SQUILLA. Don Gianfranco prete da 50 anni. Anno LXXXII - Numero 2 - Febbraio 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SQUILLA. Don Gianfranco prete da 50 anni. Anno LXXXII - Numero 2 - Febbraio 2011"

Transcript

1 la Mensile della Parrocchia SS. Nazaro e Celso Bresso SQUILLA Visita Pastorale 2010 Santuari del Decanato: San Vincenzo Diacono e Martire in Brusuglio (chiesa manzoniana) Don Gianfranco prete da 50 anni Anno LXXXII - Numero 2 - Febbraio 2011

2 CARTOLERIA GIOCATTOLI ARTICOLI RELIGIOSI GIOCHI PIRICI CAPPELLETTI Via Centurelli, 42 - BRESSO - Tel SERRAMENTI IN ALLUMINIO- LEGNO E IN PVC - TAPPARELLE PORTE INTERNE E BLINDATE CANCELLI DI SICUREZZA Show - Room Bresso Via Corridoni, 32 Tel risparmia fino al 55% con la detrazione fiscale FERRAMENTA - UTENSILERIA - ELETTRICITÀ Sala & Magni s.r.l. FORNITURE e ATTREZZATURE INDUSTRIALI Bresso (Milano) Via A. Manzoni, 28 - Tel Servizi Funebri Nebuloni s.r.l. Funerali - Cremazioni Trasporti Nazionali ed Internazionali Servizio continuato 24 h su 24 Via Fulton, 12 - Milano Tel. e Fax Diurno - Notturno Viale Affori, 11 - Milano Onoranze Funebri BERNA di PEREGO ELVEZIO Via Vittorio Veneto, 41 - Tel. 02/ Notturno 02/ / CONCESSIONARIO AUTORIZZATO DI COCCINELLE THE BRIDGE PIERO GUIDI CALVIN KLEIN ROCCO BAROCCO BIBLOS CROMIA SAMSONITE PIQUADRO MANDARINA DUCK KIPLING RAINBOW TUSCAN S GIANFRANCO CORTI

3 la parola del parroco 400 anni della santità di San Carlo e 50 anni del sacerdozio di don Gianfranco Radice Il prete che vorremmo essere 3 Per i 400 anni della santità del Cardinal Carlo Borromeo molti studi sono stati intrapresi. Un bel libro del nostro Arcivescovo, Dalla tua mano, racconta la santità che San Carlo sognava per i suoi preti e che viveva lui stesso. Noi, che in questo febbraio 2011 ricordiamo con gratitudine i 50 anni di sacerdozio del nostro don Gianfranco, siamo invitati a camminare sulla stessa via: a che serve celebrare una memoria così se non per incoraggiarci tutti a diventare più santi? San Carlo ricorda ai suoi preti: Estis veluti nervi spiritualis vitae populi. Nella nobiltà del latino, una cosa molto bella: Voi preti siete le nervature della vita spirituale del popolo. Come i nervi danno movimento ed energia a tutto il corpo, così la vita spirituale del prete è anima della comunità: insomma, un prete santo rende santa la sua gente. Nella storia della Chiesa, e anche nelle nostre storie personali, abbiamo visto come questo è vero. In latino, tutto ciò veniva detto forma gregis, modello del gregge. Come avviene ciò? Il Cardinal Montini riprendeva questo concetto parafrasando San Carlo: Io mi devo comportare in maniera tale che quelli che mi conoscono e mi vedono sentano un richiamo alla fedeltà alla legge di Dio. Chiarissimo. C è un altro tratto molto bello della santità di San Carlo che diventa stimolo per noi preti: la popolarità. Questo vocabolo oggi si traduce con notorietà. È ben altro. Dice ancora il futuro Paolo VI: La vita di San Carlo è stata una vita estremamente offerta al popolo. Non è stato un Santo di cella, di convento, di studio: è stato un Santo che si è confuso in mezzo alla vita del popolo. Ha cercato sempre di essere vicino alle aspirazioni e alle necessità della sua popolazione. Essi sono stati il suo stimolo, direi la sua legge. Un prete è sempre educato dal suo popolo, mentre lo educa alla vita del Vangelo. Senza questo vitale rapporto con il gregge, un pastore cos è? Infine un ultimo tratto della santità che San Carlo raccomandava ai suoi confratelli (e viveva lui stesso): la bontà. Sempre in latino diceva che patres, non domini sumus, siamo padri, non padroni. Per essere padri occorre certamente la forza della persuasione, l autorevolezza che mette i punti fermi, la costanza e la tenacia, il coraggio dell impopolarità e anche la capacità di dire con fermezza i no!. Ma senza la pazienza, la pietà, il perdono, in una parola, la bontà, tutto ciò ci rende padroni di anime, non pastori. Questo è il prete che ci piacerebbe essere. E don Gianfranco, lo sappiamo tutti, non è lontano davvero da un modo di essere prete così. Don Angelo e don Pierpaolo

4 la nostra comunità Rinati al fonte battesimale LIVALLI Sara AUDINO Benedetta Giuseppina Anna DONI Eleonora MARIANI Diego PJETRUSHI Matilda Riposano in Cristo ALLIEVI Maria di anni 90 RICCIARDI Saveria di anni 83 AGNETA Francesco di anni 75 GANDOLFI Andreina di anni 77 TESTA Verilio di anni 79 RECALCATI Luigi di anni 96 CACCAVO Raffaele di anni 71 CAREGARO Elsa di anni 86 PASTORI Maria di anni 87 FIANO Nicola di anni 79 MONTANARELLA Caterina di anni 84 GHITTI Francesco di anni 76 Sposati nel Signore ---- Legati del mese di Febbraio 3 ore 9 CINISELLI Pietro e TAGLIABUE Angela 4 ore 7 TAGLIABUE Natale e RISI Maria 10 ore 17,30 DONZELLI Angelo e LECCHI Letizia 11 ore 7 DONZELLI Pierina e LIBANORE Bruno 12 ore 9 Famiglia BIANCHI Giuseppe 14 ore 7 ANNONI Adolfo e GIUSSANI Maria ore 17,30 RIBOLDI Lucia e Carlo 18 ore 9 BIANCHI Edoardo e FUMAGALLI Ines 21 ore 9 LECCHI Suor Onorina e Giuditta 23 ore 7 DI STEFANO Rosa e Antonio 24 ore 7 Mons. RE DIONIGI Giuseppe, Felice e Adele ore 9 LESMA Giuseppe, Guido e PACCHETTI Giuseppina 25 ore 17,30 LAMANNA Ettore e Rosina 28 ore 7 RECALCATI Angelo,ORIANI Enrichetta e figli ore 9 LESMA Colomba e Carlo e ANNONI Anna Per verificare il calendario 2012 dei legati in suffragio dei defunti il Parroco chiede ai parenti - qualora non l avessero già fatto gli scorsi anni - di passare in Segreteria Parrocchiale (lun-ven h ). 4

5 notiziario Il bacio a Gesù Bambino Le feste natalizie si concludono con l Epifania che, come è noto, tutte le feste le porta via. Bellissimo e mai così partecipato è stato il momento di preghiera del bacio a Gesù Bambino il 6 gennaio. Molti bimbi, molte famiglie giovani e molte nonne e nonni. Non un gesto sentimentale; è molto di più. Affidare a Gesù le nostre nuove generazioni è un segno di grande impegno e lungimiranza. Impegno, perché la cura dell educazione delle nuove generazioni è molto esigente per gli adulti: ma solo così si garantisce la costruzione di una storia buona. E segno di lungimiranza: Gesù sa indicare quella vita buona del Vangelo che è via alla vera gioia. Vera gioia: paroloni impegnativi, ma autentici. Chi lo prova lo sa bene. D altronde, non provarono una grande gioia anche i magi al vedere la stella che indicava Gesù? Un gennaio duro Mai così tanti defunti in pochi giorni. Ripresa dell anno e programmazioni. Impegni parrocchiali, cittadini, decanali e diocesani per i nostri preti. Manca don Gianfranco. In ospedale anche don Bruno, della Parrocchia di San Carlo. Manca il segretario parrocchiale generale per una operazione chirurgica. Manca il vicesacrestano per nuovi impegni lavorativi. Manca l economo parrocchiale per sopraggiunti impegni familiari. Arrivano i ladri in casa parrocchiale. Mamma mia! Per fortuna la nostra comunità cristiana è ricca di molti carismi e di molta pazienza. Così anche un gennaio duro si è trasformato in una palestra di virtù, per preti e laici. Scarp de tenis Il mensile di strada scritto, gestito e venduto (dentro un progetto Caritas) da chi ha perso lavoro e casa e finirebbe male, molto male, ormai lo conosciamo. La redazione ci informa che il giorno dell Epifania sono state vendute 290 copie alle porte della nostra chiesa e ringrazia per l accoglienza e soprattutto per la grande possibilità che viene offerta ai nostri venditori di poter continuare a svolgere dignitosamente questo lavoro. La Chiesa italiana annuncia il CONGRESSO EUCARISTICO NAZIONALE ad Ancona (3-11 settembre 2011) e si prepara a viverlo nella preghiera. VENERDÌ 11 febbraio GIORNATA MONDIALE DEL MALATO Rosario, ore Eucaristia, ore con celebrazione del sacramento dell UNZIONE DEI MALATI 5

6 notiziario Gruppo parrocchiale Terza Età Programma attività mese di Febbraio Giovedì 3: Ore 15 Raccontiamoci: La tradizione di Giovedì 10: Ore 15 Pomeriggio enigmistico Giovedì 17: Ore 15 Pomeriggio in Canto Giovedì 24: Ore 15 Incontro con il Medico Inoltre si ricorda che tutti i mercoledì, alle ore 15, chi vuole può partecipare ai lavori a maglia e in stoffa a favore dei nostri missionari. La saggezza dei nostri anziani Primavera di febbraio reca sempre qualche guaio 6

7 commissione affari economici Situazione economica a cura della Commissione per gli affari economici 1) Campo sportivo oratorio Pagamenti effettuati Gennaio 2011 OLFA - 3 acconto a lavori eseguiti 11,990,00 Totale impegnato ,00 Totale pagamenti effettuati al 31/01/ ,00 Totale debito residuo ,00 Offerte per campo sportivo oratorio (Gennaio 2011) Per i bisogni della Parrocchia 2.000,00 Ricordando il nonno 50,00 NN 30,00 Dai mattoncini domenica 16/01/ ,00 NN 150,00 Contributo della Polisportiva 1) 5.000,00 In memoria di un caro defunto 500,00 Totale offerte di gennaio ,00 Totale offerte al 31/12/ ,00 Totale offerte al 31/01/ ,00 2) Mutuo Credito Sportivo - Roma (fino al 2013) Rata di gennaio ,74 Debito residuo in linea capitale ,63 Il nuovo campo sportivo dell oratorio e i lavori complementari di Roberto Cassamagnaghi (a nome della Commissione affari economici) I lavori per il nuovo campo di calcio e tutte le opere a esso collegate sono pressoché terminati. Mancano solo i collaudi definitivi delle luci e del terreno di gioco da parte della Lega Nazionale Dilettanti per l omologazione ufficiale. Dopo la posa dell erba sintetica, completata dalla regolamentare segnaletica bianca del rettangolo di gioco incorporata nella stessa, è stato posto l intaso previsto, composto da strati di sabbia e di materiale organico. Completati, infine, i muretti in cemento armato, con la recinzione zincata, sui tre lati della proprietà oratoriale, e cioè lungo le vie Volta, Toselli e Galliano. Per la via Galliano abbiamo arretrato la nuova recinzione di circa 3,50 metri rispetto all attuale confine, perché abbiamo ceduto in affitto al Comune, per la durata di 40 anni, una striscia che servirà per il parcheggio delle autovetture, permettendo di mantenere una maggior larghezza della strada quale ulteriore sicurezza per tutti. L operazione ci consentirà di introitare quanto prima (con paga- 7

8 commissione affari economici mento anticipato per tutti i 40 anni) l intero importo di circa euro, che contribuirà a pagare i lavori eseguiti. Abbiamo inoltre rifatto la recinzione del campo di calcetto (area di circa 800 mq), per una migliore fruibilità dello stesso e con maggior sicurezza per tutti. Sono stati infine eseguiti lavori complementari: una tettoia per la raccolta rifiuti; la sistemazione della pavimentazione in calcestruzzo; un nuovo tratto di muro in cemento armato e rete a completamento dell area est del campo di calcio; la copertura del muretto basso del campo di calcetto, in modo da creare circa 40 metri di panchina; sistemazione dell asfaltatura, ecc. Questi interventi permetteranno di utilizzare al meglio tutte le aree esterne del nostro oratorio, riqualificando tutti gli spazi e limitando nel futuro gli interventi di manutenzione: non ci saranno più aree fangose e rami secchi e foglie, non ci saranno più reti rotte e/o rattoppate, non ci saranno più soprattutto zone buie e strani nascondigli, ma solo una grande visibilità per tutto e per tutti, e quindi una maggior sicurezza per i nostri ragazzi. Non abbiamo sforato con le spese e ci ripromettiamo di pubblicare nel prossimo numero della Squilla il costo definitivo e totale delle opere, comprensivo di tutti gli interventi. Personalmente, ringrazio per la collaborazione e i suggerimenti ricevuti, dando appuntamento a tutti il prossimo 20 marzo per l inaugurazione ufficiale. Il campo sportivo ormai ultimato. Ancora da completare resta l ala sud, con l abbattimento della vecchia recinzione lungo via Galliano. 8

9 50 di sacerdozio di don gianfranco 9

10 50 di sacerdozio di don gianfranco Don Gianfranco da ragazzo Fascino umano e spirituale capace di indirizzare al bene di don Romeo Maggioni Di don Gianfranco Radice (allora era solo: Giustin) ho davanti agli occhi, e più ancora nel cuore, una foto del Gruppo Chierichetti che officiavano o scorrazzavano sull altare della chiesa parrocchiale di Cornaredo negli anni 40, nel dopoguerra, tra il 46 e il 50. Lui era il capo Chierichetti: aveva radunato un bel gruppo di ragazzi vivaci, ne organizzava il servizio in chiesa e ci tirava dietro con forme di incontri, giochi, amicizia. Forse anche radunandoci a casa sua: ho in mente dov era, una casetta lontano, all esterno del paese, verso il ponte di Pregnana, a fianco di una cava! Probabilmente viveva già la passione e il mestiere del prete d oratorio. Non mancò presto di entrare in Seminario. Di quella antica compagnia seguirono il suo esempio quattro suoi amici, entrati anch essi in Seminario. Segno di un fascino umano e spirituale capace di indirizzare al bene. Di don Gianfranco ho poi altre immagini: all oratorio di Vergiate, tra una grande banda di bambini in festa; e poi come parroco di un paesino da lago, a Ranco, fuori Angera. Era la festa di Sant Agnese: mi aveva invitato, io giovane prete alle prime armi tra i ragazzi di Legnano, a parlare al gruppetto del suo oratorio femminile sulla castità (...era ancora una virtù da additare, allora!). Mi erano sembrate ragazze attente e spigliate. Un altra volta ero andato per una Messa solenne, forse alla festa patronale, cui era seguito un pranzetto in un ristorante di lusso sul lago. Segno che era amico di ogni famiglia, in un ambiente non facile com era quello della gente di lago! 10 Di lui ho poi memoria, in anni successivi, di qualche tribolazione in famiglia (per la morte del prestigioso fratello Giusto) e di qualche malattia che lo aveva spaventato e un poco raffrenato nel lavoro pastorale, ma non nel suo essere fervoroso e zelante nel ministero delle confessioni. Di ciò ho sentito continuamente parlare in questi ultimi anni che è a Bresso, stimato e ricercato direttore di anime, nel servizio umile, sempre presente in chiesa. Il prete non si misura dal fare. Cinquant anni di sacerdozio significano dignità sacramentale, per le cui mani Dio è passato in tanti cuori. Si ricorre sempre più a quella fontana di speranza e di verità che è il prete disponibile al colloquio e che vive l intercessione davanti a Dio per i bisogni di tutti. Caro don Gianfranco, ti auguro di continuare nella serenità questo tuo ministero per molto tempo ancora, e di ritrovarci sempre, come hai fatto in questi anni passati, a celebrare la festa del nostro paese a Cornaredo, col tuo sorriso lieto e silenzioso, immagine vivente di Gesù, mite e umile di cuore (Mt 11,29). Già Grande anche quando era piccolo

11 50 di sacerdozio di don gianfranco Un suo compagno di Seminario racconta don Gianfranco Sull altare, insieme da 50 anni di don Renzo Riva, cappellano all ospedale di Niguarda Discreto. Un volto serio, ma facile a illuminarsi con un sorriso. Come il volto, così tutta la sua persona; compassata, ma che si anima in una gioiosa fregata di mani mentre interloquisce con un altra persona. Riflessivo: questa è una sua bella qualità. Misurato nelle parole, ma, nella mente, assai creativo. Una fede, la sua, da additare come esempio. Così ho rivisto don Gianfranco Radice, quando è stato degente in ospedale a Niguarda, ogni qual volta passavo a fargli visita nella mia veste di cappellano. Ma non mi era noto solo da allora. Già in Seminario ci eravamo conosciuti e insieme avevamo camminato sulla strada verso la meta del sacerdozio: 25 febbraio 1961, ore 9, nel Duomo di Milano, consacrati dall allora Arcivescovo mons. Giovanni Battista Montini, 11 futuro Paolo VI. Esattamente 50 anni orsono. Le parole dell Arcivescovo pronunciate nel discorso dell ordinazione sono tuttora vive nelle nostre menti, perché sono stati pensieri illuminati e stimolanti. Credo che sia sommamente importante così diceva il Card. Montini aver ben presente, proprio in questo momento, la causa finale prossima del sacerdozio: le anime. Il sacerdozio, sappiate, non è dignità e potere in vantaggio di chi lo riceve: è ufficio di mediazione fra Dio e gli uomini. E perciò, mentre da un lato si finalizza alla gloria di Dio, dall altro si rivolge, come a suo prossimo termine, alle anime. Cari sacerdoti novelli, bisogna che il vostro cuore si porti, perdutamente, al gruppo di anime che sarà affidato alle vostre cure: siate pastori. Il ministero pastorale, don Gianfranco lo sta esercitando da anni nella Parrocchia dei Santi Nazaro e Celso a Bresso, dove, per la sua presenza assidua accanto agli ammalati e il suo servizio alle persone anziane, si è ben meritato la stima e l affetto dei suoi parrocchiani. Me ne sono accorto mentre era ricoverato nel reparto di medicina a Niguarda: quante visite! Quanta cordialità! Quanta riconoscenza! Giusto, allora, in occasione del suo 50 di ordinazione sacerdotale, che la sua Comunità parrocchiale gli faccia una bella festa e con lui elevi a Dio un caloroso grazie per il dono del sacerdozio e per il bene che ha profuso verso le anime che gli sono state affidate.

12 50 di sacerdozio di don gianfranco : don Gianfranco è parroco a Ranco, sul lago Maggiore Al primo posto gli anziani e gli ammalati A Ranco don Gianfranco ha riversato tutte le sue energie, dapprima con l entusiasmo della giovane età, poi con quella pacatezza e tenacia derivanti da una fede profonda. dal Consiglio pastorale di Ranco La Comunità parrocchiale di Ranco è lieta di unirsi ai festeggiamenti organizzati dalla Parrocchia dei Santi Nazaro e Celso di Bresso per don Gianfranco Radice, in occasione del 50 anniversario del suo sacerdozio. Prete da soli due anni, Don Gianfranco iniziò l esperienza pastorale di parroco a Ranco, piccolo paese sul lago Maggiore, in provincia di Varese. Era un giovane sacerdote pieno di entusiasmo e vigore (spesso veniva scambiato per il coadiutore ), sostenuto allora dalla presenza affettuosa e riservata dei suoi cari genitori. Ricordare le molteplici iniziative svolte da don Gianfranco nella Parrocchia di Ranco è impossibile: in 25 anni, ha dispiegato straordinarie energie in ogni settore, da quello amministrativo a quello pastorale vero e proprio. È stato saggio e prudente amministratore dei beni parrocchiali ( Se dovessi andar via domani, non voglio lasciare debiti, soleva ripetere nel Consiglio degli Affari economici), senza per questo restare inattivo. Non si contano i lavori effettuati nella chiesa parrocchiale e in quella della frazione di Uponne. Prima di tutto, infatti, l attenzione è stata sempre rivolta alla chiesa, l edificio da conservare in modo decoroso, come conviene alla casa più bella del paese. Subito dopo l oratorio e, per ultima, la casa parrocchiale, trasformata in un ambiente più accogliente solo 12 poco prima della sua partenza. Parlare ora dell attività pastorale di don Gianfranco non è cosa semplice: le parole non sono sufficienti né adeguate a ricostruire anni e anni in cui egli ha riversato tutte le sue energie, dapprima con l entusiasmo della giovane età, poi con quella pacatezza e tenacia derivanti da una fede profonda. Al primo posto ci sono sempre stati gli anziani, gli ammalati (soprattutto se soli) e le persone che stavano vivendo momenti di sofferenza per la scomparsa di una persona cara. Don Gianfranco sapeva ascoltare, caricarsi del dolore e delle preoccupazioni degli altri, consolare con parole di fede e di conforto umano. Chissà se ancora conserva, accanto a quella dei suoi familiari, le foto di Luca e di Manuelo, due ragazzi che la morte aveva prematuramente rapito, e quella dell anziano Togn a cui fu vicino in modo particolare nella malattia e nella solitudine. È entrato con rispetto e discrezione nella casa di tutti, accolto come uno di famiglia. Quest anno ho perso tre persone: mio marito, mia madre e adesso don Gianfranco : così commentava una parrocchiana all indomani della notizia della sua partenza da Ranco. Solo un cenno, ora, alle mille attività rivolte ai bambini, ai ragazzi, ai giovani. Dei bambini conosceva bene le famiglie, era molto attento ai loro

13 50 di sacerdozio di don gianfranco problemi, accompagnandoli sempre nella loro crescita. Ancor oggi, divenuti padri di famiglia, non hanno certo dimenticato le partite di pallone nel campetto in terra battuta, dove la veste nera diventava bianca di polvere, i pomeriggi d estate nel bosco e al lago e il pulmino strapieno verso il Santuario della Madonna di Angera per chiudere degnamente la giornata. Con uguale entusiasmo, don Gianfranco ha avviato e sostenuto iniziative che potessero coinvolgere soprattutto adolescenti e giovani: dalla Schola cantorum con fratel Luigi, al Laboratorio missionario di suor Giustina (tuttora esistenti), alle gite in montagna e nelle città d arte, ai tornei di calcio, alle rappresentazioni teatrali, accettando e valorizzando la collaborazione di persone capaci e disponibili. Insomma: 25 anni di questa intensa attività hanno lasciato segni indelebili nella comunità ranchese. Poi, sempre alla ricerca di come dare il meglio di sé, come persona e come sacerdote, don Gianfranco ha voluto iniziare una nuova esperienza nella Parrocchia dei Santi Nazaro e Celso di Bresso. E oggi, proprio a Bresso, festeggia i 50 anni di un sacerdozio vissuto con convinzione e profonda dedizione, a servizio della Chiesa e dei fratelli. In questa importante ricorrenza, la Comunità parrocchiale di Ranco è particolarmente vicina con la preghiera a don Gianfranco e, riconoscente, rivolge a lui l augurio più caro perché possa proseguire, con ritrovato vigore, usando le sue parole, il cammino che il Signore addita a tutti: quello verso la vetta della santità. don Gianfranco a Ranco 13

14 50 di sacerdozio di don gianfranco A Bresso, il suo servizio primo è con i malati e in confessionale Una particolare sensibilità che ci contagia Il ministero di don Gianfranco presso gli ammalati è sorgente di vita spirituale anche per i ministri laici della Comunione. a cura dei ministri straordinari della Comunione a parlar loro del regno di Dio e a guarire quanti Prese avevano bisogno di cure (Lc 9,11) Grazie, don Gianfranco, per il ministero da lei svolto nella nostra comunità, e in particolare per la sua sensibilità e attenzione di pastore nei confronti degli ammalati e degli anziani, che lei visita periodicamente nelle loro case. Il suo ministero sacerdotale è testimonianza dell amore di Gesù che annuncia, accoglie, perdona, conforta, e che attraverso la sua carità rafforza fede e speranza. Alzò gli occhi al cielo, recitò sui pani la benedizione, li spezzò, e li dava ai discepoli perché li distribuissero alla folla (Lc 9,16) La sorpresa dei discepoli, in noi, si traduce in stupore ogni volta che portiamo Gesù Eucaristia agli ammalati. Lei, don Gianfranco, ci accompagna in questo cammino e ci sostiene con i suoi consigli e la sua costante preghiera. Quindi non possiamo che dire: Signore, ti ringraziamo per il grande dono che ci hai fatto di poterti portare ai nostri fratelli ammalati che soffrono uniti a te nel silenzio delle proprie case; quando ci accolgono con il loro sorriso pieno d amore e di riconoscenza per il servizio che facciamo, è per noi il segno del tuo amore che ci unisce e ci avvolge, riempiendoci della tua presenza. 14

15 don gianfranco radice 50 di sacerdozio 50 anni da sacerdote

16 don gianfranco radice 50 di sacerdozio don Gianfranco... remare! con l indimenticabile sorella suor Carla la partenza di don Giuseppe Hounder

17 don gianfranco radice 50 di sacerdozio celebrazione eucaristica con il card. Martini educati a guardare oltre un saluto tra colleghi

18 don gianfranco radice 50 di sacerdozio e allora caro don Isacco, và dove l obbedoienza ti chiama coadiutori del passato sempre presenti di nuovo tra noi: risanato e risanante

19 50 di sacerdozio di don gianfranco Una dimostrazione di grande affetto dai suoi ammalati dopo l operazione Don Gianfranco, il Signore si serve di lei per venire da noi! di Mina Belloli Bentornato, don Gianfranco, bentornato! Non è una formalità questa frase, sono parole sincere d amicizia e di affetto rivolte a chi ha fatto tanto per noi anziani e ammalati della nostra Parrocchia. Abbiamo atteso con trepidazione questo giorno pregando per lei e ricordando come lei, a volte stanco e affaticato, è venuto nelle nostre case a portare la pace alle anime e il conforto nei momenti di dolore che hanno attraversato le nostre vite. Con lei è entrato il Signore nelle nostre case. La sua mano benedicente alzata per l assoluzione delle nostre colpe sempre ci ha commosso e riempito di pace. Nell Eucaristia abbiamo sentito come il Signore, nella sua bontà infinita, si serve della sua persona per venire a noi impossibilitati ad andare da Lui, nella sua chiesa, fino al punto di celebrare nelle nostre case la Santa Messa. Noi la ringraziamo, don Gianfranco, per tutti questi doni che ci ha fatto e che, se Dio lo permetterà, continuerà a farci, mentre le auguriamo una completa e pronta guarigione, per la quale anche noi pregheremo. Ci ricordi anche lei al Signore, che certamente gradisce la sua dedizione verso chi soffre nel corpo e nell anima, con umiltà e spirito di sacrificio. Ci benedica, don Gianfranco! Momento festoso a Ranco nei primi anni 60 15

20 colori dell oratorio 16

21 colori dell oratorio I nostri ragazzi ad Assisi Sessanta adolescenti commossi ed entusiasti di Luca Corciulo e Stefano Lecchi Don Pierpaolo quest anno ci ha dato l inaspettata opportunità di visitare una bellissima città: Assisi. Il 27 dicembre, dopo esserci svegliati molto presto, siamo partiti per un lungo viaggio che ci ha portati nella città di Francesco e Chiara. Il primo giorno, ospiti presso una comunità di suore, ci siamo sistemati nelle camere, poiché era ormai tarda sera. Ma nei giorni successivi, fin dall alba, abbiamo visitato la città e i diversi luoghi riguardanti la vita di San Francesco e Santa Chiara. Abbiamo incontrato diverse testimonianze molto interessanti e commoventi; in particolare, ci hanno colpito le parole di una donna della Caritas che raccontava il modo in cui aiutava le persone in seria difficoltà, offrendo tanto amore e carità. Fra le altre testimonianze, abbiamo ascoltato due suore e un frate che ci hanno parlato del loro fantastico cammino di fede: sono stati anche loro molto commoventi, raccontandoci che prima di dedicarsi al Signore avevano vissuto diverse esperienze difficili, compiendo molti sacrifici: una di loro portò avanti il suo cammino nonostante una grave malattia, ora superata. Ascoltando e visitando quei bellissimi luoghi, abbiamo vissuto una bella esperienza che ci ha lasciato tanta dolcezza nel cuore. Questo, però, non sarebbe stato possibile senza l aiuto del nostro don Pierpaolo, che ha fatto tutto il possibile per metterci a nostro agio. Con la passione che lo contraddistingue, è riuscito a farci gustare l incanto di questa città, la bellezza dello stare insieme, facendoci superare e combattere le fatiche e il gelo di Assisi, e riuscendo a far apprezzare a tutti i sessanta ragazzi la visita di almeno una chiesa al giorno! 17

22 gruppi, associazioni, movimenti Giornate della famiglia, della vita, del malato, della solidarietà Una piccola impronta di Dio nella storia di tutti Scrive a tutte le parrocchie il direttore di uno strumento strategico della pastorale nel nostro territorio di Alfio Regis, direttore del Centro della famiglia del decanato di Bresso 18 Équesto il tema proposto per la Giornata per la Vita rispetto alla quale il Consiglio Permanente della CEI ha indirizzato il messaggio Educare alla pienezza della Vita che ben si colloca nell ambito del tema Educare alla Vita Buona del Vangelo che sarà guida negli Orientamenti Pastorali dell Episcopato italiano per il decennio Anche quest anno la Giornata della Vita, su espresso desiderio del nostro Arcivescovo, viene collocata nell ambito delle Quattro Giornate relativa ad aspetti inerenti il vissuto quotidiano, famiglia, vita, salute e solidarietà con una tematica unificante: l attenzione ai piccoli in quanto primi destinatari dell annuncio e della sollecitudine di Gesù e della Chiesa. Noi tutti, Operatori e Volontari, del consultorio Centro della Famiglia del Decanato di Bresso, per il tramite dei suoi Soci, i Parroci tutti del Decanato, esprimiamo alle Comunità di riferimento piena adesione alla sfida dell Educare, in particolare alla Vita, adesione che vuole anche essere fermo proposito di impegno e testimonianza a servizio delle tante persone e famiglie sempre più in difficoltà. Siamo consapevoli di dover meglio comunicare ed agire sul territorio di competenza, fra l altro sempre più chiamati a collaborare e cooperare in una rete non solo estesa ai Consultori Cattolici ma anche a quelli Pubblici, agli Ospedali ed agli Enti Territoriali, salvaguardando identità e missione. Fin da subito siamo impegnati a garantire continuità di comunicazione pur meglio utilizzando i moderni sistemi informatici, ma soprattutto costruendo una rete di persone referenti per ogni Parrocchia nella certezza che le comunità virtuali sono solo strumento facilitatore nell ambito di comunità reali radicate su legami solidi e stabili fra le persone fondati sulla condivisione, corresponsabilità e comunione. Consentitemi, infine, a titolo personale ed in questo mio primo anno di sevizio presso il Centro della Famiglia, di indirizzare a tutti Voi un messaggio fortemente orientato a generare Speranza e Vita Buona, consapevoli del tempo attuale quanto mai denso di criticità e di complessità a volte davvero insostenibili come già avvenuto nel corso della storia, ma altrettanto convinti che Gesù è davvero Risorto e che E con noi tutti i giorni fino alla fine del mondo. Con fraterna amicizia.

23 arte e fede Continua il nostro viaggio fra le immagini del Santo Vescovo Borromeo Il «Digiuno di San Carlo»: un ritratto dal vero Lo splendido dipinto, opera di Daniele Crespi, è conservato nella chiesa di Santa Maria della Passione a Milano di Luca Frigerio La figura di San Carlo emerge dall oscurità con la forza di una fiamma vivida, luce che guida su un incerto cammino. Un ombra di barba incornicia il volto scarno, la fronte corrucciata nell intensità della lettura e della meditazione. Vive di niente, il Borromeo. È un principe della Chiesa, l abito ne dà evidenza, ma il suo pasto consiste qui in un tozzo di pane e in un sorso d acqua. Evangelica testimonianza, vissuta ogni giorno, nella solitudine della propria stanza: perché la coerenza inizia prima di tutto con sé stessi. E il suo nutrimento, quotidiano e inesauribile, è nel Crocifisso che sta lì, di fronte a lui. Questo conservato nella basilica di Santa Maria della Passione a Milano, unanimemente attribuito alla mano di Daniele Crespi, è forse il ritratto più intenso e più vero del Santo Vescovo Carlo. Il volto è pallido, segnato dalle privazioni, scavato dalle preoccupazioni per il suo gregge, bagnato dalle lacrime che, ancora e sempre nuove, il rimeditare la Passione di Cristo suscita in lui. Ma lo sguardo è vivo, e va dritto. E la sofferenza, quella sofferenza che sembra il grido di tutta l umanità, si stempera infine in un timido sorriso, interiore felicità dell estasi, segno dell amore di un padre Daniele Crespi dipinse il quadro attorno al 1625, poco più che ventenne. E sembra incredibile, pensando alla maturità e alla profondità 19 che ispira quest opera. Della nuova Accademia Ambrosiana voluta dal cardinale Federico Borromeo, del resto, il Crespi era uno degli allievi più dotati, anche se forse non dei più assidui. Intendiamoci: sui precetti borromaici del buon dipingere riassumibili nel motto quotidianità e decoro il nostro pittore non aveva nulla da eccepire, e facilmente li aveva fatti suoi, seppur con le varianti e le innovazioni del genio. Il fatto era, semmai, che di apprendere Daniele sembrava proprio non averne bisogno. Era nato imparato, lui. Sarà stato il clima familiare in cui era cresciuto. Sarà stata quella lontana parentela con l altro Crespi, Giovan Battista detto il Cerano, che, questo sì, interessava a Daniele osservarlo nelle sue lezioni ambrosiane. Sarà stato quel prodigioso talento che gli agitava il pennello, lasciando a bocca aperta colleghi e committenti. Sarà stato tutto questo e altro ancora, ma il giovane Crespi sembrava bruciare le tappe. Come se intuisse, come se sapesse, che la sua vita sarebbe stata un lampo, e non c era tempo da perdere tra aule e disquisizioni. Vivrà trent anni appena, infatti, falciato anch egli dalla peste, quella del 1630 di manzoniana memoria. Sono soprattutto i particolari, in questa tela della Madonna della Passione, a colpirci. Come sempre, d altra parte, nella pittura di Daniele Crespi. Quel pane, ad esempio, che

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate.

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese Dicembre 1995 - Dicembre 2005 Don Ugo Proserpio 10 da anni Parroco a Novate Dicembre 2005 10 anni tra noi di don Ugo 11 La comunità delle suore Serve

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE 1 Reverendissimo P. Abate, Reverendi Presbiteri, Diaconi, Religiosi, Reverende Religiose, cari Seminaristi, amati fedeli Laici, siamo convocati nella Chiesa Cattedrale,

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

«Lasciate che i bambini vengano a me»

«Lasciate che i bambini vengano a me» 1 Omelia «Lasciate che i bambini vengano a me» Celebrazione eucaristica in ricordo del centenario della nascita di Dina Bellotti Pittrice dei Papi XXVII Domenica del Tempo Ordinario (B) Basilica «Santa

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá

Novena del lavoro. 4a San Josemaría Escrivá Novena del lavoro 4a San Josemaría Escrivá Preghiera a San Josemaría San Josemaría Escrivá Fondatore dell'opus Dei PREGHIERA Oh Dio, che per mediazione di Maria Santissima concedesti a San Josemaría, sacerdote,

Dettagli

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata

di Gesù La Missione Riflessione Biblica Esperienze La nostra eredità spirituale Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata portare vita piena agli altri Congregazione delle Suore della SS.ma Madre Addolorata del Terz Ordine Regolare di San Francesco d Assisi Luglio 2013 #2 La Missione di Gesù Carissime/i, dopo aver presentato

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408

Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Pubblicazioni del Centro di Spiritualità Sul Monte - Castelplanio (An) Suore Adoratrici del Sangue di Cristo tel. 0731.813408 Quaderni di spiritualità 1. Liberare la santità di Piccotti Mariano e Vissani

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Roggi lino. Domenica 26 Aprile 2015 C A L E N D A R I O L I T U R G I C O S E T T I M A N A L E

Roggi lino. Domenica 26 Aprile 2015 C A L E N D A R I O L I T U R G I C O S E T T I M A N A L E Roggi lino Domenica 26 Aprile 2015 Anno VII N. 329 Foglio di Informazione, riflessioni, news e avvisi della Parrocchia S. Eusebio Santuario Madonna delle Grazie/ Santuario della Famiglia Parroco: Don Romano

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE.

MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. MEDITAZIONE SULL AVVENTO, NATALE ED EPIFANIA, TEMPO DELLA MANIFESTAZIONE DEL SIGNORE. Oh Dio, suscita in noi la volontà di andare incontro con le buone opere al tuo Cristo che viene, perchè egli ci chiami

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo

PREGHIERA - 1 - S. ECC. MONS. BRUNO SCHETTINO Arcivescovo PREGHIERA La Tua Parola, Signore, è Verità perenne, la Tua Parola è vita piena, immortale. Nella tua sequela camminerò, nella luce che emana dalla tua Presenza dirigerò spedito i miei passi. Alla tua sorgente

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

la comunità educante

la comunità educante la comunità educante angelo Scola cardinale arcivescovo di milano la comunità educante Nota sulla proposta pastorale del triennio 2011-2014 isbn 978-88-6894-017-1 Il bene della famiglia Per confermare

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria

Decàpo. Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio. Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Decàpoli Progetto dell Ufficio Diocesano per la Pastorale Missionaria Laboratorio Annuale di Formazione al Primo Annuncio Va nella tua casa, dai tuoi, annunzia loro ciò che il Signore ti ha fatto e la

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE

1. TESTO 2. PER RIFLETTERE UNO DEI SOLDATI GLI COLPÌ IL FIANCO CON LA LANCIA E SUBITO NE USCÌ SANGUE ED ACQUA NASCITA DEL SACRAMENTO CHIESA NELLA MOLTEPLICITA DEI SUOI DONI DI SALVEZZA. 1. TESTO

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli