1. Capitolo Obiettivi e principi 3. Art. 1 Obiettivi 3 Art. 2 Basi 3 Art. 3 Principi generali Capitolo Organizzazione e responsibilità 4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Capitolo Obiettivi e principi 3. Art. 1 Obiettivi 3 Art. 2 Basi 3 Art. 3 Principi generali 4. 2. Capitolo Organizzazione e responsibilità 4"

Transcript

1 REGOLAMENTO DI INVESTIMENTO DELLA CASSA PENSIONI DELLA CONFEDERAZIONE PUBLICA (REGOLAMENTO DI INVESTIMENTO PUBLICA) del 5 aprile 00 (stato 8 ottobre 0) Regolamento di investimento PUBLICA del 5 aprile 00 Indice. Capitolo Obiettivi e principi Art. Obiettivi Art. Basi Art. Principi generali 4. Capitolo Organizzazione e responsibilità 4 Art. 4 Commissioe della Cassa 4 Art. 5 Comitato di investimento 5 Art. 6 Compiti del Comitato di investimento 5 Art. 7 Deliberazione 6 Art. 8 Asset Management 6 Art. 9 Investment Controlling 7 Art. 0 Uffici di deposito 7 Art. Amministrazione del patrimonio 7 Art. Amministrazioni immobiliari 8 Art. Accounting 9. Capitolo Strutturazione di investimento 9 Art. 4 Strategie di investimento 9 Art. 5 Classi di investimento 9 4. Capitolo Direttive per gli investimenti 0 Art. 6 Scelta degli investimenti 0 Art. 7 Liquidità e mercato monetario 0 Art. 8 Obbligazioni investment grade 0 Art. 9 Obbligazioni subinvestment grade 0 Art. 0 Obbligazioni dei Paesi emergenti Art. Ipoteche La Commissione della Cassa ha adottato le modifiche del Regolamento di investimento in data 9 gennaio 0, novembre 0 e 8 ottobre 0. Queste modifiche sono contrassegnate da una nota a piè di pagina.

2 Art. Azioni Art. Investimenti immobiliari diretti Art. 4 Investimenti immobiliari indiretti Art. 5 Investimenti alternativi Art. 6 Valute Art. 7 Derivati Art. 8 Securities Lending 5. Capitolo Varie Art. 9 Esercizio del diritto di voto per le azioni Disposizioni finali Art. 0 Abrogazione del diritto previgente Art. Entrata in vigore Regolamento di investimento PUBLICA pagina

3 La Commissione della Cassa di PUBLICA, vista la legge federale del 0 dicembre 006 sulla Cassa pensioni della Confederazione (legge su PUBLICA, RS 7..), in vigore dal luglio 008; visti in particolare gli articoli capoverso lettera d e capoversi 6 e 5, emana il seguente Regolamento di investimento. Capitolo Obiettivi e principi Art. Obiettivi Il patrimonio della Cassa pensioni della Confederazione PUBLICA (PUBLICA) deve essere gestito e amministrato esclusivamente nell interesse dei destinatari. Con la limitazione adeguata dei rischi si mira a un rendimento complessivo che garantisca a lungo termine l adempimento delle prestazioni di PUBLICA. Nella gestione del patrimonio va considerata la capacità di rischio di PUBLICA rispettivamente della cassa di previdenza. Occorre garantire che le prestazioni promesse possano essere versate sempre nel rispetto dei termini. Art. Basi Nella gestione del patrimonio le disposizioni della legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (LPP, RS 8.40) e dell ordinanza sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l invalidità (OPP, RS 8.44.) nonché tutte le pertinenti disposizioni vigenti in materia devono essere rispettate. In particolare vanno osservate le seguenti disposizioni: a) articolo 5 capoverso lettera c LPP (amministrazione paritetica del patrimonio); b) articolo 7 LPP (requisiti di base per l amministrazione del patrimonio); c) articolo 5a LPP (base legale per le disposizioni dell ordinanza concernenti la lealtà nella gestione del patrimonio); d) articoli 49 a 60 OPP (investimenti autorizzati, sicurezza e ripartizione dei rischi, investimenti presso il datore di lavoro); e) articoli 48f, 48g e 48h OPP (lealtà nella gestione del patrimonio). Le regole comportamentali per coloro che partecipano alla gestione e all amministrazione del patrimonio risultano dalla legge (LPP), dall ordinanza (OPP ) e dal Regolamento di conformità (compliance). Modificato il novembre 0 Regolamento di investimento PUBLICA pagina

4 Art. Principi generali Nella gestione del patrimonio bisogna a) mirare alla migliore prassi istituzionale; b) monitorare costantemente i rischi operativi, legali e di controparte nonché proteggere adeguatamente gli investimenti dagli sbagli e dagli errori di persone, processi, sistemi e dalle ripercussioni di eventi esterni; c) garantire una sufficiente ripartizione dei rischi; d) badare che il rischio (volatilità) sia in un rapporto adeguato con la performance attesa; e) prestare attenzione a un adeguata alienabilità degli investimenti (rischio di liquidità); f) tenere debitamente conto dei rischi che comporta l evoluzione degli interessi (rischio di tasso); g) garantire sempre sufficiente liquidità; h) tenere conto della solvibilità dei debitori per quanto concerne i crediti e gli strumenti di debito come pure della solidità delle imprese per quanto concerne le azioni e gli strumenti di partecipazione; i) prestare attenzione, per quanto concerne gli investimenti in immobili, all ubicazione, alla dimensione, alla possibilità di impiego, al potenziale di reddito sostenibile e ai rischi giuridici; j) considerare nelle decisioni relative agli investimenti anche gli aspetti ecologici, etici e sociali se non condizionano il raggiungimento degli obiettivi previdenziali; k) valutare il patrimonio di investimento a prezzi di mercato. Qualora i prezzi di mercato non siano disponibili, la valutazione deve essere effettuata secondo metodi trasparenti e riconosciuti.. Capitolo Organizzazione e responsabilità Art. 4 Commissione della Cassa La Commissione della Cassa si assume la responsabilità globale dell amministrazione del patrimonio. Essa emana e modifica il Regolamento di investimento nonché determina una rispettiva strategia di investimento per l'insieme delle casse di previdenza chiuse, per l'insieme delle casse di previdenza aperte e per l'istituto collettore PUBLICA in qualità di fornitore di servizi e assicuratore. La Commissione della Cassa a) nomina i membri in seno al Comitato di investimento e designa il presidente; b) definisce uno o più uffici di deposito per il patrimonio mobile (global custodian); c) definisce un ufficio esterno per il monitoraggio degli investimenti (investment controlling); d) 4 determina il consulente ALM; e) autorizza la scelta dei partner di outsourcing più importanti; f) prende atto dei rapporti periodici e annuali del Comitato di investimento e dell investment controller; 4 Aggiunto il novembre 0 Aggiunto il novembre 0 Regolamento di investimento PUBLICA pagina 4

5 g) decide in merito ad affari immobiliari (acquisti, vendite, realizzazione di progetti) con un valore di investimento che supera i 50 5 milioni di franchi e in merito ad acquisti di terreni, il cui progetto non è ancora maturo; h) può emanare oltre o insieme alle strategie di investimento ulteriori linee direttive concernenti la gestione di singole categorie di investimento (ad es. investimenti di immobili) o l impiego di strumenti di investimento (ad es. strumenti derivati). Art. 5 Comitato di investimento Visto l articolo capoverso 6 della legge su PUBLICA e ai sensi del punto. del Regolamento interno e organizzativo per la gestione e l amministrazione del patrimonio viene istituito un Comitato di investimento. Il Comitato di investimento è composto a) oltre che dal presidente, da tre a cinque membri nominati dalla Commissione della Cassa dalla cerchia 6 dei propri membri eletti; b) 7 inoltre la Commissione della Cassa può nominare nel Comitato di investimento un massimo di tre esperti di investimento esterni. L'Amministrazione federale delle finanze (AFF) può proporre un esperto alla Commissione della Cassa. Fatta eccezione dell elezione del presidente, il Comitato di investimento si autocostituisce. 4 Esso può istituire sottocomitati. 5 Il direttore di PUBLICA e il responsabile del settore di attività «Asset Management» partecipano alle riunioni del Comitato di investimento con voto consultivo e senza diritto di voto 8. Art. 6 Compiti del Comitato di investimento Il Comitato di investimento a) propone alla Commissione della Cassa le strategie di investimento (asset allocation strategiche); b) sorveglia l osservanza del Regolamento di investimento e delle strategie di investimento; c) cura uno scambio di informazioni regolare con il responsabile del settore di attività «Asset Management»; d) cura uno scambio di informazioni regolare con l investment controlling e discute con esso i relativi rapporti; e) autorizza i contratti di mandato per le amministrazioni esterne e le istruzioni per gli amministratori interni; f) formula proposte alla Commissione della Cassa riguardo a singoli investimenti, ossia affari di sua competenza; g) sorveglia l attività dei singoli amministratori esterni e interni nonché l osservanza dei contratti di mandato (amministratori esterni), rispettivamente delle istruzioni (amministratori interni); h) autorizza la scelta delle amministrazioni immobiliari e il contenuto essenziale dei relativi contratti d amministrazione; 5 6 Modificato il novembre 0 Modificato il novembre 0 7 Aggiunto il novembre 0 8 Modificato il novembre 0 Regolamento di investimento PUBLICA pagina 5

6 i) autorizza affari immobiliari (acquisti, vendite, progetti) con un valore di investimento fino a 50 9 milioni di franchi; j) fa rapporto periodicamente alla Commissione della Cassa riguardo alla situazione patrimoniale e all amministrazione; k) inoltra i rapporti dell investment controlling alla Commissione della Cassa; l) informa senza indugio il presidente della Commissione della Cassa su eventuali inosservanze del Regolamento di investimento e/o delle strategie di investimento non appena vengono accertate. Art. 7 Deliberazione 0 Il Comitato di investimento decide a maggioranza semplice dei voti dei membri presenti. In caso di parità di voti, è determinante la decisione del presidente. Il Comitato di investimento può decidere mediante lettera circolare. Affinché la decisione sia valida tramite circolare è necessaria una maggioranza di due terzi dei voti. Art. 8 Asset Management Il settore di attività Asset Management a) è responsabile dell asset allocation tattica, ossia dell assegnazione da effettuare all interno delle fasce prescritte per le classi di investimento e gli amministratori patrimoniali (portafogli); b) fa proposte al Comitato di investimento riguardo ad amministratori patrimoniali interni ed esterni; c) stipula i contratti di mandato con gli amministratori patrimoniali esterni, dopo aver ricevuto la relativa approvazione dal Comitato di investimento, e impartisce le istruzioni necessarie agli amministratori patrimoniali interni; d) effettua, con l aiuto dei team corrispondenti, gli investimenti dei mandati interni autorizzati dal Comitato di investimento conformemente alle istruzioni approvate dal Comitato di investimento per ogni mandato; e) funge da interfaccia per le amministrazioni del patrimonio esterne; f) coordina l attività quotidiana con le banche di deposito; g) sorveglia l intero patrimonio di investimento nonché i mandati interni ed esterni e allestisce regolarmente un rapporto all attenzione del Comitato di investimento; h) informa senza indugio il Comitato di investimento su eventuali inosservanze del Regolamento di investimento e/o delle strategie di investimento non appena vengono riscontrate; i) prepara gli affari immobiliari e li sottopone al Comitato di investimento, ossia alla Commissione della Cassa per l'approvazione; j) redige un rapporto riassuntivo sui risultati degli investimenti in immobili; k) è responsabile della messa a disposizione dei mezzi liquidi in base alla necessità; l) informa il Comitato di investimento sull acquisto e sull alienazione di partecipazioni a imprese per le quali vi è un obbligo di comunicazione legale; m) redige un verbale delle riunioni del Comitato di investimento e gestisce la sua agenda; 9 0 Modificato il novembre 0 Articolo aggiunto il novembre 0 Regolamento di investimento PUBLICA pagina 6

7 n) valuta costantemente nuove possibilità di investimento. Art. 9 Investment Controlling Il servizio esterno che controlla gli investimenti (investment controlling) non deve svolgere il ruolo né di amministratore del patrimonio né di ufficio di deposito. L investment controlling a) sorveglia l attuazione delle strategie di investimento e il relativo processo; b) sorveglia costantemente l attività degli amministratori patrimoniali esterni e interni; c) sorveglia l osservanza delle direttive di investimento e procura al Comitato di investimento il rapporto riguardo all'evoluzione del patrimonio, all'osservanza delle direttive di investimento interne e alle prescrizioni di investimento legali; d) include anche il proprio rapporto riguardo alle finanze/alla contabilità sui risultati degli affari immobiliari e degli affari ipotecari. Art. 0 Uffici di deposito Per il patrimonio mobile vengono impiegate una o più banche come ufficio/i di deposito ai sensi di global custodian. Essa/e è/sono responsabile/i segnatamente a) del disbrigo impeccabile dei cosiddetti servizi di base di global custody, in particolare - della conservazione dei titoli; - del disbrigo di tutte le operazioni di titoli; b) delle operazioni di affari ineccepibili con le amministrazioni del patrimonio. c) della stesura e dell elaborazione di tutte le informazioni (rapporto) concernenti il patrimonio mobile necessarie per la sorveglianza degli amministratori patrimoniali e per il controllo degli investimenti, in particolare relative - al calcolo dei rendimenti di investimento delle amministrazioni del patrimonio, delle categorie di investimento e del patrimonio di titoli nonché dei relativi indici di riferimento e dei rischi di investimento; - alla rappresentazione della composizione dei singoli portafogli delle amministrazioni del patrimonio, delle categorie di investimento e del patrimonio di titoli nonché dei relativi indici di riferimento; d) della gestione di una contabilità dei titoli conformemente alla legge; e) del securities lending (prestito di titoli). I compiti del/degli ufficio/i di deposito centrali sono da disciplinare nei contratti di mandato speciali. Art. Amministrazione del patrimonio Per l amministrazione del patrimonio mobile vengono impiegati o incaricati team del settore di attività Asset Management o amministrazioni del patrimonio esterne. La scelta delle amministrazioni del patrimonio avviene in un processo documentato e comprensibile. Le amministrazioni del patrimonio sono responsabili singolarmente della gestione o dell amministrazione di singoli portafogli presso l ufficio o gli uffici di deposito. Regolamento di investimento PUBLICA pagina 7

8 Alle amministrazioni del patrimonio vengono assegnati incarichi amministrativi ben definiti per ogni portafoglio. Internamente ciò avviene sotto forma di istruzioni, esternamente sotto forma di contratti di mandato. Ogni incarico amministrativo deve disciplinare oltre agli accordi standard almeno i punti seguenti: volume del mandato, obiettivo del mandato, parametri per gli investimenti, investimenti ammessi, benchmark (di norma ponderazione neutra con fasce tattiche), grado di investimento (al massimo 00%), impiego di strumenti derivati, metodo del calcolo della performance, flusso di giustificativi, contenuto e frequenza del rapporto, responsabilità e risarcimento per danni, costi (enumerazione finale), inizio (termine transitorio) e scioglimento (sempre) del mandato, collaborazione con l ufficio di deposito centrale o gli uffici di deposito centrali. Come amministrazioni del patrimonio esterne vengono impiegate solamente banche e intermediari finanziari che sottostanno, in Svizzera o all estero, a una legge sui mercati finanziari o sulla sorveglianza. Invece di incaricare amministrazioni del patrimonio di occuparsi della gestione di depositi individuali, gli investimenti possono essere effettuati anche in fondi di investimento, presso fondazioni di investimento o in fondi alternativi e in prodotti strutturati. Essi possono essere effettuati sia tramite amministrazioni del patrimonio sia direttamente dall Asset Management. Art. Amministrazioni immobiliari L'amministrazione e la gestione immobiliare può essere assegnata a imprese private o all amministrazione immobiliare della Confederazione. Una o più amministrazioni immobiliari vengono incaricate dall Asset Management, dopo l approvazione del Comitato di investimento, e sono responsabili della gestione ottimale e della locazione degli immobili. I compiti e gli obblighi sono disciplinati in un contratto di mandato separato con le amministrazioni immobiliari. Esso deve contenere almeno i punti seguenti: inizio e scioglimento del mandato (durata del contratto), obiettivo dell incarico, lista degli immobili di cui occuparsi, competenze in relazione ai rapporti con i locatari e con i portinai, proposte riguardanti i rinnovi, risanamenti, acquisti, vendite di immobili, obbligo di allestire un preventivo sugli immobili, competenze per quanto riguarda le spese, locazione / politica in materia di pigioni, contabilità, lavori di manutenzione, assicurazioni, contenuto e frequenza del rapporto, onorario. 4 L amministrazione immobiliare comunica all Asset Management le date di riferimento definite dal Comitato di investimento. Modificato il novembre 0 Seconda frase abrogata il 8 ottobre 0 Regolamento di investimento PUBLICA pagina 8

9 Art. Accounting L accounting contiene la contabilità degli investimenti per i diversi investimenti menzionati nel presente regolamento nonché la contabilità finanziaria (consolidamento). La contabilità degli investimenti a) garantisce la corretta contabilità per tutti gli investimenti menzionati nel presente regolamento; b) controlla che la contabilità dei titoli venga effettuata nel rispetto dei termini; c) controlla i conti delle amministrazioni immobiliari; d) controlla i conti delle amministrazioni ipotecarie; e) gestisce un sistema di controllo interno (controlling operativo). La contabilità finanziaria a) controlla e integra, in collaborazione con la banca o le banche di deposito, la contabilità parziale (titoli, ipoteche e immobili) nella contabilità globale di PUBLICA; b) comunica all Asset Management la necessità di mezzi liquidi per il versamento delle prestazioni; c) gestisce un sistema di controllo interno (controlling operativo).. Capitolo Strutturazione di investimento Art. 4 Strategie di investimento La Commissione della Cassa definisce in un documento separato la strategia di investimento per l insieme delle casse di previdenza chiuse, la strategia di investimento per l'insieme delle casse di previdenza aperte e la strategia di investimento per l'istituto collettore PUBLICA in qualità di fornitore di servizi e assicuratore (legge su PUBLICA art. cpv. lett. d). In questo documento viene definito in modo vincolante il quadro degli investimenti dell'intero patrimonio di PUBLICA. Le strategie di investimento (asset allocation strategiche) sono determinate a) dalla situazione finanziaria delle casse di previdenza rispettivamente dell istituto collettore PUBLICA in qualità di fornitore di servizi e assicuratore; b) dalla struttura e dalla presumibile evoluzione dell effettivo degli assicurati; c) dal rendimento perseguito; d) dalla tolleranza al rischio di PUBLICA; e) dai rendimenti e dai rischi attesi nelle singole categorie di investimento e dalla relativa correlazione. Le strategie di investimento vengono verificate periodicamente, almeno ogni due anni e, laddove necessario, adattate. Art. 5 Classi di investimento Per l asset allocation strategica vengono costituite classi di investimento, in cui vengono distribuiti gli investimenti patrimoniali. Le classi di investimento più importanti sono le seguenti: a) liquidità e mercato monetario; Regolamento di investimento PUBLICA pagina 9

10 b) obbligazioni e altri strumenti di debito in franchi svizzeri; c) obbligazioni e altri strumenti di debito in valuta estera; d) ipoteche; e) azioni e altri strumenti di partecipazione Svizzera; f) azioni e altri strumenti di partecipazione estero; g) immobili, investimenti diretti Svizzera; h) immobili, investimenti indiretti Svizzera; i) immobili, investimenti indiretti estero; j) investimenti alternativi. Nelle strategie di investimento viene effettuata un'allocazione percentuale del patrimonio per ogni singola classe di investimento. A tal proposito vengono definiti il volume target e le fasce con un minimo e un massimo per ogni classe di investimento e ogni valuta estera. 4. Capitolo Direttive per gli investimenti Art. 6 Scelta degli investimenti Ogni investimento deve essere attuabile per PUBLICA per quanto riguarda le conoscenze disponibili, i processi e le strutture, la dimensione e la reputazione. La scelta dei prodotti avviene in un processo documentato e comprensibile. Affinché i limiti possano essere rispettati, possono essere impiegati contratti a termine e strumenti derivati. Art. 7 Liquidità e mercato monetario Gli averi su conti correnti bancari e postali, i depositi a termine e altri investimenti sul mercato monetario in franchi svizzeri e valute estere possono essere tenuti soltanto da debitori con un rating a breve termine di un agenzia di rating riconosciuta di almeno A-/P- o di ugual valore, presso la Posta Svizzera, la Banca nazionale svizzera o la Confederazione Svizzera. Per il controllo della liquidità possono essere effettuate operazioni pronti contro termine. Art. 8 Obbligazioni investment grade Le obbligazioni e altri strumenti di debito in investment grade devono presentare un rating minimo di BBB- o equivalente di un agenzia di rating riconosciuta o di una banca. Delle obbligazioni in essere dei singoli debitori può essere tenuto soltanto il 0 per cento. Le strategie di investimento definiscono i limiti massimi per ogni categoria di debitore (valore di mercato in per cento di tutti gli investimenti di obbligazioni) a seconda dalla solvibilità. Le deroghe ai limiti vengono sottoposte al Comitato di investimento per approvazione. Ulteriori restrizioni relative agli investimenti vengono disciplinate nei contratti di mandato. Art. 9 Obbligazioni subinvestment grade Per le obbligazioni e altri strumenti di debito con un rating al di sotto dell investment grade vengono definiti limiti nelle direttive di investimento a livello di portafoglio nei contratti di mandato o nelle istruzioni per gli amministratori patrimoniali interni. Regolamento di investimento PUBLICA pagina 0

11 Art. 0 Obbligazioni dei Paesi emergenti Per le obbligazioni e altri strumenti di debito di Paesi emergenti vengono definiti limiti nelle direttive di investimento a livello di portafoglio nei contratti di mandato o nelle istruzioni per gli amministratori patrimoniali interni. Art. Ipoteche Vengono finanziate sia le case unifamiliari e sia le proprietà per piani ad uso proprio. L Asset Management può autorizzare eccezioni. Il valore venale viene calcolato principalmente secondo un metodo di valutazione edonica usuale sul mercato. In casi eccezionali, ad esempio in caso di poca precisione nelle stime, può essere impiegato un metodo del valore medio. I valori venali devono essere controllati periodicamente. Oltre alla valutazione dell immobile sul quale sono state effettuate anticipazioni deve essere valutata attentamente e controllata regolarmente la qualità del credito dei debitori. Art. Azioni Gli investimenti in azioni e in altri strumenti di partecipazione vengono effettuati prevalentemente in titoli liquidi in una borsa riconosciuta e replicano ampi indici di mercato. Gli investimenti in azioni possono essere effettuati anche tramite fondi di investimento. Gli investimenti in azioni e in altri strumenti di partecipazione di imprese a bassa capitalizzazione e di imprese nei Paesi emergenti vengono disciplinati separatamente nei contratti di mandato. Art. Investimenti immobiliari diretti Gli investimenti immobiliari diretti possono essere effettuati soltanto in Svizzera. Gli investimenti devono essere diversificati in modo adeguato in base alla loro posizione geografica, al modo di impiego e alla dimensione. La parte di PUBLICA, per quanto concerne un singolo immobile, non può eccedere il 0 per cento del patrimonio immobiliare. Gli investimenti consentiti sono disciplinati in una strategia di investimento separata. 4 Il valore venale degli investimenti diretti deve essere sottoposto annualmente a una perizia di stima indipendente secondo un metodo usuale sul mercato e trasparente (di norma secondo il metodo discounted cash flow). Per gli oggetti il cui acquisto risale a meno di mesi la valutazione corrisponde al prezzo di acquisto. I progetti di costruzione vengono valutati annualmente a prezzi di costo. Art. 4 Investimenti immobiliari indiretti PUBLICA effettua investimenti immobiliari indiretti in Svizzera e all'estero tramite la partecipazione a strumenti di investimento collettivi, ad esempio fondazioni, fondi e società immobiliari. Ultima frase aggiunta il 9 gennaio 0 Regolamento di investimento PUBLICA pagina

12 Art. 5 Investimenti alternativi Possono essere effettuati investimenti in Private Equity, materie prime (commodities) e progetti riguardanti infrastrutture. Simili investimenti possono essere effettuati direttamente mediante strumenti di investimento collettivi o tramite prodotti strutturati. Ogni investimento alternativo deve essere prima verificato attentamente sotto il profilo della professionalità e della solvibilità degli emittenti o del management, della strategia di investimento, della chiarezza dei rapporti giuridici, della disdetta e dei rischi inerenti. Il risultato della verifica è iscritto in un memorandum. Art. 6 Valute Le strategie di investimento devono definire i limiti per gli investimenti in diverse valute. Per rispettare i limiti possono essere impiegati contratti a termine e strumenti derivati. Art. 7 Derivati I derivati possono essere impiegati per ridurre i rischi correlati agli investimenti o per poter gestire in modo più efficiente gli investimenti. Essi devono essere negoziati in una borsa riconosciuta oppure di norma essere garantiti 4. La controparte per i derivati senza ulteriore garanzia deve essere una banca con un rating a breve termine di un agenzia di rating riconosciuta di almeno A-/P- o equivalente. Per i derivati con garanzie sottostanti la controparte deve essere una banca con un rating a breve termine di almeno A-/P- o equivalente 5. Art. 8 Securities Lending Per migliorare la redditività, i titoli possono essere prestati alle controparti che presentano un rating a breve termine di un'agenzia di rating riconosciuta di almeno A-/P- o equivalente. I titoli prestati devono essere coperti da garanzia (collateral). I dettagli devono essere disciplinati nel contratto di securities lending. 5. Capitolo Varie Art. 9 Esercizio del diritto di voto per le azioni Per quanto concerne le azioni tenute direttamente (nei portafogli) appartenenti a società svizzere viene esercitato il diritto di voto. Il Comitato di investimento decide sul comportamento di voto. Il diritto di voto è orientato agli interessi a lungo termine degli assicurati e beneficiari di rendite. A tal proposito si presta attenzione affinché il valore aziendale della società in questione venga massimizzato sul lungo periodo 6. 4 Se entro l Assemblea generale della società in questione non vi è concordanza tra la maggioranza di tutti i membri del Comitato di investimento, il diritto di voto non viene esercitato. 4 5 Seconda frase modificata il 9 gennaio e il novembre 0 Ultima frase aggiunta il 9 gennaio 0 6 Seconda frase aggiunta il 8 ottobre 0 Regolamento di investimento PUBLICA pagina

13 5 6 Il comportamento di voto è pubblicato sul sito Internet di PUBLICA 7. In caso di società estere di norma si rinuncia all esercizio dei diritti societari. Disposizioni finali Art. 0 Abrogazione del diritto previgente Il presente Regolamento di investimento sostituisce integralmente il Regolamento di investimento (Regolamento di investimento della Cassa pensioni della Confederazione PUBLICA del 5 ottobre 007/ febbraio 008). Art. Entrata in vigore Il presente regolamento entra in vigore il 5 aprile 00. Le modifiche del 9 gennaio 0 entrano in vigore il 9 gennaio 0 con decisione della Commissione della Cassa. Le modifiche del novembre 0 entrano in vigore il novembre 0 con decisione della Commissione della Cassa. 4 Le modifiche del 8 ottobre 0 entrano in vigore il 8 ottobre 0 con decisione della Commissione della Cassa. In nome della Commissione della Cassa PUBLICA Il presidente: Il presidente del Comitato di investimento: Fred Scholl Alex Hinder 7 Modificato il novembre 0 e 8 ottobre 0 Regolamento di investimento PUBLICA pagina

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione

Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di fondazione Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva LPP Swiss Life, Zurigo (Fondazione) Regolamento per l'elezione dei rappresentanti dei dipendenti al consiglio di

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1

Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 Principi operativi sulle modalità di lavoro e sul coordinamento dell alta vigilanza sulla Nuova ferrovia transalpina (NFTA) 1 47 emanati dalla: Conferenza delle presidenze delle commissioni e delegazioni

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

Rapporto esplicativo

Rapporto esplicativo Rapporto esplicativo concernente l approvazione del Protocollo n. 15 recante emendamento alla Convenzione per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali 13 agosto 2014 Compendio

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi

Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi Legge federale sulle istituzioni che promuovono l integrazione degli invalidi (LIPIn) 831.26 del 6 ottobre 2006 1 (Stato 1 gennaio 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo.

Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Al vostro livello. Tre clienti tre storie di successo. Reiner Gfeller. Responsabile Asset Management. Allianz Suisse Immobiliare SA. La Allianz Suisse Immobiliare SA collabora dal 2011 con Livit. L azienda

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

Incompatibilità con il mandato parlamentare

Incompatibilità con il mandato parlamentare Incompatibilità con il mandato parlamentare Principi interpretativi dell Ufficio del Consiglio nazionale e dell Ufficio del Consiglio degli Stati per l applicazione dell articolo 14 lettere e ed f della

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero 443.116 del 30 settembre 2004 (Stato 1 ottobre 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visti gli articoli 8 e 26 capoverso 2 della

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014)

Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Obiettivi strategici del Consiglio federale per la sua partecipazione alla RUAG Holding SA (strategia basata sul rapporto di proprietà 2011 2014) Introduzione L'obiettivo primario della società di partecipazione

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

412.106.16 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale

412.106.16 Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale Regolamento del Consiglio dello IUFFP concernente gli emolumenti dell Istituto universitario federale per la formazione professionale (Regolamento degli emolumenti IUFFP) del 17 febbraio 2011 (Stato 1

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

MODULO DI CANDIDATURA

MODULO DI CANDIDATURA MODULO DI CANDIDATURA Gentile Signora/Egregio Signore, troverà in allegato la candidatura di [nome del fornitore di servizi] in risposta all invito a manifestare interesse relativo ai fornitori di dati

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE TITOLO V - Capitolo 5 ATTIVITÀ DI RISCHIO E CONFLITTI DI INTERESSE NEI CONFRONTI DI SOGGETTI COLLEGATI SEZIONE I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE 1. Premessa La disciplina delle operazioni con parti

Dettagli

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI),

visto l articolo 6 capoverso 5 del Regolamento del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione del 1 giugno 2014 (Regolamento CSSI), Dipartimento federale dell economia, della formazione e della ricerca DEFR Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione CSSI Direttive del Consiglio svizzero della scienza e dell innovazione che

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1

Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Regolamento applicabile alla procedura seguita dinanzi al Consiglio costituzionale per il contenzioso dell elezione dei deputati e dei senatori 1 Modificato dalle decisioni del Consiglio costituzionale

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 15 giugno 2015

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 15 giugno 2015 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 136 del 15 giugno 2015 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli