Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1 Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2010

2

3 Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2010

4 Indice 1 Organi Sociali e Comitati 4 2 Andamento economico e situazione finanziaria del Gruppo Introduzione 5 Risultati Economico - Patrimoniali del Gruppo Situazione finanziaria Indicatori alternativi di performance non-gaap Operazioni con parti correlate Andamento della gestione Scenario di mercato e situazione commerciale Informazioni commerciali Signalling - Andamento per Unità Transportation Solutions - Andamento per Unità Prospetto di raccordo del Risultato d esercizio e del Patrimonio Netto della Capogruppo con quelli consolidati al 31 dicembre Operazioni significative del periodo ed operazioni intervenute dopo la chiusura al 31 dicembre Rischi ed incertezze Rischi strategici Competizione in un mercato internazionale, a forte contenuto di innovazione tecnologica, con pochi operatori Cambiamenti del quadro macroeconomico ed obiettivi di efficienza Rischi operativi Dipendenza dalla committenza pubblica e da contratti pluriennali Processi di budget e programmazione dei progetti Parti terze (subappaltatori, subfornitori e partners) Adeguatezza ed efficienza negli sviluppi e delle referenze tecniche Responsabilità verso clienti o terzi per difetti dei prodotti venduti o ritardi nelle consegne Controversie legali Gestione delle risorse umane Adempimenti in materia di salute, sicurezza ed ambiente Rischi finanziari Capacità di finanziare un elevato livello di attività correnti e di ottenere garanzie Operazioni di Project Financing e PPP (Public and Private Partnership) Rischi informativi Gestione dei sistemi informativi 29 5 Ambiente 30 6 Ricerca e sviluppo 32 7 Personale e Organizzazione La società Ansaldo STS Società Controllate Organico al 31 dicembre Documento Programmatico sulla Sicurezza Piani di incentivazione Piano di stock grant Piano di stock grant Piano cash Tranche Piano cash Tranche Piano cash Tranche Partecipazioni detenute dagli amministratori 40 9 Comunicazione finanziaria Andamento del Titolo Principali Azionisti al 31 dicembre Corporate Governance e assetti proprietari della società ex art. 123 bis del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998 n. 58 e s.m.i. (TUF) Prospetti contabili Conto Economico Separato Conto Economico Complessivo Situazione Patrimoniale Cash Flow Movimenti di Patrimonio Netto 49 2

5 13 Note esplicative al bilancio consolidato al 31 dicembre Informazioni Generali Forma e Contenuti e Principi contabili applicati Principi contabili adottati Effetti di modifiche nei principi contabili adottati Informativa di settore Note alla Situazione Patrimoniale Rapporti patrimoniali con parti correlate Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali Investimenti in partecipazioni Crediti ed altre attività non correnti Rimanenze Lavori in corso e acconti da committenti Crediti commerciali e finanziari Crediti e debiti per imposte dirette Altre attività correnti Disponibilità liquide Capitale Sociale Utili / (Perdite) a nuovo, incluso l utile d esercizio e riserve di consolidamento Altre riserve Patrimonio Netto di Terzi Debiti finanziari Fondi rischi e oneri e passività potenziali TFR e altre obbligazioni verso il personale Altre passività correnti e non correnti Debiti commerciali Derivati Garanzie ed altri impegni Note al Conto Economico Rapporti economici verso parti correlate Ricavi Altri ricavi operativi Costi per acquisti e servizi Costi per il personale Ammortamenti e svalutazioni Altri costi operativi Costi capitalizzati per costruzioni interne Proventi / (Oneri) finanziari netti Effetto delle valutazioni con il metodo del Patrimonio Netto Imposte sul reddito Earning per share Flusso di cassa da attività operative Gestione dei rischi finanziari Compensi spettanti al Key Management Personnel Evoluzione prevedibile della gestione Elenco delle partecipazioni rilevanti ex Art. 125 delibera CONSOB n Informazione ai sensi dell art. 149-duodecies del regolamento emittenti consob Attestazione del bilancio CONSOLIDATO ai sensi dell art. 81-ter del Regolamento Consob n del 14 maggio 1999 e successive modifiche e integrazioni e dell art. 154-bis, comma 2 del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 e successive modifiche ed integrazioni 103 3

6 Organi sociali e Comitati 1 Organi sociali e Comitati CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE (per il triennio 2008/2010) ALESSANDRO PANSA Presidente SANTE ROBERTI Vice Presidente SERGIO DE LUCA Amministratore Delegato MAURIZIO CEREDA 1 2 GERLANDO GENUARDI 2 GREGORIO GITTI 1 FRANCESCO LALLI 2 COLLEGIO SINDACALE (per il triennio 2008/2010) GIACINTO SARUBBI Presidente MASSIMO SCOTTON FRANCESCA TRIPODI SINDACI SUPPLENTI (per il triennio 2008/2010) BRUNO BORGIA PIETRO CERASOLI EUGENIO PINTO 1 ATTILIO SALVETTI 1 MARIO ORLANDO Segretario del Consiglio SOCIETÀ DI REVISIONE (per il periodo 2006/2014) PRICEWATERHOUSECOOPERS S.p.A. 1. Componente del Comitato per il Controllo Interno. 2. Componente del Comitato per la Remunerazione. 4

7 Signalling and Transportation Solutions Bilancio Consolidato al 31 dicembre Andamento economico e situazione finanziaria del Gruppo 2.1 Introduzione Il Gruppo Ansaldo STS ha consuntivato al 31 dicembre 2010 un risultato netto di K rispetto a K dell esercizio I ricavi al 31 dicembre 2010 sono pari a K, rispetto a K al 31 dicembre La redditività operativa del Gruppo si attesta al 10,7%, in linea con l esercizio Gli ordini al 31 dicembre 2010 ammontano a K rispetto a K al 31 dicembre 2009 con un incremento di K. Al riguardo si segnalano: Per l Unità Transportation Solutions, acquisizioni per K, riferibili principalmente all aggiudicazione della gara per la costruzione della nuova linea della Metropolitana di Copenhagen Ring ( K ), al relativo contratto per l Operation and Maintenance ( K ) e all acquisizione del contratto per l Operation and Maintenance delle linee esistenti della città di Copenhagen ( K ). Per l Unità Signalling acquisizioni per K riferibili, principalmente, al contratto relativo alla linea ferroviaria libica Sirth-Bengazi per K, a contratti acquisiti in Italia per K ed a contratti acquisiti negli Stati Uniti, Brasile, Cina ed Australia per il residuo. Il valore del backlog al 31 dicembre 2010, pari a K, riflette l andamento delle acquisizioni e presenta un incremento del 21% rispetto a quello consuntivato alla fine dell anno 2009, pari a K. I dati sopra esposti, sono l evidenza di un esercizio sociale che si può ritenere ampiamente soddisfacente sotto il profilo della crescita, della redditività, della solidità patrimoniale e finanziaria dell azienda. Le azioni intraprese ed i risultati conseguiti nel corso dell esercizio hanno posto le premesse per la prosecuzione di un trend positivo per il Gruppo anche nell immediato futuro. In particolare, per quanto riguarda l Unità Transportation Solutions, le eccezionali acquisizioni degli anni precedenti, supportate da un ottimo livello di acquisizioni anche nel periodo analizzato, fanno si che il backlog superi il valore già considerevole rilevato alla fine del 2009 e si attesti a K ; si attende uno sviluppo significativo di questo business nell arco del prossimo triennio. Relativamente all Unità Signalling, l anno 2010 è stato caratterizzato da un notevole ampliamento geografico del mercato potenziale, che ha già portato a risultati importanti in termini di acquisizione di nuovi ordini in paesi ed in segmenti di business particolarmente importanti. Il backlog al per l Unità Signalling si attesta a K ( K al ). La solida competenza già acquisita (ERTMS e ATC driverless) ed in corso di ulteriore consolidamento (CBTC), nelle tecnologie strategiche del settore, la peculiare distribuzione geografica del Gruppo a livello mondiale e gli ulteriori sforzi di penetrazione commerciale in nuove aree caratterizzate da elevati tassi di crescita (Europa Centrale ed Orientale, Medio ed Estremo Oriente) confermano il favorevole posizionamento competitivo del Gruppo e consentono di guardare al futuro con ragionevole serenità, a meno di sconvolgimenti dello scenario politico o macroeconomico che risultano al momento di incerta determinazione. L ultimo piano strategico elaborato dalla società, e reso noto alla comunità finanziaria nel mese di dicembre 2010, si basa sull ipotesi di un ulteriore sviluppo degli ordini e dei ricavi nel corso del prossimo triennio. Questa ipotesi appare credibile, in primo luogo perché il mercato di riferimento è stimato in crescita (da parte degli analisti più accreditati ad un tasso medio annuo dell ordine del 4,5%), sia perché l azienda ha la concreta possibilità di aumentare la sua quota di mercato, in virtù del suo peculiare business model e dei vantaggi competitivi, tecnologici e di presenza sui mercati internazionali, sopra accennati. Di contro a queste prospettive positive vanno considerati alcune possibili minacce. In primo luogo, si assiste all accentuarsi della dinamica competitiva, per effetto dei processi di globalizzazione dei mercati e di standardizzazione dei prodotti. Per contrastare gli effetti della conseguente contrazione dei prezzi di vendita, la società ha lanciato un programma di riduzione dei costi, esterni ed interni, in maniera da salvaguardare nei prossimi anni i margini unitari. Potenzialmente più grave, perché difficilmente contrastabile, risulta la minaccia di deterioramento dello scenario politico e macroeconomico, soprattutto nei mercati emergenti nei quali la società ha effettuato recentemente gli sforzi di penetrazione più consistenti: si pensi al Medio Oriente e alla Libia in particolare. L evoluzione degli avvenimenti di destabilizzazione in corso al momento della redazione di questo documento e le conseguenze sulle prospettive del business di Ansaldo STS sono di difficile previsione, almeno allo stato attuale. Dal punto di vista di struttura societaria e di governance del gruppo si segnala quanto segue: Nel corso del mese di dicembre 2009 è stata costituita una nuova società in Brasile denominata Ansaldo STS Sistemas de Transporte e Sinalização Ltda., il cui capitale è stato versato nel corso del La società è consolidata con il metodo del Patrimonio Netto. La controllata cinese Ansaldo Railway System Technical Service (Beijing) Ltd. ha cambiato la propria denominazione sociale in Ansaldo System Trading (Beijing) Ltd.. A partire da dicembre 2010 la Kazakhstan TZ-Ansaldo STS LLP (Joint venture sottoposta a controllo congiunto, come previsto nei patti parasociali) costituita assieme alla società JSC Remlokomotiv, è consolidata con il metodo proporzionale. La quota di possesso è pari al 49%. Nel corso dell esercizio, Ansaldo STS, per il tramite della propria controllata Ansaldo STS Australia, ha acquistato da Corridor Infrastructure Development Holdings (Pty) Ltd il 49,3% delle azioni da quest ultima possedute in Ansaldo STS-Infradev South Africa (Pty) Ltd. giungendo così a detenere la totalità delle azioni della società sudafricana. In data 21 giugno 2010 la società ha modificato la propria denominazione sociale in Ansaldo STS South Africa (Pty) Ltd. 5

8 Andamento economico e situazione finanziaria del Gruppo Risultati Economico Patrimoniali del Gruppo Dal punto di vista organizzativo il 2010 è stato caratterizzato dalla piena attuazione del progetto denominato Fast Forward Driven by Business (in sigla FFDB), che, deciso nel 2008 e definito in dettaglio durante tutto il 2009, ha trasformato Ansaldo STS S.p.A. dalla originaria configurazione di capogruppo finanziaria e strategica in una società operativa, nelle cui strutture aziendali sono state accentrate tutte le responsabilità di business. Questo processo, già avviato nel 2009 con la fusione per incorporazione delle precedenti controllate italiane Ansaldo Segnalamento Ferroviario S.p.A. e Ansaldo Trasporti Sistemi Ferroviari S.p.A., è stato nel 2010 esteso a tutte le operazioni mondiali del gruppo, precedentemente gestite con ampi livelli di autonomia dalle affiliate estere. La nuova struttura organizzativa vede incardinate in Ansaldo STS S.p.A. le due divisioni responsabili dei business Signalling e Transportation Solutions, l unità Standard Platforms and Products e tutte le funzioni di staff. Conseguentemente, tutte le leve decisionali ed operative sono state accentrate a livello globale in Ansaldo STS S.p.A.. Le affiliate estere hanno un ruolo di compliance locale, nonché di ausilio rispetto alla implementazione della strategia globale. L obiettivo principale è quello di garantire il massimo dell efficienza e dell efficacia del Gruppo in un contesto competitivo caratterizzato da fenomeni di globalizzazione sempre più evidenti. Risultati Economico Patrimoniali del Gruppo (Ke) Variazione Ordini Portafoglio ordini Valore della Produzione Risultato Operativo (EBIT) EBIT Adjusted Risultato Netto Capitale Circolante netto ( ) ( ) Capitale Investito netto Posizione Finanziaria Netta (creditoria) ( ) ( ) (39.289) Free Operating Cash Flow (48.445) R.O.S. 10,7% 10,6% 0,1 p.p. R.O.E. 27,8% 32,5% -4,7 p.p. V.A.E Ricerca e Sviluppo Organico (n.) (122) L anno 2010 chiude con un utile netto consolidato di K rispetto al valore di K dell anno precedente. L aumento di K è dovuto all incremento del risultato operativo ( K ), all aumento degli oneri finanziari netti (3.595 K ) ed a maggiori imposte (1.310 K ). Il valore della produzione cresce del 9,2%, in linea con gli obiettivi, passando da K del 2009 a K del 2010 con un incremento, in valore assoluto, di K. L Unità Signalling incrementa il valore della produzione di K passando da K del 2009 a K del L Unità Transportation Solutions incrementa il valore della produzione di K passando da K del 2009 a K del Sono state altresì consuntivate rispetto al 2009 maggiori elisioni tra le due Unità per K (per i dettagli si rimanda al paragrafo 14). Valore della Produzione al 31 dicembre (M ) e contribuzione delle Unità Unità Signalling Unità Transportation Solutions % % dicembre dicembre 2009 Il Risultato operativo è stato pari a K rispetto a K dell anno precedente; la redditività percentuale risulta del 10,7% rispetto al 10,6% del In particolare: l Unità Signalling chiude l anno con un risultato operativo di K rispetto a K dell esercizio precedente, con un incremento di K ; l Unità Transportation Solutions presenta al 31 dicembre 2010 un risultato operativo pari a K rispetto a K dell esercizio precedente, con un incremento di K. 6

9 Signalling and Transportation Solutions Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2010 EBIT e ROS al 31 dicembre (M ) 137,1 125,1 31 dicembre dicembre ,7% 10,6% Al fine di fornire un ulteriore informativa sulla situazione economica, patrimoniale e finanziaria del Gruppo, sono stati di seguito predisposti i prospetti di riclassificazione Conto Economico, Stato Patrimoniale, Indebitamento Finanziario Netto e Cash Flow. Conto Economico (Ke) Ricavi (*) Valore della produzione Costi per acquisti e per il personale (**) ( ) ( ) Ammortamenti (13.215) (11.825) Svalutazioni (6.430) (1.819) Altri ricavi (costi) operativi netti (***) Variazione dei prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti EBIT Adjusted Costi di ristrutturazione (2.346) (1.495) Risultato Operativo (EBIT) Proventi (oneri) finanziari netti (3.854) (259) Imposte sul reddito (38.303) (36.993) Utile (Perdita) Netto di cui Gruppo di cui Terzi Utile per azione Base e Diluito 0,79 0, Rideterminato in seguito all aumento gratuito di capitale sociale del 5 luglio Note di raccordo fra le voci del Conto Economico riclassificato ed il prospetto di Conto Economico: (*) Include le voci Ricavi e Ricavi da parti correlate. (**) Include le voci Costi verso parti correlate, Costi per acquisti, Costi per servizi e Costi per il personale, al netto della voce Costi capitalizzati per produzioni interne. (***) Include l ammontare netto delle voci Altri ricavi operativi, Altri ricavi operativi verso parti correlate, Altri costi operativi e Altri costi operativi da parti correlate. 7

10 Andamento economico e situazione finanziaria del Gruppo Situazione finanziaria Stato Patrimoniale (Ke) Attività non correnti Passività non correnti (46.183) (42.217) Rimanenze Lavori in corso su ordinazione Crediti commerciali Debiti commerciali ( ) ( ) Acconti da committenti ( ) ( ) Capitale circolante (90.915) ( ) Fondi per rischi ed oneri (22.417) (27.726) Altre attività (passività) nette (*) (40.921) (36.098) Capitale circolante netto ( ) ( ) Capitale investito netto patrimonio netto di Gruppo patrimonio netto di Terzi Patrimonio netto Indebitamento (disponibilità) finanziario netto ( ) ( ) Note di raccordo fra le voci dello Stato Patrimoniale riclassificato ed il prospetto di Stato Patrimoniale: (*) Include le voci Crediti per imposte dirette, i crediti diversi correnti verso parti correlate (inclusi nella voce Crediti correnti verso parti correlate ) e le Altre attività correnti, al netto delle voci Debiti per imposte dirette, dei debiti diversi correnti verso parti correlate (inclusi nella voce Debiti correnti verso parti correlate ), le Altre passività correnti ad eccezione dei crediti finanziari verso parti correlate (inclusi nella voce Crediti correnti verso parte correlate ). Il Capitale Investito Netto è pari a K rispetto a K dell anno precedente. La variazione di K è dovuta all incremento della parte non corrente per K e del Capitale Circolante Netto di K. La variazione del circolante è data dall effetto combinato dell incremento delle rimanenze lavori in corso e dei crediti commerciali e dall aumento dei debiti commerciali. La Posizione Finanziaria Netta creditoria (prevalenza dei crediti finanziari e disponibilità liquide sui debiti finanziari) è pari a K rispetto a K del 2009, con un incremento di K dopo il pagamento di dividendi per K, ( K nel 2009). Si precisa che, la posizione finanziaria al 31 dicembre 2010 ( K ) include per K l anticipo incassato dal cliente russo Zarubezhstroytechnology per il progetto, recentemente sottoscritto, di realizzazione di impianti di segnalamento, automazione, telecomunicazione, alimentazione, security e bigliettazione sulla tratta da Sirth a Benghazi in Libia. 2.2 Situazione finanziaria (Ke) Debiti finanziari a breve termine Debiti finanziari a medio/lungo termine Disponibilità liquide o equivalenti ( ) ( ) INDEBITAMENTO BANCARIO (DISPONIBILITÀ) ( ) ( ) Crediti finanziari verso parti correlate ( ) ( ) Altri crediti finanziari (21.212) (14.100) CREDITI FINANZIARI ( ) ( ) Debiti finanziari verso parti correlate - - Altri debiti finanziari a breve termine Altri debiti finanziari a medio/lungo termine ALTRI DEBITI FINANZIARI INDEBITAMENTO FINANZIARIO NETTO (DISPONIBILITÀ) ( ) ( ) Le disponibilità liquide al 31 dicembre 2010 ammontano a K. 8

11 Signalling and Transportation Solutions Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2010 Il Cash Flow al 31 dicembre 2010 è così composto: Cash Flow (Ke) Disponibilità liquide iniziali Flusso di cassa lordo da attività operative Variazioni delle altre attività e passività operative (50.311) (35.044) Funds From Operations Variazione del capitale circolante (41.717) Flusso di cassa generato (utilizzato) da attività operative Flusso di cassa da attività di investimento ordinario (6.983) (8.529) Free operating cash-flow Investimenti strategici - (3.210) Altre variazioni attività di investimento - - Flusso di cassa generato (utilizzato) da attività di investimento (6.983) (11.739) Dividendi pagati (30.982) (26.971) Flusso di cassa da attività di finanziamento (12.795) (26.894) Flusso di cassa generato (utilizzato) da attività di finanziamento (43.777) (53.865) Differenza di traduzione (348) Disponibilità liquide finali L esercizio 2010 si chiude con un incremento netto delle disponibilità liquide pari a K rispetto allo stesso periodo dell esercizio precedente. Le principali variazioni del Cash Flow sono le seguenti: flusso di cassa generato da attività operative pari a K, in diminuzione rispetto al corrispondente periodo dell esercizio precedente per K, da attribuirsi principalmente alla variazione del Capitale Circolante che risente dell aumento dei crediti commerciali ( K ), dai lavori in corso su ordinazione ( K ) e dalle rimanenze ( K ) parzialmente controbilanciato dall incremento dei debiti commerciali ( K ); flusso di cassa utilizzato in attività di investimento per K, in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell esercizio precedente per K ( K al 31 dicembre 2009); flusso di cassa utilizzato da attività di finanziamento per K rispetto a K di flusso utilizzato al 31 dicembre 2009; la variazione è principalmente riconducibile ad una riduzione delle posizioni di credito del periodo dicembre 2010 dicembre 2009 rispetto al periodo dicembre dicembre 2008; si registra inoltre un incremento per maggiori dividendi pagati: K nel 2010, K nel Il Free Operating Cash Flow (FOCF) ante investimenti strategici dell esercizio in esame è pari a K, contro K al 31 dicembre 2009; la variazione è di K, come analizzato in precedenza. 2.3 Indicatori alternativi di performance non-gaap Il management di Ansaldo STS (di seguito anche ASTS) valuta le performance economico-finanziarie del Gruppo e dei segmenti di business anche sulla base di alcuni indicatori non previsti dagli IFRS. Di seguito sono descritte, così come richiesto dalla Comunicazione CESR/ b, le componenti di ciascuno di tali indicatori: EBIT: è pari al risultato ante imposte ed ante proventi e oneri finanziari, senza alcuna rettifica. Dall EBIT sono esclusi anche proventi ed oneri derivanti dalla gestione di partecipazioni non consolidate e titoli, nonché i risultati di eventuali cessioni di partecipazioni consolidate, classificati negli schemi di bilancio all interno dei proventi ed oneri finanziari o, per i risultati delle sole partecipazioni valutate secondo il metodo del Patrimonio Netto, all interno della voce effetti della valutazione delle partecipazioni con il metodo del Patrimonio Netto. EBIT Adjusted (Adj): è ottenuto depurando l EBIT, così come in precedenza definito, dai seguenti elementi: - eventuali impairment dell avviamento; - ammortamenti della porzione di prezzo di acquisto allocato ad immobilizzazioni immateriali nell ambito di operazioni di business combination, così come previsto dall IFRS3; - oneri di ristrutturazione, nell ambito di piani definiti e rilevanti; - altri oneri o proventi di natura non ordinaria, riferibile, cioè, ad eventi di particolare significatività non riconducibili all andamento ordinario dei business di riferimento. 9

12 Andamento economico e situazione finanziaria del Gruppo Operazioni con parti correlate La riconciliazione tra il risultato prima delle imposte e delle partite finanziarie e l EBIT Adjusted per gli esercizi a confronto è di seguito presentata: (Ke) Risultato prima delle imposte, dei proventi e oneri finanziari e dei riflessi delle partecipazioni valutate secondo il metodo del Patrimonio Netto (EBIT) Impairment avviamento - - Ammortamento immobilizzazioni immateriali acquisite in sede di business combination - - Costi di ristrutturazione Totale costi (proventi) di natura non ordinaria - - EBIT Adjusted Free Operating Cash-Flow (FOCF): è ottenuto come somma del Cash-Flow generato (utilizzato) dalla gestione operativa e del Cash- Flow generato (utilizzato) dall attività di investimento e disinvestimento in immobilizzazioni materiali ed immateriali ed in partecipazioni, al netto dei flussi di cassa riferibili ad operazioni di acquisto o cessione di partecipazioni che, per loro natura o per rilevanza, si configurano come investimenti strategici. La modalità di costruzione del FOCF per gli esercizi presentati a confronto è presentata all interno del Cash-Flow riclassificato riportato nel paragrafo 2.2. Funds From Operations (FFO): è dato dal Cash-Flow generato (utilizzato) dalla gestione operativa, al netto della componente rappresentata da variazioni del Capitale Circolante. La modalità di costruzione del FFO per i periodi presentati a confronto è presentata all interno del Cash-Flow riclassificato riportato nel paragrafo 2.2. Valore Aggiunto Economico (VAE): è calcolato come differenza tra l EBIT al netto delle imposte ed il costo del valore medio del capitale investito nei due periodi presentati a confronto, misurato sulla base del costo ponderato del capitale (WACC). Capitale Circolante Operativo: include crediti e debiti commerciali, rimanenze, lavori in corso, acconti da committenti e fondi rischi ed oneri. Capitale Circolante Netto: è dato dal Capitale Circolante Operativo al netto delle altre attività e passività correnti. Capitale Investito Netto: è definito come la somma algebrica delle attività non correnti, delle passività non correnti e del Capitale Circolante Netto. Indebitamento (disponibilità) Netto o Posizione Finanziaria Netta: lo schema per il calcolo è conforme a quello previsto dal paragrafo 127 delle raccomandazioni del CESR/05-054b implementative del Regolamento CE 809/2004. Ordini: è dato dalla somma dei contratti sottoscritti con la committenza nel periodo considerato che abbiano le caratteristiche contrattuali per essere iscritti nel libro degli ordini. Portafoglio ordini: è dato dalla differenza tra gli ordini acquisiti ed il valore della produzione del periodo di riferimento, al netto della variazione dei lavori in corso su ordinazione. Tale differenza andrà aggiunta al portafoglio del periodo precedente. Organico: è dato dal numero dei dipendenti iscritti a libro matricola all ultimo giorno del periodo considerato. Return on Sales (ROS): è calcolato come rapporto tra l EBIT ed i ricavi. Return on Equity (ROE): è calcolato come rapporto tra il risultato netto ed il valore medio del patrimonio netto nei due periodi presentati a confronto. Costi di Ricerca e Sviluppo: sono la somma dei costi sostenuti per la ricerca e lo sviluppo, spesata e venduta. I costi per la ricerca spesata normalmente sono quelli riferiti alla cosiddetta tecnologia di base, ossia diretti al conseguimento di nuove conoscenze scientifiche e/o tecniche applicabili a differenti nuovi prodotti e/o servizi. I costi di ricerca venduta sono quelli commissionati dal Cliente a fronte dei quali esiste uno specifico ordine di vendita e che hanno un trattamento contabile e gestionale identico ad una fornitura ordinaria (commessa di vendita, redditività, fatturazione, anticipi, ecc). 2.4 Operazioni con parti correlate Le operazioni effettuate con parti correlate sono riconducibili ad attività che riguardano la gestione ordinaria e sono regolate alle normali condizioni di mercato (ove non regolate da specifiche condizioni contrattuali), così come sono regolati i debiti e i crediti produttivi di interessi. Tali operazioni riguardano principalmente lo scambio di beni, le prestazioni di servizi e la provvista e l impiego di mezzi finanziari da e verso la controllante, imprese collegate, detenute in controllo congiunto (joint venture), consorzi, nonché le imprese controllate non consolidate. Non vi sono operazioni qualificabili come atipiche e/o inusuali 1. Di seguito si riepilogano i valori dei rapporti verso le parti correlate (il dettaglio è riportato nelle Note esplicative al bilancio 15 e 16) al 31 dicembre 2010 e Come definite nella Comunicazione CONSOB n. DEM/ del

13 Signalling and Transportation Solutions Bilancio Consolidato al 31 dicembre (Ke) Controllante Controllate non consolidate Collegate Joint venture (*) Consorzi (**) Altre Gruppo Crediti non correnti -finanziari altri Crediti correnti -finanziari commerciali altri Debiti non correnti -finanziari altri Debiti correnti -finanziari commerciali altri Garanzie (K e) Controllante Controllate non consolidate Collegate Joint venture (*) Consorzi (**) Altre Gruppo Ricavi Altri Ricavi Operativi Costi Proventi Finanziari Oneri finanziari Altri Costi Operativi (*): valori riferiti alla quota non elisa per effetto del consolidamento proporzionale. (**): consorzi su cui si esercita una influenza notevole o sottoposti a controllo congiunto (Ke) Controllante Controllate non consolidate Collegate Joint Venture (*) Consorzi (**) Altre Gruppo Crediti non correnti - finanziari altri Crediti correnti - finanziari commerciali altri Debiti non correnti - finanziari altri Debiti correnti - finanziari commerciali altri Garanzie (Ke) Controllante Controllate Collegate Joint Venture (*) Consorzi (**) Altre Gruppo Ricavi Altri ricavi operativi Costi (368) Proventi finanziari Oneri finanziari (237) - - (59) Altri costi operativi (*): valori riferiti alla quota non elisa per effetto del consolidamento proporzionale. (**): consorzi su cui si esercita una influenza notevole o sottoposti a controllo congiunto. Si ricorda infine che, nell ambito delle regole di corporate governance di cui si è dotato il Gruppo, sono stati previsti specifici principi di comportamento per assicurare che eventuali operazioni tra parti correlate vengano effettuate nel rispetto di criteri di correttezza procedurale e sostanziale. Tutte le operazioni con la Capogruppo e le entità correlate sono avvenute alle normali condizioni di mercato. Totale Totale Totale Totale 11

14 Andamento economico e situazione finanziaria del Gruppo Andamento della gestione 2.5 Andamento della gestione Scenario di mercato e situazione commerciale Unità Signalling Gli ordini acquisiti al 31 dicembre 2010 ammontano a 890 M in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell anno precedente che aveva fatto registrare una performance assolutamente eccezionale rispetto al trend tipico del settore, pari a M. Il valore del backlog al 31 dicembre 2010 ammonta a M rispetto ad un valore di M al 31 dicembre Di seguito si evidenziano i principali eventi commerciali fino al quarto trimestre del 2010, riferiti all Unità Signalling. ITALIA L Italia consuntiva a dicembre 2010 un ammontare complessivo di ordini pari a circa 200 M, tra i quali si evidenziano i contratti per l aggiornamento dei posti periferici nella metropolitana di Genova e l attività di installazione e verifica degli apparati ATC (bordo treno), quello relativo all attrezzaggio dei treni alta velocità Zefiro per circa 29,5 M oltre all acquisizione del sistema ACC del nodo ferroviario di Genova per circa 43,7 M. Buoni risultati sono stati consuntivati anche nel settore della componentistica e dei servizi di manutenzione di linee ed impianti esistenti (28,5 M ). Tra le attività commerciali in corso sul mercato italiano, si segnala l offerta relativa al progetto per il rinnovo degli impianti di segnalamento ed automazione per la direttrice Torino-Padova, la cui aggiudicazione, a favore di Ansaldo STS, è avvenuta nel mese di febbraio RESTO D EUROPA Il valore degli ordini assunti è pari a circa 45 M. La definitiva aggiudicazione del progetto relativo alla Red Line di Stoccolma in Svezia per apparati con tecnologia CBTC non è ancora stata ottenuta a causa di un ricorso presentato da un concorrente. Tra i principali ordini acquisiti si segnala il potenziamento del sistema Centrale di Controllo del Traffico (CTC) di Boden in Svezia, la vendita in Francia di componenti e di servizi di manutenzione delle linee esistenti per un valore cumulato di circa M 32, la variante per un progetto in corso sulla linea convenzionale Mersin - Toprakkale in Turchia. NORD AMERICA Il valore degli ordini assunti è pari a circa 154 M. In particolare si evidenziano gli ordini relativi all attività di vendita di componenti che complessivamente ammontano a circa 40 M per il settore ferroviario dei passeggeri e circa 17 M per il settore ferroviario delle merci. Nel settore mass transit, sono stati acquisiti importanti ordini per la metro di Washington relativamente alla linea Blue/Orange, alla linea Red e a quella serie 7000, per complessivi circa 40 M, oltre ad una importante variante per impianti di automazione ferroviaria convenzionale per UP CADX. NORD AFRICA E MEDIO ORIENTE Gli ordini ottenuti nel 2010 ammontano a 202 M, relativi all importante contratto acquisito in Libia (Sirth - Bengazi) per l attrezzaggio di una nuova linea con tecnologie ERTMS, Interlocking multi-stazione, apparati di terra, sistemi di automazione e security per il controllo degli accessi e di anti-intrusione. ASIA PACIFICO E SUD AFRICA L area ha consuntivato un ammontare di ordini complessivo pari a circa 240 M. In Australia, i principali ordini 2010 hanno riguardato la North Alliance (ARTC) per reti ferroviarie passeggeri convenzionali e per reti ferroviarie merci. Altri contratti sono stati acquisiti con Fortescue Metals Group (FMG) per linee merci e con Queensland Rail sia per linee merci sia per linee passeggeri, così come per linee merci e vendite di componenti alla compagnia mineraria Rio Tinto. Tra i contratti acquisiti in India si evidenziano nel settore metropolitano quello relativo alle variazioni della 3 linea di KFW per l ammodernamento di linee convenzionali per passeggeri e merci. In Malesia sono continuate le attività di ingegneria per la realizzazione del potenziamento della tratta ferroviaria per passeggeri a Nord del paese (Malaysian North Double Tracking MNDT) mentre in Botswana è stato raggiunto l accordo per un importante contratto di manutenzione ferroviaria. Tra gli ordini più significativi acquisiti in Cina si evidenziano nel settore ferroviario quelli relativi alla vendita di apparati di bordo completi (ATP C3) e di componenti per linee convenzionali e ad alta velocità, nel settore metropolitano quelli afferenti la realizzazione della linea 1 di Harbin e della linea 2 di Chengdu. Infine in Kazakhstan si evidenziano i contratti per la fornitura di apparati ERTMS livello 1 sulla linea ferroviaria Korgas Zhetygen e di un impianto di automazione per un valore di circa M 46. SUD AMERICA In Brasile il contratto più significativo acquisito nel 2010 è relativo al settore ferroviario convenzionale per la fornitura di casse di manovra per VALE. 12

15 Signalling and Transportation Solutions Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2010 Unità Transportation Solutions Gli ordini acquisiti al 31 dicembre 2010 ammontano a M e presentano un incremento dell 80,7 % rispetto allo stesso periodo dell anno precedente (632 M al 31 dicembre 2009). Il valore del backlog al 31 dicembre 2010 ammonta a M rispetto ad un valore di M al 31 dicembre Di seguito si evidenziano gli eventi rilevanti dell anno 2009 per le Aree nelle quali opera questa unità. ITALIA In Italia l acquisizione più significativa del 2010 è avvenuta a giugno ed è relativa alla Linea 6 di Napoli per un valore di 160 M. Altri due ordini significativi sono relativi a Metro Genova e più precisamente all ampliamento del deposito di Dinegro e alla fornitura di sette nuovi treni per un valore rispettivamente di 42 M e 32 M. A giugno 2010 è stato inoltre firmato il contratto per l estensione della Linea B1 di Roma per un valore di 7 M. In totale, il valore degli ordini acquisiti al 31 dicembre 2010 in Italia ammonta a circa 287 M rispetto a 169 M al 31 dicembre RESTO D EUROPA L acquisizione più significativa in Europa è avvenuta a dicembre 2010 ed è relativa alla nuova linea metropolitana di Copenhagen denominata Cityringen; il contratto, avente un valore complessivo di 577 M, prevede la realizzazione degli impianti tecnologici dell intero sistema (per un valore di 344 M ) e l esercizio e la manutenzione per 5 anni (per un valore di 232 M ) con un opzione per ulteriori 3 anni. Con questo progetto, Ansaldo STS rafforza ulteriormente la sua presenza nel Paese, dove in passato ha già realizzato l esistente metropolitana driverless di cui è anche Operator. In totale il valore degli ordini acquisiti al 31 dicembre 2010 nell Area Resto Europa ammonta a 798 M rispetto ai 10 M al 31 dicembre NORD-AFRICA E MEDIO ORIENTE Il Qatar, per quanto riguarda il Medio Oriente, è uno dei Paesi del Golfo con il più ambizioso piano infrastrutturale che prevede nei prossimi anni numerosi progetti per la realizzazione di metro ed LRT. Al momento Ansaldo STS sta partecipando alla gara relativa al Tramway di Lusail dove è prevista la soluzione senza catenaria tramwave. In Libia, già nel 2009 Ansaldo STS aveva partecipato alla gara per la realizzazione di un sistema metropolitano driverless a Tripoli, presentando offerta in raggruppamento con alcune imprese Italiane ed Ansaldo Breda; attualmente l iniziativa e la valutazione delle offerte sono in stand-by. Il valore degli ordini acquisiti al 31 dicembre 2010 ammonta a 41 M rispetto a 193 M al 31 dicembre ASIA PACIFICO E SUD AFRICA A novembre è stato firmato in Australia un accordo quadro Framework Agreement relativo all estensione del Rio Tinto Freight Railway, di cui si prevede un primo contratto applicativo già nel primo trimestre del 2011 ed un successivo entro la fine del Ulteriori contratti applicativi, relativi allo stesso accordo quadro, sono previsti suddivisi in vari anni fino al In India sono attesi nei prossimi anni numerosi progetti per quanto riguarda i segmenti Mass Transit e Freight Railway. Tale Paese potrebbe diventare un interessante area di business per Ansaldo STS; l obiettivo è quello di iniziare a conoscere il mercato e le sue dinamiche in modo da poter sfruttare al meglio i futuri sviluppi commerciali. Il valore degli ordini acquisiti al 31 dicembre 2010 ammonta a 16 M rispetto a 261 M al 31 dicembre NORD AMERICA In questa regione Ansaldo STS sta muovendo i primi passi nel settore Transportation Solutions. È infatti in corso la gara per la realizzazione della Metro Driverless di Honolulu, per la quale è stata presentata offerta nel mese di giugno 2010, con successive integrazioni ed aggiornamenti che si sono protratti fino alla fine dell anno; è attualmente in corso la valutazione da parte del cliente. Al 31 dicembre 2010, così come per il 2009, non sono state registrate acquisizioni di nuovi ordini. 13

16 Andamento economico e situazione finanziaria del Gruppo Andamento della gestione Informazioni commerciali Gli ordini acquisiti al 31 dicembre 2010 ammontano a complessivi M rispetto a M dell esercizio 2009, con un incremento di 199 M (+11,1%). Gli ordini acquisiti dall Unità Signalling ammontano a 890 M mentre l Unità Transportation Solutions ha acquisito ordini per (tali valori sono esposti al lordo delle elisioni inter business unit). Di seguito evidenziamo i principali ordini acquisiti dall Unità Signalling nel corso del 2010: Paese Progetto Cliente Valore (M ) Libia Sirti Bengazi line RDZ 201,8 Australia ARTC various projects ARTC 83,7 Kazakhstan Korgas Zhetygen (300 km) KDZ 45,6 USA UP CAD-X OTP (Settlement) Union Pacific 44,7 Italia ACC Nodo di Genova RFI 43,7 Italia On Board HSL Zephiro Train Ansaldo Breda 29,5 Italia ATC Wayside + On Board - varianti RFI 20,3 USA WMATA Blue / Orange Line WMATA 20,0 Brasile Vale Switch Machines Vale 18,0 Italia HSL variation orders RFI 13,8 USA WMATA 7000 CAB Series WMATA 12,8 China Chengdu Line 2 Insigma 11,6 China 380 ATP C3 (1st lot for 120 OBU) Hollysis 8,1 USA WMATA Red Line rehab WMATA 8,0 Korea Rotem 56 electric loco Hyundai Rotem 7,1 Italia ACC variation orders RFI 6,7 Australia Rio Tinto various projects (n.6 orders) Rio Tinto 6,3 Italia ATC Wayside: reconfig. Verona, Firenze RFI 5,1 India KfW variation orders KfW 3,9 Australia FMG various orders FMG 3,7 USA Components, Service & Maintenance Various 62,8 Italia Components, Service & Maintenance Various 33,9 Francia Components, Service & Maintenance Various 32,4 Australia Components, Service & Maintenance Various 9,7 Di seguito evidenziamo i principali ordini acquisiti dall Unità Transportation Solutions nel corso dell esercizio 2010: Paese Progetto Cliente Valore (M ) Danimarca Copenhagen Supply Ring Metroselskabet 344,4 Danimarca Copenhagen O&M Ring Metroselskabet 232,4 Danimarca Copenhagen Existing Line O&M Metroselskabet 220,8 Italia Napoli Linea 6 Mostra Arsenale Naples Municipality 160,5 Italia Metro Genova deposito Genoa Municipality 42,4 Italia Metro Genova veicoli Genoa Municipality 31,6 Australia Various Rio Tinto projets Rio Tinto 16,0 Italia Napoli Alifana Consortile - variation Alifana 10,6 Italia Roma Metro Linea B1 Salini 7,4 Danimarca Copenhagen Existing Line O&M - variation Metroselskabet 6,7 Italia HSL variations IRICAV / SATURNO 5,6 Italia Napoli Linea 6 - variation Naples Municipality 4,9 Italia Napoli Alifana Segnalamento - variation Alifana 4,8 14

17 Signalling and Transportation Solutions Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2010 Ordini al 31 dicembre 2010 e 2009 (M ) e contribuzione delle Unità Unità Signalling Unità Transportation Solutions % % dicembre dicembre 2009 Il portafoglio ordini al 31 dicembre 2010 è pari a complessivi M con un incremento di 792 M rispetto al 31 dicembre 2009 (pari al 21%). Il portafoglio ordini dell Unità Signalling al 31 dicembre 2010 ammonta a M (1.909 M al netto dei rapporti con l Unità Transportation Solutions). Il portafoglio ordini dell Unità Transportation Solutions al 31 dicembre 2010 ammonta a M (2.642 M al netto dei rapporti con l Unità Signalling). Portafoglio ordini al 31 dicembre (M ) e contribuzione delle Unità Unità Signalling Unità Transportation Solutions dicembre 2010 % % dicembre Signalling - Andamento per Unità (Ke) Variazione Ordini ( ) Portafoglio ordini Valore della produzione Risultato operativo (EBIT) R.O.S. 12,4% 12,3% +0,1 p.p. Capitale Circolante Netto 300 (49.198) (*) (*) Ricerca e Sviluppo Addetti (n.) (*) (189) (*) I valori espressi nella presente tabella sono comprensivi dei rapporti con gli altri settori di attività (*) Tali valori sono stati oggetto di restatement a seguito dell adozione del nuovo Modello di Controllo approvato nell ambito del progetto Fast Forward Driver By Business (FFDB). L Unità Signalling opera a livello internazionale nell ambito della progettazione e realizzazione di sistemi e componenti di segnalamento ferroviario e metropolitano mediante quattro società operative di riferimento: l italiana Ansaldo STS S.p.A. con siti a Genova, Napoli, Torino e Tito Scalo; l americana Ansaldo STS USA, con siti a Pittsburgh (Pennsylvania) ed a Batesburg (Carolina del Sud); la francese Ansaldo STS France, con siti a Parigi e Riom; l australiana Ansaldo STS Australia con sede a Brisbane (Australia). Il Gruppo possiede, inoltre, società operative minori in Germania, Kazakistan, Finlandia, Svezia, Irlanda, Regno Unito, Spagna, Cina, India, Malesia, Sud Africa, Botswana e Brasile nonché numerose stabili organizzazioni e collaborazioni con altri paesi quali Corea, Libia e Turchia. Tra i principali progetti cui l Unità partecipa o ai quali ha partecipato, realizzandoli nel loro complesso o parzialmente, si segnalano: l installazione di sistemi computerizzati di Interlocking nelle principali stazioni ferroviarie italiane (Roma Termini, Pisa, Venezia Mestre, Milano Rogoredo) ed estere (Manchester Sud e snodo Sandbach-Winslow); la realizzazione dei sistemi di Signalling per le metropolitane automatiche di Copenhagen, Brescia e per le metropolitane di New York, Los Angeles (Green Line), Shanghai (Linea 2) e Tianjin/Binhai (Cina); la realizzazione degli impianti elettro-ferroviari della metropolitana di Milano linea 3, dei sistemi di Signalling completi sulle linee ferroviarie di Rawang Ipoh (Malesia) e Hammersley Iron (Australia); 15

18 Andamento economico e situazione finanziaria del Gruppo Andamento della gestione la realizzazione dei sistemi di Signalling sui treni ad Alta Velocità sulle linee francesi (TGV), sulla linea spagnola Madrid-Lerida, sulla linea coreana Seoul-Taegu, su quella cinese Qinhuangdao-Shenyang, mentre in Italia il Gruppo attualmente partecipa alla realizzazione dell Alta Velocità (tratta Milano - Bologna, Torino - Novara) fornendo, attraverso il consorzio Saturno, sistemi di Signalling; la realizzazione del sistema di segnalamento, telecomunicazioni, security e power supply per un totale di M 541 per le sezioni di Ras Ajdir Sirt (circa 650 km) e Al Hishah Sabha (circa 800 km) in Libia. Dal primo gennaio 2010 è diventata operativa la nuova struttura organizzativa basata su una maggiore centralizzazione delle decisioni e degli indirizzi strategici per Business Unit, rispetto ai quali le società locali diventano strumento attuativo e di presidio dei mercati. Il valore della produzione al 31 dicembre 2010 relativamente all Unità Signalling è pari a K con un aumento rispetto all esercizio precedente ( K ). Il risultato operativo (EBIT) relativo all Unità Signalling al 31 dicembre 2010 è pari a K (12,4% del valore dei ricavi) mentre era di K al 31 dicembre 2009 (12,3% del valore dei ricavi); tale incremento è conseguenza dei maggiori volumi sviluppati. Gli eventi produttivi più significativi che si sono verificati nel corso dell esercizio 2010 possono essere così sintetizzati per i principali mercati: ITALIA RAILWAYS - ALTA VELOCITÀ La produzione si è basata principalmente sui seguenti progetti: Alta velocità Bologna - Firenze: completamento della tratta ed inizio attività di seconda fase della parte IEG (Impianti di Emergenza in Galleria). È in corso di negoziazione la definizione delle attività per il Passante di Bologna (tratto di ferrovia AV di lunghezza pari a circa 20 Km che lega la tratta Milano - Bologna alla tratta Bologna - Firenze). Alta Velocità Milano-Bologna: Sono state consegnate le interconnessioni di Parma e Fidenza ed è stata attivata a fine dicembre quella di Parma come prima fase. Nell ultimo trimestre del 2010 è stata attivata anche l interconnessione di Melegnano. Alta Velocità Roma-Napoli: l attivazione dell impianto di Pignataro è stata rinviata su richiesta del Cliente e sono state prodotte le apparecchiature da montare negli altri N. 10 PPF (Posti Periferici Fissi) che bisogna upgradare. Relativamente al progetto Itarus in Russia, è stata completata nell ultimo trimestre la realizzazione del simulatore ed è stato prodotto il Radio Block Center (RBC) che verrà collaudato e spedito nel primo trimestre del 2011, assieme al simulatore. Da segnalare la sigla in Russia di un accordo fra le Ferrovie Russe ed Ansaldo STS che prevede la costituzione di una JV e la realizzazione di Impianti Ferroviari di Segnalamento nei prossimi 5 anni. Merita di essere qui menzionato il progetto per la ZhengXi Line in Cina che, dopo aver completato con successo la prima fase, ha iniziato le attività di assistenza. Sono in corso Test di Interoperabilità per dimostrare al Cliente che il prodotto sia pienamente funzionale nell interfacciarsi con sistemi simili, già installati su altre linee da altri competitors. RAILWAYS - SCMT ON BOARD/ERTMS La produzione ha riguardato principalmente le attività di fornitura di attrezzature alla flotta Trenitalia ed il proseguimento delle attività di attrezzaggio per altre imprese ferroviarie italiane quali Metrocampania Nord Est, Ferrovie del Gargano, Ferrovia Trento-Malè, Ferrovia Adriatica Sangritana e Ferrovia Centrale Umbra. Sono inoltre state avviate le attività di progettazione ed approvvigionamento per le nuove carrozze doppio piano Vivalto, nonché quelle relative alla progettazione di sistemi per i nuovi treni ad alta velocità V300 Zefiro. Altri significativi contributi ai risultati di periodo derivano da contratti con produttori di veicoli quali Ansaldobreda, Stadler, Vossloh, Siemens. Infine, sono state implementate ulteriori azioni per favorire la ripresa dei lavori per il contratto con le ferrovie greche. RAILWAYS - ACC Sono proseguite le attività sui progetti più importanti quali Rho, Pisa, Mestre e nell ultimo trimestre 2010 sono state attivate le prime fasi degli impianti di Pisa e Mestre, la fase definitiva per Rho e la riconfigurazione dell ACC di Gianturco. Sul programma di ammodernamento CTC, che coinvolge diversi comparti RFI, l evento degno di nota è la consegna di SCC Adriatica, progetto che nel corso dell anno ha dato il maggior contributo in termini di attività e volumi economici. Si avviano a conclusione altri impianti SCC e CTC di rilievo (nodo di Napoli, CTC Battipaglia Potenza, CTC Taranto Brindisi). Nel corso dell anno sono inoltre avanzate le attività sui progetti esteri, basati sia su tecnologia tradizionale sia su ERTMS, in particolare: in Turchia, il progetto Mersin è avanzato in maniera significativa nelle attività di progettazione e di produzione per la parte di Interlocking ed un importante contributo al risultato dell anno è dovuto alla produzione e approvvigionamento dei materiali necessari agli enti di piazzale e per l alimentazione. Da segnalare, infine, il consistente avanzamento dei lavori in sito per la costruzione degli edifici e della linea ferroviaria stessa. in Tunisia, nel mese di dicembre è stato attivato con successo il nuovo ACC della stazione nell ambito del progetto Banlieu Sud de Tunis, mentre restano da completare le attività relative alla parte di automazione e di protezione da Trazione Elettrica; in Romania, proseguono le attività di messa in servizio e si segnala l attivazione della stazione di Comarnic; in Germania, il progetto POS è proseguito con le attività in campo con l installazione della Balise e le modifiche Interlocking mentre procede la configurazione del Radio Block Center (RBC); in Kazakhistan, a giugno è stato siglato un accordo per la realizzazione di una linea ferroviaria in partnership con la compagnia ferroviaria locale REMLokomotive e nel corso dell anno è stata istituita la Joint-Venture. Sono in fase di definizione le attività di progettazione di dettaglio e, nel corso dell ultimo trimestre, sono state appaltate le opere civili e lanciati gli approvvigionamenti per i materiali da fornitori esterni mentre alcuni lotti di materiali di produzione propria sono in fase di spedizione. In Libia il Disegno Funzionale delle diverse tecnologie coinvolte (Segnalamento, Telecomunicazioni, Alimentazione, Opere Civili) è stato approvato dai consulenti di Ingegneria e dal Cliente mentre la produzione sta lavorando sugli apparati Interlocking ed RBC. La branch in loco 16

19 Signalling and Transportation Solutions Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2010 è operativa. È stato approvato il construction design ed è iniziata la progettazione del detailed design con la consegna dei primi elaborati; inoltre, è stata redatta ed approvata la prima lettera di credito e la prima spedizione di materiali (cavi di segnalamento) è stata eseguita. Per il secondo progetto recentemente acquisito in Libia, il Cliente russo Zarubezhstroytechnology (ZST) ha provveduto all accredito dell anticipo. Attualmente sono in corso contatti anche con le Ferrovie libiche per ottenere il riconoscimento formale della JV ASTS SELEX come fornitore di ZST. Sono in fase di avvio la progettazione e gli approvvigionamenti. MASS TRANSIT La produzione estera si è basata principalmente sul contratto di Metro Ankara; quella nazionale sui seguenti progetti: prolungamento Linea 1 MetroNapoli (Dante-Garibaldi), tratta sperimentale CBTC (Train communication-based) Piscinola Aversa C.Alifana, Linea 6 Napoli, Metro Milano e Metro Genova (Posti Periferici). In particolare, per Metro Ankara si registra l avanzamento dei collaudi in fabbrica delle rimanenti apparecchiature Interlocking e la presentazione ed approvazione dei primi due Stati di Avanzamento Lavori (SAL) da parte del Committente. Sono state eseguite attività di configurazioni SW per Interlocking (IXL). Il primo treno è stato predisposto in sito per la successiva installazione del primo Bordo Central Based Train Control (CBTC). In Italia sono stati eseguiti ulteriori test CBTC sulla tratta sperimentale CBTC Piscinola Aversa Centro Alifana. Si segnala l avanzamento delle attività di progettazione costruttiva del Prolungamento Linea 1 Metro Napoli e l evoluzione del progetto di automazione, nonché le attività di cantiere e di ingegneria, per la prossima attivazione in esercizio provvisorio della navetta sulla tratta Dante Garibaldi. Sono in corso le attività per il progetto di dettaglio ed il manufacturing di Metro Milano (Automazione), seguito dalle installazioni e prove sui Posti Periferici (PP) della Stazione di Maciachini e su Metro Genova per le installazioni e le prove dei PP della stazione di Principe, oltre ad attività su progetti di Metro Security e Circumvesuviane. Per Linea 6 Metro Napoli sono state concluse le forniture delle boe per l ATP discontinuo e sono state condotte attività sul progetto di Segnalamento per la tratta Mostra Mergellina. RICAMBI, ASSISTENZA E MANUTENZIONE Si registra un incremento dei ricavi e volumi rispetto all anno precedente grazie a nuovi ordini acquisiti nella seconda parte dell anno Sono stati inoltre formalizzati numerosi contratti di assistenza relativi sia ad impianti ad alta velocità che a linee ferroviarie tradizionali. Si segnala infatti l acquisizione (in Raggruppamento Temporaneo di Imprese con TSF-Almaviva, Telecom ed Engineering) del contratto settennale di outsourcing delle IT del gruppo Ferrovie dello Stato, che impegnerà Ansaldo STS soprattutto nella evoluzione, integrazione e innovazione degli impianti a supporto del business di FS oltre che nella attività di service. FRANCIA RAILWAYS Di seguito sono riportati i principali progetti in corso nel settore del Railways. Ester project: sono state raggiunte importanti milestones quali il completamento e l installazione dei circuiti di prova e sono stati approvati i disegni costruttivi. In aggiunta, il cliente sta chiedendo alcune variazioni di ordine. Cambrian project: è stato eseguito con successo il commissioning della tratta Pwllheli-Harlech a fine ottobre e sono state eseguite con successo le dimostrazioni in cabina relative a N.158 Direct Media Interface (DMI) solution nel corso dell ultimo trimestre. Il termine del progetto è stato posticipato al 2011 a causa di richieste addizionali da parte del cliente; si è in attesa di importanti varianti. TGV Rhin Rhon: è avvenuta la consegna degli appalti mentre ulteriori installazioni sono in corso, sebbene la maggior parte siano già state portate a termine. Sono cominciate nel corso dell ultimo trimestre le prove per il Testing ed il cliente ha formalizzato l estensione dello scopo del lavoro basato principalmente su modifiche di parametrizzazione. RAILWAYS - ON BOARD EQUIPMENT Velaro Project: lo scopo del lavoro consiste principalmente nel fornire apparecchiature di bordo per Segnalamento multi-standard, (30 bordi su 15 treni). L omologazione del treno è l obiettivo critico da raggiungere; prove statiche e dinamiche sono in corso. Il cliente ha richiesto un estensione dello scopo del lavoro che riguarda una ulteriore ridotta versione internazionale. Thalys: proseguono le attività finalizzate allo sviluppo di un sistema di bordo idoneo ad interfacciarsi con i vari sistemi nazionali; la prima versione è stata messa in servizio e stabilizzata mentre una nuova versione è in fase di negoziazione con il cliente. Per i contratti all estero si citano: ALTA VELOCITÀ COREA TRATTA TAEGU BUSAN Ansaldo STS France ha acquisito nel dicembre 2006 un contratto da Korea Rail Network Authority (KRNA), nell ambito di un consorzio coreano, relativo alla Fase 2 dell Alta Velocità, per la tratta da Taegu a Busan, della lunghezza di 125 Km. Il valore originario del contratto era di circa 38 M, diventati oggi circa 49 M. Il contratto include anche il Command Control System delle due principali stazioni della tratta in oggetto, vale a dire Osong e Kimcheon. L implementazione della strategia di Testing e Commissioning a Gimcheon, ha ricevuto il finale benestare da parte del cliente. SHITAI CHINA Nel novembre 2007 Ansaldo STS France ha acquisito dal Ministry of Railways cinese un contratto per la fornitura di sistemi di segnalamento ferroviario per una nuova linea nel nord del paese. Il contratto, del valore complessivo di 32 M, è relativo alla progettazione ed installazione del nuovo sistema del tipo CTCS 2 (Chinese Train Control System), che consentirà il controllo dei treni passeggeri fino a 300 Km/h sulla nuova linea Shijazhuang Taijuan, della lunghezza di 190 Km, nonché l interfaccia con la preesistente linea ferroviaria dell area. 17

20 Andamento economico e situazione finanziaria del Gruppo Andamento della gestione La certificazione per l approvazione del sito è stata ricevuta in agosto e la messa in servizio della nuova parametrizzazione è avvenuta nel corso del ultimo trimestre. Il progetto terminerà agli inizi del prossimo anno a seguito di nuove richieste avanzate dal cliente. MASS TRANSIT La produzione ha riguardato principalmente il progetto Octys (ex. Ouragan); l attività di questo progetto è relativa allo sviluppo, fornitura e messa in servizio di attrezzature per il controllo di velocità e guida automatica, per la linea 3 della metropolitana di Parigi. Nel corso dell anno è stato eseguito il primo commissioning parziale. È stato inoltre ricevuto dal cliente un ordine per l estensione dello scopo del lavoro affinché si ricoprano le richieste addizionali riguardanti Test, commissioning nonchè ulteriori evoluzioni. Sono in corso le attività per la fornitura CBTC ad Ansaldo STS USA per i progetti in essere in Cina. AMERICA I principali progetti su cui si è focalizzata la produzione nel corso del 2010 sono i seguenti: NYC - 5 TH AND LEXINGTON Ansaldo STS USA ha acquisito tale contratto nel marzo del Questo progetto è relativo alla modernizzazione del Sistema di Segnalamento Interlocking della Lexington Avenue e 5th Avenue, sulla linea Queens Boulevard, per il Transit System della città di New York, nel Borough di Manhattan. Nel 2010 sono state consegnate tutte le fermate ferroviarie; nell ultimo trimestre dell anno tutte le apparecchiature per la linea Lexington sono state costruite e consegnate inclusi segnali, circuiti di binario, casse di manovra. Il progetto del circuito di Lexington è stato completato e consegnato nei tempi contrattualmente previsti, mentre il disegno del circuito della 5th Avenue è stato sottoposto al cliente con un mese di anticipo. Gli armadi per la locazione 1157 sono stati completati e sono disponibili per l ispezione. In aggiunta, il Training Plan per la logica della Lexington Avenue è stata sottoposto a NYCTA ed approvato. Sono in corso test ambientali per verificare il funzionamento delle apparecchiature di terra, la cui consegna è prevista nel primo trimestre Sono stati inoltre portati a termine e sottoposti al NYCTA i disegni di progettazione di tutti i pannelli di controllo ed i Codici di Sistema H/W sia per la 5th Avenue che per la Lexington. È stata portata a termine la produzione dei pannelli per Lexington, la cui ispezione avverrà nel corso del primo trimestre del CHENGDU LINE 1 Il contratto è stato acquisito in partnership con Ansaldo STS France dal prime contractor locale Insigma nell aprile del Consiste nel progettare, fornire, installare, testare e consegnare un sistema CBTC per la Linea 1 Chengdu. Nel 2010 è stato eseguito il First Acceptance Test (FAT) su 7 locazioni wayside e sul Track Test; è stata inoltre portata a termine l installazione ed il commissioning on site. È stato rilasciato ad Insigma il progetto hardware per la produzione finale del Carborn Controller (CC) V3. Il primo treno è stato consegnato a giugno 2010 a Chengdu Metro, per consentire l inizio dei Test di Joint System Integration. A fine settembre sono stati approntati 17 treni ed è stata collaudata la linea Chengdu Metro che ha trasportato un importante numero di passeggeri nei primi tre giorni. Le procedure per il test di Intermediate Automatic Train Protector (iatp) System Integration Livello 1 sono state presentate alla fine di giugno 2010 e l inaugurazione della Chengdu Linea 1 in modalità iatp è avvenuta a fine settembre. Da allora, sono stati effettuati numerosi miglioramenti al sistema ed il tempo di percorrenza è stato potenziato portando ogni treno a completare un intero percorso sulla CDL1 in meno di 76 minuti. Nel mese di dicembre è cominciato il test CBTC on site sul Test Track. Ciò implica che si stabilisca una comunicazione tra il Carbone Controller, lo Zone Controller, il Microlok ed il Data Communication System. SHENYANG LINE 1 (CBTC) L apertura dell intera Shenyang Linea 1 in modalità manuale è avvenuta a fine settembre mentre è entrata in servizio la modalità iatp a dicembre. Il contratto è stato acquisito insieme ad Ansaldo STS Francia con Insigma nell aprile del Scopo del lavoro è progettare, fornire, installare, testare e consegnare un sistema di controllo CBTC per Shenyang Line 1. ASTS USA progetta ed esegue il FAT (Factory Acceptance Test), consegna la prima locazione wayside e supervisiona il commissiong ed il testing del sistema di integrazione. Nel corso dell anno sono stati prodotti 13 dei 23 treni e sono stati installati i relativi software. Nel mese di dicembre è cominciato il test CBTC on site sul Test Track e ciò comporta che si stabilisca una comunicazione tra il Carbone Controller, lo Zone Controller, il Microlok ed il Data Communication System. CPTM SAO PAOLO, BRASILE Questo progetto, il cui contratto è stato siglato nel 2008, consiste nella fornitura ed installazione di sistemi di segnalamento, controllo del traffico, telecomunicazioni e attrezzature di sottostazione per la Linea 7 & 12. Lo scopo del lavoro include la sostituzione dell interlocking e dei Circuiti di Binario esistenti con la tecnologia MicroLok, oltre a nuove attrezzature per il Controllo Centrale basate sulla piattaforma Hermes e all ammodernamento dell hardware di comunicazione commerciale. Nel corso del 2010 si è registrato un significativo progresso nella fase di disegno così come nella produzione e nella consegna. Il disegno di Wayside è stato completato per tutti i domini della Linea 12 e sono stati completati i disegni di MicroLok e Track Rack. Sono state completate, consegnate ed installate a São Paulo in Brasile, l Operation Control Center (OCC) Server Cabinets e tutte le stazioni di lavoro OCC, per la linea 7 & 12. Nel mese di dicembre sono state completate tutti i siti della Linea 12 così come i 6 domini che sono on site in Brasile. La messa in servizio è schedulata per il

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione

Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Comunicazione finanziaria: il ruolo del bilancio tra compliance e informazione Un informativa efficace e chiara è il presupposto per impostare su basi solide e durature il rapporto tra impresa e investitori.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN **

** NOT FOR RELEASE OR DISTRIBUTION OR PUBLICATION IN WHOLE OR IN PART INTO THE UNITED STATES, AUSTRALIA, CANADA OR JAPAN ** Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A. approva il Bilancio Consolidato Intermedio al 31 marzo 2015: Traffico passeggeri in crescita del 4,5% nel primo trimestre

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda

ALLEGATO. DATA SCADENZA Definitivo STATO --- pubblico 1/9. Legenda SERVIZI INGEGNERIA DI ALLEGATO C LINEAMENTI METODOLOGICI PER LA VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DEGLI OPERATORI ECONOMICI 25 novembre 21 Stato: Bozza, In Approvazione, Documento al documento 1/9 1. PRINCIPI

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013

Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni di euro del 2013 COMUNICATO STAMPA Milano, 28 aprile 2015 SAES Group: l Assemblea approva il bilancio 2014 Fatturato consolidato dell esercizio pari a 131,7 milioni di euro, in crescita del 2,5% rispetto a 128,5 milioni

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma

RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma DIREZIONE COMUNICAZIONE DI MERCATO Telefono 06.44104402 Fax 06.44103726 www.rfi.it dircomu@rfi.it Stampa GRAFICA ROMANA srl - ROMA 12/2004-3.000

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT

CITTÀ DI TORINO DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT CITTÀ DI TORINO ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO IRIDE, GTT, SAGAT E SMAT Rapporto 2007 ANALISI ECONOMICO FINANZIARIA DEI BILANCI DI AMIAT E CONTROLLATE, GRUPPO

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

RELAZIONIBILANCI 2007

RELAZIONIBILANCI 2007 RELAZIONIBILANCI 2007 Indice LETTERA DEL PRESIDENTE 2 ORGANI SOCIALI 6 INFORMAZIONI SUL GRUPPO GEWISS 7 PRINCIPALI DATI ECONOMICI, FINANZIARI E PATRIMONIALI DEL 2007 9 CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli