Istituto d Istruzione Superiore Statale per i servizi Commerciali Turistici e Pubblicitari R. Magiotti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto d Istruzione Superiore Statale per i servizi Commerciali Turistici e Pubblicitari R. Magiotti"

Transcript

1 Istituto d Istruzione Superiore Statale per i servizi Commerciali Turistici e Pubblicitari R. Magiotti ANALISI DEL CONTESTO LOCALE Il bacino d'utenza dell'istituto è costituito dai sedici Comuni del Valdarno Superiore Aretino e Fiorentino e dai Comuni limitrofi del Chianti Senese e dell Aretino. Lo sviluppo della zona, vivacissima fin dal Medioevo, non ha conosciuto rilevanti soluzioni di continuità ed ha fatto anzi registrare, nell'ultimo secolo, originali esperienze di tipo industriale ed artigianale, (basti ricordare i cappellifici di Montevarchi, la ferriera di San Giovanni Valdarno e le vetrerie di Figline e le più recenti iniziative nel settore dell'abbigliamento, dell'ortoflorovivaismo e del turismo). Una particolare sottolineatura merita la presenza di vie di comunicazione primarie (l Autostrada del Sole e la Ferrovia Firenze-Roma). L attuale situazione produttiva è caratterizzata da poche grandi imprese affiancate, da molte piccole e medie aziende, e da una miriade di imprese artigianali a conduzione familiare che necessitano di personale competente e specializzato. Altresì il nostro territorio e le province vicine sono ricche di strutture ricettive che ricercano personale specializzato. Il nostro istituto professionale si pone come riferimento del territorio per formare professionalità che possono inserirsi positivamente nelle attività commerciali e turistiche esistenti, formando figure professionali con competenze relative all amministrazione ed alla gestione aziendale, al marketing ed alla grafica pubblicitaria. La scelta di puntare sul nuovo indirizzo socio-sanitario, rappresenta una risposta ad un attenta analisi del territorio. Il Valdarno può contare sulla presenza di numerosi centri specializzati nella riabilitazione, o ancora di strutture che ospitano anziani e case famiglie, senza dimenticare le lauree brevi in scienze biomediche. E ormai acquisita dagli operatori di tutti i settori l idea che non è più sufficiente disporre di personale ben addestrato tecnicamente, ma con un basso livello d istruzione. Per vincere la sfida globale che ha investito tutti i settori e per mantenere le proprie posizioni di mercato, è necessario poter contare su operatori che abbiano una formazione culturale tale da permettere loro un continuo autoaggiornamento tecnico professionale in grado di fornire sempre la risposta adeguata alla situazione contingente. Accanto a questa richiesta di professionalità, emerge però sempre più la necessità di elementi formativi culturali, che siano in grado di conferire ai nostri diplomati doti di flessibilità, autonomia e dinamicità.

2 L ISTITUTO ED IL TERRITORIO L'attenzione alle esigenze del territorio costituisce il filo conduttore della storia dell'istituto "Magiotti". La "Scuola tecnica" (comunale), venne istituita nel 1866 su iniziativa di quella classe borghese e filantropica che deteneva il potere nei maggiori centri del Valdarno e che aveva individuato nello sviluppo di competenze pratico operative la leva per l ulteriore sviluppo dei commerci e delle manifatture e per creare un apparato amministrativo burocratico che ambiva ad essere più efficiente di quello pre unitario. Animatore di questa prima fase fu Ruggero Berlingozzi che, prima da docente, poi da direttore, fece della Scuola, per molto tempo, l unico centro d istruzione secondaria del Valdarno; un punto di riferimento che, grazie alle numerose e valide iniziative culturali, superò i confini della vallata. In seguito a due importanti provvedimenti (la Parificazione ottenuta nel 1899 e la legificazione del 1911) la scuola consolidò la sua presenza nel territorio, incrementando la popolazione scolastica e l'organico dei docenti. Le tappe successive confermano la capacità dell'istituto di rispondere alle nuove richieste che provenivano dal territorio in particolare dal mondo del lavoro e del commercio. Ne sono testimonianza i mutamenti di denominazione e d indirizzi che si registrano, a partire dagli anni venti, fino al 1961, quando la Scuola Tecnica Commerciale divenne Istituto Professionale per il Commercio. In questo ultimo decennio, seguendo attentamente le linee di tendenza che sono scaturite dal lungo dibattito relativo alla riforma della Secondaria superiore, l Istituto ha colto le nuove proposte educative e formative adeguandole alle esigenze del territorio. Dopo un periodo di sperimentazione del Decreto Ministeriale 24 aprile 1992, denominato Progetto 92, l Istituto Magiotti ha attuato nell anno scolastico il passaggio definitivo ad un Nuovo Ordinamento, rispettando i tempi previsti dalla normativa. Questo è stato possibile perché gli Organi collegiali dell Istituto hanno condiviso le proposte di rinnovamento, per cui oggi il personale docente ed amministrativo ha acquisito competenze ed esperienze tali da essere in grado di elaborare gli ulteriori progetti conseguenti alla legge n. 53 del 2003 che prevedono una nuova organizzazione della Scuola Secondaria Superiore, senza correre il rischio dell improvvisazione. Con il nuovo ordinamento per gli istituti professionali relativo al d.p.r. del 15 marzo 2010 n. 87 art. 8 gli istituti professionali hanno subito una profonda ridefinizione relativamente all istruzione e alla formazione professionale. Nell anno scolastico 2011/12 erano stati attivati tre indirizzi (Tecnico dei servizi turistici, Tecnico della gestione aziendale, Tecnico della grafica pubblicitaria) che confluivano in un indirizzo unico per i SERVIZI COMMERCIALI (con opzione servizi commerciali e opzione grafici). Per ulteriori informazioni vedi

3 A partire dall anno scolastico 2012/13 nel nostro istituto sono stati attivati: un indirizzo Professionale per i Servizi Socio Sanitari, Il Liceo Artistico ad Indirizzo Grafico Attualmente è dislocato in due differenti sedi, caratterizzate ciascuna da indirizzi diversi: Sede centrale - Via Galilei, 3 Montevarchi : Indirizzo Gestione Aziendale, Corso serale per l Indirizzo Gestione Aziendale e Liceo Artistico Grafico. Succursale - Via Marconi, 7 - Montevarchi : Indirizzo Grafico Pubblicitario e Indirizzo Socio sanitario PRESENTAZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA (corsi precedenti alla riforma) L offerta formativa inizia con un itinerario di accoglienza per gli studenti del 1 anno, esteso anche alle famiglie, finalizzato ad una conoscenza più adeguata della scuola scelta e ad un facile inserimento nel sistema didattico superiore. Nel corso del biennio a tutte le attività didattico formativo specifiche si affianca un adeguata opera di orientamento per una scelta più consapevole dell indirizzo di specializzazione. L Istituto attiva tutte le iniziative necessarie per rispondere ad una utenza differenziata proveniente da un bacino territoriale molto vasto e da contesti socio/culturali diversi. Il principio ispiratore è quello di offrire a ogni persona le giuste opportunità per evidenziare le proprie attitudini e capacità sia per raggiungere competenze di base che livelli d eccellenza. L offerta formativa del biennio post qualifica conferma gli obiettivi generali e comportamentali del biennio, mentre integra il curricolo con attività a carattere professionalizzante mirate a far acquisire conoscenze, competenze e capacità di più elevato tenore disciplinare ed un maggior senso critico e di autovalutazione. L attivazione del corso serale dell indirizzo economico aziendale, rivolto ai lavoratori, ha permesso di adottare, anche nel nostro territorio, delle misure per realizzare gli obiettivi del long life learning, e di offrire un effettiva opportunità di crescita culturale e di miglioramento professionale degli adulti. Per gli alunni diversamente abili, è presente nell istituto un gruppo di docenti specializzati che si occupa della loro effettiva integrazione. Sono previste attività di accoglienza con interventi individualizzati in funzione delle abilità di ciascuno e la realizzazione, in rapporto con le famiglie ed il Territorio, di un Progetto di Rete per la formulazione di un Piano Educativo Individualizzato in cui sia compreso un percorso di alternanza scuola lavoro. Per gli alunni stranieri, l Istituto, si avvale di un progetto mirato all alfabetizzazione linguistica per eliminare il disagio linguistico, spesso causa di disagi relazionali. La

4 conoscenza in tempi rapidi della nuova lingua, permette all alunno straniero di soddisfare il bisogno primario di comunicare. E statisticamente documentato che gli alunni rapidamente alfabetizzati hanno ridotto notevolmente i tempi d integrazione sociale; questo ha permesso loro di apprendere la nostra cultura e di far conoscere la propria per una reciproca crescita culturale e sociale. Inoltre questo ha permesso loro di apprendere ad utilizzare le proprie capacità ed abilità per costruire il proprio successo formativo.

5 I DIVERSI INDIRIZZI DI STUDIO PRECEDENTI ALLA RIFORMA Il seguente orario è valido per gli alunni iscritti precedentemente all anno scolastico 2010/2011. QUADRO ORARIO: INDIRIZZO ECONOMIA AZIENDALE Area comune 4 5 Italiano 4 4 Storia 2 2 Matematica (ed Informatica 1,2,3 ) 3 3 Lingua straniera INGLESE o FRANCESE 3 3 Educazione Fisica 2 2 Religione (opzionale) 1 1 Totale: Area di indirizzo 4 5 Lingua straniera INGLESE 3 3 Economico aziendale 7(3) 8(3) Diritto 3 4 Geografia Turistica 2 - Lab. Trattamento testi (3) (3) Informatica gestionale Totale: Area professionale (monte ore annuale stage) 105h 105h Totale: * ore di compresenza tra parentesi Al termine del 5 anno si consegue il diploma di Tecnico della Gestione Aziendale: è una figura professionale che è in grado di intervenire attivamente nell amministrazione di un azienda sul piano della gestione e del controllo. Ha specifiche competenze per la gestione autonoma di un ufficio contabile aziendale.

6 QUADRO ORARIO: INDIRIZZO GRAFICO PUBLICITARIO Area comune 4 5 Italiano 4 4 Storia 2 2 Lingua straniera INGLESE 3 3 Lingua straniera FRANCESE 3 * 3* Matematica ( ed informatica 1,2,3) 3 3 Educazione fisica 2 2 Religione (opzionale) 1 1 Totale Area di indirizzo 4 5 Disegno grafico 5 5 Pianificazione Pubblicitaria 3 3 Storia dell Arte 3 3 Tecnica Fotografica 2 2 Psicologia della comunicazione 2 2 Totale: Area Professionale Terza Area (monte ore h annuale) h Totale: Al termine del 5 anno si consegue il diploma di Tecnico della Grafica Pubblicitaria: è una figura professionale che è in grado di elaborare, organizzare e realizzare attività produttive per la comunicazione integrata; possiede capacità di decodificare i fenomeni connessi con la realtà socio-economica, di coniugare gli aspetti formali della professione con quelli pratico-operativi, di conoscere le tecnologie delle produzioni visive tradizionali e moderne, di produrre, attraverso conoscenze scientifiche ed artistiche, i messaggi visivi che la diffondono. Si inserisce in case editrici, tipografie, agenzie pubblicitarie, studi fotografici, emittenti televisive, studi grafici, studi web-designer.

7 QUADRO ORARIO DEL CORSO SERALE INDIRIZZO ECONOMIA AZIENDALE 5 Italiano 4 Storia 2 Lingua straniera (inglese) 3 Matematica 3 Trattamento testi 2 Economia aziendale 7 (1)* Informatica gestionale 2 (1)* Diritto 4 Totale 25 (2)* * ore di laboratorio in compresenza tra parentesi Al termine del 5 anno si consegue il diploma di Tecnico della Gestione Aziendale: è una figura professionale che è in grado di intervenire attivamente nell amministrazione di un azienda sul piano della gestione e del controllo. Ha specifiche competenze per la gestione autonoma di un ufficio contabile aziendale. ALTERNANZA SCUOLA LAVORO (alunni classi IV e V) Per l indirizzo Economico Aziendale anche con opzione Grafica Pubblicitaria, escluso il corso serale, nelle classi IV e V sono attivate alcune attività di alternanza scuola lavoro in sostituzione delle attività dell Area di professionalizzazione (art. 8, comma 3, del D.P.R. n. 87/2010. Le attività programmate sono le seguenti: Attività di preparazione in aula per lo svolgimento dello stage Stage aziendale ( 120 ore ) Attività di verifica e discussione con gli alunni sull esperienza svolta Lezioni su argomenti relativi agli strumenti operativi della professione tenuti da esperti (se saranno disponibili fondi provinciali) Visite guidate presso aziende del territorio. Il progetto è finalizzato all arricchimento professionale degli alunni in modo che possano spendere le competenze professionali acquisite in un futuro inserimento lavorativo. L esperienza lavorativa favorisce gli apprendimenti di tipo socialecomportamentali e morali del tipo: Rispettare le regole, gli altri, e le strutture Lavorare per progetti in modo puntuale e responsabile Saper lavorare in equipe

8 Le lezioni saranno tenute da esperti professionisti, attivamente inseriti in specifici ambiti operativi, con competenze ed abilità di elevato livello professionale. STAGE Gli stage vengono effettuati, ogni anno, per tre - quattro settimane, presso aziende operanti nei vari settori produttivi, aziende pubbliche, associazioni di categoria, agenzie di viaggi, hotel, agenzie pubblicitarie, tipografie ed emittenti televisive. Gli stage hanno lo scopo di favorire la socializzazione al lavoro ed un adeguato inserimento degli alunni nelle varie realtà operative. Le visite guidate vengono effettuate presso le aziende locali e nazionali per far conoscere agli alunni la struttura organizzativa delle aziende ed il tipo di produzione offerto. ATTIVITA FINALI Le classi quarte e quinte effettueranno circa 15 ore di lezione relative ad argomenti legati alla professione tenute da esperti esterni ed interni (se saranno disponibili fondi provinciali). Gli alunni delle classi quarte e quinte alla fine del percorso conseguono un attestato rilasciato dall Istituto che attesta il percorso svolto.

9 NUOVO INDIRIZZO PER I SERVIZI COMMERCIALI (alunni iscritti dall a.s. 2010/2011 in poi) NUOVO ORDINAMENTO PREVIGENTE ORDINAMENTO Settore Indirizzi Indirizzo Settore Servizi -Servizi Commerciali -Servizi commerciali opzione grafica Tecnico dei servizi turistici Tecnico della gestione aziendale Servizi Commerciali e Turistici Con il nuovo ordinamento per gli istituti professionali i tre indirizzi del nostro istituto (Tecnico dei servizi turistici, Tecnico della gestione aziendale, Tecnico della grafica pubblicitaria) confluiscono in un indirizzo unico per i SERVIZI COMMERCIALI. Profilo Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo Servizi commerciali ha competenze professionali che gli consentono di supportare operativamente le aziende del settore sia nella gestione dei processi amministrativi e commerciali sia nell attività di promozione delle vendite. In tali competenze rientrano anche quelle riguardanti la promozione dell immagine aziendale attraverso l utilizzo delle diverse tipologie di strumenti di comunicazione, compresi quelli pubblicitari. Si orienta nell ambito socio-economico del proprio territorio e nella rete di interconnessioni che collega fenomeni e soggetti della propria regione con contesti nazionali ed internazionali. E in grado di: internazionali; amministrativi ad essa connessi; à nell area marketing; contabile; del territorio e delle corrispondenti declinazioni; ne commerciale, secondo le esigenze terminologia di settore; A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato consegue i risultati di apprendimento descritti nel punto 2.2

10 dell Allegato A), di seguito specificati in termini di competenze. 1. Individuare le tendenze dei mercati locali, nazionali e internazionali. 2. Interagire nel sistema azienda e riconoscere i diversi modelli di strutture organizzative aziendali. 3. Svolgere attività connesse all attuazione delle rilevazioni aziendali con l utilizzo di strumenti tecnologici e software applicativi di settore. 4. Contribuire alla realizzazione dell amministrazione delle risorse umane con riferimento alla gestione delle paghe, al trattamento di fine rapporto ed ai connessi adempimenti previsti dalla normativa vigente. 5. Interagire nell area della logistica e della gestione del magazzino con particolare attenzione alla relativa contabilità. 6. Interagire nell area della gestione commerciale per le attività relative al mercato e finalizzate al raggiungimento della customer satisfaction. 7. Partecipare ad attività dell area marketing ed alla realizzazione di prodotti pubblicitari. 8 Realizzare attività tipiche del settore turistico e funzionali all organizzazione di servizi per la valorizzazione del territorio e per la promozione di eventi. 9. Applicare gli strumenti dei sistemi aziendali di controllo di qualità e analizzare i risultati. 10. Interagire col sistema informativo aziendale anche attraverso l uso di strumenti informatici e telematici. RACCORDI CON I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (IeFP) Tra la regione Toscana(Assessorato Attività Produttive Lavoro e Formazione) e l ufficio Scolastico regionale per la Toscana è stato stipulato un accordo per la realizzazione nell anno scolastico 2013/2014 di percorsi di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) in regime di sussidiarietà, da parte degli Istituti Professionali statali della Regione Toscana, ai sensi dell art.2, comma 3 del D.P.R. 15 marzo 2010, n.87. Le linee guida sono state approvate in Conferenza unificata il 16/12/2010. Gli alunni che conseguono la licenza media potranno scegliere se iscriversi ai percorsi quinquennali degli Istituti professionali o ai percorsi di istruzione e formazione professionale (IeFP). Possono in alternativa frequentare entrambi. I corsi sono così strutturati: Percorsi di durata triennale per il conseguimento delle qualifiche di operatore indicate in seguito Percorsi di durata quadriennale per il conseguimento di uno dei diplomi di tecnico Le qualifiche e i diplomi sono definiti a livello nazionale, programmati dalle regioni e spendibili su tutto il territorio nazionale. In Toscana è stato adottato il sistema di offerta sussidiaria integrativa, che dovrà consentire, agli studenti iscritti ai percorsi quinquennali degli istituti professionali, di conseguire, al termine del terzo anno,

11 anche i titoli di qualifica professionale. Il raggiungimento della qualifica triennale è valido quale assolvimento del diritto dovere all istruzione e alla formazione. Gli esami conclusivi dei percorsi si svolgeranno sulla base della specifica disciplina dettata dalla Regione. La fase operativa del nuovo sistema integrato, a decorrere dall anno scolastico 2011/2012, è subordinata alla formalizzazione di accordi regionali tra la Regione e l Ufficio scolastico regionale. In questo accordo le parti si impegnano tra l altro: 1)alla prevenzione e al contrasto della dispersione scolastica e formativa nonché all agevolazione dei passaggi degli alunni tra i sistemi, 2)alla collaborazione, anche attraverso forme di integrazione tra istituzioni scolastiche e formative, riguardanti, in particolare, la realizzazione di: - tirocini formativi ed esperienze in alternanza scuola-lavoro, in relazione alle figure professionali caratterizzanti i percorsi formativi; - laboratori, anche a carattere territoriale, per lo sviluppo ed il recupero degli apprendimenti; - interventi territoriali di orientamento; - azioni, anche sperimentali, di sostegno ai processi di riconoscimento dei crediti formativi e di valorizzazione e certificazione delle competenze. Il percorso Il percorso che per l anno scolastico 2013/2014 sarà effettuato dagli alunni delle seconde e terze classi dei settori di indirizzo (Nuovo Ordinamento): -Servizi commerciali (Operatore amministrativo segretariale) -Servizi commerciali (Operatore grafico) Le discipline e il numero di ore svolte saranno diverse in ogni classe (per una maggiore specificazione si rimanda alla progettazione di classe): Tale percorso comprenderà: -lezioni dedicate alle competenze di base (relativamente all asse dei linguaggi, all asse matematico, all asse scientifico-tecnologico e storico-sociale) -lezioni teoriche dedicate all insegnamento delle competenze professionali (in termini di qualità, sicurezza, capacità di progettare e portare a termine un compito, preparare le attrezzature necessarie, curare e monitorare il funzionamento degli strumenti di lavoro, collaborare alla gestione dei flussi informativi, redigere documenti in lingua straniera, registrare ed archiviare documenti amministrativo-contabili, curare ed organizzare riunioni ecc ) -laboratori di pratica professionale -attività di stage/tirocinio o simulazione di stage -visite guidate Metodologia

12 Sono previste delle figure che effettueranno delle azioni di tutoraggio sia in classe che in azienda. Tale figura ha il compito di orientare motivare e supportare l alunno (o il gruppo di alunni) utilizzando varie tecniche. Le attività laboratoriali saranno fondamentali. Gli alunni partiranno da esperienze concrete per riflettere sulla realtà imparando ad elaborare i dati. Un elevato numero di ore di lezione sarà effettuato in codocenza. Ciò permetterà la suddivisione della classe in piccoli gruppi individualizzando maggiormente l azione didattica. Ulteriori informazioni sono reperibili su

13 QUADRI ORARI QUADRO ORARIO INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI OPZIONE GESTIONE AZIENDALE DISCIPLINE ORE ANNUE Primo Biennio Secondo Biennio V Anno Ore settimanali Ore annuali Italiano Storia Matematica Scienze Integrate (Fisica) Scienze integrate (Sc. Ter. Biol.) Scienze Integrate (Chimica) Informatica e Laboratorio 2+2* 2+2* 2* 2* 2* Tecniche professionali dei servizi commerciali *di cui in compresenza Prima Lingua Straniera (Inglese) Seconda Lingua Straniera (Francese) Scienze motorie e sportive Religione Area di indirizzo Diritto/Economia Tecniche di Comunicazione Ore Totali *di cui in compresenza * L attività didattica di laboratorio caratterizza l area di indirizzo dei percorsi degli istituti professionali; le ore indicate con asterisco sono riferite alle attività di laboratorio che prevedono la compresenza. Le istituzioni scolastiche, nell ambito della loro autonomia didattica e organizzativa, programmano le ore di compresenza nell ambito del primo biennio e del complessivo triennio sulla base del relativo monte-ore.

14 QUADRO ORARIO INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI OPZIONE GRAFICA E PUBBLICITARIA DISCIPLINE ORE ANNUE Primo Biennio Secondo Biennio V Anno Ore settimanali Ore annuali Italiano Storia Matematica Scienze Integrate (Fisica) Scienze integrate (Sc. Ter. Biol.) Scienze Integrate (Chimica) Informatica e Laboratorio 2+2* 2+2* 2* 2* 2* Tecniche professionali dei servizi commerciali *di cui in compresenza Prima Lingua Straniera (Inglese) Seconda Lingua Straniera (Francese) Scienze motorie e sportive Religione Area di indirizzo Diritto/Economia Tecniche di Comunicazione Ore Totali *di cui in compresenza * L attività didattica di laboratorio caratterizza l area di indirizzo dei percorsi degli istituti professionali; le ore indicate con asterisco sono riferite alle attività di laboratorio che prevedono la compresenza. Le istituzioni scolastiche, nell ambito della loro autonomia didattica e organizzativa, programmano le ore di compresenza nell ambito del primo biennio e del complessivo triennio sulla base del relativo monte-ore.

15 INDIRIZZO SOCIOSANITARIO L indirizzo Servizi socio-sanitari è un corso di studio della durata di 5 anni che si conclude con il rilascio di un diploma di maturità. Al termine dei cinque anni lo studente possiede conoscenze generali e competenze tecnico-professionali riferite ai Servizi Socio-Sanitari. Il corso prevede discipline comuni, per garantire allo studente una formazione di carattere generale e discipline di indirizzo, a carattere specialistico, presenti già dal primo biennio. Le discipline del corso formano la base delle fondamentali competenze che il Diplomato dei Servizi socio-sanitari deve possedere alla fine del ciclo di studi : organizzare e realizzare interventi rivolti a persone o comunità che esprimono particolari bisogni socio-sanitari; promuovere attivamente la salute e il benessere fisico, psichico e sociale della persona. Il ciclo di studi metterà inoltre lo studente in possesso di saperi e capacità operative che gli consentiranno di: saper entrare in relazione con strutture pubbliche e private del settore sociosanitario presenti nel territorio anche per orientare gli utenti verso le strutture che meglio rispondono ai loro bisogni; essere capace di individuare i bisogni socio-sanitari delle persone e delle comunità; acquisire capacità di gestione dell impresa socio-sanitaria; mettere in collegamento tra loro servizi di assistenza e animazione sociale; organizzare interventi finalizzati all inclusione sociale di persone, comunità e fasce deboli; predisporre piani di intervento personalizzati; essere in grado di valutare la qualità del servizio offerto allo scopo di migliorarlo e saper valorizzare le risorse; utilizzare i linguaggi delle lingue straniere con particolare riferimento al settore.

16 Particolare importanza nel percorso di studio, soprattutto per acquisire le competenze richieste al termine del quinquennio, avranno l utilizzazione dei metodi e degli strumenti per conoscere i bisogni socio-sanitari del territorio, soprattutto allo scopo di predisporre opportuni interventi. Il percorso è organizzato in modo da favorire organici raccordi, in particolare con l istruzione tecnica e con i percorsi della Formazione professionale, per garantire i passaggi tra i sistemi. A tal fine vengono valorizzati gli strumenti di certificazione delle competenze acquisite dagli studenti. Aree di competenza del Diplomato in Servizi Socio-sanitari Le aree di competenza del Diplomato nell indirizzo dei Servizi Socio-sanitari si possono così riassumere: la collaborazione alla gestione di progetti di un impresa sociale; l igiene, l alimentazione e la sicurezza, al fine di promuovere un corretto stile di vita delle persone; le tecniche di animazione sociale (il gioco, le attività culturali); la tutela della persona con disabilità e del suo nucleo familiare; la promozione di reti di supporto all inclusione sociale; la facilitazione della comunicazione e della relazione tra persone e gruppi, anche di culture e contesti diversi; la raccolta, la conservazione e la trasmissione, con adeguati strumenti, dei dati dell attività professionale anche ai fini del miglioramento della qualità del servizio. Le metodologie Le metodologie didattiche puntano a far cogliere concretamente la stretta relazione esistente tra cultura professionale, tecnologia e professione e sono centrate sui seguenti criteri: la valorizzazione del metodo laboratoriale e del pensiero operativo; l analisi e la soluzione dei problemi;

17 il lavoro cooperativo per progetti. I risultati di apprendimento, a conclusione del percorso quinquennale, consentono agli studenti di inserirsi nel mondo del lavoro, di proseguire nel sistema dell istruzione e formazione tecnica superiore, nei percorsi universitari, nonché nei percorsi di studio e di lavoro previsti per l accesso agli albi delle professioni tecniche secondo le norme vigenti in materia. A tale scopo, viene assicurato nel corso del quinquennio un orientamento permanente, che favorisca da parte degli studenti scelte fondate e consapevoli. DISCIPLINE COMUNI 1 biennio 2 biennio 5 anno 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Lingua e letteratura italiana Lingua inglese Lingua francese Storia Matematica Diritto ed economia 2 2 Scienze motorie e sportive Religione DISCIPLINE D INDIRIZZO Scienze integrate (fisica) 2 Scienze integrate (chimica) 2 Scienze umane e sociali 4 4 Elementi di storia dell arte ed 2 espressioni grafiche Educazione musicale 2 Metodologie operative 2+2* 2+2* 3 Igiene e cultura medico sanitaria Psicologia generale ed applicata Diritto e legislazione sociosanitaria Tecnica amministrativa ed economia sociale 2 2 Totale

18 LICEO ARTISTICO Nell anno scolastico 2013/2014, il Liceo Artistico è composto dalle classi prime e seconde. La durata del nuovo Liceo è quinquennale ed è formato da due periodi biennali e da un quinto anno che completa il percorso disciplinare. L orario settimanale delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti nel primo biennio è di 34 ore, 35 ore settimanali nel secondo biennio e nel quinto anno. Al superamento dell Esame di Stato conclusivo del percorso liceale, è rilasciato il titolo di Diploma di Liceo Artistico con l eventuale indirizzo seguito dallo studente. Esso è necessario per l accesso all Università, agli Istituti di Alta Formazione Artistica, come le Accademie di Belle Arti e gli Istituti Superiori per le Industrie Artistiche, a corsi post-diploma presso la Formazione Professionale Regionale e al mondo del lavoro. Primo biennio Il primo biennio è finalizzato ad un primo approfondimento e sviluppo delle conoscenze, competenze e abilità delle discipline di studio che costituiscono il Liceo, alla acquisizione di un metodo di studio autonomo e flessibile e all assolvimento dell obbligo di istruzione. Per quanto riguarda le materie artistiche, il primo biennio è rivolto all apprendimento delle competenze nell uso dei materiali, delle tecniche e degli strumenti, utilizzati nella produzione pittorica, plastico-scultorea, geometrica, musica e grafica, all uso appropriato della terminologia tecnica essenziale, al raggiungimento della autonomia operativa e alla organizzazione dei tempi e dello spazio di lavoro in maniera adeguata. Nel primo biennio è presente, nel piano degli studi, il Laboratorio artistico che contiene le seguenti discipline di studio: Discipline pittoriche, Discipline plastiche e scultoree, Discipline geometriche, Laboratorio artistico. Gli insegnamenti sono svolti con criterio modulare annuale a rotazione nell arco del biennio e consistono nella pratica delle procedure e delle tecniche operative specifiche dei laboratori presenti negli indirizzi attivati al fine di favorire una scelta consapevole dell indirizzo da parte dello studente. Nell arco del biennio, attraverso l elaborazione di manufatti da modello o progettati inerenti al campo artistico specifico, lo studente affronterà i vari procedimenti operativi e svilupperà la conoscenza dei materiali, delle tecniche e delle tecnologie relative all ambito che caratterizza il laboratorio attivato. Inoltre lo studente acquisirà alcune competenze di base trasversali alle attività laboratoriali e alle procedure progettuali, come: ordine, spazi, tempi, autonomia operativa, proprietà dei materiali, corretto utilizzo degli strumenti e delle tecnologie, uso appropriato del linguaggio tecnico. Secondo biennio Il percorso del Liceo si articola, a partire dal secondo biennio, nell indirizzo: Grafico e Audiovisivo Multimediale

19 INDIRIZZO GRAFICA Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: conoscere gli elementi costitutivi dei codici dei linguaggi progettuali e grafici; avere consapevolezza delle radici storiche e delle linee di sviluppo nei vari ambiti della produzione grafica e pubblicitaria; conoscere e applicare le tecniche grafico-pittoriche e informatiche adeguate nei processi operativi; saper individuare le corrette procedure di approccio nel rapporto progettoprodotto-contesto, nelle diverse funzioni relative alla comunicazione visiva ed editoriale; saper identificare e usare tecniche e tecnologie adeguate alla progettazione e produzione grafica; conoscere e saper applicare i principi della percezione visiva e della composizione della forma grafico-visiva. Il secondo biennio è finalizzato all approfondimento e allo sviluppo delle conoscenze e delle abilità e alla maturazione delle competenze relative alle discipline di studio. Lo studente dovrà conoscere e saper gestire, in maniera autonoma, i processi progettuali ed operativi inerenti le materie caratterizzanti gli indirizzi e dovrà conoscere ed essere in grado di impiegare, in modo appropriato, le diverse tecniche, le tecnologie, gli strumenti e i materiali specifici di ciascun indirizzo. Quinto anno Nel quinto anno si persegue la piena realizzazione del profilo educativo, culturale e professionale dello studente, che sarà condotto verso l approfondimento e la gestione autonoma e critica delle fondamentali procedure progettuali ed operative delle discipline caratterizzanti gli indirizzi. Inoltre, si porrà l attenzione sull aspetto esecutivo e sulle capacità di comprensione e rielaborazione personale dell opera d arte, con la sperimentazione di nuove soluzioni tecniche e artistiche. Oltre a ciò, si consolida il percorso di orientamento agli studi successivi e all inserimento nel mondo del lavoro. Già a partire dal secondo biennio, il Liceo stabilirà specifiche modalità per l approfondimento delle conoscenze, delle abilità e delle competenze richieste per l accesso ai relativi e successivi corsi di studio e per l inserimento nel mondo del lavoro. L approfondimento può essere realizzato anche nell ambito dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, come pure attraverso l attivazione di moduli e di iniziative di studio-lavoro per progetti, di esperienze pratiche e di tirocinio, anche d intesa con le Università. PIANO DEGLI STUDI INDIRIZZO GRAFICA DISCIPLINE ORE ANNUE Primo Biennio Ore settimanali Secondo Biennio Ore annuali V Anno

20 Italiano Prima Lingua Straniera (Inglese) Storia e geografia Storia Matematica* Filosofia Scienze Naturali* (chimica, biologia scienze della terra) Storia dell arte Discipline grafico e pittoriche Discipline geometriche Discipline plastico scultoree Laboratorio artistico*** Scienze motorie Religione o attività sostitutive Ore Totali Attività e insegnamenti obbligatori di indirizzo Laboratorio di grafica Discipline progettuali grafiche Totale complessivo ore INDIRIZZO AUDIOVISIVO MULTIMEDIALE Il percorso di studio del Liceo artistico è indirizzato allo studio dei fenomeni estetici ed alla pratica artistica. Favorisce l acquisizione dei metodi specifici della ricerca e della produzione artistica e la padronanza dei linguaggi e delle tecniche relative. Fornisce agli studenti gli strumenti necessari per conoscere il patrimonio artistico nel suo contesto storico e culturale e per coglierne appieno la presenza ed il valore nella società odierna, ove l immagine gioca un ruolo sempre più determinante per la comunicazione. Guida altresì lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità necessarie ad esprimere la creatività attraverso metodologie e strumenti operativi e delle tecnologie al passo con la modernità. Questo indirizzo di studi guida lo studente nell acquisire le capacità artistiche di base e le competenze necessarie a dare espressioni alla propria creatività. Presenta un quadro curricolare che mira a potenziare specifiche competenze nell uso di tecniche di rappresentazioni video e audio e di progettazione nel campo della grafica e della comunicazione visiva unite alla conoscenza delle tecniche digitali finalizzate all elaborazione del prodotto multimediale.

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli