Successo immediato con LEGO. Education StoryStarter. Scrivi storie con il software StoryVisualizer.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Successo immediato con LEGO. Education StoryStarter. Scrivi storie con il software StoryVisualizer. www.campustore-storystarter.it"

Transcript

1 Successo immediato con LEGO Education StoryStarter Stimola i tuoi studenti a leggere, scrivere, parlare e ascoltare Scrivi storie con il software StoryVisualizer

2 Abbiamo tutti una storia da raccontare... ma a volte è difficile per gli studenti lasciarsi andare o trovare le parole giuste che diano voce alla loro immaginazione. StoryStarter è l aiuto che ci vuole per stimolare la creatività dei tuoi studenti e per sviluppare le loro capacità di lettura, scrittura, espressione orale e ascolto. Scopri come il NUOVO LEGO Education StoryStarter può rivoluzionare in breve tempo l apprendimento e migliorare sensibilmente le lezioni di alfabetizzazione e di lingua. Questa guida include dieci attività che puoi usare per sviluppare le esigenze curricolari per l insegnamento dell italiano in lettura, scrittura, espressione orale e ascolto. Lo sapevi che... StoryStarter è conforme agli standard curricolari della scuola primaria per la lettura, la scrittura, l'espressione orale e l'ascolto. Vai alle attività per avere un esempio degli obiettivi di apprendimento. 02 LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

3 Successo immediato con StoryStarter Contenuti... Il racconto del ragno pauroso e della gattina graziosa 06 Furto alla gioielleria 08 Gira e vinci 10 La ricerca dei cinque cristalli dorati 12 Il mio passatempo preferito 14 Picnic di compleanno in giardino 16 Chiamata alla terra 18 La mia lettura di poesie 20 L'Antico Tesoro 22 La conquista del cuore della principessa Mary

4 Come funziona? ''Livello di interesse - massimo. Motivazione alla scrittura - garantita. Sforzo combinato - fantastico.'' Il verdetto della rivista Teach Primary StoryStarter è uno strumento di apprendimento pratico che permette agli studenti di creare e raccontare storie, sviluppando abilità linguistiche e di comprensione. Disponibile anche per tablet Gli studenti sviluppano competenze fondamentali in italiano, pensiero creativo e critico, mentre lavorano per creare storie, scene, oggetti e creature. Essi acquisiscono esperienza nella caratterizzazione, nel dialogo, nell azione e nella suspense, con inizi e finali prestabiliti, sequenze temporali ed eventi in successione. Gli scenari dell apprendimento, che possono essere adeguati al livello di istruzione degli studenti, accolgono la diversità e incoraggiano gli studenti a collaborare e condividere idee, concetti ed esperienze. Il software abbinato StoryVisualizer comprende un ampia varietà di template, ideati per dotare gli studenti di un adeguata piattaforma di lavoro conforme al loro livello accademico. Esso facilita la scrittura, la stampa, la pubblicazione e la condivisione di storie. Inizio Svolgimento Fine 04 LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

5 Successo immediato con StoryStarter Integrazione curricolare per la Scuola Primaria Gli standard curricolari della scuola primaria costituiscono il punto di partenza per tutti i materiali delle attività. StoryStarter aiuta gli studenti a sviluppare abilità, conoscenze e comprensione nelle aree della conversazione e dell ascolto, della lettura e scrittura, come indicato nel riquadro. Conversazione e ascolto Ascolto CONVERSAZIONE e ASCOLTO Discussione di gruppo e interazione Composizione Progettazione e redazione SCRITTURA STORY STARTER LETTURA Leggere per ricavare informazioni Letteratura Struttura della lingua Comprensione del testo ITALIANO - SCRITTURA - COMPOSIZIONE - TRIENNIO Gli alunni devono imparare a: Pianificare il proprio testo: Discutendo testi simili a quello che hanno in mente di scrivere, in modo da capire e imparare a partire dalla loro struttura, dal vocabolario e dalla grammatica. Discutendo e prendendo nota delle idee. Progettare e scrivere: Componendo e ripetendo a voce le frasi (incluso il dialogo), costruendo progressivamente un vocabolario ricco e vario e una gamma crescente di strutture di frasi. Organizzando i paragrafi intorno a un tema. Nei racconti, creando ambientazioni, personaggi e trama. Con materiale non narrativo, usando semplici accorgimenti organizzativi (per esempio titoli e sottotitoli). Valutare e correggere: Valutando l efficacia del proprio testo e di quello degli altri e proponendo migliorie. Proponendo modifiche alla grammatica e al vocabolario per migliorare la coerenza, compreso l uso appropriato dei pronomi nelle frasi. Correggendo gli errori ortografici o di punteggiatura. Leggendo ad alta voce il proprio testo, ad un gruppo o all intera classe, usando l intonazione appropriata e controllando il tono e il volume, così che il significato si mantenga chiaro. 05

6 Il racconto del ragno spaventoso e della gattina graziosa Obiettivi di apprendimento Raccontare una storia o riferire un esperienza riportando i fatti pertinenti e i dettagli descrittivi rilevanti, parlando in modo chiaro e usando frasi coerenti. Progettare e scrivere racconti, creare ambientazioni, personaggi e trama Creare dialoghi intorno alle esperienze, agli eventi e alle reazioni dei personaggi a stiuazioni date Impostare la scena C era una volta un enorme, raccapricciante ragno che viveva a Warwick Woods. Il ragno era conosciuto come la creatura più spaventevole di tutte e terrorizzava le altre creature viventi. La gattina Ryder era particolarmente spaventata dal ragno! Un giorno, Ryder doveva andare in missione segreta nei boschi, ma vedendo che il ragno era lì, si spaventò molto e non seppe più che fare. Che cosa successe nel bosco: Ryder riuscì a salvarsi, portò a termine la sua missione segreta, qualcuno o qualcosa la aiutò? Costruire la storia Chiedi agli studenti di creare e costruire una storia basata sulle avventure della gattina Ryder e suddivisa in 3 scene: inizio, svolgimento e fine. Essa deve includere: Ryder la gatta, che ha paura del ragno Un ambientazione che comprenda un ponte da attraversare Qualcosa di davvero pauroso e spaventoso Una morale che vada dritta al punto e collegata alla vita quotidiana Riflettere Chiedi agli studenti di parlare e riflettere su ognuno dei loro personaggi, l ambientazione e la trama: Cosa stanno facendo i personaggi? Che cosa stanno dicendo? Come si sentono? Qual è l ambientazione? In che modo l ambientazione è semplice e chiara a un pubblico? Può essere migliorata? Pensa alla morale della storia. Qual è il modo migliore per comunicarla? 06 LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

7 Successo immediato con StoryStarter C'era una volta... Condividere e documentare Innanzitutto, presenta e racconta la storia a un pubblico con i dovuti dettagli e con coerenza. Chiedi agli studenti di variare lo stile della loro narrazione quando descrivono o interpretano un personaggio. Chiedi agli studenti di usare il software StoryVisualizer per scrivere le loro storie nel formato di un racconto di fiabe. Essi dovranno prestare attenzione alle caratteristiche del genere come C era una volta... e mettere in risalto la morale della storia. Ahhhhhhh il ragno! Ampliare Stampa tutte le storie e crea un Libro di Racconti di classe. Questo dovrà essere disponibile a tutti. Puoi anche metterne una copia nella biblioteca scolastica. Fai una cernita delle varie morali e osserva se alcune si somigliano. Discuti dei diversi modi in cui i messaggi possono essere comunicati e cosa li rende chiari e forti. Pensa a come la stessa morale potrebbe essere comunicata, ma in un altra versione della storia. Costruisci questa nuova versione e racconta la nuova storia a un gruppo di amici, chiedendo loro di indovinare qual è la morale. Esempio di soluzione 07

8 Furto alla gioielleria Obiettivi di apprendimento Determinare i fatti principali e i particolari complementari in un testo o evento presentato nei vari media informativi Spiegare gli eventi di testi informativi o argomentativi, chiarendo quello che è successo e perché Rielaborare un evento reale e renderlo più interessante per comunicare concetti chiave Usare le caratteristiche organizzative dei testi informativi e argomentativi, incluse le didascalie, le illustrazioni e i contenuti Impostare la scena Ultime notizie! C è stata una rapina alla nuova gioielleria cittadina. Tutti gli orologi, le collane e gli anelli di diamanti più costosi sono stati rubati. La polizia ha riferito che la rapina si è svolta poco dopo la mezzanotte e che il ladro aveva probabilmente un complice. La polizia è in attesa di interrogare le persone che possono aver visto o sentito qualcosa in relazione al fatto. Le forze di polizia hanno spiegato: Sembra sia opera di una nostra vecchia conoscenza...ma abbiamo bisogno di testimoni e di qualcosa che ci possa indirizzare nella direzione giusta. Questo è il furto più grande dopo molti anni e dobbiamo mettere il colpevole dietro le sbarre! Presto, sta scappando LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

9 Successo immediato con StoryStarter Al ladro! Costruire la storia Costruisci e racconta la storia di quello che è successo durante la rapina. Segnala tutto ciò che potrebbe essere di aiuto alle forze di polizia. Il colpevole sarà catturato e finirà dietro le sbarre? Lui o lei farà in tempo a nascondere la refurtiva dalla polizia e, se sì, dove? Condividi la tua storia con un pubblico. Usa il software StoryVisualizer per documentare la tua storia nel formato di articolo di giornale, che finirà sulle riviste locali il giorno successivo. Ricordati di pensare a buone didascalie, immagini e slogan accattivanti. Ampliare Pensa al povero gioielliere e a quello che ha dovuto affrontare. Aiutalo a progettare e ristrutturare la sua gioielleria per renderla il più attraente possibile in vista della grande riapertura. Costruisci una scena che mostra come si presenta il suo negozio. Riuscirà a vendere? Metterà un annuncio pubblicitario sul giornale? Come sarà l annuncio pubblicitario? THE DAILY NEWS THE WORLD S FAVORITE NEWSPAPER FRIDAY, 21 APRIL Larry escapes from jail AGAIN! And is caught AGAIN! STOP HIM! Police can t explain! He had a triple burger for dinner. We passed it through the inspection hatch. When we went to check the cell at lights out, he d GONE!, said Community outraged! Mrs. Lopez, a local store owner and Larry s latest victim, says, We ve had enough. When we catch him, he ll wish he had never escaped from jail. OR WE WILL! 09

10 Gira e vinci Obiettivi di apprendimento Raccontare una storia utilizzando dettagli rilevanti e descrittivi a supporto delle idee principali Identificare e descrivere i personaggi, l ambientazione e gli eventi principali della storia, utilizzando i dettagli chiave Scrivere un racconto con coerenza, intonazione e stile Impostare la scena Usa la carta spinner per gli stati d animo. Gira lo spinner una sola volta per determinare se la storia sarà felice, triste, arrabbiata o romantica. Chiedi agli studenti di lavorare in squadra o da soli. Che storia racconterai? Sono triste oggi! Mi sento romantico! 10 LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

11 Successo immediato con StoryStarter Costruire la storia Costruisci e racconta una storia che rifletta lo stato d animo scelto. Pensa a eventi e sentimenti che rappresentano quello stato d animo. Usa il software StoryVisualizer per documentare la tua storia, spiegando in maniera chiara di che tipo di storia si tratta e quale stato d animo rappresenta. Condividila con un pubblico. Ampliare Gira lo spinner ancora. Prova a cambiare la tua storia in base al nuovo stato d animo selezionato. Quali cambiamenti verranno apportati? Che impatto avrà sulla tua storia precedente? Cosa succederà ai personaggi e all ambientazione? Lavora come un team! 11

12 La ricerca dei cinque cristalli dorati Obiettivi di apprendimento Narrare una storia e raccontare un esperienza riportando i fatti pertinenti e i dettagli descrittivi rilevanti, parlando in maniera chiara e coerente Usare l immaginazione e la fantasia per esprimere idee convenzionali e non convenzionali Formare e usare nomi collettivi e nomi irregolari che ricorrono frequentemente Esplorare i generi e le loro diverse caratteristiche Impostare la scena Sei un famoso esploratore che ha scoperto un antica pergamena in cui è riportato il luogo dove trovare i famosissimi cinque cristalli dorati. Nella pergamena si legge che, quando troverai il quinto cristallo, qualcosa di incredibile accadrà. Ma la pergamena ti avvisa anche che non sarà poi così facile! Costruire la storia Costruisci e racconta la storia con i relativi dettagli. Focalizzati sul linguaggio descrittivo e sii convincente. Usa il software StoryVisualizer per documentare la tua storia nel formato di una vera e propria pergamena e presentala con i relativi dettagli descrittivi, usando nomi collettivi. Condividila con un pubblico. Ampliare "I bambini possono diventare davvero creativi utilizzando materiali tradizionali e hi-tech, migliorando lo sviluppo narrativo della propria storia e le abilità di alfabetizzazione, imparando a prestare attenzione anche alle 5 W" durante il processo. La costruzione, la discussione, l'espressione, lo "scrivere con la voce", la tecnologia e l'interpretazione, sono tutte qui. Questo è il massimo del supporto possibile per rinforzare il problem-solving in modo giocoso e creativo ed io ora voglio lavorare per LEGO. StoryStarter ha avuto un successo travolgente negli Stati Uniti. Noi saremo i prossimi". Il verdetto di Teach Primary Immagina che la tua ricerca dei cinque cristalli dorati sia la notizia d apertura del giornale di domani. Come sarà l articolo sul giornale di domani e cosa riporterà? 12 LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

13 Successo immediato con StoryStarter La mia prossima avventura sarà... Li ho trovati! 13

14 Il mio passatempo preferito Obiettivi di apprendimento Usare i personaggi, l azione e i racconti per comunicare una storia, un tema o delle emozioni Distinguere tra fatti e opinioni Scrivere un articolo d opinione supportando un punto di vista con le dovute motivazioni e informazioni Impostare la scena La maggior parte delle persone ha un passatempo preferito. Ad alcune persone piacciono le attività all aria aperta, come fare passeggiate, andare in spiaggia, ecc., altri invece amano fare sport o uscire semplicemente con gli amici. Ci sono valide ragioni per ciascuna opinione e sono tutte molto personali. Pensa a uno dei tuoi passatempi preferiti. Qual è e perchè ti piace tanto? La ginnastica è il mio passatempo preferito! 14 LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

15 Successo immediato con StoryStarter Amo leggere! Costruire la storia Costruisci e racconta una storia riguardante il tuo passatempo preferito. Assicurati di includere i dettagli più rilevanti, così che tutti possano capire la tua passione. Inoltre, focalizzati sul perché ritieni sia bella. Ampliare Il tuo passatempo ti piace veramente tanto e vuoi che anche gli altri lo conoscano. Costruisci dunque più scene che mostrano gli aspetti positivi del tuo passatempo e crea un poster che lo pubblicizzi. Usa il software StoryVisualizer per documentare il tuo passatempo preferito e spiegare perchè ti piace tanto. Condividilo con un pubblico. Yummy!! 15

16 Picninc di compleanno in giardino Obiettivi di apprendimento Esprimi idee personali, mentre sviluppi le idee degli altri attraverso una discussione collaborativa Osserva come il punto di vista di un personaggio ha effetto sulle descrizioni, sulle azioni e sugli eventi Descrivi come il punto di vista di una persona può influenzare le reazioni, gli eventi, la comprensione e il racconto Impostare la scena I gemelli Sarah e Ben stavano programmando il loro prossimo compleanno insieme alla loro mamma. Luglio era proprio dietro l angolo, il tempo era bello e la nuova tenda formato famiglia era già al suo posto in giardino. Perciò, Sarah e Ben volevano che la loro mamma acconsentisse a festeggiare il compleanno con un grande picnic in giardino a cui invitare tutti i loro familiari e amici. All inizio, la madre non era d accordo, ma poi promise loro di pensarci. Dopo un pò, la mamma disse ai gemelli di proporle un piano chiaro di come volessero portare avanti l evento. Erano così emozionati da volerlo organizzare subito! Pollo o pesce per cena? 16 LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

17 Successo immediato con StoryStarter Buon compleanno!! Costruire la storia Pianifica gli eventi del picnic di compleanno nel formato di una storia che prefiguri quello che accadrà. Deve avere un inizio, uno svolgimento e una fine. Costruisci e racconta la storia comprensiva dei dovuti dettagli, per persuadere la madre di Sarah e Ben a lasciar loro fare il picnic. Usa il software StoryVisualizer per documentare e fare una chiara presentazione degli eventi del compleanno. Ampliare Immagina che la madre di Sarah e Ben dica SI all evento. Fai una lista della spesa e indica quali altri preparativi devono essere fatti. Esprimi un desiderio

18 Chiamata alla terra Obiettivi di apprendimento Identificare, analizzare e descrivere i personaggi, gli eventi e le ambientazioni nella narrazione Spiegare come le scene si incastrano l una con l altra in modo da assicurare una transizione fluida e come compongono la struttura fondamentale di una storia Dimostrare il corretto uso della grammatica mentre parli e scrivi Impostare la scena Sul pianeta Maya, i piccoli robot Mayans si stanno preparando per il grande giorno, il giorno in cui accoglieranno visitatori dalla Terra. Essi parlano degli eventi che si verificheranno, di come saranno i terrestri e di come comunicare e discutere con loro quel che serve per allestire questa grande riunione. Ci sono solo pochi Mayans e hanno veramente bisogno di aiuto per pianificare l evento! La Terra chiama LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

19 Successo immediato con StoryStarter 5,4,3,2,1... Costruire la storia In squadre, raccogli le idee, metti insieme uno storyboard e considera gli scenari, tempi e luoghi, personaggi, oggetti scenici e l evento principale, naturalmente. Costruisci e racconta la storia con i relativi dettagli. Ampliare Immagina che i Mayans si rechino in visita alla Terra. Cosa vedranno? Su cosa è importante focalizzarsi? Scegli tre eventi principali e realizza un volantino da mandare ai Mayans per prepararli prima della visita. Usa il software StoryVisualizer per documentare la storia con descrizioni e analisi dei personaggi, focalizzandoti sulle differenze tra i terrestri e i Mayans. Il decollo......ciao! 19

20 La mia lettura di poesie Obiettivi di apprendimento Preparare una poesia da leggere a voce alta, recitare e rappresentare Analizzare e identificare gli schemi del ritmo, le rime e i suoni nelle poesie e i loro effetti Identificare il significato di parole e frasi, sia letterale che figurato Impostare la scena Leggi una poesia ad alta voce alla classe e chiedi agli studenti di identificare le parole in rima Cos è la rima e come si usa? Parla e identifica il genere e le caratteristiche della poesia e discuti gli elementi principali C'era una strega che era un po LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

21 Successo immediato con StoryStarter Costruire la storia Costruisci e discuti il significato delle poesie che usano parole in rima. La poesia può essere basata sia su una singola struttura di scena che su una storia con un inizio, uno svolgimento e una fine. Chiedi agli studenti di analizzare la loro poesia. Usa un layout efficace nel sfotware StoryVisualizer per documentare la poesia con i dettagli necessari. Fai pratica leggendola ad alta voce. Ampliare Invita un poeta a scuola per leggere le sue poesie. Scegli una poesia, analizzala, discuti le caratteristiche del genere e rielaborala come fosse un racconto fantastico. Indica come le caratteristiche del genere abbiano effetto sul risultato finale. Costruisci una poesia in una favola! Sono un poeta

22 L'Antico Tesoro Obiettivi di apprendimento Esprimere e sviluppare le idee attraverso discussioni collaborative Usare l immaginazione e i fatti per raccontare una storia con dettagli rilevanti basati su quanto si ricava dai testi Usare vocabolario e sintassi per comunicare chiaramente Impostare la scena Leggi un libro o un articolo che tratti del lavoro degli archeologi. Focalizzati su quello che è importante, cosa possono trovare e come ciò può avere effetto sulla vita oggi. Parla di alcuni dei reperti rintracciati durante la scoperta dei tumuli funerari, delle piramidi, e altro ancora. Chiedi agli studenti di inventare una storia su come fu scoperto un tempo un antico tesoro. Incanta il serpente per trovare il tesoro 22 LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

23 Successo immediato con StoryStarter Costruire la storia Ampliare Che cosa puoi scoprire? Costruisci e racconta una storia sulla spedizione dell Antico Tesoro. Usa il software StoryVisualizer per fare una presentazione divertente della spedizione. Immagina che il tesoro abbia un impatto enorme sulla vita umana. Fingi di essere un giornalista che racconta la storia. Come sarà l articolo di giornale? Quali foto serviranno per attrarre i lettori? Quali frasi si useranno? Vedo le antiche piramidi

24 La conquista del cuore della principessa Mary Obiettivi di apprendimento Determinare il tema di una storia, ordinarla in sequenze e raccontarla mentre si valuta il discorso Esprimere idee personali mentre si sviluppano quelle degli altri attraverso la discussione Considerare il layout dell opera e i modi per coinvolgere il lettore Impostare la scena C era una volta una bellissima principessa di nome Mary. Essa aveva due cavalieri dalle brillanti armature, entrambi in attesa di conquistare il suo cuore. Per anni i cavalieri si punzecchiarono, lottarono e sfidarono l un l altro all estremo. Entrambi volevano sposarla! Osserva la figura dei due cavalieri mentre combattono. Nessuno sa quel che è accaduto prima del combattimento e cosa accadrà dopo. Esempio di soluzione 24 LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

25 Successo immediato con StoryStarter Mio eroe!!! Costruire la storia Costruisci e racconta una storia, usando il combattimento tra i due cavalieri come parte centrale del racconto. Crea un inizio e una fine rilevanti, assicurandoti che siano coerenti. Ampliare Immagina che i due cavalieri vengano uccisi durante il combattimento. Quale potrebbe essere un finale alternativo alla storia? Usa il software StoryVisualizer per documentare la tua storia sulla conquista del cuore della principessa Mary! Che la lotta abbia inizio

26 Il set giusto per la tua scuola Abbiamo pacchetti per 5, 15 e 25 studenti, pronti per soddisfare le tue esigenze didattiche. Ottieni il set base 5 studenti Codice: ,98 + IVA Questo è il set ideale per un gruppo di 5 studenti. Comprende un set di mattoncini, il software StoryVisualizer, l app per tablet e il Curriculum Pack (device non incluso) StoryStarter Kit per 15 studenti Codice: ,00 + IVA Con tre set di mattoncini, il software StoryVisualizer e il Curriculum Pack, questo set è la soluzione ideale per 15 studenti, per condividere, divertirsi insieme e godere dei benefici educativi di StoryStarter (device non incluso) StoryStarter Kit per 25 studenti Codice: ,00 + IVA Con sei set di mattoncini, il software StoryVisualizer, la app per tablet e il Curriculum Pack, questo set è l ideale per una classe di 25 studenti, al fine di godere dei benefici educativi che StoryStarter può portare (device non incluso) 26 LEGO, the LEGO logo are trademarks of the LEGO Group The LEGO Group. Colours of and decorative designs on elements may vary.

27 Tecnologie Didattiche MODI PER ACQUISTARE PUNTO VENDITA WEB MEPI - MEPA Le condizioni di vendita complete sono pubblicate su: o possono essere richieste al servizio clienti. Il presente catalogo è da considerarsi come proposta d acquisto solo per Scuole, Università e centri di formazione o aziende. Prodotti Le descrizioni e le illustrazioni degli articoli del catalogo non sono vincolanti. Media Direct si riserva il diritto di modificare gli articoli o di apportare le variazioni ritenute opportune, ai fini di miglioramento ed aggiornamento, senza preventiva comunicazione. Prezzi I prezzi sono espressi in Euro e non includono IVA (verificabile on-line su costi di spedizione ed installazione, se non diversamente specificato. Media Direct si riserva di modificare i prezzi in qualsiasi momento, a seguito di variazioni di mercato o errori di stampa: in tale caso le variazioni di prezzo vi saranno comunicate al momento della conferma dell ordine. Le versioni riservate a studenti/insegnanti (come i software home ) non sempre possono essere acquistate da Scuole e/o Università. Ordini enti pubblici Gli ordini dovranno pervenire su carta intestata dell ente ordinante e dovranno essere firmati da un soggetto che abbia il potere di firma. Le richieste di forniture il cui pagamento dovrà essere eseguito da altro ente, dovranno essere accompagnate dagli estremi della delibera di spesa con la dichiarazione che il pagamento stesso verrà effettuato a non oltre 30 giorni dalla data di spedizione. Ordini studenti e insegnanti Tutti gli ordini possono pervenire tramite il sito i prodotti offerti in versione docenti/studenti, devono essere accompagnati dall invio di un certificato attestante la propria posizione al momento dell ordine (certificato d iscrizione/servizio o busta paga rilasciati nei 30 giorni precedenti). Pagamenti enti pubblici A mezzo bonifico bancario entro 30 giorni dal ricevimento della fattura. Ordini inferiori a 100 Euro (IVA esclusa) sono evasi solo in contrassegno o bonifico anticipato. In caso di mancato o ritardato pagamento si applicheranno le disposizioni del D. Lgs. n. 231 del 9 ottobre 2002 e successive modifiche. Pagamenti studenti, insegnanti, aziende ed enti privati: contrassegno, carta di credito e bonifico anticipato. SCUOLA/ENTE CUP CIG Cod. IPA BONIFICO BANCARIO entro 30 giorni dal ricevimento fattura SCUOLA/ENTE DESTINAZIONE DIVERSA 6,47 Consegna I termini di consegna sono specificati nella conferma d'ordine su richiesta del cliente. Media Direct declina ogni responsabilità nel caso di mancato rispetto di tali date o di mancata spedizione dei prodotti. I costi di consegna indicati nel buono d ordine si intendono al piano stradale. Garanzie I prodotti venduti sono soggetti alla garanzia fornita dai produttori (minimo 1 anno). Salvo quanto previsto dalla legge, Media Direct non riconosce o fornisce, esplicitamente o implicitamente, alcuna altra garanzia. I prodotti sono conformi a tutte le normative nazionali e comunitarie in vigore. Reclami Al momento della consegna della merce da parte del corriere è necessario verificare il numero dei colli e l integrità degli imballi. Qualora fossero visibili possibili danni alla consegna o mancassero uno o più colli, la merce dovrà essere ritirata "con riserva" specificandone il motivo sul bollettino del corriere; il reclamo contro eventuali parti danneggiate dovrà pervenire tramite segnalazione su entro e non oltre 5 gg. dal ricevimento della merce (anche in caso di installazione/collaudo programmati). Diritto di accettazione Tutti gli ordini sono subordinati ad accettazione da parte di Media Direct. Nessun ordine sarà considerato vincolante per Media Direct fino a quando esso non sia stato accettato con la conferma scritta. La riproduzione, anche parziale, di descrizioni e immagini del presente catalogo senza previa autorizzazione scritta è considerata un illecito concorrenziale (ai sensi dell'articolo 2598 del Codice Civile). Ai sensi del Decreto Legislativo n. 196/2003, i dati personali verranno trattati per finalità commerciali, di vendita diretta, promozionali, gestionali, statistiche e potranno essere comunicati a società esterne per le medesime finalità. Con il conferimento dei Suoi dati personali, esprime il consenso al trattamento degli stessi con le modalità e per le finalità indicate. Potrà esercitare i diritti dell art.7 del Decreto Legislativo n. 196/2003 (accesso, correzione, cancellazione, opposizione al trattamento, ecc.) rivolgendosi al responsabile del trattamento, che è Media Direct Srl con sede in Bassano del Grappa (VI), Via Villaggio Europa 3. Esercizio del diritto di recesso per scuole e università. Il cliente può richiedere la restituzione dei prodotti entro 10 giorni lavorativi dal ricevimento della merce tramite segnalazione scritta. Il diritto di recesso non è applicato su: confezioni di software aperte, prodotti hardware nel caso siano stati utilizzati e su tutti i prodotti personalizzati o non presenti nel catalogo cartaceo. Foro competente Per ogni controversia è competente il foro di Vicenza. 27

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati.

B. Comprendere il tema e le informazioni essenziali di un esposizione; comprendere lo scopo e l argomento di messaggi ascoltati. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CLUSONE A.S. 2014-2015 CURRICOLO DI ITALIANO Scuola Primaria Classe QUARTA _ QUARTO BIMESTRE_ COMPETENZE Indicazioni ABILITA CONOSCENZE AMBIENTE DI APPRENDIMENTO ASCOLTO E PARLATO

Dettagli

ITALIANO - CLASSE PRIMA

ITALIANO - CLASSE PRIMA ITALIANO - CLASSE PRIMA L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione) attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti. Comprende semplici testi di intrattenimento e

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale del Veneto Istituto Comprensivo di Bosco Chiesanuova Piazzetta Alpini 5 37021 Bosco Chiesanuova Tel 045 6780 521-

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Di Bella Carmela Disciplina Italiano Classe I Sezione F n. alunni 25 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MUSSOLENTE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSE PRIMA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PER LA CLASSE PRIMA E RELATIVI COMUNICAZIONE ORALE MANTENERE L ATTENZIONE SUL MESSAGGIO ORALE,

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA Nucleo tematico Oralità Traguardi per lo sviluppo delle competenze -Partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti -Ascolta e comprende messaggi

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA

AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA AREA DI APPRENDIMENTO: LINGUA ITALIANA CLASSE 4^ a.s. 2012/2013 TRAGUARDI DI COMPETENZA ABILITÀ CONOSCENZE 1) PARTECIPARE A SCAMBI COMUNICATIVI DI VARIO GENERE CON Quando ascolta, l alunno è in grado di:

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA DI ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO CLASSE TERZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ABILITA CONOSCENZE CONTENUTI PERIODO Ascolto e parlato Ascoltare testi prodotti da altri, anche trasmessi dai media, riconoscendone la

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI italiano Competenze chiave Comunicazione nella madre lingua competenza digitale imparare a imparare competenze

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Prime. Disciplina: ITALIANO

DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO. Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Prime. Disciplina: ITALIANO DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progettazione annuale a.s. 2015/16 delle Classi Prime Disciplina: ITALIANO Profilo d uscita Leggere per il piacere di leggere, per divertirsi, per informarsi, per acquisire

Dettagli

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI

Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Istituto Comprensivo B. Lorenzi Scuola dell Infanzia Torre Incantata Fumane GRUPPO GRANDI Anno Scolastico 2013-2014 SITUAZIONE MOTIVANTE In una società dove le immagini proposte dai mass-media hanno un

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE CON PINOCCHIO PER IMPARARE A STARE INSIEME PRODOTTI LIBRICINO COMPETENZE CHIAVE/COMPETENZE CULTURALI EVIDENZE OSSERVABILI Italiano -Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e

CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento( conoscenze e CURRICOLO DISCIPLINARE DI ITALIANO ASCOLTO E PARLATO Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1.Partecipa a scambi comunicativi con compagni ed insegnanti, formulando messaggi chiari e pertinenti Obiettivi

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE ANNUALE DIDATTICA Docenti PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Plessi SBRANA- LAMBRUSCHINI-TENUTA Classe II Disciplina ITALIANO Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. 2015/16 PROGETTAZIONE

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA

PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PIANI DI STUDIO D'ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO BASSA ANAUNIA SCUOLA MEDIA DI DENNO A.S. 2012-2013 ITALIANO_CLASSE SECONDA PSI_ITALIANO QUARTO BIENNIO_CLASSE SECONDA COMPETENZA ABILITA CONOSCENZE Competenza

Dettagli

PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO:

PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO: Anno scolastico 2012/2013 SCUOLA PRIMARIA Classi: terze, quarte e quinte. PROGETTO DI RECUPERO E SOSTEGNO: PREMESSA Le insegnanti delle classi terze, quarte e quinte propongono il seguente progetto di

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO. Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA DI MORRO D ORO CAPOLUOGO PROGETTO DI PLESSO Il girotondo delle parole ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INSEGNANTI CURRICOLARI: DI BONAVENTURA LAURA MARAINI

Dettagli

CURRICOLO di ITALIANO classe terza

CURRICOLO di ITALIANO classe terza CURRICOLO di ITALIANO classe terza 1 TERZA NUCLEO DISCIPLINARE: A COLTO E PARLATO OBIETTIVO GENERALE: A - ascoltare, comprendere e comunicare oralmente CONTENUTI ATTIVITA Ascolto e comprensione di testi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA

UNITÀ DI APPRENDIMENTO ABILITA NUMERO UNITÀ D APPRENDIMENTO 1 ASCOLTARE Comprendere l argomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe. Seguire la narrazione di testi ascoltati o letti mostrando di saperne cogliere

Dettagli

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO

LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO LINGUA ITALIANA INDICATORE (CATEGORIA) ASCOLTO E PARLATO INFANZIA Il bambino sviluppa abilità di ascolto, comprende testi brevi e semplici, arricchisce il proprio lessico. Racconta ed inventa Esprime emozioni,

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando

Dettagli

Quadro sintetico Italiano primo biennio della scuola primaria (

Quadro sintetico Italiano primo biennio della scuola primaria ( Quadro sintetico Italiano primo biennio della scuola primaria (classe seconda e terza) dalle indicazioni della L. 53 relative agli obiettivi specifici di apprendimento "Competenze personali acquisite attraverso

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO. Classe 1 Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare: ITALIANO Classe 1 Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della scuola secondaria di 1

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO

FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO TRAGUARDI FORMATIVI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ITALIANO - L alunno è capace di interagire in modo efficace in diverse situazioni comunicative, sostenendo

Dettagli

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Carlo Scataglini LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Il mio quaderno degli esercizi SERIE BLU Prime letture: fino a 1000 parole Erickson Indice 7 Introduzione 11 PRIMA SEZIONE Ecco i personaggi della storia 15

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA LUZZATTO DINA

SCUOLA PRIMARIA LUZZATTO DINA SCUOLA PRIMARIA LUZZATTO DINA PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE SECONDA ITALIANO, STORIA, EDUCAZIONE ALL IMMAGINE, EDUCAZIONE MOTORIA INSEGNANTE FINCATO SUSANNA Unità d apprendimento

Dettagli

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA ITALIANO SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO E PARLATO L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo)

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA

CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA CONSIGLI PER POTENZIARE L APPRENDIMENTO DELLA LINGUA Possiamo descrivere le strategie di apprendimento di una lingua straniera come traguardi che uno studente si pone per misurare i progressi nell apprendimento

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI:

Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014. MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: Istituto San Luigi di Chieri PIANO DI LAVORO ANNUALE a.s. 2013/2014 MATERIA: Italiano CLASSE: I SEZIONE: A e B SUDDIVISIONE DEI MODULI SETTIMANALI: nr. 3 moduli di grammatica nr. 2 moduli di antologia

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA sviluppare il senso dell'identità personale è consapevole delle differenze e sa averne rispetto conoscere le regole di convivenza e saperle rispettare Il bambino vive positivamente

Dettagli

Programmazione annuale classi prime

Programmazione annuale classi prime DIREZIONE DIDATTICA STATALE IV CIRCOLO - GELA 1 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2009-2010 CLASSI PRIME PREREQUISITI PREMESSA La programmazione annuale che viene presentata si muove in un ottica

Dettagli

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA

CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA CURRICOLO ITALIANO CLASSE QUINTA COMPETENZE NUCLEO FONDANTE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Comunicare -Ascoltare con attenzione le collegamenti ASCOLTO E PARLATO comunicazioni degli adulti e e dei compagni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA SCUOLA PRIMARIA C. POERIO A.S. 2015-2016 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA ASCOLTARE E PARLARE Competenze Ascoltare attivamente. Comprendere

Dettagli

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA - CLASSE TERZA NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE ASCOLTO E PARLATO Strategie essenziali dell ascolto. Processi di controllo da mettere in atto durante l ascolto

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI I DISCORSI E LE PAROLE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni ASCOLTARE E Ascoltare brevi e semplici racconti. Capire il messaggio delle parole usate dall insegnante.

Dettagli

CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE

CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE Istituto Comprensivo di Buja CURRICOLO di AREA o DISCIPLINARE Scuola dell infanzia Dati identificativi Scuola primaria di Scuola secondaria di primo grado Campo/i: I DISCORSI E LE PAROLE Area: Disciplina/e:

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria

CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO della scuola primaria CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI ITALIANO al termine della classe seconda della scuola primaria...5

Dettagli

Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) Progetto didattico:

Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) Progetto didattico: Scuola d infanzia paritaria Giovanni Camera (Landriano) (Estratto del Piano dell Offerta Formativa) Progetto didattico: FAVOLANDO UNA BOTTEGA FANTASTICA Anno scolastico 2015 2016 Settembre 2015 1 PREMESSA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE

PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE CLASSE PRIMA Ascoltare in modo attivo e partecipe, comprendendo il contenuto PROGRAMMAZIONE di ITALIANO ASCOLTARE Attribuisce significato al Favole e fiabe tono di chi parla o legge Storie fantastiche

Dettagli

INSEGNARE CON I TASK Appunti

INSEGNARE CON I TASK Appunti INSEGNARE CON I TASK Appunti 1. Condizioni per l apprendimento Esposizione alla lingua da apprendere Opportunità per l uso della lingua Motivazione l uso della lingua in attività di ascolto, parlato, lettura

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza Fine classe quinta COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale ASCOLTO E PARLATO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri. Usa la comunicazione orale per collaborare

Dettagli

Titolo dell Unità di Competenza: GIOCHIAMO IN DIVERSI

Titolo dell Unità di Competenza: GIOCHIAMO IN DIVERSI Titolo dell Unità di Competenza: GIOCHIAMO IN DIVERSI Griglia di progettazione dell UdC Il gruppo Infanzia-I ciclo della primaria, che si muove dentro l area linguistica e matematica sulla comprensione

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME

PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TARRA BUSTO GAROLFO Via Correggio 80,- 20020 PERCORSO FORMATIVO CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA SCUOLE TARRA, MENTASTI, FERRAZZI-COVA A.S. 2014-2015 1 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTO

Dettagli

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Progetto Educazione All'Immagine A.S. 2015-2016 Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Introduzione Obiettivi Il progetto che propongo si rivolge

Dettagli

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE

CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE PARLARE LEGGERE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE OBIETTIVI DECLINATI PER CONOSCENZE, ABILITA' E COMPETENZECLASSE 1 CLASSE 3^ ITALIANO ASCOLTARE Conoscenze Abilità Competenze - Conoscere le strategie di ascolto di testi orali: racconti, argomentazioni,

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA

INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUINTA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI AD ASCOLTO L alunno comprende brevi messaggi orali e scritti relativi ad ambiti familiari. Svolge i compiti secondo

Dettagli

Teoria Linguistica del Bambino

Teoria Linguistica del Bambino Teoria Linguistica del Bambino Luciana Ventriglia insegnante-pedagogista clinico Formatore A.I.D Scuola e DSA Scuola dell infanzia Scuola primaria Interventi di prevenzione Ansie dei bambini Ho tanta paura

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA N. 3: IO... TRA FANTASIA E REALTÀ OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI ABILITÀ

UNITÀ DIDATTICA N. 3: IO... TRA FANTASIA E REALTÀ OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI ABILITÀ UNITÀ DIDATTICA N. 3: IO... TRA FANTASIA E REALTÀ OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI ABILITÀ ASCOLTARE E PARLARE Acquisire un atteggiamento di ascolto attento e partecipativo. Comprendere il significato

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA - MORI

SCUOLA PRIMARIA - MORI ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622

1.Premessa DIDAMATICA 2011 ISBN 9788890540622 Over the rainbow : oltre l arcobaleno per scoprire, inventare, rappresentare, ed imparare attraverso la lingua italiana, le scienze, la lingua inglese e le nuove tecnologie Mavi Ferramosca, Scuola Primaria

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^)

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 3^) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria PREMESSA Quello del passaggio dalla scuola dell Infanzia alla scuola

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

ITALIANO PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO PRIMO BIENNIO: CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE ASCOLTARE E PARLARE ABILITÀ (l'alunno è in grado di) Nell ascolto: - assumere un atteggiamento di ascolto individuale e collettivo

Dettagli

L insegnamento capovolto: la didattica del fare Didattica per competenze: la scrittura

L insegnamento capovolto: la didattica del fare Didattica per competenze: la scrittura Direzione Didattica Casteldaccia Anno scolastico 2014-2015 Scuola primaria - classe I sezione C Ins. Beatrice D ANNA Progetto USR Sicilia L insegnamento capovolto: la didattica del fare Didattica per competenze:

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

2 martedì 6 novembre. 3 martedì 4 dicembre. martedì 1 gennaio. 5 martedì 5 febbraio Verifiche quadrimestrali

2 martedì 6 novembre. 3 martedì 4 dicembre. martedì 1 gennaio. 5 martedì 5 febbraio Verifiche quadrimestrali 1 CORSI DI FORMAZIONE 2012/2013 L ITALIANO NELLA SCUOLA PRIMARIA RELATORE: VITTORIA BUSATTO PROGRAMMA DEL CORSO DI LINGUA ITALIANA CLASSE QUARTA- ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Lezione Data della lezione Contenuto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di TREMESTIERI ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SCUOLA PRIMARIA Scuola primaria classe III Italiano Obiettivi di apprendimento Ascolto e parlato Contenuti Metodologia Verifica Traguardi

Dettagli

Concorso educativo per la Scuola Primaria

Concorso educativo per la Scuola Primaria Concorso educativo per la Scuola Primaria anno scolastico 2015-2016 GUIDA E MATERIALI DI LAVORO PER L INSEGNANTE Progetto didattico e testi: Maria Corno Progetto grafico e realizzazione editoriale: Noesis

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN VINCENZO PALLOTTI AVELLA (AV) PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO PER L A.S. 2014/2015 1 Parlami del cuore, raccontami una storia una filastrocca che si impari a memoria. Scaccia

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO

ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO Anno Scolastico 2015/2016 2013/2014 POF 2015-16 ISTITUTO COMPRENSIVO VILLA VERROCCHIO 65016 MONTESILVANO (PE) Via Olona n. 9 - Distretto Scolastico N. 12 Il futuro del mondo è nelle nostre mani! PIANO

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO TRAGUARDI DI COMPETENZA CURRICOLO D ISTITUTO - SCUOLA DELL INFANZIA TEMATICA PORTANTE: TIPOLOGIA TESTUALE - TESTO NARRATIVO (Testo narrativo - tutte le tipologie affrontate) Saper ascoltare e comprendere le narrazioni. Saper raccontare esperienze personali. Dimostra piacere

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALITÀ EDUCATIVA DESCRITTORI DELLA IGIENE PERSONALE Intesa come gestione dei propri indumenti personali OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPORTAMENTI

Dettagli

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE

COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMUNICAZIONE NELLE LINGUE STRANIERE La comunicazione nelle lingue straniere condivide essenzialmente le principali abilità richieste per la comunicazione nella madrelingua:

Dettagli

LINGUE STRANIERE. Presentazione

LINGUE STRANIERE. Presentazione LINGUE STRANIERE Presentazione La conoscenza di almeno due lingue comunitarie oltre alla lingua materna è obiettivo strategico dell istruzione obbligatoria in ambito europeo. L esercizio della cittadinanza

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA P.N.L. ALLA DIDATTICA DELL ITALIANO UNITA DI APPRENDIMENTO SCRIVERE UN TEMA

APPLICAZIONE DELLA P.N.L. ALLA DIDATTICA DELL ITALIANO UNITA DI APPRENDIMENTO SCRIVERE UN TEMA APPLICAZIONE DELLA P.N.L. ALLA DIDATTICA DELL ITALIANO UNITA DI APPRENDIMENTO SCRIVERE UN TEMA DECOLLO: Partire da una canzone che gli alunni conoscono (ascoltarla, farla canticchiare da loro, trovare

Dettagli

LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Primo anno ascolta, comprende ed esegue consegne precise

LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Primo anno ascolta, comprende ed esegue consegne precise LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Primo anno ascolta, comprende ed esegue consegne precise ascolta e comprende il senso di una semplice storia si esprime verbalmente usando la struttura minima della

Dettagli