L'utilizzo OFF LABEL dei farmaci

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'utilizzo OFF LABEL dei farmaci"

Transcript

1 L'utilizzo OFF LABEL dei farmaci L'impiego di un medicinale al di fuori delle condizioni previste dalla scheda tecnica, il cosiddetto uso off label, è divenuto un tema ricorrente nel dibattito scientifico ed è stato recentemente oggetto di interventi normativi che ne sanciscono l'importanza nel determinare la salute della popolazione esposta ai farmaci La rinnovata attenzione alla tematica dell'impiego off label dei medicinali è, in buona parte, conseguenza di un provvedimento di carattere finanziario (la Legge Finanziaria per il 2007) che escludeva, nelle strutture del Servizio sanitario, l'uso routinario, diffuso e sistematico, di farmaci al di fuori delle condizioni di registrazione Inoltre, alle stesse strutture del SSN sarebbe spettato il compito di rilevare, valutare ed eventualmente sottoporre alle istituzioni sanitarie quei protocolli o quelle condizioni dove risulta consolidato l'impiego off label di un determinato medicinale Le reazioni a questa previsione normativa non si sono fatte attendere Associazioni di categoria, società scientifiche, ordini professionali, stampa specializzata, associazioni di malati hanno messo in guardia dalle conseguenze di una sua rigorosa applicazione, paventando un futuro di mancanza di cure per determinate categorie di pazienti E' curioso che una legge finanziaria sia riuscita ad innescare nella comunità scientifica un ampio dibattito sull'uso off label dei medicinali Anno VI nr 2 - agosto 2008 (continua a pagina 8) Pg 2/3 Pg 4/5 In questo numero Il punto in Azienda L impiego degli antibatterici per uso sistemico negli ospedali dell APSS Disease Mongering La disforia premestruale ed il medico di medicina generale Pg 6 A proposito di Farmacovigilanza Le reazioni indesiderate da farmaci nell anziano

2 L'impiego degli antibatterici per uso sistemico negli ospedali 2008, n2 Il punto in Azienda Da diversi anni l'attività di analisi e monitoraggio dell'uso dei farmaci in ospedale si concentra in particolare su alcune classi di farmaci di forte impatto clinico e farmaco-economico Una di queste categorie è certamente quella degli antimicrobici per uso sistemico (gruppo anatomico terapeutico ATC J) La spesa per i farmaci di questo gruppo terapeutico rappresenta circa il 15% della spesa farmaceutica totale nella nostra Azienda che nel 2006 è stata di (Fig1) All'interno di questo ampio gruppo di farmaci sono compresi antibatterici, antivirali, antimicotici ed antimicobatterici Gi antibatterici sono certamente farmaci di grande importanza anche dal punto di vista delle ricadute ambientali che il loro utilizzo non appropriato può determinare e, pertanto, sono stati oggetto di una particolare reportistica che ha incluso tutti i sottogruppi di farmaci e tutti i reparti ospedalieri dell'apss Nel 2007 la spesa per antibatterici nell'ospedale di Trento è stata di e può considerarsi piuttosto stabile negli ultimi anni (Grafico1) Figura 1 - Ripartizione della spesa negli ospedali APSS-anno 2006 Antimicrobici per uso sistemico; 14,7% Apparato gastrointestinale; 6,28% Vari; 7,08% Farmaci SNC; 6,19% Antineoplastici; 33,42% Sangue e organi emopoietici; 17,92% Grafico 1 - Spesa in per antibatterici nell'ospedale di Trento Di seguito le operazioni effettuate: si è analizzato, più nel dettaglio, il consumo degli antibatterici in tutti gli ospedali dell'azienda considerando categorie terapeutiche e principi attivi e valutando, oltre alla spesa anche l'esposizione a tali farmaci espressa in DDD/100 pazienti/die (Grafico 2) Nel caso dell'ospedale di Trento è stato possibile ricavare anche i dati del 2003 e del 2004 Grafico 2 - Esposizione agli antibatterici per uso sistemico negli ospedali dell APSS espressa in DDD/100 pz/die Arco Cles Rovereto Trento Tione Borgo Cavalese Rispetto all'anno precedente, nel 2007 si nota una diminuzione dell'esposizione complessiva a questi farmaci Si è effettuata poi un analisi della variabilità a livello aziendale sia tra gli ospedali che tra i reparti omogenei L'analisi si è dimostrata interessante e conferma una certa variabilità ascrivibile a casistiche o comportamenti prescrittivi diversi (Grafico 3-5) I dati di consumo dovrebbero quindi essere confrontati e validati con i dati derivanti dalla pratica clinica, con quelli epidemiologici e con le conoscenze scientifiche disponibili Grafico 3 - Consumo di antibatterici sistemici in 6 reparti internistici

3 dell'apss Grafico 4 - Consumo di antibatterici sistemici in 5 reparti chirurgici Penicill ampio spettro Pipera+tazobactam Grafico 5 - Reparto di - Distribuzione per classi di antibiotici DDD/100 giorni di degenza Carbapenemi Cefalosp resistenti alle Cefalosp antipseudom Levofloxacina Chinoloni Aminoglicosidi Antistafilococcici Grafico 6 - Consumo antibiotici a largo spettro contro i germi Gramdifficili nell Ospedale di Trento 1,4 1,2 1 0,8 0,6 0,4 0,2 0 Piperacillina Meropenem Imipenem Ceftazidima Si rileva un notevole aumento dell'esposizione a piperacillina + tazobactam, forse dovuto anche alla scelta aziendale di eliminare per questo farmaco la necessità di una richiesta motivata per singolo paziente dal 2004 (Grafico 6) I dati di esposizione dell'anno 2005 non sono stati riportati in quanto non completamente affidabili a causa della trasformazione della gestione informatizzata del magazzino dalle unità posologiche alle confezioni EF Recentemente, nel Prontuario ospedaliero, sono stati introdotti due nuovi antibiotici, la daptomicina e la tigeciclina La daptomicina è indicata per il trattamento di infezioni complicate della cute e dei tessuti molli negli adulti ed è il capostipite di una nuova classe di antibiotici, i polipeptidici ciclici, la cui attività battericida si esplica con meccanismo non ancora definito sulla membrana cellulare del batterio e dipende dalla presenza di Ca++: la morte cellulare avviene per efflusso di K+ e conseguente grave disfunzione nella sintesi di macromolecole ivi compresi DNA, RNA e proteine La daptomicina rappresenta un ulteriore passo in avanti che permette di ampliare la scelta terapeutica nei casi difficili di pazienti con infezioni da germi gram positivi multiresistenti o che non possono utilizzare farmaci già disponibili per intolleranza o tossicità (666 DDD somministrate dal settembre 2007 a giugno 2008) La tigeciclina è invece una tetraciclina indicata nelle infezioni complicate della cute e dei tessuti molli e nelle infezioni complicate intra-addominali Questo farmaco rappresenta al momento l'unica opzione terapeutica percorribile in caso di infezioni in rianimazione sostenute da microrganismi multiresistenti quali Acinetobacter e Stenotrophononas (275 DDD utilizzate da luglio 2007 a giugno 2008) L'impiego di questi due farmaci in ospedale, per limitarne l'impatto ambientale, è stato limitato ai reparti di Rianimazione o alla prescrizione specialistica dell'infettivologo 2008, n2 Il punto in Azienda 3

4 La disforia premestruale ed il medico di medicina generale Disease Mongering 2008, n2 Tra le molte caratteristiche che distinguono la professione del medico di medicina generale (MMG) una, peculiare e unica, è quella di trattare tutte le tipologie possibili di pazienti in condizioni psicofisiche ed ambientali completamente differenti Ci si può trovare con persone sane e felici che partendo per vacanze in posti esotici chiedono informazioni sui farmaci e vaccinazioni, e un attimo dopo essere immersi nell'angoscia e nella sofferenza di un nucleo familiare che assiste un paziente in fase terminale, con tutti i suoi problemi clinici e psicologici, etici e deontologici Sorprendentemente devo ammettere che pur costantemente immerso in questa variabilità non ho mai affrontato in maniera professionale la disforia premestruale Certamente ho incontrato casi di dismenorrea, cefalea, tensione mammaria ed altri sintomi legati al ciclo mestruale, certamente come marito, padre, amico, collega, ex compagno di scuola ecc so benissimo che l'altra metà del cielo può incorrere in fastidi, disturbi, dolori, sensazioni spiacevoli, ridotta efficienza, turbe dell'umore in quei giorni, tanto che l'espressione gh'averà le so robe è così comune da essere attribuita anche ai maschi in momenti di tensione Ma al di là delle situazioni di vita normali, cosa si intende nella letteratura medica per disforia premestruale? Come si pone questa diagnosi? Cosa significa letteralmente disforia? Mi viene in aiuto il vocabolario: difficoltà a portare o meglio, sopportare con difficoltà, inteso normalmente come stato d'animo di oppressione angosciosa e di tristezza In letteratura, questa diagnosi è considerata molto difficile: innanzitutto, viene fatta una distinzione tra i semplici sintomi premestruali, la sindrome premestruale (SPM) e il disturbo disforico premestruale (DDPM) I sintomi presi in considerazione sono numerosissimi, addirittura più di 150, ma per poter fare la diagnosi di DDPM devono essere specificamente collegati alla fase luteinica del ciclo, in pratica essere presenti nell'ultima settimana prima del flusso e devono scomparire o migliorare radicalmente nel volgere di 2 o 3 giorni dall'inizio del mestruo Tali sintomi e la loro correlazione con le fasi del ciclo devono essere documentati chiaramente (e non solo raccolti anamnesticamente in modo approssimativo) Il metodo considerato più semplice e riconosciuto più corretto per la diagnosi è la raccolta di un diario dei sintomi comprendenti 22 voci relative a sintomi fisici e comportamentali valutati con una scala a 4 gradini (0 assente, 3 severi) per un periodo di almeno due cicli consecutivi Solo in presenza di sintomi maggiori chiaramente collegati alla fase luteinica, che scompaiono o si attenuano nettamente con il flusso e che si ripetono nei mesi successivi, si può parlare di disturbo disforico premestruale Sempre in letteratura viene riferita una prevalenza di DDPM in circa il 2,5% delle donne naturalmente nel periodo fertile (1 su 40, circa 10 per un MMG massimalista), ma tale prevalenza è chiaramente influenzata dalla rigorosità dei criteri diagnostici La patogenesi del DDPM non è certa Sono stati considerati come fattori importanti i deficit ormonali con aumento estrogenico, il calo della vitamina B6, l'aumento dei livelli di prolattina, il calo glicemico, la ritenzione di fluidi, alcune anomalie prostaglandiniche, la caduta delle endorfine, l'ipotiroidismo, il calo della serotonina, l'aumento delle monoamino ossidasi, un'imprecisata allergia ormonale e una manifestazione ciclica di uno stato psicopatologico sottostante Attualmente viene attribuito maggior credito a una risposta anomala ad uno stimolo ormonale normale su base individuale e solo parzialmente ereditaria (30 35%) Insomma nulla di certo Se la diagnosi è difficile e l'eziopatogenesi incerta la terapia come sarà? Varia, ma con alcune certezze presunte: un atteggiamento empatico del medico 4

5 con una buona accoglienza, l'ascolto, la comprensione del problema, ma anche la capacità di fornire spiegazioni, di illustrare le possibilità di trattamento sono considerate tutti elementi importanti nel percorso terapeutico Assieme all'empatia hanno un peso notevole anche la programmazione della raccolta dei sintomi con il questionario, e le proposte motivate di modifiche nello stile di vita ad esempio la dieta, la ginnastica aerobica, la riduzione dell'introito di sale e caffeina, il miglioramento delle abitudini legate al sonno notturno: in pratica una vera terapia cognitivo comportamentale Tra le sostanze terapeutiche utilizzate figurano il calcio per i crampi, il magnesio per sintomi vari, la vitamina E per la mastodinia, lo spironolattone per la ritenzione idrica, la tensione mammaria e l'incremento ponderale Come secondo livello di terapia si considerano gli antidepressivi SSRI (fluoxetina e sertralina in prima istanza, ma tutta la classe sembra avere pari efficacia), in associazione agli ansiolitici se da soli risultano insufficienti Come terzo livello terapeutico viene considerata la soppressione ormonale con contraccettivi orali o con GnRH agonisti (leuprolide o goserelin) Qualcuno ipotizza anche il trattamento chirurgico (ovariectomia!) E' stato preso in considerazione anche un trattamento con sostanze naturali come l'iperico e l'agnus castus Nessuna terapia farmacologia ha mostrato evidenze forti: per la maggior parte delle sostanze non vi sono evidenze chiare di efficacia compreso le terapie ormonali che inizialmente possono peggiorare i sintomi e, alla sospensione, causare brusche ricadute e quelle naturali che non presentano studi significativi Gli SSRI sembrano avere un'efficacia discreta (anche con un uso intermittente per 2 settimane a ciclo), ma il problema è rappresentato dagli effetti collaterali al dosaggio terapeutico (fluoxetina 20 mg/die, sertralina tra 50 e 100 mg/die) e dal costo Il Danazol (LHRH agonista) agisce essenzialmente sulla mastodinia e non è esente da effetti collaterali, il GnRH pur apparentemente efficace ha costi elevatissimi, ed effetti menopausali per cui non appare proponibile, per l'ovariectomia credo che i commenti siano superflui Nella realtà attuale la categoria di farmaci più studiata e che appare ragionevolmente più utilizzabile è quella degli SSRI Forse questo è il motivo per cui in molti studi viene posto l'accento sulla maggior incidenza di problemi psichiatrici nel gruppo delle donne affette da DDPM Quello che non convince è la trasposizione dei risultati ottenuti dal contesto sperimentale, che adotta criteri diagnostici rigorosi, alla pratica clinica quotidiana, dove tali criteri sono difficilmente applicabili Per cui si passa dalla dimostrazione sperimentale dell'esistenza della disforia premestruale alla necessità indotta di trattarla estensivamente Come esempio, il titolo di un articolo su una nota rivista femminile nella rubrica salute & psiche: Quella tristezza prima del ciclo: quando arriva il flusso è normale essere un po' irritabili e di malumore Ma se i disturbi rovinano le giornate, bisogna curarsi, così E' un articolo paradigmatico, in cui vengono magnificati gli effetti della paroxetina, a dosi minime e non appaiono mai effetti collaterali importanti E' qualcosa più che un dubbio, che suggerisce di trovarsi di fronte ad un caso di disease mongering, ma la questione è delicata la DDPM è stata interpretata in modi diametralmente differenti come scusa da parte di gruppi di donne per non essere in grado di risolvere problemi o come una interpretazione femminista che nega la DDPM perchè ghettizzante e tendente alla limitazione dei diritti delle donne Può una donna (che ha questi problemi) fare carriera? Assumere ruoli da dirigente? Per evitare questi aspetti distorcenti proporrei un altro campo, più neutro, da indagare studiare e trattare: la disforia da scadenza fiscale! Colpisce una parte di persone uomini o donne senza differenze sostanziali, specificatamente i possessori di partita IVA, è ciclica, crea parecchi sintomi - ansia da detrazione, rincorsa alle fatturazioni, impotenza da legislazione complessa, dipendenza da specialista (commercialista) - si attenua con il pensionamento, e non vi sono terapie realmente efficaci, ma l'empatia del commercialista e alcuni cambi comportamentali come l'ottimizzazione delle detrazioni e la rateizzazione dell'importo possono attenuarne i sintomi E' necessario un questionario per meglio definirla però gli studi futuri ci diranno, per intanto paghiamo, felici, dopo l'assunzione di un buon SSRI PC Bibliografia: Advan Psychiatr Treat 2007; 13: Can Fam Physician 2002; 48: Informazione sui farmaci 2001; n2 3 Rivista femminile riservata alla salute, ma anche la TV e media di tutti i tipi Disease Mongering 2008, n2 5

6 Le reazioni indesiderate da farmaci nell'anziano! A proposito di Farmacovigilanza 2008, n2 L'argomento del titolo è molto vasto e complesso e prima di affrontarlo è corretto interrogarsi: ha senso parlare degli effetti indesiderati che i farmaci danno nella persona anziana? La risposta, che non è assolutamente ovvia, è sì; ed è la realtà dei fatti che lo dimostra e conferma Vari studi dimostrano come le reazioni indesiderate (ADR) aumentano il rischio di ospedalizzazione oltre ad essere una causa di morbilità e mortalità Il dato ancora più interessante è che molte di queste reazioni sono evitabili La letteratura stima tra il 13 e il 27,6% la percentuale di ADR evitabili per gli anziani autosufficienti Indipendentemente dalla presenza o meno di patologie la persona anziana è fragile (frailty) in quanto presenta cambiamenti fisiologici (ad esempio diminuzione del volume di acqua corporea con aumento della massa grassa, variazioni nella funzionalità epatica e renale ) che incidono sulla farmacocinetica e farmacodinamica dei medicinali utilizzati Questo aspetto assume maggiore rilevanza soprattutto per quei principi attivi che hanno un indice terapeutico ristretto come ad esempio: digossina, warfarin, teofillina, fenitoina, carbamazepina e gentamicina Farmaci che sono tra i più presenti nelle terapie della popolazione geriatrica Uno studio condotto in Italia, ha evidenziato come fra le molecole che causano più frequentemente ricovero ospedaliero, si ritrovano il warfarin e la digossina Altra condizione a sfavore degli anziani è che spesso sono politrattati (poliprescrizione) Circa il 20% dei pazienti con più di 70 anni assume cinque o più farmaci L'assunzione di più farmaci aumenta il rischio di ADR, che in questa situazione possono essere dovute anche ad interazione tra i farmaci (vedi tabella 1) Tabella 1 N farmaci rischio di ADR da interazione 2 13% 4 38% > 7 82% Questi i dati oggettivi e critici che la letteratura propone; ma si possono ravvisare anche consigli pratici Una clinical review del BMJ propone per gli anziani che assumono meno di quattro farmaci una revisione (almeno annuale) della terapia, da parte dello specialista, mentre se i farmaci assunti sono più di quattro questa rivisitazione deve essere fatta almeno ogni sei mesi Un'altra proposta interessante è di pensare ad una pubblicazione analoga alla Guida all'uso dei farmaci nei bambini destinata alle persone anziane, evidenziando farmaci che in questa tipologia di pazienti sono controindicati (ad esempio usando i criteri di Beers) Bibliografia Franceschi M et al Drug Safety 2008; 31 (6): ; Milton JC et al BMJ 2008; 336: ; Fick DM et al Arch Inter Med 2003; 163: GD 6

7 L'utilizzo OFF LABEL dei farmaci Questo tema avrebbe infatti meritato da tempo una particolare attenzione in relazione ai suoi risvolti sulla salute dei cittadini Studi farmaco-epidemiologici condotti negli Stati Uniti hanno evidenziato un impiego off label nel 21% delle prescrizioni e, nel 73% di questi casi, l'uso non è supportato da letteratura scientifica La situazione diventa ancora più critica se si considerano alcuni ambiti specifici come l'oncologia, la psichiatria o la pediatria Secondo i dati del Progetto ARNO, nel 2007 un terzo dei circa 650 principi attivi prescritti a carico del SSN ai bambini non ospedalizzati è stato utilizzato con modalità off label In ambito ospedaliero, una ricerca europea ha riscontrato che il 40% delle prescrizioni pediatriche è off label ed ha riguardato il 67% dei bambini ricoverati In campo oncologico, alcune indagini stimano che il 50-60% dei pazienti riceva almeno un trattamento off label Tale percentuale si presenta più elevata in oncologia pediatrica, nelle patologie neoplastiche rare e laddove i pazienti con malattia metastatica sono trattati con intento palliativo Nonostante i nuovi farmaci antineoplastici dispongano di corsie registrative preferenziali, che li rendono disponibili in tempi più rapidi purché si realizzi un serio monitoraggio post-registrativo finalizzato a definirne meglio il profilo rischio-beneficio, l'impiego off label in oncologia è sospinto da diversi fattori: carenza di indicazioni per alcuni farmaci antitumorali storici, carenza di farmaci indicati per tumori rari, pressioni dei pazienti che richiedono comunque un trattamento, rapida diffusione dei risultati preliminari degli studi clinici, tempo di latenza fra la registrazione di una nuova indicazione negli Stati Uniti (via FDA) e in Europa (via EMEA), ecc Oltre ai farmaci oncologici, si distinguono per un diffuso utilizzo off label anche gli antipsicotici, gli antidepressivi, gli anticonvulsivanti, gli antiasmatici, gli antibiotici, gli antiulcera e i farmaci biologici Per riassumere quanto ci dice la letteratura, l'impiego off label dei medicinali è oggi molto comune ma troppo spesso non supportato da prove di efficacia/sicurezza Quali i vantaggi e quali le conseguenze negative di questo fenomeno? La possibilità di prescrivere farmaci in condizioni off label può agevolare il trasferimento dell'innovazione alla pratica clinica (particolarmente quando falliscono trattamenti di prima linea), offre a pazienti e clinici l'accesso precoce a medicinali (dalla copertina) potenzialmente validi e consente un'espansione dell'uso di un farmaco a categorie di pazienti per le quali le evidenze sperimentali, in termini di efficacia e tollerabilità, sono (e probabilmente resteranno) scarse o assenti Infine, l'impiego off label di un farmaco talvolta costituisce l'unico trattamento disponibile per condizioni cliniche orfane di trattamenti allo scopo registrati Sul versante delle conseguenze negative, l'uso off label può, innanzitutto, non soddisfare la legittima aspettativa che l'efficacia e la sicurezza di ogni sostanza somministrata ad un paziente sia stata adeguatamente valutata L'impiego off label è sovente basato su limitate osservazioni sperimentali e può quindi esporre la popolazione ad interventi terapeutici dal rapporto rischio-beneficio incerto Ciò vale particolarmente per quei farmaci che sono stati approvati con procedure accelerate, spesso sulla base di endpoint surrogati che provano l'attività del nuovo farmaco anziché l'efficacia clinica e il cui profilo di sicurezza è tutt'altro che noto Secondariamente, quando i farmaci più recenti e costosi sono impiegati off label, ad un uso inappropriato corrispondono rilevanti ed ingiustificati incrementi di spesa per il SSN Inoltre, la prospettiva di allargare l'uso di un farmaco ad indicazioni non registrate, tramite la semplice attività promozionale, può disincentivare le aziende produttrici dal condurre rigorosi studi clinici e, infine, l'uso off label può incoraggiare una pratica medica sempre meno basata sulle prove di efficacia Quando, in un determinato settore, il fenomeno dell'uso off label di farmaci coinvolge oltre il 50% dei pazienti non sembra esagerato parlare, come taluni autori fanno, di bancarotta dell'attività regolatoria, nel senso che un uso off label così generalizzato mina alla base il concetto stesso di regolamentazione Che tipo di risposta è stata data dalle autorità sanitarie al problema dei farmaci impiegati off label? Nessuno può mettere in discussione l'utilità del processo di registrazione di un farmaco: qualità farmaceutica garantita dall'autorità sanitaria, prove di efficacia preventivamente valutate, sufficienti informazioni sugli effetti avversi e sul rapporto rischio-beneficio, informazioni sul farmaco disponibili (attraverso la scheda tecnica) per i prescrittori e gli utilizzatori, protezione dei consumatori ecc Registrazione, conoscenza scientifica, prove di efficacia ed esperienza clinica sono, d'altronde, lati differenti della stessa medaglia: il A proposito di Farmacovigilanza 2008, n2 7

8 valore reale di un nuovo farmaco per la popolazione dei pazienti Quando un farmaco è registrato, il rapporto rischiobeneficio è stato valutato dalle autorità sanitarie solo per la (o le) specifica indicazione autorizzata In qualsiasi altra circostanza il farmaco venga utilizzato, né la ditta produttrice né le autorità sanitarie si assumono la responsabilità legale o etica per eventi nocivi inattesi E' evidente che l'intervento normativo sul settore deve quindi, da un lato, sottolineare il valore della prescrizione per indicazioni terapeutiche autorizzate e, dall'altro, regolamentare l'impiego off label dei farmaci in condizioni orfane, consentendo al clinico il trattamento di pazienti privi di alternative terapeutiche Il quadro normativo in Italia risponde a questi criteri? La più nota normativa che si occupa di utilizzo off label di farmaci è la cosiddetta legge di Bella, che prende il nome dal medico divenuto famoso negli anni novanta per i protocolli alternativi che impiegava in pazienti con gravi patologie a prognosi infausta Nata per arginare il pericolo di una deriva irrazionale della medicina, la legge Di Bella consente, quando supportato da pubblicazioni scientifiche accreditate, in mancanza di valida alternativa terapeutica e con il consenso del paziente, l'utilizzo di farmaci per indicazioni non registrate sotto la responsabilità del prescrittore Tuttavia, il SSN non si fa generalmente carico del costo del trattamento che, pertanto, grava interamente sul paziente In base ad una legge del 1996, la n 648, il Servizio sanitario si prende carico della prescrizione, in mancanza di valida alternativa terapeutica e col consenso informato del paziente, di una serie di farmaci in condizioni cliniche per le quali non sono (ancora) registrati ma per le quali esistono prove di efficacia, ancorché parziali L'elenco dei farmaci oggetto della predetta legge e delle indicazioni ad essi correlate è in continuo aggiornamento, anche sulla base dei dati di monitoraggio d'uso che il clinico deve trasmettere alle istituzioni sanitarie A seguito delle restrizioni introdotte dalla legge finanziaria per il 2007, nell'ambito della legge 648/96 è stato approvato, in quanto consolidato dall'esperienza clinica, l'uso per indicazioni non registrate di una lunga serie di farmaci destinati all'oncologia, all'oncoematologia, alla pediatria, ai pazienti trapiantati ed alle gravi patologie neurologiche L'accento della normativa sul criterio di uso consolidato, che ha consentito ai clinici di continuare ad impiegare importanti protocolli terapeutici, ha giustamente escluso da questa operazione i nuovi farmaci biologici destinati al trattamento delle neoplasie o delle patologie autoimmuni Dal 1996 anche la PA di Trento ha previsto di farsi carico del costo di trattamenti destinati a soggetti affetti da gravi patologie in assenza di alternative terapeutiche, in presenza di letteratura accreditata che ne indichi l'efficacia nella specifica condizione Questa preziosa forma di assistenza farmaceutica aggiuntiva, che ha consentito il trattamento a carico del Servizio sanitario provinciale di migliaia di cittadini trentini, rappresenta (al pari della legge 648/96 e dei suoi recenti aggiornamenti) un'opportunità ancora relativamente poco conosciuta dai curanti RR Ricorda la tua PASSWORD per accedere ai contenuti riservati della rivista Informazioni sui Farmaci Nome utente: Password: apsstn sl74lr72 Se hai osservazioni o proposte di temi da trattare, contattaci: Supplemento quadrimestrale al n 3 di Informazioni sui Farmaci, anno 2008 Maria Grazia Allegretti Cristiana Betta Fabio Branz Michela Cerzani Paolo Colorio Elisabetta De Bastiani Redazione a cura di Giulia Dusi Marina Ferri Elisabetta Fonzi Paola Maccani Riccardo Roni

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE

FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE FARMACI GENERICI(EQUIVALENTI): PROBLEMI DI GESTIONE IN MEDICINA GENERALE Come erogatore di assistenza di primo livello, il MMG è direttamente implicato nella scelta appropriata e nell utilizzo efficiente

Dettagli

Normative e applicazioni

Normative e applicazioni Prescrizione off-label Normative e applicazioni Achille Patrizio Caputi Maria Rosa Luppino Prescrizione off-label: normative e applicazioni SEEd srl C.so Vigevano, 35 10152 Torino Tel. 011.566.02.58 Fax

Dettagli

Sindrome premestruale (spm)

Sindrome premestruale (spm) Sindrome premestruale (spm) Gli sbalzi ormonali degli estrogeni e del progesterone nel cervello di una giovane adolescente determinano delle variazioni settimanali nella sensibilità e reattività allo stress

Dettagli

L impiego degli psicofarmaci in gravidanza e nell allattamento tra evidenze forti, dati controversi e problemi aperti

L impiego degli psicofarmaci in gravidanza e nell allattamento tra evidenze forti, dati controversi e problemi aperti L impiego degli psicofarmaci in gravidanza e nell allattamento tra evidenze forti, dati controversi e problemi aperti Abbiamo pensato di scrivere questo volume perché da alcuni anni, nell ambito della

Dettagli

Farmacovigilanza in geriatria

Farmacovigilanza in geriatria Farmacovigilanza in geriatria La popolazione anziana risulta quella più esposta all'insorgenza di reazioni avverse; secondo dati americani il 30% dei ricoveri ospedalieri nei pazienti anziani è legato

Dettagli

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it

Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Associazione per la Ricerca sulla Depressione Via Belfiore 72 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione resistente alla terapia farmacologica di Salvatore Di Salvo I dati della

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico

Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Anziano fragile e rischio di incidente farmacologico Numa Pedrazzetti Farmacista F.P.H. Spec. F.P.H. Istituti di cura Contesto generale Invecchiamento della popolazione over 65 il 6% nel 1900 16% nel 2000

Dettagli

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome

Dettagli

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4

Premessa 2. Riferimenti Normativi 3. Considerazioni Preliminari 3. Gli elementi costitutivi della Rete Regionale Cure Palliative 4 Linee Guida regionali per lo sviluppo della rete per le cure palliative in Puglia, in attuazione dell Atto d Intesa sottoscritto in Conferenza Stato Regioni (Rep. N. 152/2012) pagina Premessa 2 Riferimenti

Dettagli

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche Ridotte funzionalità

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

Dinamiche di erogazione, accesso al farmaco ed appropriatezza prescrittiva in psichiatria

Dinamiche di erogazione, accesso al farmaco ed appropriatezza prescrittiva in psichiatria Dinamiche di erogazione, accesso al farmaco ed appropriatezza prescrittiva in psichiatria Dott. Adriano Cristinziano Direttore UOC Farmacia A.O. Ospedali dei Colli - Napoli Premessa Centralità del farmaco

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità.

in commercio rilasciata dal Ministero della Sanità. 3614 quantità o la giacenza di magazzino oltre la quale si rende necessario ordinare le voci di interesse. La definizione di entrambi i parametri dovrà essere curata da farmacisti che integreranno nelle

Dettagli

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Riflessioni etiche e professionali Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Progressi nella scienza e ricerca miglior cura delle malattie allungamento della vita miglioramento qualità

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE FEDERANZIANI SUL CANCRO DEL COLON RETTO A CURA DEL Centro studi SIC Sanità in Cifre Anno 2013 Nota metodologica Metodologia: Questionario strutturato, somministrato a diverse

Dettagli

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013 Le Cure Palliative Dr.ssa M.Grazia Rusconi UniTre 2013 DEFINIZIONE L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce le Cure Palliative come la cura totale prestata alla persona affetta da una malattia

Dettagli

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo

La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La gestione della terapia della depressione di Salvatore Di Salvo Gli Antidepressivi

Dettagli

PROCEDURA UTILIZZO FARMACI OFF LABEL. Redazione Verifica Approvazione. Dr.ssa Maria Letizia Tosini Farmacia Aziendale

PROCEDURA UTILIZZO FARMACI OFF LABEL. Redazione Verifica Approvazione. Dr.ssa Maria Letizia Tosini Farmacia Aziendale PROCEDURA UTILIZZO FARMACI OFF LABEL 1^ stesura : 2009 Revisione n 1 : dicembre 2012 revisione n 2 : dicembre 2013 Redazione Verifica Approvazione Dr.ssa Mariella Conti Farmacia Territoriale Dr.ssa Stefania

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci

Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Le interazioni farmacologiche come causa di reazioni avverse da farmaci Corso per farmacisti operanti nei punti di erogazione diretta delle Aziende Sanitarie della Regione Emilia-Romagna AUSL Piacenza

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

STRUMENTI INFORMATICI PER MIGLIORARE L APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA:

STRUMENTI INFORMATICI PER MIGLIORARE L APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA: STRUMENTI INFORMATICI PER MIGLIORARE L APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA: LE INTERAZIONI TRA FARMACI IN OSPEDALE E LA REVISIONE DELLA TERAPIA AL DOMICILIO Annalisa Campomori, per il gruppo di progetto Simplify,

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva: uno strumento per una scelta terapeutica efficace

Appropriatezza prescrittiva: uno strumento per una scelta terapeutica efficace Appropriatezza prescrittiva: uno strumento per una scelta terapeutica efficace Anna Nigro S.C. Farmaceutica Territoriale A.S.L. VC anna.nigro@aslvc.piemonte.it Borgosesia, 16 marzo 2013 Condizioni per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA - SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN ANESTESIA RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA I ANNO Corso Integrato area pre-clinica Tipologia: attività formative di base Ore: 40/0/0/0

Dettagli

La gestione della distribuzione dei farmaci a RSA/RP convenzionate

La gestione della distribuzione dei farmaci a RSA/RP convenzionate La gestione della distribuzione dei farmaci a RSA/RP convenzionate D.ssa S. Antonelli Dipartimento Attività farmaceutiche S.C. FARMACIA OSPEDALIERA Presidio Ospedaliero Metropolitano Ospedale Villa Scassi

Dettagli

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl.

Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

Ci sono rimedi per la sindrome premestruale?

Ci sono rimedi per la sindrome premestruale? Corriere della Sera http://www.corriere.it/salute/13_aprile_22/sindrome-premestruale_f0518a00-a82e-11... Page 1 of 2 22/04/2013 stampa chiudi MI SPIEGHI DOTTORE Ci sono rimedi per la sindrome premestruale?

Dettagli

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone

MODULO 01. DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone MODULO 01 DIMENSIONI, SINTOMI ANSIA E DEPRESSIONE DEPRESSIONE SOTTOSOGLIA Donatella Alesso Alfonsino Garrone STATO DEPRESSIVO: dimensione e sintomi 2 Su 10 pazienti che si presentano nello studio di un

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA

PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA ALL.1 PROTOCOLLO PER LA PRESCRIZIONE, DISPENSAZIONE ED IL MONITORAGGIO DELLA FARMACEUTICA CONVENZIONATA Questo protocollo nasce dall esigenza di rivedere ed uniformare sul territorio dell intera Regione

Dettagli

Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate

Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate Intervista a 1 e 2 Sostenibilità delle nuove terapie personalizzate nel cancro al colon retto Abstract Il Cancro Colon Rettale (CCR) rappresenta uno dei tumori più diffusi e aggressivi. I nuovi farmaci

Dettagli

Vigilanza sui farmaci e sui dispositivi medici

Vigilanza sui farmaci e sui dispositivi medici 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è quello di descrivere gli standard tecnici per l espletamento delle attività di vigilanza sui farmaci e sui dispositivi ; tali standard tecnici

Dettagli

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche

Dettagli

REGIONAL UPDATE. Antidepressivi tra spesa, appropriatezza e indicatori QUESTIONARIO DI PERCEZIONE

REGIONAL UPDATE. Antidepressivi tra spesa, appropriatezza e indicatori QUESTIONARIO DI PERCEZIONE REGIONAL UPDATE Antidepressivi tra spesa, appropriatezza e indicatori QUESTIONARIO DI PERCEZIONE COGNOME NOME REGIONE ETA QUALIFICA: A: Psichiatra Neurologo Geriatra Farmacista Altro: B: Direttore Dirigente

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1)

La neutropenia è definita in gradi a seconda del valore raggiunta dai neutrofili al Nadir ( tabella 1) TRATTAMENTO DELLA NEUTROPENIA CON G-CSF Introduzione La neutropenia e le complicanze ad essa correlate rappresentano la principale tossicità dose limitante della chemioterapia, per il rischio di infezioni

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO

S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE OGGETTO S.C. FARMACIA OSPEDALIERA S.C. FARMACIA TERRITORIALE DATA: 16.01.2008 REV. N 00 PAG. 1/10 OGGETTO REGOLAMENTO AZIENDALE PER LA PRESCRIZIONE DI TERAPIE FARMACOLOGICHE AL DI FUORI DELLE CONDIZIONI DI AUTORIZZAZIONE

Dettagli

La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative?

La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative? Cure palliative in Geriatria: la sedazione terminale? La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative? Evelina Bianchi Geriatria di Vicenza SEDAZIONE TERMINALE (ST) le mie convinzioni e la premessa

Dettagli

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia

Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Bergamo, 10 ottobre 2013 Dall assistenza ai malati al miglioramento della salute: il ruolo dell infermiere nella gestione corretta della terapia farmacologia Dr. Pierangelo Spada Direzione delle Professioni

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I)

SINTESI GENERALE DELLA VALUTAZIONE SCIENTIFICA DEI MEDICINALI CONTENENTI ACIDO VALPROICO/VALPROATO (cfr. allegato I) ALLEGATO II CONCLUSIONI SCIENTIFICHE E MOTIVI DELLA MODIFICA DEI RIASSUNTI DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO E DEI FOGLIETTI ILLUSTRATIVI PRESENTATI DALL AGENZIA EUROPEA PER I MEDICINALI 108 CONCLUSIONI

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag.

CAPITOLO 1 indice. Tumore della mammella pag. 27 Tumore della cervice uterina pag. 30 Melanoma pag. 31 Linfomi pag. 31. bibliografia pag. CAPITOLO 1 indice le neoplasie nell anziano pag. 5 Valutazione del paziente anziano pag. 7 Aspetti generali del trattamento pag. 10 Tumori del colon-retto pag. 11 Tumori della mammella pag. 13 Tumori del

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

DIPARTIMENTO PSICHIATRIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE II CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO PSICHIATRIA

Dettagli

Prof. Mauro Martini. Dott. Dario Pelizzola Dott. Anna Campi. Dott. Angela Benini CPSE Cristiano Pelati CPSE Marcella Peverati

Prof. Mauro Martini. Dott. Dario Pelizzola Dott. Anna Campi. Dott. Angela Benini CPSE Cristiano Pelati CPSE Marcella Peverati DIREZIONE SANITARIA AZIENDALE ISTRUZIONE OPERATIVA AZIENDALE SEGNALAZIONE DI SOSPETTA REAZIONE AVVERSA A FARMACI (ADR) Redazione Cognome/Nome Prof. Mauro Martini Dott. Dario Pelizzola Dott. Anna Campi

Dettagli

Farmaci Orfani e Malattie Rare

Farmaci Orfani e Malattie Rare ANTONIO ORAZIO GIOVANNI FRANCO Presidente Osservatorio sulle minoranze etniche e religiose e sui rapporti con la Croce Rossa Internazionale e col volontariato Farmaci Orfani e Malattie Rare Roma - 28 settembre

Dettagli

La gestione delle sperimentazioni cliniche

La gestione delle sperimentazioni cliniche La gestione delle sperimentazioni cliniche Dott.ssa Barbara Mosso bmosso@cittadellasalute.to.it LA SPERIMENTAZIONE CLINICA Che cosa è la sperimentazione clinica? Ogni forma di esperimento pianificato su

Dettagli

Scheda Valutativa Tirocinio. Formativo

Scheda Valutativa Tirocinio. Formativo Scheda Valutativa Tirocinio Formativo PER STUDENTI ISCRITTI AL 5 ANNO CdL in MEDICINA E CHIRURGIA Data inizio tirocinio: Data conclusione tirocinio:.. Studente Tutor clinico (nome e cognome) (qualifica

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana ASSESSORATO SANITA DIPARTIMENTO REGIONALE FONDO SANITARIO, ASSISTENZA SANITARIA ED OSPEDALIERA IGIENE PUBBLICA

REPUBBLICA ITALIANA. Regione Siciliana ASSESSORATO SANITA DIPARTIMENTO REGIONALE FONDO SANITARIO, ASSISTENZA SANITARIA ED OSPEDALIERA IGIENE PUBBLICA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO SANITA DIPARTIMENTO REGIONALE FONDO SANITARIO, ASSISTENZA SANITARIA ED OSPEDALIERA IGIENE PUBBLICA Servizio 8 / Assistenza sanitaria diretta e medicina

Dettagli

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO?

IL RUOLO DEL CAREGIVER. Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? IL RUOLO DEL CAREGIVER Manuela Rebellato Responsabile Counselling : OaD, UVA, Continuità Assistenziale CHI SONO? Per i pazienti un sostegno indispensabile Per i Medici un riferimento Per le Istituzioni

Dettagli

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore

Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore Management del dolore post operatorio in Chirurgia Generale e Specialistica Siena 22 24 novembre 2010 Approccio al paziente con dolore e rilevazione del dolore A. Annesanti Istituto Italiano di Bioetica

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE e 3 CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE La lotta al dolore vede impegnati la persona con i suoi familiari, gli operatori sanitari e l organizzazione

Dettagli

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza

FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM. Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza FARMACOVIGILANZA FINASTERIDE ZENTIVA 5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM Variazioni degli stampati relativamente agli aspetti della sicurezza Le modifiche agli stampati sono conseguenti alla Determinazione

Dettagli

Pazienti anziani in politerapia: prevenzione delle interazioni farmacologiche e ottimizzazione dell uso del farmaco in provincia di Trieste

Pazienti anziani in politerapia: prevenzione delle interazioni farmacologiche e ottimizzazione dell uso del farmaco in provincia di Trieste Giornata regionale della sicurezza e qualità delle cure 2014 Udine, 9 ottobre 2014 Pazienti anziani in politerapia: prevenzione delle interazioni farmacologiche e ottimizzazione dell uso del farmaco in

Dettagli

CARTA INTESTATA DEL CENTRO CLINICO

CARTA INTESTATA DEL CENTRO CLINICO CARTA INTESTATA DEL CENTRO CLINICO CERLiguria_Mod.10_Uso_Compassionevole RICHIESTA DI PARERE AL COMITATO ETICO PER USO TERAPEUTICO DI MEDICINALE SOTTOPOSTO A SPERIMENTAZIONE CLINICA Si applica solo se

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA Evoluzione delle responsabilità dell infermiere a proposito dei farmaci Applicazione della farmacologia alla Cura del paziente Applicazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1

REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1 REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1 PRONTUARIO TERAPEUTICO AZIENDALE A CURA DELLA COMMISSIONE TERAPEUTICA AZIENDALE (C.T.A.) Edizione Anno 2007/2008 i CONTENUTO PREMESSA CARATTERISTICHE GENERALI DEL P.T.A. CRITERI

Dettagli

FARMACOVIGILANZA : COME SEGNALARE UNA SOSPETTA REAZIONE AVVERSE DA FARMACI. Vercelli 17 Novembre 2012 Dott. Luigi Maione

FARMACOVIGILANZA : COME SEGNALARE UNA SOSPETTA REAZIONE AVVERSE DA FARMACI. Vercelli 17 Novembre 2012 Dott. Luigi Maione FARMACOVIGILANZA : COME SEGNALARE UNA SOSPETTA REAZIONE AVVERSE DA FARMACI Vercelli 17 Novembre 2012 Dott. Luigi Maione LA SEGNALAZIONE SPONTANEA Modalità di segnalazione delle sospette reazioni avverse

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FARMACOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA STATUTO. Art. 1.

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FARMACOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA STATUTO. Art. 1. SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FARMACOLOGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA STATUTO Art. 1. La Scuola di Specializzazione in Farmacologia dell'università degli Studi di Brescia risponde alle norme generali

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI

INCENTIVARE L USO APPROPRIATO DEL RICETTARIO SSR DA PARTE DEGLI SPECIALISTI OSPEDALIERI Modalità da seguire da parte dei Medici Specialisti per il corretto uso del ricettario SSR definite fra ASL Città di Milano e le seguenti strutture di ricovero e cura pubbliche e private accreditate: (versione

Dettagli

Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica AUSL Frosinone

Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica AUSL Frosinone Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica AUSL Frosinone L appropriatezza definisce un intervento sanitario (preventivo, diagnostico, terapeutico, riabilitativo) correlato al bisogno del paziente

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Progetto GIANO Gestione dell'ipertensione in Ambulatorio giugno 1999 giugno 2004

Progetto GIANO Gestione dell'ipertensione in Ambulatorio giugno 1999 giugno 2004 Progetto GIANO Gestione dell'ipertensione in Ambulatorio giugno 1999 giugno 2004 Sperimentazione di un nuovo modello gestionale della medicina di famiglia che, attraverso il lavoro in equipe e la strategia

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O.

La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O. La formazione e l aggiornamento del personale: l'ospedale. Massimo Luzzani Responsabile S.S.D. Cure Palliative E.O.Ospedali Galliera Mercato degli Oppioidi: confronto con altri Paesi Europei ( % sul totale

Dettagli

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure

TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr. Roberto Benelli TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA Bioetica e sostenibilità delle cure Dr.ssa Maria Nincheri Kunz Terapie a bersaglio molecolare

Dettagli

MODULO DI ADESIONE PROGETTO

MODULO DI ADESIONE PROGETTO 7-8 OTTOBRE 2011 CITTÀ STUDI BIELLA MODULO DI ADESIONE PROGETTO Titolo del progetto: APPLICAZIONE DEL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (PDTA) IN PSICONCOLOGIA PRESSO I CENTRI ONCOLOGICI DELLA

Dettagli

RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI 2014 AREA CLINICA

RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI 2014 AREA CLINICA RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI 204 schede n 47 i tecnicoprofessionali obietti v schede con indicato Dossier Formativo individuale n AREA CLINICA i di processo 8 7,% 34 (28,45 %) i di sistema protesi

Dettagli

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI Organizzatore: J&B S.R.L. Unipersonale Indirizzo: VIA PIEMONTE 12 Città: 87036 RENDE (CS) Telefono: 0984/837852 Fax: 0984/830987 Referente: Dott. DANIELE PERRELLI - WEB - www.jbprof.com info@jbprof.com

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE

RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE A cura del Settore Regionale Farmaceutica Ospedaliera e Territoriale e del Centro Regionale di Documentazione sul Farmaco ASL TO2 In Italia nel 2013 sono

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord

1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord GLI STILI DI VITA DEL BEL PAESE RESTANO IL TALLONE D ACHILLE DELLA NOSTRA SALUTE 1. Si conferma elevata la quota di italiani sovrappeso e obesi, problema in crescita anche al Nord Si conferma elevata la

Dettagli

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi

Ossi duri... si diventa. Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi Ossi duri... si diventa Campagna di Prevenzione contro l Osteoporosi CHE COS E L OSTEOPOROSI? L osteoporosi è una malattia dell apparato scheletrico che comporta una bassa densità minerale, un deterioramento

Dettagli

Ricerca farmacologica priclinica e clinica

Ricerca farmacologica priclinica e clinica Ricerca farmacologica priclinica e clinica SPERIMENTAZIONE PRECLINICA DURATA MEDIA?? ANNI Consente di isolare, dalle migliaia di sostanze sottoposte al primo screening di base farmacologico e biochimico,

Dettagli

Regione Umbria. LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7. Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi.

Regione Umbria. LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7. Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi. Regione Umbria LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 7 Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi. Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 20 del 23/04/2014 L'Assemblea

Dettagli

DECRETO n. 133 del 10.10.2012 rif. lettera g)

DECRETO n. 133 del 10.10.2012 rif. lettera g) DECRETO n. 133 del 10.10.2012 rif. lettera g) Oggetto: - Piano di contenimento della spesa farmaceutica- Determinazione AIFA 06.06.2011 Modifica Nota 13 Promozione dell'appropriatezza diagnostica e terapeutica

Dettagli

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario con il contributo educazionale di indice Indice 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Cos è l angioedema ereditario (AEE)? 4 Come si manifesta? 6 Come viene diagnosticato?

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

IL CORE CURRICULUM IN PSICO-ONCOLOGIA 1. ATTIVITA DIDATTICA

IL CORE CURRICULUM IN PSICO-ONCOLOGIA 1. ATTIVITA DIDATTICA IL CORE CURRICULUM IN PSICO-ONCOLOGIA 1. ATTIVITA DIDATTICA MODULO I La Psico-oncologia Psico-oncologia e Oncologia Psico-sociale Storia della Psico-oncologia La Psico-oncologia in Italia Le implicazioni

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.4 MEDIO FRIULI

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.4 MEDIO FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N.4 MEDIO FRIULI DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 482 DEL 12/09/2011 O G G E T T O Adozione documento "Piano di contenimento

Dettagli