Strategie di valorizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Strategie di valorizzazione"

Transcript

1 Strategie di valorizzazione La mass customization nel fashion & apparel Francesco Fiorese Matilde Rosso

2 Contenuto 1. Introduzione Mass customization Apparel and accessories: la segmentazione del mercato 3 2. Strategie di mass customization Diversi approcci alla mass customization Strategie di prodotto mass customized per segmento Strategia commerciale La mass customization impatta tutta la catena del valore 8 3. Focus: quanto vale la componente di customizzazione? Le modalità Il brand e il pricing: l assessment di Simon-Kucher & Partners Il punto di vista di Simon-Kucher Lusso: less is more Mid: innovazione Low: esplorare la full customization Brand e customizzazione Conclusioni e outlook 16 Autori 17 Simon-Kucher & Partners 18

3 1. Introduzione 1.1. Mass customization La mass customization è una strategia sempre più diffusa tra le imprese di successo e le start-up, in particolare nel mondo della moda. Infatti, è proprio questo il settore che più conserva il valore e l eccellenza della sua tradizione sartoriale dell abito su misura: è in un simile contesto che la personalizzazione inizia a uscire dalla boutique e si diffonde in tutti i segmenti del mercato. Il termine delinea un offerta che soddisfa le esigenze di ogni singolo cliente, ma che a tempo stesso é caratterizzata da prodotti realizzati mediante un alta efficienza produttiva. J. Pine, pioniere della mass customization e autore di numerose pubblicazioni, ha detto: Oggi identifico la Mass Customization come una strategia aziendale a basso costo, a grandi volumi, la cui produzione é efficiente e propone offerte singole e su misura al cliente. L idea centrale della mass customization è quella di trarre profitto dall eterogeneità di consumatori Apparel and accessories: la segmentazione del mercato Possiamo definire tre segmenti principali nel mercato dell apparel e accessori: High (o luxury), il cui ticket medio é maggiore di 1000 euro Mid, caratterizzato da un ticket medio che va dai 100 euro ai 1000 euro Low, con ticket inferiori a 100 euro. Capire in quale di questi segmenti si posiziona l azienda, o più nello specifico il brand, è essenziale al fine di determinare una strategia di customizzazione efficace e soprattutto sostenibile nel medio-lungo periodo. Se da un lato la customizzazione é un processo che porta sicuramente dei vantaggi immediati, sia all azienda che al cliente, la sua efficacia a lungo termine é dettata soprattutto dagli equilibri del mercato che si instaurano in seguito alle azioni/ reazioni dei competitor. 2. Strategie di mass customization 2.1. Diversi approcci alla mass customization Sono diverse le prospettive dalle quali si possono categorizzare le strategie di mass customization: 1 Al crescere del numero di attributi customizzabili si ci allontana dalla mass customization e si torna al prodotto unico della tradizione sartoriale. 3

4 Strategia di prodotto Il livello di customizzazione è la variabile chiave per definire la rilevanza della personalizzazione per un brand 1. Livelli di customizzazione Prodotto standard Parzialmente configurato/ personalizzato Fully-customized Figura 1 Intensità del colore: frequenza di iniziative di mass customization per quel livello di customizzazione. La modalità senza dubbio più frequente nella mass customization (Figura 1) è quella della configurazione/personalizzazione parziale (o anche personalizzazione adattiva): il modello base è uguale per tutti e il cliente può agire su elementi funzionali (es.: misure), estetici (es.: colori) o aggiuntivi (es.: iniziali). Strategia commerciale Diverse leve commerciali possono essere azionate a seconda dell investimento a disposizione, la flessibilità richiesta e lo stadio di sviluppo della linea personalizzata. Strategia di canale: il prodotto può essere disponibile su uno (tipicamente on-line per i segmenti Low/Mid, più spesso in-store per il Lusso) o più canali (il multi-canale particolarmente frequente per i brand Mid/Lusso); i canali possono offrire gli stessi o diversi livelli di customizzazione. Strategia di marketing: anche in questo caso si osservano principalmente due modalità. Da un lato le aziende nate con il concetto di customizzazione che acquistano notorietà (e marginalità) grazie al passaparola (in modo particolare se in blog specializzati) e grazie al social/viral marketing. Dall altro lato le aziende già presenti con prodotti standard che lanciano una linea personalizzabile: in questo caso il lancio viene associato a un anniversario/evento aziendale, accompagnato da celebrity endorsement, campagne in-store/advertising dedicate. Segmentazione e targeting: si riscontrano tipicamente due trend. Da un lato la linea customizzabile di un azienda Lusso o di un brand famoso (Mid o Lusso) ha principalmente l obiettivo di espandere la base clienti raggiungendo un segmento più esigente e high-spending. Dall altro, le aziende Low/Mid interamente dedicate a prodotti personalizzabili mirano a raggiungere una clientela medio-spendente che non considera l opzione dell acquisto personalizzato di Lusso. 4

5 L agente di personalizzazione: dal puro fai-da-te, a quello guidato (es.: con video/tutorial o suggerimenti di design), fino alla disponibilità di un consulente via chat/via /in negozio (personalizzazione collaborativa). Strategia di pricing: la customizzazione può essere valorizzata utilizzando diverse tattiche di pricing, dal riconoscimento di un prezzo premium all applicazione di una tariffa fissa per il servizio aggiuntivo Strategie di prodotto mass customized per segmento Le strategie adottate dalle aziende sono varie, e dipendono essenzialmente da specifici obiettivi aziendali e dal mercato di appartenenza. Si nota però l incremento dell importanza dei prodotti fully customized nel settore Luxury (dove ricoprono quasi un terzo delle iniziative), mentre il segmento Low si concentra su progetti di configurazione estetica/funzionale di un prodotto le cui caratteristiche base sono predefinite (Figura 2). Frequenza tipologia di mass customization per segmento 2 % esempi analizzati 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Segmento Low Mid Luxury Fully customized Partly customized Figura 2 2 Simon-Kucher & Partners assessment su 30+ esempi di mass customization nel mercato apparel & accessories. 5

6 Un esempio tutto italiano del segmento Low è Fullspot: occhiali, orologi (core business, superano le 1200 combinazioni possibili tra cinturino e cassa) e borse. L utente compone e poi costruisce il proprio prodotto: per esempio, il cliente assembla la propria obag con una scocca (disponibile in molti colori) e manici/accessori in vari materiali e colori. Il prezzo finale del prodotto varia a seconda delle componenti (es.: manici in pelle vs. corda). La mass customization è un concetto molto maturo anche per i player di calzature sportive (segmento Low/ Mid): NikeID, MiAdidas, Your Reebok, Coverse Create, Vans offrono tutti un servizio di configurazione personalizzata del prodotto. Anche nel segmento Lusso, oltre a brand maturi come Louis Vuitton con l iniziativa mon monogram, anche brand di nicchia come Mel Boteri (designer molto amata a New York) offrono borse customizzate con la possibilità di imprimere/incidere le iniziali del cliente sul prodotto. La configurazione personalizzata si estende anche al Super-Lusso: Bamford Watch Department offre la possibilità di configurare e incidere orologi di valore (es.: Rolex, Audemars Piguet). Infine, Tailor Made London è un esempio di brand che, grazie alla customizzazione e un servizio esclusivo di misurazione con scanner 3D riesce a spaziare dal segmento Mid a quello Lusso, raggiungendo una cliente esigente cross-segmento. Selezione di esempi (brand) che offrono servizi di mass customization Segmento: Strategia Low Mid Luxury Partly configured All about me Mark & Graham, Ray Ban Full spot Oakley, Longchamp, Vans, Reebok, NikeID, Adidas, Converse, Suitsupply, Shoes of prey Louis Vuitton, Prada, Mel Boteri, Fendi, Burberry, Bamford Watch Dep. Fully configured eshakti Tailor Made London Figura 3 6

7 2.3. Strategia commerciale Il canale di vendita è un elemento differenziante fondamentale. Si nota anche in questo caso una conferma delle aspettative: il Lusso punta molto sull esperienza multi-canale (es.: in-store e e-commerce) mentre il Low cost punta sul canale web. Canale scelto per livello di customizzazione e per segmento % esempi % esempi 100% 90% 100% 90% 80% 80% 70% 70% 60% 60% 50% 50% 40% 40% 30% 30% 20% 20% 10% 10% 0% 0% Low Mid Luxury Fully customized Partly customized In store Multi-canale On-line In store Multi-canale On-line Figura 4 Esistono eccezioni a questo trend, come Fullspot, che punta anche sul canale tradizionale: i negozi monomarca (Fullspot Market) hanno la capacità di essere personalizzati, come i loro prodotti. La strategia commerciale va oltre il canale: la campagna/progetto legati al lancio di linee personalizzabili sono altrettanto importanti. Il segmento Low può contare su una penetrazione veloce sfruttando il passaparola (soprattutto se tramite social network) e social/viral marketing. Per esempio, la presenza sui social network di Fullspot (es.: l hashtag #obag) è spontanea e molto efficace anche per incrementare l awareness verso una nuova linea di prodotto di un brand esistente (es.: da orologi a borse). 7

8 Il segmento Mid può fare leva su eventi/campagne speciali e celebrity endorsement: Nike ha utilizzato questi strumenti di marketing per supportare lo sviluppo del brand NikeID. Inoltre, il lancio esclusivo on-line può essere una leva per testare l appeal del prodotto e avviare il passaparola. Il segmento Lusso può puntare sull esclusività e la premiumization da un lato, all avvicinamento a una clientela più ampia dall altro. Per esempio Prada, con Prada Made to Order Decolleté offre alla clientela più esigente, solo in selezionate boutique, la possibilità di personalizzare le proprie decolleté e open-toe: la cliente potrà scegliere i colori, il materiale, la suola (siglata con le proprie iniziali) del proprio paio di scarpe, che riceverà entro 30 giorni dall ordine (in un packaging anch esso personalizzato a seconda della scelta). Allo stesso tempo Hermès, tra le sorprese del suo sito propone un idea nuova, personalizzabile e a costo zero: un punto di contatto con una più ampia audience di amanti del brand. Si tratta della Pochette Jigè: un modellino che l utente può scaricare, stampare, decorare/colorare che dà vita (grazie a forbici e colla) a una pochette fai-da-te La mass customization impatta tutta la catena del valore Esempio di raccomandazioni lungo la catena del valore Illustrativo Strategia di prodotto Strategia di prodotto Strategia commercial/marketing Strategia commercial/ marketing Sviluppo/design Produzione Retail Consegna Lo sviluppo del prodotto deve tenere conto della sua natura personalizzabile fin dal primo momento: è fondamentale saper guidare il cliente durante la customizzazione del suo prodotto, quindi riprodurre in modo corretto le sue preferenze Le nuove tecnologie devono essere parte integrante del processo per permettere la produzione di capi su misura/personalizzati in poco tempo e a basso costo per garantire un servizio e marginalità sufficienti Il canale on-line è lo sbocco naturale di questo tipo di prodotti, mano a mano, l intera esperienza retail viene adattata e differenziata (multi-canale, eventi, ecc.) per garantire un esperienza di acquisto unica al cliente I tempi di consegna si possono allungare, ma non troppo: è importante assicurarsi che l attesa non sia troppo lunga e, durante questo periodo, è bene non perdere il contatto con il cliente Figura 5 8

9 3. Focus: quanto vale la componente di customizzazione? 3.1. Le modalità Si possono osservare diverse modalità di pricing della customizzazione. No fee: customizzazione senza costo aggiuntivo per il cliente. Questa definizione può essere applicata a quei brand che fanno della customizzazione la loro offerta core come Mark & Graham: la personalizzazione non richiede una fee aggiuntiva. Flat: fee fissa per la scelta di un prodotto su misura/configurato. Questa opzione è scelta da eshakti: un sovrapprezzo pari a $7,50 è applicato su qualsiasi abito richiesto su misura al retailer on-line. Listino a fasce: Tailor Made London basa il proprio pricing su tabelle annuali organizzate per tipologia di abito e segmento qualità. Tailoring Pricing 2014 Tailor Made London 3 Cloth Price Brand 2-Piece Suit Dinner Suit 2P + Extra trousers 3-Piece Suit Jacket Trouser Waistcoat AA A B C D JA JB JC JD *Cut-length Prices from 650 Prices from 750 Prices from 865 Prices from 830 Prices from 460 Prices from 225 Prices from 225 Tabella

10 Premium price: il valore incrementale della personalizzazione cresce al diminuire del prezzo del prodotto standard. Questo approccio viene proposto, per esempio, da Louis Vuitton e Converse: Mon monogram pricing (Louis Vuitton) Create your converse pricing (Converse) 4 Premium price mon monogram 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% Prezzo del prodotto standard ($) Premium price created converse 45% 40% 35% 30% 25% 20% 15% Prezzo del prodotto standard ($) Figura 5 Configurazione: per i prodotti standard configurabili, il pricing può essere frutto della combinazione di materiali e caratteristiche scelte dal cliente: il range di prezzo può essere molto ampio. Shoes of prey adotta punti prezzo ricorrenti posizionati su soglie psicologiche (es.: 4 o 9 come ultima cifra): le scarpe di questo sito hanno tutte un prezzo base (in media $179) che incrementa da una soglia all altra quando l utente seleziona un opzione a valore come una superficie in pelle di serpente o una copertura ricamata. 4 Elaborazione Simon-Kucher & Partners su dati pubblici 10

11 Shoes of prey pricing 5 Incremento del prezzo in $ Incremento del prezzo in % % 10% 8% % 4% % 150 0% Numero di configurazioni «a valore» Figura Il brand e il pricing: l assessment di Simon-Kucher & Partners Le scelte di pricing sono uno strumento molto potente per realizzare la strategia e gli obiettivi attesi dalla linea di prodotti personalizzabili. Si nota come i brand tendano a rimanere nel proprio segmento di mercato dal punto di vista del pricing nonostante la customizzazione. Nel caso del segmento Low i brand, nella maggior parte dei casi, nascono customizzabili per cui il cliente percepisce la personalizzazione come un servizio no fee. Aumenta la frequenza di utilizzo di un premium price con l incremento del valore del prodotto, si nota comunque come, in altri casi, il servito sia no fee anche nel Lusso: per aumentare la brand awareness verso un segmento di clientela più ampio o perché si tratta di un servizio incluso in un offerta premium personalizzata più ampia. 5 Elaborazione Simon-Kucher & Partners su dati pubblici 11

12 Pricing per segmento 6 % esempi 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Low Mid Luxury No fee Flat fee/listino a fasce/configurazione Premium price Figura 7 Quando viene proposto un premium price per riflettere il valore della personalizzazione, le aziende utilizzano delle strategie molto differenziate, che devono sposarsi con gli obiettivi e strategie del business nel suo insieme. Si nota infatti un ampia dispersione del prezzo incrementale (premium) riconosciuto alla linea configurabile. Premium price dispersion chart 7 Premium 140% 120% 100% 80% 60% 40% 20% 0% Low Mid High Segmento Figura 8 6, 7 Simon-Kucher & Partners assessment su una selezione di esempi di mass customization 12

13 Un assessment della willingness to pay del cliente, combinato a una conoscenza approfondita del mercato e una strategia di segmentazione e targeting vincente contribuiscono alla definizione del giusta strategia di pricing. 4. Il punto di vista di Simon-Kucher 4.1. Lusso: less is more Nel segmento Luxury (High), la mass customization ideale dovrebbe essere generalmente concentrata solo su uno o due attributi del prodotto. Gli attributi personalizzabili vengono selezionati dopo aver misurato la willingness to pay dei clienti per ogni attributo che caratterizza il prodotto stesso: rendendo personalizzabili quello/i a cui corrisponde una willingness to pay alta, e un costo basso da parte dell azienda per apportare tale modifica (alto margine unitario). E importante limitare il più possibile il numero di attributi personalizzabili in modo da non inquinare l immagine del brand. Tale strategia non intacca la riconoscibilità e le caratteristiche peculiari del brand (motivo principale per cui il cliente luxury sceglie un brand piuttosto che un altro) che mantiene una sua autenticità e identità, il cliente risulta avere quindi un potere di modifica relativamente basso. Il tipo di customizzazione è mirato esclusivamente alla personalizzazione: funzionalità e estetica, essendo prodotti luxury, sono già a livelli molto alti. Pertanto modificare tali attributi non darebbe molto valore aggiunto, né al cliente, né alla azienda, anzi metterebbe addirittura in dubbio la qualità e il prestigio del brand. Il mark up applicato deriva molto dalla willingness to pay dei clienti, meno dal costo della modifica Mid: innovazione Le aziende che si collocano nel segmento Mid possono intraprendere strategie molto differenti tra loro. In generale, le aziende che possiedono brand riconosciuti dai consumatori dovrebbero rendere customizzabile un numero piuttosto limitato di attributi: in tal modo il cliente sarà più soddisfatto dell acquisto avendo la possibilità di personalizzare il prodotto (adattamento al gusto personale) e al tempo stesso esso non viene gravato dal peso di dover costruire da zero il suo prodotto ideale (ciò può generare confusione soprattutto nei confronti dei clienti che non hanno idee molto chiare su come dovrebbe essere il loro prodotto ideale). In più, l azienda può estrarre più valore dal cliente, sia in termini di profitto che di fidelizzazione. In tal modo non si fa fronte, a lungo termine, a eventuali guerre di prezzo: mantenere una propria identità del prodotto e rendendo modificabili solo un numero molto limitato di attributi, l azienda sarà sempre in grado di differenziarsi dalle altre presenti sul mercato. Nel lungo termine, l equilibrio del mercato non viene alterato e quindi la customizzazione porta benefici notevoli sia alle 13

14 aziende che ai consumatori. Alcune aziende, per evitare il rischio di contaminazioni del brand originario, hanno addirittura preferito creare brand specifici per la customizzazione: un esempio su tutti, il marchio NikeID. Per le aziende unbranded, il discorso é più complesso: se per i brand la customizzazione eccessiva rappresenta un rischio nel lungo termine, per le aziende unbranded essa risulta un ottima opportunità di differenziazione. Le aziende dovrebbero in primis puntare ad una customizzazione incentrata sulla funzionalità del prodotto (adattare il prodotto al cliente, in senso funzionale: es. vestito su misura,...) e in seguito adattare l estetica in base alle richieste del cliente Low: esplorare la full customization Il segmento low-cost è caratterizzato da un numero molto elevato di competitor, molto aggressivi sul parametro prezzo, che risulta essere un criterio di scelta essenziale del consumatore. Una customizzazione vincente è quella che permette di adattare/modificare il prodotto il più possibile, in modo che esso riesca ad avvicinarsi più degli altri alle richieste del consumatore, mantenendo livelli di prezzo comunque competitivi. L esempio dettaglia meglio questo concetto: Ipotizziamo di avere due prodotti A e B dello stesso tipo, di due aziende diverse, con prezzo uguale; Ipotizziamo egualmente che ogni prodotto sia caratterizzato da due soli attributi, X e Y; Il cliente sceglie un prodotto piuttosto che l altro misurando il mix degli attributi riscontrati nelle due alternative, e paragonandolo al mix di attributi caratterizzanti il suo prodotto ideale. Se l attributo X del prodotto A può essere personalizzato, allora la differenza tra il mix di attributi ideale e quello del prodotto A diminuisce, quindi i cliente sarà molto propenso ad acquistare il prodotto A rispetto che B. È su questa convinzione che si dovrebbe muovere un azienda low-cost vincente: rendere personalizzabile il numero più alto di attributi, con la più vasta gamma di alternative/combinazioni possibili, mantenendo livelli di prezzo competitivi. La customizzazione nel low cost é molto vantaggiosa nel breve termine, perché sottrae clienti ai competitor e fidelizza i propri, offrendo la possibilità ai clienti di creare il loro prodotto ideale, ma va gestita in modo opportuno nel lungo termine, onde evitare conseguenze negative per l azienda e per il mercato in senso più generale: infatti, una volta che la maggior parte dei competitor si sarà strutturata per proporre soluzioni customizzate, l unico parametro di differenziazione tra i prodotti di aziende diverse 14

15 sarà il prezzo. Il rischio quindi di generare una guerra di prezzi nel medio-lungo termine é molto di più che una mera ipotesi. Pertanto, bisogna fare leva su elementi differenzianti quali il segmento di mercato target, lo/gli stile/i dei designer, il canale e l esperienza di acquisto Brand e customizzazione I brand affermati devono limitare la possibilità di personalizzazione a pochi attributi (e solo per determinate linee di prodotto), indipendentemente dal segmento di mercato di appartenenza, in modo da non contaminare l immagine del brand e mantenere un certo livello di differenziazione dai competitor nel lungo termine. Più l azienda si colloca in alto (verso il segmento high-luxury), più il numero di attributi modificabili decresce. Per quanto riguarda le società unbranded, quindi di nicchia, la customizzazione può essere un valore aggiunto notevole e i rischi sono molto bassi in quanto non vi é la possibilità di contaminare l immagine del brand. Più l azienda si colloca in segmenti alti, più il consumatore é disposto a pagare un premium price per un prodotto che é in perfetto equilibrio con le proprie necessità. Approccio alla strategia di prodotto e di pricing 8 Numero di attributi customizzabili Low Mid High Segmento di mercato «Salto» al segmento successivo Premium No fee Low Mid High Segmento di mercato Branded Branded Unbranded Unbranded Figura 9 8 Simon-Kucher & Partners Mid High Low Mid High 15

16 5. Conclusioni e outlook La mass customization é necessaria, ma va strutturata seguendo la giusta strategia. Low Attenzione alla sostenibilità del business model Mid Differenziazione è la parola chiave Luxury Fare leva sulla forza del brand Strategia di prodotto Personalizzazione parziale ormai un «must», esplorare la full customization Parola chiave: innovazione «Less is more» Strategia commerciale Flessibilità Visibilità Esclusività/Teasing La mass customization, se gestita bene e con la giusta strategia di fondo, porta numerosi vantaggi sia alle aziende che ai consumatori. Le aziende possono fidelizzare i clienti e attrarne di nuovi. Uno sguardo al futuro del prodotto: le nuove tecnologie (es.: stampa 3D, o i software di riconoscimento emozionale che permettono al retailer di prodotti per la cosmesi russo Ulybka Radugi di offrire sconti personalizzati a seconda dell umore del cliente), così come la fusione tra design e tecnologia sempre più presente sulle passerelle della moda (es.: la gonna creata per la London Fashion week da Nokia, il fashion designer Fyodor Golan e il laboratorio creativo Kin), porteranno a un nuovo sostanziale cambiamento di paradigma? 16

17 Autori Francesco Fiorese Director Vanta una grande esperienza in strategia e pricing per le aziende del settore consumo e manufacturing. Matilde Rosso Consultant Ha lavorato a diversi progetti di strategia e pricing per le aziende del settore consumo e manufacturing. 17

18 Simon-Kucher & Partners Società di consulenza leader in marketing e vendite Secondo un indagine condotta nel 2011 dal mensile manager magazin (principale mensile di business tedesco), Simon-Kucher è stata valutata dai top manager come la società numero uno nel campo del Marketing & Vendite superando i colossi BCG e McKinsey. Presenza globale 29 uffici nel mondo 760 consulenti Fatturato 2014: 172 Mln. Americas Brazil, São Paulo Canada, Toronto Chile, Santiago de Chile USA, Atlanta USA, Boston USA, New York USA, San Francisco Europe Austria, Vienna Belgium, Brussels Denmark, Copenhagen France, Paris Germany, Bonn Germany, Cologne Germany, Frankfurt Germany, Munich Italy, Milan Luxembourg, Luxembourg Poland, Warsaw Spain, Barcelona Spain, Madrid Switzerland, Zurich The Netherlands, Amsterdam Turkey, Istanbul United Kingdom, London Asia/South Pacific/ Middle East Australia, Sydney China, Beijing Japan, Tokyo Singapore, Singapore UAE, Dubai 18

19 Più di progetti negli ultimi 3 anni Strategia > 400 smart profit Marketing > 500 Strategie di crescita e competitive Ristrutturazione dell offerta commerciale Pricing excellence Vendite > 500 growthsm Pricing > Customer relationship e customer value management Strategie di vendita e ottimizzazione dei canali commerciali Leader mondiali nella consulenza sul pricing Jack Ewing, BusinessWeek: Simon-Kucher & Partners è il leader mondiale nella consulenza aziendale in materia di pricing Philip Kotler: Nessun altro ha più conoscenze nel pricing di Simon-Kucher & Partners William Poundstone: Nessun altra società ha guidato la professionalizzazione del pricing come Simon-Kucher & Partners Peter Drucker: Nel pricing Simon-Kucher & Partners offre un servizio che nessun altro è in grado di offrire 19

20 Milano Corso Europa 13, Milano, Italia Tel Fax

Innovazione in crisi? Il 69 per cento dei nuovi prodotti risulta un flop

Innovazione in crisi? Il 69 per cento dei nuovi prodotti risulta un flop Global Pricing Study 2014* Analisi speciale sull'italia Innovazione in crisi? Il 69 per cento dei nuovi prodotti risulta un flop Gli obiettivi di profitto non sono raggiunti, perchè le aziende trascurano

Dettagli

La crescita del mercato di prodotti personalizzati: contesto, driver, criticità Osservatorio Mass Customization Report Giugno 2008

La crescita del mercato di prodotti personalizzati: contesto, driver, criticità Osservatorio Mass Customization Report Giugno 2008 La crescita del mercato di prodotti personalizzati: contesto, driver, criticità Osservatorio Mass Customization Report Giugno 2008 Via Durini, 23 20122 Milano Tel. +39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84

Dettagli

Potenziali da sfruttare nelle vendite

Potenziali da sfruttare nelle vendite Potenziali da sfruttare nelle vendite Risultati di uno studio online In collaborazione con Danilo Zatta, Partner Francesco Fiorese, Senior Consultant Annamaria Ferri, Consultant Sonia Foltran, Consultant

Dettagli

Natuzzi Group. Retail Development

Natuzzi Group. Retail Development Natuzzi Group Retail Development 1990 APRE Divani&Divani 1959 FONDAZIONE 1993 BORSA DI NEW YORK 6 733 DIPENDENTI* 468.8 mln FATTURATO 2012 90% QUOTA EXPORT* *dati al 31 Dicembre, 2012 Analisi dei trend

Dettagli

Corso: Analisi Finanziaria e Valutazione della Brand Equity Laurea Specialistica: Marketing e Comunicazione

Corso: Analisi Finanziaria e Valutazione della Brand Equity Laurea Specialistica: Marketing e Comunicazione Corso: Analisi Finanziaria e Valutazione della Brand Equity Laurea Specialistica: Marketing e Comunicazione a.a. 2006-2007 Prof.: Daniela Favaretto Ricevimento: martedì ore 13.30 e-mail: favaret@unive.it

Dettagli

Il profilo degli intervistati

Il profilo degli intervistati Il profilo degli intervistati In quale classe di fatturato rientra la sua azienda? n. % Fino a 50 milioni di euro 17 20.7 Da 50 milioni di euro a 300 milioni di euro 23 28.0 Da 300 milioni di euro a 1.000

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Retail & Consumer Summit 2011

Retail & Consumer Summit 2011 www.pwc.com/it Retail & Consumer Summit 2011 La gestione della discontinuità e del cambiamento: sfide e opportunità 11 ottobre 2011 1 1 Discontinuità nei consumi: come sta cambiando il comportamento d

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009 Zurich Connect Compagnia diretta di assicurazione Presentazione Partnership Maggio 2009 Contenuti della presentazione Presentazione del Gruppo Zurich Financial Services e di Zurich Connect in Italia Illustrazione

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

19/05/2011 UTIFAR. Maurizio Castorina

19/05/2011 UTIFAR. Maurizio Castorina Rimini 3 aprile UTIFAR Maurizio Castorina 1 L industria farmaceutica sta cambiando profondamente I futuri drivers della crescita Forecast a 5 anni Global CAGR: 4-7% Moltissimi prodotti perderanno il patent

Dettagli

È sempre italiano un terzo del lusso mondiale

È sempre italiano un terzo del lusso mondiale Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

Axioma Business Consultant Program

Axioma Business Consultant Program Axioma Business Consultant Program L esclusivo programma Axioma riservato a Consulenti di Direzione, Organizzazione e Gestione Aziendale Le nostre soluzioni, il tuo valore Axioma da 25 anni è partner di

Dettagli

Le quattro domande chiave

Le quattro domande chiave Le quattro domande chiave! Da dove scaturisce l interesse dell investitore per il settore?! Come stanno oggi le aziende del settore?! Quali sono le leve da attivare per liberare le potenzialità di crescita

Dettagli

Ready2Solve entusiasmo esperienza network versatile e dinamico comunicazione marketing visual merchandising

Ready2Solve entusiasmo esperienza network versatile e dinamico comunicazione marketing visual merchandising CHI SIAMO Ready2Solve è una nuova realtà nata dall entusiasmo e dall esperienza di professionisti che hanno unito le loro competenze per creare un network versatile e dinamico. Operiamo nell ambito della

Dettagli

TRASFORMIAMO OGNI CONTATTO IN CONTATTO ATTIVO

TRASFORMIAMO OGNI CONTATTO IN CONTATTO ATTIVO CLIC web searching people social media marketing display adv SEO search engine optimization pay per click analytics DEM Newslettering Web Performance (Pay per Lead, Pay per Sale) social media marketing

Dettagli

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA

COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA COME GESTIRE E VALORIZZARE IL MARCHIO DI IMPRESA In collaborazione con Milano, 17 aprile 2008 Questo materiale è di proprietà intellettuale di VVA-Valdani Vicari & Associati S.r.l. Non può essere utilizzato

Dettagli

COMPANY PROFILE KATE BUSINESS

COMPANY PROFILE KATE BUSINESS COMPANY PROFILE SERVIZI. Orientamento e Consulenza per l Avvio di Impresa - Online. Per chi ha intenzione di avviare un attività in proprio. L idea viene analizzata e sviluppata e vengono fornite informazioni

Dettagli

Publicitas International We know Media

Publicitas International We know Media Publicitas International We know Media Publicitas: we know media Amsterdam Athens Bangalore Bangkok Basel Beijing Bregenz Brussels Chennai Chicago La più grande concessionaria pubblicitaria internazionale

Dettagli

Corso Comunicazione, Marketing e Pubblicità Corso Online Comunicazione, Marketing Pubblicità

Corso Comunicazione, Marketing e Pubblicità Corso Online Comunicazione, Marketing Pubblicità Corso Comunicazione, Marketing e Pubblicità Corso Online Comunicazione, Marketing Pubblicità Accademia Futuro info@accademiafuturo.it Programma Generale del Corso di Comunicazione, Marketing e Pubblicità

Dettagli

Agenda. 10:00-10:15 Benvenuto e Introduzione. 10:15-10:45 Rinnovare l innovazione. 10:45-11:15 Innovare con successo : Fast To Market

Agenda. 10:00-10:15 Benvenuto e Introduzione. 10:15-10:45 Rinnovare l innovazione. 10:45-11:15 Innovare con successo : Fast To Market Agenda 10:00-10:15 Benvenuto e Introduzione Manlio Rizzo - Managing Partner and CEO AchieveGlobal Italia Fabio Raho - Sr. Solution Strategist Governance CA-Italy 10:15-10:45 Rinnovare l innovazione Nicola

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

Rimettere le scarpe ai sogni

Rimettere le scarpe ai sogni www.pwc.com Rimettere le scarpe ai sogni 25 ottobre 2013 Erika Andreetta Retail & Consumer Goods Consulting Leader PwC Agenda Il contesto economico Gli scenari evolutivi del mondo Consumer & Retail: Global

Dettagli

Dinamica competitiva nel pricing bancario

Dinamica competitiva nel pricing bancario Financial Services Dinamica competitiva nel pricing bancario Dr. Enrico Trevisan 1 La determinazione del prezzo di un prodotto può avvenire attraverso tre metodi differenti: cost plus pricing, value pricing

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università Cattaneo 19 Settembre 2012 Anno accademico 2012/13 1 Processo di Pricing 1. Definizione

Dettagli

Financial Services Banking. Model Finder. Enrico Trevisan, Alessandra Lanciotti

Financial Services Banking. Model Finder. Enrico Trevisan, Alessandra Lanciotti Financial Services Banking Model Finder Enrico Trevisan, Alessandra Lanciotti 1 1. Introduzione Avete mai provato a configurare la vostra auto su internet o ad indicare la grandezza, il design e perfino

Dettagli

10 RAGIONI FONDAMENTALI per passare al cloud WHITE PAPER

10 RAGIONI FONDAMENTALI per passare al cloud WHITE PAPER Checklist: 10 RAGIONI FONDAMENTALI per passare al cloud WHITE PAPER Checklist: 10 RAGIONI FONDAMENTALI per passare al cloud SaaS diventerà il modello di default per la tecnologia nell area delle Risorse

Dettagli

Workshop L' e-commerce fa bene all'impresa. Achille Ferraro Web Marketing Manager

Workshop L' e-commerce fa bene all'impresa. Achille Ferraro Web Marketing Manager Workshop L' e-commerce fa bene all'impresa Achille Ferraro Web Marketing Manager E-COMMERCE Che cosa è l' E-commerce L'insieme delle transazioni per la commercializzazione di beni e servizi tra produttore

Dettagli

Offering & Pricing & Selling

Offering & Pricing & Selling Financial Services Banking Offering & Pricing & Selling Ottimizzare la strategia di mercato Dr. Enrico Trevisan, Sara Zanichelli 1 La crisi dei ricavi La crisi attuale non è dei costi. Le imprese non si

Dettagli

una storia di famiglia di un marchio ma prima di tutto è la storia di una famiglia. Da cinque generazioni si creano scarpe fatte a mano.

una storia di famiglia di un marchio ma prima di tutto è la storia di una famiglia. Da cinque generazioni si creano scarpe fatte a mano. Dal 1923 una storia di famiglia 1 Pakerson è la storia di un marchio ma prima di tutto è la storia di una famiglia. Da cinque generazioni nella famiglia Brotini si creano scarpe fatte a mano. Il primo

Dettagli

LA #MAGILLANALYSIS SUL SETTORE FASHION SHOES FANBASE, ENGAGEMENT RATE, SERVICE LEVEL, ADVvalue

LA #MAGILLANALYSIS SUL SETTORE FASHION SHOES FANBASE, ENGAGEMENT RATE, SERVICE LEVEL, ADVvalue LA #MAGILLANALYSIS SUL SETTORE FASHION SHOES FANBASE, ENGAGEMENT RATE, SERVICE LEVEL, ADVvalue SOMMARIO 01 > INTRODUZIONE... pagina 3 02 > PREMESSE METODOLOGICHE... pagina 4 03 > IPOTESI DI LAVORO... pagina

Dettagli

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo

Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo Pricing & Costing: I fattori che impattano sul prezzo G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Castellanza Ottobre 2010 Anno accademico 2010/11 1 Il pricing: i presupposti strategici

Dettagli

Risorse, capacità e competenze per fare impresa

Risorse, capacità e competenze per fare impresa Risorse, capacità e competenze per fare impresa Renato Fiocca Parma - 21 marzo 2014 Gli argomenti di oggi: Le relazioni impresa-mercato e la centralità del cliente Individuare e generare valore per il

Dettagli

Istituto di Formazione per la Moda

Istituto di Formazione per la Moda Istituto di Formazione per la Moda Istituto di Formazione per la Moda Accademia del Lusso è l istituto italiano specializzato nella formazione di figure professionali per i principali settori della moda:

Dettagli

Breil: un orologio... da non toccare di Stefano FONTANA

Breil: un orologio... da non toccare di Stefano FONTANA Breil: un orologio... da non toccare di Stefano FONTANA Esaminiamo la storia e le strategie della Binda Italia spa, società che propone al mercato un offerta contrassegnata dal marchio Breil e da altri

Dettagli

THE DIGITAL MARKETING HUB. hdemo.com via F. Corridoni 27 31050 Vascon di Carbonera, Treviso, Italia BE SOCIAL ON

THE DIGITAL MARKETING HUB. hdemo.com via F. Corridoni 27 31050 Vascon di Carbonera, Treviso, Italia BE SOCIAL ON THE DIGITAL MARKETING hdemo.com via F. Corridoni 27 31050 Vascon di Carbonera, Treviso, Italia BE SOCIAL ON 1 che quantifica il ritorno degli investimenti Il fatto che qualunque strategia di in una azienda

Dettagli

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata

29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata 29/01/2015 - Camera di Commercio Macerata Cos è? Il Customer Relationship Management (CRM) è una strategia per la gestione di tutte le interazioni che hanno luogo con i clienti potenziali ed esistenti.

Dettagli

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA Il nostro network di specialisti Il vostro network di soluzioni LA STORIA // IL NETWORK // SERVIZI DI STAMPA // DIRECT MARKETING

Dettagli

Corso Online Comunicazione, Marketing Pubblicità

Corso Online Comunicazione, Marketing Pubblicità Corso Comunicazione, Marketing Pubblicità Corso Online Comunicazione, Marketing Pubblicità Accademia Domani Via Pietro Blaserna, 101-00146 ROMA (RM) info@accademiadomani.it Programma Generale del Corso

Dettagli

Marketing, vendite e servizi post-vendita

Marketing, vendite e servizi post-vendita Marketing, vendite e servizi post-vendita L attività di marketing include: a) tutte le azioni che spingono il consumatore ad acquistare un dato prodotto Marca, pubblicità, promozione (servizi di assistenza

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

STEFANEL: L ecommerce come strumento di brand image

STEFANEL: L ecommerce come strumento di brand image 23 Maggio 2012, Milano - Buy Vip WORKSHOP STEFANEL: L ecommerce come strumento di brand image Speaker: Marilena Antonini, Marketing Manager Premesse Company profile STEFANEL è un brand internazionale che

Dettagli

L importanza della gestione informatizzata. Come valutiamo le esigenze del cliente Retail. X3 Solutions

L importanza della gestione informatizzata. Come valutiamo le esigenze del cliente Retail. X3 Solutions X3 Version 5.8 L importanza della gestione informatizzata La rivoluzione digitale interessa ormai ogni settore, ma bisogna imparare a servirsene, non farsi asservire da essa adottando soluzioni complicate

Dettagli

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa.

Active Value Pricing. Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Active Value Pricing Costruire un ponte tra due visioni della performance d impresa. Il Pricing: la principale leva di miglioramento della redditività Lo scenario economico in cui le imprese operano è

Dettagli

Provate un nuovo modo di fare banca dove i vostri clienti hanno il controllo.

Provate un nuovo modo di fare banca dove i vostri clienti hanno il controllo. Provate un nuovo modo di fare banca dove i vostri clienti hanno il controllo. Provate un nuovo modo di fare banca dove i vostri clienti hanno il controllo. Benvenuti in un nuovo mondo finanziario. Questo

Dettagli

Consulenza a pagamento: perché e come lanciare il servizio

Consulenza a pagamento: perché e come lanciare il servizio Financial Services Banking Consulenza a pagamento: perché e come lanciare il servizio Enrico Trevisan, Sara Zanichelli www.simon-kucher.com 1 Introduzione Storicamente la consulenza finanziaria è sempre

Dettagli

Web Communication Strategies

Web Communication Strategies Web Communication Strategies The internet is becoming the town square for the global village of tomorrow. Bill Gates 1 ottobre 2013 Camera di Commercio di Torino Barbara Monacelli barbara.monacelli@polito.it

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO

LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO http://www.sinedi.com ARTICOLO 19 GENNAIO 2008 LE PROSPETTIVE NEL SETTORE DEL LUSSO Anche per il 2007 Altagamma, l associazione che riunisce le aziende del lusso, in collaborazione con Bain & Company,

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA

LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA ABSTRACT LUSSO E CRISI: DIARIO DI SOPRAVVIVENZA Per poter comprendere a fondo cosa si intende per lusso e per moda e individuare punti di forza e di debolezza di queste realtà durante la recente crisi

Dettagli

Company profile QUANDO ESSERE VIZIATI NON È UN PECCATO

Company profile QUANDO ESSERE VIZIATI NON È UN PECCATO Alexys Agency raccoglie con interesse tutte le richieste poste dagli operatori di questo complesso settore, attivandosi per esaudirle in modo professionale, prefiggendosi come obbiettivo la soddisfazione

Dettagli

Loyalty.CRM Sempre più clienti, sempre più fedeli

Loyalty.CRM Sempre più clienti, sempre più fedeli Loyalty.CRM Sempre più clienti, sempre più fedeli Microsoft Dynamics CRM è la soluzione aziendale per la gestione delle relazioni con i clienti che consente di aumentare la produttività delle vendite e

Dettagli

SEO/SEM AD ALTO ROI l importanza di una corretta analisi preliminare Andrea Cappello

SEO/SEM AD ALTO ROI l importanza di una corretta analisi preliminare Andrea Cappello SEO/SEM AD ALTO ROI l importanza di una corretta analisi preliminare Andrea Cappello Studio Cappello TUOI POTENZIALI CLIENTI TI STANNO CERCANDO IN INTERNET: FATTI TROVARE! LA NOSTRA MISSION Rendere produttiva

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

Il pricing è giusto? Prezzi digitali istruzioni per l uso

Il pricing è giusto? Prezzi digitali istruzioni per l uso Il pricing è giusto? Prezzi digitali istruzioni per l uso Più libri più liberi, 6 Dicembre 2013 Alessandro Maggioni Roma, 6 Dicembre 2013 Ufficio Milano Corso Europa 13, 20122 Milano, Italia Tel.: +39

Dettagli

L ecommerce B2c e la multicanalità

L ecommerce B2c e la multicanalità L ecommerce B2c e la multicanalità Osservatorio ecommerce B2c Netcomm - School of Management Politecnico di Milano 27 Marzo 2014 Agenda L ecommerce B2c L approccio multicanale L Osservatorio Innovazione

Dettagli

Studio Grafico Ramaglia. Graphic Designer

Studio Grafico Ramaglia. Graphic Designer Index Profilo Agenzia Grafica Internet Perchè affidarsi a noi Profilo Dal 2012 lo studio RAMAGLIA si occupa di comunicazione, grafica pubblicitaria, web design e marketing. I nostri servizi si rivolgono

Dettagli

Corso di Strategie d impresa

Corso di Strategie d impresa Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani CASO J- BasicNet strategy Un sistema innovativo basato su tecnologia e stile A cura di: Sara Barone e Alessandra

Dettagli

Understanding the market: HCS High Cosmetic Solution

Understanding the market: HCS High Cosmetic Solution Understanding the market: HCS High Cosmetic Solution Interessate al mondo della cosmesi, in un giorno di sole partiamo per Milano per far visita a una giovane realtà, nata nel 2012, che ha già avuto grandi

Dettagli

SunEdison: Impianti fotovoltaici per Privati e Piccole Medie Imprese. Febbraio 2014

SunEdison: Impianti fotovoltaici per Privati e Piccole Medie Imprese. Febbraio 2014 SunEdison: Impianti fotovoltaici per Privati e Piccole Medie Imprese Febbraio 2014 CHI È SUNEDISON? LA RETE DEI PARTNER SUNEDISON UNITEVI ALLA NOSTRA RETE P. 2 SunEdison Confidenziale Chi Siamo SunEdison

Dettagli

Better decisions. Better business.

Better decisions. Better business. Better decisions. Better business. BOARD Mobile BOARD Mobile offre un moderno e performante ambiente di Business Intelligence per gli ipad Apple e per i tablet Windows 8. Progettato e sviluppato per garantire

Dettagli

SAXO BANK PROFILO ACTIVE Prezzi e Condizioni, validi a partire dal 7 dicembre 2015.

SAXO BANK PROFILO ACTIVE Prezzi e Condizioni, validi a partire dal 7 dicembre 2015. Prezzi disponibili per i trader che realizzano più di 100 operazioni al mese su Azioni, su Azioni, ETF e ETC. AZIONI & ETF SOGLIA MINIMA COMMISSIONI MERCATI PRINCIPALI COMMISSIONE FISSA (VOLUME DI TRADING)

Dettagli

PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI

PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI PREZZI E MERCATI INTERNAZIONALI Fare i prezzi sui mercati internazionali è una delle attività più complesse - elevata quantità di informazioni interne ed esterne all impresa - molte variabili da considerare

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

AIVE Business Solutions. www.aive.com

AIVE Business Solutions. www.aive.com AIVE Business Solutions www.aive.com AIVE GROUP: Missione e Valori Missione Realizzare software e progetti che migliorano i processi operativi dei nostri clienti e incrementano la loro capacità competitiva

Dettagli

Management dell Innovazione Tecnologica

Management dell Innovazione Tecnologica Management dell Innovazione Tecnologica L innovazione commerciale le forme innovative di marketing Prof. Antonio Lerro, Ph.D. DiMIE, Università degli Studi della Basilicata Marketing : definizioni di base

Dettagli

Specializzazione in commercio estero. Mara Granzotto

Specializzazione in commercio estero. Mara Granzotto Specializzazione in commercio estero Mara Granzotto Stage svolto nell azienda Canalcom 28/05/2007-30/06/2007 CANALCOM - servizio consulenza UFFICIO STAMPA CLIENTI: Fornaci Calce Grigolin spa Superbeton

Dettagli

RETURN EXIT. Why not e Win-back di CFI Group DOVE STANNO ANDANDO I VOSTRI CLIENTI? Riguadagnare la relazione con i Clienti

RETURN EXIT. Why not e Win-back di CFI Group DOVE STANNO ANDANDO I VOSTRI CLIENTI? Riguadagnare la relazione con i Clienti DOVE STANNO ANDANDO I VOSTRI CLIENTI? RETURN EXIT Why not e Win-back di CFI Group Riguadagnare la relazione con i Clienti Qual è il mio mercato realmente potenziale? Perché i clienti non hanno scelto il

Dettagli

DIP Diffusione Italiana Preziosi Spa. Company Profile

DIP Diffusione Italiana Preziosi Spa. Company Profile DIP Diffusione Italiana Preziosi Spa BLUESPIRIT Company Profile Uno sguardo d insieme Storia dell azienda e del suo successo Le tappe fondamentali I brand Il piano marketing Il format Bluespirit Scheda

Dettagli

IL PROBLEM SOLVING STRATEGICO APPLICATO A CAMBIAMENTI IN CONTESTI INDUSTRIALI

IL PROBLEM SOLVING STRATEGICO APPLICATO A CAMBIAMENTI IN CONTESTI INDUSTRIALI IL PROBLEM SOLVING STRATEGICO APPLICATO A CAMBIAMENTI IN CONTESTI INDUSTRIALI KAIZEN: MIGLIORAMENTO ED INNOVAZIONE CONTINUI. IL PROBLEM SOLVING STRATEGICO APPLICATO A CAMBIAMENTI IN CONTESTI INDUSTRIALI.

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE ATTRAVERSO LA GDO

LA DISTRIBUZIONE ATTRAVERSO LA GDO LA DISTRIBUZIONE ATTRAVERSO LA GDO Situazione e prospettive dei Mercati Assicurativi Europei: produzione e distribuzione Milano, 14 Novembre 2013 Agenda Chi è ACE Il suo modello Il ruolo della GDO Le esperienze

Dettagli

Leonello Bosco Consulente Senior Italian Desk Dezan Shira & Associates (Cina) Consulente Senior Keen Score International Ltd.

Leonello Bosco Consulente Senior Italian Desk Dezan Shira & Associates (Cina) Consulente Senior Keen Score International Ltd. ITALIAN STYLE CHINA MADE Un mix industriale - commerciale vincente per le PMI italiane alla conquista dei Chyuppies: i protagonisti della nuova classe media cinese Leonello Bosco Consulente Senior Italian

Dettagli

Moda e tendenze nel retail online. Una nuova passerella per i marchi della moda. tradedoubler.com

Moda e tendenze nel retail online. Una nuova passerella per i marchi della moda. tradedoubler.com Moda e tendenze nel retail online Una nuova passerella per i marchi della moda tradedoubler.com I consumatori stanno reinventando il modo in cui vivono e acquistano articoli di moda; i marchi che si rifiutano

Dettagli

EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa»

EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa» EXPO Una vetrina sul mondo Gli strumenti di Intesa Sanpaolo per le imprese: Il portale «Created in Italia» e «Candida la tua impresa» Forlì, 16 gennaio 2015 1 L Esposizione Universale Expo Milano 2015

Dettagli

Financial Services Banking Precision pricing Come minimizzare il costo della raccolta Enrico Trevisan, Alessandra Lanciotti

Financial Services Banking Precision pricing Come minimizzare il costo della raccolta Enrico Trevisan, Alessandra Lanciotti Financial Services Banking Precision pricing Come minimizzare il costo della raccolta Enrico Trevisan, Alessandra Lanciotti 1 Introduzione I finanziamenti di Dicembre e Febbraio (LTRO, Long-Term Refinancing

Dettagli

Digital Payment Summit. Roma, 12 Giugno 2014

Digital Payment Summit. Roma, 12 Giugno 2014 Digital Payment Summit Roma, 12 Giugno 2014 Internet People & Internet Banking People - Worldwide Internet Banking (Percentage of individuals who used Internet in the last 3 months) Self-first I Finland

Dettagli

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia

Prodotto vs. Brand. Un prodotto si fabbrica. Un brand si compra (fiducia) Un brand (se ben costruito) è unico. Un prodotto si copia BRAND MANAGEMENT Prodotto vs. Brand Un prodotto si fabbrica Un brand si compra (fiducia) Un prodotto si copia Un brand (se ben costruito) è unico Un prodotto diventa obsoleto Un brand di successo vive

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

Dalla geografia turistica al prodotto giusto, da vendere al cliente giusto, al prezzo giusto

Dalla geografia turistica al prodotto giusto, da vendere al cliente giusto, al prezzo giusto Dalla geografia turistica al prodotto giusto, da vendere al cliente giusto, al prezzo giusto Simone Ghelfi Resp. marketing Gruppo Oltremare lun 23 / mer 25 / gio 26 febbraio 2015 ABSTRACT In agenzia, vendere

Dettagli

Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2014.

Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2014. Comunicato Stampa BRUNELLO CUCINELLI: il C.d.A. esamina i Ricavi Netti Preliminari della gestione del primo semestre 2014. Ricavi netti 1 a 175,8 milioni di Euro, in crescita dell 11,6% (a cambi correnti

Dettagli

L E-commerce per le imprese umbre: Nuove opportunità di vendita in Italia e nel Mondo

L E-commerce per le imprese umbre: Nuove opportunità di vendita in Italia e nel Mondo L E-commerce per le imprese umbre: Nuove opportunità di vendita in Italia e nel Mondo Giulio Finzi Segretario Generale Netcomm Perugia- 15 Dicembre 2011 La nostra missione è contribuire allo sviluppo dell

Dettagli

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa

Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa Il cliente multicanale, le sfide e le opportunità per la distribuzione assicurativa I comportamenti in evoluzione dei clienti assicurativi Milano, 11 ottobre 2012 Uno scenario complesso La grande depressione

Dettagli

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA

COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA COMMUNICATION / LABEL&PACKAGING / GED / E-PROCUREMENT / SERVIZI DI STAMPA IL NOSTRO NETWORK DI SPECIALISTI IL VOSTRO NETWORK DI SOLUZIONI NATO NEL 1957 COME TIPOGRAFIA TRADIZIONALE GRUPPO SANFAUSTINO È

Dettagli

Strategie aziendali di successo

Strategie aziendali di successo Strategie aziendali di successo Come impostare al meglio la strategia nell'impresa di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 L'interesse per le strategie aziendali sta vivendo nel 21 secolo una vera rinascita.

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA

Il concetto di marketing MARKETING. Corso di. Luca Petruzzellis. a.a. 2004/2005. Bari. lu.petruzzellis@disag.uniba.it FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Economia Aziendale Bari a.a. 2004/2005 Corso di MARKETING Il concetto di marketing Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Programma del

Dettagli

GEOMARKETING COME LEVA FONDAMENTALE NELL ANALISI DELLA CLIENTELA. Massimo Rossi Amministratore Delegato

GEOMARKETING COME LEVA FONDAMENTALE NELL ANALISI DELLA CLIENTELA. Massimo Rossi Amministratore Delegato GEOMARKETING COME LEVA FONDAMENTALE NELL ANALISI DELLA CLIENTELA. Massimo Rossi Amministratore Delegato «Siamo come nani sulle spalle di giganti, così che possiamo vedere più cose di loro e più lontane,

Dettagli

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION

CUSTOMERIZATION: THE NEXT REVOLUTION IN MASS CUSTOMIZATION I. INTRODUZIONE Un nuovo tipo di mass customization sta ridefinendo le strategie di business e di marketing. Molte aziende offrono prodotti altamente personalizzati in una vasta gamma di categorie. Queste

Dettagli

VI Forum Finanza Impresa

VI Forum Finanza Impresa VI Forum Finanza Impresa "Credito e sviluppo: scenari ed evoluzione del rapporto Banca Impresa" Dott. Stefano Giorgini, Area Manager Toscana Est Prato, 9 maggio 2013 AGENDA Unicredit International o East

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori

Creare valore per il cliente. A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori Creare valore per il cliente Significa: A) definire il target e la combinazione prezzo/benefici migliore rispetto ai competitori B) Gestire tutte le funzioni in modo che creino valore E un processo strategico,

Dettagli

Misurare e monitorare la relazione coi clienti e la loro soddisfazione post-acquisto. Stefano Lena VP Sales @ContactLab

Misurare e monitorare la relazione coi clienti e la loro soddisfazione post-acquisto. Stefano Lena VP Sales @ContactLab Misurare e monitorare la relazione coi clienti e la loro soddisfazione post-acquisto Stefano Lena VP Sales @ContactLab PIONIERI DEL DIGITALE Dal 1998 leader di mercato nel campo del digital direct marketing

Dettagli