Il Servizio sanitario nazionale alla luce delle manovre finanziarie 2011 e 2012: tra accessibilità delle cure e contenimento della spesa.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Servizio sanitario nazionale alla luce delle manovre finanziarie 2011 e 2012: tra accessibilità delle cure e contenimento della spesa."

Transcript

1 Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari WORKING PAPER N. 1/2013 Il Servizio sanitario nazionale alla luce delle manovre finanziarie 2011 e 2012: tra accessibilità delle cure e contenimento della spesa. A cura di: Americo Cicchetti Direttore ALTEMS, Università Cattolica del Sacro Cuore Anna Ceccarelli Ricercatore ALTEMS, Università Cattolica del Sacro Cuore

2 Sommario Le recenti misure di contenimento della spesa del Servizio sanitario nazionale sono principalmente dettate da un decennio di crescita economica debole in cui il PIL ha registrato un incremento complessivo di 2,8 punti, mentre la spesa sanitaria è aumentata di 45,1 punti; La crescita della spesa del Ssn è stata finanziata contribuendo alla crescita complessiva del debito e spostando risorse da altri settori (istruzione, in primis); Sotto queste condizioni le alternative che si pongono sono quella del razionamento e la transizione verso un universalismo selettivo, o una forte razionalizzazione della spesa: le recenti manovre stanno percorrendo principalmente questa seconda strada ma la sensazione è che questo non sia sufficiente nonostante un obiettivo di risparmio che tra il 2013 e il 2014 dovrebbe arrivare a quasi 9 miliardi; La crescita della spesa sanitaria ha riguardato in particolare alcuni comparti (farmaci ospedalieri, medical devices, beni e servizi, specialistica convenzionata, protesica) e alcune Regioni (le Regioni oggi in piano di rientro); Le manovre approvate tra il 2011 e il 2012 incidono su beni e servizi, personale e dispositivi medici ma non coinvolgono, se non in maniera marginale, altri comparti dove la spesa è cresciuta in maniera incontrollata; Pur nel generale equilibrio degli interventi proposti dalle manovre 2011 e 2012, gli interventi hanno un orizzonte necessariamente di breve periodo e andrebbero accompagnati con interventi ad ampio respiro che, da un lato, permettano la razionalizzazione della spesa di beni, servizi e tecnologia adottando l approccio dell health technology assessment, e, dall altro, puntino ad un ri- orientamento del sistema sotto il profilo organizzativo e della governance generale; Con ogni probabilità non potremo fare a meno di interrogarci sulla sostenibilità di un universalismo assoluto ( tutto a tutti, dalla culla alla bara ) e l imperativo è quello dell attivazione di ulteriori pilastri per il suo finanziamento (fondi integrativi). Contesto ed importanza del problema Scenario macroeconomico degli ultimi dieci anni ( ) e prospettive per il futuro L analisi delle azioni di finanza pubblica introdotte nel settore sanitario con le manovre del 2011 e 2012 non può prescindere dalla valutazione del contesto macroeconomico generale le cui attuali condizioni emergono da eventi e politiche che soni sono stratificate negli ultimi 10 anni. Il nostro paese negli ultimi 10 anni ha mostrato un grave problema di crescita. Tra il 2001 e il 2010 il Prodotto Interno Lordo (PIL) è cresciuto mediamente di 0,3 punti percentuali e le previsioni, da questo punto di vista non sono positive. I dati del 2011 mostrano che la crescita del PIL è rallentata (0,4%). Per il 2012 il Documento di Economia e Finanza (DEF) prevede una contrazione del PIL dell 1,2%, mentre per il 2013 il PIL è previsto crescere a un ritmo pari allo 0,5 per cento, per poi accelerare a partire dal 2014, con una crescita dell 1,0 per cento. Questa situazione ha inciso fortemente sul debito pubblico, che tra il 2001 e il 2010 ha fatto registrare una crescita media annua dello 0,4%. In particolare, nel 2010 il debito pubblico ha raggiunto il 118,7%, valore che non si raggiungeva dal 1996.

3 Tabella 1. Quadro macroeconomico dell Italia e delle risorse destinate alla sanità Crescita PIL reale (%) 1,8 0,5 0,0 1,5 0,7 2,0 1,5-1,3-5,2 1,3 0,4-2,3-0,5 1,0 Debito Pubblico/PIL (Variazione %) -0,4-2,8-1,2-0,5 1,9 0,6-2,7 2,6 9,2 2,5 0,9 0,2-2,0-2,9 Uscite Pubbliche Amministrazioni 4,4-1,3 2,1-0,4 1,0 1,0-1,4 1,7 6,5-2, (Variazione %) Finanziamento SSN (Variazione %) 8,2 6,1 3,9 4,9 7 4,5 4,8 8,2 3 0, Spesa SSN (Variazione %) 9,1 4,7 2,9 7,5 6,9 2,9 4,2 3,2 2,8 0, Finanziamento SSN/Spesa SSN (%) 94,6 96,5 97,7 96,3 94,1 95,5 96,4 96,8 97,1 97, Fonte: Nostra elaborazione su dati DEF 2012, ISTAT, Ministero dell Economia e delle Finanze e Ministero della Salute. Nonostante questa crescita ridotta la spesa sanitaria è incrementata costantemente in questo periodo. Per quanto riguarda, invece, l evoluzione di spesa e finanziamento del SSN, emerge che tra il 2001 e il 2010 la prima è aumentata in media del 4,5% annuo, mentre il secondo del 5,1% annuo, generando un disavanzo cumulato di oltre 35 miliardi di euro che ha contribuito all incremento del debito pubblico. I tassi di crescita di spesa e di finanziamento del SSN, risultano chiaramente incompatibili con il tasso medio annuo di crescita del PIL (0,3%). Analizzando la composizione percentuale delle uscite delle pubbliche amministrazioni per funzioni di spesa, la sanità, che risulta essere al terzo posto (dopo le voci di protezione sociale e servizi generali), ha incrementato la propria incidenza passando dal 13% nel 2001 al 14,9% nel 2010, con un aumento complessivo del 15% e una crescita media annua pari a 1,5%. Nel medesimo arco temporale, sono principalmente tre i settori che invece hanno ridotto la loro incidenza: servizi generali, istruzione, e attività ricreative, culturali e di culto, con decrementi complessivi rispettivamente del 18%, del 10% e del 6% e un tasso di variazione medio annuo pari, rispettivamente a - 2,2%, - 1,3% e - 1,1%. In questo stesso periodo la spesa sanitaria pubblica è cresciuta non solo in termini assoluti ma anche in termini di incidenza percentuale sul PIL: questa passa infatti dal 6,15 % del 2001 al 7,22% nel L incremento osservato, in realtà, deriva da una sensibile diminuzione del prodotto interno lordo piuttosto che da un reale incremento della spesa stessa. La sostenibilità economica del Servizio Sanitario Nazionale Il progressivo invecchiamento della popolazione e lo sviluppo di tecnologie innovative strumentali e terapeutiche, inevitabilmente saranno responsabili di un aumento della spesa sanitaria che inciderà in misura progressivamente maggiore sul PIL nazionale, in considerazione dello stato di recessione economica del paese. Se l incremento del fabbisogno non troverà copertura nell incremento delle risorse disponibili, si possono aprire quattro scenari per l recuperare equilibrio nel sistema sanitario: razionalizzazione della spesa, direzione già percorsa soprattutto in alcuni comparti (es. farmaceutico e ospedaliera accreditata, personale) e in alcune regioni (quelle in piano di rientro); restrizione del perimetro dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) (razionamento);

4 introduzione di nuove misure di compartecipazione alla spesa da parte dei cittadini (ticket o franchigia); revisione in senso selettivo dei principi universalistici del sistema sanitario pubblico con la possibile introduzione di forme integrative di finanziamento privato. Tabella 2. Variazione anno su anno, cumulata e media della spesa sanitaria per singole voci di costo (Anni ) Servizi basati sulla tecnologia Farmaceutica convenzionata Totale Media 33,3 1,4-5,5 8,1-1,7 4,1-6,8-2,7-2,0-0,6 27,6 2,8 Beni e altri Servizi 4,5 8,7 8,8 7,7 18,2 1,1 13,2 3,0 4,7 0,2 70,1 7,0 Farmaceutica ospedaliera nd nd nd nd nd ,0 5,8 Servizi basati sul personale Personale 5,0 2,7 1,2 5,2 7,6 5,2 1,2 4,2 2,6 1,2 36,2 3,6 Medicina Generale convenzionata Specialistica convenzionata e accreditata Servizi contrattualizzati con il privato 8,3 2,0 4,1 4,2 13,5 4,2 1,3 1,0 4,8 2,8 46,2 4,6 9,3 8,4 4,7 5,2 4,4 8,7 6,2 4,9 4,3 6,1 62,2 6,2 Ospedaliera accreditata -0,3 1,9 3,3 5,9-10,8 4,2 2,6 2,0-0,6 1,9 10,1 1,0 Riabilitativa accreditata nd -9,9 5,5 4,6 3,7 3,5-1,8-12,1 0,4-0,4-6,5-0,7 Altri servizi Integrativa e Protesica convenzionata e accreditata Altra Assistenza convenzionata e accreditata nd 7,6 4,6 6,1 11,3 7,5 7,7 8,5 3,3 0,1 56,7 6,3 nd 22,2 4,0 10,3 7,7 7,5 3,7 18,1 5,9 5,2 84,6 9,4 Fonte: Nostra elaborazione su dati Ministero dell Economia e delle Finanze Le attuali politiche sembrano concentrarsi sul primo punto. Per verificarne l efficacia è necessario analizzare brevemente le caratteristiche della spesa sanitaria secondo una aggregazione della stessa che tenga conto dei principali fattori della produzione (personale, tecnologia) e soggetto erogante (convenzionato vs pubblico). In particolare, analizzando la variazione cumulata delle singole voci di spesa e il relativo tasso annuo medio di variazione (Tabella 2), si evince come la spesa per Altra assistenza convenzionata e accreditata in primis, seguita dalla spesa per Beni e altri servizi, la spesa per Specialistica convenzionata e accreditata e la spesa per Assistenza integrativa e protesica convenzionata e accreditata, siano le quattro voci che tra il 2001 e il 2010 hanno registrato la maggiore variazione cumulata e il maggiore tasso annuo medio di crescita, risultando in tal senso dei driver di spesa del tutto incontrollati e in costante aumento negli ultimi anni. Al contrario, i Servizi contrattualizzati con il privato, e in particolare la Riabilitativa accreditata, seguite dalla Farmaceutica convenzionata e dal Personale, rappresentano le voci di spesa il cui tasso annuo medio di variazione e il cui

5 tasso cumulato sono risultati i più bassi. In tal senso, va ricordato che le misure di contenimento della spesa sanitaria degli ultimi anni si sono concentrate soprattutto su quest ultime due voci di costo. Critica delle opzioni di policy La manovra finanziaria del , la spending review, e le implicazioni per la sanità Gli effetti della crisi hanno imposto significativi interventi sulla finanza pubblica attraverso tre interventi principali: la legge n. 111/2011, la legge n. 148/2011, e più recentemente la legge 95/2012 (Spending review). In particolare, la legge n. 111/2011, ha disposto le misure volte al conseguimento degli obiettivi programmatici indicati nel DEF Con la legge n. 148/2011, l Esecutivo ha inteso anticipare il conseguimento dell obiettivo del pareggio di bilancio nel Gli effetti cumulati dei due provvedimenti ammontavano a 59,8 miliardi nell ultimo anno del periodo di previsione. Tabella 3. Finanziamento del SSN per gli anni ed effetti delle manovre Finanziamento SSN tendenziale (pre-manovre) Riduzione finanziamento SSN ex L. 111/ Prezzi di riferimento Farmaceutica Tetto sui dispositivi medici Ticket Personale Riduzione finanziamento SSN ex L. 135/ Farmaceutica Beni e servizi Assistenza accreditata DDL stabilità * Totale riduzione finanziamento SSN (-4.900*) (-8.450) Finanziamento SSN programmatico (postmanovre) Note: * importo in discussione Fonte: Nostra elaborazione su relazioni tecniche al DDL S 2814/2011 e al DDL S 3396/2012, e su dati Corte dei Conti Nello specifico, con la legge n. 111/2011, per la sanità vengono determinati a priori i valori di incremento annuale dei livelli di finanziamento per i prossimi anni (+0,5% nel 2013 e +1,4% nel 2014), inferiori rispetto a quelli previsti dal Patto della Salute per il 2012 (+2,8%) e già ritenuti non più sufficienti dalle Regioni. In pratica si tratta di 7,950 miliardi in meno di finanziamento rispetto a quelli previsti con gli incrementi dell'ultimo triennio, concentrati nel 2013 e Successivamente, la legge n. 95/2012 impone una ulteriore riduzione del livello di finanziamento per il Servizio Sanitario Nazionale: di 900 milioni nel 2012, di 1, 8 miliardi nel 2013 e di 2 miliardi a decorrere dal 2014 (4,7 miliardi nel triennio). Il totale del saldo da finanziare per il triennio diventa così di 12,65 miliardi (tabella 3). Infine, il disegno di legge stabilità 2013 dispone restrizioni

6 aggiuntive sulla spesa del settore sanitario: si tratta di 600 milioni per il 2013 e di 1 miliardo per il 2014 e il E bene sottolineare che il Legislatore, prevedendo le suddette manovre, ha ribadito il mantenimento dei principi sottostanti il Servizio sanitario nazionale: la gratuità delle cure, l universalità del sistema, l omogenea copertura dei bisogni sul territorio nazionale. La conseguenza è che le manovre presuppongono un intervento non tanto teso al razionamento dei servizi, considerando invece possibile un azione energica di razionalizzazione della spesa sanitaria operando su spazi di miglioramento ancora esistenti. In generale, sia la legge n. 111/2011 sia la legge n. 135/2012 individuano diversi macro ambiti di intervento 1 : l introduzione di nuovi strumenti per il controllo della spesa pubblica e il suo monitoraggio da parte delle amministrazioni centrali e locali (es. osservatorio dei contratti pubblici); provvedimenti che agiscono sulla consistenza della spesa per i principali fattori della produzione (beni e servizi, dispositivi medici, personale); introduzione di meccanismi per garantire un migliore governo della spesa e del sistema in generale (riorganizzazione AIFA, pignoramenti, interventi del CdM per superare le rigidità normative regionali); modifica delle condizioni di compartecipazione alla spesa da parte dei cittadini (ticket). In termini di impatto, con la legge n. 111/2011, il legislatore ha individuato principalmente tre aree di contenimento della spesa: Il settore dei beni e servizi (art. 17, comma 1), in cui a regime si è ipotizzata una diminuzione dei costi su base annua di 1,1 miliardi di euro. Il settore dei dispositivi medici (art. 17 comma 1), in cui a regime si è ipotizzata una riduzione di circa 750 milioni di euro. Il settore della spesa farmaceutica (art. 17 commi 1 e 2), che ancora una volta è chiamato a contribuire al contenimento della spesa per circa 1 miliardo di euro annui. Questi interventi puntano, quindi, al recupero delle inefficienze nella gestione dei fattori produttivi (farmaci, dispositivi, beni e servizi) di cui si dotano le aziende sanitarie per erogare gli interventi sanitari. Sotto questo profilo, la sanità vive un esperienza che è comune ad altri settori della pubblica amministrazione in cui sussiste il problema di come razionalizzare l acquisto di beni e servizi, di come gestirli, di come utilizzarli in maniera efficiente, e quindi al pari degli altri settori, anche la sanità è chiamata a fare uno sforzo. Oltre alle misure sopra esposte, la manovra del 2011 prevede una rivisitazione dei criteri di compartecipazione alla spesa da parte dei cittadini, ipotizzando un incremento pari a circa 2 miliardi di euro annui. Questo intervento porta il livello attuale di compartecipazione dagli attuali 4-5 miliardi di euro (non viene fornito un importo preciso in quanto c è una disomogenea presenza delle regioni sul piano dell applicazione dei ticket regionali) a 5-7 miliardi di euro, che rappresentano tra il 5 e il 6 per cento della copertura del fabbisogno complessivo. Questo non sembrerebbe intaccare il principio della 1 In appendice si riporta una sintesi ragionata delle manovre.

7 sostanziale gratuità delle prestazioni, sebbene tutto dipenda da come il tema della compartecipazione alla spesa sarà concretamente declinato. Con la legge n. 135/2012, il legislatore ha individuato ulteriori margini di riduzione della spesa, principalmente nei settori già colpiti dalla manovra 2011: l acquisto di beni e servizi (art. 15, comma 13), e la spesa farmaceutica (art. 15 commi da 2 a 11). Oltre a queste misure, la legge sulla Spending Review prevede già a partire dal 2012 una riduzione della spesa ambulatoriale e della spesa ospedaliera a carico del SSN, e dei relativi volumi di prestazioni acquisite dai privati accreditati. Parallelamente, gli interventi previsti dalle due manovre, si integrano con quelli già operanti sull altro grande fattore produttivo delle aziende sanitarie, ovvero il personale. In questo comparto già operano meccanismi di contenimento della spesa molto rilevanti (vedi il blocco della contrattazione) individuati già dal 2007, e confermati dalla manovra come strumento fondamentale per contenere i costi. Infine, secondo la relazione tecnica al DDL stabilità 2013, la riduzione dei prezzi di beni e servizi (con esclusione dei farmaci e dei dispositivi medici) del 10 per cento a decorrere dal 2013 per tutta la durata dei contratti attualmente in vigore, comporterebbe un risparmio su base annua di circa 500 milioni, mentre la norma che riduce il tetto alla spesa per i dispositivi medici comporta una riduzione di spesa su base annua di circa 100 milioni per il 2013 e di circa 500 milioni a partire dal In entrambi i casi, i risparmi vanno quindi ad aggiungersi a quanto già previsto da precedenti manovre di settore, ponendo obiettivi sempre più ambiziosi. In sintesi, nel caso degli acquisti di beni e servizi, le leggi n. 111/2011 e n. 135/2012, e il disegno di legge di stabilità 2013, prevedono un contenimento della spesa di circa milioni per il 2013 e poco meno di milioni a decorrere dall anno 2014 pari a circa l 8 per cento della spesa del Ancora più netto il taglio della spesa per i dispositivi medici. I tre provvedimenti hanno previsto riduzioni per complessivi milioni nel 2013, somma che sale a milioni nel 2014, rispettivamente il 18 per cento e poco meno del 25 per cento degli attuali livelli di spesa. Critica della manovra La manovre approvate tra l estate del 2011 e quella del 2012 dal Governo incidono in modo significativo sul settore sanitario. L analisi sopra proposta permette di apprezzare l impegno complessivo del Governo nel fronteggiare una situazione certamente critica, senza voler del resto intaccare i principi generali del sistema. Tuttavia, in un ottica di sostenibilità del sistema, i provvedimenti adottati presentano alcune criticità: in primo luogo sono previsti sostanzialmente degli interventi a breve termine (fino al 2014 per far fronte agli impegni presi in sede internazionale). Infatti, i provvedimenti hanno l obiettivo di reperire risorse economiche per far fronte ad una situazione contingente, e questo certamente riduce le opzioni di intervento, limitandone l efficacia nel lungo periodo; le azioni correttive intraprese in un ottica di contenimento dei costi fanno certamente riferimento alle voci di costo che hanno un maggiore impatto sulla spesa sanitaria (acquisti di beni e servizi compresi i dispositivi medici che in media tra il 2001 e il 2010 hanno rappresentato il 27% della spesa, e spesa farmaceutica che in media ha

8 rappresentato il 12% della spesa), tralasciando però quei comparti di spesa che, seppur meno rappresentativi (es. specialistica ambulatoriale, assistenza protesica integrativa, altra assistenza accreditata convenzionata, che in media hanno rappresentato rispettivamente il 4%, il 2% e il 5% della spesa sanitaria), sono anch essi cresciuti nel decennio e che appaiono fuori controllo (ad esempio l altra assistenza accreditata convenzionata è cresciuta con un tasso medio annuo del 9,4%); non viene menzionato alcun provvedimento che faccia riferimento alle procedure di introduzione delle prestazioni nei LEA in un ottica di appropriatezza. In tal senso, così come già previsto per l introduzione dei farmaci, la manovra poteva prevedere l utilizzo esteso dell health technology assessment (HTA) per governare non solo l introduzione dei dispositivi medici ma anche i processi di disinvestimento. Raccomandazioni di Policy Se confrontata con la spesa sanitaria degli altri Paesi, negli ultimi dieci anni, la spesa italiana è risultata sempre tra quelle più basse (in percentuale del PIL). Tuttavia, in un ottica prospettica e di sostenibilità a lungo termine del sistema Italia, poiché lo scenario economico italiano e internazionale lo impongono, si rende necessario un contenimento della spesa pubblica, e dunque anche della spesa sanitaria. In tal senso, negli ultimi anni sono state privilegiate misure caratterizzate da tagli lineari e indistinti della spesa. In realtà, efficientare per ridurre le spese sotto l urgenza della crisi, senza contemporaneamente gettare le basi per una nuova organizzazione del sistema, può celare delle insidie per il futuro. Infatti, al fine di consentire una ripresa economica del Paese, preservando i principi fondamentali del nostro SSN, sarebbe opportuno agire in diverse direzioni: proseguire in maniera decisa quanto previsto dal provvedimento sulla spending review confermando l attenzione sui beni e servizi, sui medical device e le grandi apparecchiature elettromedicali ai fini della razionalizzazione della spesa. L attenzione, però, va posta anche su quei comparti della spesa sanitaria che, negli ultimi 10 anni, hanno maggiormente contribuito alla crescita della spesa sanitaria e che non sono stati in alcun modo toccati dalla manovra 2011 e marginalmente affrontati nella legge n. 135/2012: ci riferiamo in particolare all area dell Assistenza specialistica convenzionata ed accreditata (cresciuta in media del 6,2% all anno negli ultimi 10 anni), dell integrativa e della protesica (+ 6,3%/anno) e dell Altra assistenza convenzionata ed accreditata (+9,4%/anno); si ritiene però indispensabile entrare nell ottica di revisionare il perimetro dei LEA passando dalla definizione di una lista negativa (è nei LEA tutto ciò che non è esplicitamente escluso) ad una positiva. Per questo sono indispensabili due azioni: (i) stabilire dei principi espliciti e condivisi di giustizia distributiva per l individuazione delle priorità tra governo centrale e Regioni che preveda un sistematico coinvolgimento dei principali stakeholder di sistema (cittadini e associazioni di pazienti, industria ecc.); (ii) adottare l approccio dell health technology assessment per identificare le opzioni assistenziali che si sono dimostrate maggiormente costo- efficaci e, oltra a questo, preferite nella prospettiva di pazienti e cittadini; abbinare agli interventi previsti dalle manovre 2011 e 2012, la riscrittura dei meccanismi di contrattazione delle risorse tra Stato e Regioni. In tal senso, il nuovo Patto per la Salute potrebbe essere un occasione sia a livello nazionale che regionale, per iniziare a promuovere degli interventi di efficientamento e di

9 riorganizzazione razionale del sistema: dall ottimizzazione degli acquisti, alla scelta di regole chiare e stabili per la programmazione delle risorse e il loro riparto tra Regioni, al pieno coinvolgimento della leva fiscale regionale per la copertura anno per anno delle sovraspese, alla responsabilizzazione di mandato/ufficio per politici e amministratori inadempienti rispetto ai target; promuovere il definitivo avvio dei fondi integrativi in modo da ampliare le opzioni del finanziamento del Ssn offrendo l opportunità della detassazione per coloro che scelgono opzioni di copertura privata a più ampio spettro. In questo contesto si può inserire anche una revisione degli attuali meccanismi di co- payment, passando dalla forma del ticket a quella della franchigia secondo modalità di attenta definizione al fine di non innescare iniquità nel sistema. Fonti consultate o raccomandate Camera dei Deputati. Il controllo della spesa sanitaria. Disponibile su: (Ultimo accesso: 28/04/2012) Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome (2011). Dossier di documentazione: La sanità nelle manovre dal 2005 al A cura della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome Settori Salute e Politiche sociali Corte dei Conti (2012). Audizione sul Disegno di legge di stabilità 2013 (A.C. 5534) (Commissioni Bilancio congiunte di Camera e Senato), 23 ottobre 2012 De Molli V (2011). Facts & Figures e Valore della Sanità. Atti del 6 Forum Meridiano Sanità (Cernobbio, Novembre 2011) De Molli V (2011). 10 anni di manovre in sanità: bilancio e riflessioni sul futuro. Atti del 6 Forum Meridiano Sanità (Cernobbio, Novembre 2011) Dipartimento del Tesoro. Presentazione del Documento di Economia e Finanza (DEF) Disponibile su: entazione_ppt_def.pdf (Ultimo accesso: 28/04//2012) Disegno di Legge n. 2814/2011. Relazione tecnica. Disegno di Legge n. 3396/2012. Relazione tecnica Economist Intelligence Unit (2011). The future of healthcare in Europe. Report of the Economist Intelligence Unit Giarda P (2011). Dinamica, struttura e governo della spesa pubblica: un rapporto preliminare. Quaderni dell Istituto di Economia e Finanza, Numero Settembre 2011; Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano Il Sole24Ore Sanità. La manovra economica è legge. Disponibile su: (Ultimo accesso: 28/04/2012) ISTAT (2012). Pil e indebitamento AP Anni Ministero dell Economia e delle Finanze (2011). La spesa dello Stato dall Unità d Italia Anni Ministero dell Economia e delle Finanze (2012). Le manovre di finanza pubblica del 2011.

10 Ministero dell Economia e delle Finanze. Relazione Generale sulla Situazione Economica del Paese. Vari anni. Ministero dell Economia e delle Finanze (2010). Quaderno della Sanità. Quaderni statistici e informativi N 4 Luglio 2010 OECD (2010a). Value for Money in Health Spending. OECD, Paris Ricciardi W (2011). La sanità italiana e la manovra finanziaria. Italian Health Policy Brief, Anno 1 Numero 1 Supplemento Speciale; AboutPharma Service Slr Milano ed. Scheggi M (2012). Il governo della spesa sanitaria Rigore ed equità. Disponibile su: Errore. Riferimento a collegamento ipertestuale non valido. (Ultimo accesso: 30/04/2012) Shengelia, B., C.J.L. Murray and O.B. Adams (2003). Beyond Access and Utilization: Defining and Measuring Health System Coverage. In: C.J.L. Murray and D.B. Evans, editors. Health Systems Performance Assessment: Debates, Methods, and Empiricism. Geneva, Switzerland: World Health Organization.

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Matteo Lippi Bruni Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Facoltà di Economia sede di Forlì matteo.lippibruni2@unibo.it Forlì,

Dettagli

Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds. A TUTTE LE STRUTTURE loro sedi. OGGETTO: Manovra sanitaria 2015/2017. Carissimi,

Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds. A TUTTE LE STRUTTURE loro sedi. OGGETTO: Manovra sanitaria 2015/2017. Carissimi, Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Politiche di Riforma delle Pubbliche Amministrazioni, di Cittadinanza Tutela e Promozione Solidarietà e Tutele Sociali Roma, 17 luglio 2015 Prot. 1524/ILT/ds

Dettagli

STUDIO PER ASSOLOMBARDA

STUDIO PER ASSOLOMBARDA STUDIO PER ASSOLOMBARDA SPESA SANITARIA E FARMACEUTICA E POLITICHE SU ACCESSO A FARMACI E DISPOSITIVI MEDICI IN REGIONE LOMBARDIA (EXECUTIVE SUMMARY) 1 Il presente studio ha come oggetto (i) un analisi

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

Prezzi di riferimento: confronto con Agenas

Prezzi di riferimento: confronto con Agenas Prezzi di riferimento: confronto con Agenas Il ruolo dell Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Laura Velardi Milano, 14 marzo 2013 L Agenas L Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

Life Sciences Industry: il futuro è oggi. I Dispositivi Medici Lo scenario italiano criticità e proposte

Life Sciences Industry: il futuro è oggi. I Dispositivi Medici Lo scenario italiano criticità e proposte Life Sciences Industry: il futuro è oggi I Dispositivi Medici Lo scenario italiano criticità e proposte Marco Campione Vice Presidente Elettromedicali Assobiomedica Presidente e Amministratore Delegato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale

Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Determinanti, modelli di diffusione e impatto di medical device cost saving nel Servizio Sanitario Nazionale Documento elaborato dall Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari Nell ambito

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI

LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI LA SOSTENIBILITÀ DEI SISTEMI SANITARI REGIONALI Il ruolo dei farmaci come strumento per il controllo della spesa sanitaria RAPPORTO DI SINTESI Febbraio 2010 Da anni il sistema sanitario pubblico italiano

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE

UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE UN SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE MODERNO, EQUO, SOSTENIBILE E UNIVERSALE - 1 - Il SSN è un valore per tutti gli italiani. Concorrere a migliorarlo continuamente è un impegno di tutti: Medici, Pazienti,

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sanità nel welfare che cambia Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sostenibilità del sistema Spesa pubblica per

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

La voce amministrativa in periodo di Spending Review. Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015

La voce amministrativa in periodo di Spending Review. Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015 La voce amministrativa in periodo di Spending Review Anna Flavia d Amelio Einaudi 10 giugno 2015 Welfare state Il Welfare State (o Stato Sociale) è un sistema di norme con il quale lo stato cerca di eliminare

Dettagli

La realtà del medico. Le realtà prospettiche in sanità

La realtà del medico. Le realtà prospettiche in sanità La realtà del medico Le realtà prospettiche in sanità VENETO Popolazione 4,928 milioni (31 lug 2014) MMG: 3.442 Media pazienti per MMG: 1.240 Fonte Ministero della Salute 2011 INDAGINE FIMMG 2014 MMG:

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Gli effetti del fiscal compact e del "freno al debito" sui livelli di Governo sub centrali. Germania, Spagna e Italia a confronto

Gli effetti del fiscal compact e del freno al debito sui livelli di Governo sub centrali. Germania, Spagna e Italia a confronto Gli effetti del fiscal compact e del "freno al debito" sui livelli di Governo sub centrali. Germania, Spagna e Italia a confronto Milano, 9 maggio 2014 IL CASO ITALIANO. IL LIVELLO DI GOVERNO REGIONALE

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE PROPOSTE DI SPENDING REVIEW E SOSTENIBILITÀ DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NOTA A CURA DELLA DIVISIONE SALUTE, ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO (OCSE), A SEGUITO DI RICHIESTA

Dettagli

III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO

III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO III. INDEBITAMENTO NETTO E DEBITO PUBBLICO III.1 L INDEBITAMENTO NETTO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Le previsioni di finanza pubblica presentate nell Aggiornamento del Programma di Stabilità del 2008

Dettagli

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive

SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive SEMINARIO: Armonizzazione dei sistemi contabili e di bilancio nella P.A.: riflessioni e prospettive INTERVENTO: La Riforma della contabilità delle amministrazioni pubbliche: le principali innovazioni e

Dettagli

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA

INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA INCONTRI RIFORMISTI 2012 SISTEMI SANITARI IN EUROPA Contributo di Claudio Garbelli La Commissione Europea ha recentemente proposto il Regolamento del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla istituzione

Dettagli

istituzione e costante aggiornamento del Prontuario Terapeutico Regionale (Decreto n. 9 del 13.2.2012);

istituzione e costante aggiornamento del Prontuario Terapeutico Regionale (Decreto n. 9 del 13.2.2012); Oggetto: Interventi per il contenimento della spesa farmaceutica ospedaliera e territoriale, dei dispositivi medici, dell assistenza integrativa e protesica. L Assessore riferisce che la Regione Sardegna

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE

www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE www.hcmschool.it APPROFONDIRE POTENZIARE APPLICARE Sviluppare competenze manageriali innovative per il mondo della Sanità Health Care Management School Il Sistema Sanitario rappresenta uno dei settori

Dettagli

COSTI STANDARD IN SANITA (04.07.13)

COSTI STANDARD IN SANITA (04.07.13) DIPARTIMENTO WELFARE E SALUTE Responsabile Dipartimento: FABIO RIZZI Referente Tecnico: FABRIZIO SPINNATO COSTI STANDARD IN SANITA (04.07.13) La Lega Nord ritiene che per coniugare l esigenza dell economicità

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Gruppo Tematico Sanità: Il valore della filiera della salute per l Italia e la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale

Gruppo Tematico Sanità: Il valore della filiera della salute per l Italia e la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale Gruppo Tematico Sanità: Il valore della filiera della salute per l Italia e la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale 20 M aggio 2015 La filiera della salute: un asset per lo sviluppo del Paese

Dettagli

Investire in Sanità, tra Sviluppo e Sostenibilità

Investire in Sanità, tra Sviluppo e Sostenibilità DOVE INVESTIRE PER L INNOVAZIONE IN SANITA Investire in Sanità, tra Sviluppo e Sostenibilità Prof. Giuseppe Turchetti, PhD, Fulbright Scolar g.turchetti@sssup.it Firenze, 14 maggio 2013 Agenda Situazione

Dettagli

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato

Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Dossier 2 Le retribuzioni dei dipendenti pubblici. Dinamiche e confronti con il settore privato Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Enrico Giovannini presso la Commissione Programmazione

Dettagli

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN

TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 976 TUTTI CONTRO LA LEGGE DI STABILITÀ DI RENZI E PADOAN 4 novembre2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 30 SETTEMBRE 2015

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 30 SETTEMBRE 2015 REPORT No. 22 dell 12 novembre 2015 INDICE DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 30 SETTEMBRE 2015 Premessa e definizione degli aggregati creditizi sottoposti a monitoraggio 1. Evoluzione

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

PRINCIPALI CONTENUTI DGR N.1169 DELL 8 SETTEMBRE 2015 MANOVRA SANITA 2015

PRINCIPALI CONTENUTI DGR N.1169 DELL 8 SETTEMBRE 2015 MANOVRA SANITA 2015 PRINCIPALI CONTENUTI DGR N.1169 DELL 8 SETTEMBRE 2015 MANOVRA SANITA 2015 BENI E SERVIZI Il testo del decreto legge n.78/2015 convertito con legge 6 agosto 2015, n.125 prevede che la spesa complessiva

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Spesa sanitaria privata outof-pocket e ruolo della sanità integrativa

Spesa sanitaria privata outof-pocket e ruolo della sanità integrativa Assicurazione e Management dei Rischi in Sanità Spesa sanitaria privata outof-pocket e ruolo della sanità integrativa Francesco Longo Carlo De Pietro francesco.longo@unibocconi.it carlo.depietro@unibocconi.it

Dettagli

Aumento Iva: un analisi degli effetti

Aumento Iva: un analisi degli effetti Aumento Iva: un analisi degli effetti SINTESI DELLO STUDIO REALIZZATO DA REF RICERCHE PER CENTROMARCA A partire dall ottobre 2012 potrebbe entrare in vigore l aumento di due punti percentuali dell aliquota

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Entrate Tributarie Internazionali

Entrate Tributarie Internazionali Entrate Tributarie Internazionali Luglio 2012 Ufficio 3 - Consuntivazione, previsione ed analisi delle entrate Numero 43 Settembre 2012 SOMMARIO Premessa... 3... 3 Imposta sul valore aggiunto... 4 Analisi

Dettagli

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 9 gennaio 2014 III trimestre 2013 CONTO ECONOMICO TRIMESTRALE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE Indebitamento, saldo primario, saldo corrente, entrate totali, uscite totali Nel terzo trimestre 2013 l indebitamento

Dettagli

1. Perché una Spending Review? 2. Obiettivi della Spending Review 3. EPR ed eccesso di spesa 4. Spending Review un anno dopo 5.

1. Perché una Spending Review? 2. Obiettivi della Spending Review 3. EPR ed eccesso di spesa 4. Spending Review un anno dopo 5. Daniela Preite 1 1. Perché una Spending Review? 2. Obiettivi della Spending Review 3. EPR ed eccesso di spesa 4. Spending Review un anno dopo 5. Effetti Spending Review 6. Quale prospettiva per la Spending

Dettagli

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011

I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 I PRINCIPALI INTERVENTI IN MATERIA FISCALE INTRODOTTI DALLA MANOVRA ECONOMICA APPROVATA IN VIA DEFINITIVA DAL PARLAMENTO IL 15 LUGLIO 2011 Servizio Politiche Fiscali UIL Il 15 luglio 2011 il Parlamento

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU6 06/02/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 30 dicembre 2013, n. 23-6990 Definizione criteri e modalita' per la determinazione dei volumi di attivita' e dei tetti di spesa per

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 Febbraio 2015 IL CAMPIONE DI COMUNI Il presente rapporto è stato redatto prendendo a riferimento i bilanci consuntivi

Dettagli

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO 26 marzo. 2013 MONITORAGGIO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO (legge n. 92/2012) Prime evidenze empiriche sulle forme contrattuali 1. INTRODUZIONE Il Ministero del Lavoro ha affidato all Isfol il compito

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI

Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI TAGLI Una efficiente lotta agli sprechi nella Pubblica Amministrazione A cura del Servizio Politiche Economiche e Finanziarie e del Pubblico Impiego PER LA QUALIFICAZIONE DELLA SPESA E UN OCULATA SCELTA DEI

Dettagli

Il Servizio Sanitario in Italia

Il Servizio Sanitario in Italia Il Servizio Sanitario in Italia Corso di Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche A.A. 2014/2015 Docente: Prof. Giuseppe Catalano 17/12/2014 A cura di: Silvia Danella Gemma Oranges Marco Salvatore

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

La spesa sanitaria regionale: il caso del Lazio. Prof. ordinario di Economia politica Facoltà di Economia

La spesa sanitaria regionale: il caso del Lazio. Prof. ordinario di Economia politica Facoltà di Economia La spesa sanitaria regionale: il caso del Lazio Giuseppe Garofalo a o Prof. ordinario di Economia politica Facoltà di Economia Università della Tuscia I tempi della politica sono molto brevi e schizofrenici

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

Innovazione é attrattività

Innovazione é attrattività Innovazione é attrattività Pierluigi Antonelli Chairman IAPG 1 Di cosa parliamo Lo scenario positività aree di miglioramento Il crinale Le misure a breve e a medio termine 2 Le positività Il Valore del

Dettagli

SANITÀ, COMMISSIONI CAMERA: TICKET PARAMETRATO A REDDITO. INCENTIVARE ASSICURAZIONI

SANITÀ, COMMISSIONI CAMERA: TICKET PARAMETRATO A REDDITO. INCENTIVARE ASSICURAZIONI SANITÀ, COMMISSIONI CAMERA: TICKET PARAMETRATO A REDDITO. INCENTIVARE ASSICURAZIONI Si va oltre la proposta Unipol-Censis ipotizzando il sostengo alla previdenza integrativa con forme di defiscalizzazione.

Dettagli

Lo stato della finanza pubblica in Italia

Lo stato della finanza pubblica in Italia di Angelo Giubileo. Lo stato della finanza pubblica in Italia Crisi produttiva e aumento del debito pubblico In ambito europeo, la situazione di crisi internazionale ha avuto forti ripercussioni sul rapporto

Dettagli

Ecco il nuovo testo della manovra sanità. Confermati tagli per 2,352 miliardi per il triennio 2015/2017. Domani alla Stato Regioni

Ecco il nuovo testo della manovra sanità. Confermati tagli per 2,352 miliardi per il triennio 2015/2017. Domani alla Stato Regioni Ecco il nuovo testo della manovra sanità. Confermati tagli per 2,352 miliardi per il triennio 2015/2017. Domani alla Stato Regioni Toccati beni e servizi, dispositivi medici, specialistica e riabilitazione,

Dettagli

Newsletter informa on line

Newsletter informa on line MARCHE Newsletter informa on line documentazione delle autonomie locali n 273 del 14 maggio 2014 anno III FASSINO DA PADOAN: SUBITO TAVOLO TECNICO DI CONFRONTO SU MODIFICHE CORRETTIVE AL DECRETO La convocazione

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2012 .. 1 1. Presentazione La Relazione sulla Performance 2012 riassume la valutazione annuale del Ciclo di gestione della performance. In particolare la Relazione è lo strumento

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili QUADERNO tecnico n.2 2015 dell edilizia n.3 2015 FUORI DAL TUNNEL primo identikit delle imprese edili sommario Introduzione p. 3 Le cartine di tornasole dell edilizia p. 4 I segnali positivi p. 5 Identikit

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2014 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DELL ESERCIZIO 2014 (VS ESERCIZIO 2013)*: RICAVI NETTI: 426,1 MILIONI DI

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema

Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Proiezioni macroeconomiche per l area dell euro formulate dagli esperti dell Eurosistema Sulla base delle informazioni disponibili al 20 novembre 2004, gli esperti dell Eurosistema hanno elaborato le proiezioni

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 TERNA: PRESENTATO IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL NUOVO FRAMEWORK REGOLATORIO, L ACQUISIZIONE DELLA RETE FS E L ULTERIORE EFFICIENZA DEI PROCESSI CONSENTONO UNA NUOVA POLITICA DEI DIVIDENDI Centrati i

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

La liberalizzazione dei servizi sanitari

La liberalizzazione dei servizi sanitari La liberalizzazione dei servizi sanitari INTRODURRE PRINCIPI E REGOLE ISPIRATE ALLA SUSSIDIARIETÀ PUÒ ESSERE DI GRANDE AIUTO NELL AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ ECONOMICA, POLITICA E SOCIALE DELLA GESTIONE

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl. di Massimo Lazzari (*) Turnaround Tecniche Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Ferrara ed il caso Sedie Italiane Srl di Massimo Lazzari (*) In questo sesto contributo verranno pubblicati i risultati di un osservatorio

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA ANALISI E PROPOSTE PER IL CONTENIMENTO DELLA SPESA SANITARIA E LA RICOSTITUZIONE DEL FONDO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA SINTESI PER LA STAMPA Intervento del Prof. Emilio Mortilla Presidente Ageing Society-Osservatorio

Dettagli

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622 PROGRAMMA CORSO MARKETING ED INNOVAZIONE NEL MERCATO FARMACEUTICO TITOLO RAZIONALE PRINCIPALI ARGOMENTI ORE Modulo 1 Modulo 2 Marketing strategico Marketing operativo Questo modulo introduce gli aspetti

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale

GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale Arezzo, Centro Affari e Convegni 28 novembre 1 dicembre 2007 II FORUM RISK MANAGEMENT IN SANITÀ GESTIONE DEL RISCHIO: tecnologia sanitaria e strategia globale C. Favaretti Presidente SIHTA Direttore Generale

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019

IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 IL GRUPPO ENEL PRESENTA IL PIANO STRATEGICO 2016-2019 Il nuovo piano si basa su quello presentato a marzo 2015, accelerando la creazione di valore nell ambito dei quattro principi fondamentali ed aggiungendone

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Andamento spesa sanitaria nazionale e regionale 2008-2014 Pubblichiamo l aggiornamento dei dati sulla spesa sanitaria nazionale e regionale relativi al periodo 2008-2014, con particolare attenzione alle

Dettagli

PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE. Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali

PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE. Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali LA RILEVAZIONE DEI DATI L indagine sulla situazione finanziaria

Dettagli

Camera dei Deputati 9 Senato della Repubblica

Camera dei Deputati 9 Senato della Repubblica Camera dei Deputati 9 Senato della Repubblica Determinazione e relazione della Sezione del controllo sugli enti sul risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria delle Fondazioni lirico-sinfoniche

Dettagli

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*)

Turnaround. Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia. di Massimo Lazzari (*) Tecniche Turnaround Turnaround e ritorno al valore: la provincia di Bologna ed il caso Alta Tecnologia Italiana SpA di Massimo Lazzari (*) Prosegue la serie di 10 contributi dedicati al turnaround come

Dettagli

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico

Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Consulenza statistico attuariale Osservatorio permanente socioeconomico Allegato n. 6 alla Circolare n 67/2015 Quadro macroeconomico 2016-2018 variazioni percentuali 2016 2017 2018 PIL 1,3 1,3 1,1 Inflazione

Dettagli

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA.

LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. LA SPESA PER REDDITI DA LAVORO DIPENDENTE: CONFRONTO TRA GERMANIA, FRANCIA, ITALIA, REGNO UNITO E SPAGNA. La spesa per redditi da lavoro dipendente rappresenta la remunerazione complessiva erogata ai propri

Dettagli

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015 Camera dei Deputati XI Commissione Lavoro pubblico e privato Audizione D.L. n. 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 giugno 2015 Premessa Il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA

II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II L EVOLUZIONE DELL ECONOMIA ITALIANA II.1 L Economia Italiana nel 2004 Gli Sviluppi Recenti Dopo la battuta d arresto avvenuta alla fine dell anno scorso, l economia italiana è tornata a crescere nel

Dettagli

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30

News > Italia > Economia - Venerdì 24 Gennaio 2014, 16:30 Non investire fa male alla salute Erika Becchi Il settore sanitario italiano si avvia verso il pareggio di bilancio, ma con un prezzo molto caro per la comunità, che può contare sempre meno su servizi

Dettagli

RELAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AL BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO ANNUALE 2015

RELAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AL BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO ANNUALE 2015 RELAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE AL BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO ANNUALE 2015 Il Bilancio Economico Preventivo 2015 dell Azienda è stato formulato in coerenza con la programmazione sanitaria ed economico

Dettagli