Sistemi distribuiti peer-to-peer

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi distribuiti peer-to-peer"

Transcript

1 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer Ing. Domenico Cotroneo Sommario Introduzione e classificazione Storia ed esempi Distributed Hash Table (DHT) - Chord Problemi aperti Applicazioni - WinMx, Kazaa, Overnet, Freenet Riferimenti: G. Coulouris et al.: Distributed Systems: Concepts and Design (Cap. X), IV ed., Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 2 Sistemi distribuiti peer-to-peer (P2P) Un sistema peer-to-peer (P2P) è un sistema distribuito nel quale ogni nodo ha identiche capacità e responsabilità e tutte le comunicazioni sono potenzialmente simmetriche; Peer to peer (obiettivi): condividere risorse e servizi (dove per risorse e servizi intendiamo: scambio di informazioni, cicli di CPU, spazio sul disco ); I sistemi P2P sono caratterizzati da: controllo decentralizzato; adattabilità; si organizzano e si gestiscono da soli; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 3 1

2 P2P: Requisiti Requisiti Funzionali File sharing system; File storage system; Distributed file system; Redundant storage; Chat service; Distributed computation; Requisiti non funzionali Availability; Reliability; Performance; Scalability; Anonymity; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 4 P2P: Classificazione (1/3) Un applicazione P2P è caratterizzata da tre fasi : Boot: permette a un peer di trovare la rete e di connettersi ad essa; (nessuno o quasi fa boot P2P) Lookup: permette ad un peer di trovare il gestore/responsabile di una determinata informazione; (pochi sono P2P, alcuni usano SuperPeer) Scambio di file o resource sharing;(tutti P2P) Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 5 P2P: Classificazione (2/3) Parleremo di applicazioni: P2P pure se: le fasi di boot, lookup e scambio di file sono P2P; P2P se: le fasi di lookup e scambio di file sono P2P; la fase di boot utilizza qualche SERVER; P2P Ibride se: la fase di scambio dei file è P2P; la fase di boot utilizza qualche SERVER; nella fase di lookup vengono usati Peer particolari: Hub (Direct Connect) Supernodo (KaZaA) MainPeer (EDonkey) SuperPeer, Ultra Peer(Gnutella2) NodoRandezVous (JXTA) Server (WinMX) Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 6 2

3 P2P: Classificazione (3/3) In base all operazione di lookup: Lookup Centralizzato Indice centralizzato; Lookup Decentralizzato Indice completamente distribuito; Lookup Ibrido Più sistemi centralizzati collegati in un sistema decentralizzato; In tutti e tre questi sistemi il trasferimento e la memorizzazione dei file è P2P; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 7 Un po di storia (1/3) Proposti già da oltre 30 anni; Sviluppati nell ultimo decennio; L interesse verso questo tipo di protocolli è aumentato con la nascita dei primi sistemi per file-sharing (Napster (1999), Gnutella(2000)); Nel 2000, 50 milioni di utenti hanno scaricato il client di Napster; Napster ha avuto un picco di traffico di circa 7 TB in un giorno; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 8 Un po di storia (1/3) Proposti già da oltre 30 anni; Sviluppati nell ultimo decennio; L interesse verso questo tipo di protocolli è aumentato con la nascita dei primi sistemi per file-sharing (Napster (1999), Gnutella(2000)); Nel 2000, 50 milioni di utenti hanno scaricato il client di Napster; Napster ha avuto un picco di traffico di circa 7 TB in un giorno; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 9 3

4 Un po di storia (2/3) L eredità di Napster è stata raccolta da Gnutella; Il 14 / 03 / 2000 Justin Frankel e Tom Pepper realizzano la prima release di Gnutella (!!! Solo 14 ore!!! ); La dimensione della rete cresce in 7 mesi da 2K a 48K nodi; Tuttavia è stato stimato che il 95% delle query aveva un diametro di 7-8 hop; Le applicazioni più conosciute che si basano sul protocollo Gnutella sono: BearShare; LimeWire; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 10 Un po di storia (3/3) La lista degli host presenti nella rete è disponibile sul Server gnutellahost.com; Il Server gnutellahost.com viene usato dai nodi per il boot. Ciò significa Single point of failure; Gnutella non è P2P Puro!!!; Le richieste di Ricerca di un file vengono propagate con tecniche di flooding (non è scalabile): controllo dei cicli; TTL per evitare di congestionare la rete; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 11 GET X.mp3 A X C X B D A s query (e.g., X) C s query hit E s query hit E X Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 12 4

5 Gnutella: Flooding Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 13 Scalabilità (1/2) Le prestazioni (es. tempo di ricerca di un file) peggiorano linearmente all aumentare del numero dei nodi. In altri termini, la quantità di lavoro richiesta a un determinato nodo deve crescere linearmente in funzione del numero di nodi nel sistema; I protocolli usati da Napster e Gnutella non sono scalabili; Per migliorare la scalabilità sono nati i cosiddetti protocolli P2P di seconda generazione che supportano DHT (Distributed Hash Table); Alcuni esempi di questi protocolli sono: Tapestry, Chord, Can, Viceroy, Koorde, kademlia,kelips ; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 14 Scalabilità (2/2) La scalabilità di un protocollo è direttamente legata all efficienza dell algoritmo usato per il routing (lookup); In questo senso, sostanzialmente gli obiettivi sono due: Minimizzare il numero di messaggi necessari per fare lookup; Minimizzare, per ogni nodo, le informazioni relative agli altri nodi; I vari DHT conosciuti differiscono proprio nel routing; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 15 5

6 Messaggi necessari per trovare una chiave Anello n -1 O(log n) 1 DHT Grafo Totalmente connesso 1 O(log n) n -1 n è il numero dei peer; Dimensione tabella di routing Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 16 P2P di seconda generazione e DHT A ogni file e ad ogni nodo è associata una chiave; La chiave viene di solito creata facendo l hash del nome del file o dell IP del nodo; Ogni nodo del sistema è responsabile di un insieme di file/chiavi e tutti realizzano una DHT; La principale operazione che un sistema DHT deve fornire è lookup(key), la quale restituisce l identità del responsabile di una determinata chiave. IP Address Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 17 P2P di seconda generazione e DHT Tutti i nodi del sistema condividono una tabella hash; Conoscono la struttura della tabella Ma non conoscono il responsabile di una data entry! Nodo x Nodo y Nodo z ID m Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 18 6

7 DHT: Chord (1/4) Le chiavi sono mappate su un array circolare costituito da 2 m identificatori; I nodi sono identificati con le stesse chiavi. Il nodo responsabile di una determinata chiave K è quello con il primo identificativo W tale che W succede K in senso orario; Ogni nodo x di Chord mantiene due insiemi di vicini: gli m successori del nodo x più il predecessore. Questo insieme viene usato per dimostrare la correttezza del Routing; Fingers: Un insieme m nodi costituito dai responsabili delle chiavi distanziate esponenzialmente dal nodo x, vale a dire l insieme delle chiavi che si trovano a distanza 2 i da x dove 0 i m-1. Questo insieme viene usato per dimostrare l efficienza del Routing; m=6 Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 19 DHT: Chord (2/4) Successors indice Nodo Predecessor Nodo 1 m=6 Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 20 DHT: Chord (2/4) Fingers ID Resp. 8+1= = = = = =40 42 m=6 Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 21 7

8 DHT: Chord (3/4) Le informazioni che il nodo deve mantenere sugli altri nodi sono m + m + 1 = 2m +1 (O(log N)); Il numero di messaggi necessari per fare lookup è m (O(log N)); L algoritmo di routing effettua a ogni step il passo più grande che riesce a fare; Il costo che si paga quando un nodo lascia o si connette alla rete è di O(log 2 N) messaggi; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 22 DHT: Chord (4/4) Algoritmo di lookup: Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 23 Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 24 8

9 DHT: Capacità di tollerare i fallimenti Cosa succede se un nodo cade? I dati presenti nel nodo possono essere recuperati solo se ci sono duplicati. Il routing continua a funzionare? Con quale efficienza? (Graceful degradation??) Quanto costa una procedura di recovery (ripristinare tutti i link)? Chi ha la responsabilità di rilevare fallimenti (failure detection)? Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 25 DHT: Routing Hot Spots Se una chiave è richiesta più spesso, il responsabile della chiave e anche i suoi vicini potrebbero sovraccaricarsi; Per ovviare al problema si possono usare meccanismi di caching e di duplicazione; Diverso è il problema relativo ai nodi che si sovraccaricano per il traffico generato dalle lookup; Questo tipo di traffico è abbastanza difficile da individuare e da gestire; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 26 DHT: Incorporating Geography (1/2) Tradizionalmente le prestazioni del routing si ottengono contando il numero di hop necessari a individuare il responsabile di una chiave; Sarebbe utile, inoltre, minimizzare la latenza del singolo hop; Alcune tecniche: Geographic Layout: Usare un algoritmo per attribuire le chiavi ai nodi in modo che nodi fisicamente vicini abbiano identificatori simili. (Controindicazioni: Bilanciamento del carico, Routing Hot Spots e Sicurezza); PNS(Proximity neighbor selection) La scelta dei vicini non dipende solo dalla distanza fra i nodi sulla rete di overlay ma è influenzata anche dalle distanze reali. PRS(Proximity routing selection) Durante la ricerca l algoritmo di routing non sceglie il successivo step basandosi solo sulla distanza fra i nodi nella rete di overlay; considera anche la distanza effettiva fra i nodi (in termini di RTT); Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 27 9

10 DHT: Incorporating Geography (2/2) Osservazioni: PRS e PNS sono i sistemi più usati,(sembra che PNS offre prestazioni migliori di PRS); PRS e PNS partono dal presupposto che è possibile conoscere il RTT con ogni altro nodo (non è fattibile, ma è possibile ottenere delle stime a un costo relativamente basso); Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 28 Incorporating geography: Chord Chord e PRS: L algoritmo di routing non va semplicemente al nodo più vicino sulla rete di overlay, ma ad esempio potrebbe considerare i due nodi più vicini e scegliere quello con RTT minore; Le path-lenght si allungano ma rimangono O(log n); Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 29 Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 30 10

11 Incorporating geography: Chord Chord e PNS: La finger table viene riempita considerando anche il RTT: l i-esimo finger del nodo α non è semplicemente il responsabile della chiave α+2 i ma è il nodo più vicino(rtt) fra i nodi responsabili delle chiavi nell intervallo [α+2 i-1, α+2 i ]. Anche in questo caso le path-lenght si allungano ma rimangono O(log n) (dimostrazione analoga alla precedente). Anche usando simultaneamente PRS e PNS la lunghezza asintotica delle path non varia; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 31 Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 32 DHT: Extreme Heterogeneity I nodi connessi a questo tipo di reti sono eterogenei (Es. capacità di calcolo e banda); E possibile progettare algoritmi di routing che considerino anche questa eterogeneità; La tecnica più diffusa per risolvere questo problema consiste nel considerare dei nodi virtuali tutti con le stesse capacità e assegnare a ogni nodo reale un numero di nodi virtuali proporzionale alle proprie capacità; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 33 11

12 DHT: Sicurezza E possibile realizzare un protocollo P2P che resiste ad attacchi di tipo denial of service; E necessario replicare i dati; E importante usare funzioni hash One Way (per i dati e per i nodi); E importante osservare che tutte le dimostrazioni relative alla sicurezza dei vari algoritmi incontrati finora si basano sul fatto che le chiavi vengono associate ai files in modo casuale (quasi tutti gli algoritmi usano SHA); Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 34 P2P(quasi): Direct Connect (DC++) Usa una serie di hub (server) che mantiene le informazioni relative a un gruppo di utenti; Una volta connessi ad un hub si condivide file solo con i nodi connessi a tale hub; E possibile connettersi a più hub contemporaneamente; Gli hub sono connessi tra loro ma non si scambiano informazioni relative alla ricerca di una determinata chiave (Sono tanti piccoli Napster); La lista degli hub attivi viene mantenuta da tutti gli hub e aggiornata periodicamente dagli altri hub mediante messaggi del tipo I am here ; P2P ibrido Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 35 P2P(quasi): WinMx E basato su una rete di Server (circa 50) chiamata OpenNap nata subito dopo che è stato chiuso il Server di Napster; Viene usata anche da NapMx; In WinMx viene fatta una distinzione fra nodi di connessione primaria: direttamente connessi ai server; sono usati anche per il Routing; e nodi di connessione secondaria: connessi solo ai nodi di connessione primaria; non si occupano di Routing; P2P ibrido Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 36 12

13 P2P(quasi): KaZaA Viene usata una rete proprietaria; In KaZaA viene fatta una distinzione fra nodo e Supernodo(server): Ogni nodo semplice collabora con il proprio Supernodo; I Supernodi collaborano tra loro e con i propri sottonodi; Come sono connessi i Supernodi? P2P ibrido Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 37 Gnutella2 L obiettivo della lookup in Gnutella è trovare tutti i peer che dispongono di un determinato oggetto (non ci sono limitazioni sul tempo); L obiettivo della lookup in Gnutella2 è trovare, nel minor tempo possibile, almeno un peer (se c è) che dispone di un determinato oggetto; una volta trovata un istanza dell oggetto desiderato è possibile scegliere se fermarsi o continuare la ricerca; L abilità di trovare almeno un istanza di un oggetto è molto importante, altrimenti non sono possibili altre azioni; Bisogna trovare un modo per tenere sotto controllo la ricerca; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 38 Gnutella2: Ricerca (1/4) Esistono tre approcci per controllare la ricerca; Random walker approach;(il nodo che origina la query ne controlla l esecuzione e in ogni istante può decidere se continuare o abortire la ricerca). Gnutella2 Random or crawling mesh approach;(il nodo che origina la query iterativamente contatta alcuni nodi della rete, finché non si verifica una determinata condizione). Future Guided mesh approach;(dht) Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 39 13

14 Gnutella2: Ricerca (2/4) Su una rete pubblica di grandi dimensioni non è possibile effettuare direttamente la ricerca di un oggetto: ci sono troppi nodi da contattare; il costo per mettersi in contatto con un nodo è troppo alto paragonato alla probabilità di successo su quel nodo; la maggior parte dei nodi non dispongono di risorse sufficienti per far fronte a un numero notevole query; non tutti i nodi si possono contattare direttamente (es. firewall); Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 40 Gnutella2: Ricerca (3/4) Nodo Soluzione? P2P Ibrido: Hub Gnutella2 organizza i nodi in un sistema gerarchico a due livelli dove i nodi ad alta capacità chiamati Hub rispondono alle query per le proprie foglie; La re-distribuzione della rete agli Hub è P2P; Hub vantaggi: Viene ridotto il numero totale dei nodi da contattare; Un Hub contiene informazioni relative a tanti oggetti, quindi è maggiore la probabilità che una query trovi un istanza di un oggetto; E possibile avere informazioni su nodi down; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 41 Gnutella2: Ricerca (4/4) Per evitare che questo sistema degeneri in un sistema centralizzato viene limitato il numero di leaves per ogni hub;(circa 150) La comunicazione fra leaves e hub è diretta; Problema Inter-Hub Communication; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 42 14

15 Gnutella2: Inter-Hub Communication (1/5) Hub Ogni hub conosce solo i propri vicini; Quando un hub riceve una query dal nodo di origine, oltre a elaborarla, la inoltra ai propri vicini che non la inoltrano ulteriormente; (in pratica TTL = 2) Ad esempio se la ricerca viene inviata ad un hub che ha 5 vicini in un solo passo (con una query) vengono analizzate le foglie relative a 6 hub; L insieme dei nodi raggiunti in un passo viene chiamato cluster; Nodo Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 43 Gnutella2: Inter-Hub Communication (2/5) Quando un nodo richiede la ricerca di un oggetto al proprio hub: Viene ricercato l elemento nel proprio cluster Viene ricercato l elemento nei cluster vicini(a distanza 1) più qualche cluster lontano scelto a caso; Viene ricercato l elemento nei cluster vicini dei vicini (a distanza 2) più qualche cluster lontano scelto a caso; Nodo Hub Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 44 Gnutella2: Inter-Hub Communication (3/5) Nodo Hub Non è possibile per ogni hub mantenere la lista di tutti gli hub; (Non è scalabile); La lista dei cluster a distanza i+1 è ottenuta in risposta alla ricerca effettuata sui cluster a distanza i; Le risposte contengono inoltre altre informazioni utili per le statistiche (es. numero di nodi presenti nel cluster); Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 45 15

16 Gnutella2: Inter-Hub Communication (4/5) Hub Ogni hub mantiene la lista degli hub vicini (direttamente connessi) più una cache di hub lontani aggiornata di tanto in tanto; Viene mantenuta una done list; Le ricerche all interno del cluster sono fatte usando TCP; Le ricerche fra cluster sono fatte usando UDP; Nodo TCP SEARCH UDP SEARCH Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 46 Gnutella2: Inter-Hub Communication (Esempio) try list cluster Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 47 Gnutella2: Inter-Hub Communication (5/5) Ogni hub deve mantenere quindi: la lista dei propri vicini; una lista di hub lontani (da aggiornare di tanto in tanto); una done list (i nodi a cui abbiamo inviato una query più i loro vicini); una try list; (i vicini dei vicini dei nodi a cui abbiamo inviato una query); per ogni query Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 48 16

17 Gnutella2: Boot Come fa un nuovo nodo a connettersi alla rete? E necessario conoscere almeno un host attivo; Chi mantiene la lista degli host attivi? un Server; (Gnutella, Napster) tanti Server; (Gnutella2) nessun Server.( ) Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 49 Overnet Sistema P2P per il file sharing sviluppato dalla MetaMachine; Non ci sono server; (P2P puro) Usano DHT (Distribuited Hash Table) con ID a 128 bit; Purtroppo non è Open Source; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 50 Overnet:boot Ogni nodo mantiene una cache dei nodi connessi alla rete; Durante la fase di boot il nodo tenta di connettersi ai nodi presenti nella cache; Se questa fase non ha successo viene richiesto l indirizzo di un nodo on-line;(a regime non capita praticamente mai) In ogni caso è stato creato un canale IRC per mantenere queste informazioni; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 51 17

18 P2P(file-storage-service): FreeNet Ogni nodo mette a disposizione un po di spazio; Le operazioni possibili sono get e put di un file; Per aggiugere un nuovo file si invia un send message nella rete e un identificatore GUID (Global Unique Identifier) in base al quale il file viene memorizzato in un insieme di nodi (Data Partition); Per recuperare un file basta inviare un messaggio di richiesta contenente il GUID del file; Servizi aggiuntivi: Persistenza; Anonimia; P2P Puro Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 52 P2P: FreeNet (Routing) E tutt altro che efficiente; Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 53 Ulteriori riferimenti S. Ratnasamy, S. Shenker, and I. Stoica. Routing algorithms for DHTs: Some open questions. In In 1st International Peer To Peer Systems Workshop (IPTPS02). I. Stoica, R. Morris, D. Liben-Nowell, D. R. Karger, M. F. Kaashoek, F. Dabek, H. Balakrishnan, Chord: A Scalable Peer-to-peer Lookup Protocol for Internet Applications. In IEEE/ACM Trans. on Networking, Corso di Sistemi Distribuiti, prof. S. Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer 54 18

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Sistemidistribuiti peer-to-peer

Dettagli

Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P

Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi P2P Sistemi Peer To Peer (P2P) Peer-to-Peer (P2P) File Sharing? Sistema distribuito nel quale ogni nodo ha identiche capacità e responsabilità e tutte le comunicazioni sono potenzialmente simmetriche; Gennaro

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di. Sistemi Distribuiti. Prof. Stefano Russo. Sistemi distribuiti peer-to-peer

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di. Sistemi Distribuiti. Prof. Stefano Russo. Sistemi distribuiti peer-to-peer Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Sistemi distribuiti peer-to-peer

Dettagli

Contesto: Peer to Peer

Contesto: Peer to Peer Contesto: Peer to Peer Un architettura di rete P2P è caratterizzata da: Connessioni dirette tra i suoi componenti. Tutti i nodi sono entità paritarie (peer). Risorse di calcolo, contenuti, applicazioni

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Introduzione Livio Torrero (livio.torrero@polito.it) 09/2009 Approccio client-server (1/2) Client 1 Client 3 Server Client 2 Client 4 Paradigma molto comune Un client

Dettagli

Perché progettare sistemi P2P Breve storia del le-sharing Distributed Hash Table. P2P: Overlay. Matteo Dell'Amico. Master SIIT 1 luglio 2008

Perché progettare sistemi P2P Breve storia del le-sharing Distributed Hash Table. P2P: Overlay. Matteo Dell'Amico. Master SIIT 1 luglio 2008 Master SIIT 1 luglio 2008 Scaletta 1 Che signica P2P? Vantaggi e svantaggi Obiettivi 2 La prima generazione: Napster e Gnutella Seconda generazione: Superpeer e Kazaa I più usati (per ora): emule e BitTorrent

Dettagli

Organizzazioni virtuali di tipo Peer-to-Peer

Organizzazioni virtuali di tipo Peer-to-Peer Organizzazioni virtuali di tipo Peer-to-Peer Ing. Michele Amoretti Distributed Systems Group VI Incontro del GARR 17 Novembre 2005 Sommario - Organizzazioni virtuali - Modelli architetturali P2P - Skype

Dettagli

Algoritmi per protocolli peer-to-peer

Algoritmi per protocolli peer-to-peer Algoritmi per protocolli peer-to-peer Reti non strutturate: casi di studio Livio.torrero@polito (Livio.torrero@polito.it) 09/2009 Napster: introduzione Livio Torrero - Politecnico di Torino Nato come applicativo

Dettagli

Lezione n.6. Università degli Studi di Pisa. Materiale didattico: Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 5. Dipartimento di Informatica

Lezione n.6. Università degli Studi di Pisa. Materiale didattico: Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 5. Dipartimento di Informatica Lezione n.6 Sistemi P2P: Gnutella Materiale didattico: Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 5 1 Gnutella: il protocollo in breve Messaggi scambiati sulla Overlay Network Messaggi di keep-alive:

Dettagli

(P2P) Sistemi peer-to. Cosa è il peer-to. Caratteristiche dei sistemi P2P. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata

(P2P) Sistemi peer-to. Cosa è il peer-to. Caratteristiche dei sistemi P2P. Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Sistemi peer-to to-peer (P2P) Sistemi peer-to to-peer Valeria Cardellini Università di Roma Tor Vergata Giunti agli oneri della cronaca di recente Negli anni 1999/2000 Il famoso caso Napster (sistema di

Dettagli

Peer to Peer non solo file sharing

Peer to Peer non solo file sharing Peer to Peer non solo file sharing Indice Prima Parte: il Peer to Peer in generale P2P: definizione Curiosità Punti di forza e di debolezza Il Free Riding Seconda Parte: classificazione del Peer to Peer

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria. Corso di Sistemi Distribuiti. Valeria Cardellini. Anno accademico 2008/09

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria. Corso di Sistemi Distribuiti. Valeria Cardellini. Anno accademico 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Sistemi peer-to to-peer Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Sistemi peer-to to-peer (P2P) Giunti agli

Dettagli

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali

RETI PEER-TO-PEER. Reti di Calcolatori. Applicazioni di Rete avanzate: Reti di Calcolatori. Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Reti di Calcolatori Applicazioni di Rete avanzate: Sistemi Peer to Peer Griglie Computazionali Corso di Reti di Calcolatori Carlo Mastroianni Reti di Calcolatori RETI PEER-TO-PEER Sistemi P2P In una rete

Dettagli

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Capitolo 2 - parte 4 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Como 2003 Agenda - Content Distribution Networks (CDN) - Peer to Peer M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como 2003 Cap 2-4 pag.

Dettagli

Lezione n.1 Sistemi P2P: Introduzione

Lezione n.1 Sistemi P2P: Introduzione Università degli Studi di isa Lezione n.1 Sistemi 2: 19-2-2007 eer-to-eer Systems and Applications Capitolo 2 Università degli Studi di isa 1 INFORMAZIONI UTILI Orario corso : martedì ore 14.00-16.00 venerdì

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti. 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-15 corso di Sistemi Distribuiti 8. Le architetture (prima parte) Prof. S.Pizzutilo I Sistemi Distribuiti Un Sistema Distribuito è un insieme di processori indipendenti

Dettagli

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer

Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Università degli Studi della Calabria Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Matematica Modelli e Sistemi di Elaborazione Peer-to-Peer Concetti di base sul Peer-to-Peer: -

Dettagli

emule Dario Maggiari Files Sharing for dummies...or nearly... emule/edonkey Net & Protocol L' autore...

emule Dario Maggiari Files Sharing for dummies...or nearly... emule/edonkey Net & Protocol L' autore... emule Files Sharing for dummies...or nearly... By Dario Maggiari L' autore... Dario Maggiari è laureato in Informatica Applicata all'università di Pisa e frequenta i corsi della Laurea Specialistica in

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Martedì 1-04-2014 1 Applicazioni P2P

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 11 Martedì 14-04-2015 1 Esempio di uso di proxy Consideriamo

Dettagli

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 2 - parte 4. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 2 - parte 4 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Agenda - File Transfer Protocol (FTP) - Content Distribution Networks (CDN) - Peer to Peer M. Campanella Corso Reti ed Applicazioni - Como

Dettagli

Contesto. Reti e applicazioni peer-to-peer. Reti client/server. Reti client/server - svantaggi. Reti P2P - generalità. Reti peer-to-peer (P2P)

Contesto. Reti e applicazioni peer-to-peer. Reti client/server. Reti client/server - svantaggi. Reti P2P - generalità. Reti peer-to-peer (P2P) Contesto Reti e applicazioni -to- Applicazioni client/server Applicazioni di rete Applicazioni -to- File sharing Basi di dati Calcolo distribuito Informatica Generale A.A. 2002/03 Mirko Innocenti Reti

Dettagli

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

17/05/2013. Indice dei Contenuti. Ruolo del Naming nei SD. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /35 Ruolo del Naming nei SD - 3 Denominazione di entità - 4 Sistemi di Naming - 8 Tipologie di Naming - 10 Naming Semplice e Differenti

Dettagli

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA

CdL MAGISTRALE in INFORMATICA 05/11/14 CdL MAGISTRALE in INFORMATICA A.A. 2014-2015 corso di SISTEMI DISTRIBUITI 7. I processi : il naming Prof. S.Pizzutilo Il naming dei processi Nome = stringa di bit o di caratteri utilizzata per

Dettagli

FTP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano

FTP. Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano FTP Appunti a cura del prof. ing. Mario Catalano Il protocollo FTP 1/2 Attraverso il protocollo FTP (File Transfer Protocol) è possibile trasferire uno o più files di qualsiasi tipo tra due macchine Tale

Dettagli

Introduzione alla rete Skype

Introduzione alla rete Skype Introduzione alla rete Skype Fulvio RISSO Un sentito ringraziamento a Livio Torrero, che ha fornito parte delle slides di questa raccolta 1 Le reti peer to peer (1) Overlay peer-to-peer I peer si organizzano

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Caratterizzazionedei SistemiDistribuiti

Dettagli

Architetture dei Sistemi Distribuiti

Architetture dei Sistemi Distribuiti Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Architetture dei Sistemi Distribuiti Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2009/10 Architettura sw di un SD Definisce

Dettagli

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo

Livello di Rete. Prof. Filippo Lanubile. Obiettivo Livello di Rete Circuiti virtuali e datagram La funzione di instradamento Costruzione della tabella di routing Algoritmi di routing adattivi: distance vector routing e link-state routing Routing gerarchico

Dettagli

Cognome:.. Nome:.. 1/5

Cognome:.. Nome:.. 1/5 Cognome:.. Nome:.. 1/5 Sistemi P2P Prova del 17/12/2007 Note: 1) Per ogni risposta corretta a domande di tipo A vengono assegnati 4 punti 2) Per ogni risposta scorretta a domande di tipo A viene sottratto

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Instant Messaging e Peerto-Peer

Instant Messaging e Peerto-Peer Instant Messaging e Peerto-Peer Postecom Security Service Versione: 1.0 Security Service Unit 2 La Sicurezza è nel DNA dell azienda Postecom ma la mappa è lungi dall essere completata! I servizi ed i prodotti

Dettagli

Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita

Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita Una architettura peer-topeer per la visualizzazione 3D distribuita Claudio Zunino claudio.zunino@polito.it Andrea Sanna andrea.sanna@polito.it Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Dettagli

Quattro chiacchere sul Peer to Peer p.1/20

Quattro chiacchere sul Peer to Peer p.1/20 Networks Quattro chiacchere sul Peer to Peer Marco Marongiu bronto@crs4.it CRS4 Networks System Area Quattro chiacchere sul Peer to Peer p.1/20 Networks Concetti Generali Quattro chiacchere sul Peer to

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Naming nei Sistemi Distribuiti Corso di Sistemi Distribuiti Valeria Cardellini Anno accademico 2008/09 Ruolo del naming nei SD I nomi in

Dettagli

Nuovi paradigmi per applicazioni P2P

Nuovi paradigmi per applicazioni P2P SERVIZI Nuovi paradigmi per applicazioni P2P ROSARIO DROGO DE IACOVO NICOLA REALE MAURO ROSSOTTO Molto spesso il termine Peer-to-Peer viene associato alle più comuni applicazioni di file-sharing come Gnutella

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 9 Distribuzione dei contenuti Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 FTP: file transfer protocol FTP user interface

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Tecnologie e Applicazioni Peer-to-Peer (P2P)

Tecnologie e Applicazioni Peer-to-Peer (P2P) Tecnologie e Applicazioni Peer-to-Peer (P2P) Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ Peer-to-peer (P2P) 2 Sotto l'etichetta generica di 'peer-to-peer' (P2P) sono considerati

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Tempo e sincronizzazione nei

Dettagli

Quando il Software Libero prevale.

Quando il Software Libero prevale. Quando il Software Libero prevale. 1 Nel 1990 solo mille computer erano connessi in Internet, ma già nel 1988 era nato uno strumento di comunicazione istantanea, cioè di chat. L Internet Relay Chat (IRC),

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Modellidi SistemiDistribuiti

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Rete Internet Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Che cos è Internet? Il punto

Dettagli

ANALISI DELLE BOTNET DI NUOVA GENERAZIONE BASATE SU PEER TO PEER E IMPLEMENTAZIONE IN AMBIENTE EMULATO

ANALISI DELLE BOTNET DI NUOVA GENERAZIONE BASATE SU PEER TO PEER E IMPLEMENTAZIONE IN AMBIENTE EMULATO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI ANALISI DELLE BOTNET DI NUOVA GENERAZIONE BASATE SU PEER TO PEER Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Parole chiave: P2P Peer Data Management Systems Gestione ad anello Gestione a ipercubo

Parole chiave: P2P Peer Data Management Systems Gestione ad anello Gestione a ipercubo Parole chiave: P2P Peer Data Management Systems Gestione ad anello Gestione a ipercubo 1 RINGRAZIAMENTI Desidero ringraziare la Professoressa Sonia Bergamaschi per il prezioso aiuto fornitomi durante lo

Dettagli

NewsGroup - OverlayNetworks - P2P

NewsGroup - OverlayNetworks - P2P NewsGroup - OverlayNetworks - P2P Newsgroup Lezione23 I newsgroup sono delle aree di dibattito a tema: una specie di bacheca in cui tutti possono lasciare un messaggio o rispondere ad altri messaggi di

Dettagli

A2-03 Applicazioni Peer to Peer

A2-03 Applicazioni Peer to Peer A2-03 Applicazioni Peer to Peer Dopo aver esaminato le applicazioni di rete che utilizzano l'architettura clientserver, analizziamo più approfonditamente l'architettura peer-to-peer che, come abbiamo visto

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

Naming nei Sistemi Distribuiti

Naming nei Sistemi Distribuiti Naming nei Sistemi Distribuiti Naming (1) La risoluzione dei nomi permette ad un processo di accedere ad una entità in un sistema distribuito. Un sistema di naming è necessario per avere un modello comune

Dettagli

P2P Networking Tecnologie e Protocolli per Internet 2 (TPI2) rev 0.2

P2P Networking Tecnologie e Protocolli per Internet 2 (TPI2) rev 0.2 P2P Networking Tecnologie e Protocolli per Internet 2 (TPI2) rev 0.2 Electronic Engineering dept. E-mail: andrea.detti@uniroma2.it Un approccio è P2P quando chi fruisce di qualcosa offre anche qualcosa

Dettagli

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta

Il Routing Gli scenari possibili sono due 1. rimessa diretta rimessa indiretta Il Routing In un sistema packets switching quale il TCP/IP, il routing rappresenta il processo di scelta del percorso su cui inoltrare i pacchetti ed il router è un computer che effettua tale instradamento.

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Ottimizzazione del traffico P2P nelle Wireless Community Network Stefano Avallone, Roberto Canonico, Giorgio Ventre, Francesco Paolo D'Elia Conferenza GARR

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

Università degli studi della Calabria. Facoltà di Ingegneria

Università degli studi della Calabria. Facoltà di Ingegneria Università degli studi della Calabria Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Istituto per il Calcolo e le Reti ad Alte Prestazioni ICAR/CNR Self-Chord: protocollo peer to peer

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Rete Internet Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Che cos è Internet? Il punto

Dettagli

Capitolo 1: Architettura dei sistemi distribuiti Introduzione

Capitolo 1: Architettura dei sistemi distribuiti Introduzione Capitolo 1: Architettura dei sistemi distribuiti Introduzione Abbiamo visto come negli ultimi anni la crescita esponenziale del Web abbia in qualche modo portato allo sviluppo di servizi fortemente centralizzati,

Dettagli

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto

Svantaggi della Commutazione di Circuito. Commutazione di Pacchetto. Struttura di un Pacchetto Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre / Commutazione di Pacchetto Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Svantaggi della Commutazione

Dettagli

A intervalli regolari ogni router manda la sua tabella a tutti i vicini, e riceve quelle dei vicini.

A intervalli regolari ogni router manda la sua tabella a tutti i vicini, e riceve quelle dei vicini. Algoritmi di routing dinamici (pag.89) UdA2_L5 Nelle moderne reti si usano algoritmi dinamici, che si adattano automaticamente ai cambiamenti della rete. Questi algoritmi non sono eseguiti solo all'avvio

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria I nomi in un SD sono usati per: condividere risorse, servizi o applicazioni identificare univocamente entità far riferimento alla posizione

Dettagli

IP Mobility. Host mobili

IP Mobility. Host mobili IP Mobility Reti II IP Mobility -1 Host mobili! Dispositivi wireless o wired mobili! Connessione alla rete attraverso: " Wireless LAN " Reti cellulari " Reti Satellitari " LAN " Etc.! Una rete di riferimento

Dettagli

Lezione n.15 DHT: LOAD BALANCING. Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 9. Laura Ricci

Lezione n.15 DHT: LOAD BALANCING. Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 9. Laura Ricci Lezione n.15 DHT: LOAD BALANCING Peer-to-Peer Systems and Applications Capitolo 9 1 DHT: LOAD BALANCING DHT: in generale assumono che la funzione hash distribuisce uniformemente gli indirizzi ogni nodo

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Rete Internet Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Che cos è Internet? Il punto

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. Implementazione del File System. Struttura del File System. Implementazione IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1

Sistemi Operativi IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM. D. Talia - UNICAL. Sistemi Operativi 9.1 IMPLEMENTAZIONE DEL FILE SYSTEM 9.1 Implementazione del File System Struttura del File System Implementazione Implementazione delle Directory Metodi di Allocazione Gestione dello spazio libero Efficienza

Dettagli

Il Sistema di Routing. Routing nell Interrete. Routing con Informazioni Parziali. Propagazione delle Rotte

Il Sistema di Routing. Routing nell Interrete. Routing con Informazioni Parziali. Propagazione delle Rotte I semestre 02/03 Il Sistema di Routing Routing nell Interrete Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet

Informatica Generale Andrea Corradini. 10 - Le reti di calcolatori e Internet Informatica Generale Andrea Corradini 10 - Le reti di calcolatori e Internet Cos è una rete di calcolatori? Rete : È un insieme di calcolatori e dispositivi collegati fra loro in modo tale da permettere

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione

Introduzione. File System Distribuiti. Nominazione e Trasparenza. Struttura dei DFS. Strutture di Nominazione File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema Introduzione File System Distribuito

Dettagli

File System Distribuiti

File System Distribuiti File System Distribuiti Introduzione Nominazione e Trasparenza Accesso ai File Remoti Servizio Con/Senza Informazione di Stato Replica dei File Un esempio di sistema 20.1 Introduzione File System Distribuito

Dettagli

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system

File system. Realizzazione del file system. Struttura del file system. Struttura del file system. Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

Modulo 8 Ethernet Switching

Modulo 8 Ethernet Switching Modulo 8 Ethernet Switching 8.1 Ethernet Switching 8.1.1 Bridging a livello 2 Aumentando il numero di nodi su un singolo segmento aumenta la probabilità di avere collisioni e quindi ritrasmissioni. Una

Dettagli

SISTEMA DI PREFETCHING CLIENT-SIDE PER TRAFFICO WEB

SISTEMA DI PREFETCHING CLIENT-SIDE PER TRAFFICO WEB UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Progetto per il corso di Ingegneria del Web SISTEMA DI PREFETCHING CLIENT-SIDE PER

Dettagli

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione.

Controllo I/O Costituito dai driver dei dispositivi e dai gestori dei segnali d interruzione. C6. REALIZZAZIONE DEL FILE SYSTEM Struttura del file system Un file è analizzabile da diversi punti di vista. Dal punto di vista del sistema è un contenitore di dati collegati tra di loro, mentre dal punto

Dettagli

Freenet: due anni dopo

Freenet: due anni dopo ................... Freenet: due anni dopo Marco A. Calamari - marco@freenetproject.org The Freenet Project Linux Day Siena - 23 novembre 2002 Firenze Linux User Group Il Progetto Winston Smith 1 Licenza

Dettagli

31/05/2013. Sistemi Web Distribuiti (parte 2) - Indice dei Contenuti - Naming. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano

31/05/2013. Sistemi Web Distribuiti (parte 2) - Indice dei Contenuti - Naming. Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano /28 Sistemi Web Distribuiti (parte 2) - Indice dei Contenuti - Naming 3 Sincronizzazione 4 Consistenza e Replica 5 Replica di sistemi

Dettagli

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5.1. Introduzione Due macchine si parlano solo se conoscono l'indirizzo fisico di sottorete Due applicazioni si parlano solo se conoscono

Dettagli

Servizi di Messaggistica

Servizi di Messaggistica Servizi di Messaggistica Generalità Messaggistica Introduzione I servizi di messaggistica sono servizi di comunicazione bidirezionale sincroni tra due o più soggetti in rete. Caratteristiche. Sincronismo

Dettagli

L instradamento nelle reti di calcolatori

L instradamento nelle reti di calcolatori Università degli Studi di Trieste Corso di Ricerca Operativa Facoltà di Ingegneria Elettronica Anno Accademico 2000/200 L instradamento nelle reti di calcolatori Un particolare problema di Percorso Minimo

Dettagli

SIMULATORI PER RETI AD HOC

SIMULATORI PER RETI AD HOC SIMULATORI PER RETI AD HOC Ing. Alessandro Leonardi Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Catania Modelli di simulazione per Reti Ad Hoc Le reti Ad-Hoc

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

I sistemi peer-to-peer

I sistemi peer-to-peer Corso di Architetture Avanzate di Rete Prof. Alfio Lombardo A.A. 2005-2006 I sistemi peer-to-peer Mirco Tribastone mirco.tribastone@diit.unict.it Outline Introduzione Modello client-server Modello peer-to-peer

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Realizzazione del file system

Realizzazione del file system Realizzazione del file system Struttura del file system Metodi di allocazione: Contigua Concatenata Indicizzata Gestione dello spazio libero Realizzazione delle directory Efficienza e prestazioni Ripristino

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Martedì 15 Novembre 2005 Si svolga il compito su questi fogli. Nel caso di domande a risposta aperta, lo spazio lasciato sul foglio

Dettagli

Parte VIII. Architetture Parallele

Parte VIII. Architetture Parallele Parte VIII Architetture Parallele VIII.1 Motivazioni Limite di prestazioni delle architetture sequenziali: velocità di propagazione dei segnali, la luce percorre 30 cm in un nsec! Migliore rapporto costo/prestazioni

Dettagli

ARP/RARP. Problema della Risoluzione dell Indirizzo. Corrispondenza statica e dinamica. Scenari

ARP/RARP. Problema della Risoluzione dell Indirizzo. Corrispondenza statica e dinamica. Scenari ARP/RARP Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Problema della Risoluzione dell

Dettagli

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice

La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento. La rete: modelli di riferimento Indice Indice 1. Definizioni essenziali 2. Modelli di rete 3. Reti fisiche 4. Protocolli di rete 5. Modelli di riferimento 6. Raffronto tra modelli Architettura degli Elaboratori 2 - T. Vardanega Pagina 275 Definizioni

Dettagli

Routers e LAN aggregati in regioni prendono il nome di Autonomous System quando sono controllati dalla stessa amministrazione; in un AS:

Routers e LAN aggregati in regioni prendono il nome di Autonomous System quando sono controllati dalla stessa amministrazione; in un AS: Routing Introduzione Il routing sulla rete avviene grazie all indirizzamento gerarchico: ogni router non conosce tutte le possibili destinazioni. Routers di livello basso conoscono solo le sottoreti che

Dettagli

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it

MODELLO CLIENT/SERVER. Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it MODELLO CLIENT/SERVER Gianluca Daino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena daino@unisi.it POSSIBILI STRUTTURE DEL SISTEMA INFORMATIVO La struttura di un sistema informativo

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet

La rete ci cambia la vita. Le persone sono interconnesse. Nessun luogo è remoto. Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: Reti di computer ed Internet nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli

Reti di computer ed Internet

Reti di computer ed Internet Reti di computer ed Internet La rete ci cambia la vita Lo sviluppo delle comunicazioni in rete ha prodotto profondi cambiamenti: nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali

Dettagli