LA DIVINA COMMEDIA. Gli antecedenti culturali del poema

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DIVINA COMMEDIA. Gli antecedenti culturali del poema"

Transcript

1 Gli antecedenti culturali del poema LA DIVINA COMMEDIA Dante iniziò a scrivere la Commedia probabilmente dopo il 1307; dalle testimonianze di cui disponiamo si può dedurre che nel 1319 l Inferno e il Purgatorio erano già pubblicati mentre il Paradiso comparve postumo. Dante mise a frutto tutti gli strumenti che gli forniva la cultura del suo tempo: adottò la visione dei regni oltremondani, delle pene dell inferno e delle gioie del paradiso, di cui la tradizione medievale era ricca di esempi; si ricollegò al genere del poema allegorico; ebbe come esempio la letteratura didattico-enciclopedica di Brunetto Latini; trae ispirazione dai libri profetici della Bibbia e dell Apocalisse di Giovanni; infine ha come modello anche l Eneide di Virgilio, da cui sono ripresi nomi e immagini di luoghi. Visione del mondo di Dante La visione del mondo di Dante è caratterizzata da un incrollabile fede nel possesso della verità. Egli ritiene che nella conoscenza risieda la perfezione della natura umana; ma la conoscenza per lui non è avventura di ricerca personale, esplorazione dell ignoto, capace di sfidare ogni limite. Gli uomini per Dante devono accontentarsi di ciò che è stato loro rivelato, senza spingersi oltre, perché, se avessero potuto conoscere tutto, non sarebbe stata necessaria, per la loro salvezza, l incarnazione di Cristo. L universo a Dante appare quindi retto da un ordine mirabile, regolato perfettamente dalla volontà divina, in cui ogni elemento trova una giustificazione e un fine. Allegoria nella Commedia Alla cultura medievale appartiene anche l impianto allegorico del poema. Nel Convivio Dante distingue l allegoria dei poeti dall allegoria dei teologi: nel primo caso il piano letterale è una bella menzogna, un invenzione fittizia, sotto cui si nasconde una verità; nel secondo caso il piano letterale è vero, è un evento reale e storico, che rimanda a significati ulteriori. Così infatti si leggeva abitualmente nel Medio Evo la Sacra Scrittura: essa racconta fatti realmente verificatisi a persone reali, ma nel disegno di Dio questi fatti assumono altri significati. Dante ritiene che l allegoria della Commedia sia quella dei teologi; il suo poema va letto come si leggono le Sacre Scritture: ciò che narra la lettera non è finzione, ma verità storica. Nel poema infatti agisce Dante, a cui fanno da guida un Virgilio storico, una Beatrice storica e un Bernardo storico. Ad esempio Virgilio, Beatrice e Catone hanno anche un significato ulteriore, allegorico: Virgilio rappresenta la ragione, Beatrice la teologia, Catone la libertà; inoltre ciascuno di essi conserva pienamente la sua fisionomia individuale di persona realmente esistita. Dante vuole quindi che il suo poema si legga come un esperienza realmente verificatasi. Gianluigi Caruso 1

2 Il plurilinguismo dantesco La lingua e lo stile nel poema si innalzano progressivamente nelle cantiche in corrispondenza con l innalzarsi della materia; per esempio Caronte nell Inferno è definito vecchio, Catone nel Purgatorio è definito veglio, San Bernardo nel Paradiso è definito sene : si passa quindi da un termine più usuale come vecchio ad un termine più eletto e letterario di origine francese come veglio, per giungere al puro latinismo dotto e solenne come sene. Nell Inferno non mancano però passi di linguaggio letterario elevato. In tale cantica spicca l intensità espressiva dello stile aspro, fatto di termini rari e dialettali e di vocaboli plebei e scurrili. Il titolo delle Commedia e la concezione dantesca degli stili Nell Epistola a Cangrande Dante spiega perché la sua opera appartenga al livello comico: innanzitutto perché ha un inizio doloroso, l Inferno, ed una lieta fine, il Paradiso, mentre la tragedia ha un inizio lieto e un finale doloroso; in secondo luogo per lo stile che è dimesso e umile. Sarebbe errato però pensare che Dante definisca umile il suo stile perché il poema è scritto in volgare; quindi per Dante lo stile della Commedia è umile indipendentemente dal fatto che la lingua usata sia quella volgare. Anche questo può apparire sorprendente perché l argomento del poema è dei più sublimi; la realtà è che Dante propone un nuovo tipo di sublime: non più quello della classicità, che si limitava a rappresentare solo ciò che fosse nobile ed elevato con esclusione di tutto ciò che fosse umile e quotidiano, ma un sublime ispirato alla visione cristiana della vita, che non teme di accogliere in sé anche gli aspetti più concreti e dimessi del reale, sino a quelli più bassi e turpi, senza per questo veder sminuita la sua sublimità. Alla base di questa nuova idea di sublime sta, come si è già detto in precedenza, la fede in un perfetto ordine divino del mondo, in cui tutta la realtà trova un senso, un fine e quindi anche una dignità. Fondamentalmente la Commedia è un opera narrativa ed è su questa base che si innestano i vari generi, trovando in essa l unità. La Divina Commedia La Divina Commedia, originariamente Commedia, è un poema di Dante Alighieri, scritto in terzine incatenate di versi endecasillabi, in lingua volgare toscana. Il poema è diviso in tre parti, chiamate cantiche, Inferno, Purgatorio, Paradiso, ognuna delle quali è composta da 33 canti (tranne l Inferno, che contiene all inizio un ulteriore canto, considerato una sorta di preludio all intero poema). Attraverso questi tre regni ultraterreni, Dante immagina di compiere un viaggio che lo porterà alla redenzione dei suoi peccati. Il titolo originale dell opera fu Commedia; l aggettivo Divina fu usato per la prima volta da Giovanni Boccaccio in una sua biografia dantesca dal titolo Trattatello in laude di Dante del 1373, circa 70 anni dopo il periodo in cui, si pensa, sia stato scritto il poema. Gianluigi Caruso 2

3 Il Paradiso Struttura della cantica Canti: 33; Metro: terzine; versi: endecasillabi. Il Paradiso è formato da nove cieli concentrici che girano intorno alla terra. Essi prendono il nome dai pianeti e si susseguono nel seguente ordine: Cielo della Luna; di Mercurio, di Venere, del Sole, di Marte, di Giove, di Saturno, delle Stelle Fisse, del Primo Mobile (o Cielo Cristallino). Al di là dei cieli c è l Empireo, che vuol dire cielo di fiamma, dove si trova la rosa dei beati, una struttura a forma di anfiteatro, sul gradino più alto della quale sta la Vergine Maria. Dante attraversa i singoli cieli, in ciascuno dei quali gli vanno incontro le anime dei beati. Così Dante incontra nel cielo della Luna gli spiriti che in vita mancarono ai voti per violenza altrui, nel cielo di Mercurio gli spiriti che operarono il bene per conseguire fama e gloria, nel cielo di Venere gli spiriti amanti, nel cielo del Sole gli spiriti sapienti, nel cielo di Marte gli spiriti che combatterono per la fede, nel cielo di Giove gli spiriti giusti, nel cielo di Saturno gli spiriti contemplanti, nel cielo delle Stelle Fisse Dante assiste al trionfo di Cristo e di Maria, nel Primo Mobile ha la prima visione di Dio e dei cori angelici. Al di fuori delle sfere ruotanti c è l Empireo, sede di Dio e dei Beati, che comprende tutto l universo e, pur essendo immobile, comunica direttamente il moto al Primo Mobile e, attraverso questo, a tutti gli altri cieli. Dante nel cammino attraverso i cieli ha come guida Beatrice, simbolo della teologia, la quale poi è sostituita da S. Bernardo, simbolo della contemplazione mistica. La ragione della sostituzione sta nel fatto che, per elevare l anima a Dio, non basta la teologia, ma occorre la contemplazione mistica. La beatitudine del Paradiso In cielo i beati vivono in uno stretto vincolo di amore con Dio. L essenza della carità consiste nell adeguamento della volontà dell amante a quella dell amato e, quindi, in Paradiso non può accadere che ci sia discordanza tra il volere dei beati che vi risiedono e quello del Signore, il quale li ha posti in posizioni diverse corrispondenti ai propri meriti. Pertanto le anime del Paradiso non desiderano una condizione migliore di quella che hanno poiché la carità non permette di desiderare altro se non quello che si ha. I beati si trovano nell impossibilità di concepire desideri che non siano conformi a quelli dell Onnipotente. Dio ha donato ad ogni anima una certa quantità di grazia, ed è in proporzione a questa che essi godono diversi livelli di beatitudine. Gianluigi Caruso 3

4 Canto I Il canto ha una funzione di introduzione all intera cantica; in esso vi è la presentazione dell ambiente esteriore del Paradiso caratterizzato dalla luce e dall armonia, i due termini concreti della beatitudine. Il poeta espone nel proemio il disegno della terza cantica: riferire quanto vedrà nel volo attraverso i nove cieli e l Empireo, fino al suo incontro con Dio (versi 1-12). Conoscendo le difficoltà del tema, invoca Apollo, il dio della poesia, e gli chiede l ispirazione necessaria per conquistare l ambita corona poetica e per portare a termine la parte più difficile della sua Commedia (vv ). Dante si trova ancora sulla vetta del Purgatorio, nel Paradiso Terrestre: è notte nell emisfero boreale, è giorno in quello australe; il Sole invia influssi benefici sulla terra e Beatrice, voltandosi a sinistra verso l oriente, fissa con l intensità dell aquila il sole nascente: dall occhio della sua guida i raggi riflessi del sole colpiscono gli occhi di Dante che si sente trasumanare (= trapasso dall umano al divino) e inizia l ascesa verso le stelle, giungendo in un attimo nella zona in cui la luce del giorno sembra raddoppiata, mentre un armonia inspiegabile gli colpisce l udito. Dante a questo punto non sa se è giunto qui in anima e corpo o soltanto con lo spirito e si rivolge a Beatrice per avere una spiegazione (vv ). Beatrice si rivolge a Dante e lo informa che non è più sulla terra; egli è volato in anima e corpo, superando i leggeri strati dell aria e del fuoco. Ciò è contro le leggi fisiche, ma è possibile per le leggi che regolano l ordine universale. Ogni creatura obbedisce ad una tendenza naturale, istintiva, che la dirige verso il creatore. Tutto è, quindi, sollecitato da questo movimento voluto da Dio per il bene del creato. Gli uomini degni hanno come meta l Empireo, l infinito che avvolge i nove cieli e la terra; l Empireo, immobile, è simbolo della felicità eterna raggiunta nella contemplazione del Creatore, e Dante è qui che si va dirigendo, per naturale impulso che può essere ritardato o annullato in chi si lascia attrarre dai falsi piaceri dei beni del mondo. Il poeta non deve, quindi, meravigliarsi se, ormai purificato, vola verso Dio con la stessa facilità con la quale un ruscello, dalla cima della montagna, scorre verso la valle; desterebbe meraviglia, invece, se egli libero dal peccato fosse rimasto immobile sulla terra. Terminato così il suo ragionamento, Beatrice rivolge lo sguardo verso il cielo (vv ). Canto III Primo cielo: La Luna; Spiriti: mancanti ai voti. I beati del cielo della Luna appaiono come immagini sbiadite attraverso corpi trasparenti, ma Beatrice invita Dante ad intrecciare un dialogo con loro, perché si convinca che si tratta di sostanze reali, capaci di rivelargli le verità apprese da Dio: sono le anime che non portarono a compimento i voti fatti a Dio e, per questo, relegate nel cielo meno degno dei nove, cioè quello della Luna (versi 1-33). Così incoraggiato, Dante si rivolge ad una di esse per sapere chi sia, e per apprendere notizie che riguardano la sua condizione e quella degli altri beati. Risponde Piccarda Donati, Gianluigi Caruso 4

5 fiorentina, sorella di Corso e di Forese, e da lei Dante vuole sapere se sia contenta del grado di beatitudine conferitole da Dio, o se ne desideri uno più alto. Piccarda Donati afferma che è contenta e non è desiderosa di gioia maggiore, poiché la volontà dei beati coincide perfettamente con quella divina, in base al concetto della carità per cui il desiderio delle anime si identifica sempre con quello del Creatore. Dante desidera conoscere quale sia il voto che Piccarda non condusse a termine (vv 34-96), e la beata risponde, ricordando alcuni particolari della sua vita: l ingresso nel monastero delle Clarisse (l ordine monacale fondato da S. chiara); il forzato ritorno alla vita normale cui fu costretta dalla violenza usatale dal fratello Corso e dal futuro marito Rossellino della Tosa; il nostalgico e vano rimpianto della pace claustrale e un esistenza sgradita che ruppe il suo voto di castità. Piccarda indica, poi, a Dante l anima più gloriosa del primo cielo: Costanza d Altavilla, nuora di Federico Barbarossa, sposa di Arrigo VI, madre di Federico II di Svevia. Anche l imperatrice Costanza, come Piccarda, fu spinta dalla volontà altrui ad abbandonare il ritiro del chiostro. Piccarda, infine, si allontana, al canto dell Ave Maria, e svanisce lentamente, seguita con desiderio dall occhio del poeta affascinato dalla sua grazia. Dante aveva tentato invano di rivolgere la parola a Beatrice all inizio del canto, ma era stato distratto dall apparire delle anime; quindi prova a rivolgersi nuovamente a lei, per manifestare alcuni suoi dubbi, ma la luce abbagliante che si diffonde dall occhio della beata fa ritardare di nuovo la domanda che il poeta voleva rivolgerle (vv ). Il personaggio di Piccarda costituisce il centro di un quadro a cui fanno da cornice altre anime, le quali hanno ancora qualche cosa di umano, conservano ancora vivo il ricordo della loro vita terrena e sentono ancora l amarezza di non aver compiuto i loro voti. Questa è una della caratteristiche più rilevanti del canto poiché la materia teologica si mescola con il sentimento umano. Canto VI Cielo: Mercurio; Spiriti: Operanti il bene per desiderio di gloria. Attraverso la solennità del canto, Dante esalta l ideale politico della monarchia universale voluta e attuata dalla provvidenza divina attraverso i grandi condottieri, difensori della giustizia che è madre di tutte le virtù. Nel canto Giustiniano diventa il simbolo di questa politica teocratica. Dante rievoca la saggezza amministrativa di Roma e le sue miracolose opere di conquista. La storia sconfina nell epica, fin dall inizio della narrazione: a circa due secoli dal trasferimento della sede imperiale da Roma a Costantinopoli, l aquila, nelle mani di Giustiniano, seguitò a governare il mondo; la prima opera di Giustiniano, ispirata a Dio, è la redazione del codice delle leggi romane per il mantenimento dell ordine civile nel mondo, dopo aver affidato il comando degli eserciti al generale Belisario che, come lui, ebbe l assistenza di Dio nelle sue imprese militari. Sempre avvolto completamente dalla luce, Giustiniano si professa erede del trono di Costantinopoli, a 197 anni da quando Costantino vi trasferì la capitale dell impero; prima di dedicarsi al riordinamento del Codice romano, inizia la gloriosa narrazione delle gesta compiute dall Aquila romana nella conquista del mondo, sotto la manifesta Gianluigi Caruso 5

6 protezione di Dio, nell esaltazione delle imprese belliche operate dalla Monarchia più potente della storia di ogni età. Affidati gli affari della guerra al generale Belisario, Giustiniano si dedica ad attività pacifiche, ma, ricordando la sua passata qualità di imperatore, vuole che Dante ascolti dalla sua voce la rapida rassegna dei momenti più esaltanti delle conquiste di Roma (vv. 1-33). Tra mito e storia, eccone la narrazione: la morte di Pallante caduto in battaglia, con la quale Dante apre la schiera degli eroi che si sacrificano per attuare i disegni divini; la storia seguita a confondersi con la leggenda, come vuole il costume dell epica, nell impresa degli Orazi e Curiazi, nel ratto delle Sabine, nella fine della monarchia, che conclude il primo ciclo delle conquiste assicurate dall Aquila sulle popolazioni limitrofe. Prosegue ricordando lo scontro con i Galli, con Pirro e le vittorie riportate; qui il tono si innalza per celebrare la vittoria su Cartagine. Poi i trionfi di Pompeo e di Scipione che vennero propiziati dall Aquila che provvide anche a porre fine alle guerre intestine, con la sconfitta di Catilina. In un posto di rilievo riappare Cesare e le sue imprese prodigiose in Gallia, a Farsalo, in Africa e in tutta la valle mediterranea; poi le lotte tra Augusto e Antonio, concluse con la vittoria di Azio e la riunificazione dell impero; l inizio della Pax Augusta (l era della pace che ebbe inizio con l assunzione di ogni potere da parte di Ottaviano); la crocifissione di Cristo; la distruzione di Gerusalemme operata da Tito; continuano a sfilare i fatti della storia anche dopo la morte di Giustiniano nelle imprese di Carlo Magno, difensore della Chiesa contro i Longobardi e fondatore del Sacro Romano Impero. A tante glorie, Giustiniano oppone la tracotanza dei re di Francia che vogliono sostituire la bandiera universale di Roma con quella della loro nazione, e l ingiustizia dei Ghibellini che intendono commettere i loro soprusi, all ombra dell Aquila. Le colpe dei guelfi e dei ghibellini appaiono in tutta la loro mostruosa responsabilità, ma a loro è annunciata la vendetta di Dio (vv ). Giustiniano rivela, poi, a Dante che i beati del cielo di Mercurio, avendo in vita proposto l amore di Dio ai beni terreni, hanno un minor grado di felicità, ma sono ugualmente lieti, perché vedono la perfetta rispondenza tra i loro meriti e la ricompensa avuta da Dio (vv ). A questo punto Giustiniano rende onore al magnanimo Romeo da Villanova, fedele amministratore dei beni di Raimondo Beringhieri che, ingrato, dando credito alle calunnie dei cortigiani, bandì il vecchio e fedele servitore, costringendolo agli stenti di una vita raminga. In Romeo, Dante onora se stesso, perché, come lui, si considera colpito dall ingratitudine di coloro al bene dei quali aveva dedicato le sue migliori energie. In questo episodio che conclude il canto risuona dolente la voce dell innocente condannato all esilio. (vv ). Paradiso Canto XV Quinto cielo: Marte Spiriti: Militanti Tacciono gli spiriti per consentire a Dante di parlare, e uno di essi si rivolge a Dante, con l affetto con cui Anchise accolse Enea nei Campi Elisi, con un saluto in lingua latina. Dante affettuosamente ringrazia lo spirito che lo ha accolto con tanto calore, pregandolo di rivelarglisi. È Cacciaguida, il trisavolo del poeta al quale raccomanda di procurare suffragi per l anima del figlio Alighiero primo, che da più di un secolo espia trai superbi, in Purgatorio, il peccato di superbia; si abbandona poi al nostalgico rimpianto della Firenze dei suoi tempi, allietata dalla pace, chiusa in una modesta Gianluigi Caruso 6

7 cerchia di mura; loda la pudicizia della donne di quell età, la sana moralità dei concittadini, la sobrietà dei signori, la sottomissione delle figlie alla volontà dei genitori, l affettuosa cura delle mamme e delle nonne per i piccoli, la pace serena nell intimità delle famiglie, quando non si vedevano donne scostumate o disonesti politicanti, ma frequenti erano gli esempi di uomini saggi, di madri virtuose. Cacciaguida benedice, poi, la sua fortunata nascita nella piccola città di Firenze, il battesimo ricevuto nell antico battistero di S. Giovanni; ricorda sua moglie, Aldighiera, venuta dalle valle padana: da lei, il cognome passato, poi, a tutti i discendenti (vv. 1-96). Al seguito dell imperatore Corrado III di Svevia, Cacciaguida partecipò alla seconda crociata; si comportò da eroe, tanto di meritare il titolo di cavaliere, e cadde combattendo contro gli infedeli. Dal volontario martirio, il bene eterno: la pace del Paradiso, dopo una vita spesa nelle opere proficue in tempo di pace e nel lieto olocausto di una morte trionfale (vv ). La morte è per Cacciaguida una liberazione attesa con spirito cristiano. Canto XVII Quinto cielo: Marte Spiriti: Militanti Dante desidera conoscere, finalmente, i particolari dell esilio annunciatogli già sette volte durante il suo viaggio attraverso l Inferno e il Purgatorio. Cacciaguida glieli rivela: il bando sarà procurato dagli ingrati fiorentini che colpiranno in lui l amministratore onesto, incapace di compromessi, vigile nell assicurare a tutti la giustizia. Dante lascerà la famiglia, gli amici e, nella dolorosa corsa in cerca di ospitalità, dovrà subire tutte le umiliazioni riservate alle anime generose. Egli sarà accolto nella corte degli Scaligeri a Verona. Il dolore più grande sarà costituito dagli stessi compagni di sventura che, insensibili ai saggi consigli di Dante, subiranno sconfitte irreparabili. Cacciaguida esorta il pronipote a non nutrire odio verso i nemici sui quali pende la punizione di Dio, mentre una lunga gloria compenserà gli affanni dell iniquo bando (vv.1-99). Dante, perplesso circa la condotta da tenere durante l esilio, chiede a Cacciaguida come deve comportarsi nella sua funzione di poeta morale e civile. Nel suo viaggio attraverso l Inferno, il Purgatorio, il Paradiso, fino ad allora visitati, ha appreso particolari spiacevoli nei riguardi di molti potenti. Dovrà nasconderli o rivelarli per assicurarsi con questo atto di coraggio la fama presso i posteri? Cacciaguida risponde: colpisci il vizio, dovunque appaia, e lascia che si vergogni chi tu avrai biasimato per le colpe commesse. Con questa singolare lezione di civile coraggio, Cacciaguida pone fine al XVII canto (vv ). Gianluigi Caruso 7

DIVINA COMMEDIA Opera elaborata da Dante tra il 1304 (o 1306) e il 1320-1321, la Divina Commedia appartiene al genere letterario dei poemi allegorico-didascalici che si propongono una funzione educativa

Dettagli

Opere di Dante. Convivio E un opera nella quale Dante esalta la filosofia e la sapienza. E composto da prose e poesie.

Opere di Dante. Convivio E un opera nella quale Dante esalta la filosofia e la sapienza. E composto da prose e poesie. Contesto storico L epoca in cui vive Dante (XIII secolo) è caratterizzata da profonde contraddizioni e contrasti tra le tre grandi forze che dominano l Europa: il papato, l impero e i Comuni. La Chiesa

Dettagli

LA DIVINA COMMEDIA Prof.ssa Bosisio

LA DIVINA COMMEDIA Prof.ssa Bosisio LA DIVINA COMMEDIA Prof.ssa Bosisio È UN OPERA FONDAMENTALE DELLA LETTERATURA ITALIANA: Si fondono (uniscono) in una sintesi straordinaria tutti gli aspetti del sapere medievale. Affronta temi e argomenti

Dettagli

La Divina Commedia. Genesi politico religiosa. Fondamenti filosofici. Visione medievale e preumanistica. Impianto allegorico del poema

La Divina Commedia. Genesi politico religiosa. Fondamenti filosofici. Visione medievale e preumanistica. Impianto allegorico del poema La Divina Commedia Genesi politico religiosa Antecedenti culturali Fondamenti filosofici Visione medievale e preumanistica Impianto allegorico del poema La concezione figurale Titolo, stile, plurilinguismo

Dettagli

La letteratura italiana nel XVI secolo

La letteratura italiana nel XVI secolo La letteratura italiana nel XVI secolo La rivoluzione culturale dell Umanesimo nella seconda metà del XV secolo si sviluppa con il Rinascimento nel XVI secolo. La principale aspirazione in questo periodo

Dettagli

IIS CHINO CHINI - BORGO SAN LORENZO PROGRAMMA SVOLTO - ANNO SCOLASTICO

IIS CHINO CHINI - BORGO SAN LORENZO PROGRAMMA SVOLTO - ANNO SCOLASTICO IIS CHINO CHINI - BORGO SAN LORENZO PROGRAMMA SVOLTO - ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Docente _Poli Chiaretta Maria Materia LIANO Classe _3AA Indirizzo SOCIO-SANRIO 1. ARGOMENTI /MODULI SVOLTI PREVISTI DAL

Dettagli

LITANIE MARIANE DOMENICANE. Signore, abbi pietà di noi. Cristo, abbi pietà di noi. Signore, abbi pietà di noi. Cristo, abbi pietà di noi

LITANIE MARIANE DOMENICANE. Signore, abbi pietà di noi. Cristo, abbi pietà di noi. Signore, abbi pietà di noi. Cristo, abbi pietà di noi LITANIE MARIANE DOMENICANE Signore, abbi pietà di noi Cristo, abbi pietà di noi Signore, abbi pietà di noi Cristo, abbi pietà di noi Cristo, ascoltaci Cristo esaudiscici Padre celeste, Dio, abbi misericordia

Dettagli

Dante Alighieri. La vita e le idee

Dante Alighieri. La vita e le idee Dante Alighieri La vita e le idee La vita Poche sono le notizie certe Nasce a Firenze tra il 14 maggio e il 13 giugno 1265 La famiglia appartiene alla piccola nobiltà cittadina 1277: a soli 12 anni è promesso

Dettagli

IL LIBRO DELL APOCALISSE LA CROCE DI CRISTO COME TRIONFO

IL LIBRO DELL APOCALISSE LA CROCE DI CRISTO COME TRIONFO IL LIBRO DELL APOCALISSE Nonostante non sia di facile comprensione ha fatto riflettere tutti noi sulla morte e risurrezione del Signore. Siamo invitati a volgere il nostro sguardo al Trono del Dio, là,

Dettagli

L età cortese XI-XIII secolo. Pearson Italia S.p.a.

L età cortese XI-XIII secolo. Pearson Italia S.p.a. L età cortese XI-XIII secolo Cultura e mentalità in Francia verso la fine dell XI secolo rafforzamento della cavalleria esigenza di una nuova produzione letteraria in lingua volgare cavalleria: classe

Dettagli

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10

L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 L ANNUNCIO DI PASQUA Luca 24, 1-10 Arcabas - Chiesa della Risurrezione - Comunità Nazareth - Torre de Roveri (Bg) Buio e luce Di buon mattino.... Sul fondo della valle la notte lotta contro il giorno.

Dettagli

PROGRAMMA DI LETTERATURA ITALIANA Classe III H a. s / 2014 prof. ssa Marina Lorenzotti M. Sambugar, G. Salà LETTERATURA 1 SEZIONE 1 : IL

PROGRAMMA DI LETTERATURA ITALIANA Classe III H a. s / 2014 prof. ssa Marina Lorenzotti M. Sambugar, G. Salà LETTERATURA 1 SEZIONE 1 : IL PROGRAMMA DI LETTERATURA ITALIANA Classe III H a. s.20123 / 2014 prof. ssa Marina Lorenzotti M. Sambugar, G. Salà LETTERATURA 1 SEZIONE 1 : IL MEDIOEVO IL CONTESTO STORICO E POLITICO IL MEDIOEVO: La definizione

Dettagli

15 AGOSTO ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA AL CIELO.

15 AGOSTO ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA AL CIELO. 15 AGOSTO ASSUNZIONE DELLA BEATA VERGINE MARIA AL CIELO. La celebrazione dell Assunzione al cielo di Maria nella Chiesa occidentale o della Dormizione della Vergine nella Chiesa orientale, ricorda ai cristiani

Dettagli

1 Novembre - TUTTI I SANTI

1 Novembre - TUTTI I SANTI 1 Novembre - TUTTI I SANTI Oggi la Chiesa celebra la solennità di Ognissanti. Tale solennità ci invita a fare memoria non solo dei santi riportati nel calendario ma ricorda che ciascuno di noi è in cammino

Dettagli

Attività di potenziamento e recupero

Attività di potenziamento e recupero Attività di potenziamento e recupero 9. Una Legge d amore Una Legge d amore (attività e verifiche) 1 ATTIVITA DI POTENZIAMENTO Utilizzando un motore di ricerca di internet prova a consultare siti della

Dettagli

I.T.I. Giordani Caserta

I.T.I. Giordani Caserta I.T.I. Giordani Caserta Prof.ssa De Iorio Rosaria Programma di Italiano A.S. 2014/2015 Classe 3^A T.L. IL MEDIOEVO Il contesto storico e politico La rinascita delle città e la fioritura comunale in Italia

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO STATALE "ARTURO FERRARIN" CATANIA

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO STATALE ARTURO FERRARIN CATANIA Anno Scolastico 2015-2016 PROGRAMMA ITALIANO CLASSE III E Prof. ssa Alberti Rosa Testo: La Letteratura, Dalle origini al Cinquecento Autori: G: Barberi Squarotti, G. Balbis, G. Genghini IL MEDIOEVO Capitolo

Dettagli

BENVENUTO IO HO UNA GIOIA NEL CUORE

BENVENUTO IO HO UNA GIOIA NEL CUORE Marina di Carrara, 12 ottobre 2014 BENVENUTO Benvenuto benvenuto, benvenuto a te! (x2) Se guardo nei tuoi occhi, io vedo che... l'amore ci unisce nel Signore. (x2) IO HO UNA GIOIA NEL CUORE Io ho una gioia

Dettagli

Novena all Immacolata Concezione si recita dal 29 novembre al 7 dicembre o per nove giorni consecutivi, in ogni momento di necessità

Novena all Immacolata Concezione si recita dal 29 novembre al 7 dicembre o per nove giorni consecutivi, in ogni momento di necessità Novena all Immacolata Concezione si recita dal 29 novembre al 7 dicembre o per nove giorni consecutivi, in ogni momento di necessità primo giorno Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

Dettagli

La Vocazione. Preghiera Ma.Gi. del 21 ottobre 2016

La Vocazione. Preghiera Ma.Gi. del 21 ottobre 2016 Preghiera Ma.Gi. del 21 ottobre 2016 La Vocazione Iniziamo il percorso di preghiera 2016-2017 della Fraternità dei Ma.Gi., seguendo il tema delle vocazioni; religiose, sacerdotali, familiari, rispondono

Dettagli

Violetta di campo. È il canto della violetta, non lasciamolo solo il dolore dell uomo

Violetta di campo. È il canto della violetta, non lasciamolo solo il dolore dell uomo Violetta di campo È il canto della violetta, non lasciamolo solo il dolore dell uomo Le immagini sono state realizzate dalla stessa autrice. Giannina Meloni VIOLETTA DI CAMPO È il canto della violetta,

Dettagli

CREDO IN CREDO LA PROFESSO ASPETTO DIO PADRE UN SOLO CREATORE GESU CRISTO SIGNORE SALVATORE SPIRITO SANTO VIVIFICANTE PARLATORE CHIESA

CREDO IN CREDO LA PROFESSO ASPETTO DIO PADRE UN SOLO CREATORE GESU CRISTO SIGNORE SALVATORE SPIRITO SANTO VIVIFICANTE PARLATORE CHIESA DIO PADRE UN SOLO CREATORE CREDO IN GESU CRISTO SIGNORE SALVATORE SPIRITO SANTO VIVIFICANTE PARLATORE CREDO LA CHIESA UNA CATTOLICA SANTA APOSTOLICA PROFESSO UN SOLO BATTESIMO LA RISURREZIONE DEI MORTI

Dettagli

I canti del Messale Ambrosiano. Comune dei santi

I canti del Messale Ambrosiano. Comune dei santi IX Giornata Diocesana per Responsabili dei Gruppi Liturgici 6/11/2010 I canti del Messale Ambrosiano. Comune dei santi All ingresso (Cantemus Domino 372) Don Cesare Pavesi Hanno fondato e amato la Chiesa

Dettagli

Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il

Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il Pregare il Rosario, è cogliere dal giardino del proprio cuore delle belle rose per offrirle a Maria. Questo opuscolo ha lo scopo di aiutare il bambino a pregare il Rosario in famiglia. 36 1 Credo in un

Dettagli

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^

R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ R E L I G I O N E C A T T O L I C A C L A S S E 1 ^ OBIETTIVI FORMATIVI Osservare e scoprire nel mondo i segni di una presenza divina. Riconoscere l importanza delle ricorrenze religiose nella vita degli

Dettagli

Sesto incontro Oggi vi parlerò del rito del Battesimo. Il battezzando viene accolto nella famiglia di Dio di cui entrerà a far parte. Il ministro chiede ai genitori il nome che gli vogliono dare. Con il

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO CLIC SUL MONDO

PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO CLIC SUL MONDO PROGETTO EDUCATIVO-DIDATTICO CLIC SUL MONDO Anno scolastico 2013-2014 Perché questo progetto? Per il semplice motivo che l amicizia rimane uno dei valori più nobili dell essere umano. L uomo è per sua

Dettagli

Francesco Petrarca

Francesco Petrarca Francesco Petrarca 1304-1374 Nacque ad Arezzo da una famiglia fiorentina; successivamente per motivi politici essa fu costretta all esilio presso Carpentras, ad Avignone (Francia), al tempo in cui risiedeva

Dettagli

OMELIA : NOTTE DI NATALE

OMELIA : NOTTE DI NATALE OMELIA : NOTTE DI NATALE Che cosa significa essere qui? Ognuno può dare la sua risposta però la risposta vera è una sola. Il natale è contemporaneamente la grandezza di Dio e la sua benevola vicinanza

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SECONDA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SECONDA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SECONDA UNITÀ Dio Padre è sempre con noi Non siamo mai soli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Nella fatica sei con noi, Signore Leggi il catechismo

Dettagli

II DOMENICA DOPO NATALE

II DOMENICA DOPO NATALE II DOMENICA DOPO NATALE PRIMA LETTURA Dal libro del Siracide (24,1-4.12-16) La sapienza fa il proprio elogio, in Dio trova il proprio vanto, in mezzo al suo popolo proclama la sua gloria. Nell assemblea

Dettagli

[194] INDICE 68. Preghiera alla Celeste Regina per ogni giorno del mese di Maggio.

[194] INDICE 68. Preghiera alla Celeste Regina per ogni giorno del mese di Maggio. APPENDICE - Indice del manoscritto 155 [194] INDICE 68 Preghiera alla Celeste Regina per ogni giorno del mese di Maggio. 1º GIORNO della Divina Volontà. Il primo passo della Divina Volontà nell Immacolato

Dettagli

Breve introduzione alla Commedia di Dante. Lezioni d'autore

Breve introduzione alla Commedia di Dante. Lezioni d'autore Breve introduzione alla Commedia di Dante Lezioni d'autore Parole Commedia: secondo il sistema classico dei generi letterari, la commedia è un opera che presenta un inizio difficile, talvolta tragico,

Dettagli

QUARTA DOMENICA DI AVVENTO (ANNO C)

QUARTA DOMENICA DI AVVENTO (ANNO C) QUARTA DOMENICA DI AVVENTO (ANNO C) Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Viola Introduzione La quarta domenica di Avvento, per la sua vicinanza al Natale, ci invita a capire fino in fondo

Dettagli

PREGHIERA EUCARISTICA III

PREGHIERA EUCARISTICA III PREGHIERA EUCARISTICA III Il sacerdote, con le braccia allargate, dice: CP Padre veramente santo, a te la lode da ogni creatura. Per mezzo di Gesù Cristo, tuo Figlio e nostro Signore, nella potenza dello

Dettagli

LE ORIGINI DELLA LETTERATURA VOLGARE

LE ORIGINI DELLA LETTERATURA VOLGARE LE ORIGINI DELLA LETTERATURA VOLGARE La cultura in Europa tra il VI e l XI secolo ALTO MEDIOEVO SECC. VI - X Tratti fondamentali della società in Europa Conseguenze culturali Spezzettamento dell unità

Dettagli

OMELIA SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI

OMELIA SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI OMELIA SOLENNITA' DI TUTTI I SANTI Nel Vangelo di Matteo Gesù agli inizi della sua attività pubblica vuole far conoscere a coloro che lo ascoltano che cosa vuole donare all umanità. Quello che abbiamo

Dettagli

GIOVANNI Boccaccio. Contesto Storico Cenni Biografici Opere e Caratteristiche

GIOVANNI Boccaccio. Contesto Storico Cenni Biografici Opere e Caratteristiche GIOVANNI Boccaccio Contesto Storico Cenni Biografici Opere e Caratteristiche Introduzione e contesto storico Dante Alighieri, Francesco Petrarca e Giovanni Boccaccio operano in Italia in quasi un secolo;

Dettagli

PREGHIERA DEL MATTINO

PREGHIERA DEL MATTINO PREGHIERA DEL MATTINO Segno della Croce Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen Ti adoro 1 / 7 Ti adoro o mio Dio, Ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE (Indicazioni per il curricolo, Roma, settembre 2012) L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita

Dettagli

AVE, GRATIA PLENA! CONOSCERE E FAR CONOSCERE. Ave, gratia plena! Salve, o Regina!

AVE, GRATIA PLENA! CONOSCERE E FAR CONOSCERE. Ave, gratia plena! Salve, o Regina! TESTI DEI CANTI AVE, GRATIA PLENA! Ave, gratia plena! Salve, o Regina! Freddi come il ghiaccio sono per te i cuori di noi, miseri figli di Adamo. Non c è trono umano che possa esser degno di te, tanto

Dettagli

RELIGIONE: PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE: PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE: PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA - RICONOSCERE CHE PER I CRISTIANI E TANTI CREDENTI IL MONDO E LA VITA SONO DONI DI DIO. - OSSERVARE CON STUPORE E MERAVIGLIA IL MONDO. - SCOPRIRE

Dettagli

17. Canto XVII 17.1 I personaggi 17.2 I temi principali. 18. Canto XVIII 18.1 I personaggi 18.2 I temi principali

17. Canto XVII 17.1 I personaggi 17.2 I temi principali. 18. Canto XVIII 18.1 I personaggi 18.2 I temi principali Riassunti del Paradiso Riassunto dal I al XXXIII capitolo del Paradiso con annesse descrizioni dei personaggi e richiamo finale dei temi principali, in modo che il lettore possa farsi una rapida idea sull'argomento

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola dell'infanzia

Programmazione Didattica Scuola dell'infanzia Programmazione Didattica Scuola dell'infanzia Istitituti Comprensivi 15 e 17 di Bologna a.s. 2015-2016 Ins. Cice Maria Rosa Le attività in ordine all insegnamento della Religione Cattolica, per coloro

Dettagli

Verifica di italiano

Verifica di italiano Verifica di italiano Cognome Nome Classe Data Rispondere alle seguenti domande scegliendo una sola risposta: 1. L età del Romanticismo è: tra la fine del secolo X e la metà del secolo XIX tra la fine del

Dettagli

ATTO PENITENZIALE Con fiducia e umiltà presentiamo al Signore la nostra vita e quella dei defunti, perché egli perdoni i nostri e i loro peccati.

ATTO PENITENZIALE Con fiducia e umiltà presentiamo al Signore la nostra vita e quella dei defunti, perché egli perdoni i nostri e i loro peccati. INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE È un giorno mesto il 2 novembre, ma non è un giorno triste. È mesto per il ricordo dei nostri cari defunti, ma non è triste se guidato dalla fiducia nel Signore risorto e

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE

INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE Sorelle e fratelli, perché siamo venuti nella notte, per celebrare questa Veglia? Per cantare ancora una volta la Pasqua del Signore Gesù, il suo passaggio dalla morte alla

Dettagli

PROGRAMMA DI RELIGIONE CLASSI QUARTE ANNO SCOLASTICO 2015/16 AREA STORICO-FENOMENOLOGICO

PROGRAMMA DI RELIGIONE CLASSI QUARTE ANNO SCOLASTICO 2015/16 AREA STORICO-FENOMENOLOGICO CLASSI QUARTE ANNO SCOLASTICO 2015/16 AREA STORICO-FENOMENOLOGICO L UOMO E IL SACRO La Vocazione Missionaria della Chiesa. Il rinnovamento spirituale. Cristianesimo senza confini. Il cristianesimo nelle

Dettagli

Litanie di Gesù. Ecco la prima Litania di Gesù all Umanità (1)- Protezione contro il Falso Profeta.

Litanie di Gesù. Ecco la prima Litania di Gesù all Umanità (1)- Protezione contro il Falso Profeta. Litanie di Gesù Ecco la prima Litania di Gesù all Umanità (1)- Protezione contro il Falso Profeta. Carissimo Gesù, salvaci dall inganno del Falso Profeta. Gesù, abbi pietà di noi. Gesù salvaci dalla persecuzione.

Dettagli

Carlo Magno, il Sacro romano impero e il feudalesimo

Carlo Magno, il Sacro romano impero e il feudalesimo la nostra proposta didattica del mese Unità di apprendimento semplificata con glossario, schemi ed esercizi che facilitano l apprendimento A cura di Emma Mapelli Carlo Magno, il Sacro romano impero e il

Dettagli

Omelia Messa Capodanno 2016

Omelia Messa Capodanno 2016 Omelia Messa Capodanno 2016 1. Buon Anno! Carissimi figli, celebriamo un mistero grande: Dio ha scelto di assumere un corpo, di entrare nella storia umana, prendendo la nostra carne. Si è fatto piccolo

Dettagli

QUANDO NASCE IL PRIMO RACCONTO DELLA CREAZIONE?

QUANDO NASCE IL PRIMO RACCONTO DELLA CREAZIONE? QUANDO NASCE IL PRIMO RACCONTO DELLA CREAZIONE? Nel racconto del primo capitolo della Genesi (Gen 1-2,4a) il creatore del mondo non è una divinità pagana ma il Dio d Israele. Egli è il Dio di Abramo, di

Dettagli

Questa tua parola non avrà mai fine,ha varcato i cieli e porterà il suo frutto.

Questa tua parola non avrà mai fine,ha varcato i cieli e porterà il suo frutto. AVE MARIA (BALDUZZI/CASUCCI) Donna del presente e madre del ritorno / Donna della terra e madre dell amore / Donna dell attesa e madre di speranza / Donna del sorriso e madre del silenzio / Ave Maria,

Dettagli

Convento-Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Squinzano-

Convento-Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Squinzano- Convento-Parrocchia Santa Maria delle Grazie - Squinzano- . IL COMANDAMENTO DELL AMORE Ama il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutta la forza. Ama il prossimo tuo come te stesso.

Dettagli

Liceo G. Galilei Trento

Liceo G. Galilei Trento Liceo G. Galilei Trento PIANI DI STUDIO IRC - INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA - Unità orarie settimanali 1^biennio 2^biennio 5^anno Classi 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Indirizzo Doppia lingua 1 1 1 1 1 Indirizzo

Dettagli

Litania di suffragio

Litania di suffragio Litania di suffragio La Litania che può essere usata nella processione dalla chiesa al cimitero nella solennità dei Santi, il 1 novembre. Si inizia in chiesa con il canto dei vespri, si fa la processione

Dettagli

Scuola di Formazione Teologica San Pier Crisologo Ravenna. Introduzione

Scuola di Formazione Teologica San Pier Crisologo Ravenna. Introduzione Scuola di Formazione Teologica San Pier Crisologo Ravenna Introduzione alla Sacra Scrittura appunti per gli studenti a cura del prof. don Gianni Passarella anno 2011/2012 I LEZIONE L ignoranza delle Scritture

Dettagli

San Benedetto da Norcia e il monachesimo

San Benedetto da Norcia e il monachesimo San Benedetto da Norcia e il monachesimo Il monachesimo fin dalle origini è conosciuto come una forma di vita ispirata alla ricerca della felicità. Ci sono diverse forme di monachesimo nella storia dell

Dettagli

Tanto gentile e tanto onesta pare Dante, La vita nova ( )

Tanto gentile e tanto onesta pare Dante, La vita nova ( ) Tanto gentile e tanto onesta pare Dante, La vita nova (1293-1295) Tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia quand ella altrui saluta, ch ogne lingua deven tremando muta, e li occhi no l ardiscon di

Dettagli

5 gennaio Liturgia del giorno

5 gennaio Liturgia del giorno 5 gennaio 2014 - Liturgia del giorno Inviato da teresa Sunday 05 January 2014 Ultimo aggiornamento Sunday 05 January 2014 Parrocchia Immacolata Venosa Prima LetturaSir 24,1-4.12-16 (NV) [gr. 24,1-2.8-12]

Dettagli

E.G.W. (Historia de la Redención, cap. 3, p 26)

E.G.W. (Historia de la Redención, cap. 3, p 26) LEZIONE 2 DELLA SCUOLA DEL SABATO CRISI COSMICA: LA FRANTUMAZIONE DELL ORDINE PER SABATO 11 OTTOBRE 2008 Fu un essere creato Era il sigillo della perfezione Pieno di saggezza Pieno di bellezza Vestito

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE: COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA, COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE

RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE: COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA, COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE: COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA, COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE, CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Traguardi delle competenze L alunno: Riconosce che la Bibbia

Dettagli

PENSIERO FILOSOFICO E PENSIERO BIBLICO: RECIPROCHE INFLUENZE

PENSIERO FILOSOFICO E PENSIERO BIBLICO: RECIPROCHE INFLUENZE PENSIERO FILOSOFICO E PENSIERO BIBLICO: RECIPROCHE INFLUENZE Punti di contatto della filosofia ellenistica con il pensiero biblico La filosofia si presenta come itinerario di saggezza. Il vero sapere deve

Dettagli

DISCIPLINA: Religione Cattolica

DISCIPLINA: Religione Cattolica CLASSE PRIMA DISCIPLINA: Religione Cattolica SCUOLA PRIMARIA COMPETENZE INDICAZIONI SINTETICA DI TEMI (CONTENUTI) O ARGOMENTI TRATTATI 1. Individuare ed esplicitare le domande di senso comuni agli uomini.

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE

INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE INTRODUZIONE ALLA CELEBRAZIONE Sorelle e fratelli, ci raduniamo in assemblea all inizio del nuovo anno che vogliamo porre sotto lo sguardo benedicente del Signore che nell incarnazione ha voluto condividere

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it. PRIMA LETTURA Tutti i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio.

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it. PRIMA LETTURA Tutti i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio. NATALE DEL SIGNORE Alla Messa del giorno PRIMA LETTURA Tutti i confini della terra vedranno la salvezza del nostro Dio. Dal libro del profeta Isaìa 52, 7-10 Come sono belli sui monti i piedi del messaggero

Dettagli

Dante Alighieri. La Commedia II C

Dante Alighieri. La Commedia II C Dante Alighieri La Commedia STRUTTURA 14.223 endecasillabi in 100 canti 3 cantiche di 33 canti l una (+ 1 introduttivo) metro: terzina a rima incatenata ABA-BCB-CDC simmetria costruita sulla combinazione

Dettagli

U.d.A. RELIGIONE CATTOLICA

U.d.A. RELIGIONE CATTOLICA U.d.A. 1, 2, 3, 4, 5, CLASSE PRIMARIA "G. Calò" - "Marinaio d'italia" A. sc. 2016/2017 Le insegnanti: Blasi Giovanna Rebecca Cagnazzo Luigina Lamendola Anna Rita AMICO MONDO CLASSI PRIMA PRIMARIA Ottobre

Dettagli

UN TERMINE RELIGIOSO

UN TERMINE RELIGIOSO UN TERMINE RELIGIOSO Il termine martire deriva dal greco martus : il testimone. Fin dall antichità, per il cristianesimo il martire è colui che ha testimoniato con il sacrificio della propria vita la fede

Dettagli

MESSIANISMO NEI SALMI REGALI

MESSIANISMO NEI SALMI REGALI MESSIANISMO NEI SALMI REGALI SALMO 2 1. Occasione storica rituale della incoronazione (proclamazione del decreto divino di adozione v.7). La successione regale è frutto di tumulti tra i vassalli (v.3).

Dettagli

SCIENZA E FEDE un dialogo possibile

SCIENZA E FEDE un dialogo possibile Le difficoltà del passato: La fede vedeva nella scienza la volontà dell uomo e della sua ragione di fare a meno Di Dio... SCIENZA E FEDE un dialogo possibile La scienza vedeva nella fede qualcosa di primitivo

Dettagli

ANTICO TESTAMENTO CRISTIANO

ANTICO TESTAMENTO CRISTIANO ANTICO TESTAMENTO CRISTIANO È il modo con cui, a partire dal II secolo, sono state definite le Scritture ebraiche, viste come un anticipazione profetica della venuta di Cristo. Il termine Antico Testamento

Dettagli

Il Cinquecento: a) Situazione politica

Il Cinquecento: a) Situazione politica Il Cinquecento: a) Situazione politica A1- Italia - Re di Francia Carlo VIII con appoggio Ludovico il Moro scende in Italia. Non incontra resistenze e arriva a Napoli. (1494) - Lega antifrancese - Ritirata

Dettagli

Attività di potenziamento e recupero. 1. Chi sono gli uomini che Gesù chiama attorno a sé all inizio della sua predicazione?

Attività di potenziamento e recupero. 1. Chi sono gli uomini che Gesù chiama attorno a sé all inizio della sua predicazione? Attività di potenziamento e recupero 5. La Chiesa La Chiesa (attività e verifiche) 1 ATTIVITA DI POTENZIAMENTO Disegna su un cartellone la cartina del tuo paese o della tua città indicando le chiese più

Dettagli

Parte IV. Sistematica

Parte IV. Sistematica Parte IV. Sistematica I. Introduzione generale. II. Il mistero di Dio nella Sacra Scrittura III. Il Mistero di Dio nella Tradizione della Chiesa IV. Presentazione sistematica V. Conclusione: Maria e la

Dettagli

Scintille d amore... Come può il mondo continuare a vivere senza Cristina?

Scintille d amore... Come può il mondo continuare a vivere senza Cristina? Scintille d amore... Come può il mondo continuare a vivere senza Cristina? Enzo Casagni SCINTILLE D AMORE... Come può il mondo continuare a vivere senza Cristina? Diario autobiografico www.booksprintedizioni.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A. Scuola Primaria Classe 4^ - sez.

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A. Scuola Primaria Classe 4^ - sez. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 4^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Devozione al Sacro Cuore di Gesù

Devozione al Sacro Cuore di Gesù Opera Familia Christi Devozione al Sacro Cuore di Gesù Preghiera per il mese di giugno Preghiera iniziale da recitarsi insieme: Io ti saluto, o sacro Cuore di Gesù, fonte ardente della vita eterna, tesoro

Dettagli

Il mito della caverna

Il mito della caverna Il mito della caverna PERCHE USARE IL MITO? Come evocazione: rende più affascinante il concetto filosofico. Come spiegazione là dove la ragione e la filosofia non riescono a rispondere. IL MITO DELLA CAVERNA

Dettagli

Il Cinquecento rappresenta un momento decisivo per la cultura europea, che inizia a emanciparsi dalla secolare egemonia esercitata dalla chiesa sulla

Il Cinquecento rappresenta un momento decisivo per la cultura europea, che inizia a emanciparsi dalla secolare egemonia esercitata dalla chiesa sulla Il Cinquecento rappresenta un momento decisivo per la cultura europea, che inizia a emanciparsi dalla secolare egemonia esercitata dalla chiesa sulla vita politica e culturale. Questo processo si avvia

Dettagli

01/12/2010 Parrocchia "Maria Ss. Assunta" - Biccari

01/12/2010 Parrocchia Maria Ss. Assunta - Biccari 12 Mi voltai per vedere la voce che parlava con me, e appena voltato vidi sette candelabri d oro 13 e, in mezzo ai candelabri, uno simile a un Figlio d uomo, con un abito lungo fino ai piedi e cinto al

Dettagli

RELIGIONE: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

RELIGIONE: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE RELIGIONE: TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Riconoscere che il rapporto con Dio è esperienza fondamentale nella vita di molte persone, individuare

Dettagli

3.11. Religione Scuola Primaria

3.11. Religione Scuola Primaria 3.11. Religione. 3.11.1 Scuola Primaria NUCLEO FONDANTE: Dio e l uomo al termine della classe terza al termine della classe quinta L alunno: riconosce Dio come Padre, riflette su Dio Creatore e si approccia

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CONOSCENZE (I SAPERI) ABILITA' (SAPER FARE) DIO E L'UOMO DI COMPETENZA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CONOSCENZE (I SAPERI) ABILITA' (SAPER FARE) DIO E L'UOMO DI COMPETENZA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Rflette su Dio Creatore e Padre. Conosce Gesù di Nazaret, L'Emmanuele "Dio con noi". Coglie l'importanza della propria crescita e del vivere insieme nell'accoglienza e

Dettagli

Le poesie del divino amore

Le poesie del divino amore Le poesie del divino amore Fernando Isacco Benato LE POESIE DEL DIVINO AMORE Poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2016 Fernando Isacco Benato Tutti i diritti riservati L amore di due angeli Ho visto

Dettagli

DANTE ALIGHIERI. La vita. La Vita nuova

DANTE ALIGHIERI. La vita. La Vita nuova DANTE ALIGHIERI La vita Dante nacque a Firenze nel 1265, da una famiglia nobile di parte guelfa che però era in condizioni economiche difficili. Tuttavia Dante ricevette un ottima educazione. Il suo maestro

Dettagli

Dante Alighieri e la Divina Commedia

Dante Alighieri e la Divina Commedia Dante Alighieri e la Divina Commedia Firenze 1265 Ravenna 1321 Botticelli Ritratto di Dante Tomba di Dante a Ravenna 1 Ebbe il volto lungo e il naso aquilino, le mascelle grandi e il labbro sotto proteso

Dettagli

Dante Alighieri e la Divina Commedia

Dante Alighieri e la Divina Commedia Dante Alighieri e la Divina Commedia Firenze 1265 Ravenna 1321 Botticelli Ritratto di Dante Tomba di Dante a Ravenna 1 Ebbe il volto lungo e il naso aquilino, le mascelle grandi e il labbro sotto proteso

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO ENRICO FERMI MODENA. PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2014/ 2015

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO ENRICO FERMI MODENA. PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2014/ 2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE DI STATO ENRICO FERMI MODENA PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2014/ 201 Materia d insegnamento: ITALIANO Classe 3^ sezione G Prof.ssa Linda Billi LIBRI DI TESTO IN ADOZIONE

Dettagli

Preghiera universale Venerdì santo

Preghiera universale Venerdì santo 1 Preghiera universale Venerdì santo Azione Liturgica 2 Fratelli e sorelle, in questo giorno in cui Cristo ha sofferto e dall alto della croce ha steso le sue braccia su tutto l universo preghiamo Dio

Dettagli

I Comandamenti sono la legge della vita che il Signore diede a Mosè sul monte Sinai. Essi sono il segno dell amicizia di Dio con tutti gli uomini.

I Comandamenti sono la legge della vita che il Signore diede a Mosè sul monte Sinai. Essi sono il segno dell amicizia di Dio con tutti gli uomini. I Comandamenti sono la legge della vita che il Signore diede a Mosè sul monte Sinai. Essi sono il segno dell amicizia di Dio con tutti gli uomini. I Comandamenti sono dieci: 1. Io sono il Signore tuo Dio,

Dettagli

Messaggio di Gesù 6 Gennaio 2008

Messaggio di Gesù 6 Gennaio 2008 6 Gennaio 2008 Pace a voi tutti. Figli vi esorto a vivere intensamente il valore della Messa, essa è un forte medicinale per le vostre anime in pena. I figli prediletti che sono in Paradiso hanno compreso

Dettagli

III LICEO SCIENTIFICO _::. 4 ITALIANO Riassunto del Programma

III LICEO SCIENTIFICO _::. 4 ITALIANO Riassunto del Programma III LICEO SCIENTIFICO _::. 4 ITALIANO Riassunto del Programma EPICA MEDIEVALE Dopo il crollo dell'impero romano, iniziarono in Europa le migrazioni dei popoli germanici. Con l'emergere di nuovi popoli,

Dettagli

LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA

LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA LO SVILUPPO DELLA DIMENSIONE RELIGIOSA I DESTINATARI DELLA CATECHESI L arco dell esistenza umana è normalmente suddiviso in tratti specifici: infanzia, fanciullezza, adolescenza, giovinezza, età adulta

Dettagli

LAUDATO SI I.R.C (Insegnamento della Religione Cattolica)

LAUDATO SI I.R.C (Insegnamento della Religione Cattolica) Scuola dell Infanzia ASILO INFANTILE DI CARITA MILENA E DONATO GREPPI Ente morale costituito nel 1895 20010 ARLUNO (Mi) - Via Marconi, 36 Telef. 02-9017091 02-42107488 LAUDATO SI I.R.C (Insegnamento della

Dettagli

Le nostre preghiere. Questa Corona è formata da 33 grani divisi in tre gruppi di undici.

Le nostre preghiere. Questa Corona è formata da 33 grani divisi in tre gruppi di undici. Le nostre preghiere CORONA DEL DISCEPOLO Questa Corona è formata da 33 grani divisi in tre gruppi di undici. Dopo la crociera ci sono ancora tre grani e termina con un a Medaglia di tre Cuori. Iniziando

Dettagli

il commento di p. Maggi al vangelo di natale

il commento di p. Maggi al vangelo di natale il commento di p. Maggi al vangelo di natale IL VERBO SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZO A NOI commento al vangelo del giorno di natale (25 dicembre 2016) di p. Alberto Maggi: Gv 1,1-18 In principio

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Comprendere che la vita, la natura, sono dono di Dio. Conoscere l ambiente in cui è vissuto Gesù. Riconoscere la Chiesa come famiglia di Dio. Ascoltare alcune pagine bibliche dell Antico testamento

Dettagli

Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso

Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso Introduzione generale alla terza cantica del Paradiso 3. I tempi del viaggio di Dante Dante vuole espressamente che al suo viaggio, un esperienza reale e concreta (come per es. nella Bibbia il passaggio

Dettagli

Beata Mattia Nazzarei

Beata Mattia Nazzarei Preghiere e Cenni biografici Beata Mattia Nazzarei di Matelica SHALOM Testi: Le Sorelle Clarisse di Matelica e i Frati Minori Editrice Shalom - Seconda Edizione 2011 ISBN 9788884040589 Per ordinare questo

Dettagli