Le s.r.l. a socio unico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le s.r.l. a socio unico"

Transcript

1 Le s.r.l. a socio unico Circolare Unione del commercio, del turismo e dei servizi della provincia di Milano del 28 ottobre 1994 INDICE 1. Premessa 2. La normativa comunitaria: la XII Direttiva CEE (n. 89/667) in tema di società a responsabilità limitata con un unico socio 3. Il recepimento nell'ordinamento italiano della XII Direttiva (n. 89/667) 4. La società unipersonale a responsabilità limitata quale figura particolare della società a responsabilità limitata 5. La costituzione della società a responsabilità limitata unipersonale 6. La pubblicità 7. I conferimenti 8. Contratti tra società e socio unico 9. Il beneficio della responsabilità limitata 10. Valutazione di sintesi 11. Profili fiscali delle società unipersonali a responsabilità limitata - Decreto legislativo n. 88 del 3/03/1993 OGGETTO: società a responsabilità limitata e socio unico 1. PREMESSA PAG Di recente ha fatto ingresso nel nostro ordinamento la figura della società a responsabilità limitata con un unico socio. Si tratta di un importante innovazione sul piano legislativo, operata in attuazione della XII Direttiva Cee n. 89/667, con la quale si è inteso promuovere la creazione o la prosecuzione in forma societaria di piccole e medie imprese con un unico titolare. Il profilo più importante e innovativo è costituito dalla limitazione della responsabilità dell unico socio al patrimonio sociale. Di conseguenza viene meno l obbligo dell unico socio di rispondere illimitatamente, con tutto il suo patrimonio personale, delle obbligazioni sociali. La figura della società unipersonale non costituisce un organismo autonomo, ma si innesta nell ambito dell ordinamento delle società a responsabilità limitata. Continuano quindi a trovare applicazione i principi che regolano tale tipo di società. 2. LA NORMATIVA COMUNITARIA: LA XII DI- RETTIVA CEE (N. 89/667) IN TEMA DI SOCIE- TÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA CON UN UNICO SOCIO Come assai spesso accade l'evoluzione del diritto societario trova impulso nell iniziativa comunitaria. L istituto della società unipersonale a responsabilità limitata è stato infatti introdotto nel nostro ordinamento a seguito del recepimento dei principi dettati dalla XII Direttiva n. 667 del Consiglio Cee del 21 dicembre 1989 "in materia di diritto delle società relativa alle società a responsabilità limitata con un unico socio". La finalità "politica" della Direttiva era quella di attuare il programma di azione comunitaria a favore delle piccole e medie imprese (approvato dal Consiglio Cee il 3 novembre 1986), di promuovere cioè lo spirito imprenditoriale della Comunità, incoraggiando la creazione e lo sviluppo delle piccole e medie imprese: "l incoraggiamento dell accesso degli imprenditori unici alla forma societaria, che rappresenta il contesto migliore per lo sviluppo degli affari del mercato interno, rientra in questa politica" (cfr. rela- Finanza & Fisco pag. 3500

2 zione introduttiva alla proposta di XII Direttiva). Sotto il profilo giuridico la Direttiva si è proposta l obiettivo di armonizzare le legislazioni degli stati membri della Comunità in tema di società unipersonale a responsabilità limitata, prevedendo l introduzione di una disciplina uniforme nei singoli ordinamenti di tal tipo di società, caratterizzata dal beneficio, in capo all unico socio, della responsabilità limitata al patrimonio sociale per le obbligazioni societarie. L esigenza della armonizzazione scaturiva dalla circostanza che alcuni stati (tra cui l Italia) ignoravano completamente l istituto, mentre altri stati (tra cui la Germania, la Danimarca ecc.) consentivano la costituzione di questo tipo di società (un cenno a parte merita il Portogallo la cui legislazione prevede l impresa individuale a responsabilità limitata al patrimonio destinato all attività imprenditoriale). Lo strumento giuridico della forma societaria consente, quando vi è un unico imprenditore, da un lato, di far venire meno l obbligo di una pluralità di soci, di cui taluni sono in realtà solo dei prestanome e, dall altro, di predisporre una serie di garanzie che consentono di separare il patrimonio sociale da quello privato dell'imprenditore. Pertanto, "anche gli imprenditori unici sono incoraggiati ad assumere il rischio di creare imprese costituite in forma di società" in quanto "ciò consente loro di limitare la propria responsabilità al patrimonio dell'istituto all'esercizio di una determinata attività pur assicurando la necessaria tutela dei terzi" (relaz. introduttiva alla proposta di XII Direttiva). In tale quadro la XII Direttiva ha previsto alcune disposizioni concernenti solo le società unipersonali, fermo restando le disposizioni nazionali che disciplinano le società a responsabilità limitata. I principi dettati dalla XII Direttiva, che per quanto riguarda l'italia si riferiscono alla disciplina delle società a responsabilità limitata, sono riassumibili nel seguente schema: 1) Previsione dell'istituto della società unipersonale Gli stati membri devono prevedere nei loro ordinamenti la figura della società unipersonale. Si ha un tal tipo di società sia quando la società è costituita da un socio unico (società unipersonale ab initio), sia quando tutte le quote sociali siano cumulate in un solo socio (società unipersonale sopravvenuta). Dispone, infatti, l'art. 2, comma 1, della Direttiva in esame che "la società può avere un socio unico al momento della costituzione nonché quando tutte le quote siano cumulate in una sola mano (società unipersonale)". È evidente che con l'introduzione di una società unipersonale si vuole mettere a disposizione dell'imprenditore individuale uno strumento giuridico atto a limitare la propria responsabilità, agevolando il ricorso alla forma societaria in questione da parte delle persone fisiche e delle piccole e medie società. 2) Limitazioni del beneficio della responsabilità limitata delle società unipersonali Salvo casi eccezionali gli stati membri non possono prevedere la responsabilità solidale del socio unico per le obbligazioni della società. Tali casi eccezionali si spiegano con la necessità di evitare l'abuso della forma societaria in esame mediante la costituzione di società collegate a un unico soggetto. L' art. 2, comma 2, della XII Direttiva consente quindi agli stati membri di prevedere disposizioni speciali o sanzioni nelle seguenti ipotesi: a) quando una persona fisica sia il socio unico di più società; b) quando il socio unico di una società sia una società unipersonale; c) quando il socio unico di una società unipersonale sia una qualsiasi società di capitali. 3) La società unipersonale sopravvenuta Una società composta da una pluralità di soci può divenire società unipersonale qualora tutte le sue quote si trovino riunite nelle mani di una sola persona. In casi del genere l'art. 3 della Direttiva prescrive particolari adempimenti relativi alla pubblicità dell'unico socio e diretti alla tutela dei terzi. Pertanto, quando la società diventa, successivamente alla sua costituzione, unipersonale in seguito al cumulo di tutte le quote in un' unica mano occorre dare comunicazione della unipersonalità della società e delle generalità del socio unico nel fascicolo delle società o mediante la trascrizione nel registro delle imprese, ovvero mediante trascrizione in un apposito registro tenuto presso la sede della società e accessibile al pubblico. Finanza & Fisco pag. 3501

3 4) I poteri del socio unico Nella società unipersonale il socio unico esercita i poteri demandati all'assemblea dei soci (art. 4). Proprio per la caratteristica delle società unipersonali questi poteri non possono essere delegati. In considerazione di alcune divergenze tra le legislazioni degli stati membri, la Direttiva (art. 4, comma 2) consente che le decisioni adottate dal socio unico in qualità di assemblea generale dei soci siano iscritte al verbale oppure siano riportate per iscritto in altra forma. 5) Conflitto di interessi tra socio e società unipersonale Qualsiasi contratto stipulato tra una società unipersonale o pluripersonale e un socio rischia di far sorgere un conflitto di interessi, a cui le varie legislazioni nazionali fanno fronte con apposite previsioni. È evidente, tuttavia, che questo rischio è maggiore per la società unipersonale, per la quale è altresì indispensabile, al fine di garantire la trasparenza, che i patti, come le decisioni prese dal socio unico in luogo dell assemblea, siano pubblicizzati. Questo è il motivo per cui secondo la Direttiva "i contratti stipulati tra il socio e la società che egli rappresenta sono iscritti a verbale o redatti per iscritto" (art. 5). Per i contratti tra socio e società si richiede la forma scritta. Tuttavia gli stati membri possono non prescrivere la forma scritta nelle ipotesi in cui vengono in considerazione "operazioni correnti concluse a condizioni normali". 6) Previsione della responsabilità limitata anche nei confronti del socio unico di una società per azioni unipersonale La Direttiva tiene conto del fatto che certi stati membri permettono la società unipersonale non solo per la società a responsabilità limitata, ma anche per la società per azioni. Pertanto per evitare che il grado di tutela degli interessi dei soci e dei terzi diverga nella Comunità è stato imposto agli stati membri, la cui legislazione preveda la società per azioni unipersonale, di rispettare le disposizioni della Direttiva in esame (art. 6). Nel nostro ordinamento, non essendo previsto l istituto della società per azioni unipersonale i principi della Direttiva non hanno trovato applicazione. In particolare è rimasta ferma la previsione della responsabilità solidale dell unico azionista per le obbligazioni sociali. 7) L opzione, consentita agli stati membri, per l istituto dell impresa individuale a responsabilità limitata Gli stati membri possono introdurre contemporaneamente la società unipersonale e l'impresa unipersonale; in tale caso la Direttiva si applica a entrambe le forme di organizzazione. La Direttiva consente comunque agli stati membri di optare per uno dei due istituti (società unipersonale o impresa individuale a responsabilità limitata). Uno stato membro può non consentire la società unipersonale quando la sua legislazione preveda, a favore degli imprenditori persone fisiche, la possibilità di costituire imprese a responsabilità limitata ad un patrimonio destinato ad una determinata attività, purché per questo tipo di impresa siano previste garanzie equivalenti a quelle imposte dalla stessa Direttiva, nonché dalle altre disposizioni comunitarie. 8) Obbligo per gli stati membri di conformarsi alle disposizioni comunitarie Gli stati membri della Comunità sono i destinatari della XII Direttiva (art. 9). Essi cioè dovevano predisporre tutte le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla Direttiva entro il 1 gennaio IL RECEPIMENTO NELL ORDINAMENTO ITALIANO DELLA XII DIRETTIVA (N. 89/667) Il recepimento nel nostro ordinamento delle disposizioni dettate dalla XII Direttiva Cee (n. 89/667) è avvenuto con la legge delega n. 142 del 19 febbraio 1992 (legge comunitaria per il 1991), il cui art. 1 delegava il governo a emanare, entro il termine di un anno dalla data di entrata in vigore della stessa legge, i decreti legislativi recanti le norme occorrenti per dare attuazione alle Direttive delle Comunità europee (tra le quali era ricompresa la XII Direttiva). I principi e i criteri direttivi, a cui il governo doveva ottemperare, sono indicati dall art. 17 della legge delega n. 142/1992: 1) esclusione del beneficio della responsabilità li- Finanza & Fisco pag. 3502

4 mitata e conseguente applicazione delle disposizioni contenute nell art. 2497, comma 2, c.c. (responsabilità solidale dell unico socio per le obbligazioni sociali), qualora il socio unico sia una persona giuridica ovvero una persona fisica che ricopra la veste di socio unico di più società; 2) eventuale previsione di sanzioni amministrative o penali, nei limiti di cui all'art. 2 della stessa legge delega, quando non siano rispettati i seguenti obblighi posti dalla Direttiva: - pubblicizzazione dell'esistenza della società unipersonale e delle generalità dell'unico socio mediante trascrizione nel registro delle imprese o nell apposito registro tenuto presso la sede sociale e messo a disposizione del pubblico (art. 3); - iscrizione a verbale o redazione in forma scritta delle deliberazioni del socio unico in sede assembleare (art. 4), nonché dei contratti stipulati fra la società e il socio unico in proprio (art. 5); 3) applicazione della Direttiva alle sole società a responsabilità limitata. La legge delega ha escluso che le disposizioni comunitarie, in particolare quelle che prevedono la responsabilità limitata, possono essere estese ad altri tipi di società di capitali. Viene in considerazione sotto tale profilo la figura della società per azioni con un unico socio, figura riconosciuta dal nostro ordinamento. Tuttavia l inapplicabilità a tale figura della normativa comunitaria comporta delle conseguenze che portano a differenziare notevolmente la società unipersonale a responsabilità limitata e la società per azioni con un unico socio. Le conseguenze più significative sono: a) l impossibilità di costituire una società per azioni mediante un atto unilaterale; permane nel nostro ordinamento il principio che per la costituzione di una società per azioni occorre il requisito della pluralità dei soci fondatori, potendosi verificare l'ipotesi della società per azioni con un unico socio solo successivamente alla costituzione (quando le azioni si cumulano in un solo soggetto); b) permane la responsabilità illimitata e solidale per le obbligazioni sociali dell unico azionista; continua, in altri termini, a trovare applicazione l art c.c. in base al quale, in caso di insolvenza della società, per le obbligazioni sociali sorte nel periodo in cui le azioni risultano essere appartenute ad una sola persona, questa, a differenza che nel caso della società unipersonale a responsabilità limitata, risponde illimitatamente; c) inapplicabilità alle società per azioni con unico socio degli obblighi prescritti per le società unipersonali a responsabilità limitata; in particolare non devono essere comunicate al registro delle imprese l esistenza e le generalità dell unico socio, non devono essere redatti per iscritto i contratti tra società e unico socio, non devono essere integralmente liberati i conferimenti in denaro, ecc.. 4. LA SOCIETÀ UNIPERSONALE A RESPON- SABILITÀ LIMITATA QUALE FIGURA PARTI- COLARE DELLA SOCIETÀ A RESPONSABI- LITÀ LIMITATA La società a responsabilità limitata con un unico socio non costituisce una forma giuridica societaria autonoma e distinta dalla società a responsabilità limitata. Difatti la legge delegata che ha attuato i principi e i criteri direttivi di cui alla legge delega n. 142/1992 ha semplicemente integrato il corpus delle norme che disciplinano l istituto della società a responsabilità limitata, apportando quelle modifiche e quelle integrazioni che sono state giudicate necessarie per il recepimento dei principi indicati nella XII Direttiva comunitaria. La disciplina fondamentale delle società unipersonali e delle società pluripersonali a responsabilità limitata non cambia a seconda che queste siano state costituite direttamente per atto unilaterale o per contratto, ovvero vengano in essere successivamente alla costituzione a seguito della perdita o della ricostituzione della pluralità dei soci. La nuova disciplina è stata prevista dal D.L.gs. 3 marzo 1993, n. 88 (testo riportato a pag. 3508) ("Attuazione della Direttiva 89/667/CEE in materia di diritto delle società relativa alla società a respon- Finanza & Fisco pag. 3503

5 sabilità limitata con un unico socio") con il quale il legislatore nazionale ha inteso esercitare la delega, come affermato nella relazione di accompagnamento del Decreto Legislativo, "nel senso più restrittivo", giacché il privilegio della limitazione della responsabilità non opera in una serie di ipotesi prese in considerazione dalla legge. Pertanto, lo si ribadisce, la disciplina del D. Lgs. n. 88/1993 non crea un nuovo tipo di società (s.r.l. unipersonale con unico socio limitatamente responsabile), ma prevede norme che trovano applicazione nei confronti della società a responsabilità limitata a carattere unipersonale nei diversi momenti che il legislatore ha considerato rilevanti (costituzione, sopravvenuta mancanza della pluralità dei soci, ricostituzione della pluralità dei soci, rapporti economici con l unico socio). Ciò indipendentemente dalla natura dell "unico socio", cioè che si tratti di persona fisica o giuridica che possiede tutto il capitale sociale. La natura dell "unico socio" rileva, come si vedrà, unicamente sotto il profilo della responsabilità: limitata per la persona fisica, in conseguenza dell adempimento di taluni obblighi, e solidale per la persona giudica. 5. LA COSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA UNIPERSONALE Tra le novità di più evidente rilievo emergenti dal D.Lgs. n. 88/1993 figura quella della possibilità di costituire una s.r.l. da parte di un unico soggetto (sia esso persona fisica o giuridica). Diversamente che in passato quindi la società non deve essere costituita mediante un contratto tra più soggetti, ma può costituirsi anche con un atto unilaterale. Dispone l art. 2475, ultimo comma, c.c., come novellato dall art. 3 del D.Lgs. n. 88/1993): "La società può essere costituita con atto unilaterale. In tal caso, per le operazioni compiute in nome della società prima della sua iscrizione è responsabile, in solido con coloro che hanno agito, anche il socio fondatore". Dalla disposizione si desume anzitutto la rinuncia del nostro legislatore al tradizionale concetto della società come contratto. Permane il principio (né poteva essere altrimenti) che la società (come normalmente accade) possa avere origine da un contratto, più precisamente dal contratto di società così come definito dall art c.c. ("con il contratto di società due o più persone conferiscono beni o servizi per l esercizio in comune di un attività economica allo scopo di dividere gli utili"). Ciò che invece cambia è l introduzione nell ordinamento della facoltà di costituzione per atto unilaterale della (sola) società a responsabilità limitata. In altri termini muta la "nozione" di società, giacché essa non presuppone più ab initio la pluralità dei soci (è significativo che l art. 1 del D.Lgs. n. 88/1993 ha modificato la rubrica dell art c.c. da "nozione" di società in "contratto di società"). L atto unilaterale di costituzione di una società personale è soggetto alle medesime formalità previste per il contratto di società (cfr. art c.c.). La società deve costituirsi per atto pubblico. L atto costitutivo deve indicare, tra l'altro, oltre al nome e cognome dell unico socio, la sede sociale, l oggetto sociale e l ammontare del capitale che deve essere sottoscritto e interamente versato (art c.c.). L atto unilaterale di costituzione della s.r.l., assieme allo statuto che ne forma parte integrante, deve essere depositato dal notaio che lo ha ricevuto presso l ufficio del registro delle imprese entro trenta giorni dalla sua stipulazione. Prima della iscrizione, esso è soggetto al giudizio di omologazione da parte del tribunale. Il tribunale accerta l'esistenza delle condizioni richieste per la costituzione della società e controlla la conformità alla legge dell'atto. L'esito favorevole del controllo ha quale conseguenza l'emissione da parte del tribunale del decreto di omologazione, con il quale viene ordinata l'iscrizione della società nel registro delle imprese. L'atto costitutivo e lo statuto devono essere pubblicati nel Bollettino ufficiale delle società per azioni e a responsabilità limitata (art bis c.c.). L'effetto dell'iscrizione nel registro delle imprese consiste nell'acquisizione da parte della società della personalità giuridica (art c.c.). Il riconoscimento della personalità giuridica alla società unipersonale a responsabilità limitata attribuisce alla società la veste di soggetto di diritto distinto dal socio fondatore e conseguentemente limita la responsabilità dell unico socio persona fisica al capitale sociale conferito. Prima dell iscrizione nel registro delle imprese, è responsabile delle obbligazioni sociali, in solido con coloro che hanno agito, anche il socio fondatore. Finanza & Fisco pag. 3504

6 Si tratta di un principio di salvaguardia posto nell interesse dei terzi, nel senso che, prima che la società diventi soggetto di diritto, è parso opportuno far ricadere la responsabilità delle operazioni sociali non solo sull amministratore (come è previsto per tutte le società dall art. 2331, comma 2, c.c.), ma anche sull unico titolare della società sulla base della presunzione "che chi ha agito in nome della società non ancora iscritta sia uno strumento dell unico socio" (relazione accompagnatoria al D.Lgs. n. 88/1993). 6. LA PUBBLICITÀ L art. 4 del D.Lgs. n. 88/1993 ha introdotto nell ordinamento l art bis che prevede un particolare tipo di pubblicità per le società unipersonali a garanzia dei terzi. La pubblicità ha per oggetto la persona dell unico socio. Difatti, quando le quote societarie appartengono a un unico socio o quando muta la persona dell unico socio, è fatto obbligo agli amministratori di depositare per l iscrizione nel registro delle imprese una dichiarazione contenente l indicazione del cognome e nome, della data e luogo di nascita, del domicilio e cittadinanza dell unico socio. Analogamente quando viene meno la unipersonalità della società, gli amministratori devono depositare per l iscrizione nel registro delle imprese la dichiarazione che si è costituita o ricostituita la pluralità dei soci. La pubblicità è requisito fondamentale per accordare all unico socio il beneficio della responsabilità limitata. Ecco perché la legge consente al socio unico, in caso di inerzia degli amministratori, di sostituirsi ad essi nell attuare la pubblicità. In mancanza dell iscrizione nel registro delle imprese, anche per le obbligazioni sorte dopo il trasferimento di una quota da parte dell unico socio ad un nuovo socio, il vecchio socio unico potrebbe essere chiamato a rispondere con tutto il suo patrimonio delle obbligazioni sociali, a meno che non provi che il terzo era venuto altrimenti a conoscenza della diversa situazione societaria. Le dichiarazioni degli amministratori devono essere depositate entro quindici giorni dall iscrizione nel libro soci e devono indicare la data di tale iscrizione. Un altra forma di pubblicità ha per oggetto la natura unipersonale della società. L art. 2250, ultimo comma, c.c. (aggiunto dall art. 2 del D.Lgs. n. 88/1993 ) stabilisce che "negli atti e nella corrispondenza delle società a responsabilità limitata deve essere indicato se queste hanno un unico socio". La ratio della norma è quella di rendere edotti i terzi che vengano a contatto con la società della natura unipersonale della stessa. Oggetto delle indicazioni negli atti e nella corrispondenza deve essere unicamente la natura unipersonale della società, e non l identità del socio unico o altre informazioni risultanti dal registro delle imprese. Ancora, come rilevato nella relazione governativa, "la finalità della norma... non è dunque quella di indicare direttamente se per le obbligazioni della società risponda solo essa con il suo patrimonio oppure in via sussidiaria anche l'unico socio con il suo patrimonio, ma il mettere sull'avviso il terzo di questa alternativa in modo che possa venire a conoscenza consultando il registro delle imprese". 7. I CONFERIMENTI Quando la società a responsabilità limitata ha un unico socio il capitale sociale deve essere interamente versato (cfr. art c.c. come integrato dall'art. 5 del D.Lgs. n. 88/1993). Non è ammesso il versamento dilazionato dei decimi (es. i tre decimi al momento della costituzione). All atto della costituzione il versamento del capitale sociale, per l intero importo, deve essere effettuato presso un istituto di credito ai sensi dell art. 2329, n. 2, c.c., mentre per gli aumenti di capitale presso le casse sociali al momento della sottoscrizione. Nel caso in cui venga meno la pluralità dei soci, la legge impone all unico socio di effettuare i versamenti ancora dovuti entro tre mesi. La previsione dell integrale versamento dei conferimenti in denaro da parte dell unico socio ha la finalità di evitare abusi dello strumento della responsabilità limitata nelle società unipersonali. 8. CONTRATTI TRA SOCIETÀ E SOCIO UNICO Il nuovo art bis c.c. (introdotto dall art. 6 Finanza & Fisco pag. 3505

7 del D.Lgs. n. 88/1993) stabilisce che i contratti tra la società e l unico socio o le operazioni a favore dell unico socio devono, anche quando non è stata attuata la pubblicità dell iscrizione nel registro delle imprese del nominativo dell unico socio, essere trascritti nel libro delle adunanze e delle deliberazioni del consiglio di amministrazione oppure risultare da atto scritto. L adempimento di tali formalità è volto sia a salvaguardare i terzi, sia ad evitare conflitti di interessi tra socio e società. L ultimo comma dell art bis c.c. precisa poi che i crediti che il socio unico con responsabilità limitata vanta nei confronti della società non sono assistiti da cause legittime di prelazione. Si tratta quindi di crediti chirografari (e non privilegiati). 9. IL BENEFICIO DELLA RESPONSABILITÀ LIMITATA Il beneficio della responsabilità limitata è, insieme alla possibilità della costituzione per atto unilaterale, l elemento fondamentale di tutta la nuova disciplina della società unipersonale. La finalità di agevolare a livello comunitario la creazione o la prosecuzione in forma societaria di piccole e medie imprese con un unico titolare (persona fisica) è stata perseguita nel nostro ordinamento mediante la limitazione della responsabilità al patrimonio sociale dell'unico socio della s.r.l.. L art. 2497, comma 2, c.c. restringe tuttavia l ambito della responsabilità limitata. Le fattispecie di esclusione della responsabilità limitata (o, il che è lo stesso, di previsione della responsabilità illimitata) dell unico socio per le obbligazioni sociali sono le seguenti: a) quando l unico socio sia una persona giuridica. Il termine "persona giuridica" è da intendersi in senso lato e non in senso tecnico, altrimenti, contrariamente allo spirito della XII Direttiva, si precluderebbe ad una società di capitali di godere della responsabilità limitata che potrebbe essere accordata ad una società di persone; b) quando la persona fisica sia unico socio di una società di capitali; c) quando i conferimenti non siano stati effettuati per intero; d) fino a quando non sia stata attuata la pubblicità mediante l iscrizione nel registro delle imprese del nominativo dell unico socio. L esistenza di una delle fattispecie indicate rende il socio unico illimitatamente responsabile delle obbligazioni sociali. 10. VALUTAZIONE DI SINTESI L introduzione nel nostro ordinamento dello strumento della società unipersonale a responsabilità limitata risponde, come già in precedenza evidenziato, all esigenza, sentita in sede comunitaria, di promuovere l accesso degli imprenditori individuali alla forma societaria. La società a responsabilità limitata può essere costituita mediante un atto unilaterale di unico soggetto, il socio fondatore, il quale però è assoggettato ai seguenti vincoli: - è tenuto al versamento integrale del conferimento in denaro, costituente il capitale sociale, presso un istituto di credito; - è illimitatamente e solidamente responsabile, con coloro che le hanno poste in essere, per le operazioni compiute in nome della società prima della sua iscrizione al registro delle imprese; - nell'ipotesi di aumento del capitale sociale il versamento integrale del conferimento deve avvenire al momento della sottoscrizione dell aumento; - i contratti tra la società e l unico socio, nonché le operazioni a favore di quest ultimo devono risultare da atto scritto oppure devono essere annotati sul libro delle adunanze del consiglio di amministrazione; - i crediti del socio unico limitatamente responsabile nei confronti della società non sono assistiti da cause legittime di prelazione. A fronte di tali vincoli v è il privilegio della re- Finanza & Fisco pag. 3506

8 sponsabilità limitata al patrimonio sociale che la legge, salve le fattispecie indicate al paragrafo precedente, accorda al socio unico. 11. PROFILI FISCALI DELLE SOCIETÀ UNIPERSONALI A RESPONSABILITÀ LIMI- TATA Il trattamento fiscale delle società unipersonali a responsabilità limitata è il medesimo di quello che la legge prevede per tutti gli altri tipi di società di capitali. La unipersonalità della società non influisce sulla disciplina fiscale: essa rimane analoga a quella stabilita per tutti gli altri tipi di società di capitali. Il reddito conseguito dalla società a responsabilità limitata con un unico socio è soggetto ad Irpeg ai sensi dell art. 87, lett. a), del T.U.I.R. e ad Ilor ai sensi dell art. 116 del medesimo T.U.I.R. Rispetto alle società di persone ed alle imprese individuali, non v è alcuna differenza sotto il profilo dell imposizione patrimoniale (Ilor), mentre tale differenza è riscontrabile sotto il diverso aspetto dell imposizione personale. I soci delle società di persone e gli imprenditori individuali sono assoggettati ad Irpef, l imposta personale progressiva (per scaglioni) che grava sul reddito complessivo delle persone fisiche. Le società di capitali, invece, sono assoggettate ad Irpeg, l imposta personale proporzionale che grava sul reddito complessivo di tutti i soggetti diversi dalle persone fisiche (siano esse persone giuridiche in senso tecnico, che altri tipi di organizzazioni ). Il reddito della società a responsabilità limitata unipersonale, determinato secondo le norme del Capo VI del Titolo I del T.U.I.R. (concernenti il reddito di impresa), è assoggettato all aliquota Irpeg del 36% e a quella Ilor del 16,2%, con una incidenza complessiva pari al 52,2% del reddito imponibile. Il reddito complessivo delle società a responsabilità limitata è considerato dalla legge (art. 95 del T.U.I.R.) come reddito d impresa ed è determinato secondo le disposizioni degli artt. da 52 a 77. Redditi di altra natura possono quindi concorrere a formare il reddito d impresa, quali componenti positivi di tale reddito. La dichiarazione dei redditi, redatta sul mod. 760, deve essere presentata entro un mese dall approvazione del bilancio il quale deve essere redatto secondo i criteri formulati dagli artt c.c. e ss., come modificati o integrati dal D.Lgs. 9 aprile 1991, n. 127, che ha recepito la IV e la VII Direttiva CEE. Il socio unico avrà diritto agli utili prodotti dalla società solo a seguito della formale deliberazione assunta dallo stesso in sede assembleare. Il dividendo distribuito dalla società unipersonale assume una diversa qualificazione a seconda della natura del socio unico: se si tratta di una persona fisica si avrà un reddito di capitale; se invece si tratta di una società commerciale si avrà un reddito d impresa. I dividendi concorreranno alla formazione del reddito complessivo del socio unico nel periodo in cui sono percepiti. Ancora, i dividendi distribuiti dalla società unipersonale devono essere assoggettati ad una ritenuta d'imposta a titolo di acconto del 10%. Al socio unico spetterà un credito d'imposta pari a 9/16 dei dividendi percepiti, secondo quanto stabilito dall'art. 14 del T.U.I.R.. Si rammenta inoltre che nel caso di socio unico persona fisica che svolga la funzione di amministratore, il compenso percepito non è soggetto ad Ilor in quanto rientrante nella categoria dei redditi assimilati a quelli di lavoro autonomo. Finanza & Fisco pag. 3507

9 Decreto legislativo 3 marzo 1993, n. 88 (in Suppl. ord. n. 34 alla G. U., 3 aprile 1993, n. 78). Attuazione della direttiva 89/667/CEE in materia di diritto delle società relativa alla società a responsabilità limitata con un unico socio. Art. 1 Contratto di società 1. La rubrica dell art del codice civile è sostituita dalla seguente: «Contratto di società». Art. 2 Indicazione negli atti e nella corrispondenza 1. All art del codice civile è aggiunto il seguente comma: «Negli atti e nella corrispondenza delle società a responsabilità limitata deve essere indicato se queste hanno un unico socio». Art. 3 Costituzione 1. Il secondo comma dell art del codice civile è sostituito dai seguenti: «Si applicano alla società a responsabilità limitata le disposizioni degli articoli 2328, ultimo comma, 2329, 2330, 2330-bis, 2331, primo e secondo comma, 2332, con esclusione del n. 8, e La società può essere costituita con atto unilaterale. In tal caso, per le operazioni compiute in nome della società prima della sua iscrizione è responsabile, in solido con coloro che hanno agito, anche il socio fondatore». Art. 4 Pubblicità 1. Dopo l art del codice civile è inserito il seguente: «Art bis (Pubblicità). Quando le quote appartengono ad un solo socio o muta la persona dell unico socio, gli amministratori devono depositare per l iscrizione nel registro delle imprese una dichiarazione contenente l indicazione del cognome e nome, della data e luogo di nascita, del domicilio e cittadinanza dell unico socio. Quando si costituisce o ricostituisce la pluralità dei soci, gli amministratori ne devono depositare la dichiarazione per l iscrizione nel registro delle imprese. L unico socio o colui che cessi di essere tale può provvedere alla pubblicità prevista nei commi precedenti. Le dichiarazioni degli amministratori devono essere depositate entro quindici giorni dall iscrizione nel libro dei soci e devono indicare la data di tale iscrizione». Art. 5 Conferimenti 1. All art del codice civile sono aggiunti i seguenti commi: «In caso di costituzione della società con atto unilaterale il conferimento in danaro deve essere interamente versato ai sensi dell art. 2329, n. 2, del codice civile. In caso di aumento di capitale eseguito nel periodo in cui vi è un unico socio il conferimento in danaro deve essere interamente versato al momento della sottoscrizione. Se viene meno la pluralità dei soci, i versamenti ancora dovuti devono essere effettuati entro tre mesi». Art. 6 Contratti con il socio unico 1. Dopo l art del codice civile è inserito il seguente articolo: «Art bis (Contratti con il socio unico) I contratti tra la società e l unico socio o le operazioni a favore dell unico socio devono, anche quando non è stata attuata la pubblicità di cui all art bis, essere trascritti nel libro indicato nel n. 3 del primo comma dell art o risultare da atto scritto. I crediti dell unico socio non illimitatamente responsabile nei confronti della società non sono assistiti da cause legittime di prelazione». Art. 7 Responsabilità 1. Il secondo comma dell art del codice civile è sostituito dal seguente: «In caso di insolvenza della società, per le obbligazioni sociali sorte nel periodo in cui le quote sono appartenute ad un solo socio, questi risponde illimitatamente: a) quando sia una persona giuridica ovvero sia socio unico di altra società di capitali; b) quando i conferimenti non siano stati effettuati secondo quanto previsto dall art. 2476, secondo e terzo comma; c) fino a quando non sia stata attuata la pubblicità prescritta dall art bis». Art. 8 Disposizione transitoria 1. Per le società a responsabilità limitata che hanno un unico socio alla data di entrata in vigore del presente decreto, i termini stabiliti dagli articoli 2475-bis e 2476, terzo comma, del codice civile decorrono da tale data. Finanza & Fisco pag. 3508

LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE

LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE LA SOCIETA PER AZIONI UNIPERSONALE di Claudio Venturi Sommario: 1. Premessa. 2. La disciplina attuale. 2.1. Nelle società per azioni. 2.2. Nelle società a responsabilità limitata. 3. La nuova disciplina.

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti.

4. Cosa può essere oggetto di conferimento nella s.p.a.? Disciplina dei conferimenti in denaro e dei conferimenti di beni in natura o crediti. Le società di capitali 89 anche se non iscritte, vengono ad esistenza pur assumendo la condizione di società irregolari. In particolare, la società in nome collettivo non registrata è irregolare per tutto

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

LEZIONE 20 dicembre 2013

LEZIONE 20 dicembre 2013 1 LEZIONE 20 dicembre 2013 Società per azioni (S.P.A.) > è una persona giuridica, cioè un soggetto di diritto autonomo, dotato di capacità giuridica e di agire e di autonomia patrimoniale perfetta. La

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell

Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Relazione degli Amministratori, redatta ai sensi dell articolo 125 ter Testo Unico della Finanza, sull unico punto all ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 27 febbraio 2015

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE: N. 117261 /2009 protocollo Approvazione delle modalità di effettuazione della comunicazione di adesione ai contenuti degli inviti al contraddittorio ai fini delle imposte dirette e I.V.A. nonché delle

Dettagli

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE N O E S Le società Ripassare ed esercitarsi TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE Società di persone Società di capitali Società semplice Società in accomandita semplice Società cooperativa Società di mutua

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI

STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI 1 REGISTRO DELLE IMPRESE STRUMENTI FINANZIARI, TITOLI DI DEBITO e PATRIMONI DESTINATI 1/2006 febbraio 2006 www.an.camcom.it 1 2 INDICE PREMESSA... 3 1. SOCIETA PER AZIONI: STRUMENTI FINANZIARI... 3 1.1

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma,10 aprile 2009

CIRCOLARE N. 14/E. Roma,10 aprile 2009 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,10 aprile 2009 OGGETTO: Transazione fiscale Articolo 32, comma 5 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it

Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it COME FARE PER.. ITER BUROCRATICO PER LA CREAZIONE D IMPRESA Tel./Fax 081.760.72.23 e-mail: athena@na.camcom.it . SCEGLIERE LA FORMA GIURIDICA DELL IMPRESA GUIDA PRATICA Una delle prime scelte che deve

Dettagli

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote;

ovvero dalla distribuzione di riserve di capitale. Si intendono per riserve di capitale le riserve e i fondi costituiti con: azioni o quote; Tassazione dei dividendi La riforma del diritto societario ha introdotto importanti modifiche al regime di tassazione dei dividendi distribuiti a partire dal 1º gennaio 2004. Con la riforma viene modificato

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE

LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE CIRCOLARE N. 8 - SETTEMBRE 2012: LA MANOVRA MONTI E LE ULTIME NOVITA NORMATIVE COMUNICAZIONE DEI DATI DEI CONTI CORRENTI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE La Manovra Monti ha previsto l obbligo, da parte degli

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 14 aprile 2011 CIRCOLARE N. 15/E Roma, 14 aprile 2011 Direzione Centrale Normativa Oggetto: Articolo 42, decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 Reti di imprese

Dettagli

I conferimenti dei soci nelle Società di Capitali

I conferimenti dei soci nelle Società di Capitali Concas Alessandra I conferimenti dei soci nelle Società di Capitali Con la parola "conferimento" si indica l'apporto di beni da parte del socio alla società che siano effettivamente imputati al capitale

Dettagli

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi COSTI DEL TRUST Costi una tantum Imposta sulle donazioni (Circolare Agenzia delle Entrate n. 3 28/01/2008)

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE C i r c o l a r e d e l 3 m a g g i o 2 0 1 2 P a g. 1 di 7 Circolare Numero 16/2012 Oggetto ACE _ AIUTO ALLA CRESCITA ECONOMICA - AGEVOLAZIONI PER PROCESSI DI RICAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Sommario 1_

Dettagli

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO Cattedra di diritto commerciale Prof. Gian Domenico Mosco MATERIALI Circolare Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2001, n.92 E - Soppressione e semplificazione di adempimenti a carico del contribuente. (Estratto)

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1090 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VIETTI Delega al Governo per la riforma della disciplina delle persone giuridiche e delle

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IVU 2012-2017 TASSO FISSO PARZIALMENTE CONVERTIBILE

REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IVU 2012-2017 TASSO FISSO PARZIALMENTE CONVERTIBILE REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZIONARIO IVU 2012-2017 TASSO FISSO PARZIALMENTE CONVERTIBILE Art. 1 Importo e titoli Il prestito obbligazionario parzialmente convertibile IVU 2012-2017 Tasso Fisso Parzialmente

Dettagli

NAZIONALE DEL TERZO SETTORE

NAZIONALE DEL TERZO SETTORE Direzione Centrale Normativa Settore Imposte indirette Roma, Ufficio Enti non commerciali e Onlus FORUM NAZIONALE DEL TERZO SETTORE VIA DEL CORSO 262 00186 ROMA (RM) Prot. OGGETTO: Consulenza giuridica

Dettagli

SOMMARIO: 1. Premessa. Le associazioni riconosciute. 2. L intervento del Fondo di garanzia. 3. Istruzioni operative.

SOMMARIO: 1. Premessa. Le associazioni riconosciute. 2. L intervento del Fondo di garanzia. 3. Istruzioni operative. Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Coordinamento Generale Legale Roma, 11 Novembre 2008 Circolare n. 99 Allegati 3 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830

Organismo Italiano di Contabilità Approvato Comitato Esecutivo in data 25 giugno 2003 00187 Roma, Via Poli 29 Tel. 06/6976681 Fax: 06/69766830 L APPLICAZIONE IN ITALIA DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI E LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA DEL BILANCIO INTERVENTI LEGISLATIVI RELATIVI ALLA DISCIPLINA DEL BILANCIO IN CONSIDERAZIONE DEL D.LGS. 17 GENNAIO

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

S.p.A. in Italia: disciplina generale, adempimenti amministrativi e fiscali

S.p.A. in Italia: disciplina generale, adempimenti amministrativi e fiscali S.p.A. in Italia: disciplina generale, adempimenti amministrativi e fiscali Aspetti generali Il codice civile prevede due modi di costituzione della Società per azioni: la costituzione simultanea (mediante

Dettagli

BREVE GUIDA ALLA DETASSAZIONE DEI PREMI DI RISULTATO

BREVE GUIDA ALLA DETASSAZIONE DEI PREMI DI RISULTATO BREVE GUIDA ALLA DETASSAZIONE DEI PREMI DI RISULTATO L art. 1 commi da 182 a 189 della legge n. 208/2015 introduce un regime agevolato di natura fiscale per le somme corrisposte a titolo di premio di risultato

Dettagli

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013

La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 6 14 GENNAIO 2014 La certificazione dei dividendi corrisposti nel 2013 Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013

Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 ORIENTAMENTI FISCALI Ad uso degli Uffici Caaf50&Più e strutture convenzionate Anno VIII N. 4 / 2013 Redditi di capitale: certificazione relativa agli utili ed agli altri proventi equiparati corrisposti

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto.

NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. NOTA OPERATIVA N. 10 /2015 OGGETTO: Il bilancio di esercizio: analisi della composizione delle voci del Patrimonio Netto. A) IX - Utile (perdita) di esercizio - Premessa Come stabilito dalla Nota operativa

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA 1 PROGRAMMA DEL MODULO Cercheremo di fare chiarezza su: Ø Ø Ø Ø aspetti economico-aziendali aspetti civilistico-procedurali aspetti operativo-contabili principali lineamenti

Dettagli

INDICE. Sezione I Disposizioni generali

INDICE. Sezione I Disposizioni generali INDICE Evoluzione normativa societaria... Presentazione... pag. V XV D.Lgs. 17 gennaio 2003 n. 6. Riforma organica della disciplina delle società di capitali e società cooperative, in attuazione della

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE e-mail vric857007@istruzione.it PEC vric857007@pec.itruzione.it Sito: www.icnogara.gov.it REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON-LINE Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto n. 6 del

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

STATUTO. TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo

STATUTO. TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo STATUTO TITOLO 1 - Denominazione - Sede - Scopo Articolo 1 - E costituita l associazione senza fini di lucro denominata Information Systems Audit and Control Association (ISACA) Capitolo di Roma, con sede

Dettagli

Roma, 06 luglio 2009. Quesito

Roma, 06 luglio 2009. Quesito RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 luglio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Fusione tra società residenti in altri Stati

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

STATUTO. Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228.

STATUTO. Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228. STATUTO Articolo 1 Denominazione E costituita una Associazione denominata: COMUNITA OKLAHOMA ONLUS Articolo 2 Sede L Associazione ha sede in Milano - via Costantino Baroni n. 228. Articolo 3 Scopo L Associazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi

La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi La fiscalità dei trust di interesse familiare: casi particolari e confronto con strumenti alternativi Avv. Massimo Antonini 11 marzo 2011 massimo.antonini@chiomenti.net Patti di famiglia Caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

FRENDY ENERGY S.P.A.

FRENDY ENERGY S.P.A. FRENDY ENERGY S.P.A. Sede legale in Firenze, Via Fiume n. 11 Capitale sociale Euro 4.225.000,00 i.v. Codice fiscale ed iscrizione nel Registro delle Imprese di Firenze n. 05415440964 RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 febbraio 2007 e successivamente

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 11 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 11 agosto 1991, n. 266, in

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Le problematiche civilistiche e fiscali delle operazioni di finanza strutturata bancaria e dei fondi immobiliari UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Lezione del 11 febbraio 2014 Lezione

Dettagli

Fondazione Vodafone Italia

Fondazione Vodafone Italia TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Articolo I Denominazione, sede e durata É costituita una Fondazione sotto la denominazione Fondazione Vodafone Italia La Fondazione ha sede legale a Milano, Via Lorenteggio,

Dettagli

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi

Nuova disciplina della tassazione dei dividendi L Imposta sul Reddito delle Società (IRES) Rimini, 7 febbraio 2004 Nuova disciplina della tassazione dei dividendi Dott. Giorgio Nerpiti Studio Combattelli e Nerpiti - Dottori Commercialisti Associati

Dettagli

LE SOCIETA DI PERSONE

LE SOCIETA DI PERSONE DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO 1 CICLO DI SEMINARI PER CREARE NUOVE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA LE SOCIETA DI PERSONE PARTE SECONDA PAOLO VILLA martedi 28 ottobre 2014 SOCIETA IN ACCOMANDITA

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato.

Decreto 13 maggio 1999, n. 219. Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. Decreto 13 maggio 1999, n. 219 Disciplina dei mercati all ingrosso dei titoli di Stato. IL MINISTRO DEL TESORO DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA Visto il decreto legislativo 24 febbraio 1998,

Dettagli

GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA

GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA GLI ASPETTI TRIBUTARI DELL IMPRESA EDILE: L IMPOSIZIONE DIRETTA 1. Differente tassazione tra aziende individuali e aziende familiari Rispetto alla tassazione delle imprese individuali, le imprese familiari

Dettagli

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A.

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. Società a responsabilità limitata 1 S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. A seguito della riforma organica del diritto societario (D. Lgs. 6/2003) si differenzia

Dettagli

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI D I S C I P L I N A E Q U E S T I O N I A P E R T E STUDIO ASSOCIATO TRIBUTARIO E SOCIETARIO BELLINI SECCHI SAVIOTTI FLORITA 20121 MILANO - PIAZZA CASTELLO,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE. Onlus ed enti non commerciali.

CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE. Onlus ed enti non commerciali. CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Onlus ed enti non commerciali Domande Frequenti Sommario 1. Ai fini IRES cosa si intende per ente non commerciale?

Dettagli

LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE DALLA RIFORMA PER LE SOCIETA COOPERATIVE Le norme transitorie

LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE DALLA RIFORMA PER LE SOCIETA COOPERATIVE Le norme transitorie LE PRINCIPALI SCADENZE PREVISTE DALLA RIFORMA PER LE SOCIETA COOPERATIVE Le norme transitorie A cura di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Scheda riassuntiva delle scadenze. 3. Alcune osservazioni.

Dettagli

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti

Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti Le operazioni sul capitale nelle società di capitali. Gli aumenti 1 Le operazioni sul capitale Il capitale può subire, nel corso della gestione aziendale, variazioni di due tipi: Aumenti di capitale Riduzioni

Dettagli

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32

Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 Forme di attività economiche 2009-09-23 13:54:32 2 Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme di attività economica: Oggi nella realtà economica polacca funzionano le seguenti forme

Dettagli

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE

La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE La disciplina fiscale delle ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Le fonti normative Normativa fiscale Riferimenti D.P.R. 917/86 (T.U.I.R.) Artt. 73, 143-150 L. 398/91 Regime forfetario di determinazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef

CIRCOLARE N. 56/E. OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef CIRCOLARE N. 56/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 10 dicembre 2010 OGGETTO: Chiarimenti in merito ai soggetti destinatari della quota del cinque per mille dell Irpef 2 INDICE PREMESSA

Dettagli

Impresa Individuale. Società semplice Ss

Impresa Individuale. Società semplice Ss Impresa Individuale Solo il titolare I principali adempimenti amministrativi, da eseguire certificata PEC (non obbligatoria per l impresa Sono contenuti e riguardano principalmente: e L attuale sistema

Dettagli

SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE

SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE SOMMARIO DEL NUOVO ARTICOLATO DEL LIBRO V, TITOLI V e VI CODICE CIVILE LIBRO V DEL LAVORO TITOLO V DELLE SOCIETA' CAPO V SOCIETÀ PER AZIONI (modificato dall'art. 1, del D. Lgs. 17 gennaio 2003, n. 6, recante

Dettagli

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 Circolare n. 26 del 13 settembre 2013 Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 INDICE 1 Responsabilità ai fini fiscali

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE

PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE 1. Riferimenti normativi - Raccomandazione della Commissione del 6 maggio 2003, n. 2003/361/CE, relativa

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Il principio di trasparenza. IRPEF. IRES. REGIME DELLE CFC Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Dott.ssa Barbara Gilardi Titolo della lezione Schema I PARTE

Dettagli

Nuovi regimi. Fisco & Tributi

Nuovi regimi. Fisco & Tributi PUNTO pantano imp 11-03-2005 9:58 Pagina 38 Nuovi regimi a cura dello studio Pantano 38 Fisco & Tributi Le novità più rilevanti della riforma, in tema di dividendi, sono costituite dall'abolizione delle

Dettagli

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE ASSEMBLEA DEI SOCI DEL CREDITO VALTELLINESE DEL 26 E 27 APRILE 2013 MODALITÁ OPERATIVE DI PRESENTAZIONE DELLE LISTE PER LA NOMINA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PER IL TRIENNIO 2013-2015 In occasione

Dettagli

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone

Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Genova, 13 Gennaio 2015 Le società, la scelta del tipo societario, approfondimenti sulle società di persone Corso di preparazione alla professione di dottore commercialista ed esperto contabile 1 Quali

Dettagli

STATUTO Art. 1 Costituzione Primoconsumo Art. 2 Scopi ed attività Art. 3 Risorse economiche e patrimonio

STATUTO Art. 1 Costituzione Primoconsumo Art. 2 Scopi ed attività Art. 3 Risorse economiche e patrimonio STATUTO Art. 1 Costituzione E costituita l Associazione denominata Primoconsumo avente sede legale in Roma, Via Caracciolo n. 2 ed organizzata su base territoriale con sedi locali regionali (delegazioni

Dettagli

Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013. Nomina Collegio Sindacale

Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013. Nomina Collegio Sindacale Relazioni all Assemblea del 30 aprile 2013 Nomina Collegio Sindacale Collegio Sindacale nomina dei componenti effettivi e supplenti; nomina del Presidente; determinazione dei compensi dei componenti. Signori

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio

La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio Numero 38/2014 Pagina 1 di 12 La certificazione degli utili corrisposti nel 2013 entro il 28 febbraio Numero : 38/2014 Gruppo : ADEMPIMENTI Oggetto : MODELLO CUPE 2014 Norme e prassi : ART. 4 DEL D.P.R.

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS.

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. 58/1998 PARTE STRAORDINARIA Signori Azionisti, il Consiglio di Amministrazione di Astaldi S.p.A.

Dettagli

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci

Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica. Dott. Francesco Masci Operazioni straordinarie Parte fiscale - Operazioni di conferimento d'azienda Parte Pratica Dott. Francesco Masci Definizione Limitazione della nostra trattazione al conferimento d azienda o di ramo d

Dettagli

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option.

modificazioni, dalla Legge 6 agosto 2008, n. 133. Modifica del regime fiscale e contributivo delle stock option. Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 11/12/2009 Circolare n. 123 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

STATUTO Statuto di Associazione Circolo Ricreativo Territoriale Cilento affiliato FITeL

STATUTO Statuto di Associazione Circolo Ricreativo Territoriale Cilento affiliato FITeL STATUTO Statuto di Associazione Circolo Ricreativo Territoriale Cilento affiliato FITeL Art. 1 È costituita un associazione ricreativo-culturale denominata: Circolo Ricreativo Territoriale Cilento (Vallo

Dettagli

Quale tipo di società scegliere per il proprio business

Quale tipo di società scegliere per il proprio business Quale tipo di società scegliere per il proprio business È possibile scegliere la forma giuridica più conveniente all interno di queste quattro categorie: 1) Impresa individuale 2) Società di persone 3)

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti Quando più eredi acquisiscono la

Dettagli