Happy'Onlife!' Progetti(ed(attività(per(avviare(e( attrezzare(bambini,(docenti(e( genitori(a(una(vita(digitale( piacevole,(equilibrata(e(sicura((

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Happy'Onlife!' Progetti(ed(attività(per(avviare(e( attrezzare(bambini,(docenti(e( genitori(a(una(vita(digitale( piacevole,(equilibrata(e(sicura(("

Transcript

1 !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! HappyOnlife! Progetti(ed(attività(per(avviare(e( attrezzare(bambini,(docenti(e( genitori(a(una(vita(digitale( piacevole,(equilibrata(e(sicura(( StephaneChaudron RosannaDiGioia MonicaGemo 2015!! ReportEUR27011IT

2 ! Commissione europea Centro Comune di Ricerca Istituto per la protezione e la sicurezza dei cittadini Contatti Indirizzo: Centro Comune di Ricerca, via Enrico Fermi 2749, TP361, Ispra (VA), Italia https://ec.europa.eu/jrc Riserva complementare Il contenuto della presente pubblicazione non riflette necessariamente la posizione o l opinione della Commissione europea. Né la Commissione europea né alcuna persona operante a nome della Commissione è responsabile dell uso che possa essere fatto delle informazioni fornite in appresso. Tutte le immagini Unione Europea 2015, eccetto: immagini riprodotte con licenza creative common da Arduino il libro dei progetti JRC93928 EUR27011IT ISBN978P92P79P44698P6(PDF) ISBN978P92P79P44697P9(print) ISSN1831P9424(online) ISSN1018P5593(print) doi: / Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni dellunione europea, 2015 Unione europea, 2015 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte Printed in Italy ( Abstract Il mondo digitale è un nuovo spazio da addomesticare: con i suoi codici, con alcune regole, con i suoi pericoli e con le sue grandi opportunità. Recenti ricerche dimostrano che il cambiamento sociale e culturale è in atto fin dalla prima infanzia. Attualmente, lapprendimento del funzionamento del mondo digitale avviene principalmente tra pari e si concentra sullesperienza ludica e di condivisione. A volte, ladulto è quasi estraneo a questo processo. Il problema risiede nel fatto che i codici e le regole non si apprendono solo con luso dello strumento: la presenza delladulto permette lintegrazione delluso con i sistemi di valori, il pensiero critico e la consapevolezza dei possibili rischi. Ladulto è in grado di garantire esperienza, saggezza ed equilibrio. Questa raccolta presenta, tramite delle schede semplici e chiare, una scelta di progetti, attività e strategie per avvicinare e promuovere la condivisione dell esperienza digitale tra insegnanti, genitori e bambini tra gli 8 e i 12 anni.

3 RINGRAZIAMENTI Desideriamo ringraziare tutti coloro che hanno partecipato alla stesura di questo testo. Un particolare ringraziamento va agli studenti, ai docenti e alla direzione dellistituto Comprensivo D. Alighieri di Angera e della Scuola Europea di Varese, che hanno contribuito a testare e validare parte degli strumenti del toolkit Happy OnLife. Ringraziamo il dottor Gabriele Apicella, luogotenente del comando dei Carabinieri di Angera, nonché presidente del Rotary Club Laveno Luino e Alto Verbano, che ci ha affiancati con impegno e dedizione negli incontri organizzati presso le scuole di Angera e Ispra (Varese), oltre ad aver fornito le proprie conoscenze e competenze sul tema del (cyber)bullismo. Ringraziamo inoltre Alessia Ghezzi (JRC) e Ângela Guimarães Pereira (JRC) per il loro lavoro iniziale e il loro aiuto nell elaborazione di questo progetto e documento. Happy Onlife 1

4 Happy Onlife 2

5 HAPPY ONLIFE! Progetti e attività per avviare e attrezzare bambini, docenti e genitori a una vita digitale piacevole, equilibrata e sicura. Il mondo digitale è un nuovo spazio da addomesticare: con i suoi codici, con alcune regole, con i suoi pericoli e con le sue grandi opportunità. Recenti ricerche dimostrano che il cambiamento sociale e culturale è in atto fin dalla prima infanzia. Attualmente, lapprendimento del funzionamento del mondo digitale avviene principalmente tra pari e si concentra sullesperienza ludica e di condivisione. A volte, ladulto è quasi estraneo a questo processo. Il problema risiede nel fatto che i codici e le regole non si apprendono solo con luso dello strumento: la presenza delladulto permette lintegrazione delluso con i sistemi di valori, il pensiero critico e la consapevolezza dei possibili rischi. Ladulto è in grado di garantire esperienza, saggezza ed equilibrio. Questa raccolta presenta, tramite delle schede semplici e chiare, una scelta di progetti, attività e strategie per avvicinare e promuovere la condivisione dell esperienza digitale tra insegnanti, genitori e bambini tra gli 8 e i 12 anni. In particolare, lo scopo di questo documento è di: Avviare e attrezzare gli insegnanti, i genitori e i bambini, suggerendo gli strumenti possibili (online e offline) utili per accogliere i cambiamenti culturali e facilitare il superamento del divario generazionale. Indirizzare gli insegnanti, i genitori e i bambini alla prevenzione e alla risoluzione di problematiche esistenti o di quelle che potrebbero affiorare come conseguenza del detto cambiamento. Incoraggiare gli insegnanti, i genitori e i bambini nel mettere in atto azioni preventive, salutari, equilibrate, sicure e affidabili (sia online, sia offline). Tali azioni sono rivolte, in primis, ai ragazzi, con lobiettivo di raggiungere lintera comunità scolastica. Happy Onlife 3

6 Happy Onlife 4

7 Indice I. Happy Onlife... 7 Scheda 1. Happy Onlife, il gioco... 7 II. Be Smart - STOP al cyber-bullismo... 9 Diritti online: dalla riservatezza, alla privacy, al diritto alloblio... 9 I ruoli di tutti la responsabilità di tutti L arte nei progetti di sensibilizzazione anti-(cyber) bullismo Scheda 2. Sul palco Scheda 3. Art Power Scheda 4. Mini Festival del Cinema Scheda 5. Zona Anti-(cyber)bullismo Scheda 6. Giochi cooperativi Scheda 7. Parli "Giraffa"? III. Be Digital Scheda 8. Il Multitasker Scheda 9. Hollywood in aula Scheda 10. Pocket Code Scheda 11. Tastiera musicale con Arduino Scheda 12. Clessidra Digitale con Arduino Scheda 13. Lampada Emotiva con Arduino IV. Game Generation Scheda 14. Videogiocare le verifiche e i compiti Scheda 15. Laboratorio di Videogiochi Scheda 16. Videogiochi in biblioteca Scheda 17. Videogiochi commerciali: lezioni moderne e innovative V. Note conclusive Come trovare il giusto equilibrio? VI. Bibliografia Happy Onlife 5

8 Happy Onlife 6

9 I. HAPPY ONLIFE Scheda 1. Happy Onlife, il gioco Questo gioco è nato dalla constatazione che i ragazzi e gli adulti condividono poco le esperienze con le nuove tecnologie. Se, da una parte, gli adulti utilizzano questi nuovi strumenti come supporto essenziale al proprio lavoro e alle proprie comunicazioni, sia professionali, sia private, i ragazzi tra gli 8 e 12 anni, nonostante utilizzino internet come fonte d informazione e supporto indispensabile al proprio apprendimento, trascorrono la maggior parte del proprio tempo online impiegando prodotti ludici. L età della pre-adolescenza è l età della costruzione dell identità nel gruppo, che oggi è in piena mutazione con l arrivo dei social network e della messaggeria istantanea. Questo gioco - un misto tra gioco dell oca e quiz - offre un ideale attività d introduzione di circa 20 minuti che favorisce scambi e riflessioni tra ragazzi e adulti sulle esperienza del mondo digitale, sulle strategie d uso equilibrato, sicuro e rispettoso, delle nuove tecnologie. Cosa serve Uno o più gruppi formati da 3-5 ragazzi. Un numero di giochi Happy Onlife pari al numero di gruppi. Questo gioco comprende una scacchiera, un dado, dei pedoni, delle carte domande e delle carte anti-virus. Un adulto, insegnante o genitore, che farà da moderatore e ricoprirà il ruolo di lettore delle domande. Come fare In classe o a casa Il gioco ha regole semplici ed è facile da mettere in atto. Le sue dinamiche si basano su giochi conosciuti da tutti: il tradizionale gioco dell oca e domande di tipo quiz. La presenza di un adulto come moderatore del gioco, anche se non indispensabile, è funzionale al raggiungimento dell obiettivo di sensibilizzazione e scambio inter-generazionale dell attività. Per il resto, basta seguire le regole del gioco e divertirsi mentre si impara. Happy Onlife 7

10 Suggerimenti Adulti, provate prima il gioco tra di voi. Potreste farvi sorprendere dalle domande. Invitare genitori in classe per questo gioco offre la possibilità sia di sostenere l insegnante nell attività (se la classe è numerosa) sia di favorire scambi tra insegnanti e genitori su questa tematica. Per un attività di scuola aperta, è possibile creare una versione gigante di questo gioco dove i giocatori diventano pedoni. In base alla nostra esperienza il successo garantito. Probabilmente i ragazzi vi chiederanno di giocare ancora ci auguriamo - una seconda volta, o forse più. Potreste arricchire il gioco creando delle nuove domande. Happy Onlife 8

11 II. BE SMART - STOP AL CYBER-BULLISMO Diritti online: dalla riservatezza alla privacy, al diritto alloblio Il diritto alla privacy è figlio di due avvocati bostoniani, Samuel D. Warren e Louis D. Brandeis, che nel 1890 pubblicano sulla Harward Law Review un articolo scientifico dal titolo The right to be let alone, ovvero il diritto a essere lasciati soli per poter godere della sfera privata della propria vita. In questo saggio viene analizzato il rapporto tra diritto a essere informato e il diritto a informare rispetto alla riservatezza. Il 1950 segna una tappa ideologicamente importante in Europa con la Dichiarazione europea dei diritti fondamentali delluomo del Consiglio deuropa. Larticolo 8 (otto) della Convenzione 108 sancisce il diritto al rispetto della vita privata e familiare. Nel 1981 gli stati membri del Consiglio deuropa, firmano la Convenzione 108 sulla protezione delle persone rispetto al trattamento automatizzato di dati a carattere personale. La normativa comunitaria fa riferimento alla direttiva n. 95/46/CE, uno strumento che vincola gli stati membri per quanto riguarda il risultato da raggiungere, lasciando agli organi nazionali la forma e i mezzi per il raggiungimento di questo risultato. In Italia tale direttiva viene recepita con la legge 675 del 1996 e successivamente con il decreto 196 del 2003 che conia il cosiddetto Codice Privacy. In Europa segue la direttiva n. 2002/58/CE ( e-privacy ) nello specifico ambito delle comunicazioni elettroniche. Per ovviare allasimmetria regolatoria tra i vari stati membri e in virtù dellesponenziale crescita dei dati personali in circolazione sulla rete, nei social network e nel cloud computing, il 25 gennaio 2012 la Commissione europea ha presentato ufficialmente la proposta di un nuovo Regolamento Europeo in materia di protezione dei dati, che, se approvato, andrà a sostituire la direttiva 95/46/CE. Il regolamento è obbligatorio in tutti i suoi elementi, ha portata generale ed è direttamente applicabile in ogni Stato membro. In particolare va sottolineata limportanza dellart. 3 comma 3 in materia di limiti della territorialità. Esso prevede il superamento del principio di stabilimento in favore di quello di cittadinanza, che garantisce il rispetto della normativa europea anche da parte di tutti coloro che offrono servizi ai cittadini europei al di fuori del territorio europeo. Larticolo 17 (diciassette) del nuovo regolamento, che è quello del diritto all oblio assegna una particolare attenzione ai minori. I pericoli del Web 2.0 riguardano anche gli adulti ovviamente, tuttavia i minori, Happy Onlife 9

12 come persone vulnerabili, richiedono maggiori attenzioni e mediazione da parte di noi adulti. Spesso per inconsapevolezza, incuria o negligenza nell utilizzo della rete non viene compreso che scambiare informazioni, immagini o video, cedere password o altri dati personali, potrebbe comportare un danno alla propria immagine o a quella degli altri. L Europa ha previsto la possibilità del diritto all oblio, ovvero lopportunità della rimozione di tutti i contenuti immessi in rete, soprattutto dai minori, laddove sproporzionati rispetto alle finalità o semplicemente perché immessi da altri. Il bisogno di sentirsi parte della comunità virtuale viene soddisfatto con l irrefrenabile spinta allauto-esposizione e alla condivisione di dati e informazioni di vario genere. È necessario controllare, monitorare e guidare tale bisogno sotto diversi aspetti: giuridico, sociologico, culturale e psicologico. Da quanto esposto possiamo affermare che il quadro legale in materia di privacy ci dà dei riferimenti precisi e storicamente connotati, ma cosè la privacy in termini di sentimenti ed emozioni? Che cosa sanno i nostri ragazzi in tema di privacy? Come vivono la propria privacy e il rispetto della privacy altrui sul web? E per noi adulti? Ricoprire il ruolo di genitore digitale non è cosa semplice. Abbiamo il diritto di controllare, o peggio spiare i nostri figli sul web? Abbiamo il diritto di postare le foto dei nostri figli sui social networks? Sicuramente è necessario creare maggiore consapevolezza del ruolo attivo di ogni utente del web, bambino o adulto che sia, sulla responsabilità dei dati caricati, comunicati e scambiati e sulle accortezze e le buone pratiche da mettere in atto. In qualità di educatori e genitori digitali, ci troviamo nella posizione di accompagnare i nostri ragazzi nell utilizzo consapevole della rete e di contribuire alla formazione di una nuova cultura della protezione dei dati e della riservatezza propria e degli altri. I ruoli di tutti e le responsabilità di ciascuno Il termine bullismo deriva dall inglese bullying e si riferisce a un oppressione psicologica o fisica, reiterata e continuata nel tempo, perpetuata da una o più persone nei confronti di un altra persona percepita come più debole. Gli elementi principali del fenomeno sono quindi lintenzionalità, la reiterazione nel tempo e lo squilibrio di potere, sia fisico, sia psicologico. Esistono diverse forme di bullismo: il bullismo diretto fisico e verbale; il bullismo indiretto, che si attua attraverso isolamento sociale, calunnie o maldicenze nei confronti della vittima. Il cyber-bullismo, attraverso luso del web, è da considerarsi una forma indiretta di questa grave condotta. Il cyberbullismo è la declinazione moderna del bullismo classico. È linsieme dei Happy Onlife 10

13 comportamenti che mirano a danneggiare emotivamente le vittime attraverso il web con commenti a carattere offensivo, minaccioso o anche a sfondo sessuale. Un fenomeno che (ri)emerge in quella che chiamiamo la società dellinformazione e che assiste allo sviluppo e alla proliferazione dei nuovi mezzi di comunicazione, determinando nuove esperienze di socializzazione e la possibilità di sperimentare diversi sé. A essere colpiti dal bullismo on-line sono soprattutto i giovanissimi, di età compresa tra i 12 e 16 anni, che facendo un uso spasmodico del web, molto spesso, a causa della loro inesperienza, finiscono nel mirino dei cyber-bulli. Come nel bullismo tradizionale, il prevaricatore prende di mira chi è ritenuto diverso dal punto di vista caratteriale, estetico, economico o di orientamento sessuale, provocando stati psicologici depressivi. Lanonimato differenzia la versione digitale del fenomeno rispetto a quella tradizionale e ne amplifica gli effetti. In passato le vittime, rientrando a casa, trovavano quasi sempre un rifugio sicuro, un luogo che le proteggeva dalle ostilità, dalle prevaricazioni e dalle angherie dei bulli. Oggi la tecnologia permette ai persecutori di materializzarsi in ogni momento della loro vita, di infiltrarsi nelle case delle vittime, perseguitandole con messaggi, immagini, video offensivi inviati con lausilio di internet. La persistenza delle informazioni diffuse e laccessibilità illimitata aggravano la vulnerabilità della vittima. Il bullismo, nella maggioranza dei casi è un fenomeno di gruppo e il bullo non agisce quasi mai da solo. Oltre al bullo e alla vittima, il gruppo dei pari ha una forte influenza. Se da una parte troviamo i sostenitori, gli aiutanti o i complici, una percentuale importante del gruppo è da collocare tra gli osservatori o i silenti, ovvero coloro che stanno a guardare e non fanno niente per contrastare quelle azioni che danneggiano i compagni più fragili. In virtù di quanto detto, è veramente importante che i sostenitori, gli aiutanti, gli osservatori ed i silenti prendano coscienza del loro ruolo e non rimangano tali, ma che agiscano attivamente per contrastare il fenomeno. Aiutante del Bullo Sostenitore 7% del Bullo 6% Difensore della Vittima 13% Bullo 6% Senza ruolo 43% Esterno 14% Vittima 11% Figura 1. La divisione dei ruoli in percentuale in un gruppo di bambini (quarta elementare) e ragazzi (terza media) delle scuole di Milano e provincia. Fonte: C.R.I.d.e.e Happy Onlife 11

14 L aspetto giuridico Per quanto riguarda la legislazione, non esiste una normativa europea di riferimento. Gli Stati Membri applicano la legge attraverso linterpretazione di norme già esistenti. In Italia il bullismo non è un reato, ma è una serie di reati, quali percosse o lesioni (art. 581 e 582 codice penale), minacce (art. 612), ingiuria o diffamazione (art. 594 e 595), furto (art. 624) o danneggiamento di cose (art. 635), molestia o disturbo (art. 660), stupro (art. 609), interferenze illecite nella vita privata (art. 615-bis). Il razzismo e i futili motivi sono unaggravante per tutte le fattispecie di reato. Coinvolgere la comunità scolastica Le azioni di contrasto e le campagne di sensibilizzazione concorrono a combattere il fenomeno. Prevenire il bullismo e il cyber-bullismo significa, innanzitutto, informare e formare i docenti, i genitori, e gli studenti. Il ruolo degli adulti è quello di accompagnare i ragazzi nello sviluppo delle capacità di decodifica e interpretazione delle emozioni altrui e nella promozione di comportamenti pro-sociali anche on-line. La possibilità di creare atteggiamenti empatici nel gruppo dei pari permette lo sviluppo di una cultura responsabile tra i membri del gruppo e promuove comportamenti di mutuo aiuto, in rete e non. È importante porre laccento sul fatto che gli atti di bullismo e le forme di aggressività adolescenziale sono sinonimi di debolezza, insoddisfazione, frustrazione, disagio emotivo, affettivo e relazionale. Far emergere una situazione di bullismo permette di offrire aiuto non solo alla vittima, ma anche al bullo. Le attività di prevenzione possono trovare posto in tutti i progetti di educazione e non solo in quelli dedicati alla legalità e alla cittadinanza. L arte nei progetti di sensibilizzazione anti-(cyber) bullismo Un progetto artistico di sensibilizzazione anti-(cyber) bullismo offre il doppio vantaggio di lavorare sull individuo e sul gruppo allo stesso tempo. Il lavoro si sviluppa a livello individuale nel: sentirsi persona con i propri pensieri, sentimenti, emozioni, cultura e visione del mondo; provare sulla propria pelle un esperienza sperimentata e appropriarsene; acquistare fiducia nei confronti degli altri e della realtà; e a livello del gruppo nel: saper comunicare con i propri pari e gli adulti; (ri)acquistare identità, coscienza del proprio ruolo nel gruppo; stimolare allidealità come attitudine al fare e proiezione allaggregazione contro lindividualismo e la solitudine esistenziale; Happy Onlife 12

15 educare allautonomia, alle libere scelte individuali, in uno spazio di convivenza democratica. Un tale progetto permette anche ai ragazzi di essere attori creativi nella costruzione sociale della loro comunità di appartenenza. Progetti di sensibilizzazione di classe o di scuola hanno sfruttato efficacemente il gusto e la creatività di ragazzi e ragazze per la danza, la musica, il teatro, il cinema e molti di loro hanno combinato la loro azione con il Safer Internet Day, celebrato da più di dieci anni, attualmente in più di cento paesi, e che si svolge ogni anno il secondo martedì di febbraio. Individui, scuole, società possono partecipare all evento e registrarsi online su saferinternetday.org. Chi visita questo sito o l account Facebook SaferInternetDay troverà risorse, idee e materiale promozionale per partecipare all evento. Le schede che seguono, hanno lo scopo di dare dei suggerimenti e sono da considerarsi come un punto di partenza della vostra progettazione di attività di sensibilizzazione nella vostra comunità scolastica. Basta poco per iniziare a contrastare il fenomeno: una bella idea positiva e coinvolgente. È sufficiente un progetto, anche piccolo, portato a termine, coinvolgendo insegnanti, ragazzi e genitori della vostra comunità scolastica. Happy Onlife 13

16 Happy Onlife 14

17 Scheda 2. Sul palco (...) fare teatro significa esprimersi liberamente, conoscere se stessi e la società, progettare, creare (...) in un contesto di gioia, di felicità e di gioco che stimoli l autoformazione, l attività creatrice. Teatro Bianco L obiettivo di questa attività è la costruzione di uno spettacolo fatto dai ragazzi per ragazzi e genitori sul tema della sensibilizzazione al (cyber)-bullismo. Lo spettacolo può essere una collezione di scenette brevi o una sola storia in più scene. Cosa serve Uno o più gruppi formati da 3-5 ragazzi. Oggetti, costumi diversi secondo la sceneggiatura. Uno spazio per le prove. Uno spazio per la rappresentazione. Come fare Pianificare Trovare il luogo, la data e il pubblico per lo spettacolo e pianificare il lavoro. Definire un idea di sceneggiatura per una scenetta di 5-10 minuti (variabile) Brainstorming (condivisione, discussione e presentazione di possibili idee) per trovare e concordare un idea di storia da raccontare in una scenetta di 5-10 minuti. Sviluppare l idea della scenetta: i personaggi, il tempo, il luogo, l azione, il suo messaggio, il suo stile (chi, dove, quando, che cosa, perché, come?). Sviluppare la sceneggiatura Scrittura del testo, dialoghi, definizione e organizzazione dello spazio. Progetto per la scenografia e utilizzo di oggetti e luci Definire la realizzazione degli aspetti dello spettacolo Definizione della scenografia e degli oggetti. Scelta delle musiche. Costruzione delle coreografie e delle luci adatte allo spazio e alle emozioni da trasmettere. Conferma della data dello spettacolo. Invito e promozione. Happy Onlife 15

18 Fare la rappresentazione Rappresentare lo spettacolo davanti ai ragazzi e ai genitori. (la rappresentazione in un teatro dà maggiore impatto all evento). Festeggiare dopo la rappresentazione Festeggiare il successo dello spettacolo subito dopo tra gli attori e gli spettatori permette di aprire il dialogo e favorisce lo scambio di idee sull esperienza teatrale vissuta. Suggerimenti Il mimo, le espressioni corporali o musicali, possono essere usate nello spettacolo come espressioni alternative o complementari. Proporre il progetto a esperti esterni e ai genitori, che potranno aiutare nella sua realizzazione, renderà il progetto più solido e coinvolgente per la vostra comunità scolastica e locale. Eseguire la rappresentazione in un teatro locale aperto al pubblico darà maggiore visibilità e prestigio al vostro lavoro e maggiore motivazione per i ragazzi. Nel caso di un evento del tipo Flashmob (evento rapido, improvviso che coinvolge la folla in un luogo pubblico), il palco può essere ovunque. Happy Onlife 16

19 Scheda 3. Art Power Larte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è. Paul Klee Lespressione plastica non richiede una competenza tecnica specifica: attraverso metodi semplici e materiali non convenzionali, facili da reperire e utilizzare, esplora le possibilità espressive e comunicative sul tema di sentimenti e riflessioni su di sé e sugli altri. L obiettivo finale del laboratorio di espressione plastica è la costituzione di una mostra fatta dai ragazzi per ragazzi e genitori sul tema della sensibilizzazione al (cyber)-bullismo. Cosa serve Un gruppo minimo di +/- 10 ragazzi. Materiale vario di espressione plastica, anche di riciclo a seconda della scelta del metodo di espressione e della creatività. Un laboratorio o uno spazio di elaborazione. Uno spazio di esposizione. Come fare Pianificare Creare un gruppo disponibile a presentare e proporre questo progetto allattenzione degli insegnanti, esperti esterni o genitori. Trovare il luogo, la data e il pubblico per la mostra e pianificare il lavoro. Definire un tema per la mostra e mezzi di espressione Con il gruppo di supporto al progetto o anche con i ragazzi se volete renderli partecipi sin dall inizio della progettazione. Informarsi sul fenomeno del bullismo e cyber-bullismo e sulle tecniche di espressione plastica varie. Brainstorming (condivisione, discussione e presentazione di possibili idee) per trovare e concordare su un tema come: Connesso con rispetto Posta con la testa, Tutti connessi - la nostra vita online o Rischi e opportunità del virtuale. Sviluppare l idea e definire il quadro e la forma del progetto. Happy Onlife 17

20 Creare Dare tempo e spazio per la creazione a seconda del quadro definito nella progettazione. Realizzare la mostra Costruzione del percorso della mostra, e delle messe in luce (valorizzazioni) delle opere d arte realizzate. Creare e diffondere la locandina. Spedire gli inviti al vernissage. Vernissage e Visite guidate Un vernissage, con visite guidate dai ragazzi al pubblico, permette di aprire il dialogo e favorisce lo scambio di idee sui messaggi delle opere realizzate. Suggerimenti Proporre un concorso con vari premi attraenti regalati da sponsor a seconda dell età dei ragazzi e dei temi presentati. Creare un catalogo della mostra permetterà di lasciare un ricordo più duraturo dell evento e del messaggio trasmesso. Happy Onlife 18

21 Scheda 4. Mini Festival del Cinema Il cinema ha anche responsabilità educative: se da adolescente non hai un modello da seguire, un film può aiutare. Aaron Eckhart Il web è pieno di video corti, emozionanti o buffi, che hanno come scopo di incrementare la consapevolezza dei ragazzi sui rischi e opportunità del web. L idea qui è di coinvolgere un gruppo di ragazzi nella creazione di un festival di una raccolta video, in tutte le sue tappe, dalla selezione alla premiazione dal pubblico-giuria. Cosa serve Una classe, un gruppo minimo di +/- 10 ragazzi. Un computer ogni due ragazzi, chiavette USB. Una sala munita di materiale di proiezione per il pubblico. Come fare Pianificazione Dopo avere scelto questo progetto, assegnargli un nome e iniziare la pianificazione dagli aspetti pratici: trovare il luogo, la data e il pubblico per la proiezione del festival. Pianificare il lavoro. Selezione dei video Affidare a un gruppo di ragazzi la selezione dei video in competizione nel loro festival dopo aver definito la durata massima (per es. 5 min.) e il tema. L insegnante può scegliere se lasciare al gruppo la libertà di trovare autonomamente questi video o presentare loro una selezione di partenza. Questa scelta dipende dal livello di maturità e di competenze dei ragazzi nelle ricerche sul web. Concordare le eventuali categorie da premiare. Organizzare la competizione Una volta fatta la selezione, resta da organizzare la competizione e coinvolgere a sua volta il pubblico del festival: altre classi, genitori, come giuria del festival. Creare una lista o un catalogo dei film in competizione per ogni spettatore e concordare le modalità di voto per ogni spettatore (bollettino di voto cartaceo con numeri, voti elettronici con l aiuto di siti di indagine online come Survey Happy Onlife 19

22 Monkey 1, via sms, ). Concordare chi presenterà la selezione, chi rappresenterà la giuria e chi si farà portavoce per la premiazione. Organizzare la proiezione e pubblicizzare la competizione Confermare il luogo, la data della proiezione del festival. Informare il pubblico, creare e diffondere una locandina. Spedire gli inviti per la proiezione. Il Festival Aprire il festival e iniziare la proiezione. Concludere l evento con la premiazione e un rinfresco che dà spazio al pubblico per discutere il palmares e i suoi scenari. Suggerimenti Può essere unottima attività di preparazione al passaggio verso le scuole medie. I video del festival possono essere anche una creazione o riproduzione di video esistenti da parte dei ragazzi. Questa attività può essere arricchita dal supporto dell insegnante di inglese poiché molti dei video presenti sul web sono in lingua inglese. 1 Il servizio Survey Monkey è disponibile online: https://it.surveymonkey.com/ Happy Onlife 20

23 Scheda 5. Zona Anti-(cyber)bullismo Rispetta il prossimo tuo come te stesso, e anche qualcosa di più. Leonardo Sciascia Questa attività propone di portare in tutta la scuola il messaggio che la lotta contro il (cyber)-bullismo riguarda tutti e che può essere messa in atto attraverso degli Ambasciatori Anti-(cyber)bullismo e la creazione nella scuola di una zona Anti-(cyber)bullismo. Con questa proposta crediamo che i ragazzi stessi siano i migliori agenti di cambiamento in un approccio tra pari ( peer-to-peer ). Cosa serve Uno o più gruppi formati da ragazzi pronti a far cambiare la cultura della loro scuola. Professionisti di supporto nei servizi sociali e sanitari, tra gli interlocutori del settore privato sociale (cooperative ed associazioni) e delle Forze di Polizia. Un gruppo di insegnati e di genitori pronti ad impegnarsi nel progetto. Come fare Identificare Il primo passo è decidere chi all interno della scuola si assume la responsabilità di referente anti-(cyber) bullismo e di coordinazione delle attività di prevenzione. Il secondo passo è affiancare a questo referente un gruppo di genitori e studenti di tutte le età disponibili a collaborare. Il terzo passo è trovare dei professionisti pronti a sostenere il progetto in termini di consulenza e di formazione all ascolto, alla mediazione e all uso socio-positivo di internet. Formare Una formazione corta certificata di una o due giornate sui meccanismi del (cyber)bullismo, sulle tecniche di ascolto e di mediazione e le tecniche di utilizzo positivo dei social media è sufficiente per vedere i ragazzi incaricarsi del loro nuovo ruolo di Ambasciatori Anti-(cyber)bullismo e di promotori di relazioni positive e vere all interno della scuola. È essenziale che gli insegnanti e i genitori di supporto seguano la stessa formazione e creino lo spazio e le modalità per dare un supporto adeguato agli Ambasciatori Anti-(cyber)bullismo. Creare lo spazio di ascolto Incoraggiare a livello della scuola l utilizzo positivo delle tecnologie, in particolare l uso dei social media, che possono essere degli ottimi supporti Happy Onlife 21

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media

Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Presentazione Progetti a.s. 2013-2014 - Scuola Media Interventi di prevenzione delle situazioni di disagio a scuola Percorsi educativi Classi Prime Educazione psico-affettiva L educazione psico-affettiva,

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI GUARDIAGRELE Modesto Della Porta a.s. 2010-20112011 IN VIAGGIO VERSO L ALTRO Laboratorio di educazione emotivo-affettiva e relazionale. MOTIVAZIONE Il bullismo è un azione di prepotenza,

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email...

CYBERBULLISMO è un tipo di bullismo che si verifica attraverso i mezzi elettronici: social network, chat, sms, email... Dott.ssa Vera Blasutti 1 FIGLI ALLE PRESE COI SOCIAL NETWORK: COME SENTIRSI AL SICURO Come i genitori possono educare i figli ad un utilizzo attento della rete COSA SONO I SOCIAL NETWORK Si tratta di siti

Dettagli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli

Comunicare e relazionarsi in Rete. Marco Gui Marina Micheli Comunicare e relazionarsi in Rete Marco Gui Marina Micheli Prima parte L evoluzione dei media STAMPA TELEVISIONE 1456 d.c. 1940 3000 a.c. fine 1800 d.c. anni 90 SCRITTURA CINEMA INTERNET I media digitali

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA

Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 SCUOLA DELL INFANZIA Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale Donato Bramante 61033 Fermignano (PU) Via Carducci, 2 PIANO DI LAVORO ANNUALE DISCIPLINARE a.s 2015-16 SCUOLA DELL INFANZIA Sezioni 3^A

Dettagli

Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole

Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole Progetto di laboratorio teatrale nelle scuole Anno scolastico 2010 / 2011 A cura delle operatori teatrali della compagnia Il Volo di Jonathan LABORATORIO TEATRALE PER BAMBINI...fare teatro significa esprimersi

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.9 PROGETTO CONTINUITÀ INCONTRARSI A SCUOLA DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ - AMBIENTI, FATTI,

Dettagli

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI

PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI UNA CASCATA DI LIBRI PROGETTO DENOMINAZIONE DESTINATARI PROGETTO LETTURA UNA CASCATA DI LIBRI Il progetto si prefigge di stimolare negli alunni la motivazione alla lettura e all ascolto, guidandoli a saper cogliere, insieme

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco.

Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano. da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il teatro è uno strumento educativo e formativo che i bambini praticano da sempre nella forma spontanea e divertente del gioco. Il laboratorio teatrale è un occasione di scambio e confronto reciproco in

Dettagli

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD)

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Sezione 1 di 10 Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Facciamo il punto della nostra situazione nell'ambito

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE 0. Premessa La violenza sulle donne è un fenomeno sempre più drammaticamente presente nel nostro

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Premessa Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Giovanna Baldini e Cristiana Vettori Libera Scuola Pisa Creare comunità consapevoli,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Accoglienza laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Obiettivi generali affiatare il gruppo-classe recentemente formatosi stimolare e facilitare le relazioni superare le resistenze

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Premessa SCUOLA PRIMARIA STATALE E. ARCULEO PALERMO CURRICULO TRASVERSALE CITTADINANZA E COSTITUZIONE L elaborazione di un curricolo trasversale relativo alla cittadinanza e costituzione nasce dall esigenza

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO A SCUOLA DI REGOLE ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRO VANNUCCI SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO 06062 Città della Pieve (PG) Via Marconi, 18 Tel. 0578/298018 Fax 0578/2987 E-mail: pgic82100x@istruzione.it

Dettagli

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE

IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO MEMORIA. storia e storie. riflessione critica e interazione tra passato presente e futuro CITTADINANZA CONSAPEVOLE IL NOSTRO PROGETTO D ISTITUTO LEGALITÀ riflessione critica sull importanza e la motivazione delle regole; scelta consapevole di rispettarle MEMORIA storia e storie riflessione critica e interazione tra

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI

QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI QUESTIONARIO CONCORSO CORTOMETRAGGI - ZONA 4 SCUOLE SUPERIORI E CENTRI GIOVANI Definizione e Forme Di Cyber-Violenza Definizione di violenza (OMS 2002) L uso intenzionale della forza fisica o del potere,

Dettagli

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata

CORSO LIBERI DI SCEGLIERE. Prima giornata CORSO LIBERI DI SCEGLIERE Prima giornata Ore 16,45 manuali Benvenuto lezione frontale Foglio firme, biro, posizionare le sedie a cerchio. Breve presentazione del Gruppo di Lavoro e metodologia interattiva...

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A1

Università per Stranieri di Siena Livello A1 Unità 20 Come scegliere il gestore telefonico In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni sulla scelta del gestore telefonico parole relative alla scelta del gestore telefonico la

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

L applicazione è gratuita e disponibile per Smartphone e Tablet ed è supportata, per ora, dai dispositivi IOS e Android.

L applicazione è gratuita e disponibile per Smartphone e Tablet ed è supportata, per ora, dai dispositivi IOS e Android. PROGETTO MAXIONDA FAQ 1 Cos è Maxionda Maxionda è l attività lanciata da Maxibon in collaborazione con Aquafan, per coinvolgere i fan della pagina FB. La Maxionda parte dall'aquafan e coinvolge tutte le

Dettagli

Guida per il partecipante

Guida per il partecipante CORSO DI ALFABETIZZAZIONE DIGITALE PER CITTADINI Primo Livello COMPUTER/TABLET Guida per il partecipante Indice dei contenuti Introduzione al corso... 2 Destinatari dei Corsi... 2 Obiettivi del corso...

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie.

in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. cchi in rete Un progetto di educazione digitale per l utilizzo responsabile e consapevole della rete e delle nuove tecnologie. COME SI ARTICOLA IL PROGETTO Internet è diventato uno straordinario strumento

Dettagli

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE

PROGETTO PORCOSPINI BABY: PERCORSO DI AFFETTIVITA PRINCIPI DI PREVENZIONE ALL ABUSO SESSUALE In una fredda giornata d inverno un gruppo di porcospini si rifugia in una grotta e per proteggersi dal freddo si stringono vicini. Ben presto però sentono le spine reciproche e il dolore li costringe

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

ESSERE PRUDENTI ON-LINE

ESSERE PRUDENTI ON-LINE ESSERE PRUDENTI ON-LINE LINEE GUIDA PER UN CORRETTO USO DI INTERNET Per non rischiare una brutta avventura, prendi nota delle seguenti regole relative all'utilizzo di internet. Avvicinarsi al computer

Dettagli

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI

L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Workshop n. 10 L APPRENDIMENTO AL TEMPO DI INTERNET TRA NUOVI LINGUAGGI E APPARTENENZE VIRTUALI Introducono il tema e coordinano i lavori - Simona Cherubini, Lega delle Cooperative - Giancarlo Pasinetti,

Dettagli

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook Pagine 1 Costruisci la tua presenza con le Pagine Una guida per musicisti e artisti La Ogni giorno, milioni di persone in tutto il mondo visitano per connettersi con gli amici e condividere i propri contenuti

Dettagli

identità virtuali 20 maggio 17 luglio 2011 Disegni di Giacomo Cardelli

identità virtuali 20 maggio 17 luglio 2011 Disegni di Giacomo Cardelli identità virtuali 20 maggio 17 luglio 2011 Questa mostra affronta il nostro rapporto con il computer e con gli altri strumenti digitali tramite cui possiamo accedere al mondo di internet: un mondo senza

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA 1 INS. BORTOLATO GIUSEPPINA CLASSE E7 RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA Il progetto LA STORIA OLTRE LA STORIA è stato realizzato per far comprendere al bambino, che quando, ci sono modifiche

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

Alla cortese attenzione del Dirigente Scolastico e dei Docenti Incaricati del Settore TEATRO

Alla cortese attenzione del Dirigente Scolastico e dei Docenti Incaricati del Settore TEATRO Alla cortese attenzione del Dirigente Scolastico e dei Docenti Incaricati del Settore TEATRO Gentilissimi, in allegato le nostre proposte teatrali per la Vostra scuola, con i progetti fare teatro e vedere

Dettagli

Vittoria Tettamanti Stefania Talini

Vittoria Tettamanti Stefania Talini Vittoria Tettamanti Stefania Talini FOTO PARLANTI immagini, lingua e cultura livello intermedio indice FOTO PARLANTI pagina unità titolo lessico e aree tematiche 5 prefazione 7 01 Questo è il mio piccolo

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

Web. Meglio chiedere

Web. Meglio chiedere Di cosa si tratta Sono molti coloro che si divertono a creare software particolari al solo scopo di causare danni più o meno gravi ai computer. Li spediscono per posta elettronica con messaggi allettanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

Sgonfiamo il bullo!!!

Sgonfiamo il bullo!!! Sgonfiamo il bullo!!! Questo progetto pilota ideato e curato dalla Dottoressa Onorina del Mauro, psicologa e psicoterapeuta, in stretta collaborazione con la Professoressa Cristina dell Orco è stato realizzato

Dettagli

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO?

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO? LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Ehi, ti è mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza? Cosa fa un bullo? Prende a calci e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria

ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA. PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria ISTITUTO COMPRENSIVO E. DE AMICIS DI ANZOLA DELL'EMILIA PROGETTO ACCOGLIENZA scuola secondaria 1^ Fase ad Aprile Continuità : visita alla Scuola Secondaria da parte dei ragazzi del nostro Istituto, con

Dettagli

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire Perché questo progetto? La violenza domestica o intrafamiliare è una violenza di genere (il più delle volte le vittime sono le donne, i responsabili

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

Oltre il muro. Corsi di formazione. per insegnanti, educatori, operatori culturali, genitori e cittadini interessati

Oltre il muro. Corsi di formazione. per insegnanti, educatori, operatori culturali, genitori e cittadini interessati Corsi di formazione per insegnanti, educatori, operatori culturali, genitori e cittadini interessati Il cinema e le nuove tecnologie come strumenti di inclusione Oltre il muro Oltre il muro è un progetto

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte.

Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Giochi polisensi fra colore, soggettività e arte. Piergiorgio Trotto Finalità: Sviluppare le capacità espressive con esercizi attinenti al colore e all immagine. Ricercare la propria identità. Sperimentare

Dettagli

Educare ai videogiochi

Educare ai videogiochi Educare ai videogiochi Damiano Felini Università degli Studi di Parma Insegnare i videogiochi ai ragazzini, che li sanno già usare perfettamente, può sembrare un obiettivo strano: non lo è, se si pensa

Dettagli

Il fumetto Creazione di storie per immagini

Il fumetto Creazione di storie per immagini Il fumetto Creazione di storie per immagini Introduzione Il fumetto è un linguaggio che a sua volta utilizza un linguaggio molto semplice. L efficacia di questo mezzo espressivo è resa dall equilibrio

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Linee guida per la comunicazione elettronica Per collaboratori, praticanti e apprendisti di login formazione professionale SA

Linee guida per la comunicazione elettronica Per collaboratori, praticanti e apprendisti di login formazione professionale SA Linee guida per la comunicazione elettronica Per collaboratori, praticanti e apprendisti di login formazione professionale SA Indice 1. Principi per la comunicazione elettronica 3 2. Quattro principi per

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Summer Camp d Informatica 2014 RAGAZZE DIGITALI

Summer Camp d Informatica 2014 RAGAZZE DIGITALI Summer Camp d Informatica 2014 RAGAZZE DIGITALI LISBETH2014: rendiamo sicuri i nostri dispositivi La sicurezza informatica mediante software libero: 15 giornate di lavoro, 6 ore al giorno, 90 ore di creatività

Dettagli

Progetti educativi e didattici per l anno scolastico 2013/14

Progetti educativi e didattici per l anno scolastico 2013/14 Progetti educativi e didattici per l anno scolastico 2013/14 Progetti di Istituto di Attività Motoria Corriamo. Tutti Insieme Educare allo sport in ambito scolastico. Alunni e alunne della scuola dell

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie

Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie Acqua T.V.B. TI VOGLIO BERE JUNIOR Risparmio idrico e valorizzazione dell acqua del rubinetto nelle scuole elementari e medie PREMESSA L ipotesi di progetto è finalizzata ad educare ad un consumo responsabile

Dettagli

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo)

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) C E F O L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) L animatore socio culturale è un professionista che, attraverso attività ludico-espressive, stimola la partecipazione attiva degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FREZZOTTI-CORRADINI SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA QUARTO

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1

Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1 Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1 13-11-2012 SCHEDA di presentazione progetti 1 Codice progetto 1 CEM_1_2012 2 Titolo

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

Bambine e Bambini costruttori di pace

Bambine e Bambini costruttori di pace Istituto Comprensivo V. Tortoreto SCUOLA PRIMARIA Delia e Filippo Costantini Passo San Ginesio Bambine e Bambini costruttori di pace anno scolastico 2004-05 DATI IDENTIFICATIVI DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA

Dettagli

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM Sex: the Teen App! IL NOSTRO TEAM Sono una psicologa di 33 anni, lavoro nel campo della formazione sia con adulti che con minori. Mi interesso inoltre di benessere sessuale, lavorando in questo ambito

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Scheda progetto: BIBLIOTECA. Descrizione del progetto

Scheda progetto: BIBLIOTECA. Descrizione del progetto Scheda progetto: BIBLIOTECA SCUOLA Incisa Scapaccino Leggere è bello Toselli - Familiarizzare con i libri per promuovere il piacere della lettura - Acquisire fiducia nelle proprie capacità comunicative

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook Pagine 1 Costruisci la tua presenza con le Pagine Guida per le organizzazioni no profit La Ogni giorno, milioni di persone in tutto il mondo visitano per connettersi con gli amici e condividere i propri

Dettagli

ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI

ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI ATTIVITÁ MODULARI PER ADULTI Il Centro Territoriale Permanente (CTP) per la formazione e l istruzione in età adulta, operativo presso il nostro istituto si pone i seguenti obiettivi: affronta il tema della

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli