L'utilizzo OFF LABEL dei farmaci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'utilizzo OFF LABEL dei farmaci"

Transcript

1 L'utilizzo OFF LABEL dei farmaci L'impiego di un medicinale al di fuori delle condizioni previste dalla scheda tecnica, il cosiddetto uso off label, è divenuto un tema ricorrente nel dibattito scientifico ed è stato recentemente oggetto di interventi normativi che ne sanciscono l'importanza nel determinare la salute della popolazione esposta ai farmaci La rinnovata attenzione alla tematica dell'impiego off label dei medicinali è, in buona parte, conseguenza di un provvedimento di carattere finanziario (la Legge Finanziaria per il 2007) che escludeva, nelle strutture del Servizio sanitario, l'uso routinario, diffuso e sistematico, di farmaci al di fuori delle condizioni di registrazione Inoltre, alle stesse strutture del SSN sarebbe spettato il compito di rilevare, valutare ed eventualmente sottoporre alle istituzioni sanitarie quei protocolli o quelle condizioni dove risulta consolidato l'impiego off label di un determinato medicinale Le reazioni a questa previsione normativa non si sono fatte attendere Associazioni di categoria, società scientifiche, ordini professionali, stampa specializzata, associazioni di malati hanno messo in guardia dalle conseguenze di una sua rigorosa applicazione, paventando un futuro di mancanza di cure per determinate categorie di pazienti E' curioso che una legge finanziaria sia riuscita ad innescare nella comunità scientifica un ampio dibattito sull'uso off label dei medicinali Anno VI nr 2 - agosto 2008 (continua a pagina 8) Pg 2/3 Pg 4/5 In questo numero Il punto in Azienda L impiego degli antibatterici per uso sistemico negli ospedali dell APSS Disease Mongering La disforia premestruale ed il medico di medicina generale Pg 6 A proposito di Farmacovigilanza Le reazioni indesiderate da farmaci nell anziano

2 L'impiego degli antibatterici per uso sistemico negli ospedali 2008, n2 Il punto in Azienda Da diversi anni l'attività di analisi e monitoraggio dell'uso dei farmaci in ospedale si concentra in particolare su alcune classi di farmaci di forte impatto clinico e farmaco-economico Una di queste categorie è certamente quella degli antimicrobici per uso sistemico (gruppo anatomico terapeutico ATC J) La spesa per i farmaci di questo gruppo terapeutico rappresenta circa il 15% della spesa farmaceutica totale nella nostra Azienda che nel 2006 è stata di (Fig1) All'interno di questo ampio gruppo di farmaci sono compresi antibatterici, antivirali, antimicotici ed antimicobatterici Gi antibatterici sono certamente farmaci di grande importanza anche dal punto di vista delle ricadute ambientali che il loro utilizzo non appropriato può determinare e, pertanto, sono stati oggetto di una particolare reportistica che ha incluso tutti i sottogruppi di farmaci e tutti i reparti ospedalieri dell'apss Nel 2007 la spesa per antibatterici nell'ospedale di Trento è stata di e può considerarsi piuttosto stabile negli ultimi anni (Grafico1) Figura 1 - Ripartizione della spesa negli ospedali APSS-anno 2006 Antimicrobici per uso sistemico; 14,7% Apparato gastrointestinale; 6,28% Vari; 7,08% Farmaci SNC; 6,19% Antineoplastici; 33,42% Sangue e organi emopoietici; 17,92% Grafico 1 - Spesa in per antibatterici nell'ospedale di Trento Di seguito le operazioni effettuate: si è analizzato, più nel dettaglio, il consumo degli antibatterici in tutti gli ospedali dell'azienda considerando categorie terapeutiche e principi attivi e valutando, oltre alla spesa anche l'esposizione a tali farmaci espressa in DDD/100 pazienti/die (Grafico 2) Nel caso dell'ospedale di Trento è stato possibile ricavare anche i dati del 2003 e del 2004 Grafico 2 - Esposizione agli antibatterici per uso sistemico negli ospedali dell APSS espressa in DDD/100 pz/die Arco Cles Rovereto Trento Tione Borgo Cavalese Rispetto all'anno precedente, nel 2007 si nota una diminuzione dell'esposizione complessiva a questi farmaci Si è effettuata poi un analisi della variabilità a livello aziendale sia tra gli ospedali che tra i reparti omogenei L'analisi si è dimostrata interessante e conferma una certa variabilità ascrivibile a casistiche o comportamenti prescrittivi diversi (Grafico 3-5) I dati di consumo dovrebbero quindi essere confrontati e validati con i dati derivanti dalla pratica clinica, con quelli epidemiologici e con le conoscenze scientifiche disponibili Grafico 3 - Consumo di antibatterici sistemici in 6 reparti internistici

3 dell'apss Grafico 4 - Consumo di antibatterici sistemici in 5 reparti chirurgici Penicill ampio spettro Pipera+tazobactam Grafico 5 - Reparto di - Distribuzione per classi di antibiotici DDD/100 giorni di degenza Carbapenemi Cefalosp resistenti alle Cefalosp antipseudom Levofloxacina Chinoloni Aminoglicosidi Antistafilococcici Grafico 6 - Consumo antibiotici a largo spettro contro i germi Gramdifficili nell Ospedale di Trento 1,4 1,2 1 0,8 0,6 0,4 0,2 0 Piperacillina Meropenem Imipenem Ceftazidima Si rileva un notevole aumento dell'esposizione a piperacillina + tazobactam, forse dovuto anche alla scelta aziendale di eliminare per questo farmaco la necessità di una richiesta motivata per singolo paziente dal 2004 (Grafico 6) I dati di esposizione dell'anno 2005 non sono stati riportati in quanto non completamente affidabili a causa della trasformazione della gestione informatizzata del magazzino dalle unità posologiche alle confezioni EF Recentemente, nel Prontuario ospedaliero, sono stati introdotti due nuovi antibiotici, la daptomicina e la tigeciclina La daptomicina è indicata per il trattamento di infezioni complicate della cute e dei tessuti molli negli adulti ed è il capostipite di una nuova classe di antibiotici, i polipeptidici ciclici, la cui attività battericida si esplica con meccanismo non ancora definito sulla membrana cellulare del batterio e dipende dalla presenza di Ca++: la morte cellulare avviene per efflusso di K+ e conseguente grave disfunzione nella sintesi di macromolecole ivi compresi DNA, RNA e proteine La daptomicina rappresenta un ulteriore passo in avanti che permette di ampliare la scelta terapeutica nei casi difficili di pazienti con infezioni da germi gram positivi multiresistenti o che non possono utilizzare farmaci già disponibili per intolleranza o tossicità (666 DDD somministrate dal settembre 2007 a giugno 2008) La tigeciclina è invece una tetraciclina indicata nelle infezioni complicate della cute e dei tessuti molli e nelle infezioni complicate intra-addominali Questo farmaco rappresenta al momento l'unica opzione terapeutica percorribile in caso di infezioni in rianimazione sostenute da microrganismi multiresistenti quali Acinetobacter e Stenotrophononas (275 DDD utilizzate da luglio 2007 a giugno 2008) L'impiego di questi due farmaci in ospedale, per limitarne l'impatto ambientale, è stato limitato ai reparti di Rianimazione o alla prescrizione specialistica dell'infettivologo 2008, n2 Il punto in Azienda 3

4 La disforia premestruale ed il medico di medicina generale Disease Mongering 2008, n2 Tra le molte caratteristiche che distinguono la professione del medico di medicina generale (MMG) una, peculiare e unica, è quella di trattare tutte le tipologie possibili di pazienti in condizioni psicofisiche ed ambientali completamente differenti Ci si può trovare con persone sane e felici che partendo per vacanze in posti esotici chiedono informazioni sui farmaci e vaccinazioni, e un attimo dopo essere immersi nell'angoscia e nella sofferenza di un nucleo familiare che assiste un paziente in fase terminale, con tutti i suoi problemi clinici e psicologici, etici e deontologici Sorprendentemente devo ammettere che pur costantemente immerso in questa variabilità non ho mai affrontato in maniera professionale la disforia premestruale Certamente ho incontrato casi di dismenorrea, cefalea, tensione mammaria ed altri sintomi legati al ciclo mestruale, certamente come marito, padre, amico, collega, ex compagno di scuola ecc so benissimo che l'altra metà del cielo può incorrere in fastidi, disturbi, dolori, sensazioni spiacevoli, ridotta efficienza, turbe dell'umore in quei giorni, tanto che l'espressione gh'averà le so robe è così comune da essere attribuita anche ai maschi in momenti di tensione Ma al di là delle situazioni di vita normali, cosa si intende nella letteratura medica per disforia premestruale? Come si pone questa diagnosi? Cosa significa letteralmente disforia? Mi viene in aiuto il vocabolario: difficoltà a portare o meglio, sopportare con difficoltà, inteso normalmente come stato d'animo di oppressione angosciosa e di tristezza In letteratura, questa diagnosi è considerata molto difficile: innanzitutto, viene fatta una distinzione tra i semplici sintomi premestruali, la sindrome premestruale (SPM) e il disturbo disforico premestruale (DDPM) I sintomi presi in considerazione sono numerosissimi, addirittura più di 150, ma per poter fare la diagnosi di DDPM devono essere specificamente collegati alla fase luteinica del ciclo, in pratica essere presenti nell'ultima settimana prima del flusso e devono scomparire o migliorare radicalmente nel volgere di 2 o 3 giorni dall'inizio del mestruo Tali sintomi e la loro correlazione con le fasi del ciclo devono essere documentati chiaramente (e non solo raccolti anamnesticamente in modo approssimativo) Il metodo considerato più semplice e riconosciuto più corretto per la diagnosi è la raccolta di un diario dei sintomi comprendenti 22 voci relative a sintomi fisici e comportamentali valutati con una scala a 4 gradini (0 assente, 3 severi) per un periodo di almeno due cicli consecutivi Solo in presenza di sintomi maggiori chiaramente collegati alla fase luteinica, che scompaiono o si attenuano nettamente con il flusso e che si ripetono nei mesi successivi, si può parlare di disturbo disforico premestruale Sempre in letteratura viene riferita una prevalenza di DDPM in circa il 2,5% delle donne naturalmente nel periodo fertile (1 su 40, circa 10 per un MMG massimalista), ma tale prevalenza è chiaramente influenzata dalla rigorosità dei criteri diagnostici La patogenesi del DDPM non è certa Sono stati considerati come fattori importanti i deficit ormonali con aumento estrogenico, il calo della vitamina B6, l'aumento dei livelli di prolattina, il calo glicemico, la ritenzione di fluidi, alcune anomalie prostaglandiniche, la caduta delle endorfine, l'ipotiroidismo, il calo della serotonina, l'aumento delle monoamino ossidasi, un'imprecisata allergia ormonale e una manifestazione ciclica di uno stato psicopatologico sottostante Attualmente viene attribuito maggior credito a una risposta anomala ad uno stimolo ormonale normale su base individuale e solo parzialmente ereditaria (30 35%) Insomma nulla di certo Se la diagnosi è difficile e l'eziopatogenesi incerta la terapia come sarà? Varia, ma con alcune certezze presunte: un atteggiamento empatico del medico 4

5 con una buona accoglienza, l'ascolto, la comprensione del problema, ma anche la capacità di fornire spiegazioni, di illustrare le possibilità di trattamento sono considerate tutti elementi importanti nel percorso terapeutico Assieme all'empatia hanno un peso notevole anche la programmazione della raccolta dei sintomi con il questionario, e le proposte motivate di modifiche nello stile di vita ad esempio la dieta, la ginnastica aerobica, la riduzione dell'introito di sale e caffeina, il miglioramento delle abitudini legate al sonno notturno: in pratica una vera terapia cognitivo comportamentale Tra le sostanze terapeutiche utilizzate figurano il calcio per i crampi, il magnesio per sintomi vari, la vitamina E per la mastodinia, lo spironolattone per la ritenzione idrica, la tensione mammaria e l'incremento ponderale Come secondo livello di terapia si considerano gli antidepressivi SSRI (fluoxetina e sertralina in prima istanza, ma tutta la classe sembra avere pari efficacia), in associazione agli ansiolitici se da soli risultano insufficienti Come terzo livello terapeutico viene considerata la soppressione ormonale con contraccettivi orali o con GnRH agonisti (leuprolide o goserelin) Qualcuno ipotizza anche il trattamento chirurgico (ovariectomia!) E' stato preso in considerazione anche un trattamento con sostanze naturali come l'iperico e l'agnus castus Nessuna terapia farmacologia ha mostrato evidenze forti: per la maggior parte delle sostanze non vi sono evidenze chiare di efficacia compreso le terapie ormonali che inizialmente possono peggiorare i sintomi e, alla sospensione, causare brusche ricadute e quelle naturali che non presentano studi significativi Gli SSRI sembrano avere un'efficacia discreta (anche con un uso intermittente per 2 settimane a ciclo), ma il problema è rappresentato dagli effetti collaterali al dosaggio terapeutico (fluoxetina 20 mg/die, sertralina tra 50 e 100 mg/die) e dal costo Il Danazol (LHRH agonista) agisce essenzialmente sulla mastodinia e non è esente da effetti collaterali, il GnRH pur apparentemente efficace ha costi elevatissimi, ed effetti menopausali per cui non appare proponibile, per l'ovariectomia credo che i commenti siano superflui Nella realtà attuale la categoria di farmaci più studiata e che appare ragionevolmente più utilizzabile è quella degli SSRI Forse questo è il motivo per cui in molti studi viene posto l'accento sulla maggior incidenza di problemi psichiatrici nel gruppo delle donne affette da DDPM Quello che non convince è la trasposizione dei risultati ottenuti dal contesto sperimentale, che adotta criteri diagnostici rigorosi, alla pratica clinica quotidiana, dove tali criteri sono difficilmente applicabili Per cui si passa dalla dimostrazione sperimentale dell'esistenza della disforia premestruale alla necessità indotta di trattarla estensivamente Come esempio, il titolo di un articolo su una nota rivista femminile nella rubrica salute & psiche: Quella tristezza prima del ciclo: quando arriva il flusso è normale essere un po' irritabili e di malumore Ma se i disturbi rovinano le giornate, bisogna curarsi, così E' un articolo paradigmatico, in cui vengono magnificati gli effetti della paroxetina, a dosi minime e non appaiono mai effetti collaterali importanti E' qualcosa più che un dubbio, che suggerisce di trovarsi di fronte ad un caso di disease mongering, ma la questione è delicata la DDPM è stata interpretata in modi diametralmente differenti come scusa da parte di gruppi di donne per non essere in grado di risolvere problemi o come una interpretazione femminista che nega la DDPM perchè ghettizzante e tendente alla limitazione dei diritti delle donne Può una donna (che ha questi problemi) fare carriera? Assumere ruoli da dirigente? Per evitare questi aspetti distorcenti proporrei un altro campo, più neutro, da indagare studiare e trattare: la disforia da scadenza fiscale! Colpisce una parte di persone uomini o donne senza differenze sostanziali, specificatamente i possessori di partita IVA, è ciclica, crea parecchi sintomi - ansia da detrazione, rincorsa alle fatturazioni, impotenza da legislazione complessa, dipendenza da specialista (commercialista) - si attenua con il pensionamento, e non vi sono terapie realmente efficaci, ma l'empatia del commercialista e alcuni cambi comportamentali come l'ottimizzazione delle detrazioni e la rateizzazione dell'importo possono attenuarne i sintomi E' necessario un questionario per meglio definirla però gli studi futuri ci diranno, per intanto paghiamo, felici, dopo l'assunzione di un buon SSRI PC Bibliografia: Advan Psychiatr Treat 2007; 13: Can Fam Physician 2002; 48: Informazione sui farmaci 2001; n2 3 Rivista femminile riservata alla salute, ma anche la TV e media di tutti i tipi Disease Mongering 2008, n2 5

6 Le reazioni indesiderate da farmaci nell'anziano! A proposito di Farmacovigilanza 2008, n2 L'argomento del titolo è molto vasto e complesso e prima di affrontarlo è corretto interrogarsi: ha senso parlare degli effetti indesiderati che i farmaci danno nella persona anziana? La risposta, che non è assolutamente ovvia, è sì; ed è la realtà dei fatti che lo dimostra e conferma Vari studi dimostrano come le reazioni indesiderate (ADR) aumentano il rischio di ospedalizzazione oltre ad essere una causa di morbilità e mortalità Il dato ancora più interessante è che molte di queste reazioni sono evitabili La letteratura stima tra il 13 e il 27,6% la percentuale di ADR evitabili per gli anziani autosufficienti Indipendentemente dalla presenza o meno di patologie la persona anziana è fragile (frailty) in quanto presenta cambiamenti fisiologici (ad esempio diminuzione del volume di acqua corporea con aumento della massa grassa, variazioni nella funzionalità epatica e renale ) che incidono sulla farmacocinetica e farmacodinamica dei medicinali utilizzati Questo aspetto assume maggiore rilevanza soprattutto per quei principi attivi che hanno un indice terapeutico ristretto come ad esempio: digossina, warfarin, teofillina, fenitoina, carbamazepina e gentamicina Farmaci che sono tra i più presenti nelle terapie della popolazione geriatrica Uno studio condotto in Italia, ha evidenziato come fra le molecole che causano più frequentemente ricovero ospedaliero, si ritrovano il warfarin e la digossina Altra condizione a sfavore degli anziani è che spesso sono politrattati (poliprescrizione) Circa il 20% dei pazienti con più di 70 anni assume cinque o più farmaci L'assunzione di più farmaci aumenta il rischio di ADR, che in questa situazione possono essere dovute anche ad interazione tra i farmaci (vedi tabella 1) Tabella 1 N farmaci rischio di ADR da interazione 2 13% 4 38% > 7 82% Questi i dati oggettivi e critici che la letteratura propone; ma si possono ravvisare anche consigli pratici Una clinical review del BMJ propone per gli anziani che assumono meno di quattro farmaci una revisione (almeno annuale) della terapia, da parte dello specialista, mentre se i farmaci assunti sono più di quattro questa rivisitazione deve essere fatta almeno ogni sei mesi Un'altra proposta interessante è di pensare ad una pubblicazione analoga alla Guida all'uso dei farmaci nei bambini destinata alle persone anziane, evidenziando farmaci che in questa tipologia di pazienti sono controindicati (ad esempio usando i criteri di Beers) Bibliografia Franceschi M et al Drug Safety 2008; 31 (6): ; Milton JC et al BMJ 2008; 336: ; Fick DM et al Arch Inter Med 2003; 163: GD 6

7 L'utilizzo OFF LABEL dei farmaci Questo tema avrebbe infatti meritato da tempo una particolare attenzione in relazione ai suoi risvolti sulla salute dei cittadini Studi farmaco-epidemiologici condotti negli Stati Uniti hanno evidenziato un impiego off label nel 21% delle prescrizioni e, nel 73% di questi casi, l'uso non è supportato da letteratura scientifica La situazione diventa ancora più critica se si considerano alcuni ambiti specifici come l'oncologia, la psichiatria o la pediatria Secondo i dati del Progetto ARNO, nel 2007 un terzo dei circa 650 principi attivi prescritti a carico del SSN ai bambini non ospedalizzati è stato utilizzato con modalità off label In ambito ospedaliero, una ricerca europea ha riscontrato che il 40% delle prescrizioni pediatriche è off label ed ha riguardato il 67% dei bambini ricoverati In campo oncologico, alcune indagini stimano che il 50-60% dei pazienti riceva almeno un trattamento off label Tale percentuale si presenta più elevata in oncologia pediatrica, nelle patologie neoplastiche rare e laddove i pazienti con malattia metastatica sono trattati con intento palliativo Nonostante i nuovi farmaci antineoplastici dispongano di corsie registrative preferenziali, che li rendono disponibili in tempi più rapidi purché si realizzi un serio monitoraggio post-registrativo finalizzato a definirne meglio il profilo rischio-beneficio, l'impiego off label in oncologia è sospinto da diversi fattori: carenza di indicazioni per alcuni farmaci antitumorali storici, carenza di farmaci indicati per tumori rari, pressioni dei pazienti che richiedono comunque un trattamento, rapida diffusione dei risultati preliminari degli studi clinici, tempo di latenza fra la registrazione di una nuova indicazione negli Stati Uniti (via FDA) e in Europa (via EMEA), ecc Oltre ai farmaci oncologici, si distinguono per un diffuso utilizzo off label anche gli antipsicotici, gli antidepressivi, gli anticonvulsivanti, gli antiasmatici, gli antibiotici, gli antiulcera e i farmaci biologici Per riassumere quanto ci dice la letteratura, l'impiego off label dei medicinali è oggi molto comune ma troppo spesso non supportato da prove di efficacia/sicurezza Quali i vantaggi e quali le conseguenze negative di questo fenomeno? La possibilità di prescrivere farmaci in condizioni off label può agevolare il trasferimento dell'innovazione alla pratica clinica (particolarmente quando falliscono trattamenti di prima linea), offre a pazienti e clinici l'accesso precoce a medicinali (dalla copertina) potenzialmente validi e consente un'espansione dell'uso di un farmaco a categorie di pazienti per le quali le evidenze sperimentali, in termini di efficacia e tollerabilità, sono (e probabilmente resteranno) scarse o assenti Infine, l'impiego off label di un farmaco talvolta costituisce l'unico trattamento disponibile per condizioni cliniche orfane di trattamenti allo scopo registrati Sul versante delle conseguenze negative, l'uso off label può, innanzitutto, non soddisfare la legittima aspettativa che l'efficacia e la sicurezza di ogni sostanza somministrata ad un paziente sia stata adeguatamente valutata L'impiego off label è sovente basato su limitate osservazioni sperimentali e può quindi esporre la popolazione ad interventi terapeutici dal rapporto rischio-beneficio incerto Ciò vale particolarmente per quei farmaci che sono stati approvati con procedure accelerate, spesso sulla base di endpoint surrogati che provano l'attività del nuovo farmaco anziché l'efficacia clinica e il cui profilo di sicurezza è tutt'altro che noto Secondariamente, quando i farmaci più recenti e costosi sono impiegati off label, ad un uso inappropriato corrispondono rilevanti ed ingiustificati incrementi di spesa per il SSN Inoltre, la prospettiva di allargare l'uso di un farmaco ad indicazioni non registrate, tramite la semplice attività promozionale, può disincentivare le aziende produttrici dal condurre rigorosi studi clinici e, infine, l'uso off label può incoraggiare una pratica medica sempre meno basata sulle prove di efficacia Quando, in un determinato settore, il fenomeno dell'uso off label di farmaci coinvolge oltre il 50% dei pazienti non sembra esagerato parlare, come taluni autori fanno, di bancarotta dell'attività regolatoria, nel senso che un uso off label così generalizzato mina alla base il concetto stesso di regolamentazione Che tipo di risposta è stata data dalle autorità sanitarie al problema dei farmaci impiegati off label? Nessuno può mettere in discussione l'utilità del processo di registrazione di un farmaco: qualità farmaceutica garantita dall'autorità sanitaria, prove di efficacia preventivamente valutate, sufficienti informazioni sugli effetti avversi e sul rapporto rischio-beneficio, informazioni sul farmaco disponibili (attraverso la scheda tecnica) per i prescrittori e gli utilizzatori, protezione dei consumatori ecc Registrazione, conoscenza scientifica, prove di efficacia ed esperienza clinica sono, d'altronde, lati differenti della stessa medaglia: il A proposito di Farmacovigilanza 2008, n2 7

8 valore reale di un nuovo farmaco per la popolazione dei pazienti Quando un farmaco è registrato, il rapporto rischiobeneficio è stato valutato dalle autorità sanitarie solo per la (o le) specifica indicazione autorizzata In qualsiasi altra circostanza il farmaco venga utilizzato, né la ditta produttrice né le autorità sanitarie si assumono la responsabilità legale o etica per eventi nocivi inattesi E' evidente che l'intervento normativo sul settore deve quindi, da un lato, sottolineare il valore della prescrizione per indicazioni terapeutiche autorizzate e, dall'altro, regolamentare l'impiego off label dei farmaci in condizioni orfane, consentendo al clinico il trattamento di pazienti privi di alternative terapeutiche Il quadro normativo in Italia risponde a questi criteri? La più nota normativa che si occupa di utilizzo off label di farmaci è la cosiddetta legge di Bella, che prende il nome dal medico divenuto famoso negli anni novanta per i protocolli alternativi che impiegava in pazienti con gravi patologie a prognosi infausta Nata per arginare il pericolo di una deriva irrazionale della medicina, la legge Di Bella consente, quando supportato da pubblicazioni scientifiche accreditate, in mancanza di valida alternativa terapeutica e con il consenso del paziente, l'utilizzo di farmaci per indicazioni non registrate sotto la responsabilità del prescrittore Tuttavia, il SSN non si fa generalmente carico del costo del trattamento che, pertanto, grava interamente sul paziente In base ad una legge del 1996, la n 648, il Servizio sanitario si prende carico della prescrizione, in mancanza di valida alternativa terapeutica e col consenso informato del paziente, di una serie di farmaci in condizioni cliniche per le quali non sono (ancora) registrati ma per le quali esistono prove di efficacia, ancorché parziali L'elenco dei farmaci oggetto della predetta legge e delle indicazioni ad essi correlate è in continuo aggiornamento, anche sulla base dei dati di monitoraggio d'uso che il clinico deve trasmettere alle istituzioni sanitarie A seguito delle restrizioni introdotte dalla legge finanziaria per il 2007, nell'ambito della legge 648/96 è stato approvato, in quanto consolidato dall'esperienza clinica, l'uso per indicazioni non registrate di una lunga serie di farmaci destinati all'oncologia, all'oncoematologia, alla pediatria, ai pazienti trapiantati ed alle gravi patologie neurologiche L'accento della normativa sul criterio di uso consolidato, che ha consentito ai clinici di continuare ad impiegare importanti protocolli terapeutici, ha giustamente escluso da questa operazione i nuovi farmaci biologici destinati al trattamento delle neoplasie o delle patologie autoimmuni Dal 1996 anche la PA di Trento ha previsto di farsi carico del costo di trattamenti destinati a soggetti affetti da gravi patologie in assenza di alternative terapeutiche, in presenza di letteratura accreditata che ne indichi l'efficacia nella specifica condizione Questa preziosa forma di assistenza farmaceutica aggiuntiva, che ha consentito il trattamento a carico del Servizio sanitario provinciale di migliaia di cittadini trentini, rappresenta (al pari della legge 648/96 e dei suoi recenti aggiornamenti) un'opportunità ancora relativamente poco conosciuta dai curanti RR Ricorda la tua PASSWORD per accedere ai contenuti riservati della rivista Informazioni sui Farmaci Nome utente: Password: apsstn sl74lr72 Se hai osservazioni o proposte di temi da trattare, contattaci: Supplemento quadrimestrale al n 3 di Informazioni sui Farmaci, anno 2008 Maria Grazia Allegretti Cristiana Betta Fabio Branz Michela Cerzani Paolo Colorio Elisabetta De Bastiani Redazione a cura di Giulia Dusi Marina Ferri Elisabetta Fonzi Paola Maccani Riccardo Roni

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp.

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Fontanellato San Secondo Nel 2009 nei Nuclei di Cure Primarie (NCP) di Fontanellato

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena

Mario Sarti. Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Laboratorio di Microbiologia e antimicrobial stewardship nell Azienda USL di Modena Mario Sarti Microbiologia Clinica Provinciale Azienda USL di Modena 9 STRATEGIE DI REFERTAZIONE PER FAVORIRE L USO APPROPRIATO

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli