FOCUS.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FOCUS. www.confindustria.ud.it"

Transcript

1 Mensile - n.7, anno II LUGLIO 2010 Spedizione in abbonamento postale D.L. 27/02/2004 n 46, art. 1, comma 1, DCB UDINE - Filiale di Udine Ferrovia Tariffa R.O.C. (iscritti al registro operatori comunicazione) ex Tabella B FOCUS EXPO Shanghai 2010 Botta & Risposta Giovanni Spangaro Lezioni di cinese CESARE ROMITI: come orientarsi nel grande mercato di pechino liuglio10 1

2 elena>press sara>direttore AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO enrico>presidente enrico>resp. STRATEGIA AZIENDALE 2 luglio10

3 OFFICE WE LOVE MONDAYS Occuparsi di marketing e comunicazione è un lavoro come altri: farlo bene significa soprattutto amarlo. Per questo, ci piace il lunedì. Ma anche il weekend. Così, in entrambi i casi, ci divertiamo. E, senza stress, riusciamo a lavorare meglio. Perchè la passione è la prima regola. In ogni gioco. (EMPORIO ADV IS: MARKETING_ADVERTISING_WEB_EVENTS_PRESS OFFICE) Scopritelo su info _ t PH. G. ANTONIALI liuglio10 3

4 F l a v i o P u n t i n ( g r u p p o g i o v a n i i n d u s t r i a l i ) e A n d r e a Z a m p a r p r e s e n t a n o : P r o f e s s i o n a l made in Italy pratica molto maneggevole e con un ampia piastra di cottura pulita garantita tutta in acciaio inox, la piastra di cottura e la vaschetta di raccolta sughi si rimuovono per una migliore pulizia i bruciatori sono controllati da termocoppie che bloccano l erogazione del gas in caso sicura ecologica il gas brucia in modo pulito, senza inquinare e senza emettere cattivi odori veloce 4 luglio10 METALINOX s.r.l. Via G. di Vittorio, Fiumicello (Ud) Italy C.F. e P.Iva tel fax

5 Editoriale Cin-cin, Cina! E importante capire se in Cina anche l industria friulana, caratterizzata da una presenza capillare di piccole e medie imprese, possa trovare occasioni di sviluppo. Così si era espresso, in un lontano lunedì 14 novembre del 2005, l allora presidente di Confindustria Udine Giovanni Fantoni in occasione della presentazione a palazzo Torriani del parco industriale italiano in Cina all interno dello Suqian Economic Development Zone. Un dubbio legittimo, stante la complessità del mercato cinese, che oggi, a cinque anni di distanza, possiamo definitivamente sciogliere in senso positivo sottolineando come l industria friulana, con i suoi prodotti ad alto valore aggiunto di innovazione, sia riuscita con efficacia a penetrare commercialmente in questo sconfinato paese asiatico. Barazzutti di Verzegnis, Bernardi Group di Ronchis, Calligaris di Manzano, Coats Thread Italy di Codroipo, Co.Me.Fri di Magnano in Riviera, Danieli di Buttrio, Fantoni di Osoppo, Freud di Tavagnacco, I-Bedding di Pavia di Udine, Imel di Codroipo, Interna di Feletto Umberto, Labiotest di Povoletto, Laboratori Turval Italia di Udine, Lima Lto di Villanova di San Daniele, Linea Fabbrica di Manzano, Maddalena di Povoletto, Moroso di Tavagnacco, Pro-Mec di Coseano, Principe di San Daniele, Rizzani De Eccher di Pozzuolo del Friuli, Snaidero di Majano, Sms Meer di Tarcento, Thermokey di Teor, Trudi di Tarcento sono infatti soltanto alcuni esempi di aziende che, in questi anni, hanno avuto rapporti economici diretti con la Cina, a riprova che il made in Friuli non ha paura ad affrontare sfide che, sulla carta, paiono quasi impossibili. L importante lo rimarcheranno pure nelle prossime pagine il presidente di Confindustria Udine, Adriano Luci ed il vice-presidente Marco Bruseschi è rifuggire dalla logica del mordi e fuggi puntando su una internazionalizzazione mirata che richiede costanza, presenza continua, capacità di ascolto, pazienza ed adeguamento alla cultura, alla lingua e alle tradizioni locali. In questo numero di Realtà Industriale abbiamo deciso di fare il punto sulla Cina e sul suo mercato con le autorevoli e competenti riflessioni di un manager del calibro di Cesare Romiti, presidente della Fondazione Italia-Cina in concomitanza con la partenza a Shanghai dell EXPO Non serve citare numeri o cifre per evidenziare come l EXPO di Shanghai, alla pari di quello che erano state le Olimpiadi di Pechino del 2008, si sia presentata come una vetrina planetaria della grandeur cinese. Noi però preferiamo focalizzare l attenzione sul tema prescelto per la manifestazione, ben sintetizzato dallo slogan Better city, better life. Già, perchè a Shanghai le più grandi ed evolute nazioni nel mondo stanno proponendo soluzioni e ricette per rendere migliori, e dunque più vivibili, le nostre città. L investitura ufficiale della green economy diventa, dunque, un dato di fatto e sono proprio i fatti ora a contare, più che le parole, pena altrimenti, come ha avvertito il presidente Luci, che siano gli altri a coglierne le opportunità. Le industrie italiane partono da una buona rendita di posizione, non fosse altro per i meriti acquisiti in questi anni dal nostro design e dal nostro saper fare. Le code interminabili di visitatori e curiosi all ingresso del Padiglione Italia, all EXPO, testimoniano il credito che può vantare il made in Italy. Abbiamo ottime carte da giocare ha commentato al riguardo il vice-presidente Marco Bruseschi - ed il nostro padiglione all EXPO ha dimostrato che siamo in grado di giocarle perfettamente. Tutto sta nel continuare a fare squadra perchè la sensazione che ho ricavato è che solo agendo come sistema e ragionando in un ottica di filiera sia possibile penetrare con successo in un mercato complesso, ma ricco di prospettive come quello cinese. La sfida dunque è lanciata e gli imprenditori friulani hanno dalla loro un carico di entusiasmo contaminante. Festeggiando la Festa della Repubblica all EXPO Shanghai 2010, a diecimila chilometri di distanza da casa, il presidente Luci ha confessato di essersi sentito come quegli emigranti friulani che, all inizio del secolo scorso, erano partiti armati di tanta buona volontà e speranza, per cercare in terre lontane opportunità di lavoro e di crescita. Un brindisi dunque alla salute dei nuovi mercati da conquistare: cin-cin, Cina! Alfredo Longo liuglio10 5

6 n Cesare Romiti: Cesare Romiti Non possiamo lamentarci del fatto che gli altri corrano molto più di noi. Basti pensare al fatto che la Germania, ancora quando era Cancelliere Gerhard Schröeder, realizzava missioni con tre aeroplani pieni di imprenditori, banchieri, ecc. che rimanevano in Cina per una settimana. Così facendo ha seminato tantissimo e oggi raccoglie i frutti Realtà Industriale Registrazione Tribunale di Udine n. 24/99 Redazione Direttore Responsabile Alfredo Longo Società Editrice Confindustria Udine Largo Carlo Melzi, Udine, tel A questo numero hanno collaborato Carlo Tomaso Parmegiani (caporedattore), Antonella Bassi, Carla Ciampalini, Alessandra Cicero, Paola Del Degan, Massimo De Liva, Fabio Di Bartolomei, Marco Di Blas, Livia Gori, Gino Grillo, Mauro Filippo Grillone, Andrea Ioime, Ezio Lugnani, Annamaria Pittana, Franco Rosso, Paolo Tarabocchia, Margherita Timeus, Marina Torrisi. per Gruppo Giovani Imprenditori: Enrico Accettola (Presidente), Michele Vanin Impaginazione arcube - studio associato Fotoservizi Foto: Anteprima, Archivio Immagini Fvg, Roberto Del Fabro, Diego Gasperi Concessionaria per la pubblicità Scripta Manent srl v.le della Vittoria Udine - tel LUG LIO Intervista Cesare Romiti Lezioni di cinese 12 Focus - EXPO Shanghai Aziende Flash 23 Aziende NB Factory Cantieri di Aprilia e Marina Capo Nord Fabbricando Turismo Industriale Prosciuttificio Morgante Le Ville Plus 28 Botta & Risposta Giovanni Spangaro - Misa srl 30 Storia Carlo Leopoldo Lualdi: imprenditore geniale e generoso 31 Analisi Competitività contraltare alla volatilità 32 Incontro Il contratto di rete d impresa 36 Legno e Mobile Federlegno-Arredo: le proposte alla Regione 37 Edilizia Il difficile recupero del settore delle costruzioni 38 Alimentari e Bevande Viaggio nel gusto: sesta puntata 39 Web 40 Corsi di formazione 41 Gruppo Giovani Imprenditori 44 Giovani e società Lavoro: paure e speranze 46 Obiettivo Montagna Stratex: nasce il villaggio made in Carnia 48 Obiettivo NordEst Il Veneto punta sul turismo sanitario 50 Obiettivo Austria Cercasi soldi per ridurre il deficit 52 Internazionalizzazione Flash Notizie dall Est Europa 54 Design Quanto Italian Design nella Volkswagen! 56 Regione Semplificazione in rampa di lancio 58 Cultura 59 Ente Friuli nel Mondo Sante Zanetti, un successo granitico 60 Libri del mese 62 Sport 64 Vignetta 66 A proposito di... Cina CONTENUTI 6 luglio10

7 Segni particolari: esclusivamente UDINE - MILANO - PERUGIA - ZÜRICH - SAN MARINO i vostri. Studio, preparazione e deposito di domande di brevetto. Sorveglianza relativa ai brevetti pubblicati. Assistenza nella progettazione di nuovi dispositivi in presenza di titoli brevettuali conflittuali. Valutazione della proteggibilità di marchi, loghi, nomi, sigle o di altri segni grafici. Studio, preparazione e deposito di domande di modelli in Italia ed all estero. Assistenza tecnica e tecnico legale in vertenze per contraffazione di brevetti, modelli e marchi. Corsi aziendali di formazione inerenti i temi della proprietà industriale. Intellectual Property Office GLP S.r.l. Via Manara Milano ITALY Tel Fax Videoconferenza GLP S.r.l. Tel Piazzale Cavedalis 6/2 Fax Udine Videoconferenza ITALY liuglio10 7

8 Economia Intervista CESARE ROMITI Lezioni di cinese Cesare Romiti, pur avendo festeggiato le ottantasette primavere, e dopo aver svolto ruoli di primissimo piano in numerose grandi aziende italiane come Alitalia, Italstat, Fiat e Rcs Mediagroup che gli hanno fatto meritare il Cavalierato del Lavoro italiano e la Legion d Honneur francese, è oggi l infaticabile presidente della Fondazione Italia-Cina, carica che ricopre dal 2004, dopo essere stato dal 2000 presidente dell Istituto Italo-Cinese. Per questo suo impegno nel rafforzamento dei rapporti fra Roma e Pechino il 13 ottobre 2006 ha ricevuto la cittadinanza onoraria dalla Chinese People s Association for Friendship with Foreign Countries. Nessuno meglio di lui, dunque, poteva illustrare a Realtà Industriale la situazione attuale delle relazioni fra l Italia e la Cina e di tutte le conseguenti implicazioni economiche. di Carlo-Tomaso Parmegiani Cavalier Romiti, qual è lo stato dell arte dei rapporti fra Italia e Cina? Tra Cina e mondo occidentale, in particolare con l Italia, si è da sempre intrattenuto un positivo rapporto confermato da incontri, scambi di delegazioni, progetti condivisi, missioni imprenditoriali e culturali. Il 2010 è stato caratterizzato da diverse missioni imprenditoriali che hanno contribuito a rafforzare i rapporti commerciali tra i due Paesi, oltre che a favorire sempre maggiori occasioni di scambio e di investimento tra le nostre imprese e quelle cinesi. Cito ad esempio la missione appena conclusa di Confindustria, Ice e Abi assieme al Ministero dello Sviluppo Economico, che ha confermato l interesse cinese per l Italia quale ingresso alternativo ai grandi porti del nord Europa. Ricordo che il 2010 è un anno particolarmente importante per i rapporti tra Italia e Cina: la Cina è tornata protagonista per l organizzazione dell Esposizione Universale di Shanghai, dopo il successo dimostrato nella gestione dell evento olimpico due anni fa. Quest anno, inoltre sono esattamente 40 anni che esistono relazioni diplomatiche tra Italia e Repubblica Popolare e il 2010 è stato dichiarato Anno della Cina in Italia, che sarà inaugurato ad ottobre, e renderà l Italia protagonista di molteplici eventi di stampo culturale, economico e strategico fino alla metà del Quali sono gli obiettivi e le attività della Fondazione che lei presiede? La Fondazione Italia-Cina è nata nel 2003 con l obiettivo di rafforzare i rapporti tra i due Paesi. Dalla sua nascita ha contribuito al miglioramento delle relazioni reciproche apportando un significativo sostegno alle aziende italiane che intraprendono operazioni con il mercato cinese. Nell ottobre del 2008 ho inaugurato, in un luogo storico che risale a 600 anni fa costituito dalle antiche mura della Città Proibita, la sede a Pechino della Fondazione insieme al Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Nel Il Presidente Cesare Romiti insieme al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla presentazione del progetto Uni Italia, 2008 febbraio 2009 la Fondazione ha firmato un accordo di integrazione con la Camera di Commercio Italo-Cinese, accordo che ha posto le basi per una nuova stagione nei rapporti tra le due nazioni. In questo modo la Fondazione ha raggiunto uno dei suoi principali obiettivi: la costituzione di una cabina di regia per indirizzare e coordinare le attività strategiche e commerciali verso il mercato cinese. L operazione ha allargato la base associativa della Fondazione a circa 400 membri, unendo le piccole e medie imprese della Camera al nucleo di 8 luglio10

9 Economia Intervista Inaugurazione della sede di Pechino della Fondazione, ottobre 2008, con il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il Ministro dell Informazione Cinese Wang Chen grandi società, istituti di credito e autorevoli istituzioni pubbliche che sostengono e caratterizzano la Fondazione stessa. A breve inaugureremo, inoltre, il nuovo corso della rivista Mondo Cinese, la prima e unica pubblicazione italiana che si caratterizza come rivista sinologica italiana che da oltre 35 anni si occupa di tematiche relative alla Cina e che nel nuovo corso vedrà riservata particolare attenzione i temi relativi all economia, al management, al diritto, alla politica, e all attualità cinese. Dal prossimo numero, la rivista vedrà una nuova veste grafica e una maggiore apertura a contributi e collaborazioni internazionali. Il primo numero, che uscirà a breve, riporterà contenuti riguardanti il tema della sostenibilità. La Fondazione Italia Cina ritiene, poi, di dovere riservare particolare attenzione al tema del turismo allo scopo di aumentare il flusso dei turisti cinesi in Italia e favorire quindi i rapporti tra i due Paesi. Per questo abbiamo ideato un progetto che stiamo sviluppando. Nel 2008 è stato firmato un protocollo d intesa tra l allora Dipartimento del Turismo, oggi Ministero del Turismo, il Ministero dei Beni Culturali, l Enit e la Fondazione Italia Cina. L obiettivo del progetto è quello di accrescere il turismo cinese in Italia privilegiando i ricchi cinesi e la nuova classe emergente. Per la riuscita del progetto si rende indispensabile il coinvolgimento, almeno nella prima fase, delle regioni italiane che costituiscono le mete privilegiate dei turisti cinesi: Veneto (Venezia), Lombardia (Milano), Toscana (Firenze/Pisa), Lazio (Roma). La Fondazione, infine, organizza due eventi che mettono in luce le positive esperienze di imprese che hanno fatto affari in Cina, si tratta del Forum sulle Storie di Successo Italiane in Cina e dei China Awards. A tal proposito qual è la presenza attuale delle nostre imprese in Cina e quali le opportunità per le aziende italiane, grandi e piccole, sul mercato cinese? La Cina è un Paese difficile e la struttura economica del nostro Paese - costituita da piccole e medie imprese manifatturiere - pone l Italia in una posizione competitiva con il mercato cinese. Le imprese scontano, poi, problemi di dimensione, scala di produzione e ridotta conoscenza dei mercati internazionali. Come Fondazione ogni giorno scopriamo nuove realtà presenti in Cina o che si approcciano a quel mercato: sono imprese che provengono dai settori più diversi e dalle diverse dimensioni, a conferma del fatto che la Cina offre opportunità in tutti i campi. A oggi contiamo, infatti. che le imprese italiane in Cina siano circa 2.000: questi numeri non tengono conto delle triangolazioni di capitale nelle operazioni estere. Per le aziende italiane la Cina rimane, come continuo a ripetere, una grandissima opportunità, basta dare un occhiata ai numeri: è un Paese che non solo ha dimostrato di crescere nel 2009 più o meno in linea con la crescita media degli ultimi trent anni, ma ha anche evidenziato la sua funzione di motore imprescindibile dell economia globale. Il messaggio che la Fondazione vuole lanciare è che tutti ce la possono fare in Cina. Il successo non dipende dalla dimensione dell azienda o dal settore di appartenenza, ma dalla visione strategica, dalla programmazione e conoscenza del mercato, e dalle risorse umane e materiali impiegate. Le nostre imprese devono affidarsi a esperti e conoscitori del mercato, sfruttando tutti gli strumenti per l internazionalizzazione che sono offerti da istituzioni pubbliche e da soggetti privati. Siamo convinti che una formazione puntuale sia alla base di una buona riuscita nel mercato cinese. Per questa ragione organizziamo corsi come il Business China o workshop settoriali indirizzati alle aziende e ai manager che vogliono aggiornare il loro personale. Perché l Italia è in ritardo negli investimenti in Cina, rispetto, ad esempio, alla Germania che sembra essere molto presente con le sue imprese su quel mercato? Siamo in ritardo perché, come ho avuto modo di sentire recentemente da alcuni Ministri, l Italia si sta ancora domandando se la Cina sia un pericolo o un opportunità. In quell atteggiamento ci sono i motivi per i quali il Governo italiano non ha mai fatto molto per aiutare le nostre imprese sul mercato cinese. Facciamo più noi come Fondazione che non il governo. E ovvio, che se siamo ancora a questo punto, non possiamo lamentarci del fatto che gli altri corrano molto più di noi. Basti pensare al fatto che la Germania, ancora quando era Cancelliere Gerhard Schröeder, realizzava missioni con tre aeroplani pieni di imprenditori, banchieri, ecc. che rimanevano in Cina per una settimana. Così facendo ha seminato tantissimo e oggi raccoglie i frutti. Comunque, è venuto il momento di capire che la Cina, se poteva rappresentare un interrogativo alcuni anni or sono, oggi è la seconda economia mondiale, destinata a diventare fra non molto la prima e, quindi, bisogna vederne le opportunità. Quello che bisogna conquistare, infatti, è il mercato interno cinese che è il più grande del mondo. liuglio10 9

10 Economia Intervista Come vede il ruolo presente e futuro della Cina nel mondo dal punto di vista economico, ma anche geopolitico? Oggi la Cina è la terza economia mondiale in termini assoluti e la seconda economia a parità di potere d acquisto. E anche il terzo Paese per estensione e rappresenta un quinto della popolazione mondiale. Proprio di questi giorni è la notizia che il Paese asiatico ha registrato un aumento dell export del 48,5% nel mese di maggio. L export nei confronti della Unione Europea è balzato del 50% e verso gli Usa del 44%. Le importazioni sono cresciute del 48,3%. Il surplus della bilancia commerciale si è così allargato a 19,53 miliardi di dollari. Come si deduce dalle cifre, l economia cinese anche in questo periodo di crisi rappresenta un irrinunciabile motore per la crescita economica mondiale, fondamentale in un periodo in cui l America non riesce a fungere da traino. C è da sottolineare che, con il rallentamento dell economia americana, sarà evidente quanto sia importante il traino all economia mondiale che può garantire la Cina. Le due economie però sono fortemente legate: la Cina risparmia e gli Usa consumano, la Cina esporta e gli Stati Uniti importano. Quindi, anche la Cina soffrirà a causa del rallentamento del suo mercato principale. L apertura economica, accelerata dall ingresso nella World Trade Organization nel 2001, ha garantito alla Cina da un lato un incredibile crescita negli ultimi 30 anni, dall altro però è oggi la fonte principale della sua debolezza: il crollo della domanda di beni cinesi nel resto del mondo, compresi gli Stati Uniti, ha creato un contraccolpo che la Cina ha avvertito in modo forte. Il maggior peso economico della Cina si è imposto anche a livello politico. E sorto così l interesse della comunità internazionale per un pieno coinvolgimento della Cina all interno della governance globale come è dimostrato ad esempio dal riconoscimento di un ruolo da parte degli USA e l inclusione nelle riunioni del G8. Prevediamo che il Governo rimanga stabile e concentri la propria attenzione e le proprie attività con l obiettivo di stimolare degli investimenti e dei consumi interni, cercando di porre un freno al calo delle esportazioni. Si tratterà di trovare un equilibrio politico interno e ci attendiamo che potenti gruppi d interesse collegati alle grandi società statali cinesi continueranno a sostenere i propri interessi particolari. Le riserve valutarie offrono una leva significativa che il Governo potrà utilizzare per controllare sia dinamiche politiche interne sia, nello specifico, la politica economica. Il Presidente Cesare Romiti con il Presidente di Brembo Alberto Bombassei al Forum Storie di Successo Italiane in Cina 2008 organizzato dalla Fondazione presso il Kilometro Rosso Quali sono le prospettive più di lungo periodo dell economia cinese? Il grande piano di stimolo da 4 mila miliardi di yuan renminbi (586 miliardi di dollari) che ha consentito di far ripartire l economia già dal secondo trimestre del 2009 evidenzia più di qualunque altro esempio la capacità di questo Paese di rispondere alla crisi in maniera rapida, efficace e vigorosa. Non vi è dubbio che la Cina dovrà affrontare grandi sfide nei prossimi anni, ma forse è per questo che i risultati sono ancora più sorprendenti. Si tratta di un economia che sta affrontando allo stesso tempo una transizione da Paese in via di sviluppo a Paese sviluppato, da un economia pianificata ad un economia di mercato, da prevalentemente agricola a industriale. Il rapidissimo sviluppo economico ha causato rilevanti danni ambientali, ma anche una maggiore coscienza sulla necessità di trovare un equilibrio tra le odierne esigenze di crescita economica e la necessità di tutelare le future generazioni. Il Paese è nel pieno di una riforma del sistema sanitario finalizzata a estendere i servizi sanitari di base a tutti i cittadini in maniera paritaria e ad assicurare cure e farmaci a costi sostenibili. Il rapido invecchiamento della popolazione, risultato della politica del figlio unico, determinerà rilevanti conseguenze sociali ed economiche, in particolare la difficoltà di creare un sistema pensionistico accessibile. La Cina dovrà inoltre generare una crescita economica tale da garantire l occupazione e soddisfare le aspettative di cittadini che in numeri crescenti frequentano le istituzioni di studi superiori. Inoltre, dovrà fare in modo che la ricchezza creata sia equamente distribuita. Infine dovrà creare le condizioni per una maggiore partecipazione della popolazione alla vita politica e sociale del Paese quale potenziale valvola di sfogo per il dissenso che potrà eventualmente sorgere in momenti di crisi. In questo senso a che punto è l evoluzione della questione dei diritti umani (e sindacali) in Cina e come valuta gli aspetti etici connessi al fare business con la Cina? La Cina non ha timori, si chiama ancora Repubblica Popolare e ha al governo un partito unico dichiaratamente comunista. Si sta, però, facendo portatrice di una via alternativa al modello occidentale. Invece di fare ciò che fece l Unione Sovietica a suo tempo aprendosi improvvisamente all occidente e creando i problemi che tutti conoscono, la Cina vuole governare lo sviluppo. Tutto ciò con un governo centralista che tende a liberalizzare gradualmente le attività economiche, le imprese, le libertà stesse. Sta, insomma, evolvendo verso uno stato di diritto, ma non verso la liberaldemocrazia. Lo Stato concede dall alto sempre maggiori diritti e cresce la tutela degli stessi, penso ad esempio alla nuova legge sul contratto di lavoro che garantisce una protezione dei diritti del lavoratore a livello dei più elevati standard occidentali. I 10 luglio10

11 Economia Intervista cinesi non hanno ancora voce nella scelta dei propri governanti, tuttavia le autorità cinesi monitorano i bisogni e cercano di venire incontro alle necessità della popolazione. Bisogna, poi, considerare che in Asia vi è poi una concezione dei diritti diversa rispetto all Occidente: si privilegia l armonia sociale ai diritti individuali. Sono convinto, comunque, anche sotto l aspetto dei diritti umani la Cina farà passi avanti, ma li farà gradualmente e credo che i rapporti economici con l occidente siano positivi anche in questo senso. Il Presidente Cesare Romiti insieme al Ministro dell Economia e delle Finanze Giulio Tremonti e a Diana Bracco, Presidente di Bracco e di Assolombarda all incontro della Fondazione del 13 novembre 2008 E vero che lo sviluppo cinese si sta trasferendo dalle grandi città della costa, ormai sature, verso le città medie dell interno? La Cina fino a vent anni fa era un Paese in via di sviluppo, dove tutta la parte orientale che va da Pechino a Shanghai e al mare, era un area più progredita che poi è cresciuta sempre più, mentre la parte occidentale è ancora oggi ad economia prevalentemente agricola. Con la crescita recente si sono create delle vere e proprie e nuove città, e la fase di urbanizzazione che si era fermata con la crisi di inizio 2009, è ripresa e si sta verificando lentamente anche nelle zone occidentali. Prima accennava all importanza che la Fondazione annette alla necessità di richiamare turisti cinesi in Italia. Come siamo messi da questo punto di vista? Non bene, perché i cinesi che cominciano ad avere redditi tali da permettere loro di viaggiare all estero vedono l Italia come una delle prime mete, ma il nostro Paese è, ad esempio, ancora molto più lento di Francia, Germania, Paesi del Nord Europa nel concedere i visti d ingresso. Siamo, poi, quasi del tutto privi di collegamenti aerei diretti dalle grandi città cinesi a Roma, Milano e Venezia. I francesi e i tedeschi, invece, hanno molto sviluppato i voli con la Cina. Ciò nonostante il turismo cinese in Italia crescerà perché i cinesi sono attratti dal nostro Paese per la nostra storia, i nostri prodotti della moda e del lusso, il made in Italy in generale. Ovviamente avremmo bisogno di formare personale che parli il cinese, di mettere spiegazioni negli alberghi, stazioni, aeroporti anche in cinese. Come Fondazione stiamo facendo molto sul lato della formazione, soprattutto nei confronti delle Regioni, proprio perché si crei una classe imprenditoriale e turistica. In un ottica turistica e, più in generale economica, quale può essere il ruolo di una regione piccola e relativamente marginale come il Friuli Venezia Giulia? Può essere importante perché non la considererei una regione marginale, quanto piuttosto una regione vicina al centro Europa. Avete, poi, bellezze naturali incredibili e una popolazione che dal punto di vista della capacità lavorativa non ha nulla da invidiare a quei grandi lavoratori che sono i cinesi. Credo, quindi, che possiate fare molto. Come vede, infine, la presenza dei cinesi nell economia e nella società italiana, nonché le implicazioni relative alla convivenza? L ammontare di investimenti diretti esteri in Italia provenienti dalla Cina è ancora limitato. Ciononostante, non mancano i presupposti perché i flussi in uscita dalla Cina vadano sviluppandosi nei prossimi anni. Seppur contenuta, l attuale presenza cinese in Italia può rappresentare un modello per analizzare possibili sviluppi degli investimenti. E noto a tutti l alto tasso di imprenditorialità cinese in Italia. Pensiamo che oggi ci sono 170/200mila cinesi residenti in Italia e che vi è un impresa per ogni 5 cinesi residenti. Diversa cosa invece sono le 100 multinazionali cinesi che hanno investito nel nostro Paese: un numero che ci sorprende per un certo verso, ma che comunque è inferiore alle potenzialità dell economia cinese. Il governo italiano deve da un lato mettere in atto riforme miranti a raggiungere un ambiente più ricettivo per gli investimenti internazionali e dall altro intervenire da subito per sollecitare l attenzione del governo cinese verso le grandi opportunità che si possono senza dubbio trovare nel nostro Paese. La Fondazione sta dedicando particolare attenzione al tema degli investimenti cinesi in Italia, ma occorre che il governo italiano si attivi maggiormente con il governo cinese e le istituzioni locali evitino inutili frizioni con tale Paese. Con la finalità di riequilibrare la bilancia commerciale tra i due Paesi, di creare nuovi posti di lavoro e di garantire l influsso di capitali scarsi nella nostra economia ed infine il miglioramento delle relazioni politiche ed economiche, la Fondazione sostiene il consolidamento e l incremento degli investimenti cinesi in Italia. Riteniamo fondamentali in questo senso progetti finalizzati alla preparazione di risorse cinesi formate in Italia e quindi pronte per essere inserite sul mercato cinese e a coadiuvare i rapporti commerciali tra i due Paesi. Il progetto Uni-Italia, creato con l intento di incrementare i flussi di studenti cinesi in Italia, ha l obiettivo di formare giovani risorse preziose per il futuro degli scambi tra Italia e Cina, attraverso la promozione e la valorizzazione della lingua italiana in Cina, della formazione universitaria e post universitaria italiana, nonché con l accoglienza e l assistenza degli studenti. La nostra Fondazione non solo sostiene le imprese italiane nelle proprie operazioni internazionali, ma è attivamente impegnata nel promuovere l Italia come destinazione di investimenti cinesi. In questo senso, proprio qualche settimana fa, abbiamo ospitato una delegazione di circa 40 investitori cinesi ex alunni di Ceibs, elaborando un agenda esclusiva di incontri in tutto il nord Italia, coinvolgendo le eccellenze italiane a livello imprenditoriale e accademico. liuglio10 11

12 Economia Focus EXPO Shanghai 2010 Adriano Luci Per il Friuli ci sono spazi e opportunità Presidente Luci, quali sono le sue impressioni pochi giorni dopo essere rientrato dal viaggio in Cina per visitare l expo di Shanghai? Il recente viaggio in Cina ci ha dato dimostrazione di come quel Paese stia continuando a crescere, investire e consumare. Ad avere un dinamismo che da noi non si respira ormai da troppo tempo e che ci ricorda l Italia degli anni sessanta quando la domanda era superiore all offerta. C è, inoltre, in Cina un forte decisionismo che fa sì che si realizzi rapidamente tutto ciò che si ritiene necessario realizzare. Quali, dunque, le prospettive per le nostre aziende in Cina? Penso che si tratti di un Paese da non trascurare non solo per le nostre grandi o medie imprese, ma anche per le piccole, purché organizzate. Più che mai, quindi, diventa indispensabile trovare un modo per fare squadra e presentarci sul quel mercato non per delocalizzare, bensì per acquistare nuove possibili quote di mercato. Quindi la Cina, oggi, diventa più importante come mercato di sbocco che non, come forse è stato inizialmente, come luogo per produrre a basso costo? Sono sempre convinto che il futuro per le aziende italiane sia quello di saper dare sempre maggior valore aggiunto ai propri prodotti per renderli difficilmente replicabili e attaccabili dalla concorrenza. Quindi, se si punta ad andare a produrre in Cina solo per diminuire i costi si percorre una strada errata. Credo, oltretutto, che chi è interessato solo a produrre a basso costo, oggi arrivi in Cina fuori tempo massimo. Anche in quel Paese, infatti, si cominciano a vedere i primi scioperi di lavoratori che chiedono migliori salari (cosa impensabile fino a qualche anno fa) e, di conseguenza, si comincia ad assistere ai primi rilevanti aumenti di costo della mano d opera. Bisogna, quindi, andare in Cina per produrre e vendere in Cina. Le difficoltà che esistevano in passato per insediarsi in Cina, al di là della barriera linguistica, sono sorpassate? In realtà penso che quei limiti ci siano ancora tutti, ma il Paese è talmente in corsa che comunque offre opportunità che vanno colte. Certo c è il limite della lingua e c è quello della cultura molto diversa, ma quest ultimo può, da certi punti di vista, diventare un opportunità di crescita e, quindi, un punto di forza. Rimane, poi, il problema di una scarsa abitudine alla ricerca della qualità del prodotto, ma anche sotto questo aspetto la situazione sta molto cambiando e i cinesi si stanno attrezzando. Non a caso stanno acquisendo in Europa e negli Usa aziende che hanno forte capacità Adriano Luci, con Beniamino Quintieri, commissario generale del Governo per l Expo 2010 e Riccardo Snidar, ad di Labiotest di innovazione e, quindi, che dispongono di molti cervelli. Un esempio illuminante è quello della Volvo che è un marchio particolarmente forte dal punto di vista delle quote di mercato, ma che ha un centro di ricerca molto all avanguardia e che, quindi, permetterà ai cinesi di fare un salto in avanti sulla strada delle produzioni (in questo caso automobilistiche) di qualità. Sembra che ci siano altre nazioni, come la Germania, che rispetto all Italia sono già molto più presenti in Cina. E veramente un nostro limite quello di arrivare sempre più tardi degli altri? Temo che faccia parte del nostro dna il non riuscire a creare le condizioni necessarie a sapersi presentare in gruppo, in modo compatto. Credo che, da questo punto di vista, le cose stiano comunque cambiando. Però in Germania gli investimenti delle aziende verso l estero sono aiutate anche da una politica e da una strategia di sviluppo, molto attenta al sistema produttivo nazionale e da questo punto di vista noi abbiamo ancora diversi passi in avanti da compiere. Che sensazioni le ha lasciato la visita all Expo di Shanghai? L expo è sicuramente una grande vetrina che consente innanzitutto ai cinesi di visitare oltre 200 Paesi senza muoversi da casa loro. Penso che il padiglione italiano sia uno dei più belli perché ha saputo unire la filosofia della presentazione del Paese e delle sue bellezze, alla concretezza della presentazione di molti prodotti di grande qualità e dai contenuti assai innovativi. Prova ne sia il fatto che è uno dei padiglioni più visitati e per accedere al quale si fanno lunghissime code. Lei ha anche partecipato con una delle sue aziende alla realizzazione del padiglione. Una simile partecipazione ha più un valore economico o è più importante per il ritorno di immagine? Noi ci siamo occupati dell impiantistica per la neutralizzazione dei cattivi odori e del cosiddetto killeraggio batterico. Sicuramente una simile partecipazione ha un forte valore aggiunto perché permette di essere presenti in una grande vetrina internazionale e soprattutto in Paese che è un punto di riferimento importante per l economia mondiale. Da singolo imprenditore, è soddisfatto di questa presenza? Per adesso sono soddisfatto, credo che per noi sia stata una bella opportunità e spero che tutto proceda in modo positivo come è iniziato. Durante il viaggio ha partecipato anche all inaugurazione di uno stabilimento in Cina della friulana Pro-Mec. Che significato ha avuto per lei? Da un lato è stata una dimostrazione del crescente dinamismo delle imprese friulane, dall altro mi è parso di percepire una certa soddisfazione del titolare Luigino Pozzo per la presenza di Confindustria, non solo Udine, ma anche nazionale, a quella inaugurazione. Proprio per questo mi sono complimentato con il direttore generale di Confindustria Giampaolo Galli per essersi sporcato le mani essendo presente in una pmi e dicendogli che ciò mi ha fatto piacere per l industria italiana in generale e per quella friulana in particolare. C.T.P. 12 luglio10

13 MARCO BRUSESCHI Insediamenti italiani in Cina: un ritardo da recuperare Marco Bruseschi (foto Alessio Buldrin) Marco Bruseschi, vicepresidente di Confindustria Udine, si occupa di internazionalizzazione sia per Confindustria Udine, da cui ha avuto una specifica delega, sia per la Camera di Commercio e ha preso parte alla missione in Cina insieme al presidente Adriano Luci. Vicepresidente Bruseschi, la recente missione ha coinciso per lei con il primo approccio con il colosso cinese. Che impressione ne ha tratto? L impatto è stato indubbiamente interessante. La Cina dà, infatti, l idea di un Paese in crescita esponenziale, ma con ancora notevoli contrasti. C è una forte spinta alla modernizzazione con la costruzione di città enormi, e per molti aspetti anche belle (vedi Shanghai e Pechino che abbiamo visitato), che cercano di soddisfare il desiderio di molti cinesi di lasciare la campagna, dove spesso vivono in condizioni precarie. Si vede però che spesso l inurbamento porta alla costruzione di interi quartieri fatti da decine di grattacieli tutti uguali e anonimi e ci si chiede se, da certi punti di vista, non sia meglio la vita in campagna in abitazioni però normali. Vedendola da vicino con l ottica dell imprenditore italiano, la grande crescita cinese spaventa o appare più come un opportunità? Certamente fa impressione, ma credo dia maggiormente il senso dell opportunità che quel mercato può costituire per le nostre aziende. Un esempio lo abbiamo avuto con l inaugurazione del nuovo stabilimento della Pro-Mec di Coseano, la PMP, che era già presente in Cina da diversi anni come prodotto esportato, ma che, essendo cresciuta, grazie ad un processo di internazionalizzazione in mezzi ed uomini e forti di brevetti mondiali, ha ritenuto opportuno realizzare una nuova fabbrica rivolta ai prodotti fino ad ora esportati e che ora stanno avendo un decollo verticale nelle vendite in Cina. Penso che sia stata la scelta giusta in grado di dare all azienda la possibilità di crescere ancora perché può controllare direttamente il mercato cinese, anche se dovrà affrontare i rischi tipici di quel Paese che sono riassumibili nella possibilità di vedersi copiare il prodotto dalle imprese locali. Un esempio, quindi, che come tanti altri di aziende friulane presenti in Cina, può essere seguito, pur non nascondendo le difficoltà organizzative e le differenze culturali esistenti. Come valuta l Expo di Shangai? E un importante occasione per il paese Italia di presentarci uniti facendo conoscere al mondo, ma soprattutto ai cinesi, il meglio del nostro Paese fatto di una qualità della vita notevole, di prodotti ad alto valore aggiunto, estetici e di design, di produzioni di lusso e molto avanzate tecnologicamente. Nel padiglione Italia abbiamo proposto l immagine di un Paese costituito prevalentemente da piccole città, dove l umanità e la felicità possono essere condivise; uno scenario che contrasta nettamente con le mostruose concentrazioni urbane da decine di milioni di persone alle quali sono e dovranno abituarsi i cinesi. Più in generale, mi pare di aver capito che, nonostante i milioni di visitatori e l ottimo risultato del padiglione Italia in termini di visitatori, l Expo nel suo complesso stia avendo meno successo di quanto si aspettassero i dirigenti cinesi figlio un po della crisi attuale e forse aggiungo di un modello di esposizione da attualizzare per poter catturare i giovani d oggi. Da singolo imprenditore questo primo viaggio in Cina l ha fatta meditare sull ipotesi di un possibile allargamento della sua attività in quel Paese? Sicuramente la situazione cinese è molto stimolante e ti porta a immaginare che possa valere la pena sfruttare quell enorme dinamismo e potenzialità di crescita. Ci sono, infatti, zone industriali enormi (grandi una ventina di volte la nostra Aussa- Corno) molto ben pianificate e strutturate con parchi scientifici al proprio interno che stimolano la crescita delle aziende e nelle quali ci si può insediare con grande velocità. Economia EXPO Shanghai 2010 Sta, inoltre, crescendo la cultura del lavoro e la qualità della formazione dei manager locali che è necessario trovare se si vuole condurre efficacemente un impresa in Cina. Fondamentale è fare il passo se si hanno gli uomini al proprio fianco. L azienda deve avere un minimo di struttura, altrimenti si rischia di delocalizzare più per moda che per presa di coscienza dei propri mezzi. Di negativo c è, tuttavia, il fatto che si comincia ad avvertire una certa tensione sociale e la presenza comunque dell apparato del partito che ora fa da motore e stimolo potrebbe in futuro essere una presenza ingombrante. Va, comunque, detto che il nostro Paese, rispetto ad esempio al sistema tedesco, è molto indietro nel proporsi su quel mercato. Basti dire che la Pro-Mec è insediata, unica azienda italiana, in una zona industriale dove ci sono 150 imprese tedesche. Il motivo di questo ritardo va ricercato nella consueta lentezza del nostro apparato statale e nell incapacità di fare squadra? In parte sì, ma dipende anche dal fatto che il nostro tessuto industriale è fatto, a differenza di quello tedesco, di aziende mediopiccole, il che rende molto più difficile l internazionalizzazione. Inoltre il nostro sistema bancario solo da poco tempo ha due grandi banche che possono essere efficacemente presenti a supporto delle aziende su mercati così lontani. Unicredit, ad esempio, solo adesso sta per aprire la terza filiale cinese, fatto che le permetterà di diventare così banca di diritto cinese potendo quindi svolgere la vera attività bancaria e non solo quella di ufficio di rappresentanza. Come si può recuperare questo ritardo? Credo che si debba ragionare per filiere, cercando di presentarsi insieme e di individuare quei settori, come ad esempio quello ambientale, dove c è ancora molto spazio di crescita. Adesso, comunque, la strada per aprire un azienda in Cina è molto più agevolata che in passato e gli imprenditori italiani possono contare molto più di prima su strutture d appoggio come banche e studi professionali che possono aiutarli ad avviare l attività superando i diversi passaggi burocratici e segnalando per tempo le criticità dell oggi della Cina. Da questo punto di vista Confindustria sta cercando di organizzare alcune missioni di filiera nei prossimi mesi dopo questa di sistema. Anche come Camera di Commercio a ottobre parteciperemo a una missione di Unioncamere nazionale in Cina per la filiera ambiente, a fine anno a una per l alimentare e il sistema casa, e a dicembre ad Hong Kong per la fiera del vino. C.T.P. liuglio10 13

14 Economia Focus- Expo Shanghai 2010 L ingegno friulano si fa valere a Shanghai Ad oltre un mese dall apertura dell Esposizione Universale di Shanghai, il Padiglione Italia si è confermato una delle maggiori attrazioni dell intera esposizione, registrando un milione di presenze, su un totale di quasi sei milioni. Concepito come un omaggio alla bellezza della realtà italiana delle città, il padiglione propone il meglio delle realtà produttive del Belpaese. All Expo di Shanghai sono presenti, a vario titolo, anche numerose aziende friulane che si stanno facendo valere grazie alle qualità d innovazione dei loro prodotti. Un primo esempio è dato dalla Labiotest srl del Gruppo Luci che è fra i fornitori ufficiali del Padiglione Italia dove si è presa cura dell aria del Padiglione Italia, grazie ad Air Suite, l innovativo brevetto che purifica l aria da odori e batteri. A rappresentare Labiotest mercoledì 2 giugno scorso, quando all interno del Padiglione è stata celebrata la Festa della Repubblica, c era il presidente, Adriano Luci, insieme all amministratore delegato Riccardo Snidar. In tutti gli interventi ascoltati ha detto nell occasione Luci -, il richiamo all eccellenza italiana è stato senz altro uno dei motivi per i quali ci sentiamo più onorati di essere qui. Questa esperienza all Expo non è solo un occasione di crescita: è una conferma prestigiosa di come la nostra costanza per l innovazione e la ricerca sia l orientamento migliore, più ricco di sviluppi. Pirotecnica inaugurazione a Taicang della PMP Drive Systems Altra azienda friulana che si sta facendo notare a Shangai è stata la Dapi srl di Faedis, che si occupa di lavorazioni meccaniche in conto terzi e che ha presentato FIDO (acronimo dell inglese di For Ideal Dog Owner): un semplice bastone da passeggio al cui interno è incorporato un sistema aspirante e sigillante, uno strumento ideale di salvaguardia ambientale per la pulizia delle città dagli escrementi dei cani. Inventato dall ingegner Dario Vanin, amministratore unico dell azienda, il bastone è stato inserito tra le 265 innovazioni italiane prescelte dalla commissione istituita dal Ministro Renato Brunetta per rappresentare all Expo le eccellenze tecnologiche che mettono in evidenza l ingegno e l inventiva italiana. Fido ha spiegato Vanin - è un sistema semplice per raccogliere gli escrementi del proprio cane in una forma rapida, pulita e non faticosa per chi conduce a passeggio l animale. Il meccanismo è facile: una volta avvicinata all escremento la punta del bastone, esso aspira e immagazzina al suo interno, in un apposito sacchetto, il residuo organico che può, poi, essere depositato, senza sporcarsi, negli appositi raccoglitori pubblici o nelle pattumiere di casa. Uguale sorte, ossia l inserimento tra le 265 invenzioni italiane, ha avuto anche Gaia Group, azienda partecipata dalla Pert srl di Feletto Umberto (progettazioni e rilievi tecnici) con il brevetto Anycode, un sistema integrato per la rilevazione laser scanner 3D, codifica, catalogazione e gestione informatica di strutture complesse, utilizzabile in molti ambiti fra i quali l industria petrolifera, l architettura, l archeologia, i beni ambientali e museali e altri ancora. Anycode è il risultato di un processo di aggregazione ha spiegato il vicepresidente dell azienda, Matteo Tomba che è anche responsabile tecnico-commerciale di Pert che ha visto Pert contribuire alla costituzione di Anycode Italia S.r.l., la società che gestisce il brevetto Anycode nato dalla partnership tra Irideitalia e le società Gaia Group e InitZero. Il brevetto - ha aggiunto Tomba - consente una catalogazione puntuale e univoca delle componenti di qualsiasi sistema complesso. Nell industria, ad esempio, la sua applicazione facilita le operazioni di manutenzione degli impianti, del loro smontaggio, rimontaggio e del revamping. L inaugurazione di un nuovo stabilimento, è stato, invece, il modo scelto dal gruppo Pro-Mec spa di Coseano per festeggiare l importante presenza italiana e friulana all Expo cinese. Proprio nei giorni della kermesse, infatti, alla presidenza del direttore generale di Confindustria, Giampaolo Galli, del presidente di Confindustria Udine, Adriano Luci e del vice-presidente Marco Bruseschi, l impresa guidata da Luigino Pozzo ha tagliato il nastro della nuova fabbrica realizzata a Taicang (una città di oltre 450 mila abitanti a circa 60 chilometri da Shanghai) dalla controllata PMP Drive Systems. Frutto di un investimento di 12 milioni di euro, la fabbrica, che darà lavoro a 250 dipendenti nell arco di un biennio, avrà come core business la produzione di scatole di trasmissione per macchine per la miscelazione di cemento. L obiettivo della casa madre, leader nella progettazione e produzione di trasmissioni ad alta ingegneria, è di aumentare sensibilmente in pochi anni il proprio fatturato in Cina: dai 10milioni di euro dello scorso anno ai 40 previsti per quest anno e ai nel 2011 (120 milioni di euro nel 2012). C.T.P. 14 luglio10

15 liuglio10 15

16 Economia Focus: Expo Shanghai 2010 Una tesi di laurea sulle aziende friulane in Cina Nove capitoli, 477 pagine, 20 aziende analizzate nel dettaglio con interviste di taglio giornalistico a proprietari e area manager e altre 6 in maniera meno approfondita, quasi un anno di lavoro. Sono i numeri della monumentale e assai interessante tesi di laurea dal titolo La presenza italiana in Cina: Opportunità, problemi da affrontare, modi di operare. L esperienza delle imprese friulane che il ventinovenne udinese Silvio Toso ha discusso il 22 marzo nell ambito di un progetto della facoltà di Economia aziendale dell Università di Trieste. Il neo-dottore in Economia internazionale dei mercati esteri e valutari, indirizzo finanziario, supportato dalla correlatrice Donata Vianelli, docente di Marketing internazionale e insegnante al MIB di Trieste, ha compiuto un lavoro encomiabile che si pone come punto di riferimento sullo stato dell arte dei rapporti fra le imprese friulane e il colosso asiatico. Toso, infatti, ha preso le aziende della provincia di Udine che sono presenti in Cina: Barazzutti (Componentistica per l automotive), Calligaris (Arredamenti), Coats Thread Italy S.r.l (Chiusure lampo), Comefri (Impianti di aerazione), Danieli (Siderurgia), Fantoni (Mobili per uffici), Freud (Utensili), I-Bedding (Letti e materassi), Interna (Arredamenti di lusso per il contract), Lima (Sistemi medicali), Linea Fabbrica (Sedie), Maddalena (Misuratori), Moroso (Mobili), Pro-Mec (Project engineering), Rizzani de Eccher (Costruzioni), Sms Meer (Siderurgia), Snaidero (Cucine), Thermokey (Condizionamento), Trudi (Giocattoli), Varo (Arredamenti, articoli da regalo e per la casa), Labiotest (Trattamento dell aria), Bernardi (Abbigliamento). C è, inoltre, uno sguardo alle più importanti realtà delle altre province della Regione: Zanussi (Elettrodomestici), MetalService (Laboratorio prova), Illy (Caffè), e Generali (Assicurazioni). Ne emerge un quadro fatto di esperienze assai diversificate sia per tipologia, sia per stato di avanzamento, ma prevalentemente positive. Nel complesso si evidenzia che le aziende friulane hanno scelto diverse modalità per entrare in Cina: si va dalla joint venture o con un business privato (Freud) all ufficio di rappresentanza nella forma di trading company finalizzato a procacciarsi affari (Interna, Labiotest, Rizzani de Eccher) fino alla delocalizzazione vera e propria senza una presenza diretta dell azienda nel Paese. Le aziende di dimensione medio piccola hanno preferito creare sinergie con partner cinesi attraverso joint venture tese a reperire materiali (Linea Fabbrica e Maddalena); realizzare semilavorati o prodotti finiti da riesportare in Italia (Barazzutti, Varo e Trudi). In entrambi i casi l idea è quella di mantenere in Italia la testa (ideazione, progettazione, prototipazione, controlli di qualità) e di produrre in Cina per abbattere i costi in modo da rimanere competitivi. Parzialmente diversa si è dimostrata la strategia delle aziende di maggiori dimensioni (Coats-Thread, Danieli, Sms Meer) o comunque più convinte della presenza in Cina (Thermokey e Pro-Mec) che con forti investimenti hanno scelto di produrre direttamente in Cina per la clientela e adottano strategie relativamente aggressive per potersi guadagnare quanto prima la fetta più grande possibile di quell immenso mercato. Diverso, infine il caso di Freud, definito da Toso il caso più interessante fra quelli analizzati, che continua a produrre tutto in Italia per non snaturare l identità del suo prodotto, ma allo stesso tempo ha sviluppato in anni di presenza diretta in Cina un business privato, con un ufficio operativo strategico e magazzini di proprietà, oltre a una rete commerciale e distributiva notevole. Ciò ha consentito all azienda friulana di ottenere la leadership del mercato cinese. Quanto alla zona geografica, la gran parte delle aziende friulane ha scelto di insediarsi nelle principali città come Shanghai, Beijing (Pechino), Guangzhou o a Hong Kong e Taiwan, ma ci sono anche numerose aziende che sono presenti in più luoghi della Cina. Dall analisi dei casi aziendali esaminati, Silvio Toso ha tratto alcune conclusioni decisamente interessanti e che possono costituire un utile guida per chi stesse meditando di investire in Cina. Innanzitutto secondo Toso la Cina può essere in questo momento vista come un Silvio Toso mercato da sfruttare non solo in termini di export, ma spesso per riorganizzare le strategie delle nostre aziende e renderle più competitive. Sintetizzando, poi, le esperienze degli intervistati, il neo-dottore traccia una sorta di vademecum per le Pmi che vogliano andare in Cina: Il primo approccio è informarsi sulle fiere di settore, investire risorse in viaggi commerciali, creandosi contatti e vagliando i migliori partner. Creando un rapporto di fiducia e lealtà reciproca (la famosa guanxi cinese), in un secondo momento si può decidere di aprire assieme al partner cinese, o con un altra azienda occidentale, una joint venture. Un appoggio importante a favore dell internazionalizzazione spiega Toso spetta inoltre all Ice e a Simest. Gli imprenditori, poi, non devono essere timorosi ad internazionalizzarsi, ma anzi devono essere consci che lo Stato mette loro a disposizione servizi e fondi previsti per legge, per operare nel mondo e rafforzare la loro presenza in un determinato territorio. Ci sono, infatti, ancora numerose possibilità per il comparto delle meccanica, della ricerca, della depurazione, dell arredo e delle alte tecnologie, nonché notevoli chance per il comparto alimentare, in particolar modo del vino. Nel prossimo, futuro, però bisognerà Puntare sulle grandi città di seconda fascia, in quanto i mercati nelle principali città cinesi sono ormai saturi. Insomma, la Cina non spaventa più ed è diventata, invece, una terra di grandi opportunità da saper cogliere, seppur con le dovute cautele. Per chi intendesse farlo... una telefonata a Silvio Toso può essere davvero utile. C.T.P. 16 luglio10

17 Benvenuti su QrPortal liuglio10 17

18 Economia Aziende flash Riconoscimento internazionale per la Rhoss Un prodotto della Rhoss di Codroipo, sviluppato in sinergia con i dipartimenti di Fisica tecnica e di Ingegneria di informazione dell università di Padova, si è aggiudicato il premio internazionale H&W News Awards che ogni anno è assegnato a Londra da una delle più importanti riviste specializzate inglesi alle migliori aziende internazionali che operano sul mercato del riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell aria. L edizione 2010 ha premiato le aziende che nel corso dell anno passato hanno sviluppato prodotti, sistemi o servizi idonei a trovare nuove e innovative soluzioni per aumentare le performance energetiche Da beantech soluzioni per la gestione delle commesse Le aziende che lavorano con la metodologia project based non fanno parte di un unico settore; progettano, realizzano e forniscono prodotti e servizi su commessa, e possono presentarsi sotto forma di studi di progettazione, società di servizi, aziende di ingegneria e di costruzione, società di impiantistica e di engineering. Ognuna di queste aziende basa il proprio lavoro su obiettivi raggiungibili, vincoli temporali ed economici precisi, assegnazione di ruoli e compiti a risorse umane e tecniche, attribuzione di specifiche responsabilità. Criteri spesso difficili da monitorare e gestire con un unico strumento. Inoltre, la crescente competitività costringe questo tipo di aziende a garantire elevati standard di efficienza mantenendo un costante controllo sui processi, sui costi e le tempistiche di avanzamento lavori. Le problematiche della commessa sono comuni a molti settori, nei quali la necessità è quella di garantire un monitoraggio costante degli edifici. La Rhoss si è aggiudicata il riconoscimento nella sezione Prodotto dell anno nella sezione aria condizionata. Il prodotto della azienda friulana denominato Adaptive Function Plus Rhoss è un sistema di controllo all avanguardia per refrigeratori ad acqua e pompe di calore che permette di gestire le richieste di raffrescamento e riscaldamento regolando la temperatura dell acqua in base alle effettive esigenze dell impianto, riducendo così il consumo energetico con risparmi del 18% in modalità estiva e del 36% in modalità invernale, contribuendo indirettamente alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica. La selezione del premio ha riguardato le migliori aziende del mercato mondiale che hanno presentato i loro prodotti e le loro novità all analisi della commissione H&V News Awards. I giurati della commissione hanno definito il sistema di controllo Afp di Rhoss un prodotto eccezionale. su tutte le fasi operative e organizzative dei progetti, da un punto di vista sia economico che finanziario. La risposta a questo tipo di esigenze sarà presentata da beantech, in collaborazione con il partner VarGroup di Empoli, durante l evento interamente dedicato al project management e agli strumenti informatici per la gestione delle commesse. Gli interventi saranno avvalorati dalla presentazione di casi di successo raccolti da beantech e declinati per industry nonché per problematica di processo. Sicurmed guarda al futuro con il simulatore di folle La Sicurmed srl di Martignacco ha stretto per il 2010 una partnership con il Laboratorio di bioingegneria industriale del Parco scientifico e tecnologico di Udine Luigi Danieli per lo sviluppo di un nuovo progetto innovativo: un simulatore di folle integrato all interno del portale per la gestione della sicurezza on line. Gianfranco Ingenito, uno dei fondatori di Sicurmed, ha ribadito come sia uno strumento in grado di offrire risposte pratiche e concrete, nonché di dare agli addetti alla sicurezza una garanzia maggiore relativamente ai piani di evacuazione in modo particolare per i soggetti più deboli come i portatori di handicap. Una partnership preziosa quindi, come ha confermato anche Paolo Pascolo, rappresentante governativo nell European Enhanced Vehicle-safety Committee per il quale lo sviluppo di questo nuovo progetto può dare un contributo positivo da molteplici punti di vista, in quanto la sicurezza, in ogni campo, è propedeutica allo sviluppo economico responsabile. L esigenza per realtà pubbliche e private di gestire in occasione di eventi come concerti e manifestazioni i flussi di grandi dimensioni è indubbia. Obiettivo del progetto è lo sviluppo di un simulatore di flussi realizzato come programma di calcolo che sia in grado di realizzare simulazioni ai fini dell analisi e della prevenzione di comportamenti a rischio. Il programma sarà in grado di fornire i dati relativi ai punti di concentrazione del flusso di persone, ai tempi di smaltimento o di attesa permettendo di comprendere le possibili reazioni supportando una corretta definizione dei problemi che si possono verificare. Le simulazioni consentiranno, dunque, di disporre di un protocollo di intervento adeguato alla specifica fonte di rischio, elemento indispensabile per poter attuare strategie di sicurezza efficaci. 18 luglio10

19 liuglio10 19

20 Economia Aziende flash Calligaris, fatturato a 140 milioni di euro Il gruppo Calligaris ha chiuso il bilancio consolidato 2009 con un fatturato complessivo di 140 milioni di euro, registrando una flessione inferiore alle medie del settore: -13% contro un -17,5% dell intero comparto. La recessione mondiale ha penalizzato le performance del gruppo nel corso di tutto il La redditività, tuttavia, è stata preservata oltre le previsioni. Nel 2009 il margine operativo lordo (Ebitda) di 20,2 milioni di euro, pari al 14,4% Latterie Friulane in positivo Alessandro Calligaris Bilancio in tenuta per Latterie Friulane, in un anno particolarmente difficile: il fatturato pari a 66,68 milioni di euro si è ridotto dell 8,75%, ma è stata mantenuta la positività dei conti ed è stata garantita una buona liquidazione del prezzo del latte alla stalla: 0,3586 euro per litro, più Iva. Il lavoro della più importante impresa agroalimentare regionale nel 2009 si è sviluppato in una situazione di mercato particolarmente instabile: a fronte di una diminuzione della produzione italiana di latte pari all 1%, i consumi hanno subito una riduzione del 12,1% con un calo conseguente del prezzo del latte e del formaggio, Montasio compreso (-7% su base annua). Le previsioni per il 2010 non sono migliori. Le vendite degli alimentari continuano a calare come pure il prezzo del Montasio, mentre i conferimenti dei soci sono in sensibile crescita. Nel 2009, con 225 collaboratori, il consorzio cooperativo ha lavorato ettolitri di latte (conferiti da 250 allevatori regionali) e ha del fatturato netto consolidato, si è mantenuto su livelli di eccellenza segnando una flessione contenuta rispetto al 2008 (15,6%). Il gruppo, ha continuato a operare con l obiettivo di rendere più incisiva la gestione dei mercati. Si è rivelata vincente, in particolare, la penetrazione del mercato attraverso partnership con rivenditori selezionati, finalizzate alla creazione di spazi di vendita dedicati in grado di garantire la visibilità del marchio Calligaris. La forza del gruppo, oltre che su indirizzi strategici chiari ed organizzazione efficiente, è basata anche su una rete distributiva imponente: 10 mila rivenditori diffusi in 90 paesi. Tenuto conto del quadro economico possiamo dirci soddisfatti per i risultati conseguiti nel 2009 precisa Alessandro Calligaris, amministratore delegato del gruppo di Manzano e siamo consapevoli che nel 2010 dovremo gettare le basi per il rilancio. Prevediamo che fatturato e margini possano iniziare a crescere soltanto nella Sedute futuriste per Casa Depero Il futurismo si siede sulle sedute Calligaris. L azienda di Manzano arrederà, infatti, il Caffè del Mago un punto d incontro creato da Camparisoda all interno della Casa d Arte Futurista Depero, a Rovereto (Tn). Calligaris ha fornito al Mart per il Caffè del Mago 24 sedie Ice rosse, 5 sgabelli alti Ice rossi, e 10 tavoli Dub. La collaborazione Calligaris-Mart, iniziata nei mesi scorsi, è stata presentata al recente Salone del Mobile di Milano. Prevede una serie di promozioni per l ingresso a prezzo ridotto al museo riservato ai visitatori del negozio Calligaris di Milano. Con questa nostra presenza al Mart di Rovereto ha spiegato Alessandro Calligaris, presidente del gruppo Calligaris si rafforza il binomio design e arte. Essere presenti a Casa Depero, punto di riferimento dell arte moderna e contemporanea, ci riempie di esportato prodotti finiti per un valore pari al 7,2% del proprio fatturato (in Austria e Russia, principalmente). Il consiglio di amministrazione, che ha riconfermato il presidente Roberto Rossi e il vice Guecello di Porcia e Brugnera, affiancato dal direttore Franco Panciera, ha avviato un progetto di ristrutturazione seconda parte dell anno. Sono altresì molto fiducioso nelle capacità e attitudini delle risorse umane. Il nostro personale ha retto l impatto della crisi dimostrando dedizione e coesione. Tengo a sottolineare, inoltre, che il progetto di incorporazione della ex controllata Olivo&Godeassi Spa usufruisce di ammortizzatori sociali che, in base all accordo raggiunto con i sindacati, avrebbero potuto coinvolgere, a zero ore, 16 addetti dei reparti produttivi e 27 addetti tra il personale impiegatizio. Ci siamo impegnati a rendere l impatto il meno penalizzante possibile per il personale. I risultati, finora, sono incoraggianti: secondo le previsioni 8 dipendenti sono stati oggetto di pre-pensionamento e ulteriori 4 sono stati posti in Cig a zero ore. Per la quota restante di esuberi programmata (31 unità teoriche), le ore di Cig effettivamente utilizzate indicano che in media soltanto il 30% del personale previsto è stato interessato dagli ammortizzatori sociali. orgoglio. Nel frattempo Calligaris è sbarcata anche in Spagna dove ha aperto un nuovo negozio monomarca a Valladolid. Il punto vendita si sviluppa su 260 metri quadrati e propone il meglio della collezione Calligaris, dalle sedie ai tavoli, dai divani ai letti, dalle lampade ai complementi di arredo. Sempre nello stesso periodo l azienda ha aperto un area espositiva nella storica galleria Lafayette di Parigi. Al secondo piano della sezione arredamento dei grandi magazzini parigini, Calligaris ha allestito una superficie espositiva di oltre 65 metri quadrati. Questa presenza a Parigi nella galleria Lafayette ha commentato Alessandro Calligaris è un riconoscimento per la nostra azienda che da sempre è attenta al design, al made in Italy e alla innovazione. produttiva con un investimento di circa 8 milioni di euro, finalizzato al contenimento dei costi. Tra l altro, sarà potenziata la linea di confezionamento della mozzarella, sarà dimesso l impianto di produzione del latte a lunga conservazione e i due depositi di Trieste e Gorizia saranno accorpati a Monfalcone. 20 luglio10

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori,

Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, COSMIT FEDERLEGNOARREDO ISALONI (Milano, 22 Aprile 2009) INTERVENTO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO ON. CLAUDIO SCAJOLA Cari presidenti, Ministro Rachid, signore e signori, sono molto lieto di partecipare

Dettagli

CHINA BUSINESS LAB. 6-12 Giugno 2013 Ningbo/Shanghai. Promosso da

CHINA BUSINESS LAB. 6-12 Giugno 2013 Ningbo/Shanghai. Promosso da CHINA BUSINESS LAB 6-12 Giugno 2013 Ningbo/Shanghai Promosso da China Business Lab un evento unico ed esclusivo per iniziare a fare business in China Partner CHINA BUSINESS LAB Shanghai Chamber of Commerce

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015

LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 LE NUOVE FRONTIERE DELLA ROBOTICA E DELL AUTOMAZIONE: MINACCIA O OPPORTUNITA? IX Forum Economico Italo-Tedesco 22 aprile 2015 Fondata nel 1945, UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE è associazione costruttori italiani

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Soluzioni. per le Imprese CHINA

Soluzioni. per le Imprese CHINA Soluzioni per le Imprese CHINA Il nostro team Fondazione Italia Cina e Camera di Commercio Italo Cinese hanno raggiunto un accordo di integrazione e hanno dato vita ad un unica sezione per l erogazione

Dettagli

a trieste approda il futuro

a trieste approda il futuro company profile Una società, ma con la forza di quattro. Per un progetto di riqualificazione architettonica e urbanistica imponente come quello appena avviato nel Porto Vecchio di Trieste risultano vincenti

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero. Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio

XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero. Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio XXII Convention Mondiale delle Camere di Commercio Italiane all Estero Expo 2015, un opportunità e una sfida per le imprese e il Territorio Monza, 9 13 novembre 2013 ABSTRACT PREMESSA La crescita del nostro

Dettagli

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre

La Cassa Depositi e Prestiti viene da lontano ed il suo lungo percorso storico è caratterizzato da tre (bozza non corretta) Accesso al credito: il ruolo di Cassa depositi e prestiti. Gli strumenti di sostegno alle PMI ed alle Pubbliche Amministrazioni" GIOVEDI' 14 GIUGNO 2012 FERMO (Sala dei Ritratti -

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

IL MADE IN ITALY ABITA IL FUTURO IL LEGNO ARREDO VERSO L ECONOMIA CIRCOLARE : IL RAPPORTO DI FONDAZIONE SYMBOLA E FEDERLEGNOARREDO

IL MADE IN ITALY ABITA IL FUTURO IL LEGNO ARREDO VERSO L ECONOMIA CIRCOLARE : IL RAPPORTO DI FONDAZIONE SYMBOLA E FEDERLEGNOARREDO IL MADE IN ITALY ABITA IL FUTURO IL LEGNO ARREDO VERSO L ECONOMIA CIRCOLARE : IL RAPPORTO DI FONDAZIONE SYMBOLA E FEDERLEGNOARREDO Il Legno Arredo italiano il più efficiente e sostenibile in Europa: consumiamo

Dettagli

Fondazione Italia Cina

Fondazione Italia Cina Fondazione Italia Cina Una volta colte, le opportunità si moltiplicano Sun Tzu L OPPORTUNITÀ CINA Sin dall apertura agli investimenti esteri alla fine degli anni settanta, la Cina è cresciuta ad un tasso

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI

CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI INTERNAZIONALIZZAZIONE POMPEO TRIA CON LO SGUARDO VERSO I BALCANI Pompeo Tria del gruppo Step Impianti presenta la strategia per il prossimo triennio. Tre parole chiave: internazionalizzazione, innovazione

Dettagli

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014

Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 Intervento Paolo Zegna Presidente del Comitato Internazionalizzazione 27 marzo 2014 La promozione del sistema industriale italiano all'estero: migliorare efficacia ed efficienza. Le azioni. Grazie dottor

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l

evidenziate le cause che hanno portato alla crisi, tra cui la pesante regolamentazione, lo spreco di risorse, la lenta crescita delle esportazioni, l Riassunto L India è uno dei paesi più grandi del mondo, il secondo in quanto a popolazione e uno di quelli in via di sviluppo che negli ultimi anni ha mostrato le maggiori potenzialità di crescita economica

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

METTI IN MOTO IL TALENTO

METTI IN MOTO IL TALENTO METTI IN MOTO IL TALENTO Laboratorio di sviluppo, al femminile e non solo. Progetto di valorizzazione del personale rivolto ai dipendenti dell Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino Provincia di

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della comunicazione pubblica e sociale Marketing e Comunicazione del settore bancario

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive

Università di Macerata. L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Università di Macerata Facoltà di Giurisprudenza Dipartimento di Studi Giuridici ed Economici L internazionalizzazione delle PMI: problemi e prospettive Francesca Spigarelli spigarelli@unimc.it Tecnologia,

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Promuovere il Brand Italia in Germania: si parte da Francoforte giugno 26, 2014

Promuovere il Brand Italia in Germania: si parte da Francoforte giugno 26, 2014 Promuovere il Brand Italia in Germania: si parte da Francoforte giugno 26, 2014 La Settimana Italiana è ormai un appuntamento fisso nell estate di Francoforte sul Meno, la capitale economica della Germania.

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013

Convegno ANFIA. Torino, 7 maggio 2013 Convegno ANFIA Torino, 7 maggio 2013 Scaletta presentazione Dott. Bonomi INTRODUZIONE anche se il momento è difficile e carico di incertezze bisogna cercare di capire quali sono le occasioni per migliorare

Dettagli

di Simona Facchini Foto di Carlo Pozzoni

di Simona Facchini Foto di Carlo Pozzoni di Simona Facchini Foto di Carlo Pozzoni L ESPERIENZA DI COM ON IDEATA DAI GIOVANI INDUSTRIALI. MARCO TAIANA: «MENTRE TANTI TALENTI ITALIANI SE NE VANNO, NOI ABBIAMO CREATO UN SISTEMA CHE LI ATTRAE. CREDIAMO

Dettagli

FORNITORI DI SOLUZIONI GLOBALI

FORNITORI DI SOLUZIONI GLOBALI A Carla Casartelli FORNITORI DI SOLUZIONI GLOBALI Con una radicata tradizione di servizio al cliente e una profonda esperienza nel mondo degli stampi, una realtà che offre una risposta globale in grado

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Ho avuto un'idea... e adesso? dal sogno alla Startup

Ho avuto un'idea... e adesso? dal sogno alla Startup Ho avuto un'idea... e adesso? dal sogno alla Startup Lunedì 25 MAGGIO 2015 Università degli Studi di Udine - Polo Scientifico dei Rizzi a cura del dott. Federico Barcherini Partner di SEED S.r.l. Socio

Dettagli

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante

IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE. La promozione di un ristorante IL MARKETING DELLA RISTORAZIONE La promozione di un ristorante La promozione interna Si tratta delle strategie di vendita rivolte al cliente che è già «entrato» nel locale: Elaborazione di nuove proposte

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

PEOPLE, PLANET, PROFIT LA SFIDA GLOBALE DELLA CHIMICA VERDE PLANET GREEN CHEM FOR EXPO 2015 Workshop sulla chimica innovativa, verde e sostenibile

PEOPLE, PLANET, PROFIT LA SFIDA GLOBALE DELLA CHIMICA VERDE PLANET GREEN CHEM FOR EXPO 2015 Workshop sulla chimica innovativa, verde e sostenibile PEOPLE, PLANET, PROFIT LA SFIDA GLOBALE DELLA CHIMICA VERDE PLANET GREEN CHEM FOR EXPO 2015 Workshop sulla chimica innovativa, verde e sostenibile Padiglione Italia, Spazio ME and WE Women for Expo 23

Dettagli

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster

Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: elementi caratterizzanti il cluster Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro

Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro Investire in Cina, India, Brasile e Turchia Il costo e la normativa del lavoro A cura di Centro Studi Assolombarda Ufficio Studi Unione Industriale di Torino Argomenti della Presentazione Condizioni alla

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Anche se nella Val Basento la chimica non esiste più, sono rimasti alcuni funghi di piccola industria.

Anche se nella Val Basento la chimica non esiste più, sono rimasti alcuni funghi di piccola industria. Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGiL della Provincia di Matera Soggetto: la Basilicata come laboratorio; la filiera 1 dell energia alternativa; fare in modo che i giovani rimangano

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015

DELIBERAZIONE N. 43/7 DEL 1.9.2015 Oggetto: Strategia per l internazionalizzazione del sistema produttivo regionale. Programma regionale triennale per l internazionalizzazione 2015-2018. L Assessore dell industria evidenzia alla Giunta

Dettagli

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014

DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 DOSSIER CONFCOMMERCIO MODENA Lunedì, 16 giugno 2014 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 11 15/06/2014 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 5 15/06/2014 Gazzetta di Modena Pagina 9 DOSSIER CONFCOMMERCIO

Dettagli

Relazione del Presidente della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Professor Giovanni Tria

Relazione del Presidente della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Professor Giovanni Tria DISPA Meeting of Directors of School and Institutes of Public Administration The role of Public management training in the current economic situation Madrid, 27 e 28 maggio 2010 Relazione del Presidente

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015.

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre 2015. Milano, 13 maggio TOD S S.p.A. crescita dei ricavi dell 1,5% nel primo trimestre. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE NEL SETTORE DELL EDILIZIA E DEI LAVORI PUBBLICI NELL AMBITO DEL PROGETTO SPORTELLO APPALTI IMPRESE

INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE NEL SETTORE DELL EDILIZIA E DEI LAVORI PUBBLICI NELL AMBITO DEL PROGETTO SPORTELLO APPALTI IMPRESE INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE NEL SETTORE DELL EDILIZIA E DEI LAVORI PUBBLICI NELL AMBITO DEL PROGETTO SPORTELLO APPALTI IMPRESE Relazione di sintesi sulla Delegazione a Bucarest, 1-3 marzo 2015

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO

IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO IL RUOLO DELLE FONDAZIONI NEL SOSTEGNO E NELLA PROMOZIONE DELL INNOVAZIONE SOCIALE COME FATTORE DI SVILUPPO (Relazione al Convegno: Fondazioni e Banche: i sistemi economici locali Fondazione Cassa di Risparmio

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi.

MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. LA CENTRALE RISCHI Di Emanuele Bellano MILENA GABANELLI IN STUDIO È qui voltiamo pagina e certamente c è qualcuno che sa molte cose su di noi. Noi volevamo avere qualche informazione per un mutuo. Allora

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS

INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS Docente: Prof. Massimo Merlino Intellectual Property Rights (IPR) Imprenditore Business idea L imprenditore che

Dettagli

BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA?

BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA? BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA? BREND. COS È E PERCHÉ È UTILE ALLA TUA AZIENDA? BREND è un nuovo polo multiespositivo, che nasce in stretta correlazione con Padiglione Italia Expo2015,

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono

Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono 1 Questa presentazione fornisce informazioni su quali sono gli sbocchi occupazionali dei laureati del 2009 che hanno terminato gli studi e si sono presentati sul mercato del lavoro. Tali informazioni provengono

Dettagli

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Risultati dell indagine 2014 Ricerca commissionata dalla Presidente Giovani Albergatori Trentini dott. Francesca Maffei a cura dell Ufficio Marketing

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO

ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO ANIE ENERGIA: 2015 ANNO DEL RILANCIO PER IL SETTORE ELETTRICO Un indagine di ANIE Energia analizza le possibili evoluzioni del mercato interno di inverter, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica.

Dettagli

Viaggiare, fotografare, guadagnare

Viaggiare, fotografare, guadagnare Paolo Gallo Viaggiare, fotografare, guadagnare Crea il tuo secondo stipendio con il Microstock Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun

Dettagli

Una nuova generazione per l albergo di domani

Una nuova generazione per l albergo di domani I Una nuova generazione per l albergo di domani Indagine su come i giovanni vedono il proprio futuro professionale. Lettura assai utile anche ai senior Il Gruppo Giovani Albergatori sta vivendo una stagione

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa

La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa La Regione del Veneto e la Responsabilità sociale d impresa Dott.ssa Elisabetta Grigoletto Sezione Formazione Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Berlino 2014 1 Il progetto interregionale Creazione

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

Che cosa pensano le aziende su export e internazionalizzazione

Che cosa pensano le aziende su export e internazionalizzazione Che cosa pensano le aziende su export e internazionalizzazione a cura di Clemente Dalla Monica Realizzato dalla Swg di Trieste alla vigilia dell estate 2005, il sondaggio tendeva a verificare come le aziende

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA,

LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE POST DIPLOMA, LA FORMAZIONE PROFESSIONALE, LA FORMAZIONE INTEGRATA, LA FORMAZIONE CONTINUA DI SERGIO TREVISANATO * * Segretario Regionale Formazione Lavoro - Regione Veneto Sergio Trevisanato

Dettagli