Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi B6_1 V1.7. JSP parte A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi B6_1 V1.7. JSP parte A"

Transcript

1 Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B6_1 V1.7 JSP parte A Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale e per supporto a lezioni universitarie. Ogni altro uso è riservato, e deve essere preventivamente autorizzato dall autore. Sono graditi commenti o suggerimenti per il miglioramento del materiale B6 JSP Paolo Salvaneschi 1

2 INDICE Java Server Pages Installazione di Tomcat Struttura directory Tomcat Creazione e installazione di una applicazione JSP JSP Overview Sintassi degli elementi JSP B6 JSP Paolo Salvaneschi 2 B6 JSP Paolo Salvaneschi 2

3 Java Server Pages Server Server Application Server Client Data base Sistema Informativo JSP H T T P D HTTP HTML CSS JavaScript Tomcat Microsoft Internet Explorer Netscape Navigator B6 JSP Paolo Salvaneschi 3 B6 JSP Paolo Salvaneschi 3

4 Java Server Pages Java Server Pages (JSP) Pagina di testo HTML che include codice java Pagina dinamica che è eseguita lato server e restituisce HTML al client B6 JSP Paolo Salvaneschi 4 B6 JSP Paolo Salvaneschi 4

5 Installazione di Tomcat INSTALLAZIONE TOMCAT Versioni: Java j2sdk1.4.1_01 (con compilatore, non versione re solo runtime) Tomcat JSTL 1.0 (jakarta-taglibs-standard zip) B6 JSP Paolo Salvaneschi 5 B6 JSP Paolo Salvaneschi 5

6 Installazione di Tomcat INSTALLAZIONE TOMCAT Installazione di java sdk nella cartella C:\j2sdk1.4.1_01 Download dal sito di jakarta-tomcat exe Definizione delle variabili di ambiente JAVA_HOME CATALINA_HOME B6 JSP Paolo Salvaneschi 6 B6 JSP Paolo Salvaneschi 6

7 Installazione di Tomcat (es: Windows 2000-XP) : Pannello di controllo-sistema - Avanzate -Variabili ambiente CATALINA_HOME C:\Apache Group\Tomcat 4.1 JAVA_HOME C:\Programmi\j2sdk1.4.1_01\bin B6 JSP Paolo Salvaneschi 7 B6 JSP Paolo Salvaneschi 7

8 Installazione di Tomcat Installazione di Tomcat nella cartella C:\Apache Group\Tomcat 4.1 HTTP/1.1 Connector Port: 8080 User:admin Passw: nessuna B6 JSP Paolo Salvaneschi 8 B6 JSP Paolo Salvaneschi 8

9 Installazione di Tomcat AVVIO TOMCAT Start TOMCAT Al termine delle attività: stop TOMCAT B6 JSP Paolo Salvaneschi 9 B6 JSP Paolo Salvaneschi 9

10 Installazione di Tomcat UTILIZZO TOMCAT Esegue il file: index.jsp con il path completo (percorso di contesto): %CATALINA_HOME%/webapps/ROOT/index.jsp Cartella di default per le applicazioni Web servite da Tomcat Applicazione di default B6 JSP Paolo Salvaneschi 10 B6 JSP Paolo Salvaneschi 10

11 Installazione di Tomcat B6 JSP Paolo Salvaneschi 11 B6 JSP Paolo Salvaneschi 11

12 Installazione di Tomcat Amministrazione di TOMCAT: Definizione e gestione utenti. B6 JSP Paolo Salvaneschi 12 B6 JSP Paolo Salvaneschi 12

13 Installazione di Tomcat Amministrazione di TOMCAT: Es: lista applicazioni installate e gestione relativa Installazione di nuove applicazioni B6 JSP Paolo Salvaneschi 13 B6 JSP Paolo Salvaneschi 13

14 Installazione di Tomcat B6 JSP Paolo Salvaneschi 14 B6 JSP Paolo Salvaneschi 14

15 Struttura directory Tomcat Applicazione servita da Tomcat B6 JSP Paolo Salvaneschi 15 B6 JSP Paolo Salvaneschi 15

16 Struttura directory Tomcat Script per avvio e interruzione del server Tomcat...\Tomcat-4.1\bin Files di configurazione del server...\tomcat-4.1\conf Files di log del server...\tomcat-4.1 \logs Cartella di default per le applicazioni Web servite da Tomcat...\Tomcat-4.1 \webapps Files temporanei (qui sono salvate le servlet generate dalle pagine JSP)...\Tomcat-4.1 \work B6 JSP Paolo Salvaneschi 16 B6 JSP Paolo Salvaneschi 16

17 Struttura directory Tomcat Applicazioni Web servite da Tomcat Container Metodo standard di installazione e packaging delle risorse che compongono un applicazione (pagine JSP, pagine statiche, classi java, ). Files disposti in una gerarchia definita all interno di un archivio WAR (Web archive) Archivio.jar (.zip) Cartella di file system B6 JSP Paolo Salvaneschi 17 B6 JSP Paolo Salvaneschi 17

18 Struttura directory Tomcat Descrittore dell installazione (file XML) Contesto servlet associato ad un context path utilizzato per raggiungere l applicazione a cui inviare le richieste B6 JSP Paolo Salvaneschi 18 B6 JSP Paolo Salvaneschi 18

19 Creazione e installazione di una applicazione JSP Applicazione servita da Tomcat B6 JSP Paolo Salvaneschi 19 B6 JSP Paolo Salvaneschi 19

20 Creazione e installazione di una applicazione JSP <HTML> <HEAD> <TITLE></TITLE> </HEAD> <BODY> <H1>Esempio 1</H1> index.jsp <%= Espressione %> Utilizzate per aggiungere alla risposta http il risultato dell esecuzione di un espressione di scripting <P><%= "pippo" + ", pluto" %> </P> <IMG SRC="citta.gif" WIDTH="100" HEIGHT="100" BORDER="0" ALT=""> <HR> </BODY> </HTML> B6 JSP Paolo Salvaneschi 20 B6 JSP Paolo Salvaneschi 20

21 Creazione e installazione di una applicazione JSP <HTML> <HEAD> <TITLE></TITLE> </HEAD> <BODY> <H1>Esempio 1</H1> <P>pippo, pluto </P> Testo HTML generato <IMG SRC="citta.gif" WIDTH="100" HEIGHT="100" BORDER="0" ALT=""> <HR> </BODY> </HTML> B6 JSP Paolo Salvaneschi 21 B6 JSP Paolo Salvaneschi 21

22 Creazione e installazione di una applicazione JSP Descrittore dell installazione <?xml version="1.0" encoding="iso "?> <!DOCTYPE web-app PUBLIC "-//Sun Microsystems, Inc.//DTD Web Application 2.3//EN" "http://java.sun.com/dtd/web-app_2_3.dtd"> <web-app> <display-name>welcome to Tomcat</display-name> <description> Welcome to Tomcat </description> </web-app> B6 JSP Paolo Salvaneschi 22 B6 JSP Paolo Salvaneschi 22

23 Creazione e installazione di una applicazione JSP Context path Regole di mappatura %CATALINA_HOME%\webapps\Esempio_1\index.jsp C:\Apache Group\ Tomcat 4.1\webapps\Esempio_1\index.jsp B6 JSP Paolo Salvaneschi 23 B6 JSP Paolo Salvaneschi 23

24 Creazione e installazione di una applicazione JSP Installazione di una nuova applicazione Costruire l applicazione (archivio) Copiare in /webapps Stop Tomcat Start Tomcat B6 JSP Paolo Salvaneschi 24 B6 JSP Paolo Salvaneschi 24

25 JSP Overview Servlet Oggetti Java particolari che sono caricati ed eseguiti dal web server (application server) che li utilizza come proprie estensioni. Il server mette a disposizione delle Servlet un container che si occupa della gestione dell ambiente all interno delle quali le servlet girano. Il container passa i dati dal client verso le servlet e viceversa (via protocollo http). B6 JSP Paolo Salvaneschi 25 B6 JSP Paolo Salvaneschi 25

26 JSP Overview Ciclo di vita di una Servlet Una servlet è caricata e inizializzata dal web server al momento della prima richiesta http da parte di un client o al momento dell avvio del servizio. All inizializzazione la servlet può, se il caso, aprire una connessione con un DataBase (connessione che resta aperta per servire più richieste del client). B6 JSP Paolo Salvaneschi 26 B6 JSP Paolo Salvaneschi 26

27 JSP Overview Ciclo di vita di una Servlet La servlet esegue le richieste del client. Per ogni richiesta è creato un thread La servlet rilascia le risorse ed è distrutta B6 JSP Paolo Salvaneschi 27 B6 JSP Paolo Salvaneschi 27

28 JSP Overview Elaborazione della pagina JSP Il server utilizza la pagina JSP come una servlet. Al momento del primo accesso la pagina JSP è trasformata in un file Java e compilata ottenendo una classe Java che rappresenta una servlet che crea una pagina html e la invia al client. B6 JSP Paolo Salvaneschi 28 B6 JSP Paolo Salvaneschi 28

29 JSP Overview <HTML> <HEAD></HEAD> <BODY> <H1>Esempio 2</H1> <HR> <% for(int i=0; i<10; i++) { if(i%2==0) { %> <h1>pari</h1> <% } else { %> <h2>dispari</h2> <% } Scriptlet } <HR> </BODY> </HTML> %> index.jsp <% Frammento di codice %> Utilizzati per includere frammenti di codice nella pagina B6 JSP Paolo Salvaneschi 29 B6 JSP Paolo Salvaneschi 29

30 JSP Overview <HTML> <HEAD></HEAD> <BODY> <H1>Esempio 2</H1> <HR> <% for(int i=0; i<10; i++) { if(i%2==0) { %> <h1>pari</h1> <% } else { %> <h2>dispari</h2> <% } } %> <HR> </BODY> </HTML> B6 JSP Paolo Salvaneschi 30 B6 JSP Paolo Salvaneschi 30

31 <HTML> <HEAD></HEAD> <BODY> <H1>Esempio 2</H1> <HR> <h1>pari</h1> <h2>dispari</h2> <h1>pari</h1> <h2>dispari</h2> <h1>pari</h1> <h2>dispari</h2> <h1>pari</h1> <h2>dispari</h2> <h1>pari</h1> <h2>dispari</h2> <HR> </BODY> </HTML> JSP Overview Testo HTML generato B6 JSP Paolo Salvaneschi 31 B6 JSP Paolo Salvaneschi 31

32 JSP Overview Jsp è case-sensitive Directories e nomi di files della web application sono case-sensitive Uno.htm Due.htm <IMG SRC="citta.gif"> <IMG SRC= Citta.gif"> Eseguiti sul file system di windows da Explorer utilizzano lo stesso file immagine Copiati in Webapps ed Eseguiti da Tomcat (con OS Windows) NON utilizzano lo stesso file immagine B6 JSP Paolo Salvaneschi 32 B6 JSP Paolo Salvaneschi 32

33 JSP Overview Pagina JSP Testo template Elementi JSP Direttive Elementi di scripting Componenti JavaBean Elementi di azione standard Azioni personalizzate e JSTL B6 JSP Paolo Salvaneschi 33 B6 JSP Paolo Salvaneschi 33

34 JSP Overview page import = "num.numberguessbean" %> <jsp:usebean id="numguess" class="num.numberguessbean" scope="session"/> <jsp:setproperty name="numguess" property="*"/> <html> <head><title>number Guess</title></head> <body bgcolor="white"> <font size=4> <% if (numguess.getsuccess()) { %> Congratulations! You got it. And after just <%= numguess.getnumguesses() %> tries.<p> <% numguess.reset(); %> Care to <a href="numguess.jsp">try again</a>? <% } else if (numguess.getnumguesses() == 0) { %> Direttive Azioni Testo template Elementi di scripting B6 JSP Paolo Salvaneschi 34 B6 JSP Paolo Salvaneschi 34

35 JSP Overview Modi diversi di inserire il codice Primo modo: Elementi di scripting Codice java inserito nel testo La pagina è realizzata da un programmatore java B6 JSP Paolo Salvaneschi 35 B6 JSP Paolo Salvaneschi 35

36 JSP Overview Modi diversi di inserire il codice Modi ulteriori Componenti JavaBean (Classi java con regole di codifica tali da poterle utilizzare in modo semplice) Elementi di azione standard, Azioni personalizzate e JSTL (Tag specializzati) B6 JSP Paolo Salvaneschi 36 B6 JSP Paolo Salvaneschi 36

37 JSP Overview Motivazioni: Motivazione gestionale: separare il ruolo del programmatore (java, DB) dal costruttore di interfaccia (HTML) Motivazioni tecniche: Strumenti di sviluppo rapido Vedi pattern Model View Controller B6 JSP Paolo Salvaneschi 37 B6 JSP Paolo Salvaneschi 37

38 JSP Overview page import = "num.numberguessbean" %> <jsp:usebean id="numguess" class="num.numberguessbean" scope="session"/> <jsp:setproperty name="numguess" property="*"/> <html> <head><title>number Guess</title></head> <body bgcolor="white"> <font size=4> Classi java esterne Java Beans B6 JSP Paolo Salvaneschi 38 B6 JSP Paolo Salvaneschi 38

39 JSP Overview page contenttype="text/html" %> taglib prefix="c" uri="http://java.sun.com/jstl/core" %> <html> <head> <title>jsp is Easy</title> </head> <body bgcolor="white"> <h1>jsp is as easy as...</h1> <%-- Calculate the sum of dynamically --%> = <c:out value="${ }" /> </body> </html> Elementi di azione personalizzate e JSTL B6 JSP Paolo Salvaneschi 39 B6 JSP Paolo Salvaneschi 39

40 Sintassi degli elementi JSP <%-- --%> Commento Direttive Sintassi attr1= valore attr2= valore2 %> Tipi di direttive %> %> %> B6 JSP Paolo Salvaneschi 40 B6 JSP Paolo Salvaneschi 40

41 Sintassi degli elementi JSP file= Percorso %> Esegue l inserimento del contenuto di un file nella pagina Il nuovo testo è compilato B6 JSP Paolo Salvaneschi 41 B6 JSP Paolo Salvaneschi 41

42 Sintassi degli elementi JSP nome= valore %> Definisce gli attributi della pagina contenttype= tipo MIME per la risposta errorpage= percorso pagina a cui trasferire il controllo in caso di eccezione import= elenco classi o package java da importare language= linguaggio di scripting usato session= true (default) se la pagina partecipa ad una sessione utente B6 JSP Paolo Salvaneschi 42 B6 JSP Paolo Salvaneschi 42

43 Sintassi degli elementi JSP prefix= Prefisso uri= tagliburi %> Dichiara una tag library utilizzata nella pagina che contiene azioni personalizzate (o JSTL) prefix uri prefisso da utilizzare nei nomi degli elementi di azione stringa utilizzata per localizzare l implementazione della tag library B6 JSP Paolo Salvaneschi 43 B6 JSP Paolo Salvaneschi 43

44 Sintassi degli elementi JSP Elementi di scripting Consentono di aggiungere porzioni di codice alla pagina JSP Tipi di elementi Dichiarazioni Espressioni Scriptlet B6 JSP Paolo Salvaneschi 44 B6 JSP Paolo Salvaneschi 44

45 Sintassi degli elementi JSP Dichiarazioni <%! Dichiarazione %> Dichiara una variabile o un metodo <%! Int globalcounter = 0; %> Espressioni <%= Espressione %> Utilizzate per aggiungere alla risposta http il risultato dell esecuzione di un espressione di scripting <%= globalcounter ++ %> B6 JSP Paolo Salvaneschi 45 B6 JSP Paolo Salvaneschi 45

46 Sintassi degli elementi JSP Scriptlet <% Frammento di codice %> Utilizzati per includere frammenti di codice nella pagina Il linguaggio deve essere definito nella direttiva page (default java) B6 JSP Paolo Salvaneschi 46 B6 JSP Paolo Salvaneschi 46

47 Sintassi degli elementi JSP language="java" contenttype="text/html" %> <%! int globalcounter = 0; %> <HTML> <HEAD></HEAD> <BODY BGCOLOR="ffffcc"> <HR> <CENTER> <H2>Questa pagina è stata visitata (n. volte): <%= ++globalcounter %> </H2> Dichiarazione Elementi di scripting B6 JSP Paolo Salvaneschi 47 B6 JSP Paolo Salvaneschi 47

48 Sintassi degli elementi JSP <HTML> <HEAD> <TITLE></TITLE> </HEAD> <BODY> <H1>Esempio 1</H1> <P> <%= "pippo" + ", pluto" %> </P> <IMG SRC="citta.gif" WIDTH="100" HEIGHT="100" BORDER="0" ALT=""> <HR> </BODY> </HTML> Espressione Elementi di scripting B6 JSP Paolo Salvaneschi 48 B6 JSP Paolo Salvaneschi 48

49 Sintassi degli elementi JSP <HTML> <HEAD> </HEAD> <BODY BGCOLOR="ffffcc"> <H1>Esempio 3</H1> <HR> <CENTER> <H2>Date and Time</H2> <% %> </CENTER> <HR> </BODY> </HTML> Classe Date del package java.util java.util.date today = new java.util.date(); out.println("today's date is: "+today); Scriptlet Elementi di scripting B6 JSP Paolo Salvaneschi 49 B6 JSP Paolo Salvaneschi 49

50 Sintassi degli elementi JSP import="java.util.*" %> <HTML> <HEAD> </HEAD> <BODY BGCOLOR="ffffcc"> <H1>Esempio 4</H1> <HR> <CENTER> <H2>Date and Time</H2> <% Date today = new Date(); %> </CENTER> <HR> </BODY> </HTML> Import del package java.util Classe Date out.println("today's date is: "+today); Scriptlet Elementi di scripting B6 JSP Paolo Salvaneschi 50 B6 JSP Paolo Salvaneschi 50

51 Sintassi degli elementi JSP import="java.util.*" %> <HTML> <HEAD> </HEAD> <BODY BGCOLOR="ffffcc"> <H1>Esempio 5</H1> <HR><CENTER> <H2>Saluto</H2> <% Date clock = new Date(); %> <% if ( clock.gethours() < 12 ) { %> <H2>Buongiorno!</H2> <% } else if ( clock.gethours() < 17 ) { %> <H2>Buon pomeriggio!</h2> <% } else { %> <H2>Buona sera!</h2> <% }%> </CENTER><HR> </BODY></HTML> Scriptlet Elementi di scripting B6 JSP Paolo Salvaneschi 51 B6 JSP Paolo Salvaneschi 51

52 Sintassi degli elementi JSP Componenti JavaBean Un componente JavaBean è una classe java conforme a definite regole di codifica Un insieme di elementi di azione standard <jsp: > ne permette l utilizzo Sono utilizzati come contenitori che descrivono entità dell applicazione (cliente, ordine, ) B6 JSP Paolo Salvaneschi 52 B6 JSP Paolo Salvaneschi 52

53 Sintassi degli elementi JSP page import = "num.numberguessbean" %> <jsp:usebean id="numguess" class="num.numberguessbean" scope="session"/> <jsp:setproperty name="numguess" property="*"/> <html> <head><title>number Guess</title></head> <body bgcolor="white"> <font size=4> Classi java esterne B6 JSP Paolo Salvaneschi 53 B6 JSP Paolo Salvaneschi 53

54 Sintassi degli elementi JSP Elementi di azione standard Componenti invocati quando un client chiede la pagina JSP Sintassi XML Esempio: <jsp:forward page= nextpage.jsp > <jsp:param name= aparam nvalue= avalue /> </jsp:forward> Tag iniziale con eventuali attributi, tag finale, annidamento B6 JSP Paolo Salvaneschi 54 B6 JSP Paolo Salvaneschi 54

55 Sintassi degli elementi JSP Notazione completa Tag iniziale <jsp: > corpo Tag finale </jsp: > Notazione abbreviata se non c è un corpo <jsp: /> B6 JSP Paolo Salvaneschi 55 B6 JSP Paolo Salvaneschi 55

56 Sintassi degli elementi JSP Elementi di azione standard <jsp:forward page= nextpage.jsp /> Trasferisce il controllo dell elaborazione della richiesta http ad un altra pagina <jsp:forward page= nextpage.jsp > <jsp:param> <jsp:param>. </jsp:forward > Trasferisce il controllo dell elaborazione della richiesta http ad un altra pagina passando parametri supplementari B6 JSP Paolo Salvaneschi 56 B6 JSP Paolo Salvaneschi 56

57 Sintassi degli elementi JSP Elementi di azione standard <jsp:getproperty name= nomeassegnatoalbean property = NomeProprietà > Aggiunge il valore della proprietà di un Bean, convertito in una stringa, alla risposta generata dalla pagina <jsp:setproperty name= nomeassegnatoalbean property = NomeProprietà > Imposta il valore della proprietà di un Bean B6 JSP Paolo Salvaneschi 57 B6 JSP Paolo Salvaneschi 57

58 Sintassi degli elementi JSP Elementi di azione personalizzata Specifica e ambiente di sviluppo per realizzare nuove azioni personalizzate (nuove tag library) JSTL (Java Standard Tag Library) Librerie predefinite di azioni <c: <x: <fmt: <sql: Core Elaborazione XML Formattazione e internazionalizzazione Accesso a database B6 JSP Paolo Salvaneschi 58 B6 JSP Paolo Salvaneschi 58

59 page contenttype="text/html" %> taglib prefix="c" uri="http://java.sun.com/jstl/core" %> <html> <head> <title>jsp is Easy</title> </head> <body bgcolor="white"> <h1>jsp is as easy as...</h1> <%-- Calculate the sum of dynamically --%> = <c:out value="${ }" /> </body> </html> Sintassi degli elementi JSP B6 JSP Paolo Salvaneschi 59 B6 JSP Paolo Salvaneschi 59

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java]

Laboratorio di Sistemi Fattoriale di un numero Jsp [Java] Desideriamo realizzare una applicazione web che ci consenta di calcolare il fattoriale di un numero. L'esercizio in sé non particolarmente difficile, tuttavia esso ci consentirà di affrontare il problema

Dettagli

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org

1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org 1 EJB e Portal Component Object http://desvino.altervista.org In questo tutorial studiamo come sfruttare la tecnologia EJB, Enterprise JavaBean, all interno del SAP Netweaver Portal. In breve, EJB è un

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages

Il linguaggio Java. Concetti base. I packages Il linguaggio Java I packages Concetti base Un package è una collezione di classi ed interfacce correlate che fornisce uno spazio dei nomi ed un controllo sugli accessi Un package facilita il reperimento

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java

! Programmazione strutturata ! TDA. ! Classi, incapsulamento, ! OO. ! Scambio messaggi, eredità, polimorfismo. ! OO in Java Riassunto Rassegna API - 1 Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 17 3 maggio 2015! Programmazione

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Classi ed Oggetti in JAVA

Classi ed Oggetti in JAVA Classi ed Oggetti in JAVA Dott. Ing. Leonardo Rigutini Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Siena Via Roma 56 53100 SIENA Uff. 0577233606 rigutini@dii.unisi.it www.dii.unisi.it/~rigutini/

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++

Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Introduzione alla Programmazione ad Oggetti in C++ Lezione 1 Cosa è la Programmazione Orientata agli Oggetti Metodologia per costruire prodotti software di grosse dimensioni che siano affidabili e facilmente

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0. Processi. Scelta dei processi adeguati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A2_3 V2.0 Processi Scelta dei processi adeguati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti,

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it

Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it TEMPLATE IN MWCMS D A N I E L E U G O L E T T I - G R U P P O M E T A Si prega di comunicare eventuali errori o inesattezze riscontrate, scrivendo una mail a: otebac@beniculturali.it C ONTENTS I template

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

esercizi Esercizi / problemi

esercizi Esercizi / problemi Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): esercizi 1 Esercizi / problemi 1. Creare un applicazione che calcoli la media aritmetica dei seguenti valori interi: 35, 117, 23 e ne visualizzi il

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Il compilatore Dev-C++

Il compilatore Dev-C++ Il compilatore Dev-C++ A cura del dott. Marco Cesati 1 Il compilatore Dev-C++ Compilatore per Windows: http://www.bloodshed.net/devcpp.html Installazione Configurazione Utilizzazione 2 1 Requisiti di sistema

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL.

Codici sorgenti di esempio per l'invio di email da pagine WEB per gli spazi hosting ospitati presso ITESYS SRL. Data: 8 Ottobre 2013 Release: 1.0-15 Feb 2013 - Release: 2.0 - Aggiunta procedura per inviare email da Windows con php Release: 2.1-20 Mar 2013 Release: 2.2-8 Ottobre 2013 - Aggiunta procedura per inviare

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Visibilità dei Membri di una Classe

Visibilità dei Membri di una Classe Visibilità dei Membri di una Classe Lezione 10 Ogni classe definisce un proprio scope racchiude il codice contenuto nella definizione della classe e di tutti i suoi membri ogni metodo della classe definisce

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final

Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final Programmazione Java: Variabili membro, Metodi La parola chiave final romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Definire una classe» Variabili membro» Metodi La parola chiave

Dettagli

Enterprise Content Management

Enterprise Content Management AlFresco guida Enterprise Content Management Una soluzione di Enterprise Content Management (ECM) è l'insieme di strumenti che consentono la gestione della documentazione prodotta e ricevuta all interno

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Dichiarazioni di import: Introduzione

Dichiarazioni di import: Introduzione Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 2009-10 prof. Viviana Bono Blocco 10 Import di classi e di metodi statici Dichiarazioni di import:

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Formazione Specialistica

Formazione Specialistica CATALOGO FORMATIVO 2015 La K-Makers nasce nel 2006 come azienda ICT, fortemente orientata all innovazione. Crescendo, ha ampliato la sua offerta ed oggi propone: Formazione Specialistica Soluzioni e Consulenze

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {"ind.","cognome","nome","telefono","e-mail"}; //nomi delle colonne della tabella

Finestra.java. static String nomicolonne[] = {ind.,cognome,nome,telefono,e-mail}; //nomi delle colonne della tabella import java.awt.*; import java.awt.event.actionevent; import java.awt.event.actionlistener; import java.awt.event.windowevent; import java.awt.event.windowlistener; import java.io.*; import java.util.*;

Dettagli

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 INDICE Indice File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2...4 Requisiti di sistema: QLA Server...5 Requisiti di sistema:

Dettagli

Cos è un JavaBean. Java. Componenti software

Cos è un JavaBean. Java. Componenti software Java java beans e programmazione visuale G. Prencipe prencipe@di.unipi.it Cos è un JavaBean Un JavaBean (o semplicemente Bean) è un componente software riusabile Analogia con i componenti elettronici I

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a

P a s q u a l e t t i V e r o n i c a PHP: OOP Pasqualetti Veronica Oggetti Possiamo pensare ad un oggetto come ad un tipo di dato più complesso e personalizzato, non esistente fra i tipi tradizionali di PHP, ma creato da noi. 2 Gli oggetti

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Generalizzazione di funzioni e di classi. Macro come funzioni generiche

Generalizzazione di funzioni e di classi. Macro come funzioni generiche Alessio Bechini - Corso di - Generalizzazione di funzioni e di classi Il meccanismo di template Macro come funzioni generiche long longmax(long x, long y) { Possibile soluzione int intmax(int x, int y)

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma

Ing. Andrea Saccà. Stato civile: Celibe Nazionalità: Italiana Data di nascita: 9 Ottobre 1978 Luogo di nascita: Roma Residenza: Roma Indirizzo: Via dell'automobilismo, 109 00142 Roma (RM) Sito Web : http://www.andreasacca.com Telefono: 3776855061 Email : sacca.andrea@gmail.com PEC : andrea.sacca@pec.ording.roma.it Ing. Andrea Saccà

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

WHITE PAPER TECNICO PER L ADVERTISER GUIDA AI MEZZI PUBBLICITARI

WHITE PAPER TECNICO PER L ADVERTISER GUIDA AI MEZZI PUBBLICITARI WHITE PAPER TECNICO PER L ADVERTISER GUIDA AI MEZZI PUBBLICITARI SOMMARIO 1. Mezzo pubblicitario... 3 1.1 Configurazione di mezzi pubblicitari... 3 1.1.1 Osservazioni generali... 3 1.1.2 Procedura... 4

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

OCS in un ora. Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0. OCS in un ora. Ultimo aggiornamento: dicembre 2007

OCS in un ora. Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0. OCS in un ora. Ultimo aggiornamento: dicembre 2007 Introduzione a Open Conference Systems Versione 2.0 Ultimo aggiornamento: dicembre 2007 1 Open Conference Systems è un iniziativa di ricerca sviluppata dal Public Knowledge Project dell Università della

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public:

Pila.h versione 6. class Pila { private: int marker; int * contenuto; public: 1 Pila.h versione 6 struct Pila { private: int size; int defaultgrowthsize; int marker; int * contenuto; void cresci(int increment); public: Pila(int initialsize) ; Pila(); ~Pila() ; void copy(pila * to)

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso

Integrare le MFC con Irrlicht. Sezione 1: Creazione del progetto. by Raffaele White tiger Mancuso Integrare le MFC con Irrlicht by Raffaele White tiger Mancuso In questo topic spiegherò come integrare irrlicht in un documento singolo MFC *(1). Io ho usato il visual c++ 6 ma la procedura dovrebbe essere

Dettagli

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013

SIMATIC WinCC Runtime Professional ARCHITETTURE. Versione 1.0 04/2013 SIMATIC WinCC Runtime Professional V12 ARCHITETTURE Ronald Lange (Inventor 2011) TIA Portal: Automation Software that Fits Together As Perfectly As Lego Blocks Versione 1.0 04/2013 - Architetture Novità

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 1835 001 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Sommersi dalle informazioni?

Sommersi dalle informazioni? Sommersi dalle informazioni? Centro Dir. Colleoni Viale Colleoni, 1 Pal. Taurus 1 20041 Agrate Brianza (MI) T: +39 039 5966 039 F: +39 039 5966 040 www.tecnosphera.it DOCUMENT MANAGEMENT GESTIONE DOCUMENTALE

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli