Pedagogia sperimentale Peer assessment

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pedagogia sperimentale Peer assessment"

Transcript

1 Pedagogia sperimentale Peer assessment Prof. Pierpaolo Limone Università degli Studi di Foggia

2 Un esperienza Una sperimentazione sullʼuso della Valutazione Collaborativa " e dellʼautovalutazione in una " Comunità di Apprendimento on-line " per docenti: " PEER- ASSESSMENT! E! PEER- LEARNING!

3 Modelli didattici e apprendimento Modelli didattici di matrice teorica socio-costruttivista, anche definita «neo-vygotskiana» (Brown et al., 1996) Apprendimento situato! Pratica ancorata al contesto nel quale si svolge" Apprendimento distribuito! Pratica che riguarda in egual misura tutti gli individui di un gruppo che partecipa alle attività sociali di una comunità"

4 Comunità on-line nella formazione degli adulti Nel contesto sociale a realtà mista, generato dagli attuali LMS (Learning Management System) ed in particolare dalle esperienze di e-learning blended, la presenza sociale è una condizione necessaria perché si verifichi apprendimento.

5 Comunità di apprendimento COMUNITÀ DI APPRENDIMENTO è uno spazio digitale di condivisione e scambio, dove le persone apprendono attraverso attività di gruppo, definiscono e circoscrivono problemi e si adoperano collaborativamente per trovare soluzioni (Tu, Corry, 2001).

6 La definizione di Etienne Wenger ogni componente di una comunità di pratica trova un suo spazio particolare e si crea una sua identità particolare, che viene ulteriormente a integrarsi e ulteriormente a definirsi con il maggior coinvolgimento nella pratica. Queste identità diventano interconnesse e reciprocamente articolate attraverso lʼimpegno reciproco, ma non si fondono tra di loro. [...] Lʼimpegno reciproco implica non solo la nostra competenza, ma anche la competenza degli altri. Attinge a ciò che facciamo e ciò che sappiamo, nonché alla capacità di connetterci significativamente a ciò che non facciamo e a ciò che non sappiamo, ossia ai contributi e alle conoscenze degli altri. Wenger, 2006

7 Comunità di pratiche Costruzione di una comunità di pratiche (CoP) Collaborazione Parole chiave CoP Impegno reciproco Co-costruzione della conoscenza Scambio e sviluppo professionale

8 CoP e tecnologie Efficace tecnologia di rete Evoluzione e condivisione delle pratiche sociali (Riel, Polin, 2004) Co-costruzione della conoscenza

9 Partecipazione attiva alla comunità on-line e dimensione sociale dell apprendimento Creazione di un senso di appartenenza alla comunità di apprendimento

10 Partecipazione attiva alla comunità on-line e tecniche di peer- e self-assessment È importante superare lʼisolamento del discente e collocare il soggetto che apprende in una rete di relazioni. Le tecniche di valutazione partecipata (Sluijsmans, Dochy, Moerkerke, 1999) permettono di sollecitare queste forme di collaborazione.

11 Esempi tratti dalla letteratura Van Zundert, Sluijsmans, Van Merrienboer, (2010)! Esistono svariate tradizioni di valutazione tra pari a cui è possibile fare riferimento." Grazie allʼimpiego di queste tecniche di valutazione, è possibile aumentare la qualità dellʼapprendimento ed il livello di interazione tra pari."

12 Peer-learning - alcuni concetti PEER-LEARNING Reciproca collaborazione: condivisione della conoscenza e delle idee Ruolo del docente: progettista dell ambiente; mediatore; facilitatore. Apprendimento significativo attraverso il coinvolgimento degli studenti I discenti insegnano e apprendono gli uni dagli altri

13 Peer-learning e formazione degli insegnanti Approccio didattico particolarmente appropriato nella formazione degli insegnanti Favorisce capacità di apprendimento permanente Incoraggia a lavorare insieme e sviluppare le capacità di collaborazione Permette di sviluppare competenze nella progettazione e nella gestione del lavoro di gruppo Favorisce la competenza dell imparare ad imparare

14 Peer-assessment - alcuni concetti PEER-ASSESSMENT Tecnica che prevede continue revisioni formative volte a fornire un feedback costruttivo Strumento di apprendimento I corsisti sono coinvolti nella cocostruzione di criteri di valutazione Permette lo sviluppo di competenze metacognitive Empowerment dei soggetti e formazione di professionisti responsabili e riflessivi

15 I sette step del Peer-assessment adattati da: 1. Formazione iniziale degli studenti" 2. Gestione della privacy" 3. Incremento dellʼaffidabilità" 4. Distribuzione del lavoro" 5. Produzione di feedback efficaci" 6. Scelta tra valutazione formativa e sommativa" 7. Tecnica occasionale o parte integrante del curriculum"

16 Peer- e self-assessment Favorire l apprendimento indipendente e autonomo Sviluppare la competenza valutativa Favorire la competenza riflessiva LE OPPORTUNITÀ Favorire l interazione e la comunicazione

17 Peer-learning e valutazione degli apprendimenti Evoluzione e condivisione delle pratiche sociali CoP di successo" Cocostruzione della conoscenza

18 Sperimentazione proposta Proposta di peer e-learning per la formazione dei docenti sui DSA Percorso formativo che stimoli la creazione di una comunità di apprendimento e che possa formare i formatori sui metodi del peer-learning e del peerassessment all interno di un corso di formazione dei docenti sui DSA

19 Erid Lab Il laboratorio di Educational Research and Interaction Design ha sede presso il Dipartimento di Studi Umanistici - Università degli Studi di Foggia e si compone di uno staff multidisciplinare con ricercatori specializzati in diversi ambiti scientifici, dagli esperti in tecnologie didattiche agli studiosi di nuovi linguaggi per la comunicazione multimediale. Lo staff di ERID è responsabile del Portale e-learning dell Università di Foggia in cui è disponibile una ricca offerta formativa post-laurea, fra cui il Master sui Disturbi Specifici dell Apprendimento.

20 Piani di formazione regionali sui DSA: Corso base e Corso avanzato USR + ERID Lab Istituzione dei corsi e la pubblicazione di un portale web di raccordo e informazione sulle iniziative relative ai DSA Obiettivi dei corsi: offrire competenze di base e avanzate sui DSA; migliorare la qualità dell insegnamento rivolto a soggetti speciali; ridurre l insuccesso scolastico.

21 Gli strumenti dei piani di formazione DSA Piattaforma e-learning Strumenti on-line Social Network Sito web

22 La piattaforma - HOMEPAGE Corso base Corso avanzato

23 Destinatari e obiettivi DESTINATARI 200 discenti iscritti al corso base di formazione sui DSA CAMPIONAMENTO A GRAPPOLI Area geografica PROTAGONISTI discenti docenti e-tutor UNITÀ DIDATTICA (UD5) Strumenti informatici per l autonomia nei Disturbi Specifici dell Apprendimento OBIETTIVI A- Favorire l interazione e la comunicazione all interno di una learning community on-line. B- Formare i docenti ad applicare strategie di apprendimento eventualmente trasferibili nella loro pratica professionale. C- Promuovere un apprendimento significativo (Jonassen et al., 2008) attraverso tecniche di peerlearning e di peer-assessment.

24 Il modello di riferimento Modello delle ricerche di Ingo Kollar e Frank Fischer (2010) 1" Formazione dei discenti ai principi e ai metodi del peer-assessment, del peer-feedback e del peer-learning 2" Co-design dei criteri di valutazione e definizione dei compiti " 3" Pratiche di peer-assessment e peer-feedback 4" Discussione dei risultati

25 Sintesi delle fasi FASE 1 Progettazione, pianificazione e condivisione sia dei criteri di valutazione, che dei metodi didattici adottati (peer-learning) FASE 2 Monitoraggio e moderazione di ogni gruppo da un e-tutor FASE 3 Individuazione di un relatore responsabile per ogni gruppo

26 Il compito Ai corsisti è assegnato un compito!

27 Discussione nei forum per la costruzione di una rubric di valutazione I corsisti, divisi in 5 gruppi individuano i criteri di valutazione del compito e cocostruiscono una rubric attraverso la discussione nei forum della piattaforma. Un docente-volontario, referente per il gruppo, inserisce nel forum un file di sintesi delle proposte emerse all interno del suo gruppo. L e-tutor sintetizza i documenti raccolti e propone una rubric unica per la valutazione del compito.

28 Rubric definitiva Dopo una seconda discussione nei forum divisi per gruppi, si giunge alla stesura della rubric definitiva. OTTIMO BUONO SUFFICIENTE INSUFFICIENTE STRUTTURA DELLA PROPOSTA DIDATTICA COERENZA DEI CONTENUTI RISPETTO ALLA TRACCIA ACCURATEZZA E PROPRIETÀ DI LINGUAGGIO FRUIBILITÀ DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE PROGETTATE NELLE QUOTIDIANE PRATICHE SCOLASTICHE ORIGINALITÀ ANALISI DELLE FONTI Sono presenti e ben definiti tutti gli elementi richiesti dalla traccia. La progettazione delle attività è pienamente coerente con i contesti di apprendimento, le conoscenze pregresse, i modi e i tempi di apprendimento degli alunni, le metodologie utilizzate. I contenuti sono espressi in maniera molto chiara, fluida ed appropriata, con un linguaggio ricco e articolato e pertinenti termini tecnici. La progettazione è pienamente applicabile nelle attività scolastiche quotidiane sia per coerenza che per accuratezza di informazioni. Il compito presenta molti elementi innovativi e originali nell ideazione e nella progettazione delle fasi di realizzazione dell intervento educativo. Le fonti bibliografiche e sitografiche sono indice di ricerche significative e sono chiaramente indicate nel testo. Sono presenti e ben spiegati quasi tutti gli elementi richiesti dalla traccia. La progettazione delle attività è coerente con i contesti di apprendimento, le conoscenze pregresse, i modi e i tempi di apprendimento degli alunni, le metodologie utilizzate. I contenuti sono espressi in maniera chiara, corretta ed adeguata e sono abbastanza comprensibili. La progettazione è applicabile nelle attività scolastiche quotidiane e fornisce adeguate informazioni per la sua realizzazione. Il compito presenta qualche elemento di originalità. Le fonti bibliografiche e sitografiche sono indice di ricerche sufficientemente significative e sono indicate nel testo. Gli elementi richiesti dalla traccia sono presenti in numero limitato ed indicati in modo sintetico e poco significativo. La progettazione delle attività non è sempre coerente con i contesti di apprendimento, le conoscenze pregresse, i modi e i tempi di apprendimento degli alunni, le metodologie utilizzate. I contenuti sono espressi in maniera sufficientemente chiara. Il linguaggio usato è approssimativo. La progettazione fornisce solo parzialmente informazioni per il suo svolgimento nella pratica e non pare realistica. Il compito presenta pochi elementi di originalità. Le indicazioni bibliografiche e sitografiche sono piuttosto limitate. La maggior parte degli elementi richiesti è assente. La progettazione delle attività non è coerente con i contesti di apprendimento, le conoscenze pregresse, i modi e i tempi di apprendimento degli alunni, le metodologie utilizzate. I contenuti non sono espressi chiaramente. La progettazione non è realizzabile nella pratica scolastica per via della scarsa coerenza delle attività previste e l assenza di informazioni dettagliate. Il compito non presenta elementi di originalità. Non ci sono riferimenti a fonti bibliografiche e sitografiche.

29 Valutazione fra pari I corsisti valutano in maniera anonima i colleghi utilizzando la rubric co-costruita.

30 Valutazione della partecipazione alla community Per verificare l efficacia della sperimentazione nel favorire la collaborazione e la comunicazione tra i partecipanti analisi delle interazioni che si realizzano all interno dei diversi forum in tutte le unità didattiche confronto tra i livelli di presenza sociale, di partecipazione, interazione e comunicazione tra le prime 4 UD nelle quali sono stati adottati unicamente dei metodi valutativi sommativi tradizionali e la UD 5 che ha usato tecniche di peerassessment e self-assessment

31 Conclusioni L esperienza formativa intende mettere in evidenza che i processi di peer e- learning, basati su dinamiche di interazione e comunicazione in ambienti online, forniscono un canale privilegiato per la crescita professionale, inducendo nel tempo alla diffusione di conoscenze e buone pratiche (Cross, 2007). Le strategie quali il feedback tra pari consentono ai docenti di condividere la responsabilità dell'apprendimento con i loro studenti (Ertmer et al., 2007).

32 Bibliografia di riferimento Brown A. L. (1992), Design experiments: Theoretical and methodological challenges in creating complex interventions in classroom settings, in The Journal of Learning Sciences, 2 (2), pp ! Brown A. L. (1994), The advancement of learning, in Educational Researcher, 23 (8), pp ! Brown A. L., Ash D., Rutherford M., Nakagawa K., Gordon A. e Campione, J. (1993), Distributed expertise in the classroom, in G. Saloman (a cura di), Distributed Cognitions, Cambridge University Press, New York.! Brown A. L. e Campione J. C. (1990), Communities of learning and thinking or a context by any other name, in D. Khun (a cura di), Contributions to Human Development, 21, Karger, New York, pp ! Brown A. L. e Campione J. C. (1994), Guided discovery in a community of learners, in K. McGilly (a cura di), Classroom lessons: Integrating cognitive theory and classroom practice, MIT Press/Bradford Books, Cambridge (MA), pp ! Brown A. L. e Campione J. C. (1996), Psychological learning theory and design of innovative environments: On procedure, principles and systems, in L. Schauble e R. Glaser (a cura di), Contributions of instructional innovation to understanding learning Erlbaum, Hillsdale (NJ), pp ! Brown A. L., Metz K. E. e Campione J. C. (1996), Social interaction and individual understanding in a community of learners: the influence of Piaget and Vygotsky, in A. Tryphon e J. Vonéche (a cura di), Piaget-Vygotsky: the social genesis of thought, Psychology Press, Hove (UK).! Bruner J. (1996), The culture of education, Harvard University Press, Cambridge (MA).! Cazden C. (2005, September), Agency, collaboration, and learning in a middle-school program for science and literacy, Paper presented at the Charles Darwin Symposium, Imagining childhood: Children, culture and community, Alice Springs, Australia.! Cazden C. B. (2001), Classroom discourse: The language of teaching and learning (1988), Heinemann, Portsmouth (NH).! Cole M. (1998), Can cultural psychology help us think about diversity?, in Mind, Culture, and Activity, 5 (4), pp ! Collins A., Joseph D. e Bielaczyc K. (2004), Design Research: Theoretical and Methodological Issues, in Journal of the learning Sciences, 13 (1), pp ! Cox A. M. (2007), Beyond information-factors in participation in networks of practice: A case study of web management in UK higher education, in Journal of Documentation, 63 (5), pp !

33 Bibliografia di riferimento Darling-Hammond L. e Sykes G. (a cura di) (1999), Teaching as the learning profession, Jossey Bass, San Francisco (CA).! De Corte E. (2000, November), High-powered learning communities: a European perspective, Keynote address to the First Conference of the Economic and Social Research Council's Research, Programme on Teaching and Learning, Leicester, England.! Garrison D. R., Anderson T. e Archer W. (2000), Critical thinking in a text-based environment: computer conferencing in Higher Education, in Internet and Higher Education, 11 (2), pp ! Lehrer R. e Schauble L. (2004), Modeling natural variation through distribution, in American Educational Research Journal, 41 (3), pp ! McInnerney J. M. e Roberts T. S. (2004), Online Learning: Social Interaction and the Creation of a Sense of Community, in Educational Technology & Society, 7 (3), pp ! McLaughlin M. W. e Talbert J. E. (2001), Professional communities and the work of high school teaching, University of Chicago Press, Chicago (IL).! Palincsar A. S. e Brown A. L. (1984), Reciprocal teaching of comprehension-fostering and monitoring activities, in Cognition and Instruction, 1 (2), pp ! Rogoff B. (1994), Developing understanding of the idea of communities of learners, in Mind, Culture, and Activity, 1 (4), pp ! Rourke L., Anderson T., Garrison D. R. e Archer W. (1999), Assessing social presence in asynchronous, textbased computer conferencing, in Journal of Distance Education, 14 (3), pp ! Rutherford M. e Ash D. (2008), The Ann Brown fostering a community of learners legacy: Still learning after all these years, in J. Campione, A. Palincsar e K. Metz (a cura di), The legacy of Ann Brown, Erlbaum, Mahwah (NJ), pp ! Schoenfeld A. (2004), Multiple learning communities: Students, teachers, instructional designers, and researchers, in Journal of Curriculum Studies, 36 (2), pp ! Talbert J. e McLaughlin M. W. (2002), Professional communities and the artisan model of teaching, in Teachers and Teaching: Theory and Practice, 8 (3/4), pp ! Tu C.-H. e Corry M. (2001), A paradigm shift for online community research, in Distance Education Journal, 22 (2), pp ! Vygotsky L. S. (1978), Mind in society: The development of higher psychological processes. Harvard University Press, Cambridge (MA).!

Prof. Pierpaolo Limone p.limone@unifg.it

Prof. Pierpaolo Limone p.limone@unifg.it Teacher e portfolio e self regulation learning Prof. Pierpaolo Limone p.limone@unifg.it Erid Lab Il laboratorio di Educational Research and Interaction Design ha sede presso il Dipartimento di Studi Umanistici

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013

SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 SCHEDA PROGRAMMA INSEGNAMENTI A.A. 2012/2013 CORSO DI LAUREA IN Scienze della Formazione e dell educazione Insegnamento: Laboratorio di informatica applicata alla didattica Docente Prof. Limone Pierpaolo

Dettagli

Percorsi didattici online! e competenze digitali degli insegnanti!! Pierpaolo Limone! Rosaria Pace! Laboratorio ERID! Università di Foggia!

Percorsi didattici online! e competenze digitali degli insegnanti!! Pierpaolo Limone! Rosaria Pace! Laboratorio ERID! Università di Foggia! Percorsi didattici online e competenze digitali degli insegnanti Pierpaolo Limone Rosaria Pace Laboratorio ERID Università di Foggia Obiettivo Descrivere l esperienza dell Università di Foggia Dare concretezza

Dettagli

SENSO DI COMUNITÀ IN UN CORSO ON LINE: COSTRUZIONE DI UN QUESTIONARIO

SENSO DI COMUNITÀ IN UN CORSO ON LINE: COSTRUZIONE DI UN QUESTIONARIO TECNOLOGIE EMERGENTI E COSTRUZIONE DI CONOSCENZA 27-28 MARZO 2007 SENSO DI COMUNITÀ IN UN CORSO ON LINE: COSTRUZIONE DI UN QUESTIONARIO Vittore Perrucci,, Stefano Cacciamani,, Giulia Balboni Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Direzione Didattica e Servizi agli Studenti Percorso Abilitante Speciale P.A.S. a.a. 2014-2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu, 18 ore d aula + 18 ore online) Prof. Giancarlo Gola ggola@units.it Syllabus a.a. 2014-15, versione 01 BREVE

Dettagli

Valutare gli apprendimenti per promuovere la qualità dell istruzione. Francesca Storai - Indire

Valutare gli apprendimenti per promuovere la qualità dell istruzione. Francesca Storai - Indire Valutare gli apprendimenti per promuovere la qualità dell istruzione Francesca Storai - Indire 17 e 18 novembre 2014 Centro Congressi Frentani - Roma Nel 2009 iniziammo da qui. * * Media PISA OCSE in matematica

Dettagli

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso

PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF. Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso PIANO SCUOLA DIGITALE PTOF Istituto Comprensivo Statale R. Guttuso Premessa La legge 107 prevede che dall anno 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell Offerta Formativa azioni coerenti

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA GATE - Italy

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA GATE - Italy Associazione Scientifica Gifted And Talented Education GATE-Italy ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA GATE - Italy PROGRAMMAZIONE ANNO 2014 2016 ANNO 2014: Costituzione del Centro di Ricerca Nazionale TalentGate

Dettagli

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Un modello per l analisi delle interazioni in rete Prefazione di Guglielmo Trentin Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori

Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori Corso di Formazione in modalità blended Interlingua e Analisi degli Errori Schema di progettazione corso e-learning in modalità blended Titolo Destinatari numero corsisti Lingue coinvolte Tipo di corso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519

ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 ISTITUTO COMPRENSIVO CORTONA 2 SEDE: Via dei Combattenti, TERONTOLA - 52044 - CORTONA (AR) - tel / fax 0575 67519 CF: 92082410512 - cod. MIUR: ARIC841007 - email: aric841007@istruzione.it pec:aric841007@pec.istruzione.it

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA GATE - Italy

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA GATE - Italy ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA GATE - Italy PROGRAMMAZIONE ANNO 2014 2016 ANNO 2014: Costituzione del Centro di Ricerca Nazionale TalentGate a Vicenza. Le attività che il Centro TalentGate avvierà per l anno

Dettagli

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN)

PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) COSTO TOTALE PROGETTO 17.850 PROGETTO 2: AMBIENTE DI APPRENDIMENTO E INCLUSIONE FASE DI PIANIFICAZIONE (PLAN) Definizione aree di intervento, obiettivi, azioni e priorità (tabella 2a) Area di intervento

Dettagli

Strategia Laboratoriale

Strategia Laboratoriale CERT- LIM Interactive Teacher Test Mod. 2.2 CL La Certificazione delle Competenze Strumentali e Metodologiche con la LIM Candidati LIM AICA Associazione Italiana per l Informatica ed il Calcolo Automatico

Dettagli

European Conference on Information Literacy 2013. 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti

European Conference on Information Literacy 2013. 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti European Conference on Information Literacy 2013 22-25 ottobre, Istanbul Le finalità, i temi trattati, i partecipanti Finalità ECIL 2013 ha voluto riunire ricercatori, professionisti dell informazione,

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

DIDATEC Corso base e corso avanzato

DIDATEC Corso base e corso avanzato PROGETTI DI FORMAZIONE PER DOCENTI 2012/2013 DIDATEC Corso base e corso avanzato PER I TUTTI DOCENTI I DOCENTI DI ITALIANO Fotografia di Giuseppe Moscato Scuola primaria e secondaria di primo grado e biennio

Dettagli

1) ARTICOLAZIONE E CALENDARIO DEL MASTERCLASS DEAL

1) ARTICOLAZIONE E CALENDARIO DEL MASTERCLASS DEAL Gruppo di Ricerca DEAL, Università Ca Foscari Venezia con il patrocinio e la collaborazione dell Associazione Italiana Dislessia MASTERCLASS DEAL (Dislessia Evolutiva e Apprendimento delle Lingue) Edizione

Dettagli

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015

PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 PAS, Percorso Abilitante Speciale a.a. 2014/2015 Laboratorio di Tecnologie Didattiche (3 cfu - 3 lezioni d aula, 18 ore + 18 ore online) Prof.ssa Maria Grazia Ottaviani pas.ottaviani.univr@gmail.com Syllabus

Dettagli

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist

Progetto Insegnare ad imparare le strategie metacognitive nei DSA UST Belluno / Associazione Soroptimist I Disturbi Specifici di Apprendimento Interventi nella Scuola Secondaria: applicazione delle misure compensative e dispensative in riferimento alle discipline di ambito umanistico Progetto Insegnare ad

Dettagli

ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI

ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI ATTIVITA DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI RESPONSABILITÀ EDUCATIVA Perseguire l innovazione didattica con efficacia, praticando sperimentazioni e attivando corsi di formazione che consentano alla

Dettagli

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio )

Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Costruire ambienti di apprendimento collaborativo on line di Andrea Varani Informatica & Scuola n. 4, dicembre 2003 (Rubrica: Laboratorio ) Fino ad ora, l istituzione scolastica ha basato la sua azione,

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

I SERVIZI BIBLIOTECARI E LA FORMAZIONE A DISTANZA. Dott. Patrizia Lùperi Corso sull informazione bibliografica Seminario 2 Ottobre 2006

I SERVIZI BIBLIOTECARI E LA FORMAZIONE A DISTANZA. Dott. Patrizia Lùperi Corso sull informazione bibliografica Seminario 2 Ottobre 2006 I SERVIZI BIBLIOTECARI E LA FORMAZIONE A DISTANZA Dott. Patrizia Lùperi Corso sull informazione bibliografica Seminario 2 Ottobre 2006 Formazione a distanza Con l espressione Formazione a distanza (FAD)

Dettagli

Comunità di ricerca a scuola e tecnologie digitali

Comunità di ricerca a scuola e tecnologie digitali IV Congresso di Psicologia e Scuola: A scuola ho un bambino che Firenze 6-7 febbraio 2015 Comunità di ricerca a scuola e tecnologie digitali Stefano Cacciamani Università della Valle d Aosta Il piano del

Dettagli

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze

Corso di Perfezionamento Comunicare e insegnare con la lavagna multimediale interattiva (LIM) www.csl.unifi.it/lavagnadigitale Facoltà di Scienze Il CORSO L uso delle nuove tecnologie a scuola ha trasformato la relazione comunicativa tra studenti ed insegnanti, modificando gli stili di apprendimento, le strategie formative e le metodologie educative.

Dettagli

Il modello formativo dei progetti PON docenti

Il modello formativo dei progetti PON docenti Il modello formativo dei progetti PON docenti Scuola- Presidio Comunità Tutor Blended Collaborazione Laboratorio Peer- Educa5on Competenze Sperimentazione Personalizzazione Ricerca- azione Innovazione

Dettagli

IMPARADIGITALE Summer school 2015

IMPARADIGITALE Summer school 2015 IMPARADIGITALE Summer school 2015 Premessa L esperienza delle precedenti Summer e il feed back delle azioni formative realizzate nelle scuole italiane di ogni ordine e grado da parte del Centro Studi ImparaDigitale,

Dettagli

L integrazione del Progetto ESTABLISH nel contesto della Scuola italiana

L integrazione del Progetto ESTABLISH nel contesto della Scuola italiana SEZIONE 6: FISICA GENERALE, DIDATTICA E STORIA DELLA FISICA TAVOLA ROTONDA: La ricerca didattica italiana nei Progetti Europei L integrazione del Progetto ESTABLISH nel contesto della Scuola italiana Claudio

Dettagli

CORSO IN METODOLOGIA CLIL INGLESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

CORSO IN METODOLOGIA CLIL INGLESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FORMAZIONE TRILINGUISMO CORSO IN METODOLOGIA CLIL INGLESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Iniziativa riservata a insegnanti di disciplina non linguistica (DNL) individuati dai Dirigenti Scolastici Riferimento

Dettagli

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor

Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Un ambiente di apprendimento e centralità e-tutor Indire Didattica e formazione Seminario formatori di Lingue 2006 L e-tutor una figura centrale nell intero percorso formativo Per la gestione dei gruppi

Dettagli

II Convegno SiE-L Firenze, 9-11 novembre 2005 Villa del Poggio Imperiale

II Convegno SiE-L Firenze, 9-11 novembre 2005 Villa del Poggio Imperiale II Convegno SiE-L Firenze, 9-11 novembre 2005 Villa del Poggio Imperiale Antonio Cartelli cartan@unicas.it - Centro di Facoltà per le T.I.C. e la didattica on line - Laboratorio di Tecnologie dell istruzione

Dettagli

Il Master universitario in Management ed e-government nelle P.A. e nelle Università: profili metodologici. di Franco Bochicchio

Il Master universitario in Management ed e-government nelle P.A. e nelle Università: profili metodologici. di Franco Bochicchio Il Master universitario in Management ed e-government nelle P.A. e nelle Università: profili metodologici di Franco Bochicchio Il Master Promosso dal CO.IN.FO. nell ambito delle attività consortili Formazione

Dettagli

Gli strumenti attivati: il portale web ReteVIA

Gli strumenti attivati: il portale web ReteVIA Formazione ed accompagnamento a supporto del processo di conferimento di funzioni in materia di VIA alle Province avviato con la l.r. 5/2010 Milano, 5 dicembre 2012 SEMINARIO LA VIA A PIU' VOCI. A CHE

Dettagli

FAC SIMILE FORMULARIO COMPILAZIONE E CONSEGNA SOLO ON LINE http://www.indire.it/indicazioni/monitoraggio/ Monitoraggio dei documenti programmatici

FAC SIMILE FORMULARIO COMPILAZIONE E CONSEGNA SOLO ON LINE http://www.indire.it/indicazioni/monitoraggio/ Monitoraggio dei documenti programmatici A che punto siamo... indicazioni per il curricolo e indicazioni nazionali Monitoraggio dei documenti programmatici Formulario A PARTE GENERALE Formulario A - PARTE GENERALE - Pagina n 1 /11 Il piano dell

Dettagli

3. I Virtual Learning Environment ovvero: le piattaforme

3. I Virtual Learning Environment ovvero: le piattaforme 3.1 3. I Virtual Learning Environment ovvero: le piattaforme 3.2 VLE: un Un ambiente VLE è un integrato ambiente integrato L idea di ambiente include la nozione di integrazione di funzioni e contenuti

Dettagli

Comunità di Pratica per i Knowledge Workers: indagine sulle best practices. I risultati in progress della ricerca del LAOC

Comunità di Pratica per i Knowledge Workers: indagine sulle best practices. I risultati in progress della ricerca del LAOC Comunità di Pratica per i Knowledge Workers: indagine sulle best practices. I risultati in progress della ricerca del LAOC Giovanni Rosso LAOC Università Roma Tre 1 Comunità di Pratica nel Web Italiano

Dettagli

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE?

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Padova, 6 Giugno 2014 Con il patrocinio della Modelli organizzativi

Dettagli

Corso di perfezionamento in formazione continua E-learning Gestione e Tutoring

Corso di perfezionamento in formazione continua E-learning Gestione e Tutoring Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Corso di perfezionamento in formazione continua E-learning Gestione e Tutoring per i docenti delle

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.)

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.) PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.) RUOLO E COMPITI DELL ANIMATORE DIGITALE L animatore digitale è un docente a tempo indeterminato, individuato

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Aderente all Associazione Europea Dislessia. www.dislessia.it

Aderente all Associazione Europea Dislessia. www.dislessia.it Aderente all Associazione Europea Dislessia AID, ente accreditato MIUR per la formazione degli insegnanti. www.dislessia.it Maristella Craighero Vicepresidente Nazionale A.I.D. Presidente Sezione A.I.D.

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali

Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali Corso di Perfezionamento post lauream Insegnare e comunicare con la Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), l e-book e i contenuti digitali Dipartimento di Scienze dell Educazione e dei Processi Culturali

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

Progetto PON rivolto alle Istituzioni scolastiche statali per la realizzazione di ambienti digitali.

Progetto PON rivolto alle Istituzioni scolastiche statali per la realizzazione di ambienti digitali. Ministero Dell Istruzione, Dell Università e Della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Don Milani Via Ugo Foscolo 13 21050 Bisuschio Tel. 0332/471213 Fax 0332/473798 sito Web: www.icbisuschio.gov.it e-mail

Dettagli

Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe

Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe Dove va la pedagogia? V EDIZIONE SUMMER SCHOOL TRENTO 2010 Situare la formazione dei docenti nel contesto della classe Struttura ed esiti del progetto Ambienti di apprendimento inclusivi e tecnologie digitali

Dettagli

E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive

E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive Paolo Tortiglione E-Learning in campo musicale Esperienze e prospettive 2007 Paolo@tortiglione.com Evoluzione dei sistemi di apprendimento Perché fare E-Learning anche in campo musicale? Si è pensato di

Dettagli

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano

Oggetto: formazione online per insegnanti dal Politecnico di Milano Apertura iscrizioni master online in tecnologie per la didattica Prof. Paolo Paolini Politecnico di Milano HOC-LAB Viale Rimembranze di Lambrate 14 20134 MILANO Al Dirigente scolastico Milano, 2 Dicembre

Dettagli

COMPLEX LEARNING COMMUNITY

COMPLEX LEARNING COMMUNITY COMPLEX LEARNING COMMUNITY Cos è, Perché attuarla Come attuarla COMPLEX COMMUNITY: CHE COSA È? COMPLEX COMMUNITY: CHE COSA NON È PERCHÉ E QUANDO UTILIZZARE UNA COMPLEX LEARNING COMMUNITY ESPERIENZE DI

Dettagli

Designing and evaluating technology-enabled educational experiences: The EDOC@WORK3.0 project

Designing and evaluating technology-enabled educational experiences: The EDOC@WORK3.0 project Designing and evaluating technology-enabled educational experiences: The EDOC@WORK3.0 project Luca Mainetti (University of Salento), Giuseppe Visaggio (University of Bari) presenter: Antonio Piccinno (University

Dettagli

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori)

Non separare la Scuola dalla vita (C.Freinet) «Aiutiamoli a fare da soli»(m.montessori) insegnare non più e non solo per trasferire saperi, per cui spesso basta un clic, bensì per formare uno studente competente, avviato a essere un futuro cittadino riflessivo e responsabile, aperto al nuovo

Dettagli

CATALOGO 2014-2015. Indice dei corsi di formazione individuali. Modalità online

CATALOGO 2014-2015. Indice dei corsi di formazione individuali. Modalità online CATALOGO 2014-2015 Indice dei corsi di formazione individuali Modalità online 1. Progettare il curricolo per competenze 2. Valutare gli apprendimenti. Dalla valutazione alla certificazione delle competenze:

Dettagli

Leadership e processi di miglioramento nelle scuole. Prof. Angelo Paletta. Alma Mater Studiorum - UNIBO angelo.paletta@unibo.it

Leadership e processi di miglioramento nelle scuole. Prof. Angelo Paletta. Alma Mater Studiorum - UNIBO angelo.paletta@unibo.it Leadership e processi di miglioramento nelle scuole Prof. Angelo Paletta Dipartimento di scienze aziendali Alma Mater Studiorum - UNIBO angelo.paletta@unibo.it Formia, 29 ottobre 2014 sommario Domande

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019. Team per l Innovazione dell ISC Nardi

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019. Team per l Innovazione dell ISC Nardi PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE 2016 / 2019 Team per l Innovazione dell ISC Nardi PREMESSA L animatore digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinché possa (rif. Prot. N 17791

Dettagli

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria

Cre@tivi Digit@li. S.M.S. Don Milani - Genova. Liguria Cre@tivi Digit@li S.M.S. Don Milani - Genova Liguria S.M.S. Don Milani - Scuola sperimentale Progetto Nazionale Scuola Laboratorio don Milani, ex art.11 (iniziative finalizzate all innovazione), D.P.R.

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

Relazione finale progetto II anno. Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica

Relazione finale progetto II anno. Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica Relazione finale progetto II anno Bibliotech Il sito della biblioteca scolastica Premessa Si fa riferimento ad un progetto sviluppato nel corso dell attuale anno scolastico (2009-10) presso l Istituto

Dettagli

IPRASE A SUPPORTO DELLO SVILUPPO DI COMPETENZE DIGITALI NELLA SCUOLA TRENTINA

IPRASE A SUPPORTO DELLO SVILUPPO DI COMPETENZE DIGITALI NELLA SCUOLA TRENTINA IPRASE A SUPPORTO DELLO SVILUPPO DI COMPETENZE DIGITALI NELLA SCUOLA TRENTINA #BarbariDigitali Nuove frontiere della scuola digitale, delle tecnologie e dell umanesimo Trento, 14 ottobre 2013 Cristiana

Dettagli

Recensione di Irith Davidzon Maggio 2007. Abstract. Recensione

Recensione di Irith Davidzon Maggio 2007. Abstract. Recensione Beck Isabel, McKeown Margareth, Improving Comprehension with Questioning the Author: A Fresh and Expanded View of a Powerful Approach, Scholastic, New York, 200, pp. 296 Recensione di Irith Davidzon Maggio

Dettagli

CLIL. Le norme transitorie e i risultati delle prime sperimentazioni. Maria Torelli USR Piemonte

CLIL. Le norme transitorie e i risultati delle prime sperimentazioni. Maria Torelli USR Piemonte CLIL Le norme transitorie e i risultati delle prime sperimentazioni. Maria Torelli USR Piemonte LA BUONA SCUOLA L obiettivo generale deve essere quello di rafforzare una volta per tutte l insegnamento

Dettagli

Il PNSD. Cosa è stato attuato nel nostro Istituto ad oggi per quanto riguarda il digitale:

Il PNSD. Cosa è stato attuato nel nostro Istituto ad oggi per quanto riguarda il digitale: Il PNSD Il Piano Nazionale per la Scuola Digitale (PNSD) è un documento pensato per guidare le scuole in un percorso di innovazione e digitalizzazione, come previsto nella riforma della Scuola (legge 107/

Dettagli

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi

Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014. Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi Progetto Scienze 3.14 Scuole in rete A.S 2013-2014 Responsabile Dott.ssa Paola Tacconi QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PER LE INSEGNANTI Al fine di ottenere una valutazione del livello di gradimento delle insegnanti

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma

Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA. Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma Scuola + 15 PROGETTI DI DIDATTICA INTEGRATA Progetto realizzato da Fondazione Rosselli con il contributo di Fondazione Roma 2 Scuola, tecnologie e innovazione didattica La tecnologia sembra trasformare

Dettagli

PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione

PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione PON Lingua letteratura e cultura in una dimensione europea: Lingue straniere corsi brevi Guida all attuazione Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione

Dettagli

ASSESSMENT & SKILL DEVELOPMENT

ASSESSMENT & SKILL DEVELOPMENT ASSESSMENT & SKILL DEVELOPMENT Progettualità innovativa per lo sviluppo del capitale umano e del business www.ideamanagement.it www.praxi.com La value proposition della partnership Idea Management e PRAXI

Dettagli

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia

Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa Gemma Vernoia ISTITUTO COMPRENSIVO G. CALÒ V.le M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA tel. 099/8290470 Email: TAIC82600L@istruzione.it - www.scuolacalo.gov..it Il PNSD nel PTOF d Istituto A cura dell A.D. / F.S. Prof.ssa

Dettagli

Dal tutoraggio al coaching Riflessioni ad un anno di distanza

Dal tutoraggio al coaching Riflessioni ad un anno di distanza Dal tutoraggio al coaching Riflessioni ad un anno di distanza dove eravamo rimasti Dal tutoring. Il tutor Il coach Istruttore conoscenze Facilitatore Moderatore (Clive Shepherd) Senza apparire mai in scena

Dettagli

2012 Le Nuove Indicazioni

2012 Le Nuove Indicazioni REPORT CONCLUSIVO DELL ATTIVITA DI RICERCA-AZIONE: 2012-Le Nuove Indicazioni ISTITUTO COMPRENSIVO DI VERNOLE (LE) 2012 Le Nuove Indicazioni RESTITUZIONE FINALE CONDIVISIONE DEI PERCORSI DIDATTICI EFFETTUATI

Dettagli

Metodologie per l insegnamento dell informatica

Metodologie per l insegnamento dell informatica Metodologie per l insegnamento dell informatica Oltre la scuola trasmissiva, verso una didattica per problemi progetti e competenze. Incontro n.1 Modena 11 Aprile 2014 PERCORSI ABILITANTI SPECIALI Dipartimento

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

AVVIO DEL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Basilicata Direzione Generale Piazza delle Regioni - 85100 Potenza INCONTRI DEL 13/19/25 FEBBRAIO 2015 AVVIO

Dettagli

Premio Italiano per la Formazione Aldo Fabris 6ª edizione. Progetti premiati

Premio Italiano per la Formazione Aldo Fabris 6ª edizione. Progetti premiati Premio Italiano per la Formazione Aldo Fabris 6ª edizione Progetti premiati SETTORE SCUOLA Sezione Formazione Professionale Centro Formazione Professionale Ente Padri Trinitari Equal MECENATE - Centro

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Indice dei corsi di formazione individuale

Indice dei corsi di formazione individuale CATALOGO 2014/2015 Indice dei corsi di formazione individuale Modalità online A. Costruire ambienti per un apprendimento significativo: dal dire al fare B. Dalla valutazione alla certificazione delle competenze:

Dettagli

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning.

Il Learning Management System o LMS è appunto la una piattaforma applicativa che permette l'erogazione dei corsi in modalità e-learning. La sezione del modulo dedicata ai Learning Management System elenca diverse funzioni di gestione, comunicazione e valutazione che possono essere utilizzate per l erogazione di formazione online. Sulla

Dettagli

Descrizione e finalità del progetto Fondo Sociale Europeo Misura C1 Ob. 3 Scuole di montagna

Descrizione e finalità del progetto Fondo Sociale Europeo Misura C1 Ob. 3 Scuole di montagna Descrizione e finalità del progetto Fondo Sociale Europeo Misura C1 Ob. 3 Scuole di montagna Pag. 1 di 5 Descrizione e finalità del progetto. Il progetto Scuole di montagna finanziato dal Fondo Sociale

Dettagli

Università per Stranieri Siena

Università per Stranieri Siena Università per Stranieri Siena per Stranieri di Siena Piazza Carlo Rosselli, 27/28-53100 Siena Tel. +39 0577.240.249-274 e-mail:fast@unistrasi.it sito:www.unistrasi.it Piazza Carlo Rosselli, 27/28-53100

Dettagli

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE?

RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO, VALIDAZIONE E CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE. CON QUALI COMPETENZE? Padova, 6 Giugno 2014 Con il patrocinio della Convegno Nazionale RICONOSCIMENTO,

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti

Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti Master: L e-tutor negli ambienti di apprendimento on line Coordinatore del Master: prof. Luca Toschi Moduli Obiettivi didattici CFU Docenti proposti 1 E- tutor e ambienti di apprendimento on line In questo

Dettagli

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca

Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Allegato al PTOF dell I.C. Giuseppe Scelsa Realizzato Dall ins. Guadalupi Francesca Premessa L Animatore Digitale individuato in ogni scuola sarà (rif. Prot. n 17791 del 19/11/2015) destinatario di un

Dettagli

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PTOF

PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PTOF PROGETTO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE PER IL PTOF Premessa L Animatore Digitale è un docente che, insieme al Dirigente Scolastico e al Direttore Amministrativo, avrà il compito di coordinare

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A.

Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. sviluppiamo le competenze! Progetto Una rete per la formazione di qualità RFQ 2014 Proposta di moduli formativi per lo sviluppo della funzione formazione nelle P.A. Roma, 3 marzo 2014 1 I moduli aree di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA

CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA SSIS LAZIO 2007-2007 Indirizzi Tecnologico, Economico-Giuridico CORSO DI STORIA DELLA PEDAGOGIA Pedagogia e Scienze dell Educazione nella cultura contemporanea Prof.ssa Eleonora Guglielman 1 06. Costruttivismo:

Dettagli

e-learning Guglielmo Trentin trentin @ itd.cnr.it http://polaris.itd.cnr.it / gt Istituto Tecnologie Didattiche

e-learning Guglielmo Trentin trentin @ itd.cnr.it http://polaris.itd.cnr.it / gt Istituto Tecnologie Didattiche Aspetti didattico-metodologici dell e-learning e-learning trentin @ itd.cnr.it http://polaris.itd.cnr.it / gt Istituto Tecnologie Didattiche Consiglio Nazionale delle Ricerche, Genova http://www.itd.cnr.it

Dettagli

@Architetti di Apprendimento The meeting point to learn, experience and share. www.archittettidiapprendimento.it

@Architetti di Apprendimento The meeting point to learn, experience and share. www.archittettidiapprendimento.it @Architetti di Apprendimento The meeting point to learn, experience and share www.archittettidiapprendimento.it FINALITÀ DESTINATARI ORGANIZZAZIONE L Hdemia@ArchitettidiApprendimento si colloca fra le

Dettagli

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016

Istituto Comprensivo Cepagatti anno scolastico 2015-2016 Finalità della Scuola del primo ciclo Compito fondamentale della scuola del primo ciclo d istruzione, che comprende la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di primo grado, è la promozione del pieno sviluppo

Dettagli

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II

Il RUOLO DELLA SECONDARIA II Orientamento per il successo scolastico e formativo Il RUOLO DELLA SECONDARIA II seconda parte 2011/2012 ruolo orientativo della secondaria II una scuola che ha un RUOLO DI REGIA Sostiene i propri studenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Capraro 1 C.D. Procida

Istituto Comprensivo Capraro 1 C.D. Procida Istituto Comprensivo Capraro 1 C.D. Procida Questionario rilevazione bisogni formativi dei docenti 1. Anno dell ultima esperienza di aggiornamento o formazione professionale effettuata Dopo 2010 2009 o

Dettagli

Università e contesti: promuovere un circolo virtuoso di scambio e riutilizzo della conoscenza dentro e fuori l'ateneo

Università e contesti: promuovere un circolo virtuoso di scambio e riutilizzo della conoscenza dentro e fuori l'ateneo SHARECONFERENCE Università e contesti: promuovere un circolo virtuoso di scambio e riutilizzo della conoscenza dentro e fuori l'ateneo Teramo 15/12/2006 Manuela Pegoraro Il Centro METID del Politecnico

Dettagli

PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA

PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA PROGETTO A SCUOLA DI DISLESSIA Bando per la presentazione di progetti finalizzati alla realizzazione in ambito scolastico di strategie didattiche, metodologiche e valutative nei confronti degli studenti

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE

RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE RELAZIONE FINALE DEL MODULO DI PROGETTAZIONE -prof. Rocco Italiano: collaborazione come progettista, autore dei materiali e delle schede di attivazione, e-tutor. -dir. scol. Blandina Santoianni: direttore

Dettagli

PROFILO DEL DOCENTE ANIMATORE DIGITALE

PROFILO DEL DOCENTE ANIMATORE DIGITALE ISTITUTO COMPRENSIVO SAN G. BOSCO PIANO TRIENNALE DI INTERVENTO DELL ANIMATORE DIGITALE Premessa L animatore digitale individuato in ogni scuola sarà formato in modo specifico affinchè possa (rif. Prot.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2009-2010. Piano integrato Annualità 2009

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2009-2010. Piano integrato Annualità 2009 Istituto Tecnico Industriale Statale Sen. Onofrio Jannuzzi Viale Antonio Gramsci n. 40-70031 ANDRIA (BA) Distretto Scolastico n. 3 - Codice Fiscale: 81006150726 Tel. Centr. 0883/599941 - Tel. Presidenza/Fax

Dettagli