UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE"

Transcript

1 UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Dipartimento di Elettronica, Intelligenza Artificiale e Telecomunicazioni UN ARCHITETTURA SOFTWARE COMPLETA PER TELECONSULTO E TELEREFERTAZIONE: PROGETTO DI APPLICAZIONI SICURE LATO CLIENT Tesi di Laurea di: Roberto Di Rosa Relatore: Prof. Aldo Franco Dragoni Correlatori: Prof. Paolo Puliti Anno Accademico

2 INDICE Introduzione... Capitolo 1. Telemedicina Introduzione Applicazioni Vantaggi Problemi Stato dell Arte Progetti dell ASUR Marche zona Sistema di teleconsulto ospedale di Osimo con stazioni fisse e stazioni mobili Assistente Virtuale Delocalizzazione della Refertazione Diagnostica Capitolo 2. Progetto MiRo Finalità Architettura generale Repository Laboratorio Medico Soluzioni tecniche Comunicazione sicura Messaggi SOAP I -

3 Capitolo 3. Mutuo Riconoscimento e Interfacce Grafiche Laboratorio Web Service laboratorio Mutuo Riconoscimento Interfacce grafiche Medico Mutuo Riconoscimento Interfacce grafiche Firma del referto Capitolo 4. Tecnologie Software Java Platform Java Server Pages Apache Tomcat Comunicazione SSL Strumenti di Sviluppo Apache Struts Capitolo 5. Crittografia A Chiave Pubblica Crittografia Introduzione Crittografia a chiave simmetrica Sistemi a crittografia a chiave pubblica La Firma Digitale Algoritmo RSA Algoritmo SHA Certificati elettronici Standard X.509 per i certificati Necessità di coppie di chiavi distinte per cifratura e firma Infrastruttura a chiave pubblica (PKI) Requisiti di una PKI Gestione dei certificati Ciclo di vita dei certificati La gestione delle chiavi La revoca di un certificato I cammini di certificazione II -

4 Capitolo 6. Conclusioni Appendice A. Codice sorgente A.1 Client Application A.2 Web Service Client A.3 Common Library Bibliografia III -

5 INTRODUZIONE Con il continuo sviluppo tecnologico con l avvento dei Digital Data e con la larga banda si sente forte la necessità di ristrutturare l intero sistema sanitario nazionale spingendosi verso le nuove frontiere della Telemedicina. Il progetto MiRo, nasce, proprio da questo bisogno e dalla collaborazione tra ASUR Marche zona 7 di Ancona e l Università Politecnica delle Marche. Il primo passo fatto è stato analizzare il significato del termine Telemedicina, realizzando uno stato dell arte del sistema sanitario nazionale. Successivamente si è approfondito uno dei settori di maggior interesse (la teleradiologia) pensando e producendo un architettura software flessibile completa per teleconsulto e teleassistenza. Nei prossimi capitoli si inquadrerà il concetto di telemedicina, facendo particolare riferimento alle problematiche delle aziende sanitarie locali (in particolare della Asur di Ancona); successivamente si passerà ad una descrizione del progetto MiRo e del suo funzionamento in maniera dettagliata. - IV -

6 CAP. 1 - TELEMEDICINA CAPITOLO 1 TELEMEDICINA Introduzione al concetto di telemedicina, stato dell arte della situazione sanitaria italiana e approfondimento dei progetti dell ASUR Marche zona Introduzione 1.2 Applicazioni Vantaggi Problemi 1.3 Stato dell Arte 1.4 Progetti dell ASUR Sistema di teleconsulto ospedale di Osimo con stazioni fisse e stazioni mobili Assistente Virtuale Delocalizzazione della Refertazione Diagnostica - 1 -

7 CAP. 1 - TELEMEDICINA 1.1 INTRODUZIONE Una definizione della Telemedicina che ha riscosso un notevole successo è la seguente: la Telemedicina rappresenta l erogazione di servizi sanitari, laddove la distanza rappresenti un fattore critico da parte di professionisti nell assistenza sanitaria che utilizzino tecnologie dell informazione e della comunicazione per lo scambio di informazioni rilevanti, per la diagnosi, il trattamento e la prevenzione delle patologie e per l educazione continuativa degli operatori sanitari, nell interesse del miglioramento della salute e delle comunità assistite. La Telemedicina utilizza le tecnologie della telecomunicazione per erogare assistenza sanitaria specialistica, spesso a notevoli distanze, con la possibilità di contenere i costi delle prestazioni. Questo avviene in special modo quando l Assistenza Sanitaria è rivolta ad aree isolate o comunque dove non sia disponibile direttamente la prestazione specialistica del medico. La Telemedicina consente di conseguire notevoli benefici sia per erogatori di assistenza remota, sia naturalmente, per gli utenti dei servizi, siano essi pazienti o operatori sanitari

8 CAP. 1 - TELEMEDICINA Lo sviluppo e l applicazione della Telemedicina richiede significativi expertise nei settori delle telecomunicazioni, delle erogazioni dei servizi sanitari e dell information tecnology and comunications. L applicazione della Telemedicina ben si presta ad un opera di cooperazione fra i paesi dotati di maggiori tecnologie e quelli ancora in via di sviluppo. Fig. 1.1 Telemedicina - 3 -

9 CAP. 1 - TELEMEDICINA 1.2 APPLICAZIONI Il concetto di telemedicina non significa dunque soltanto medicina praticata a distanza, ma include tutti quegli aspetti legati all assistenza sanitaria in senso lato. Una serie di nuovi concetti sono ora riferiti alla telemedicina; due di questi sono e-health e tele-health(tele assistenza). La telemedicina/teleassistenza può essere applicata in vari modi in tutti i servizi sanitari; può facilitare e razionalizzare la comunicazione e lo scambio di informazioni: tra servizi di primaria assistenza e gli ospedali, tra ospedali diversi, tra ospedali e i laboratori, tra i servizi di riabilitazione e le organizzazioni paramediche. La telemedicina riguarda anche la direzione e l amministrazione dell unità sanitarie locali, i pazienti e i loro familiari Vantaggi L avvento dell informatica medica e la conseguente introduzione di nuove tecnologie nell ambito sanitario hanno portato e porteranno notevoli vantaggi sia per i pazienti che per il personale medico. L introduzione della telemedicina permette : - 4 -

10 CAP. 1 - TELEMEDICINA Diagnosi e cure più rapide Minor numero di spostamenti sia del personale medico che dei pazienti Riduzione dei costi per personale (compreso quello di emergenza) Comunicazioni più veloci Aggiornamento più semplice e rapido delle informazioni riguardanti diagnosi e metodi di cura Miglior sostegno allo staff medico per la formazione sia teorica che pratica Problemi In passato i costi per l attrezzatura e le telecomunicazioni sono stati troppo alti da permetterne un introduzione su larga scala, oggi tuttavia la situazione sotto questo punto di vista è notevolmente migliorata il vero ostacolo da affrontare è cercare di introdurre metodi che favoriscano l accettazione e la comprensione da parte del personale interessato, delle applicazioni di telemedicina/teleassistenza nei servizi sanitari. Bisogna sottolineare che l introduzione della telemedicina influenza i tradizionali metodi di lavoro, si vanno a modificare i modelli di cooperazione, si creano nuove figure lavorative e molto spesso sorgono problemi di distribuzione dei costi e di investimenti delle risorse

11 CAP. 1 - TELEMEDICINA A livello internazionale, ad oggi, si registra una mancanza di uniformità sull uso del concetto di telemedicina; tutto ciò rende impossibile la creazione di standard che possano regolamentare tale disciplina. 1.3 STATO DELL ARTE Oggigiorno i sistemi sanitari mondiali stanno facendo passi da gigante nell utilizzo massiccio della telemedicina, grazie soprattutto allo sviluppo di nuove tecnologie. In ambito nazionale ogni regione si sta attrezzando nello sviluppo di sistemi di informatica medica. Uno dei principali progetti a livello nazionale è rappresentato da As.ter: un sistema informativo-informatico per la gestione di tutte le attività del territorio, sviluppato dalla USL 11 di Empoli. As.Ter integra, con l ausilio di una piattaforma tecnologica innovativa, tutti gli applicativi ed i database delle attività sanitarie e sociali svolte sul territorio, consentendo la rilevazione dei bisogni complessivi dei cittadini, l individuazione delle modalità e dei tempi di risposta ai loro bisogni, la rilevazione dei costi; tutto ciò al fine di pianificare e gestire le attività sociosanitarie sul territorio in un ottica manageriale di costi/benefici. Un altro progetto è stato proposto dal servizio sanitario regionale emilia-romagna con il nome di SOLE. Esso è finalizzato a realizzare una rete telematica di collegamento - 6 -

12 CAP. 1 - TELEMEDICINA tra i servizi ospedalieri e i servizi territoriali per agevolare la comunicazione tra operatori sanitari e, di conseguenza, agevolare l'erogazione dei servizi con importanti e positive ricadute sulla continuità assistenziale e sulla semplificazione dell accesso ai servizi per il cittadino

13 CAP. 1 - TELEMEDICINA 1.4 PROGETTI DELL ASUR MARCHE ZONA 7 L ASUR della regione Marche zona 7 ha sviluppato una serie di progetti che riguardano l ambito medico tra i quali troviamo: Sistema di Teleconsulto ospedale di Osimo con stazioni fisse e stazioni mobili Assistente Virtuale Delocalizzazione della refertazione diagnostica Sistema di teleconsulto ospedale di Osimo con stazioni fisse e stazioni mobili La Telelettrocardiografia è stata la prima applicazione derivate dalle esperienze aerospaziali sia americane che russe. Lo sviluppo enorme in tutti i paesi industrializzati della telefonia cellulare consente di erogare questo tipo di servizio di Telerefertazione con una eccezionale capillarità territoriale. Il sistema è composto da un server situato presso l Ospedale di Osimo, le caratteristiche del server sono le - 8 -

14 CAP. 1 - TELEMEDICINA seguenti: Server Compaq Proliant ML 370 T, P GB, Cache 256 K ram 256 MB, 3 Hard Disk da 18 GB, il software permette la connessione fino a 25 apparecchiature in rete Ethernet. E inoltre composto da un client situato presso l Ospedale di Osimo, le caratteristiche del client sono: Compaq EVO D500 SFFP GB Hard Disk da 20GB, schede di rete CD Rom 48 per monitor 17 e stampante laser HP 1200 e da tre stazioni fisse composte da tre elettrocardiografi del tipo Archimed Base Plus il quale consiste in un elettrocardiografo portatile per l acquisizione contemporanea di dodici derivazioni dotate di monitor Lcd retroilluminato ad alta risoluzione di grandi dimensioni per la visualizzazione di sei tracce Ecg, tastiera alfanumerica, Driver per floppy da 3,5 e hard disk da un giga per la memorizzazione dei tracciati. L elettrocardiografo è provvisto di varie uscite esterne, tra cui quattro seriali RS 232, una rete Ethernet per trasmissione e ricezione di tracciati ecg con relativo referto e stampante Archimed 4240 termica formato A4. Inoltre di una stazione mobile composta da una valigetta AT 4 Gsm che è una 24 ore completa di elettrocardiografo portatile computerizzata, dotato di Display Lcd di grandi dimensioni che permette di visualizzare contemporaneamente tre tracce ecg oltre una stampante per l acquisizione contemporanea di dodici derivazioni ecg in modalità automatica, l apparecchio è dotato di memoria interna per l archiviazione di quaranta - 9 -

15 CAP. 1 - TELEMEDICINA ecg (10 secondi 12 derivazioni) fornita di cellulare Gsm Dual Band con interfaccia per elettrocardiografo e cavi di connessione per la trasmissione digitale dell ecg alla Centrale di Ascolto, funzione di viva voce per comunicare con la Centrale di Ascolto. Il Client è posto nella zona di controllo della Unità di Terapia Critica del Dipartimento di Medicina Interna ove un operatore è costantemente presente durante le ore del giorno e della notte. Le tre stazioni fisse sono al momento situate presso le Unità di degenza mediche del Presidio Ospedaliero di Osimo ed una presso i Poliambulatori di Camerano situati all interno di una struttura residenziale per anziani con circa 80 degenti. La stazione mobile viene al momento affidata agli operatori della Emergenza Urgenza Territoriale che fanno capo al Distretto Ancona Sud. Fig. 1.2 Telemedicina

16 CAP. 1 - TELEMEDICINA Assistente Virtuale E un progetto ancora in fase embrionale che ha come obbiettivo quello di creare un assistente personale virtuale che sia in grado di offrire ad ogni singolo utente un valido appoggio in riferimento alla propria situazione clinica. Fig. 1.3 Interfaccia dell assistente virtuale

17 CAP. 1 - TELEMEDICINA Delocalizzazione della Refertazione Diagnostica Nell ottica di capillarizzare l offerta sanitaria così come negli obiettivi della sanità regionale, può essere importante pensare ad una struttura informatica che renda indipendenti le due fasi tipiche della diagnostica: l esecuzione dell esame e la sua refertazione. Infatti mentre è possibile pensare di localizzare alcuni macchinari (di basso costo) anche nei poliambulatori più piccoli, può risultare sconveniente portare in questi poliambulatori personale di alta specializzazione. La struttura informatica che ci si propone di realizzare in questa fase, poi potrà anche servire per altri scopi come consulti medici oppure per fornire servizi (a pagamento) di refertazione per altri enti. Fig. 1.4 Delocalizzazione diagnostica

18 CAP. 1 - TELEMEDICINA Sostanzialmente un sistema per la refertazione a distanza altro non è che un repository di eventi sanitari con relativo output dell esame (ad esempio una radiografia, un elettrocardiogramma, ). In questo repository gli enti periferici (poliambulatori etc.) depositano gli output degli esami e prelevano i referti mentre il centro di refertazione preleva gli output degli esami ed inserisce i referti relativi. Per mettere in piedi la procedura appena descritta è indispensabile: Che tutti i partecipanti siano collegati ad una rete intranet o internet Essere collegati ad una infrastruttura PKI funzionante Utilizzare un metodo di trasferimento sicuro (SSL) La nostra tesi nasce proprio come sviluppo a livello software del progetto di delocalizzazione. Nei prossimi capitoli si approfondirà il progetto MiRo, sottolineando la sua grande flessibilità ed efficacia per i sistemi di teleconsulto e telerefertazione

19 CAP. 2 PROGETTO MIRO CAPITOLO 2 PROGETTO MIRO Descrizione dell architettura del Progetto MiRo, spiegazione del funzionamento delle varie parti del sistema: repository, medico e laboratorio. Soluzioni tecniche adottate. 2.1 Finalità 2.2 Architettura Generale Repository Laboratorio Medico 2.3 Soluzioni Tecniche Comunicazione sicura Messaggi SOAP

20 CAP. 2 PROGETTO MIRO 2.1 FINALITÀ Il progetto MiRo nasce dalla collaborazione tra l Università Politecnica delle Marche con l azienda ASUR Marche zona 7 di Ancona, come sviluppo del progetto che l ASUR aveva sulla delocalizzazione della refertazione diagnostica. L obbiettivo del nostro progetto era quello fornire all azienda sanitaria locale, un prodotto flessibile che implementasse un servizio di refertazione asincrono; cioè in grado di separare non solo da un punto di vista temporale, ma anche da quello spaziale, l esecuzione dell esame dalla refertazione dello stesso. Fig. 2.1 Contesto di lavoro

21 CAP. 2 PROGETTO MIRO Tutto ciò doveva essere fatto garantendo un livello di sicurezza e di affidabilità, del trattamento del dato clinico, accettabile. Lo scopo di MiRo è stato creare un applicazione software completa in grado di gestire l intero processo di telerefertazione e di teleconsulto. Fig. 2.2 Introduzione di Miro

22 CAP. 2 PROGETTO MIRO 2.2 ARCHITETTURA GENERALE Il primo passo fatto nel progettare MiRo (così si chiama il progetto) è stato cercare di capire come si dovesse integrare con il sistema informativo sanitario già esistente; la prima ipotesi semplificativa adottata è stata quella di creare una piattaforma flessibile per lo sviluppo di servizi sanitari che avesse un architettura orientata ai servizi. Si è pensato di creare una struttura semplice, basata su standard diffusi e riconosciuti, come Internet, in modo da creare le basi per facilitare le applicazioni sia in ambito sanitario a livello di personale medico che in futuro direttamente ai cittadini. MiRo si basa sul concetto di evento, questo aspetto rappresenta il punto focale dell intero sistema. L effettuazione di un esame presso un laboratorio (qualsiasi, di una qualunque struttura ospedaliera) e la conseguente archiviazione del dato in forma digitale genera ciò che viene chiamato evento. L evento non è il dato clinico vero e proprio ma rappresenta una sorta di meta-dato-clinico del dato digitale prelevato in laboratorio. Esso consiste in una serie di informazioni che riguardano il dato digitale prodotto dall evento come ad esempio: l unità erogante il dato, la data e l ora dell esame, la struttura che l ha prodotto, il codice

23 CAP. 2 PROGETTO MIRO impegnativa, il link da dove si può scaricare il dato, lo stato ecc. Ogni evento quindi viene immagazzinato all interno di un apposito raccoglitore, definito repository, che costituisce il cuore del sistema e che contiene la definizione del legame tra evento ed esame. Qualsiasi esame che può essere memorizzato in forma digitale può essere associato ad un evento, in questo modo siamo riusciti a dare a MiRo una certa flessibilità ed adattabilità che venivano richieste in fase di progettazione. In figura è mostrata l architettura generale di MiRo dove si notano i tre attori principali del sistema: Repository Laboratories Doctors Fig. 2.3 Architettura generale di MiRO

24 CAP. 2 PROGETTO MIRO Il cuore del sistema è rappresentato dal Repository centrale offerto da un azienda o da un ente erogante (vedi ASUR), il quale si impegna nel corretto funzionamento dell intero sistema di refertazione e nella manutenzione dello stesso. A destra del repository troviamo il laboratorio, cioè la struttura che usufruisce del servizio per generare gli eventi dovuti all acquisizione dei dati digitali di un esame clinico. A sinistra del repository si trova colui che scrive il referto ossia il medico o un equipe di medici specializzati, i quali pubblicano il proprio referto autenticandolo con la propria firma digitale Repository La struttura del sistema prevede la presenza di un repository centrale, altro non è che un database relazionale nel quale vengono memorizzati le informazioni relativi ai dati digitali prodotti nei laboratori. Un record di questo repository costituisce quello che noi chiamiamo evento Fig. 2.4; l evento rappresenta una sorta di meta-dato informativo riguardante il dato digitale prodotto nei laboratori

25 CAP. 2 PROGETTO MIRO Fig. 2.4 Struttura Dati Le informazioni che vengono registrate sono data e ora dell inserimento nella base dati, il tipo di esame eseguito e il laboratorio in cui è stato effettuato, informazioni sulla provenienza della richiesta di prestazione sanitaria e il percorso (pathname) dove recuperare l esame o meglio il dato digitale riguardante l esame vero e proprio. Dopo lunghe fasi di consultazioni con l azienda sanitaria si è ritenuto opportuno organizzare il record in questa maniera, in modo da render semplici ed accessibili le informazioni principali riguardanti un esame. Da notare che non vengono mai registrate le informazioni relative al paziente, infatti il nostro primo obbiettivo è quello di fornire un servizio di refertazione che abbia la possibilità di concedere second opinion. Tuttavia non viene concesso un servizio di diagnosi, per il quale

26 CAP. 2 PROGETTO MIRO sarebbe necessario un trattamento dei dati sensibili del paziente. Tutto ciò rende molto flessibile la struttura eliminando i problemi riguardanti la privacy Laboratorio La seconda figura che viene presa in esame è il laboratorio, con questo termine intendiamo qualsiasi struttura sanitaria abbia necessità di farsi refertare un esame; potrebbe essere un laboratorio radiologico, analisi, epidemiologico oppure un autoambulanza con apposita apparecchiatura, una piattaforma petrolifera (anche essa con i giusti strumenti)ecc. Noi chiameremo, in tutti i nostri discorsi tutte queste unità con la definizione di laboratorio. Il laboratorio apre un evento cioè una volta effettuato un esame e ottenuto il dato digitale sia in maniera diretta o tramite passaggi di discretizzazione, si collega al web service dell ente fornitrice il servizio (nel nostro caso ASUR Marche zona 7) e tramite un opportuna interfaccia inserisce i dati relativi all esame fatto nel data base centrale. In questo modo il dato digitale presente nel laboratorio diventa accessibile e pronto per essere refertato da parte degli altri attori di questo sistema, i dottori o meglio il personale specializzato. Una volta generato l evento (scrittura nel database centrale), il laboratorio si pone in una posizione di

27 CAP. 2 PROGETTO MIRO monitoraggio, ossia controlla tutte le varie fasi di refertazione che l evento da lui generato subisce, fino a che non ritiene soddisfatta la sua richiesta. A questo punto il laboratorio dichiara chiuso l evento così termina la fase di refertazione; solo chi ha inoltrato la richiesta può terminare il processo di refertazione, così il servizio è completo. Tutto ciò garantisce e rispetta in pieno uno degli obbiettivi principali del progetto MiRo la grande flessibilità e adattabilità per ogni tipo di struttura dei servizi sanitari. Fig. 2.5 Flusso di operazioni Lab. vs Rep Medico Una volta che il laboratorio apre l evento e quindi va ad aggiungere un record al Repository centrale, effettua una richiesta di refertazione all altra figura che compare nell

28 CAP. 2 PROGETTO MIRO architettura di MiRo: i medici o per meglio dire il personale specializzato. Ogni medico, effettuando l accesso tramite un semplice web browser (es Internet Explorer) accede al web service centrale dove tramite opportune interfacce user friendly verranno mostrati, solo gli eventi che ogni medico è in grado di refertare, questo perché in generale noi stiamo parlando di specialisti in particolari discipline mediche. Fig. 2.6 Flusso di operazioni Doc. vs Rep. Ad ogni dottore viene visualizzata una form dove sono presenti data e ora di inserzione nel database, il laboratorio che l ha creata, lo stato dell esame( aperto, refertato, chiuso)e infine il download ossia la possibilità di scaricarsi il dato ottenuto in laboratorio sul proprio pc, per poi poter visualizzarlo e conseguentemente refertarlo. Quando il medico decide di refertare gli appare una form dove può scrivere il suo referto e contemporaneamente può leggere i referti emessi dagli altri medici, in questo modo si

29 CAP. 2 PROGETTO MIRO viene a creare un meccanismo definito second opinion (uno degli obbiettivi di partenza del nostro lavoro). Un altro aspetto fondamentale che riguarda il medico è la firma digitale. Una volta scritto il referto il medico deve, tramite certificato digitale firmare il referto in modo da garantire a tutti gli operatori del sistema la propria identità e veriticità. Ciò se basta a confermare chi ha redatto il referto non da certezze su quando il referto sia stato fatto e firmato; quindi una volta scritto, il referto firmato deve essere spedito ad un web service esterno chiamato Time Stamp Service il quale sancirà in modo inequivocabile l istante temporale in cui il dottore ha sottomesso il referto al sistema. Il web service Time Stamp rimanderà al medico il referto con il Time Stamp e il medico lo spedirà al repository centrale che lo immagazzinerà. Fig. 2.7 Flusso di operazioni

30 CAP. 2 PROGETTO MIRO In questo modo si offrono le garanzie necessarie sulla fase di refertazione. Fig. 2.8 Fase di Refertazione

31 CAP. 2 PROGETTO MIRO 2.3 SOLUZIONI TECNICHE MiRo è un applicazione object-oriented basata su internet che fa uso di database relazionali per memorizzare i dati. Questa applicazione, basata su un modello client server viene eseguita all interno di un web browser standard utilizzando la Java Virtual Machine, riducendo in maniera significativa i tempi e le difficoltà di configurazione dei client. Questo è un requisito fondamentale specialmente in ambiente remoto. MiRo è un sistema che si basa su di un architettura orientata ai servizi, implementata attraverso Web Services, i quali stanno diventando uno standard de facto per quanto riguarda la distribuzione di servizi all interno di un ambiente eterogeneo come Internet. I Web Services offrono un insieme di standard di comunicazione che permettono a diverse applicazioni di scambiarsi dati e servizi applicativi. Tutto ciò garantisce la massima accessibilità da parte degli operatori. L architettura prescelta e quella delineata da Java 2 Standard Edition di Sun e gli strumenti di sviluppo sono: Eclipse 3.1 come piattaforma di sviluppo Apache Axis e Java Servlet per la realizzazione dei web service Apache Struts e Java Sever Pages per le interfacce web

32 CAP. 2 PROGETTO MIRO Data la sua architettura così generica il sistema può operare su qualsiasi piattaforma che supporti i web services realizzati in Java. I database supportati sono tutti quelli con interfacce JDBC (nel nostro caso MySQL). I client possono accedere in qualsiasi momento per consultazione o inserimento dati utilizzando un comune Web Browser. Ogni operatore accederà a funzionalità diverse del sistema sulla base del proprio profilo professionale COMUNICAZIONE SICURA Un aspetto al quanto fondamentale che è stato oggetto di studio e di progettazione nel nostro lavoro, è rappresentato dalla comunicazione sicura e dal mutuo riconoscimento. Anche se, come detto precedentemente, in questo lavoro non vengono mai trattati i dati sensibili relativi ai pazienti (ossia le informazioni personali), la sicurezza delle comunicazioni all interno del sistema svolge un ruolo fondamentale, perché la struttura è stata pensata e sviluppata per applicazioni che si basano su Internet, rete insicura per sua natura, si è reso necessario utilizzare il protocollo di comunicazione https che rappresenta l equivalente del classico http, dove le informazioni viaggiano in maniera criptata; le transazioni effettuate vengono

33 CAP. 2 PROGETTO MIRO criptate tramite lo standard SSL con mutuo riconoscimento. Alla base di una comunicazione sicura, è necessario un riconoscimento di entrambi i partecipanti alla conversazione. Tutto ciò è stato possibile attraverso l utilizzo di certificati digitali, che garantiscano l identità di chi si collega al sistema. Il certificato digitale rappresenta una sorta di carta identità elettronica per chi si aggancia al sistema. Tramite l utilizzo della tecnologia SSL e dei certificati vengono soddisfatti i quattro requisiti fondamentali per la sicurezza: Autenticazione: garanzia che l utente sia chi dichiara di essere. Ottenuta grazie al certificato ed agli Username e Password. Confidenzialità: garanzia che i dati possono essere letti esclusivamente dall utente autorizzato. Ottenuta grazie ai certificati. Integrità: garanzia che le informazioni non vengano modificate durante la trasmissione. Ottenuta grazie alla crittografia. Non-ripudiazione: garanzia che chi utilizza il programma tramite il certificato se ne assuma le responsabilità

34 CAP. 2 PROGETTO MIRO Messaggi SOAP La comunicazione all interno del sistema, avviene con scambio di messaggi SOAP. I dati si inviano come allegati ai messaggi SOAP, abbiamo scelto questa tecnica per lo scambio di informazione perché avendo come obbiettivo quello di creare una struttura in grado di adattarsi a qualsiasi tipo di esame, era importante avere la possibilità di scambiare messaggi di dimensioni variabili, in questo modo abbiamo raggiunto tale obbiettivo. Ad esempio, un dato proveniente da un laboratorio radiologico produce dei file Dicom di dimensioni che si aggirano attorno ai 40 Mb (dipende dall esame), con questo sistema non si sono verificati problemi di trasmissione dei pacchetti. Una cosa importante da notare è che per implementare questa struttura si ha bisogno di una rete a larga banda che consenta le transizioni di file di dimensione variabile

35 CAP. 3 MUTUO RICONOSCIMENTO E INTERFACCE GRAFICHE CAPITOLO 3 MUTUO RICONOSCIMENTO E INTERFACCE GRAFICHE Analisi degli attori principali dell architettura, dal laboratorio al medico. 3.1 Laboratorio Web Service laboratorio Mutuo Riconoscimento Interfacce grafiche 3.2Medico Mutuo Riconoscimento Interfacce grafiche Firma del referto

36 CAP. 3 MUTUO RICONOSCIMENTO E INTERFACCE GRAFICHE 3.1 LABORATORIO Il laboratorio come visto in precedenza rappresenta uno degli attori fondamentali del nostro sistema. E qui che viene effettuato l esame e dove viene memorizzato il dato digitale, ed è qui che si chiude l intero arco del processo dove termina la fase di refertazione Web Service Laboratorio Fig. 3.1 Struttura del Web Service Laboratory Anche il laboratorio ha bisogno di un web service che mette a disposizione una serie di metodi (quelli in colore giallo) per lo scambio dei messaggi con il repository centrale

37 CAP. 3 MUTUO RICONOSCIMENTO E INTERFACCE GRAFICHE Mutuo Riconoscimento Una volta effettuato l accesso tramite un semplice web browser( ad esempio internet explorer) il sistema tramite l utilizzo dei certificati digitali effettua il riconoscimento del laboratorio che ha compiuto l accesso. Ciò avviene tramite l estrapolazione del common name dal certificato il quale viene confrontato con il dato presente nella tabella tm_utenti nel campo utn_cn, se il confronto ha esito positivo il sistema effettuerà un accesso guidato all interno del repository, visualizzando tramite opportune interfacce solo i dati relativi agli eventi ad esso connessi Interfacce grafiche Il sistema offre al client del laboratorio dell interfacce user-friendly di facile utilizzo. Le varie form sono state create tramite tecnologia jsp con l ausilio del tool struts (entrambi questi prodotti verranno spiegati successivamente). L interfaccia per l inserimento dei dati da parte del laboratorio nel repository è la seguente:

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE

UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Dipartimento di Elettronica, Intelligenza Artificiale e Telecomunicazioni UN ARCHITETTURA SOFTWARE COMPLETA

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP

Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Introduzione al linguaggio Java: Servlet e JSP Corso di Gestione della Conoscenza d Impresa A. A. 2006/2007 Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari 1 Servlet e JSP: il contesto Un applicazione

Dettagli

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Dipartimento di Elettronica, Intelligenza Artificiale e Telecomunicazioni UN ARCHITETTURA SOFTWARE COMPLETA

Dettagli

Progettazione e realizzazione di un middleware client-server per servizi di telerefertazione online

Progettazione e realizzazione di un middleware client-server per servizi di telerefertazione online UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Dipartimento di Elettronica, Intelligenza Artificiale e Telecomunicazioni Progettazione e realizzazione

Dettagli

APPENDICE A Servlet e Java Server Page

APPENDICE A Servlet e Java Server Page APPENDICE A Servlet e Java Server Page A.1 Cosa è una Servlet e come funziona Una servlet è un particolare tipo di applicazione Java, in grado di essere eseguita all'interno di un web server e di estenderne

Dettagli

Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E.

Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E. Il Web, HTML e Java Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Progetto S.C.E.L.T.E. Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Bologna, 08/02/2010 Outline Da applicazioni concentrate a distribuite Modello

Dettagli

JavaServer Pages: Introduzione

JavaServer Pages: Introduzione JavaServer Pages: Introduzione Gianluca Moro gianluca.moro@unibo.it Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università di Bologna Sistemi reali in JSP!! ofoto.com: stampa e gestisce foto

Dettagli

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro Architetture per le applicazioni web-based Mario Cannataro 1 Sommario Internet e le applicazioni web-based Caratteristiche delle applicazioni web-based Soluzioni per l architettura three-tier Livello utente

Dettagli

Laboratorio di reti II: Java Server Pages

Laboratorio di reti II: Java Server Pages Laboratorio di reti II: Java Server Pages Stefano Brocchi brocchi@dsi.unifi.it 6 aprile, 2009 Stefano Brocchi Laboratorio di reti II: Java Server Pages 6 aprile, 2009 1 / 34 JSP - Java Server Pages Le

Dettagli

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica.

La Sicurezza delle Reti. La Sicurezza delle Reti. Il software delle reti. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica. Sistemi e tecnologie per la multimedialità e telematica Fabio Burroni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Siena burronif@unisi unisi.itit La Sicurezza delle Reti La presentazione

Dettagli

Applicazione: PATTO DI STABILITA INTERNO

Applicazione: PATTO DI STABILITA INTERNO Applicazione: PATTO DI STABILITA INTERNO Documento Regole del sito web dell Applicativo Documento aggiornato al 31 maggio 2013 Introduzione Ai fini della trasmissione, aggiornamento e visualizzazione dei

Dettagli

Strumenti per lo sviluppo del software

Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software Strumenti per lo sviluppo del software Lo sviluppo del software è l attività centrale del progetto e ha lo scopo di produrre il codice sorgente che, una volta compilato e messo

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

Allegato 1 - ACCESSO WEB/16 Modalità di accreditamento al sistema web e modifica anagrafica

Allegato 1 - ACCESSO WEB/16 Modalità di accreditamento al sistema web e modifica anagrafica Allegato 1 - ACCESSO WEB/16 Modalità di accreditamento al sistema web e modifica anagrafica Ai fini della trasmissione, aggiornamento e visualizzazione dei modelli previsti dalle norme che disciplinano

Dettagli

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori

Appl. di emissione PKCS#11. API (Metacomandi) Resource Manager Windows. Drivers PC/SC dei lettori Roma, 30 gennaio 2003 La realtà della carta di identità elettronica (nel seguito CIE) e della carta nazionale dei servizi (nel seguito CNS) rende ineluttabile l individuazione di servizi da erogare in

Dettagli

Architetture Web: un ripasso

Architetture Web: un ripasso Architetture Web: un ripasso Pubblicazione dinamica di contenuti. Come si fa? CGI Java Servlet Server-side scripting e librerie di tag JSP Tag eseguiti lato server Revisione critica di HTTP HTTP non prevede

Dettagli

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer

Tecnologie per il Web. Il web: Architettura HTTP HTTP. SSL: Secure Socket Layer Tecnologie per il Web Il web: architettura e tecnologie principali Una analisi delle principali tecnologie per il web Tecnologie di base http, ssl, browser, server, firewall e proxy Tecnologie lato client

Dettagli

ALLEGATO ACCESSO WEB REGOLE TECNICHE

ALLEGATO ACCESSO WEB REGOLE TECNICHE ALLEGATO ACCESSO WEB REGOLE TECNICHE Ai fini della trasmissione e della visualizzazione delle richieste di prelevamento fondi dai conti correnti aperti presso la Tesoreria centrale, sono state predisposte

Dettagli

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP

Lezione di Basi di Dati 1 18/11/2008 - TECNOLOGIE PER IL WEB: CGI - AJAX SERVLETS & JSP EVOLUZIONE DEL WEB: PAGINE STATICHE vs PAGINE DINAMICHE Il Web è nato a supporto dei fisici, perché potessero scambiare tra loro le informazioni inerenti le loro sperimentazioni. L HTTP è nato inizialmente

Dettagli

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA

Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Oggetto: MASTER DI ALTA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN PROGRAMMATORE JAVA PARTECIPAZIONE GRATUITA Salerno Formazione, società operante nel settore della didattica, della formazione professionale e certificata

Dettagli

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it

Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it Flavio De Paoli depaoli@disco.unimib.it 1 Il web come architettura di riferimento Architettura di una applicazione web Tecnologie lato server: Script (PHP, Pyton, Perl), Servlet/JSP, ASP Tecnologie lato

Dettagli

GRAM 231. Global Risk Assessment & Management. Approccio metodologico ed informatico all applicazione del D.Lgs. 231/2001

GRAM 231. Global Risk Assessment & Management. Approccio metodologico ed informatico all applicazione del D.Lgs. 231/2001 GRAM 231 Global Risk Assessment & Management Approccio metodologico ed informatico all applicazione del D.Lgs. 231/2001 Sommario Proposta di applicazione pratica... 3 Quadro normativo... 3 Una soluzione...

Dettagli

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services

Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto di Calcolo e Reti ad Alte Prestazioni Integrazione di Sistemi Informativi Sanitari attraverso l uso di Middleware Web Services I. Marra M. Ciampi RT-ICAR-NA-06-04

Dettagli

Framework di Middleware. per Architetture Enterprise

Framework di Middleware. per Architetture Enterprise Framework di Middleware per Architetture Enterprise Corso di Ingegneria del Software A.A.2011-2012 Un po di storia 1998: Sun Microsystem comprende l importanza del World Wide Web come possibile interfaccia

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione

Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL. Fisica dell Informazione Comunicazioni sicure su Internet: https e SSL Fisica dell Informazione Il servizio World Wide Web (WWW) Come funziona nel dettaglio il Web? tre insiemi di regole: Uniform Resource Locator (URL) Hyper Text

Dettagli

Rilevazione automatizzata delle timbrature di presenza

Rilevazione automatizzata delle timbrature di presenza Direzione Servizi Interni Rilevazione automatizzata delle timbrature di presenza MANUALE DI UTILIZZO DELLA PROCEDURA TIMBR@WEB Versione 2.0 del 09 Gennaio 2012 A cura di Luigi D Elia SOMMARIO ACCESSO ALL

Dettagli

Tipi fondamentali di documenti web

Tipi fondamentali di documenti web Tipi fondamentali di documenti web Statici. File associati al web server il cui contenuto non cambia. Tutte le richieste di accesso conducano alla visualizzazione della stessa informazione. Dinamici. Non

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag. 1/1 Sessione ordinaria 2010 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: INFORMATICA

Dettagli

WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL. Manuale Programmatore

WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL. Manuale Programmatore WEBGATE400 ACTIVEX CONTROL Manuale Programmatore Pagina 1 SOMMARIO Webgate400 ActiveX Control... 3 1 A Chi è destinato... 3 2 Pre requisiti... 3 3 Introduzione... 3 3.1 Requisiti di sistema... 3 3.2 Distribuzione

Dettagli

DEL SENDER GUIDA INTEGRATIVA ALL INSTALLAZIONE. Versione N.1.0. Data 11/05/2009. Sender - Guida integrativa alla installazione

DEL SENDER GUIDA INTEGRATIVA ALL INSTALLAZIONE. Versione N.1.0. Data 11/05/2009. Sender - Guida integrativa alla installazione GUIDA INTEGRATIVA ALL INSTALLAZIONE DEL SENDER Versione N.1.0 Data 11/05/2009 Versione 1.0, Data emissione 11/05/2009 Pag. 1 di 15 Revisione Capitolo Modifica Data 1.0 Prima Emissione 11/05/2009 Versione

Dettagli

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine

Siti interattivi e dinamici. in poche pagine Siti interattivi e dinamici in poche pagine 1 Siti Web interattivi Pagine Web codificate esclusivamente per mezzo dell HTML non permettono alcun tipo di interazione con l utente, se non quella rappresentata

Dettagli

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP

CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP CORSO WEB SERVER, DBMS E SERVER FTP DISPENSA LEZIONE 1 Autore D. Mondello Transazione di dati in una richiesta di sito web Quando viene effettuata la richiesta di un sito Internet su un browser, tramite

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE

CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE CONCETTI DI NAVIGAZIONE IN RETE Internet (La rete delle reti) è l insieme dei canali (linee in rame, fibre ottiche, canali radio, reti satellitari, ecc.) attraverso cui passano le informazioni quando vengono

Dettagli

Servizio di Posta elettronica Certificata. Procedura di configurazione dei client di posta elettronica

Servizio di Posta elettronica Certificata. Procedura di configurazione dei client di posta elettronica Pag. 1 di 42 Servizio di Posta elettronica Certificata Procedura di configurazione dei client di posta elettronica Funzione 1 7-2-08 Firma 1)Direzione Sistemi 2)Direzione Tecnologie e Governo Elettronico

Dettagli

RenderCAD S.r.l. Formazione

RenderCAD S.r.l. Formazione Corso Descrizione La durata di questo corso è complessivamente di ore 150 di cui 85 ore di teoria, 35 ore di pratica e 30 ore di stage in azienda. Nel nostro territorio esiste una richiesta di tale figura,

Dettagli

DD - Design Document

DD - Design Document Politecnico di Milano Progetto di Ingegneria del Software 2 DD - Design Document Autori: Claudia Foglieni Giovanni Matteo Fumarola Massimo Maggi Professori: Elisabetta Di Nitto Raffaela Mirandola 1 gennaio

Dettagli

21/02/2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE CERTIFICATI VERSIONE 1.0

21/02/2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE CERTIFICATI VERSIONE 1.0 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 39 INDICE 1. PREMESSA 4 2. INSTALLAZIONE 5 3. ESECUZIONE 6 4. STRUTTURA DELLE CARTELLE 7 5. CARATTERISTICHE GENERALI DELL

Dettagli

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili http://213.26.67.117/ce_test Guida all uso del servizio Internet On-Line CASSA EDILE NUOVA INFORMATICA Software prodotto da Nuova Informatica srl Pag. 1 Il Servizio

Dettagli

Come funziona internet

Come funziona internet Come funziona internet Architettura client server URL/URI Richiesta (Request) Risposta (Response) Pagina url e uri Uno Uniform Resource Identifier (URI, acronimo più generico rispetto ad "URL") è una stringa

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Session tracking Session tracking HTTP: è stateless, cioè non permette di associare una sequenza di richieste ad un dato utente. Ciò vuol dire che, in generale, se un browser richiede una specifica pagina

Dettagli

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04

Architetture Web. parte 1. Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web parte 1 Programmazione in Ambienti Distribuiti A.A. 2003-04 Architetture Web (1) Modello a tre livelli in cui le interazioni tra livello presentazione e livello applicazione sono mediate

Dettagli

COGITEK s.r.l. Via Fregene, 14 00183 ROMA Tel. 0689820236 Fax. 0689820213 Cod. Fisc. e Part. IVA 06012550015 Cap. Soc. 70.000 i.v.

COGITEK s.r.l. Via Fregene, 14 00183 ROMA Tel. 0689820236 Fax. 0689820213 Cod. Fisc. e Part. IVA 06012550015 Cap. Soc. 70.000 i.v. Sommario 1. I presupposti di GRAM AUDIT... 4 2. I vantaggi di GRAM AUDIT... 4 3. Aspetti metodologici alla base del Modello... 5 3.1. La gestione degli utenti... 5 3.2. La composizione del Piano di Audit

Dettagli

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP

Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP Corso di Sistemi Distribuiti Prof. S. Balsamo Seminario di Sistemi Distribuiti: RPC su SOAP [ 777775] 1 INTRODUZIONE 3 2 RPC 3 3 SOAP (SIMPLE OBJECT ACCESS PROTOCOL) 3 4 UTILIZZO DI SOAP COME PROTOCOLLO

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

Sme.UP Web Application

Sme.UP Web Application Sme.UP Web Application Web Application Web.UP Una interfaccia web per i vostri dati gestionali Il modulo applicativo Web.UP fornisce al progettista di siti Internet una serie di potenti strumenti per l'integrazione

Dettagli

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi

Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Seminari Eucip, Esercizio e Supporto di Sistemi Informativi Servizi di Dipartimento di Informtica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Sicurezza su Sicurezza della La Globale La rete è inerentemente

Dettagli

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50

Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE. JCreator LE 4.50 Guida all uso dell ambiente di sviluppo 1 integrato o IDE JCreator LE 4.50 Inizializzazione: creazione del nuovo progetto e del file sorgente in ambiente JCreator Al lancio del programma si apre la finestra

Dettagli

MANUALE UTENTE CARESTUDIO 2.0

MANUALE UTENTE CARESTUDIO 2.0 MANUALE UTENTE CARESTUDIO 2.0 Documento tecnico Pag. 1 di 19 Indice 1. Introduzione... 3 2. Accesso al sistema... 4 3. Gestione Cartella e Prescrizione... 6 3.1 Identificazione dell assistito... 7 3.2

Dettagli

Facendo clic su parole, immagini e icone si può passare da un sito all'altro.

Facendo clic su parole, immagini e icone si può passare da un sito all'altro. I browser Introduzione Facendo clic su parole, immagini e icone si può passare da un sito all'altro. Ogni pagina web è un documento ipertestuale, caratterizzato da un proprio indirizzo denominato URL (Uniform

Dettagli

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013

Corso di HTML. Prerequisiti. Modulo L3. 1-Concetti generali. Browser Rete Internet Client e server. M. Malatesta 1-Concetti generali-12 28/07/2013 Corso di HTML Modulo L3 1-Concetti generali 1 Prerequisiti Browser Rete Internet Client e server 2 1 Introduzione In questa Unità introduciamo alcuni semplici elementi del linguaggio HTML, con il quale

Dettagli

Come funziona il WWW. Architettura client-server. Web: client-server. Il protocollo

Come funziona il WWW. Architettura client-server. Web: client-server. Il protocollo Come funziona il WWW Il funzionamento del World Wide Web non differisce molto da quello delle altre applicazioni Internet Anche in questo caso il sistema si basa su una interazione tra un computer client

Dettagli

Data Emissione: 31/01/2012 Codice Doc: Manuale_Operatore Emesso da: Verificato da: Approvato da: Accettato da:

Data Emissione: 31/01/2012 Codice Doc: Manuale_Operatore Emesso da: Verificato da: Approvato da: Accettato da: Sistema Informativo per la Gestione dei ticket Manuale utente Data Emissione: 31/01/2012 Codice Doc: Manuale_Operatore Emesso da: Verificato da: Approvato da: Accettato da: Sistema Informativo per la Gestione

Dettagli

Profim2000 Rete (Guida operativa)

Profim2000 Rete (Guida operativa) Profim2000 Rete (Guida operativa) :: INDICE :: 1 INSTALLAZIONE... 3 1.1 REQUISITI MININI... 3 1.2 VERIFICA IMPOSTAZIONI NUMERO DI ISCRIZIONE ALL ORDINE... 3 1.3 PRELEVAMENTO DEL FILE DI INSTALLAZIONE...

Dettagli

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1)

Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Pagina 1 di 10 Architetture Web a tre livelli: CGI, SSI, ISAPI e codice mobile Architetture a 3 livelli (1) Nel corso della lezione precedente abbiamo analizzato le caratteristiche dell'architettura CGI.

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)

GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0) GUIDA UTENTE INTERNET CAFE MANAGER (Vers. 5.2.0)...1 Installazione e configurazione...2 Installazione ICM Server...3 Primo avvio e configurazione di ICM

Dettagli

Appunti di Informatica Gestionale per cl. V A cura del prof. ing. Mario Catalano. Internet e il Web

Appunti di Informatica Gestionale per cl. V A cura del prof. ing. Mario Catalano. Internet e il Web Appunti di Informatica Gestionale per cl. V A cura del prof. ing. Mario Catalano Internet e il Web 1 Internet Internet è un insieme di reti informatiche collegate tra loro in tutto il mondo. Tramite una

Dettagli

2 - Introduzione al linguaggio Java

2 - Introduzione al linguaggio Java 2 - Introduzione al linguaggio Java Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo

Dettagli

Programmazione Java Avanzata

Programmazione Java Avanzata Programmazione Java Avanzata Introduzione a Servlet e Struts 2 Ing. Giuseppe D'Aquì 1 Testi Consigliati Java Enterprise in a nutshell, 3 rd edition (O'Reilly) Struts 2 in Action Brown, Davis, Stanlick

Dettagli

Java Server Pages. Corso di Applicazioni Telematiche. A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico

Java Server Pages. Corso di Applicazioni Telematiche. A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico Java Server Pages Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.18 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Java Server Pages (JSP) Java Server

Dettagli

Web Services Dogane LINEE GUIDA

Web Services Dogane LINEE GUIDA Web Services Dogane LINEE GUIDA Pagina 1 di 17 Indice Indice... 2 1. INTRODUZIONE... 3 2. TEST FUNZIONALI SUI WEB SERVICES... 8 3. SICUREZZA... 14 4. FIRMA... 14 5. TRASFORMAZIONE CERTIFICATO DI FIRMA...

Dettagli

Addetto all ufficio informatizzato

Addetto all ufficio informatizzato 0RGXOR Addetto all ufficio informatizzato 3UHUHTXLVLWL Nessuno 2VVHUYD]LRQL LQWURGXWWLYH 5LVXOWDWR DWWHVR $WWLYLWj Il corso è articolato in cinque moduli, ognuno dei quali è strutturato in modo da rendere

Dettagli

Manuale di Attivazione. Edizione Novembre 2008

Manuale di Attivazione. Edizione Novembre 2008 Manuale di Attivazione Edizione Novembre 2008 Manuale attivazione Internet Banking - 2008 INDICE 1. REQUISITI PRELIMINARI...3 2. DATI PER L ACCESSO AL SERVIZIO...4 2.1 UTENTI CHE UTILIZZANO IL CERTIFICATO

Dettagli

INDICE. 1 Scopo del documento... 2. 2 Passi da seguire... 3. 3 Materiale consegnato al momento dell abilitazione... 6

INDICE. 1 Scopo del documento... 2. 2 Passi da seguire... 3. 3 Materiale consegnato al momento dell abilitazione... 6 11 gennaio 2007 INDICE 1 Scopo del documento... 2 2 Passi da seguire... 3 3 Materiale consegnato al momento dell abilitazione... 6 4 Caratteristiche minime della postazione... 7 5 Virtual Machine Java...

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER 19. LA PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Introduciamo uno pseudocodice lato server che chiameremo Pserv che utilizzeremo come al solito per introdurre le problematiche da affrontare, indipendentemente dagli specifici

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

MANUALE INSTALLAZIONE A.D.P. BILANCIO & BUDGET

MANUALE INSTALLAZIONE A.D.P. BILANCIO & BUDGET MANUALE INSTALLAZIONE A.D.P. BILANCIO & BUDGET Sommario AVVERTENZE...1 INSTALLAZIONE...5 AGGIORNAMENTO DI VERSIONE...6 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...7 CONFIGURAZIONE...7 DATABASE SUPPORTATI...7 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Politecnico di Milano

Politecnico di Milano 1 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Progetto di Ingegneria del Software 2: SWIMv2 Prof.ssa Mirandola Raffaella A.A 2012/2013 SWIMv2: Small World hypotesis Machine v2 Realizzato

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 1. Introduzione a Internet e al WWW Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi B6_1 V1.7. JSP parte A

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi B6_1 V1.7. JSP parte A Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi B6_1 V1.7 JSP parte A Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale e

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

4. AUTENTICAZIONE DI DOMINIO

4. AUTENTICAZIONE DI DOMINIO 4. AUTENTICAZIONE DI DOMINIO I computer di alcuni laboratori dell'istituto sono configurati in modo da consentire l'accesso solo o anche ad utenti registrati (Workstation con autenticazione di dominio).

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.1009 Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Caratteristiche generali

Caratteristiche generali Caratteristiche generali Tecnologie utilizzate Requisiti software/hardware Modalità di installazione del database del PSDR INSTALLAZIONE PSDR Installazione on-line Installazione off-line Primo avvio Riservatezza

Dettagli

Appendice D. D. Web Services

Appendice D. D. Web Services D. D.1 : cosa sono I cosiddetti sono diventati uno degli argomenti più attuali nel panorama dello sviluppo in ambiente Internet. Posti al centro delle più recenti strategie di aziende del calibro di IBM,

Dettagli

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI DISPONIBILI IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Web Link Monitor... 2 2 Database Browser... 4 3 Network Monitor... 5 4 Ghost Site... 7 5 Copy Search... 9 6 Remote Audio Video

Dettagli

APPENDICE B Le Active Server Page

APPENDICE B Le Active Server Page APPENDICE B Le Active Server Page B.1 Introduzione ad ASP La programmazione web è nata con la Common Gateway Interface. L interfaccia CGI tuttavia presenta dei limiti: ad esempio anche per semplici elaborazioni

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 27 Marzo 2012 Architetture Architetture Web Protocolli di Comunicazione Il Client Side

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Traduzione ed esecuzione di programmi. Dispensa 08

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Traduzione ed esecuzione di programmi. Dispensa 08 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 08 Traduzione ed esecuzione di programmi Traduzione ed esecuzione di programmi 1 Nota bene Alcune parti del presente materiale didattico

Dettagli

Sistema di Refertazione Remota per Esami ECG

Sistema di Refertazione Remota per Esami ECG Sistema di Refertazione Remota per Esami ECG Referti Referti Centro di Refertazione ECG Internet ECG Il sistema ha lo scopo di consentire la refertazione remota di esami ECG acquisiti dalle unità periferiche

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved WEB TECHNOLOGY Il web connette LE persone Indice «Il Web non si limita a collegare macchine, ma connette delle persone» Il Www, Client e Web Server pagina 3-4 - 5 CMS e template pagina 6-7-8 Tim Berners-Lee

Dettagli

ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL

ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL 1 Introduzione Il mondo del Web ha assunto negli ultimi anni una forza dirompente su tutti i fronti della comunicazione e della

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Introduzione al Web WWW World Wide Web CdL Economia A.A. 2012/2013 Domenica Sileo Università degli Studi della Basilicata Introduzione al Web : WWW >> Sommario Sommario 2 n World

Dettagli

IN-CHF on line Procedura di Installazione

IN-CHF on line Procedura di Installazione IN-CHF on line IN-CHF on line Procedura di Installazione Heart Care Foundation onlus www.heartcarefound.org Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri www.anmco.it Centro Studi ANMCO Firenze

Dettagli

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO

MetaMAG METAMAG 1 IL PRODOTTO METAMAG 1 IL PRODOTTO Metamag è un prodotto che permette l acquisizione, l importazione, l analisi e la catalogazione di oggetti digitali per materiale documentale (quali immagini oppure file di testo

Dettagli

Copyright A&D future. La filosofia di MODELPROD per la Sanità tende alla rivalutazione della

Copyright A&D future. La filosofia di MODELPROD per la Sanità tende alla rivalutazione della Commento Dia 1 La versione per le Aziende Sanitarie di MODELPROD consente di vedere l Ospedale come processo produttivo e si propone come strumento per estendere ad esso i criteri di gestione e controllo

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

Questo punto richiederebbe uno sviluppo molto articolato che però a mio avviso va al di là delle possibilità fornite al candidato dal tempo a disposizione. Mi limiterò quindi ad indicare dei criteri di

Dettagli

(Guida alla configurazione per lo specialista cardiologo)

(Guida alla configurazione per lo specialista cardiologo) Elettrocardiografia Computerizzata ECG (Guida alla configurazione per lo specialista cardiologo) :: Indice :: 1. PREMESSA...3 1.1. Utente server...3 1.1.1. Corredo dell utente server...3 2. CONFIGURAZIONE

Dettagli

Il Sistema di tele cardiologia

Il Sistema di tele cardiologia Il Sistema di tele cardiologia A cura di Vincenzo Gullà Aditech La nuova rete di tele-cardiologia implementata nelle strutture del Policlinico delle Marche è stata realizzata tenendo presente i requisiti

Dettagli