Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti)"

Transcript

1 Elaborazioni svolte di consolidamento (di Francesco Sotti) Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento...2 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno di consolidamento...6 Cessione intra area di consolidamento di fattori produttivi a veloce ciclo di utilizzo...10 Cessione intra area di consolidamento di fattori produttivi a lento ciclo di utilizzo soggetti ad ammortamento...14 Cessione intra area di consolidamento di titoli obbligazionari...19 L'eliminazione dei dividendi distribuiti dalla controllata...23 La traduzione di un bilancio espresso in moneta estera...25 Valutazione di una partecipazione con il metodo del patrimonio netto secondo gli OIC e secondo lo Ias Assestamento di una partecipazione non totalitaria di controllo, secondo l Ifrs 3, con step acquisition...34 Assestamento di una partecipazione totalitaria di controllo e successiva perdita del controllo, secondo l OIC Assestamento di una partecipazione totalitaria di controllo e successiva perdita del controllo, secondo l Ifrs

2 Assestamento di una partecipazione di controllo Primo anno di consolidamento In data 31/08/n, la società H acquista una partecipazione di controllo del 70% nella società C, al prezzo di Alla data di acquisto del controllo il patrimonio netto della società C è così riepilogato: Patrimonio netto contabile di C al 31/08/n Capitale sociale Riserva legale 200 Altre riserve 400 Utile netto 300 Totale Il costo di acquisto della partecipazione è così spiegato: 31/08/n Rivalutazione analitica del patrimonio di A (fair value) 70% capogruppo H 30% interessi non di controllo di C PNC di C alla data di acquisto Maggiori valori correnti: Macchinari (fondo imposte differite) (40%) (371) (260) (111) PNR di C alla data di acquisto Avviamento 280 Costo partecipazione in C La differenza di consolidamento è pari a 670 = [costo acquisto partecipazione] [70% patrimonio netto contabile alla data d acquisto del controllo]. Trattamento contabile delle differenze di consolidamento secondo il D. lgs. 127/91 Il macchinario, dotato di un maggior valore corrente pari a 928, è rivalutato solo per il 70% (la quota di competenza della capogruppo = 928 x 70% = 650 al lordo del fondo imposte di 260) ed è ammortizzato per i residui 8 anni 6 mesi (102 mesi). La quota di competenza del primo esercizio è relativa a 4 mesi: 2

3 Ammortamento del maggior valor corrente = 650 x 4/102 = 25,5 Riduzione utile = 25,5 x 60% = 15,3 Riduzione imposte dirette = 25,5 x 40% = 10,2 Il residuo ammontare della differenza consolidamento, pari a 280 = , è imputato ad una voce dell attivo Differenza positiva di consolidamento e ammortizzato secondo le regole proprie dell avviamento (5 anni). Ammortamento della differenza positiva di consolidamento = 280 x 4/60 = 19 Riduzione utile = 19 Trattamento contabile delle differenze di consolidamento secondo l Ifrs 3 Il macchinario, dotato di un maggior valore corrente pari a 928, è rivalutato integralmente (sia per il 70% di competenza della capogruppo e per il 30% di competenza dei terzi) ed è ammortizzato per i residui 8 anni 6 mesi (102 mesi). La quota di competenza del primo esercizio è relativa a 4 mesi: Ammortamento del maggior valor corrente = 928 x 4/102 = 36,4 Riduzione imposte dirette = 36,4 x 40% = 14,5 Quota del 70% di pertinenza della capogruppo = 36,4 x 70% = 25,5 Riduzione utile di competenza della capogruppo = 25,5 x 60% = 15, 3 Quota del 30% di pertinenza dei terzi = 25,5 x 30% = 10,9 Riduzione utile di competenza dei terzi = 10,9 x 60% = 6,6 Utilizzo fondo imposte differite = 14,5 Il residuo ammontare della differenza consolidamento, pari a 280 = , è imputato alla voce Avviamento dell attivo che non è ammortizzata ma sottoposta ad impairment test annuale. Al 31/12/n le società presentano i seguenti bilanci: 3

4 Il conto economico della società C sarà consolidato solo per i mesi compresi tra il 31/08/n e il 31/12/n. Di seguito si riporta il conto economico infraannuale: 4

5 Il patrimonio netto della capogruppo è così determinato al 31/12/n: D.Lgs. Ias/Ifrs + Capitale sociale e riserve di H (100%) Variazione capitale sociale e riserve di C (70%) = Capitale sociale e riserve consolidate della capogruppo Reddito di H (100%) Reddito di C (70%) /- Rettifiche di consolidamento sul reddito di C (70%) (245) (225,3) = Reddito consolidato della capogruppo ,7 PN consolidato della capogruppo ,7 Il patrimonio netto i terzi è così determinato al 31/12/n: D.Lgs. Ias/Ifrs + Capitale sociale e riserve di C al 30% Rivalutazione analitica patrimonio di C 30% 167 +Rettifiche di consolidamento su C 30% (70% variazione PN di C) = Capitale sociale e riserve di terzi Reddito di C (30%) /- Rettifiche di consolidamento sul reddito di C (30%) (90) (97) = Reddito consolidato di terzi PN consolidato di terzi

6 Assestamento di una partecipazione di controllo secondo anno di consolidamento Al 31/12/n+1 le società presentano i seguenti bilanci: La differenza di consolidamento è calcolata in riferimento alla data di acquisto del controllo della partecipazione, così il suo ammontare è pari a quello calcolato al primo anno di consolidamento [670 secondo il D.Lgs. 127/91 e 280 secondo l Ifrs.] Trattamento contabile delle differenze di consolidamento secondo il D. Lgs. 127/91 Il macchinario, dotato di un maggior valore corrente pari a 928, è rivalutato solo per il 70% (la quota di competenza della capogruppo = 650) ed è ammortizzato per i residui 8 anni 6 mesi (102 mesi). Quota di ammortamento di competenza del primo esercizio è relativa a 4 mesi = 25,5 Riduzione delle riserve della H = 25,5 x 60% = 15,3 Utilizzo fondo imposte = 25,5 x 40% = 10,2 Quota di ammortamento di competenza del secondo esercizio (esercizio corrente) è relativa a 12 mesi = 76 Riduzione utile netto della H = 46 Riduzione imposte dirette = 30 Il residuo ammontare della differenza consolidamento, pari a 280 = , è imputato ad una voce dell attivo Differenza positiva di 6

7 consolidamento e ammortizzato secondo le regole proprie dell avviamento (5 anni). Quota di ammortamento della differenza positiva di consolidamento di competenza del primo esercizio = 280 x 4/60 = 19 Riduzione delle riserve della H = 19 Quota di ammortamento della differenza di consolidamento di competenza del secondo esercizio (esercizio corrente) = 280 x 12/60 = 56 Riduzione dell utile della H = 56 Trattamento contabile delle differenze di consolidamento secondo l Ifrs 3 Il macchinario, dotato di un maggior valore corrente pari a 928, è rivalutato integralmente (sia per il 70% di competenza della capogruppo e per il 30% di competenza dei terzi) ed è ammortizzato per i residui 8 anni 6 mesi (102 mesi). Ammortamento del maggior valor corrente relativa al primo esercizio = 928 x 4/102 = 36,4 Quota del 70% di pertinenza della capogruppo = 36,4 x 70% = 25,5 Riduzione riserve di competenza della capogruppo = 25,5 x 60% = 15, 3 Quota del 30% di pertinenza dei terzi = 25,5 x 30% = 10,9 Riduzione riserve di competenza dei terzi = 10,9 x 60% = 6,6 Utilizzo fondo imposte = 36,4 x 40% = 14,5 7

8 La quota di ammortamento del maggior valor corrente relativa al secondo esercizio (esercizio corrente): 928 x 12/102 = 109,2 Riduzione imposte dirette = 109 x 40% = 43,7 Quota del 70% di pertinenza della capogruppo = 109 x 70% = 76,4 Riduzione utile della capogruppo = 109 x 70% x 60% = 45,9 Quota del 30% di pertinenza dei terzi, a riduzione delle riserve = 109 x 30% = 32,8 Riduzione utile dei terzi = 109 x 30% x 60% = 19,7 Utilizzo fondo imposte differite = 43,7 Il residuo ammontare della differenza consolidamento, pari a 280 = , è imputato alla voce Avviamento dell attivo che non è ammortizzata ma sottoposta ad impairment test annuale. Si ipotizza che al 31/12/n+1 l avviamento non abbia subito perdite di valore. Utile capogruppo Utile di terzi

9 Il patrimonio netto della capogruppo è così determinato al 31/12/n+1: D.Lgs. Ias/Ifrs + Capitale sociale e riserve di H (100%) Variazione capitale sociale e riserve di C (70%) /- Rettifiche di consolidamento sulle riserve di competenza della capogruppo (34) (15) = Capitale sociale e riserve consolidate della capogruppo Reddito di H (100%) Reddito di C (70%) /- Rettifiche di consolidamento sul reddito di competenza della capogruppo (102) (46) = Reddito consolidato della capogruppo PN consolidato della capogruppo Il patrimonio netto i terzi è così determinato al 31/12/n+1: D.Lgs. Ias/Ifrs + Capitale sociale e riserve di C (30%) Rivalutazione analitica patrimonio di C (30%) Variazione capitale sociale e riserve di C (30%) /- Rettifiche di consolidamento sulle riserve di competenza dei terzi 0 (6,6) = Capitale sociale e riserve di terzi ,4 + Reddito di C (30%) /- Rettifiche di consolidamento sul reddito di competenza dei terzi 0 (19,7) = Reddito consolidato di terzi 90 70,3 PN consolidato di terzi ,7 9

10 Cessione intra area di consolidamento di fattori produttivi a veloce ciclo di utilizzo A) Redazione del bilancio consolidato riferito al periodo amministrativo nel quale l operazione è stata effettuata All inizio del periodo n, la società A ha acquistato una partecipazione del 80% nella società B, al costo di ; il primo consolidamento è avvenuto al 31/12/n. Si ipotizzi, per semplificare l esempio, che il costo di acquisto della partecipazione corrisponda al 80% del patrimonio netto contabile di B all 01/01/n (composto da capitale sociale e riserve), cosicché dall'eliminazione della partecipazione non emerga alcuna differenza di consolidamento. Si redige il bilancio consolidato riferito al periodo amministrativo n. Al 31/12/n, i bilanci di esercizio delle due società espongono i seguenti valori (in migliaia di euro): Nel periodo amministrativo n, la società B ha venduto alla controllante 800 unità di merce al prezzo unitario di La società B aveva acquistato le merci ad un prezzo unitario di ; quindi, si configura complessivamente un margine positivo lordo sulla vendita da B ad A di Le merci acquistate da A non sono ancora state cedute a "terze economie", per cui il margine non può considerarsi realizzato "dal gruppo". La redazione del bilancio consolidato comporta: Eliminazione valori reciproci: nel sottosistema reddituale di A: eliminazione costo d acquisto delle merci ricevute da B ( ); (1) nel sottosistema reddituale di B: eliminazione ricavo di vendita delle merci cedute ad A ( ). (1) Eliminazione margine intra area di consolidamento: nel sottosistema reddituale di A: rettifica in diminuzione delle rimanenze finali di merci ( ); (2) 10

11 nel sottosistema reddituale di B: rettifica in diminuzione utile (96.000); rettifica in diminuzione imposte (64.000); (2) nel sottosistema patrimoniale di A: rettifica in diminuzione delle rimanenze ( ); (3) nel sottosistema patrimoniale di B: rettifica in diminuzione dell utile (96.000); iscrizione (64.000) di un credito per imposte differite attive. (3) Il bilancio consolidato al 31/12/n è il seguente: Calcolo della quota di capitale e reddito di pertinenza di terzi: sul capitale e sulle riserve di B, al tempo del consolidamento: ( ) x 20% = 1.425; sul reddito di B, previa rettifiche: ( ) x 20% = 220,8. B) Redazione del bilancio consolidato riferito al successivo periodo amministrativo nel quale i fattori produttivi sono ancora integralmente in giacenza Al termine del periodo amministrativo n+1 la controllante società A mantiene in giacenza la partita di merce acquistata nel periodo n dalla società controllata B. Il margine positivo lordo di realizzato dalla società B nell esercizio n (rilevato nel suo bilancio di esercizio e non in quello consolidato si veda il caso A) non risulta ancora realizzato dal gruppo e deve essere rettificato. Poiché lo scambio intra area di consolidamento non è avvenuto nel periodo, la rettifica del margine positivo lordo deve avere quale contropartita i redditi realizzati negli esercizi precedenti, riconducibili alle voci utili (perdite) degli esercizi precedenti o riserve. Al 31/12/n+1, i bilanci di esercizio delle società A e B espongono i seguenti valori (in migliaia di euro): 11

12 Eliminazione del margine intra area di consolidamento, di competenza del precedente periodo n: nel sottosistema reddituale di A: rettifica in diminuzione delle rimanenze iniziali e finali di merci ( ); (1) nel sottosistema patrimoniale di A: rettifica in diminuzione delle rimanenze ( ); (2) nel sottosistema patrimoniale di B: rettifica in diminuzione delle riserve (96.000) e iscrizione delle imposte differite attive (64.000). (2) La rappresentazione consolidata al n+1 è la seguente: Calcolo della quota di capitale e reddito di pertinenza di terzi: sul capitale e sulle riserve di B, al tempo del consolidamento: ( ) x 20% = sull incremento delle riserve di B, previe rettifiche: ( ) x 20% = 220,8. C) Redazione del bilancio consolidato riferito al periodo amministrativo nel quale i fattori produttivi sono ceduti a terze economie Nel periodo amministrativo n+2 la controllante società A ha ceduto tutta la partita di merce in giacenza, acquistata nel periodo n dalla società controllata B, a imprese esterne al gruppo. Il margine positivo lordo di (realizzato dalla società B nell esercizio n, ma riflesso soltanto nel suo bilancio di esercizio e non in quello consolidato si veda il caso A) risulta così realizzato dal gruppo e deve essere rilevato ad incremento del risultato consolidato di esercizio. Al 31/12/n+2, i bilanci di esercizio delle società A e B espongono i seguenti valori (in migliaia di euro): 12

13 Rettifica del valore della rimanenza iniziale e del margine intra area di consolidamento: nel sottosistema reddituale di A: rettifica in diminuzione delle rimanenze iniziali ( ); (1) nel sottosistema reddituale di B: rettifica in aumento dell utile (96.000) e in aumento delle imposte (64.000); (1) nel sottosistema patrimoniale di B: rettifiche in diminuzione delle riserve (96.000) e in aumento dell utile (96.000). (2) Il bilancio consolidato al 31/12/n+2 è il seguente: Calcolo della quota di capitale e reddito di pertinenza di terzi: sul capitale e sulle riserve di B, previe rettifiche: ( ) x 20% =1.645,8; sul reddito di B, previe rettifiche: (0 + 96) x 20% = 19,2. 13

14 Cessione intra area di consolidamento di fattori produttivi a lento ciclo di utilizzo soggetti ad ammortamento A) Redazione del bilancio consolidato riferito al periodo amministrativo nel quale l operazione è stata effettuata All inizio del periodo n, la società A ha acquistato una partecipazione del 60% nella società B, al costo di ; il primo consolidamento è avvenuto al 31/12/n. Si ipotizza, per semplificare l esempio, che il costo di acquisto della partecipazione corrisponda al 60% del patrimonio netto contabile di B all 1/1/n (composto da capitale sociale e riserve), cosicché dall'eliminazione della partecipazione non emerga alcuna differenza di consolidamento. Si redige il bilancio consolidato riferito al periodo amministrativo n. Al 31/12/n, i bilanci di esercizio delle due società espongono i seguenti valori (dati in migliaia di euro): L attività caratteristica della società B consiste nella produzione di macchinari industriali. Nel periodo n, la società B ha prodotto un macchinario, sostenendo costi per , che ha rivenduto alla società A per L operazione intra area di consolidamento origina un margine lordo positivo di Nello stesso periodo n, la società A ha iniziato l ammortamento del macchinario (vita utile 5 anni, quota di ammortamento costante). Reinterpretazione dell operazione nell ottica di gruppo la voce Ricavi per vendita macchinari ad A è riclassificata nel conto economico classificato come (Costi capitalizzati per), per un importo di Eliminazione margine intra area di consolidamento: nel sottosistema patrimoniale di A: rettifica in diminuzione della voce macchinari ( ); (1) 14

15 nel sottosistema patrimoniale B: rettifica in diminuzione dell utile ( ), iscrizione imposte differite attive ( ); (1) nel sottosistema reddituale B: rettifica in diminuzione dei ricavi di vendita ( ), dell utile ( ), delle imposte dirette ( ). (2) Effetti sul reddito e sul capitale dell eliminazione del margine: nel sottosistema reddituale di A: rettifica in diminuzione degli ammortamenti ( ); (3) nel sottosistema reddituale di B: rettifica in aumento dell utile ( ); rettifica in aumento delle imposte ( ); (3) nel sottosistema patrimoniale di A: rettifica in diminuzione del fondo ammortamento ( ); (4) nel sottosistema patrimoniale di B: aumento dell utile ( ); iscrizione imposte differite attive ( ); (4) Il bilancio consolidato al 31/12/n+1 è il seguente: Calcolo della quota di capitale e reddito di pertinenza di terzi: capitale e sulle riserve di B: ( ) x 40% = 1.600; reddito di B, previe rettifiche: ( ) x 40% = 576. B) Redazione del bilancio consolidato riferito al successivo periodo amministrativo Al termine del periodo amministrativo n+1 la controllante società A ha continuato ad utilizzare il macchinario acquistato nel periodo n dalla società controllata B. Il bilancio consolidato n+1 è redatto sulla base dei valori che emergono dai bilanci di esercizio delle società A e B chiusi al 31/12/n+1. Nella redazione del bilancio consolidato occorrerà, quindi, tenere conto della modalità di svolgimento delle operazioni intra area di consolidamento svolte nei periodi precedenti al fine di verificare se riversano ancora degli effetti sui valori consolidati dell esercizio. Nel caso in esame, il bilancio di esercizio di A rileva la voce macchinari per e la quota di ammortamento per

16 Al 31/12/n+1, i bilanci di esercizio delle società A e B espongono i seguenti valori (in migliaia di euro): Conto economico A anno n+1 Conto economico B anno n+1 Componenti negativi Componenti negativi (altri) Componenti positivi (altri) Componenti positivi Ammortamento macchinari (2) Imposte dirette (2) 600 Imposte dirette 400 Utile netto (2) 900 Utile netto 600 Ripresa delle rettifiche relative al periodo amministrativo precedente nel sottosistema patrimoniale di A: rettifica in diminuzione dei macchinari ( ); (1) nel sottosistema patrimoniale di B: rettifica in diminuzione delle riserve ( ), iscrizione imposte differite attive per ; (1) nel sottosistema reddituale di A: rettifica in diminuzione ammortamenti ( ); (2) nel sottosistema reddituale di B: rettifica in aumento dell utile ( ), aumento imposte ; (2) nel sottosistema patrimoniale di A: rettifica in diminuzione del fondo ammortamento ( ); (3) nel sottosistema patrimoniale di B: rettifica in aumento dell utile ( ); rettifica in aumento delle riserve ( ); rettifica in diminuzione delle imposte differite attive ( ). (3) Il bilancio consolidato al 31/12/n+1 è il seguente: Calcolo della quota di capitale e reddito di pertinenza di terzi: sul capitale e sulle riserve di B, previe rettifiche: ( ) x 40% = 2.176; sull utile di B, previe rettifiche: ( ) x 40% =

17 C) Redazione del bilancio consolidato riferito al periodo amministrativo nel quale il bene è ceduto a terze economie All inizio del periodo amministrativo n+2 la controllante società A cede il macchinario a un soggetto esterno al gruppo. Si ipotizza che l operazione sia realizzata all inizio dell esercizio per omettere la determinazione della quota di ammortamento di competenza. Il macchinario è iscritto, al 31/12/n+1, nel bilancio di esercizio della società A per il valore residuo di (costo meno fondo ammortamento ) e nel bilancio consolidato per il valore residuo di (costo meno fondo ammortamento ). Il prezzo di cessione a terze economie è stato di , così si rileva una plusvalenza di nel bilancio di esercizio di A e di nel bilancio consolidato. La differenza tra le due plusvalenze coincide con il margine intra area di consolidamento residuo (al 31/12/n+1) di che, tramite il processo di ammortamento, sarebbe stato realizzato indirettamente dal gruppo, in ciascuno dei tre successivi esercizi, per ; con la cessione del bene strumentale, invece, tale margine è realizzato integralmente nell esercizio n+2. Al 31/12/n+2, i bilanci di esercizio delle società A e B espongono i seguenti valori (valori in migliaia di euro): Espressione del margine interno realizzato: nel sottosistema reddituale di A: rettifica in aumento della plusvalenza ; (1) nel sottosistema reddituale di B: rettifica in aumento dell utile ; rettifica in aumento delle imposte ; (1) nel sottosistema patrimoniale di B: diminuzione riserve , aumento utile per medesimo importo. (2) 17

18 Il bilancio consolidato al 31/12/n+2 è il seguente: Calcolo della quota di capitale e reddito di pertinenza di terzi: sul capitale e sulle riserve di B, previe rettifiche: ( ) x 40% = 2.632; sull utile di B, previe rettifiche: ( ) x 40% =

19 Cessione intra area di consolidamento di titoli obbligazionari A) Redazione del bilancio consolidato riferito al periodo amministrativo nel quale l operazione è stata effettuata. All inizio del periodo n, la società A ha acquistato una partecipazione del 90% nella società B, al costo di ; il primo consolidamento è avvenuto al 31/12/n. Si ipotizzi, per semplificare l esempio, che il costo di acquisto della partecipazione corrisponda al 90% del patrimonio netto contabile di B all 01/01/n (composto da capitale sociale e riserve), cosicché dall'eliminazione della partecipazione non emerga alcuna differenza di consolidamento. Nel corso del periodo n, la società B ha ceduto titoli obbligazionari alla società A; la società B aveva contabilizzato i titoli, tra le immobilizzazioni finanziarie, al valore complessivo di , pari al costo sostenuto all'atto della loro acquisizione; detti titoli sono stati rivenduti ad A per complessivi Eliminazione plusvalenza intra-area di consolidamento nel sottosistema reddituale di B: eliminazione plusvalenza ( ), rettifica in diminuzione dell utile netto ( ) e delle imposte ( ); (1) nel sottosistema patrimoniale di A: rettifica in diminuzione dei titoli ( ); (2) nel sottosistema patrimoniale di B: rettifica in diminuzione dell utile ( ), iscrizione imposte differite attive ( ). (2) Eliminazione debiti e crediti reciproci Si devono eliminare i crediti e i debiti (3) che residuano ( ) poiché l operazione è avvenuta differendo parzialmente il pagamento dei titoli nel successivo periodo. 19

20 Il bilancio consolidato al 31/12/n è il seguente: Calcolo della quota di capitale e reddito di pertinenza di terzi: sul capitale e sulle riserve di B: ( ) x 10% = 600; sull utile di B, previe rettifiche: ( ) x 10% = 162. B) Redazione del bilancio consolidato riferito al successivo periodo amministrativo nel quale i titoli sono ancora elementi del patrimonio del gruppo Si predispone il bilancio consolidato chiuso al 31/12/n+1. Nel corso del periodo n+1 si suppone che non vi siano state operazioni "intragruppo". I bilanci dell'esercizio n+1 delle società A e B espongono i seguenti valori (in migliaia di euro): Eliminazione dell effetto dell operazione intra area di consolidamento svolta nel periodo precedente nel sottosistema patrimoniale di A: rettifica in diminuzione dei diminuzione titoli ( ); (1) nel sottosistema patrimoniale di B: rettifica in diminuzione delle riserve ( ) e iscrizione imposte differite attive ( ) (1) 20

21 Il bilancio consolidato al 31/12/n+1 è il seguente: Calcolo della quota di capitale e reddito di pertinenza di terzi: sul capitale e sulle riserve di B, previe rettifiche: ( ) x 10% = 762; sull utile di B: 300 x 10% = 30. C) Redazione del bilancio consolidato riferito al periodo amministrativo nel quale i titoli sono ceduti a terzi Si predispone il bilancio consolidato chiuso al 31/12/n+2. La società A ha ceduto i titoli obbligazionari a terzi per complessivi , realizzando una minusvalenza da cessione titoli di I bilanci dell'esercizio n+2 delle società A e B espongono i seguenti valori (in migliaia di euro): Reinterpretazione dell operazione nell ottica del gruppo nel sottosistema reddituale di B: rettifica in aumento dell utile ( ) e delle imposte ( ); (1) nel sottosistema reddituale di A: iscrizione plusvalenza ( ) e annullamento minusvalenza ( ); (1) nel sottosistema patrimoniale di B: rettifica in diminuzione delle riserve riserve ( ), aumento dell utile di pari importo. (2) 21

22 Il bilancio consolidato al 31/12/n+2 è il seguente: Calcolo della quota di capitale e reddito di pertinenza di terzi: sul capitale e sulle riserve di B, previe rettifiche: ( ) x 10% = 792; sull utile di B, previe rettifiche: ( ) x 10% =

23 L'eliminazione dei dividendi distribuiti dalla controllata Nel periodo amministrativo n, la società B (posseduta al 100%) ha realizzato un utile netto di , mentre la società A non ha svolto alcuna attività operativa. I bilanci dell'esercizio n delle società A e B presentano i seguenti valori (in migliaia di euro): Stato patrimoniale A 31/12/n Stato patrimoniale B 31/12/n Attività (altre) Passività Attività Passività Partec. in B Capitale sociale Capitale sociale Riserve Riserve Utile netto Conto economico a anno n Conto economico b anno n Componenti negativi Componenti positivi Imposte dirette Utile netto Si ipotizzi che il gruppo non abbia ancora optato per utilizzare i meccanismi fiscali che consentono di evitare la doppia imposizione degli utili distribuiti in capo alla società percettrice; il bilancio consolidato deve rilevare, secondo competenza economica, un accantonamento al fondo imposte differite, quantificato in funzione degli utili prodotti dalla società B di pertinenza della capogruppo, per le imposte che saranno pagate al momento della distribuzione del dividendo. Calcolo imposte differite x 100% x 5% x 33% = Il bilancio consolidato al 31/12/n è il seguente: Nel periodo amministrativo successivo (n+1), la controllata B non ha svolto alcuna attività operativa: essa distribuisce soltanto dividendi per un importo pari all'utile dell'esercizio n; i dividendi lordi della capogruppo sono pari a I bilanci dell'esercizio n+1 delle società A e B presentano i seguenti valori (in migliaia di euro): 23

24 Eliminazione operazione infra area di consolidamento nel sottosistema reddituale di A: eliminazione dividendi per , riduzione utile netto per e imposte per ; (1) nel sottosistema di patrimoniale di A: aumento riserve per e diminuzione utile per pari importo. (2) Il bilancio consolidato al 31/12/n+1 espone i seguenti valori: 24

25 La traduzione di un bilancio espresso in moneta estera In data 1/1/n la società A procede all acquisizione dell intero capitale della società B operante all estero, pagando un prezzo complessivo di 26 (in unità monetaria avente corso legale nel paese della partecipata estera). Il tasso di cambio in essere alla data di acquisizione della partecipazione è: 1 FC (foreign currency) = 2 DC (domestic currency) Le situazioni patrimoniali all 1/1/n (data di acquisizione della partecipazione) delle due società erano le seguenti: Stato patrimoniale 1.1.n di A (DC) Stato patrimoniale 1.1.n di B (FC) Immobilizzazioni 180 Debiti 117 Immobilizzazioni 5 Debiti 10 (F. do amm. to) (80) (F. do amm. to) -2 Valore netto 100 Capitale sociale 150 Valore netto 3 Capitale sociale 23 Cassa 120 Riserve 125 Cassa 6 Riserve 3 Banche 52 Utile netto 0 Banche 2 Utile netto 0 Crediti 50 Crediti 7 Rimanenze 70 Rimanenze L acquisto della partecipazione in B è stato effettuato da A attraverso l impiego di risorse finanziarie disponibile presso le banche; la sua situazione patrimoniale a seguito dell acquisizione è la seguente: Stato patrimoniale 1.1.n di A (DC) post acquisizione Immobilizzazioni 180 Debiti 117 (F. do amm. to) (80) Valore netto 100 Capitale sociale 150 Cassa 120 Riserve 125 Banche 0 Utile netto 0 Crediti 50 Rimanenze 70 Partecipazione in A Il bilancio di gruppo all 1/1/n, non essendo ancora stato compiuto alcun atto di gestione, è composto dal solo stato patrimoniale. Per procedere alla sua redazione occorre prima tradurre lo stato patrimoniale di B nella stessa moneta di presentazione impiegata dalla capogruppo in base al tasso di cambio in essere alla data dell acquisizione (1 FC = 2 DC). 25

26 Stato patrimoniale 1.1.n di B (DC) Immobilizzazioni 10 Debiti 20 (F. do amm. to) (4) Valore netto 6 Capitale sociale 46 Cassa 12 Riserve 6 Banche 4 Utile netto 0 Crediti 14 Rimanenze Essendo il prezzo pagato da A esattamente coincidente con il valore del patrimonio netto contabile di B, non emergono differenze di consolidamento. In data 1/1/n la situazione patrimoniale del gruppo è la seguente: Prospetto consolidamento stato patrimoniale n (DC) A B Rettifiche Dare Avere Consolidato Immobilizzazioni (F. do amm. to) Valore netto Cassa Banche Crediti Rimanenze Partecipazione in A Totale attività Debiti Capitale sociale Riserve Patrimonio netto Totale passività e netto Trascorso il primo esercizio, al 31/12/n i bilanci delle due società sono i seguenti: Stato patrimoniale n di A (DC) Stato patrimoniale n di B (FC) Immobilizzazioni 180 Debiti 132 Immobilizzazioni 7 Debiti 17 (F. do amm. to) (100) (F. do amm. to) (4) Valore netto 80 Capitale sociale 150 Valore netto 3 Capitale sociale 23 Cassa 150 Riserve 125 Cassa 10 Riserve 3 Banche 20 Utile netto 15 Banche 2 Utile netto 2 Crediti 45 Crediti 10 Rimanenze 75 Rimanenze 20 Partecipazione in B

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000

TEMI D ESAME. Valore contabile Valore corrente Brevetti 20.000 35.000 Magazzino 26.000 22.000 TEMI D ESAME N.1 QUESITO In data 1 gennaio 2005 Alfa S.p.A. ha acquistato una partecipazione dell 80% in Beta S.p.A., pagando un prezzo pari a euro 60.000. Il patrimonio netto contabile di Beta alla data

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

Immobili 7.000 5.000 20 anni Terreni 5.000 4.000 - Magazzino 5.000 5.500 -

Immobili 7.000 5.000 20 anni Terreni 5.000 4.000 - Magazzino 5.000 5.500 - SOLUZIONI ESERCIZIO 1 Bilancio consolidato In data 01/01/X la società ALFA acquista una partecipazione del 70% in BETA al prezzo di 21.000. Il patrimonio netto contabile di BETA alla data dell operazione

Dettagli

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a

Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani 1 Profili fiscali e opportunità in vista di Basilea 2 Principi e procedure relative alle modalità di determinazione del reddito di impresa a Giulio Andreani Scuola Superiore Economia e

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Comunicato stampa Documento Allegato

Comunicato stampa Documento Allegato Edison Spa Ufficio Stampa Tel. +39 02 6222.7331 Foro Buonaparte, 31 Fax. +39 02 6222.7379 20121 Milano - MI ufficiostampa@edison.it Comunicato stampa Documento Allegato Stato patrimoniale consolidato Si

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO

L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI PER FLUSSI E LA COSTRUZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO L ANALISI PER FLUSSI Oggetto di studio: Analizza le VARIAZIONI intervenute in un FONDO da un esercizio all altro impieghi FLUSSI fonti Aggregato

Dettagli

Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI

Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Immobilizzazioni finanziarie METODI DI VALUTAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Immobilizzazioni finanziarie III FINANZIARIE 1) Partecipazioni in: - imprese controllate - imprese collegate - imprese controllanti

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

Al 31.12.2008, il valore durevole della partecipazione ammonta a 65.000

Al 31.12.2008, il valore durevole della partecipazione ammonta a 65.000 ESERCIZIO N 1 Il 17 giugno 2007, l impresa Pacos ha acquistato l intero pacchetto azionario dell impresa Pam ad un prezzo di 60.000. Il consiglio di amministrazione della Pacos ha deciso di considerare

Dettagli

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012)

COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) COMUNICATO STAMPA MID INDUSTRY CAPITAL APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2013 CON UN UTILE DI 4,2 MILIONI (PERDITA DI 11,8 MILIONI NEL 2012) La Holding chiude il 2013 con un utile di 0,5 milioni (perdita

Dettagli

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A.

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. Appendice FTA LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. INDICE A. Premessa B. Principi contabili e criteri di valutazione C. Riconciliazione

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA

CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Bilancio al 31/12/2014 CONSORZIO ENERGIA LIGURIA CONSORZIO ENERGIA LIGURIA Sede legale: VIA PESCHIERA 16 GENOVA (GE) Iscritta al Registro Imprese di GENOVA C.F. e numero iscrizione 01323550994 Iscritta al R.E.A. di Genova n. 400879 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011

Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Principi contabili IAS/IFRS : IL BILANCIO DELLE BANCHE ESERCITAZIONE del 21/02/2011 Dott. PAOLO VITALI Università degli Studi di Bergamo Anno accademico 2010/2011 Bergamo, 21 febbraio 2011 Indice degli

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2010 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Il Consiglio di Amministrazione della Fiat S.p.A., riunitosi oggi a Torino, ha: approvato il Bilancio

Dettagli

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino

Esercitazione n. 24. Lidia Sorrentino Esercitazioni svolte 2010 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 24 Analisi per flussi: il rendiconto finanziario Conoscenza: componenti di reddito monetari e componenti di reddito non monetari; flussi corrispondenti

Dettagli

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 28, OIC 21/OIC 17: Partecipazioni in società collegate e metodo del patrimonio netto

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 28, OIC 21/OIC 17: Partecipazioni in società collegate e metodo del patrimonio netto IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 28, OIC 21/OIC 17: Partecipazioni in società collegate e metodo del patrimonio netto Prof. Riccardo Acernese Roma, marzo/maggio 2015 IAS 28

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO

SCHEMA DI SVOLGIMENTO TEMA N. 2 Il candidato, con riferimento ai lavori in corso su ordinazione, ma non ancora ultimati alla fine dell esercizio, illustri i principi generali di valutazione e rappresentazione contabile (TRACCIA

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività:

Commento al tema di Economia aziendale. Nelle imprese industriali possiamo individuare le seguenti attività: Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sulla scomposizione del reddito di esercizio nei risultati parziali generati

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ 1 ATTIVITÀ IMMATERIALI 1.1 Avviamento 1.2 Altre attività immateriali 2 ATTIVITÀ MATERIALI 2.1 Immobili 2.2 Altre attività materiali 3 RISERVE TECNICHE A CARICO DEI RIASSICURATORI

Dettagli

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE

LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE Evento organizzato da R LE OPERAZIONI STRAORDINARIE: LA LIQUIDAZIONE, LA FUSIONE, LA SCISSIONE, E LA TRASFORMAZIONE con la collaborazione di e la sponsorizzazione di Materiale didattico non vendibile riservato

Dettagli

C. PROVENTI E ONERI FINANZIARI 15) proventi da partecipazioni 16) altri proventi finanziari 17) interesse e altri oneri finanziari

C. PROVENTI E ONERI FINANZIARI 15) proventi da partecipazioni 16) altri proventi finanziari 17) interesse e altri oneri finanziari C. PROVENTI E ONERI FINANZIARI 15) proventi da partecipazioni 16) altri proventi finanziari 17) interesse e altri oneri finanziari Ha contenuto più ampio di quello che ci si attenderebbe dall espressione

Dettagli

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro)

Conto economico. Prospetti contabili infrannuali 2007 62. (importi in migliaia di euro) Prospetti contabili infrannuali della Capogruppo per il semestre chiuso al 30 giugno 2007 Conto economico 1 semestre 2007 1 semestre 2006 Ricavi verso terzi 14.025 8.851 Ricavi parti correlati 2.772 3.521

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015

Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015 VIANINI LAVORI SPA Vianini Lavori: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati del primo semestre 2015 Ricavi: 98,1 milioni di euro (102,8 milioni di euro al 30 giugno 2014); Margine operativo

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 0,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: FONDAZIONE OAGE PIAZZA SAN MATTEO 18 GENOVA GE sì Partita

Dettagli

FANCY PIXEL SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro

FANCY PIXEL SRL. Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono espressi in Euro FANCY PIXEL SRL Sede in VIA SARAGAT N.1 FERRARA FE Codice Fiscale 01910420387 - Numero Rea P.I.: 01910420387 Capitale Sociale Euro 20.000 Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Settore di

Dettagli

Bilancio consolidato di gruppo. Le rettifiche di consolidamento

Bilancio consolidato di gruppo. Le rettifiche di consolidamento Le rettifiche di consolidamento III parte 1 Eliminazione dei dividendi infragruppo 2 Occorre evitare la duplice contabilizzazione dello stesso utile, sia in capo alla società che lo distribuisce sia in

Dettagli

INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE PRO-FORMA PER L'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2013 DI IMPREGILO SPA.

INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE PRO-FORMA PER L'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2013 DI IMPREGILO SPA. INFORMAZIONI FINANZIARIE CONSOLIDATE PRO-FORMA PER L'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2013 DI IMPREGILO SPA. 1 INTRODUZIONE Il presente documento si compone del conto economico consolidato pro-forma dell'esercizio

Dettagli

Il bilancio consolidato nei gruppi aziendali

Il bilancio consolidato nei gruppi aziendali Il bilancio consolidato nei gruppi aziendali Definizione di bilancio consolidato Principio Contabile OIC 17 Il Bilancio Consolidato è un bilancio redatto dalla Capogruppo che espone la situazione patrimoniale

Dettagli

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009

BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BILANCIO DELL ESERCIZIO 2009 PROSPETTI DEL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2009 BANCA DI ROMAGNA SPA SEDE LEGALE IN FAENZA CORSO GARIBALDI 1. SOCIETÀ APPARTENENTE AL GRUPPO UNIBANCA SPA (ISCRITTO ALL'ALBO DEI

Dettagli

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC IDA D ALESSIO 24 APRILE 2015 Rispetto al precedente OIC 12: Cambiamenti

Dettagli

Dinamica dei flussi finanziari

Dinamica dei flussi finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Dinamica dei flussi finanziari Capitolo 4 Indice degli argomenti 1. Il modello a quattro aree 2. Flusso di cassa della gestione corrente

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Parma Temi speciali di bilancio Le partecipazioni I titoli (cenni) 1 Indice degli argomenti 1. I TITOLI E LE PARTECIPAZIONI ISCRITTE NELLE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE i titoli

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 12 IAS 21: Effetti delle variazioni cambi delle valute estere: Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno

Dettagli

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO

Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO Università di Pavia Facoltà di Economia a. a. 2012-2013 Corso di Analisi di Bilancio Prof. Piero Mella ANALISI DI BILANCIO PER IL MERITO CREDITIZIO SEMINARIO TENUTO DAL DOTTOR MARIO SPALTINI 10 dicembre

Dettagli

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia Immobili, impianti e macchinari IAS 16 Finalità ( ( 1) Definire il trattamento contabile di immobili, impianti e macchinari Dare informazioni su tali poste agli utilizzatori del bilancio Definire le problematiche

Dettagli

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE..

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. INDICE PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. 4. VALUTAZIONE. 5. ALTRI ASPETTI. 6. OPERAZIONI CON AZIONI PROPRIE ALL INTERNO

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2012 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2012 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA FIAT: BILANCIO 2012 E CONVOCAZIONE DELL ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI Il Consiglio di Amministrazione della Fiat S.p.A., riunitosi oggi a Torino, ha: approvato il Bilancio

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

ASSOCIAZIONE BAMBINI SENZA SBARRE ONLUS

ASSOCIAZIONE BAMBINI SENZA SBARRE ONLUS ASSOCIAZIONE BAMBINI SENZA SBARRE ONLUS Sede in Via Baldissera 1 - Milano Codice Fiscale 97317430151 - Numero Rea MILANO P.I.: 04337620969 Capitale Sociale Euro - i.v. Forma giuridica: ONLUS Società in

Dettagli

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro:

- Principali dati economico-finanziari contabili consolidati espressi in migliaia di Euro: MITTEL S.P.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz 7 Capitale sociale 66.000.000 i.v. Codice Fiscale - Registro Imprese di Milano - P. IVA 00742640154 R.E.A. di Milano n. 52219 Iscritta all U.I.C. al n. 10576

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

BIKI TECHNOLOGIES SRL

BIKI TECHNOLOGIES SRL BIKI TECHNOLOGIES SRL Sede in Via XX Settembre 33/10, Genova Codice Fiscale 02258470992 - Rea GE 472644 P.I.: 02258470992 Capitale Sociale Euro 10.000 i.v. Forma giuridica: Società a responsabilità limitata

Dettagli

Il bilancio d esercizio

Il bilancio d esercizio ESAME DI STATO 2005 - TEMA DI ECONOMIA AZIENDALE - INDIRIZZO IGEA di Monica Ceccherelli Il bilancio d esercizio Il bilancio d esercizio è il principale documento di sintesi redatto per dare informazioni

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.400,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: C.E.A.M. CULTURA E ATTIVITA' MISSIONARIA SRL VIA

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

IAS 21 Foreign currency

IAS 21 Foreign currency IAS 21 Foreign currency Definizioni La valuta funzionale è la valuta dell ambiente economico prevalente in cui l entità opera. La moneta di presentazione è la valuta in cui il bilancio viene presentato.

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 maggio 2009

CIRCOLARE N. 27/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 maggio 2009 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 maggio 2009 OGGETTO: Modifiche alla determinazione della base imponibile IRAP Legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria per

Dettagli

Schemi di analisi economico-finanziaria

Schemi di analisi economico-finanziaria Schemi di analisi economico-finanziaria Università di Milano Bicocca 26 novembre 2013 Vincenzo Favale SOMMARIO La Centrale dei Bilanci / Cerved Group 1. Schemi di analisi finanziaria 2. Lo stato patrimoniale

Dettagli

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE

Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Convegno OIC 6: Ristrutturazione del debito e informativa di bilancio Parte seconda EFFETTI CONTABILI DELLA RISTRUTTURAZIONE Dott. Luca Magnano San Lio Senior

Dettagli

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Simulazione d esame del 27 maggio 2013

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Simulazione d esame del 27 maggio 2013 NOME: BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Simulazione d esame del 27 maggio 2013 COGNOME: N. DI MATRICOLA: Utilizzando lo spazio sottostante a ciascun quesito: 1) Il candidato, dopo avere brevemente spiegato

Dettagli

OIC 10: La redazione del rendiconto finanziario Sintesi delle principali novità

OIC 10: La redazione del rendiconto finanziario Sintesi delle principali novità OIC 10: La redazione del rendiconto finanziario Sintesi delle principali novità L OIC ha deciso di dedicare al rendiconto finanziario un apposito principio contabile tenuto conto della sua valenza informativa.

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

Lettura e interpretazione dei principi di consolidamento. Area di consolidamento. Inclusioni ed esclusioni. Data di consolidamento e deconsolidamento

Lettura e interpretazione dei principi di consolidamento. Area di consolidamento. Inclusioni ed esclusioni. Data di consolidamento e deconsolidamento 1 Relazione Finanziaria Saipem 2103, Bilancio consolidato: Principi di consolidamento Il bilancio consolidato comprende il bilancio di Saipem SpA e delle imprese italiane ed estere sulle quali Saipem ha

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE CONSOLIDATA AL 30 GIUGNO 2009 DATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008:

IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA IL CDA DI CAMFIN SPA APPROVA I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2008: RISULTATO NETTO CONSOLIDATO: -42 MLN DI EURO (+9,1 MLN DI EURO NEL PRIMO SEMESTRE 2007). IL DATO RISENTE DEL

Dettagli

Informazioni generali sull'impresa

Informazioni generali sull'impresa Informazioni generali sull'impresa Denominazione Sede Codice fiscale Codice CCIAA Partita iva Numero REA Forma giuridica Capitale Sociale Settore attività prevalente (ATECO) Numero albo cooperative Appartenenza

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Definita l area di consolidamento il passo successivo è l omogenizzazione, sotto più profili, dei bilanci coinvolti nel processo di consolidamento.

Definita l area di consolidamento il passo successivo è l omogenizzazione, sotto più profili, dei bilanci coinvolti nel processo di consolidamento. Il pre-consolidamento Definita l area di consolidamento il passo successivo è l omogenizzazione, sotto più profili, dei bilanci coinvolti nel processo di consolidamento. ld Questa omogeneità può essere

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

QUEIROLO & ASSOCIATI SRL

QUEIROLO & ASSOCIATI SRL QUEIROLO & ASSOCIATI SRL Codice Fiscale 11401930158 - Rea GE11401930158 P.I.: 11401930158 Capitale Sociale Euro 65000 i.v. Bilancio al 31/12/2012 Gli importi presenti sono espressi in Euro Bilancio al

Dettagli

Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007)

Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) Elenco dei moduli di vigilanza relativi al bilancio consolidato (Allegato 6 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) Modulo 1 Dettaglio delle società incluse nell area di consolidamento Modulo 2 Dettaglio delle

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251

**** Tel.: +39.02.29046441 Tel.: +39.02.7606741 Fax: +39.02.29046454 Fax: +39.02.76017251 Comunicato Stampa Il CDA de I GRANDI VIAGGI approva il progetto di bilancio 2013 Ricavi a 61,3 milioni (67,5 milioni nel 2012) EBITDA 1 a -2,1 milioni (-2,6 milioni nel 2012) EBIT 2 a -7,2 milioni (-8,0

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015

Il Consiglio di Amministrazione di Mittel S.p.A. ha approvato il Resoconto intermedio sulla gestione 1 ottobre 30 giugno 2015 MITTEL S.p.A. Sede in Milano - Piazza A. Diaz n. 7 Capitale Sociale 87.907.017 i.v. Iscritta al Registro Imprese di Milano al n. 00742640154 www.mittel.it *** *** *** *** *** *** *** *** *** COMUNICATO

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 Informazioni generali sull impresa Denominazione: Dati anagrafici Sede: Capitale sociale: 10.000,00 Capitale sociale interamente versato: Codice CCIAA: DOCCIA SERVICE S.R.L. PIAZZA VITTORIO VENETO 1 SESTO

Dettagli

Rimborso anticipato prestito subordinato convertibile

Rimborso anticipato prestito subordinato convertibile COMUNICATO STAMPA Risultati al terzo trimestre 21 1 - Utile netto: 16,7 milioni di euro (+85,6%) - Patrimonio netto di Gruppo: 365,1 milioni di euro (+3,4% rispetto al 31/12/29) - Raccolta complessiva

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 La contabilità esterna Il conto economico La redazione del documento finale di bilancio

Dettagli

2 Il patrimonio netto rettificato operativo (capitale operativo necessario)

2 Il patrimonio netto rettificato operativo (capitale operativo necessario) Il capitale accessorio (surplus assets). La normalizzazione del reddito (coerentemente alla definizione del capitale accessorio) 1 Premessa 2 Il patrimonio netto rettificato operativo (capitale operativo

Dettagli

EQUILIBRIUM SRL. Bilancio al 31/12/2012 Gli importi presenti sono espressi in Euro

EQUILIBRIUM SRL. Bilancio al 31/12/2012 Gli importi presenti sono espressi in Euro EQUILIBRIUM SRL Sede in LECCO Codice Fiscale 03305130134 - Rea LECCO 312831 P.I.: 03305130134 Capitale Sociale Euro 50000 i.v. Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA Bilancio al 31/12/2012

Dettagli

GENOVA CAR SHARING SPA

GENOVA CAR SHARING SPA Sede in GENOVA - PIAZZA DANTE 8/1 Codice Fiscale 01405760990 - Rea 1045760990 407161 P.I.: 01405760990 Capitale Sociale Euro 400000 i.v. Forma giuridica: SPA Bilancio al 31/12/2011 Gli importi presenti

Dettagli