Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto ELI-CAT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto ELI-CAT"

Transcript

1 Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto ELI-CAT Gennaio

2 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso delle soluzioni tecnologiche ed organizzative, conseguite con i progetti del Programma Elisa, individuando le best practices locali, favorendone la personalizzazione e il riuso in altre realtà del Paese. Si evidenzia che le informazioni contenute nel presente documento contemplano solo quelle disponibili al momento della redazione dello stesso (dicembre 2010). Nell ambito del progetto ELI-CAT sono state sviluppate le seguenti soluzioni: Anagrafe Comunale degli Immobili (ACI) Comune di Bologna pag. 3 Anagrafe Comunale dei Soggetti, Oggetti e Relazioni (ACSOR) e relativi servizi di bonifica e di orchestrazione Comune di Bologna pag. 20 Sportello Catastale Integrato e Portale del Contribuente Comune di Padova pag. 41 2

3 Progetto ELI-CAT Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante modelli di cooperazione applicativa Titolo della soluzione oggetto del riuso Anagrafe Comunale degli Immobili (ACI) SEZIONE 1 ANAGRAFICA DELLA SOLUZIONE OFFERTA AL RIUSO Nome dell Amministrazione proponente - Comune di Bologna Referente per l Amministrazione - Stefano Mineo, Dirigente Settore Sistemi Informativi e Telematici Tel , Nome della soluzione Anagrafe Comunale degli Immobili (ACI) Ambiti amministrativi interessati Urbanistica, Edilizia, Toponomastica, Sistemi Informativi Territoriali 3

4 Altre Amministrazioni che utilizzano o che hanno aderito al riuso della soluzione - Comune Modena - Comune Terni - Comune Genova - Comune Torino - Comune Pesaro - Comune Rovigo - Comune Ferrara - Comune Rimini - Comune Cesena - Comune Regio Emilia - Comune Ravenna - Comune La Spezia - Unione Terre d Argine (Carpi) - CST Pesaro - Urbino Tipologie di Amministrazioni che a parere dell Amministrazione cedente sono le più idonee a riutilizzare la soluzione Comuni medio grandi (oppure Unioni di Comuni e Comunità montante) Quali servizi vengono implementati con l uso della soluzione Nome: ACI Modulo di interoperabilità Destinazione: per l amministrazione Modulo di servizi che permettono di effettuare la ricerca, la validazione e la visura degli immobili. I servizi agiscono su tutti i tipi di immobili dell ACI: vie, civici, lotti, edifici, unità edilizie e unità funzionali. I servizi di ricerca reperiscono un insieme di immobili dello stesso tipo, a partire da informazioni caratteristiche che, indipendentemente dallo specifico contenuto della banca dati, non consentono l'identificazione univoca di una singola istanza d immobile. Per gli immobili reperiti sono restituiti sia informazioni di identificazione univoca, sia informazioni descrittive che consentono ad un eventuale operatore umano di distinguere un singolo immobile dall altro. I servizi di validazione verificano l esistenza di un immobile a partire da informazioni caratteristiche univoche. I servizi di visura reperiscono le informazioni di dettaglio di un immobile a partire dal suo identificativo univoco all interno della banca dati. 4

5 Nome: ACI Modulo di aggiornamento Destinazione: per l amministrazione Applicazione web che permette di registrare gli atti di variazione degli immobili. Gli atti possono riguardare gli immobili interessati dai procedimenti amministrativi della toponomastica, dell urbanistica e dell edilizia o anche da accertamenti d ufficio. Gli atti della toponomastica trattano vie e civici, gli atti dell urbanistica i lotti, gli atti dell edilizia edifici, unità edilizie e unità funzionali. Gli atti scaturenti da accertamenti d ufficio possono trattare tutti gli immobili. Sulla base dell atto l applicazione configura in maniera diversa la sua interfaccia sia in termini di oggetti che possono essere descritti sia in termini di azioni che possono essere svolte su di essi. L utente è quindi guidato nel compiere soltanto le attività previste dallo specifico atto su cui sta lavorando. Tutte le funzioni dell applicazione hanno una interfaccia grafica che include una mappa che permette di localizzare gli immobili sul territorio. La mappa è sia uno strumento di consultazione che di disegno. Infatti, per gli immobili dotati di geometria, come ad esempio gli edifici, sulla mappa è consentito sia svolgere un disegno di tipo speditivo sia importare un disegno tecnico sviluppato con altri editor. La ricerca degli immobili può avvenire sia per attributi sia mediante selezione geometrica. Nel primo caso possono essere imposti dei filtri sulle proprietà degli immobili (tipicamente gli identificativi toponomastici e catastali) nel secondo l interazione avviene direttamente sulla mappa disegnando la porzione di territorio su cui insistono gli immobili da estrarre. L applicazione si completa nel modulo SINCROACI che permette la sincronizzazione delle relazioni tra gli immobili e il catasto. Il modulo di aggiornamento viene rilasciato nelle seguenti versioni: Community Edition Enterprise Edition La Community Edition comprende la gestione degli atti di Correzione d ufficio e il modulo SINCROACI. Le correzioni d ufficio consentono di aggiornare la banca dati dell ACI inserendo manualmente i dati necessari. L Enterprise Edition estende la Community Edition includendo anche la gestione degli atti di variazione toponomastica, urbanistica ed edilizia oltre ad esporre i servizi di aggiornamento del database ACI. 5

6 Nome: Servizi di Aggiornamento Destinazione: per l amministrazione Modulo di servizi che permettono di aggiornare la banca dati dell ACI tramite atti di variazione. I servizi consentono di creare un nuovo atto, compilarlo e chiuderlo. Un atto non ancora chiuso può essere annullato con uno specifico servizio. I servizi di compilazione dell atto permettono di registrare tutte variazioni sugli immobili operate con quell atto. Per tutti gli immobili sono disponibili i servizi di carattere generale: istituzione, variazione e cessazione. Inoltre, per ogni immobile sono disponibili servizi specifici che dipendono dal suo tipo, come ad esempio: la ridenominazione per le vie, la rinumerazione per i civici, il frazionamento e l accorpamento per i lotti e le unità edilizie. I servizi realizzano i controlli applicativi che non possono essere espressi direttamente come vincoli sul banca dati, garantendo l integrità dei dati e il modello di conservazione stabilito. Nome: SINCROACI Destinazione: per l amministrazione Modulo che permette la sincronizzazione delle relazioni tra gli immobili dell ACI e gli oggetti catastali sulla base delle variazioni avvenute in catasto. Ad esempio, se un edificio ha una relazione con una particella e questa viene frazionata, la sincronizzazione cessa la relazione tra l edificio e la particella esistente e crea una o più nuove relazioni con le particelle risultanti dal frazionamento. L avvio dell attività di sincronizzazione è comandata dalla console del Modulo di Aggiornamento così come la consultazione del report delle attività svolte dalla sincronizzazione. E importante rilevare che la componente catastale dell ACI fa riferimento al cosiddetto DBTL, adottato nell ambito del progetto di e-government SIGMA TER (le cui soluzioni a riuso sono gestite dal Partenariato inter-regionale omonimo) e aggiornato in cooperazione applicativa con la Regione di riferimento tramite il componente SINCROACI. E ovviamente utilizzabile anche il servizio manuale erogato direttamente dalla Agenzia tramite il Portale dei Comuni. 6

7 Tipo di Amministrazioni a cui è destinato Il servizio è destinato a tutte quelle Amministrazioni interessate a gestire in maniera univoca e centralizzata la toponomastica e gli immobili presenti sull intero territorio di pertinenza. E opportuno evidenziare che l avvio in esercizio di questa soluzione richiede un forte impatto organizzativo e per potere dare forte rappresentatività dei dati gestiti l introduzione di un apposito regolamento di tenuta di questa nuova anagrafe. 7

8 SEZIONE 2 DESCRIZIONE TESTUALE DELLA SOLUZIONE LINK DELLA SOLUZIONE DESCRIZIONE SINTETICA DELLA SOLUZIONE L Anagrafe Comunale degli Immobili (ACI) è una anagrafe probante degli immobili presenti sul territorio amministrato dell ente locale. Per fare questo, la soluzione tecnologica qui presentata, atta alla gestione delle informazioni sugli immobili, permette la ricostruzione di tutti i cambiamenti che a vario titolo sono stati rilevati e/o autorizzati sul singolo immobile con profondità storica adeguata. La risposta al requisito di probatorietà amministrativa delle informazioni conservate in ACI sta nella certificazione del dato in quanto desunto da atti amministrativi codificati da norme e regolamenti vigenti. L Anagrafe Comunale degli Immobili può quindi essere definita come la raccolta sistematica delle informazioni certificate relative agli immobili del territorio comunale e dei loro identificativi comunali e catastali, e la loro messa in relazione. La informazioni contenute in ACI sono certificate dagli atti di legge da cui scaturiscono le variazioni degli immobili (i cosiddetti atti d origine ). Ad ogni modifica effettuata su un immobile, infatti, corrisponde un atto di variazione ACI, che trova la sua certificazione nell atto che ha dato il via alla modifica (ad esempio una DIA, o un Permesso di Costruire). Il modello dati gestito da ACI è coerente con la futura adozione del Modello Unico Digitale per l Edilizia (MUDE) per la definizione del quale sta operando una commissione che opera al fine di garantire la trasferibilità delle informazioni ivi contenute nei processi amministrativi collegati, con particolare riferimento agli adempimenti catastali, ai processi autorizzativi edilizi e all'aggiornamento delle anagrafi territoriali comunali (art. 3 comma 1 del DPCM 6 maggio 2008). 8

9 Utilizzi e applicazioni Atti della toponomastica: aggiornamento dell ACI con gli effetti prodotti dagli atti di variazione toponomastica. Atti dell urbanistica: aggiornamento dell ACI con gli effetti prodotti dagli atti di variazione urbanistica. Atti dell edilizia: aggiornamento dell ACI con gli effetti prodotti dagli atti derivanti da titolo edilizio. Atti di correzione d ufficio: registrazione degli atti scaturenti da accertamenti svolti dall ufficio ACI. Ricerca atti: ricerca e consultazione degli atti di variazione, navigazione sugli immobili e le relazioni interessati dall atto. Ricerca oggetti: ricerca e consultazione degli immobili sia nel loro stato attuale sia nelle versioni storiche, visualizzazione sulla mappa, navigazione delle relazioni tra immobili. Sincronizzazione catastale: allineamento delle relazione degli immobili comunali alle mutazioni avvenute in catasto. 9

10 SEZIONE 3 ASPETTI LEGATI ALL USO DELLA SOLUZIONE DATA DI AVVIO IN ESERCIZIO DELLA SOLUZIONE 20 settembre 2010 N. DI ADDETTI OPERANTI CON LA SOLUZIONE In condizioni di lavoro ottimali la soluzione potrebbe non avere nessun operatore tranne il responsabile della banca dati (il cosiddetto ufficiale ACI ) in quanto le informazioni possono essere inserite tramite i servizi erogati dal Modulo di interoperabilità, invocabili direttamente dai gestionali verticali (autorizzazioni edilizie, toponomastica / SIT). BREVE DESCRIZIONE DEL CONTESTO ORGANIZZATIVO IN CUI LA SOLUZIONE E STATA ADOTTATA (ASSEGNAZIONE DI RUOLI E FUNZIONI) ACI è uno strumento che ambisce ad accentrare in maniera probante le informazioni relative alla trasformazione del territorio, quindi tutti gli operatori dei servizi che con il territorio hanno a che fare sono gli utenti della soluzione. La gestione dei dati contenuti in ACI si espleta nell aggiornamento e nella messa in relazione tra gli identificativi comunali e catastali degli immobili e nella gestione delle informazioni caratterizzanti questi immobili. L aggiornamento di ACI consiste nella creazione di un atto di variazione ACI ogni qualvolta ci troviamo di fronte ad un provvedimento che autorizzi ad una variazione di uno degli oggetti trattati dalla banca dati. Ed ogni provvedimento autorizzativo (il cosiddetto atto d origine o atto di legge ) in genere prenderà origine in un certo momento all interno di uno specifico procedimento autorizzativo. Producendo questo strumento una nuova tipologia di atto amministrativo, sarà necessario istituire una nuova figura, quella dell Ufficiale ACI la quale avrà il compito di tutela alla conservazione del dato ed eventualmente la verifica degli atti d origine afferenti in ACI. Nel caso specifico del Comune di Bologna, l'istituzione di un'unità Operativa ACI è avvenuta attraverso il processo di riorganizzazione dell'amministrazione comunale supportata dalla (prossima) approvazione di un nuovo regolamento 10

11 toponomastico in cui è prevista la gestione di ACI mediante una struttura tecnica del SIT. Il regolamento toponomastico definisce inoltre i principali passi del processo di formazione e aggiornamento dell'aci. le persone complessivamente coinvolte nel processo di aggiornamento allo stato attuale risultano essere: Unità Operativa ACI - 10 utenti di cui 1 Responsabile e o Servizio topografico - 5 utenti o Servizio Toponomastica - 4 utenti Sistema Informativo Territoriale - 19 utenti di cui 1 Dirigente o U.I. Sistemi Informativi Territoriali 18 utenti Autorizzazioni Edilizie 69 utenti di cui 1 Dirigente o U.I. Sportello Unico per l'edilizia - 68 utenti Altri settori servizi coinvolti (anche indirettamente) con ACI 15 utenti o U.I. Interventi Urbanistici - 1 dirigente e 14 tecnici È da notare che tra le soluzioni organizzative possibili vi è anche quella che non prevede alcun intervento di personale nell ufficio ACI ma la semplice cooperazione applicativa di ACI con i gestionali verticali dei singoli settori / servizi coinvolti. N. DI GIORNATE E TIPOLOGIA DI FORMAZIONE 6 La gran parte delle giornate erogate presso il Comune di Bologna (5) sono state impiegate per la formazione di operatori avanzati all uso delle API del client cartografico open source Openlayers e la sua estensione specifica per ACI Mapwork, attraverso i quali è possibile sviluppare (in codice javascript) servizi di e-government a valore aggiunto che includano dati provenienti da ACI. Nel complesso del progetto ELI-CAT le giornate di attività formativa sono state complessivamente 20. Inoltre, al fianco della attività formativa de visu, il Comune di Terni responsabile della formazione per i progetti integrati ELI-CAT ed ELI-FIS, ha approntato una piattaforma di e-learning che contiene tutto il materiale sviluppato per i corsi e le videoregistrazioni di una lezione per ogni tipologia. N. DI GIORNATE PER MANUTENZIONE EVOLUTIVA ACI è una soluzione innovativa in costante evoluzione e pertanto non è valutabile il numero delle giornate di manutenzione. 11

12 FORMAZIONE SPECIFICA EROGATA La soluzione necessita di formazione specifica. ESISTE UN MANUALE D USO DELLA SOLUZIONE PER GLI ADDETTI? Sì. DISPONIBILITA DI PERSONALE DELL ENTE A FORNIRE ASSISTENZA Sì per un totale di 1 giornata Verrà costituita una Comunità di pratica che si occuperà di fornire l assistenza necessaria a chi volesse fare sua questa soluzione; il Comune di Bologna può svolgere (d'intesa con gli altri enti di progetto), delle azioni di divulgazione e presentazione degli strumenti disponibili, atte a comprendere i benefici ma anche le implicazioni tecniche ed organizzative derivanti dalla introduzione di tale soluzione. LA SOLUZIONE E DI COMPLETA PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE CEDENTE? No. Componente: Modulo di Interoperabilità Proprietà: Comune di Bologna Componente: Modulo di aggiornamento Community Edition Proprietà: Comune di Bologna Componente: Modulo di Aggiornamento Enterprise Edition Proprietà: Sinergis s.r.l. 12

13 SEZIONE 4 ASPETTI DI COSTO DELLA SOLUZIONE SOSTENUTI DALL AMMINISTRAZIONE COSTI ESTERNI (FORNITORI + CONSULENZA) PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE ,00 Tale costo comprende anche il rilascio in proprietà della Pubblica Amministrazione della versione Community Edition del Modulo di Aggiornamento (detto anche VESTA). Nel caso il riusatore intenda adottare la versione Enterprise Edition di tale modulo, ancora di proprietà della ditta, dovrà sostenere il costo della licenza d uso calcolata sulla base della dimensione dell ente. Costi esterni per la manutenzione della soluzione ,00 I costi di manutenzione dipendono dalla presenza di un centro servizi regionale o dalla installazione in loco della soluzione. Esistono molte variabili che compongono il costo e, per tale ragione, si rimanda ad una progettazione di dettaglio calata sulla singola realtà riusatrice, una valutazione di merito di tali costi. La stazione appaltante Comune di Bologna stima di sostenere un costo pari a circa euro all anno per la manutenzione correttiva/adeguativa della soluzione. Per l attività di manutenzione evolutiva non sono ancora disponibili previsioni di spesa. COSTI INTERNI PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE I costi interni per la realizzazione della soluzione sono quelli del personale coinvolto nella fase dello sviluppo e nella fase di messa in esercizio. Tali costi si articolano essenzialmente in due tipologie: costi del personale esperto in materia di edilizia-urbanistica, toponomastica e catasto che ha partecipato alla progettazione della soluzione ed è stata coinvolta nel processo di validazione finale; costi del personale tecnico ed informatico che ha validato gli aspetti architetturali, dimensionali e prestazionali della soluzione costi di gestione del progetto Tali costi sono già stati sostenuti dalle amministrazioni che hanno condotto il progetto (la cui contabilizzazione non è immediatamente disponibile) e dunque il 13

14 riusatore dovrà solo sostenere i costi di formazione del personale all'uso dei sistemi e di gestione del cambiamento organizzativo. Costi interni per la manutenzione della soluzione Tali costi dipendono dalla configurazione del sistema. Nel caso di configurazione con centro servizi, rientrano nel costo di manutenzione già assicurato dal soggetto incaricato della gestione associata. Nel caso di configurazione presso il proprio ente, con personale dedicato, vi sono costi rientranti nell'installazione, presidio sistemistico e periodico aggiornamento delle patch. 14

15 SEZIONE 5 BENEFICI OTTENUTI DALL USO DELLA SOLUZIONE Benefici in termini di riduzione di costi conseguiti dall Amministrazione Benefici non quantificabili. Benefici in termini di miglioramento del servizio reso a cittadini e imprese conseguiti dall Amministrazione ACI si pone come banca dati unica di informazioni di base come la toponomastica. Grazie quindi alla univocità del dato, sarà possibile erogare dei webservices di supporto alla compilazione dei dati toponomastici e catastali evitando così di chiedere più volte la stessa informazione agli utenti. Inoltre, grazie alla possibilità di interrogare ACI anche per edifici (visti come aggregazioni di unità immobiliari) sarà possibile ricostruirne lo stato di legittimazione sgravando il professionista della ricostruzione di queste informazioni tramite la lettura dell intero faldone delle autorizzazioni edilizie. Benefici derivanti all amministrazione dall elaborazione dei dati che la soluzione utilizzata o genera, al fine di orientare in modo più efficace l azione amministrativa La centralizzazione dei dati toponomastici e catastali permetterà una uniformazione di numerosi applicativi verticali della amministrazione oltre che azioni di bonifica delle banche dati esistenti. Elementi di semplificazione della procedura tradizionale introdotti dalla soluzione In maniera del tutto simile ai benefici ai cittadini, la presenza di una anagrafe centralizzata della toponomastica e dei dati catastali permetterà una più semplice ricostruzione degli atti legittimanti (il cosiddetto stato legittimato di un immobile) di una porzione o addirittura un intero edificio, con grande semplificazione della attività istruttoria edilizia. Altri benefici derivanti dall utilizzo della soluzione non ricompresi nelle tipologie prima indicate Nessuno. 15

16 SEZIONE 6 ASPETTI LEGATI ALLE TECNOLOGIE UTILIZZATE Caratteristiche della soluzione tecnologica La soluzione descritta nei capitoli precedenti può essere ben rappresentata nei suoi aspetti tecnologici fondamentali tramite il diagramma seguente operatore ACI Modulo di Aggiornamento --> SINAPSI applicazione 1 --> Interfaccia utente applicazione X openlayers --> Geoserver > Servizi di Aggiornamento > Modulo di Interoperabilità > SincroACI Le componenti del sopramenzionato schema sono le seguenti ACI/DBTL: sono le banche dati accedute dalla soluzione. Openlayers, SINAPSI e Geoserver: sono le componenti software open source utilizzate dalla soluzione per lo sviluppo dei servizi di autenticazione & autorizzazione (SINAPSI) e di tipo cartografico (Geoserver lato server e Openlayers lato client). Operatori della soluzione: possono essere sia degli utenti umani (Operatore ACI che opera attraverso l interfaccia web) che non umani (es. applicazioni verticali esterne). Componenti software specifiche della soluzione: o Modulo di aggiornamento impiegato per la gestione dei dati da parte dell utente umano attraverso la inclusa interfaccia web o da utenti non umani (es. applicazioni verticali) attraverso chiamate http/soap o Interfaccia utente (web) interfaccia verso gli utenti umani dell ufficio ACI o Servizi di aggiornamento e modulo di interoperabilità servizi web di gestione dei dati impiegati dal modulo di interoperabilità o SincroACI servizio di allineamento dei dati catastali 16

17 Nella schematizzazione non sono state riportati eventuali software necessari alla messa in esercizio dell applicazione, come ad esempio Server DBMS o Application Server: questi sono indicati nella sezione seguente sottoforma di prerequisiti software. Ulteriori aspetti tecnici salienti che caratterizzano l applicazione non presenti nel diagramma possono essere riassunti nei punti seguenti: Modalità di consultazione della soluzione. La soluzione può essere consultata previa autenticazione da personale dell Ente per inserire manualmente Atti ACI semplicemente tramite browser web. In aggiunta è possibile per applicazioni esterne alla soluzione consumare appositi Web Services di aggiornamento al fine di automatizzare l inserimento degli Atti o di parte di essi. Manipolazione cartografica dei dati. Le funzionalità di navigazione e modifica dei dati cartografici gestiti dalla soluzione sono integrate all interno dell interfaccia web dell applicazione tramite l uso delle librerie open source in tecnologia javascript OpenLayers. Il software prodotto fa inoltre uso dell applicazione Gesoerver, che fornisce servizi di WMS, WFS e WCS in modalità OGC compliant. Autenticazione e profilazione degli utenti. Tramite l interazione con il software Sinapsi la soluzione effettua il controllo degli accessi e differenzia l interazione uomo-macchina sulla base del profilo utente. Prerequisiti di natura tecnica (hw e sw di base) per il funzionamento della soluzione Modulo di Interoperabilità, Servizi di Aggiornamento e SincroACI Data Tier o Sistema operativo: Windows/Linux o RDBMS: Oracle 9i /10g con funzionalità Locator Application Tier o Sistema operativo: Windows/Linux o Application server: JBoss 4.2.3GA o Web server: Apache 2 o Altri componenti: JRE 1.6, Hibernate 3.2.6GA, Jaxb Modulo di Aggiornamento Data Tier (usato solo per la configurazione del sistema) vedi sopra Application Tier o Sistema operativo: Windows/Linux o Application server: Tomcat o Web server: Apache 2 17

18 o Altri componenti: Modulo di Interoperabilità, SincroACI, Servizi di Aggiornamento, Geoserver, Sinapsi. Partners coinvolti nella realizzazione della soluzione Tutti gli Enti del Partenariato ELI-CAT, coordinato dal Comune di Bologna, sono stati coinvolti nelle diverse fasi sopra elencate La ditta SINERGIS ha realizzato la soluzione e ha quindi: partecipato all analisi di dettaglio (insieme agli Enti) realizzato il codice sw della soluzione effettuato i test (insieme agli Enti) Quanto tempo è durato il progetto (mesi) 24 Il progetto ELI-CAT è stato formalmente iniziato il 20 aprile del 2008 e si è concluso dopo 24 mesi il 20 aprile Successivamente è stata concessa una proroga tecnica fino al 20 settembre 2010 per il completamento del dispiegamento presso gli enti partner Quali sono i volumi di servizio che la soluzione gestisce La soluzione si basa su una architettura three-tier e adotta tecnologie scalabili (ad esempio Oracle e Jboss), per cui è predisposta per gestire volumi di servizio crescenti nel tempo. La soluzione è integrata con altre applicazioni dell amministrazione La soluzione è struttura in moduli di servizi che possono essere integrati con le applicazioni dell'amministrazione che gestiscono le variazioni degli oggetti dell'aci. Inoltre, ACI è integrata in maniera nativa con ACSOR (Anagrafe Comunale dei Soggetti, Oggetti e Relazioni) per fornire a questa la componente catastale degli oggetti trattati a scopi fiscali. 18

19 SEZIONE 7 ALTRI ASPETTI VINCOLANTI Esigenza di specifici modelli organizzativi Per il funzionamento del servizio è auspicabile (anche se non strettamente necessaria) la presenza di una struttura di presidio (Ufficio ACI) in grado di verificare gli atti d origine dai quali discendono le trasformazioni del territorio. È invece fortemente opportuna la adozione di un regolamento della toponomastica che preveda la istituzione di un responsabile (Ufficiale ACI) od opportune modalità operative a cui fare riferimento per dirimere eventuali incongruenze all interno degli atti d origine di cui al punto precedente. Necessità di accordi con Enti terzi Risulta necessaria una convenzione con l Agenzia del Territorio (e/o con la Regione, dipende dall esistenza o meno di accordi fra i Comuni e la Regione) per potere effettuare il popolamento-aggiornamento del DBTL (dati catastali) tramite cooperazione applicativa con l ente cartografico di riferimento (Regione) tramite il componente SINCROACI. Nel caso di utilizzo del servizio erogato direttamente dalla Agenzia tramite il Portale dei Comuni è comunque necessaria una convenzione con l Agenzia, anche se di altro tipo. Dipendenza da normative regionali Non ci sono normative regionali vincolanti. 19

20 Progetto ELI-CAT Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante modelli di cooperazione applicativa Titolo del servizio o della soluzione oggetto del riuso Anagrafe Comunale dei Soggetti, Oggetti e Relazioni (ACSOR) e relativi servizi di bonifica e di orchestrazione SEZIONE 1 ANAGRAFICA DELLA SOLUZIONE OFFERTA AL RIUSO Nome dell Amministrazione proponente: - Comune di Bologna Referente per l Amministrazione - Stefano Mineo, Dirigente Settore Sistemi Informativi e Telematici Tel , Nome della soluzione Anagrafe Comunale dei Soggetti, Oggetti e Relazioni (ACSOR) e relativi servizi di bonifica e di orchestrazione Ambiti amministrativi interessati Settore Entrate (ICI, TARSU) 20

21 Altre Amministrazioni che utilizzano o che hanno aderito al riuso della soluzione - Comune Fabbriche di Vallico - Comune Genova - Comune Ancona - Comune Prato - Comune Torino - Comune Padova - Comune Rovigo - Comune Abbadia San Salvatore - Comune Monsummano Terme - Comune Ferrara - Comune Rimini - Comune Cesena - Comune Regio Emilia - Comune Ravenna - Comune La Spezia - CM Media Valle del Serchio (Barga) - Unione Terre d Argine (Carpi) - SIR Umbria (Orvieto-Spoleto) Tipologie di Amministrazioni che a parere dell Amministrazione cedente sono le più idonee a riutilizzare la soluzione Comuni medio grandi oppure Unioni di Comuni e Comunità montane Quali servizi vengono implementati con l uso della soluzione Nome: ACSOR Modulo Base. Destinazione: per l amministrazione. E la banca dati ottenuta integrando attraverso processi di riscontro, normalizzazione e data-cleaning dei dati provenienti da differenti fonti operazionali (Anagrafe, Registro imprese, Sistema Tributi, Catasto, ecc..). Dispone di una applicazione web per la consultazione dei dati. Nome: ACSOR Modulo Estensione Destinazione: per l amministrazione Estende l ACSOR integrando ulteriori fonti operazionali (Atti Notarili, Licenze Commerciali, Dichiarazioni dei redditi, ecc ). Dispone di una applicazione web per la consultazione dei dati sia sulla componente base che estesa. 21

22 Nome: Modulo di Bonifica e Normalizzazione delle banche dati catastali e tributarie Destinazione: per l amministrazione I moduli di bonifica, adoperando le attività di data-cleaning ed integration proprie di ACSOR, concorrono alla individuazione di errori, formali o sostanziali, nelle banche dati dei satelliti Tributi e Catasto, ne guidano il processo di correzione ed inviano apposite notifiche verso i sistemi esterni al fine di correggere tali errori direttamente alla fonte. Nome: Modulo di Analisi dei Classamenti Destinazione: per l amministrazione È un modulo che utilizzando le logiche di individuazione dei Moduli di Bonifica, effettua da un lato le verifiche di congruità e coerenza fra stato di fatto dell unità immobiliare e quanto effettivamente accatastato, utili ad individuare situazioni da rivedere sotto il profilo del classamento, dall altro fornisce strumenti per il trattamento delle posizioni e l invio delle stesse rettificate all Agenzia del Territorio mediante i protocolli preposti. Nome: Orchestratore Locale Destinazione: per l amministrazione L'Orchestratore Locale rappresenta il componente architetturale preposto ad offrire le funzionalità di cooperazione necessarie a consentire: 1. il disaccoppiamento tra i sistemi coinvolti; 2. la cooperazione e lo scambio di informazioni tra i suddetti sistemi; 3. la composizione di servizi di business complessi, basati sull'orchestrazione di servizi semplici messi a disposizione dai suddetti sistemi. Tipo di Amministrazioni a cui è destinato Il servizio è destinato a tutte quelle Amministrazioni interessate a contrastare efficacemente l evasione e l elusione fiscale. E opportuno evidenziare che l avvio in esercizio di questa soluzione richiede la messa a disposizione di informazioni provenienti da diversi applicativi verticali (anche detti sorgenti ) al fine di potere operare le necessarie bonifiche di dati. 22

Sant Agostino, 11 Ottobre 2011. Antonio Patta Gianfelice Lauridia

Sant Agostino, 11 Ottobre 2011. Antonio Patta Gianfelice Lauridia Anagrafe Comunale Soggetti Oggetti Relazioni & Portale Territoriale del Contribuente Progetto ELICAT-ELIFISELIFIS Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto ELI-FIS

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto ELI-FIS Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto ELI-FIS Gennaio 2011 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione

Dettagli

ACSOR OPEN 9 settembre 2010

ACSOR OPEN 9 settembre 2010 Progetti ELI-CAT / ELI-FIS Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e e catastale mediante modelli di cooperazione applicativa ACSOR OPEN 9 settembre 2010 Versione 1.0 1 Indice

Dettagli

CATASTO E FISCALITA' Soluzioni del Programma ELISA

CATASTO E FISCALITA' Soluzioni del Programma ELISA CATASTO E FISCALITA' Soluzioni del Programma ELISA Dario Gambino Federalismo Fiscale L'obiettivo dichiarato Creare una relazione e proporzionalità tra il livello di imposizione fiscale ed i servizi erogati

Dettagli

Permettere l aggiornamento delle fonti dati in modalità schedulata, automatica o semiautomatica

Permettere l aggiornamento delle fonti dati in modalità schedulata, automatica o semiautomatica Flussi di Aggiornameno Obiettivi Architetturali Strategici: Scalabilità amministrativa del sistema, unica istanza / n Comuni Permettere l aggiornamento delle fonti dati in modalità schedulata, automatica

Dettagli

ACI (Anagrafe Comunale Immobili) e ACSOR (Anagrafe Comunale Soggetti Oggetti e Relazioni) - Esperienze a confronto. Ferrara, 24 Maggio 2013

ACI (Anagrafe Comunale Immobili) e ACSOR (Anagrafe Comunale Soggetti Oggetti e Relazioni) - Esperienze a confronto. Ferrara, 24 Maggio 2013 ACI (Anagrafe Comunale Immobili) e ACSOR (Anagrafe Comunale Soggetti Oggetti e Relazioni) - Esperienze a confronto Ferrara, 24 Maggio 2013 ORGANIZZAZIONE UFFICIO ACI E ACSOR Rosa Fogli AGENDA ACI : cosa

Dettagli

Tre progetti significativi:elica-elifis-fedfis

Tre progetti significativi:elica-elifis-fedfis Un progetto di integrazione su scala nazionale:dwh Dominio degli Enti Locali Dominio Regionale Altri enti PA Mude ACI Anagrafe SIT ICI Attività Procedimenti Popolazione DB Topo Tarsu/TIA Produttive edilizi

Dettagli

ELICAT. Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato

ELICAT. Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato Deliverable 1.3 Allegato E: Piano Di Lavoro CT Sportello Sportello Catastale Integrato Preparato da: Comune di Padova (Alberto Corò) Membri: Firenze, Torino, Prato, CM Valle del Serchio, Abbadia San Salvatore,

Dettagli

I modelli cooperativi per la fruizione del dato geografico : la Cooperazione Applicativa quale strumento di integrazione e cooperazione istituzionale

I modelli cooperativi per la fruizione del dato geografico : la Cooperazione Applicativa quale strumento di integrazione e cooperazione istituzionale I modelli cooperativi per la fruizione del dato geografico : la Cooperazione Applicativa quale strumento di integrazione e cooperazione istituzionale ASITA Bari 2 dicembre 2009 Lucia Pasetti www.cartografia.regione.liguria.it

Dettagli

ALLEGATO A - Prima ipotesi di regolamentazione

ALLEGATO A - Prima ipotesi di regolamentazione CN-ER.accordo attuativo territorio_fiscalità.v3.0_alla pag. 1 su 27 Accordo attuativo della convenzione costitutiva della COMMUNITY NETWORK EMILIA-ROMAGNA per la gestione condivisa dei Servizi SIGMA TER,

Dettagli

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema.

Smart. SUAP Area Tecnico Territoriale. Descrizione sintetica. Funzionalità principali SCHEDA PRODOTTO. Dematerializzazione. Sistema. SCHEDA PRODOTTO Descrizione sintetica Il modulo consente di gestire i procedimenti amministrativi legati alle sportello unico per le attività produttive. Fa parte dell area dedicata alla componente tecnico

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. Luogo: Roma (sede Dipartimento II Comune di Roma) PARTECIPANTI NOME SOCIETÀ/ENTE DI APPARTENENZA RUOLO

VERBALE DI RIUNIONE. Luogo: Roma (sede Dipartimento II Comune di Roma) PARTECIPANTI NOME SOCIETÀ/ENTE DI APPARTENENZA RUOLO Pag. 1 di 6 Verbale numero: 4/2009 Data: 18 Maggio 2009 Tema/Progetto: Riunione Fed-Fis Luogo: Roma (sede Dipartimento II Comune di Roma) PARTECIPANTI NOME SOCIETÀ/ENTE DI APPARTENENZA RUOLO Javier Ossandon

Dettagli

SCHEDA TECNICA GeoPA

SCHEDA TECNICA GeoPA SCHEDA TECNICA GeoPA Denominazione GeoPA - soluzione software per il controllo ed il monitoraggio del territorio. Amministrazione Comune di Parete. Note e considerazioni sul riuso Caratteristiche generali

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale più dei soggetti aggregati o aggregandi Cofinanziamenti provenienti da enti esterni all aggregazione costituita o costituenda e diversi dal finanziamento comma 893 TOTALE Il Progetto si inquadra nell ambito

Dettagli

piemonte Direzione Tributi PROGETTO DI ANAGRAFE TRIBUTARIA DEL PIEMONTE

piemonte Direzione Tributi PROGETTO DI ANAGRAFE TRIBUTARIA DEL PIEMONTE CSI piemonte Direzione Tributi PROGETTO DI ANAGRAFE TRIBUTARIA DEL PIEMONTE INDICE SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE.... 3 RIFERIMENTI... 3 OBIETTIVI DELL ATP... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L

P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L P R O D O T T I P E R L A P U B B L I C A A M M I N I S T R A Z I O N E C U B E G I S S O L U Z I O N E P E R L A G E S T I O N E E I L C O N T R O L L O D E L T E R R I T O R I O I N D I C E 5 S O

Dettagli

I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI)

I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI) I SERVIZI GIT PER IL TERRITORIO (ENTI LOCALI E CITTADINI/OPERATORI) Servizi per gli uffici del comune Gestione accertamento edilizia privata con catasto storico Supporto alla attività amministrativa per

Dettagli

ELICAT. specifiche funzionali e tecniche dei prodotti

ELICAT. specifiche funzionali e tecniche dei prodotti Deliverable 3.1 Modello di dominio ELI-CAT/ELI-FIS e specifiche funzionali e tecniche dei prodotti Preparato da: - Stefano Mineo, stazione appaltante Comune di Bologna; - Enzo Casula, Francesco Gheno,

Dettagli

Attuazione del Piano di Contingency

Attuazione del Piano di Contingency Attuazione del Piano di Contingency Roma, 20 luglio 2009 1/22 1. Premessa Obiettivo del presente documento è quello di illustrare il possibile scenario operativo concreto che si prefigura fattibile, all

Dettagli

Comunità Montana Terminio Cervialto Via Don Minzoni,2 83048 Montella (AV)

Comunità Montana Terminio Cervialto Via Don Minzoni,2 83048 Montella (AV) Comunità Montana Terminio Cervialto Via Don Minzoni,2 83048 Montella (AV) PRESENTAZIONE APPLICATIVI INFORMATICI (BEST PRACTICE) REALIZZATI NELL AMBITO DELL E-GOVERNMENT PER L IMPLEMENTAZIONE DELLA BACHECA

Dettagli

INVITO. MODENA, 5 Febbraio 2010, Teatro Fondazione Collegio San Carlo. esempi di burocrazia positiva tra cooperazione e tecnologia

INVITO. MODENA, 5 Febbraio 2010, Teatro Fondazione Collegio San Carlo. esempi di burocrazia positiva tra cooperazione e tecnologia esempi di burocrazia positiva tra cooperazione e tecnologia Sistemi tecnologici e cooperazione interistituzionale per il governo del territorio MODENA, 5 Febbraio 2010, Teatro Fondazione Collegio San Carlo

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Richiesta Contributo alla Ricostruzione Domanda ed Istruttoria Comunale. 6 settembre 2012

Richiesta Contributo alla Ricostruzione Domanda ed Istruttoria Comunale. 6 settembre 2012 COMMISSARIO DELEGATO PER LA RICOSTRUZIONE SISTEMA INFORMATIVO PER LA RICOSTRUZIONE Ordinanza n. 23 del 14 agosto 2012 Ordinanza n. 29 del 28 agosto 2012 e s.m.i. Richiesta Contributo alla Ricostruzione

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. Verbale numero: 6/2009 Tema/Progetto: Riunione Fed-Fis- Stazioni appaltanti. Luogo: Roma (sede Dipartimento II Comune di Roma)

VERBALE DI RIUNIONE. Verbale numero: 6/2009 Tema/Progetto: Riunione Fed-Fis- Stazioni appaltanti. Luogo: Roma (sede Dipartimento II Comune di Roma) Pag. 1 di 11 Verbale numero: 6/2009 Tema/Progetto: Riunione Fed-Fis- Stazioni appaltanti Data: 03 Luglio 2009 Luogo: Roma (sede Dipartimento II Comune di Roma) PARTECIPANTI NOME SOCIETÀ/ENTE DI APPARTENENZA

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

Fruibilità dell Informazione Ambientale

Fruibilità dell Informazione Ambientale Fruibilità dell Informazione Ambientale Nicoletta Sannio, Mariano Casula Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato della Difesa Ambiente, Sevizio S.A.V.I Abstract Il Sistema Informativo Regionale Ambientale

Dettagli

Progetto Suoni della Memoria. Buone Pratiche. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema

Progetto Suoni della Memoria. Buone Pratiche. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto Suoni della Memoria Scheda per la disseminazione e il riuso delle soluzioni tecnologiche e organizzative

Dettagli

A relazione dell'assessore Quaglia:

A relazione dell'assessore Quaglia: REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 11 dicembre 2013, n. 8-6870 Iniziativa volta a garantire maggiore equita' nell'erogazione delle agevolazioni nell'ambito dell'edilizia

Dettagli

SVILUPPO E REALIZZAZIONE DI SISTEMI

SVILUPPO E REALIZZAZIONE DI SISTEMI Regione Toscana Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Reti di Governance del Sistema Regionale e Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione Settore

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO PER LE AUTONOMIE LOCALI E LA FUNZIONE PUBBLICA VERSANO IN PARTICOLARI CONDIZIONI DI DISAGIO PER L ANNO 2010.

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO PER LE AUTONOMIE LOCALI E LA FUNZIONE PUBBLICA VERSANO IN PARTICOLARI CONDIZIONI DI DISAGIO PER L ANNO 2010. REGIONE SICILIANA ASSESSORATO PER LE AUTONOMIE LOCALI E LA FUNZIONE PUBBLICA BANDO PER LA CONCESSIONE DI UN CONTRIBUTO A COMUNI CHE VERSANO IN PARTICOLARI CONDIZIONI DI DISAGIO PER L ANNO 2010. CARTA D

Dettagli

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati (Il sistema Gestione Piani Urbanistici GPU della Provincia Autonoma di Trento) Mauro Zambotto - Provincia Autonoma di Trento Alberto

Dettagli

SERVIZI INFORMATIVI INTEGRATI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO (PR5SIT) DELLA REGIONE CALABRIA

SERVIZI INFORMATIVI INTEGRATI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO (PR5SIT) DELLA REGIONE CALABRIA SERVIZI INFORMATIVI INTEGRATI PER LA GESTIONE DEL TERRITORIO (PR5SIT) DELLA REGIONE CALABRIA Tonino CARACCIOLO (*), Vincenzo MARRA (*), Domenico MODAFFARI (*), Francesco NAPOLETANO (**), Alfredo PELLICANO

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. Data :21.11.2011. Pag. 1 di 8. Luogo: Ancitel (Via Arco di Travertino 11 - Roma) Ore: 10.30 17.00. OGGETTO: Riunione GTP FED_FIS

VERBALE DI RIUNIONE. Data :21.11.2011. Pag. 1 di 8. Luogo: Ancitel (Via Arco di Travertino 11 - Roma) Ore: 10.30 17.00. OGGETTO: Riunione GTP FED_FIS Pag. 1 di 8 Verbale numero: 3/2011 Data: 21 Novembre 2011 Tema/Progetto: Riunione GTP FED_FIS Luogo: Ancitel (Via Arco di Travertino 11 - Roma) Ore: 10.30 17.00 PARTECIPANTI NOME SOCIETÀ/ENTE DI APPARTENENZA

Dettagli

MUDE Piemonte. Adempimenti per i Comuni. STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1

MUDE Piemonte. Adempimenti per i Comuni. STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1 MUDE Piemonte Adempimenti per i Comuni STATO DELLE VARIAZIONI Versione Paragrafo o Pagina Descrizione della variazione V02 2.1 Aggiornamento casella di posta elettronica per comunicazioni 3 3.3; 3.3.1;

Dettagli

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009)

CeBAS. Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) CeBAS Centrale Bandi e Avvisi Pubblici Regionali (DGR n. 1556 del 11.09.2009) Introduzione Il progetto CEBAS: la finalità è di migliorare l efficienza operativa interna dell Ente rispondere alle aspettative

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO TRIBUTI. Art. 1 - Oggetto del servizio associato

REGOLAMENTO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO TRIBUTI. Art. 1 - Oggetto del servizio associato REGOLAMENTO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO TRIBUTI Art. 1 - Oggetto del servizio associato 1. La gestione associata del servizio tributi, realizzata attraverso una struttura di coordinamento operativo a supporto

Dettagli

8.A.4. Modulo di Analisi dei Classamenti

8.A.4. Modulo di Analisi dei Classamenti 8.A.4 Modulo di Analisi dei Classamenti Presentato da: Vers. 1.0 - del 27/08/2009 Modulo di Analisi dei Classamenti Analisi Funzionale Cliente Progetto Comune di Bologna ELI CAT/FIS Redatto da Vincenzo

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Caratteristiche generali di prodotto. Denominazione S.A.T.T.- Sant Arpino Tributi e Territorio. Amministrazione Comune di Sant Arpino

SCHEDA TECNICA. Caratteristiche generali di prodotto. Denominazione S.A.T.T.- Sant Arpino Tributi e Territorio. Amministrazione Comune di Sant Arpino SCHEDA TECNICA Denominazione S.A.T.T.- Sant Arpino Tributi e Territorio Amministrazione Comune di Sant Arpino Note e considerazioni sul riuso Il Sistema proposto viene reso disponibile in open source per

Dettagli

Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Novembre 2002

Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione. White Paper Oracle Novembre 2002 Architettura e componenti per la cooperazione applicativa nella Pubblica Amministrazione White Paper Oracle Novembre 2002 Architettura e componenti Oracle per la cooperazione applicativa nella Pubblica

Dettagli

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente

Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Sistema di Gestione DBTR Manuale Utente Progetto DB Topografico Versione 1.5 Data 29/05/2014 Sistema Gestione - manuale utente_1_5.doc 1 / 40 Indice generale 1. DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO... 3 1.1 OBIETTIVI

Dettagli

1. Caratteristiche generali

1. Caratteristiche generali Allegato 1 (articolo 1, comma 1) ISTRUZIONI TECNICHE DI CUI AL DECRETO N. 108 DEL 11 MAGGIO 2015 1. Caratteristiche generali Premessa Il nucleo informativo dell AIA è costituito dalla Banca Dati Sinistri

Dettagli

DIREZIONE SISTEMI INFORMATIVI

DIREZIONE SISTEMI INFORMATIVI DIREZIONE SISTEMI INFORMATIVI P.O. AFFARI GENERALI E INNOVAZIONE Coordina le attività di supporto direzionale che riguardano la l'area Programmazione Sostenibilità e innovazione e la Direzione Sistemi

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L.

Dettagli

GEDATPlus. La proposta ANUTEL per contrastare l evasione fiscale. Presentazione. La soluzione software e la piattaforma tecnologica

GEDATPlus. La proposta ANUTEL per contrastare l evasione fiscale. Presentazione. La soluzione software e la piattaforma tecnologica GEDATPlus. La proposta ANUTEL per contrastare l evasione fiscale Presentazione Nascita ed evoluzione La soluzione software e la piattaforma tecnologica Il prodotto : le banche dati incrociate l interscambio

Dettagli

Schema di Proposta Progettuale CATASTO E FISCALITA ELI-CAT

Schema di Proposta Progettuale CATASTO E FISCALITA ELI-CAT Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Schema di Proposta Progettuale CATASTO E FISCALITA ELI-CAT Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante modelli di

Dettagli

Framework dei Moduli di Bonifica. Moduli di Bonifica

Framework dei Moduli di Bonifica. Moduli di Bonifica Framework dei Moduli di Bonifica Moduli di Bonifica Presentato da: Vers. 1.0 - del 27/08/2009 Moduli di Bonifica Specifiche di Test del framework dei moduli di bonifica Cliente Progetto Comune di Fabbriche

Dettagli

Visualizzazione, interrogazione e modifica dei database topografici.

Visualizzazione, interrogazione e modifica dei database topografici. Visualizzazione, interrogazione e modifica dei database topografici. La soluzione WebGIS su misura per visualizzazione, interrogazione e gestione operativa, comprensiva di editing, di cartografia e database

Dettagli

Database Topografico e Catasto: Integrazione Cartografica delle Banche Dati Territoriali. Franco Guzzetti, Alice Pasquinelli Politecnico di Milano

Database Topografico e Catasto: Integrazione Cartografica delle Banche Dati Territoriali. Franco Guzzetti, Alice Pasquinelli Politecnico di Milano Database Topografico e Catasto: Integrazione Cartografica delle Banche Dati Territoriali Franco Guzzetti, Alice Pasquinelli Politecnico di Milano Abstract La Lr 12/2005 di Regione Lombardia istituisce

Dettagli

Circolarità Anagrafica- Sistema Informativo dell'amministrazione Regionale

Circolarità Anagrafica- Sistema Informativo dell'amministrazione Regionale Circolarità Anagrafica- Realizzazione della piattaforma infrastrutturale regionale Obiettivo dell intervento è la realizzazione della circolarità anagrafica come l insieme delle regole, procedure e applicazioni

Dettagli

Descrizione generale. Architettura del sistema

Descrizione generale. Architettura del sistema Descrizione generale Sister.Net nasce dall esigenza di avere un sistema generale di Cooperazione Applicativa tra Enti nel settore dell Informazione Geografica che consenta la realizzazione progressiva

Dettagli

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO Associazione dei Comuni del Comprensorio TRIGNO-SINELLO PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA E CRONOPROGRAMMA

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto LABOR

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto LABOR Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto LABOR Dicembre 2009 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione

Dettagli

BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA. Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati

BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA. Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati Azione Informatizzazione procedure ente e dematerializzazione progetti Nuovo Protocollo

Dettagli

Comunità Montana del Catria e Nerone

Comunità Montana del Catria e Nerone Comunità Montana del Catria e Nerone IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE PER LA GESTIONE INTEGRATA DEL CATASTO EDILIZIA FISCALTA LOCALE GUERRA LUCIO Responsabile Area Tecnica Comunità Montana Catria e

Dettagli

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende

Software Servizi Progetti. per la Pubblica Amministrazione e le Aziende Software Servizi Progetti per la Pubblica Amministrazione e le Aziende SOLUZIONI AD ELEVATO VALORE AGGIUNTO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LE AZIENDE Maggioli Informatica unitamente ai suoi marchi Cedaf,

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Schema di Proposta Progettuale FED-FIS Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione negli enti locali - Comma 893 della legge 27 dicembre 2006

Dettagli

Schema di Proposta Progettuale FED-FIS

Schema di Proposta Progettuale FED-FIS Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Schema di Proposta Progettuale FED-FIS Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione negli enti locali - Comma 893 della legge 27 dicembre 2006

Dettagli

ACCORDO ATTUATIVO CATASTO FISCALITA' nella Provincia di Parma. Unioni che hanno partecipato ai bandi 2009-2010 per le Filiere 1-2-3:

ACCORDO ATTUATIVO CATASTO FISCALITA' nella Provincia di Parma. Unioni che hanno partecipato ai bandi 2009-2010 per le Filiere 1-2-3: ACCORDO ATTUATIVO CATASTO FISCALITA' nella Provincia di Parma Unioni che hanno partecipato ai bandi 2009-2010 per le Filiere 1-2-3: Unione Pedemontana (5 Comuni) Unione Terre Verdiane ( 9 Comuni) Comunità

Dettagli

A relazione degli Assessori Cavallera, Vignale,

A relazione degli Assessori Cavallera, Vignale, REGIONE PIEMONTE BU3 16/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 9 dicembre 2013, n. 40-6859 Iniziativa volta a garantire maggiore equita' nell'erogazione delle agevolazioni nell'ambito sanitario delle

Dettagli

Programma Enti Locali Innovazione di Sistema. Piano Esecutivo. Progetto FED-FIS CATASTO E FISCALITA

Programma Enti Locali Innovazione di Sistema. Piano Esecutivo. Progetto FED-FIS CATASTO E FISCALITA Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Piano Esecutivo Progetto FED-FIS CATASTO E FISCALITA Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante modelli di cooperazione

Dettagli

26/09/13 Soluzioni di Riuso

26/09/13 Soluzioni di Riuso Soluzione RIUSO193 SPORVIC_SUAP proposta da Sezione 1 - Amministrazione proponente e soluzione proposta Tipologia di Amministrazione proponente: Comune Regione dell'amministrazione: Toscana Ambito/i amministrativo/i

Dettagli

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze

Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze Strumenti: una business intelligence per la P.A. Gianluca Vannuccini, Ciro Annicchiarico, Roberto De Vivo, Marco Materassi, Nicoletta Vergari Comune di Firenze LA Business Intelligence per la P.A. La Business

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

26/09/13 Soluzioni di Riuso

26/09/13 Soluzioni di Riuso Soluzione RIUSO192 SPORVIC_cittadini proposta da Sezione 1 - Amministrazione proponente e soluzione proposta Tipologia di Amministrazione proponente: Comune Regione dell'amministrazione: Toscana Ambito/i

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto GIT

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto GIT Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto GIT Luglio 2012 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il

Dettagli

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il Sistema Informativo Territoriale (SIT) del Comune di Castelfiorentino è il punto d'accesso per i servizi e alle informazioni

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso Piazza Caduti, 8 31021 Cod. Fiscale 00565860269 Partita IVA 00476370267 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni

Dettagli

Il Resp. Sezione Amm.va e Finanziaria F.F. Dott. Stefano Paggetti

Il Resp. Sezione Amm.va e Finanziaria F.F. Dott. Stefano Paggetti Parere di regolarità Amministrativa Ai sensi e per gli effetti di cui all art.49, comma1 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, si esprime parere favorevole di regolarità tecnica. Perugia, 09/11/2010 Il Resp.

Dettagli

ALLEGATO 5 CAPITOLATO TECNICO (REQUISITI TECNICI)

ALLEGATO 5 CAPITOLATO TECNICO (REQUISITI TECNICI) PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI GESTIONE ORDINARIA, ACCERTAMENTO E SUPPORTO ALLA RISCOSSIONE ORDINARIA E COATTIVA DIRETTA DEI TRIBUTI E DELLE ENTRATE COMUNALI ALLEGATO 5 CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

@sset soluzione G.I.S. freeware per il Real Estate: nota tecnico-descrittiva. Torino, marzo 2009

@sset soluzione G.I.S. freeware per il Real Estate: nota tecnico-descrittiva. Torino, marzo 2009 @sset soluzione G.I.S. freeware per il Real Estate: nota tecnico-descrittiva. Torino, CREST s.n.c. Sede legale e operativa: 10136 Torino Via Caprera, 15 - P.IVA 02746980016 C.C.I.A.A. 599025 Trib. Torino

Dettagli

Soluzione RIUSO136 progettoconsiglio proposta da Comune di Venezia

Soluzione RIUSO136 progettoconsiglio proposta da Comune di Venezia Soluzione RIUSO136 progettoconsiglio proposta da Comune di Venezia Sezione 1 - Amministrazione proponente e soluzione proposta Tipologia di Amministrazione proponente: Comune Regione dell'amministrazione:

Dettagli

Istituzione Ufficio Anagrafe Immobiliare E Costituzione Centro Servizi Sit

Istituzione Ufficio Anagrafe Immobiliare E Costituzione Centro Servizi Sit Comune di Barletta Città della Disfida Medaglia d Oro al Valor Militare ed al Merito Civile Istituzione Ufficio Anagrafe Immobiliare E Costituzione Centro Servizi Sit 1 COMUNE DI BARLETTA promotori Il

Dettagli

I servizi geografici del portale Umbri@geo: esempi di applicazioni client

I servizi geografici del portale Umbri@geo: esempi di applicazioni client I servizi geografici del portale Umbri@geo: esempi di applicazioni client Autori: A. Brunozzi, A. Ciarapica Regione Umbria Direzione programmazione, innovazione e competitività dell Umbria, Servizio Informatico/Informativo:

Dettagli

Comune di Monza ProgettoSISCOTEL/CBM Online

Comune di Monza ProgettoSISCOTEL/CBM Online T T Comune di Monza ProgettoSISCOTEL/CBM Online Popolazione interessata / ambito territoriale coperto: Il progetto riguarda principalmente la popolazione dei comuni interessati al progetto: Monza e Cinisello.

Dettagli

Programma Enti Locali Innovazione di Sistema. Piano Esecutivo. Progetto FED-FIS CATASTO E FISCALITA

Programma Enti Locali Innovazione di Sistema. Piano Esecutivo. Progetto FED-FIS CATASTO E FISCALITA Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Piano Esecutivo Progetto FED-FIS CATASTO E FISCALITA Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante modelli di cooperazione

Dettagli

Piattaforma informatica per il booking online delle strutture ricettive. Allegato tecnico al Capitolato d'appalto

Piattaforma informatica per il booking online delle strutture ricettive. Allegato tecnico al Capitolato d'appalto Piattaforma informatica per il booking online delle strutture ricettive Allegato tecnico al Capitolato d'appalto 06 luglio 2009 Piattaforma informatica per il booking online delle strutture ricettive Specifiche

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo

I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo I servizi di accesso e di gestione dell informazione geografica della Regione Abruzzo Filippo DEL GUZZO (*), Valentina VALLERIANI (*), Alessandro CACCHIONE (*) (*) Regione Abruzzo, Struttura Speciale di

Dettagli

Comune di Cattolica provincia di Rimini Settore 4 Direzione del Sistema Informativo Comunale

Comune di Cattolica provincia di Rimini Settore 4 Direzione del Sistema Informativo Comunale Comune di Cattolica provincia di Rimini Settore 4 Direzione del Sistema Informativo Comunale Passaggio del software applicativo Tributi dalla piattaforma client/server SICRA alla piattaforma WEB SICR@WEB.

Dettagli

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL interoperabilità verso il Progetto IQuEL Ver. 1.0 Sommario 1. Contact Center Regionale Multicanale: Obiettivi di progetto... 3 2. Interoperabilità fra il Progetto Contact Center Regionale Multicanale e

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Prospetto Informativo on-line Standard tecnici del sistema informativo per l invio telematico del Prospetto Informativo Documento: UNIPI.StandardTecnici Revisione

Dettagli

Gestione delle richieste pervenute al Contact Center dell Agenzia

Gestione delle richieste pervenute al Contact Center dell Agenzia PROT. N 62926 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DC Cartografia, Catasto e Pubblicità Immobiliare, d'intesa con DC Organizzazione e stemi Informativi Gestione delle richieste pervenute al Contact Center dell Agenzia

Dettagli

Applicazione: Piattaforma unitaria per la gestione dei bandi

Applicazione: Piattaforma unitaria per la gestione dei bandi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Amministrazione/Contabile Applicazione: Piattaforma unitaria per la gestione dei bandi Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1

:: RNDT. repertorio nazionale dei dati territoriali. 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 :: RNDT repertorio nazionale dei dati territoriali 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 1 I dati territoriali della Pubblica Amministrazione 22 maggio 2007 FORUM PA 2007 2 Codice dell Amministrazione Digitale

Dettagli

24/09/13 Soluzioni di Riuso

24/09/13 Soluzioni di Riuso Soluzione RIUSO377 PEOPLE - Servizi alla Persona proposta da Comune di Firenze Tipologia di Amministrazione proponente: Comune Regione dell'amministrazione: Toscana Ambito/i amministrativo/i interessato/i:

Dettagli

Tributi diversi, un unico gestionale:

Tributi diversi, un unico gestionale: La Tares e il modello unico dei tributi Halley Tributi diversi, un unico gestionale: Tarsu, Tia e Tares Situazione completa del contribuente Passaggio da Tarsu a Tares ed eventuale gestione transitoria

Dettagli

COMUNE DI POTENZA (PZ) U.D. EDILIZIA E PIANIFICAZIONE

COMUNE DI POTENZA (PZ) U.D. EDILIZIA E PIANIFICAZIONE COMUNE DI POTENZA (PZ) U.D. EDILIZIA E PIANIFICAZIONE L INFORMATIZZAZIONE DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI IL MODELLO DI GESTIONE DEL TERRITORIO E LA DEMATERIALIZZAZIONE DEGLI ATTI PUBBLICI ATTRAVERSO LA

Dettagli

La Provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche

La Provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche La Provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche Regione Marche : 1.531.512 abitanti - 9.365 Kmq Province : Ancona : 466.789 ab. - 1.940 Kmq Pesaro-Urbino : 365.788 ab. - 2.564 Kmq Macerata : 316.214 ab. -

Dettagli

Ordinanza n. 72 del 4 novembre 2014

Ordinanza n. 72 del 4 novembre 2014 IL COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DEL DPCM DEL 25/8/2014 Ordinanza n. 72 del 4 novembre 2014 Proroga dell accordo tra la Regione Emilia-Romagna e la Regione Piemonte per la realizzazione e gestione delle

Dettagli

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE

SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE SPECIFICHE TECNICO-FUNZIONALI FORNITURA SOFTWARE APPLICATIVO PROTOCOLLO ATTI E RILEVAZIONE PRESENZE 1. IL SOFTWARE APPLICATIVO PROGETTOENTE 1.1 Linee guida generali: Un software aperto che Vi accompagna

Dettagli

Applicazione: TEMPlus Sistema Informativo a supporto delle procedure amministrative/contabili

Applicazione: TEMPlus Sistema Informativo a supporto delle procedure amministrative/contabili Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Amm_vo/Contabile Applicazione: TEMPlus Sistema Informativo a supporto delle procedure amministrative/contabili Amministrazione: Ministero dell'interno

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009

Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Luglio-Agosto 2009 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

Dettagli

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia Il 2006 ha registrato alcuni segnali positivi di ripresa, sia dell'economia italiana che dell Information

Dettagli

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I.

PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. PRESENTAZIONE SERVIZI P.M.I. Profilo La Società Hermes nasce nel 2010 per portare sul mercato le esperienze maturate da un team di specialisti e ricercatori informatici che hanno operato per anni come

Dettagli

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI.

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI. CARTA DEI SERVIZI La qualità del servizio nei confronti dell Utente e la soddisfazione per l utilizzo delle soluzioni sono obiettivi strategici per Sistemi. Le soluzioni software Sistemi, siano esse installate

Dettagli