UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA Tesi di Laurea in Applicazioni Telematiche Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto Relatori: Candidato: Prof. Massimiliano De Magistris Michele Pesce Prof. Simon Pietro Romano matr. 885/193 Correlatori: Ing. Massimo Nicolazzo Ing. Massimo Attanasio Anno Accademico 2009/2010

2 Ad Eleonora e Flavia

3 Ringraziamenti: alle mie figlie Eleonora e Flavia, le mie muse ispiratrici. La loro esistenza è il sostegno di tutte le mie fatiche. a mia madre ed ai miei fratelli lontani geograficamente, sempre e comunque presenti al mio caro amico Rocco (che io chiamo Rock, in assonanza con le mie preferenze musicali)con cui ho avuto il piacere di condividere lunghe ore di studio, sudore, e stress, ma anche tanta soddisfazione per i risultati conseguiti nelle tappe più impegnative. a Davide, per la sua amicizia e la preziosa consulenza offertomi in quest ultima mia fatica a Sergio, Mauro, Nella, Patrizia e MariaFrancesca per la loro amicizia e disponibilità sempre presenti nei momenti più difficili ai docenti relatori Massimiliano e SimonPietro per la disponibilità e cordialità. all amica Alessandra De Benedictis, per la sua generosità d animo a Massimo Attanasio per il supporto e la collaborazione all amico Massimo Nicolazzo, già complice di allegre e goliardiche scorribande festaiole, per il suo fondamentale supporto da correlatore a chi in famiglia ha posto veti ed ostacoli al raggiungimento di questo traguardo, mi ha semplicemente offerto stimoli ulteriori a proseguire fino in fondo

4 INDICE Introduzione 1 Capitolo 1 ESPERIMENTI DI LABORATORIO E CONTROLLO REMOTO LabVIEW ed i Virtual Instruments LabVIEW ed il modello di comunicazione nativo Limiti e vincoli del pannello remoto Approcci tecnologici Piattaforma di Virtual Learning Sistemi multicanale Fat clients e web services Oltre Labview: lo studio di un modello indipendente da sistemi proprietari 20 Capitolo 2 SOLUZIONI ICT PER IL CONTROLLO TELEMATICO 2.1 Il web Ajax ed http Java Servlet e Apache Tomcat Comet e Server-Push Virtual Network Computing Le macchine virtuali Concetti Generali Virtual Box 40 Capitolo 3 UN APPLICAZIONE PER LA REMOTIZZAZIONE DEL LABORATORIO 3.1 Il processo di sviluppo e l ingegneria del software Il dominio del problema: acquisizione ed analisi dei requisiti Modellazione UML Il dominio della soluzione: progetto del sistema Il proxy-dispatcher ed il modello architetturale Il protocollo WQH Esempio di interazione 69

5 3.4 Implementazione Sviluppo client Sviluppo server Algoritmo e strutture dati Testing e debugging Deployment e rilascio finale Configurazione di Apache Tomcat Esempio di utilizzo Tracciamento del protocollo nei logs Architettura Hardware 98 CONCLUSIONI E SVILUPPI FUTURI 101 APPENDICE- Il problema dell URL nascosto 104 DIZIONARIO DEGLI ACRONIMI 106 BIBLIOGRAFIA 107

6 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 1 Introduzione Il termine teledidattica (e-learning) afferisce all insieme di tutte le soluzioni tecnologiche che consentono ad un fruitore di saperi di poter accedere a delle informazioni che risiedono in una sede diversa dal luogo in cui la richiesta è stata generata. Questa definizione, ancorché di carattere molto generale, vuole porre l attenzione sul fatto che il richiedente non è un utente qualsiasi ma un fruitore di saperi cioè un particolare portatore di interessi molto speciale ed esigente, con bagaglio culturale specifico, nonché attento alla qualità della informazione che gli viene proposta, tanto nel merito quanto nel metodo. In particolare il metodo, è fondamentale e dirimente per l erogatore di saperi, qualsiasi sia la modalità di fruizione delle informazioni, ma con l insegnamento a distanza l approccio metodologico è un aspetto molto critico, ed il supporto adeguato di opportune tecnologie è un sostegno da cui non si può prescindere. Dall avvento delle moderne tecnologie basate sul Web ad oggi, la teledidattica è un soggetto molto studiato nella ricerca accademica, ed utilizzato da svariati enti, imprese, ed istituzioni sia nel settore pubblico che privato. Nel contesto storico sociale attuale, grazie alle moderne tecnologie telematiche, la mobilità fisica è spesso sostituita dalla mobilità virtuale dove ciò che si muove sono le idee, le informazioni ed i saperi. In questi ultimi tre lustri, vi sono state innumerevoli esperienze di insegnamento a distanza, non tutte però caratterizzate da eguale efficacia e successo. Tra quelle, che a parere dello scrivente, meritano menzione vi è il progenitore delle attuali, più discutibili, università telematiche ossia il Consorzio Nettuno[1] i cui corsi tele- impartiti sono un esempio di teledidattica dove, anche se il media tecnologico era la classica televisione, lo studente ha avuto l opportunità di seguire lezioni tenute da autorevolissimi docenti, semplicemente azionando un telecomando di un televisore o videoregistratore. Oggi le esigenze e le proposte sono più sofisticate e pertanto si richiedono tecnologie ancora più avanzate; la pubblicazione a distanza di esperimenti di laboratorio piuttosto che di esami di telemedicina hanno bisogno di un supporto tecnologico più adatto a consentire accessi interattivi, rispetto alla tradizionale pubblicazione unidirezionale di contenuti come una video lezione. Il supporto al web nelle sue emanazioni più avanzate è un requisito irrinunciabile per la realizzazione di sistemi tele-didattici interattivi e virtuali. In realtà è proprio l innovazione

7 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 2 tecnologica che stimola gli addetti del settore ad inventare e proporre soluzioni che modificano o stravolgono le nostre abitudini, nel senso culturale del termine. Nel mare-magnum delle tecnologie telematiche e del web in particolare, l operatore tecnologico chiamato a studiare una soluzione di problema che richiede l uso dell ICT, ha l arduo compito di scegliere, fra le varie opzioni presenti, quelle più avanzate ma allo stesso tempo tecnologicamente mature, le deve assemblare e realizzare un sistema customizzato, la figura del tecnologo è quella di un ingegnere/architetto software che mira a realizzare un manufatto efficace, efficiente e soprattutto non affetto da obsolescenza; quest ultimo requisito impatta sull efficacia e l efficienza; la velocità con cui la tecnologia avanza rende il compito nient affatto facile. La diffusione di massa delle reti di telecomunicazioni [4] e la crescente disponibilità di banda, hanno, inoltre, aperto nuovi scenari alla didattica sperimentale. Oggi anche dipartimenti universitari e/o industriali che utilizzano congiuntamente apparecchiature sofisticate, e prodotti software finalizzati alla progettazione di esperimenti complessi nell ambito dei circuiti elettronici, realizzano laboratori la cui fruizione non può essere relegata esclusivamente nel luogo in cui essi risiedono. Il dipartimento di Ingegneria elettrica, sfruttando l hardware prototipale realizzato per la didattica, ha predisposto un vero laboratorio remoto per la sperimentazione sui circuiti: un sistema hardware e software che consente agli utenti di interagire, attraverso la rete internet, con processi fisici dislocati in altri posti, permettendo così la fruizione di veri esperimenti da luoghi diversi dal laboratorio. L architettura del sistema appare come illustrato nella seguente figura: Struttura del laboratorio remoto Tanto premesso per introdurre lo scopo del presente lavoro: Applicazione web per la remotizzazione di un laboratorio basata su code.. I requisiti cui deve soddisfare l applicazione, in relazione alla figura 1.1, prevede di inserire fra il client(utente + interfaccia web) ed il server un componente che disciplini gli accessi agli esperimenti, e che consenta la fruizione contemporanea di istanze di esperimenti diversi. Le tecnologie web che sono alla base della soluzione sono abbastanza

8 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 3 avanzate ed il loro assemblaggio richiede che vengano applicati i paradigmi dell ingegneria del software nelle varie angolazioni, e si operi l enucleazione di due macro-problemi: Il proxing e dipatching delle richieste del client. La creazione di istanze virtualizzate dell applicazione server. L elaborato si sostanzia in tre capitoli: il primo tratta LabView (Laboratory Virtual Instrumentation Engineering Workbench) il principale software proprietario prodotto dalla National instruments, un ambiente di sviluppo integrato su cui ci si soffermerà in relazione alle potenzialità di controllo remoto. Tale software è il principale (ma non l unico)strumento utilizzato per gli esperimenti elettronici in ambito accademico, ed è il riferimento più importante in quanto, nel contesto del laboratorio di cui vogliamo remotizzare gli esperimenti, è il principale erogatore di contenuti da fruire a distanza; il secondo capitolo descrive in modo panoramico quelle che sono le tecnologie IT maggiormente utilizzate in ambito telematico e che costituiscono le soluzioni tecniche dell applicazione; il terzo capitolo è il progetto vero e proprio, elaborato secondo i paradigmi del Software Engineering in cui si usano le tecnologie descritte nel capitolo precedente. Le conclusioni e gli sviluppi futuri indicano una possibile soluzione che fa uso del modello Comet/Server-Push.

9 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 4 CAPITOLO 1 Esperimenti di laboratorio e controllo remoto Il presente lavoro ha l obbiettivo di consentire la fruizione remota degli esperimenti didattici nell ambito del laboratorio di Ingegneria Elettrica dell Università Federico II di Napoli. Anche se non vi è alcun vincolo ad utilizzare uno specifico software in grado di erogare esperimenti di Laboratorio elettrico ed elettronico ( ad Esempio MatLab) la scelta di dedicare ampio spazio a LabVIEW deriva dal fatto che esso è uno strumento software molto diffuso, studiato da un ampia comunità, sia in ambito industriale che accademico. Ormai è uno standard de Facto, e grazie alle sue caratteristiche avanzate, LabVIEW può essere un componente integrabile in sistemi software più sofisticati. 1.1 LabVIEW ed i Virtual Instruments LabVIEW [2] è l'ambiente di sviluppo integrato per il linguaggio di programmazione visuale di National Instruments. Tale linguaggio grafico viene chiamato Linguaggio G. Originalmente realizzato per Apple Macintosh nel 1986, LabVIEW viene utilizzato principalmente per acquisizione e analisi dati, controllo di processi, generazione di rapporti, o più generalmente per tutto ciò che concerne l'automazione industriale su diverse piattaforme come Windows, Linux, Mac OS, e controllori National Instruments. Il linguaggio di programmazione usato in LabVIEW si distingue dai linguaggi tradizionali perché grafico, e per questa ragione battezzato G-Language (Graphic Language). Un programma o sottoprogramma G, denominato VI (Virtual Instrument), non esiste sotto forma di testo, ma può essere salvato solo come un file binario, visualizzabile e compilabile solo da LabVIEW. La definizione di strutture dati ed algoritmi avviene con icone e altri oggetti grafici, ognuno dei quali incapsula funzioni diverse; tali oggetti sono uniti da linee di collegamento (wire), in modo da formare una sorta di diagramma di flusso. Tale linguaggio viene definito dataflow (flusso di dati) in quanto la sequenza di esecuzione è definita e rappresentata dal flusso dei dati stessi attraverso i fili monodirezionali che collegano i blocchi funzionali. Poiché i dati possono anche scorrere in parallelo attraverso blocchi e fili non consecutivi, il linguaggio realizza spontaneamente il multithreading senza bisogno di esplicita gestione da parte del programmatore.

10 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 5 La semplicità di programmazione (abbastanza intuitiva in quanto modellata su un diagramma di flusso), la semplicità di utilizzo (l'utente finale dispone di uno strumento virtuale disegnato sullo schermo del computer) e la grande versatilità, hanno reso LabVIEW molto impiegato e diffuso nell'ambito dell'acquisizione dei dati e nel loro controllo nei processi industriali, nonché nel campo della ricerca scientifica (tramite LabVIEW sono gestiti i sistemi DAQ degli acceleratori di particelle).è determinante anche la velocità di realizzazione del software, che si limita spesso al semplice collegamento di blocchi già pronti, grazie alla vasta libreria di funzioni predefinite e driver per la gestione dell'hardware. LabVIEW è completamente integrato per la comunicazione con l'hardware di tipo GPIB (488.2), VXI, PXI, RS-232, RS-485 e dispositivi DAQ plug-in. I programmi LabVIEW sono pienamente compatibili con tutti i modelli dei più importanti costruttori di strumenti programmabili e schede di acquisizione. Nell'ambiente di sviluppo, i VI constano di tre componenti principali: Il pannello frontale Lo schema a blocchi Il riquadro connettori Figura 1.1 Snapshot VI In figura 1.1 è illustrato un semplice VI che calcola la lunghezza dell'ipotenusa di un triangolo rettangolo. Sono visibili il pannello frontale (in alto) e il diagramma a blocchi (in basso). Il pannello frontale è l'interfaccia utente del VI. Si realizza con controlli e indicatori, che costituiscono i terminali interattivi d'ingresso e d'uscita, rispettivamente. Sono ben più numerosi

11 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 6 e complessi dei widget normalmente forniti dal sistema operativo. I controlli sono matrici, manopole, potenziometri, pulsanti, quadranti e molti altri; simulano i dispositivi d'ingresso degli strumenti e forniscono dati allo schema a blocchi del VI. Gli indicatori sono grafici, tabelle, LED, termometri e molti altri; simulano i dispositivi d'uscita degli strumenti e visualizzano i dati che lo schema a blocchi acquisisce o genera. Lo schema a blocchi è il diagramma di flusso che rappresenta il codice sorgente in formato grafico. Gli oggetti del pannello frontale appaiono come terminali di ingresso o uscita nello schema a blocchi. Gli oggetti dello schema a blocchi comprendono: terminali funzioni costanti strutture chiamate ad altri VI (subvi) fili di collegamento commenti testuali Le funzioni sono chiamate esse stesse VI, anche se non hanno un loro pannello frontale e un loro schema a blocchi. Possono avere un numero indefinito di ingressi e di uscite come ogni VI. Le strutture eseguono il controllo di flusso di base. Ad esempio il ciclo FOR è rappresentato da un contenitore quadrato, che ripete N volte la porzione di schema a blocchi che si trova al suo interno. I fili di collegamento possono trasportare teoricamente qualunque mole di dati di qualunque tipo, anche aggregati (bundle) definiti dal programmatore. Il colore e lo spessore del filo cambiano di conseguenza per permetterne una facile identificazione. Ad esempio gli interi scorrono su fili blu e le stringhe su fili rosa. Lo schema a blocchi può essere reso visibile anche durante l'esecuzione, cosa molto utile in fase di debug, in quanto a richiesta si può visualizzare con un'animazione al rallentatore il movimento dei dati lungo i fili e il loro valore momentaneo. Ogni VI può essere a sua volta utilizzato come subvi (o sottovi) e comparire all'interno dello schema a blocchi di altri VI, proprio come una qualsiasi funzione, e come tale può avere ingressi e uscite a cui collegare le linee di flusso. Il riquadro connettori serve appunto a definire qual è

12 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 7 l'aspetto del VI quando appare come subvi in uno schema a blocchi: che facciata ha l'icona, ma soprattutto come e dove vanno collegate le linee per permettere il passaggio dei dati. In generale con pochi click ogni controllo può essere associato a un ingresso e ogni indicatore può essere associato a un'uscita. A partire dai VI si possono anche creare eseguibili a sé stanti e librerie condivise (DLL), perché LabVIEW è un vero compilatore a 32 bit. Per usare tali eseguibili e DLL non occorre un'installazione di LabVIEW, ma è necessario che sul computer di destinazione sia installato almeno il run-time engine di LabVIEW, peraltro distribuito gratuitamente. 1.2 LabVIEW ed il modello di comunicazione nativo LabVIEW dispone di un insieme di caratteristiche per la comunicazione in ambito networking, ciascuna di esse è applicabile a seconda dei requisiti di rete afferenti la specifica applicazione. L introspezione di questo insieme è utile a verificare se in sede di fattibilità o progetto si può utilizzare un modello di comunicazione nativo, sfruttando le caratteristiche già disponibili dal software, ed implementate in modo ottimizzato dal costruttore, evitando dispendiose ed inefficienti soluzioni che replicano quelle esistenti. La versione disponibile in laboratorio è la 7.1, tuttavia, al fine di esplorare le caratteristiche più aggiornate, è stata effettuata un analisi della versione Tale approccio è stato utile in quanto, dal punto di vista dell analisi della fattibilità, occorre stabilire se, laddove possibile, l acquisto di un prodotto più aggiornato migliora le prestazioni del sistema nel suo complesso. In altre parole, se il beneficio di un prodotto aggiornato, in termini di efficienza e prestazioni, è superiore al costo di acquisto, vale la pena investire nello sforzo economico. Dal momento in cui il dipartimento non ha posto il vincolo economico, si è ritenuto utile acquisire una versione trial del LabVIEW 2010 ed, in relazione agli obiettivi dell applicazione da realizzare, è stato fatto un confronto fra la potenziale nuova versione e la vecchia attualmente in esercizio in laboratorio. Si riporta la tabella estratta dal manuale d uso [3] in cui sono elencate le caratteristiche di comunicazione e le relative proprietà: Networking Feature Network Streams Use Case Stream data continuously between two Programming Required Lossless Data Transmission Multiple Writers/Readers Transmission Delay Yes Yes One-to-one Low High Transfer Rate

13 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 8 Shared Variable DataSocket functions with the psp protocol DataSocket functions with the dstp protocol (Windows) DataSocket functions with the opc protocol Application Control VIs and Functions Remote Front Panels on the LabVIEW Web Server Web Services on the Application Web Server HTTP Client VIs SMTP VIs TCP VIs and Functions UDP VIs and Functions LabVIEW applications. Share live data with other VIs on your computer, a remote No computer, or Yes Many-to-Many Low High deployed to a target. Share live data with other VIs on your computer, a remote Yes computer, or Yes Many-to-Many Low High deployed to a target. Share live data with other VIs on your computer, a remote Yes computer, or No Many-to-Many Medium High deployed to a target. Retrieve live data from an industrial network using Yes No Many-to-Many Low High DataSocket as an OPC client. Programmatically control VIs and LabVIEW applications across Yes Yes One-to-one Medium Medium a network by way of the TCP protocol and VI Server. View and control a VI front panel remotely using LabVIEW or a Web browser. Deploy LabVIEW applications as Web services. No Yes One-to-Many Medium Low No Yes Many-to-Many Medium Low Build a Web client that interacts with Yes servers, Web pages, Yes One-to-Many Medium Low and Web services. Send an with Yes data attached. Yes One-to-Many High High Communicate with an instrument that uses a protocol Yes Yes One-to-One Medium High based on TCP. Communicate with Yes a software package No One-to-Many Low High

14 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 9 (Mac OS X) Apple Events (Linux) Pipes VIs IrDA Functions Bluetooth VI and Functions that uses a protocol based on UDP. Send messages to request actions or return information from Mac OS X applications. Yes Yes One-to-One Low Low Communicate between LabVIEW and unrelated processes using Linux named pipes. Yes Yes One-to-One Low Low Establish a wireless connection to a remote computer. Yes Yes One-to-One Medium Low Establish a wireless connection to a Yes Yes One-to-One Medium Low Bluetooth device. Tabella 1.1- LV 2010 communication features L obiettivo dell applicazione è quello di visualizzare e controllare l esperimento direttamente sul VI remoto in esecuzione sull applicazione LabVIEW residente sulla macchina server. In altri termini, il fruitore del servizio deve operare sul suo computer manipolando il VI in esecuzione su labview server. Dalla tabella è possibile osservare che National Instruments ha implementato diverse caratteristiche di networking a seconda della specificità del sistema che si interfaccia a LabVIEW. In ogni caso, si può osservare che tutte le configurazioni sono sottoposte a vincoli o limitazioni (illustrati in ciascuna colonna) che il progettista del sistema deve considerare nell analisi della fattibilità. Senza entrare nel merito di ciascuna delle caratteristiche disponibili, ed attenendosi strettamente al problema che riguarda il presente lavoro osserviamo che: 1) Non deve essere necessaria nessuna attività di programmazione G, cioè il modello di comunicazione da noi prescelto deve essere indipendente dallo specifico VI e quindi dall esperimento. Pertanto tutte le caratteristiche che presentano il valore Yes nella colonna Programming required non devono essere prese in considerazione. 2) La trasmissione deve essere senza perdite quindi occorre considerare le caratteristiche Lossless Data Transmission=yes. 3) L opzione Multiple Writers/Readers= Many-to-Many sarebbe l ottimale; in tal caso avremmo un sistema di accesso multiplo totalmente concorrente, ma a causa di vincoli hardware questa opzione non è possibile. Tuttavia, come si vedrà più avanti, è possibile che ogni

15 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 10 fruitore remoto possa controllare più esperimenti in concorrenza, fatto salvo il vincolo di coda. Pertanto si prende in considerazione l opzione Writers/Readers= One-to-Many. 4) Si può ammettere anche una minima latenza fra il client ed il server pertanto una configurazione di tipo Transmission Delay=medium è accettabile. 5) La velocità di trasmissione è un aspetto molto critico, ad esempio la remotizzazione di un VI contenente uno schermo di un oscilloscopio può comportare prestazioni molto scadenti ed il fruitore sul client potrebbe vedere un esperimento sostanzialmente inconsistente; pertanto è necessario una caratteristica del tipo Transfer Rate=high. Il modello di comunicazione fra quelli presenti in tabella, che soddisfa, almeno in parte i requisiti ed i vincoli imposti dall applicazione che si vuole progettare è quello evidenziato in rosso. Tuttavia il vincolo più critico imposto al punto 5) è disatteso per cui si impone una strategia differente. Nel prossimo paragrafo, vengono evidenziati i problemi connessi e le raccomandazioni relative alla scelta del pannello remoto sul LabVIEW web-server e dichiarati dalla stessa NI. 1.3 Limiti e vincoli del pannello remoto Le raccomandazioni ed i vincoli posti da NI in seno alla scelta di utilizzare il pannello remoto come metodo di controllo a distanza, sono piuttosto restrittivi sia in termini di costo economico sia in termini di prestazioni e flessibilità. Si riporta in figura l illustrazione relativa ad un pannello remoto incapsulato in Internet Explorer.

16 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 11 Figura 1.2. Un pannello remoto visualizzato all interno di un web browser. Per quanto concerne l aspetto economico NI impone l uso di LV professional per disporre di un massimo di cinque connessioni client contemporanee. Altre versioni di LV di fascia inferiore consentono l accesso ad un solo client. Il pannello remoto altro non è che il VI in esecuzione sul server incapsulato in un ActiveX object installatabile come plug-in nel web browser. La tecnologia ActiveX è di proprietà Microsoft e pertanto, a parte i noti problemi di sicurezza che, in generale, la presenza di tali oggetti comporta, impone il preventivo download ed installazione del plug-in sul browser e vincola il client ad utilizzare esclusivamente Internet Explorer. Inoltre, per quanto il plug-in consenta una riproduzione sostanzialmente fedele del VI sul server, NI impone le seguenti restrizioni: non è sempre possibile controllare le dimensioni e le disposizioni degli oggetti all interno del pannello. particolari oggetti componenti il VI non sono correttamente visualizzati nel web browser quindi se ne sconsiglia l utilizzo. evitare di esportare VI con cicli while ma senza funzioni wait oggetti che effettuano browsing di file non hanno significato sulla macchina client.

17 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 12 eventi asincroni sulla macchina server non sono propagati sul remote panel. In ogni caso, tutti i VI che non risentono di questo tipo di restrizioni, possono essere remotizzati, quanto meno per scopi puramente di test o dimostrativi. 1.4 Approcci tecnologici I vincoli di comunicazione intrinseci di LV, insieme al diffuso utilizzo di questosoftware hanno spinto il mondo della ricerca a studiare e proporre delle soluzioni tecnologiche il cui obiettivo è quello di remotizzare gli esperimenti di laboratorio. Occorre ribadire che, benché LV sia il più diffuso software di laboratorio e di controllo di processi industriali, altri prodotti come MatLab trovano ampio spazio, perlomeno in ambito accademico Piattaforma di Virtual Learning Un progetto prototipale che utilizza LV2010 non solo come erogatore di esperimenti circuitali, ma come ambiente integrato di virtual Learning[5] è un esempio di come LV possa essere sfruttato come un multi services-server in senso lato dove però la didattica di laboratorio e lo stesso VI restano centrali al sistema. In altri termini la piattaforma prevede un sistema di chat fra gli studenti, fra il docente e gli studenti, video conferenza nonché un repository di documenti didattici nonché, ovviamente, i VI remotizzati; in sostanza un modello multimediale di comunicazione che pone al centro un aula/laboratorio virtuale. L architettura di sistema è illustrata nella seguente figura 1.3. Gli studenti, tramite il web browser, possono chattare, leggere documenti, utilizzare strumenti condivisi, nonché accedere ai VI incapsulati nel browser attraverso la tecnica del pannello remoto. In questo caso il VI rappresenta una sorta di rudimentale Learning Object[6] riusabile all interno del sistema. L accesso alla piattaforma, come è tipico dei virtual learning environment, prevede che sia regolato da procedure di accounting e che le informazioni persistenti vengano memorizzate in un database. In figura 1.4 è illustrata l architettura si sistema; in sostanza è facilmente osservabile che il LV2010 web-server oltre alle funzionalità di base (laboratorio) implementa un canale d accesso al database, una directory condivisa contente materiale didattico. La proposta è relativamente recente ed implementata in forma prototipale, tuttavia anche in questo caso le criticità relative al pannello remoto restano tutte e la pubblicazione di VI sofisticati presenta gli stessi problemi discussi nel paragrafo precedente.

18 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 13 Figura 1.3. Piattaforma di Virtual Learning basata su LabVIEW. Figura 1.4. Architettura di sistema.

19 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto Sistemi multicanale La possibilità di fruire di due o più esperimenti (VI) in concorrenza, il cui problema è stato enucleato nell introduzione, è una delle caratteristiche critiche di un laboratorio virtuale. L obiettivo di questo lavoro è la ricerca di una soluzione software al problema, ossia la ricerca di un modello virtuale che consenta la moltiplicazione delle istanze server in esecuzione in ogni istante. In ogni caso le istanze hardware devono essere reali e separate, un esperimento su un circuito di Chua va realizzato su di un dispositivo elettronico che è fisicamente diverso da un circuito RLC serie di cui si vuole osservare il comportamento in regime lineare. Le interfacce periferiche a loro volta possono essere schede PCI, USB, Gpib ed operano su diverse apparecchiature. Il sistema che si illustra in questo paragrafo è basato su una piattaforma hardware multicanale [7][8]. La tecnologia alla base di questo sistema si basa su una configurazione mista hardware e software che è centrata sul protocollo di comunicazione fra sistemi hardware denominato CAN (Controlled Area Network). Il protocollo consente lo scambio di dati in forma seriale, ed utilizzato in applicazioni industriali. La sua principale caratteristica è la modalità di accesso ad un bus condiviso basato su un meccanismo di priorità ad arbitraggio. La seguente figura 1.5 illustra l architettura hardware semplificata del sistema. Figura 1.5. Architettura di un sistema multicanale.

20 Applicazione web per l accesso tramite code ad un laboratorio remoto 15 La periferica di tipo alla quale va collegato il bus è una periferica di rete industriale denominata PCIcan card; è una periferica special purpose in grado di gestire la comunicazione fra il pc server e le periferiche connesse sul bus CAN. I circuiti oggetto dell esperimento devono essere interfacciati con un particolare microcontrollore(atmel s 89c51cc01) che oltre ad operare la conversione dei dati DAC/ADC deve, principalmente, gestire le comunicazioni CAN. La seguente figura 1.6 riporta lo schema a blocchi del circuito in misura equipaggiato con il microcontrollore. La configurazione software viene operata a livello di programmazione G del VI, in sostanza ogni VI da inserire nel sistema, deve essere programmato per la gestione del canale di comunicazione CAN e quindi deve essere implementato un sottoprogramma ad hoc. Nella figura 1.7 è illustrato un particolare VI in cui sono evidenziati tre blocchi: quello più a sinistra è il gestore della comunicazione, i due più a destra riguardano i dati TX ed RX. Oltre alla programmazione del VI, occorre la programmazione Firmware per la identificazione del canale. Il dispatching sul web avviene tramite il pannello remoto. Sebbene la soluzione tecnologica sia interessante in relazione alla possibilità di visualizzazione concorrente, resta il problema della pubblicazione su internet. Inoltre bisogna considerare il costo dell hardware ed il fatto che per ogni VI si richiede un ulteriore sforzo di programmazione per la gestione della comunicazione con il canale CAN. Figura 1.6. Schema a blocchi di un set hardware di misura

Servizi web in LabVIEW

Servizi web in LabVIEW Servizi web in LabVIEW Soluzioni possibili, come si utilizzano. 1 Soluzioni possibili WEB SERVER Dalla versione 5.1 di LabVIEW è possibile implementare un Web server che consente di operare da remoto sul

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Docente Prof. Claudio De Capua Ing. Antonella Meduri

Docente Prof. Claudio De Capua Ing. Antonella Meduri Gruppo Misure Elettriche ed Elettroniche Facoltà di Ingegneria Università Mediterranea di Reggio Calabria Docente Prof. Claudio De Capua Ing. Antonella Meduri LabView Ambiente di sviluppo grafico: - LabVIEW

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Sistemi di supervisione e controllo

Sistemi di supervisione e controllo Sistemi di supervisione e controllo Informazioni generali sul corso Inizio corso: 28 aprile 2008 Fine corso: 20 giugno 2008 Durata: 8 settimane Docenti Tutor Dott. Maurizio Colantoni Direzione Tecnica

Dettagli

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web

Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web Corso di Informatica Modulo T3 B1 Programmazione web 1 Prerequisiti Architettura client/server Elementi del linguaggio HTML web server SQL server Concetti generali sulle basi di dati 2 1 Introduzione Lo

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli

Realizzazione di interazioni sincrone e asincrone tra applicazioni Web 2.0

Realizzazione di interazioni sincrone e asincrone tra applicazioni Web 2.0 tesi di laurea Realizzazione di interazioni sincrone e asincrone tra applicazioni Web 2.0 Anno Accademico 2008/2009 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Marco Coppola Matr. 534/002312 Obbiettivi

Dettagli

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET

18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET 18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso ai database

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP DISPENSA LEZIONE 1 Autore D. Mondello Transazione di dati in una richiesta di sito web Quando viene effettuata la richiesta di un sito Internet su un browser, tramite

Dettagli

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche Il Cloud Computing La visualizzazione nella Cloud Problematiche Virtualizzazione della GPU Front end Virtualization

Dettagli

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE

Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Pagani Corrado INGEGNERIA DEL SOFTWARE INTRODUZIONE L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionalerelativa alla realizzazione sistematica e alla manutenzione di un software rispettando

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved WEB TECHNOLOGY Il web connette LE persone Indice «Il Web non si limita a collegare macchine, ma connette delle persone» Il Www, Client e Web Server pagina 3-4 - 5 CMS e template pagina 6-7-8 Tim Berners-Lee

Dettagli

Automatic Control Telelab: un Laboratorio Remoto per E-learning

Automatic Control Telelab: un Laboratorio Remoto per E-learning Automatic Control Telelab: un Laboratorio Remoto per E-learning Marco Casini, Domenico Prattichizzo, Antonio Vicino Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Università di Siena Via Roma 56 53100 Siena

Dettagli

uomo Software (sistema operativo) hardware

uomo Software (sistema operativo) hardware uomo Software (sistema operativo) hardware 1 Sistema operativo Insieme di programmi che svolgono funzioni essenziali per l uso del sistema di elaborazione Questi programmi sono i primi ad essere eseguiti

Dettagli

Manuale Piattaforma Didattica

Manuale Piattaforma Didattica Manuale Piattaforma Didattica Ver. 1.2 Sommario Introduzione... 1 Accesso alla piattaforma... 1 Il profilo personale... 3 Struttura dei singoli insegnamenti... 4 I Forum... 5 I Messaggi... 7 I contenuti

Dettagli

APPENDICE A Servlet e Java Server Page

APPENDICE A Servlet e Java Server Page APPENDICE A Servlet e Java Server Page A.1 Cosa è una Servlet e come funziona Una servlet è un particolare tipo di applicazione Java, in grado di essere eseguita all'interno di un web server e di estenderne

Dettagli

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito tesi di laurea Anno Accademico 2012/2013 relatore Ch.mo prof. Simon Pietro Romano correlatori Ing. Tobia Castaldi candidato Alessandro Arrichiello Matr. M63/43 Contesto: o Content Distribution Networks

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

Architetture Software

Architetture Software Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software Architetture Software Giulio Destri Ing. del Sw: Architettura - 1 Scopo del modulo

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools )

N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools ) N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools ) SCOPO : Ambiente per lo sviluppo di applicazioni WEB multimediali basate su Data Base Relazionale e strutturate secondo il modello a tre livelli: Presentazione

Dettagli

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO

ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO ALLEGATO C STANDARD TECNICI DELLA BORSA CONTINUA NAZIONALE DEL LAVORO Standard tecnici Gli standard tecnici di riferimento adottati sono conformi alle specifiche e alle raccomandazioni emanate dai principali

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

Il Provvedimento del Garante

Il Provvedimento del Garante Il Provvedimento del Garante Il provvedimento del Garante per la Protezione dei dati personali relativo agli Amministratori di Sistema (AdS) Misure e accorgimenti prescritti ai titolari dei trattamenti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI STUDIO TRIENNALE IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE Curriculum: Esperto di formazione a distanza DISSERTAZIONE FINALE Raccontami :

Dettagli

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO METAMAG 1 IL PRODOTTO Metamag è un prodotto che permette l acquisizione, l importazione, l analisi e la catalogazione di oggetti digitali per materiale documentale (quali immagini oppure file di testo

Dettagli

Streaming Tool per CoFFEE

Streaming Tool per CoFFEE Streaming Tool per CoFFEE a cura di Gerardo Lombardo CoFFEE Cooperative Face-to-Face Educational Environment Groupware Suite di applicazioni distribuite (in LAN) per il problem solving collaborativo in

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA. Presentazione

FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA. Presentazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA Presentazione Tesi di Laurea in Misure per l Automazione

Dettagli

di Nicola Ferrini MCT MCSA MCSE MCTS MCITP

di Nicola Ferrini MCT MCSA MCSE MCTS MCITP Creazione di immagini personalizzate con Microsoft Business Desktop Deployment 2007 Introduzione di Nicola Ferrini MCT MCSA MCSE MCTS MCITP Con l uscita di Windows Vista, Microsoft ha messo a disposizione

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Controllo Remoto della Qualità dei Dati Acquisiti

Controllo Remoto della Qualità dei Dati Acquisiti EEE-Ge-140710 Controllo Remoto della Qualità dei Dati Acquisiti Guido Sivori (guido.sivori@gmail.com.), Gianluca Gemme 1), Stefano Grazzi, 1), 2) Laura Perasso 1) I.N.F.N. Genova 2) Museo Storico della

Dettagli

Macchine per l elaborazione dell informazion e. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Informatica II

Macchine per l elaborazione dell informazion e. Sistemi di Elaborazione delle Informazioni. Informatica II Macchine per l elaborazione dell informazion e Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica II Ing. Mauro Iacono Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Studi Politici e per l Alta

Dettagli

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web

Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Zoo di sistemi operativi: studio e realizzazione del supporto di macchine virtuali con accesso via Web Mattia Gentilini Relatore: Renzo Davoli Laurea Specialistica in Informatica I Sessione A.A. 2005/2006

Dettagli

PIATTAFORMA ecol per il Corso di Laurea in Ingegneria Informatica OnLine. MANUALE STUDENTE v. 3.0 del 12/09/2008 INDICE

PIATTAFORMA ecol per il Corso di Laurea in Ingegneria Informatica OnLine. MANUALE STUDENTE v. 3.0 del 12/09/2008 INDICE PIATTAFORMA ecol per il Corso di Laurea in Ingegneria Informatica OnLine MANUALE STUDENTE v. 3.0 del 12/09/2008 INDICE Introduzione 1. Requisiti di sistema 2. Accesso alla piattaforma didattica 2.1. Informazioni

Dettagli

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9

Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it. Moodle-manuale. manuale per il docente. Generazione Web 2013-14 - G9 Albano Squizzato ingsquizzato@libero.it Moodle-manuale manuale per il docente Generazione Web 2013-14 - G9 Come utilizzare Moodle La versatilità di Moodle consente la totale personalizzazione dell interfaccia,

Dettagli

EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio

EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio EOLO PF-2K : acquisire dati dall intero veicolo (2 linee K, bus CAN, sensori) rimanendo comodamente nel proprio ufficio Dr Stefano Vianelli EURINS srl Categoria Automotive Prodotti utilizzati LabVIEW 6i,

Dettagli

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali:

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Componenti di una applicazione Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Un sottosistema di interfaccia con l utente (IU, user interface o anche presentation

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche Lezione n.1 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Obiettivi del corso Supporti didattici Modalità d esame Panoramica

Dettagli

Programmazione Server Side e Database in rete

Programmazione Server Side e Database in rete Programmazione Server Side e Database in rete Prof. Massimo PALOMBO -IIS A. MEUCCI Casarano La programmazione Stand-Alone consente di costruire applicazioni, più o meno complesse, ma utilizzabili esclusivamente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

Architettura SW Definizione e Notazioni

Architettura SW Definizione e Notazioni Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Stili Architetturali E. TINELLI Architettura SW Definizione e Notazioni Definizione ANSI/IEEE Std Std1471-2000

Dettagli

Introduzione alle Applicazioni Web

Introduzione alle Applicazioni Web Introduzione alle Applicazioni Web di Mary Ercolini Con il termine Applicazione Web si intende un applicazione risiedente in un Server Web alla quale si accede tramite un browser Internet o un altro programma

Dettagli

Server-side Programming: Java servlets Parte II

Server-side Programming: Java servlets Parte II Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2009-2010 Server-side Programming:

Dettagli

tesi di laurea Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Pasquale Ludi Matr. 534\000438

tesi di laurea Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Pasquale Ludi Matr. 534\000438 tesi di laurea Anno Accademico 2009/2010 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Pasquale Ludi Matr. 534\000438 Obbiettivi del progetto: Sviluppo di un applicazione Flex in AdobeFlashBuilder

Dettagli

Sme.UP Web Application

Sme.UP Web Application Sme.UP Web Application Web Application Web.UP Una interfaccia web per i vostri dati gestionali Il modulo applicativo Web.UP fornisce al progettista di siti Internet una serie di potenti strumenti per l'integrazione

Dettagli

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006

Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Smartphone Anno Accademico 2005/2006 tesi di laurea Un applicazione client per la localizzazione via Bluetooth e Wi-Fi di dispositivi Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ing. Massimo Ficco candidato Giorgio

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA IFOAP

SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA IFOAP SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA IFOAP MANUALE UTENTE Prerequisiti La piattaforma IFOAP è in grado di fornire un sistema di videoconferenza full active: uno strumento interattivo di comunicazione audio-video

Dettagli

pod Guida all installazione di rete del Solstice Pod Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Solstice sulla vostra rete

pod Guida all installazione di rete del Solstice Pod Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Solstice sulla vostra rete Introduzione Solstice Pod Collaborazione Visuale Wireless Una volta installato, il Solstice Pod permette a più utenti di condividere simultaneamente il proprio schermo su un display tramite la rete Wi-Fi

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Internet e World Wide Web

Internet e World Wide Web Alfonso Miola Internet e World Wide Web Dispensa C-02 Settembre 2005 1 Nota bene Il presente materiale didattico è derivato dalla dispensa prodotta da Luca Cabibbo Dip. Informatica e Automazione Università

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2010-2011 Introduzione al corso

Dettagli

Framework di Middleware. per Architetture Enterprise

Framework di Middleware. per Architetture Enterprise Framework di Middleware per Architetture Enterprise Corso di Ingegneria del Software A.A.2011-2012 Un po di storia 1998: Sun Microsystem comprende l importanza del World Wide Web come possibile interfaccia

Dettagli

LabVIEW. Apertura del programma

LabVIEW. Apertura del programma LabVIEW Il termine LabVIEW significa Laboratory Virtual Instrument Engineering Workbench. LabVIEW è un prodotto che si è imposto nel tempo come standard di riferimento per la gestione e la elaborazione

Dettagli

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro Architetture per le applicazioni web-based Mario Cannataro 1 Sommario Internet e le applicazioni web-based Caratteristiche delle applicazioni web-based Soluzioni per l architettura three-tier Livello utente

Dettagli

tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Manganiello Felice Matr. 534/001569

tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Manganiello Felice Matr. 534/001569 tesi di laurea CONFRONTO TRA SOLUZIONI COMMERCIALI PER LA REALIZZAZIONE Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Manganiello Felice Matr. 534/001569 CONFRONTO TRA SOLUZIONI

Dettagli

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Architettura ABSCARD Pagina 1 di 13 INDICE GENERALE 1 Architettura...3 1.1 Introduzione...3 1.1.1 Sicurezza...4 1.1.2 Gestione...5 1.1.3 ABScard

Dettagli

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC

FileMaker 12. Guida ODBC e JDBC FileMaker 12 Guida ODBC e JDBC 2004 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker, Inc.

Dettagli

SUPPORTI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE DI UN SISTEMA DI MOVIMENTAZIONE

SUPPORTI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE DI UN SISTEMA DI MOVIMENTAZIONE SUPPORTI SOFTWARE PER LA PROGETTAZIONE DI UN SISTEMA DI MOVIMENTAZIONE Alessandro DE CARLI - Luigi PARIS Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Roma La Sapienza Via Eudossiana

Dettagli

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CIG 58703795FF PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA DI AFFIDAMENTO PER LA FORNITURA DI UNA PIATTAFORMA PER SERVICE MASHUP AND DELIVERY CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Oggetto della Fornitura... 3 2 Composizione della Fornitura... 3 2.1 Piattaforma

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Asynchronous JavaScript Technology and XML: Ajax Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2010-11 Prof. Simon Pietro Romano Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rich Internet

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

A Le piattaforme e-learning

A Le piattaforme e-learning A Le piattaforme e-learning Paolo Fusero obiettivo didattico della lezione: introdurre lo studente all utilizzo delle piattaforme e-learning e delle nuove metodologie didattiche che utilizzano la rete

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.1009 Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

SCUOLA POLITECNICA. 1 semestre Facoltativa Voto in trentesimi

SCUOLA POLITECNICA. 1 semestre Facoltativa Voto in trentesimi SCUOLA ANNO ACCADEMICO OFFERTA 2015/2016 ANNO ACCADEMICO EROGAZIONE 2017/2018 CORSO DILAUREA INSEGNAMENTO TIPO DI ATTIVITA' AMBITO CODICE INSEGNAMENTO 18033 SETTORI SCIENTIFICO-DISCIPLINARI SCUOLA POLITECNICA

Dettagli

Corso Web programming

Corso Web programming Corso Web programming Modulo T3 A1 Modelli di programmazione 1 Prerequisiti Concetto di rete Processi e thread Concetti generali sui database 2 1 Introduzione Un particolare ambito della programmazione

Dettagli

Informativa Privacy del sito internet www.consulenzaing.com

Informativa Privacy del sito internet www.consulenzaing.com Informativa Privacy del sito internet www.consulenzaing.com In questa pagina si descrivono le modalità di gestione dell informativa privacy del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli

Dettagli

Un Laboratorio di Telecomunicazioni ed Elettromagnetismo applicato per Teledidattica

Un Laboratorio di Telecomunicazioni ed Elettromagnetismo applicato per Teledidattica Un Laboratorio di Telecomunicazioni ed Elettromagnetismo applicato per Teledidattica A.N. D ANDREA, F. GIANNETTI, G. MANARA, M. MICHELINI, P. NEPA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE, UNIVERSITÀ

Dettagli

venerdì 31 gennaio 2014 Programmazione Web

venerdì 31 gennaio 2014 Programmazione Web Programmazione Web WWW: storia Il World Wide Web (WWW) nasce tra il 1989 e il 1991 come progetto del CERN di Ginevra affidato a un gruppo di ricercatori informatici tra i quali Tim Berners- Lee e Robert

Dettagli

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0

Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 tesi di laurea Anno Accademico 2006/2007 Il Paradigma REST per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore Ing. Marcello Cinque candidato Antonio Alonzi Matr.

Dettagli

Google Drive i tuoi file sempre con te

Google Drive i tuoi file sempre con te IMMAGINE TRATTA DALL'EBOOK "GOOGLE DRIVE E LA DIDATTICA" DI A. PATASSINI ICT Rete Lecco Generazione Web Progetto Faro Google Drive Che cos è? Nato nel 2012 Drive è il web storage di Google, un spazio virtuale

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT

REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT TESI DI LAUREA REALIZZAZIONE DI UN LABORATORIO REMOTO PER ESPERIENZE DI ROBOTICA EDUCATIVA: LATO CLIENT RELATORE: Prof. Michele Moro LAUREANDO: Marco Beggio Corso di laurea Specialistica in Ingegneria

Dettagli

Convegni on-line. Descrizione dell Offerta. 25 novembre 2009. ver. 1.1. Sintresis s.r.l. tel: 0125/627026. 10015 Ivrea email: info@sintresis.

Convegni on-line. Descrizione dell Offerta. 25 novembre 2009. ver. 1.1. Sintresis s.r.l. tel: 0125/627026. 10015 Ivrea email: info@sintresis. Convegni on-line Descrizione dell Offerta 25 novembre 2009 ver. 1.1 Sintresis s.r.l. tel: 0125/627026 via Castiglia, 4 http://www.sintresis.it 10015 Ivrea email: info@sintresis.it Indice 1. Introduzione...3

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

Programmazione server-side: Java Servlet

Programmazione server-side: Java Servlet Programmazione server-side: Java Servlet Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.11 parte II Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Cos

Dettagli

La realizzazione di WebGis con strumenti "Open Source".

La realizzazione di WebGis con strumenti Open Source. La realizzazione di WebGis con strumenti "Open Source". Esempi di impiego di strumenti a sorgente aperto per la realizzazione di un Gis con interfaccia Web Cos'è un Web Gis? Da wikipedia: Sono detti WebGIS

Dettagli

Come funziona il WWW. Architettura client-server. Web: client-server. Il protocollo

Come funziona il WWW. Architettura client-server. Web: client-server. Il protocollo Come funziona il WWW Il funzionamento del World Wide Web non differisce molto da quello delle altre applicazioni Internet Anche in questo caso il sistema si basa su una interazione tra un computer client

Dettagli

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI

I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI I SISTEMI OPERATIVI CONCETTI INTRODUTTIVI Il Software Software di Base Sistema Operativo (Software di base essenziale) Software di base non essenziale Utility Driver Software applicativi (Applicazioni)

Dettagli

Protocolli e architetture per WIS

Protocolli e architetture per WIS Protocolli e architetture per WIS Web Information Systems (WIS) Un Web Information System (WIS) usa le tecnologie Web per permettere la fruizione di informazioni e servizi Le architetture moderne dei WIS

Dettagli

I Widget sbarcano sulla Connected TV

I Widget sbarcano sulla Connected TV I Widget sbarcano sulla Connected TV Il valore di Internet e dei suoi contenuti/servizi lo si intuisce dalla capacità di muovere il mercato dei dispositivi perché siano completamente liberi e in grado

Dettagli

Corso Analista Programmatore Web PHP Corso Online Analista Programmatore Web PHP

Corso Analista Programmatore Web PHP Corso Online Analista Programmatore Web PHP Corso Analista Programmatore Web PHP Corso Online Analista Programmatore Web PHP Accademia Futuro info@accademiafuturo.it Programma Generale del Corso Analista Programmatore Web PHP Tematiche Trattate

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI CASSA ALLEGATO N. 2 ORDINATIVI INFORMATICI

DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI CASSA ALLEGATO N. 2 ORDINATIVI INFORMATICI DISCIPLINARE PER IL SERVIZIO DI CASSA ALLEGATO N. 2 ORDINATIVI INFORMATICI A. Modalità di erogazione del servizio 1. Oggetto Gli ordinativi informatici dovranno essere sottoscritti con Firma Digitale dai

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

La sicurezza secondo skymeeting (data pubblicazione 06/12/2011)

La sicurezza secondo skymeeting (data pubblicazione 06/12/2011) La sicurezza secondo skymeeting (data pubblicazione 06/12/2011) www.skymeeting.net La sicurezza nel sistema di videoconferenza Skymeeting skymeeting è un sistema di videoconferenza web-based che utilizza

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

CMS (Content Management System) della categoria Open Source

CMS (Content Management System) della categoria Open Source Una panoramica sui CMS (Content Management System) CMS (Content Management System) della categoria Open Source Per la piattaforma PHP/MYSQL e considerata l esigenza sempre più ricorrente di realizzare

Dettagli

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti

Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller. Gabriele Pellegrinetti Sviluppo di applicazioni web con il pattern Model-View-Controller Gabriele Pellegrinetti 2 MVC: come funziona e quali sono vantaggi che derivano dal suo utilizzo? La grande diffusione della tecnologia

Dettagli

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Web Link Monitor... 2 2 Database Browser... 4 3 Network Monitor... 5 4 Ghost Site... 7 5 Copy Search... 9 6 Remote Audio Video

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli