Alle Ust Cisl della Calabria ; Alle Federazioni Regionali ; Agli Enti e Associazioni ; LL.SS.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alle Ust Cisl della Calabria ; Alle Federazioni Regionali ; Agli Enti e Associazioni ; LL.SS."

Transcript

1 Lamezia Terme, 19/05/2009 Prot. N 192 /09 Alle Ust Cisl della Calabria ; Alle Federazioni Regionali ; Agli Enti e Associazioni ; LL.SS. Oggetto : Sanità, Fiscalità e Ticket. Cari Amici, come sicuramente avete notato il dibattito politico e sociale in Calabria sui temi della Sanità, del Piano di Rientro dal Debito, degli aumenti di tassazione fiscale e ticket, impazza con il passare dei giorni anche per l approssimarsi delle scadenze elettorali per le elezioni amministrative e per le europee. Molte uscite, prese di posizioni, critiche e denunce mettono in evidenza la pesantezza dei provvedimenti assunti dal Consiglio Regionale e dalla Giunta Regionale per fare fronte al buco finanziario della Sanità accumulato dal 2001 al 2008 per tentare di evitare il commissariamento del settore. Abbiamo, come Cisl, rispetto per quanti oggi e solo oggi si stracciano le vesti per denunciare che il carico di tassazione e di ticket va a colpire le fasce deboli, le famiglie, i lavoratori ed i pensionati. Rispetto sì ma non condivisione perché vorremmo chiedere ai politici, ad alcune sigle sindacali, a rappresentanti della società civile le ragioni di tale tardivo interessamento considerato che al momento della approvazione dei provvedimenti della Giunta Regionale e prima che tutto andasse in discussione in Consiglio Regionale solo e soltanto la Cisl Calabrese ha denunciato pubblicamente e opposto netta contrarietà al merito degli interventi, soprattutto ad aumenti di Irpef, Irap e Ticket.

2 E merito nostro se l addizionale regionale Irpef oggi all 1.40% non è stata portata al massimo consentito dalla legge (2%) per come aveva già deliberato la Giunta Regionale ; E merito nostro se il ticket su medicinali e ricette non è stato generalizzato per tutti i cittadini calabresi per come aveva anticipato la Giunta Regionale. Certo la soglia di Euro di esenzione non è quello che avevamo chiesto (indicazione Cisl Quoziente Familiare ad almeno euro ) ma solo la Cisl ha gridato ad alta voce l iniquità e l ingiustizia sociale della reintroduzione del ticket. Del resto oggi pari stia prendendo quota nella maggioranza regionale la necessità di aumentare ad almeno 20 mila euro la fascia di esenzione a conferma delle nostre tesi. Anche per contrastare una demagogia ed una speculazione montante Vi chiedo di socializzare con i nostri delegati, quadri sindacali, lavoratori e pensionati il senso delle nostre posizioni e l impegno che da anni sosteniamo per tutelare veramente e non con le chiacchiere gli interessi delle famiglie, dei lavoratori, pensionati, precari calabresi. Se può servire Vi trasmetto scaletta dell intervento in Consiglio Regionale della Calabria, così come è possibile visionare sul nostro sito la rassegna stampa che riprende le nostre posizioni e da conto delle tante nostre iniziative. Con preghiera di far girare sui posti di lavoro, nelle Usc e nelle Leghe la nostra posizione. Affettuosamente Il Segretario Generale Luigi Sbarra

3 Appunto su Sanità : Deficit 2008, Piano di Rientro 2001/2007. di Luigi Sbarra. Testo intervento in occasione dell audizione in 3^ Commissione al Consiglio Regionale della Calabria. Reggio Calabria 22 Aprile Il sistema sanitario regionale è da rivedere profondamente, serve una svolta vera, serve coraggio nel processo di riforma, occorre garantire il diritto alla salute che in Calabria viene negato come dimostrano le statistiche sul bassissimo gradimento dei calabresi rispetto ai servizi sanitari e sociali. La Sanità deve garantire livelli essenziali ed universali di tutela lungo l intera filiera ( dalla prevenzione alla cura, alla riabilitazione, all assistenza ), facendo agire insieme i distretti sanitari ( da realizzare ) con le reti ospedaliere ed i centri di eccellenza. Da anni gridiamo che la Sanità Calabrese è fonte di spreco e di sperpero, che esiste una disorganizzazione scientifica che brucia risorse e produce inefficienze nei servizi. Oggi i calabresi che hanno bisogno di cura ed assistenza vengono spostati come pacchi postali da un territorio all altro, non esiste uno straccio di programmazione regionale, mancano capacità e scelte di indirizzo e coordinamento, ognuno va per la sua strada : dipartimenti, aziende sanitarie, strutture territoriali, medici di base, privato accreditato. Un buco finanziario spaventoso, quasi 2.5 miliardi di euro di disavanzo, se aggiungiamo il contenzioso aperto, che arriva da lontano dal 2001 ad oggi, responsabilità precise della politica in una logica Bipartisan Centrodestra e Centrosinistra. Tutto ciò necessita di un Piano di Rientro dal debito che sarà lacrime e sangue per i Calabresi.

4 Bene ha fatto Loiero a scoperchiare la pentola, assumendosi la responsabilità di costruire soluzioni certamente dure e pesanti ma necessarie per la Calabria ed i Calabresi. Adesso occorre individuare le giuste ed equilibrate soluzioni. La Giunta in primo luogo farebbe bene ad avviare una trattativa con il Governo Nazionale per contrattare interventi di rientro e di ripiano del debito rivendicando ad alta voce lo stesso trattamento che è stato riservato dai Governi Nazionali per sostenere i debiti delle Regioni Lazio, Molise, Abruzzo e Sicilia. Occorre inoltre porre il problema della spesa sanitaria in Italia e la sua equa distribuzione. Infatti la spesa sanitaria nel Sud è inferiore dell 8% rispetto a quella media italiana. Nel Mezzogiorno vengono spesi euro per abitante con punte inferiori alle come in Calabria, contro i euro delle Regioni del Centro Nord con punte particolarmente alte in Lombardia. Dall altro occorre mettere in campo scelte e provvedimenti in Calabria finalizzati a razionalizzare i costi, riordinare la rete ospedaliera, puntare alla medicina territoriale, abbattere le liste d attesa, frenare la mobilità sanitaria, contenere la spesa farmaceutica, riqualificare il personale, adottare una rete informatica, equilibrare il rapporto pubblico privato. E poi fare un grande patto è cioè quello che la politica si ritiri dalla Sanità. I direttori Generali, i Primari, i Vice Primari devono essere scelti in base alle competenze ed al merito e non in funzione del colore della tessera di partito che hanno in tasca. Per questo chiediamo che venga approvato al più presto il nuovo Piano Sanitario fermo in Consiglio Regionale della Calabria, un Assemblea Regionale che dovrebbe lavorare di più e meglio e qualificare l attività legislativa in campo sanitario e sociale.

5 E necessario che si approvi urgentemente il Piano Sociale Regionale così come il disegno di Legge sulla Non Autosufficienza per dare immediate risposte a quanti vivono in Calabria condizioni di povertà, precarietà e disagio sociale. Quanto al Piano di rientro del disavanzo avanziamo delle nostre indicazioni. Nell incontro unitario tenuto con il Presidente della Regione Loiero il quale ci ha convocato per informarci sulla pesantezza del disavanzo sanitario accumulato dal 2001 al 2007 ed alla necessità di approntare un Piano di rientro dal debito, abbiamo offerto la nostra disponibilità a ricercare con il massimo di responsabilità e collaborazione le vie di uscita dall emergenza finanziaria. Avevamo già segnalato la necessità di interventi di razionalizzazione attraverso la riduzione dei costi in quanto non condividevamo manovre sul versante delle entrate collegate ad aumenti della tassazione fiscale e ticket soprattutto sui redditi fissi da lavoro dipendente e da pensione. La crisi economica scarica essenzialmente sulle famiglie calabresi gli effetti impoverendo il potere di acquisto di salari, stipendi e pensioni e non sono sopportabili ulteriori aumenti anche in considerazione che tra addizionali regionali e comunali la pressione fiscale in Calabria è al massimo delle Regioni Italiane. Ci eravamo lasciti con l impegno che non appena la Giunta avesse tramutato in scelte le azioni necessarie per il risanamento ci saremmo di nuovo incontrati per concertare il merito del provvedimento. Apprendiamo dalla stampa che invece la Giunta Regionale nella seduta del 31 Marzo u.s. ha licenziato il provvedimento n 140 inviandolo direttamente al Consiglio Regionale per l esame e la conseguente approvazione. Non abbiamo ad oggi contezza dei contenuti del Disegno di Legge e dalla lettura dei giornali ci preoccupano alcuni aspetti : 1) Nulla è dato sapere se alla manovra di risanamento del debito è accompagnato un Piano Finanziario di rientro che chiarisca la durata, la quantità annua e le modalità operative del fabbisogno economico ;

6 2) Se sia stata fatta una proiezione del gettito necessario nell azione di recupero annuo attraverso le singole azioni programmate e cosa si intende fare per evitare che il debito si riproduca nel presente e nel futuro ; 3) Come le azioni proposte nel piano di rientro sono leggibili e quantificabili sul piano finanziario ; 4) Cosa arriva dal Governo Nazionale atteso che il Ministero alla Salute ha certificato ed approvato i Bilanci delle Asp ( falsi ) ; 5) Quali azioni politico amministrative si intraprendono per ridurre gli sprechi e gli sperperi nella gestione del sistema sanitario ( si ha contezza degli sprechi? si conoscono gli sperperi? Cosa si intende fare con il management che ha provocato il crak finanziario? Continueranno a determinare debiti? ) ; 6) Cosa significa incrementare al massimo consentito dalla legge l Irpef e l Irap? La Calabria nella situazione data è l unica Regione d Italia che pratica l Addizionale Regionale Irpef all 1.40% senza alcun principio di progressività del prelievo secondo scaglioni di reddito come avviene a livello nazionale. Su rivendicazione della Cisl il Consiglio Regionale in una manovra di Bilancio aveva approvato un provvedimento che imponeva dal 1 Gennaio 2008 l introduzione di una rimodulazione del prelievo attraverso la definizione di scaglioni collegati al reddito. Questa Legge non è stata mai attuata, oggi al danno si aggiungerebbe la beffa di inasprire ulteriormente la tassazione fiscale. Stesso ragionamento si potrebbe fare per le Imprese verso i quali si delibera l aumento dell Irap. Tutti oggi riconoscono che a fronte della crisi economica le Aziende andrebbero sostenute con una fiscalità di vantaggio, resa ancor più necessaria per quanti operano nel Mezzogiorno ed in Calabria per sostenere la competitività, difendere le produzioni ed i posti di lavoro. Quanto è compatibile tutto questo con un ulteriore aumento della tassazione fiscale?

7 Ticket : Come Cisl esprimemmo perplessità quando il Centrosinistra nel 2005 decise di abolire in maniera generalizzata il Ticket sulle ricette. Per ragioni di giustizia sociale da un lato ma anche perché pensavamo che l abolizione poteva portare ad una forte impennata della spesa farmaceutica. Oggi riproporre il Ticket per tutti, per i ricchi e per i poveri è assolutamente sbagliato. Al massimo si individui un Quoziente Familiare ( Euro annui ) al di sotto del quale il ticket non si paga, anche a costo di far pagare 2 o 3 euro per chi lo può pagare. La tassazione fiscale come si sa dovrebbe servire per garantire e finanziare i servizi ai cittadini, in Calabria non solo i servizi vengono negati come quelli sanitari ma addirittura si vessano di più i cittadini con prelievi eccessivi e inaccettabili. Dovrebbe essere di sinistra tutto questo e non lo è, ma i moderati ed i riformisti (veri) non possono accettare che sulla famiglia che è il vero ammortizzatore sociale in Calabria si scarichino costi ulteriori alimentando ed ingrassando il fenomeno della povertà che nella nostra Regione dilaga. Da ultimo : Occorre seriamente un forte intervento per ridurre i Costi nella Sanità, agire solo sul versante delle Entrate significa rendere strutturale il debito che continuerà a crescere riproponendo per noi ed i nostri figli eterni e non più giustificabili sacrifici. E illusorio oltre che improponibile una manovra che si affida soltanto ad entrate nascenti dalla tassazione fiscale sui redditi da lavoro dipendente e da pensione in una Regione che ha il più basso Pil e Reddito Pro Capite del Paese, il più alto tasso di povertà e di disoccupazione giovanile e femminile.

8 La Cisl e mi auguro l intero movimento sindacale unitario calabrese si opporrà con forza e determinazione a tutto ciò, assicurando nel contempo il massimo di serietà e responsabilità per concertare e condividere azioni finalizzate a razionalizzare i costi, tagliando sprechi e sperperi.

Una manovra di rigore ed equità.

Una manovra di rigore ed equità. Una manovra di rigore ed equità. Ispirata all'art. 3 della Costituzione: "È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona".

Dettagli

Sintesi della Relazione della Segretaria regionale Cisl Sardegna per le politiche sociali Oriana Putzolu

Sintesi della Relazione della Segretaria regionale Cisl Sardegna per le politiche sociali Oriana Putzolu Sintesi della Relazione della Segretaria regionale Cisl Sardegna per le politiche sociali Oriana Putzolu «Vertenzialità e stato di attuazione delle politiche di inclusione sociale in Sardegna» Cagliari,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONTRATTAZIONE SOCIALE TERRITORIALE IDEE E PROPOSTE PER UNA PIATTAFORMA REGIONALE

LINEE GUIDA PER LA CONTRATTAZIONE SOCIALE TERRITORIALE IDEE E PROPOSTE PER UNA PIATTAFORMA REGIONALE LINEE GUIDA PER LA CONTRATTAZIONE SOCIALE TERRITORIALE IDEE E PROPOSTE PER UNA PIATTAFORMA REGIONALE [3 Ottobre 2014] 1.- IL CAMBIAMENTO ATTRAVERSO RIFORME GIUSTE Il Paese è attraversato da una voglia

Dettagli

LE BUGIE DELLA SINISTRA LA VERITÀ DEI FATTI

LE BUGIE DELLA SINISTRA LA VERITÀ DEI FATTI LE BUGIE DELLA SINISTRA LA VERITÀ DEI FATTI TASSE + 300 Euro di tasse pagate da ogni piemontese nel 2014. + 137,47 Euro di cui: 59,52 Euro per coprire i debiti della giunta Bresso + 77,45 Euro tassa Monti

Dettagli

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Il Segretario Confederale Liliana Ocmin Indice I valori delle donne, i valori della Cisl pg. 3 Il sistema di Welfare

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE.

FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE. FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE. L ipotesi contemplata nello schema di decreto per il federalismo fiscale

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

COSTI STANDARD IN SANITA (04.07.13)

COSTI STANDARD IN SANITA (04.07.13) DIPARTIMENTO WELFARE E SALUTE Responsabile Dipartimento: FABIO RIZZI Referente Tecnico: FABRIZIO SPINNATO COSTI STANDARD IN SANITA (04.07.13) La Lega Nord ritiene che per coniugare l esigenza dell economicità

Dettagli

Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds. A TUTTE LE STRUTTURE loro sedi. OGGETTO: Manovra sanitaria 2015/2017. Carissimi,

Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds. A TUTTE LE STRUTTURE loro sedi. OGGETTO: Manovra sanitaria 2015/2017. Carissimi, Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Politiche di Riforma delle Pubbliche Amministrazioni, di Cittadinanza Tutela e Promozione Solidarietà e Tutele Sociali Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds

Dettagli

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 Servizio Politiche Fiscali UIL Il 15 luglio 2011 il Parlamento

Dettagli

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi I 6 punti del manifesto-piattaforma oggi all'assemblea quadri e delegati Roma, 5 novembre - Un vero e proprio manifesto-piattaforma

Dettagli

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida

La sanità nella manovra Finanziaria 2008 Il Patto per la salute si consolida La sanità nella manovra Finanziaria 2008 La sanità nella manovra Finanziaria 2008/1 Più risorse per i livelli essenziali di assistenza e cresce il Fondo per i non autosufficienti Potenziato il piano pluriennale

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

I primi 100 giorni della Giunta Maroni

I primi 100 giorni della Giunta Maroni I primi 100 giorni della Giunta Maroni Il bilancio dei primi cento giorni della giunta Maroni non è positivo: la svolta promessa non c è stata, il nuovo corso è la continuazione di quello formigoniano.

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL

SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DAL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO L SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI DELLA UIL FEDERALISMO FISCALE: E UN PROCESSO INELUDIBILE MA OCCORRONO APPROFONDIMENTI. POSSIBILI AUMENTI DELL 82,8% DELL IRPEF REGIONALE.

Dettagli

A cura del Dipartimento Ds infanzia e adolescenza PROSPETTO SPESA PER INFANZIA E ADOLESCENZA DAL 2001 AL 2006

A cura del Dipartimento Ds infanzia e adolescenza PROSPETTO SPESA PER INFANZIA E ADOLESCENZA DAL 2001 AL 2006 A cura del Dipartimento Ds infanzia e adolescenza PROSPETTO SPESA PER INFANZIA E ADOLESCENZA DAL 2001 AL 2006 Capitolo/Anno 2001 2002 2003 2004 2005 2006 Legge 451 Capitolo 1655/3284 Centro Nazionale e

Dettagli

OBIETTIVI RIDUZIONE DEL DEFICIT 14.8. - 5,5 Taglio cuneo fiscale - 13.1 Interventi vari. dal 2007 dal 2006

OBIETTIVI RIDUZIONE DEL DEFICIT 14.8. - 5,5 Taglio cuneo fiscale - 13.1 Interventi vari. dal 2007 dal 2006 SCHEDA FINANZIARIA 2007 ( Prima bozza ) PORTATA DELLA MANOVRA FINANZIARIA 33,4 MILIARDI DI EURO ENTRATE ATTESE 13.0 TAGLI ALLA SPESA 20.4 Effetti revisione IRPEF 2.0 Patto di stabilità interno 4.3 Misure

Dettagli

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA

Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Art 24, comma 24, Decreto SALVA ITALIA Obbligo per le Casse dei Professionisti di dimostrare la propria sostenibilità a 50 anni previa adozione di misure dirette ad assicurare l equilibrio tra entrate

Dettagli

Il futuro non si taglia Il 20 giugno Giornata di mobilitazione nazionale dei Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil

Il futuro non si taglia Il 20 giugno Giornata di mobilitazione nazionale dei Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil Il futuro non si taglia Il 20 giugno Giornata di mobilitazione nazionale dei Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil Una mobilitazione generale per chiedere al governo di intervenire su

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI Premessa I Trattamenti Pensionistici In Italia, come anche in tutti i paesi maggiormente industrializzati, alla precarietà del mercato del

Dettagli

CGIL CISL UIL. OSSERVAZIONI AL PIANO SOCIO SANITARIO REGIONALE 2003-2005 a cura di Roberta Papi, Segreteria Cgil Liguria

CGIL CISL UIL. OSSERVAZIONI AL PIANO SOCIO SANITARIO REGIONALE 2003-2005 a cura di Roberta Papi, Segreteria Cgil Liguria OSSERVAZIONI AL PIANO SOCIO SANITARIO REGIONALE 2003-2005 a cura di Roberta Papi, Segreteria Cgil Liguria Pur apprezzando la decisione di presentare in un unico documento il nuovo Piano Socio Sanitario

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

Buco sanità, è ufficiale: i molisani pagano di tasca loro

Buco sanità, è ufficiale: i molisani pagano di tasca loro Primonumero.it - Primo Piano: Buco sanità, è ufficiale: i molisani pagano di tasca loro http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/stampabile.php?id=6981 Page 1 of 1 02/07/2010 Buco sanità, è ufficiale:

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO

COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO 2 RAPPORTO UIL SUI COSTI DELLA POLITICA (LUGLIO 2012) COSTI DELLA POLITICA: DAI PROVVEDIMENTI PRESI ANCORA TIMIDI I SEGNALI DI RISPARMIO OLTRE 1,1 MILIONI DI PERSONE VIVONO DI POLITICA, IL 4,9% DEL TOTALE

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

Considerazioni preliminari di sintesi.

Considerazioni preliminari di sintesi. Considerazioni preliminari di sintesi. La formazione del bilancio di previsione 2010 avviene al termine dell anno in cui si ritiene si sia registrato il picco della recente recessione economica, con tutte

Dettagli

n. 79 del 24 Novembre 2014 DECRETO n. 141 del 31.10.2014 Rif. lettera s)

n. 79 del 24 Novembre 2014 DECRETO n. 141 del 31.10.2014 Rif. lettera s) DECRETO n. 141 del 31.10.2014 Rif. lettera s) Oggetto: Rimodulazione delle misure regionali di compartecipazione alla spesa sanitaria.. PREMESSO che: a) con delibera del Consiglio dei Ministri in data

Dettagli

UIL VADEMECUM 2009 PER LA CONTRATTAZIONE CON LE AUTONOMIE LOCALI

UIL VADEMECUM 2009 PER LA CONTRATTAZIONE CON LE AUTONOMIE LOCALI Servizio Politiche Territoriali polterritoriali@uil.it UIL VADEMECUM 2009 PER LA CONTRATTAZIONE CON LE AUTONOMIE LOCALI PREMESSA Il momento di crisi economica e di recessione richiede una serie di interventi

Dettagli

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Conferenza Regionale del Lavoro Avanti c è posto. Di lavoro Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Introduzione al tema Giovanna Altieri Roma, 26 gennaio 2010 Presentazione N.01/2010 1 Il

Dettagli

LA FINANZIARIA 2007: UNA PRIMA ANALISI

LA FINANZIARIA 2007: UNA PRIMA ANALISI LA FINANZIARIA 2007: UNA PRIMA ANALISI La finanziaria per il 2007 costituisce il secondo intervento per dimensioni dopo quella messa in campo nel 92 dal Governo Amato all indomani dell uscita della lira

Dettagli

PIATTAFORMA UNITARIA SU FISCO E PREVIDENZA PREMESSA

PIATTAFORMA UNITARIA SU FISCO E PREVIDENZA PREMESSA PIATTAFORMA UNITARIA SU FISCO E PREVIDENZA PREMESSA La situazione economica del nostro Paese è tuttora caratterizzata dalla crisi, e i sette anni trascorsi hanno determinato una crescente disoccupazione

Dettagli

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari

Global economy. La percezione dei social sui temi economici e finanziari Global economy La percezione dei social sui temi economici e finanziari Salone del Risparmio 2014 Organizzazione dell analisi Canale: Twitter Periodo di analisi: 15 gennaio 2014 20 marzo 2014 Lingue: italiano;

Dettagli

Speciale CGIL verso lo sciopero generale del 6 maggio

Speciale CGIL verso lo sciopero generale del 6 maggio Dipartimento Politiche Economiche NOTA Speciale CGIL verso lo sciopero generale del 6 maggio 25 marzo 2011 Un imposta sulle grandi ricchezze come imposta per il futuro: risanare l economia, creare le condizioni

Dettagli

Ridurre il cuneo contributivo per i giovani, per tornare a crescere

Ridurre il cuneo contributivo per i giovani, per tornare a crescere Ridurre il cuneo contributivo per i giovani, per tornare a crescere Mauro Marè, Fabio Pammolli Maggio 2013 In Italia, l aliquota di contribuzione obbligatoria al sistema pensionistico pubblico per il lavoro

Dettagli

1. Politiche delle entrate e politiche di sostegno al reddito Si concorda quindi di avviare un confronto che porti a:

1. Politiche delle entrate e politiche di sostegno al reddito Si concorda quindi di avviare un confronto che porti a: 1. Politiche delle entrate e politiche di sostegno al reddito Si concorda quindi di avviare un confronto che porti a: Verificare le condizioni per ridurre o eventualmente rimodulare l addizionale IRPEF

Dettagli

Efficienza, equità e politica economica

Efficienza, equità e politica economica Efficienza, equità e politica economica Abbiamo ora alcuni strumenti (metodologici) che l economia ci offre per analizzare in modo consapevole alcuni effetti che possono derivare da certe misure di POLITICA

Dettagli

Il sistema sanitario italiano

Il sistema sanitario italiano Il sistema sanitario italiano 3 livelli di assistenza: assistenza ospedaliera assistenza medico-generica e specialistica assistenza farmaceutica Finanziamento: IRAP, addizionale IRPEF, IVA, accisa sulla

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Welfare e Sanita' Relatore: On. Ferdinando Aiello. Il diritto all'esistenza ( con tutte le tutele socio - economiche )

Welfare e Sanita' Relatore: On. Ferdinando Aiello. Il diritto all'esistenza ( con tutte le tutele socio - economiche ) Sessione pomeridiana tavolo n.1 Welfare e Sanita' Relatore: On. Ferdinando Aiello Discussant: Dott. Massimo Misiti Aspetto dicotomico che possiamo assumere a sintesi e obiettivo del tavolo e' la declinizione

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE

LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE VENETO LA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER SPECIALISTICA E FARMACI NELLE REGIONI ITALIANE [ fonte: Agenas Novembre 2013 e ricerche aggiornate a Giugno 2014] Dipartimento Contrattazione Sociale

Dettagli

POLITICHE PER LA FAMIGLIA

POLITICHE PER LA FAMIGLIA Segreteria Confederale Servizio Politiche di Cittadinanza e della Salute POLITICHE PER LA FAMIGLIA Documento in preparazione alla Conferenza sulla Famiglia 1 Premessa I provvedimenti del Governo sono serviti

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 Legge di stabilità 2015 Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 1 Indice L Europa e la legge di stabilità Il DEF La direzione complessiva della manovra Cosa non c è I principali provvedimenti Primo

Dettagli

Obiettivi dello studio

Obiettivi dello studio La riforma della finanza decentrata in Italia: prospettive attuali e future. L IRAP. Maria Pia Monteduro Se.C.I.T. Obiettivi dello studio Analisi della situazione attuale Osservazioni sul disegno di legge

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di

Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di Questo documento che Cittadinanzattiva Calabria consegna a lei quale Commissario alla sanità della regione Calabria rappresenta un primo tentativo di aprire un percorso istituzionale attraverso il quale

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER IL CONFRONTO SUI BILANCI PREVENTIVI 2010 CGIL, CISL e UIL -SPI CGIL, FNP CISL, UILP - FP CGIL, FP CISL, FPL UIL

LINEE DI INDIRIZZO PER IL CONFRONTO SUI BILANCI PREVENTIVI 2010 CGIL, CISL e UIL -SPI CGIL, FNP CISL, UILP - FP CGIL, FP CISL, FPL UIL LINEE DI INDIRIZZO PER IL CONFRONTO SUI BILANCI PREVENTIVI 2010 CGIL, CISL e UIL -SPI CGIL, FNP CISL, UILP - FP CGIL, FP CISL, FPL UIL LA CONTRATTAZIONE SOCIALE TERRITORIALE 2010 La complessità della situazione

Dettagli

SINTESI DELLA RELAZIONE AI DIRETTIVI UNITARI SPI-FNP-UILP

SINTESI DELLA RELAZIONE AI DIRETTIVI UNITARI SPI-FNP-UILP ASTI ASTI ASTI SINTESI DELLA RELAZIONE AI DIRETTIVI UNITARI SPI-FNP-UILP 1 - Importanza della riunione di oggi (e dei Direttivi unitari del Piemonte) - Importante mantenere un punto di unità almeno nella

Dettagli

FAMIGLIE: TASSE RECORD A REGGIO CALABRIA, NAPOLI E SALERNO

FAMIGLIE: TASSE RECORD A REGGIO CALABRIA, NAPOLI E SALERNO FAMIGLIE: TASSE RECORD A REGGIO CALABRIA, NAPOLI E SALERNO Le famiglie più tartassate d Italia abitano a Reggio Calabria. Nel 2015 il peso complessivo di Irpef, addizionali comunali e regionali all Irpef,

Dettagli

24 CONGRESSO PROVINCIALE ACLI NOVARA

24 CONGRESSO PROVINCIALE ACLI NOVARA Relazione del Presidente Fabio Sponghini Rigenerare comunità per ricostruire il Paese. Acli artefici di democrazia partecipativa e buona economia. Fabio Sponghini Care amiche e cari amici congressisti,

Dettagli

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda

La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda La legge Finanziaria per il 2002: alcune prime valutazioni Agostino Megale Antonio Ruda 1. Il quadro macroeconomico alla base della Finanziaria 2002: da rivedere le stime sulla crescita 2. Mancanza di

Dettagli

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria Frenata globale e premesse per la ripresa Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria La convergenza delle previsioni 2008 2009 CSC (giugno) 0,1 0,6 Prometeia (settembre) 0,1 0,6 OCSE (settembre)

Dettagli

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali

Art. 1 Rivisitazione tariffario per le prestazioni ospedaliere e specialistiche ambulatoriali LEGGE REGIONALE 7 agosto 2002, n. 29 Approvazione disposizioni normative collegate alla legge finanziaria regionale relative al Settore Sanità. (BUR n. 14 dell 1 agosto 2002, supplemento straordinario

Dettagli

Il Sindacato del territorio per il welfare e l abitare sociale

Il Sindacato del territorio per il welfare e l abitare sociale SEGRETERIA TERRITORIALE DI MILANO Via B. Marcello 18 20124 Milano Tel. 02/29522100 02/29521797 Fax 02/29411670 milano.segreteria@sicet.it www.sicet.it 7 CONGRESSO TERRITORIALE SICET MILANO Il Sindacato

Dettagli

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI

CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI CAMPAGNA UIL: MENO COSTI DELLA POLITICA = MENO TASSE SINTESI DELL ANALISI E DEI NUMERI Secondo le nostre stime, sono oltre 1,3 milioni le persone che vivono direttamente, o indirettamente, di politica.

Dettagli

22 proposte per l Abruzzo

22 proposte per l Abruzzo Un fisco locale più equo per tornare a crescere: 22 proposte per l Abruzzo Premessa Da 15 anni a questa parte, con il decentramento amministrativo, è aumentata l autonomia impositiva delle Autonomie Locali.

Dettagli

Legge di stabilità 2012 Norme relative al lavoro e formazione Scheda di analisi e commento

Legge di stabilità 2012 Norme relative al lavoro e formazione Scheda di analisi e commento Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Legge di stabilità 2012 Norme relative al lavoro e formazione Scheda di analisi e commento Fondo sociale per l occupazione e la formazione (art.33, co.20 e

Dettagli

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan

Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan Famiglie in salita Rapporto 2009 su povertà ed esclusione sociale in Italia a cura di Caritas Italiana - Fondazione Zancan LOMBARDIA: sintesi di alcuni dati 1. IL PUNTO DI PARTENZA: UNO SGUARDO STORICO

Dettagli

Per il rafforzamento dell identità culturale e politica della UIL.

Per il rafforzamento dell identità culturale e politica della UIL. Per il rafforzamento dell identità culturale e politica della UIL. Una proposta per il futuro. La natura solidaristica e democratica del sindacato si accompagna per la UIL alla sua indipendenza e alla

Dettagli

2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile

2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile 2014: il sesto meeting annuale della Fondazione per lo sviluppo sostenibile Una fondazione di ricerca e di supporto, ormai un punto di riferimento, per esperti, organizzazioni e imprese della green economy.

Dettagli

COMUNICATO STAMPA n. 26/2004. del 16 luglio 2004

COMUNICATO STAMPA n. 26/2004. del 16 luglio 2004 COMUNICATO STAMPA n. 26/2004 del 16 luglio 2004 Corte dei conti Sezione delle autonomie Presidente F. Staderini - Relatore G. Larosa Deliberazione n. 9/2004 inviata al Parlamento il 16 luglio 2004 Relazione

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

La spesa per la sicurezza sociale

La spesa per la sicurezza sociale I SISTEMI DI SICUREZZA SOCIALE I sistemi di sicurezza sociale, hanno lo scopo di garantire alle persone condizioni di vita adeguate e di fronteggiare gravi situazioni di bisogno. Le forme di tutela sono:

Dettagli

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario

Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: I limiti della situazione attuale nella politica di risanamento finanziario Finanze Cantone La situazione oggi Premessa: Da anni ormai il bilancio del Cantone segna rosso, con elevati deficit ricorrenti ormai consolidati. Il che significa che si tratta di un problema strutturale

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

30 MILIARDI CONTRO LA CRISI

30 MILIARDI CONTRO LA CRISI La contromanovra di Sbilanciamoci! 2011-2012 30 MILIARDI CONTRO LA CRISI Le proposte della campagna Sbilanciamoci! La campagna Sbilanciamoci! presenta la sua contromanovra, alternativa a quella che il

Dettagli

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio Indice il contesto i tagli le tasse comunali le linee guida il bilancio 02 La crisi: meno risorse, meno investimenti, più domanda di servizi 03 La finanza dei comuni dal 2008 ad oggi: meno risorse, meno

Dettagli

I CONGRESSO NAZIONALE DI FEDERAZIONE ROMA, 3-4-5 MAGGIO 2005

I CONGRESSO NAZIONALE DI FEDERAZIONE ROMA, 3-4-5 MAGGIO 2005 I CONGRESSO NAZIONALE DI FEDERAZIONE ROMA, 3-4-5 MAGGIO 2005 SINTESI DELLA RELAZIONE CONGRESSUALE DEL SEGRETARIO GENERALE DELLA FEDERAZIONE CISL MEDICI DOTT. GIUSEPPE GARRAFFO Occorre una nuova cultura

Dettagli

Deliberazione di C.C. n. 17 del 30/09/2014 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF 2014. VARIAZIONE ALIQUOTA.

Deliberazione di C.C. n. 17 del 30/09/2014 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF 2014. VARIAZIONE ALIQUOTA. Deliberazione di C.C. n. 17 del 30/09/2014 OGGETTO: ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF 2014. VARIAZIONE ALIQUOTA. Il SINDACO introduce il presente argomento all o.d.g. e relaziona nel merito. Egli riferisce: Negli

Dettagli

Dossier sulla Legge di Stabilità e Bilancio. a cura di Vincenzo Menna e Marta Simoni

Dossier sulla Legge di Stabilità e Bilancio. a cura di Vincenzo Menna e Marta Simoni Dossier sulla Legge di Stabilità e Bilancio a cura di Vincenzo Menna e Marta Simoni Novembre 2013 Indice Premessa Cos è la legge di Stabilità L iter legislativo I principali contenuti della legge di Stabilità

Dettagli

Lordo Netto 2014 In vigore dal 1 gennaio 2014 (a cura di Gianfranco Serioli)

Lordo Netto 2014 In vigore dal 1 gennaio 2014 (a cura di Gianfranco Serioli) Lordo Netto 2014 In vigore dal 1 gennaio 2014 (a cura di Gianfranco Serioli) Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge di conversione n. 148/2011) e confermato dalla Legge di

Dettagli

NOTE INTRODUTTIVE. Un calcio agli errori Calcola correttamente quanto ti spetta utilizzando la tabella Lordo - Netto 2015

NOTE INTRODUTTIVE. Un calcio agli errori Calcola correttamente quanto ti spetta utilizzando la tabella Lordo - Netto 2015 NOTE INTRODUTTIVE Un calcio agli errori Calcola correttamente quanto ti spetta utilizzando la tabella Lordo - Netto 2015 Occhio al Fisco. Il contributo di solidarietà. Introdotto con il Dl n. 138/2011

Dettagli

Pensioni oggi e domani con quali risorse, con quale fisco. Le proposte della Cgil BOZZA

Pensioni oggi e domani con quali risorse, con quale fisco. Le proposte della Cgil BOZZA Pensioni oggi e domani con quali risorse, con quale fisco. Le proposte della Cgil BOZZA Relazione di Roberto Battaglia a nome della segreteria regionale Spi Cgil Emilia Romagna Il titolo del nostro convegno

Dettagli

INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA: EFFETTI DELLA CRISI, VALORI E SPUNTI PER PROPOSTE FEDERSANITA ANCI

INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA: EFFETTI DELLA CRISI, VALORI E SPUNTI PER PROPOSTE FEDERSANITA ANCI Roma 15 ottobre 2014 Lorenzo Terranova INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA: EFFETTI DELLA CRISI, VALORI E SPUNTI PER PROPOSTE FEDERSANITA ANCI percorso per un tentativo di lettura quadro di riferimento temi il

Dettagli

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013

A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi. 8 novembre 2013 INVESTIMENTI DEGLI ENTI TERRITORIALI E PATTO DI STABILITA INTERNO - L incompatibilità dei vincoli di finanza pubblica con una politica di sviluppo del territorio A cura della Direzione Affari Economici

Dettagli

LE PREVISIONI DI FABBISOGNO OCCUPAZIONALE: RIFLESSIONI E PROPOSTE. Paolo Feltrin

LE PREVISIONI DI FABBISOGNO OCCUPAZIONALE: RIFLESSIONI E PROPOSTE. Paolo Feltrin LE PREVISIONI DI FABBISOGNO OCCUPAZIONALE: RIFLESSIONI E PROPOSTE Paolo Feltrin Indice Definizione di fabbisogno 2 L offerta di lavoro 6 La domanda di lavoro 11 I fabbisogni di lavoro 18 Riflessioni e

Dettagli

bambini con meno di 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un

bambini con meno di 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un ESENZIONE TICKET PRESTAZIONI E SERVIZI SANITARI DI DIAGNOSTICA STRUMENTALE, LABORATORIO E ALTRE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE DIRETTIVA NAZIONALE: E01 E01 E02 E03 E04 bambini con meno di 6 anni appartenenti

Dettagli

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015 Camera dei Deputati XI Commissione Lavoro pubblico e privato Audizione D.L. n. 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 giugno 2015 Premessa Il

Dettagli

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS.

COLLEGHE E COLLEGHI INTERVENGO IN NOME DELLE OO. SS. UNIVERSITARIE FLC-CGIL, CISL UNIVERSITA, UIL PA UR E CONFSAL/CISAPUNI-SNALS. Documento delle OO.SS. dell Università della Sapienza di Roma CGIL CISL UIL SNALS presentato all Assemblea dell Ateneo indetta dal Rettore sui provvedimenti del Governo adottati del decreto Legge 112/2008

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 197 269 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Le diseguaglianze di salute, nuova frontiera per il servizio sanitario Le

Dettagli

26/8/2014 www.uffstampa.provincia.tn.it/csw/c_stampa.nsf/comunicatiperstampa/74a75c0d6e3f2040c1257d3c0024d6a9?opendocument

26/8/2014 www.uffstampa.provincia.tn.it/csw/c_stampa.nsf/comunicatiperstampa/74a75c0d6e3f2040c1257d3c0024d6a9?opendocument 26/8/2014 www.uffstampa.provincia.tn.it/csw/c_stampa.nsf/comunicatiperstampa/74a75c0d6e3f2040c1257d3c0024d6a9?opendocument Approvati i criteri per i beneficiari e la durata REDDITO DI ATTIVAZIONE: 28 MILIONI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

L Irpef. L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA

L Irpef. L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA L Irpef L imposta sul reddito delle persone fisiche Le addizionali locali Il pagamento delle pensioni STAMPA L imposta sul reddito delle persone fisiche 360 Dopo la legge 289/2002 e la legge 311/2004,

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE p r o m u l g a

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA REGIONE p r o m u l g a L.R. 30 Dicembre 2014, n. 17 Legge di Stabilità regionale 2015 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE DELLA REGIONE p r o m u l g a la seguente legge: SOMMARIO Art. 1 Leggi regionali di spesa

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Equipollenza titolo pregresso in Laurea in Fisioterapia Catania, 22 Novembre 2008 (1 a parte) ECONOMIA SANITARIA

CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Equipollenza titolo pregresso in Laurea in Fisioterapia Catania, 22 Novembre 2008 (1 a parte) ECONOMIA SANITARIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA Equipollenza titolo pregresso in Laurea in Fisioterapia Catania, 22 Novembre 2008 (1 a parte) ECONOMIA SANITARIA Rosario Cunsolo Dir. Medico Direzione Medica di Presidio

Dettagli

Documento conclusivo del XIX Congresso Spi-Cgil Milano

Documento conclusivo del XIX Congresso Spi-Cgil Milano Documento conclusivo del XIX Congresso Spi-Cgil Milano Il 19 Congresso dello SPI di Milano celebrato nei giorni 27 e 28 febbraio 2014, si è svolto in un momento di grande difficoltà per il Paese. Una fase

Dettagli

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI - COMUNE DI MESSINA PER UN WELFARE DI COMUNITÀ: LINEE D INDIRIZZO POLITICO

ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI - COMUNE DI MESSINA PER UN WELFARE DI COMUNITÀ: LINEE D INDIRIZZO POLITICO ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI - COMUNE DI MESSINA PER UN WELFARE DI COMUNITÀ: LINEE D INDIRIZZO POLITICO 1. Verso un welfare della comunità messinese: le basi politiche delle nostre azioni Crisi di sistema

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

i dossier IL DECRETO SALVA PRECARI 21 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta

i dossier IL DECRETO SALVA PRECARI 21 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta 605 www.freenewsonline.it www.freefoundation.com i dossier IL DECRETO SALVA PRECARI 21 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Con il decreto 101 del 31 agosto, il governo ha avviato

Dettagli

Cosa cambia per i precari?

Cosa cambia per i precari? Il protocollo sul welfare Cosa cambia per i precari? a cura di http:// precaridellaricerca@gmail.com Cosa e quando Il 23 luglio del 2007 il governo ha firmato insieme a sindacati confederali, Confindustria

Dettagli