Franco Ripa - Management sanitario. Le domande. Obiettivi. Obiettivi. Obiettivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Franco Ripa - Management sanitario. Le domande. Obiettivi. Obiettivi. Obiettivi"

Transcript

1 Il sistema di programmazione e controllo: governo delle risorse, performance e miglioramento. Audit and Evaluation Systems for Quality Risk Management Technology Evidence- Assessment Based Accountability Practice and and Performance Policy Franco Ripa Dirigente medico Specialista in Igiene e Medicina Preventiva Igiene ed Organizzazione i Servizi Ospedalieri Direttore Struttura Complessa Programmazione e Controllo di Gestione ASL TORINO 4 Franco Ripa 1 Managing Resources and Services Co-Ordinated Clinical Governance Clinical Governance Learning Reliable Research and Culture Franco Data RipaDevelopment 2 Le domande Obiettivi Come arrivano le risorse alla Azienda e alle mia struttura? Come posso utilizzare le risorse nel modo migliore? Come posso sapere se le mie performance sono buone e come posso migliorarle? Franco Ripa 3 Come arrivano le risorse Al termine della lezione i partecipanti dovranno essere in grado di: Illustrare le caratteristiche del sistema di finanziamento nel SSN Descrivere le modalità di finanziamento a quota capitaria Descrivere le caratteristiche del sistema tariffario Franco Ripa 4 Obiettivi Obiettivi Come utilizzare le risorse nel modo migliore Al termine della lezione i partecipanti dovranno essere in grado di: Illustrare il concetto di organizzazione Illustrare il modello di riferimento per l analisi della organizzazione Definire la logica del controllo manageriale Come valutare le performance e, se necessario, come migliorarle Al termine della lezione i partecipanti dovranno essere in grado di: Definire il concesso di performance Illustrare la metodologia dell audit Descrivere l applicazione dell audit in ambito di utilizzazione delle risorse (utilization review) Franco Ripa 5 Franco Ripa 6

2 Le domande Come arrivano le risorse alla Azienda e alle mia struttura? Come posso utilizzare le risorse nel modo migliore? Come posso sapere se le mie performance sono buone e come posso migliorarle? 1. Come arrivano le risorse alla Azienda e alla Struttura? Franco Ripa 7 Franco Ripa 8 Obiettivi Obiettivi Come arrivano le risorse Al termine della lezione i partecipanti dovranno essere in grado di: Illustrare le caratteristiche del sistema di finanziamento nel SSN Descrivere le modalità di finanziamento a quota capitaria Descrivere le caratteristiche del sistema tariffario Franco Ripa 9 Come arrivano le risorse Al termine della lezione i partecipanti dovranno essere in grado di: Illustrare le caratteristiche del sistema di finanziamento nel SSN Descrivere le modalità di finanziamento a quota capitaria Descrivere le caratteristiche del sistema tariffario Franco Ripa 10 Il caso esemplare 1987: il Parlamento dell Oregon decide di sospendere la copertura finanziaria per i trapianti di fegato, pancreas, cuore e midollo osseo. Dopo circa 6 mesi un ragazzino di 7 anni di nome Coby Howard morì di leucemia linfocitica acuta dopo aver inutilmente cercato di ottenere un trapianto di midollo attraverso il programma Medicaid. Sua madre raccolse dei $ necessari per le cure ospedaliere prima che il figlio morisse. Sotto gli occhi delle cineprese si vide morire il bambino per il bisogno di una procedura medica che sarebbe stata disponibile pochi mesi prima. Franco Ripa , , , , , ,0 Efficienza? Il livello della spesa sanitaria è sempre stato maggiore del livello del finanziamento, causando una situazione di 0,0 costante disavanzo Franco Ripa 12 Fonte: RGSEP (mln euro)

3 Organizzazione? INDICATORE Media Italia Min. Reg. Max. Reg. Var. (max/min) Tasso osped. per abitanti ,56 % PL DH su PL tot. 12,07 8,03 17,00 2,12 Num. accessi in PS per abitanti ,30 % ricoveri da PS 18,4 11,3 37,5 3,32 Fonte: : SIC: Sanità in Cifre, da Ministero della Salute Franco Ripa 13 Franco Ripa 14 E SEMPRE PIU LABILE LA DISTINZIONE TRA Da professional a manager Professional Ricerca la soluzione tecnica ottimale (l ottimo) Tende a lavorare con oggetti (carta) Manager Ricerca la soluzione fattibile ed efficiente (il meglio) Tende a lavorare con le persone Si focalizza sull uso degli strumenti Si focalizza sulla gestione dei processi Ruoli e funzioni DIREZIONALI Ruoli e funzioni PROFESSIONALI Tende a lavorare facendo riferimento alla Tende a lavorare facendo riferimento alla procedure specifica situazione organizzativa e ai risultati Ceca la specializzazione per migliorare professionalmente Tende ad aver successo come singolo Cerca la despecializzazione per migliorare acquisendo know how diversificati Tende ad aver successo attraverso gli altri Franco Ripa 15 Franco Ripa Da Gilbreath, I riferimenti D. LGS 502/517 del e coll. D. LGS 229 del 1999 e coll. Franco Ripa 17 D. LGS 502/517 del e coll. ORIENTAMENTO AL GOVERNO SULLA PRATICA CLINICA (CLINICAL GOVERNMENT) LIBERA SCELTA DELL UTENTE CARTA DEI SERVIZI INDICATORI/VRQ ISTITUZIONALE AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE SICUREZZA REGIONALIZZAZIONE GESTIONE DELL EFFICIENZA (OUTPUT) AZIENDALIZZAZIONE (ASL E ASO) DISTINZIONE TRA TUTELA (ASL) E PRODUZIONE (ASO) ATTRIBUZIONE QUOTA CAPITARIA (ASL) REMUNERAZIONE A PRESTAZIONE (ASO) COMPETIZIONE (MERCATO REGOLATO) ATTENZIONE ALLA QUANTITA DELLA PRODUZIONE CLINICA IN RAGIONE DELLE RISORSE RESE DISPONIBILI Franco Ripa 18

4 D. LGS 229 del 1999 e coll. ORIENTAMENTO AL GOVERNO DELLA PRATICA CLINICA (CLINICAL GOVERNANCE) INDICATORI / V.R.Q.: VALUTAZIONE SISTEMATICA TRA PARI (AUDIT) CREDITI E.C.M.. ACCREDITAMENTO DEI PROFESSIONISTI CERTIFICAZIONE, ACCREDITAMENTO PROFESSIONALE LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA GESTIONE DELL EFFICACIA (OUTCOME) EFFICACIA ED APPROPRIATEZZA EVIDENCE BASED... LINEE GUIDA PERCORSI DIAGN. TER. ASS. GESTIONE DEL RISCHIO ATTENZIONE ALLA APPROPRIATEZZA E QUALITA DELLA PRODUZIONE CLINICA QUALE STRUMENTO PER UN USO PIU EFFICIENTE DELLE Franco RISORSE Ripa DISPONIBILI 19 Sistema di finanziamento accentrato Fabbisogno previsto per SSN Contributi sanitari Fiscalità generale Entrate proprie (Ticket sanitari) Spesa storica Quota capitaria Criteri regionali Stato Regioni Ripiano disavanzi Ripiano disavanzi Richiesta ripiano disavanzi Richiesta ripiano disavanzi USL GESTIONE Spesa effettiva > fabbisogno previsto (disavanzi) Franco Ripa 20 La prima riforma (D. lgs 502/92 e 517/93) La regionalizzazione Il quasi mercato L aziendalizzazione Franco Ripa 21 Nuovo modello di finanziamento Fabbisogno previsto per SSN (livelli uniformi essenziali di ass.) Fiscalità generale Contributi sanitari (es IRAP) Risorse reg. aggiuntive Entrate proprie (Ticket sanitari) Quota capitaria ponderata (Integrazione FSN) Criteri regionali Stato Regioni AUSL Ripiano disavanzi Richiesta ripiano disavanzi X Richiesta ripiano disavanzi GESTIONE Spesa effettiva > fabbisogno previsto (disavanzi) Franco Ripa 22 I sistemi di finanziamento regionali Modello a centralità ASL Quattro possibili modelli: Tradizionale (a spesa storica) A centralità regionale A centralità ASL Separazione acquirente / fornitore Altre ASL Tariffa per prestaz Quota capitaria REGIONE ASL (Acquirenti e produttori) Tariffa per prestaz AO Privato accreditato Criteri di finanziamento regionali Accordi contrattuali (ASL / AO e privato accreditato) Tetti / target regionali Franco Ripa 23 Franco Ripa 24

5 Modello separazione acquir.. / fornitore REGIONE Quota capitaria ASL (acquirenti) AO Tariffa per prestaz Privato accreditato Criteri di finanziamento regionali Accordi contrattuali (ASL / AO e privato accreditato) Tetti / target regionali Franco Ripa 25 Franco Ripa 26 La nuova organizzazione della aziende sanitarie locali, in vigore dal 1 gennaio 2008, prevede la seguente articolazione: Franco Ripa 27 Franco Ripa 28 ASO AZIENDE OSPEDALIERE E PRESIDI OSPEDALIERI AFFERENTI C.T.O. Maria Adelaide di Torino - Centro Traumatologico Ortopedico di Torino - Istituto Ortopedico Maria Adelaide di Torino - Centro di Riabilitazione Funzionale O.I.R.M./S. Anna di Torino - Infantile Regina Margherita di Torino -S. Anna di Torino S. Croce e Carle di Cuneo S. Croce e Carle di Cuneo SS. Antonio e Biagio e C. Arrigo di Alessandria - SS. Antonio e Biagio di Alessandria - Infantile Cesare Arrigo di Alessandria - Teresio Borsalino di Alessandria Ordine Mauriziano di Torino -Umberto I di Torino - Istituto per la ricerca e la cura del cancro (IRCC) di Candiolo Franco Ripa 29 AOU AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA E PRESIDI OSPEDALIERI AFFERENTI San Giovanni Battista di Torino - San Giovanni Battista Molinette di Torino - San Giovanni antica sede di Torino - Dermatologico San Lazzaro di Torino - San Vito di Torino San Luigi di Orbassano - San Luigi di Orbassano Maggiore della Carità di Novara - Maggiore della Carità di Novara - Galliate Franco Ripa 30

6 ASO (8) Ospedali classificati Strutture private accreditate day surgery tipo C Istituti pubblici di ASL 13 ASL Istituti privati provvisoriamente/ definitivamente accreditati (Istituti privati) Franco Ripa 31 Le mission di ASL ed ASO Azienda Sanitaria Locale Il soddisfacimento dei bisogni di salute della Comunità locale, perseguito attraverso la garanzia dei livelli essenziali di assistenza...direttamente attraverso la produzione e la erogazione di prestazioni...indirettamente attraverso l acquisto di prestazioni da un sistema di soggetti esterni accreditati eremunerati su base tariffaria Azienda Sanitaria Ospedaliera La risposta a specifici bisogni di salute, erogando prestazioni e servizi di diagnosi e cura in quantità e qualità coerente con la domanda Franco Ripa 32 Obiettivi Come arrivano le risorse Al termine della lezione i partecipanti dovranno essere in grado di: Illustrare le caratteristiche del sistema di finanziamento nel SSN Descrivere le modalità di finanziamento a quota capitaria Descrivere le caratteristiche del sistema tariffario Franco Ripa 33 La quota capitaria La quota capitaria è una modalità di ripartizione delle risorse sanitarie basata sulla definizione di una parametro monetario pro-capite per cittadino, stabilita a livello centrale sulla scorta di coefficienti parametrici ed in riferimento a predefiniti livelli uniformi/essenziali di assistenza. Franco Ripa 34 QC semplice e pesata La quota capitaria in prima battuta s ispira al principio di assegnare le risorse al bisogno, misurato dalla dimensione della popolazione di riferimento (quota capitaria semplice). Il bisogno di assistenza sanitaria si differenzia anche in relazione alle caratteristiche sociodemografiche della popolazione e questa constatazione si traduce in azioni per correggere/ponderare il criterio capitario semplice (quota capitaria pesata). Franco Ripa 35 Livelli essenziali di assistenza (2001) I Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria (LEA) sono le prestazioni e i servizi che il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) è tenuto a garantire a tutti i cittadini, gratuitamente o in compartecipazione, grazie alle risorse raccolte attraverso il sistema fiscale DPCM 29 novembre 2001 Franco Ripa 36

7 Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro (prevenzione rivolta alle collettività ed ai singoli) Assistenza distrettuale (attività, servizi sanitari e sociosanitari diffusi capillarmente sul territorio) LEA Assistenza ospedaliera LEA: Prestazioni totalmente escluse interventi di chirurgia estetica circoncisione rituale maschile medicine non convenzionali vaccinazioni eseguite in occasione di soggiorni all estero certificazioni mediche richieste per un interesse prevalentemente privato (escluse quelle per la riammissione a scuola o al lavoro e quelle per l attività sportiva effettuata nell ambito della scuola) prestazioni di fisioterapia ambulatoriale richieste per problemi transitori o di scarso rilievo Franco Ripa 37 Franco Ripa 38 LEA: Prestazioni parzialmente escluse principio dell appropriatezza clinica e organizzativa: stato di salute del paziente sia tale per cui quella specifica prestazione può portare un effettivo beneficio (appropriatezza clinica) regime di erogazione della prestazione (ricovero ordinario, day hospital, day surgery, ambulatorio) sia quello che garantisce l uso più efficiente delle risorse in rapporto alle caratteristiche dell intervento ed alle condizioni del paziente. alcune prestazioni: assistenza odontoiatrica e protesica densitometria ossea (MOC) medicina fisica e riabilitazione chirurgia rifrattiva con laser ad eccimeri. Franco Ripa 39 LEA: Procedure a rischio di inappropriatezza 43 interventi e procedure ad alto rischio di inappropriatezza (organizzativa) interventi spesso eseguiti in ricovero ordinario quando, per la loro relativa semplicità di esecuzione, potrebbero essere eseguiti in day hospital o in day surgery (dalla decompressione del tunnel carpale, alla legatura e stripping di vene, all asportazione delle tonsille e delle adenoidi) Regioni incaricate di individuare un valore percentuale/soglia di ammissibilità ed adottare gli interventi opportuni per ricondurre il numero dei ricoveri entro la soglia stabilità Franco Ripa 40 I nuovi LEA 2008 Il DPCM del 2008 e gli allegati che ne costituiscono parte integrante individuano tre livelli essenziali di assistenza articolati in attività, servizi e prestazioni erogate dal Servizio sanitario nazionale: Prevenzione collettiva e sanità pubblica Assistenza distrettuale Assistenza ospedaliera Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro (prevenzione rivolta alle collettività ed ai singoli) Assistenza distrettuale (attività, servizi sanitari e sociosanitari diffusi capillarmente sul territorio) LEA Assistenza ospedaliera Franco Ripa 41 Franco Ripa 42

8 Andamento della quota capitaria nel periodo Quota capitaria Franco Ripa 43 Finanziamento ASL e ASO Reg. Piemonte (2008) AZIENDE SANITARIE LOCALI TO 1: TO 2: TO 3: TO 4: TO 5: VC: BI: NO: VCO: CN 1: CN 2: AT: AL: TOTALE ASL: AZIENDE OSPEDALIERE e OPEDALIERO-UNIVERSITARIE 901- S.Giovanni Battista di Torino: CTO - M.Adelaide di Torino: OIRM - S. Anna di Torino: S. Luigi di Orbassano: Maggiore della Carità di Novara: S. Croce e Carle di Cuneo SS. Antonio e Biagio e C.Arrigo di Alessandria: Ordine Mauriziano di Torino: TOTALE AZIENDE OSPEDALIERE E OSP.UNIVERSITARIE: Franco Ripa 44 Obiettivi Come arrivano le risorse Al termine della lezione i partecipanti dovranno essere in grado di: Illustrare le caratteristiche del sistema di finanziamento nel SSN Descrivere le modalità di finanziamento a quota capitaria Descrivere le caratteristiche del sistema tariffario Franco Ripa 45 Il sistema tariffario Il meccanismo tariffario e le tariffe hanno l obiettivo di collegare il finanziamento a quota capitaria all attività prodotta, per rendere coerenti i costi di produzione con le tariffe e stimolare una lettura più analitica dell attività svolta. Il sistema tariffario, in particolare, permette di valorizzare le singole attività/prestazioni/casi trattati e, attraverso la modulazione e variazione in aumento o in diminuzione delle tariffe, di modificare le convenienze dei diversi soggetti erogatori. Franco Ripa 46 Tipologie di remunerazione dei produttori Le tipologie di flussi per le tariffe Tipologia di prestazione Ric. ordinario Ric. day hospital Pronto Soccorso Lungodegenza Riabilitazione Prest. ambulatoriali Pagamento Tariffa DRG Tariffa DRG Accesso e prestazioni Giornata di degenza Giornata di degenza Tariffa per prestazione (ticket) Franco Ripa 47 SDO: Ricoveri ordinari e day hospital B: Medicina di base a residenti in altre Aziende C: Specialistica ambulatoriale C2: Prestazioni DEA/PS C4: Prestazioni erogate durante il ricovero ospedaliero C5: Prestazioni a fatturazione e pagamento diretto tra Aziende D: Assistenza farmaceutica a residenti in altre Aziende F: Somministrazione diretta di farmaci per cittadini non ricoverati Franco Ripa 48

9 La SDO in utilizzo allegata alla cartella clinica Franco Ripa 49 Franco Ripa 50 Il sistema DRG Diagnosis Related Groups Raggruppamenti Omogenei di Diagnosi introdotti in Italia nel 1995 ricovero identificato da diagnosi, eventuale intervento, sesso ed età del paziente nella scheda di dimissione ospedaliera (SDO) definizione di oltre 500 DRG in cui confluiscono patologie/interventi simili che richiedono mediamente la stessa intensità di risorse per il trattamento Franco Ripa M Commozione cerebrale, età < 18 anni 0,4987 0,1402 0,175 0, M Altre malattie del sistema nervoso, con CC 1,5809 0,0796 0,1037 0, M Altre malattie del sistema nervoso, senza CC 0,8553 0,0949 0,1198 0, C Interventi sulla retina 1,1496 0,0769 0, , C Interventi sull'orbita 1,3408 0,1005 1,1397 1, C Interventi primari sull'iride 0,7791 0,0928 0,6622 0, C Interventi sul cristallino con o senza vitrectomia 0,468 0,1046 0,468 0, C Interventi sulle strutture extraoculari eccetto l'orbita, età > 17 anni 0,4809 0,1124 0,4328 0, C Interventi sulle strutture extraoculari eccetto l'orbita, età < 18 anni 0,4464 0,1128 0,4018 0, C Interventi sulle strutture intraoculari eccetto retina, iride e cristallino 0,7877 0,0844 0,709 0, M Ifema 0,4391 0,0741 0, , M Infezioni acute maggiori dell'occhio 0,9246 0,0631 0,1022 0, M Malattie neurologiche dell'occhio 0,7696 0,1026 0,1237 0, M Altre malattie dell'occhio, età > 17 anni con CC 0,8224 0,0842 0,1108 0, M Altre malattie dell'occhio, età > 17 anni senza CC 0,5263 0,0906 0,1194 0, M Altre malattie dell'occhio, età < 18 anni 0,5033 0,1172 0,132 0, C Interventi maggiori sul capo e sul collo 3,4111 0,0974 2, , C Sialoadenectomia 1,117 0,0928 0,9495 0, C Interventi sulle ghiandole salivari eccetto sialoadenectomia 0,9197 0,0917 0,7817 0, C Riparazione di cheiloschisi e di palatoschisi 1,0046 0,0878 0,8539 0, C Interventi su seni e mastoide, età > 17 anni 0,9441 0,0812 0,8025 0, C Interventi su seni e mastoide, età < 18 anni 0,8823 0,0666 0,75 0, C Miscellanea di interventi su orecchio, naso, bocca e gola 0,6444 0,0948 0,5799 0, C Rinoplastica 0,6703 0,0876 0,5698 0, Franco Ripa 52 Le tariffe per i ricoveri (Piemonte) DRG MDC T M C C Denominazione Insufficienza cardiaca e shock Interventi per ernia inguinale e femorale età > 17, senza CC Trapianto di fegato Peso ric. ord. 1,2604 0, ,9395 Peso GG oltre soglia 0,0827 0,0812 0,4768 Peso ric. un giorno 0,0990 0, ,8486 Peso ric. DH C 0, ,8486 Peso ric. diur. M 0,0990 Val. soglia in giorni Franco Ripa BIOPSIA DELLA CUTE E DEL TESSUTO SOTTOCUTANEO - 19,95 18,35 16, ELASTOMETRIA - 6,15 5,65 5, SEBOMETRIA - 6,15 5,65 5, CORNEOMETRIA - 8,20 7,55 7, (TEWL) - 10,30 9,50 8, USTIONE - Rimozione per mezzo di asportazione di: tessuto 24,40 22,45 20, USTIONE - Rimozione per mezzo di asportazione di: tessuto 24,40 22,45 20, UNGUEALE - 36,60 33,70 31, CHEMIOCHIRURGIA DELLA CUTE - Peeling chimico della cute 10,30 9,50 8, CHEMIOCHIRURGIA DELLA CUTE - Peeling chimico della cute 10,30 9,50 8, (Per seduta) Escluso: Dermoabrasione di ferita per rimozione di 24,40 22,45 20, (Per seduta) Escluso: Dermoabrasione di ferita per rimozione di 24,40 22,45 20, UNGUEALE - Rimozione di: necrosi, massa di tessuto necrotico 24,40 22,45 20, USTIONE - Rimozione NAS Rimozione di tessuto devitalizzato, 12,05 11,10 10, TESSUTO CUTANEO E SOTTOCUTANEO, MEDIANTE 18,35 16,90 15, TESSUTO CUTANEO E SOTTOCUTANEO, MEDIANTE 18,35 16,90 15, TESSUTO CUTANEO E SOTTOCUTANEO, MEDIANTE 18,35 16,90 15, Asportazione larga di lesione della cute coinvolgente le strutture 40,65 37,40 34, SUTURA ESTETICA DI FERITA DEL VOLTO - 40,65 37,40 34, CORPO - Di piccole dimensioni (fino a 5 cm) 12,05 11,10 10, DEL CORPO - 16,25 14,95 13,85 12 H di pene, trachea, vagina 295,45 271,85 251,15 12 H Escluso: Innesto eterologo, innesto omologo 369,30 339,75 313,90 12 H eterologo, innesto omologo 295,45 271,85 251,15 12 H Allestimento di lembo dal suo letto (autonomizzazione) Taglio 443,15 407,70 376,70 12 H AVANZAMENTO DI LEMBO PEDUNCOLATO - 443,15 407,70 376,70 12 H Escluso: Ricostruzione del pollice o trasferimento di dita 443,15 407,70 376,70 12 H Trasferimento di: lembo di avanzamento, lembo doppiamente 590,85 543,60 502,25 12 H innesto peduncolato o a lembo Liberazione di tessuto adiposo di 369,30 339,75 313, RIPARAZIONE DI DIFETTI DEL VISO - 32,50 29,90 27,65 12 H CUTE - Plastica a "Z" della cute della mano e delle dita della 369,30 339,75 313, cranio [sella turcica, orbite] TC dell'encefalo 110,00 101,20 93,50 69 * CON CONTRASTO Tc del cranio [sella turcica, orbite] TC anche la 165,00 151,80 140, FACCIALE TC del massiccio facciale [mascellare, seni 110,00 101,20 93,50 69 * FACCIALE, SENZA E CON CONTRASTO TC del massiccio anche la 165,00 151,80 140, DENTARIE [DENTALSCAN] TC dei denti (arcata superiore o 100,00 92,00 85, dell'orecchio [orecchio medio e interno, rocche e mastoidi, base 110,00 101,20 93,50 69 * SENZA E CON CONTRASTO TC dell'orecchio [orecchio medio e anche la 165,00 151,80 140, collo [ghiandole salivari, tiroide-paratiroidi, faringe, laringe, 110,00 101,20 93,50 69 * CON CONTRASTO TC del collo [ghiandole salivari, tiroide - anche la 165,00 151,80 140, SALIVARI Scialo-TC 33,30 30,65 28, TOMOGRAFIA [STRATIGRAFIA] DELLA LARINGE 12,40 11,40 10,55 Franco Ripa 54

10 Le prestazioni ambulatoriali (esempi) PRESTAZIONE Visita generale ECG Ecodoppler tronchi sovraortici EMG semplice Estrazione dente permanente Radiografia torace routine Ecografia addome completo RM torace Euro 30,00 13,70 51,65 11,90 23,30 21,50 71,10 220,00 Franco Ripa 55 Il ticket Il ticket rappresenta la compartecipazione del cittadino alla spesa sanitaria e la sua definizione è soggetta alle normative regionali. Le principali forme di esenzione previste sono: Esenzione totale per età e reddito Esenzione per Patologia e Malattia Rara Esenzione totale per patologia e reddito Esenzione per invalidità Franco Ripa 56 L accesso al sistema di produzione 4) Accordi contrattuali 3) Accreditamento Istituzionale 2) Autorizzazione funzionamento 1) Autorizzazione realizzazione Franco Ripa 57 Pubblico e privato Finanziamento Privat Pubblico Produzione Pubblica Produzione istituzionale Libera professione intramoenia; ticket; Privata Strutture accreditate Privato-privato Franco Ripa 58 Possibile impatto del sistema finanziamento Attività Accessibilità Profili di cura Durata deg. Livello assistenza *aumento ricoveri non necessari/impropri *riduzione liste d attesa *selezione dei pazienti *specializzazione attività *riduzione dei servizi necessari *aumento appropriatezza *dimissioni precoci *dimissioni tempestive *trasferimenti inappropriati *integrazione tra servizi Franco Ripa 59 Franco Ripa 60

11 Obiettivi 2. Come posso utilizzare le risorse nel modo migliore? Come utilizzare le risorse nel modo migliore Al termine della lezione i partecipanti dovranno essere in grado di: Illustrare il concetto di organizzazione Illustrare il modello di riferimento per l analisi della organizzazione Definire la logica del controllo manageriale Franco Ripa 61 Franco Ripa 62 Obiettivi Come utilizzare le risorse nel modo migliore Al termine della lezione i partecipanti dovranno essere in grado di: Illustrare il concetto di organizzazione Illustrare il modello di riferimento per l analisi della organizzazione Definire la logica del controllo manageriale Franco Ripa 63 Autonomia clinico assistenziale e risorse L'autonomia clinica ed assistenziale significa che l'utilizzazione delle risorse (dagli accertamenti diagnostici alle terapie, dalle modalità di utilizzazione del personale ai criteri di gestione dei percorsi) è di responsabilità diretta del singolo professionista sanitario. A fronte di questa logica si è sviluppato un sistema rigido e burocratico di allocazione delle risorse, di distribuzione del personale, delle tecnologie e degli stessi spazi operativi. Franco Ripa 64 Why doctor is so unhappy? Richard Smith, BMJ Franco Ripa 65 Franco Ripa 66

12 In sintesi il management... MANAGEMENT (da Megginson, Mosley e Pietri jr) Programma Organizza Dirige Controlla le le risorse umane, finanziarie e fisiche per per raggiungere gli gli obiettivi aziendali Franco Ripa 67 Il concetto di Organizzazione Complesso delle modalità secondo le quali viene effettuata la divisione del lavoro in compiti distinti e viene realizzato il coordinamento fra tali compiti (Henry Mintzberg, 1985). Franco Ripa 68 Componenti dell organizzazione aziendale TECNO - STRUTTURA VERTICE STRATEGICO LINEA INTERMEDIA NUCLEO OPERATIVO da Mintzberg H SERVIZI DI SUPPORTO Franco Ripa 69 Obiettivi Come utilizzare le risorse nel modo migliore Al termine della lezione i partecipanti dovranno essere in grado di: Illustrare il concetto di organizzazione Illustrare il modello di riferimento per l analisi della organizzazione Definire la logica del controllo manageriale Franco Ripa 70 Il modello sistemico INPUT o FATTORI in INGRESSO CONTESTO MANDATO BISOGNI DOMANDA RISORSE (POTENZIALI) R. Vaccani, La Sanità incompiuta, NIS 1991 VARIABILI INTERNE STRUTTURA DI BASE MECCANISMI OPERATIVI (formativo, informativo, premiante, programmazione e controllo) PROCESSI OUTPUT o BENI/ SERVIZI in USCITA PRODOTTI ESITI Franco Ripa 71 Per quanto possa esser bella la strategia, occasionalmente si dovrebbe poter guardare ai risultati. Winston Churchill Franco Ripa 72

13 Obiettivi Come utilizzare le risorse nel modo migliore Al termine della lezione i partecipanti dovranno essere in grado di: Illustrare il concetto di organizzazione Illustrare il modello di riferimento per l analisi della organizzazione Definire la logica del controllo manageriale Contròle = Verifica, riscontro Control = governo, guida Franco Ripa 73 Franco Ripa 74 Definizione degli obiettivi Misurazione dei risultati La ricerca delle performance attraverso i modelli di controllo confronto Analisi degli scostamenti Il modello burocratico Il modello clinico assistenziale Il modello economico Il modello manageriale Azioni correttive Franco Ripa 75 Franco Ripa 76 ELEVATA ELEVATA VISIBILITÀ PERFORMANCE CLINICA CONTROLLO CLINICO CONTROLLO MANAGERIALE VISIBILITÀ PERFORMANCE CLINICA CONTROLLO CLINICO CONTROLLO MANAGERIALE MODESTA CONTROLLO BUROCRATICO CONTROLLO ECONOMICO MODESTA CONTROLLO BUROCRATICO CONTROLLO ECONOMICO MODESTA ELEVATA MODESTA ELEVATA VISIBILITÀ PERFORMANCE ECONOMICA VISIBILITÀ PERFORMANCE ECONOMICA Franco Ripa 77 Franco Ripa 78

14 EVIDENCE BASED EB Medicine EB Nursing EB Management EB Health Care Linee guida Percorsi Valutazione di di performance Audit Accreditamento professionale Franco Ripa 79 Il livelli di evidenza di efficacia Metaanalisi, RCT Studi coorte, caso- controllo Studio di casi Opinioni di esperti EBM OBM Franco Ripa 80 Le linee guida LO STROKE - LG Raccomandazioni di comportamento clinico, elaborate mediante un processo sistematico, con lo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali siano le modalità assistenziali più appropriate. Institute of Medicine, USA Guidelines support decisions, but they do not make decisions Franco Ripa 81 Franco Ripa 82 I percorsi diagnostici terapeutici assistenziali La miglior sequenza temporale e spaziale possibile delle attività da svolgere, per gestire una condizione patologica di un paziente o di un gruppo di pazienti sulla base delle conoscenze tecnico scientifiche e delle risorse professionali e tecnologiche a disposizione (Autori vari) Tipologie di appropriatezza 1. Health intervention intervento giusto al paziente giusto 2.Timing al momento giusto e per il tempo giusto 3. Setting nel posto giusto 4. Professional dal professionista giusto Franco Ripa 83 Franco Ripa 84

15 Servizi ricevuti Servizi non ricevuti Servizi necessari A B Servizi non necessari C D A e D: appropriatezza C: sovrautilizzo B: sottoutilizzo Restuccia et al Unnecessary utilization of health care services:a comparative analysis of appropriateness of Franco Ripa 85 hospital use Health Franco Affairs Ripa 1989; ELEVATA VISIBILITÀ PERFORMANCE CLINICA CONTROLLO CLINICO CONTROLLO MANAGERIALE «Se fornissimo a tutti gli uomini quanto la tecnologia ed il progresso terapeutico consentono, saremmo tutti sani ma morti di fame!» MODESTA CONTROLLO BUROCRATICO CONTROLLO ECONOMICO Dr Halfdan T. Mahler Direttore Generale WHO ( ) MODESTA VISIBILITÀ PERFORMANCE ECONOMICA ELEVATA Franco Ripa 87 Franco Ripa 88 E sempre più fondamentale Valutazione clinica valutare costi ed efficacia di procedure diagnostiche e/o terapeutiche alternative (farmaci, interventi, test, esami, attrezzature, dispositivi medici, aspetti organizzativi etc.) Benefici Benefici Popolazione vaccinata Franco Ripa 89 Franco Ripa 90

16 Valutazione economica Benefici e costi Area dello spreco (costi maggiori dei benefici) Benefici Costi Benefici e rischi Benefici e rischi qualità spreco danno Popolazione vaccinata Franco Ripa 91 Da Donabedian, 1980 Franco Ripa 92 ACB: Le tecniche di valutazione economica Serie storica del numero di pubblicazioni su Medline y = 135x Minimizzazione dei costi Analisi costo-efficacia Analisi costo-utilità Analisi costo-beneficio n pubblicazioni Franco Ripa 93 Franco Ripa 94 ("cost-effectiveness"[ti] OR "cost-minimization"[ti] OR "cost of illness"[ti] OR "cost-benefit"[ti] OR "cost-utility"[ti] OR "cost"[ti] OR "costs"[ti] OR "economics"[ti] OR "pharmacoeconomics" [ti]) MINIMIZZAZIONE DEI COSTI ANALISI COSTO-EFFICACIA Caratteristiche degli effetti Unità di misura degli effetti Caratteristiche degli effetti Natura: identici Quantità: identici Es. 2 vaccini contro l epatite Unità di misura degli effetti Non considerati Natura: identici Quantità: diversi Es. farmaco di seconda generazione vs farmaco di prima generazione, più costoso ma anche più efficace Unità naturali (anni di vita guadagnati, giorni di disabilità prevenuti) Strategia Costo Efficacia trattamento Strategia Costo Attesa di di trattamento vita vita Trattamento Trattamento A ,00 95% A ,00 4,5 4,5 anni anni Trattamento Trattamento B ,00 95% B ,00 3,5 3,5 anni anni 0VALUTAZIONE: costo-efficacia: Trattamento VALUTAZIONE: minimizzazione dei costi: A: A: 250/4,5 =.. 55,5 55,5 mila/anno Il trattamento A è migliore Franco perché Ripa costa meno. 95 Trattamento B: B: 120/3,5 = Franco.. 34,3 34,3 Ripa mila/anno 96

17 ANALISI COSTO-UTILIT UTILITÀ Caratteristiche degli effetti Natura: eterogenei Quantità: diversi Es. trapianto renale vs dialisi Unità di misura degli effetti Valore non monetario: QALY (quality Adjusted Life Years): anni di vita aggiustati per la qualità. (QALY = attesa di vita x qualità della vita) Strategia Costo Attesa di di Qualità QALYs vita vita Trattamento A ,00 4,5 4,5 anni anni 0,80 0,80 3,60 3,60 Trattamento B ,00 3,5 3,5 anni anni 0,90 0,90 3,15 3,15 VALUTAZIONE: costo-utilità: Trattamento A = 250/3,60 = mila/qalys Franco Ripa 97 Trattamento B = 120/3,15 = mila/qalys ANALISI COSTO-BENEFICIO Caratteristiche degli effetti Natura: eterogenei Quantità: diversi Es. screening ipertensione (esiti: n morti evitate) vs. vaccinazione antinfluenzale (esiti: n malattie evitate) Strategia Benefici Costo Rapporto trattamento Trattamento A ,50 1,50 Trattamento B ,46 1,46 Trattamento C ,43 1,43 Unità di misura degli effetti Unità monetarie: benefit (beneficio netto, rapporto benefici/costi, rendimento interno) VALUTAZIONE: costo-beneficio: il il trattamento Franco Ripa A è migliore in in termini di di resa resa (benefici 98 ottenuti per per unità di di costo) Efficacia La scelta della tecnica di VE Intervento + efficace e -costoso dell alternativa Intervento + efficace e + costoso dell alternativa Efficacia clinica A vs B A = B A B Analisi di Minimizza zione dei costi Costi Intervento - efficace e - costoso dell alternativa Intervento - efficace e + costoso dell alternativa Franco Ripa 99 Risultato/obiettivo comune misurato in unità fisiche Analisi Costo- Efficacia Risultato/obiettivo comune misurato in unità fisiche (QALYs) Analisi Costo- Utilità Risultati/obbiettivi non comuni Analisi Costo- Benefici Franco Ripa 100 Giudizio qualitativo AGREE BMJ 2002;325:891-4 Franco Ripa 101 Franco Ripa 102

18 Appendice 1 Una check-list per la lettura critica dei studi pubblicati : 1. Il problema, espresso in maniera precisa, è stato posto in una forma che permetta di dare una risposta? 2. La prospettiva dell analisi è stata scelta in maniera adeguata? 3. Le alternative sono state descritte in maniera esaustiva? 4. È stata verificata l efficacia del programma o del servizio? 5. Per ciascuna alternativa sono stati identificati tutti i costi e le conseguenze pertinenti ed importanti? 6. I costi è le conseguenze sono stati misurati/valorizzati accuratamente? 7. La valutazione dei costi e delle conseguenze ha tenuto conto di come si distribuiscono nel tempo? 8. È stata condotta un analisi incrementale dei costi e delle conseguenze? 9. Si è tenuto conto dell incertezza nella stima dei costi e delle conseguenze? 10. La presentazione e la discussione del lavoro svolto coprono tutti i punti d interesse per gli utilizzatori dell analisi? Franco Ripa 103 Esempi di domande (1) La nostra struttura quanto produce? La nostra struttura quanto spende? La nostra struttura quanto guadagna? La nostra struttura utilizza bene le risorse assegnate? La nostra struttura può fare meglio? Franco Ripa 104 Sistema di di budget OBIETTIVI AZIONI Sistema di di contabilità direzionale RISULTATI Confronto obiettivi/risultati Analisi scostamenti Ricerca azioni azioni correttive No Possibilità Si di di intervento Franco Ripa Anthony e Young, Franco Ripa 106 Il Centro di costo Il Centro di costo è una struttura organizzativa (es. Unità Operativa) che *consuma risorse...per produrre beni o servizi o perchè altri siano in grado di produrre beni o servizi Franco Ripa 107 Il centro di responsabilità E un articolazione aziendale (livello organizzativo), costituito da un team che opera per raggiungere uno o più obiettivi, guidato da un dirigente che assume la responsabilità delle azioni intraprese. I centri di responsabilità possono essere costituiti da un aggregato di centri di costo. Franco Ripa 108

19 Professional e manager Franco Ripa 109 Franco Ripa 110 La logica di riferimento Media = tariffa Il centro di costo/responsabilità Pazienti poco costosi Pazienti molto costosi N pazienti Lavoro, capitale, beni e servizi Processo produttivo Servizi, Prestazioni Migliore salute Ambientali Comportam. Costi/risorse Franco Ripa 111 Franco Ripa 112 Il centro di costo/responsabilità Risorse e fattori produttivi RISORSA: Ogni Ognielemento disponibile e/o e/o attivabile per per il ilraggiungimento degli degliobiettivi del del Servizio Persone, tecnologie, strutture, esperienze, informazioni, tempo, tempo, ecc. ecc. Lavoro, capitale, beni e servizi Processo produttivo Servizi, Prestazioni Migliore salute Ambientali Comportam. FATTORE PRODUTTIVO: Ogni Ognielemento a valore valore economico impiegato nello nello svolgimento di diuna unaattività, che che concorre alla allaformazione del del costo costodi diproduzione Persone, tecnologie, strutture, esperienze, informazioni, tempo, tempo, ecc. ecc. Franco Ripa 113 Franco Ripa 114

20 Funzione di produzione Produzione Prodotto totale Il concetto di costo *in senso economico: ciò a cui si rinuncia per soddisfare un bisogno (che corrisponde a quello che si sarebbe potuto conseguire utilizzando fattori produttivi nel loro migliore impiego alternativo) Fattori produttivi Prodotto medio Prodotto marginale *in senso monetario: la spesa sostenuta per l acquisizione dei fattori produttivi Franco Ripa 115 Franco Ripa 116 I costi Costitotali(CT) la quantità complessiva di costi finale Costimedio unitari(cme) costi di una unità di prodotto CMe=CT/quantità Costi marginali (CMa) incremento del costo totale quando la produzione aumenta di una unità CMa= CT(x)-CT(x-1) Franco Ripa 117 I costi (1/3) Costi diretti: - sono quelli direttamente necessari per l output (esempio: test diagnostici, farmaci, forniture, personale, attrezzature sanitarie ecc.). Costi indiretti: - tutti gli altri costi che emergono dalla attività di produzione, ma che non sono direttamente attribuibili all output. Franco Ripa 118 I costi (2/3) Costo fisso Costi fissi: - costi assolutamente indipendenti dalle variazioni della produzione Costi variabili: - costi correlati a variazioni quantitative della produzione Costo variabile Dirindin e Vineis: la distinzione fra costi fissi e variabili è valida in un orizzonte temporale di breve periodo, poiché nel lungo periodo tutti i costi possono essere modificati Franco Ripa 119 Franco Ripa 120

Management nell Azienda Sanitaria

Management nell Azienda Sanitaria Management nell Azienda Sanitaria Dr. Paolo Menichetti Perugia, ottobre 2011 1. Finanziamento del S.S.N. 2. Management nell azienda sanitaria: budget 3. Management nell azienda sanitaria: controllo direzionale

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Organizzazione azienda farmacia e farmacoeconomia. Prime 2 lezioni + Esercitazione Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) (OAFFARM2016)

Organizzazione azienda farmacia e farmacoeconomia. Prime 2 lezioni + Esercitazione Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) (OAFFARM2016) Organizzazione azienda farmacia e farmacoeconomia Prime 2 lezioni + Esercitazione Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) (OAFFARM2016) Claudio Jommi claudio.jommi@uniupo.it Agenda prime due lezioni I sistemi

Dettagli

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale)

Glossario. www.provincia.bz.it/oep Dati ondine Ricoveri ospedalieri Elaborazioni a cura dell Osservatorio Epidemiologico Provinciale) GLOSSARIO LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Insieme di prestazioni e servizi che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU35 30/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 54-4257 D.G.R. n. 73-13176 del 26.07.2004 e s.m.i.. Aggiornamento del nomenclatore tariffario per la trasformazione

Dettagli

A relazione del Presidente Cota:

A relazione del Presidente Cota: REGIONE PIEMONTE BU35 01/09/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 3 agosto 2011, n. 4-2495 Attuazione del Piano di Rientro e armonizzazione con gli indirizzi del Patto per la Salute 2010-2012 del 3/12/2009

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI ECONOMIA AZIENDALE

CORSO INTEGRATO DI ECONOMIA AZIENDALE OSPEDALE MARTINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO INTEGRATO DI ECONOMIA AZIENDALE LEZIONI Prof. Artemio BRUSA Sintesi concetti sulla contabilità analitica nel S.S.N.

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma

Dr. Michele Cedrone, Ospedale San Giovanni dell Addolorata, Roma Confronto dei Criteri, degli Indicatori e degli Standard scelti per la valutazione multi-dimensionale dell attività di 4 Strutture Complesse di Ematologia certificate ISO 9001-2000 Dr. Michele Cedrone,

Dettagli

Stato di avanzamento dell analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom up. C. Zanon Roma 10 maggio 2011 Forum P.A.

Stato di avanzamento dell analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom up. C. Zanon Roma 10 maggio 2011 Forum P.A. Stato di avanzamento dell analisi preliminare sui costi standard piemontesi con il sistema bottom up C. Zanon Roma 10 maggio 2011 Forum P.A. Modello Piemonte Concentrazione dei posti di responsabilità

Dettagli

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE

GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO E DISPOSIZIONI OPERATIVE GLOSSARIO ( Valide per tutti i piani sanitari relativamente alle forme di assistenza in essi previsti ) Franchigia/ scoperto Parte del danno indennizzabile, espressa

Dettagli

Elementi di politica sanitaria

Elementi di politica sanitaria Elementi di politica sanitaria 1 Nella lezione prec. abbiamo visto: Concetto di salute e sua evoluzione Economia ed economia sanitaria Domanda, offerta ed elasticità Mercato e fallimenti del mercato Misuratori

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta ASL Nell'ordinamento italiano l'azienda sanitaria locale (ASL) è un ente pubblico locale. In passato ente strumentale della regione, al quale competeva l'organizzazione

Dettagli

LABORATORIO DI MANAGEMENT SANITARIO

LABORATORIO DI MANAGEMENT SANITARIO Lean Production Lean Thinking Volume sul Sistema Toyota Caccia e lotta agli sprechi KAIZEN LAB Accreditamento Fondi Interprofessionali Provider ECM Intesa Listino Corsi accreditati ECM FORMAZIONE ECM Corsi

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari.

Clinical Governance Significa coerente capacità di gestione, indirizzo e monitoraggio dei fenomeni sanitari. CLINICAL GOVERNANCE MASTER I Livello Clinical Il termine clinical i l ha un significato ifi più ampio di clinico i e andrebbe tradotto con Sanitario. Clinical Governance Significa coerente capacità di

Dettagli

Composizione del GLAM - Gruppo di Lavoro Multidisciplinare

Composizione del GLAM - Gruppo di Lavoro Multidisciplinare AUDIT REPORT Indagine AVEC percorso del paziente > 65 con frattura di femore anno 2010 Azienda USL di Bologna Azienda USL di Ferrara Azienda USL di Imola Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna Azienda

Dettagli

RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE

RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE RAPPORTO FARMACOVIGILANZA 2013 REGIONE PIEMONTE A cura del Settore Regionale Farmaceutica Ospedaliera e Territoriale e del Centro Regionale di Documentazione sul Farmaco ASL TO2 In Italia nel 2013 sono

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi.

La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi. La norma ISO 9001 nel settore sanitario.. obbligo o opportunità? una prima analisi. Il concetto di qualità in sanità è stato introdotto in Italia con il D. Lgs. 502 del 30 dicembre 1992, Riordino della

Dettagli

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione

L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Padova, 5 maggio 2012 L appropriatezza nell organizzazione sanitaria: un ripiego o un opportunità? Riflessioni su principi e criteri di valutazione Prof. Ferdinando Romano The World Health Report 2008

Dettagli

Governance e Risk Management in Sanità Il punto di vista del Direttore Generale

Governance e Risk Management in Sanità Il punto di vista del Direttore Generale AZIENDA OSPEDALIERA CTO/MARIA ADELAIDE TORINO Governance e Risk Management in Sanità Il punto di vista del Direttore Generale Alberto Andrion Management in Anatomia Patologica: Quale rischio? Roma 22 24

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA

LA VALUTAZIONE ECONOMICA LA VALUTAZIONE ECONOMICA IN SANITÀ OBIETTIVI DIDATTICI Introdurre il concetto di valutazione economica Definire le principali caratteristiche di una corretta analisi economica Acquisire le conoscenze delle

Dettagli

PIANO SANITARIO A GRANDI INTERVENTI CHIRURGICI. Milano 2013

PIANO SANITARIO A GRANDI INTERVENTI CHIRURGICI. Milano 2013 PIANO SANITARIO A GRANDI INTERVENTI CHIRURGICI Milano 2013 1 PIANO SANITARIO A GRANDI INTERVENTI CHIRURGICI SOMMARIO A GRANDI INTERVENTI CHIRURGICI B PRESTAZIONI ACCESSORIE Trasporto e accompagnatore C

Dettagli

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità

La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità La valutazione individuale e il ciclo delle performance in sanità Responsabile scientifico: Prof. Andrea Vettori, Docente di Healthcare management Università degli studi Guglielmo Marconi, Roma Autori:

Dettagli

Il ruolo dell Health Technology Assessment (HTA) nell allocazione delle risorse

Il ruolo dell Health Technology Assessment (HTA) nell allocazione delle risorse AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL Abteilung 23 - Gesundheitswesen Amt 23.0.2 Operative Einheit Clinical Governance (Akkreditierung, Qualität, Risk Management und HTA) PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Piemonte: ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione.

Piemonte: ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Piemonte: ecco gli ospedali al top dove curarsi Le indicazioni e le graduatorie offerte dal portale Dove e come mi curo per la Regione. Da oggi per diversi importanti problemi di salute i cittadini potranno

Dettagli

Proposta di miglioramento del ciclo di gestione della performance

Proposta di miglioramento del ciclo di gestione della performance (ai sensi Delibera CiVIT n. 112/2010, p. 3.7.3) Organismo Indipendente di Valutazione ASL Salerno Salerno 25 novembre 2011 2 1. Il ciclo di gestione della performance dell ASL di Salerno: una premessa

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Consumi e manutenzioni di esercizio o non servizi per servizi non e erogazione

Dettagli

Principi e metodi di valutazione delle tecnologie in

Principi e metodi di valutazione delle tecnologie in Principi e metodi di valutazione delle tecnologie in ambito biomedico in sanità. Enrico M. Staderini Presentazione didattica intesa per una classe di studenti di laurea specialistica di area medica. Non

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro servizi sanitari per servizi non sanitarie erogazione di sanitari 10100 Igiene e sanità pubblica 10200 Igiene degli alimenti e della nutrizione

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

"La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore)

La forza è nelle differenze, non nelle similitudini Stephen Covey (scrittore) "La forza è nelle differenze, non nelle similitudini" Stephen Covey (scrittore) Modelli di interazione tra Dipartimento di Prevenzione e Distretti nella ASL Roma A 5 Ottobre 2013 Angelo Barbato Barbara

Dettagli

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i

Intensita di cura. 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura 1. Perché 2. Linguagg io 3. Strument i Intensita di cura: perchè? 1. Evoluzione dei bisogni di cura 2. Evoluzione delle tecnologie 3. Multidisciplinarietà 4. Produttività 1. Evoluzione

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

A seguito della nota del D.G. prot. n 0039201 del 05/07/2011 si comunica che le elaborazioni di seguito riportate fanno riferimento all estrazione

A seguito della nota del D.G. prot. n 0039201 del 05/07/2011 si comunica che le elaborazioni di seguito riportate fanno riferimento all estrazione A seguito della nota del D.G. prot. n 0039201 del 05/07/2011 si comunica che le elaborazioni di seguito riportate fanno riferimento all estrazione dei dati concordata al16/07/2011. IL PESO EDIO DEI D.R.G.

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

Il Mercato della Pubblica Amministrazione in Italia ed Europa VI edizione SPENDING REVIEW E LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA

Il Mercato della Pubblica Amministrazione in Italia ed Europa VI edizione SPENDING REVIEW E LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Il Mercato della Pubblica Amministrazione in Italia ed Europa VI edizione SPENDING REVIEW E LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA Prof. Guido Fanelli Ordinario e Direttore della Scuola di Specializzazione di

Dettagli

Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012

Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012 Organizzazione e modalità di funzionamento del Registro Tumori della Regione Piemonte, istituito con Legge Regionale 4/2012 Il Registro Tumori Piemonte (RTP) raccoglie i casi di neoplasia maligna insorti

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Donetti Loredana Data di nascita 08/07/1954. Farmacista direttore FF di Struttura Complessa

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Donetti Loredana Data di nascita 08/07/1954. Farmacista direttore FF di Struttura Complessa INFORMAZIONI PERSONALI Nome Donetti Loredana Data di nascita 08/07/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Farmacista direttore FF di Struttura Complessa ASL DI NOVARA

Dettagli

Remunerazione delle prestazioni di assistenza ospedaliera per acuti, assistenza ospedaliera di riabilitazione

Remunerazione delle prestazioni di assistenza ospedaliera per acuti, assistenza ospedaliera di riabilitazione Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 23 del 28 gennaio 2013 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

IL PIEMONTE E LA LEGGE 38. Coordinatore Commissione Terapia del Dolore

IL PIEMONTE E LA LEGGE 38. Coordinatore Commissione Terapia del Dolore IL PIEMONTE E LA LEGGE 38 Dott.ssa Rossella Marzi Coordinatore Commissione Terapia del Dolore Presupposti per la costituzione del modello (Legge 15 marzo 2010 n. 38, Art. 3. all. A) Compiti delle strutture

Dettagli

Aspetti metodologici della valutazione economica

Aspetti metodologici della valutazione economica Aspetti metodologici della valutazione economica La valutazione economica può essere definita come l analisi comparativa dei corsi di azione alternativi in termini sia di costi, sia di conseguenze (Drummond

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE AZIENDA UNITÀ LOCALE SOCIO SANITARIA N. 1 PRESTAZIONI SPECIALISTICHE ODONTOIATRICHE Definizione dei livelli essenziali di assistenza (LEA) Disposizioni applicative ai sensi della Deliberazione della Giunta

Dettagli

I sistemi sanitari dei Paesi sviluppati, quelli che appartengono all OCSE, hanno realizzato 3 modelli istituzionalizzati

I sistemi sanitari dei Paesi sviluppati, quelli che appartengono all OCSE, hanno realizzato 3 modelli istituzionalizzati SISTEMA SANITARIO Insieme delle istituzioni, attori e risorse (umane e materiali) che concorrono alla promozione, al recupero ed al mantenimento della salute. Finalità di questo sistema è produrre salute.

Dettagli

Dott.ssa Daniela Nicolosi

Dott.ssa Daniela Nicolosi Il concetto di appropriatezza in Sanità Dott.ssa Daniela Nicolosi UO Governo dei Servizi Sanitari Territoriali e Politiche di Appropriatezza e Controllo Direzione Generale Sanità Regione Lombardia APPROPRIATEZZA

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO IL PERCORSO DEL PAZIENTE CON SLA NELL AZIENDA USL BO Gruppo di Lavoro Coordinamento: Salvi. F (Neurologia Osp. Bellaria) Descovich C. (Governo Clinico) Alvisi S. (DH Neurologia OB) Amadori L. (Medicina

Dettagli

Organizzazione Sanitaria internazionale i e nazionale Perugia, Ottobre 2010 Dr. Paolo Menichetti 1. Organizzazione sanitaria internazionale 2. Organizzazione sanitaria italiana: fasi storiche 3. Organizzazione

Dettagli

NON ESSERE PAZIENTE! NELLE FARMACIE CONVENZIONATE www.revitasalute.it PROGETTO SALUTE

NON ESSERE PAZIENTE! NELLE FARMACIE CONVENZIONATE www.revitasalute.it PROGETTO SALUTE 800 65 02 33 NON ESSERE PAZIENTE! NELLE FARMACIE CONVENZIONATE www.revitasalute.it PROGETTO SALUTE PERCHE SCEGLIERE REVITA 10 MOTIVI PER SCEGLIERE REVITA COS E REVITA RE VITA PROGETTO SALUTE È una moderna

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Il modello della Regione Piemonte

Il modello della Regione Piemonte Convegno: Le Reti Sanitarie 7 giugno 2010 Il modello della Regione Piemonte MM Gianino Dipartimento di Sanità Pubblica e Microbiologia Università di Torino Il problema dell oncologia Bisogno di salute

Dettagli

Presentazione delle Linee Guida del Progetto di Legge del Partito Democratico. Gruppo consiliare

Presentazione delle Linee Guida del Progetto di Legge del Partito Democratico. Gruppo consiliare Presentazione delle Linee Guida del Progetto di Legge del Partito Democratico Gruppo consiliare Indice della presentazione I Princìpi che guidano la Riforma La fotografia del sistema attuale Cosa non va

Dettagli

Casa di Cura Karol Wojtyla Hospital 1

Casa di Cura Karol Wojtyla Hospital 1 Casa di Cura Karol Wojtyla Hospital 1 Finito di stampare nel mese di Maggio 2014 dalla Tipografia Elle Commerciale Progettazione grafica per CAIA Foto Officina Fotografica 2 Casa di Cura Karol Wojtyla

Dettagli

Sistema Sanitario S. S. Nazionale S. S. Regionale Dr. Stefano Lottaroli

Sistema Sanitario S. S. Nazionale S. S. Regionale Dr. Stefano Lottaroli Sistema Sanitario S. S. Nazionale S. S. Regionale Dr. Stefano Lottaroli IRCCS Policlinico San Donato Università degli Studi di Pavia 1 INDICE 1. Sistema Sanitario 2. Servizio Sanitario Nazionale 3. Servizio

Dettagli

00 01 07 08 30 31 60 61 90 >90 00 01 07 675 2.123 31,79% 4,35% 825 2.123 38,86% 4,44% 300 2.123 14,13% 7,24% 46 2.123 2,17% 0,45% ECG, ECG SFORZO

00 01 07 08 30 31 60 61 90 >90 00 01 07 675 2.123 31,79% 4,35% 825 2.123 38,86% 4,44% 300 2.123 14,13% 7,24% 46 2.123 2,17% 0,45% ECG, ECG SFORZO Classe Prestazione ECG, ECG SFORZO ECO MAMMELLA ECO(COLOR)DOPPLER ECO/ECOCOLOR CARDIAC ECOGRAFIA OSTETRICA ECOGRAFIE EEG Fascia Attesa >90 >90 >90 >90 >90 >90 242 2.123 11,40% 7,85% 675 2.123 31,79% 4,35%

Dettagli

Direttore UOC Anziani e Cure Domiciliari Azienda Sanitaria Provinciale di Catania ASP di Catania

Direttore UOC Anziani e Cure Domiciliari Azienda Sanitaria Provinciale di Catania ASP di Catania INFORMAZIONI PERSONALI DI FRANCO, Maria Antonina numero telefonico aziendale: 0952545746 numero telefonico aziendale: 3356005678 Viale Regina Margherita, 38-95024, Catania, Acireale Data di nascita [ 31

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER. FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014

NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER. FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014 NUOVE OPPORTUNITA ORGANIZZATIVE E NUOVI RUOLI PROFESSIONALI: L INTENSITA DI CURA E L INFERMIERE CASE MANAGER FERMO 17 e 18 NOVEMBRE 2014 IL RUOLO DELL INFERMIERE CASE MANAGER IN DIVERSI SETTING MONICA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Il Servizio Sanitario in Italia

Il Servizio Sanitario in Italia Il Servizio Sanitario in Italia Corso di Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche A.A. 2014/2015 Docente: Prof. Giuseppe Catalano 17/12/2014 A cura di: Silvia Danella Gemma Oranges Marco Salvatore

Dettagli

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio

La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio La Sanità nel Lazio Rapporto 2011 sull Attività Ospedaliera Le reti specialistiche: modelli organizzativi ed indicatori di monitoraggio Domenico Di Lallo Roma, 18 dicembre 2012 Indice della presentazione

Dettagli

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014

Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 Linee Guida per l applicazione del D. Lgs. 38/2014 1. Premessa Il Decreto Legislativo 4 marzo 2014, n. 38 recante Attuazione della Direttiva 2011/24/UE concernente l'applicazione dei diritti dei pazienti

Dettagli

Organizzazione Sanitaria internazionale e nazionale Perugia, Ottobre 2012 Dr. Paolo Menichetti 1. Organizzazione sanitaria internazionale 2. Organizzazione sanitaria italiana: fasi storiche 3. Organizzazione

Dettagli

Argomenti Contesto di di riferimento Quadro macroeconomico e scenario nazionale Sistemi regionali e modelli a confronto Cenni sulla figura del MMG

Argomenti Contesto di di riferimento Quadro macroeconomico e scenario nazionale Sistemi regionali e modelli a confronto Cenni sulla figura del MMG Lezione dell 11 Aprile 2008 Argomenti Contesto di di riferimento Quadro macroeconomico e scenario nazionale Sistemi regionali e modelli a confronto Cenni sulla figura del MMG Silvia Angeloni sangeloni1@libero.it

Dettagli

Priorità di Governo Clinico

Priorità di Governo Clinico Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 Survey Priorità di Governo Clinico

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

Tecniche di valutazione economica in sanità. Dr.ssa Cecilia Quercioli

Tecniche di valutazione economica in sanità. Dr.ssa Cecilia Quercioli Tecniche di valutazione economica in sanità Dr.ssa Cecilia Quercioli Perché sono necessarie valutazioni economiche in sanità? Razionale: scarsità delle risorse a disposizione È necessario fare delle scelte

Dettagli

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione

Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Punto di contatto nazionale: strumenti di accesso, informazioni disponibili e punti di attenzione Il patrimonio informativo delle strutture della rete sanitaria Dott.ssa Cristina Tamburini Direzione Generale

Dettagli

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo

OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA. AO San Carlo OBIETTIVI 2014 DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE BASILICATA AO San Carlo 2014 SOMMARIO PREMESSA E LOGICHE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE 2014... 3 AREA N. 1... 6 OBIETTIVO 1.1: APPROPRIATEZZA ORGANIZZATIVA...

Dettagli

XII CONGRESSO CURE PRIMARIE Azienda USL 11 Empoli TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA Empoli Palazzo delle esposizioni- 14 giugno 2012

XII CONGRESSO CURE PRIMARIE Azienda USL 11 Empoli TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA Empoli Palazzo delle esposizioni- 14 giugno 2012 M.C. Escher XII CONGRESSO CURE PRIMARIE Azienda USL 11 Empoli TRA CHRONIC CARE MODEL E MEDICINA DI INIZIATIVA Empoli Palazzo delle esposizioni- 14 giugno 2012 I TRE SNODI CRUCIALI DI UNA STRATEGIA IPOTIZZATA/ATTUATA

Dettagli

Le strutture territoriali nelle regioni:

Le strutture territoriali nelle regioni: 2014 MOTORE SANITA' Il nuovo patto stato-regioni: tra tagli ed efficienza 1 Marzo 2014 Le strutture territoriali nelle regioni: luoghi La e strumenti fantasia al innovativi potere di integrazione e di

Dettagli

IL PRIORITY SETTING IN SANITA

IL PRIORITY SETTING IN SANITA IL PRIORITY SETTING IN SANITA UNO STRUMENTO DI SUPPORTO DECISIONALE PER IL MEDICO DIRIGENTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRENTO 03/10/2013 1 IL PRIORITY SETTING: IL CONTESTO DI RIFERIMENTO IL PROBLEMA E GLOBALE!

Dettagli

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)

Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Gli Indicatori per il monitoraggio dell Assistenza: i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) Susanna Conti Direttora dell Ufficio di Statistica dell Istituto Superiore della Sanità ALCUNE CONSIDERAZIONI

Dettagli

Università degli Studi di Verona

Università degli Studi di Verona Università degli Studi di Verona L appropriatezza nel campo delle prestazioni sanitarie: i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e le prestazioni della Medicina Fisica Riabilitativa ambulatoriale nella

Dettagli

Continuità delle cure:

Continuità delle cure: Continuità delle cure: Assistenza integrata Ospedale-Territorio Roma, 13 dicembre 2013 Riccardo Poli Direttore Zona-Distretto Asl 4 Prato AZIENDA USL 4 PRATO Dalle Dimissioni Difficili al SCAHT Servizio

Dettagli

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA

L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA L INFERMIERE IN ONCOLOGIA TRA MANAGEMENT E PRATICA CLINICA: QUALE FUTURO? CASE MANAGEMENT IN ONCOLOGIA Lorenza Zullo Napoli 25 maggio 2013 Qual è il soggetto d interesse del case management? Il beneficiario

Dettagli

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7

ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _C _ Dgr n. del pag. 1/7 Progetto ex Accordo Stato-Regioni rep. atti 13/CSR del 20/02/ 2014 per l utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi

Dettagli

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5

Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5 Politiche Sanitarie Comparate Lezione 5 Stefano Neri Corso di Laurea in Servizio Sociale 2009/10 Università degli Studi di Milano Bicocca I sistemi sanitari in Europa negli anni 80-90 Il paradiso dei riformatori

Dettagli

Servizi odontoiatrici offerti dalle Aulss vicentine per persone in situazioni di vulnerabilità

Servizi odontoiatrici offerti dalle Aulss vicentine per persone in situazioni di vulnerabilità Servizi odontoiatrici offerti dalle Aulss vicentine per persone in situazioni di vulnerabilità DOVE ULSS 3 BASSANO DEL GRAPPA Centro Socio-Sanitario Mons. Negrin, Palazzina B, Via Cereria, 14 THIENE Centro

Dettagli

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie

Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Modalità di Gestione nelle Cure Primarie Medicina d attesa Medicina d opportunità Medicina d Iniziativa Campagne di sensibilizzazione e di prevenzione Dr. Maurizio Pozzi Modelli Generali delle Cure Primarie

Dettagli

Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali

Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali Brescia, 2 settembre 2011 Le nuove regole regionali per gli ospedali Angelo Bianchetti Come si finanzia l ospedale Remunerazione attività tariffate: Attività di degenza (ricovero e DH) per acuti remunerate

Dettagli

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI

Area Funzionale Chirurgica del P.O. di Pescia GUIDA AI SERVIZI Area Funzionale Chirurgica del Presidio Ospedaliero S.S. Cosma e Damiano di Pescia ON-LINE www.usl3.toscana.it SISTEMA CARTA DEI SERVIZI Gentile Signore, Gentile Signora, l Area Funzionale Chirurgica dell

Dettagli

AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari DIREZIONE GENERALE

AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari DIREZIONE GENERALE AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari DIREZIONE GENERALE AOU Cagliari Azienda Ospedaliero Universitaria Cagliari CONDIVISIONE DEL BUDGET 2012 Programmazione e Controllo di Gestione Email:

Dettagli

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento Protocollo del percorso di Ospedalizzazione Domiciliare riabilitativa postcardiochirurgica Versione aggiornata al 16/01/2012 Modifiche del documento Le modifiche rispetto alla versione pubblicata nell

Dettagli

BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA

BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA BISOGNO, DOMANDA E OFFERTA Bisogno e domanda Il particolare stato di bisogno che accompagna l insorgenza di una malattia non è confrontabile con altri bisogni (ad es. fame, sete, sonno) Per molti bisogni

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO VI PROGRAMMA OPERATIVO APPROPRIATEZZA

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2009 Azienda : 801 28.01.14 14:17 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

Livelli di Assistenza

Livelli di Assistenza Livelli di Assistenza Consuntivo 2012 Azienda : 106 27.11.14 14:34 TS001 TS002 TS003 TS004 TS005 TS006 TS007 TS008 TS009 TS00P TS010 TS011 TS012 TS013 TS014 TS015 TS016 TS017 esercizio sanitari esercizio

Dettagli

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano

Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Impatto dei sistema di finanziamento a DRG sull innovazione tecnologica in sanità Evidenze e proposte emerse dal caso italiano Giuditta Callea Cergas Università Bocconi La ricerca Impatto del sistema di

Dettagli

I principi cui si ispira il Servizio sanitario nazionale sono: il principio dell universalità degli utenti; il principio dell eguaglianza; il

I principi cui si ispira il Servizio sanitario nazionale sono: il principio dell universalità degli utenti; il principio dell eguaglianza; il Parte Seconda Le prestazioni sanitarie I principi cui si ispira il Servizio sanitario nazionale sono: il principio dell universalità degli utenti; il principio dell eguaglianza; il principio della globalità

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 il BLOCCO OPERATORIO OSPEDALE di SALUZZO ASL CN1

LA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 il BLOCCO OPERATORIO OSPEDALE di SALUZZO ASL CN1 LA CERTIFICAZIONE ISO 9001:2008 il BLOCCO OPERATORIO OSPEDALE di SALUZZO ASL CN1 di Simona Ghigo, SC Direzione Sanitaria Presidio Savigliano Saluzzo, ASL CN1; Guido Cento, SC Ufficio Qualità Integrato

Dettagli

IDEE PER LA SANITA PROF. VITO D ANDREA

IDEE PER LA SANITA PROF. VITO D ANDREA IDEE PER LA SANITA PROF. VITO D ANDREA Il Servizio Sanitario Nazionale Italiano è universale e garantisce a tutti l assistenza sanitaria gratuita, fondandosi sulla medicina di famiglia, sulla continuità

Dettagli

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila

Assetti di Governance dei Servizi Territoriali. Le cure primarie: Il caso della ASL di L Aquila Assetti di Governance dei Servizi Territoriali Le cure primarie: Il caso della Introduzione Profilo Aziendale Indice Il Governo dei servizi territoriali: la scelta dell Il modello di Programmazione e Controllo

Dettagli

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana

Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Il progetto della sanità di iniziativa in Toscana Giornata di lavoro Il percorso dell assistito con patologia cronica ad alta prevalenza Milano, 13 novembre 2013 francesco.profili@ars.toscana.it paolo.francesconi@ars.toscana.it

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura

Gestione integrata delle strutture ospedaliere secondo livelli di intensità di cura Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia Autonoma di Bolzano Via Alessandro Volta, 3 I-39100 Bolzano (BZ) Tel. +39 0471 976619 Fax. +39 0471 976616 E-Mail: info@ordinemedici.bz.it

Dettagli

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro Edilizia/tecnologia Logistica ( intensità di cura) Percorsi dei Pazienti Le nuove professioni sanitarie Responsabilità

Dettagli

CECCHETTO - SALVATORI e Associati

CECCHETTO - SALVATORI e Associati Progetto1:Layout 1 3-06-2010 12:15 Pagina 1 Studio Infermieristico Associato CECCHETTO - SALVATORI e Associati ASSISTENZA INFERMIERISTICA FORMAZIONE CONSULENZA Carta dei Servizi Progetto1:Layout 1 3-06-2010

Dettagli