BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto"

Transcript

1 BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci Introduzione La scuola dovrebbe riuscire a confrontarsi sempre con i cambiamenti e le innovazioni per essere in grado di fornire risposte formative adeguate alla realtà sociale e culturale che gli allievi vivono e nella quale si troveranno ad operare. 1 È a partire da queste considerazioni che cinque anni fa è stato inserito nel piano dell Offerta Formativa del Circolo Didattico di Beinasco il progetto di Robotica che prevede l uso, da parte degli alunni, di vari tipi di robot programmabili durante le attività scolastiche. Da anni avevamo cominciato a potenziare le scuole Primarie e dell Infanzia del Circolo in termini di hardware, software e formazione del personale in campo informatico. Abbiamo rilevato però che tutto ciò che con i bambini riuscivamo a realizzare (utilizzo di programmi di videoscrittura, fogli di calcolo, disegni, ecc.) rischiava di risolversi nel computer stesso. Il rischio dunque era che la macchina diventasse il fine delle attività; noi invece volevamo fortemente educare i bambini a riconoscere nelle tecnologie il mezzo. Era necessario quindi trovare uno strumento ludico che fosse per i bambini tecnologicamente appetibile, che li attirasse senza renderli fruitori passivi ma soggetti attivi che costruiscono, progettano, pensano, provano e verificano. Per la nostra generazione i robot appartenevano, per lo più, ad un mondo di fantasia e di fantascienza, per i nostri alunni i robot sono diventati molto più concreti: giocattoli che si trovano comunemente in commercio, che eseguono gli ordini che gli sono stati impartiti dai loro costruttori ma che non sono in realtà controllabili dal bambino che può giocarci solo seguendo alcune regole prestabilite. I robot proposti a scuola hanno la particolarità di essere dei giocattoli che per funzionare devono essere programmati direttamente dai bambini, alcuni anche costruiti in base a caratteristiche diverse e particolari, consone al tipo di movimento e/o di percorso che si vuole che facciano. 1 Feuerstein R., Non accettarmi come sono, Sansoni Editore, Milano, 1995

2 I bambini hanno accolto con entusiasmo la proposta dei robot in classe e la loro curiosità ci ha permesso di progettare un percorso didattico articolato che li ha visti protagonisti nell ideazione e nella programmazione dei robot. La costruzione che ha luogo nella testa spesso si verifica in maniera particolarmente felice quando supportata dalla costruzione di qualcosa di molto più concreto: un castello di sabbia, una torta, una casa di Lego, un programma per computer, una poesia, una teoria dell universo.... (Seymour Papert) Esperienze nelle scuole Le attività che prevedono l utilizzo a fine didattico di piccoli robot vengono proposte in tutte le scuole dell Infanzia e in tutte le scuola Primarie del Circolo e coinvolgono i bambini dai cinque agli undici anni. Il fascino esercitato dai robot sui bambini fa sì che anche gli alunni della scuola dell'infanzia possano fare esperienze inoltrandosi in un mondo scientifico mediante un approccio divertente. Attraverso queste esperienze abbiamo potuto constatare come i bambini mettano in gioco le loro attitudini creative, la loro capacità di comunicazione e con la regia attenta dell'insegnante, anche la disponibilità alla cooperazione. Nelle scuole dell Infanzia viene utilizzato il Bee-Bot, una piccola ape di plastica, che a prima vista sembra un giocattolo come altri ma che in realtà è un robottino. È programmabile in modo semplice e immediato, premendo in sequenza i tasti posti sul dorso, sui quali sono disegnate delle frecce che corrispondono alle direzioni avanti, indietro, destra e sinistra. Fig.1 Il Bee-Bot Ogni azione in avanti o indietro determina rispettivamente uno spostamento del Bee-Bot di 15 cm e ogni azione destra o sinistra una rotazione relativa di 90 ; si possono programmare fino ad un massimo di 40 azioni. L ape viene introdotta nell attività scolastica come elemento fantastico durante l attività di laboratorio: risulta strategico e fondamentale il numero ridotto dei bambini poiché ciò consente una migliore partecipazione ed un loro più puntuale coinvolgimento.

3 I bambini hanno la possibilità di conoscere, toccare, manipolare e sperimentare liberamente l uso dei tasti. In concomitanza a questo primo approccio con il robot, i bambini svolgono un attività di gioco motorio che permette loro di vivere con il corpo esperienze di direzione e lateralizzazione; con i bambini risulta inoltre sempre molto significativo osservare come la lunghezza del loro passo vari a differenza di quello del Bee-Bot (azione conseguente alla pressione del tasto avanti o indietro) che è sempre lungo uguale. Dopo questo primo momento di conoscenza del Bee-Bot vengono introdotti dei cartelloni (vedi figura 2), suddivisi in quadrati di 15 cm circa di lato, che propongono ambienti diversi nei quali il BeeBot si può muovere. Fig.2 Esempio di cartellone I bambini imparano quindi a programmare i movimenti dell ape per fare in modo che si sposti sul cartellone secondo un percorso stabilito, utilizz ando i tasti del Bee-Bot. Pervengono così naturalmente all utilizzo di un primo semplice codice poiché sostituiscono la freccia corrispondente alla direzione con le parole: avanti, indietro, destra e sinistra. Il Bee-Bot è sempre inserito all'interno di storie che si adattano alla progettazione didattica. È diventato, ad esempio, uno dei personaggi principali nel Progetto Ambiente. Infatti uno dei cartelloni proposti rappresenta l'orto, in alcune caselle sono disegnati gli ortaggi, in altre gli attrezzi, gli insetti o i fiori.

4 Il bambino decide autonomamente il percorso e quindi quali caselle far percorrere al Bee-Bot per raggiungere quella casella con la figura prescelta. Quasi sempre le attività vengono proposte Fig.3 Una bambina programma un Bee-Bot sotto forma di gioco. Sono possibili diverse varianti che partono spesso anche dalla fantasia e dalla creatività dei bambini. Un gioco consiste nel racchiudere in un sacchetto le figure rappresentate sul cartellone. Il Bee-Bot viene posto sulla casella d inizio, quindi a turno i bambini estraggono un immagine che il robot deve raggiungere. In seguito possono essere associate alle figure dei numeri e la scelta avviene tramite il lancio di dadi. Un'altra esperienza è incentrata sul racconto di favole: sul cartellone vengono posizionate immagini di personaggi o momenti di favole; l'insegnante legge brevi frasi che descrivono e corrispondono ad un'immagine del cartellone, il bambino deve mandare il Bee-Bot sulla casella giusta. È importante sottolineare come questo simpatico robot a forma di ape sia uno strumento didattico utile allo sviluppo della percezione spaziale e della logica, ma non solo. Il bambino è anche chiamato a mettere in atto strategie risolutive, deve ipotizzare un percorso, possibilmente il più breve, e così comincia a confrontarsi in modo spontaneo e ludico con il concetto di aggiunta e/o diminuzione riguardo alle azioni da far svolgere al robot. Il percorso attuato nella scuola Primaria propone per la classe prima ulteriori attività con il Bee Bot, che diventa anche strumento di raccordo interdisciplinare. Nella scuola Primaria, in continuità con la scuola dell Infanzia, è quindi possibile proporre nuove attività con l'apina che in tal modo diviene uno strumento di conteggio sulla retta numerica, fornendo un supporto visivo ai bambini che così possono prevedere, programmare ed effettuare movimenti in avanti e indietro. Il piccolo robot può anche essere il protagonista di storie da inventare e da scrivere, può assumere infatti ruoli e travestimenti diversi, può muoversi in scenari ideati e realizzati dagli stessi bambini. A partire dalla classe seconda e per tutta la terza, viene proposto ai bambini lo Scribbler, un robot programmabile dotato di ruote indipendenti, di led luminosi, di fotocellule capaci di rilevare e seguire fonti luminose, di trasmettitori a raggi infrarossi per Fig.4 Lo Scribbler individuare ed evitare ostacoli, di sensori di linea posti sulla base del

5 robot che gli permettono di seguire una traccia nera, su uno sfondo bianco. Di particolare utilità risulta il foro centrale presente nello Scribbler: in esso è possibile inserire un pennarello che, con il movimento effettuato dal robot, può lasciare traccia su un foglio del percorso effettuato, da questo il nome: "Scribbler Robot", ovvero robot che scarabocchia. Fig.5 Interfaccia grafica per lo Scribbler La novità introdotta dallo Scribbler è la necessità di utilizzare il computer per programmarne gli spostamenti attraverso un interfaccia grafica. I bambini sono dunque avviati ad una programmazione iconica: la programmazione del Bee-Bot avveniva con la pressione di tasti, per la programmazione dello Scribbler devono provvedere con la scelta delle icone (comandi) adatte. In modo del tutto naturale i bambini cominciano a manipolare grandezze variabili. Occorre infatti impostare in termini di grandezza la direzione, la velocità e la durata del movimento. Con gli appositi comandi, oltre al movimento, è possibile attivare l accensione e lo spegnimento delle luci, la riproduzione di sequenze sonore e, con l ausilio di procedure più complesse, è possibile impostare cicli di ripetizione o di scelta a seguito di un interrogazione (ad esempio, se c è un ostacolo, allora gira a destra ). Lo Scribbler propone 8 programmi dimostrativi. Utilizzando tali programmi si può osservare il robot in azione e avere un idea delle potenzialità; questa fase di osservazione costituisce il primo approccio al robot. In seguito i bambini, consapevoli delle possibilità di movimento dello Scribbler, possono utilizzare il software di programmazione e collegare le varie icone corrispondenti a semplici comandi. Ad una fase di progettazione, Fig.6 Lo Scribbler legge la traccia

6 nella quale sono stati stabiliti i movimenti e le azioni che si vuole far eseguire al robot, segue la fase di realizzazione che si concretizza in espliciti diagrammi di flusso. Facendo muovere lo Scribbler è possibile disegnare linee rette e/o curve oppure figure geometriche, applicando e sperimentando le conoscenze possedute. È evidente che attraverso il canale del gioco e del divertimento possono essere veicolati contenuti disciplinari, relativi all aritmetica e alla geometria, di elevato valore per quanto riguarda la maturazione delle capacità logiche e di problem solving. Nelle classi quarte e quinte viene introdotto il robot RCX della LEGO che si ottiene utilizzando i famosi mattoncini, con cui i bambini hanno familiarità, uniti all unità centrale programmabile, costituita da un blocco contenente il micro-processore (vedi fig. 7). L RCX può eseguire azioni programmabili attraverso il computer, con dei comandi molto simili a quelli usati nel LOGO e usati normalmente (avanti, indietro, ciao ). In breve tempo i bambini apprendono e padroneggiano il linguaggio, rendendosi conto dell importanza e della necessità di rispettarne le regole ortografiche Fig.7 L unità centrale dell RCX della LEGO e sintattiche (il comando avanti funziona, vai avanti no; il comando avanti (15) funziona, avanti15 no). Inutile scrivere di come questa richiesta di positivamente precisione al possa estendersi linguaggio adottato quotidianamente. L RCX favorisce quindi la creatività nella fase di costruzione e l accuratezza nella fase della programmazione. In un esperienza condotta in due classi quarte, composte da 22 alunni ciascuna, i bambini hanno operato sia in classe, che nei corridoi, che nella palestra, in situazioni e in spazi diversi che

7 hanno presentato diverse condi-zioni. Le dimensioni dei locali e le diverse tipologie di pavimento hanno richiesto continui adegua-menti nella costruzione dei robot e nella loro programmazione. I bambini hanno eseguito le attività rivelando grande creatività nella ideazione e nella costruzione dei robot, e una buona dose Fig.8 Un robot realizzato con l RCX della LEGO d intraprendenza nella fase di programmazione. Ogni classe ha lavorato in gruppi formati da tre o quattro allievi. Tale modalità ha fatto emergere in modo evidente particolari dinamiche relazionali fra i componenti del gruppo. In alcuni casi tali dinamiche sono risultate positive e funzionali al gruppo, in altri casi invece sono risultate d ostacolo al sereno svolgimento del lavoro. I docenti si sono così resi conto di come in quest attività non si trattasse tanto di bilanciare i gruppi in termini di maggiori e/o minori competenze dal punto di vista scolastico in senso stretto, quanto di formare squadre di elementi con capacità diverse, non conflittuali fra loro, in grado di contrattare le proposte dei singoli per giungere ad una soluzione di lavoro unica e condivisa. Conclusioni Dalle iniziative messe in atto in questi anni nell ambito del Progetto Robotica abbiamo constatato che gli alunni assumono un ruolo da protagonisti nelle attività e centrale nell attività, poiché non devono adeguarsi alle richieste dell insegnante, che assume il ruolo di consulente, ma devono scegliere mediando con i compagni i percorsi risolutivi. Liberi da vincoli i bambini, sulla base di poche istruzioni preliminari, hanno sempre avviato l esperienza in modo immediato. Un ruolo fondamentale ricopre il gruppo di allievi che collaborano nella costruzione e nella programmazione del robot. È importante che siano presenti in modo equilibrato capacità di intuizione, analisi, astrazione, comunicazione e realizzazione. La padronanza di un metodo collaborativo è l elemento chiave per operare. Ognuno svolge un ruolo indispensabile in base alle proprie attitudini e capacità. L insegnante è un mediatore, il suo compito non è quello di fornire risposte e/o soluzioni o trasmettere nozioni ma predisporre occasioni e stimolare gli allievi ad osservare, a porsi domande, a creare collegamenti e ad individuare strategie. Una caratteristica fondamentale Fig.9 Bambini al lavoro con l RCX della LEGO

8 della robotica è l assenza di soluzioni prestabilite. Ogni nuova situazione offre spunti e opportunità diverse, che possono essere affrontate e risolte in modo diverso. Il percorso di scoperta non è lineare ma è una ricerca continua, non procede per tappe obbligate ma per tentativi ed errori. In tale contesto anche l errore assume una nuova valenza. Quando il robot non esegue quanto previsto risulta evidente ai bambini che c è qualcosa di sbagliato, senza bisogno di una valutazione esterna al gruppo o della supervisione dell insegnante, ed è chiaro che bisogna apportare degli aggiustamenti. L errore non è il risultato dell azione di uno solo ma di un gruppo, perde quindi la connotazione fortemente negativa legata al singolo e diventa una nuova sfida e uno stimolo a ricercare insieme una strategia di risoluzione; nell attività robotica l errore diventa un occasione per raggiungere in modo più consapevole il successo. Bibliografia Feuerstein R., Non accettarmi come sono, Sansoni Editore, Milano, 1995 Marcianò G., Robotica a scuola, Rassegna dell Istruzione, Le Monnier, Milano, 2005, Papert S., The Children s Machine, Basic Books, USA, 1994 Papert S., Logo Philosophy and Implementation, Logo Computer Systems Inc., Canada, 1999; traduzione italiana a cura di G. Marcianò.

Giocare con le api robot

Giocare con le api robot Giocare con le api robot Maurizio Zambarda Scuola primaria Romanzollo, IC Arco (Tn) (Facebook) Premessa Due insegnanti di scuola primaria che si conoscono solo grazie alla rete hanno avuto modo di portare

Dettagli

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding»

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding» Il codingnella nella didattica metacognitiva Cos è il coding? Per coding si intende la stesura di un programma, cioè di una sequenza di istruzioni che eseguite da un calcolatore danno vita alla maggior

Dettagli

Logica e geometria con il linguaggio Logo

Logica e geometria con il linguaggio Logo Logica e geometria con il linguaggio Logo Classe: III, IV e V primaria Argomento: geometria e logica Autori: Guido Gottardi e Alberto Battaini Introduzione: senza la pretesa di redigere un trattato sul

Dettagli

ASPETTI ORGANIZZATIVI

ASPETTI ORGANIZZATIVI MOTIVAZIONE Fin dalla prima infanzia, i bambini/e esplorano con le mani e con il corpo l ambiente intorno a loro. Attraverso la percezione sensoriale, cominciano ad elaborare una rappresentazione mentale

Dettagli

Istituto Comprensivo Lucca 2 Piazzale A. Moro, S. Concordio, 55100 Lucca. Tel. 0583 55497 e.mail: scuola@davincichelini.it

Istituto Comprensivo Lucca 2 Piazzale A. Moro, S. Concordio, 55100 Lucca. Tel. 0583 55497 e.mail: scuola@davincichelini.it Istituto Comprensivo Lucca 2 Piazzale A. Moro, S. Concordio, 55100 Lucca. Tel. 0583 55497 e.mail: scuola@davincichelini.it TECNOLOGIE INNOVATIVE Robotica in rete: ambienti di apprendimento orientati alla

Dettagli

DM-BOT. Presentazione del progetto

DM-BOT. Presentazione del progetto DM-BOT Presentazione del progetto Nelle scuole dell IC Don Milani è presente da anni un filone progettuale che ha come finalità la valorizzazione ed il potenziamento dell'offerta formativa curricolare

Dettagli

LOGO E ROBOTICA. Tutta la vita è risolvere problemi Karl Popper

LOGO E ROBOTICA. Tutta la vita è risolvere problemi Karl Popper LOGO E ROBOTICA Tutta la vita è risolvere problemi Karl Popper molto spesso lo sforzo che gli uomini compiono per attività che sembrano completamente inutili, risulta essere estremamente importante per

Dettagli

Robotica educativa. e vai!!! ROBOSCUOLA 2012

Robotica educativa. e vai!!! ROBOSCUOLA 2012 1. Introduzione Robotica educativa. e vai!!! ROBOSCUOLA 2012 Di Pietro Antonella, Direzione Didattica Verbania 1, Corso Cairoli 85, 28921 Verbania - VB E-mail (docente): antonella.dipietro@istruzione.it

Dettagli

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana

Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Alla Dottoressa Francesca Sabella Ufficio IV Al Direttore ANSAS nucleo del Veneto Dottoressa A. Missana Oggetto: Relazione della quarta annualità del progetto Psicologia dell'apprendimento della matematica.

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Corso di formazione per docenti Nuovi scenari formativi in una scuola inclusiva LA L.I.M. PER FAVORIRE L INCLUSIONE DI BAMBINI O RAGAZZI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Prof. Maurizio Molendini 1 La lavagna

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica

PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima. Matematica ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORISOLE Scuole Primarie PROGRAMMAZIONE ANNUALE per la classe prima Matematica Anno Scolastico 2015/ 2016 COMPETENZE : A -NUMERO Comprende il significato dei numeri, i modi per

Dettagli

Laboratorio di robotica: proposte per alcune attività didattiche di Cristana Bianchi Descrizione dell unità di lavoro e apprendimento L unità di lavoro viene programmata e realizzata con l intento di introdurre

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO UMBERTIDE GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini GIOCO, LIBERA TUTTI! A volte il mondo io non lo comprendo Però se giochiamo lo prendo Bruno Tognolini PROGETTO DI PLESSO SCUOLA PRIMARIA PIERANTONIO a. s. 2014/2015 PREMESSA La scuola rappresenta lo spazio

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

INSEGNARE LOGICA, GEOMETRIA E PROGRAMMAZIONE AI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

INSEGNARE LOGICA, GEOMETRIA E PROGRAMMAZIONE AI BAMBINI DELLE ELEMENTARI INSEGNARE LOGICA, GEOMETRIA E PROGRAMMAZIONE AI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PRESENTAZIONE DEL CORSO Gherardo Albano e Ugo Landini Logo: uno strumento per insegnare Un po di storia Il LOGO è un linguaggio

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

DAI PERCORSI GUIDATI ALLO SCRIBBLER... ROBOSCUOLA 2012

DAI PERCORSI GUIDATI ALLO SCRIBBLER... ROBOSCUOLA 2012 DAI PERCORSI GUIDATI ALLO SCRIBBLER... ROBOSCUOLA 2012 Anna Carotenuto, Giovanna Tamini 1, Direzione Didattica Verbania I Circolo Piazza Fabbri, 6-28921 Verbania anna.caro77@libero.it 1 Giovanna Tamini

Dettagli

PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE

PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE PINOCCHIO E LA FATICA DI CRESCERE MOTIVAZIONI In questi ultimi anni stiamo vivendo nei bambini,un accentuata forma di irrequietezza, mancanza di attenzione e difficoltà nell accettazione di regole e dei

Dettagli

Curricolo verticale di matematica

Curricolo verticale di matematica 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale di matematica Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione Tutto il percorso

Dettagli

Anno scolastico 2003/2004 DENOMINAZIONE:

Anno scolastico 2003/2004 DENOMINAZIONE: DIREZIONE DIDATTICA STATALE 1 CIRCOLO A. GRAMSCI VIALE XX SETTEMBRE 70016 NOICATTARO (BA) Tel./Fax 080 4782237 e-mail: scuolgramsci@libero.it Anno scolastico 2003/2004 DENOMINAZIONE: CLASSE/I: 2^ A- B-

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO n.1 a.s.2013/2014 Titolo significativo Risolvere i problemi Insegnamenti coinvolti

Dettagli

Giocare con le parole in palestra

Giocare con le parole in palestra Anita Piazza IX ciclo SSIS anno scolastico 2007/08 Unità didattica di lingua italiana L2 Giocare con le parole in palestra Destinatari: prime classi di scuola secondaria di primo grado, con presenza di

Dettagli

PICCOLI ROBOT POSSONO RAPPRESENTARE UNO STRUMENTO PER L'INTERAZIONE DIDATTICA CON ALUNNI CERTIFICATI PER GRAVI RITARDI COGNITIVI?

PICCOLI ROBOT POSSONO RAPPRESENTARE UNO STRUMENTO PER L'INTERAZIONE DIDATTICA CON ALUNNI CERTIFICATI PER GRAVI RITARDI COGNITIVI? PICCOLI ROBOT POSSONO RAPPRESENTARE UNO STRUMENTO PER L'INTERAZIONE DIDATTICA CON ALUNNI CERTIFICATI PER GRAVI RITARDI COGNITIVI? Collamati Beatrice Scuola secondaria di I grado di Stresa Istituto Comprensivo

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE

CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE CIRCOLO DIDATTICO DI NARNI SCALO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROGETTO COMUNICAZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE MANGIA, SALTA RIDI L Educazione Alimentare, oggi ha assunto un ruolo fondamentale nella determinazione

Dettagli

Inoltre il progetto intende perseguire i seguenti obiettivi:

Inoltre il progetto intende perseguire i seguenti obiettivi: E idea ormai consolidata che l uso delle tecnologie multimediali nella scuola primaria influisca positivamente sul grado di apprendimento dell alunno. Infatti, i mezzi multimediali mettono in gioco una

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Le attività laboratoriali si attua presso la scuola primaria Mazzucchelli" in un apposita aula attrezzata.

Le attività laboratoriali si attua presso la scuola primaria Mazzucchelli in un apposita aula attrezzata. All interno del Circolo si prevedono diverse modalità di attuazione del miglioramento dell offerta formativa attraverso attività laboratoriali, i progetti e la sperimentazione metodologica. NELL AULA DI

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI MATEMATICA SCIENZE - TECNOLOGIA CURRICOLO D MATEMATICA - SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Competenza matematicoscientifica COMPETENZE

Dettagli

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA

TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 PIANO DI STUDIO DI ISTITUTO TECNOLOGIA SCUOLA PRIMARIA PREMESSA Secondo le Linee Guida per l elaborazione dei Piani di Studio Provinciali (2012) la TECNOLOGIA, intesa nel suo

Dettagli

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016)

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Premessa La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA

MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA MATEMATICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE TERZA PRIMARIA INDICAZIONI METODOLOGICHE L'approccio approccio metodologico adottato si fonda sulla convinzione che la caratteristica fondamentale del pensiero

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

1, 2, 3 ciak: si impara!

1, 2, 3 ciak: si impara! Simonetta Siega Rete delle scuole per l uso didattico della Robotica Coordinatrice Gruppo tecnico Torino Docente presso l Istituto Comprensivo A. Fogazzaro Via Brera 12, 28831 Baveno - Verbania simo.si@alice.it

Dettagli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli

Ho imparato a fare le idee. Approfondimento: ruolo ed evoluzione delle grafiche progettuali. Strategie per progettisti consapevoli Materiali di scarto industriale per una pedagogia sostenibile Ho imparato a fare le idee Strategie per progettisti consapevoli Tasca Ilaria, insegnante di scuola dell infanzia Approfondimento: ruolo ed

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014

ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 L Inventafiabe Scuola dell Infanzia Scuola Primaria ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE area 3 Vantaggiato Marilena CONTINUITA PERCHE?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale IMPARARE AD IMPARARE 1 CURRICOLO INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA DI I GRADO IMPARARE A IMPARARE Dal Curricolo Scuola Primaria e Secondaria di I

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA AMBIENTE SCOLASTICO La scuola dell infanzia di Montebello è situata nell omonimo quartiere della città di Perugia. Dispone di un piccolo giardino che confina con una grande area verde attrezzata ed un

Dettagli

Chip mouse. Primi approcci all uso del computer nelle classi prime

Chip mouse. Primi approcci all uso del computer nelle classi prime UNITA DI APPRENDIMENTO DI INFORMATICA Chip mouse Primi approcci all uso del computer nelle classi prime Quello proposto è un percorso da sviluppare con in bambini di classe prima nel laboratorio di informatica.

Dettagli

PROGETTO INFORMATICA

PROGETTO INFORMATICA PROGETTO INFORMATICA DIVERTIAMOCI CON UN CLIK! Il computer non è una macchina intelligente che aiuta le persone stupide, anzi è una macchina stupida che funziona solo nelle mani delle persone intelligenti.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2011-2012 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI. Allegato al POF

1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI. Allegato al POF 1 CIRCOLO DIDATTICO - Pontecagnano Faiano (SA) PROFILI FORMATIVI Allegato al POF a.s. 2013/2014 Profilo formativo della classe prima competenze riferite agli strumenti culturali Comunicare per iscritto

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Metodologia della ricerca, approccio ludico, didattica laboratoriale.

Metodologia della ricerca, approccio ludico, didattica laboratoriale. Prima parte Obiettivi di apprendimento ipotizzati Disci pline Obiettivi di apprendimento MA 1.a 2.a 2.b 3.a 3.b 4.a 6.a 8.a 8.b 8.c 8.b 9 10 11.a 13.a 13.b TE 5.a 6 10.a 13.a Oggetti immagini e scritti

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013

SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 SCUOLA DELL INFANZIA S. LEONE IX SESSA AURUNCA (CE) ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Chiunque sia, ovunque si trovi, l uomo vive nel movimento: il suo corpo è un mondo di movimento in sé Il movimento non è verbale

Dettagli

Continuità tra i diversi ordini di scuola

Continuità tra i diversi ordini di scuola Continuità tra i diversi ordini di scuola Criteri Formazione Classi Prime La commissione continuità è composta da docenti della scuola dell infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di

Dettagli

Curricolo verticale di Ed. Fisica scuola primaria

Curricolo verticale di Ed. Fisica scuola primaria Curricolo verticale di Ed. Fisica scuola primaria Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio

Dettagli

Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso!

Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso! 1 Erika Firpo Come l aspetto ludico possa essere utile all apprendimento: il software didattico Sorpasso! INTRODUZIONE Sempre più spesso i bambini e i ragazzi passano parte del loro tempo a giocare coi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE. Scuola dell infanzia il girasole. Anno scolastico 2013-2014. Piccibaby MOTIVAZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE. Scuola dell infanzia il girasole. Anno scolastico 2013-2014. Piccibaby MOTIVAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE Scuola dell infanzia il girasole Anno scolastico 2013-2014 Piccibaby MOTIVAZIONE L'approccio corretto alle tecnologie è indispensabile per i bambini di oggi che hanno bisogno

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE Competenze sociali e civiche: riconosce la propria identità nel contesto culturale di riferimento. Assimila il senso e la necessità del rispetto

Dettagli

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica

Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline. Curriculum di Matematica Liceo Linguistico I.F.R.S. Marcelline Curriculum di Matematica Introduzione La matematica nel nostro Liceo Linguistico ha come obiettivo quello di far acquisire allo studente saperi e competenze che lo

Dettagli

SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012

SCUOLA dell' INFANZIA: FONTECHIARO Sez. B a.s. 2011-2012 SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012 Inss.: Masci Luana - Del Gatto Paola Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

CURRICOLO PER LE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INFORMATICA

CURRICOLO PER LE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INFORMATICA CURRICOLO PER LE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INFORMATICA La pervasività dell informatica e il suo essere ormai indispensabile nella vita quotidiana hanno reso necessario l

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

Carlo Tiberti Responsabile Scuole AICA

Carlo Tiberti Responsabile Scuole AICA Carlo Tiberti Responsabile Scuole AICA Bambini e Informatica?? Cosa è l informatica? Come è possibile insegnarla ai bambini della scuola del Primo Ciclo? Informatica e luoghi comuni L informatica è lo

Dettagli

Scuola dell Infanzia di Ulignano Gruppo dei bambini di 5 anni. Insegnanti: Paola Conti e Laura Frosali Consulenza della Dott.ssa Silvia Stiaccini

Scuola dell Infanzia di Ulignano Gruppo dei bambini di 5 anni. Insegnanti: Paola Conti e Laura Frosali Consulenza della Dott.ssa Silvia Stiaccini Istituto Comprensivo «Folgore da San Gimignano» Scuola dell Infanzia di Ulignano Gruppo dei bambini di 5 anni Anno scolastico 2011-2012 Insegnanti: Paola Conti e Laura Frosali Consulenza della Dott.ssa

Dettagli

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali

Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Curricolo di matematica problemi con equazioni figurali Presentazione dell attività svolta nelle classi delle Scuole Primarie e Secondarie di Primo Grado degli Istituti Comprensivi di Reggio Emilia: Pertini

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria Curricolo di Educazione fisica Istituto Comprensivo Gandhi Prato Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : COMPETENZA CHIAVE:

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

ROBOMAT. ROBOMAT Progettare, comunicare, stabilire relazioni di tipo spaziale misurare in tipiche situazioni di problemsolving

ROBOMAT. ROBOMAT Progettare, comunicare, stabilire relazioni di tipo spaziale misurare in tipiche situazioni di problemsolving ROBOMAT Progettare, comunicare, stabilire relazioni di tipo spaziale misurare in tipiche situazioni di problemsolving Logo è un linguaggio di programmazione ideato con finalità didattiche dal matematico

Dettagli

NUMERI PER CONTARE GIOCARE

NUMERI PER CONTARE GIOCARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOTARESCO INFANZIA- NOTARESCO - G. VOMANO PAGLIARE - MORROD ORO A. S. 2016/19 PROGETTO DI FORMAZIONE NUMERI PER CONTARE NUMERI PER GIOCARE Approfondimento delle tematiche disciplinari

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

Scuola dell Infanzia Peter Pan/Quattroponti

Scuola dell Infanzia Peter Pan/Quattroponti Progetto di plesso: Scuola dell Infanzia Peter Pan/Quattroponti a. s. 2013-14 L universo è un libro scritto in lingua matematica, e i caratteri sono triangoli, cerchi, ed altre figure geometriche, senza

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale

Anno Scolastico 2007 2008. Progetto di Tirocinio Animazione Musicale Istituto di Istruzione Superiore L.R. D.M. 14/06/1946 e Paritario provvedimento del 28/02/2001 "Gesù Eucaristico" Indirizzi: Socio-Psico-Pedagogico Linguistico via Monte, 52-75019 Tricarico MT tel. + fax

Dettagli

LABORATORIO ANTROPOLOGICO. La giraffa vanitosa

LABORATORIO ANTROPOLOGICO. La giraffa vanitosa SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Gazzolo d Arcole (VR) Anno scolastico 2015/2016 LABORATORIO ANTROPOLOGICO La giraffa vanitosa MOTIVAZIONE L educazione interculturale favorisce la convivenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI 1 ORIZZONTE DI RIFERIMENTO EUROPEO: COMPETENZA DIGITALE PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE:

Dettagli

A.S. 2010-2011. 1. Presentazione del materiale hardware MINDSTORMS.

A.S. 2010-2011. 1. Presentazione del materiale hardware MINDSTORMS. I.T.I.S. M.BARTOLO - PACHINO Progetto Introduzione alla robotica A.S. 2010-2011 1. Presentazione del materiale hardware MINDSTORMS. 2. Conoscenza dell unità programmabile - programmazione dei vari elementi

Dettagli

Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H

Liceo Scientifico  C. CATTANEO  PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Liceo Scientifico " C. CATTANEO " PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA CLASSE 3 LSA SEZ. H Sommario PIANO DI LAVORO DI INFORMATICA... 1 INDICAZIONI GENERALI... 2 PREREQUISITI... 2 CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA...

Dettagli

Scuola dell Infanzia Maria Bambina ist. Canossiano. UNITA D APPRENDIMENTO N 6 esperienza realizzata con i bambini di 4 anni

Scuola dell Infanzia Maria Bambina ist. Canossiano. UNITA D APPRENDIMENTO N 6 esperienza realizzata con i bambini di 4 anni Scuola dell Infanzia Maria Bambina ist. Canossiano UNITA D APPRENDIMENTO N 6 esperienza realizzata con i bambini di 4 anni Dal 10 Febbraio- al 4 Aprile dal 22 Aprile- al 9 Maggio 14 anno scolastico 2013-2014

Dettagli

La Macchina di Turing come strumento per la divulgazione dell informatica

La Macchina di Turing come strumento per la divulgazione dell informatica & La Macchina di Turing come strumento per la divulgazione dell informatica Mattia Monga Dip. di Informatica Università degli Studi di Milano mattia.monga@unimi.it Centenario A. Turing Milano, 23 giugno

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

Imparare ad imparare: l informatica e la multimedialità

Imparare ad imparare: l informatica e la multimedialità Imparare ad imparare: l informatica e la multimedialità Iole Beltrame Dirigente scolastico iole.beltrame@istruzione.it Imparano ad imparare l informatica e la multimedialità i nostri bambini della scuola

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

La macchina fantastica: il libro dentro un computer Percorsi di esplorazione tecnologica nella scuola dell infanzia

La macchina fantastica: il libro dentro un computer Percorsi di esplorazione tecnologica nella scuola dell infanzia 1 Difficile raccontare un esperienza vissuta in modo così coinvolgente lavorando fianco a fianco con un piccolo gruppo di bambini di cinque anni. Difficile essere credibili in una relazione tecnica che

Dettagli

Insegnante Donatella Dellerba - Circolo Didattico di Saluzzo IL TOTAL PHYSICAL RESPONSE NELLA DIDATTICA DI L2

Insegnante Donatella Dellerba - Circolo Didattico di Saluzzo IL TOTAL PHYSICAL RESPONSE NELLA DIDATTICA DI L2 Insegnante Donatella Dellerba - Circolo Didattico di Saluzzo IL TOTAL PHYSICAL RESPONSE NELLA DIDATTICA DI L2 Il metodo Total Physical Response (T.P.R.) è stato creata dallo psicologo americano James Asher

Dettagli

Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA

Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA Strumento didattico essenziale nella costruzione della Personalità COME MOTORE DI APPRENDIMENTO A QUALSIASI ETA Aspetto COGNITIVO Aspetto AFFETTIVO EMOTIVO Aspetto RELAZIONALE Capacità motorie Abilità

Dettagli

Educare ai videogiochi

Educare ai videogiochi Educare ai videogiochi Damiano Felini Università degli Studi di Parma Insegnare i videogiochi ai ragazzini, che li sanno già usare perfettamente, può sembrare un obiettivo strano: non lo è, se si pensa

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO

IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO IL FAI DA TE NEL SOFTWARE DIDATTICO La realizzazione delle tastiere virtuali didattiche - 3 a parte Prosegue l articolo in cui l autore chiarisce che l individuazione o l impostazione della struttura logica

Dettagli

Il software didattico ELSE e il suo ruolo nella riabilitazione di studenti affetti da disturbi specifici dell apprendimento

Il software didattico ELSE e il suo ruolo nella riabilitazione di studenti affetti da disturbi specifici dell apprendimento 1 Erika Firpo Il software didattico ELSE e il suo ruolo nella riabilitazione di studenti affetti da disturbi specifici dell apprendimento INTRODUZIONE I software sono i veri protagonisti degli interventi

Dettagli

Indicazioni per l insegnante

Indicazioni per l insegnante Indicazioni per l insegnante Tutto ciò che reca le tracce del vivere umano può diventare fonte di informazione sul passato. Ivo Mattozzi Le tracce: ogni cosa che ci circonda ha delle tracce, tracce del

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

Premessa. Dove metto i piedi? (diventiamo muratori) classe 5

Premessa. Dove metto i piedi? (diventiamo muratori) classe 5 Dove metto i piedi? (diventiamo muratori) classe 5 Problema- stimolo: ricoprire il piano senza lasciare spazi vuoti e senza sovrapposizioni scoprendo le figure adatte e motivando le proprie scelte anche

Dettagli

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi.

Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. PROGETTO SeT Il ciclo dell informazione Alla ricerca dell algoritmo. Scoprire e formalizzare algoritmi. Scuola media Istituto comprensivo di Fagagna (Udine) Insegnanti referenti: Guerra Annalja, Gianquinto

Dettagli

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione

Progetto per l insegnamento della lingua inglese. Motivazione e Organizzazione del progetto. Motivazione CURIOSANDO NELL INGLESE Anno scolastico 2014/2015 Tipo di intervento: Laboratori pomeridiani Destinatari del progetto: Alunni classi prime scuola primaria Progetto per l insegnamento della lingua inglese

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 ... SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI

Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 ... SUONO... LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA OSTI Direzione Didattica 3 Circolo di Carpi Scuola dell'infanzia Albertario A. S. 2006/2007 Dal progetto ESPRESSIONE, MOVIMENTO, SUONO... SUONO... UN GUAIO PER GLI UCCELLINI LABORATORIO DI ESPRESSIVITÀ CORPOREA

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO

SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO Via Pertini, 1 73020 UGGIANO LA CHIESA (LE) tel 036 17370 fax 036 14535 LEIC4300C@istruzione.it www.comprensivouggiano.it codice

Dettagli

LA MACCHINA FOTOGRAFICA COME STRUMENTO TECNOLOGICO ATTIVO. IL LABORATORIO DI FOTOGRAFIA DIGITALE NELLE SCUOLE ELEMENTARI Dalla 1 1 alla 5 5 classe

LA MACCHINA FOTOGRAFICA COME STRUMENTO TECNOLOGICO ATTIVO. IL LABORATORIO DI FOTOGRAFIA DIGITALE NELLE SCUOLE ELEMENTARI Dalla 1 1 alla 5 5 classe IL LABORATORIO DI FOTOGRAFIA DIGITALE NELLE SCUOLE ELEMENTARI Dalla 1 1 alla 5 5 classe EDUCARE I BAMBINI ALL IMMAGINE : EDUCARE ALLA COMUNICAZIONE PER SVILUPPARE UN RUOLO ATTIVO nei confronti della cultura

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli