E in caso di pubblicazione, su chi grava il relativo costo? Mario Zoppellari, Viviana Tripodi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "E in caso di pubblicazione, su chi grava il relativo costo? Mario Zoppellari, Viviana Tripodi"

Transcript

1 Sommario Diritto 5 Peculiarità nell applicazione alle Aziende Sanitarie pubbliche della disciplina dell Imposta sul valore aggiunto Massimo Barbiero, Nevio Nardo 27 L obiezione di coscienza tra diritti del medico e tutela del paziente. Aspetti applicativi nel panorama sanitario emergente dalla riforma Balduzzi Serena Boscherini 34 Gli avvisi dei bandi di gara vanno ancora pubblicati per estratto sui quotidiani? E in caso di pubblicazione, su chi grava il relativo costo? Mario Zoppellari, Viviana Tripodi Economia e Management 38 La gestione del percorso riabilitativo attraverso l utilizzo della Rete: il Dipartimento Interaziendale Metropolitano di Riabilitazione Maria Antonietta Banchero 48 Analisi di Hospital-Based HTA sull implementazione della coro TC presso l Azienda Ospedaliera di Lodi Davide Archi, Antonio Piccichè 60 Il codice degli appalti pubblici: stato di avanzamento nell applicazione degli istituti innovativi Vittorio Miniero 65 Management Pills La leadership diffusa in Sanità a cura del CREMS Esperienze in vetrina 69 Sistemi Dinamici di Acquisizione: esperienze svolte e valori di risparmio Mario Pucci Giurisprudenza commentata 75 Libera concorrenza nel mercato sanitario siciliano (Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, sez. giurisd., 11 marzo 2013, n. 326) Commento a cura di Ennio La Placa Uno sguardo ai numeri 81 Stima del numero di persone HIV positive viventi in Italia Umberto Restelli, Marzia Bonfanti, Elisabetta Garagiola, Fabio Vecchio, Francesco Bamfi, Paolo Rizzini, Maurizio Amato, Mauro Quartaroli, Davide Croce 87 Recensioni a cura del CREMS 3

2 Direttore responsabile Manlio Maggioli Direttore Fabio Roversi-Monaco Professore ordinario di Diritto amministrativo nell Università di Bologna Condirettore Davide Croce Direttore CREMS LIUC Università Cattaneo Comitato scientifico Sezione giuridica Aldo Bardusco Professore ordinario di Diritto costituzionale nell Università di Milano Marzio Branca Consigliere di Stato Giuseppe Caia Professore ordinario di Diritto amministrativo nell Università di Bologna Luigi Carbone Consigliere di Stato Guido Carpani Direttore generale Ufficio della segreteria generale Presidenza della Repubblica Fabio Cintioli Professore ordinario di Diritto amministrativo nell Università San Pio V di Roma Segretario generale Autorità garante della concorrenza e del mercato Rosario Ferrara Professore ordinario di Diritto amministrativo nell Università di Torino Carlo Emanuele Gallo Professore ordinario di Istituzioni di diritto pubblico nell Università di Torino Giuseppe Morbidelli Professore ordinario di Diritto amministrativo nell Università di Roma La Sapienza Antonio Romano Tassone Professore ordinario di Diritto amministrativo nell Università di Messina Franco G. Scoca Professore ordinario di Diritto amministrativo nell Università di Roma La Sapienza Sezione economia e management Ugo Luigi Aparo Direttore Sanitario IRCCS IDI Istituto Dermopatico dell Immacolata Roma Giuseppe Banfi Professore di Biochimica Università degli studi di Milano e Direttore Scientifico IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi Milano Renato Botti Socio e Amministratore Delegato di Telbios S.p.A. Angelo Carenzi Presidente Fondazione Istituto Insubrico di Ricerca per la Vita, Gerenzano (VA) Ranieri Guerra Addetto scientifico all Ambasciata d Italia in Washington Roberto Walter Dal Negro Direttore dell U.O.C. di Pneumologia e del Dipartimento di Medicina Specialistica ULSS 22 Regione Veneto Aldo Pagni Fondatore SIMG Società Italiana di Medicina Generale e già Presidente FNOMCeO Firenze Gianfranco Rebora Direttore dell Istituto di Economia Aziendale, LIUC Università Cattaneo Renato Ruffini Professore Associato di Economia Aziendale LIUC Università Cattaneo Antonio Emilio Scala Rettore dell Università Vita-Salute S. Raffaele e Docente presso la Facoltà di Medicina Federico Spandonaro Docente Facoltà di Economia e Coordinatore CEIS-Sanità Università degli Studi di Roma Tor Vergata Ernesto Sticchi Damiani Professore ordinario di Diritto amministrativo nell Università di Lecce Mario Luigi Torsello Consigliere di Stato Redazione Carlo Bottari, Antonio Carastro, Claudia Corbetta, Paolo De Angelis, Paco D Onofrio e Silvia Marzot SPISA Scuola di Specializzazione in Studi sull Amministrazione Pubblica dell Università di Bologna Via Belmeloro, Bologna tel fax Redazione Antonio Sebastiano (Caporedattore), Marzia Bonfanti, Emanuela Foglia, Roberto Pigni, Emanuele Porazzi, Umberto Restelli, Francesca Scolari, Anna Vanzago CREMS Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità e nel Sociale LIUC Università Cattaneo Corso Matteotti, Castellanza (VA) tel fax

3 Redazione Maggioli Editore Via del Carpino, Santarcangelo di R. (RN) tel fax Amministrazione e diffusione Maggioli Editore presso c.p.o. Rimini Via Coriano, Rimini tel fax Maggioli Editore è un marchio Maggioli Spa Servizio Clienti tel fax Pubblicità PUBLIMAGGIOLI Concessionaria di pubblicità per Maggioli Spa Via del Carpino, Santarcangelo di R. (RN) tel fax Filiali Milano Via F. Albani, Milano tel fax Bologna Via Volto Santo, Bologna tel fax Roma Via Volturno, 2/c Roma tel fax Napoli Via A. Diaz, Napoli tel fax Maggioli Spa Azienda con Sistema Qualità certificato ISO 9001:2000 Iscritta al registro operatori della comunicazione Progetto grafico Niki Caragiulo Registrazione Presso il Tribunale di Rimini del 5 dicembre 1980 al n. 189/80 Tutti i diritti riservati È vietata la riproduzione, anche parziale, del materiale pubblicato senza l autorizzazione dell Editore. Le opinioni espresse negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio, lasciandoli responsabili dei loro scritti. Gli autori garantiscono la paternità dei contenuti inviati all Editore manlevando quest ultimo da ogni eventuale richiesta di risarcimento danni proveniente da terzi che dovessero rivendicare diritti su tali contenuti. Stampa Titanlito Spa Dogana R.S.M. Condizioni di abbonamento 2014 Il prezzo di abbonamento della rivista Sanità Pubblica e Privata + la newsletter on line quindicinale Sanità oggi è di euro 214,00 anziché di euro 240,00*. Il prezzo promozionale per privati e liberi professionisti, comprensivo della newsletter on line Sanità oggi è di euro 124,00 anziché di euro 141,00*. Il prezzo di una copia della rivista è di euro 42,00; il prezzo di una copia arretrata è di euro 44,00. I prezzi sopra indicati si intendono Iva inclusa. * L offerta è valida per chi sottoscrive e paga l abbonamento entro il 31/01/2014. Il pagamento dell abbonamento deve essere effettuato con bollettino di c.c.p. n intestato a Maggioli Spa Periodici Via del Carpino, Santarcangelo di Romagna (RN). La rivista è disponibile anche nelle migliori librerie L abbonamento decorre dal 1 gennaio con diritto al ricevimento dei fascicoli arretrati ed avrà validità per un anno. La Casa Editrice comunque, al fine di garantire la continuità del servizio, in mancanza di esplicita revoca, da comunicarsi in forma scritta entro il trimestre seguente alla scadenza dell abbonamento, si riserva di inviare il periodico anche per il periodo successivo. La disdetta non è comunque valida se l abbonato non è in regola con i pagamenti. Il rifiuto o la restituzione dei fascicoli della rivista non costituiscono disdetta dell abbonamento a nessun effetto. I fascicoli non pervenuti possono essere richiesti dall abbonato non oltre 20 giorni dopo la ricezione del numero successivo.

4 Hanno collaborato a questo numero Maurizio Amato ViiV Healthcare Srl, Verona Davide Archi Referente medico per l informatizzazione dei processi clinici, U.S.C. Area di Supporto Direzionale per l Organizzazione e lo Sviluppo, Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi Maria Antonietta Banchero Direzione Generale Salute, Regione Lombardia Francesco Bamfi ViiV Healthcare Srl, Verona Massimo Barbiero Direttore della Ragioneria Territoriale dello Stato di Vicenza Marzia Bonfanti Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità e nel Sociale (CREMS), LIUC Università Cattaneo, Castellanza (VA) Serena Boscherini Dottore in Giurisprudenza Università degli Studi di Bologna Davide Croce Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità e nel Sociale (CREMS), LIUC Università Cattaneo, Castellanza (VA) School of Public Health, Faculty of Health Sciences, University of the Witwatersrand, Johannesburg Elisabetta Garagiola Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità e nel Sociale (CREMS), LIUC Università Cattaneo, Castellanza (VA) Vittorio Miniero Avvocato specializzato in appalti pubblici Nevio Nardo Funzionario Amministrativo dell Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale del Veneto Antonio Piccichè Dirigente Medico, Direzione Medica di Presidio, Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo Mario Pucci Amministratore Unico HELDIS SrL Mauro Quartaroli ViiV Healthcare Srl, Verona Umberto Restelli Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità e nel Sociale (CREMS), LIUC Università Cattaneo, Castellanza (VA) School of Public Health, Faculty of Health Sciences, University of the Witwatersrand, Johannesburg Paolo Rizzini ViiV Healthcare Srl, Verona Viviana Tripodi Studio Legale Zoppellari Fabio Vecchio ViiV Healthcare Srl, Verona Mario Zoppellari Studio Legale Zoppellari Ennio La Placa Funzionario della Giustizia Amministrativa, Specialista in Studi sull Amministrazione Pubblica e Dottorando di ricerca, Università degli Studi di Bologna 4 ERRATA CORRIGE Nel n. 3-4 del 2013, è stato erroneamente indicato il nome di un coautore dell articolo L integrazione ADI-SAD nell ASL di Varese: evidenze empiriche. Il nome corretto è Silvia Mocchetti Ci scusiamo con i lettori e con la diretta interessata.

5 Peculiarità nell applicazione alle Aziende Sanitarie pubbliche della disciplina dell Imposta sul valore aggiunto Massimo Barbiero *, Nevio Nardo ** Diritto La soggettività passiva ai fini Iva La soggettività passiva ai fini Iva si basa su un concetto fondamentale, tanto semplice nell esposizione e altrettanto complesso nell applicazione. Infatti, l art. 1 del d.p.r. 633/1972 stabilisce che per operazioni imponibili (ai fini Iva) si considerano le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nel territorio dello Stato nell esercizio di imprese, arti e professioni, definizione nella quale risultano evidenti i tre requisiti fondamentali per l applicazione del tributo de quo: oggettivo, soggettivo e territoriale. In merito al secondo requisito, per quanto riguarda la categoria degli enti pubblici (nella quale rientrano le aziende sanitarie pubbliche) la normativa in parola dedica alcune regole ad hoc. In particolare, si fa in questa sede rilevare quanto disposto dal secondo comma dell art. 4 del d.p.r. 633 per il quale sono da considerare effettuate nell esercizio di imprese le cessioni di beni e le prestazioni di servizi fatte da altri enti pubblici e privati,, che abbiano per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali o agricole. Pertanto gli enti (pubblici e privati) che hanno come oggetto principale l esercizio di attività commerciale (i cosiddetti enti commerciali ) pongono in essere sempre attività rilevante ai fini Iva, a condizione che vengano rispettati altresì il requisito oggettivo e quello territoriale. Tuttavia anche agli enti non commerciali il d.p.r. 633/1972 dedica un attenzione particolare. Infatti, ai sensi del quarto comma del citato articolo, per gli enti indicati al n. 2) del secondo comma, che non abbiano per oggetto esclusivo o principale l esercizio di attività commerciali o agricole, si considerano effettuate nell esercizio di imprese soltanto le ces- L analisi degli aspetti peculiari del regime Iva delle aziende sanitarie pubbliche consente di portare alla luce uno scenario di notevole complessità che vede gli operatori del settore stretti tra le pretese dell Amministrazione finanziaria e le azioni della Corte dei conti. Sulla scorta di un animus volto a cogliere le opportunità disponibili per ottenere un risparmio d imposta nel rigoroso rispetto degli adempimenti e dei limiti posti dalla normativa e dalla prassi del settore, si rende pertanto necessario porre in essere alcuni importanti interventi sul piano organizzativo. Un ruolo fondamentale viene svolto, in questo senso, dall attuazione dell istituto della contabilità separata delle attività commerciali con le conseguenti criticità nella gestione dei diversi pro rata provenienti dall applicazione delle regole dell Iva, in un contesto in cui viene a mancare il parallelismo, tipico delle imprese del settore privato, tra operazioni rilevanti ai fini Iva e operazioni rilevanti ai fini delle imposte sui redditi. (*) Direttore della Ragioneria Territoriale dello Stato di Vicenza. (**) Funzionario Amministrativo dell Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale del Veneto. 5

6 Diritto Peculiarità nell applicazione alle Aziende Sanitarie pubbliche della disciplina dell Imposta sul valore aggiunto 6 sioni di beni e le prestazioni di servizi fatte nell esercizio di attività commerciali o agricole. Da ciò consegue che per detti organismi la soggettività Iva ricorre allorquando nell esercizio delle loro funzioni svolgano un attività di tipo commerciale o agricola, cioè una di quelle rubricate rispettivamente nell art e 2135 del codice civile. Per completezza si evidenzia che nel comma 5 del già citato art. 4 viene stabilita una presunzione assoluta di attività d impresa: quando un soggetto (pubblico o privato, con o senza fine di lucro), pone in essere una delle attività ivi menzionate, esercita sempre, senza possibilità di prova contraria, un impresa e, come tale, i corrispettivi sono da assoggettare ad Iva. In questa sede preme, inoltre, sottolineare che, sia nel caso del comma 4, sia in quello del comma 5, il perseguimento o meno di un fine di lucro o il fatto che le attività poste in essere siano rese nel quadro di finalità istituzionali in forza di disposizioni legislative 1, è irrilevante. Pertanto le aziende sanitarie pubbliche assumono la veste di soggetti passivi ai fini Iva in virtù dell esercizio per professione abituale di attività commerciali, non rilevando né la natura sanitaria delle prestazioni svolte né le finalità di interesse pubblico perseguite 2. L evidente similitudine tra l art. 4 della normativa Iva e quella dell art. 55 del Tuir nel definire il concetto di esercizio di impresa non deve indurre a pensare che esista un perfetto parallelismo tra i due sistemi impositivi. In particolare, non è rinvenibile nell ambito della normativa Iva una disposizione che operi una decommercializzazione generalizzata sulla falsariga di quanto previsto dall art. 74 del Tuir 3. Sussiste, in realtà, una sorta di ulteriore e diversa decommercializzazione laddove, al comma 5 del più (1) In questo senso si veda la risoluzione del Ministero delle Finanze n del 21 luglio (2) Per un analisi approfondita del punto si rinvia a M. Fiorese, La soggezione delle unità sanitarie locali all imposta sul valore aggiunto, in Aa.Vv., Il regime tributario delle Unità Sanitarie Locali, a cura di L. Tosi, Maggioli, 1992, pp. 125 e ss. (3) Sul punto si rinvia a M. Barbiero, Il regime fiscale delle aziende sanitarie pubbliche, Franco Angeli, 2013, pp. 24 e ss. volte menzionato articolo 4, si stabilisce che non sono considerate commerciali le prestazioni sanitarie soggette al pagamento di quote di partecipazione alla spesa sanitaria erogate dalle unità sanitarie locali e dalle aziende ospedaliere del Servizio sanitario nazionale 4. Si tratta di una decommercializzazione più limitata rispetto a quella prevista dall art. 74 del Tuir in quanto si riferisce alle sole prestazioni sanitarie per le quali è previsto il pagamento di un ticket, a dimostrazione della divergenza tra le due tipologie di decommercializzazione e dell accennata mancanza di simmetria tra i due sistemi impositivi 5-6. Tuttavia, non si può negare che il rinvio al codice civile, effettuato sia dall art. 4 del d.p.r. 633/1972 sia dall art. 55 del Tuir, rappresenti un punto in comune di una certa importanza nella definizione dei confini delle due discipline, e ciò anche in ragione del fatto che anche in materia Iva è stata riconosciuta, da parte dell Amministrazione Finanziaria, la natura delle aziende sanitarie pubbliche quali enti non commerciali 7 e come tali, in base a quanto previsto dall articolo 4, quarto comma, del d.p.r. n. 633 del 1972, le Aziende sanitarie locali devono assoggettare ad Iva solo le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nell esercizio di attività commerciali, secondarie ed accessorie rispetto ai loro fini istituzionali 8. Ancora più incidente, sebbene sintetica, risulta, in questo senso, la Risoluzione del 5 febbraio 2003 della Direzione Regionale delle Entrate dell Emilia-Romagna laddove chiarisce che la normativa Iva non contiene una disposizione analoga a quella dell art. 88 (ora 74, n.d.a.), comma 2, lettera b) del Tuir, cioè (4) Si tratta dei cosiddetti tickets a carico degli assistiti sulle prestazioni sanitarie. Per una disamina ancora attuale dell argomento si veda G. Lorenzon, La natura giuridica dei tickets sanitari in Aa.Vv., Il regime tributario delle Unità Sanitarie Locali, a cura di L. Tosi, Maggioli, 1992, pp. 233 e ss. (5) Cfr. S. Lizzani e G. L. Cezza, La fiscalità d impresa delle aziende sanitarie pubbliche, Il Sole 24 Ore, 2011, p (6) Una giustificazione di tale mancanza di simmetria può essere rinvenuta nella circostanza per cui la disciplina Iva risente in modo determinante della normativa comunitaria. (7) Ex pluribus risoluzione dell Agenzia delle Entrate n. 86/E del 13 marzo (8) Risoluzione dell Agenzia delle Entrate n. 135/E del 25 settembre 2001.

7 Diritto Peculiarità nell applicazione alle Aziende Sanitarie pubbliche della disciplina dell Imposta sul valore aggiunto non prevede la decommercializzazione di tutte le attività sanitarie poste in essere dalle Aziende sanitarie locali; ai fini Iva, sarebbero pertanto da considerare non commerciali le sole prestazioni sanitarie soggette al pagamento di quote di partecipazione alla spesa sanitaria (ticket) Per tutte le altre attività per le quali non sussiste la predetta presunzione assoluta di non commercialità, occorrerebbe verificare, caso per caso, la ricorrenza del presupposto soggettivo di cui all art. 4, commi 1 e 4, del d.p.r. 633/1972, essendo le Aziende sanitarie locali enti non commerciali. Conseguentemente, potranno rinvenirsi nell ambito del complesso delle operazioni attive poste in essere dalle aziende sanitarie pubbliche sia attività rilevanti Ires, che rilevanti Iva, che non rilevanti per la prima e/o per la seconda, secondo il seguente schema di seguito esposto a fini esemplificativi ed espositivi in relazione al ragionamento che si vuole in questa sede sviluppare 9 : Rilevante Iva Non rilevante Iva Rilevante Ires Mensa aziendale Attività svolte in veste di pubblica autorità Non rilevante Ires Attività libero professionale intramoenia Trasferimenti correnti da FSR Stabilito che non sussiste perfetto parallelismo tra la disciplina Ires e quella Iva, ancorché tale concomitanza si verifichi nella maggioranza delle operazioni poste in essere dalle aziende sanitarie pubbliche, occorre anche precisare che il valore delle operazioni rilevanti ai fini Iva (e, pertanto, quelle commerciali in generale) rappresenta una percentuale molto bassa del totale delle attività. Infatti, le aziende del SSN operano più come consumatori (9) Per gli aspetti inerenti l imposizione diretta si rinvia a M. Barbiero e R. Caselli, IRES sull attività istituzionale, in Il Sole 24 Ore Sanità del 14 aprile 2009, p. 20. finali che come imprenditori 10 ; tuttavia, pur essendo una minoranza limitata, le operazioni svolte in qualità di soggetto passivo d imposta rappresentano, in valore assoluto, degli importi rilevanti che sicuramente assumono rilievo in termini di responsabilità erariale come pure nei confronti dell Amministrazione Finanziaria, anche in ragione delle oggettive difficoltà che gli operatori del settore si trovano spesso a fronteggiare per le ragioni che si andranno ad esaminare. Le operazioni poste in essere nella veste di pubblica autorità La soggettività Iva, esaminata nelle righe che precedono, si basa essenzialmente sulla normativa italiana. Infatti, si è più volte citato l art. 4 del d.p.r. 633/1972 in base al quale dall esercizio per professione abituale di attività commerciali deriva l assoggettamento al tributo delle operazioni poste in essere, senza che assumano rilievo l oggetto sanitario delle prestazioni o le finalità di interesse pubblico perseguito. Quanto sopra va però integrato con la disciplina comunitaria, (cfr. l art. 4, paragrafo 5, della VI Direttiva Cee n. 77/388 del 17 maggio ) che, coerentemente con la normativa locale, stabilisce che Gli Stati, le regioni, le province, i comuni e gli altri organismi di diritto pubblico non sono considerati soggetti passivi per le attività od operazioni che esercitano in quanto pubbliche autorità, anche quando, in relazione a tali attività od operazioni, percepiscono diritti, canoni, contributi o retribuzioni. Se però tali enti esercitano attività od operazioni di questo genere, essi devono essere considerati soggetti passivi per dette attività od operazioni quando il loro non assoggettamento provocherebbe distorsioni di concorrenza di una certa importanza 12. (10) In questo senso si parla di doppia veste. (11) Ora trasfuso nell art. 13, paragrafo 1, della Direttiva Ce del 28 novembre 2006, n (12) Con riferimento alla nozione di attività esercitata in veste di pubblica autorità la giurisprudenza comunitaria ha stabilito il seguente criterio: le attività esercitate in quanto pubbliche autorità, ai sensi dell art. 4, n. 5, primo comma della sesta direttiva, sono quelle svolte dagli enti pubblici nell ambito del regime giuridico loro 7

8 Diritto Peculiarità nell applicazione alle Aziende Sanitarie pubbliche della disciplina dell Imposta sul valore aggiunto 8 Quindi, riassumendo quanto previsto dalla Ue, qualora un ente pubblico (come l azienda sanitaria) agisca in veste di pubblica autorità le relative operazioni e, quindi, i relativi incassi sono da considerarsi fuori dal campo di applicazione dell Iva per mancanza del requisito soggettivo. Le conseguenze della norma non sono certamente di poco conto sul lato pratico in quanto viene esclusa dall assoggettamento ad Iva (ma ciò non implica, come già sottolineato precedentemente, che ne discenda sic et simpliciter l esclusione da tassazione Ires) una mole considerevole di attività svolta dalle aziende sanitarie pubbliche, soprattutto con riferimento alle funzioni svolte dal dipartimento di sanità pubblica presente presso ogni azienda sanitaria territoriale. Si sta facendo riferimento alle attività di certificazione e di autorizzazione 13 effettuate in regime di esclusività ancorché erogate verso il pagamento di un corrispettivo specifico. Tuttavia non risulta facile la distinzione tra i due ambiti, ovvero il campo delle attività svolte in veste di pubbliche autorità e quello relativo alle altre attività, classificazione che è di fondamentale importanza per l applicazione o meno del tributo oggetto di analisi. La Corte di Giustizia CE 14 ha da tempo precisato che il concetto di pubblica autorità non può essere fondato sull oggetto o sul fine dell attività dell Ente pubblico ma occorre individuare il regime giuridico applicato in base al diritto nazionale. In questo senso risulta utile il contenuto della risoluzione n. 220/E dell 8 luglio 2002 con cui l Agenzia delle Entrate risponde ad un istanza di interpello presentata dalla Regione Veneto. L interpellante, nella richiesta, aveva proposto la proprio, escluse le attività da essi svolte in base allo stesso regime cui sono sottoposti gli operatori economici privati. (Sentenza della Corte di Giustizia della Comunità Europea del 17 ottobre 1989, cause riunite nn. 231/87 e 129/88). (13) Certificazione, ad esempio, dello stato degli edifici, delle caratteristiche degli alimenti, dello stato di salute degli animali, ecc. e autorizzazione, ad esempio, allo svolgimento di determinate attività, all utilizzo di determinate apparecchiature, ecc. (14) Corte di Giustizia della Comunità Europea (sentenza del 17 ottobre 1989, cause riunite nn. 231/87-129/88). sua interpretazione sostenendo che le prestazioni sanitarie rese dal dipartimento di prevenzione della ASL 15 fossero da considerare fuori campo di applicazione dell Iva per carenza del requisito soggettivo in quanto rese in qualità di pubblica autorità. In particolare, secondo l interpellante, devono ritenersi svolte in tale veste: le prestazioni rese d ufficio (per esempio in materia di vigilanza e controlli sanitari); quelle svolte su richiesta di un altro ente o di un privato qualora tale richiesta sia prevista obbligatoriamente dalla legge; poiché in siffatte fattispecie le aziende sanitarie territoriali esercitano una funzione istituzionale di cui hanno l esclusivo esercizio in base alla legge (ad esempio: i pareri finalizzati al rilascio del permesso di costruire nonché dell agibilità sugli immobili o i pareri finalizzati al rilascio di autorizzazioni alla detenzione ed utilizzo di apparecchiature radiogene e sostanze radioattive). L Amministrazione, dopo aver confermato che le ASL rientrano nella categoria degli enti non commerciali, ha chiarito che occorre esaminare di volta in volta le modalità di svolgimento delle medesime, escludendo dal campo di applicazione del tributo quelle che, conformemente alla citata normativa comunitaria, vengono rese da detti enti pubblici nella veste di pubblica autorità ossia quelle che costituiscono cura effettiva di interessi pubblici, poste in essere nell esercizio di poteri amministrativi, fermo restando il principio che non rileva l oggetto o il fine delle medesime attività, bensì la relativa modalità di svolgimento. Inoltre, qualora le attività, anche se rese in ambito pubblicistico, possano essere rese anche da altri soggetti, le stesse dovranno essere assoggettate ad Iva nell eventualità in cui il loro non assoggettamento possa determinare una distorsione di concorrenza di una certa importanza. In ogni caso sono soggette al tributo le attività che vengono poste in essere dalle aziende sanitarie me- (15) Per le prestazioni in argomento la Regione è tenuta ad approvare il tariffario relativo alle prestazioni rese dai dipartimenti di sanità pubblica delle aziende sanitarie territoriali (le c.d. ASL).

9 Diritto Peculiarità nell applicazione alle Aziende Sanitarie pubbliche della disciplina dell Imposta sul valore aggiunto diante strumenti giuridici tipici del diritto privato, alla stregua di quelli utilizzati da altri operatori economici privati. Ciò si verifica ogniqualvolta l azienda agisce con strumenti di diritto comune e non attraverso l esercizio di poteri amministrativi 16. Le difficoltà nel distinguere tra l una e l altra fattispecie indubbiamente esistono e non sono sem- (16) La problematica non è certamente nuova ed è sempre stata affrontata dall Amministrazione finanziaria secondo i medesimi criteri. Si veda, ad esempio, la circolare del Ministero delle Finanze n. 12 del 29 febbraio 1992 in materia di prestazioni di medicina veterinaria rese dalle aziende sanitarie territoriali e il cui contenuto si ritiene esemplare ai fini di un immediato inquadramento della fattispecie in esame: Sono stati sottoposti all esame della scrivente quesiti concernenti il trattamento, ai fini Iva, da applicare alle seguenti prestazioni rese dalle Unita Sanitarie Locali nell ambito del servizio di medicina veterinaria: a) prestazioni di igiene pubblica veterinaria, nelle quali rientrano le certificazioni, attestazioni, accertamenti tecnico sanitari e altre prestazioni di igiene pubblica veterinaria espletate d ufficio a favore di enti e privati; b) prestazioni di assistenza zooiatrica, nelle quali rientrano le prestazioni cliniche e sanitarie rese a richiesta di privati o enti nell ambito dell assistenza zooiatrica; c) prestazioni di laboratorio attinenti alla patologie e profilassi veterinarie ed al controllo degli alimenti di origine animale e degli alimenti per gli animali. Al riguardo si premette che la richiamata modifica legislativa ha ricompreso nel campo di applicazione del tributo le prestazioni rese dai veterinari in conformità alle specifiche competenze rientranti nelle previsioni della legge che disciplina l esercizio dell attività professionale di cui trattasi. Conseguentemente le prestazioni veterinarie sono soggette all Iva in base all aliquota ordinaria del 19%, non essendo più comprese nella riportata disposizione esentativa, sia che, nell esercizio della peculiare attività professionale, vengano rese direttamente dai professionisti, sia che vengano rese dalle Unità Sanitarie Locali nell espletamento delle proprie funzioni. Tuttavia le prestazioni di medicina veterinaria svolte dalle Unità Sanitarie Locali nell ambito delle finalità generali di tutela della salute pubblica esulano dal campo di applicazione dell Iva in quanto le stesse, rese in veste di pubblica autorità, non realizzano esercizio di attività commerciale, requisito espressamente contemplato dall art. 4, comma 1, del citato d.p.r. n. 633, del 1972 per l assoggettamento al tributo. In relazione ai suddetti principi interpretativi, si ritiene, pertanto, che le prestazioni indicate ai punti sub b) e c) svolte dalle Unità Sanitarie Locali nell ambito della propria attività statutaria, ma non nell esercizio di attività pubblicistica, sono da assoggettare al tributo, come del resto già riconosciuto dalla scrivente con risoluzione n del , relativamente ad analoghe prestazioni rese ai citati Enti nell espletamento di attività di natura privatistica. Le prestazioni di igiene pubblica veterinaria indicate al punto sub a) rese dalle Unità Sanitarie Locali sono, invece, escluse dall Iva, atteso che le stesse sono effettuate in veste di pubblica autorità. pre di facile soluzione. A tal fine, può altresì giovare quanto sinteticamente stabilito dalla Risoluzione dell Agenzia delle Entrate n. 206 del 13 dicembre 2001 n. 206 secondo la quale sono ricondotte, quindi, alle attività di natura istituzionale quelle basate su un rapporto di diritto pubblico, fondate sul cosiddetto iure imperii, mentre sono ricomprese nelle attività di natura commerciale quelle di carattere privatistico, espressione dello iure gestionis. Pertanto, ai fini della formalizzazione delle operazioni attive effettuate dall azienda sanitaria, si può ragionare in questi termini: le prestazioni svolte in conseguenza dell applicazione del diritto amministrativo generano operazioni irrilevanti ai fini Iva (operazioni fuori campo Iva ex artt. 1 e 4 del d.p.r. 633/1972 per mancanza del presupposto soggettivo) per le quali deve essere emessa una nota interamente fuori campo Iva ; le prestazioni svolte in conseguenza dell applicazione del diritto privato generano operazioni rilevanti ai fini Iva (operazioni imponibili, non imponibili o esenti) per le quali deve essere emessa una fattura in quanto trattasi di attività commerciale. In questo senso, anche la risoluzione dell Agenzia delle Entrate n. 112/E del 9 aprile 2002 ha precisato che l ente deve ricondurre nell ambito delle attività svolte in veste di pubblica autorità quelle che costituiscono cura effettiva di interessi pubblici poste in essere nell esercizio di poteri amministrativi. Tale risoluzione riassume le posizioni dell Amministrazione finanziaria sull argomento, facendo anch essa rinvio alla normativa comunitaria in materia di Iva negli enti pubblici e ribadendo che le attività svolte nella veste di pubblica autorità sono quelle svolte dagli enti di diritto pubblico nell ambito del regime giuridico loro proprio, escluse le attività da essi svolte in forza dello stesso regime cui sono sottoposti gli operatori economici privati 17. (17) La risoluzione 112/E citata così recita: La direttiva, infatti, sottrae all applicazione dell Iva solo le operazioni effettuate da soggetti pubblici nell esercizio di funzioni di tipo autoritativo, non imprenditoriale. Inoltre, qualora le attività svolte dall ente pubblico possano essere svolte anche da privati in concorrenza con l en- 9

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante

L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante L esenzione da accisa per l auto-produzione di energia elettrica pulita del Dott. Antonio Sgroi e dell Avv. Alessandro Galante Abstract L energia elettrica derivante da fonti rinnovabili è esente da accisa

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO

Roma, 25 marzo 2003 QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 marzo 2003 Oggetto: Istanza di interpello D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 642 imposta di bollo su atti e documenti connessi con i contratti

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su:

I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell IRAP su: Pag. 5030 n. 43/98 21/11/1998 I chiarimenti delle Finanze per l applicazione dell su: regolarizzazione degli omessi o insufficienti versamenti relativi al primo acconto modifiche recate dal decreto legislativo

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli