Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto ELI-CAT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto ELI-CAT"

Transcript

1 Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto ELI-CAT Gennaio

2 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso delle soluzioni tecnologiche ed organizzative, conseguite con i progetti del Programma Elisa, individuando le best practices locali, favorendone la personalizzazione e il riuso in altre realtà del Paese. Si evidenzia che le informazioni contenute nel presente documento contemplano solo quelle disponibili al momento della redazione dello stesso (dicembre 2010). Nell ambito del progetto ELI-CAT sono state sviluppate le seguenti soluzioni: Anagrafe Comunale degli Immobili (ACI) Comune di Bologna pag. 3 Anagrafe Comunale dei Soggetti, Oggetti e Relazioni (ACSOR) e relativi servizi di bonifica e di orchestrazione Comune di Bologna pag. 20 Sportello Catastale Integrato e Portale del Contribuente Comune di Padova pag. 41 2

3 Progetto ELI-CAT Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante modelli di cooperazione applicativa Titolo della soluzione oggetto del riuso Anagrafe Comunale degli Immobili (ACI) SEZIONE 1 ANAGRAFICA DELLA SOLUZIONE OFFERTA AL RIUSO Nome dell Amministrazione proponente - Comune di Bologna Referente per l Amministrazione - Stefano Mineo, Dirigente Settore Sistemi Informativi e Telematici Tel , Nome della soluzione Anagrafe Comunale degli Immobili (ACI) Ambiti amministrativi interessati Urbanistica, Edilizia, Toponomastica, Sistemi Informativi Territoriali 3

4 Altre Amministrazioni che utilizzano o che hanno aderito al riuso della soluzione - Comune Modena - Comune Terni - Comune Genova - Comune Torino - Comune Pesaro - Comune Rovigo - Comune Ferrara - Comune Rimini - Comune Cesena - Comune Regio Emilia - Comune Ravenna - Comune La Spezia - Unione Terre d Argine (Carpi) - CST Pesaro - Urbino Tipologie di Amministrazioni che a parere dell Amministrazione cedente sono le più idonee a riutilizzare la soluzione Comuni medio grandi (oppure Unioni di Comuni e Comunità montante) Quali servizi vengono implementati con l uso della soluzione Nome: ACI Modulo di interoperabilità Destinazione: per l amministrazione Modulo di servizi che permettono di effettuare la ricerca, la validazione e la visura degli immobili. I servizi agiscono su tutti i tipi di immobili dell ACI: vie, civici, lotti, edifici, unità edilizie e unità funzionali. I servizi di ricerca reperiscono un insieme di immobili dello stesso tipo, a partire da informazioni caratteristiche che, indipendentemente dallo specifico contenuto della banca dati, non consentono l'identificazione univoca di una singola istanza d immobile. Per gli immobili reperiti sono restituiti sia informazioni di identificazione univoca, sia informazioni descrittive che consentono ad un eventuale operatore umano di distinguere un singolo immobile dall altro. I servizi di validazione verificano l esistenza di un immobile a partire da informazioni caratteristiche univoche. I servizi di visura reperiscono le informazioni di dettaglio di un immobile a partire dal suo identificativo univoco all interno della banca dati. 4

5 Nome: ACI Modulo di aggiornamento Destinazione: per l amministrazione Applicazione web che permette di registrare gli atti di variazione degli immobili. Gli atti possono riguardare gli immobili interessati dai procedimenti amministrativi della toponomastica, dell urbanistica e dell edilizia o anche da accertamenti d ufficio. Gli atti della toponomastica trattano vie e civici, gli atti dell urbanistica i lotti, gli atti dell edilizia edifici, unità edilizie e unità funzionali. Gli atti scaturenti da accertamenti d ufficio possono trattare tutti gli immobili. Sulla base dell atto l applicazione configura in maniera diversa la sua interfaccia sia in termini di oggetti che possono essere descritti sia in termini di azioni che possono essere svolte su di essi. L utente è quindi guidato nel compiere soltanto le attività previste dallo specifico atto su cui sta lavorando. Tutte le funzioni dell applicazione hanno una interfaccia grafica che include una mappa che permette di localizzare gli immobili sul territorio. La mappa è sia uno strumento di consultazione che di disegno. Infatti, per gli immobili dotati di geometria, come ad esempio gli edifici, sulla mappa è consentito sia svolgere un disegno di tipo speditivo sia importare un disegno tecnico sviluppato con altri editor. La ricerca degli immobili può avvenire sia per attributi sia mediante selezione geometrica. Nel primo caso possono essere imposti dei filtri sulle proprietà degli immobili (tipicamente gli identificativi toponomastici e catastali) nel secondo l interazione avviene direttamente sulla mappa disegnando la porzione di territorio su cui insistono gli immobili da estrarre. L applicazione si completa nel modulo SINCROACI che permette la sincronizzazione delle relazioni tra gli immobili e il catasto. Il modulo di aggiornamento viene rilasciato nelle seguenti versioni: Community Edition Enterprise Edition La Community Edition comprende la gestione degli atti di Correzione d ufficio e il modulo SINCROACI. Le correzioni d ufficio consentono di aggiornare la banca dati dell ACI inserendo manualmente i dati necessari. L Enterprise Edition estende la Community Edition includendo anche la gestione degli atti di variazione toponomastica, urbanistica ed edilizia oltre ad esporre i servizi di aggiornamento del database ACI. 5

6 Nome: Servizi di Aggiornamento Destinazione: per l amministrazione Modulo di servizi che permettono di aggiornare la banca dati dell ACI tramite atti di variazione. I servizi consentono di creare un nuovo atto, compilarlo e chiuderlo. Un atto non ancora chiuso può essere annullato con uno specifico servizio. I servizi di compilazione dell atto permettono di registrare tutte variazioni sugli immobili operate con quell atto. Per tutti gli immobili sono disponibili i servizi di carattere generale: istituzione, variazione e cessazione. Inoltre, per ogni immobile sono disponibili servizi specifici che dipendono dal suo tipo, come ad esempio: la ridenominazione per le vie, la rinumerazione per i civici, il frazionamento e l accorpamento per i lotti e le unità edilizie. I servizi realizzano i controlli applicativi che non possono essere espressi direttamente come vincoli sul banca dati, garantendo l integrità dei dati e il modello di conservazione stabilito. Nome: SINCROACI Destinazione: per l amministrazione Modulo che permette la sincronizzazione delle relazioni tra gli immobili dell ACI e gli oggetti catastali sulla base delle variazioni avvenute in catasto. Ad esempio, se un edificio ha una relazione con una particella e questa viene frazionata, la sincronizzazione cessa la relazione tra l edificio e la particella esistente e crea una o più nuove relazioni con le particelle risultanti dal frazionamento. L avvio dell attività di sincronizzazione è comandata dalla console del Modulo di Aggiornamento così come la consultazione del report delle attività svolte dalla sincronizzazione. E importante rilevare che la componente catastale dell ACI fa riferimento al cosiddetto DBTL, adottato nell ambito del progetto di e-government SIGMA TER (le cui soluzioni a riuso sono gestite dal Partenariato inter-regionale omonimo) e aggiornato in cooperazione applicativa con la Regione di riferimento tramite il componente SINCROACI. E ovviamente utilizzabile anche il servizio manuale erogato direttamente dalla Agenzia tramite il Portale dei Comuni. 6

7 Tipo di Amministrazioni a cui è destinato Il servizio è destinato a tutte quelle Amministrazioni interessate a gestire in maniera univoca e centralizzata la toponomastica e gli immobili presenti sull intero territorio di pertinenza. E opportuno evidenziare che l avvio in esercizio di questa soluzione richiede un forte impatto organizzativo e per potere dare forte rappresentatività dei dati gestiti l introduzione di un apposito regolamento di tenuta di questa nuova anagrafe. 7

8 SEZIONE 2 DESCRIZIONE TESTUALE DELLA SOLUZIONE LINK DELLA SOLUZIONE DESCRIZIONE SINTETICA DELLA SOLUZIONE L Anagrafe Comunale degli Immobili (ACI) è una anagrafe probante degli immobili presenti sul territorio amministrato dell ente locale. Per fare questo, la soluzione tecnologica qui presentata, atta alla gestione delle informazioni sugli immobili, permette la ricostruzione di tutti i cambiamenti che a vario titolo sono stati rilevati e/o autorizzati sul singolo immobile con profondità storica adeguata. La risposta al requisito di probatorietà amministrativa delle informazioni conservate in ACI sta nella certificazione del dato in quanto desunto da atti amministrativi codificati da norme e regolamenti vigenti. L Anagrafe Comunale degli Immobili può quindi essere definita come la raccolta sistematica delle informazioni certificate relative agli immobili del territorio comunale e dei loro identificativi comunali e catastali, e la loro messa in relazione. La informazioni contenute in ACI sono certificate dagli atti di legge da cui scaturiscono le variazioni degli immobili (i cosiddetti atti d origine ). Ad ogni modifica effettuata su un immobile, infatti, corrisponde un atto di variazione ACI, che trova la sua certificazione nell atto che ha dato il via alla modifica (ad esempio una DIA, o un Permesso di Costruire). Il modello dati gestito da ACI è coerente con la futura adozione del Modello Unico Digitale per l Edilizia (MUDE) per la definizione del quale sta operando una commissione che opera al fine di garantire la trasferibilità delle informazioni ivi contenute nei processi amministrativi collegati, con particolare riferimento agli adempimenti catastali, ai processi autorizzativi edilizi e all'aggiornamento delle anagrafi territoriali comunali (art. 3 comma 1 del DPCM 6 maggio 2008). 8

9 Utilizzi e applicazioni Atti della toponomastica: aggiornamento dell ACI con gli effetti prodotti dagli atti di variazione toponomastica. Atti dell urbanistica: aggiornamento dell ACI con gli effetti prodotti dagli atti di variazione urbanistica. Atti dell edilizia: aggiornamento dell ACI con gli effetti prodotti dagli atti derivanti da titolo edilizio. Atti di correzione d ufficio: registrazione degli atti scaturenti da accertamenti svolti dall ufficio ACI. Ricerca atti: ricerca e consultazione degli atti di variazione, navigazione sugli immobili e le relazioni interessati dall atto. Ricerca oggetti: ricerca e consultazione degli immobili sia nel loro stato attuale sia nelle versioni storiche, visualizzazione sulla mappa, navigazione delle relazioni tra immobili. Sincronizzazione catastale: allineamento delle relazione degli immobili comunali alle mutazioni avvenute in catasto. 9

10 SEZIONE 3 ASPETTI LEGATI ALL USO DELLA SOLUZIONE DATA DI AVVIO IN ESERCIZIO DELLA SOLUZIONE 20 settembre 2010 N. DI ADDETTI OPERANTI CON LA SOLUZIONE In condizioni di lavoro ottimali la soluzione potrebbe non avere nessun operatore tranne il responsabile della banca dati (il cosiddetto ufficiale ACI ) in quanto le informazioni possono essere inserite tramite i servizi erogati dal Modulo di interoperabilità, invocabili direttamente dai gestionali verticali (autorizzazioni edilizie, toponomastica / SIT). BREVE DESCRIZIONE DEL CONTESTO ORGANIZZATIVO IN CUI LA SOLUZIONE E STATA ADOTTATA (ASSEGNAZIONE DI RUOLI E FUNZIONI) ACI è uno strumento che ambisce ad accentrare in maniera probante le informazioni relative alla trasformazione del territorio, quindi tutti gli operatori dei servizi che con il territorio hanno a che fare sono gli utenti della soluzione. La gestione dei dati contenuti in ACI si espleta nell aggiornamento e nella messa in relazione tra gli identificativi comunali e catastali degli immobili e nella gestione delle informazioni caratterizzanti questi immobili. L aggiornamento di ACI consiste nella creazione di un atto di variazione ACI ogni qualvolta ci troviamo di fronte ad un provvedimento che autorizzi ad una variazione di uno degli oggetti trattati dalla banca dati. Ed ogni provvedimento autorizzativo (il cosiddetto atto d origine o atto di legge ) in genere prenderà origine in un certo momento all interno di uno specifico procedimento autorizzativo. Producendo questo strumento una nuova tipologia di atto amministrativo, sarà necessario istituire una nuova figura, quella dell Ufficiale ACI la quale avrà il compito di tutela alla conservazione del dato ed eventualmente la verifica degli atti d origine afferenti in ACI. Nel caso specifico del Comune di Bologna, l'istituzione di un'unità Operativa ACI è avvenuta attraverso il processo di riorganizzazione dell'amministrazione comunale supportata dalla (prossima) approvazione di un nuovo regolamento 10

11 toponomastico in cui è prevista la gestione di ACI mediante una struttura tecnica del SIT. Il regolamento toponomastico definisce inoltre i principali passi del processo di formazione e aggiornamento dell'aci. le persone complessivamente coinvolte nel processo di aggiornamento allo stato attuale risultano essere: Unità Operativa ACI - 10 utenti di cui 1 Responsabile e o Servizio topografico - 5 utenti o Servizio Toponomastica - 4 utenti Sistema Informativo Territoriale - 19 utenti di cui 1 Dirigente o U.I. Sistemi Informativi Territoriali 18 utenti Autorizzazioni Edilizie 69 utenti di cui 1 Dirigente o U.I. Sportello Unico per l'edilizia - 68 utenti Altri settori servizi coinvolti (anche indirettamente) con ACI 15 utenti o U.I. Interventi Urbanistici - 1 dirigente e 14 tecnici È da notare che tra le soluzioni organizzative possibili vi è anche quella che non prevede alcun intervento di personale nell ufficio ACI ma la semplice cooperazione applicativa di ACI con i gestionali verticali dei singoli settori / servizi coinvolti. N. DI GIORNATE E TIPOLOGIA DI FORMAZIONE 6 La gran parte delle giornate erogate presso il Comune di Bologna (5) sono state impiegate per la formazione di operatori avanzati all uso delle API del client cartografico open source Openlayers e la sua estensione specifica per ACI Mapwork, attraverso i quali è possibile sviluppare (in codice javascript) servizi di e-government a valore aggiunto che includano dati provenienti da ACI. Nel complesso del progetto ELI-CAT le giornate di attività formativa sono state complessivamente 20. Inoltre, al fianco della attività formativa de visu, il Comune di Terni responsabile della formazione per i progetti integrati ELI-CAT ed ELI-FIS, ha approntato una piattaforma di e-learning che contiene tutto il materiale sviluppato per i corsi e le videoregistrazioni di una lezione per ogni tipologia. N. DI GIORNATE PER MANUTENZIONE EVOLUTIVA ACI è una soluzione innovativa in costante evoluzione e pertanto non è valutabile il numero delle giornate di manutenzione. 11

12 FORMAZIONE SPECIFICA EROGATA La soluzione necessita di formazione specifica. ESISTE UN MANUALE D USO DELLA SOLUZIONE PER GLI ADDETTI? Sì. DISPONIBILITA DI PERSONALE DELL ENTE A FORNIRE ASSISTENZA Sì per un totale di 1 giornata Verrà costituita una Comunità di pratica che si occuperà di fornire l assistenza necessaria a chi volesse fare sua questa soluzione; il Comune di Bologna può svolgere (d'intesa con gli altri enti di progetto), delle azioni di divulgazione e presentazione degli strumenti disponibili, atte a comprendere i benefici ma anche le implicazioni tecniche ed organizzative derivanti dalla introduzione di tale soluzione. LA SOLUZIONE E DI COMPLETA PROPRIETA DELL AMMINISTRAZIONE CEDENTE? No. Componente: Modulo di Interoperabilità Proprietà: Comune di Bologna Componente: Modulo di aggiornamento Community Edition Proprietà: Comune di Bologna Componente: Modulo di Aggiornamento Enterprise Edition Proprietà: Sinergis s.r.l. 12

13 SEZIONE 4 ASPETTI DI COSTO DELLA SOLUZIONE SOSTENUTI DALL AMMINISTRAZIONE COSTI ESTERNI (FORNITORI + CONSULENZA) PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE ,00 Tale costo comprende anche il rilascio in proprietà della Pubblica Amministrazione della versione Community Edition del Modulo di Aggiornamento (detto anche VESTA). Nel caso il riusatore intenda adottare la versione Enterprise Edition di tale modulo, ancora di proprietà della ditta, dovrà sostenere il costo della licenza d uso calcolata sulla base della dimensione dell ente. Costi esterni per la manutenzione della soluzione ,00 I costi di manutenzione dipendono dalla presenza di un centro servizi regionale o dalla installazione in loco della soluzione. Esistono molte variabili che compongono il costo e, per tale ragione, si rimanda ad una progettazione di dettaglio calata sulla singola realtà riusatrice, una valutazione di merito di tali costi. La stazione appaltante Comune di Bologna stima di sostenere un costo pari a circa euro all anno per la manutenzione correttiva/adeguativa della soluzione. Per l attività di manutenzione evolutiva non sono ancora disponibili previsioni di spesa. COSTI INTERNI PER LA REALIZZAZIONE DELLA SOLUZIONE I costi interni per la realizzazione della soluzione sono quelli del personale coinvolto nella fase dello sviluppo e nella fase di messa in esercizio. Tali costi si articolano essenzialmente in due tipologie: costi del personale esperto in materia di edilizia-urbanistica, toponomastica e catasto che ha partecipato alla progettazione della soluzione ed è stata coinvolta nel processo di validazione finale; costi del personale tecnico ed informatico che ha validato gli aspetti architetturali, dimensionali e prestazionali della soluzione costi di gestione del progetto Tali costi sono già stati sostenuti dalle amministrazioni che hanno condotto il progetto (la cui contabilizzazione non è immediatamente disponibile) e dunque il 13

14 riusatore dovrà solo sostenere i costi di formazione del personale all'uso dei sistemi e di gestione del cambiamento organizzativo. Costi interni per la manutenzione della soluzione Tali costi dipendono dalla configurazione del sistema. Nel caso di configurazione con centro servizi, rientrano nel costo di manutenzione già assicurato dal soggetto incaricato della gestione associata. Nel caso di configurazione presso il proprio ente, con personale dedicato, vi sono costi rientranti nell'installazione, presidio sistemistico e periodico aggiornamento delle patch. 14

15 SEZIONE 5 BENEFICI OTTENUTI DALL USO DELLA SOLUZIONE Benefici in termini di riduzione di costi conseguiti dall Amministrazione Benefici non quantificabili. Benefici in termini di miglioramento del servizio reso a cittadini e imprese conseguiti dall Amministrazione ACI si pone come banca dati unica di informazioni di base come la toponomastica. Grazie quindi alla univocità del dato, sarà possibile erogare dei webservices di supporto alla compilazione dei dati toponomastici e catastali evitando così di chiedere più volte la stessa informazione agli utenti. Inoltre, grazie alla possibilità di interrogare ACI anche per edifici (visti come aggregazioni di unità immobiliari) sarà possibile ricostruirne lo stato di legittimazione sgravando il professionista della ricostruzione di queste informazioni tramite la lettura dell intero faldone delle autorizzazioni edilizie. Benefici derivanti all amministrazione dall elaborazione dei dati che la soluzione utilizzata o genera, al fine di orientare in modo più efficace l azione amministrativa La centralizzazione dei dati toponomastici e catastali permetterà una uniformazione di numerosi applicativi verticali della amministrazione oltre che azioni di bonifica delle banche dati esistenti. Elementi di semplificazione della procedura tradizionale introdotti dalla soluzione In maniera del tutto simile ai benefici ai cittadini, la presenza di una anagrafe centralizzata della toponomastica e dei dati catastali permetterà una più semplice ricostruzione degli atti legittimanti (il cosiddetto stato legittimato di un immobile) di una porzione o addirittura un intero edificio, con grande semplificazione della attività istruttoria edilizia. Altri benefici derivanti dall utilizzo della soluzione non ricompresi nelle tipologie prima indicate Nessuno. 15

16 SEZIONE 6 ASPETTI LEGATI ALLE TECNOLOGIE UTILIZZATE Caratteristiche della soluzione tecnologica La soluzione descritta nei capitoli precedenti può essere ben rappresentata nei suoi aspetti tecnologici fondamentali tramite il diagramma seguente operatore ACI Modulo di Aggiornamento --> SINAPSI applicazione 1 --> Interfaccia utente applicazione X openlayers --> Geoserver > Servizi di Aggiornamento > Modulo di Interoperabilità > SincroACI Le componenti del sopramenzionato schema sono le seguenti ACI/DBTL: sono le banche dati accedute dalla soluzione. Openlayers, SINAPSI e Geoserver: sono le componenti software open source utilizzate dalla soluzione per lo sviluppo dei servizi di autenticazione & autorizzazione (SINAPSI) e di tipo cartografico (Geoserver lato server e Openlayers lato client). Operatori della soluzione: possono essere sia degli utenti umani (Operatore ACI che opera attraverso l interfaccia web) che non umani (es. applicazioni verticali esterne). Componenti software specifiche della soluzione: o Modulo di aggiornamento impiegato per la gestione dei dati da parte dell utente umano attraverso la inclusa interfaccia web o da utenti non umani (es. applicazioni verticali) attraverso chiamate http/soap o Interfaccia utente (web) interfaccia verso gli utenti umani dell ufficio ACI o Servizi di aggiornamento e modulo di interoperabilità servizi web di gestione dei dati impiegati dal modulo di interoperabilità o SincroACI servizio di allineamento dei dati catastali 16

17 Nella schematizzazione non sono state riportati eventuali software necessari alla messa in esercizio dell applicazione, come ad esempio Server DBMS o Application Server: questi sono indicati nella sezione seguente sottoforma di prerequisiti software. Ulteriori aspetti tecnici salienti che caratterizzano l applicazione non presenti nel diagramma possono essere riassunti nei punti seguenti: Modalità di consultazione della soluzione. La soluzione può essere consultata previa autenticazione da personale dell Ente per inserire manualmente Atti ACI semplicemente tramite browser web. In aggiunta è possibile per applicazioni esterne alla soluzione consumare appositi Web Services di aggiornamento al fine di automatizzare l inserimento degli Atti o di parte di essi. Manipolazione cartografica dei dati. Le funzionalità di navigazione e modifica dei dati cartografici gestiti dalla soluzione sono integrate all interno dell interfaccia web dell applicazione tramite l uso delle librerie open source in tecnologia javascript OpenLayers. Il software prodotto fa inoltre uso dell applicazione Gesoerver, che fornisce servizi di WMS, WFS e WCS in modalità OGC compliant. Autenticazione e profilazione degli utenti. Tramite l interazione con il software Sinapsi la soluzione effettua il controllo degli accessi e differenzia l interazione uomo-macchina sulla base del profilo utente. Prerequisiti di natura tecnica (hw e sw di base) per il funzionamento della soluzione Modulo di Interoperabilità, Servizi di Aggiornamento e SincroACI Data Tier o Sistema operativo: Windows/Linux o RDBMS: Oracle 9i /10g con funzionalità Locator Application Tier o Sistema operativo: Windows/Linux o Application server: JBoss 4.2.3GA o Web server: Apache 2 o Altri componenti: JRE 1.6, Hibernate 3.2.6GA, Jaxb Modulo di Aggiornamento Data Tier (usato solo per la configurazione del sistema) vedi sopra Application Tier o Sistema operativo: Windows/Linux o Application server: Tomcat o Web server: Apache 2 17

18 o Altri componenti: Modulo di Interoperabilità, SincroACI, Servizi di Aggiornamento, Geoserver, Sinapsi. Partners coinvolti nella realizzazione della soluzione Tutti gli Enti del Partenariato ELI-CAT, coordinato dal Comune di Bologna, sono stati coinvolti nelle diverse fasi sopra elencate La ditta SINERGIS ha realizzato la soluzione e ha quindi: partecipato all analisi di dettaglio (insieme agli Enti) realizzato il codice sw della soluzione effettuato i test (insieme agli Enti) Quanto tempo è durato il progetto (mesi) 24 Il progetto ELI-CAT è stato formalmente iniziato il 20 aprile del 2008 e si è concluso dopo 24 mesi il 20 aprile Successivamente è stata concessa una proroga tecnica fino al 20 settembre 2010 per il completamento del dispiegamento presso gli enti partner Quali sono i volumi di servizio che la soluzione gestisce La soluzione si basa su una architettura three-tier e adotta tecnologie scalabili (ad esempio Oracle e Jboss), per cui è predisposta per gestire volumi di servizio crescenti nel tempo. La soluzione è integrata con altre applicazioni dell amministrazione La soluzione è struttura in moduli di servizi che possono essere integrati con le applicazioni dell'amministrazione che gestiscono le variazioni degli oggetti dell'aci. Inoltre, ACI è integrata in maniera nativa con ACSOR (Anagrafe Comunale dei Soggetti, Oggetti e Relazioni) per fornire a questa la componente catastale degli oggetti trattati a scopi fiscali. 18

19 SEZIONE 7 ALTRI ASPETTI VINCOLANTI Esigenza di specifici modelli organizzativi Per il funzionamento del servizio è auspicabile (anche se non strettamente necessaria) la presenza di una struttura di presidio (Ufficio ACI) in grado di verificare gli atti d origine dai quali discendono le trasformazioni del territorio. È invece fortemente opportuna la adozione di un regolamento della toponomastica che preveda la istituzione di un responsabile (Ufficiale ACI) od opportune modalità operative a cui fare riferimento per dirimere eventuali incongruenze all interno degli atti d origine di cui al punto precedente. Necessità di accordi con Enti terzi Risulta necessaria una convenzione con l Agenzia del Territorio (e/o con la Regione, dipende dall esistenza o meno di accordi fra i Comuni e la Regione) per potere effettuare il popolamento-aggiornamento del DBTL (dati catastali) tramite cooperazione applicativa con l ente cartografico di riferimento (Regione) tramite il componente SINCROACI. Nel caso di utilizzo del servizio erogato direttamente dalla Agenzia tramite il Portale dei Comuni è comunque necessaria una convenzione con l Agenzia, anche se di altro tipo. Dipendenza da normative regionali Non ci sono normative regionali vincolanti. 19

20 Progetto ELI-CAT Gestione digitale integrata dei servizi locali in materia fiscale e catastale mediante modelli di cooperazione applicativa Titolo del servizio o della soluzione oggetto del riuso Anagrafe Comunale dei Soggetti, Oggetti e Relazioni (ACSOR) e relativi servizi di bonifica e di orchestrazione SEZIONE 1 ANAGRAFICA DELLA SOLUZIONE OFFERTA AL RIUSO Nome dell Amministrazione proponente: - Comune di Bologna Referente per l Amministrazione - Stefano Mineo, Dirigente Settore Sistemi Informativi e Telematici Tel , Nome della soluzione Anagrafe Comunale dei Soggetti, Oggetti e Relazioni (ACSOR) e relativi servizi di bonifica e di orchestrazione Ambiti amministrativi interessati Settore Entrate (ICI, TARSU) 20

21 Altre Amministrazioni che utilizzano o che hanno aderito al riuso della soluzione - Comune Fabbriche di Vallico - Comune Genova - Comune Ancona - Comune Prato - Comune Torino - Comune Padova - Comune Rovigo - Comune Abbadia San Salvatore - Comune Monsummano Terme - Comune Ferrara - Comune Rimini - Comune Cesena - Comune Regio Emilia - Comune Ravenna - Comune La Spezia - CM Media Valle del Serchio (Barga) - Unione Terre d Argine (Carpi) - SIR Umbria (Orvieto-Spoleto) Tipologie di Amministrazioni che a parere dell Amministrazione cedente sono le più idonee a riutilizzare la soluzione Comuni medio grandi oppure Unioni di Comuni e Comunità montane Quali servizi vengono implementati con l uso della soluzione Nome: ACSOR Modulo Base. Destinazione: per l amministrazione. E la banca dati ottenuta integrando attraverso processi di riscontro, normalizzazione e data-cleaning dei dati provenienti da differenti fonti operazionali (Anagrafe, Registro imprese, Sistema Tributi, Catasto, ecc..). Dispone di una applicazione web per la consultazione dei dati. Nome: ACSOR Modulo Estensione Destinazione: per l amministrazione Estende l ACSOR integrando ulteriori fonti operazionali (Atti Notarili, Licenze Commerciali, Dichiarazioni dei redditi, ecc ). Dispone di una applicazione web per la consultazione dei dati sia sulla componente base che estesa. 21

22 Nome: Modulo di Bonifica e Normalizzazione delle banche dati catastali e tributarie Destinazione: per l amministrazione I moduli di bonifica, adoperando le attività di data-cleaning ed integration proprie di ACSOR, concorrono alla individuazione di errori, formali o sostanziali, nelle banche dati dei satelliti Tributi e Catasto, ne guidano il processo di correzione ed inviano apposite notifiche verso i sistemi esterni al fine di correggere tali errori direttamente alla fonte. Nome: Modulo di Analisi dei Classamenti Destinazione: per l amministrazione È un modulo che utilizzando le logiche di individuazione dei Moduli di Bonifica, effettua da un lato le verifiche di congruità e coerenza fra stato di fatto dell unità immobiliare e quanto effettivamente accatastato, utili ad individuare situazioni da rivedere sotto il profilo del classamento, dall altro fornisce strumenti per il trattamento delle posizioni e l invio delle stesse rettificate all Agenzia del Territorio mediante i protocolli preposti. Nome: Orchestratore Locale Destinazione: per l amministrazione L'Orchestratore Locale rappresenta il componente architetturale preposto ad offrire le funzionalità di cooperazione necessarie a consentire: 1. il disaccoppiamento tra i sistemi coinvolti; 2. la cooperazione e lo scambio di informazioni tra i suddetti sistemi; 3. la composizione di servizi di business complessi, basati sull'orchestrazione di servizi semplici messi a disposizione dai suddetti sistemi. Tipo di Amministrazioni a cui è destinato Il servizio è destinato a tutte quelle Amministrazioni interessate a contrastare efficacemente l evasione e l elusione fiscale. E opportuno evidenziare che l avvio in esercizio di questa soluzione richiede la messa a disposizione di informazioni provenienti da diversi applicativi verticali (anche detti sorgenti ) al fine di potere operare le necessarie bonifiche di dati. 22

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto FED-FIS

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto FED-FIS Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto FED-FIS Aprile 2012 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

CATASTO EDILIZIO URBANO

CATASTO EDILIZIO URBANO CATASTO, CARTOGRAFIA ED EDILIZIA collana a cura di Antonio Iovine catasto edilizio urbano AI5 MARIO IOVINE NICOLA CINO CATASTO EDILIZIO URBANO GUIDA PRATICA N.3 ESEMPI DI DICHIARAZIONI DI VARIAZIONI DI

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni,

Oppure passaggio all Urbano di un fabbricato rurale senza subalterni, Schede esemplificative delle Tipologie di atti di aggiornamento attualmente trattate dalla procedura Pregeo 10 APAG Nella Tabella seguente sono riportate sinteticamente le tipologie di atti di aggiornamento

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale

DataFix. La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale DataFix D A T A N O S T O P La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale La soluzione innovativa per l'help Desk aziendale L a necessità di fornire un adeguato supporto agli utenti di sistemi informatici

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa

Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa Guida all utilizzo del Portaltermico per i privati che installano un sistema di riscaldamento a biomassa (intervento 2.B - art. 4, comma 2, lettera b) D.M. 28 dicembre 2012 Agosto 2013 AIEL Annalisa Paniz

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Software di gestione delle partecipate per l ente l

Software di gestione delle partecipate per l ente l Software di gestione delle partecipate per l ente l locale Obiettivo Governance Le necessità di governo del sistema delle partecipate comportano l esigenza di dotarsi di un software adeguato, che permetta

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140

DigitPA LINEE GUIDA. Centro di competenza del riuso. DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 140 LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO ED IL RIUSO DI PROGRAMMI INFORMATICI O PARTI DI ESSI PUBBLICATI NELLA BANCA DATI DEI PROGRAMMI INFORMATICI RIUTILIZZABILI DI DIGITPA DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE. COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA I.C.I. art. 16 bis del regolamento comunale ICI

ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE. COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA I.C.I. art. 16 bis del regolamento comunale ICI ATTRIBUZIONE/AGGIORNAMENTO CLASSAMENTO CATASTALE COMUNICAZIONE ADESIONE DEFINIZIONE AGEVOLATA ICI art 16 bis del regolamento comunale ICI Il sottoscritto Nato a il CF Residente a in via tel con riferimento

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT

Manuale CIG Vers. 2012-09 IT Informationssystem für Öffentliche Verträge Manuale CIG Vers. 2012-09 IT AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE PROVINZIA AUTONOMA DE BULSAN - SÜDTIROL Informationssystem

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli