative alle strutture bibliotecarie centrali e periferiche delle Istituzioni partecipanti; cura le decisioni tecniche e svolge il lavoro necessario per la corretta gestione delle iniziative e dei contratti proposti dall Assemblea; cura l elaborazione e l analisi delle statistiche di utilizzo; predispone tutte le informazioni necessarie alle iniziative. Ai lavori del Comitato Tecnico Operativo è invitato il Coordinatore. Art COMMISSIONI E GRUPPI DI LAVORO L Assemblea promuove direttamente la formazione di Gruppi di lavoro che raccolgano tutte le biblioteche tematiche con il compito di suggerire e valutare le risorse e le modalità di fruizione di interesse per la disciplina. Le Commissioni di lavoro sono proposte dal coordinatore su criteri e con compiti deliberati dall Assemblea e ad essa rispondono. Art ATTIVITÀ Il CIBER promuove e svolge attività di studio e di ricerca connesse con i propri scopi.

21 Regolamento 15 Il CIBER svolge analisi di mercato rivolte a validare di volta in volta beni e servizi ottimali dal punto di vista del rapporto qualità-quantità-prezzo. Il CIBER negozia con terzi, su indicazione delle Istituzioni aderenti, le migliori condizioni per ottenere beni e servizi del settore, come specificato all art. 13. Le Istituzioni si impegnano liberamente, ma a priori, ad acquisire i beni o servizi proposti e validati, in un ambito massimo di spesa definito prima dell inizio della trattativa. I risultati delle analisi, degli sviluppi e dei prodotti promossi dal CIBER sono di proprietà delle Istituzioni afferenti al CIBER. L acquisizione delle risorse elettroniche deve prevedere, di norma, la fruizione permanente dei dati. Il CIBER invita tutte le Istituzioni universitarie e scientifiche italiane, purché senza fini di lucro, anche se non aderenti al CIBER, ad acquisire i servizi o i beni proposti e validati dal CIBER. La gestione finanziarie dei contratti è di norma affidata al Caspur, come specificato nei successivi artt. 12 e 13. La collocazione fisica dei dati e la gestione dei portali per l utilizzazione delle risorse elettroniche, quando la fruizione non sia prevista esclusivamente sul portale del fornitore, possono essere affidate alle risorse informatiche del Caspur, delle Istituzioni interessate o di consorzio esterno che abbia già condotto trattative di cui il CIBER possa avvantaggiarsi. Art GESTIONE AMMINISTRATIVA DEL CIBER La gestione amministrativa e contabile del CIBER è univoca ed affidata unicamente al CASPUR. Il CASPUR cura che nel suo bilancio siano introdotte voci specifiche

22 16 ORGANIZZAZIONE DEL CIBER di entrata (per i contributi delle istituzioni previste in convenzione) e di uscita La voce di entrata ordinaria annua comprende per ogni istituzione una quota fissa uguale per tutti ed una quota differenziata proporzionale al valore dei contratti (non più di 3% sull ammontare), come definito nella convenzione con il CASPUR. In via straordinaria, a copertura di particolari spese per trattative onerose o per lo sviluppo di risorse elettroniche, le spese sono ripartite fra i membri CIBER che ne fruiscono, sulla base di 30% uguale per tutti e 70% in proporzione ai valori di FTE accertati dal Ministero competente. Questa ripartizione viene ridefinita annualmente in sede di delibera del bilancio preventivo CIBER amministrato dal CASPUR Le spese sostenute dai membri CIBER e dal CASPUR per le attività comuni devono essere documentate e inserite nelle apposite voci di spesa nel bilancio CASPUR e vengono rimborsate dall amministrazione del CASPUR. In questo ambito sono compresi i costi vivi delle trattative (viaggi, spese telefoniche, etc) I rapporti economici all interno del CIBER sono improntati alla trasparenza piena dei costi e non presentano alcun ricarico che non sia giustificato da spese effettivamente sostenute Nel corso dell assemblea CIBER da tenersi nell autunno di ogni anno viene decisa l ipotesi di spesa in previsione per l anno successivo, che viene comunicata al CASPUR. Sulla base di un consuntivo di spesa comunicato annualmente dal CASPUR, l Assemblea CIBER da tenersi nel corso della primavera esamina le spese affron-

23 Regolamento 17 tate nel corso dell anno precedente e le approva. Art MODALITÀ OPERATIVE DELLE TRATTA- TIVE viene attivata una Commissione permanente Tecnico-scientifica all interno del CTO incaricata di valutare, sulla base di notizie aggiornate, la reale consistenza e competitività dei diversi data base e collezioni di riviste offerte sul mercato I data base e le collezioni di riviste possedute dalle singole sedi, assieme alle loro scadenze contrattuali, sono archiviate sull Area Riservata CIBER a cura del membro CTO di ogni sede. Almeno un anno prima delle scadenze le sedi esprimono le loro intenzioni di procedere al rinnovo tramite trattativa consortile. Egualmente, su sollecitazione della Segreteria, le sedi esprimono, con lo stesso anticipo, il loro interesse per l acquisizione di nuove risorse. Queste informazioni sono rese disponibili nell area riservata CIBER Per le modalità comuni di acquisizione dei fondi da parte dei servizi bibliotecari universitari, è opportuno che gli impegni alla trattativa per nuove risorse vengano assunti, con ragionevole ipotesi di fondi a disposizione, entro il mese di marzo di ogni anno ed i pagamenti al CASPUR siano previsti all inizio dello stesso anno in cui hanno inizio i contratti. Nel caso di rinnovi di risorse già esistenti, per cui sono già previsti gli impegni finanziari, viene individuata sempre nel mese di aprile il miglior periodo per l attivazione del nuovo contratto Sulla base di questo censimento viene prodotto l elenco delle risorse su cui avviare il negoziato consortile

24 18 ORGANIZZAZIONE DEL CIBER per l anno successivo, tralasciando le risorse a basso costo (p. es., meno di 1500 euro) Sulla base di questo elenco, vengono formate le relative Commissioni Negoziali. Queste comprendono un responsabile, molto esperto in negoziati anche consortili, e due-tre membri che lo coadiuvano, anche al fine di aumentare le competenze attraverso esperienze dirette. Come loro primo compito le Commissioni acquisiscono dagli agenti (o meglio direttamente dai produttori internazionali) i preventivi e le condizione di base della trattativa. Nel caso di più venditori implicati, anche su base europea, individuano la offerta base migliore e fissano il tetto di spesa, per riferire infine ai Delegati CIBER ed ai membri CTO Sulla base di queste informazioni, da acquisire entro nove mesi dalla scadenza (o dall inizio) del contratto da negoziare, le sedi danno il loro assenso finale alla trattativa, impegnandosi all acquisto negli ambiti di spesa e di condizioni di acquisto già indicate Le trattative si svolgono seguendo linee guida, predisposte dal CTO separatamente per le riviste elettroniche, per le banche dati e per i software di servizio, che descrivono sequenzialmente sia gli aspetto negoziali che quelli tecnologici Le linee guida comprendono anche le modalità di consultazione dei partecipanti per le decisioni negoziali e di informazioni per gli interessati. A fasi intermedie nel negoziato, necessariamente riservate, devono comunque seguire fasi di piena trasparenza non appena viene raggiunta una conclusione importante per la prosecuzione

25 Regolamento 19 del negoziato Quando il CASPUR firma il contratto, provvede a comunicare alle sedi interessate l ammontare esatto della fattura che verrà emessa. A loro volta le sedi interessate provvedono a emettere l ordine all amministrazione del CASPUR, impegnando i fondi relativi I membri CIBER si impegnano alla migliore efficacia delle trattative consortili gestite dal CIBER e a evitare di avviare iniziative negoziali in contrapposizione con quelle del CIBER. Art RAPPORTI ESTERNI Il CIBER favorisce l adesione del maggior numero possibile di Istituzioni. Il CIBER collabora attivamente con il MIUR, con la CRUI e con gli altri Enti e Istituzioni pubbliche e private del settore, e con le loro articolazioni, in relazione ai propri scopi. Il CIBER partecipa a iniziative di raggruppamenti e organizzazioni nazionali e internazionali del settore, coerenti con i propri scopi. Il CIBER collabora con i fornitori di beni e servizi del settore in vista del miglioramento funzionale e del rapporto qualità-quantità-prezzo dei loro prodotti. Art RISORSE UMANE Per le sue attività il CIBER può avvalersi, oltre che dei membri del Comitato tecnico operativo, di personale eventualmente messo a disposizione dalle Istituzioni partecipanti per coadiuvare il Segretario nei propri compiti.

26 20 ORGANIZZAZIONE DEL CIBER Art MODIFICHE DI REGOLAMENTO Il Regolamento del CIBER può essere modificato in ogni momento dall Assemblea con maggioranza semplice dei suoi membri.

27 Linee guida per il Comitato Tecnico Operativo 1 Introduzione Questo documento intende costituire una guida per i membri del Comitato Tecnico Operativo (CTO) del CIBER nello svolgimento delle loro attività. Scopi Nel regolamento di CIBER sono definite due figure, il Segretario e il Comitato Tecnico Operativo. Quest ultimo è stato istituito per disporre di una struttura snella ed efficiente in grado di svolgere in ciascun ateneo la raccolta di dati insieme con le tutte attività a essa correlate. 2 La raccolta dei dati (lista degli abbonamenti pre- 1 Queste linee guida saranno riviste periodicamente. Sono state redatte nel giugno del 2003 e sono state modificate nell ottobre Nel caso di alcuni atenei, il referente tecnico operativo coincide con il referente scientifico e/o il referente per le biblioteche.

28 22 ORGANIZZAZIONE DEL CIBER senti nell ateneo per editore, lista delle banche dati bibliografiche e a testo completo presenti nell ateneo) e dei desiderata (lista degli editori, delle banche dati bibliografiche e a testo completo o di altre risorse e/o servizi digitali non attualmente presenti ma di interesse per l intero ateneo) costituiscono un punto di partenza basilare nelle trattative con gli editori/ fornitori di informazione accademicoscientifica; un informazione indispensabile per operare le scelte di adesione o meno alle trattative da parte dell ateneo; un indicatore molto utile nell elaborazione delle statistiche di uso delle riviste in abbonamento rispetto a quelle non in abbonamento. Inoltre, la raccolta dei dati permette la creazione di liste o database aggiornati sulle risorse informative elettroniche presenti nel proprio ateneo e consente quindi di migliorare la qualità dell accesso all informazione per i propri utenti. CIBER (nelle figure del suo Coordinatore, del Segretario e delle Commissioni che volta per volta condurranno le negoziazioni con i diversi editori e/o fornitori di informazione a nome degli atenei partecipanti alla trattative), dovrà disporre dei dati relativi ai posseduti reali delle varie biblioteche di ciascun ateneo prima che le trattative abbiano inizio. Il successo nella raccolta dei dati da parte dei referenti del CTO rappresenta un primo passo nella cultura della cooperazione e costituisce il punto di partenza di una più solida collaborazione che

29 Linee guida per il Comitato Tecnico Operativo 23 CIBER promuove all interno dei singoli atenei e tra biblioteche di diverse università. CIBER auspica che al suo interno verranno a costituirsi presto gruppi di lavoro sulla valutazione delle risorse elettroniche, sulle statistiche d uso, sulla creazione di portali per disciplina, sui servizi personalizzati agli utenti, per l attivazione di progetti comuni di information literacy, ecc Funzioni e compiti del CTO Il referente per il CTO di ciascun ateneo ha il compito di svolgere le attività legate alla raccolta di dati e di informazioni relative a risorse informative cartacee ed elettroniche presenti nel proprio ateneo. Queste attività sono finalizzate alla fornitura dei dati: al segretario del CIBER che provvederà ad inoltrarli alla commissione negoziale al referente scientifico del proprio ateneo perché quest ultimo/a possa valutare l importanza, la rappresentatività e la spesa costituita dall editore/risorsa nel proprio ateneo;. Per quanto attiene all attività e ai tempi di raccolta dei dati, il referente CTO di ciascuno ateneo risponde al Segretario del CIBER. Quest ultimo ha il compito di coordinare le attività di raccolta, di fornire tutti gli strumenti e il supporto tecnico necessario per la raccolta dei dati, oltre che di stabilire le scadenze per la raccolta dei dati. (La tempistica per la raccolta dei dati viene definita nel punto relativo ad «Attività: modalità di lavoro, tem-

30 24 ORGANIZZAZIONE DEL CIBER pistica, strumenti di lavoro»). Si fa presente che, in alcuni casi limitati, le trattative con i singoli editori richiederanno dei controlli ulteriori dei dati e che sarà pertanto compito dei referenti del CTO raccogliere queste informazioni aggiuntive nel più breve tempo possibile. Per esempio, sarà importante, in questi casi, che il referente faccia presente ai propri colleghi che si tratta di un emergenza e li inviti, pertanto, a dare la massima priorità al controllo stesso dei dati. È quindi compito del referente CTO ottenere (nei tempi e nelle modalità concordate con il Segretario di CIBER) da tutte le biblioteche del proprio ateneo informazioni relative agli abbonamenti correnti, organizzate per editore; alle banche dati bibliografiche e a testo completo presenti e «desiderate». Qualora fosse necessario, per la raccolta di questi dati, ottenere un autorizzazione dal proprio ateneo, il referente tecnico dovrà adoperarsi per ottenerla. Altri compiti del referente del CTO: apportare tutte le eventuali modifiche (aggiunte, cancellazioni) di i classi IP del proprio ateneo nell apposito database; tale compito può essere svolto anche dal referente scientifico, ma il referente del CTO dovrà esserne informato; essere aggiornato sullo stato delle negoziazioni con gli editori/fornitori di informazione e sulle condizioni del contratto, con riferimento alle atti-

31 Linee guida per il Comitato Tecnico Operativo 25 vità di cui il referente del CTO è responsabile. Il segretario del CIBER si occuperà di tenere aggiornati i membri del CTO; svolgere un attività di supporto al proprio referente scientifico e pertanto condividere con questi le informazioni relative ai contratti firmati, per quanto attiene alle condizioni contrattuali, alle modalità d uso del servizio, al copyright, alle statistiche d uso. Per un efficiente organizzazione della raccolta dei dati, si richiede che il referente del CTO abbia una discreta familiarità con il programma EXCEL. Attività: modalità di lavoro, tempistica, strumenti di lavoro Il membro del CTO sia avvarrà regolarmente della posta elettronica come strumento principale e preferito di lavoro. Sarà suo compito definire, insieme con il referente scientifico del suo ateneo, le modalità di raccolta dei dati all interno del proprio ateneo e far rispettare le scadenze per la raccolta dei dati. Almeno una volta all anno, ma se sarà possibile anche due volte all anno, ci sarà una riunione plenaria di tutto il Comitato Tecnico Operativo della durata di almeno un giorno e mezzo. Una parte della riunione sarà dedicata all aggiornamento professionale.

32 26 ORGANIZZAZIONE DEL CIBER Raccolta dei dati relativi agli abbonamenti dei periodici e alle banche dati Entro la fine di maggio di ogni anno verranno inviti ai referenti del CTO le liste per i periodici e per le banche dati dell anno corrente : Periodici. Una lista in formato Excel contenente, per ciascun editore: ISSN; titolo della testata: prezzo di abbonamento (listino dell anno corrente). Ciascun ateneo dovrà aggiungere a questa lista le proprie informazioni relative a: numero di abbonamenti presenti per ciascun titolo; nome della biblioteca a cui l abbonamento si riferisce; nome del distributore attraverso il quale è stato attivato l abbonamento; l indicazione se si tratta di un abbonamento cartaceo o di un abbonamento elettronico. Saranno apprezzate informazioni ulteriori come: numero di account dato dal distributore/ editore; costo dell abbonamento; stato della fattura (pagata, non ancora pagata ecc.). Il referente tecnico dovrà raccogliere le informazioni dalle varie biblioteche e fornire il documento completato entro la fine di settembre dell anno corrente. Per un efficiente gestione dei dati raccolti, è importante che la struttura della lista Excel non sia

33 Linee guida per il Comitato Tecnico Operativo 27 modificata. Pertanto è importante che la lista sia restituita, corredata delle informazioni richieste, nella sua struttura originale. È importante, sia per liste dei periodici sia per quelle delle banche dati, che ciascun referente del CTO si impegni a rispettare le date di scadenze per la raccolta dei dati. Liste dei desiderata Sarà richiesto di fornire i dati relativi a editori/fornitori di informazione con i quali non si sono ancora stipulati contratti, ma con i quali potrebbero iniziare trattative nuove. La tempistica per l acquisizione di nuove risorse elettroniche è riportata nel sito di CIBER nell Area riservata sotto la voce «Scadenze». Per accedere all area riservata: <http://www.uniciber.it/areaciber/>. 3 Strumenti di lavoro: lista di discussione Per una rapida ed efficiente comunicazione tra i referenti del CTO e tra i referenti e il segretario del CTO, è stata creata una lista di discussione alla quale sono iscritti i membri del CTO, il coordinatore e il segretario di CIBER. Il nome della lista è: < > È pertanto necessario che ciascun referente del CTO : sia dotato di un indirizzo di posta elettronica per- 3 A partire dal 18 novembre 2004, il sito del Ciber avrà un nuovo indirizzo.

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE

Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Manuale Operativo IL SOFTWARE PER LA GESTIONE CENTRALIZZATA DEL SISTEMA DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI DELL ENTE Il presente documento applica il Regolamento sulla gestione delle segnalazioni e dei reclami

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Statuto della CIIP - Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione Articolo 1 - Costituzione E' costituita una Associazione denominata: Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP)

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI

GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE ONLINE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO SERVIZIO FRONT OFFICE GUIDA ALLA GESTIONE DEGLI ESAMI ONLINE STUDENTI ESSE3 VERBALIZZAZIONE

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche

Note esplicative Rassegne stampa cartacee/elettroniche A f f i n c h é l a t t o c r e a t i v o o t t e n g a i l g i u s t o r i c o n o s c i m e n t o ProLitteris Società svizzera per i diritti degli autori d arte letteraria e visuale, cooperativa Note

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

STATUTO DELLA S.I.A.

STATUTO DELLA S.I.A. STATUTO DELLA S.I.A. Art. 1 È costituita a tempo indeterminato una Associazione sotto la denominazione Società Italiana di Agopuntura S.I.A. Art. 2 La Società Italiana di Agopuntura ha lo scopo di dare

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015

L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015 L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015 Regolamento per l'istituzione di borse di studio Art. 1 - Scopi e destinatari

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario IMPRESE PROMOTRICI GTech S.p.A. con sede legale e amministrativa in Roma, Viale del Campo Boario, 56/d - Partita IVA e Codice Fiscale 08028081001

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

TEST INGEGNERIA 2014

TEST INGEGNERIA 2014 scienze www.cisiaonline.it TEST INGEGNERIA 2014 Ing. Giuseppe Forte Direttore Tecnico CISIA Roma, 1 ottobre 2014, Assemblea CopI DATI CISIA - MARZO, SETTEMBRE 2014 test erogati al 15 settmebre CARTACEI

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli