Quale contributo degli Educatori per L inclusione e l aiuto allo studio. Prof.ssa Roberta Poggi Referente alunni con DSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quale contributo degli Educatori per L inclusione e l aiuto allo studio. Prof.ssa Roberta Poggi Referente alunni con DSA"

Transcript

1 Quale contributo degli Educatori per L inclusione e l aiuto allo studio Prof.ssa Roberta Poggi Referente alunni con DSA

2 Bisogni Educa-vi Speciali (BES) Special Educational Needs Documentazione medica SOGGETTI 1. Alunni con disabilità 2. Alunni con DSA 3. Alunni con BES: fisici, biologici, fisiologici, psicologici, sociali, linguistici. Documentazione medica o dettagliata documentazione pedagogica e didattica

3 Bisogni Educa-vi Speciali (BES) Special Educational Needs Disabilità ( anche funzionamento intellettivo limite o borderline) Disturbi evolutivi specifici ( DSA - deficit del linguaggio, delle attività non verbali, della coordinazione motoria o disprassia - ADHD - disturbo dello spettro autistico lieve) Svantaggio socio- economico, linguistico, culturale

4 Bisogni educa-vi speciali (BES) Fonti amministrative Direttiva MIUR del 27 dicembre 2012 Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l inclusione scolastica Circolare MIUR n. 8 del 06/03/2013 Indicazioni operative

5 Area dello svantaggio socio- economico, linguistico e culturale ogni alunno, con continuità o per determinati periodi, può manifestare Bisogni Educativi Speciali: o per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta. " segnalazione degli operatori dei servizi sociali ovvero di ben fondate considerazioni psicopedagogiche e didattiche. " non conoscenza della lingua italiana - alunni di origine straniera di recente immigrazione è possibile attivare percorsi individualizzati e personalizzati, oltre che adottare strumenti compensativi e misure dispensative (ad es. la dispensa dalla lettura ad alta voce e le attività ove la lettura è valutata, la scrittura veloce sotto dettatura, ecc.) " le misure dispensative, nei casi sopra richiamati, avranno carattere transitorio e attinente aspetti didattici, privilegiando dunque le strategie educative e didattiche attraverso percorsi personalizzati " No alla dispensa dalle prove scritte di lingua straniera se non in presenza di disturbo clinicamente diagnosticato, (art. 6 del DM n del 12 luglio 2011) " ai sensi dell articolo 5 del DPR n. 89/2009, le 2 ore di insegnamento di L2 possono essere utilizzate anche per potenziare l'insegnamento della lingua italiana per gli alunni stranieri

6 . I BES non rientrano nella disabilità (L104/1992) né nei DSA (l. 170/2010), ma rendono necessarie alcune azioni (art. 1, dir. 2012) Osservazione Deliberazione Consiglio di classe su presenza BES (circ. 2013) PDP, anche formulato a livello di classe Anche per studenti in attesa diagnosi DSA (circ.) In assenza di diagnosi clinica (la motivazione in questo caso è anche quella di evitare il contenzioso circ. 2013) Non è prevista la dispensa nello studio della lingua straniera (circ.)

7 D.S.A = DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBO DI SCRITTURA DISTURBO DI LETTURA DISLESSIA DISTURBI VISUO- SPAZIALI DISGRAFIA DISORTOGRAFIA

8 Cos è la Dislessia? La Dislessia è un Disturbo Specifico d Apprendimento che può verificarsi in soggetti senza disabilità neurologiche o sensoriali o in condizioni di svantaggio culturale. Legge 170 (sempre dall Art.1)

9 «Ci sono tonnellate di documenti prodotti dalla ricerca che dicono che la dislessia non è una malattia, ma l espressione di una piccola differenza di alcune aree del cervello che non impedisce di imparare, ma lo rende molto più faticoso. E in questa società che vuole tutto e subito questa fatica e lentezza non viene tollerata (G.Stella) NON DISLESSICO DISLESSICO

10 L. 170, 8 o*obre 2010 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolas=co Art. 1 Riconoscimento e definizione di dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia 1. disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati DSA, che si manifestano in presenza di capacità cognitive adeguate. 2. Assenza di patologie neurologiche e di deficit sensoriali. 3. possono costituire una limitazione importante per alcune attività della vita quotidiana.

11 Cosa pregiudica? E un Disturbo che determina difficoltà a volte molto rilevanti nell acquisizione delle cosiddette abilità scolastiche (difficoltà negli automatismi): lettura scrittura calcolo ovvero di quelle abilità che costituiscono il nucleo principale dell istruzione, almeno nei primi anni di scolarizzazione

12 LE DISLESSIE EVOLUTIVE Le dislessie evolutive sulla base del mancato raggiungimento dei vari stadi di apprendimento della lettura possono essere classificate in: Seymour (1985) DISLESSIA FONOLOGICA DISLESSIA MORFOLOGICA LESSICALE DISLESSIA MISTA

13 DISLESSIA FONOLOGICA Ø L alunno ha maggior difficoltà nel leggere le non parole (stringhe di lettere senza senso) rispetto alle parole frequenti e a quelle che costituiscono eccezioni di pronuncia o di accentazione. Ø Arresto dello sviluppo nel processo di apprendimento della lettura a livello del passaggio dallo stadio alfabetico a quello ortografico. Ø lo sviluppo della lettura fermo a livello della conversione grafema- fonema delle singole lettere

14 DISLESSIA SUPERFICIALE legge bene le non parole ma c è una sostanziale inefficienza della lettura di parole contenenti eccezioni di pronuncia o accentate in modo irregolare. Secondo il modello di apprendimento della lettura è il risultato di un blocco dello sviluppo a livello dello stadio ortografico, per cui il bambino non ha problemi a compiere le conversioni grafema- fonema, ma automatizzato la lettura.

15 DISLESSIA MISTA È la dislessia che s i p u ò o s s e r v a r e p i ù frequentemente. In essa sono presenti sintomi tipici di entrambe le categorie precedenti. Frutto di un arresto alle prime fasi dello stadio alfabetico dello sviluppo. Nei casi di dislessia studiati, sia in soggetti di lingua inglese che italiana, non sono riscontrabili casi tipici di dislessia fonologica o superficiale, nella maggior parte dei casi si ha una compresenza dei vari tipi di difficoltà.

16 ERRORI TIPICI DEI DISLESSICI confondono lettere che sono visivamente simili, ma orientate diversamente: d-b-p u-n m-n confondono lettere che hanno suoni simili: v-f g-c b-p d-t leggono le parole al contrario invertono le sillabe che compongono le parole sbagliano la sequenza delle lettere: capra- carpa

17 DIFFICOLTA DEI DISLESSICI I DISLESSICI HANNO INOLTRE DIFFICOLTA IN ALCUNE AREE DI APPRENDIMENTO: le tabelline, le serie numeriche le informazioni in sequenza (mesi dell'anno, giorni della settimana, lettere dell'alfabeto) i rapporti spaziali e temporali (ieri/domani - destra/sinistra) alcune abilità motorie problemi di attenzione e di concentrazione

18 Disgrafia: difficoltà a livello grafo- esecutivo. Il disturbo della scrittura riguarda la riproduzione dei segni alfabetici e numerici, Segno/ disegno con tracciato incerto, irregolare. È una difficoltà che investe la scrittura ma non il contenuto. Disortografia: La difficoltà riguarda l ortografia. In genere si riscontrano: difficoltà a scrivere le parole usando tutti i segni alfabetici e a collocarli al posto giusto e/o a rispettare le regole ortografiche (accenti, apostrofi, forme verbali etc.).

19 Gli alunni dislessici o disortografici possono: sostituire lettere con grafia simile: p/b/d/g/q- a/o- e/a con suoni simili: t/d- r/l- d/b- v/f - omettere le doppie e la punteggiatura; - imparare l ordine alfabetico con difficoltà; - non riuscire ad usare il vocabolario; - mostrare un lessico povero; - avere difficoltà a memorizzare termini difficili e specifici delle discipline; ricordare gli elementi geografici, le epoche storiche, le date degli eventi, lo spazio geografico ed i nomi delle carte; - avere difficoltà nell espressione verbale del pensiero; nel riconoscere le caratteristiche morfologiche della lingua italiana.

20 Discalculia: E il disturbo relativo all apprendimento del sistema dei numeri e dei calcoli Nel disturbo del calcolo possono essere presenti: difficoltà nelle abilità di calcolo o della scrittura e lettura del numero. linguistiche (per esempio comprendere o nominare i termini, le operazioni o i concetti matematici, e decodificare i problemi scritti in simboli matematici), percettive (per esempio riconoscere o leggere simboli numerici o segni aritmetici e raggruppare oggetti in gruppi), attentive (per esempio copiare correttamente i numeri o figure, ricordarsi di aggiungere il riporto e rispettare i segni operazionali) matematiche (per esempio seguire sequenze di passaggi matematici, contare oggetti e imparare le tabelline). Si osservano difficoltà nel leggere e scrivere e ricordare numeri complessi (come quelli che contengono lo zero) o lunghi (come quelli composti da molte cifre). Il 60% dei bambini dislessici è anche discalculico.

21 Quali fa9ori di difficoltà Difficoltà a ricordare le tabelline Difficoltà a scrivere i numeri che contengono lo zero Difficoltà a mettere incolonna i numeri E lento e commette errori nel calcolo scritto Ha difficoltà a contare all indietro Ha difficoltà nel calcolo a mente e si aiuta con le dita

22 - PER MOLTI BAMBINI NON C È DIFFERENZA - TRA 15 e 51 oppure 316 e 631; - probabilmente c è una difficoltà di orientamento spaziale e organizzazione sequenziale - 9 viene confuso con il 6 - il 21 con il 12 il 3 viene scritto al contrario così come altri numeri - ESISTONO NUMERI CHE HANNO UNA LEGGERA SOMIGLIANZA 1 e 7-3 e 8-3 e 5 - confondere queste cifre significa non attribuirgli la stessa quantità - DI SOLITO È PRESENTE LA CAPACITÀ DI numerare in senso progressivo (0, 1, 2, 3, 4, ), ma non numerare in senso regressivo (6, 5, 4, 3, 2, 1, 0) - difficoltà a memorizzare la tavola pitagorica, quindi difficoltà ad eseguire moltiplicazioni e divisioni

23 POSIZIONE SEMANTICA DEL NUMERO

24 QUALE DIAGNOSI? LA DIAGNOSI DEVE RIPORTARE LA DESCRIZIONE SPECIFICA DEL DISTURBO ICD 10 - Asse 2: Sindromi e disturbi da alterazione specifica dello sviluppo psicologico: F81 Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche F81.0 Disturbo specifico della lettura F81.1 Disturbo specifico della compitazione (consiste in una difficoltà nel suddividere in sillabe le parole, di solito associata a problemi di disgrafia) F81.2 Disturbo specifico delle abilità aritmetiche F81.3 Disturbi misti delle capacità scolastiche F81.8 Altri disturbi evolutivi delle abilità scolastiche F81.9 Disturbi evolutivi delle abilità scolastiche non specificati

25 Articolo 2: Finalità Legge olobre La presente legge persegue, per le persone con DSA le seguenti finalità: a) Garantire il diritto all istruzione; b) Favorire il successo scolastico

26 Art. 3 comma 2 : Individuazione studenti Per gli studenti che, nonostante adeguate attività di recupero didattico mirato, presentano persistenti difficoltà, la scuola trasmette apposita comunicazione alla famiglia gli interventi di recupero e di individualizzazione dell insegnamento sono obbligatori PRIMA di inviare un alunno ai test tali interventi devono essere specifici e quindi competenti detti interventi hanno registrato pochi miglioramenti o nessun miglioramento rispetto allo sforzo prestato. la scuola trasmette apposita comunicazione alla famiglia. Come per la Legge n.104/92 la scuola non ha e non può avere altro riferimento che la famiglia. É la famiglia unica titolare del diritto di far valutare un bambino/ragazzo da uno specialista. 26

27 Articolo 5: Linee Guida LINEE GUIDA ALLEGATE AL DECRETO ATTUATIVO DEL 12 LUGLIO 2011 Interventi didattici individualizzati e personalizzati 1. La scuola garantisce ed esplicita, nei confronti di alunni e studenti con DSA, interventi didattici individualizzati e personalizzati, anche attraverso la redazione di un Piano didattico personalizzato, con l indicazione degli strumenti compensativi e delle misure dispensative adottate. strumento di garanzia del diritto allo studio La centralità delle metodologie didattiche per il successo formativo degli alunni con DSA.

28 DIDATTICA INDIVIDUALIZZATA Individualizzato è l intervento calibrato sul singolo, in particolare per migliorare alcune competenze deficitarie o per potenziare l automatizzazione di processi basilari DIDATTICA PERSONALIZZATA Personalizzata è la didattica che offre a ciascun alunno l opportunità di sviluppare al meglio le proprie potenzialità attraverso un lavoro in classe diversificato

29 STRUMENTI COMPENSATIVI sostituiscono o facilitano una prestazione resa difficoltosa dal disturbo. permettono di by- passare: difficoltà di lettura difficoltà di scrittura difficoltà di comprensione Per esempio: La sintesi vocale trasforma un compito di lettura in un compito di ascolto. MISURE DISPENSATIVE Sono interventi che consentono all alunno o allo studente di non svolgere alcune prestazioni che non migliorano anche se ripetute. Per esempio: Nell alunno dislessico, l esercizio della lettura non migliora le abilità di lettura

30 Informazioni dalla Diagnosi DEVE ESSERE COMUNQUE CHIARO CHE diagnosi prive delle informazioni essenziali (esatta terminologia e/o codice ICD10) non consentono il riconoscimento degli strumenti compensativi e delle misure dispensative previste dalla Legge n.170/2010; IN CASO DI DIAGNOSI NON CONFORME i Dirigenti inviteranno le famiglie a farle convertire dal Servizio pubblico pur procedendo nel frattempo alla predisposizione del Piano Didattico Personalizzato (PDP) Nota USR ER prot del 14 luglio

31 PER IL SUCCESSO SCOLASTICO Attivare per tutte le materie gli strumenti compensativi e dispensativi necessari. Uso solo degli strumenti compensativi e dispensativi utilizzati nel corso dell anno potranno essere utilizzati anche nel corso degli esami

32 Tabella A MISURE DISPENSATIVE - PDP (legge n 170/2010 e Linee Guida e interventi di individualizzazione) 1. Dispensa da un eccessivo carico di compiti con riadattamento e riduzione delle pagine da studiare, senza modificare gli obiettivi 2. Dispensa dalla sovrapposizione di compiti e interrogazioni delle varie materie evitando possibilmente di richiedere prestazioni nelle ultime ore 3. Dispensa parziale dallo studio della lingua straniera in forma scritta, che verrà valutata in percentuale minore rispetto all orale non considerando errori ortografici e di spelling 4. Nella videoscrittura rispetto e utilizzo dei criteri di accessibilità: Font senza grazie (Arial, Verdana), carattere 14-16, interlinea 1,5, spaziatura espansa, testo non giustificato. 5. Accordo sulle modalità e i tempi delle verifiche scritte con possibilità di utilizzare più supporti (videoscrittura, correttore ortografico, sintesi vocale)

33 Tabella A MISURE DISPENSATIVE - PDP (legge n 170/2010 e Linee Guida ) e interventi di individualizzazione 1. Accordo sui tempi e sui modi delle interrogazioni su parti limitate e concordate del programma, evitando di spostare le date fissate. Uso di schemi riadattati e/o mappe durante l interrogazione 2. Nelle verifiche, riduzione e adattamento del numero degli esercizi senza modificare gli obiettivi non considerando errori ortografici 3. Nelle verifiche scritte, utilizzo di domande a risposta multipla e (con possibilità di completamento e/o arricchimento con una discussione orale) riduzione al minimo delle domande a risposte aperte 4. Lettura delle consegne degli esercizi

34 Tabella A MISURE DISPENSATIVE - PDP (legge n 170/2010 e Linee Guida ) e interventi di individualizzazione 1. Favorire situazioni di apprendimento cooperativo tra compagni (anche con diversi ruoli) 2. Controllo, da parte dei docenti, della gestione del diario (corretta trascrizione di compiti/avvisi) 3. Valutazione dei procedimenti e non dei calcoli nella risoluzione dei problemi 4. Valutazione del contenuto e non degli errori ortografici 5. Valorizzazione dei successi sugli insuccessi al fine di elevare l autostima e le motivazioni di studio

35 Tabella B STRUMENTI COMPENSATIVI (legge n 170/2010 e Linee Guida ) 1. Utilizzo di programmi di video- scrittura con correttore ortografico (possibilmente vocale) per l italiano e le lingue straniere, con tecnologie di sintesi vocale (in scrittura e lettura) 2. Utilizzo della sintesi vocale in scrittura e lettura (se disponibile, anche per le lingue straniere) 6. Utilizzo di risorse audio (file audio digitali, audiolibri ). 8. Utilizzo del registratore, di libri e documenti digitali per lo studio di testi 9. Utilizzo, nella misura necessaria, di calcolatrice con foglio di calcolo (possibilmente calcolatrice vocale) formulari, sintesi ecc Utilizzo di schemi e tabelle, elaborate dal docente e/o dall alunno, (es. tabelle delle coniugazioni verbali ) come supporto durante compiti e verifiche

36 Tabella B STRUMENTI COMPENSATIVI (legge n 170/2010 e Linee Guida ) 10. Utilizzo di mappe e schemi (elaborate dal docente e/o dallo studente per sintetizzare e strutturare le informazioni) durante l interrogazione, eventualmente anche su supporto digitalizzato (video presentazione), per facilitare il recupero delle informazioni e migliorare l espressione verbale 12. Utilizzo di diagrammi di flusso delle procedure didattiche 13. Utilizzo di dizionari digitali, software didattici e compensativi (free e/o commerciali)

37 Strategie vincenk Usare un registratore (Superare il problema della lettura). Registrare lezioni, sintesi ed esposizioni, compiti, e specifiche lezioni. Come? Chiarire o semplificare le consegne scritte Ridurre la mole di lavoro quando gli esercizi sono ridondanti Bloccare gli stimoli esterni e fattori di distraibilità (rumori, suoni, foglio affollato) lettura con finestre di una sola riga o di un solo esercizio Evidenziare le informazioni essenziali Sviluppare una guida per la lettura, e migliorare l apprendimento Spezzettare in piccole fasi la consegna se particolarmente articolata Uso di istruzione passo- passo Consegna di una copia degli appunti della lezione riorganizzati graficamente Scrittura di punti chiave Utilizzo corretto di ausili didattici Facilita l apprendimento mediato dai pari

38 Misure dispensa-ve Lettura ad alta voce Presa di appunti Ricopiatura testi ==> appunti altrui NO a verifiche alla lavagna Dettati Testi ridotti per quantità di pagine Domande di difficile interpretazione e/o poste «a raffica» Alcune tipologie di esercizi di sicuro insuccesso (traduzione ITA- ING, trasformazione di frasi, semplice applicazione meccanica della struttura grammaticale) Fornire un esempio e non il termine grammaticale, spesso non recepito correttamente.

39 Impiego intelligente della L.I.M. Cosa si può fare: Quali i vantaggi: usare CD e DVD proporre presentazioni del - docente ed immagini utilizzare Internet in modo mirato salvare tutto ciò che è stato prodotto per lezioni future incremento dell attenzione di tutta la classe lezione frontale più coinvolgente partecipazione attiva degli studenti al dislessico serve attivare più canali sensoriali (vista, udito) insieme

40 L uso delle immagini è efficace nelle istruzioni di montaggio

41 Anche le istruzioni di montaggio

42 DIDATTICA INCLUSIVA STRATEGIE EFFICACI CURA DELLE RELAZIONI RISPETTO DELL ALTRO DIDATTICA IN CLASSE PROGETTUALITA TRA DOCENTI ü ü ü ü Accoglienza Ascolto attivo Empatia Incoraggiamento ü ü ü Personalizzazione Individualizzazione Valorizzazione delle diversità ü ü ü ü ü ü ü ü Attività di piccolo gruppo Cooperative learning Tutoring Peer education.attività laboratoriali Ausili e sussidi didattici Ottimizzazione dell adattamento Did. Intelligenze multiple ü ü ü ü ü ü Condivisione dei saperi Trasferibilità di strategie Autovalutazione Scarso aggiornamento Mancanza di condivisione Mancanza di continuità

43 Buone prassi in classe chiarire le procedure e ripeterle approccio visivo e uditivo accessibilità grafica dei materiali (font Arial o Verdana, corpo 12 o 14 senza giustificare il testo) contrasto figura/sfondo spaziatura interlinea - illustrazioni uso di colori e forme in grammatica mappe mentali per: a. aiutare la comprensione b. fissare i concetti e le parole chiave esposizione orale e produzione scritta guidata Per L2 pair- work e group- work; cooperative learning Didattica laboratoriale Riepilogo punti salienti della lezione non dare per scontate le acquisizioni precedenti

44 Dislessia Bassa tecnologia Gli Strumenti compensativi più diffusi per la Dislessia ü libro cartaceo con carattere e layout ü grafico pensato per le persone con dislessia; ü segna-riga in cartoncino che facilita la lettura isolando la riga da leggere da quelle superiori o inferiori. Alta tecnologia ü sintesi vocale; ü programmi di gestione della sintesi vocale; ü programmi con ambiente di gestione dei file in formato PDF; ü libri digitali; ü audiolibri; ü traduttori digitali; ü dizionari digitali; ü computer e tablet; ü registratore file audio digitali; ü scanner con software OCR;

45 Disgrafia Bassa tecnologia - impugnatori facili da applicare alle penne e alle matite per scrivere correttamente; - quaderni con riferimenti cromatici nelle spaziature e aiuti visivi per favorire la corretta scrittura negli aspetti grafo-motori. Strumenti compensativi per la Disgrafia Alta tecnologia - computer o tablet; - software di video scrittura; - software di riconoscimento vocale; - sintesi vocale; - software per la creazione e la gestione di figure geometriche per la risoluzione di problemi di geometria; - software per la creazione di etichette grafiche di supporto per il calcolo delle operazioni in colonna; - software per la gestione e l esecuzione di espressioni algebriche su foglio a quadretti digitale.

46 Disortografia Bassa tecnologia - tabella dei caratteri; - tabelle e schemi grammaticali. Strumenti compensativi per la Disortografia Alta tecnologia - computer o tablet; - software di video scrittura, con possibilità di associare automaticamente l immagine alla parola digitata; - predizione ortografica; - software di riconoscimento vocale; - correttore ortografico vocale; suggeritore ortografico vocale (sinonimi, contrari ecc.); - sintesi vocale.

47 Discalculia Strumenti compensativi per la Discalculia Bassa tecnologia linee dei numeri cartacee e di plastica; - tavola pitagorica ; - tabelle per il calcolo, dei fatti aritmetici, con riferimenti visivi; - formulari di vario genere; - quaderni con riferimenti visivi per il calcolo sulla linea dei numeri e le tabelline. Alta tecnologia - calcolatrice vocale; - applicativi per la gestione di fogli elettronici di calcolo

48 prendere appunti e studiare Strumenti compensativi per prendere appunti e studiare Bassa tecnologia Alta tecnologia materiali cartacei organizzati secondo le caratteristiche delle persone (cartelline colorate, registratore digitale che tramuti la registrazione in formato compatibile con i più comuni word processor; portalistini, quadernoni divisi per materie, etichette colorate); applicativi per la gestione e creazione di mappe concettuali; linea del tempo; tablet che siano dotati di macchina mappe concettuali da completare in base alla spiegazione della docente in classe; fotografica (per fotografare ad esempio la lavagna di classe o le pagine di lavoro della LIM) di registrare video o audio diario degli impegni scolastici ; per registrare brevi ma significativi libri di testo semplificati o momenti di spiegazione dei docenti; altamente leggibili. agende elettroniche per gestire gli orari scolastici.

49 StrumenK compensakvi in classe Tecnologici: LIM = Lavagna Interattiva Multimediale PC con videoproiettore registratore (CD, Mp3) Smart Pen dizionario elettronico Non tecnologici: lettura ad alta voce (docente/compagni) schemi, riassunti, mappe maggior tempo a disposizione abitudine a porre quesiti dal posto per monitorare gli apprendimenti

50 StrumenK compensakvi a casa Tecnologici: Non tecnologici: PC con correttore ortografico sintesi vocale software specifici: a. CD testi b. stesura mappe registratore, MP3, Internet dizionario elettronico vantaggi del traduttore schemi propri appunti del docente o del compagno tavole regole grammaticali tabella verbi con paradigma irregolare affiancamento per lo studio pomeridiano

51 Dizionario elelronico - contiene il testo completo dalla lingua straniera all italiano e viceversa - funzioni: correttore ortografico risoluzione cruciverba e anagrammi ricerca verbi frasali calcolatrice convertitore Utile per: compiti a casa verifiche in classe N.B.: il dispositivo è un sistema CHIUSO = non si collega al web e non si possono caricare altri contenuti

52 Verifiche - Programmazione test orali e scritti senza spostare le date e senza sovrapposizioni nello stesso giorno con altre materie testo su chiave USB suddividere il programma disciplinare in più segmenti consegne in L1 scelta accurata tipologia esercizi ridurre il numero degli esercizi o accordare più tempo preferire le verifiche strutturate alle domande aperte

53 Stesura VERIFICHE scri9e: Font Arial o Verdana 12 o 14 Maggior distanza fra le frasi sia in verticale che in orizzontale Modifica tipologie esercizi se non adatti Numero di esercizi adeguato Es. di inserimento guidati Traduzione ING è ITA Uso dizionario elettronico Adeguati criteri di valutazione NO: - Fotocopie poco leggibili - Font diversi - Esercizi su 2 colonne - Consegne in L2 - Consegne troppo lunghe - Traduzione ITA- L2/L3 - Produzioni scritte non guidate

54 L2 è DISPENSA?...ESONERO..? IN CASO DI DISTURBO GRAVE è possibile: 1) DISPENSARE l alunno dalle PROVE scritte IN CORSO D ANNO E IN SEDE DI ESAMI DI STATO occorrono le seguenti condizioni: (nell art.5 del D.5669) - Certificazione specialista - Richiesta della famiglia - Approvazione del C.d.C TITOLO DI STUDIO VALIDO A TUTTI GLI EFFETTI 2) ESONERARE l alunno dalle PRESTAZIONI scritte e orali IN CORSO D ANNO E IN SEDE DI ESAMI DI STATO nel caso in cui ricorrano le stesse precedenti condizioni + eventuale comorbilità con altri disturbi (nell art.5 del D.5669) RILASCIO DELL ATTESTAZIONE DI FREQUENZA

55 Strategie vincen-..

56 Esempio di esercizio

57 Quando il DSA è compensato. Vuol dire che è «assente»? Risposta errata: il disturbo cambia espressività meccanismo di compenso dovuto a: a. Accumulo di esperienze b. Maggior peso delle strategie

58 Valutazione adeguata deve tener conto: v delle modalità delle prove proposte è COERENZA con i percorsi didattici intrapresi durante l anno v delle difficoltà di organizzazione del discorso, produzione ed esposizione orale, stesura del testo scritto, utilizzo del lessico specifico v della ricerca di condizioni favorevoli è misure/ strumenti, stile di apprendimento dello studente v della fatica dello studente è principio di EQUITA = bilancio tra impegno e risultato

59 Valutazione adeguata Valutare il contenuto e non la forma Considerare le conoscenze e non le carenze Modificare la percentuale- soglia di sufficienza Accettare una interpretazione - traduzione del testo a senso (L2) Fornire copia delle verifiche per una riflessione consapevole Attivare tempestivamente attività integrative (sportello pomeridiano) a.basate sulle reali necessità didattiche b.in piccolo gruppo omogeneo. E DIMOSTRARSI OTTIMISTI SULLE CAPACITA' DI RECUPERO!!

60 Verifiche Programmazione: test orali e scritti senza spostare le date e senza sovrapposizioni nello stesso giorno con altre materie testo su chiave USB suddividere il programma disciplinare in più segmenti consegne in L1 per la lingua straniera scelta accurata tipologia esercizi ridurre il numero degli esercizi o accordare più tempo preferire le verifiche strutturate alle domande aperte

61 Stesura VERIFICHE scrile: COSA FARE Font Arial o Verdana 12 o 14 Maggior distanza fra le frasi sia in verticale che in orizzontale Modifica tipologie esercizi se non adatti Numero di esercizi adeguato Es. di inserimento guidati Traduzione ING è ITA Uso dizionario elettronico Adeguati criteri di valutazione NON OPPORTUNO: Fotocopie poco leggibili Font diversi Esercizi su 2 colonne Consegne in L2 Consegne troppo lunghe Traduzione ITA- L2 Produzioni scritte non guidate

62 UTILIZZO DEL METODO MULTISENSORIALE? Questo metodo di insegnamento cerca di combinare esercizi orali, visivi, tattili e cinestesici per incrementare e facilitare l apprendimento.

63 Esso si basa sul costante e simultaneo uso di 4 canali percezvi: il canale visivo attraverso gli occhi il canale uditivo attraverso le orecchie il canale cinestesico attraverso la memoria del sistema motorio il canale del tatto attraverso le mani 63

64 U-lizzo delle esercitazioni Dare istruzioni precise, esplicite e strutturate Dare istruzioni di tipo deduttivo esercizi ripetitivi che il contenuto venga presentato con gradualità in una certa sequenza ed in modo cumulativo, nel senso che una nuova informazione vada ad aggiungersi a materiale già noto ed acquisito.

65 Educatore- relazioni interpersonli e lavoro di rete Con l alunno Creare un clima sereno di fiducia Instaurare con l alunno una relazione significativa ed un rapporto empatico Essere un competente punto di riferimento nel trovare e consolidare strategie di studio efficaci Con la famiglia ed i docenti Incontri per conoscere le caratteristiche dell alunno Punti critici e di forza modalità di apprendimento Le strategie di studio Tenere al corrente del lavoro svolto nel doposcuola

66 Cosa può fare l educatore favorire l'utilizzo del proprio PC Aiutare a preparare le risposte brevi e chiare nelle verifiche scritte preparare e favorire una corretta e chiara esposizione nelle prove orali Favorire le verifiche orali per le materie orali, e non incalzare lo studente con quesiti «a raffica» supportare l'allievo in difficoltà per la compromissione della memoria a breve termine e della sequenzialità con uso di mappe e schemi preparati con l allievo Verifiche a sorpresa? No, grazie!

67 DISORGANIZZAZIONE Controllare che le richieste siano recepite e registrate Controllare che abbia il materiale necessario ed eventualmente tenerne una copia a scuola Richiedere di tenere un raccoglitore ordinato per documentazioni varie. Dettare e scrivere alla lavagna i compiti e le informazioni utili. Fornire la procedura scandita per punti nell assegnare un lavoro Precisare per punti gli argomenti della verifica

68 Come geskre il diario? Aiutare l alunno ad un uso correlo del diario.

69 Gli organizzatori ankcipak I principali tipi di organizzatori anticipati sono: Ø I diagrammi causa-effetto. Sono usati per evidenziare i nessi causali nelle azioni di un personaggio di una storia, nelle manifestazioni di un fenomeno, negli eventi che hanno segnato la Storia Ø I grafici di sequenze. Servono ad evidenziare gli elementi chiave secondo una linea temporale, oppure nelle Scienze o in Fisica per visualizzare le procedure di un esperimento scientifico. Ø I diagrammi di confronto. Sono un eccellente strumento per evidenziare visivamente le somiglianze e le differenze tra le idee principali, per costruire la scaletta di testi comparativi e, in matematica, per trovare il massimo comun divisore ed il minimo comune multiplo fra più numeri. La forma più nota è il diagramma di Venn.

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

modalità di intervento nei DSA Formazione di base

modalità di intervento nei DSA Formazione di base modalità di intervento nei DSA Formazione di base Disturbi specifici dell apprendimento Disturbi negli automatismi: Dislessia, discalculia trattamento compensazione Disturbi nelle abilità controllate:

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ESPERIENZE CHE INSEGNANO IL FUTURO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI GUIDA ALLA NUOVA NORMATIVA AA. VV. AGOSTINO MIELE Il presente volume nasce dall esperienza maturata all interno dell Istituto Tecnico per il

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A

VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A Da consegnare agli insegnanti per comprendere la diagnosi e utilizzare i dati emersi per la compilazione del PDP. VADEMECUM PER LA COMPRENSIONE DELLA DIAGNOSI DI D.S.A 1 Elenco dei soggetti autorizzati

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

PAI Piano Annuale per l Inclusione

PAI Piano Annuale per l Inclusione ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CON-PENSARE I DSA GUIDA PER INSEGNANTI. A cura di FILIPPO BARBERA. Con la presentazione di CESARE CORNOLDI

CON-PENSARE I DSA GUIDA PER INSEGNANTI. A cura di FILIPPO BARBERA. Con la presentazione di CESARE CORNOLDI CON-PENSARE I DSA GUIDA PER INSEGNANTI A cura di FILIPPO BARBERA Con la presentazione di CESARE CORNOLDI Filippo Barbera CON-PENSARE I DSA GUIDA PER INSEGNANTI Con il contributo di Istituto Comprensivo

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

Valeria Raglianti. Docente di Lingua inglese Scuola Secondaria di 2^ grado - I.I.S. E. Santoni Pisa Formatore AID Pisa Psicopedagogista

Valeria Raglianti. Docente di Lingua inglese Scuola Secondaria di 2^ grado - I.I.S. E. Santoni Pisa Formatore AID Pisa Psicopedagogista 3 dicembre 2013 Valeria Raglianti Docente di Lingua inglese Scuola Secondaria di 2^ grado - I.I.S. E. Santoni Pisa Formatore AID Pisa Psicopedagogista Segnalazione di un genitore: Scuola Secondaria di

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E

STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA : CONCETTI CHIAVE E ORIENTAMENTI PER L'AZIONE Milano, dicembre 2013 Il documento

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Responsabile del corso: Prof.ssa Letizia Sabbadini Razionale La disprassia verbale evolutiva. La disprassia verbale evolutiva

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento

Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Insegnare inglese ai dislessici: aspetti problematici e strategie di intervento Milano, 7 settembre

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

SINTESI NORMATIVA E COMMENTO SULLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

SINTESI NORMATIVA E COMMENTO SULLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI SINTESI NORMATIVA E COMMENTO SULLE RECENTI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI SINTESI NORMATIVA Riferimenti: 1. DIRETTIVA MINISTERIALE del 27 dicembre 2012; 2. CIRCOLARE MINISTERIALE

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA

I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Bologna, 24 febbraio 2014 I D.S.A.: FISIOLOGIA E CASISTICA Rimedi procedimento giurisdizionale risultati ottenibili * Premessa: Le figure di rilievo nella SCUOLA Il P.O.F. La DIAGNOSI Il PDP Il GIUDIZIO

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli