Le s.r.l. a socio unico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le s.r.l. a socio unico"

Transcript

1 Le s.r.l. a socio unico Circolare Unione del commercio, del turismo e dei servizi della provincia di Milano del 28 ottobre 1994 INDICE 1. Premessa 2. La normativa comunitaria: la XII Direttiva CEE (n. 89/667) in tema di società a responsabilità limitata con un unico socio 3. Il recepimento nell'ordinamento italiano della XII Direttiva (n. 89/667) 4. La società unipersonale a responsabilità limitata quale figura particolare della società a responsabilità limitata 5. La costituzione della società a responsabilità limitata unipersonale 6. La pubblicità 7. I conferimenti 8. Contratti tra società e socio unico 9. Il beneficio della responsabilità limitata 10. Valutazione di sintesi 11. Profili fiscali delle società unipersonali a responsabilità limitata - Decreto legislativo n. 88 del 3/03/1993 OGGETTO: società a responsabilità limitata e socio unico 1. PREMESSA PAG Di recente ha fatto ingresso nel nostro ordinamento la figura della società a responsabilità limitata con un unico socio. Si tratta di un importante innovazione sul piano legislativo, operata in attuazione della XII Direttiva Cee n. 89/667, con la quale si è inteso promuovere la creazione o la prosecuzione in forma societaria di piccole e medie imprese con un unico titolare. Il profilo più importante e innovativo è costituito dalla limitazione della responsabilità dell unico socio al patrimonio sociale. Di conseguenza viene meno l obbligo dell unico socio di rispondere illimitatamente, con tutto il suo patrimonio personale, delle obbligazioni sociali. La figura della società unipersonale non costituisce un organismo autonomo, ma si innesta nell ambito dell ordinamento delle società a responsabilità limitata. Continuano quindi a trovare applicazione i principi che regolano tale tipo di società. 2. LA NORMATIVA COMUNITARIA: LA XII DI- RETTIVA CEE (N. 89/667) IN TEMA DI SOCIE- TÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA CON UN UNICO SOCIO Come assai spesso accade l'evoluzione del diritto societario trova impulso nell iniziativa comunitaria. L istituto della società unipersonale a responsabilità limitata è stato infatti introdotto nel nostro ordinamento a seguito del recepimento dei principi dettati dalla XII Direttiva n. 667 del Consiglio Cee del 21 dicembre 1989 "in materia di diritto delle società relativa alle società a responsabilità limitata con un unico socio". La finalità "politica" della Direttiva era quella di attuare il programma di azione comunitaria a favore delle piccole e medie imprese (approvato dal Consiglio Cee il 3 novembre 1986), di promuovere cioè lo spirito imprenditoriale della Comunità, incoraggiando la creazione e lo sviluppo delle piccole e medie imprese: "l incoraggiamento dell accesso degli imprenditori unici alla forma societaria, che rappresenta il contesto migliore per lo sviluppo degli affari del mercato interno, rientra in questa politica" (cfr. rela- Finanza & Fisco pag. 3500

2 zione introduttiva alla proposta di XII Direttiva). Sotto il profilo giuridico la Direttiva si è proposta l obiettivo di armonizzare le legislazioni degli stati membri della Comunità in tema di società unipersonale a responsabilità limitata, prevedendo l introduzione di una disciplina uniforme nei singoli ordinamenti di tal tipo di società, caratterizzata dal beneficio, in capo all unico socio, della responsabilità limitata al patrimonio sociale per le obbligazioni societarie. L esigenza della armonizzazione scaturiva dalla circostanza che alcuni stati (tra cui l Italia) ignoravano completamente l istituto, mentre altri stati (tra cui la Germania, la Danimarca ecc.) consentivano la costituzione di questo tipo di società (un cenno a parte merita il Portogallo la cui legislazione prevede l impresa individuale a responsabilità limitata al patrimonio destinato all attività imprenditoriale). Lo strumento giuridico della forma societaria consente, quando vi è un unico imprenditore, da un lato, di far venire meno l obbligo di una pluralità di soci, di cui taluni sono in realtà solo dei prestanome e, dall altro, di predisporre una serie di garanzie che consentono di separare il patrimonio sociale da quello privato dell'imprenditore. Pertanto, "anche gli imprenditori unici sono incoraggiati ad assumere il rischio di creare imprese costituite in forma di società" in quanto "ciò consente loro di limitare la propria responsabilità al patrimonio dell'istituto all'esercizio di una determinata attività pur assicurando la necessaria tutela dei terzi" (relaz. introduttiva alla proposta di XII Direttiva). In tale quadro la XII Direttiva ha previsto alcune disposizioni concernenti solo le società unipersonali, fermo restando le disposizioni nazionali che disciplinano le società a responsabilità limitata. I principi dettati dalla XII Direttiva, che per quanto riguarda l'italia si riferiscono alla disciplina delle società a responsabilità limitata, sono riassumibili nel seguente schema: 1) Previsione dell'istituto della società unipersonale Gli stati membri devono prevedere nei loro ordinamenti la figura della società unipersonale. Si ha un tal tipo di società sia quando la società è costituita da un socio unico (società unipersonale ab initio), sia quando tutte le quote sociali siano cumulate in un solo socio (società unipersonale sopravvenuta). Dispone, infatti, l'art. 2, comma 1, della Direttiva in esame che "la società può avere un socio unico al momento della costituzione nonché quando tutte le quote siano cumulate in una sola mano (società unipersonale)". È evidente che con l'introduzione di una società unipersonale si vuole mettere a disposizione dell'imprenditore individuale uno strumento giuridico atto a limitare la propria responsabilità, agevolando il ricorso alla forma societaria in questione da parte delle persone fisiche e delle piccole e medie società. 2) Limitazioni del beneficio della responsabilità limitata delle società unipersonali Salvo casi eccezionali gli stati membri non possono prevedere la responsabilità solidale del socio unico per le obbligazioni della società. Tali casi eccezionali si spiegano con la necessità di evitare l'abuso della forma societaria in esame mediante la costituzione di società collegate a un unico soggetto. L' art. 2, comma 2, della XII Direttiva consente quindi agli stati membri di prevedere disposizioni speciali o sanzioni nelle seguenti ipotesi: a) quando una persona fisica sia il socio unico di più società; b) quando il socio unico di una società sia una società unipersonale; c) quando il socio unico di una società unipersonale sia una qualsiasi società di capitali. 3) La società unipersonale sopravvenuta Una società composta da una pluralità di soci può divenire società unipersonale qualora tutte le sue quote si trovino riunite nelle mani di una sola persona. In casi del genere l'art. 3 della Direttiva prescrive particolari adempimenti relativi alla pubblicità dell'unico socio e diretti alla tutela dei terzi. Pertanto, quando la società diventa, successivamente alla sua costituzione, unipersonale in seguito al cumulo di tutte le quote in un' unica mano occorre dare comunicazione della unipersonalità della società e delle generalità del socio unico nel fascicolo delle società o mediante la trascrizione nel registro delle imprese, ovvero mediante trascrizione in un apposito registro tenuto presso la sede della società e accessibile al pubblico. Finanza & Fisco pag. 3501

3 4) I poteri del socio unico Nella società unipersonale il socio unico esercita i poteri demandati all'assemblea dei soci (art. 4). Proprio per la caratteristica delle società unipersonali questi poteri non possono essere delegati. In considerazione di alcune divergenze tra le legislazioni degli stati membri, la Direttiva (art. 4, comma 2) consente che le decisioni adottate dal socio unico in qualità di assemblea generale dei soci siano iscritte al verbale oppure siano riportate per iscritto in altra forma. 5) Conflitto di interessi tra socio e società unipersonale Qualsiasi contratto stipulato tra una società unipersonale o pluripersonale e un socio rischia di far sorgere un conflitto di interessi, a cui le varie legislazioni nazionali fanno fronte con apposite previsioni. È evidente, tuttavia, che questo rischio è maggiore per la società unipersonale, per la quale è altresì indispensabile, al fine di garantire la trasparenza, che i patti, come le decisioni prese dal socio unico in luogo dell assemblea, siano pubblicizzati. Questo è il motivo per cui secondo la Direttiva "i contratti stipulati tra il socio e la società che egli rappresenta sono iscritti a verbale o redatti per iscritto" (art. 5). Per i contratti tra socio e società si richiede la forma scritta. Tuttavia gli stati membri possono non prescrivere la forma scritta nelle ipotesi in cui vengono in considerazione "operazioni correnti concluse a condizioni normali". 6) Previsione della responsabilità limitata anche nei confronti del socio unico di una società per azioni unipersonale La Direttiva tiene conto del fatto che certi stati membri permettono la società unipersonale non solo per la società a responsabilità limitata, ma anche per la società per azioni. Pertanto per evitare che il grado di tutela degli interessi dei soci e dei terzi diverga nella Comunità è stato imposto agli stati membri, la cui legislazione preveda la società per azioni unipersonale, di rispettare le disposizioni della Direttiva in esame (art. 6). Nel nostro ordinamento, non essendo previsto l istituto della società per azioni unipersonale i principi della Direttiva non hanno trovato applicazione. In particolare è rimasta ferma la previsione della responsabilità solidale dell unico azionista per le obbligazioni sociali. 7) L opzione, consentita agli stati membri, per l istituto dell impresa individuale a responsabilità limitata Gli stati membri possono introdurre contemporaneamente la società unipersonale e l'impresa unipersonale; in tale caso la Direttiva si applica a entrambe le forme di organizzazione. La Direttiva consente comunque agli stati membri di optare per uno dei due istituti (società unipersonale o impresa individuale a responsabilità limitata). Uno stato membro può non consentire la società unipersonale quando la sua legislazione preveda, a favore degli imprenditori persone fisiche, la possibilità di costituire imprese a responsabilità limitata ad un patrimonio destinato ad una determinata attività, purché per questo tipo di impresa siano previste garanzie equivalenti a quelle imposte dalla stessa Direttiva, nonché dalle altre disposizioni comunitarie. 8) Obbligo per gli stati membri di conformarsi alle disposizioni comunitarie Gli stati membri della Comunità sono i destinatari della XII Direttiva (art. 9). Essi cioè dovevano predisporre tutte le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla Direttiva entro il 1 gennaio IL RECEPIMENTO NELL ORDINAMENTO ITALIANO DELLA XII DIRETTIVA (N. 89/667) Il recepimento nel nostro ordinamento delle disposizioni dettate dalla XII Direttiva Cee (n. 89/667) è avvenuto con la legge delega n. 142 del 19 febbraio 1992 (legge comunitaria per il 1991), il cui art. 1 delegava il governo a emanare, entro il termine di un anno dalla data di entrata in vigore della stessa legge, i decreti legislativi recanti le norme occorrenti per dare attuazione alle Direttive delle Comunità europee (tra le quali era ricompresa la XII Direttiva). I principi e i criteri direttivi, a cui il governo doveva ottemperare, sono indicati dall art. 17 della legge delega n. 142/1992: 1) esclusione del beneficio della responsabilità li- Finanza & Fisco pag. 3502

4 mitata e conseguente applicazione delle disposizioni contenute nell art. 2497, comma 2, c.c. (responsabilità solidale dell unico socio per le obbligazioni sociali), qualora il socio unico sia una persona giuridica ovvero una persona fisica che ricopra la veste di socio unico di più società; 2) eventuale previsione di sanzioni amministrative o penali, nei limiti di cui all'art. 2 della stessa legge delega, quando non siano rispettati i seguenti obblighi posti dalla Direttiva: - pubblicizzazione dell'esistenza della società unipersonale e delle generalità dell'unico socio mediante trascrizione nel registro delle imprese o nell apposito registro tenuto presso la sede sociale e messo a disposizione del pubblico (art. 3); - iscrizione a verbale o redazione in forma scritta delle deliberazioni del socio unico in sede assembleare (art. 4), nonché dei contratti stipulati fra la società e il socio unico in proprio (art. 5); 3) applicazione della Direttiva alle sole società a responsabilità limitata. La legge delega ha escluso che le disposizioni comunitarie, in particolare quelle che prevedono la responsabilità limitata, possono essere estese ad altri tipi di società di capitali. Viene in considerazione sotto tale profilo la figura della società per azioni con un unico socio, figura riconosciuta dal nostro ordinamento. Tuttavia l inapplicabilità a tale figura della normativa comunitaria comporta delle conseguenze che portano a differenziare notevolmente la società unipersonale a responsabilità limitata e la società per azioni con un unico socio. Le conseguenze più significative sono: a) l impossibilità di costituire una società per azioni mediante un atto unilaterale; permane nel nostro ordinamento il principio che per la costituzione di una società per azioni occorre il requisito della pluralità dei soci fondatori, potendosi verificare l'ipotesi della società per azioni con un unico socio solo successivamente alla costituzione (quando le azioni si cumulano in un solo soggetto); b) permane la responsabilità illimitata e solidale per le obbligazioni sociali dell unico azionista; continua, in altri termini, a trovare applicazione l art c.c. in base al quale, in caso di insolvenza della società, per le obbligazioni sociali sorte nel periodo in cui le azioni risultano essere appartenute ad una sola persona, questa, a differenza che nel caso della società unipersonale a responsabilità limitata, risponde illimitatamente; c) inapplicabilità alle società per azioni con unico socio degli obblighi prescritti per le società unipersonali a responsabilità limitata; in particolare non devono essere comunicate al registro delle imprese l esistenza e le generalità dell unico socio, non devono essere redatti per iscritto i contratti tra società e unico socio, non devono essere integralmente liberati i conferimenti in denaro, ecc.. 4. LA SOCIETÀ UNIPERSONALE A RESPON- SABILITÀ LIMITATA QUALE FIGURA PARTI- COLARE DELLA SOCIETÀ A RESPONSABI- LITÀ LIMITATA La società a responsabilità limitata con un unico socio non costituisce una forma giuridica societaria autonoma e distinta dalla società a responsabilità limitata. Difatti la legge delegata che ha attuato i principi e i criteri direttivi di cui alla legge delega n. 142/1992 ha semplicemente integrato il corpus delle norme che disciplinano l istituto della società a responsabilità limitata, apportando quelle modifiche e quelle integrazioni che sono state giudicate necessarie per il recepimento dei principi indicati nella XII Direttiva comunitaria. La disciplina fondamentale delle società unipersonali e delle società pluripersonali a responsabilità limitata non cambia a seconda che queste siano state costituite direttamente per atto unilaterale o per contratto, ovvero vengano in essere successivamente alla costituzione a seguito della perdita o della ricostituzione della pluralità dei soci. La nuova disciplina è stata prevista dal D.L.gs. 3 marzo 1993, n. 88 (testo riportato a pag. 3508) ("Attuazione della Direttiva 89/667/CEE in materia di diritto delle società relativa alla società a respon- Finanza & Fisco pag. 3503

5 sabilità limitata con un unico socio") con il quale il legislatore nazionale ha inteso esercitare la delega, come affermato nella relazione di accompagnamento del Decreto Legislativo, "nel senso più restrittivo", giacché il privilegio della limitazione della responsabilità non opera in una serie di ipotesi prese in considerazione dalla legge. Pertanto, lo si ribadisce, la disciplina del D. Lgs. n. 88/1993 non crea un nuovo tipo di società (s.r.l. unipersonale con unico socio limitatamente responsabile), ma prevede norme che trovano applicazione nei confronti della società a responsabilità limitata a carattere unipersonale nei diversi momenti che il legislatore ha considerato rilevanti (costituzione, sopravvenuta mancanza della pluralità dei soci, ricostituzione della pluralità dei soci, rapporti economici con l unico socio). Ciò indipendentemente dalla natura dell "unico socio", cioè che si tratti di persona fisica o giuridica che possiede tutto il capitale sociale. La natura dell "unico socio" rileva, come si vedrà, unicamente sotto il profilo della responsabilità: limitata per la persona fisica, in conseguenza dell adempimento di taluni obblighi, e solidale per la persona giudica. 5. LA COSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA UNIPERSONALE Tra le novità di più evidente rilievo emergenti dal D.Lgs. n. 88/1993 figura quella della possibilità di costituire una s.r.l. da parte di un unico soggetto (sia esso persona fisica o giuridica). Diversamente che in passato quindi la società non deve essere costituita mediante un contratto tra più soggetti, ma può costituirsi anche con un atto unilaterale. Dispone l art. 2475, ultimo comma, c.c., come novellato dall art. 3 del D.Lgs. n. 88/1993): "La società può essere costituita con atto unilaterale. In tal caso, per le operazioni compiute in nome della società prima della sua iscrizione è responsabile, in solido con coloro che hanno agito, anche il socio fondatore". Dalla disposizione si desume anzitutto la rinuncia del nostro legislatore al tradizionale concetto della società come contratto. Permane il principio (né poteva essere altrimenti) che la società (come normalmente accade) possa avere origine da un contratto, più precisamente dal contratto di società così come definito dall art c.c. ("con il contratto di società due o più persone conferiscono beni o servizi per l esercizio in comune di un attività economica allo scopo di dividere gli utili"). Ciò che invece cambia è l introduzione nell ordinamento della facoltà di costituzione per atto unilaterale della (sola) società a responsabilità limitata. In altri termini muta la "nozione" di società, giacché essa non presuppone più ab initio la pluralità dei soci (è significativo che l art. 1 del D.Lgs. n. 88/1993 ha modificato la rubrica dell art c.c. da "nozione" di società in "contratto di società"). L atto unilaterale di costituzione di una società personale è soggetto alle medesime formalità previste per il contratto di società (cfr. art c.c.). La società deve costituirsi per atto pubblico. L atto costitutivo deve indicare, tra l'altro, oltre al nome e cognome dell unico socio, la sede sociale, l oggetto sociale e l ammontare del capitale che deve essere sottoscritto e interamente versato (art c.c.). L atto unilaterale di costituzione della s.r.l., assieme allo statuto che ne forma parte integrante, deve essere depositato dal notaio che lo ha ricevuto presso l ufficio del registro delle imprese entro trenta giorni dalla sua stipulazione. Prima della iscrizione, esso è soggetto al giudizio di omologazione da parte del tribunale. Il tribunale accerta l'esistenza delle condizioni richieste per la costituzione della società e controlla la conformità alla legge dell'atto. L'esito favorevole del controllo ha quale conseguenza l'emissione da parte del tribunale del decreto di omologazione, con il quale viene ordinata l'iscrizione della società nel registro delle imprese. L'atto costitutivo e lo statuto devono essere pubblicati nel Bollettino ufficiale delle società per azioni e a responsabilità limitata (art bis c.c.). L'effetto dell'iscrizione nel registro delle imprese consiste nell'acquisizione da parte della società della personalità giuridica (art c.c.). Il riconoscimento della personalità giuridica alla società unipersonale a responsabilità limitata attribuisce alla società la veste di soggetto di diritto distinto dal socio fondatore e conseguentemente limita la responsabilità dell unico socio persona fisica al capitale sociale conferito. Prima dell iscrizione nel registro delle imprese, è responsabile delle obbligazioni sociali, in solido con coloro che hanno agito, anche il socio fondatore. Finanza & Fisco pag. 3504

6 Si tratta di un principio di salvaguardia posto nell interesse dei terzi, nel senso che, prima che la società diventi soggetto di diritto, è parso opportuno far ricadere la responsabilità delle operazioni sociali non solo sull amministratore (come è previsto per tutte le società dall art. 2331, comma 2, c.c.), ma anche sull unico titolare della società sulla base della presunzione "che chi ha agito in nome della società non ancora iscritta sia uno strumento dell unico socio" (relazione accompagnatoria al D.Lgs. n. 88/1993). 6. LA PUBBLICITÀ L art. 4 del D.Lgs. n. 88/1993 ha introdotto nell ordinamento l art bis che prevede un particolare tipo di pubblicità per le società unipersonali a garanzia dei terzi. La pubblicità ha per oggetto la persona dell unico socio. Difatti, quando le quote societarie appartengono a un unico socio o quando muta la persona dell unico socio, è fatto obbligo agli amministratori di depositare per l iscrizione nel registro delle imprese una dichiarazione contenente l indicazione del cognome e nome, della data e luogo di nascita, del domicilio e cittadinanza dell unico socio. Analogamente quando viene meno la unipersonalità della società, gli amministratori devono depositare per l iscrizione nel registro delle imprese la dichiarazione che si è costituita o ricostituita la pluralità dei soci. La pubblicità è requisito fondamentale per accordare all unico socio il beneficio della responsabilità limitata. Ecco perché la legge consente al socio unico, in caso di inerzia degli amministratori, di sostituirsi ad essi nell attuare la pubblicità. In mancanza dell iscrizione nel registro delle imprese, anche per le obbligazioni sorte dopo il trasferimento di una quota da parte dell unico socio ad un nuovo socio, il vecchio socio unico potrebbe essere chiamato a rispondere con tutto il suo patrimonio delle obbligazioni sociali, a meno che non provi che il terzo era venuto altrimenti a conoscenza della diversa situazione societaria. Le dichiarazioni degli amministratori devono essere depositate entro quindici giorni dall iscrizione nel libro soci e devono indicare la data di tale iscrizione. Un altra forma di pubblicità ha per oggetto la natura unipersonale della società. L art. 2250, ultimo comma, c.c. (aggiunto dall art. 2 del D.Lgs. n. 88/1993 ) stabilisce che "negli atti e nella corrispondenza delle società a responsabilità limitata deve essere indicato se queste hanno un unico socio". La ratio della norma è quella di rendere edotti i terzi che vengano a contatto con la società della natura unipersonale della stessa. Oggetto delle indicazioni negli atti e nella corrispondenza deve essere unicamente la natura unipersonale della società, e non l identità del socio unico o altre informazioni risultanti dal registro delle imprese. Ancora, come rilevato nella relazione governativa, "la finalità della norma... non è dunque quella di indicare direttamente se per le obbligazioni della società risponda solo essa con il suo patrimonio oppure in via sussidiaria anche l'unico socio con il suo patrimonio, ma il mettere sull'avviso il terzo di questa alternativa in modo che possa venire a conoscenza consultando il registro delle imprese". 7. I CONFERIMENTI Quando la società a responsabilità limitata ha un unico socio il capitale sociale deve essere interamente versato (cfr. art c.c. come integrato dall'art. 5 del D.Lgs. n. 88/1993). Non è ammesso il versamento dilazionato dei decimi (es. i tre decimi al momento della costituzione). All atto della costituzione il versamento del capitale sociale, per l intero importo, deve essere effettuato presso un istituto di credito ai sensi dell art. 2329, n. 2, c.c., mentre per gli aumenti di capitale presso le casse sociali al momento della sottoscrizione. Nel caso in cui venga meno la pluralità dei soci, la legge impone all unico socio di effettuare i versamenti ancora dovuti entro tre mesi. La previsione dell integrale versamento dei conferimenti in denaro da parte dell unico socio ha la finalità di evitare abusi dello strumento della responsabilità limitata nelle società unipersonali. 8. CONTRATTI TRA SOCIETÀ E SOCIO UNICO Il nuovo art bis c.c. (introdotto dall art. 6 Finanza & Fisco pag. 3505

7 del D.Lgs. n. 88/1993) stabilisce che i contratti tra la società e l unico socio o le operazioni a favore dell unico socio devono, anche quando non è stata attuata la pubblicità dell iscrizione nel registro delle imprese del nominativo dell unico socio, essere trascritti nel libro delle adunanze e delle deliberazioni del consiglio di amministrazione oppure risultare da atto scritto. L adempimento di tali formalità è volto sia a salvaguardare i terzi, sia ad evitare conflitti di interessi tra socio e società. L ultimo comma dell art bis c.c. precisa poi che i crediti che il socio unico con responsabilità limitata vanta nei confronti della società non sono assistiti da cause legittime di prelazione. Si tratta quindi di crediti chirografari (e non privilegiati). 9. IL BENEFICIO DELLA RESPONSABILITÀ LIMITATA Il beneficio della responsabilità limitata è, insieme alla possibilità della costituzione per atto unilaterale, l elemento fondamentale di tutta la nuova disciplina della società unipersonale. La finalità di agevolare a livello comunitario la creazione o la prosecuzione in forma societaria di piccole e medie imprese con un unico titolare (persona fisica) è stata perseguita nel nostro ordinamento mediante la limitazione della responsabilità al patrimonio sociale dell'unico socio della s.r.l.. L art. 2497, comma 2, c.c. restringe tuttavia l ambito della responsabilità limitata. Le fattispecie di esclusione della responsabilità limitata (o, il che è lo stesso, di previsione della responsabilità illimitata) dell unico socio per le obbligazioni sociali sono le seguenti: a) quando l unico socio sia una persona giuridica. Il termine "persona giuridica" è da intendersi in senso lato e non in senso tecnico, altrimenti, contrariamente allo spirito della XII Direttiva, si precluderebbe ad una società di capitali di godere della responsabilità limitata che potrebbe essere accordata ad una società di persone; b) quando la persona fisica sia unico socio di una società di capitali; c) quando i conferimenti non siano stati effettuati per intero; d) fino a quando non sia stata attuata la pubblicità mediante l iscrizione nel registro delle imprese del nominativo dell unico socio. L esistenza di una delle fattispecie indicate rende il socio unico illimitatamente responsabile delle obbligazioni sociali. 10. VALUTAZIONE DI SINTESI L introduzione nel nostro ordinamento dello strumento della società unipersonale a responsabilità limitata risponde, come già in precedenza evidenziato, all esigenza, sentita in sede comunitaria, di promuovere l accesso degli imprenditori individuali alla forma societaria. La società a responsabilità limitata può essere costituita mediante un atto unilaterale di unico soggetto, il socio fondatore, il quale però è assoggettato ai seguenti vincoli: - è tenuto al versamento integrale del conferimento in denaro, costituente il capitale sociale, presso un istituto di credito; - è illimitatamente e solidamente responsabile, con coloro che le hanno poste in essere, per le operazioni compiute in nome della società prima della sua iscrizione al registro delle imprese; - nell'ipotesi di aumento del capitale sociale il versamento integrale del conferimento deve avvenire al momento della sottoscrizione dell aumento; - i contratti tra la società e l unico socio, nonché le operazioni a favore di quest ultimo devono risultare da atto scritto oppure devono essere annotati sul libro delle adunanze del consiglio di amministrazione; - i crediti del socio unico limitatamente responsabile nei confronti della società non sono assistiti da cause legittime di prelazione. A fronte di tali vincoli v è il privilegio della re- Finanza & Fisco pag. 3506

8 sponsabilità limitata al patrimonio sociale che la legge, salve le fattispecie indicate al paragrafo precedente, accorda al socio unico. 11. PROFILI FISCALI DELLE SOCIETÀ UNIPERSONALI A RESPONSABILITÀ LIMI- TATA Il trattamento fiscale delle società unipersonali a responsabilità limitata è il medesimo di quello che la legge prevede per tutti gli altri tipi di società di capitali. La unipersonalità della società non influisce sulla disciplina fiscale: essa rimane analoga a quella stabilita per tutti gli altri tipi di società di capitali. Il reddito conseguito dalla società a responsabilità limitata con un unico socio è soggetto ad Irpeg ai sensi dell art. 87, lett. a), del T.U.I.R. e ad Ilor ai sensi dell art. 116 del medesimo T.U.I.R. Rispetto alle società di persone ed alle imprese individuali, non v è alcuna differenza sotto il profilo dell imposizione patrimoniale (Ilor), mentre tale differenza è riscontrabile sotto il diverso aspetto dell imposizione personale. I soci delle società di persone e gli imprenditori individuali sono assoggettati ad Irpef, l imposta personale progressiva (per scaglioni) che grava sul reddito complessivo delle persone fisiche. Le società di capitali, invece, sono assoggettate ad Irpeg, l imposta personale proporzionale che grava sul reddito complessivo di tutti i soggetti diversi dalle persone fisiche (siano esse persone giuridiche in senso tecnico, che altri tipi di organizzazioni ). Il reddito della società a responsabilità limitata unipersonale, determinato secondo le norme del Capo VI del Titolo I del T.U.I.R. (concernenti il reddito di impresa), è assoggettato all aliquota Irpeg del 36% e a quella Ilor del 16,2%, con una incidenza complessiva pari al 52,2% del reddito imponibile. Il reddito complessivo delle società a responsabilità limitata è considerato dalla legge (art. 95 del T.U.I.R.) come reddito d impresa ed è determinato secondo le disposizioni degli artt. da 52 a 77. Redditi di altra natura possono quindi concorrere a formare il reddito d impresa, quali componenti positivi di tale reddito. La dichiarazione dei redditi, redatta sul mod. 760, deve essere presentata entro un mese dall approvazione del bilancio il quale deve essere redatto secondo i criteri formulati dagli artt c.c. e ss., come modificati o integrati dal D.Lgs. 9 aprile 1991, n. 127, che ha recepito la IV e la VII Direttiva CEE. Il socio unico avrà diritto agli utili prodotti dalla società solo a seguito della formale deliberazione assunta dallo stesso in sede assembleare. Il dividendo distribuito dalla società unipersonale assume una diversa qualificazione a seconda della natura del socio unico: se si tratta di una persona fisica si avrà un reddito di capitale; se invece si tratta di una società commerciale si avrà un reddito d impresa. I dividendi concorreranno alla formazione del reddito complessivo del socio unico nel periodo in cui sono percepiti. Ancora, i dividendi distribuiti dalla società unipersonale devono essere assoggettati ad una ritenuta d'imposta a titolo di acconto del 10%. Al socio unico spetterà un credito d'imposta pari a 9/16 dei dividendi percepiti, secondo quanto stabilito dall'art. 14 del T.U.I.R.. Si rammenta inoltre che nel caso di socio unico persona fisica che svolga la funzione di amministratore, il compenso percepito non è soggetto ad Ilor in quanto rientrante nella categoria dei redditi assimilati a quelli di lavoro autonomo. Finanza & Fisco pag. 3507

9 Decreto legislativo 3 marzo 1993, n. 88 (in Suppl. ord. n. 34 alla G. U., 3 aprile 1993, n. 78). Attuazione della direttiva 89/667/CEE in materia di diritto delle società relativa alla società a responsabilità limitata con un unico socio. Art. 1 Contratto di società 1. La rubrica dell art del codice civile è sostituita dalla seguente: «Contratto di società». Art. 2 Indicazione negli atti e nella corrispondenza 1. All art del codice civile è aggiunto il seguente comma: «Negli atti e nella corrispondenza delle società a responsabilità limitata deve essere indicato se queste hanno un unico socio». Art. 3 Costituzione 1. Il secondo comma dell art del codice civile è sostituito dai seguenti: «Si applicano alla società a responsabilità limitata le disposizioni degli articoli 2328, ultimo comma, 2329, 2330, 2330-bis, 2331, primo e secondo comma, 2332, con esclusione del n. 8, e La società può essere costituita con atto unilaterale. In tal caso, per le operazioni compiute in nome della società prima della sua iscrizione è responsabile, in solido con coloro che hanno agito, anche il socio fondatore». Art. 4 Pubblicità 1. Dopo l art del codice civile è inserito il seguente: «Art bis (Pubblicità). Quando le quote appartengono ad un solo socio o muta la persona dell unico socio, gli amministratori devono depositare per l iscrizione nel registro delle imprese una dichiarazione contenente l indicazione del cognome e nome, della data e luogo di nascita, del domicilio e cittadinanza dell unico socio. Quando si costituisce o ricostituisce la pluralità dei soci, gli amministratori ne devono depositare la dichiarazione per l iscrizione nel registro delle imprese. L unico socio o colui che cessi di essere tale può provvedere alla pubblicità prevista nei commi precedenti. Le dichiarazioni degli amministratori devono essere depositate entro quindici giorni dall iscrizione nel libro dei soci e devono indicare la data di tale iscrizione». Art. 5 Conferimenti 1. All art del codice civile sono aggiunti i seguenti commi: «In caso di costituzione della società con atto unilaterale il conferimento in danaro deve essere interamente versato ai sensi dell art. 2329, n. 2, del codice civile. In caso di aumento di capitale eseguito nel periodo in cui vi è un unico socio il conferimento in danaro deve essere interamente versato al momento della sottoscrizione. Se viene meno la pluralità dei soci, i versamenti ancora dovuti devono essere effettuati entro tre mesi». Art. 6 Contratti con il socio unico 1. Dopo l art del codice civile è inserito il seguente articolo: «Art bis (Contratti con il socio unico) I contratti tra la società e l unico socio o le operazioni a favore dell unico socio devono, anche quando non è stata attuata la pubblicità di cui all art bis, essere trascritti nel libro indicato nel n. 3 del primo comma dell art o risultare da atto scritto. I crediti dell unico socio non illimitatamente responsabile nei confronti della società non sono assistiti da cause legittime di prelazione». Art. 7 Responsabilità 1. Il secondo comma dell art del codice civile è sostituito dal seguente: «In caso di insolvenza della società, per le obbligazioni sociali sorte nel periodo in cui le quote sono appartenute ad un solo socio, questi risponde illimitatamente: a) quando sia una persona giuridica ovvero sia socio unico di altra società di capitali; b) quando i conferimenti non siano stati effettuati secondo quanto previsto dall art. 2476, secondo e terzo comma; c) fino a quando non sia stata attuata la pubblicità prescritta dall art bis». Art. 8 Disposizione transitoria 1. Per le società a responsabilità limitata che hanno un unico socio alla data di entrata in vigore del presente decreto, i termini stabiliti dagli articoli 2475-bis e 2476, terzo comma, del codice civile decorrono da tale data. Finanza & Fisco pag. 3508

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri La società tra professionisti (c.r.385) Roma, maggio 2013 Ing. Armando Zambrano Ing. Fabio Bonfà Ing. Gianni Massa Ing. Riccardo Pellegatta Ing. Michele Lapenna

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa GUIDA ALL IMPRENDITORIA Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa A cura di Tiziana Zagni Provincia di Ferrara Indice Le forme giuridiche dell impresa pag. 3 L Impresa individuale pag. 4 L Impresa

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI

ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 15 dicembre 2010 Criteri per l iscrizione all Albo nella categoria 8: intermediazione e commercio dei rifiuti. IL COMITATO NAZIONALE Visto il decreto legislativo

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale

Documento. n. 20. Verbali e procedure del collegio sindacale Documento n. 20 Verbali e procedure del collegio sindacale Giugno 2013 VERBALI E PROCEDURE DEL COLLEGIO SINDACALE Si ringraziano per il loro contributo Niccolò Abriani, Cristina Bauco, Luciano Berzè, Marcellino

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L.

INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE S.R.L.R.L. INFORMAZIONI ESSENZIALI AI SENSI DELL ART. 130 E 131 DEL REGOLAMENTO CONSOB 14 MAGGIO 1999 N. 11971 RELATIVE AL PATTO PARASOCIALE FRA EQUILYBRA CAPITAL PARTNERS S.P.A., L&B CAPITAL S.P.A., ROOFTOP VENTURE

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese

IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese IL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO Redazione, approvazione e pubblicazione nel Registro delle imprese di Claudio Venturi Sommario: - 1. Soggetti obbligati. 1.1. Consorzi. 1.2. Consorzi di garanzia

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli