IRAP 2010: la determinazione della base imponibile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IRAP 2010: la determinazione della base imponibile"

Transcript

1 IRAP 2010: la determinazione della base imponibile di Paola Mazza (*) L ADEMPIMENTO " IRAP 2010: quadri IQ, IP e IC I soggetti che esercitano abitualmente, nel territorio delle Regioni, attivita` autonomamente organizzate dirette alla produzione ovvero allo scambio di beni o alla prestazione di servizi sono obbligati al versamento dell imposta regionale sulle attivita` produttive (IRAP). In conseguenza delle modifiche dalla Legge Finanziaria 2008, le ditte individuali e le societa` di persone commerciali determinano la base imponibile come somma algebrica delle voci specificatamente elencate nell art. 5-bis del D.Lgs. n. 446 del 1997, vale a dire con le medesime regole di determinazione rilevanti ai fini delle imposte sui redditi. Per le societa` di capitali e per gli enti commerciali, invece, i criteri per determinare la base imponibile IRAP sono esposti nell art. 5 del D.Lgs. n. 446 del 1997 (decreto IRAP). Per tali soggetti rilevano i componenti positivi e negativi del valore della produzione secondo i criteri di corretta qualificazione, imputazione temporale e classificazione previsti dai principi contabili adottati dall impresa. " Riferimenti Agenzia delle Entrate, Provvedimento 2 febbraio 2010 D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 466, art. 5- bis Il 2 febbraio 2010 l Agenzia delle Entrate ha pubblicato il modello e le istruzioni inerenti al modello di dichiarazione IRAP 2010 che deve essere presentato, telematicamente, dai contribuenti per dichiarare l imposta regionale sulle attività produttive relativa al periodo d imposta Sono obbligati al versamento dell imposta i soggetti che esercitano abitualmente nel territorio delle Regioni, attività autonomamente organizzate dirette alla produzione ovvero allo scambio di beni o alla prestazione di servizi. Con l art. 1, commi da 50 a 52, della Legge n. 244 del 24 dicembre 2007 (Legge Finanziaria 2008) le modalità di determinazione della base imponibile IRAP, regolamentate dal D.Lgs. n. 466 del 15 dicembre 1997 e sue modifiche, hanno subito rilevanti variazioni. Per le società di capitali e gli enti commerciali detti criteri sono enunciati nell articolo 5, per le società di persone e le imprese individuali nell articolo 5-bis del decreto IRAP. In conseguenza delle modifiche apportate dalla citata Legge Finanziaria, le ditte individuali e le società di persone commerciali determinano la base imponibile come somma algebrica delle voci specificatamente elencate nell art. 5-bis del D.Lgs. n. 446 del 1997 mentre i criteri per determinare la base imponibile IRAP per le società di capitali e per gli enti commerciali sono esposti nell art. 5 del D.Lgs. n. 446 del 1997 (decreto IRAP). Per effetto della riforma le sole società di capitali e gli enti ad esse equiparate rilevano i componenti positivi e negativi del valore della produzione secondo i criteri di corretta qualificazione, imputazione temporale e classificazione previsti dai principi contabili adottati dall impresa; le imprese individuali e le società di persone nel disposto del nuovo articolo 5-bis determinano la base imponibile IRAP sulla base delle medesime regole di determinazione rilevanti ai fini delle imposte sui redditi. Scopo principale dell intervento legislativo è stato quello di semplificare le modalità di determinazione della base imponibile e di separare la disciplina applicativa e dichiarativa da quella delle imposte IR- PEF e IRES. Precedentemente la riforma, i soggetti IRPEF e quelli IRES determinavano la base imponibile con gli stessi criteri e in particolare quelli di cui all art. 5 (oggi sostituito) del Decreto IRAP. Il modello di dichiarazione IRAP 2010 Il modello è composto da un frontespizio e da 7 quadri: Quadro IQ - Persone fisiche Quadro IP - Società di persone Quadro IC - Società di capitali Quadro IE - Enti non commerciali Quadro IK - Amministrazioni e enti pubblici Quadro IR - Ripartizione della base imponibile e dell imposta e dati concernenti il versamento Quadro IS - Prospetti vari. (*) Dottore commercialista e revisore dei conti in Torre Annunziata PRATICA FISCALE e Professionale 30 n. 16 del 19 APRILE 2010

2 Determinazione del valore della produzione netta delle persone fisiche e delle società di persone L art. 5-bis del D.Lgs. n. 446 disciplina le modalità per la determinazione della base imponibile dei soggetti IRPEF, imprenditori e società di persone. La base imponibile è determinata dalla differenza tra l ammontare dei ricavi di cui all art. 85, comma 1, lett. a), b), f) e g), del T.U.I.R., e delle variazioni delle rimanenze finali di cui agli artt. 92, 92-bis e 93 del medesimo Testo unico. Si tratta, quindi, dei ricavi di natura non finanziaria che devono essere individuati e quantificati secondo le disposizioni relative alle imposte sul reddito. Nei componenti positivi la norma include anche i contributi erogati in base a norma di legge, fatta eccezione per quelli correlati a costi indeducibili. Nell art. 5-bis non sono indicate altre voci di proventi, tranne le variazioni delle rimanenze di cui agli artt. 92 e 93 del T.U.I.R. (cfr. Tavola n. 1). Rispetto al passato, non sono, quindi, più rilevanti, anche se aventi natura non straordinaria, le plusvalenze su beni strumentali, le sopravvenienze attive (diverse dai contributi) e gli altri proventi che non costituiscono ricavi (quali, ad esempio, le penalità addebitate ai clienti, l acquisizione a titolo definitivo di caparre, i rimborsi spese, gli indennizzi assicurativi diversi da quelli relativi a beni che generano ricavi). Per quanto riguarda i componenti negativi, l art. 5- bis del D.Lgs. n. 446 del 1997 cita, in primo luogo, i costi delle materie prime, sussidiarie, di consumo e delle merci. L Agenzia delle Entrate, nella circolare n. 60 del 2008, ha chiarito che tali costi possono essere individuati avendo riguardo all aggregato B6 dello schema di conto economico di cui all art codice civile. Pertanto, occorre in primo luogo fare riferimento alle regole civilistiche per delimitare i componenti negativi da prendere in considerazione e, poi, sui relativi valori devono essere apportate le variazioni in aumento e in diminuzione previste dalle norme del T.U.I.R. sul reddito d impresa. La seconda voce elencata nell art. 5-bis riguarda i costi per servizi. In questo caso l Agenzia delle Entrate ha ritenuto che si possa fare riferimento alle previsioni contenute nel decreto 17 gennaio 1992 che individua le prestazioni di servizio sulla base del disposto dell art. 3 della normativa IVA (Cfr. Tavola n. 2). L art. 5-bis richiama anche l ammortamento e i canoni di locazione e di leasing dei beni strumentali materiali e immateriali. L esplicito riferimento ai beni sembra escludere dalla base imponibile l ammortamento delle spese relative a più esercizi (art. 108 del T.U.I.R.). Non sono, quindi, deducibili: le spese per il personale dipendente e assimilato; i costi, i compensi e gli utili indicati nel comma 1, lettera b), numeri da 2) a 5), dell art. 11 del citato decreto; desunta dal contratto; le perdite su crediti; l imposta comunale sugli immobili di cui al D.Lgs. 30 dicembre 1992, n I contributi erogati in base a norma di legge concorrono comunque alla formazione del valore della produzione, fatta eccezione per quelli correlati a costi indeducibili. I componenti rilevanti si assumono secondo le regole di qualificazione, imputazione temporale e classificazione valevoli per la determinazione del reddito d impresa ai fini dell imposta personale. I componenti negativi, relativi alle voci di costo delle materie prime, sussidiarie e di consumo, delle merci, dei servizi, dell ammortamento e dei canoni di locazione anche finanziaria dei beni strumentali materiali ed immateriali, sono individuati in base alla classificazione civilistica del bilancio. Permangono, quindi, per imprenditori individuali, società in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti equiparati, le interferenze fiscali determinate dall applicazione ai fini IRAP delle disposizioni previste per la determinazione del reddito d impresa ai fini delle imposte sui redditi. Tavola n. 1 - Componenti positivi PRATICA FISCALE e Professionale 31 n. 16 del 19 APRILE 2010

3 Tavola n. 2 - Componenti negativi Come disposto dall articolo 5-bis del D. Lgs. n. 446 i soggetti IRPEF, imprenditori e società di persone possono decidere di determinare la base imponibile IRAP con il metodo analitico, previsto per le società di capitali e gli enti commerciali esprimendo formale opzione triennale, tacitamente rinnovabile. L opzione è irrevocabile per tre periodi d imposta. Al termine del triennio l opzione si intende tacitamente rinnovata per un altro triennio a meno che l impresa non opti, secondo le modalità e i termini fissati, per la determinazione del valore della produzione netta secondo le regole del comma 1 dell art. 5-bis del D.Lgs. n. 446 del 1997; anche in questo caso, l opzione è irrevocabile per un triennio e tacitamente rinnovabile. Per le persone fisiche esercenti attività commerciali ai sensi dell art. 55 del T.U.I.R., in regime di contabilità ordinaria, che abbiano esercitato opzione per determinare la base imponibile IRAP con il metodo analitico ai sensi dell art. 5-bis, comma 2, del D.Lgs. n. 446, la base imponibile (ai sensi dell art. 5, comma 1, del D.Lgs. n. 446) è costituita dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art del codice civile con esclusione delle voci di cui ai numeri 9), 10), lettere c) e d), 12), e 13), così come risultanti dal conto economico dell esercizio. Tra i componenti negativi non si considerano in deduzione: le spese per il personale dipendente e assimilato classificate in voci diverse dalla citata voce di cui alla lettera B), numero 9), dell articolo 2425 del codice civile, nonché i costi, i compensi e gli utili indicati nel comma 1, lettera b), numeri da 2) a 5), dell articolo 11 del presente decreto; desunta dal contratto; le perdite su crediti; l imposta comunale sugli immobili di cui al decreto legislativo 30 dicembre 1992, n I contributi erogati in base a norma di legge, concorrono in ogni caso alla formazione della base imponibile IRAP, fatta eccezione per quelli correlati a costi indeducibili, e sempre che l esclusione dalla base imponibile dell imposta regionale sulle attività produttive non sia prevista dalle leggi istitutive dei singoli contributi ovvero da altre disposizioni di carattere speciale. Indipendentemente dalla effettiva collocazione nel conto economico, i componenti positivi e negativi del valore della produzione sono accertati secondo i criteri di corretta qualificazione, imputazione temporale e classificazione previsti dai principi contabili adottati dall impresa. I soggetti che applicano, ai fini dell IRPEF, i regimi di determinazione del reddito di impresa di cui all art. 56-bis del T.U.I.R. e che si avvalgono della facoltà di determinare il valore della produzione assoggettabile a IRAP secondo le disposizioni dell art. 17, comma 2, del D.Lgs. n. 446, calcolano la base imponibile aumentando il reddito di impresa, determinato forfetariamente, dell importo delle retribuzioni e degli altri compensi di lavoro non deducibili ai fini IRAP e degli interessi passivi. Art. 17, comma 2, del D. Lgs. n. 446 Per i soggetti che ai fini delle imposte sui redditi si avvalgono di regimi forfetari di determinazione del reddito, con esclusione di quelli indicati nell articolo 9, comma 1 del D. Lgs n.446 (specifiche categorie di produttori agricoli e di esercenti attività di allevamento animali), il valore della produzione netta può determinarsi aumentando il reddito calcolato in base a tali regimi delle retribuzioni sostenute per il personale dipendente, dei compensi spettanti ai collaboratori coordinati e continuativi di quelli per prestazioni di lavoro autonomo non esercitate abitualmente e degli interessi passivi. Quadro IQ - Persone Fisiche Le persone fisiche che esercitano attività commerciali (titolari di redditi d impresa ai sensi dell art. 55 del T.U.I.R.) per la determinazione del valore della produzione relativo all anno 2009 ai fini dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) devono compilare il quadro IQ. produzione netta l aliquota del 3,9 per cento, salvo quanto previsto dal comma 1 dell art. 45 del D.Lgs. n. 446, nonché da leggi regionali o delle Province autonome. Il quadro IQ è suddiviso in sei sezioni: componenti positivi e negativi rilevanti per le diverse categorie di soggetti ai fini della determinazione del valore della produzione relativo all anno 2009; la sesta sezione, attiene alla determinazione del PRATICA FISCALE e Professionale 32 n. 16 del 19 APRILE 2010

4 La sezione I deve essere compilata dalle persone fisiche esercenti attività commerciali ai sensi dell art. 55 del T.U.I.R., a prescindere dal regime di contabilità adottato, che non abbiano optato, ai sensi dell art. 5-bis, comma 2, del D.Lgs. n. 446, per la determinazione del valore della produzione secondo le regole dettate per le società di capitali e per gli enti commerciali. Le persone fisiche esercenti attività commerciali ai sensi dell art. 55 del T.U.I.R., in regime di contabilità ordinaria, che abbiano optato, ai sensi dell art. 5-bis, comma 2, del D.Lgs. n. 446, per la determinazione del valore della produzione secondo le regole dettate per le società di capitali e per gli enti commerciali devono compilare la sezione II e non la sezione I. I soggetti che applicano, ai fini dell IRPEF, i regimi di determinazione del reddito di impresa di cui all art. 56-bis del T.U.I.R. e che si avvalgono della facoltà di determinare il valore della produzione assoggettabile a IRAP secondo le disposizioni dell art. 17, comma 2, del D.Lgs. n. 446, sono tenuti a compilare la sezione III. Tali disposizioni prevedono che la base imponibile può essere calcolata aumentando il reddito di impresa, determinato forfetariamente, dell importo delle retribuzioni e degli altri compensi di lavoro non deducibili ai fini IRAP e degli interessi passivi. Attenzione Si ricorda che i contribuenti esercenti attività d impresa che hanno aderito al regime dei contribuenti minimi di cui al comma 96 e seguenti della citata Legge Finanziaria 2008, sono esenti dall imposta regionale sulle attività produttive e pertanto non sono neppure tenuti alla presentazione della dichiarazione IRAP. Quadro IP - Società di Persone Le società di persone ed equiparate per la determinazione del valore della produzione relativo all anno 2009 ai fini dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) sono tenute a presentare il quadro IP. produzione netta l aliquota del 3,9%, salvo quanto previsto dal comma 1 dell art. 45 del D.Lgs. n. 446, nonché da leggi regionali o delle Province autonome. Sono soggetti passivi del tributo e, quindi, tenute a presente il quadro IP le società e associazioni, residenti nel territorio dello Stato, di seguito elencate: società semplici; società in nome collettivo ed in accomandita semplice; società d armamento (equiparate alle società in nome collettivo o alle società in accomandita semplice, a seconda che siano state costituite all unanimità o a maggioranza); società di fatto o irregolari (equiparate alle società in nome collettivo o alle società semplici a seconda che esercitino o meno attività commerciale); associazioni senza personalità giuridica costituite fra persone fisiche per l esercizio in forma associata di arti e professioni; aziende coniugali se l attività èesercitata in società fra i coniugi (coniugi cointestatari della licenza ovvero coniugi entrambi imprenditori). Si considerano residenti le società e le associazioni che per la maggior parte del periodo d imposta hanno la sede legale o la sede dell amministrazione o l oggetto principale dell attività nel territorio dello Stato. L oggetto principale è determinato in base all atto costitutivo, se esistente in forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata, e, in mancanza, in base all attività effettivamente esercitata. Il quadro IP è suddiviso in sei sezioni: componenti positivi e negativi rilevanti, per le diverse categorie di soggetti, ai fini della determinazione del In caso di esercizio di attività suscettibili di generare presupposti impositivi diversi, dovrà procedersi separatamente alla determinazione del valore della produzione compilando le sezioni corrispondenti a ciascuna attività, e non è possibile operare compensazioni tra risultati positivi e risultati negativi; la sesta sezione attiene alla determinazione del Determinazione valore della produzione netta delle società di capitali e degli enti commerciali L art. 5 del Decreto IRAP dispone che per i soggetti di cui all art. 3, comma 1, lett. a), non esercenti le attività di cui agli artt. 6 e 7, la base imponibile è determinata dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art del codice civile, con esclusione delle voci di cui ai numeri 9), 10), lettere c) e d), 12) e 13), così come risultanti dal conto economico dell esercizio. In base alla normativa in oggetto, inoltre, viene precisato che, per tali soggetti, i componenti positivi e negativi del valore della produzione rilevano secondo i criteri di corretta qualificazione, imputazione temporale e classificazione previsti dai principi contabili adottati dall impresa, a prescindere dalla effettiva collocazione nel conto economico. Attenzione I soggetti che redigono il bilancio in base ai principi contabili internazionali, la base imponibile è determinata assumendo le voci del valore e dei costi della produzione corrispondenti a quelle indicate nell articolo 5, comma 1. PRATICA FISCALE e Professionale 33 n. 16 del 19 APRILE 2010

5 Tra i componenti negativi non si considerano in deduzione: le spese per il personale dipendente e assimilato classificate in voci diverse dalla citata voce di cui alla lettera B), numero 9), dell articolo 2425 del codice civile, i costi, i compensi e gli utili indicati nel comma 1, lett. b), numeri da 2) a 5), dell art. 11 del decreto n. 446/1997; desunta dal contratto; le perdite su crediti; l imposta comunale sugli immobili di cui al D. Lgs. 30 dicembre 1992, n Concorrono, comunque, alla formazione del valore della produzione i contributi erogati in base a norme di legge (fatta eccezione per quelli correlati a costi indeducibili), le plusvalenze e le minusvalenze derivanti dalla cessione di immobili che non costituiscono beni strumentali per l esercizio dell impresa, né beni alla cui produzione o al cui scambio è diretta l attività dell impresa. Attualmente, quindi, si ha: Le società di capitali, gli enti commerciali ed equiparati per la determinazione del valore della produzione relativo all anno 2009 ai fini dell imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) devono utilizzare il quadro IC. Il quadro IC si presenta suddiviso in sei sezioni: componenti positivi e negativi rilevanti, per le diverse categorie di soggetti, ai fini della determinazione del valore della produzione lorda; la sezione sesta attiene alla determinazione del produzione netta l aliquota del 3,9%, salvo quanto previsto dal comma 1 dell art. 45 del D. Lgs. n. 446, nonché da leggi regionali o delle Province autonome. I maggiori ricavi non annotati contabilmente e conseguenti all adeguamento agli studi di settore rilevano - ai sensi dell art. 2, comma 1, del D.P.R. 31 maggio 1999, n ai fini IRAP. Viceversa non assumono rilievo ai fini della determinazione della base imponibile i maggiori ricavi derivanti dall adeguamento ai parametri ai sensi dell art. 4, comma 2, del D.P.R. n. 195 del SULL UNICO 2010 Pratica Fiscale P. Parisi, Modello UNICO 2010: modalità e termini di presentazione e di versamento, n. 13/2010, pag. 14 P. Parisi, Oneri detraibili e deducibili in UNICO 2010, n. 14/2010, pag. 29 E. Sesini e V. Artina, UNICO 2010: le detrazioni, n. 15/2010, pag. 24 P. Parisi, Recupero del patrimonio edilizio e risparimio energetico in UNICO 2010, n. 15/2010, pag. 32 S. Viscione, UNICO 2010: contribuenti minimi, n. 15/ 2010, pag. 37 A. Mastroberti, Detassazione Tremonti-ter in UNICO 2010, n. 15/2010, pag. 43 P. Parisi, Gli immobili dei liberi professionisti in UNI- CO 2010, n. 16/2010, pag. 17 A. Mastroberti, UNICO 2010: bonus per la ricapitalizzazione societaria, n. 16/2010, pag. 21 E. Ribacchi, UNICO 2010: la disciplina delle perdite, n. 16/2010, pag. 26 P. Mazza, IRAP 2010: la determinazione della base imponibile, n. 16/2010, pag. 30 Quadro IC - Società di Capitale PRATICA FISCALE e Professionale 34 n. 16 del 19 APRILE 2010

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone

L IRAP. Relatore: dott. Francesco Barone L IRAP Relatore: dott. Francesco Barone IRAP PER I SOGGETTI IRES La base imponibile è data dalla differenza tra il valore e i costi della produzione di cui alle lettere A) e B) dell art. 2425 c.c. con

Dettagli

5. Indipendentemente dalla effettiva collocazione nel conto economico, i componenti positivi e

5. Indipendentemente dalla effettiva collocazione nel conto economico, i componenti positivi e Art. 1, comma 50, Finanziaria 2008 50. Al fine di semplificare le regole di determinazione della base imponibile dell'imposta regionale sulle attività produttive e di separarne la disciplina applicativa

Dettagli

IRAP 2011: determinazione della base imponibile

IRAP 2011: determinazione della base imponibile IRAP 2011: determinazione della base imponibile di Gianluca Dan e Angelo Francioso (*) L ADEMPIMENTO I contribuenti soggetti all Imposta regionale sulle attivita` produttive ovvero coloro che abitualmente

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446

DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446 DECRETO LEGISLATIVO 15 dicembre 1997, n. 446 Istituzione dell'imposta regionale sulle attivita' produttive, revisione degli scaglioni, delle aliquote e delle detrazioni dell'irpef e istituzione di una

Dettagli

Quadro IP SOCIETÀ DI PERSONE

Quadro IP SOCIETÀ DI PERSONE Quadro IP SOCIETÀ DI PERSONE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2016 SOGGETTI OBBLIGATI DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE SCADENZA COME SI COMPILA CASI PRATICI CASI PARTICOLARI RIFERIMENTI NORMATIVI Il Quadro IP va

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare

NOVITA IN MATERIA DI IRAP. 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare NOVITA IN MATERIA DI IRAP 10 marzo 2009 Dott. Rag. Vito Dulcamare RIDUZIONE ALIQUOTA IRAP ALIQUOTA RIDOTTA PER AGRICOLTURA RIPARAMETRAZIONE VALORI CORRELATI ALL ALIQUOTA IRAP RIPARAMETRAZIONE DEDUZIONI

Dettagli

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI

TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - TRATTAMENTO A FINI IRAP DI ATTIVITÀ COMMERCIALE E AGRICOLA NON PREVALENTE SVOLTE DA ENTI PUBBLICI Il presente approfondimento

Dettagli

Direzione Regionale della Puglia. La nuova IRAP. Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle imprese e Finanziaria

Direzione Regionale della Puglia. La nuova IRAP. Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle imprese e Finanziaria Direzione Regionale della Puglia La nuova IRAP Settore Servizi e Consulenza Ufficio Fiscalità delle imprese e Finanziaria LA NUOVA IRAP Le regole per la dichiarazione 2009 - Le aliquote per la Regione

Dettagli

B R B G D E 4 7 M 1 4 M K. 21 VENETO Dichiarazione BRBGDE47M14M048K BARBON EGIDIO VILLORBA TV M048 VIA GUIZZE N TIPO DI DICHIARAZIONE

B R B G D E 4 7 M 1 4 M K. 21 VENETO Dichiarazione BRBGDE47M14M048K BARBON EGIDIO VILLORBA TV M048 VIA GUIZZE N TIPO DI DICHIARAZIONE CODICE FISCALE B R B G D E M M 0 K TIPO DI DICHIARAZIONE CODICE REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA Correttiva nei termini Dichiarazione integrativa a favore REGIONE O PROVINCIA AUTONOMA VENETO Dichiarazione

Dettagli

2.1 QUADRO IQ - PERSONE FISICHE

2.1 QUADRO IQ - PERSONE FISICHE 2.1 QUADRO IQ - PERSONE FISICHE 2.1.1 Generalità Il quadro IQ va utilizzato dalle persone fisiche per la determinazione del valore della produzione relativo all anno 2011 ai fini dell imposta regionale

Dettagli

Indice. Base imponibile. Voci che concorrono in ogni caso a formare il valore della produzione netta

Indice. Base imponibile. Voci che concorrono in ogni caso a formare il valore della produzione netta Indice Capitolo 1- La determinazione della base imponibile Irap per i soggetti IRES: il principio di derivazione dal bilancio pag.9 Società di capitali Principio di inerenza Base imponibile Voci di corrispondenza

Dettagli

2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE

2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE 2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE 2.2.1 Generalità Il quadro IP va utilizzato dalle società di persone ed equiparate per la determinazione del valore della produzione relativo all anno 2012 ai fini dell

Dettagli

2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE

2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE 2.2 QUADRO IP SOCIETÀ DI PERSONE 2.2.1 Generalità Il quadro IP va utilizzato dalle società di persone ed equiparate per la determinazione del valore della produzione relativo all anno 2015 ai fini dell

Dettagli

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA

LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) REQUISITI PER LA TENUTA DELLA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA LA NUOVA CONTABILITÀ SEMPLIFICATA PER CASSA (DAL 2017) Come noto, l art. 5, Ddl della legge Finanziaria 2017, prevede: la modifica dell art. 66, TUIR, per effetto della quale, a decorrere dall 1.1.2017,

Dettagli

Capitolo 12 L imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) per gli enti non commerciali

Capitolo 12 L imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) per gli enti non commerciali Capitolo 12 L imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) per gli enti non commerciali 12.1 Il presupposto d imposta L imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) è stata istituita dal D.Lgs.

Dettagli

L IRAP NEGLI ENTI LOCALI

L IRAP NEGLI ENTI LOCALI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE L IRAP NEGLI ENTI LOCALI Dott. Alessandro Nonini 12 Ottobre 2010 - Auditorium di Milano PRESUPPOSTI OGGETTIVO: esercizio abituale di un attività autonomamente organizzata

Dettagli

Regime di cassa per le imprese minori: il punto

Regime di cassa per le imprese minori: il punto CIRCOLARE A.F. N.72 del 18 Maggio 2017 Ai gentili clienti Loro sedi Regime di cassa per le imprese minori: il punto Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle che l art. 1, co. 17 23, della

Dettagli

2. DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLA PRODUZIONE

2. DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLA PRODUZIONE 2. DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLA PRODUZIONE 2.1 QUADRO IQ - PERSONE FISICHE 2.1.1 Generalità Il quadro IQ va utilizzato dalle persone fisiche per la determinazione del valore della produzione relativo

Dettagli

2.4 QUADRO IE ENTI NON COMMERCIALI

2.4 QUADRO IE ENTI NON COMMERCIALI 2.4 QUADRO IE ENTI NON COMMERCIALI 2.4.1 Generalità Il quadro IE va utilizzato dagli enti non commerciali ed equiparati per la determinazione del valore della produzione relativo all anno 2011 ai fini

Dettagli

Su questo concetto si potrebbero aprire diversi scenari interpretativi oggetto di molti contenziosi con l Agenzia delle Entrate.

Su questo concetto si potrebbero aprire diversi scenari interpretativi oggetto di molti contenziosi con l Agenzia delle Entrate. IRAP 2013: cosa c'è di nuovo? Andrea Sergiacomo Il modello IRAP 2013, è destinato ad accogliere le nuove deduzioni per le imprese che assumono a tempo indeterminato lavoratrici e under 35, aumentate nel

Dettagli

2. DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLA PRODUZIONE

2. DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLA PRODUZIONE Si ricorda che l infedele attestazione dell esecuzione dei controlli di cui al precedente periodo comporta l applicazione della sanzione di cui all articolo 39, comma 1, lettera a) primo periodo del decreto

Dettagli

Quadro IQ PERSONE FISICHE

Quadro IQ PERSONE FISICHE Quadro IQ PERSONE FISICHE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2017 SOGGETTI OBBLIGATI SOGGETTI ESCLUSI SCADENZA DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE COME SI COMPILA CASI PRATICI RIFERIMENTI NORMATIVI Il Quadro IQ va utilizzato

Dettagli

Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali. Dr. Nicola Forte

Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali. Dr. Nicola Forte Il regime di cassa, l Iri, l Ace e le altre novità fiscali Dr. Nicola Forte Roma, 8 marzo 2017 1 Legge di Bilancio 2017 e Decreti collegati Il regime di cassa; l IRI; Novità Iva 2 Fonti Normative Legge

Dettagli

CORSO BASE IL CALCOLO DELLE IMPOSTE NELLE SOCIETÀ DI CAPITALI

CORSO BASE IL CALCOLO DELLE IMPOSTE NELLE SOCIETÀ DI CAPITALI CORSO BASE IL CALCOLO DELLE IMPOSTE NELLE SOCIETÀ DI CAPITALI Do#. Pietro Ungari L ires, è l imposta sui redditi delle società di capitali relativa al reddito maturato nell esercizio, insieme all Irap

Dettagli

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3.1 Generalità Il quadro IC va utilizzato dalle società di capitali, enti commerciali ed equiparati per la determinazione del valore della produzione relativo all anno

Dettagli

NUOVO MODELLO IRAP 2009 D. Lgs , n Provv. Ag. Entrate L , n. 244

NUOVO MODELLO IRAP 2009 D. Lgs , n Provv. Ag. Entrate L , n. 244 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI SOGGETTI IRPEF SENZA OPZIONE SOGGETTI IRPEF CON OPZIONE E SOGGETTI IRES FILMATO Video Fisco 22.4.29 Info al n. 376-77513 NUOVO MODELLO IRAP 29 D. Lgs. 15.12.1997, n. 446 - Provv.

Dettagli

San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche

San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche San Marino, IGR: cosa cambia per le persone fisiche Reddito d impresa L art. 29, in particolare, specifica che è considerato reddito d impresa quello conseguente allo svolgimento di attività artigianali,

Dettagli

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 ottobre 2008 OGGETTO: Le nuove modalità di determinazione della base imponibile dell imposta regionale sulle attività produttive per

Dettagli

I.R.A.P. Imposta Regionale sulle Attività produttive - D. Lgs. n. 446/97 -

I.R.A.P. Imposta Regionale sulle Attività produttive - D. Lgs. n. 446/97 - PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA I.R.A.P. Imposta Regionale sulle Attività produttive - D. Lgs. n. 446/97-1 L I.R.A.P. è un imposta, a carattere reale, sul valore aggiunto prodotto in Italia,

Dettagli

IRAP Dott. Duilio LIBURDI

IRAP Dott. Duilio LIBURDI 2009 Dott. Duilio LIBURDI Diretta 18 maggio 2009 ASPETTI PROCEDURALI - Dichiarazione 2009 deve essere presentata in forma autonoma - Soggetti IRES con periodo di imposta che non comprende il 31.12.2008

Dettagli

2.4 QUADRO IE ENTI NON COMMERCIALI

2.4 QUADRO IE ENTI NON COMMERCIALI Nel rigo IC74 va indicato l importo dell ulteriore deduzione di cui al comma 4-bis dell articolo 11, come modificato dall articolo 1, comma 484, lett. b) della legge dicembre 2012 n. 228, riferibile proporzionalmente

Dettagli

L IRAP A TUTTO CAMPO

L IRAP A TUTTO CAMPO L IRAP A TUTTO CAMPO a cura di Roberta De Marchi Con circolare n. 27/E del 26 maggio 2009 l Agenzia delle entrate ha fornito una serie di risposte a quesiti, in ordine alle modifiche alla determinazione

Dettagli

ntrate genzia BOZZA INTERNET del 13/01/2016

ntrate genzia BOZZA INTERNET del 13/01/2016 BOZZA INTERNET del /0/0 0 genzia ntrate Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼ art. D.lgs. n./00 in materia di protezione dei dati personali Finalità del trattamento Con questa informativa

Dettagli

Oggetto: Decreto Legge n. 185, del 29 novembre 2008 parziale deducibilità forfetaria dell Irap ai fini delle imposte sui redditi.

Oggetto: Decreto Legge n. 185, del 29 novembre 2008 parziale deducibilità forfetaria dell Irap ai fini delle imposte sui redditi. Milano, 15 aprile 2009 Ai Signori Clienti Loro Sedi CIRCOLARE N. 4/2009 Oggetto: Decreto Legge n. 185, del 29 novembre 2008 parziale deducibilità forfetaria dell Irap ai fini delle imposte sui redditi.

Dettagli

L Imposta regionale sulle attività produttive - IRAP -

L Imposta regionale sulle attività produttive - IRAP - L Imposta regionale sulle attività produttive - IRAP - Pier Luigi Coccia Dottore Commercialista Revisore dei conti Viterbo, 19/26 ottobre 2017 IRAP L Irap fu introdotta con il d.lgs. n. 446/1997 a decorrere

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) 0 genzia ntrate Informativa sul trattamento dei dati personali (art. d.lgs. n. /00) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti riconosciuti

Dettagli

Modello IRAP 2014: le principali novità Emiliano Ribacchi - Dottore commercialista in Roma - ACP Studio - Alonzo Committeri & Partners

Modello IRAP 2014: le principali novità Emiliano Ribacchi - Dottore commercialista in Roma - ACP Studio - Alonzo Committeri & Partners Modello IRAP 2014: le principali novità Emiliano Ribacchi - Dottore commercialista in Roma - ACP Studio - Alonzo Committeri & Partners ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO Il Modello IRAP 2014 è utilizzato per

Dettagli

circoscrizione del Tribunale di Catania A cura del Dott. Concetto Raccuglia

circoscrizione del Tribunale di Catania A cura del Dott. Concetto Raccuglia A cura del Dott. Concetto Raccuglia INQUADRAMENTO NORMATIVO Art. 55 D.P.R 917/86 A i i à d i i l i Attività d impresa e non agricola se si superano determinati limiti REDDITI D IMPRESA COME SOPRA INDIVIDUATI

Dettagli

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3.1 Generalità Il quadro IC va utilizzato dalle società di capitali, enti commerciali ed equiparati per la determinazione del valore della produzione relativo all anno

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Dati personali Finalità del trattamento

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Dati personali Finalità del trattamento 0 genzia ntrate Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. 9 del 00 Dati personali Il Ministero dell Economia e delle Finanze e l Agenzia delle Entrate, desiderano

Dettagli

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO

5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO 5. DETERMINAZIONE DEL REDDITO I soggetti di cui all articolo 54 determinano il reddito imponibile applicando all ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti (principio di cassa) un coefficiente di redditività

Dettagli

ntrate genzia BOZZA INTERNET DEL 05/11/2009 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n.

ntrate genzia BOZZA INTERNET DEL 05/11/2009 Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. BOZZA INTERNET DEL 0//00 00 genzia ntrate Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. del D.Lgs. n. del 00 Finalità del trattamento Dati personali Modalità del trattamento Titolari

Dettagli

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016

Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Circolare N. 180 del 23 Settembre 2016 Contabilità semplificata: adeguamento alle novità dal 1 gennaio 2017 Gentile cliente, la informiamo che con la legge di Bilancio 2017 (legge n. 232 del 11.12.2016,

Dettagli

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi

Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Roma, 22 e 23 gennaio 2008 Legge finanziaria 2008: il regime dei contribuenti minimi Ufficio Studi - Sezione Analisi giuridiche Normativa - Articolo 1, commi da 96 a 117, della legge finanziaria per il

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del trattamento Dati personali

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del trattamento Dati personali 0 genzia ntrate Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼart. del D.Lgs. n. del 00 Finalità del trattamento Dati personali Modalità del trattamento Titolari del trattamento Responsabili

Dettagli

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009

CIRCOLARE N. 36/E. Roma, 16 luglio 2009 CIRCOLARE N. 36/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 luglio 2009 OGGETTO: Articolo 1, commi 50 e 51 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 Modifiche alla determinazione della base imponibile

Dettagli

ntrate EURO genzia BOZZA INTERNET DEL 19/12/2008 ore 12:00

ntrate EURO genzia BOZZA INTERNET DEL 19/12/2008 ore 12:00 BOZZA INTERNET DEL //00 ore :00 00 genzia ntrate EURO Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. del D.Lgs. n. del 00 Finalità del trattamento Dati personali Modalità del trattamento

Dettagli

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI 2.3.1 Generalità Il quadro IC va utilizzato dalle società di capitali, enti commerciali ed equiparati per la determinazione del valore della produzione relativo all anno

Dettagli

Con il patrocinio Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Cagliari

Con il patrocinio Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Cagliari Con il patrocinio Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Cagliari Benvenuti Convegno Cagliari, 17/04/2008 L EVOLUZIONE DELL IRAP IL PRINCIPIO DI DERIVAZIONE IL RUOLO DELL AGENZIA

Dettagli

UNICO 2000 IRAP. Società di persone ed equiparate MINISTERO DELLE FINANZE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

UNICO 2000 IRAP. Società di persone ed equiparate MINISTERO DELLE FINANZE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MINISTERO DELLE FINANZE UNICO 000 Società di persone ed equiparate IRAP ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Determinazione dell imposta regionale sulle attività produttive Società di persone ed equiparate Quadro

Dettagli

Il nuovo bilancio d esercizio - OIC 12

Il nuovo bilancio d esercizio - OIC 12 Alberto Marengo (Commercialista in Torino) Il nuovo bilancio d esercizio - OIC 12 1 Necessario ricollocare tra le voci del più appropriate proventi e oneri straordinari, partendo dalla riclassificazione

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003)

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 13 d.lgs. n. 196/2003) 0 genzia ntrate Informativa sul trattamento dei dati personali (art. d.lgs. n. /00) Con questa informativa l Agenzia delle Entrate spiega come utilizza i dati raccolti e quali sono i diritti riconosciuti

Dettagli

2.5 QUADRO IK AMMINISTRAZIONI ED ENTI PUBBLICI

2.5 QUADRO IK AMMINISTRAZIONI ED ENTI PUBBLICI 2.5 QUADRO IK AMMINISTRAZIONI ED ENTI PUBBLICI 2.5.1 Generalità Il quadro IK va utilizzato dalle amministrazioni ed enti pubblici per la determinazione del valore della produzione relativo all anno 2011

Dettagli

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016

NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 NUOVO REGIME FORFETARIO 2016 L art. 1, commi da 54 a 89, Legge n. 190/2014 ha introdotto la disciplina del regime forfetario riservato alle persone fisiche esercenti attività d impresa / lavoro autonomo

Dettagli

IRAP: opzione entro il 29 febbraio 2012 per gli imprenditori individuali e per società di persone in contabilità ordinaria

IRAP: opzione entro il 29 febbraio 2012 per gli imprenditori individuali e per società di persone in contabilità ordinaria CIRCOLARE A.F. N. 22 del 15 Febbraio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi IRAP: opzione entro il 29 febbraio 2012 per gli imprenditori individuali e per società di persone in contabilità ordinaria Gentile

Dettagli

UNICO 2000 IRAP. Persone fisiche MINISTERO DELLE FINANZE

UNICO 2000 IRAP. Persone fisiche MINISTERO DELLE FINANZE MINISTERO DELLE FINANZE UNICO 000 Persone fisiche IRAP ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Determinazione dell imposta regionale sulle attività produttive Persone fisiche Quadro IQ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Dettagli

MODELLO IRAP 2003 PERSONE FISICHE

MODELLO IRAP 2003 PERSONE FISICHE AGENZIA DELLE ENTRATE MODELLO IRAP 2003 PERSONE FISICHE DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE QUADRO IQ Il quadro e le relative istruzioni sono disponibili

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma L imposta regionale sulle attività produttive (IRAP) Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Avv. Pierluigi Antonini L imposta regionale sulle attività produttive

Dettagli

TESTO UNICO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI

TESTO UNICO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI TESTO UNICO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI Coordinamento scientifico di Luca Miele INDICE TITOLO I Imposta sul reddito delle persone fisiche Capo I Disposizioni generali Art. 1 Presupposto dell imposta... pag.

Dettagli

NUOVO MODELLO IRAP 2009 D. Lgs , n Provv. Ag. Entrate L , n. 244

NUOVO MODELLO IRAP 2009 D. Lgs , n Provv. Ag. Entrate L , n. 244 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI SOGGETTI IRPEF SENZA OPZIONE SOGGETTI IRPEF CON OPZIONE E SOGGETTI IRES FILMATO Video Fisco 22.4.29 Info al n. 376-77513 NUOVO MODELLO IRAP 29 D. Lgs. 15.12.1997, n. 446 - Provv.

Dettagli

UNICO 2001 IRAP. Persone fisiche AGENZIA DELLE ENTRATE

UNICO 2001 IRAP. Persone fisiche AGENZIA DELLE ENTRATE AGENZIA DELLE ENTRATE UNICO 00 Persone fisiche IRAP ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Determinazione dell imposta regionale sulle attività produttive Persone fisiche Quadro IQ ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Dettagli

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012;

Diritto Tributario. F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; Diritto Tributario Redditi d impresa ARTICOLI DEL TUIR Artt. 55-66 del TUIR BIBLIOGRAFIA: F. Tesauro, Istituzioni di diritto tributario. Vol. 2: Parte speciale, Roma, Utet, 2012; G. Marongiu e A. Marcheselli,

Dettagli

LA MANOVRA ANTICRISI LA MINI DEDUZIONE DELL IRAP: ulteriori chiarimenti

LA MANOVRA ANTICRISI LA MINI DEDUZIONE DELL IRAP: ulteriori chiarimenti LA MANOVRA ANTICRISI LA MINI DEDUZIONE DELL IRAP: ulteriori chiarimenti L Agenzia delle Entrate ha fornito con la circolare n. 16/E del 14 aprile del 2009 alcuni chiarimenti sui criteri di deducibilità

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼ art. 13 D.lgs. n.196/2003 in materia di protezione dei dati personali

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼ art. 13 D.lgs. n.196/2003 in materia di protezione dei dati personali 0 genzia ntrate Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dellʼ art. D.lgs. n./00 in materia di protezione dei dati personali Finalità del trattamento Con questa informativa l Agenzia delle

Dettagli

Modello predisposto in due versioni: ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE COMUNI AD ENTRAMBE LE VERSIONI

Modello predisposto in due versioni: ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE COMUNI AD ENTRAMBE LE VERSIONI AGENZIA DELLE ENTRATE Modello predisposto in due versioni: PERSONE FISICHE 2002 DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LIRE COLORE VERDE COLORE AZZURRO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

Dettagli

MODELLO IRAP 2003 SOCIETÀ DI PERSONE

MODELLO IRAP 2003 SOCIETÀ DI PERSONE AGENZIA DELLE ENTRATE MODELLO IRAP 2003 SOCIETÀ DI PERSONE DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE QUADRO IQ Il quadro e le relative istruzioni sono

Dettagli

UNICO PF ADEMPIMENTO " RIFERIMENTI " Agenzia delle Entrate, Provvedimento 30 gennaio 2015 SOGGETTI INTERESSATI " PROCEDURE " SCADE "

UNICO PF ADEMPIMENTO  RIFERIMENTI  Agenzia delle Entrate, Provvedimento 30 gennaio 2015 SOGGETTI INTERESSATI  PROCEDURE  SCADE UNICO PF quadro RE: determinazione del reddito di lavoro autonomo Emiliano Ribacchi -- Dottore commercialista in Roma - ACP Studio - Alonzo Committeri & Partners ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RE del Modello

Dettagli

Seminario sugli aspetti fiscali del bilancio

Seminario sugli aspetti fiscali del bilancio Seminario sugli aspetti fiscali del bilancio Riccardo Cimini Ricercatore di Economia Aziendale rcimini@unitus.it A.A. 2016/2017 1 Tipologia Imposte indirette Imposte dirette Imposte comunali sugli immobili

Dettagli

DIFFERENZE TRA REDDITO CIVILISTICO E REDDITO FISCALE

DIFFERENZE TRA REDDITO CIVILISTICO E REDDITO FISCALE DIFFERENZE TRA REDDITO CIVILISTICO E REDDITO FISCALE DIFFERENZE PERMANENTI variazioni fiscali definitive che non verranno riassorbite in successivi esercizi (es. costi definitivamente non deducibili; ricavi

Dettagli

LA MAGGIORAZIONE IRES SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ DI COMODO

LA MAGGIORAZIONE IRES SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ DI COMODO LA MAGGIORAZIONE IRES SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ DI COMODO Dott. Luca MIELE Professore incaricato di diritto tributario SSEF Dirigente Dipartimento delle finanze Diretta 14 novembre 2011 Evoluzione normativa

Dettagli

BILANCIO D'ESERCIZIO DAL PUNTO DI VISTA FISCALE. Valori contabili ,00. Totale componenti positivi , ,65

BILANCIO D'ESERCIZIO DAL PUNTO DI VISTA FISCALE. Valori contabili ,00. Totale componenti positivi , ,65 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA - 29/05/2017 CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI BILANCIO D'ESERCIZIO DAL PUNTO DI VISTA FISCALE

Dettagli

La determinazione del carico fiscale

La determinazione del carico fiscale La determinazione del carico fiscale Emanuele Perucci Traccia di Economia aziendale Il candidato, dopo aver illustrato il principio di competenza per la determinazione del reddito d impresa, soffermandosi

Dettagli

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto

REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE. Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI, ACE, ASSEGNAZIONI E ALTRE NOVITA PER LE IMPRESE Dott. Gianluca Odetto REGIME DI CASSA PER LE IMPRESE MINORI NUOVA TASSAZIONE DELLE IMPRESE MINORI Con apposite modifiche

Dettagli

UNICO 2000 IRAP. Enti non commerciali ed equiparati MINISTERO DELLE FINANZE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE

UNICO 2000 IRAP. Enti non commerciali ed equiparati MINISTERO DELLE FINANZE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MINISTERO DELLE FINANZE UNICO 000 Enti non commerciali ed equiparati IRAP ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE Determinazione dell imposta regionale sulle attività produttive enti non commerciali ed equiparati

Dettagli

Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A

Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A Le imposte sui redditi C O R S O D I R A G I O N E R I A G E N E R A L E E D A P P L I C A T A A. A. 2 0 1 6-2017 D O T T. S S A L A U R A M U L A S Imposta sul reddito delle società (IRES) riferimenti

Dettagli

INDICE GENERALE. Appendice

INDICE GENERALE. Appendice INDICE GENERALE Premessa 5 TESTO UNICO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917... 7 Appendice PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI D.Lgs. 28 febbraio 2005, n. 38... 319 RIVALUTAZIONE - RIALLINEAMENTO

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 319 05.11.2014 Stabilità 2015: le novità in materia di Irap La nuova deduzione Irap dal 2015 e la conferma delle vecchie aliquote per il 2014.

Dettagli

TITOLO I IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. CAPO I Disposizioni generali

TITOLO I IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE. CAPO I Disposizioni generali TITOLO I IMPOSTA SUL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE CAPO I Disposizioni generali Art. 1 (Presupposto dell imposta) Art. 2 (Soggetti passivi) Art. 3 (Base imponibile) Art. 4 (Coniugi e figli minori) Art.

Dettagli

Informativa n. 9. dell 8 febbraio 2012

Informativa n. 9. dell 8 febbraio 2012 Informativa n. 9 dell 8 febbraio 2012 Società di persone e imprenditori individuali in contabilità ordinaria - Determinazione dell IRAP relativa al triennio 2012-2014 in base al bilancio - Opzione entro

Dettagli

1. Modello Modello Unico ENC 3. IRAP. 1. Modello 770

1. Modello Modello Unico ENC 3. IRAP. 1. Modello 770 N. 4 Marzo 2016 In questo numero: 1. Modello 770 2. Modello Unico ENC 3. IRAP 1. Modello 770 Il modello 770 è un documento dichiarativo che riguarda i sostituti d imposta e cioè quelle entità che per legge

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 58 15.07.2014 Adeguamento agli studi di settore in Unico Categoria: Studi di settore Sottocategoria: Varie Al fine di evitare il rischio di

Dettagli

Lezione ottava IRPEF. L imposta sui redditi delle persone fisiche (parte prima)

Lezione ottava IRPEF. L imposta sui redditi delle persone fisiche (parte prima) Lezione ottava IRPEF L imposta sui redditi delle persone fisiche (parte prima) 1 IRPEF Imposta personale e progressiva che colpisce i redditi delle persone fisiche 2 UNITA IMPOSITIVA INDIVIDUO Sono soggetti

Dettagli

Siena, da novembre WEEKEND

Siena, da novembre WEEKEND Siena, da novembre 2013 5 WEEKEND OBIETTIVI Il Master consente al professionista di ripercorrere, con la guida autorevole degli Esperti del Sole 24 ORE, la disciplina del bilancio d esercizio e della tassazione

Dettagli

Fisco Report 03/17 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori A cura di Antonio Sanges Aprile 2017

Fisco Report 03/17 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori A cura di Antonio Sanges Aprile 2017 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori A cura di Antonio Sanges Aprile 2017 Il nuovo regime per cassa delle imprese minori di cui alla Legge n 232/16 rappresenta il regime naturale delle imprese

Dettagli

L.R. 2/2006, art. 2, c. 2 B.U.R. 20/12/2006, n. 51. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 dicembre 2006, n. 0372/Pres.

L.R. 2/2006, art. 2, c. 2 B.U.R. 20/12/2006, n. 51. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 dicembre 2006, n. 0372/Pres. L.R. 2/2006, art. 2, c. 2 B.U.R. 20/12/2006, n. 51 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 6 dicembre 2006, n. 0372/Pres. Regolamento recante criteri e modalità per l applicazione dell aliquota IRAP di cui

Dettagli

Modello predisposto in due versioni: ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE COMUNI AD ENTRAMBE LE VERSIONI

Modello predisposto in due versioni: ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE COMUNI AD ENTRAMBE LE VERSIONI bozza AGENZIA DELLE ENTRATE Modello predisposto in due versioni: SOCIETÀ DI PERSONE 2002 DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LIRE COLORE VERDE COLORE AZZURRO ISTRUZIONI PER LA

Dettagli

Elementi del reddito d impresa. Anno Accademico 2010/11

Elementi del reddito d impresa. Anno Accademico 2010/11 Elementi del reddito d impresa Anno Accademico 2010/11 Elementi reddituali Gli elementi reddituali possono: Positivi Negativi; Tipici Atipici; Con valenza periodica o multi periodica; Tassabili in misura

Dettagli

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata (c.d. imprese minori)

Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità semplificata (c.d. imprese minori) Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista in Torino) Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità (c.d. imprese minori) 1 Il regime di cassa per i contribuenti in contabilità LA NORMATIVA Art.

Dettagli

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA

RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Napoli, 18 Gennaio 2017 A TUTTI GLI SPETTABILI CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE N. 1/2017 RIDETERMINAZIONE VALORE DI ACQUISTO DEI TERRENI E DELLE PARTECIPAZIONI E RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA La Legge di

Dettagli

Scritto da Alessandro Ingrosso Lunedì 02 Gennaio :40 - Ultimo aggiornamento Martedì 28 Gennaio :24

Scritto da Alessandro Ingrosso Lunedì 02 Gennaio :40 - Ultimo aggiornamento Martedì 28 Gennaio :24 contribuenti minimi - Studio Ingrosso Dottore Commercialista - Consulente del Lavoro - Revisore Contabi L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento 22 dicembre 2011, n. 185825 contenente le indicazioni

Dettagli

Roma, 14/02/2014 INDICE

Roma, 14/02/2014 INDICE Roma, 14/02/2014 Società di persone e imprenditori individuali in contabilità ordinaria - Determinazione dell IRAP relativa al triennio 2014-2016 in base al bilancio - Opzione entro il 3.3.2014 INDICE

Dettagli

FINALITA AMBITO SOGGETTIVO CAUSE DI ESCLUSIONE

FINALITA AMBITO SOGGETTIVO CAUSE DI ESCLUSIONE FINALITA AMBITO SOGGETTIVO CAUSE DI ESCLUSIONE LE SOCIETA NON OPERATIVE Sono le società che non superano il test di operatività di cui al co. 1 dell art. 30 della L. 724/1994 LE SOCIETA IN PERDITA SISTEMITCA

Dettagli

LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA. Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017)

LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA. Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017) LA TASSAZIONE PER CASSA DELLE IMPRESE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA Schema di lettura dell art. 5 dell AC 4127 (legge di bilancio 2017) FINALITA DELLA DISPOSIZIONE L articolo 5 del DDL bilancio 2017 introduce,

Dettagli

Ammortamenti maggiorati per l acquisto di beni strumentali nuovi («Super ammortamenti»)

Ammortamenti maggiorati per l acquisto di beni strumentali nuovi («Super ammortamenti») Le novità della Legge di Stabilità per il 2016 Ammortamenti maggiorati per l acquisto di beni strumentali nuovi («Super ammortamenti») Slide a cura di Emiliano Burzi 1 Sommario Premessa Ambito soggettivo

Dettagli

genzia ntrate IRAP 2005 ENTI NON COMMERCIALI ED EQUIPARATI DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE PERIODO DI IMPOSTA 2004

genzia ntrate IRAP 2005 ENTI NON COMMERCIALI ED EQUIPARATI DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE PERIODO DI IMPOSTA 2004 genzia ntrate 2005 ENTI NON COMMERCIALI ED EQUIPARATI DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE PERIODO DI IMPOSTA 2004 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE QUADRO IQ TUTTI I QUADRI E LE

Dettagli

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI

2.3 QUADRO IC SOCIETÀ DI CAPITALI Ai sensi del comma 4 bis, lettera d-bis), per i soggetti di cui all articolo 3, comma 1, lettere b) e c), l importo delle deduzioni indicate nella precedente tabella è aumentato, rispettivamente, da 8.000

Dettagli

COMPILAZIONE DEL MODELLO IRAP 2009

COMPILAZIONE DEL MODELLO IRAP 2009 COMPILAZIONE DEL MODELLO IRAP 00 In base a quanto previsto dalla Finanziaria 00, a decorrere dal 00 la tradizionale dichiarazione IRAP è separata dal modello UNICO e i contribuenti devono trasmettere il

Dettagli

Anno 2016 RF266 DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA E NUOVO REGIME PER CASSA

Anno 2016 RF266 DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ CONTRIBUENTI IN SEMPLIFICATA E NUOVO REGIME PER CASSA Anno 2016 RF266 REDAZIONE FISCALE www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 5 OGGETTO DDL FINANZIARIA 2017 CONTABILITA SEMPLIFICATE E REGIME DI CASSA RIFERIMENTI Art. 5 D.L. 193/2016, IN G.U. DEL 24/10/2016 CIRCOLARE

Dettagli

BILANCIO D'ESERCIZIO DAL PUNTO DI VISTA FISCALE. Valori contabili ,00. Totale componenti positivi , ,15

BILANCIO D'ESERCIZIO DAL PUNTO DI VISTA FISCALE. Valori contabili ,00. Totale componenti positivi , ,15 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI GENOVA - 30/10/2017 CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER PRATICANTI DOTTORI COMMERCIALISTI BILANCIO D'ESERCIZIO DAL PUNTO DI VISTA FISCALE

Dettagli