Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pagina 1. Dott.ssa Vera Persico"

Transcript

1 LE ATTIVITÀ ESTRATTIVE RECUPERATE COME ELEMENTI FUNZIONALI DELLA RETE ECOLOGICA: DEFINIZIONE, IN COLLABORAZIONE CON L UFFICIO CAVE, DELLE BUONE PRATICHE PER IL RECUPERO AMBIENTALE DEI SITI ESTRATTIVI SETTORE TUTELA RISORSE NATURALI UFFICIO BIODIVERSITÀ E SVILUPPO SOSTENIBILE Dott.ssa Vera Persico Pagina 1

2 Attraverso l attività estrattiva effettuata in cave e miniere l uomo ha lasciato e lascia segni profondi nel territorio. Se il problema del recupero di tali luoghi si è concretamente posto solamente negli ultimi cinquant anni, oggi le diffuse esigenze di carattere ambientale hanno spinto alcune regioni italiane a dotarsi di politiche territoriali in merito. CAVE E RETE ECOLOGICA Nell ambito delle connessioni che si possono realizzare tra piano di recupero di una cava ed il territorio circostante vanno senz altro considerate le reti ecologiche. Queste infatti rivestono un grande interesse naturalistico, in particolare per la fauna selvatica, in difficoltà nelle aree fortemente popolate e sfruttate dall uomo, come, ad esempio, la pianura Padana. Per reti ecologiche si intende quell insieme di spazi naturali o seminaturali e degli elementi del territorio che ne assicurano una connessione, consentendo così la diffusione delle specie selvatiche. Dott.ssa Vera Persico Pagina 2

3 Sovrapposizione tra ATE e elementi della Rete Ecologica (verde: primo livello, viola: secondo livello e varchi) Nelle zone di pianura le vie principali di diffusione delle specie selvatiche sono costituite da elementi di connessione come corsi d acqua, siepi e filari, mentre sono ostacolate dalla presenza di barriere come infrastrutture viarie, centri abitati e aree di agricoltura intensiva. Spesso ciò che rimane destinato a piante e animali selvatici sono solo piccoli frammenti di habitat naturali immersi in un mare di ambienti artificiali, barriere spesso insormontabili. È quindi essenziale che i frammenti di territorio rimasti vengano potenziati e messi in collegamento tra loro, con la creazione di passaggi e vie di connessione studiati e realizzati con l obiettivo di formare una rete estesa. In quest ottica il recupero ambientale delle aree di cava può fornire un contributo importante: modellando in modo opportuno le cave di ghiaia e di argilla, si creano zone umide con caratteristiche simili a quelle naturali. Nell immagine sopra riportata è evidente come le cave poste in fregio al fiume Adda e Brembo possano svolgere un significativo ruolo di stepping stone (aree puntiformi o frammentate che possono essere importanti per sostenere specie di passaggio, ad esempio fornendo utili punti di appoggio durante la migrazione di avifauna) qualora fossero oggetto di oculati interventi di rinaturalizzazione, in particolare attraverso la realizzazione di aree umide con ambienti prativi e fasce boscate ripariali. Dott.ssa Vera Persico Pagina 3

4 Esempi di recupero ambientale di aree dismesse con la creazione di nuovi nodi della rete ecologica territoriale (tratto da Conoscere e realizzare le reti ecologiche I.B.C. Regione Emilia-Romagna) ESEMPI DI RECUPERO IN EUROPA Dott.ssa Vera Persico Pagina 4

5 Dott.ssa Vera Persico Pagina 5

6 NORMATIVA R.D. 1443/1927 Articolo 1 La ricerca e la coltivazione di sostanze minerali e delle energie del sottosuolo, industrialmente utilizzabili, sotto qualsiasi forma o conduzione fisica, sono regolate dalla presente legge (1). (1) Articolo così sostituito dall'art. 1, l. 7 novembre 1941, n Articolo 2 Le lavorazioni indicate nell'art. 1 si distinguono in due categorie: miniere e cave. Appartengono alla prima categoria la ricerca e la coltivazione delle sostanze ed energie seguenti: a) minerali utilizzabili per l'estrazione di metalli, metalloidi e loro composti, anche se detti minerali siano impiegati direttamente; b) grafite, combustibili solidi, liquidi e gassosi (1), rocce asfaltiche e bituminose; c) fosfati, sali alcalini e magnesiaci, allumite, miche, feldspati, caolino e bentonite, terre da sbianca, argille per porcellana e terraglia forte, terre con grado di refrattarietà superiore a 1630 gradi centigradi; d) pietre preziose, Dott.ssa Vera Persico Pagina 6

7 granati, corindone, bauxite, leucite, magnesite, fluorina, minerali di bario e di stronzio, talco, asbesto, marna da cemento, pietre litografiche; e) sostanze radioattive, acque minerali e termali, vapori e gas. Appartiene alla seconda categoria la coltivazione: a) delle torbe; b) dei materiali per costruzioni edilizie, stradali ed idrauliche; c) delle terre coloranti, delle farine fossili, del quarzo e delle sabbie silicee, delle pietre molari, delle pietre coti; d) degli altri materiali industrialmente utilizzabili ai termini dell'art. 1 e non compresi nella prima categoria (2). (1) Vedi, ora, l. 11 gennaio 1957, n. 6. (2) Articolo così sostituito dall'art. 1, l. 7 novembre 1941, n L.R. 14/98 Art. 13 Contenuto dell autorizzazione 1. Il provvedimento autorizzativo dispone: a) la determinazione del tipo e della quantità di sostanze minerali di cava di cui è consentita la coltivazione; b) l estensione e la profondità massima degli scavi previsti, riferite a specifici punti fissi di misurazione ed ogni altra prescrizione e modalità da osservarsi nell attività estrattiva, con riferimento al progetto di coltivazione presentato dal richiedente; c) gli obblighi assunti dal titolare dell autorizzazione con riferimento alla convenzione di cui all art. 15; d) l entità della cauzione o l indicazione delle garanzie sostitutive disposte ai sensi dell art. 16; e) la durata, che non può essere superiore a 10 anni, salvo che per l attività estrattiva di materiali lapidei, per la quale la durata può essere aumentata sino a 20 anni secondo le previsioni del progetto attuativo di cui all art. 14, comma 1, lett. f); f) i criteri per la mitigazione dell impatto connesso all attività estrattiva. Art. 14 Domanda di autorizzazione Alla domanda di autorizzazione, che deve contenere le generalità del richiedente e l indicazione del suo domicilio, devono essere allegati: f3) il progetto delle opere di riassetto ambientale, con le indicazioni dei tempi per le diverse fasi delle opere di recupero, nonché dei materiali utilizzabili e corredato di relazione tecnica contenente il computo estimativo dei costi; Art. 21 Esecuzione delle opere di riassetto 1. Per le opere di riassetto ambientale di cui all art. 15, comma 1, lett. c) è consentito l utilizzo di materiali di scarico e di risulta provenienti dalle attività di cava, nonché di materiali inerti provenienti da scavi o demolizioni. 2. Nel caso di mancata esecuzione da parte del titolare dell autorizzazione delle opere necessarie al riassetto ambientale della zona, nei tempi e nei modi previsti dall autorizzazione, è disposta l esecuzione d ufficio delle opere medesime a spese del contravventore, senza pregiudizio per la dichiarazione di decadenza di cui all art L esecuzione è disposta dal Comune competente per territorio, previa diffida all interessato. 4. Per il rimborso delle spese inerenti all esecuzione d ufficio delle opere di riassetto il Comune si avvale delle garanzie prestate ai sensi dell art In caso di mancata esecuzione da parte del contravventore, di cui all art. 20, comma 3, delle opere necessarie al ripristino ambientale, nei tempi e nei modi stabiliti dal Comune, quest ultimo ne dispone l esecuzione d ufficio, a spese del contravventore stesso. Dott.ssa Vera Persico Pagina 7

8 6. L eventuale ripresa dell attività estrattiva è subordinata al reintegro, da parte del titolare dell autorizzazione, della quota parte della cauzione impiegata per le opere di ripristino. Convenzione Europea del paesaggio (2000) Afferma che tutti i paesaggi hanno diritto alla salvaguardia e alla valorizzazione, cave incluse. OBIETTIVI Il progetto di recupero ambientale si pone l obiettivo di ricollegare la cava al contesto territoriale e paesaggistico, compensando e mitigando gli impatti negativi provocati dall attività estrattiva, attraverso: la restituzione alla funzione originaria (laddove possibile); il recupero all uso agricolo o forestale del terreno su cui sorge la cava; l uso turistico-ricreativo o sportivo; la realizzazione di laghi destinati all itticoltura o pesca sportiva; il recupero a uso naturalistico per instaurare habitat favorevoli alla fauna; Le norme vigenti in Lombardia prevedono anche: deposito di rifiuti; formazione di aree per insediamenti residenziali o industriali. GESTIONE DELL ATTIVITA ESTRATTIVA Una corretta gestione dell attività estrattiva deve puntare a minimizzare l impatto nelle fasi di lavoro. In particolare limitando gli impatti: 1. sull atmosfera; 2. sull ambiente idrico; 3. su suolo e sottosuolo; 4. indotti da rumore e vibrazioni; 5. su paesaggio e intervisibilità; 6. su flora e fauna; RECUPERO AMBIENTALE DEI SITI ESTRATTIVI Gli obiettivi prioritari del recupero ambientale dei siti estrattivi devono essere: a. garantire la stabilità dei luoghi; b. rimodellare l area e integrarla nel contesto attraverso l utilizzo di piante autoctone e del materiale sterile di scopertura; c. ricostituire e potenziare gli habitat con particolare attenzione al ciclo dell acqua; d. valorizzare l area recuperata; Dott.ssa Vera Persico Pagina 8

9 QUADRO GENERALE DI RIFERIMENTO La progettazione di un intervento di recupero ambientale richiede la conoscenza di un quadro di riferimento ambientale ben preciso. È necessario caratterizzare ecologicamente l ambito territoriale di intervento definendo le condizioni generali dell area ed i caratteri peculiari della stazione nei suoi diversi aspetti (clima, microclima, litologia, pedologia, vegetazione, ecc.). A queste vanno poi associate tutte le informazioni relative agli aspetti antropici: uso del suolo, pianificazione territoriale, progetto di coltivazione, aspettative economiche sul sito, vincoli e servitù. IL PROGETTO INTERVENTI SULLA MORFOLOGIA Rimodellamento delle superfici di escavazione al fine di assicurare una stabilità meccanica permanente, sia strutturale che superficiale, ricreando nel contempo forme diversificate, facilmente accessibili e in stretta connessione con il paesaggio circostante: 1. Progettazione dei profili di abbandono Il problema della valutazione della stabilità dei profili di abbandono è fortemente dipendente dai materiali coinvolti, dalla scala del problema oltre che dalle Norme Tecniche del Piano Cave Provinciale. In primo luogo occorre considerare separatamente la stabilità del substrato (terre e rocce) e del terreno di copertura, nel breve e nel lungo periodo. In secondo luogo va considerato il concetto di settori di progetto, ossia settori dove i parametri che influenzano le condizioni di stabilità sono costanti. La loro definizione comporta la conoscenza dei principali parametri che influenzano le condizioni di stabilità (litologia, discontinuità, geometria del versante, ecc.) e la formulazione di ipotesi riguardanti il cinematismo di rottura potenzialmente più pericoloso. Qualunque sia l obiettivo finale prescelto, è necessario che il progetto individui le condizioni migliori per assicurare un adeguata stabilità meccanica nel lungo periodo, affinchè si possano attivare ed esplicitare tutti i processi ecologici o gli investimenti economici determinati dal riuso, pena il blocco di questi processi o la perdita di risorse. Dott.ssa Vera Persico Pagina 9

10 A. Aree strutturalmente e superficialmente stabili B. Aree strutturalmente stabili e superficialmente metastabili C. Aree strutturalmente stabili e superficialmente instabili Interventi di stabilizzazione di tipo attivo A. Controllo delle acque superficiali B. Controllo delle acque in profondità C. Controllo della vegetazione arborea. Dott.ssa Vera Persico Pagina 10

11 Interventi di stabilizzazione di tipo attivo E. Materassi drenanti F. Gabbionate parzialmente o totalmente interrate G. palizzate Confronto tra due diverse tipologie di rimodellamento: sistemazione a gradoni e sistemazione a pendio uniforme. Dott.ssa Vera Persico Pagina 11

12 RIMODELLAMENTO MORFOLOGICO E GESTIONE DELLE ACQUE La risistemazione morfologica gioca un ruolo molto importante anche nella gestione dell acqua e nel controllo dei suoi effetti, sia dal punto di vista ecologico (disponibilità idrica) che tecnico (erosione superficiale). Rete di scolo e accessibilità a sito risistemato: schema tipo Dott.ssa Vera Persico Pagina 12

13 SICUREZZA La progettazione morfologica deve infine cercare di massimizzare il grado di sicurezza dell area risistemata. Messa in sicurezza di scarpate e pareti: A. Interdizione B. Isolamento idraulico C. Scoronamento e raccordo Dott.ssa Vera Persico Pagina 13

14 Messa in sicurezza di scarpate e pareti con interventi di tipo passivo: A. Reti di protezione B. Barriere paramassi C. Valli/rilevati paramassi INTERVENTI SUL SUBSTRATO Insieme degli interventi necessari per ripristinare o ricostruire, in tutte le situazioni morfologicamente stabili, un adeguato substrato pedologico, per consentire un efficace isolamento di eventuali materiali tossici, un ripristino della fertilità, un efficace reimpianto della vegetazione ed un veloce riavvio dell evoluzione biologica generale del sito. INTERVENTI SULLA RETE IDRAULICA La rete idraulica dve consentire l allontanamento veloce ed in sicurezza delle acque in eccesso, sia superficiali che profonde. Questo obiettivo si realizza limitando l effetto meccanico di scavo dovuto all acqua superficiale (diminuendo la velocità e quindi l erosione ed il trasporto solido), e all opposto, velocizzando il deflusso dell acqua presente in profondità (limitando così l azione gravitativa e la lubrificazione degli strati). Non tutta l acqua dovrà comunque essere allontanata, in quanto essa è indispensabile al mantenimento di una copertura vegetale. Questa azione di controllo delle acque dovrà essere mantenuta nel breve e nel lungo periodo, al fine di rendere stabile l area sistemata, nonostante le modificazioni a cui questa andrà incontro. Queste finalità si raggiungono attraverso: 1. Un adeguata progettazione e dimensionamento della rete di scolo 2. Una corretta realizzazione della rete di scolo. Dott.ssa Vera Persico Pagina 14

15 Affossatura di ordine superiore presidiata con briglie in tondame o geotessuto. Sotto: scoline con pietrame CONTROLLO DELL EROSIONE E DEI MOVIMENTI DI MASSA SUPERFICIALI Insieme degli interventi necessari per stabilizzare le pendici, limitare i fenomeni erosivi, ridurre l impatto visivo dell attività estrattiva, attraverso un uso associato di materiali inerti e viventi: 1. Metodi di stabilizzazione superficiale: Pacciamatura Nero verde Geotessili Graticciate viminate Stecconate palizzate 2. Metodi di stabilizzazione interrati sottosuperficiali Fascinate Gradonate 3. Sistemi di stabilizzazione profonda Muri a secco Cunei filtranti Gabbionate Palificate INTERVENTI AGRONOMICI Riattivare il ciclo della fertilità del suolo e creare condizioni favorevoli all impianto e allo sviluppo iniziale della vegetazione e favorire l evoluzione dell ecosistema ricostruito, nel breve e nel medio periodo. Dott.ssa Vera Persico Pagina 15

16 VEGETAZIONE Dopo aver ripristinato il substrato, dotandolo anche di un adeguata rete idraulica, gli interventi da prevedere avranno lo scopo di ricreare una copertura vegetale, in sintonia con le caratteristiche ambientali del sito, gli obiettivi del progetto e il paesaggio circostante. A tal fine è opportuno/necessario: a. Definire le finalità degli interventi ricostruttivi della vegetazione, che potranno essere tecnicofunzionali (agricoli, paesaggistici o urbani) o naturalistici (in relazione con le diverse componenti ambientali); b. Definire la lista delle specie da impiegare per ogni unità di paesaggio, sulla base degli elementi conoscitivi raccolti nel sito e degli indirizzi adottati, integrati da informazioni relative ad: aspetti climatici; aspetti pedologici; aspetti morfologici della stazione; aspetti biologici; aspetti biotecnici; aspetti ingegneristici; aspetti legislativi o consuetudini; aspetti commerciali, legati al reperimento dei vari materiali; c. definire la distribuzione spaziale e temporale delle piante, a piccola scala, al fine di formare delle unità ecologiche il più possibile autosufficienti; d. organizzare queste unità in una distribuzione spaziale e temporale a grande scala, tale da formare un mosaico in cui risolvere le connessioni con il paesaggio circostante, la rete ecologica di riferimento, le difese antincendio, le quinte ed i mascheramenti temporanei e definitivi; e. definire il tipo di materiale biologico da impiegare (semi, talea, piantine radicate ecc.) e le relative tecniche di impianto, acquisendo informazioni circa la possibilità di reperimento del materiale, trasporto e conservazione, scelta del tipo di impianto, tecniche e metodi di manutenzione del materiale messo a dimora. FAUNA Creare condizioni favorevoli all insediamento e alla presenza stabile di fauna selvatica o introdotta, con lo scopo di raggiungere un rapporto equilibrato tra le diverse componenti dell ecosistema ricostruito. Margine del bosco o siepe e sua biodiversità in flora e fauna Dott.ssa Vera Persico Pagina 16

17 Successione di alcune delle specie ornitiche, caratteristiche di differenti fasce di vegetazione, al confine tra due ambienti diversi, a partire dal prato aperto e fino al bosco fitto. Sponda di corpo idrico artificiale con corretta sagomatura del fondo e insediamento definitivo di vegetazione acquatica e palustre Dott.ssa Vera Persico Pagina 17

18 CONCLUSIONI I risultati ancora incerti finora ottenuti, a fronte dei metodi e del quadro normativo individuati per disciplinare l attività estrattiva, non sono ragionevolmente da imputare solo a inevitabili carenze normative o all ìnesperienza o inadeguatezza di progettisti e/o controllori del recupero. È opportuno riconsiderare l approccio iniziale a questi tipi di intervento scartando la lettura per comparti stagni degli elementi ambientali sui quali si deve intervenire. In altri termini, ignorando l organicità delle relazioni che compongono il quadro ambientale, si limita l attenzione agli elementi naturali suscettibili di compromissione afferenti l area e il suo intorno. Infine si adottano le norme generali che fissano le soglie minime della ragionevolezza degli interventi senza alcuno sforzo interpretativo e con scarsa relazione con il progetto di reinserimento delle aree manomesse nelle dinamiche territoriali. CRITICITÀ Durante il periodo di sfruttamento del giacimento, le cave determinano un rilevante impatto ambientale. I principali problemi di degrado e criticità sono dovuti a: sottrazione diretta di habitat disponibile; frammentazione degli habitat; scotico del terreno vegetale; inquinamento acustico; immissione di polveri; traffico dovuto al trasporto dei materiali sulla viabilità ordinaria. OPPORTUNITÀ Gli interventi di recupero ambientale rappresentano preziose opportunità per il potenziamento della biodiversità di un area. La varietà di tipologia di cava, per localizzazione, conformazione, profondità, tipo di substrato, consente di scegliere tra una rosa di interventi finalizzati ad ottenere diversi tipi di habitat in cui ricreare comunità ricche e specializzate. Il progetto di recupero dovrebbe riportare aree, private dei caratteri ambientali originari, a nuove condizioni di vivibilità complessiva nelle dinamiche attuali del territorio e in prospettiva della loro evoluzione. Sulla base di alcuni principi evidenziati nel presente documento, tale obiettivo può essere raggiunto sia a seguito di un auspicato e deciso miglioramento qualitativo e quantitativo degli interventi di recupero ambientale previsti in fase progettuale che, vista la molteplicità di aspetti tecnici e ambientali da trattare richiede la partecipazione attiva di tecnici abilitati iscritti al relativo albo professionale o tecnici qualificati appartenenti ad associazioni riconosciute in conformità alla normativa vigente, per le discipline di rispettiva competenza, sia adottando piccoli accorgimenti quali ad esempio: la corretta conservazione del terreno vegetale, sul quale non vengono effettuati interventi di pacciamatura e concimazione prima della sua stesura; la progettazione e gestione efficace della raccolta delle acque meteoriche, che dilavano terreni spesso profilati con terre e rocce da scavo e ricoperti con lo strato di terreno vegetale precedentemente asportato ed avente una capacità drenante molto inferiore; Dott.ssa Vera Persico Pagina 18

19 l utilizzo dei fanghi di lavaggio degli inerti per gli interventi di recupero ambientale. Saranno pertanto individuate le iniziative da attuare, (quali ad esempio una specifica campagna informativa), per incentivare l utilizzo di buone pratiche per il recupero ambientale dei siti estrattivi, al fine di ottenere l auspicato miglioramento quantitativo e qualitativo di tali interventi di recupero che possono divenire importanti elementi costitutivi della Rete ecologica regionale. Il lavoro svolto all interno dello scrivente Servizio pone le basi per una futura pubblicazione da divulgare alle aziende, ai progettisti e agli Enti interessati. BIBLIOGRAFIA Rete Ecologica Regionale Regione Lombardia Acer n. 3/2012 Linee guida Progettazione Gestione Recupero delle aree estrattive AITEC e Legambiente Il recupero e la riqualificazione ambientale delle cave in Emilia Romagna Regione Emilia Romagna Ecologia del paesaggio Ingegnoli e Giglio Quaderni della scuola di Ingegneria naturalistica Centro regionale per la Flora autoctona Il riuso e il recupero ambientale delle cave di pietra Provincia di Brescia Ufficio Ecologia Piano di settore provinciale di miglioramento ambientale a fini faunistici Provincia di Bergamo Documento preliminare del Piano di settore della rete ecologica provinciale Progettare per la biodiversità Agire nel territorio Dossier di buone pratiche in materia di biodiversità Provincia di Bergamo e CST Università di Bergamo Dott.ssa Vera Persico Pagina 19

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1855 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DANIELI Paolo COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 NOVEMBRE 2002 Modifica al regio decreto 29 luglio 1927, n. 1443,

Dettagli

La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto dell'ambiente

La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto dell'ambiente Raw Materials University day 6th December 2013 Sapienza University, Rome Sala del Chiostro Faculty of Civil and Industrial Engineering La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto

Dettagli

EDILIZIA BIOECOLOGICA PER UNO SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE. Il recupero ambientale in ambito urbano: l ingegneria naturalistica:

EDILIZIA BIOECOLOGICA PER UNO SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE. Il recupero ambientale in ambito urbano: l ingegneria naturalistica: Il recupero ambientale in ambito urbano: l ingegneria naturalistica: L Ingegneria Naturalistica è una disciplina tecnica in grado di conciliare le esigenze antropiche di intervento sul territorio con quelle

Dettagli

I.T. Statale per Geometri N. Tartaglia Via G. Oberdan, 12/E 25128 Brescia INDIRIZZI DI STUDIO. I.T.S. per Geometri "N. Tartaglia"

I.T. Statale per Geometri N. Tartaglia Via G. Oberdan, 12/E 25128 Brescia INDIRIZZI DI STUDIO. I.T.S. per Geometri N. Tartaglia I.T. Statale per Geometri N. Tartaglia Via G. Oberdan, 12/E 25128 Brescia INDIRIZZI DI STUDIO 1 I IL GEOMETRA II L INDIRIZZO COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO -L Edilizia - Il Piano di Studi III L INDIRIZZO

Dettagli

ATTIVITA ESTRATTIVE CAPITOLO 15

ATTIVITA ESTRATTIVE CAPITOLO 15 cap 15 attivitaestrattive 1-03-2004 17:14 Pagina 163 163 CAPITOLO 15 ATTIVITA ESTRATTIVE L e attività estrattive rappresentano uno dei più importanti interventi di modifica definitiva e rilevante dell

Dettagli

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi

Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi (Criteri esaminati dal Cds con procedura scritta n. 2/2012) Misura 216 Sostegno agli investimenti non produttivi Azione a) - Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario Ripristino

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole)

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi (su superfici agricole) Riferimenti normativi: Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio, Titolo IV, Asse 2, Articoli 36 (a) (vi) e 41 (a) e (b) Codice

Dettagli

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17

COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA MONTECCHI DI SOTTO - POLO 17 COMUNE DI CASTROCARO e TERRA DEL SOLE AREA ESTRATTIVA "MONTECCHI DI SOTTO" - POLO 17 1. INQUADRAMENTO Comune di: Castrocaro Terme - Terra del Sole. Località: Montecchi di sotto. Elaborato cartografico

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale

Allegato 12. Sistema di Monitoraggio Ambientale Integrazione PAC e VAS Punta Olmi Allegato 12 Sistema di Monitoraggio Ambientale Arch. G. Giovarruscio Ing. Maddalena Mestroni Dott. Paolo Parmegiani Dott. Geol. Gianpiero Pinzani Dott. Arch. Gianluca

Dettagli

ALLEGATO I Flussi documentali

ALLEGATO I Flussi documentali ALLEGATI 1 ALLEGATO I Flussi documentali INTERVENTI SOGGETTI A PERMESSO A COSTRUIRE e DICHIARAZIONE DI VINCOLO IDROGEOLOGICO La Richiesta di Permesso a costruire all Edilizia Privata munita di ricevuta

Dettagli

Quadro di Riferimento Programmatico

Quadro di Riferimento Programmatico ALLEGATO II Indirizzi per l elaborazione dello Studio preliminare ambientale ai fini della procedura di verifica di assoggettabilità alla VIA di progetti inerenti le attività estrattive Finalità e requisiti

Dettagli

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile

Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Dipartimento Paesaggio, pianificazione territoriale e protezione civile Contenimento del Consumo di Suolo: la tutela del suolo agricolo, risorsa non rinnovabile Gianpietro Bara Presidente FODAF Lombardia

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

Criteri di verifica di Assoggettabilità a Valutazione di Impatto Ambientale di Cave e Torbiere. Relazione tecnica

Criteri di verifica di Assoggettabilità a Valutazione di Impatto Ambientale di Cave e Torbiere. Relazione tecnica Criteri di verifica di Assoggettabilità a Valutazione di Impatto Ambientale di Cave e Torbiere Relazione tecnica Novembre 2009 2 Sommario 1 Premessa... 4 2 Inquadramento normativo... 5 2.1 La Valutazione

Dettagli

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE

SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE SCHEDA NORMATIVA n. 1 PAESE CAVA CASTAGNOLE Descrizione dell ambito L area denominata Cava Castagnole è un ambito estrattivo formato da due cave, posto lungo via Toti tra gli abitati di Castagnole e Porcellengo;

Dettagli

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE

VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Comune di Brugherio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA VARIANTE SEMPLIFICATA AL PRG COMUNALE Sintesi non tecnica Marzo 2010 Il percorso di valutazione ambientale (VAS) della Variante Semplificata al P.R.G.

Dettagli

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE 4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE PREMESSA L amministrazione comunale di Aviatico, al fine di favorire una regolare e ordinata gestione ambientale e paesaggistica delle aree prative

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 761 del 15/03/2010 pag. 1/32

ALLEGATO A Dgr n. 761 del 15/03/2010 pag. 1/32 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 761 del 15/03/2010 pag. 1/32 DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER GLI ASPETTI CONNESSI ALLA MODALITA DI GESTIONE DEI CANTIERI DI CAVE E MINIERE DI MINERALI SOLIDI

Dettagli

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE

COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE COMUNE DI TRIGGIANO COMPARTO C4 DI VIA VERGA OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE 1 - PREMESSA Il progetto proposto all Amministrazione Comunale di Triggiano prevede la

Dettagli

HAZARD pericolosità. Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra

HAZARD pericolosità. Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra HAZARD pericolosità Dipartimento di Scienze dell Ambiente e del Territorio e di Scienze della Terra Aspetti principali Alla luce di quanto detto l aspetto classificato come Riduzione del rischio fa parte

Dettagli

Testo vigente Testo introdotto dalla Variante

Testo vigente Testo introdotto dalla Variante estratto Testo vigente Testo introdotto dalla Variante omissis CAPO 6 : Disposizioni per le attività estrattive Art. 36 Aree per attività estrattive 1. Le attività estrattive sono ammesse esclusivamente

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000.

Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. Valutazione di Incidenza di Piani e Progetti su i Siti Natura 2000. COSÉ LA VALUTAZIONE DI INCIDENZA La valutazione di incidenza è un provvedimento indispensabile per valutare gli effetti che le pianificazioni

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

Interventi di Ingegneria Naturalistica

Interventi di Ingegneria Naturalistica Interventi di Ingegneria Naturalistica Prof. Ing. Francesco Canestrari Interventi di ingegneria naturalistica - 1 Interferenze Naturalistiche dovute alla realizzazione di infrastrutture viarie : perdita

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

NORME DI ATTUAZIONE. I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE

NORME DI ATTUAZIONE. I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE NORME DI ATTUAZIONE I: indirizzo D: direttiva P: prescrizione INDICE LA RETE ECOLOGICA...2 Definizioni: la rete ecologica...2 La rete ecologica di livello provinciale...2 Cartografia...3 Finalità e obiettivi...3

Dettagli

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta

Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta Dott.ssa S. Anelli Dott. S. Porta 1 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 2 PARCO DEL TREBBIA - Legge Regionale n. 19/2009 Art. 1 Istituzione del Parco regionale, finalità e obiettivi gestionali

Dettagli

TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI

TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI SICUREZZA AMBIENTE TERRE RINFORZATE INGEGNERIA NATURALISTICA IDROSEMINA PARAVALANGHE PARAMASSI BARRIERE STRADALI DI SICUREZZA TUBAZIONI / /////// ///// www.altaquotasrl.it LAVORIAMO PER L UOMO CON LA

Dettagli

1. La costruzione delle linee guida

1. La costruzione delle linee guida 1. La costruzione delle linee guida La costruzione delle linee guida per la qualità paesaggistica e ambientale delle infrastrutture segue il riconoscimento, all interno del PPTR, di due macro sistemi di

Dettagli

Foto: Mina Lacarbonara

Foto: Mina Lacarbonara Foto: Mina Lacarbonara Introduzione Lo sfruttamento e la sempre maggiore sottrazione di suolo dai contesti tipicamente naturali e rurali sta determinando cambiamenti radicali nei paesaggi, nell ambiente,

Dettagli

Il documento preliminare ha posto il seguente obiettivo generale per la Rete Ecologica provinciale:

Il documento preliminare ha posto il seguente obiettivo generale per la Rete Ecologica provinciale: RELAZIONE SULLA RETE ECOLOGICA Premessa Per la conservazione della natura in passato si è ritenuto sufficiente prevedere l istituzione di aree protette svincolate dal restante terrirorio quali isole dedicate

Dettagli

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale

19 Febbraio 2014 Bregnano, centro polifunzionale Fase 2 La valle del Lura: co-progettare il paesaggio Elementi emersi dal percorso partecipativo: Presentazione e discussione di indicazioni per la revisione del progetto 19 Febbraio 2014 Bregnano, centro

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI INGEGNERIA NATURALISTICA Nel Nel 1990, 1990, in in occasione occasione del del 1 1 congresso congresso di di Ingegneria Ingegneria Naturalistica Naturalistica a a Torino Torino nasce nasce la la dizione

Dettagli

Valsat Sintesi non tecnica

Valsat Sintesi non tecnica Valsat Sintesi non tecnica Pagina 1 di 7 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 CONTENUTI ED OGGETTO... 3 3 VERIFICA DI COERENZA... 4 4 ANALISI AMBIENTALI... 5 5 CONCLUSIONI... 7 Pagina 2 di 7 1 INTRODUZIONE La

Dettagli

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA Premessa In anticipazione rispetto al progetto complessivo, e analogamente

Dettagli

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI

PROGETTO DI DERIVAZIONE D ACQUA AD USO IDROELETTRICO DAL F. STURA DI DEMONTE A MEZZO DEL CANALE IRRIGUO LA ROVERE - BOSCHETTI PROGETTO DI NUOVA DERIVAZIONE D ACQUA DAL TORRENTE MONGIA AD USO ENERGETICO - RELAZIONE DI COMPATIBILITÀ IDRAULICA AI SENSI DEL R.D. 523/1904 - REGIONE PIEMONTE COMUNE DI FOSSANO PROVINCIA DI CUNEO PROGETTO

Dettagli

IG INGEGNERIA GEOTECNICA

IG INGEGNERIA GEOTECNICA INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DELLA TORRE DI BARBARESCO (CN) E DEL SOTTOSTANTE COSTONE ROCCIOSO Attività professionali svolte e/o in corso: Progetto esecutivo delle opere di sostegno e di fondazione Località:

Dettagli

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO

PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI NIBIONNO Valutazione Ambientale Strategica del Piano di Governo del Territorio - 28 luglio 2010 - La VAS nel processo di pianificazione Accompagna il processo della formazione

Dettagli

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA

BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA BIODIVERSITÀ NELL AGROECOSISTEMA po p i l i F ri Alleg Zurla G ia Barbi er i nluca Luca 2^C a.s. 2013/2014 COS È LA BIODIVERSITÀ È LA VARIETÀ DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PRESENTI NELLA BIOSFERA PERCHÉ

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 161 area 01 Via Milano Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART. 12 D.LGS. N. 152/2006

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova IL MONITORAGGIO NELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PROVINCIALE Pistoia - giovedì 10 febbraio 2011 tavola rotonda sulle esperienze delle province PROVINCIA DI MANTOVA Lavori in corso per l attuazione del

Dettagli

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO

6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO 6. INDIVIDUAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI INTERESSATI DAL PROGETTO L esercizio dell attività estrattiva, svoltasi in passato nell area in oggetto, ha comportato inevitabilmente la variazione dell assetto

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ;

NORMATIVA DI RIFERIMENTO. L.R. 8 Agosto 1998 n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava ; CRITERI PER LA PREDISPOSIZIONE DEI PROGETTI DI GESTIONE PRODUTTIVA DEGLI AMBITI TERRITORIALI ESTRATTIVI (Art. 11 della L.R. 8 Agosto 1998, N. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze

Dettagli

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di

COMUNE DI ACERRA. Oggetto: Fondi strutturali Europei 2007-2013 PON FESR IT 16 1 PO 004 AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO ASSE II OBIETTIVO C - Lavori di COMUNE DI ACERRA Provincia di Napol i Medaglia d Oro al Merito Civile (D.P.R. del 17/06/1999) 5 ª DIREZIONE - INFRASTRUTTURE Lavori Pubblici - Manutenzione ed Arredo Urbano Oggetto: Fondi strutturali Europei

Dettagli

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera

ELABORATO 5 Impatti ambientali dell opera Impianto di depurazione S. Giustina (RN) Verifica di assoggettabilità L.R. 9/99 come integrata ai sensi del D. Lgs. 152/06 e s.m.i. STUDIO DI COMPATIBILITÀ AMBIENTALE Sezione di recupero fanghi di depurazione

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

relazione ambientale sintesi

relazione ambientale sintesi Dgr n. 2587 del 7 agosto 2007 Allegato A3 relazione ambientale sintesi Assessorato alle Politiche per il Territorio Segreteria Regionale Ambiente e Territorio Direzione Pianificazione Territoriale e Parchi

Dettagli

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.

Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe. Sede c/o Casa della Cultura Via del Lavoro, 2-44039 Tresigallo (FE) Tel. 0533/601329 - Fax 0533/607200 e-mail ufficiodipiano@unioneterrefiumi.fe.it Protocollo c/o Comune di Copparo Via Roma, 28 44034 Copparo

Dettagli

Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO

Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO Bando FONDAZIONE CARIPLO 2011 QUALIFICARE GLI SPAZI APERTI IN AMBITO URBANO E PERI-URBANO FACCIAMO SPAZIO Descrizione degli studi di fattibilità di quattro aree significative Giugno 2011 Aree interessate

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE PROVINCIALE

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE PROVINCIALE Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE PROVINCIALE Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del Premio La Città per

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

Gabbioni e Gabbioni drenanti

Gabbioni e Gabbioni drenanti 1 Gabbioni e Gabbioni drenanti Utilizzo dei Gabbioni Come vengono utilizzati oggi I gabbioni: In edilizia per la costruzione di muri di recinzione, complessi residenziali, industrie, muri di sostegno,

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

Le competenze sui corsi d acqua: la visione di bacino. Ing. Filippo Dadone Autorità di bacino del fiume Po

Le competenze sui corsi d acqua: la visione di bacino. Ing. Filippo Dadone Autorità di bacino del fiume Po Le competenze sui corsi d acqua: la visione di bacino Ing. Filippo Dadone Autorità di bacino del fiume Po I principi della L. 183/89 Interdisciplinarietà: visione integrata delle dinamiche acqua suolo

Dettagli

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr

La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr La sostenibilità ambientale nei progetti ferroviari di Italferr Torino, 02/04/2014 Andrea Nardinocchi L impegno ambientale di Italferr Italferr è da anni impegnata nella gestione delle tematiche ambientali

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Direttive

Dettagli

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE

PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE PROGETTO DI RIPRISTINO AMBIENTALE INTRODUZIONE Poiché un attività estrattiva così come proposta modifica notevolmente sia la morfologia sia le caratteristiche generali dei suoli, è opportuno, per mitigare

Dettagli

Autorità di bacino del fiume Po

Autorità di bacino del fiume Po Autorità di bacino del fiume Po incontro delle Reti Locali interessate da processi di pianificazione strategica partecipata per la riqualificazione dei bacini fluviali Titolo dell Esperienza da agenda

Dettagli

Struttura della Città Rurale.

Struttura della Città Rurale. Sine Putimu. Città Rurale_ALLEGATI In occasione del quinto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico Generale)

Dettagli

PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COLTIVAZIONE 1 DESCRIZIONE DEL PROGETTO Le caratteristiche topografiche e geometriche delle aree interessate dal piano di coltivazione si possono rilevare mediante l esame delle planimetrie, delle

Dettagli

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006.

OGGETTO: Trasmissione osservazioni al Piano di Governo del Territorio del Comune di Mesero ai sensi dell art. 14, comma 3 del d.lgs. 152/2006. Direzione e Uffici Alla cortese attenzione di Dott.ssa ELISA BIANCHI Ufficio Tecnico Comune di Mesero Via San Bernardo 41 20010 MESERO (MI) PEC: comune.mesero@pec.regione.lombardia.it OGGETTO: Trasmissione

Dettagli

Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi

Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi Identità locali e valori paesaggistici: tutela e valorizzazione del sito «La Torrate» Enrico Siardi inquadramento territoriale Aggiornamento dei contenuti del decreto di vincolo DM 20 settembre 1974 Dichiarazione

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

AL PRESIDENTE DELLA REGIONE LIGURIA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA

AL PRESIDENTE DELLA REGIONE LIGURIA AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI IMPERIA AL SINDACO DI POMPEIANA AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL CORPO FORESTALE DI IMPERIA ALLA POLIZIA PROVINCIALE DI IMPERIA Prot.n. 251/06

Dettagli

Nuovi criteri applicativi per l autorizzazione di cave per la realizzazione di opere pubbliche di cui all art. 38 della L.R. 14/98.

Nuovi criteri applicativi per l autorizzazione di cave per la realizzazione di opere pubbliche di cui all art. 38 della L.R. 14/98. Nuovi criteri applicativi per l autorizzazione di cave per la realizzazione di opere pubbliche di cui all art. 38 della L.R. 14/98 Relazione tecnica Dicembre 2009 Sommario 1 Premessa... 3 2 Esigenze Straordinarie...

Dettagli

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda

Comune di Cassano d Adda. Comuni interessati dal progetto. Parco Adda Nord. Comune di Pozzuolo Martesana. Comune di Trezzo d Adda Comune di Cassano d Adda Parco Adda Nord Comune di Pozzuolo Martesana Comune di Trezzo d Adda Comuni interessati dal progetto Inzago, Vaprio d Adda, Truccazzano Pozzo d Adda Busnago Grezzago Trezzano Rosa

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale

Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Consorzio di bonifica Brenta: approvato il Bilancio Ambientale Per il terzo anno il Consorzio Brenta arriva al prestigioso traguardo dell approvazione del Bilancio Ambientale, introdotto in modo innovativo

Dettagli

Progetto di recupero ambientale e funzionale del "Fontanile Riberto"

Progetto di recupero ambientale e funzionale del Fontanile Riberto CONSORZIO DI BONIFICA DELLA MEDIA PIANURA BERGAMASCA via A. Gritti 21/25-24125 Bergamo PSR 2007-2013 / MISURA 126 Investimenti non produttivi Progetto di recupero ambientale e funzionale del "Fontanile

Dettagli

Friend of the Earth Standard

Friend of the Earth Standard Friend of the Earth Standard FOE-Agricoltura Criteri e indicatori per la certificazione di prodotti da agricoltura sostenibile (Ultimo aggiornamento 13/03/2014) CATEGORIE DI REQUISITI 1. SISTEMA DI GESTIONE

Dettagli

INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Ingegneria Sanitaria Ambientale Previsione di Rischio Alluvione Progettazione Geotecnica Pianificazione Urbanistica Difesa del Territorio Sistemazioni Ambientali Trasporto degli Inquinanti Progettazione

Dettagli

VERBALE SINTETICO DEL I INCONTRO GRUPPO TEMATICO Acqua

VERBALE SINTETICO DEL I INCONTRO GRUPPO TEMATICO Acqua PROVINCIA DI PRATO Ufficio Agenda 21 Via Giovanni Pisano, 12-59100 Prato Tel.: 0574 534260 Fax: 0574 534329 E-mail: agenda21@provincia.prato.it Web: http:\\www.provincia.prato.it PTC 2008 Variante di adeguamento

Dettagli

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.

Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11. (Aggiornamento 31.03.2004) 1 Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 NORME REGOLAMENTARI 1. AMBITI DI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE

TECNICO SUPERIORE PER IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER IL MONITORAGGIO E LA GESTIONE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof

ACSA Ambito Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof 1 Localizzazione ecografica: Localizzazione catastale: Località villaggio Giovi via Gorki e via Sacharof Foglio 43 Mappali 63, 65, 67, 71, 73, 75, 114. Foglio 44 Mappali 23, 24, 25, 59, 62. Foglio 45 Mappali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI TUTELA AMBIENTALE NELLA REALIZZAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DI RIMINI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI TUTELA AMBIENTALE NELLA REALIZZAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI TUTELA AMBIENTALE NELLA REALIZZAZIONE DEI LAVORI PUBBLICI DELLA PROVINCIA DI RIMINI Approvato con delibera C.P. n. 107 del 21.12.2001 * * * * Art. 1 PREMESSE Con il presente

Dettagli

ALLEGATO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO

ALLEGATO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO ALLEGATO 1 QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E PROGRAMMATICO Quadro di riferimento comunitario: la Direttiva 92/43/CEE del Consiglio, del 21 maggio 1992, relativa alla conservazione degli habitat naturali

Dettagli

R 2 - LINEE DI INTERVENTO

R 2 - LINEE DI INTERVENTO Accordo di Pianificazione ai sensi dell art. 57 della L.R. 36/1997 tra Autorità di bacino del fiume Po Regione Liguria e Provincia di Genova R 2 - LINEE DI INTERVENTO PROGETTO Codice : 1.2/17/04 VARIANTE

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Azienda Forestale Ambientale

Azienda Forestale Ambientale SA Azienda Forestale Ambientale Storia La Compul SA è nata in origine allo scopo di trattare e gestire gli scarti vegetali provenienti da boschi, giardini, frutteti e vigneti. Dal 2011 è stata costituita

Dettagli

DOCUMENTAZIONE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA A VIA (Screening)

DOCUMENTAZIONE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA A VIA (Screening) Allegato 2 DOCUMENTAZIONE PER LA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA A VIA (Screening) Indice: 1. Contenuti del Progetto preliminare di coltivazione e sistemazione finale 2. Contenuti della Relazione di individuazione

Dettagli

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER:

E STATA PREPARATA APPOSITA MODULISTICA DA PRESENTARE AL COMUNE PER: Legge Forestale della Toscana n. 39/2/R del 5/9/2001 - Regolamento di La L.R.T. n.1/2003, di modifica ed integrazione della L.R.T.39/2000 Legge forestale della Toscana ha attribuito ai Comuni il rilascio

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO

Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO REGIONE LOMBARDIA Scheda Reg Lomb A2 n. prot. 15545/06 Parte 1 - Informazioni generali - Titolo: PARCO DELLA VETTABBIA - DEPURATORE DI NOSEDO - Comune: Milano - Provincia: Milano - Committente: Comune

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO Ora e sempre resilienza Interventi, pianificazione e cultura del rischio per la difesa e l autodifesa dalle alluvioni nelle aree urbane Roma 3 luglio 2015 BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

Dettagli