ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "F. Podesti" Calzecchi Onesti Sede Coordinata di CHIARAVALLE. Documento del Consiglio di Classe. Classe 5 a Sez.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "F. Podesti" Calzecchi Onesti Sede Coordinata di CHIARAVALLE. Documento del Consiglio di Classe. Classe 5 a Sez."

Transcript

1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "F. Podesti" Calzecchi Onesti Sede Coordinata di CHIARAVALLE Documento del Consiglio di Classe Classe 5 a Sez. A Corso: Tecnico della gestione aziendale anno scolastico 2013/2014

2 Sommario 1. PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO p ELENCO DEI CANDIDATI p COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE p IL PERCORSO FORMATIVO p Finalità e specificità dell indirizzo p Presentazione della classe p Obiettivi trasversali p Piano annuale di lavoro del Consiglio di classe p Attività scolastiche ed extra-scolastiche p Criteri di valutazione degli alunni del Consiglio di classe p Certificazione e assegnazione dei crediti formativi p PROVE DI ESAME p Griglie di valutazione p Prova di italiano (I prova) p Prova di Economia Aziendale (II prova) p Prova multidisciplinare (III prova) p Colloquio - Criteri per il passaggio dal punteggio grezzo al voto p. 28 p Date e testi delle prove di simulazione p Simulazioni Prima prova p Simulazioni Seconda prova p Simulazioni Terza prova p ARGOMENTI SCELTI DEI CANDIDATI PER IL COLLOQUIO p ATTIVITA DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO p ALLEGATI: Programmi svolti e relazioni finali disciplinari p. 45 P.E.I. e Relazione finale alunno Matteo Cercaci 2

3 1. PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO L Istituto di Istruzione Superiore Podesti Calzecchi Onesti è di recente costituzione; nasce dall accorpamento dell I.P.S.S.C.T.P.S. F.Podesti di Ancona-Chiaravalle con l I.P.S.I.A di Ancona, avvenuta nell anno scolastico Attualmente consta di due sedi, quella centrale di Ancona che comprende il Podesti e l ex IPSIA,e la sede coordinata di Chiaravalle. La sede centrale, edificio inaugurata lo scorso anno, raccoglie un bacino di utenza che abbraccia, oltre alla città di Ancona, alcuni Comuni limitrofi, quali Agugliano, Polverigi, Osimo, Offagna, Castelfidardo, Sirolo, Numana, Loreto; la sede coordinata di Chiaravalle comprende un territorio molto vasto, che da Falconara Marittima si e- stende fino all alta Vallesina e Arcevia. L Istituto offre vari indirizzi: economico aziendale: Ancona Chiaravalle corso serale; turistico: Ancona; grafico pubblicitario : Ancona Chiaravalle corso serale; servizi sociali: Ancona Chiaravalle corso serale elettromeccanico: Ancona odontotecnico: Ancona Dall anno scolastico 2007/08, nella sede di Ancona, è stato avviato, di concerto con la Provincia, un Corso per Parrucchieri uomo donna, nell ambito dei Percorsi Sperimentali Triennali Integrati di Istruzione e Formazione Professionale di cui alla Legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, comma 624; il corso, inserito all interno dei Servizi sociali, è organizzato nell ambito della quota 20% di flessibilità del curricolo locale di cui al D.P.R. n. 275/99. Il corso è stato totalmente finanziato dalla Provincia, sia per quanto riguarda le risorse umane (docenti) che per quelle strumentali. Il corso, di durata triennale consente di assolvere all obbligo scolastico e di conseguire la qualifica professionale di Parrucchiere uomo e donna; inoltre, nell ambito del triennio, è possibile passare al corrispondente anno di corso servizi sociali senza sostenere esami di idoneità. La consistenza di classi e alunni dell Istituto (dati che si riferiscono all a.s ) è la seguente: Totale alunni: 748 Totale classi: 35 di cui: Sedi Classi Alunni Ancona diurno Ancona corso Parrucchieri 2 45 Ancona serale Chiaravalle TOTALE L Istituto accoglie un elevato numero di alunni diversamente abili, di cui circa 29 solo a Chiaravalle, frequentanti nonostante i limiti di legge classi numerose anche superiori a 25 (poiché molto spesso trattasi di classi articolate); questi studenti sono inseriti con programmazioni individualizzate e/o per obiettivi minimi, a seconda delle loro potenzialità. Dal terzo anno in poi effettuano regolarmente stage formativo-lavorativi o sono inseriti con progetti ponte in strutture pubbliche e private di futura accoglienza. La scuola si caratterizza inoltre per la presenza elevata di studenti stranieri (anche nel corso serale), con una percentuale superiore al 15%, provenienti da aree geografiche diverse: nord e centro Africa, America latina, ex Jugoslavia, est Europa, India, Bangladesh, Pakistan, Cina. Il corso per parrucchieri accoglie anche alcune studentesse Rom. L inserimento di questi studenti avviene non solo all inizio, ma anche in corso di anno scolastico; alcuni hanno già un corso regolare di studi in Italia, altri sono di prima immigrazione, e quindi con evidenti difficoltà linguistiche in lingua italiana. La scuola offre, oltre che con proprie risorse del Fondo d Istituto, anche attraverso il finanziamento del MIUR per le aree a rischio e a forte processo immigratorio, corsi di lingua italiana come L2 e di sostegno scolastico. C è da sottolineare che l integrazione di questi studenti è molto soddisfacente; dal punto di vista degli esiti scolastici si registrano notevoli punte di eccellenza. 3

4 La composizione generale dell utenza è molto varia; dal punto di vista sociale gli studenti provengono da famiglie di ceto medio o basso, spesso di limitate risorse culturali e finanziarie. Molti di questi ragazzi hanno alle spalle percorsi scolastici irregolari caratterizzati da ripetenze, demotivazione e insuccessi; l Istituto offre una valida opportunità per consentire il recupero di molte situazioni di disagio e svantaggio, attraverso azioni di riorientamento e motivazione allo studio, finalizzate non solo al conseguimento di un diploma di qualifica professionale e di maturità, ma soprattutto alla formazione dei futuri cittadini di una comunità nazionale, europea nella nuova dimensione della mondialità, attraverso un valido inserimento nel mondo del lavoro. La strategia formativa dell'istituto è quella di collocare lo studente al centro del processo educativo, coordinando risorse interne ed esterne che permettono di potenziare le capacità umane, civili, morali e intellettuali di ciascuno. La scuola, competitiva e dinamica, si propone di rendere l'apprendimento interessante e significativo incoraggiando i giovani a considerare il proseguimento degli studi come valida alternativa al lavoro. Con il conseguimento del diploma è possibile proseguire gli studi accedendo ai vari corsi universitari del territorio quali Economia e Commercio, Economia del Turismo, Scienze della Comunicazione, Psicologia, Scienze infermieristiche, Assistente Sociale ecc. che consentono di completare la propria istruzione e di raggiungere standard di elevata professionalità. Per chi non intende intraprendere un percorso universitario, l'istituto assicura, oltre ad una solida preparazione di base, una formazione professionale qualificata, aggiornata ed immediatamente spendibile nel mondo del lavoro. Tutto ciò grazie a percorsi di studio dinamici e articolati, laboratori tecnologici dotati delle più aggiornate strumentazioni e rapporti diretti con la realtà lavorativa del territorio sviluppati in varie forme. L'Istituto intende inoltre rafforzare la cooperazione internazionale, mediante la partecipazione a progetti europei in rete con altre Istituzioni scolastiche dell Unione. Da noi è possibile: conseguire la Patente Europea dell'informatica (ECDL) svolgere tirocini aziendali anche all'estero mediante il progetto Leonardo frequentare uno dei corsi post-diploma finanziati dal Fondo Sociale Europeo partecipare a competizioni sportive individuali e di squadra esprimersi artisticamente L'Istituto ha ottenuto la Certificazione di Qualità UNI EN ISO 9001:2000 dall'anno scolastico 2003/2004. L'adozione di un Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ), secondo la suddetta norma e le direttive regionali, è stata per la scuola una scelta coerente con la sua strategia organizzativa perseguita per anni, ed ancora oggi le attività svolte sono decisamente orientate al mantenimento della certificazione e del sistema di controllo dell Ente Terzo. La ferma convinzione che le risposte più adeguate che la scuola può dare ad un'utenza mutevole ed esigente sono la ricerca ed il cambiamento motiva il nostro obiettivo verso il miglioramento continuo, di noi stessi e del nostro modo di lavorare, che concretamente si traduce in: centralità dell'interesse e della soddisfazione delle attesedi tutti gli utenti; maggiore attenzione al ruolo della scuola come attore sociale; formazione di competenze culturali e professionalizzanti degli studenti in accordo con il mercato del lavoro; prevenzione della dispersione scolastica; valorizzazione delle risorse umane ed il miglioramento costante del clima relazionale e delle condizioni di lavoro; attenzione alle innovazioni possibili per essere pronti al cambiamento, o per anticiparle; utilizzazione delle esperienze acquisite per correggere e migliorare la strategia dell Istituto. La mission dell Istituto si caratterizza per le dimensioni degli obiettivi di formazione e sviluppo organizzativo, secondo i criteri di qualità, equità, efficienza/efficacia. Gli obiettivi relativi alla formazione e allo sviluppo organizzativo, sono così articolati: 4

5 Formazione Sviluppo organizzativo Temi strategici Saperi e competenze Cittadinanza attiva Benessere, prevenzione e successo scolastico Qualità Risorse umane: empowerment Promozione della scuola Obiettivi Costruire conoscenze e competenze culturali e professionali Stimolare creatività e progettualità Preparare l ingresso nel mondo del lavoro Sostenere la formazione per tutto l arco della vita Formare il cittadino italiano ed europeo Formare e consolidare una memoria storica per costruire il senso di identità e di appartenenza alla comunità nazionale, europea e mondiale Integrare gli alunni stranieri ed educare ad una convivenza interculturale Accogliere, integrare e valorizzare la diversità Partecipare a progetti di cooperazione internazionale Prevenire e contrastare fenomeni di disagio e di insuccesso scolastico Favorire il benessere degli studenti Promuovere un alleanza educativa con le famiglie Promuovere la scuola come centro di aggregazione culturale e sociale Migliorare le competenze professionali e culturali del personale Organizzare una squadra di lavoro per il supporto, la condivisione delle decisioni e la gestione delle attività Favorire la condivisione e la negoziazione di significati, valori culturali e scelte strategiche Far conoscere le attività della scuola alle famiglie, al territorio Promuovere azioni di orientamento in ingresso anche al fine di incrementare le iscrizioni Migliorare l immagine della scuola Partecipare ad attività in rete con altre scuole, Enti, Istituzioni, mondo del lavoro Nell istruzione professionale un nodo centrale è costituito dall alternanza scuola-lavoro, che si compone dell attività di stage, incontri con esperti e visite aziendali. L attività di alternanza scuola-lavoro inserisce gli studenti delle classi III, IV e V in un reale ambiente di lavoro, per un periodo tra le due e le quattro settimane l anno e costituisce per gli allievi azione formativa e, spesso, occasione di impiego, per il loro futuro lavorativo. L Istituto organizza stage per gli studenti, coinvolgendo aziende pubbliche e private, studi professionali, a- genzie di viaggio, hotel, case di riposo, asili nido, centri diurni, strutture ospedaliere, ottenendo sempre risultati molto positivi, come accertano le valutazioni certificate dai vari tutor che hanno affiancato gli studenti nella loro esperienza lavorativa. Gli incontri con gli esperti e le visite aziendali si svolgono nelle classi del IV e V anno e si avvalgono di docenti esperti provenienti dal mondo delle imprese e delle professioni L attività di microspecializzazione, per un totale di n. 400 ore, è certificata con apposito esame dalla Provincia di Ancona che la riconosce come specializzazione. La finalità dei corsi è quella di preparare figure professionali specializzate per favorire l ingresso nel mondo del lavoro da parte degli studenti che, alla fine del loro percorso di studi, oltre al titolo di diploma riconosciuto sul territorio nazionale, ottengono un ulteriore qualifica, più specializzata e legata a specifiche esigenze del mercato del lavoro. Come previsto dal D.M. n. 80/2007, l Istituto ha pianificato il piano di recupero dei debiti formativi e le attività di sostegno scolastico. Nell ambito della propria autonomia la scuola organizza: Attività di recupero nel corso del II quadrimestre per gli studenti che abbiano riportato insufficienze in una o più discipline in sede di scrutinio intermedio. 5

6 Attività di recupero nella seconda metà del mese di giugno per gli studenti il cui giudizio sia stato sospeso in sede di scrutinio finale, a causa di insufficienze in una o più discipline. La verifica finale volta ad accertare il superamento del debito è prevista prima dell inizio delle lezioni di settembre. La scuola comunica alle famiglie, per iscritto, le decisioni assunte dal consiglio di classe in sede di scrutinio finale, indicando le specifiche carenze rilevate per ciascuno studente dai docenti delle singole discipline e i voti proposti (per quanto riguarda lo scrutinio finale) nei quali l alunno non abbia raggiunto la sufficienza. Contestualmente vengono comunicati gli interventi didattici finalizzati al recupero dei debiti formativi, le modalità e i tempi delle relative verifiche che la scuola è tenuta a portare a termine entro la fine dell anno scolastico. Come previsto anche nel caso di insufficienze riportate nel I quadrimestre, qualora i genitori o coloro che ne esercitano la relativa potestà non ritengano di avvalersi delle iniziative di recupero organizzate dalla scuola, debbono comunicarlo per iscritto alla scuola stessa, fermo restando l obbligo per lo studente di sottoporsi alle verifiche. 2. ELENCO DEI CANDIDATI (INTERNI) 1. BETTINI ALESSANDRO 2. CELESTINO LORIS 3. CERCACI MATTEO 4. DEL GRANDE ANDREA 5. IMPARATO ALESSIO 6. KHARDANI HALIMA 7. MANETTI CHRISTIAN 8. MOSCIATTI MATTEO 9. PASQUINELLI GIULIA 6

7 3. COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINA ORE SETT. DOCENTE Italiano 4 Laura Condello Storia 2 Laura Condello Matematica 3 Giorgio Perroni Inglese 3 Stefania Vichi Francese 3 Maria Grazia Saiu Economia Aziendale 8 Luciana Marconi Applicazioni gestionali 3 Maria Elisa Cola Diritto ed Economia 4 Paola Tombesi Educazione Fisica 2 Valeria Lacerra IRC o attività alternativa 1 Ivana Grilli Sostegno Maria Giovanna Rabboni Cinzia Predicatori Monia Vicari 7

8 4. IL PERCORSO FORMATIVO 4.1 Finalità e specificità dell indirizzo Il Tecnico della Gestione Aziendale possiede un ampia cultura di base e valide competenze tecniche applicabili nell area aziendale. Può operare in ambito industriale o dei servizi, nella funzione amministrativa dell azienda. E in grado di collaborare alla gestione del sistema informativo-contabile aziendale, anche attraverso l uso del computer. Sa usare metodi e strumenti organizzativi; piani, programmi e procedure; sistemi informatici; sistemi contabili. Il Tecnico Aziendale è in grado di collaborare con il personale posto ai vari livelli gerarchici, proponendo obiettivi, programmando e controllando i risultati. Grazie alla conoscenza di due lingue straniere e dei lineamenti principali della legislazione nazionale riesce a ricoprire incarichi connessi all attività di import-export di un impresa. Il profilo professionale prevede l acquisizione delle seguenti competenze: possedere una personale cultura generale, accompagnata da adeguate capacità linguistico-espressive e logico-interpretative; possedere una padronanza dei metodi e sistemi per rilevare i dati relativi al funzionamento dei vari servizi aziendali; fornire elementi di valutazione per il controllo e l'indirizzo della gestione; comprendere la realtà contemporanea al fine di inserirsi consapevolmente nella società come persona e professionista; possedere una perfetta padronanza dell'uso del computer e di Internet; interagire in modo consapevole con l ambiente di lavoro proponendosi come agente attivo di cambiamento e di problem-solving. Il corso di studi ad indirizzo aziendale prevede un area professionalizzante, caratterizzata da attività formative teorico-pratiche e da stage formativi a partire già dal secondo anno, diretti a fornire competenze collegate al profilo professionale del corso. Nel quarto e nel quinto anno esse comprendo almeno 132 ore di alternanza scuolalavoro attraverso stage formativi presso imprese del territorio, per realizzare la finalità del luogo di lavoro come luogo di apprendimento. L organizzazione/impresa / ente/ che ospita lo studente, infatti, assume il ruolo di contesto di apprendimento complementare a quello dell aula e del laboratorio concorrendo alla formazione dell alunno. A realizzare un apprendimento fondato sull esperienza contribuiscono poi visite aziendali e incontri con esperti su particolari temi legati al settore lavorativo di riferimento e alla realtà economica del territorio che la scuola organizza sistematicamente nel corso dei cinque anni di studi. Per accertare il conseguimento del profilo professionale, definito con la qualifica di Tecnico della gestione a- ziendale, gli alunni nella classe terminale devono sostenere un esame finale, c.d. Prova Esperta, basato sulle e- sperienze di alternanza scuola lavoro e tenuto da una commissione formata da docenti interni. 8

9 4.2 Presentazione della classe al termine dell anno scolastico La classe 5 A, attualmente formata da 9 alunni, provenienti da diversi paesi limitrofi alla sede dell istituto, ha subito nel corso del tempo alcuni mutamenti a causa di esodi e nuove entrate. Negli ultimi due anni essa è stata articolata, per le materie di area comune ( Lettere, Matematica, IRC, Educazione fisica,) con la sezione F del corso parallelo di Grafica Pubblicitaria. Ha fatto parte della classe un alunna diversamente abile con un grave deficit di apprendimento che ha seguito una programmazione differenziata e che non svolgerà l Esame di Stato in quanto ha sostenuto in data 29 maggio 2014 prove specifiche adattate alle sue caratteristiche soggettive per verificare le competenze e i progressi raggiunti. I risultati di tale prova sono allegati al presente documento e saranno sottoposti alla lettura e alla ratifica da parte della Commissione d Esame. E presente inoltre un ragazzo che ha seguito sempre una programmazione didattica per obiettivi minimi e che, come stabilito dal C.d.C., affronterà l esame con il supporto didattico dell insegnante di sostegno e svolgerà prove equipollenti, anche con la possibilità di usufruire di tempi più lunghi, come previsto dalla normativa in vigore sui D.S.A,. La classe 5^ A ha evidenziato, fin dai primi anni, una differenziazione per personalità, capacità, impegno tra la componente femminile costituita da due ragazze e quella maschile dei restanti sette ragazzi. Mentre le prime hanno frequentato in modo molto regolare e con senso di responsabilità, manifestando costantemente un comportamento corretto e rispettoso e partecipando in maniera costruttiva al percorso formativo anche se non sempre con risultati adeguati al loro impegno, i ragazzi, invece, pur dotati nel complesso di buone capacità personali hanno tenuto un comportamento scolastico non serio e poco rispettoso delle regole d Istituto. In particolare hanno frequentato le lezioni con eccessiva discontinuità, attuando in maniera volontaria assenze strategiche e pretestuose entrate in ritardo ed anche uscite anticipate, partecipando alle lezioni in modo poco regolare e talvolta esclusivamente passivo, dimostrando pertanto una limitata motivazione e scarso senso di responsabilità. Tuttavia la vivacità intellettiva posseduta e le valide doti personali consistenti in una buona capacità critica, di memorizzazione, di rielaborazione e di sintesi hanno permesso loro di raggiungere in quasi tutte le discipline gli obiettivi e le competenze preventivati nelle programmazioni di inizio d anno. Nonostante l esiguità del numero degli studenti, l atteggiamento poco corretto della gran parte di essi ne ha delineato una fisionomia di classe non sempre facile da gestire e da interessare. Complessivamente, salvo positive eccezioni, il profitto raggiunto dagli alunni può attestarsi fra il sufficiente e il discreto, tutti, anche se in varia misura, hanno conseguito le competenze tecnico professionali previste dall indirizzo di studi. Bisogna, però, mettere in evidenza che tutti gli studenti si sono sempre comportati in modo appropriato e responsabile durante le attività extrascolastiche (visite aziendali, visite di istruzione, incontri con esperti ecc.), dimostrando un buon interesse per le attività di volta in volta proposte, particolarmente positiva è stata inoltre la partecipazione alle attività di stage in cui alcuni alunni si sono distinti per la loro competenza e professionalità, raggiungendo ottimi risultati. La frequenza nelle attività di alternanza scuola-lavoro è stata omogeneamente regolare, così come la partecipazione attiva e l interesse dimostrato. Tutti gli studenti hanno superato l esame finale diretto alla valutazione delle competenze acquisite nelle attività di Alternanza Scuola-Lavoro, c.d. PROVA ESPERTA, eccetto un allievo che non si è presentato. 9

10 Durante il percorso curriculare si è realizzato un recupero costante in itinere per tutte le materie rivolto soprattutto a colmare i debiti formativi del primo trimestre, specifici corsi di recupero sono stati organizzati per le discipline di Inglese, Matematica, Storia e Italiano al fine di riprendere e approfondire i contenuti non assimilati. Durante il Pentamestre sono state effettuate due simulazioni delle tre prove scritte d esame, valutate seguendo i criteri delle griglie allegate al presente documento. 4.3 Obiettivi trasversali Il Consiglio di Classe nello stendere il suo piano di lavoro ha tenuto presenti i seguenti obiettivi: Obiettivi formativi: Essere in grado di adattarsi a situazioni differenti, anche nuove, con flessibilità Saper riconoscere e rispettare le diversità socio-culturali Sapersi integrare nelle attività di gruppo Saper adottare strategie specifiche per migliorare l apprendimento Saper utilizzare i diversi linguaggi tecnici Essere in grado di consultare fonti di informazione per organizzare in modo autonomo l attività di studio e di ricerca Essere in grado di mantenere gli impegni assunti in attività e situazioni di studio e lavorative Obiettivi cognitivi: CONOSCENZE esprimersi in modo chiaro e corretto utilizzando la terminologia specifica di ogni disciplina conoscere i contenuti fondamentali del programma svolto nelle varie discipline; comprendere il testo e cogliere i concetti più importanti redigere ed interpretare documenti cogliere i collegamenti fra i vari argomenti e le varie discipline valutare la congruenza tra i risultati ottenuti e le informazioni ricevute saper lavorare in modo autonomo e saper rielaborare in modo personale i contenuti affrontati, tutto ciò anche nell ottica del nuovo Esame di Stato che affronteranno e che prevede per ogni alunno, lo sviluppo di conoscenze, competenze e capacità. COMPETENZE saper ascoltare gli insegnanti per meglio applicare le proprie capacità di analisi e di sintesi; applicare correttamente ed adeguatamente le proprie conoscenze; saper cogliere i collegamenti di carattere pluridisciplinare tra i vari argomenti trattati; valutare il proprio percorso di apprendimento, i processi ed i risultati, sia in itinere che alla fine di tutto il percorso formativo. CAPACITÀ favorire la partecipazione consapevole e costruttiva di ciascun alunno alla vita della classe; favorire un clima cooperativo e di rispetto nei confronti di tutti i partecipanti al dialogo educativo; favorire il lavoro di gruppo per far progredire lo scambio delle esperienze; far utilizzare il lavoro individuale come momento riflessivo e metodologico; verificare con attenzione qualità e quantità dei progressi ottenuti in relazione ai prerequisiti e agli obiettivi; privilegiare momenti di scoperta e favorire così l'acquisizione di comportamenti produttivi; accrescere negli studenti la consapevolezza, l autostima e il significato del proprio agire. Il Consiglio di classe ha inoltre stabilito gli obiettivi minimi: Acquisire i contenuti essenziali delle singole discipline anche se in modo non approfondito Effettuare i principali collegamenti all interno della disciplina e con altre discipline dietro opportuna guida 10

11 4.4 Piano annuale di lavoro del Consiglio di Classe 5^ A OBIETTIVI COGNITIVI METODOLOGIA CRITERI DI VALUTAZIONE ATTIVITÀ CURRICOLARI MODALITA' RECU- PERO STRUMENTI DI VE- RIFICA CONOSCENZE: - Acquisire le conoscenze teoriche afferenti a più aree disciplinari - Conoscere i contenuti e i principi fondamentali delle diverse discipline COMPETENZE: - Risolvere i problemi applicando le conoscenze acquisite e organizzandole in modo operativo e autonomo - Utilizzare in modo esatto il linguaggio specifico relativo alle diverse discipline, applicandolo correttamente anche a situazioni reali CAPACITA : - Saper rielaborare nelle varie forme le conoscenze acquisite - Saper collegare gli argomenti di una disciplina con quelli delle materie affini - Saper utilizzare le conoscenze apprese in contesti reali Lezione frontale Lavori di gruppo Ricerca guidata Interpretazione di un testo o documento Analisi dei casi Visite guidate Utilizzo del laboratorio multimediale Individuazione del quesito Pertinenza alla traccia Organicità della produzione Correttezza linguistica con uso appropriato del linguaggio specifico Capacità di collegamento Capacità di analisi e sintesi Stage Alternanza scuola-lavoro Visite aziendali Visite di istruzione Visite per l'orientamento post diploma In itinere ritornando sugli stessi argomenti con modalità diverse Corsi di recupero pomeridiani Prove oggettive Relazioni orali Relazioni scritte Saggio breve, analisi del testo Tema, soluzione di casi, risposte scritte a domande aperte 11

12 4.5 Attività scolastiche ed extra-scolastiche TIPO MATERIE COINVOLTE PERIODO Attività di RECUPERO in itinere Tutte le discipline Nell'arco dell'intero anno scolastico Convegno S.O.S LAVORO CERCASI DISPERATAMENTE DIRITTO 25 OTTOBRE Incontro di orientamento in uscita organizzato da CONFINDUSTRIA ANCONA PENSARE SECONDO NUOVI SCHEMI: GLI 8 VALORI CHE FANNO VOLARE Tutte le discipline 14 NOVEMBRE TEATRO IN LINGUA GREASE Inglese Febbraio VIAGGIO DI ISTRUZIONE Praga Aprile 12

13 4.6 Criteri di valutazione degli alunni del Consiglio di Classe La valutazione è lo strumento per l analisi del processo formativo, relativo alla verifica dell apprendimento conseguito rispetto agli obiettivi. In ambito cognitivo si è tenuto conto delle:conoscenze, competenze e capacità; in ambito non cognitivo si è tenuto conto della partecipazione, dell impegno e dello spirito cooperativo. La valutazione periodica del rendimento scolastico (quadrimestrale) si fonda sul conseguimento sia degli obiettivi cognitivi sia di quelli trasversali. Il rendimento scolastico viene valutato, tenendo conto anche della progressione rispetto ai livelli di partenza di ciascun alunno. Nella valutazione finale si è tenuto conto quindi dei criteri di valutazione stabiliti in sede di Collegio dei Docenti. RENDIMENTO Voto Cognitivi Non cognitivi valutazione Fino a 4 Ha conoscenze frammentarie e gravemente lacunose e non riesce a dimostrare quanto richiesto, nonostante l intervento dell insegnante. Comunica senza proprietà di linguaggio e commette gravi errori; non riesce a cogliere i concetti più semplici e le relazioni essenziali che legano tra loro i fatti anche più elementari. Si rifiuta di fare, non svolge i compiti assegnati e non porta il materiale didattico. Gravemente insufficiente 4.5/5 Evidenzia lacune e difficoltà che solo a volte riesce a superare con l aiuto dell insegnante. Solo se guidato arriva ad applicare conoscenze minime. Commette gravi errori anche nell eseguire semplici esercizi. Comunica in modo non sempre proprio. Ha difficoltà a cogliere i nessi logici e quindi ad analizzare temi, questioni e problemi. Svolge saltuariamente i compiti e partecipa alle attività solo se continuamente incalzato. Non sempre porta il materiale didattico. Insufficiente 5.5/6 Ha acquisito la maggioranza dei concetti essenziali della disciplina che usa in contesti noti e se opportunamente guidato, comunicando in modo semplicee non del tutto adeguato; riesce a cogliere gli aspetti e i nessi fondamentali, ma le sue analisi sono superficiali. Lavora in classe ma non sempre si impegna nello studio individuale. Porta il materiale richiesto. Sufficiente 7/8 Ha conoscenze sostanzialmente complete. Comunica in maniera chiara ed appropriata; ha una propria autonomia di lavoro; analizza temi e problemi in modo complessivamente corretto e compie alcuni collegamenti, arrivando ad una rielaborazione abbastanza autonoma. Partecipa attivamente alle proposte didattiche, si impegna regolarmente nello studio individuale. Discreto/Buono 9/10 Ha acquisito in modo completo e approfondito i contenuti e affronta con autonomia e competenza problemi nuovi e complessi. Espone i concetti in maniera chiara ed autonoma, utilizzando con competenza i linguaggi specifici. Dimostra capacità critica e coglie i collegamenti interdisciplinari. Partecipa attivamente e in maniera costruttiva alle proposte didattiche, si impegna nello studio individuale. Ottimo 13

14 COMPORTAMENTO INDICATORI VOTO Scrupoloso rispetto del Regolamento d Istituto Rispetto degli altri, dell istituzione scolastica e delle strutture e degli spazi dell Istituto Osservanza delle disposizioni organizzative e di sicurezza. Frequenza assidua o assenze sporadiche e giustificate, rari ritardi e/o uscite anticipate Puntuale e serio svolgimento delle consegne scolastiche Interesse e partecipazione propositiva alle lezioni ed alle attività della scuola Ruolo propositivo all interno della classe e ottima socializzazione 10 Rispetto degli altri, del regolamento di istituto e delle strutture e degli spazi dell Istituto Frequenza regolare con assenze sporadiche e giustificate rari ritardi e/o uscite anticipate Costante adempimento dei doveri scolastici e osservanza delle disposizioni organizzative e di sicurezza. Interesse e partecipazione attiva alle lezioni Equilibrio nei rapporti interpersonali Ruolo positivo e collaborazione nel gruppo classe 9 Rispetto degli altri, del regolamento di istituto e delle strutture e degli spazi dell Istituto Alcune assenze, ritardi e/o uscite anticipate a volte non giustificati nei tempi dovuti Svolgimento regolare dei compiti assegnati Discreta attenzione e partecipazione alle attività scolastiche Correttezza nei rapporti interpersonali Ruolo collaborativo al funzionamento del gruppo classe Rispetto degli altri e delle strutture e degli spazi dell Istituto Episodi limitati e non gravi di mancato rispetto del regolamento scolastico Ricorrenti assenze, ritardi e/o uscite anticipate Saltuario svolgimento dei compiti assegnati Partecipazione discontinua all attività didattica Interesse selettivo Rapporti sufficientemente collaborativi con i docenti e i compagni e il personale scolastico 8 7 Episodi di mancato rispetto del regolamento scolastico, anche soggetti a sanzioni disciplinari Frequenti assenze non giustificate nei tempi dovuti e numerosi ritardi e/o uscite anticipate Mancato svolgimento dei compiti assegnati Scarsa partecipazione alle lezioni e disturbo dell attività didattica Disinteresse per alcune discipline Rapporti problematici con i docenti e/o i compagni e/o il personale della scuola Mancato rispetto dell integrità delle strutture e degli spazi comuni 6 Reiterati gravi episodi di mancato rispetto del regolamento scolastico che hanno dato luogo a sanzioni disciplinari (allontanamento temporaneo dalle lezioni superiore a 15 giorni) Numerose assenze non giustificate nei tempi dovuti e continui ritardi e/o uscite anticipate Mancato svolgimento dei compiti assegnati Continuo disturbo delle lezioni Completo disinteresse per le attività didattiche Comportamento scorretto nel rapporto con gli altri Influenza negativa all interno del gruppo classe Mancato rispetto dell integrità delle strutture e degli spazi comuni Atti di violenza,offese alla dignità e integrità della persona Comportamenti lesivi della propria e altrui incolumità 5 /4 14

15 4.7 Certificazione e assegnazione dei Crediti Formativi Per quanto riguarda l assegnazione dei crediti formativi il Consiglio di Classe ha adottato i criteri inseriti nel POF, ove è stabilito che: in caso di promozione con debito formativo il consiglio di classe assegna il punteggio minimo previsto dalla banda relativa alla media dei voti riportata nello scrutinio finale; gli eventuali crediti formativi relativi ad esperienze acquisite al di fuori della scuola sono assegnati solo nel caso in cui tali esperienze siano state effettuate in ambiti e settori relativi allo specifico indirizzo professionale frequentato. Il Consiglio di classe, nel determinare il credito scolastico, ha attribuito il punteggio massimo previsto dalla banda relativa alla media dei voti anche in presenza di una valutazione particolarmente elevata conseguita nello stage formativo. QUADRO RIASSUNTIVO TERZO ANNO E BIENNO POST-QUALIFICA III ANNO IV ANNO V ANNO Alunno Proven. Stessa classe Credito scolastico Proven. Stessa classe Credito scolastico Stage Proven. Stessa classe Stage Prova Esperta Media dei voti Credito scolastico Totale Credito BETTINI ALESSANDRO 5 4 Suffic. Ottimo 6 6, CELESTINO LORIS 4 5 Buono Buono 7 7, CERCACI MATTEO 5 5 Buono 6, DEL GRANDE ANDREA IMPARATO ALESSIO Discreto Suffic. Buono Buono 5 6 6,22 6, KHARDANI HALIMA 7 6 Buono Buono MANETTI CHRISTIAN MOSCIATTI MATTEO PASQUINELLI GIULIA Buono Buono Ottimo Si Si Ottimo Ottimo Ottimo ,33 7,

16 5. PROVE DI ESAME 5.1 Griglie di valutazione Prova di Italiano (I prova) Candidato: Classe 5^A INDICATORI PESI LIVELLI Chiarezza e correttezza espositiva; proprietà lessicale Conoscenza degli argomenti ed attinenza alla traccia Prestazione nulla 1. Gravemente insufficiente 2. Insufficiente 3. Sufficiente 4. Discreto/Buono 5. Ottimo 0. Prestazione nulla 1. Gravemente insufficiente 2. Insufficiente 3. Sufficiente 4. Discreto/Buono LIVELLO VALUTATO PUNTEGGIO GREZZO Capacità di organizzare un testo e/o applicare le tecniche di analisi (del testo poetico o narrativo) 4 0. Prestazione nulla 1. Gravemente insufficiente 2. Insufficiente 3. Sufficiente 4. Discreto/Buono 0. Prestazione nulla Capacità di approfondire 1. Gravemente insufficiente gli argomenti, di 2 2. Insufficiente rielaborarli criticamente, 3. Sufficiente con originali- 4. Discreto/Buono tà. Max= 75 Min= 15 Suff= 45 TOTALE PUNTEGGIO GREZZO = PUNTEGGIO PERCENTUALE % = il voto complessivo attribuito alla prova: /15 N. B. Il voto complessivo risultante dalla somma dei punteggi attribuiti ai singoli indicatori, in presenza di numeri decimali, viene approssimato in eccesso all'unità superiore. La sufficienza è corrispondente al voto di 10/15 16

17 INDICATORI E PESI Chiarezza e correttezza espositiva; proprietà lessicale Peso 3 Conoscenza degli argomenti ed attinenza alla traccia Peso 6 Capacità di organizzare un testo e/o applicare le tecniche di a- nalisi (del testo poetico o narrativo) Peso 4 -Capacità di rielaborazione personale dei contenuti e di collegamento interdisciplinare Peso 2 GRIGLIA DI VALUTAZIONE: PRIMA PROVA SCRITTA LIVELLI DESCRITTORI di valutazione 0. Nulla Nessuna risposta data 1. Gravemente insufficiente Non è chiaro e non presenta correttezza espositiva né proprietà lessicale / è scorretto / frasi involute. 2. Insufficiente Lessico povero e/o improprio; forma talvolta scorretta./ Qualche errore grammaticale / forma approssimativa 3. Sufficiente Esposizione semplice. Sufficiente proprietà e correttezza. Sufficiente chiarezza. 4. Discreto/Buono Esposizione caratterizzata da lessico appropriato e corretto frasi sintatticamente adeguate, scorrevoli. 5. Ottimo Esposizione caratterizzata da ricchezza e controllo dei mezzi espressivi./eccellente abilità nell articolazione delle frasi, della forma. 0. Nulla Nessuna risposta data 1. Gravemente insufficiente Non ha compreso gli argomenti chiesti/ o le problematiche/ ha conoscenze lacunose molto limitate. 2. Insufficiente Ha svolto solo in parte le problematiche richieste./ Ha conoscenze non approfondite, ma limitate/frammentarie. 3. Sufficiente Individua le problematiche richieste, seppure in modo superficiale/ senza approfondimenti particolari. Ha conoscenze superficiali 4. Discreto/Buono Affronta le problematiche con discreta padronanza della materia, con conoscenze abbastanza complete. 5. Ottimo È sicuro nella trattazione del contenuto o delle conoscenze e le utilizza in modo approfondito e molto pertinente 0. Nulla Nessuna risposta data 1. Gravemente insufficiente Non dimostra di saper collegare le conoscenze. Elaborato disorganico nello svolgimento/ Non è ben collegato e conseguente con le premesse. 2. Insufficiente Una parte dell elaborato è più sviluppata dell altra. Mancano dei raccordi 3. Sufficiente Sufficientemente organico nelle sue varie parti. Coerente 4. Discreto/Buono Dimostra organicità discreta e consequenzialità logica nell applicazione delle conoscenze espresse 5. Ottimo Svolgimento molto organico e coeso. Applica le conoscenze con sicurezza e molta proprietà logica. 0. Nulla Nessuna risposta data 1. Gravemente insufficiente Non è in grado di rielaborare le conoscenze acquisite, non approfondisce gli argomenti, non espone punti di vista personali 2. Insufficiente Seppure sporadicamente e con molta incompletezza abbozza un punto di vista personale/ elabora le conoscenze, ma con errori concettuali. 3. Sufficiente Affronta ed elabora in modo sufficiente gli argomenti 4. Discreto/Buono Approfondisce in modo discreto le problematiche affrontate e dimostra giudizio autonomo apprezzabile. 5. Ottimo Dimostra buona/ottima capacità di approfondire gli argomenti rielaborandoli criticamente, con originalità/ evidenzia eccellenti abilità 17

18 Tipologia Pesi 2 IIS Podesti Calzecchi Onesti A: analisi del testo Indicatore 1 Parafrasi e/o comprensione complessiva del testo 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo 4 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo Indicatore 2 Analisi e commento del testo 3 Indicatore 3 Approfondimento e contestualizzazione 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo 3 Indicatore 4 Correttezza e proprietà di linguaggio 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo Voto max: 10/10 Voto suff: 6/10 Voto suff: 10/15 PUNTEGGIO GREZZO: ALUNNO: PUNTEGGIO IN PERCENTUALE: VOTO IN DECIMI: VOTO IN QUINDICESIMI: 18

19 Tipologia B: saggio breve/articolo di giornale Pesi 2 Indicatore 1 Capacità di utilizzare ed organizzare i dati 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo 3 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo Indicatore 2 Articolazione del testo Indicatore 3 Coesione e coerenza argomentativa 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo Indicatore 4 Capacità di approfondimento ed originalità 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo Indicatore 5 Correttezza e proprietà di linguaggio 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo Voto max: 10/10 Voto suff: 6/10 Voto suff: 10/15 PUNTEGGIO GREZZO: PUNTEGGIO IN PERCENTUALE: VOTO IN DECIMI: ALUNNO:. VOTO IN QUINDICESIMI: 19

20 Tipologia C e D: tema Pesi 2 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo Indicatore 1 Aderenza alla traccia 3 3 Indicatore 2 Articolazione e conoscenza contenuti 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo Indicatore 3 Coesione e coerenza argomentativa 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo 2 2 Indicatore 4 Capacità di approfondimento ed originalità 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo Indicatore 5 Correttezza e proprietà linguistica 1: gravemente insufficiente 2: insufficiente 3: sufficiente 4: discreto/buono 5: buono/ottimo Voto max: 10/10 Voto suff: 6/10 Voto suff: 10/15 PUNTEGGIO GREZZO: PUNTEGGIO IN PERCENTUALE: VOTO IN DECIMI: ALUNNO: VOTO IN QUINDICESIMI: 20

21 DESCRITTORI E LIVELLI (PRIMA PROVA) Tipologia A Analisi del testo PARAFRASI E/O COMPRENSIONE COMPLESSIVA DEL TESTO 5. BUONO OTTIMO Parafrasi e/o comprensione del testo completa e dettagliata nelle varie sfumature espressive. 4. DISCRETO - BUONO Parafrasi e/o comprensione complessivamente adeguata; discreto riconoscimento del significato del testo. 3. SUFFICIENTE Parafrasi e/o comprensione degli elementi essenziali e delle informazioni principali del testo. 2. INSUFFICIENTE Parafrasi e/o comprensione incompleta con alcuni fraintendimenti. Riconoscimento scorretto delle informazioni principali del testo. 1. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Parafrasi e/comprensione incompleta, con numerosi fraintendimenti. Mancato riconoscimento delle informazioni essenziali del testo. ANALISI E COMMENTO DEL TESTO 5. BUONO OTTIMO Individuazione completa e puntuale degli aspetti contenutistici, stilistici, retorici/narrativi, accompagnata da una spiegazione ampia ed esaustiva. 4. DISCRETO - BUONO Individuazione adeguata degli aspetti contenutistici, stilistici, retorici/narrativi, accompagnata da una spiegazione abbastanza completa. 3. SUFFICIENTE Individuazione sufficiente dei principali aspetti contenutistici, stilistici, retorici/narrativi, accompagnata da una spiegazione essenziale, ma corretta. 2. INSUFFICIENTE Individuazione parziale degli aspetti contenutistici, stilistici, retorici/narrativi, accompagnata da una spiegazione imprecisa e non sempre corretta. 1. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Mancato riconoscimento degli aspetti contenutistici, stilistici, retorici/narrativi. Spiegazione del tutto assente. APPROFONDIMENTO E CONTESTUALIZZAZIONE 5. BUONO OTTIMO Contenuto ottimo e legato al testo, con argomentazioni sicure ed adeguate. Contestualizzazione ampia e completa. 4. DISCRETO - BUONO Contenuto discreto e legato al testo, con argomentazioni adeguate. Contestualizzazione corretta. 3. SUFFICIENTE Contenuto sufficiente e nel complesso legato al testo con alcune informazioni utili a contestualizzare il testo in base alle richieste. 21

22 2. INSUFFICIENTE Contenuto debolmente legato al testo con argomentazioni confuse. Contestualizzazione superficiale e imprecisa. 1. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Contenuto slegato dal testo con argomentazioni e contestualizzazione del tutto assenti. CORRETTEZZA E PROPRIETA DI LINGUAGGIO 5. BUONO OTTIMO Si esprime in modo decisamente corretto, con proprietà linguistica, per cui l esposizione risulta efficace e fluida. 4. DISCRETO - BUONO Si esprime in modo abbastanza corretto, con lessico per lo più adeguato, per cui l esposizione è comprensibile e/o scorrevole. 3. SUFFICIENTE Si esprime in modo complessivamente corretto, pur in presenza di alcune improprietà lessicali e sintattiche. L esposizione risulta comunque comprensibile. 2. INSUFFICIENTE Si esprime in modo non sempre corretto, con diversi errori e improprietà lessicali e sintattiche. L esposizione in alcune parti non risulta comprensibile. 1. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Si esprime in modo quasi sempre scorretto, con molti errori e improprietà lessicali e sintattiche. L esposizione è incomprensibile in molte parti. Tipologia B Saggio breve/articolo di giornale CAPACITA DI UTILIZZARE ED ORGANIZZARE I DATI 5. BUONO OTTIMO La capacità e l organizzazione dei dati risulta pertinente e completa rispetto alle consegne. 4. DISCRETO - BUONO L elaborato risponde alle consegne con discreta omogeneità. 3. SUFFICIENTE L elaborato risulta nel complesso omogeneo e pertinente rispetto alla consegna. 2. INSUFFICIENTE L elaborato presenta parziale pertinenza rispetto alla tipologia e le consegne sono solo in parte soddisfatte GRAVEMENTE INSUFFICIENTE L elaborato non è assolutamente pertinente e non risponde affatto ad alcuna delle consegne. ARTICOLAZIONE DEL TESTO 5. BUONO OTTIMO Il testo si presenta articolato nei contenuti e sostenuto da un uso corretto delle informazioni. 4. DISCRETO - BUONO Il testo si presenta appropriato nei contenuti e sostenuto da un discreto uso delle informazioni. 3. SUFFICIENTE Il testo presenta una rielaborazione dei contenuti pertinente ma semplice. 2. INSUFFICIENTE Il testo risulta poco elaborato nel contenuto con un uso impreciso delle informazioni. 1. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE 22

23 Il testo risulta disomogeneo nel contenuto e con un uso assai scorretto delle informazioni. COESIONE E COERENZA ARGOMENTATIVA 5. BUONO OTTIMO Il testo si presenta ben coeso, fondato su relazioni logiche ineccepibili. 4. DISCRETO - BUONO Il testo presenta coerenza logica in tutte le sue arti ed una discreta coesione. 3. SUFFICIENTE Il testo presenta un sufficiente sviluppo logico pur con qualche disomogeneità. 2. INSUFFICIENTE Il testo presenta un parziale sviluppo del filo logico, con coesione e coerenza non sempre adeguate. 1. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Il testo presenta assenza completa di un filo logico e manca di coesione. CAPACITA DI APPROFONDIMENTO E ORIGINALITA 5. BUONO OTTIMO Contenuto ottimo e legato alla traccia, con argomentazioni ed approfondimenti sicuri ed originali. 4. DISCRETO - BUONO Contenuto discreto e legato alla traccia, con argomentazioni adeguate, abbastanza originali ed approfondite. 3. SUFFICIENTE Contenuto sufficientemente originale e nel complesso legato alla traccia con alcuni approfondimenti utili ad argomentare il testo in base alle richieste. 2. INSUFFICIENTE Contenuto debolmente legato alla traccia con argomentazioni ed approfondimenti confusi e poco originali. 1. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Contenuto slegato dalla traccia con argomentazioni e approfondimenti del tutto assenti e affatto originali. CORRETTEZZA E PROPRIETA DI LINGUAGGIO 5. BUONO OTTIMO Si esprime in modo decisamente corretto, con proprietà linguistica, per cui l esposizione risulta efficace e fluida. 4. DISCRETO - BUONO Si esprime in modo abbastanza corretto, con lessico per lo più adeguato, per cui l esposizione è comprensibile e/o scorrevole. 3. SUFFICIENTE Si esprime in modo complessivamente corretto, pur in presenza di alcune improprietà lessicali e sintattiche. L esposizione risulta comunque comprensibile. 2. INSUFFICIENTE Si esprime in modo non sempre corretto, con diversi errori e improprietà lessicali e sintatti- 23

24 che. L esposizione in alcune parti non risulta comprensibile. 1. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Si esprime in modo quasi sempre scorretto, con molti errori e improprietà lessicali e sintattiche. L esposizione è incomprensibile in molte parti. Tipogia C e D tema di argomento storico e di ordine generale ADERENZA ALLA TRACCIA 5. BUONO OTTIMO L elaborato risulta pienamente attinente alla traccia. 4. DISCRETO - BUONO L elaborato presenta una discreta aderenza alla traccia. 3. SUFFICIENTE L elaborato risulta sostanzialmente attinente alla traccia. 2. INSUFFICIENTE L elaborato risulta poco attinente alla traccia. 1. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE L elaborato risulta in ogni sua parte non attinente alla traccia. ARTICOLAZIONE E CONOSCENZA DEI CONTENUTI 5. BUONO OTTIMO Il testo si presenta articolato nei contenuti e sostenuto da un uso corretto delle informazioni. 4. DISCRETO - BUONO Il testo si presenta appropriato nei contenuti e sostenuto da un discreto uso delle informazioni. 3. SUFFICIENTE Il testo presenta una rielaborazione dei contenuti pertinente ma semplice. 2. INSUFFICIENTE Il testo risulta poco elaborato nel contenuto con un uso impreciso delle informazioni. 1. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Il testo risulta disomogeneo nel contenuto e con un uso assai scorretto delle informazioni. COESIONE E COERENZA ARGOMENTATIVA 5. BUONO OTTIMO Il testo si presenta ben coeso, fondato su relazioni logiche ineccepibili. 4. DISCRETO - BUONO Il testo presenta coerenza logica in tutte le sue arti ed una discreta coesione. 3. SUFFICIENTE Il testo presenta un sufficiente sviluppo logico pur con qualche disomogeneità. 2. INSUFFICIENTE Il testo presenta un parziale sviluppo del filo logico, con coesione e coerenza non sempre adeguate GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Il testo presenta assenza completa di un filo logico e manca di coesione. CAPACITA DI APPROFONDIMENTO E ORIGINALITA 24

25 5. BUONO OTTIMO Contenuto ottimo e legato alla traccia, con argomentazioni ed approfondimenti sicuri ed originali. 4. DISCRETO - BUONO Contenuto discreto e legato alla traccia, con argomentazioni adeguate e abbastanza originali ed approfondite. 3. SUFFICIENTE Contenuto sufficientemente originale e nel complesso legato alla traccia con alcuni approfondimenti utili ad argomentare il testo in base alle richieste. 2. INSUFFICIENTE Contenuto debolmente legato alla traccia con argomentazioni ed approfondimenti confusi e poco originali. 1. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Contenuto slegato dalla traccia con argomentazioni e approfondimenti del tutto assenti e affatto originali. CORRETTEZZA E PROPRIETA LINGUISTICA 5. BUONO OTTIMO Si esprime in modo decisamente corretto, con proprietà linguistica, per cui l esposizione risulta efficace e fluida. 4. DISCRETO - BUONO Si esprime in modo abbastanza corretto, con lessico per lo più adeguato, per cui l esposizione è comprensibile e/o scorrevole. 3. SUFFICIENTE Si esprime in modo complessivamente corretto, pur in presenza di alcuni e improprietà lessicali e sintattiche. L esposizione risulta comunque comprensibile. 2. INSUFFICIENTE Si esprime in modo non sempre corretto, con diversi errori e improprietà lessicali e sintattiche. L esposizione in alcune parti non risulta comprensibile. 1. GRAVEMENTE INSUFFICIENTE Si esprime in modo quasi sempre scorretto, con molti errori e improprietà lessicali e sintattiche. L esposizione è incomprensibile in molte parti. 25

26 5.1.2 Prova di Economia Aziendale (II prova) IIS Podesti Calzecchi Onesti Candidato: Classe 5^A INDICATORI PESI LIVELLI PUNTEGGIO Lacunosa 1 Conoscenza specifica degli argomenti Superficiale e imprecisa 2 richiesti 7 Essenziale e corretta 3 Articolata e corretta 4 Ricca e approfondita 5 Competenza: Limitata 1 individuazione delle informazioni Superficiale e imprecisa 2 e loro utilizzazione 4 Essenziale e corretta 3 Adeguata e puntuale 4 Completa e articolata 5 Competenza: Assente 1 padronanza del linguaggio specifico Limitata 2 della disciplina 2 Essenziale ma corretta 3 Adeguata 4 Completa 5 Capacità: Limitata 1 produzione autonoma Generica 2 2 Essenziale 3 Articolata e esauriente 4 Critica e rielaborata 5 Max= 75 Min= 15 Suff= 45 TOTALE PUNTEGGIO GREZZO = PUNTEGGIO PERCENTUALE % = LEGENDA 1 insufficiente 2 mediocre 3 sufficiente 4 discreto/buono 5 ottimo/eccellente La prova risulta sufficiente quando il candidato: Definisce i concetti essenziali dell argomento Fornisce semplici esemplificazioni Sa effettuare i collegamenti essenziali Utilizza il linguaggio specifico in modo corretto Il voto complessivo risultante dalla somma dei punteggi attribuiti ai singoli indicatori, in presenza di numeri decimali, viene approssimato per eccesso all unità superiore. La sufficienza è corrispondente al punteggio di 10/15. il voto complessivo attribuito alla prova: 26

27 5.1.3 Prova multidisciplinare(iii prova) - singola disciplina Candidato: Disciplina: INDICATORI PESI LIVELLI DESCRITTORI Compito non svolto Nessuna risposta data PUN- TI 0 P.GREZZO Singoli quesiti Conoscenza dei contenuti e dei principi fondamentali della disciplina 50% Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Discreto/Buono Conoscenze lacunose e molto frammentarie Conoscenze frammentarie,slegate e limitate Conoscenze adeguate ma talora superficiali Conoscenze adeguate 0,50 1,00 1,65 2,00 Corretto utilizzo delle conoscenze per la risoluzione dei problemi 35% Ottimo Compito non svolto Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Conoscenze complete e approfondite Nessuna risposta data Elenca in modo inadeguato le conoscenze senza cogliere i problemi Sa cogliere i problemi ma non organizza i contenuti dello studio in modo adeguato Coglie i problemi e organizza i contenuti dello studio in modo adeguato ma talora superficiale ,35 0,70 1,15 Discreto/Buono Coglie i problemi e organizza i contenuti dello studio in modo adeguato 1,40 Ottimo Compito non svolto Coglie i problemi e organizza i contenuti dello studio in modo coerente ed esaustivo Nessuna risposta data 1,75 0 Corretto utilizzo del linguaggio disciplinare 15% Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Usa il linguaggio disciplinare in modo non chiaro, con gravi confusioni ed errori Usa il linguaggio disciplinare in modo approssimativo e talora scorretto Si esprime in modo chiaro, usando il linguaggio disciplinare anche se con imprecisioni 0,15 0,30 0,50 Discreto/Buono Si esprime in modo chiaro, con linguaggio adeguato e lessico appropriato 0,60 Ottimo Ha ottima capacità nell articolazione delle frasi, della forma e usa agevolmente il linguaggio disciplinare 0,75 SOMMA PER SINGOLO QUESITO SOMMA TOTALE Punteggio sufficiente per singolo quesito: 10/15 La prova risulta sufficiente quando il candidato: Conosce i contenuti essenziali e li esprime in modo corretto Individua e utilizza le informazioni essenziali Effettua i collegamenti principali 27

28 5.1.4 Colloquio Multidisciplinare (valutazione in trentesimi) Il Consiglio di Classe ha concordato, per la conduzione del colloquio, di rispettare i seguenti indicatori, valutandoli secondo la griglia allegata: Padronanza della lingua e proprietà di linguaggio disciplinare Conoscenza specifica degli argomenti richiesti Capacità di utilizzare le conoscenze acquisite e di collegarle anche in forma interdisciplinare Capacità di discussione ed approfondimento dei diversi argomenti con punti di originalità o creatività CANDIDATO CLASSE 5^A INDICATORI PESI LIVELLI LIVELLO VALUTATO PUNTEGGIO GREZZO Padronanza della lingua e proprietà del linguaggio disciplinare Conoscenza specifica degli argomenti richiesti 12 Capacità di utilizzare e collegare le conoscenze acquisite Capacità di discutere e approfondire i diversi argomenti con personalizzazione originale e creativa Prestazione nulla 1. Gravemente insufficiente 2. Insufficiente 3. Sufficiente 4. Discreto/Buono 5. Ottimo 0. Prestazione nulla 1. Gravemente insufficiente 2. Insufficiente 3. Sufficiente 4. Discreto/Buono 5. Ottimo 0. Prestazione nulla 1. Gravemente insufficiente 2. Insufficiente 3. Sufficiente 4. Discreto/Buono 5. Ottimo 0. Prestazione nulla 1. Gravemente insufficiente 2. Insufficiente 3. Sufficiente 4. Discreto/Buono 5. Ottimo Max= 150 Min= 0 Suff= 90 TOTALE PUNTEGGIO GREZZO = PUNTEGGIO % = VOTO COMPLESSIVO ATTRIBUITO ALLA PROVA: /30 28

29 Indicatori e pesi Padronanza della lingua e proprietà di linguaggio disciplinare 5 Conoscenza specifica degli argomenti richiesti 12 Capacità di utilizzare le conoscenze acquisite o di collegarle anche in forma interdisciplinare 10 Capacità di discussione e approfondimento dei diversi argomenti con personalizzazione originale e creativa 3 Griglia di valutazione COLLOQUIO MULTIDISCIPLINARE Livelli di valore Descrittori Valutazione 0 Nullo Prestazione nulla. Totale silenzio 1 Non è chiaro e non presenta correttezza né proprietà lessicale/ Gravemente insufficiente è scorretto/ Frasi involute. 2 Lessico povero e/o improprio; forma talvolta scorretta. Insufficiente /Qualche errore grammaticale 3 Esposizione semplice. Linguaggio sufficientemente appropriato. Sufficiente sufficiente chiarezza. 4 Esposizione caratterizzata da lessico appropriato da discreta Buono sicurezza nel trattare gli argomenti richiesti 5 Esposizione caratterizzata da ricchezza e controllo dei mezzi Ottimo espressivi. Eccellente abilità nell esposizione. 0 Nullo Vuoto totale di conoscenze 1 Non ha compreso gli argomenti chiesti e/o le problematiche/ Gravemente insufficiente ha conoscenze lacunose, molto limitate 2 Ha esposto solo in parte le problematiche richieste.- Ha conoscenze non approfondite, ma limitate/ frammentarie. Insufficiente 3 Individua le problematiche richieste, seppure in modo superficiale/ Sufficiente senza approfondimenti particolari. Ha conoscenze super- ficiali. 4 Affronta le problematiche con discreta padronanza della materia, con conoscenze abbastanza complete. Buono 5 È sicuro nella trattazione del contenuto o delle conoscenze e le Ottimo utilizza in modo approfondito e molto pertinente 0 Nullo Prestazione nulla 1 Gravemente insufficiente Non dimostra di saper collegare le conoscenze. 2 Il coordinamento fra gli argomenti è limitato, di livello mediocre Insufficiente 3 Sufficiente Il raccordo fra gli argomenti è sufficientemente organico 4 Dimostra organicità discreta e consequenzialità logica Buono nell applicazione delle conoscenze espresse Applica le conoscenze ed effettua collegamenti con sicurezza e Ottimo 5 con molta proprietà logica 0 Nullo Prestazione nulla 1 Non è in grado di rielaborare le conoscenze acquisite, non approfondisce gli argomenti, non espone punti di vista personali. Gravemente insufficiente 2 Seppure sporadicamente e con molta incompletezza abbozza Insufficiente un punto di vista personale / elabora le conoscenze, ma con errori concettuali. 3 Sufficiente Affronta e elabora in modo sufficiente gli argomenti. 4 Approfondisce in modo discreto le problematiche affrontate e Buono dimostra giudizio autonomo apprezzabile. 5 Dimostra buona/ottima capacità di approfondire gli argomenti Ottimo rielaborandoli criticamente, con originalità / evidenzia eccellenti abilità. 29

30 5.1.5 Criteri adottati per il passaggio dal punteggio grezzo al voto Il punteggio grezzo da assegnare alla prova è la somma dei prodotti dei vari punteggi assegnati agli indicatori per i rispettivi pesi. ESEMPIO punteggio grezzo max = 75 punteggio percentuale = ( punteggio grezzo/75 ) x 100 percentuale sufficienza 0,5 Il punteggio grezzo di ogni indicatore sarà dato dalla prestazione fornita dal candidato con un punteggio (livello) da 1 a 5 moltiplicato per il relativo peso. Il punteggio grezzo totale ottenuto verrà diviso per il punteggio massimo acquisibile dal candidato e poi per 100. Il risultato complessivo sarà calcolato sulla base della media dei punteggi grezzi di ogni singola disciplina. Tale media sarà rapportata al punteggio massimo. La percentuale massima ottenuta farà riferimento alla tabella di valutazione proposta allegata al presente prospetto. 30

31 TABELLA DI CONVERSIONE Voto Voto In In Decimi Quindicesimi 0% Percentuale di Punteggio grezzo Voto In Trentesimi 2% % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % %

32 56% % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % % Punteggio Massimo Punteggio Sufficienza Percentuale Sufficienza 0,50 0,50 0,50 32

33 PRIMA SIMULAZIONE I PROVA CLASSE V A DATA ARGOMENTO DISCIPLINE COINVOLTE 1) 1) Tipologia A) analisi del testo Italiano 29/03/2014 2) ITALO SVEVO, Prefazione a la Storia Coscienza di Zeno. Storia dell arte 3) 2) Tipologia B) saggio breve o Sociologia articolo di giornale: Diritto - Economia 4) ambito artistico letterario Innamoramento e amore ; ambito socio-economico: Lavorare Scienze per vivere o vivere per lavorare? ; ambito storico-politico: Giovanni Giolitti: metodi di governo e programmi politici ; ambito tecnico-scientifico: Catastrofi naturali! La scienza dell uomo di fronte all imponderabile natura 5) 3) Tipologia C) tema di ordine storico: tra gli eventi tragici del XX secolo emerge in particolare l olocausto degli ebrei. Spiegane le possibili cause, ripercorrendone le fasi e gli eventi, ricordandone gli esiti e aggiungendo riflessioni personali, scaturite dall eventuale racconto di testimoni, da letture, da film o documentari. 4) Tipologia D)- tema di ordine generale: La musica diceva Aristotele (filosofo greco del IV sec. a.c.) non va praticata per un unico tipo di beneficio che da essa può derivare, ma per usi molteplici, poiché può servire per l educazione, per procurare la catarsi e in terzo luogo per la ricreazione, il sollievo e il riposo dallo sforzo. Il candidato si soffermi sulla funzione, sugli scopi e sugli usi della musica nella società contemporanea. Se lo ritiene opportuno, può fare riferimento anche a sue personali esperienze di pratica e/o di ascolto musicale. 6) OBIETTIVI Sicurezza e pertinenza nella trattazione degli argomenti, raggiungimento di un livello di esposizione caratterizzato da ricchezza e da controllo dei mezzi e- spressivi, abilità nella forma, svolgimento di un testo organico e coeso a seconda dell applicazione delle tecniche di analisi poetica o narrativa, capacità di approfondimento critico e di una rielaborazione originale del testo DURATA 6 ore 33

34 SIMULAZIONE I PROVA CLASSE V A DATA ARGOMENTO DISCIPLINE COINVOLTE 7) 1) Tipologia A) analisi del testo Italiano 22/05/2014 8) EUGENIO MONTALE, Felicità Storia raggiunta si cammina; Storia dell arte 9) 2) Tipologia B) saggio breve o Sociologia articolo di giornale: Diritto - Economia 10) ambito artistico letterario Affetti familiari ; ambito socioeconomico: il viaggio ; ambito Scienze storico-politico: Origini e sviluppi della cultura giovanile ; ambito tecnico-scientifico: Le nuove tecnologie e il diritto di privacy 11) 3) Tipologia C) tema di ordine storico: Illustra la situazione italiana negli anni immediatamente successivi alla Seconda Guerra Mondiale, facendo riferimento agli aspetti politici, sociali ed economici che la caratterizzarono, soffermandoti in particolare sulla nascita della Costituzione ed i suoi principi. 12) 4) Tipologia D)- tema di ordine generale: Nei suoi valori autentici l attività sportiva potrebbe promuovere un equilibrata maturità psicofisica, come pure insegnare il senso dell impegno e della costanza, dello sforzo, del rispetto per gli altri. Il candidato rifletta sull argomento analizzando il ruolo dello sport nella società contemporanea e facendo riferimento alle sue personali esperienze. OBIETTIVI Sicurezza e pertinenza nella trattazione degli argomenti, raggiungimento di un livello di esposizione caratterizzato da ricchezza e da controllo dei mezzi e- spressivi, abilità nella forma, svolgimento di un testo organico e coeso a seconda dell applicazione delle tecniche di analisi poetica o narrativa, capacità di approfondimento critico e di una rielaborazione originale del testo DURATA 6 ore 34

35 SIMULAZIONE SECONDA PROVA ESAME DI STATO Classe 5 A Servizi Commerciali Il mercato del lavoro ha subito profonde modifiche negli anni recenti dalla legge Biagi. Il candidato esponga questi mutamenti approfondendo in particolare i cambiamenti intervenuti in materia contrattuale. In seguito analizzi il divario a tuttoggi esistente nel rapporto di lavoro di un neoassunto e di un lavoratore dipendente alla fine del suo iter lavorativo in attesa di pensionamento. Si proceda in seguito alla redazione delle scritture contabili dell'azienda Alfa spa, con meno di 50 dipendenti, che riguardano la liquidazione ed il pagamento degli stipendi ai dipendenti a fine mese, al versamento di imposte e contributi entro i termini di legge e al calcolo e redazione delle scritture di assestamento riguardanti il Tfr. Successivamente sviluppi uno de seguenti punti: 1) presentare le registrazioni contabili, i calcolo e la destinazione di bilancio dei conti utilizzati riguardanti le seguenti scritture di assestamento: - mutuo passivo - valutazione delle rimanenze di prodotti finiti e di materie prime - stralcio di un credito, svalutazione specifica e svalutazione generica - prestito obbligazionario 2) presentare la relazione sull'andamento finanziario ed economico della Alfa spa, indicando anche le possibili decisioni da prendere, considerato il risultato dei seguenti indici di bilancio: - LEVERAGE = 1,6 - ROI= 6% - ROE = 4% - ROD = 3% - CCN = AUTONOMIA FINANZIARIA = 45% - MARGINE DI STRUTTURA ESSENZIALE = DATI MANCANTI A SCELTA. 35

36 2 SIMULAZIONE SECONDA PROVA ESAME DI STATO 2011/12 Classe 5 A Tecnico Servizi Commerciali Il candidato parli del controllo dei costi di gestione interna e dell importanza che assume per le aziende ai fini della programmazione aziendale sia in fase di costituzione che in fase di funzionamento. Si soffermi successivamente, presentando anche un esempio numerico, sui due metodi di tenuta della contabilità analitica chiamati Direct Costing e Full Costing e sulla Break Even Analysis evidenziandone le differenze, vantaggi e svantaggi, Sviluppi in seguito, con dati a scelta, opportunamente commentati, i seguenti punti: 1. Assumendo i dati necessari e partendo dal budget delle vendite per l anno 2011, si imposti il sistema di budget ritenuto necessario per una buona politica di controllo relativa all azienda Alfa spa che produce, tra gli altri, un tipo di lavatrice, il cui prezzo unitario di vendita è di 740, e un tipo di frigoriferi, il cui prezzo unitario di vendita è di 960. Si consideri che le vendite previste per l anno 2011 sono rispettivamente di unità per le lavatrici e di unità per i frigoriferi. 2. Supponendo che il reddito prima delle imposte della Alfa spa, nell anno n, sia stato di si presenti il calcolo dell IRES e dell IRAP di competenza ipotizzando, con dati mancanti a scelta, quanto segue: L impresa in data 1/08 ha acquistato un macchinario su cui calcola l ammortamento in base all aliquota ordinaria del 12%. Lo stesso giorno è stato venduto un macchinario usato realizzando una plusvalenza; Le spese di manutenzione e riparazione comprendono un canone per manutenzioni esterne su un impianto La plusvalenza realizzata con la permuta del macchinario verrà rateizzata in base a quanto disposto dall art. 54 del TUIR. Le rimanenze finali di prodotti e quelle di materie sono stati valutati in base al LIFO a scatti Gli ammortamenti sono stati tutti effettuati seguendo le aliquote del TUIR Ci sono interessi passivi compresi nei canoni di leasing gli interessi attivi bancari sono al lordo delle ritenute d acconto la svalutazione crediti è stata fatta in eccesso a quanto stabilito dal TUIR per 2 punti nel conto oneri sociali sono compresi premi Inail sono stati liquidati ma non pagati compensi agli amministratori per euro Si presentino infine le rilevazioni a PD al 31/12 del saldo imposte dell esercizio sapendo che durante l anno sono stati pagati acconti sia IRES che IRAP Data: 05/05/2014 ore assegnate per lo svolgimento 5 36

37 5.2.3 SIMULAZIONE III PROVA TIPO DI PROVA DISCIPLINE COINVOLTE OBIETTIVI DATA DURATA Tipologia B Matematica Inglese Francese Diritto Conoscere Collegare Produrre 17 marzo ore Tipologia B Matematica Inglese Francese Diritto Conoscere Collegare Produrre 12 maggio ore Il Consiglio di Classe ritiene che fra le varie tipologie di terza prova d esame, la tipologia B meglio soddisfi l'esigenza di valutare il raggiungimento delle finalità formative del corso di studi in oggetto. TESTI SIMULAZIONE TERZA PROVA (MAX 10 RIGHE); per LA DISCIPLINA DI DIRITTO- ECONOMIA (MAX 15 RIGHE) PRIMA SIMULAZIONE Disciplina: FRANCESE 1) Dites en quelques lignes ce que c est la Mercatique ou «Marketing». 1. Disciplina: Quelles sont les caractéristiques essentielles d un bon CV? 2. Le commerce équitable : qu en savez vous? MATEMATICA 1. Determinare se il lim x 2 x 2 2 x 5x 6 tende a: A. 0 B. C. D L insieme D di esistenza della funzione : y = x 2 4x 1 x 2 e : 3. Effettua lo studio della funzione y = x 1 x 2 11x

38 Disciplina: INGLESE Exercise no. 1 Read the letter and answer the questions: Our Ref. AS/gn 7 th June 2010 Hakusan Toki Inc. Ishiara Sumida-Ku, Tokyo Japan GAMES TIME spa Importazione Giochi Elettronici Via Sant Angelo Mantova Tel Fax Dear Sirs, We were given your company s name by the Tokyo Chamber of Commerce. W are among the largest importers of electronic games in Italy and are seeking new suppliers in order to expand our range as demand for the products we stock is growing rapidly. Please could you send us any literature detailing features and specifications that could help us to evaluate your products, together with your price list and conditions of delivery. As we expect to be able to place considerable orders, could you also let us have the discount you usually grant for bulk orders. Please note that most of our sales are at the beginning of autumn when retailers stock up for the Christmas period, so immediate delivery would be required. We look forward to receiving your offer. Yours faithfully, Antonio Santi Import Manager Read the letter and answer the questions: 1. Who is the sender? 2. Who is the sendee? 3. What kind of letter is it? 4. What does the sending company deal in? 5. What kind of information are they asking for? 6. Why do they ask for immediate delivery? 7. Who is Antonio Santi? 8. Are there any enclosures in the letter? 38

39 Prova Alunno M.C Exercise no. 1 Read the letter and answer the questions: Our Ref. AS/gn 7 th June 2010 Hakusan Toki Inc. Ishiara Sumida-Ku, Tokyo Japan GAMES TIME spa Importazione Giochi Elettronici Via Sant Angelo Mantova Tel Fax Dear Sirs, We were given your company s name by the Tokyo Chamber of Commerce. W are among the largest importers of electronic games in Italy and are seeking new suppliers in order to expand our range as demand for the products we stock is growing rapidly. Please could you send us any literature detailing features and specifications that could help us to evaluate your products, together with your price list and conditions of delivery. As we expect to be able to place considerable orders, could you also let us have the discount you usually grant for bulk orders. Please note that most of our sales are at the beginning of autumn when retailers stock up for the Christmas period, so immediate delivery would be required. We look forward to receiving your offer. Yours faithfully, Antonio Santi Import Manager Read the letter and answer the questions: 1. Who is the sender? 2. Who is the sendee? 3. What kind of letter is it? 4. What does the sending company deal in? 5. What kind of information are they asking for? 6. Why do they ask for immediate delivery? 7. Who is Antonio Santi? 8. Are there any enclosures in the letter? 39

40 2. Describe in short all the steps you should take in order to find a job. 3. Describe the new forms of distribution channels: OUTLET, TEMPORARY STORE, E-COMMERCE... TEMPORARY STORE... Disciplina: DIRITTO-ECONOMIA (max 15 righe) 1) L imprenditore della ditta Delta sport alla fine di febbraio riceve da suoi debitori pagamenti con cambiali non ancora scadute, dovendo provvedere al pagamento dello stipendio dei suoi 15 dipendenti e non avendo temporaneamente denaro liquido si rivolge alla sua banca di fiducia. Quale contratto dovrà stipulare con essa per poter disporre di immediata liquidità? Si illustri la relativa disciplina giuridica indicando anche in che modo si stipulano i contratti bancari. 2) Dopo aver illustrato la disciplina del contratto di leasing finanziario e indicato i vantaggi che questa tipologia di contratto determina alle parti si risolva il seguente quesito: l agente di commercio M. R. viene violentemente coinvolto in un incidente stradale di cui non ha colpa e la sua auto, detenuta con un contratto di leasing, viene completamente distrutta. Deve egli continuare a pagare le rate del canone o il contratto si risolve automaticamente? Perché? 3) Dopo aver illustrato brevemente la disciplina del contratto di franchising e gli obblighi e i vantaggi che questa tipologia contrattuale comporta per le parti, si illustrino i vantaggi e gli oneri che potrebbero derivare a tre socie di un negozio di profumeria qualora ottenessero il diritto di vendere prodotti del marchio Antica erboristeria naturale. Per una forma di pubblicità accanto all insegna Antica erboristeria naturale potrebbero lasciare l indicazione Anna & company? Se gli affari non dovessero andare bene chi dovrebbe rispondere della mancata vendita dei prodotti e di eventuali debiti? E configurabile una sorta di responsabilità in solido fra le parti del contratto? Si motivi la risposta. Seconda simulazione Disciplina: FRANCESE 1) Les «beurgeois»? Qui sont et de quoi dérive ce néologisme? 2) Quels sont les principaux contrats d embauche en France? Parlez-en! 3) Que savez-vous du système bancaire français? Disciplina: : MATEMATICA 40

41 1. Calcolare la derivata prima della funzione y = x2 4x 1 x 2 : 2. Determina solo i punti di max e min della seguente funzione y x 3 2x 2 5x 2 : 3. Effettua lo studio della funzione 2 x 2 y. 2 x 5x 6 Disciplina: INGLESE 1. Read the letter and answer the questions: 1. Who is the sending company?.. 2. What does the letter head contain?.. 3. What does the sending company deal in?. 4. Who is the sendee?. 5. What kind of letter is it?. 6. What is the subject?.. 7. What are they enclosing to the letter? 8. What method of payment have they chosen? 9. In what way are the prices quoted (incoterms)?. 10. What is Mr. Dean s position in the firm?. 2. Describe the process of a Letter of Credit, paying particular attention to its advantages. 3. What are the main advantages and disadvantages of Air Transport? Prova alunno M. C. 1. Read the letter and answer the questions: 1. Who is the sending company? 2. What does the letterhead contain? 3. What does the sending company deal in 4. Who is the sendee? 5. What kind of letter is it 41

42 3. Disciplina: DIRITTO (max 15 righe) 1) Dopo aver esposto la nozione di cambiale ci si soffermi, spiegandole, sulle sue due diverse tipologie ed infine si esponga l aspetto del pagamento e del mancato pagamento della cambiale. 2) Dopo aver illustrato la nozione, la funzione e i tipi di assegno, si risponda al seguente quesito : Paolo S. emette diversi assegni del valore complessivo di euro a fronte di una disponibilità bancaria di euro. A quali conseguenze si espone? 3) Dopo aver spiegato brevemente il ruolo della Banca d Italia e della BCE ci si soffermi sulle manovre di politica economica che questi Istituti possono attuare per regolare la quantità monetaria in circolazione, illustrando gli effetti di queste manovre. 42

43 ARGOMENTI SCELTI DAI CANDIDATI PER IL COLLOQUIO Art 5, comma 7, D.P.R. N.323/ 98 ALUNNO TITOLO BETTINI ALESSANDRO LA NEW ECONOMY CELESTINO LORIS IL RUOLO DEL SISTEMA BANCARIO NELL ECONOMIA MONDIALE CERCACI MATTEO Il CONTRATTO DI APPRENDISTATO DEL GRANDE ANDREA UN ECONOMIA CHE CRESCE: I BRICS IMPARATO ALESSIO I SOCIAL NETWORK KHARDANI HALIMA IL LAVORO MINORILE MANETTI CHRISTIAN IL RUOLO DEI TRASPORTI PER LA CRESCITA ECONOMICA MOSCIATTI MATTEO LA SINDROME DI PETER PAN PASQUINELLI GIULIA NUOVI STILI DI VITA PER UN ECONOMIA CHE SIA BENE COMUNE 43

44 6. ATTIVITÀ DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Lo stage formativo si è realizzato, per un totale di n. 120 ore nella classe quinta, di n. 160 ore nella classe quarta e di n.80 ore nella classe terza, all interno di imprese produttive o studi commerciali del territorio, con un orario di 8 ore lavorative giornaliere, e si è proposto i seguenti obiettivi: - sperimentare e verificare in un ambiente lavorativo quanto appreso durante il corso sempre sotto la guida di un tutor aziendale; - maturare un esperienza lavorativa significativa sotto il profilo della crescita individuale e professionale; - verificare il proprio modo di porsi all interno di un nuovo contesto formativo aziendale a contatto ed in sinergia con professionalità diversificate, - svolgere un efficace orientamento in prospettiva di un prossimo ingresso nel mondo del lavoro. L esperienza dello stage formativo è stata dunque concepita con finalità educativa, orientativa e di indirizzo, fornendo agli studenti importanti occasioni di apprendimento teorico-pratico inerente alle attività amministrative e gestionali delle piccole e medie imprese e degli studi professionali di tipo commerciale. Ad arricchire la preparazione hanno contribuito inoltre anche visite aziendali in industrie del territorio ed incontri con imprenditori (e loro associazioni) che sono stati organizzati durante i due anni di corso. A fine anno scolastico inoltre, gli alunni sono stati chiamati a sostenere una PROVA ESPERTA o Prova di Valutazione finale. Tale prova ha coinvolto tre delle discipline di indirizzo e cioè Economia Aziendale, Diritto ed Economia e Lingua Inglese, ed è stata strutturata in modo da valutare, in maniera simultanea, partendo da una traccia basata su una situazione concreta, la padronanza di più competenze e saperi da parte dei candidati. La verifica scritta riguardava l avvio di una nuova azienda e si richiedeva l analisi di casi e la messa in atto di procedure che coinvolgevano tutte e tre le discipline menzionate in precedenza. La prova orale invece è stata incentrata principalmente sulla relazione, presentata dagli alunni, relativa ai periodi di stage svolti negli ultimi due anni di scuola. La valutazione che la commissione ha stabilito per entrambe le prove si è basata sulle competenze raggiunte dai candidati e cioè sulla comprovata capacità di usare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e metodologiche. L esito finale della prova esperta è stato inserito nel Quadro riassuntivo del terzo anno e bienno postqualifica 44

45 6. DOCUMENTI ALLEGATI: a. Programmi Svolti e Relazioni finali b. P.E.I. e Relazione finale alunno Cercaci Matteo 45

46 IL PRESENTE DOCUMENTO E STATO APPROVATO ALL UNANIMITA DAL CONSIGLIO DI CLASSE IN DATA 14 MAGGIO 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof.re Vinicio Cerqueti I COMPONENTI DEL CONSIGLIO LAURA CONDELLO GIORGIO PERRONE LUCIANA MARCONI PAOLA TOMBESI STEFANIA VICHI MARIA ELISA COLA MARIA GRAZIA SAIU IVANA GRILLI VALERIA LACERRA CINZIA PREDICATORI MONIA VICARI MARIA GIOVANNA RABBONI DI CLASSE Chiaravalle, 14 maggio

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

FAQ sul corso serale

FAQ sul corso serale FAQ sul corso serale di A. Lalomia Premessa Si presenta in questa sede una serie di domande e risposte relative ad un corso serale pubblico, frutto dell esperienza più che decennale maturata in questi

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli