DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg"

Transcript

1 DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Pare Seconda: Offera, Sosenibilià e Impao Jan van der Borg Dicembre 2009

2 CAPITOLO 1: L OFFERTA TURISTICA 1.1 Offera urisica In prima approssimazione possiamo definire l offera urisica come l insieme di beni e servizi richiesi e consumai dal urisa. Quindi possiamo facilmene dedurre che l offera urisica dipende soprauo da un aena analisi della domanda. Una vacanza (prodoo urisico macro) può essere suddiviso in due caegorie di prodoi: 1. Prodoo primario: Risorse primarie ed arazioni; 2. Prodoo secondario: Riceivià; Traspori; Commercio; Risorani e bar. Sia il prodoo primario che quello secondario sono formai da prodoi urisici micro (riceivià, raspori,...), che aggregai danno luogo al prodoo urisico macro che può essere una vacanza o più semplicemene una gia. PRODOTTO TURISTICO PRIMARIO: sono ue quelle risorse che di fao divenano il moivo di viaggio del urisa e escursionisa. Vogliamo ricordare come i urisi generalmene scelgano le loro desinazioni in base al prodoo primario e non in base al prodoo secondario (es. si sceglie di andare a Corina d Ampezzo per la localià in sé, non per i negozi che vi sono preseni); opera un planner, cioè un pianificaore; il prodoo primario è sabile, difficilmene influenzabile ed unico (poco modificabile); ha le caraerisiche della unicià (Dolomii, Venezia), non riproducibilià (sono risorse scarse) e non vendibilià (spesso sono risorse pubbliche). PRODOTTO TURISTICO SECONDARIO: sono ui quei servizi necessari per rendere le risorse primarie flessibili: impiano di risalia, bar, risorani, alberghi, negozi,...; opera il mercao; la loro qualià dipende in pare dalle risorse primarie; quindi,in genere, l offera urisica è modificabile solo in ermini di prodoo secondario araverso, ad esempio, invesimeni mirai: è infai possibile incremenare il numero di alberghi o risorani, ma non si può incremenare il numero di laghi o di monagne. È evidene che quesa classificazione non è così nea come porebbe in apparenza sembrare; consideriamo alcuni esempi: se in una monagna viene agliao un bosco per cosruire una pisa da sci, si crea un prodoo secondario (perché la pisa da sci non è un prodoo unico) che rende la risorsa primaria (la monagna) fruibile per il consumo urisico; un esempio di risorsa primaria modificabile o riproducibile è il museo Guggenheim: è una risorsa unica e difficilissima da riprodurre, però è possibile farlo. Quesi due esempi cosiuiscono delle eccezioni alla regola perché quesi ipi di risorse sono gesibile privaamene. All inerno del prodoo secondario, poi, ci sono delle differenze collegae con l unicià del prodoo sesso, che fa si che le risorse secondarie possano divenare a loro vola delle arazioni (prodoo primario): un campo da golf, l Irish pub, l hoel Riz, la Locanda Cipriani,..

3 Per il prodoo secondario è possibile applicare le regole del modello neoclassico sia del consumaore che del produore, quindi è possibile applicare le leggi di mercao (vi è esclusione di chi non può pagare). Per il prodoo primario il mercao non sempre esise, e quindi spesso non è possibile applicare le regole del modello neoclassico, dao che in genere i beni appareneni a ale caegoria sono beni pubblici per i quali quindi manca il segnale del prezzo (es. per visiare Piazza San Marco non si deve pagare nulla). Proprio la mancanza di un prezzo rende possibile il verificarsi di una ensione ra la domanda, che ende ad essere infinia, e l offera che è limiaa: ed è qui che si rende necessario l inerveno di un planner. Il planner è un pianificaore, in genere pubblico, che araverso l uilizzo di deerminai srumeni gesisce e deermina la quanià di risorse da desinare alle aivià urisiche e decide come suddividere le risorse a disposizione ra prodoo primario e secondario; il planner rappresena una figura di primissima imporanza nel mondo urisico. L indusria urisica si occupa endenzialmene solo del prodoo secondario, essendo cosiuio da prodoi riproducibili e vendibili. Le principali caraerisiche dell offera urisica (modificabili solo come prodoo secondario) sono: prodoo composio: non è quindi un singolo prodoo ma un insieme di micro prodoi e servizi; unicià: prodoo legao al erriorio, si rova solo in quella desinazione => place produc; deperibilià: in quano ha una duraa limiaa. Se il prodoo non viene sfruao pienamene un giorno, il giorno dopo non si può vendere il doppio di quel sesso prodoo, quindi non si può immagazzinare => es. las minue: si cerca di vendere il più possibile per non buare via o sprecare l offera; prodoo viruale: è un prodoo ad alo conenuo informaivo, si acquisano aspeaive non beni concrei => experience good = qualià non valuabile a priori, ma i prodoi si basano sull esperienza. Andiamo ora ad analizzare le diverse forme di mercao che possono esisere per il prodoo secondario: monopolio: ale forma di mercao è caraerizzaa dalla presenza di pochissime imprese (in alcuni conesi anche una sola) le quali riescono a produrre un prodoo unico; in queso caso esse gesiscono il prezzo come meglio credono (es. alcuni alberghi siuai in luoghi paricolari); oligopolio: quesa forma di mercao è caraerizzaa da un elevao numero di consumaori e da un basso numero di imprese; i prezzi applicai sono generalmene più elevai di quelli di concorrenza perfea (es. alberghi); concorrenza monopolisica: caraerizzaa dalla presenza di moli consumaori e da mole imprese; nel breve periodo ende ad assumere le forme del monopolio, dao che ci sono moli segmeni di mercao in ognuno dei quali c è un unica impresa, menre nel lungo periodo ende ad assumere i caraeri della concorrenza in quano si va verso la creazione di un unico segmeno di mercao (es. pizzerie, risorani ipici,..); concorrenza perfea: forma di mercao caraerizzaa dalla presenza di un elevao numero di consumaori e di produori, dove il prezzo si crea dall inconro ra la domanda e l offera; le differenze di qualià sono minime, i diversi produori si fanno concorrenza sul prezzo e non esisono barriere all ingresso nel mercao (es. negozi di souvenir, bar, ). Gli alberghi si rovano in siuazione di oligopolio o addiriura di monopolio perché queso ipo di riceivià è legaa più di alre alle risorse primarie (basi pensare agli alberghi preseni in Piazza San Marco) e perché, anche se in misura minore, spesso ci sono dei vincoli di naura giuridica e/o urbanisica (es. i piani errioriali o seoriali che regolano la disribuzione delle aivià economiche). Da qui si desume una caraerisica molo imporane delle risorse secondarie: il loro poere di mercao dipende dalle risorse primarie a cui esse sono collegae: è facile inuire come un

4 albergo bellissimo siuao nel mezzo del desero avrà sicuramene prezzi più bassi di un albergo di scarsa qualià siuao in Piazza San Marco. Nasce così il monopolio errioriale. 1.2 Indusria urisica Si può in generale dire che l indusria urisica è l insieme delle aziende che si occupano del prodoo urisico secondario (perché vendibile e riproducibile). Doveroso fare subio una eccezione, in quano esisono aziende che si occupano anche del prodoo primario quali, per esempio i parchi naurali e emaici. Per servizi urisici banali s inende ui quei servizi erogai da imprese dello sesso ipo che si rova nella sessa localià (es: bar, negozi souvenir). Esempi di prodoi urisici non banalià sono invece i musei o gli impiani di risalia. Più banale è il servizio offero, più ci si avvicina alla perfezione del mercao; in quano non esise il poere da pare di quel seore di influenzare il prezzo => si va verso una siuazione di concorrenza perfea. Meno banale è il servizio offero, più ci si allonana dal mercao perfeo; esise quindi il poere di influenzare il prezzo => monopolio. Gli effei misurai grazie alle aziende sono l occupazione e il faurao. Un erronea definizione dell indusria urisica, può quindi porare a un incapacià di calcolare l impao urisico. Resando quindi, sempre nell ambio del prodoo urisico secondario, esisono principalmene due meodi (approcci) per cercare di dare una definizione di indusria urisica: un approccio da offera, poco preciso veloce e poco cososo, e un approccio da domanda, che è più cososo e più preciso. Approccio da offera Cercare di idenificare l indusria urisica con ale approccio consise nel considerare ue le aivià imprendioriali, pubbliche e privae, che direamene raano con il urisa; a ale proposio possiamo includere: aivià di riceivià (posi leo, pensioni, alberghi,..); inermediari (our operaor, agenzie viaggi,..); aivià di promozione (eni locali, consorzi,..); aivià di raspori pubblici (locali, regionali, nazionali, inernazionali, su srada, via mare, via aerea,..) e privae (auomobili, ); aivià di commercio (souvenir, abbigliameno, prodoi ipici,..); aivià di risorazione; aivià di diverimeno (impiani sporivi, parchi giochi,..); aivià di culura e speacolo (cinema, eari,..); aivià legae alla sicurezza (vigilanza, ); servizi saniari ed ospedalieri; guide e servizi accessori (ransfer, pose, ). E facilmene inuibile come si possa allargare o meno il seore dell indusria urisica a seconda della percezione di quali aivià vengono comprese o meno. Approccio da domanda In queso caso, conrariamene a quano fao prima, ci si pone dalla pare dei urisi: non si va a vedere quali imprese raano con il urisa, ma si va a vedere ciò che viene effeivamene consumao dal urisa. Generalmene queso approccio viene eseguio con dei quesionari sooposi ai urisi preseni in una cera localià: chiedendo loro quali sono i beni e servizi che acquisano durane la loro vacanze si possono individuare quali aivià rienrano nell indusria urisica di

5 quella localià. Con ale modalià vengono incluse anche aivià che non sono ipicamene considerae come aivià urisiche, quali benzinai, panifici, abaccai, aziende agricole, In queso caso, quindi, la lisa è più precisa e comprende più aivià di quelle comprese con l approccio da offera; con l aiuo di ale analisi (approccio da domanda) si possono quindi individuare le aivià imprendioriali ufficialmene riconosciue dagli isiui di saisica nazionali che vanno incluse nel seore urisico. A queso puno però sorge un problema: bisogna chiederci cioè, se è giuso includere ra le aivià appareneni all indusria urisica ue le aivià presso le quali i urisi effeuano degli acquisi o solo quelle dove i urisi rappresenano la percenuale maggiore delle proprie enrae. Si può discuere, ad esempio, se un benzinaio siuao in una localià balneare possa essere incluso nell indusria urisica dao che durane il periodo esivo rifornisce di benzina anche i urisi. Per risolvere ale problema si può sabilire che solo le imprese in cui il faurao proveniene dalle vendie di beni e servizi ai urisi supera una cera soglia possano far pare dell indusria urisica; ovviamene noiamo come più elevaa è ale soglia è più i risulai dei due differeni approcci si avvicinano, menre più bassa è la soglia e più aivià vengono incluse nell indusria urisica. APPROCCIO DA OFFERTA APPROCCIO DA DOMANDA VANTAGGI o semplice individuare chi fa pare dell indusria urisica; o non avviene un analisi empirica; o non è cososo; o meodo veloce o meodo più preciso; o analisi empirica/ sondaggi; o coinvole più aivià imprendioriali. SVANTAGGI o poca precisione. o cososo. 1.3 L occupazione urisica Dal puno di visa occupazionale possiamo disinguere ra quoa di occupazione direa e quoa di occupazione indirea più quoa di occupazione indoa. L occupazione direa fa riferimeno a coloro che lavorano presso le imprese che hanno come oggeo un aivià urisica, cioè presso quelle imprese in cui uo il personale è impiegao per fornire beni e servizi direamene ai urisi (es. lo saff di un albergo). L occupazione direa più quella indirea, invece, fa riferimeno a coloro che lavorano presso le imprese che forniscono l aivià urisica, cioè gli occupai delle imprese che forniscono beni e servizi alle aziende urisiche. Quella indoa, infine, è l occupazione nelle aziende che producono per quelli che di urismo vivono. 1.4 Elemeni del prodoo urisico Abbiamo già viso come il prodoo urisico possa essere disino in prodoo primario e prodoo secondario; allarghiamo ora la nosra visione del prodoo urisico che una desinazione può offrire considerandolo come composo da cinque elemeni: prodoo primario; prodoo secondario; immagine;

6 accessibilià eserna; accessibilià inerna. Dei primi due componeni abbiamo già deo in precedenza, cominciamo ora ad analizzare gli alri re elemeni. Immagine. L immagine di una localià (regione, sao, cià,...) è un qualche cosa di viruale, è ciò che le persone si immaginano pensando a quella localià: l immagine di una cià è daa dalla percezione che le persone hanno di quella cià (Venezia gondola, Milano Duomo, Parigi Tour Eiffel, ). E ciò che spinge e che deermina il comporameno del urisa. L immagine si basa indireamene sul prodoo primario, od una sua pare, che viene esremizzao e che funge da pubblicià per la localià sessa: si raa di luoghi comuni legai ad una pare unica del prodoo primario, in genere sono dei simboli, che vengono rafforzai dalla pubblicià. E molo imporane far noare che è difficilissimo cambiare l immagine di una localià; per cambiare l immagine di una cià o per crearne una, la cià deve invenare nuovi simboli o iconi (come ha fao Bilbao con il museo Guggenheim), deve organizzare ceri eveni (come ha fao Cannes con il fesival del cinema), o araverso la pubblicià. Da non soovaluare il fao che l immagine di un Paese, può cambiare dopo la visia (in senso posiivo o negaivo). Possono essere i simboli di cià anche beni gasronomici, il vino (Bardolino), le ore (la cassaa siciliana). Di solio quesi simboli sono rafforzai dalla pubblicià. Alcune cià non possiedono un immagine perché non sono riuscie a svilupparne una: cià come Genova, Mesre, Torino,.. devono crearsi un immagine dal nulla, il ché è molo difficile. Accessibilià eserna. L accessibilià eserna rappresena la facilià di raggiungere una desinazione dal reso del mondo: essa, quindi, dipende principalmene dalla presenza di infrasruure legae ai raspori, come la presenza di aeropori, sazioni ferroviarie, auosrade,. E inuibile come l accessibilià eserna della cià di Londra è sicuramene maggiore dell accessibilià eserna di Corina d Ampezzo. L accessibilià eserna si può migliorare araverso invesimeni in infrasruure (raforo Monebianco, Malpensa 2000). Accessibilià inerna. Essa è rappresenaa dalla facilià di raggiungere le arazioni e i prodoi secondari una vola che ci si rova all inerno del prodoo urisico, cioè una vola che si è raggiuna la localià mea delle nosre vacanze (es. la facilià di rovare l hoel o il monumeno dove si è prenoao una vola giuni a Venezia). Dipende da: raspori inerni, parcheggi, segnaleica, convenzioni (es.: Venice Card), sicurezza, illuminazione, orari aperura, iinerari emaici... L accessibilià inerna è un elemeno fondamenale per lo sviluppo urisico di una localià, poiché può rappresenare quel qualcosa in più di una localià nei confroni delle alre. Oggigiorno rappresena uno dei principali problemi per le cià indusriali in cerco di diversificazione dell economia. Alcune cià sono divenae da poco desinazioni urisiche e non hanno la culura urisica alle spalle (es.: Roerdam), perciò molo spesso invesono di più nel prodoo urisico primario, che nell accessibilià. C è inolre una sora di insensibilià da pare dei resideni del problema dell accessibilià inerna, in quano loro conoscendo bene la cià, non riescono a vedere le mancanze che invece gli occhi dei urisi scorgono. Facciamo ora un esempio per cercare di capire meglio le diverse caraerisiche degli elemeni che compongono il prodoo urisico, considerando la cià di Genova:

7 il prodoo primario è cosiuio dal cenro sorico, abbasanza vivibile ed araene, dall area del poro vecchio, compleamene rifaa in occasione dell Expo 92 (comprendene l acquario e il cenro congressi), e dal salone nauico siuao perifericamene rispeo alle arazioni cenrali; il simbolo della cià è la lanerna, ma, esclusi i genovesi, poche persone conoscono ale simbolo e quando si pensa alla cià ligure non si associa niene di preciso oppure si associano immagini diverse. Apparenemene il prodoo primario offre alcuni spuni per lo sviluppo, in realà, però, manca un vero e proprio legame ra il cenro sorico e il poro vecchio: la conseguenza è che le due zone si sviluppano separaamene e la cià offre due prodoi separai che, da soli, non dispongono di una massa criica sufficiene per ararre urisi pernoani. Il moivo della mancanza di un collegameno ra il cenro sorico e la zona del poro vecchio risiede nel fao che ques ulima è una zona socialmene molo degradaa, con grossi problemi per la sicurezza delle persone (è molo pericoloso uscire la sera nella zona del poro vecchio). A Genova, quindi, si assise ad un passaggio giornaliero di urisi (escursionisi) che visiano ad esempio- la mosra, l acquario, e poi ornano a casa senza pernoare nella cià. Queso ipo di problemi non sono preseni solano nelle cià indusriali, cioè quelle non abiuae al urismo, ma anche nelle cià urisiche per eccellenza: a Venezia, per esempio, c è un eccessiva pressione urisica che compromee l accessibilià inerna, si verifica, cioè, un problema di rouing (un problema legao alla circolazione e alla segnaleica). Prendiamo in considerazione brevemene l argomeno relaivo alla segnaleica, componene fondamenale per deerminare la qualià dell accessibilià inerna. La segnaleica può essere disina in due caegorie: =>la segnaleica radizionale, cosiuia dalla comune segnaleica sradale e dalle mappe urisiche; =>la segnaleica inelligene, cosiuia dalle posazioni oem (le colonnine) con le quali si assise ad un informazione ineraiva ra urisa e oem, dai pannelli che mosrano i percorsi alernaivi con indicazioni in empo reale, dalle biciclee a disposizione per i urisi fino ai più moderni sisemi quali lo Swach Access inrodoo, ad esempio, a Salisburgo. 1.5 Comporameno localizzaivo dell indusria urisica Abbiamo già avuo modo di capire come l indusria urisica si occupi fondamenalmene del prodoo secondario; cerchiamo ora di capire qual è la logica che spinge le imprese urisiche a localizzarsi in ceri posi piuoso che in alri. Innanziuo dobbiamo disinguere i principali compari dell indusria urisica, cioè quegli aggregai di aivià che si occupano di una pare del prodoo secondario; ali aivià sono: 1. Riceivià: alberghi, pensioni, 2. Caering: risorani, bar, pizzerie, 3. Traspori 4. Diverimeno: discoeche, parchi emaici, musei e ue quelle arazioni che non rienrano nelle risorse primarie. 5. Inermediazione: our operaor, agenzie di viaggio, 6. Commercio: shopping, negozi di souvenir, Ogni specifico comparo dell indusria urisica si compora in modo paricolare per la ricerca della localizzazione oimale, e nel farlo prende in considerazione diversi faori orienaivi (cioè faori che airano le imprese urisiche) che sono: a) domanda urisica: mole imprese si localizzano dove è più presene la domanda di urismo;

8 b) offera urisica: per alcune imprese, invece, è imporane localizzarsi vicino ad alre imprese urisiche; c) agevolazioni fiscali e vincoli legislaivi: le imprese si possono localizzare dove ci sono agevolazioni fiscali o in luoghi dove i vincoli legislaivi e burocraici siano minori; d) accessibilià inerna - eserna: in genere i luoghi più accessibili sono quelli che araggono maggiormene l indusria urisica; e) arazioni: anche quando non esise una domanda urisica, le imprese possono localizzarsi nei luoghi dove ci sono delle arazioni che possono essere sfruae urisicamene; f) popolazione residene e imprese locali: l indusria urisica non fornisce solo il urisa ma anche le imprese locali e i resideni (es. i risorani servono ano i urisi quano i resideni, gli alberghi possono servire ano i urisi quano le imprese,..). La marice di seguio mee in relazione le diverse aivià con i faori che orienano un impresa a localizzarsi in un luogo invece che in un alro. E logico che per esempio la riceivià avrà un rapporo molo posiivo con il faore domanda, cioè le sruure riceive si posizionano dove c è ovviamene domanda di urismo, e al conrario, avrà un legame negaivo o nullo con il faore popolazione. Faori orienaivi=> Domanda Offera Compari Agevolazioni Accessibilià Arazioni Resideni e imprese Riceivià / Caering Traspori Diverimeno Inermediazione 0/ Commercio Fone: PRS, Regione Veneo, 1990 Dopo aver esaminao aenamene la marice cerchiamo di capire perché è imporane capire l aeggiameno localizzaivo dell indusria urisica. Cercare di capire ale logica serve per perseguire principalmene due obieivi: il primo obieivo consise nel fao che capire la logica localizzaiva dell indusria urisica ci aiua a perseguire meglio la mission del nosro corso: infai capire quello di cui hanno bisogno le imprese urisiche è uile al fine di individuare delle poliiche pubbliche che mirino ad aumenare il reddio e l occupazione. In queso caso si fa riferimeno principalmene al comparo riceivo, quello maggiormene in grado di aumenare il reddio e l occupazione locale. Un secondo obieivo che può essere perseguio è quello di far nascere dei disrei urisici, cioè delle concenrazioni di imprese ra loro funzionali operani nel campo urisico, i quali sviluppano un noevole indoo che può incremenare il reddio e l occupazione di una cera area geografica. La possibilià di creare disrei urisici la noiamo nella seconda colonna della marice (quella relaiva all offera): infai i compari della riceivià, del caering e del commercio possono creare un disreo urisico anche se alla base ci deve sempre essere un prodoo primario sufficienemene araivo per ineressare una massa di urisi.

9 Un ulima considerazione può essere effeuaa sulla scarsa imporanza, che risula dalla marice, del faore orienaivo accessibilià inerna/eserna. L accessibilià non è un faore orienaivo molo imporane perché essa dipende principalmene dalla capacià organizzaiva e non ano dalla presenza di srade, aeropori,.. Tale accessibilià viene valuaa dal urisa, quindi assume grande imporanza quando si considera la localizzazione della domanda urisica (cioè è un faore decisionale per il urisa), ma risula essere meno imporane quando si considera l offera (cioè quello che siamo facendo in queso capiolo): in genere è raramene l indusria urisica che si preoccupa di creare una buona accessibilià, ma è un compio che spea lasciao soliamene planner. 1.6 Modello neoclassico dell indusria urisica Dopo aver analizzao il modello neoclassico del consumo, abbiamo viso che esso risula di difficile applicazione alla realà dei consumaori urisi; lo sesso discorso può essere fao per le imprese urisiche, dao che solo alcune di esse si avvicinano alla logica neoclassica e più precisamene quelle imprese che offrono un prodoo o servizio banale (es. bar, risorani,..). Le caraerisiche della logica neoclassica per l imprendiore sono quelle previse per il mercao di concorrenza perfea: elevao numero di imprese; omogeneià dei prodoi => non esisono differenze di qualià nei prodoi; assenza di barriere all enraa; prezzo deerminao dal mercao => quindi le imprese nel modello neoclassico sono dei price akers ; profii nulli; razionalià del produore => egli si compora sempre in modo da massimizzare il profio; rasparenza del mercao => il produore è sempre perfeamene a conoscenza di ui i possibili inpu e di come reperirli al prezzo migliore. Se volessimo schemaizzare in modo molo semplice il modello neoclassico per l imprendiore uilizzeremmo quese due equazioni: MaxΠ = pq CT dove Π = profio, pq = ricavi di vendia (prezzo quanià) e CT = cosi oali CT = CF + CV dove CF = cosi fissi e CV = cosi variabili Non essendoci per il prodoo urisico primario un mercao, abbiamo già noao come l indusria urisica si occupa solo del prodoo secondario: all inerno delle imprese che si occupano del prodoo secondario, alcune si avvicinano alla logica neoclassica. Quese sono quelle imprese che offrono un prodoo o servizio banale, quali pizzerie, bar, risorani,.. le quali offrono prodoi più o meno omogenei, sono in numero elevao, non presenano paricolari barriere all enraa nel mercao, operano in un mercao di quasi concorrenza perfea dove il prezzo è fao più o meno dal mercao. Consideriamo i due principali faori produivi del modello neoclassico: il lavoro e il capiale. Nel breve periodo l imprendiore ha un vincolo (alla sua funzione di produzione) rappresenao dal capiale, che è dao, menre il faore produivo lavoro non rappresena un vincolo in quano esso può essere incremenao anche nel breve periodo.

10 Nel lungo periodo, invece, l imprendiore neoclassico non ha alcun vincolo in quano egli può aumenare lo sock di capiali. Andiamo a vedere ora quali sono le leve su cui può punare l imprendiore nel breve periodo per incremenare i profii; egli può agire sui cosi variabili o sul prezzo: nel breve periodo l imprendiore può giocare sul prezzo, con un margine molo piccolo, ma nel lungo periodo anche le alre imprese si adaeranno e così il prezzo riornerà ad essere dao dal mercao (inconro ra la domanda e l offera); l imprendiore nel breve periodo può agire anche sui cosi variabili, riducendoli con un aumeno della produivià, cioè rendendo più efficiene il processo produivo: enendo in considerazione che il progresso ecnico è possibile solo nel lungo periodo, così come un incremeno dello sock di capiali, l unico modo di aumenare l efficienza del processo produivo consise nell aumenare la produivià del faore lavoro (per es. ramie una riorganizzazione della sruura del personale). La riduzione dei cosi variabili fa aumenare il profio dell imprendiore: a queso puno c è spazio per diminuire i prezzi e ciò fa si che nel lungo periodo le alre imprese si adeguino riducendo anch esse i prezzi e compora l uscia dal mercao da pare delle imprese meno efficieni. Nel lungo periodo, uavia, possono enrare nel mercao nuove imprese con nuovi e più efficieni processi produivi, le quali cominceranno con il diminuire i prezzi e il circolo appena viso si ripeerà. Abbiamo deo che solo le imprese urisiche che offrono prodoi o servizi banali si comporano più o meno secondo il modello neoclassico, ma per le imprese che offrono prodoi o servizi non banali si presenano varie forme di mercao come il monopolio, oligopolio e concorrenza monopolisica. La principale differenza di quese forme di mercao rispeo al mercao di concorrenza perfea risiede nel fao che in quesi mercai il prezzo non viene deciso dall inconro ra la domanda e l offera ( price akers ), bensì viene deciso dalle imprese sesse, che operano come dei price makers. Nell indusria urisica sono molo frequeni i mercai di monopolio o di oligopolio in quano esise un fore legame ra le risorse primarie e coloro che le sfruano (basi pensare, per esempio, ad un museo che opera sempre in condizioni di monopolio o all albergo veneziano); nasce così il monopolio errioriale. 1.7 Sisema locale di offera urisica: disreo urisico e desinaion managemen Abbiamo già precedenemene inrodoo il conceo di disreo urisico : un area geografica nella quale operano più aziende urisiche legae ra loro da rappori funzionali. Il conceo di disreo urisico pare dalla presenza di una risorsa primaria, unica, esclusiva, legaa alle caraerisiche del erriorio: il prodoo urisico è un place produc. Alcuni esempi di rappori funzionali ra i diversi ipi di aziende urisiche si possono avere: quando gli alberghi sprovvisi di risorane proprio sipulano una convenzione con uno o più risorani della zona per fornire la cena ai propri clieni; quando ci sono alberghi che operano in prossimià o addiriura all inerno dei parchi di diverimeno; quando ci sono alberghi che offrono delle lezioni di sci ai propri clieni in collaborazione con qualche scuola di sci; quando l albergo isiuisce un servizio ransfer da e per l aeroporo;

11 Un disreo urisico nasce con l insediarsi delle prime imprese urisiche, generalmene le sruure riceive, in prossimià di una risorsa primaria (es. un albergo in prossimià di una vallaa alpina); successivamene cominciano ad insediarsi anche le aziende di rasporo inerno (es. una funivia per rasporare le persone da valle alla vea) e più in generale quelle aziende che creano l accessibilià, cioè che rendono più accessibile il nuovo disreo; infine si insaurano le aziende di commercio, di caering, di diverimeno, Tuavia, è possibile parlare di disreo urisico solo dopo che si sono insaurai i rappori funzionali ra le imprese preseni: fino a che ci sono solo le sruure riceive iniziali in prossimià della risorsa primaria non si può ancora parlare di disreo urisico. E necessario inolre, inrodurre il conceo di cluser, un insieme di oggei o soggei che non sono necessariamene vicini erriorialmene (es.: aivià economiche inerdipendeni che rendono fruibili una cera localià) ma funzionalmene legai ra loro. I principali cluser, che cosiuiscono imporani foni di reddio per le economie locali sono: - logisico: Roerdam,Olanda; - ambienale: Sydney, Ausralia; - culurale: Barcellona, Spagna; - saniario: Lione, Francia e Vienna, Ausria. Alcune cià hanno fao del cluser un modello di sviluppo (es: cluser nell aivià economica rappresena per l economia un moore per la crescia economica locale => Lione con esporazione dei servizi saniari). Esisono più disrei urisici e meno cluser perché: o la legge quadro sul urismo è legaa ai disrei; o poche imprese nascono dove ci sono alre imprese; o in Ialia è difficile rovare ree d imprese che lavorano insieme: bisognerebbe saper creare un sisema di cluser dove pubblico e privao lavorano insieme. E imporane far noare come non sempre gli imprendiori urisici preseni in una sessa area geografica sfruano appieno quesi rappori funzionali, anzi, alle vole essi non vengono neppure posi in essere ra ali imprendiori. Poiché dalla collaborazione ra gli imprendiori si possono oenere noevoli incremeni nella qualià del prodoo urisico nel suo complesso (primario, secondario, immagine, ), e da ciò si possono oenere degli incremeni nel reddio e nell occupazione locale, si è sviluppao un nuovo conceo nelle poliiche urisiche: il desinaion managemen. Il sisema urisico è cosiuio da migliaia di imprendiori che raramene hanno la volonà o la capacià di collaborare ra loro, ed è quindi per queso moivo che si rende necessaria la figura di un caalizzaore, il desinaion manager. Menre la vecchia poliica urisica locale si occupava principalmene di promozione (con le APT), oggi con il desinaion managemen si cerca di far azionare quelle relazioni funzionali che possono esisere all inerno di un sisema urisico. Il desinaion managemen pare dal conceo di sisema urisico e si preoccupa di garanire la qualià dei cinque faori che cosiuiscono il prodoo urisico: prodoo primario, prodoo secondario, immagine, accessibilià eserna ed inerna. Analizziamo il sisema locale di offera urisica della regione Veneo. Esisono principalmene cinque ipi di disrei urisici nella regione, collegai con le diverse risorse primarie a disposizione: monagna (Dolomii), mare, laghi, erme (Abano, Monegroo) e le cià d are (Venezia, Padova, Vicenza, Treviso, Verona). Tui quesi sono sisemi urisici mauri, cioè lo sono ormai da decenni, e quindi necessiano di una paricolare poliica urisica cenraa su due puni:

12 1. la programmazione dei flussi: nei sisemi urisici mauri si assise ad un elevao asso di sagionalià dei flussi di visiaori, quindi si deve cercare di desagionalizzare; 2. la riqualificazione dell offera urisica: si deve migliorare l accessibilià inerna ed eserna di ali disrei urisici e si deve riqualificare il prodoo secondario. Nella regione Veneo esisono alri poenziali disrei urisici olre a quelli già esiseni, quali la zona del dela del Po, per la quale è necessario invesire in accessibilià inerna, e la zona del cenro Veneo, per la quale si deve aumenare i collegameni con gli alri disrei urisici esiseni ed incremenare gli invesimeni in riceivià. Un alro disreo urisico molo rilevane è quello creaosi con l Esagono: progeo che promuove la visia delle sei cià murae (Asolo, Bassano del Grappa, Caselfranco Veneo, Ciadella, Marosica e Possagno) araverso are, radizione e iinerari nauralisici. Parendo dal fao che ogni disreo ha una propria APT, i vanaggi di averne diverse nel veneo sono: diversificazione dei beni e specializzazione (Ap mare, Ap laghi...); si evia la frammenazione delle foni finanziarie; si evia la concorrenza; coerenze e omogeneià dell offera pubbliciaria: risparmio.

13 CAPITOLO 2: LE RISORSE TURISTICHE PRIMARIE Uno degli obieivi di queso corso è quello di individuare l oimale uilizzo delle risorse urisiche primarie, essendo loro il cuore del urismo, in quano senza di esse non ci sarebbe il moivo della visia e quindi non esiserebbe il urismo. Ma per procedere in quesa direzione dobbiamo innanziuo descrivere le loro principali caraerisiche: scarsià assolua: la quanià delle risorse primarie è fissa; non riproducibilià: le risorse primarie non sono riproducibili, quindi sono uniche e sono legae al erriorio in cui nascono; non vendibilià: per le risorse primarie urisiche non esise un mercao in quano sono beni pubblici e quindi non esise un prezzo. La mancanza del mercao rende impossibile la deerminazione delle risorse primarie a disposizione e quindi le quanià oimali che possono essere consumae. Un uilizzo non oimale di quese risorse porerebbe ad un sovra-uilizzo o soo-uilizzo delle risorse sesse. Lasciando da pare quindi la eoria neoclassica, per individuare le giuse quanià uilizzabili dobbiamo uilizzare alri meodi di gesione delle risorse. Un uilizzo produivo delle risorse, infai, compora che la cessione dei servizi prodoi dalle risorse sesse avvenga conro il pagameno di un prezzo, il quale rappresena il valore di scambio della risorsa sessa. Un uilizzo improduivo o conservaivo consene, invece, di simare solamene il valore d uso della risorsa, ossia il beneficio, in ermini di uilià relaiva, che ciascun uene si aspea di ricavare dal consumo di una cera quanià della risorsa. Possiamo quindi noare che il valore di scambio si riferisce all uilià e alla scarsià del bene, menre il valore d uso esprime solo l uilià del bene. A noi ineressa concenrarsi sul valore d uso, in quano non è possibile oenere un valore di scambio non essendoci il mercao. Per deerminare il valore d uso delle risorse urisiche si uilizza il conceo di disponibilià a pagare (willingness o pay): essa rappresena quano il consumaore è disposo a pagare per poer disporre di una cera quanià del bene, piuoso che non disporne affao. Tale conceo, deo anche prezzo ombra, comprende sia il prezzo effeivamene pagao, sia l evenuale quoa aggiuniva che l acquirene avrebbe comunque versao pur di poer disporre del bene. VALORE D USO/DISPONIBILITA A PAGARE/PREZZO OMBRA = P pagao + quoa disposi a pagare pur d avere il bene. Il prezzo della risorsa urisica dipende dall affluenza e dalla spesa di manenimeno di quel dao bene. Il ragionameno poso alla base del prezzo ombra (shadow price) è quello secondo il quale, dao che non esise un prezzo di mercao, bisogna cercare di rovare un prezzo che rispecchi il valore della risorsa (in queso caso il valore d uso). Se il prezzo effeivo è minore del valore d uso, ciò che saremmo disposi a pagare, ci roviamo davani ad un rischio di sovra-uilizzo. Per individuare il prezzo ombra (valore d suo) esisono due ipi di meodi: i meodi direi e i meodi indirei. 2.1 Meodi direi di valuazione dello shadow price In queso caso il meodo direo consise in un quesionario: si chiede ai poenziali consumaori quale è la loro disponibilià a pagare per poer usufruire di una paricolare risorsa urisica. Quesa modalià di valuazione della willingness o pay compora re paricolari problemi:

14 1. roppo soggeiva, in quano dipende dai gusi, dalla disponibilià; 2. ponendo delle domande così diree circa le risorse si è consaao che la gene ende a sopravaluare la propria disponibilià a pagare (es. la gene può dire di essere disposa a pagare una cera cifra per avere le srade più pulie, ma quando il Comune impone una nuova assa del medesimo imporo la gene non è felice di pagarla); 3. mole vole le domande sono riferie a localià urisiche sconosciue (il urismo infai è un experience good). Per risolvere ali problemi si può uilizzare la meodologia del confrono a coppie. Se, ad esempio, volessimo sapere qual è la desinazione urisica preferia da un cero gruppo di persone poremmo agire in queso modo: inizialmene si effeua un confrono ra localià con diverse risorse: a) preferisce il mare o la monagna? b) Preferisce il mare o la cià d are? c) Preferisce la monagna o la cià d are? Successivamene si passa ad un confrono ra localià con le medesime risorse (es. ra re localià balneari): a) preferisce andare a Jesolo o a Rimini? b) Preferisce andare a Rimini o ad Ibiza? c) Preferisce andare ad Ibiza o a Jesolo? Solo dopo aver ordinao la gerarchia delle risorse con ui quesi confroni a coppie possiamo cominciare a porre domande più diree: es. quano è disposo a pagare per andare a Jesolo? Una cosa molo imporane da far noare che in quesi ipi di quesionari non sempre vale la regola della ransiivià, cioè se la localià A (mare) è preferia alla localià B (monagna) e la localià B (monagna) è preferia alla localià C (cià d are) allora non è deo che auomaicamene la localià A (mare) sia anche preferia rispeo alla localià C (cià d are). I principali difei di queso meodo sono re: la componene soggeiva è roppo elevaa, in quano più grande è il campione di riferimeno, più elevaa sarà la differenza di guso; esisono dei problemi di campionameno: queso ipo di inervisa deve essere effeuaa a poenziali clieni menre sono a casa non quando sono in vacanza, quindi dovremmo individuare un campione di persone resideni che possano rappresenare poenziali urisi per una cera risorsa (il che è molo difficile); rimane il problema delle mee sconosciue: come è possibile esprimere un giudizio su di una localià se non la si conosce? E facile capire, quindi, come i meodi direi siano molo complessi e molo cososi e, di conseguenza, anche poco uilizzai; generalmene si preferisce uilizzare i meodi indirei. 2.2 Meodi indirei di valuazione dello shadow price I meodi indirei di valuazione dello shadow price si caraerizzano per il enaivo di derivare il valore d uso delle risorse urisiche da alcuni fenomeni ad esse sreamene collegai in quano uilizzano come base delle eorie economiche.

15 Meodo dei prezzi edonici Il meodo dei prezzi edonici consise nel enaivo di misurare indireamene il valore di una risorsa urisica sulla base del valore di mercao di un alro bene che si suppone dipenda dalla presenza della prima. Ad esempio, il valore economico di un albergo siuao in Piazza San Marco a Venezia scona un flusso di benefici correlao non solo alle caraerisiche dell albergo sesso e ai servizi da esso offeri, ma anche una rendia di posizione relaiva alla sua paricolare localizzazione. Tale meodo come base, quindi, segue la meodologia del modello di Lancaser: si ragiona in ermini di quanià di caraerisiche del prodoo. Quindi, il prezzo di un prodoo finale può essere influenzao dalla risorsa primaria. Es: due hoel 4*, enrambi con medesimi servizi offeri, ma posizionai in due luoghi diversi, il primo a Venezia, il secondo a Oriago => il prezzo dipenderà dalla risorsa primaria e la differenza di prezzo è riconducibile al differene valore d uso della risorsa primaria. Meodo del ravel cos approach Il meodo del coso del viaggio (ravel cos approach) è basaa sul modello graviazionale, che sfrua il principio secondo il quale è possibile misurare il valore di un bene fuori mercao (come le risorse urisiche primarie) araverso la misura del valore e della domanda di un bene ad esso complemenare; in queso caso il viaggio da un luogo di origine ad una desinazione urisica. Il valore della desinazione urisica risulerà dalla relazione ra il coso del viaggio che deve essere sosenuo per raggiungerla e l inensià d uso (cioè la quanià domandaa, che può essere espressa in numero di visie). Cercando di semplificare, queso meodo: ena di uilizzare i cosi di viaggio come proxy per il valore d uso della risorsa primaria; laddove non si paga un prezzo, il valore d uso vale almeno quano il coso del viaggio (uilià della visia deve essere almeno = al coso del viaggio). Prima di iniziare a vedere un esempio che possa meglio spiegare come funziona il meodo del ravel cos approach, è uile indicare quali sono gli obieivi di queso meodo e quali sono le ipoesi che vi sono alla base. Gli obieivi del meodo del ravel cos approach sono principalmene due: individuare il valore d uso di una risorsa urisica, cioè individuarne il prezzo ombra; in secondo luogo, simulare la gesione dei flussi (simulando dei prezzi d enraa) per verificare quale può essere la massima capacià di carico della risorsa urisica; possiamo infai simulare un aumeno dei ravel coss dao dall inroduzione di una sora di biglieo d ingresso per la localià urisica in modo da capire qual è la massima capacià di carico delle risorse. Le ipoesi pose alla base di ale meodo sono fondamenalmene re: ogni urisa reagisce ad una variazione dei ravel coss allo sesso modo, indipendenemene dalla naura del coso (anche nel caso che esso sia rappresenao dall inroduzione di una assa d ingresso alla localià urisica); esise una relazione lineare ra il numero di viaggi e il ravel cos (es. non esisono sconi per viaggi ripeui); le visie pro capie non sono influenzae dalla capacià di carico della localià. Ipoizziamo che le localià A, B e C siano re localià di provenienza che generano la domanda urisica per una cera cià d are Y. Per ognuna delle re localià consideriamo le relaive popolazioni (cioè i rispeivi mercai poenziali per la domanda urisica), il numero di visiaori che

16 ogni localià genera e i cosi di viaggio per raggiungere la cià d are Y. Consideriamo quindi la seguene abella riassuniva: Popolazione Visie Travel cos Visie pro capie Localià A ,5 0.5 Localià B ,0 1 Localià C , Ad una prima analisi della abella si può osservare che non sempre più il ravel cos è basso e maggiore è il flusso di visie verso la localià Y; inolre possiamo vedere come queso meodo corrisponda apparenemene alla logica del modello graviazionale, dao che la localià C offre più visiaori della localià A nonosane il ravel cos sia maggiore perché la popolazione di C (cioè i poenziali visiaori) è maggiore di quella di A. Firs sep Procediamo ora meendo in relazione, per ogni localià generarice, il numero di visie con la popolazione. Il asso di visia pro capie di ogni localià generarice, dao dal rapporo ra il numero di visie e la popolazione, ci indica la probabilià che un abiane della localià generarice si rechi in visia presso la cià d are Y. Visie pro capie Travel cos Localià A 0,5 11,5 Localià B 1 5,0 Localià C 0,25 15,0 A queso puno risula più chiaro che le probabilià di visia, cioè il asso di visia pro capie, sono in linea con i ravel coss: esise infai una corrispondenza inversa ra il asso di visia pro capie e il valore dei ravel coss. Il numero di visie pro capie aumena man mano che diminuiscono i ravel coss; maggiori sono i cosi, minore è la propensione al urismo. E saa quindi eliminaa quella sranezza visa in precedenza daa dal fao che la localià C presenava un numero di visiaori maggiore di quello della localià A sebbene avesse dei ravel coss maggiori. Second sep Cerchiamo ora di elaborare un modello di regressione che consena di perseguire appuno, alla valuazione del valore d uso di una risorsa urisica. Esise una equazione lineare che rappresena il rapporo esisene ra le variabili rimase, cioè il ravel cos e il numero di visie pro capie. V = α + β ij TC ij dove ij V rappresena il asso di visie pro capie ra la localià i e la localià j, cioè la probabilià che un residene della localià i diveni un urisa/visiaore per la localià j (propensione alla visia); α è una cosane che rappresena il flusso di urisi che si sposa comunque verso la localià, quando la disanza è pari a 0 (quindi ravel coss = 0);

17 β rappresena la sensibilià degli abiani della localià generarice verso i ravel coss (è quindi un paramero negaivo, in quano, maggiore è la disanza, minore sarà la propensione alla visia); TC sono i cosi di viaggio che i resideni nella localià i devono sosenere se desiderano ij raggiungere la localià j. Tale equazione lineare ci dice quindi che la probabilià che un residene della localià generarice i diveni un visiaore della localià j (cioè il numero di visie pro capie), è pari al numero di visie che ci sarebbero in assenza di ravel coss al quale si somma l effeo dovuo alla presenza dei ravel coss. Se consideriamo la precedene abella oeniamo i segueni valori per i parameri α e β : α = 1,37 β = -0,0752 Queso è un modello di regressione lineare e come ale può essere risolo con il meodo dei minimi quadrai; si raa di rovare i valori dei due parameri α e β, e successivamene andare ad individuare la rea più rappresenaiva per la nuvola di puni (localià generarici delle visie) che abbiamo (anche se in queso caso sono solo re, riferie appuno alle re localià generarici di visie). La soluzione grafica viene rappresenaa nel grafico TC N di visie Il grafico ci mosra invece la curva di domanda di viaggio individuale di una desinazione urisica. TC N di visie procapie Dove la rea occa l ordinaa: V ij = 0, cioè non vi sono visie in quano la disanza ra i e j è molo elevaa. In quel puno i cosi di viaggio equivalgono esaamene all uilià generaa dalla visia. Tui coloro che hanno dei cosi minori perché la disanza ra le localià è minore (quindi più la rea si avvicina al puno di inconro ra la sessa e l ascissa) percepiscono un consumer surplus.

18 Il grafico mee in relazione la propensione alla visia V ij con i ravel coss V ij TC ij : B CS A 0 TC ij Valore d uso Il valore d uso può essere misurao nell asse delle ascisse: maggiore è la disanza che il visiaore è disposo a percorrere e maggiore sarà il valore d uso della risorsa urisica (in quano il urisa pensa che il viaggio valga la pena per l uilià ricavaa dalla visia); quando la propensione alla visia ende a zero oeniamo la massima uilià che un visiaore può raggiungere per quella localià, dao che il consumer surplus si annulla. Ricordiamo la definizione del consumer surplus: guadagno psicologico che consise nella differenza ra il prezzo di mercao che il consumaore paga per una cera quanià e quello che sarebbe disposo a pagare per le singole quanià di bene che compongono il bene-servizio. Nel puno A, dove la propensione alle visie è pari a zero, il valore d uso (ossia il beneficio che ciascun visiaore crede di poer ricavare dalla visia) della localià è massimo; prima di queso ci sono dei puni (es. il puno B) dove esise un consumer surplus dao dal fao che il valore d uso della localià è inferiore ai ravel coss. Riassumendo schemaicamene: - puno A: uilià = ravel coss => valore d uso è massimo - puno B: uilià > ravel coss => esise un consumer surplus. Third sep Per raggiungere il secondo obieivo del meodo del ravel cos approach, cioè quello di poer eserciare un conrollo dei flussi, è sufficiene simulare l inroduzione di un biglieo d enraa che deve essere pagao da ui i visiaori per poer accedere alla localià. È facile inuire che, in queso caso, la curva della figura si sposa verso il basso, in quano olre al coso del viaggio si aggiunge anche il coso del biglieo e quindi le visie diminuiscono. La sensibilià nei confroni del coso del biglieo d enrae è equiparabile con quella al coso del viaggio, ed ognuna è compleamene soggeiva. Poremmo considerare il fao che il consumaore è capace di guardare olre alle spese, ma non sono da soovaluare gli elemeni neoclassici quali il reddio e la razionalià.

19 V ij V ij 1 V ij 2 TC IJ biglieo Per concludere ale capiolo vogliamo inrodurre alcuni concei economici che possono risulare uile nella raazione del corso. Coso opporunià Il coso opporunià si riferisce ad un beneficio mancao: è ciò che si sarebbe pouo oenere come beneficio compiendo un alra scela da quella che è saa effeivamene presa. In ambio urisico possiamo uilizzare il conceo di coso opporunià in due modalià diverse: può essere ineso come beneficio a cui si rinuncia derivane dall uilizzo non urisico delle risorse; può essere ineso come beneficio a cui si rinuncia in fuuro per sfruare al massimo le risorse urisiche oggi. Ogni azione dà luogo ad un coso opporunià. Nauralmene si cerca di muoversi in modo ale che l uilià sia maggiore ai cosi e al coso opporunià. Cosi di congesione I cosi di congesione sono cosi che possono derivare da un eccessivo uilizzo della risorsa. Il più classico degli esempi è dao dal raffico: in queso caso i cosi di congesione sono dai dai cosi collegai ai maggiori empi di percorrenza, alle maggiori emissioni inquinani, ai maggiori incideni, In campo urisico, con riferimeno ad una cera localià, la congesione è correlaa con il numero di viaggiaori: il coso di congesione, quindi, divena così una funzione direa e crescene del numero di viaggiaori.

20 L andameno dei cosi di congesione rispecchia l andameno di ue le principali esernalià negaive: fino a che il numero di visiaori rimane al di soo di una cera soglia, la cosiddea capacià criica, i cosi di congesione sono nulli o comunque rascurabili, superaa ale soglia essi crescono veriginosamene. Alre esernalià negaive Alri ipi di esernalià negaive collegae con il urismo, e che hanno il medesimo comporameno dei cosi di congesione sono l inquinameno, l usura delle risorse fisiche (es. calpesare i mosaici di cere chiese può porare alla loro rovina), la microcriminalià, lo spiazzameno Lo spiazzameno (crowding-ou) delle aivià non urisiche a favore delle aivià urisiche si verifica quando il urismo, in una cera localià, spiazza compleamene le alre aivià, cioè non lascia loro spazio per svilupparsi. Un esempio di cosi di spiazzameno può essere dao dal fao che in una localià urisica non ci sono più supermercai ma solo alberghi e quindi la popolazione locale deve recarsi in un alra localià per approvvigionarsi. 2.3 Uilizzo ineremporale delle risorse urisiche Il problema dell equilibrao uilizzo di una risorsa economica nel empo, equivale ad assicurarsi che il consumo presene della risorsa non sia superiore al livello oimale in modo ale da non andare a compromeere la siuazione fuura. Esso nasce dal conflio esisene ra gli ineressi macroeconomici o sociali, che mirano alla conservazione e alla uela della risorsa, e gli ineressi microeconomici o privai che si pongono in un oica di breve periodo. Tale problema può essere risolo dall inerveno di un pianificaore pubblico (decision maker), il quale valui il coso - opporunià di ciascuna scela e quindi decida quale quanià consumare oggi e quale quanià consumare domani al fine di massimizzare il benessere colleivo. Dal puno di visa operaivo ciò si raduce nell applicazione di un prezzo per l uilizzo ineremporale della risorsa (si raa quindi di un prezzo ombra). Consideriamo il grafico che considera un problema di scela ineremporale analizzao nell oica della eoria neoclassica. Abbiamo un unica risorsa scarsa che deve essere compleamene consumaa ra oggi o domani; possiamo conservare una quanià di risorsa oggi per consumarla domani. Il pianificaore deve decidere come suddividere il consumo della risorsa ra oggi e domani.

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices

Product Overview. ITI Apps Enterprise apps for mobile devices Product Overview ITI Apps Enterprise apps for mobile devices ITI idea, proge2a e sviluppa apps per gli uten6 business/enterprise che nell ipad, e nelle altre pia2aforme mobili, possono trovare un device

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA CENNI DI RICERCA OPERATIVA ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 La ricerca operativa 2 1.1 Introduzione......................................... 2 1.2 Le fasi della ricerca operativa...............................

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS.

L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. SMS: usali per raggiungere i tuoi contatti... con un click! Guida pratica all utilizzo degli sms pubblicitari L attività più diffusa a livello mondiale è quella di inviare e ricevere SMS. 2 SMS: usali

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me Università degli Studi Roma Tre Dipar-mento di Scienze della Formazione Laboratorio di Matema-ca per la Formazione Primaria Grafi, alberi e re: modelli su cui cercare soluzioni o;me Mini corso Informa.ca

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

23/04/14 1. Capitolo 8: La comunicazione nei gruppi. La comunicazione nei gruppi 1/6. La comunicazione nei gruppi 2/6. La comunicazione nei gruppi 3/6

23/04/14 1. Capitolo 8: La comunicazione nei gruppi. La comunicazione nei gruppi 1/6. La comunicazione nei gruppi 2/6. La comunicazione nei gruppi 3/6 La comunicazione nei gruppi 1/6 Capitolo 8: La comunicazione nei gruppi Luigi Anolli, Fondamen> di Psicologia della Comunicazione Il Mulino 2006 Psicologia della Comunicazione Pof. Fabrizia Mantovani 1

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica

Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica Teoria dei giochi Gioco Interdipendenza strategica soggetti decisionali autonomi con obiettivi (almeno parzialmente) contrapposti guadagno di ognuno dipende dalle scelte sue e degli altri Giocatori razionali

Dettagli

Il luogo delle radici (ver. 1.0)

Il luogo delle radici (ver. 1.0) Il luogo delle radici (ver. 1.0) 1 Sia dato il sistema in retroazione riportato in Fig. 1.1. Il luogo delle radici è uno strumento mediante il quale è possibile valutare la posizione dei poli della funzione

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli