INTEGRALI INDEFINITI e DEFINITI Esercizi risolti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTEGRALI INDEFINITI e DEFINITI Esercizi risolti"

Transcript

1 INTEGRALI INDEFINITI e DEFINITI Esercizi risolti E data la funzione f( = (a Provare che la funzione F ( = + arcsin è una primitiva di f( sull intervallo (, (b Provare che la funzione G( = + arcsin π è la primitiva di f( sull intervallo (, che passa per P= (, Provare che le funzioni F ( = sin + 7 e G( = cos( sono due primitive di una stessa funzione f( su IR; trovare f( e dire di quale costante differiscono F ( e G( Usando le tabelle degli integrali elementari, calcolare i seguenti integrali indefiniti a + 5 d b ( + 5 d c ( d d e d f d g e d h tan d log (log / i d j 7 cos( 5 d k cos sin d l sin e d + e cos ( + 5 d Calcolare per parti i seguenti integrali (a sin d (b e d (c (d log( 5 d (e log (5 d (f (g arctan d (h e sin d (i log( + d ( + cos d d 5 Calcolare i seguenti integrali di funzioni razionali + 7 (a d (b d (d d (e + + d (c d 5 + (f + d 6 Calcolare i seguenti integrali, usando le opportune sostituzioni e (a e e + d (b sinh cosh + d (c (d ( + d (e d (f cos (h d (i ( + tan sin sin d cos + (j + d 5 + d (g d sin + cos d 7 Calcolare i seguenti integrali definiti (a d (b log( + ( + d (c 6 9 t t t + dt (d arctan d

2 8 Calcolare le seguenti aree: (a Area delimitata dal grafico della funzione f( = + + e dall asse della, per [, ] (b Area della regione piana R compresa tra il grafico della funzione + f( = se < π 6 sin se π π e l asse delle (c Area della regione R del piano y compresa tra la curva di equazione y = e e la retta per A= (, e e B= (, (d Area della parte di piano compresa tra il grafico della funzione e l asse delle, per [, ] f( = ( log( + (e Area della parte di piano compresa tra il grafico della funzione e l asse delle, per [ log, log ] f( = e e + e 9 Sia f( = { se < 6 se a Calcolare la media integrale µ di f sull intervallo [, ] b Dire se esiste un punto c [, ] per cui f(c = µ Data la funzione h( = log( + (a trovare tutte le primitive di h; (b trovare la primitiva di h( che passa per P= (, log Trovare la primitiva della funzione f( = sin + cos che si annulla per = π Sia se < f( = + se Determinare la primitiva generalizzata di f che si annulla per =

3 SOLUZIONE (a Per provare che F ( = + arcsin è una primitiva di f( = sull intervallo (, è sufficiente provare che F ( = f(, per ogni (, F ( = + = + / / = + + = + + = + = f( (b Sicuramente G( è una primitiva di f(, in quanto differisce da F ( solo per la costante π Controlliamo che G( = G( = + arcsin π = + π 6 π = F ( e G( sono entrambe derivabili su IR Sono entrambe primitive di una stessa funzione f( se si ha F ( = G ( = f(, per ogni IR Calcoliamo le derivate: F ( = sin cos = sin(, Dunque F ( = G ( = f( = sin( G ( = ( sin( = sin( Essendo due primitive della stessa funzione sullo stesso intervallo, la loro differenza deve essere costante Calcoliamone la differenza: F ( G( = sin cos( + = sin + ( sin + 8 = 8 + = 7 (a + 5 ( + 5 / ( + 5 / + c = ( c / (b ( + 5 ( + 5 / ( + 5 / + c = / c (c (8 + 5 (8 + 5 (8 + + c = 8 (8 + + c e e (d + e + (e arctan(e + c (e log / arcsin(log + c (log (f (log / e tan (log / d = (log / / + c = log + c (g e + c e sin sin (h cos log cos + c cos (i sin sin cos cos sin cos cos (j 7 cos( cos( sin( 5 + c (k cos sin cos (sin / (sin / + c = (l cos ( cos ( tan( c sin + c tan log tan + c

4 Ricordiamo la regola di integrazione per parti: (a Per ricavare sin d scegliamo f ( g( f( g( { f ( = sin g( = = f( g ( d { f( = cos g ( = Otteniamo: sin cos ( cos cos + sin + c { (b Per ricavare e e f d, conviene scegliere ( = e g( = { f( = e = g ( = ( e e ( e ( e e + c = e ( + + c (c In questo caso conviene vedere la funzione integranda log( + come prodotto della funzione costante per { { f la funzione log( + e scegliere ( = f( = = g( = log( + g ( = + Pertanto log( + log( + + d Per calcolare l ultimo integrale, conviene prima eseguire un trucco algebrico, e poi sfruttare la linearità dell integrale; nel prossimo esercizio vedremo un procedimento più completo che tratta dell integrazione delle funzioni razionali Per ora, scriviamo: + = + = = + ; dunque + d + log + + c Tornando all integrale di partenza, si ha: log( + log( + + log ( + + c (d (e L ultima uguaglianza è giustificata dal fatto che la funzione integranda è definita solo per > log( 5 log( 5 5 d Anche in questo caso, manipoliamo l ultima funzione razionale, nel seguente modo: 5 = = ( 5( + 5 = = Pertanto ( log( 5 log( log( 5 La funzione integranda è definita solo per > 5; pertanto si avrà 5 = 5 Dunque log( 5 log( log( 5 + c log (5 log (5 log(5 5 5 log (5 log(5 5 5 log 5 + c Riapplicando nuovamente la formula di integrazione per parti all ultimo integrale, ricaviamo ( log (5 log (5 log(5 log (5 log(5 + + c

5 (f ( + cos ( + sin [ ( + sin ( + sin + ( + cos ] cos (g (h = ( + sin + ( + cos sin + c arctan arctan + + arctan + ( = arctan + arctan + arctan + c ( e sin e sin e cos e sin e cos + e sin d (i Dunque e sin e sin e cos da cui e sin (e sin e cos + c = d + d Dunque + arcsin da cui + ( + arcsin + c Lo stesso integrale può essere risolto per sostituzione (si veda l esercizio n 6 5 (a Per risolvere gli integrali di funzioni razionali, occorre anzitutto che il grado del numeratore sia strettamente inferiore al grado del denominatore Se non lo è, bisogna procedere con la divisione dei polinomi Procediamo dunque alla divisione del polinomio a numeratore per il polinomio a denominatore e troviamo Dunque = (b ( (+7 d ( ( d Con il metodo di decomposizione in fratti semplici si ottiene: log 5 +c ( ( = A + B A( + B( = = ( ( Uguagliando i coefficienti dei polinomi a numeratore, si ottiene il sistema: { { A + B = A = A B = B = (A + B A B ( (

6 Quindi: ( ( = [ ] log log + c (c Per calcolare d possiamo usare direttamente il metodo di decomposizione in fratti semplici, in quanto il grado del numeratore è strettamente inferiore al grado del denominatore; dobbiamo scomporre il denominatore come prodotto di fattori irriducibili Ricordando che = ( ( + + e usando il metodo di decomposizione in fratti semplici, possiamo scomporre la frazione da integrare: = ( ( + + = A + B + C + + = (A + B + (A B + C + A C ( ( + + Uguagliando i numeratori della frazione iniziale e finale, si trova il sistema: A + B = A B + C = A C = = A = B = C = Quindi: d + + log = log log( d d Per risolvere l ultimo integrale, usiamo il metodo di completamento dei quadrati, allo scopo di ottenere il denominatore nella forma k[ + (a + b ] (dove k, a, b sono costanti opportune da trovare + + = ( [ + + = ( ] [ ( + + = + + ] Pertanto + + [ + ( ] c ( arctan + + Infine log log( arctan + + c (d Il polinomio ammette la radice = ; dunque è divisibile per + Effettuando i calcoli si trova = ( + ( + Dunque ( + ( + d Ricorriamo alla decomposizione in fratti semplici ( + ( + = A + + B + C + = A( + + (B + C( + ( + ( + = (A + B + (B + C + A + C ( + ( +

7 Uguagliando i polinomi a numeratore della prima e dell ultima frazione, si ottiene il sistema: A + B = B + C = 9 A + C = 8 Pertanto: ( = A = B = C = 5 + d + + d = log + + log( arctan + c = log arctan + c ( + (e Poiché il grado del polinomio al numeratore è superiore a quello del denominatore, occorre preliminarmente procedere alla divisione dei due polinomi Si ottiene Pertanto = + + ( + d log + c (f Effettuando la necessaria divisione tra il polinomio a numeratore e quello a denominatore, si ottiene = + + Dunque 5 ( Ricorriamo alla decomposizione in fratti semplici: + d ( + d + ( + = A + B + C + D + Procedendo come sopra, si ottiene A = B = C = D = ( + + log arctan + c 6 (a L integrale e e e + d può essere trasformato nell integrale di una funzione razionale effettuando la sostituzione e = t, da cui = log t e t dt Pertanto e e e + t t t + t dt = t t + dt = (t (t dt

8 Si tratta dell integrale di una funzione razionale il cui denominatore è decomposto in fattori irriducibili Usiamo il metodo di decomposizione in fratti semplici: (t (t = A t + B A(t + B(t = = t (t (t Uguagliando i coefficienti dei polinomi a numeratore, si ottiene il sistema: (A + Bt A B (t (t { A + B = A B = = { A = B = (b Pertanto e e e + sinh cosh + ( t t e e e +e + dt = log t log t + c = log e log e + c e e e + e + d Effettuando, come sopra, la sostituzione e = t, da cui = log t e t dt, si ottiene sinh cosh + t t t + t + t dt = t (t (t + t + + t t dt = (t + t dt = Con il metodo di decomposizione in fratti semplici si ottiene: t t(t + dt t t(t + = A t + B A(t + + Bt = = t + t(t + Uguagliando i coefficienti dei polinomi a numeratore, si ottiene il sistema: (A + Bt + A t(t + { A + B = A = { A = B = ( sinh cosh + + t t + dt = log t + log t + + c = log e + log e + + c = = log (e + + c + (c L integrale d, può essere ricondotto ad un integrale di funzione razionale operando la 5 sostituzione = t, da cui = + t e t dt Pertanto + 5 Eseguendo la divisione tra polinomi si ottiene + 5 t + t + t t + t + t t Decomponendo l ultima frazione in fratti semplici, si ha: t + t + t t dt = t = t + + 5t + t ( 5t + t + + (t (t + dt dt 5t + (t (t + = A t + B A(t + + B(t = t + t = Uguagliando i numeratori della prima e dell ultima frazione si ottiene il sistema: (A + Bt + (A B t

9 { A + B = 5 A B = = { A = 7 B = Dunque : + 5 ( 7 (t + dt + t + t + dt = t + t + 7 log t + log t + + c = = log + log + + c (d Per risolvere l integrale ( + d, allo scopo di eliminare i radicali si può effettuare la sostituzione = t 6, da cui t 5 dt ; in tal modo si ha = t e ( + t 5 t (t + dt = t ( t + dt = t + = t dt = t arctan t + c = (e L integrale = 6 arctan 6 + c d è già stato risolto precedentemente per parti; si può anche effettuare la sostituzione = sin t, da cui e cos t dt La funzione = sin t non è iniettiva; pertanto, per poter effettuare la sostituzione inversa, dobbiamo restringerci a un opportuno intervallo di integrazione; conviene scegliere l intervallo [ π, ] π, in cui oltre a invertire la funzione = sin t, trovando t = arcsin, è anche possibile ricavare = cos t Dunque + cos(t cos t dt = dt = t + sin(t + c = t + sin t cos t + c = = arcsin + + c (f Per risolvere l integrale + d conviene effettuare la sostituzione = sinh t, da cui si ricava cosh t dt ; si ha inoltre + = cosh t, tenendo conto che i due membri dell ultima uguaglianza sono funzioni sempre positive Dunque (e + cosh t + e t e t + e t + t dt = dt = dt = ( e t e t + t + c = = sinh(t + t + c = sinh t cosh t + t + c = + + settsinh + c (g Per risolvere l integrale d conviene effettuare la sostituzione = cosh t, da cui si ricava sinh t dt Ponendoci su un opportuno intervallo di integrazione, possiamo invertire la funzione = cosh t; conviene scegliere l intervallo [, +, in cui si trova t = log( + Inoltre è anche possibile ricavare = sinh t Dunque sinh t dt = (cosh t dt = cosh t dt t Sfruttando il risultato appena trovato sopra cosh t dt = sinh t cosh t + t + c, si ha: + log( + + c (h Per calcolare d, allo scopo di trasformarlo in un integrale di funzione razionale possiamo ( + tan usare la sostituzione tan = t, da cui = arctan t e +t dt Quindi:

10 ( + tan ( + t + t dt Ricorriamo alla decomposizione in fratti semplici ( + t ( + t = A + t + B ( + t + Ct + D + t Procedendo come sopra, si ottiene A = B = C = D = ( + tan + t dt + = log + tan ( + t dt + tan log( + tan + c (i Per risolvere l integrale cos sin sin d cos + è consigliabile usare la sostituzione cos = t, da cui sin dt Pertanto cos t sin sin cos + t t + dt = t t + t dt t dt = log + t + t + t log( + t + c = Il polinomio a denominatore ammette la radice t = e si fattorizza in t + t = (t (t + t + Ricorrendo alla decomposizione in fratti semplci, si trova t (t (t + t + = 5 t + 5 t 5 t + t + Dunque t t + t dt = ( t + 5 t t + t + dt = 5 ( log t t + t + t + dt 9 + (t + dt = = 5 log t 5 log(t + t + 9 arctan(t + + c 5 Infine cos sin cos + sin 5 log cos 5 log(cos + cos + 9 arctan(cos + + c 5 (j L integrale d, può essere ricondotto ad un integrale di funzione razionale mediante le sin + cos formule di razionalizzazione delle funzioni trigonometriche, cioè operando la sostituzione tan = t, da cui = arctan t e t dt ; si ha inoltre sin = + t + t e cos = t + t Pertanto sin + cos t +t + t +t + t dt = Decomponendo l ultima frazione in fratti semplici, si ha: (t + (t = A t + + 8t + t B A(t + B(t + = = t (t + (t dt = (t + (t dt (A + Bt + ( A + B (t + (t

11 Uguagliando i numeratori della prima e dell ultima frazione, si ottiene il sistema: Dunque sin + cos ( { A + B = A + B = = 5 log tan + tan t c = t { A = B = dt = 5 log t + log t + c = 5 7 (a Per la formula fondamentale del calcolo integrale, per risolvere l integrale definito prima trovare una primitiva F ( della funzione f( = e poi calcolare F ( F ( Per calcolare d, ottenendo: ( ( + = A + d, si deve usiamo il metodo di decomposizione delle funzioni razionali in fratti semplici, B A( + + B( = = + ( + ( Uguagliando i coefficienti dei due polinomi a numeratore, si ottiene il sistema: (A + B + A B ( + ( { A + B = A B = { A = B = Dunque ( + + [ log + ] log + = log + log log log = log log (b Per calcolare l integrale definito Utilizziamo dapprima la sostituzione + = u e dunque di integrazione per parti; otteniamo: log( + ( + log u u du = ( u log u u du = Pertanto log( + ( + [ + log( + ] + c ( + Dunque l integrale definito cercato vale: log( + ( + log( + log( + ( + d, calcoliamo prima l integrale indefinito ( + d [ + log( + + ] = du, e in seguito applichiamo la formula ( + log 5 ( u log u + c u 5 = log 5 6 t (c Per calcolare l integrale definito 9 t dt, calcoliamo prima l integrale indefinito, usando la t + sostituzione: t = y, e dunque t = y da cui dt = y dy t Allora: t + t dt = y y ( y y dy = y + y y y + dy = y dy = y + = dy (y (y dy

12 Usiamo il metodo di decomposizione delle funzioni razionali in fratti semplici: (y (y = A y + B A(y + B(y (A + By A B = = y (y (y (y (y che porta a risolvere il sistema: { A + B = A B = { A = B = dy (y (y ( dy = y y + y dy = y + log y log y + c Applicando ora la sostituzione inversa, si ottiene: t t t + dt = t + log t log t + c = t + log t + c t Si può infine ricavare il valore dell integrale definito 6 t t t + dt = log 9 9 log = + log 8 log (d Per risolvere l integrale definito arctan d, si deve anzitutto spezzare l intervallo di integrazione [, ] nei due sottointervalli [, ] e [, ], in quanto la funzione assume in essi due espressioni diverse; si ha dunque arctan ( arctan d + ( arctan d Possiamo ora utilizzare la formula di integrazione per parti per calcolare l integrale indefinito: ( ( ( ( arctan arctan + arctan + d Poiché il polinomio a denominatore nell ultimo integrale non ha grado superiore a quello a numeratore, procediamo con la divisione del numeratore per il denominatore: ( d + d + log( + arctan +c ( ( arctan arctan ( log( + arctan + c Calcolando ora l integrale definito, si ricava: [( arctan arctan ( log( + arctan ] + [( + arctan ( log( + arctan ] = + ( π

13 8 (a Per [, ], f( è senz altro positiva (perché somma di quantità positive Dunque l area A richiesta risulta essere: [ A = f( = ( + + ( + + [ + log ] = + log log + = + log (b Tenendo conto che nell intervallo (, π la funzione f( è positiva, mentre, tra π e π, A della regione R è data da: ] + log + = f( è negativa, l area A = π + 6 d π π sin 6 [ + ] π [ cos ] π π = [ ] π 6 + π + [ + ] = π 8 + π + (c Si osservi che i punti A e B appartengono alla curva di equazione y = e Dunque sono i punti di intersezione tra la curva e la retta passante per A e B La retta r passante per i punti A= (, e e B= (, ha equazione y = ( e Notiamo inoltre che la funzione f( è sempre negativa, e dunque la regione R è situata al di sotto dell asse delle ; osserviamo infine che la corda AB sta al di sotto del grafico della funzione f( Pertanto l area A richiesta sarà data da: ( A = [( e ] d ( e (d Prima di pensare al calcolo dell area, dobbiamo studiare il segno di f in (, : il fattore ( è negativo il fattore log( + è positivo, perché + >, IR Dunque nell intervallo (, la funzione f( è negativa Pertanto l area richiesta è data da: A = f( [ ] e [( e +e ] + e ( log( + d Risolviamo l integrale indefinito, utilizzando il metodo di integrazione per parti: ( log( ( ( + log( ( + + = e log( + + d + Per risolvere il rimanente integrale, dividiamo il polinomio al numeratore per il denominatore, ottenendo: [ + ( ] d Quindi: = log( + + arctan + c [ ( A = log( log( + arctan = = [ + + log 5 arctan log ] log = log log 5 + arctan ]

14 (e Studiamo prima il segno di f Poiché il denominatore è una quantità sempre positiva, basta studiare il segno del numeratore f( > e e > e ( e > e > e < < f( > per < ; f( < per > ( Consideriamo ora l intervallo log, log = ( log, log Per ( log, la funzione è positiva Dunque l area compresa tra il grafico di f e l asse delle è data da: A = log f( d Invece, per (, log, la funzione è negativa, e l area sarà data da: A = log Pertanto l area richiesta sarà la somma delle due aree: A = A + A = log f( d f( d log f( d Calcoliamo l integrale indefinito: e e f( + e e + (e d e + e arctan(e log ( + e + c Calcoliamo ora gli integrali definiti: A = arctan( log( + arctan e log + log ( + e log = = π log arctan + ( log + = π + log A = [arctan e log ( log + e log arctan + ] log = = arctan + log( + + π log = π + log Dunque l area richiesta è: A = ( log + log = log 9 a Per definizione di media integrale µ = f( ( d + ( ( (6 d + [6 ] = 6 + b Poiché f( non è continua sull intervallo [, ], non si può utilizzare il teorema della media integrale per affermare l esistenza di un punto c con le caratteristiche richieste Controlliamo pertanto direttamente se µ appartiene all immagine di f Si verifica facilmente che Im (f = [, [7, 5] Dunque µ / Im(f e non esiste nessun c [, ] tale che f(c = µ

15 (a Le primitive di h( = log( + si trovano risolvendo l integrale indefinito h( d Per risolvere questo integrale, si può applicare la formula di integrazione per parti: f( g ( f( g( f (g( d Nel nostro caso scegliamo f( = log( + e g ( = Si ottiene quindi: log( + log( + + ( = log( + + Dunque le primitive di h sono le funzioni: log( + + log( + + log( + + c F c ( = log( + + log( + + c, c IR (b Tra tutte le funzioni F c ( si deve trovare quella per cui F c ( = log F c ( = log + log + c = log + c Dunque F c ( = log se e solo se c = Pertanto la primitiva cercata è la funzione F ( = log( + + log( + + Possiamo procedere come sopra, trovando tutte le primitive di f( e poi quella che passa per P= ( π, Oppure possiamo sfruttare il teorema fondamentale del calcolo integrale; la primitiva cercata è la funzione integrale F ( = π f(t dt Scegliamo la seconda strada Risolviamo prima l integrale indefinito f(t dt = (t sin t + cos t dt Incominciamo con il separare l integrale nella somma di due integrali, data la linearità dell operazione di integrazione Eseguiamo il primo integrale per parti, prendendo il fattore sin t come fattore differenziale: t sin t dt = t ( cos t ( cos t dt = t cos t + cos t dt = t cos t + sin t + h Per eseguire il secondo integrale possiamo usare l identità trigonometrica cos t dt = Quindi: ( + cos t π dt = dt + ( t sin t + cos t dt = cos t = cos t dt = t + [ t cos t + sin t + t + sin t ] π +cos t Allora: cos t dt = t + sin t + k = cos + sin + + sin + π cos π sin π π sin π = cos + sin + + sin π =

16 Data la presenza del valore assoluto, distinguiamo le due funzioni che formano la prima componente di f(, sui due intervalli (, e [,, e riscriviamo se < f( = se < + se Iniziamo a trovare tutte le primitive di ciascuna delle tre funzioni che compongono f( F ( = ( / F ( = F ( = + ( / + ( / / + c = ( + c, se < (/ / + c = + c, se (, Le primitive generalizzate devono essere funzioni continue Dunque deve essere Pertanto / + (/ arctan + c, se > lim F ( = lim F ( e lim F ( = lim F ( + + c = c e + c = arctan + c, da cui c = c = c e c = c + arctan Dunque tutte le primitive generalizzate di f( sono le funzioni + c se < F c ( = + c se < arctan + c + arctan se Cerchiamo tra esse quella tale che F c ( = : = / + c Si ricava dunque c = Pertanto la primitiva cercata è la funzione se < F ( = se < arctan + arctan se

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

Calcolo integrale: esercizi svolti

Calcolo integrale: esercizi svolti Calcolo integrale: esercizi svolti Integrali semplici................................ Integrazione per parti............................. Integrazione per sostituzione......................... 4 4 Integrazione

Dettagli

Calcolo integrale. Regole di integrazione

Calcolo integrale. Regole di integrazione Calcolo integrale Linearità dell integrale Integrazione per parti Integrazione per sostituzione Integrazione di funzioni razionali 2 2006 Politecnico di Torino Proprietà Siano e funzioni integrabili su

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI SUL CALCOLO INTEGRALE

ESERCIZI SVOLTI SUL CALCOLO INTEGRALE ESERCIZI SVOLTI SUL CALCOLO INTEGRALE * Tratti dagli appunti delle lezioni del corso di Matematica Generale Dipartimento di Economia - Università degli Studi di Foggia Prof. Luca Grilli Dott. Michele Bisceglia

Dettagli

CALCOLO DEGLI INTEGRALI

CALCOLO DEGLI INTEGRALI CALCOLO DEGLI INTEGRALI ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA INTEGRALI INDEFINITI. Integrazione diretta.. Principali regole di integrazione. () Se F () f (), allora f () F () dove C è una costante

Dettagli

1 Primitive e integrali indefiniti

1 Primitive e integrali indefiniti Analisi Matematica 2 CORSO DI STUDI IN SMID CORSO DI ANALISI MATEMATICA 2 CAPITOLO 2 CALCOLO INTEGRALE Primitive e integrali indefiniti. Definizione di primitiva e di integrale indefinito Data una funzione

Dettagli

Esercizi svolti sugli integrali

Esercizi svolti sugli integrali Esercizio. Calcolare il seguente integrale indefinito x dx. Soluzione. Poniamo da cui x = t derivando rispetto a t abbiamo t = x x = t dx dt = quindi ( t x dx = ) poiché t = t, abbiamo t dt = = in definitiva:

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. Esercizi svolti. dx ; 2. Verificare la convergenza del seguente integrale improprio e calcolarne il valore:

INTEGRALI IMPROPRI. Esercizi svolti. dx ; 2. Verificare la convergenza del seguente integrale improprio e calcolarne il valore: INTEGRALI IMPROPRI Esercizi svolti. Usando la definizione, calcolare i seguenti integrali impropri: a b c d e / +5 d ; arctan + d ; 8+ 4 5/ +e + d ; 9 +8 + + d. d ;. Verificare la convergenza del seguente

Dettagli

TEMI D ESAME DI ANALISI MATEMATICA I

TEMI D ESAME DI ANALISI MATEMATICA I TEMI D ESAME DI ANALISI MATEMATICA I Corso di laurea quadriennale) in Fisica a.a. 003/04 Prova scritta del 3 aprile 003 ] Siano a, c parametri reali. Studiare l esistenza e, in caso affermativo, calcolare

Dettagli

Esercitazioni di Matematica

Esercitazioni di Matematica Università degli Studi di Udine Anno Accademico 009/00 Facoltà di Agraria Corsi di Laurea in VIT e STAL Esercitazioni di Matematica novembre 009 Trovare le soluzioni della seguente disequazione: x + +

Dettagli

3x + x 5x = x = = 4 + 3x ; che equivale, moltiplicando entrambi i membri per 2, a risolvere. 4x + 6 x = 4 + 3x.

3x + x 5x = x = = 4 + 3x ; che equivale, moltiplicando entrambi i membri per 2, a risolvere. 4x + 6 x = 4 + 3x. 1 Soluzioni esercizi 1.1 Equazioni di 1 e grado Risolvere le seguenti equazioni di 1 grado: 1) 3x 5x = 1 x. Abbiamo: 3x + x 5x = 1 + x = 1 + 4 x = 5. ) x + 3 x = + 3x. Facciamo il m.c.m. : 4x + 6 x = 4

Dettagli

Esercizi di Matematica per le Scienze Funzioni: integrali indefiniti

Esercizi di Matematica per le Scienze Funzioni: integrali indefiniti Esercizi di Matematica per le Scienze Funzioni: integrali indefiniti A.M. Bigatti e G. Tamone Esercizi Una funzione g() derivabile su un intervallo (a, b) si dice primitiva della funzione f() se f() =

Dettagli

INTEGRALI Test di autovalutazione

INTEGRALI Test di autovalutazione INTEGRALI Test di autovalutazione. L integrale ln 6 è uguale a (a) vale 5 2 (b) (c) (d) 4 5 vale ln 256 2 è negativo 2 5 + 4 5 2 5 + 4 5 d d 2. È data la funzione = e 2. Allora: (a) se F() è una primitiva

Dettagli

Calcolo di integrali definiti utilizzando integrali dipendenti da parametri

Calcolo di integrali definiti utilizzando integrali dipendenti da parametri Calcolo di integrali definiti utilizzando integrali dipendenti da parametri Mosè Giordano 6 novembre Introduzione I seguenti esercizi mostrano alcuni esempi di applicazioni degli integrali dipendenti da

Dettagli

Equazioni differenziali. f(x, u, u,...,u (n) )=0,

Equazioni differenziali. f(x, u, u,...,u (n) )=0, Lezione Equazioni differenziali Un equazione differenziale è una relazione del tipo f(x, u, u,...,u (n) )=, che tiene conto del valori di una funzione (incognita) u e delle sue derivate fino ad un certo

Dettagli

Anno 5 Regole di derivazione

Anno 5 Regole di derivazione Anno 5 Regole di derivazione 1 Introduzione In questa lezione mostreremo quali sono le regole da seguire per effettuare la derivata di una generica funzione. Seguendo queste regole e conoscendo le derivate

Dettagli

NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti. d) (1 i) 3. b) (1 + i)(1 i)(1 + 3 i) c) 1 i 1

NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti. d) (1 i) 3. b) (1 + i)(1 i)(1 + 3 i) c) 1 i 1 Calcolare le seguenti potenze di i: NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti a) i b) i 7 c) i d) i e) i f) i 9 Semplificare le seguenti espressioni: a) i) i i) b) + i) i) + ) 0 i c) i) i) i) d) i) Verificare che

Dettagli

LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO

LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO LE EQUAZIONI DI SECONDO GRADO Definizione: un equazione è di secondo grado se, dopo aver applicato i principi di equivalenza, si può scrivere nella forma, detta normale: ax + bx + c 0!!!!!con!a 0 Le lettere

Dettagli

Campi conservativi e forme esatte - Esercizi svolti

Campi conservativi e forme esatte - Esercizi svolti Campi conservativi e forme esatte - Esercizi svolti 1) Dire se la forma differenziale è esatta. ω = 2 2 (1 + 2 2 ) 2 d + 2 2 (1 + 2 2 ) 2 d 2) Individuare in quali regioni sono esatte le seguenti forme

Dettagli

Funzioni derivabili (V. Casarino)

Funzioni derivabili (V. Casarino) Funzioni derivabili (V. Casarino) Esercizi svolti 1) Applicando la definizione di derivata, calcolare la derivata in = 0 delle funzioni: a) 5 b) 3 4 c) + 1 d) sin. ) Scrivere l equazione della retta tangente

Dettagli

Soluzioni dei problemi della maturità scientifica A.S. 2012/2013

Soluzioni dei problemi della maturità scientifica A.S. 2012/2013 Soluzioni dei problemi della maturità scientifica A.S. / Nicola Gigli Sun-Ra Mosconi June, Problema. Il teorema fondamentale del calcolo integrale garantisce che Quindi f (x) = cos x +. f (π) = cos π +

Dettagli

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)?

Calcolo Integrale. F (x) = f(x)? 3 Calcolo Integrale Nello studio del calcolo differenziale si è visto come si può associare ad una funzione la sua derivata. Il calcolo integrale si occupa del problema inverso: data una funzione f è possibile

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1.

EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti. y = xy. y(2) = 1. EQUAZIONI DIFFERENZIALI Esercizi svolti 1. Determinare la soluzione dell equazione differenziale (x 2 + 1)y + y 2 =. y + x tan y = 2. Risolvere il problema di Cauchy y() = 1 2 π. 3. Risolvere il problema

Dettagli

Esercizi svolti. g(x) = sono una l inversa dell altra. Utilizzare la rappresentazione grafica di f e f 1 per risolvere l equazione f(x) = g(x).

Esercizi svolti. g(x) = sono una l inversa dell altra. Utilizzare la rappresentazione grafica di f e f 1 per risolvere l equazione f(x) = g(x). Esercizi svolti. Discutendo graficamente la disequazione > 3 +, verificare che l insieme delle soluzioni è un intervallo e trovarne gli estremi.. Descrivere in forma elementare l insieme { R : + > }. 3.

Dettagli

ANALISI MATEMATICA PER IL CdL IN INFORMATICA ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI

ANALISI MATEMATICA PER IL CdL IN INFORMATICA ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI ANALISI MATEMATICA PER IL CdL IN INFORMATICA ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI Risolvere le seguenti disequazioni: ( 1 ) x < x + 1 1) 4x + 4 x ) x + 1 > x 4x x 10 ) x 4 x 5 4x + > ; 4) ; 5) 0; ) x 1 x + 1 x

Dettagli

Analisi Matematica I Primo Appello ( ) - Fila 1

Analisi Matematica I Primo Appello ( ) - Fila 1 Analisi Matematica I Primo Appello (4-11-003) - Fila 1 1. Determinare la retta tangente alla funzione f() = (1 + ) 1+ in = 0. R. f(0) = 1, mentre la derivata è f () = ( e (1+) log(1+)) ( ) = e (1+) log(1+)

Dettagli

Esercizi svolti. a 2 x + 3 se x 0; determinare a in modo che f risulti continua nel suo dominio.

Esercizi svolti. a 2 x + 3 se x 0; determinare a in modo che f risulti continua nel suo dominio. Esercizi svolti 1. Sia sin(x ) f(x) = x ( 1 + x 1 ) se x > 0 a x + 3 se x 0; determinare a in modo che f risulti continua nel suo dominio.. Scrivere l equazione della retta tangente nel punto di ascissa

Dettagli

Integrazione di Funzioni Razionali. R(x) = P 0 (x) + P 1(x) Q(x)

Integrazione di Funzioni Razionali. R(x) = P 0 (x) + P 1(x) Q(x) Integrazione di Funzioni Razionali Un polinomio di grado n N è una funzione della forma P () = a 0 + a +... + a n n dove a 0, a,..., a n sono costanti reali e a n 0. Una funzione della forma R() = P ()

Dettagli

Soluzioni. 152 Roberto Tauraso - Analisi Risolvere il problema di Cauchy. { y (x) + 2y(x) = 3e 2x y(0) = 1

Soluzioni. 152 Roberto Tauraso - Analisi Risolvere il problema di Cauchy. { y (x) + 2y(x) = 3e 2x y(0) = 1 5 Roberto Tauraso - Analisi Soluzioni. Risolvere il problema di Cauchy y (x) + y(x) = 3e x y() = R. Troviamo la soluzione generale in I = R. Una primitiva di a(x) = è A(x) = a(x) dx = dx = x e il fattore

Dettagli

Esercizi sulle Funzioni

Esercizi sulle Funzioni AM0 - A.A. 03/4 ALFONSO SORRENTINO Esercizi sulle Funzioni Esercizio svolto. Trovare i domini di definizione delle seguenti funzioni: a) f) sin + cos ; b) g) log ) ; c) h) sin + e sin. Soluzione. a) La

Dettagli

Integrale indefinito

Integrale indefinito Integrale indefinito 1 Primitive di funzioni Definizione 1.1 Se f: [a, b] R è una funzione, una sua primitiva è una funzione derivabile g: [a, b] R tale che g () = f(). Ovviamente la primitiva di una funzione,

Dettagli

Precorso CLEF-CLEI, esercizi di preparazione al test finale con soluzioni

Precorso CLEF-CLEI, esercizi di preparazione al test finale con soluzioni Precorso CLEF-CLEI, esercizi di preparazione al test finale con soluzioni ARITMETICA 1. Scomporre in fattori primi 2500 e 5600. Soluzione: Osserviamo che entrambi i numeri sono multipli di 100 = 2 2 5

Dettagli

Integrali indefiniti fondamentali. Integrali indefiniti riconducibili a quelli immediati. a dx ax c. log. e dx e c. cos xdx senx c.

Integrali indefiniti fondamentali. Integrali indefiniti riconducibili a quelli immediati. a dx ax c. log. e dx e c. cos xdx senx c. Integrali indefiniti fondamentali Integrali indefiniti riconducibili a quelli immediati d f ( c d f ( c a d a c n n d c con n - n a a d log k e d e k k e c a c e d e c d log c send cos c cos d sen c senhd

Dettagli

LIMITI - ESERCIZI SVOLTI

LIMITI - ESERCIZI SVOLTI LIMITI - ESERCIZI SVOLTI ) Verificare mediante la definizione di ite che a) 3 5) = b) = + ) c) 3n n + n+ = + d) 3+ = 3. ) Calcolare utilizzando i teoremi sull algebra dei iti a) 3 + ) b) + c) 0 + d) ±

Dettagli

La domanda che ci si deve porre innanzitutto per iniziare a risolvere questa disequazione è la seguente:

La domanda che ci si deve porre innanzitutto per iniziare a risolvere questa disequazione è la seguente: Disequazioni: caso generale Consideriamo ora la risoluzione di disequazioni che presentino al suo interno valori assoluti e radici. Cercheremo di stabilire con degli esempio delle linee guida per la risoluzione

Dettagli

A Analisi Matematica 1 (Corso di Laurea in Informatica e Bioinformatica) Simulazione compito d esame

A Analisi Matematica 1 (Corso di Laurea in Informatica e Bioinformatica) Simulazione compito d esame COGNOME NOME Matr. A Analisi Matematica (Corso di Laurea in Informatica e Bioinformatica) Firma dello studente Tempo: 3 ore. Prima parte: test a risposta multipla. Una ed una sola delle 4 affermazioni

Dettagli

ESERCIZI SUL CALCOLO DI INTEGRALI INDEFINITI E DEFINITI

ESERCIZI SUL CALCOLO DI INTEGRALI INDEFINITI E DEFINITI ESERCIZI SUL CALCOLO DI INTEGRALI INDEFINITI E DEFINITI a cura di Michele Scaglia RICHIAMI TEORICI INTEGRALE DEFINITO Nelle lezioni di teoria è stato ampiamente trattato l argomento riguardante l integrazione

Dettagli

( ) ( ) 2 + 3( a + b) = ( ) + b( x 1) = ( ) ( ) b( x + y) = ( ) x 2 ( a + b) y 2 + ( a + b) = ( ) + ( a b) = ( ) a( 4x + 7) = ( ) + 3a( 2 5y) =

( ) ( ) 2 + 3( a + b) = ( ) + b( x 1) = ( ) ( ) b( x + y) = ( ) x 2 ( a + b) y 2 + ( a + b) = ( ) + ( a b) = ( ) a( 4x + 7) = ( ) + 3a( 2 5y) = 1 Scomposizione in fattori di un polinomio Scomporre in fattori un polinomio significa trasformare il polinomio, che è una somma algebrica di monomi, nel prodotto di fattori con il grado più basso possibile.

Dettagli

ESERCITAZIONI PER ESAMI DI ANALISI MATEMATICA

ESERCITAZIONI PER ESAMI DI ANALISI MATEMATICA ESERCITAZIONI PER ESAMI DI ANALISI MATEMATICA SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA Eercise. Studia le caratteristiche della seguente funzione e tracciane il grafico 4 + y = Soluzione la funzione va studiata

Dettagli

Esercizi su: insiemi, intervalli, intorni. 4. Per ognuna delle successive coppie A e B di sottoinsiemi di Z determinare A B, A B, a) A C d) C (A B)

Esercizi su: insiemi, intervalli, intorni. 4. Per ognuna delle successive coppie A e B di sottoinsiemi di Z determinare A B, A B, a) A C d) C (A B) Esercizi su: insiemi, intervalli, intorni. Per ognuna delle successive coppie A e B di sottoinsiemi di N determinare A B, A B, A c e B c. a) A = { N + = 0}, B = { N = 6}, b) A = { N < 5}, B = { N < },

Dettagli

Soluzione esercizi sulle funzioni - 5 a E Liceo Scientifico - 04/11/ 13

Soluzione esercizi sulle funzioni - 5 a E Liceo Scientifico - 04/11/ 13 Soluzione esercizi sulle funzioni - 5 a E Liceo Scientifico - 04// 3 Esercizio. Si consideri la funzione ) se 0 f) e se 0. e si verifichi che non è continua in 0. Che tipo di discontinuità presenta in

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica/Informatica Multimediale Esercizi Analisi Matematica 2

Corso di Laurea in Informatica/Informatica Multimediale Esercizi Analisi Matematica 2 a.a 2005/06 Corso di Laurea in Informatica/Informatica Multimediale Esercizi Analisi Matematica 2 Funzioni di due variabili a cura di Roberto Pagliarini Vediamo prima di tutto degli esercizi sugli insiemi

Dettagli

Le Derivate. Appunti delle lezioni di matematica di A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri

Le Derivate. Appunti delle lezioni di matematica di A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri Le Derivate Appunti delle lezioni di matematica di A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato durante

Dettagli

Argomento 6 Derivate

Argomento 6 Derivate Argomento 6 Derivate Derivata in un punto Definizione 6. Data una funzione f definita su un intervallo I e 0 incrementale di f in 0 di incremento h = 0 = il rapporto I, si chiama rapporto per = 0 + h =

Dettagli

Universita degli Studi di Ancona - Facolta di Ingegneria Laurea in Ing. Elettronica (VO) Ing. Informatica e Automatica - Ing. delle Telecomunicazioni

Universita degli Studi di Ancona - Facolta di Ingegneria Laurea in Ing. Elettronica (VO) Ing. Informatica e Automatica - Ing. delle Telecomunicazioni Universita degli Studi di Ancona - Facolta di Ingegneria Laurea in Ing. Elettronica (VO) Ing. Informatica e Automatica - Ing. delle Telecomunicazioni ANALISI NUMERICA - Primo Parziale - TEMA A (Prof. A.M.Perdon)

Dettagli

a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre gli zeri di f e studiarne il segno.

a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre gli zeri di f e studiarne il segno. 1 ESERCIZI CON SOLUZIONE DETTAGLIATA Esercizio 1. Si consideri la funzione f(x) = e x 3e x +. a) Determinare il dominio, i limiti agli estremi del dominio e gli eventuali asintoti di f. Determinare inoltre

Dettagli

Definizione algebrica di integrale: l'integrale indefinito

Definizione algebrica di integrale: l'integrale indefinito Definizione algebrica di integrale: l'integrale indefinito L'integrale indefinito E' possibile definire semplicemente l'integrale dal punto di vista algebrico come operazione inversa della operazione di

Dettagli

SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO

SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO 2012-13 SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO INDIRIZZO: SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO Risoluzione Problema 1 a) Poiché per ogni valore di a l espressione analitica

Dettagli

Equazioni e disequazioni polinomiali

Equazioni e disequazioni polinomiali Equazioni e disequazioni polinomiali Esercizio. Risolvere la seguente equazione: 3 5 + =. Svolgimento. Poiché il discriminante è positivo esistono due soluzioni distinte. Applicando la formula per le equazioni

Dettagli

Precorso di Matematica

Precorso di Matematica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTA DI ARCHITETTURA Precorso di Matematica Anna Scaramuzza Anno Accademico 2005-2006 4-10 Ottobre 2005 INDICE 1. ALGEBRA................................. 3 1.1 Equazioni

Dettagli

0.1 Numeri complessi C

0.1 Numeri complessi C 0.1. NUMERI COMPLESSI C 1 0.1 Numeri complessi C Abbiamo visto sopra come l introduzione dei numeri irrazionali può essere motivata dalla necessità di trovare soluzione all equazione x = 0 che non ha soluzioni

Dettagli

z = i 4 2i 3. a)z = (1 + i) 6 e b)w = i 17. 4) Scrivere in forma trigonometrica i seguenti numeri complessi: a)8 b)6i c)( cos( π 3 ) i sin(π 3 ))7.

z = i 4 2i 3. a)z = (1 + i) 6 e b)w = i 17. 4) Scrivere in forma trigonometrica i seguenti numeri complessi: a)8 b)6i c)( cos( π 3 ) i sin(π 3 ))7. NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti. 1 Calcolare la parte reale e la parte immaginaria di z = i i. Determinare il valore assoluto e il coniugato di az = 1 + i 6 e bw = i 17. Scrivere in forma cartesiana i

Dettagli

Soluzioni dello scritto di Analisi Matematica II - 10/07/09. C.L. in Matematica e Matematica per le Applicazioni

Soluzioni dello scritto di Analisi Matematica II - 10/07/09. C.L. in Matematica e Matematica per le Applicazioni Soluzioni dello scritto di Analisi Matematica II - /7/9 C.L. in Matematica e Matematica per le Applicazioni Proff. K. Payne, C. Tarsi, M. Calanchi Esercizio. a La funzione f è limitata e essendo lim fx

Dettagli

x log(x) + 3. f(x) =

x log(x) + 3. f(x) = Università di Bari, Corso di Laurea in Economia e Commercio Esame di Matematica per l Economia L/Z Dr. G. Taglialatela 03 giugno 05 Traccia dispari Esercizio. Calcolare Esercizio. Calcolare e cos log d

Dettagli

Integrali indefiniti, definiti e impropri - teoria

Integrali indefiniti, definiti e impropri - teoria Integrali indefiniti, definiti e impropri - teoria Primitiva Data una funzione si dice primitiva di tale f. la f. che ha per derivata, ovvero. Le primitive di una f. sono infinite e tutte uguali a meno

Dettagli

Integrali inde niti. F 2 (x) = x5 3x 2

Integrali inde niti. F 2 (x) = x5 3x 2 Integrali inde niti Abbiamo sinora studiato come ottenere la funzione derivata di una data funzione. Vogliamo ora chiederci, data una funzione f, come ottenerne una funzione, che derivata dia f. Esempio

Dettagli

FUNZIONI CONTINUE - ESERCIZI SVOLTI

FUNZIONI CONTINUE - ESERCIZI SVOLTI FUNZIONI CONTINUE - ESERCIZI SVOLTI 1) Verificare che x è continua in x 0 per ogni x 0 0 ) Verificare che 1 x 1 x 0 è continua in x 0 per ogni x 0 0 3) Disegnare il grafico e studiare i punti di discontinuità

Dettagli

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo

(x B x A, y B y A ) = (4, 2) ha modulo GEOMETRIA PIANA 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(0, 4), e B(4, ) trovarne la distanza e trovare poi i punti C allineati con A e con B che verificano: (1) AC = CB (punto medio del segmento AB); ()

Dettagli

SIMULAZIONE - 29 APRILE QUESITI

SIMULAZIONE - 29 APRILE QUESITI www.matefilia.it SIMULAZIONE - 29 APRILE 206 - QUESITI Q Determinare il volume del solido generato dalla rotazione attorno alla retta di equazione y= della regione di piano delimitata dalla curva di equazione

Dettagli

DERIVATE E LORO APPLICAZIONE

DERIVATE E LORO APPLICAZIONE DERIVATE E LORO APPLICAZIONE SIMONE ALGHISI 1. Applicazione del calcolo differenziale 1 Abbiamo visto a lezione che esiste un importante legame tra la continuità di una funzione y = f(x) in un punto x

Dettagli

Esercizi sulle Disequazioni

Esercizi sulle Disequazioni Esercizi sulle Disequazioni Esercizio Trovare le soluzioni delle seguenti disequazioni:.).).).) ).) ) ).).7) 8.8).) Esercizio Trovare le soluzioni delle seguenti disequazioni tratte dal secondo parziale

Dettagli

ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI I

ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI I ESERCIZI SULLE DISEQUAZIONI I Risolvere le seguenti disequazioni: 1 1) { x < x + 1 4x + 4 x ) { x + 1 > x 4x x 10 ) x 4 x 5 4x + > ; 4) ; 5) x 1 x + 1 x + 1 0 ) x > x 0 7) x > 4x + 1; 8) 4 5 x 1 < 1 x

Dettagli

Analisi Matematica II Corso di Ingegneria Gestionale Compito del f(x, y) = e (x3 +x) y

Analisi Matematica II Corso di Ingegneria Gestionale Compito del f(x, y) = e (x3 +x) y Analisi Matematica II Corso di Ingegneria Gestionale Compito del 8--7 - È obbligatorio consegnare tutti i fogli, anche la brutta e il testo. - Le risposte senza giustificazione sono considerate nulle.

Dettagli

25 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE

25 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE 25 IL RAPPORTO INCREMENTALE - DERIVATE Definizione Sia f una funzione reale di variabile reale. Allora, dati x, y domf con x y, si definisce il rapporto incrementale di f tra x e y come P f (x, y = f(x

Dettagli

Liceo Scientifico Statale G. Stampacchia Tricase

Liceo Scientifico Statale G. Stampacchia Tricase Luigi Lecci\Compito 2D\Lunedì 10 Novembre 2003 1 Oggetto: compito in Classe 2D/PNI Liceo Scientifico Statale G. Stampacchia Tricase Tempo di lavoro 60 minuti Argomenti: Equazioni e disequazioni immediate

Dettagli

Esercitazioni di Geometria A: curve algebriche

Esercitazioni di Geometria A: curve algebriche Esercitazioni di Geometria A: curve algebriche 24-25 maggio 2016 Esercizio 1 Sia P 2 il piano proiettivo complesso munito delle coordinate proiettive (x 0 : x 1 : x 2 ). Sia r la retta proiettiva di equazione

Dettagli

1) D0MINIO. x x 4x + 3 Determinare il dominio della funzione f (x) = x Deve essere

1) D0MINIO. x x 4x + 3 Determinare il dominio della funzione f (x) = x Deve essere ) DMINIO + 3 Determinare il dominio della funzione f ) + 3 Deve essere Ovviamente, inoltre: se > + 3 ) 3) quindi < o 3 se < + 3, + 3 quindi 7 Determinare il dominio della funzione f ) + 5 Deve essere +

Dettagli

ESERCIZI SUI PUNTI DI NON DERIVABILITÀ TRATTI DA TEMI D ESAME

ESERCIZI SUI PUNTI DI NON DERIVABILITÀ TRATTI DA TEMI D ESAME ESERCIZI SUI PUNTI DI NON DERIVABILITÀ TRATTI DA TEMI D ESAME a cura di Michele Scaglia FUNZIONI DERIVABILI Sia f : domf R una funzione e sia 0 domf di accumulazione per domf Chiamiamo derivata prima di

Dettagli

risoluzione della prova

risoluzione della prova Verso la seconda prova di matematica 7 Risoluzione della prova verso la seconda prova di matematica 7 risoluzione della prova Problemi 7 a Determiniamo l equazione della parabola di vertice V`; j e passante

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura ANALISI MATEMATICA I. Prova scritta del 8 Gennaio 2014

Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura ANALISI MATEMATICA I. Prova scritta del 8 Gennaio 2014 Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura ANALISI MATEMATICA I Prova scritta del 8 Gennaio 214 Esporre il procedimento di risoluzione degli esercizi in maniera completa e leggibile. (1) (Punti 8)

Dettagli

Lezioni sullo studio di funzione.

Lezioni sullo studio di funzione. Lezioni sullo studio di funzione. Schema. 1. Calcolare il dominio della funzione D(f).. Comportamento della funzione agli estremi del dominio. Ad esempio se D(f) = [a, b] si dovrà calcolare f(a) e f(b),

Dettagli

Esercizi 2016/17 - Analisi I - Ing. Edile Architettura Esponenziali e logaritmi

Esercizi 2016/17 - Analisi I - Ing. Edile Architettura Esponenziali e logaritmi Esercizi 06/7 - Analisi I - Ing. Edile Architettura Esponenziali e logaritmi Esercizio. Risolvere la seguente equazione: Soluzione. ) x+ ) x 7 x = 0 7 L equazione è definita per ogni x 0, valore in cui

Dettagli

Derivazione. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara

Derivazione. Lorenzo Pareschi. Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara Derivazione Lorenzo Pareschi Dipartimento di Matematica & Facoltá di Architettura Universitá di Ferrara http://utenti.unife.it/lorenzo.pareschi/ lorenzo.pareschi@unife.it Lorenzo Pareschi (Univ. Ferrara)

Dettagli

MATEMATICA LA CIRCONFERENZA GSCATULLO

MATEMATICA LA CIRCONFERENZA GSCATULLO MATEMATICA LA CIRCONFERENZA GSCATULLO La Circonferenza La circonferenza e la sua equazione Introduzione e definizione La circonferenza è una conica, ovvero quella figura ottenuta tagliando un cono con

Dettagli

SISTEMI LINEARI. x y + 2t = 0 2x + y + z t = 0 x z t = 0 ; S 3 : ; S 5x 2y z = 1 4x 7y = 3

SISTEMI LINEARI. x y + 2t = 0 2x + y + z t = 0 x z t = 0 ; S 3 : ; S 5x 2y z = 1 4x 7y = 3 SISTEMI LINEARI. Esercizi Esercizio. Verificare se (,, ) è soluzione del sistema x y + z = x + y z = 3. Trovare poi tutte le soluzioni del sistema. Esercizio. Scrivere un sistema lineare di 3 equazioni

Dettagli

FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti

FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti FUNZIONI ELEMENTARI, DISEQUAZIONI, NUMERI REALI, PRINCIPIO DI INDUZIONE Esercizi risolti Discutendo graficamente la disequazione x > 3 + x, verificare che l insieme delle soluzioni è un intervallo e trovarne

Dettagli

NUMERI COMPLESSI ED EQUAZIONI ALGEBRICHE

NUMERI COMPLESSI ED EQUAZIONI ALGEBRICHE NUMERI COMPLESSI ED EQUAZIONI ALGEBRICHE. Esercizi Esercizio. Scrivere la forma algebrica, la forma trigonometrica e quella esponenziale dei seguenti numeri complessi: z = + i, z = (cos( π ) + i sin(π

Dettagli

Argomento 2 IIparte Funzioni elementari e disequazioni

Argomento 2 IIparte Funzioni elementari e disequazioni Argomento IIparte Funzioni elementari e disequazioni Applicazioni alla risoluzione di disequazioni Disequazioni di I grado Per la risoluzione delle disequazioni di primo grado per via algebrica, si veda

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2011/12 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

ARCHI ASSOCIATI EQUAZIONI E DISEQUAZIONI GONIOMETRICHE

ARCHI ASSOCIATI EQUAZIONI E DISEQUAZIONI GONIOMETRICHE ARCHI ASSOCIATI Si tratta di angoli in cui le funzioni goniometriche mantengono lo stesso valore assoluto, cambiando al più il segno. Per questo motivo, le tavole goniometriche riportano soltanto i valori

Dettagli

Università degli Studi di Ancona Corso di Laurea in SS.FF.NN. Corso di MATEMATICA (A.A. 2002/2003) Docente: Prof. Piero MONTECCHIARI

Università degli Studi di Ancona Corso di Laurea in SS.FF.NN. Corso di MATEMATICA (A.A. 2002/2003) Docente: Prof. Piero MONTECCHIARI Università degli Studi di Ancona Corso di Laurea in SS.FF.NN. Corso di MATEMATICA (A.A. /3) Docente: Prof. Piero MONTECCHIARI STUDIO DI FUNZIONI Scritti dal tutore Dario GENOVESE 1 Dominio La prima cosa

Dettagli

tele limite è unico. Ciò significa che se non può accadere che una funzione abbia limiti diversi per x. Se per assurdo si avesse che lim f ( x)

tele limite è unico. Ciò significa che se non può accadere che una funzione abbia limiti diversi per x. Se per assurdo si avesse che lim f ( x) Calcolo dei iti (C. DIMAURO) Per il calcolo dei iti ci serviamo di alcuni teoremi. Tali teoremi visti nel caso in cui, valgono anche quando Teorema dell unicità del ite: se una funzione ammette ite per

Dettagli

1) D0MINIO. Determinare il dominio della funzione f (x) = ln ( x 3 4x 2 3x). Deve essere x 3 4x 2 3x > 0. Ovviamente x 0.

1) D0MINIO. Determinare il dominio della funzione f (x) = ln ( x 3 4x 2 3x). Deve essere x 3 4x 2 3x > 0. Ovviamente x 0. D0MINIO Determinare il dominio della funzione f ln 4 + Deve essere 4 + > 0 Ovviamente 0 Se > 0, 4 + 4 + quindi 0 < < > Se < 0, 4 + 4 4 e, ricordando che < 0, deve essere 4 < 0 dunque 7 < < 0 Il campo di

Dettagli

Equazioni di 2 grado

Equazioni di 2 grado Equazioni di grado Antonino Leonardis Introduzione Solitamente per trovare la formula risolutiva delle equazioni di secondo grado si utilizza il completamento del quadrato Adesso vedremo un modo leggermente

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi risolti. Determinare [cos x] x kπ/ al variare di k in Z. Ove tale ite non esista, discutere l esistenza dei iti laterali. Identificare i punti di discontinuità della

Dettagli

1. Scrivere il termine generale a n delle seguenti successioni e calcolare lim n a n:

1. Scrivere il termine generale a n delle seguenti successioni e calcolare lim n a n: Serie numeriche.6 Esercizi. Scrivere il termine generale a n delle seguenti successioni e calcolare a n: a),, 4, 4 5,... b), 9, 4 7, 5 8,... c) 0,,,, 4,.... Studiare il comportamento delle seguenti successioni

Dettagli

(File scaricato da lim. x 1. x + ***

(File scaricato da  lim. x 1. x + *** Esercizio 35 File scaricato da http://www.etrabyte.info) Calcolare: 3 ) 3 + Risulta: 3 ) 3 = + La forma indeterminata può essere rimossa determinando un fattore razionalizzante. In generale, se il fattore

Dettagli

Tipologia delle funzioni studiate: 1. y= ax n + bx n y= e x 3. y= (ax + b)/ (cx + d) 4. y= (ax 2 + b) (cx + d)

Tipologia delle funzioni studiate: 1. y= ax n + bx n y= e x 3. y= (ax + b)/ (cx + d) 4. y= (ax 2 + b) (cx + d) - ricerca dei punti di flesso - ricerca dell asintoto orizzontale - ricerca dell asintoto verticale - ricerca dell asintoto obliquo - ricerca dei punti di intersezione con gli assi Tipologia delle funzioni

Dettagli

CORSO ZERO DI MATEMATICA

CORSO ZERO DI MATEMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO ZERO DI MATEMATICA RADICALI Dr. Erasmo Modica erasmo@galois.it LE RADICI Abbiamo visto che l insieme dei numeri reali è costituito da tutti

Dettagli

Equazioni differenziali lineari del secondo ordine a coefficienti costanti

Equazioni differenziali lineari del secondo ordine a coefficienti costanti Equazioni differenziali lineari del secondo ordine a coefficienti costanti 0.1 Introduzione Una equazione differenziale del secondo ordine è una relazione del tipo F (t, y(t), y (t), y (t)) = 0 (1) Definizione

Dettagli

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO DI ORDINAMENTO 2014

SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO DI ORDINAMENTO 2014 SOLUZIONE DEL PROBLEMA 1 CORSO DI ORDINAMENTO 214 1. Per determinare f() e f(k), applichiamo il teorema fondamentale del calcolo integrale, che si può applicare essendo f continua per ipotesi: g() = f(t)dt

Dettagli

2 2 2 A = Il Det(A) = 2 quindi la conica è non degenere, di rango 3.

2 2 2 A = Il Det(A) = 2 quindi la conica è non degenere, di rango 3. Studio delle coniche Ellisse Studiare la conica di equazione 2x 2 + 4xy + y 2 4x 2y + 2 = 0. Per prima cosa dobbiamo classificarla. La matrice associata alla conica è: 2 2 2 A = 2 2 2 Il DetA = 2 quindi

Dettagli

Esercizi di prove scritte di Analisi Matematica I con schema di soluzione Paola Loreti. April 5, 2006

Esercizi di prove scritte di Analisi Matematica I con schema di soluzione Paola Loreti. April 5, 2006 Esercizi di prove scritte di Analisi Matematica I con schema di soluzione Paola Loreti April 5, 6 ESERCIZI. Studiare la convergenza della serie numerica al variare di γ IR.. Calcolare l integrale π n=

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI II Ingegneria Civile e dei Trasporti (M-Z) a.a. 2006/2007

ESERCIZI DI ANALISI II Ingegneria Civile e dei Trasporti (M-Z) a.a. 2006/2007 ESERCIZI I ANALISI II Ingegneria Civile e dei Trasporti (M-Z) a.a. 006/007 1 FUNZIONI IN UE VARIABILI (I parte) Insiemi di definizione eterminare gli insiemi di definizione delle seguenti funzioni in due

Dettagli

7. Equazioni differenziali

7. Equazioni differenziali 18 Sezione 7. Equazioni differenziali 7. Equazioni differenziali [versione: 25/5/2012] Richiamo delle nozioni fondamentali In un equazione differenziale l incognita da determinare è una funzione (e non

Dettagli

ANNO SCOLASTICO SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO INDIRIZZO: SCIENTIFICO CORSI SPERIMENTALI

ANNO SCOLASTICO SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO INDIRIZZO: SCIENTIFICO CORSI SPERIMENTALI ANNO SCOLASTICO 009-0 SIMULAZIONE DELLA PROVA DI MATEMATICA DELL ESAME DI STATO INDIRIZZO: SCIENTIFICO CORSI SPERIMENTALI PROBLEMA Si consideri la funzione: ln( + e) se e < < 0 f ( ) = ( + b) e + a se

Dettagli

Sezione Prima Derivate di funzioni elementari: quadro riassuntivo e regole di derivazione. = ( n) lim x

Sezione Prima Derivate di funzioni elementari: quadro riassuntivo e regole di derivazione. = ( n) lim x Capitolo USO DELLE DERIVATE IN ECONOMIA Sezione Prima Derivate di funzioni elementari: quadro riassuntivo e regole di derivazione Si definisce derivata della funzione y f() nel punto 0 del suo insieme

Dettagli

Equazioni di primo grado

Equazioni di primo grado Equazioni di primo grado 15 15.1 Identità ed equazioni Analizziamo le seguenti proposizioni: a ) cinque è uguale alla differenza tra sette e due ; b ) la somma di quattro e due è uguale a otto ; c ) il

Dettagli

Corsi di Laurea in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni.

Corsi di Laurea in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni. Corsi di Laurea in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni. Università di Pisa. Prima prova scritta di Analisi Matematica I. Soluzioni. Esercizio. Si consideri la successione c n ) n N definita dalla

Dettagli

Esercitazioni di Analisi Matematica 1

Esercitazioni di Analisi Matematica 1 Esercitazioni di Analisi Matematica Corso di laurea in Ingegneria Clinica. A.A. 2008-2009 Soluzioni Foglio 2 Buona lettura. Un caffè a chi trova degli errori nelle mie correzioni o chi apporta delle migliorie

Dettagli