TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI"

Transcript

1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Paolo Frisi Liceo delle Scienze Umane Opzione Economico-Sociale Istituto Professionale Settore Servizi Via Otranto 1, angolo Cittadini Milano Tel /8 Fax Sito Cod. Fisc Prot.n 3051/C29 del 16/05/2011 ESAMI DI STATO a.s.2010/2011 Documento del Consiglio di Classe 5E Corso diurno Diploma di TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI

2 I N D I C E Il Consiglio di Classe p. 2 Argomenti approfonditi dagli studenti per i colloqui p. 3 Relazione sulla Classe p. 4 Profilo professionale: Tecnico dei servizi turistici p. 5 Obiettivi trasversali del Consiglio di Classe p. 6 CONTENUTI DISCIPILINARI: Italiano p. 7 Storia p. 11 Matematica p. 13 Francese p. 14 CLIL Ricevimento in Francese p. 15 Storia dell Arte p. 16 Economia e tecnica dell impresa turistica + T. s. p. o. p. 18 CLIL Tecnica turistica in inglese p. 20 Geografia turistica p. 21 Tecnica delle relazioni e comunicazioni p. 23 Inglese p.25 Educazione fisica p. 27 IRC Religione p.28 Area di professionalizzazione p. 29 Criteri di valutazione p. 30 Modalità di lavoro del consiglio di Classe p. 31 Strumenti di lavoro p. 31 Strumenti di verifica p. 32 Attività integrative extracurricolari p. 33 Simulazione della Terza prova p. 34 Prima simulazione p.35 Seconda simulazione p.42 Griglie di valutazione della prima prova p. 50 Griglia di valutazione della seconda prova p. 54 Griglia di valutazione della terza prova p. 55 Griglia di valutazione del colloquio p. 56 Elenco allegati p. 57 1

3 Il Consiglio di Classe DISCIPLINA DOCENTE FIRMA ITALIANO E STORIA INGLESE GEOGRAFIA FRANCESE MATEMATICA STORIA DELL'ARTE TECNICA DELLE COMUNICAZIONI E RELAZIONI TECNICA DEI SERVIZI E PRATICA OPERATIVA ECONOMIA E TECNICA DELL'IMPRESA TURISTICA EDUCAZIONE FISICA SOSTEGNO SOSTEGNO SOSTEGNO COLOSIMO ANNA DE RINALDIS SILVANO DI LELLO JESSICA LIBERATI TANIA CANCELLIERE LIBERO GIANPIERO BARBARA SILVIA RAMPONI SILVANA MINUTI SETTEMBRALE CONCETTA LATTANZI MARIA ELVIRA MAURIZIO ROCCELLA VENEZIANI ALBERTO GUGLIELMO LETTERIA MILITANTE FEDERICO IL DIRIGENTE SCOLASTICO (prof. Luca Azzollini) 2

4 Argomenti approfonditi dagli allievi per il colloquio CANDIDATI PERCORSO TEMATICO Arena Jessica Boni Manuela Buono Miriam Finotto Camilla Maione Samantha Medici Andrea Morante Jessica Nauta Annalisa Radice Raffaella Rodriguez Yadi Russo Annalisa Vailetta Francesca La maschera: essere o apparire La Polinesia francese La fotografia La sindrome di Peter Pan La danza Viaggi di schiavi: the triangle trade Il tatuaggio La catena di montaggio Il sol calante Cuba: la Isla del Paraiso I conflitti dei paesi arabi nel Mediterraneo L equitazione 3

5 Presentazione della classe La classe V E Tur è costituita da 12 alunni, di cui tre diversamente abili. Nel corso del triennio gli allievi hanno assunto un comportamento progressivamente più maturo e responsabile per cui il clima relazionale è notevolmente migliorato sia al suo interno sia con il corpo docente. Rispetto ad una situazione iniziale caratterizzata da una preparazione culturale di base abbastanza fragile, la classe ha compiuto nel corso del triennio un percorso didattico che ha consentito di superare lacune e fragilità e conseguire risultati progressivamente sempre più positivi, grazie ad un maggior impegno nello studio individuale e una partecipazione più costruttiva all attività didattica. La preparazione professionale degli allievi è stata arricchita dalle diverse forme di alternanza proposte dall istituto, sia di breve durata sia riferite a periodi più lunghi, in cui gli allievi hanno mostrato buoni risultati. Particolarmente significativa è stata poi la partecipazione di due allievi ad esperienze di alternanza all estero che ha consentito loro non solo di consolidare le competenze linguistiche ma anche di familiarizzare con metodi di lavoro diversi da quelli italiani. Nel corso del triennio è stata attuata una sperimentazione CLIL in alcune discipline (Ricevimento in Francese e Tecnica Turistica in Inglese) che ha determinato un significativo miglioramento delle competenze linguistiche paragonato ai modesti livelli di partenza degli allievi. Tali sperimentazioni infatti hanno contribuito a creare un ambiente più favorevole per l apprendimento delle lingue. La contestualizzazione e l autenticità delle attività didattiche proposte hanno aiutato gli studenti a superare una visione della lingua come un entità astratta fatta di regole grammaticali e sintassi e a comprendere l utilità di saper padroneggiare la lingua straniera, come strumento operativo. Va inoltre sottolineato l atteggiamento favorevole, anche se all inizio un po preoccupato da parte degli allievi, nei confronti di tali sperimentazioni, che ha rappresentato un fattore molto importante per il raggiungimento di risultati positivi Sul piano del profitto e della preparazione conseguita si rileva una certa eterogeneità, determinata da stili cognitivi, motivazione e comportamenti diversi: la classe appare infatti divisa tra un piccolo gruppo di allievi motivati che si sono applicati nello studio con impegno e costanza che ha raggiunto buoni risultati e il resto della classe che si è impegnato con una certa regolarità per migliorare la propria preparazione raggiungendo risultati nel complesso soddisfacenti soprattutto in relazione alle difficoltà evidenziate all inizio del triennio. Il percorso didattico, dalla terza in poi, ha visto diversi avvicendamenti nel corpo docente, ed ancora all inizio di quest anno sono cambiati gli insegnanti di Storia dell arte, Francese, Educazione fisica, Tecnica delle comunicazioni e delle relazioni, Geografia, ma i cambiamenti non hanno creato particolari difficoltà agli allievi. Le attività extracurriculari proposte dai docenti sono state sempre accolte con interesse. I programmi di tutte le discipline sono stati svolti in modo abbastanza regolare e completo. Il comportamento è stato sostanzialmente corretto anche se talvolta polemico. 4

6 PROFILO PROFESSIONALE TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Il Tecnico dei servizi turistici è una figura professionale che trova destinazione occupazionale nelle diverse imprese del settore turistico svolgendo un attività di supporto rispetto a figure professionali manageriali ed intermedie. COMPETENZE PROFESSIONALI Il Tecnico dei servizi turistici possiede un'essenziale cultura di base storica, geografica, economica, artistica e politica, conosce due lingue straniere, scritte e parlate, conosce gli elementi fondamentali della struttura organizzativa delle varie imprese turistiche, è in grado di utilizzare competenze tecniche operative di base, in ambito della comunicazione e nella applicazione di strumenti informatici. La figura professionale ha inoltre capacità relazionali, è flessibile e disponibile al cambiamento, ha un comportamento improntato all'accoglienza e al senso della misura, ha sviluppato qualità medie di autonomia, attenzione, concentrazione, affidabilità, senso critico e concretezza. 5

7 OBIETTIVI TRASVERSALI DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. DIDATTICI Saper comunicare efficacemente utilizzando il lessico settoriale; Acquisire capacità di confronto e relazione con realtà culturali e sociali diverse dalla propria; Saper elaborare ed esporre autonomamente dei contenuti; Saper analizzare e sintetizzare con apporto di contributi personali; Sviluppare capacità critiche. B. FORMATIVI Partecipare attivamente al lavoro didattico rispettando i tempi; Saper lavorare in modo autonomo; Sapersi relazione con gli altri; Rispettare tempi, spazi e consegne. 6

8 CONTENUTI DISCIPLINARI Disciplina: ITALIANO Docente: Colosimo Anna LIBRI DI TESTO: PAOLO DI SACCO, Mappe di letteratura, vol. 1 Il Settecento L Ottocento e vol. 2 Il Novecento, Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori, Milano ) MODULO STORICO-CULTURALE IL SECONDO OTTOCENTO Il Positivismo - Evoluzione e futuro dell umanità secondo Darwin - Comte: I tre stadi del pensiero umano Naturalismo e Verismo Il Naturalismo Francese - La penna come un bisturi: romanzo naturalista e medicina - E. Zola: La miniera Il Verismo italiano La crisi del modello razionalista - Nietzsche: «Dio è morto» - Freud: «L io non è padrone in casa propria» Il Decadentismo - L estetismo secondo Wilde I simbolisti francesi - Corrispondenze (C. Baudelaire) - Spleen (C. Baudelaire) - Arte poetica (P. Verlaine) IL NOVECENTO La nuova tradizione poetica del Novecento: scuole e protagonisti I come e i perché di una rivoluzione espressiva 2) MODULO SULL AUTORE Giovanni Verga: - La vita - L apprendistato del romanziere - La stagione del Verismo Da Vita dei campi - Libertà - La lupa 7

9 - Lettera-prefazione a L amante di Gramigna Da Mastro-don Gesualdo - La morte di Gesualdo Gabriele D Annunzio - L esteta, il letterato di massa, l eroe di guerra - La poetica dannunziana - I romanzi del superuomo - Le Laudi Da Il Piacere - Ritratto d esteta (libro I, cap. II) Da Alcyone - La pioggia nel pineto - La sera fiesolana Giovanni Pascoli - La vita e la personalità - La poetica del «fanciullino» e il suo mondo simbolico - Lo stile e le tecniche espressive Da Il Fanciullino - Il fanciullo che è in noi Da Myricae (a scelta dello studente) - Novembre - Lavandare - X Agosto Da Canti di Castelvecchio - Il gelsomino notturno - La cavalla storna - La mia sera Italo Svevo o La vita e il contesto culturale o La formazione e le idee o Una poetica di «riduzione» della letteratura o Il percorso delle opere Da La coscienza di Zeno - Il fumo - Psico-analisi Luigi Pirandello o La vita o Le idee e la poetica: relativismo e umorismo o L itinerario di uno scrittore sperimentale 8

10 Da L umorismo - Esempi di umorismo Da Novelle per un anno - La tragedia di un personaggio - Il treno ha fischiato Da Il fu Mattia Pascal - Adriano Meis - «Io sono il fu Mattia Pascal» Sei personaggi in cerca d autore - L ingresso dei sei personaggi Il berretto a sonagli Giuseppe Ungaretti o L autore o L opera Da L allegria - Il porto sepolto - I fiumi - San Martino del Carso - Veglia - Fratelli Da Sentimento del tempo - La madre Eugenio Montale o La vita o L itinerario delle opere e i temi o La poetica e lo stile Da Ossi di seppia - Meriggiare pallido e assorto o Spesso il male di vivere ho incontrato 3) MODULO SUL GENERE: Il Romanzo Il romanzo verista Il romanzo del Novecento in Italia e in Europa 4) MODULO SULL OPERA I Malavoglia (Giovanni Verga) - Prefazione - La famiglia Toscano - Le novità del progresso viste da Trezza - L addio alla casa del nespolo Il ritratto di Dorian Gray (O. Wilde) Lettura integrale La coscienza di Zeno (lettura dei brani antologizzati) 9

11 5) MODULO: Modulo trasversale propedeutico alla prima prova scritta dell esame di Stato Tipologie: analisi del testo saggio breve articolo traccia storica e/o di attualità 10

12 Disciplina: STORIA Docente: Colosimo Anna LIBRI DI TESTO: R. BALZANI B. BOLOCAN, Forum di storia, Ottocento, B. Mondatori R. BALZANI B. BOLOCAN, Forum di storia, Novecento, B. Mondatori 1 MODULO Recupero degli argomenti non svolti nell anno precedente L Italia Liberale - La Sinistra storica al governo 2 MODULO L età degli imperialismi in Europa. - La seconda rivoluzione industriale. - L imperialismo - La colonizzazione di Africa e Asia - La società di massa - La nascita del Partito socialista Nazioni e potenze all inizio del Novecento - Gran Bretagna, Francia e Germania - Due imperi in crisi: la Russia, l Impero austro-ungarico L età giolittiana - La stagione delle riforme - Tra nazionalisti e socialisti Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale - Un conflitto annunciato - Le prime fasi della guerra Dalla guerra alla pace - La svolta del La Rivoluzione Russa - La fine della guerra 3 MODULO Gli anni del dopoguerra - Una crisi di portata mondiale Il crollo del 1929 in America - L Italia del dopoguerra Il programma di San Sepolcro L Italia fascista - La nascita della dittatura 11

13 - La società italiana La Germania nazista - L ascesa di Hitler - La dittatura nazista Democrazie e dittature - L unione sovietica di Stalin - Gran Bretagna, Francia e Spagna - Gli Stati Uniti - Il New Deal 4 MODULO La Seconda Guerra Mondiale e il secondo dopoguerra in Italia - L avanzata della Germania - Italia e Stati Uniti in guerra - La controffensiva degli Alleati - Verso la pace Il mondo diviso - La divisione dell Europa - L Italia repubblicana - La Costituzione repubblicana 12

14 Disciplina: MATEMATICA ED INFORMATICA Docente: Cancelliere Libero Gianpiero 1 MODULO RIPASSO: Scomposizione di polinomi in fattori; Disequazioni intere di primo, secondo e grado superiore al secondo; Disequazioni fratte; Disequazioni in modulo. 2 MODULO FUNZIONI: Definizione di una funzione e del suo dominio e codominio; Calcolo del dominio di funzioni reali e rappresentazione tramite insiemi o intervalli; Calcolo del segno di una funzione. 3 MODULO LIMITI: Approccio intuitivo al concetto di limite, definizione e verifica della sua correttezza; Calcolo dei limiti di funzioni continue, teoremi ed operazioni con i limiti; Forme indeterminate e ricerca di eventuali risoluzioni; Utilizzo dei limiti per la ricerca degli asintoti di una funzione (verticali, orizzontali e obliqui). 4 MODULO DERIVATE: Rapporto incrementale di una funzione reale; Definizione e significato geometrico della derivata prima di una funzione; Derivata della funzione potenza ed irrazionale; Derivata della somma algebrica, del prodotto e del quoziente di due funzioni; Derivata di funzione di funzione; Determinazione del massimo e del minimo di una funzione reale studiando il segno della sua derivata prima. 5 MODULO GRAFICO DI UNA FUNZIONE REALE: Interpretazione di un grafico di funzione reale e relative deduzioni; Rappresentazione grafica di una funzione nel piano cartesiano, riepilogo di tutti i concetti precedentemente descritti. 13

15 Materia: Lingua e civiltà francese Docente: Liberati Tania Contenuti: 1) TURISTICO-GEOGRAFICI : Geografia fisica della Francia e della francofonia l histoire géologique; les plaines, les massifs et les montagnes récentes ; les fleuves; le climat; l économie; le DROM, le COM, le POM Parigi (storia di una capitale) Presentazione in lingua francese di una città italiana dal punto di vista turistico: la situation géographique; l histoire; les attraits touristiques; les manifestations; la gastronomie; les transports. I principali tipi di turismo (verde, balneare, congressuale, invernale, religioso, termale, scolastico). Il turismo verde: le tourisme rural; la randonnée pédestre; la rando VTT; la rando à cheval; la rando aquatique. Nozioni relative alla storia del turismo: l évolution du tourisme; le tourisme en France; la France touristique. La demande d'emploi: l'elaborazione di un CV in stile francese ed europeo. Come rispondere alle petites annonces. La lettre d'accompagnement. 14

16 CLIL RICEVIMENTO IN FRANCESE Docenti: Liberati Tania e Settembrale Concetta L'organisation d'un événement : Définition d un événement Les événements internes Les objectifs de l événement Les 4 P du Marketing Mix Le financement de l événement Le budget prévisionnel La recherche des partenaires La planification et l organisation de l événement Les démarches administratives La recherche des sponsors Le plan de communication Après l événement A la réception: Les métiers de l hôtellerie Le travail à la réception La réservation L accueil le départ du client le paiement de la facture les caractéristiques de la note la facturation par courrier le vocabulaire technique les modes de paiement les différents types de carte l opinion de la clientèle. 15

17 Materia: Storia dell Arte Docente: prof.ssa Barbara Silvia Ramponi Testo in adozione: M. BONA CASTELLOTTI, Percorso di storia dell arte, Dal Neoclassicismo ai minimalismi, vol. 3, Einaudi scuola I contenuti disciplinari si sono sviluppati in senso cronologico, dal Neoclassicismo della seconda metà del Settecento alle Avanguardie Storiche del primo Novecento. La materia è stata proposta attraverso sintesi schematiche del contesto storico-culturale di riferimento e soffermandosi su opere considerate particolarmente significative in relazione a tendenze, movimenti e personalità artistiche, proponendone una lettura sul piano iconografico, iconologico, compositivo e stilistico. Il 700 Neoclassicismo: significato del termine e periodizzazione. Aspetti del contesto storico, politico e culturale europeo alla metà del secolo. l Illuminismo e la contrapposizione all ancient régime. La storia come exemplum morale e la funzione etica e didattica dell arte. L elaborazione dell estetica neoclassica a Roma: Winckelmann. Il modello dell antichità classica, l idea del bello. La vicenda artistica e biografica di DAVID, dalla fase rivoluzionaria al periodo napoleonico. Il giuramento degli Orazi: analisi d opera. Lettura iconografica, analisi iconologica, analisi compositiva e stilistica. Marat assassinato: analisi d opera. CANOVA. Profilo biografico. La bellezza come grazia. Amore e Psiche: analisi d opera. Il tema della morte e l affinità con la poesia del Foscolo. Monumento funebre di Maria Cristina d Austria: analisi d opera. L 800 Romanticismo: significato del termine e periodizzazione. Aspetti del contesto storico, politico e culturale europeo. Restaurazione e moti rivoluzionari. Risorgimento italiano. L idea di nazione e l anelito all unità. L importanza delle radici storiche nazionali, il recupero del Medioevo e della spiritualità. La figura romantica dell artista moderno. Dall estetica del pittoresco al sentimento del sublime : il paesaggio romantico. FRIEDRICH, Viandante sul mare di nebbia. GÉRICAULT. Profilo biografico. Il grande quadro di storia : La zattera della Medusa. Analisi d opera. I Ritratti di alienati. DELACROIX. Massacro di Scio, Donne di Algeri nelle loro stanze. La Libertà guida il popolo: analisi d opera. HAYEZ. Profilo biografico. I grandi quadri di storia medievale, le suggestioni dell opera verdiana, i significati risorgimentali. I ritratti: Alessandro Manzoni. Il bacio: analisi d opera. Realismo: significato del termine e periodizzazione. Aspetti del contesto politicoculturale francese alla metà del secolo. Il positivismo. La fotografia. Il sistema dell arte: il Salon e la critica ufficiale. COURBET. Profilo biografico. La teorizzazione della poetica realista. Il Pavillon du Realisme. Funerale a Ornans. L atelier del pittore: analisi d opera. Il dibattito europeo tra eclettismo architettonico e nuova architettura del ferro e del vetro. PAXTON, Crystal Palace. EIFFEL, Torre Eiffel. MENGONI, Galleria Vittorio Emanuele II a Milano. Il dibattito sul restauro: restauro conservativo di RUSKIN e restauro integrativo di VIOLLET-LE-DUC. MANET. Profilo biografico. L amore per la pittura spagnola del 600. Il nero di Manet. L originale rilettura della grande tradizione pittorica attraverso una sensibilità moderna. Déjeuner sur l herbe : analisi d opera. Olympia. Ritratto di Zola. L influenza delle stampe giapponesi e della poetica impressionista. Impressionismo: significato del termine e periodizzazione. Poetica, tematiche, tecnica della pittura impressionista. MONET, Impression. Soleil levant. DEGAS. 16

18 Sottolineature sulla tecnica pittorica. L assenzio. La tinozza. RENOIR, Bal au Moulin de la Galette. Esotismo, giapponismo, primitivismo nelle manifestazioni artistiche fra seconda metà dell Ottocento e inizi del Novecento. Postimpressionismo, Simbolismo, Art Nouveau, Secessioni in Europa: significato dei termini e periodizzazione. I dipinti in serie di MONET: La Cattedrale di Rouen, Ninfee. Il pointillisme di SEURAT. Un dimanche après-midi à l Ile de la Grande Jatte : analisi d opera. TOULOUSE-LAUTREC, cantore della Belle-Epoque. Il manifesto come opera d arte : Moulin Rouge-La Goulue. VAN GOGH. Profilo biografico. Mangiatori di patate: analisi d opera. La camera dell artista ad Arles, Campo di grano con volo di corvi. L importanza del viaggio nella vicenda biografica e artistica di GAUGUIN. Il sintetismo. Cristo giallo, La visione dopo il sermone. MUNCH, Il grido: analisi d opera. La Secessione viennese. KLIMT, Giuditta I. OLBRICH, Palazzo della Secessione. Divisionismo. PELLIZZA DA VOLPEDO, Il Quarto Stato: analisi d opera. Il 900 Avanguardie Storiche: significato della definizione, coordinate geografiche, periodizzazione. Aspetti comuni e caratteri specifici dei differenti gruppi e movimenti artistici in Europa. L importanza dei Manifesti, la sperimentazione di nuove tecniche e linguaggi artistici autonomi. Fauves. MATISSE, La tavola imbandita (Armonia in rosso). La danza: analisi d opera. Espressionismo tedesco: Die Brücke. Il recupero della xilografia. KIRCHNER, Scena di strada berlinese. Der blaue Reiter. KANDINSKIJ, Primo acquarello astratto, Composizione VIII. Astrattismo. MONDRIAN, Albero rosso, Albero argentato, Melo in fiore. Composizione con rosso, azzurro e giallo. Cubismo. PICASSO: dalle opere simboliste del periodo blu e del periodo rosa alla svolta di Les demoiselles d Avignon: analisi d opera. Ritratto di Ambroise Vollard (Cubismo analitico), Natura morta con sedia impagliata (Cubismo sintetico; collage). Futurismo. Il Manifesto del Futurismo di MARINETTI. BOCCIONI, La città che sale: analisi d opera. Rissa in galleria, Forme uniche della continuità nello spazio. Dada. Il ready-made di DUCHAMP. Ruota di bicicletta, Fontana, L.H.O.O.Q.. Surrealismo. Il frottage di ERNST. MAGRITTE, Il tradimento delle immagini. DALI, La persistenza della memoria. La Metafisica di DE CHIRICO. Le muse inquietanti: analisi d opera. Razionalismo. GROPIUS, Bauhaus a Dessau. PICASSO, Guernica: analisi d opera. Cenni sulle Neoavanguardie all indomani del secondo conflitto mondiale e sui successivi sviluppi dei fenomeni artistici (Espressionismo astratto, Informale, Pop Art, Minimal Art, Land Art, Arte Povera, Body Art). 17

19 Disciplina: ECONOMIA E TECNICA DELL IMPRESA TURISTICA Docente: Lattanzi M. Elvira Disciplina: TECNICA DEI SERVIZI E PRATICA OPERATIVA Docente: Concetta Settembrale MODULO 1 LA GESTIONE AMMINISTRATIVA Il sistema informativo aziendale. Cenni introduttivi alle rilevazioni contabili, con particolare riferimento alle imprese turistiche. Il bilancio. La funzione informativa del bilancio d esercizio. La struttura del bilancio d esercizio: lo stato patrimoniale, il conto economico e la nota integrativa. Postulati del bilancio: clausole generali e principi di redazione. Il bilancio in forma abbreviata L interpretazione del bilancio e l analisi di bilancio per indici. Gli indici di composizione: indice di rigidità degli impieghi, indice di elasticità degli impieghi, indice di dipendenza finanziaria e indice di indipendenza finanziaria. Gli indici di copertura delle immobilizzazioni con fonti di finanziamento durevoli e indice di copertura delle immobilizzazioni con mezzi propri. Indici finanziari: current ratio e quick ratio. Gli indici di redditività:roi e Roe. MODULO 2 IL SISTEMA DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Il concetto di strategia. La pianificazione strategica. Le fasi in cui si articola il processo di pianificazione strategica: analisi della situazione, definizione degli obiettivi, individuazione delle opzioni strategiche e scelta della strategia, attuazione e controllo. Il budget: funzioni e caratteristiche. Le tipologie di budget. Gli Standard. I budget settoriali dell impresa alberghiera. Elaborazione del budget Room Division, Budget F&B, budget degli altri dipartimenti operativi e budget economico. Il budget nelle imprese di viaggi Il budgetary control. L analisi degli scostamenti dei costi variabili, dei costi fissi e dei ricavi. Il business plan. Funzione interna ed esterna del business plan. Il contenuto del business plan: parte descrittiva e parte numerica. MODULO 3 LEGISLAZIONE TURISTICA La legge quadro sul turismo n maggio La legislazione turistica nazionale:la legge quadro 29 marzo 2001 n. 135 Riforma della legislazione nazionale del turismo. Il contratto di viaggio. MODULO 4 I FINANZIAMENTI Le fonti di finanziamento. I finanziamenti interni. I finanziamenti esterni. I finanziamenti bancari. Il credito ordinario: l'apertura di credito, lo sconto, l anticipazione, il portafoglio salvo buon fine. Il credito per firma: la fideiussione e l'avallo. Il mutuo Il leasing: leasing operativo leasing finanziario, leasing immobiliare, lease back. Il factoring. Il prestito obbligazionario. 18

20 MODULO 5 IL MARKETING Il marketing. Evoluzione del concetto di marketing. Il marketing nel turismo. Le caratteristiche del marketing turistico. Il marketing turistico pubblico. Le ricerche di marketing. Il marketing strategico. L analisi della domanda. Il comportamento d acquisto del turista. La segmentazione del mercato. Le strategie di marketing indifferenziato, differenziato e concentrato. Il posizionamento del prodotto. Il piano di marketing. Il marketing mix. Il prodotto. Il prodotto turistico globale e specifico. Il ciclo di vita del prodotto. Le strategie nelle differenti fasi del ciclo di vita del prodotto. Il prezzo: fattori che influenzano la determinazione del prezzo e metodi di calcolo. La distribuzione del prodotto turistico. La comunicazione nelle imprese turistiche. Le fasi dello sviluppo di una comunicazione efficace. La pubblicità, le pubbliche relazioni, la promozione delle vendite, la vendita personale e il direct marketing. Le forme della comunicazione delle imprese turistiche. MODULO 6 L ATTIVITÀ DEL FRONT OFFICE Continuazione e ripasso degli argomenti del 4 anno Norme generali; il comportamento e la presenza; Il front office. Il ciclo cliente: prenotazione, check in, live in, check out e modulistica relativa. 19

21 CLIL TECNICA TURISTICA IN INGLESE DOCENTI M. ELVIRA LATTANZI - FEDERICO MILITANTE MARKETING FOR HOSPITALITY AND TOURISM Characteristics of services. The origin of marketing. Marketing: a formal definition. Marketing and Sales Concepts Contrasted. The special characteristics of travel and tourism marketing. Segmentation. Criteria for market segmentation: Geographic, Demographic, Psychographic, Behavioral. Plog s psychographic typology. Market coverage strategies: undifferentiated, differentiated and concentrated marketing. Positioning. Marketing mix: definition. The service marketing mix: 7p s.the extended marketing mix: people, physical evidence and process 20

22 Disciplina: GEOGRAFIA TURISTICA Docente: Di Lello Jessica Libro di testo: Bianchi, Köhler, Moroni, Vigolini - Passaporto per il mondo - De Agostini 1.IL MONDO ll clima Gli ambienti naturali 2. IL TURISMO NEL MONDO Economia del turismo: l importanza del turismo, il mercato turistico, le tendenze principali, la bilancia dei pagamenti, sviluppo e globalizzazione. Flussi e spazi turistici: i tipi di flussi, gli spazi turistici. 3. L ASIA L Asia: il territorio, i climi e gli ambienti,i luoghi da non perdere. L Asia occidentale: il territorio, il clima e gli ambienti, gli insediamenti e le attività, le risorse turistiche, i flussi turistici. Israele: il territorio, gli insediamenti e le attività, le risorse turistiche, le strutture ricettive e i flussi turistici. L Asia meridionale e sud-orientale: il territorio, il clima e gli ambienti, gli insediamenti e le attività, i flussi turistici. L Unione Indiana: il territorio, gli insediamenti e le attività, le risorse turistiche,le strutture ricettive e i flussi turistici. L Estremo Oriente. Cina: il territorio, gli insediamenti e le attività, le risorse turistiche, le strutture ricettive e i flussi turistici. Giappone: il territorio, gli insediamenti e le attività, le risorse turistiche, le strutture ricettive e i flussi turistici. 4. L AFRICA L Africa mediterranea: il territorio, Il clima e gli ambienti, gli insediamenti e le attività, i flussi turistici. L Egitto: il territorio, gli insediamenti e le attività, le risorse turistiche, le strutture ricettive e i flussi turistici. Marocco: il territorio, gli insediamenti e le attività, le risorse turistiche, le strutture ricettive e i flussi turistici. L Africa subsahariana: il territorio, il clima e gli ambienti, gli insediamenti e le attività, i flussi turistici. Kenya: il territorio, gli insediamenti e le attività, le risorse turistiche, le strutture ricettive e i flussi turistici. 5. L AMERICA America Settentrionale Gli Stati Uniti d America: il territorio, gli insediamenti e l attività, le risorse turistiche, le strutture ricettive e i flussi turistici. 21

23 Il Messico: il territorio, gli insediamenti e le attività, le risorse turistiche, le strutture America Centro-meridionale Cuba: il territorio, gli insediamenti e le attività, le risorse turistiche,le strutture ricettive e i flussi turistici. 22

24 Disciplina: Tecniche di comunicazione e relazione Docente: Minuti Silvana 1 MODULO: LA COMUNICAZIONE SOCIALE Le comunicazioni di massa - Società di massa, globalizzazione, comunicazione di massa - Comunicazione interpersonale e comunicazione di massa - I new media I linguaggi delle comunicazioni di massa - I media tradizionali e quelli con immagini - La stampa - La radio - Il fumetto; - Il cinema; - La televisione - Il telefono La psicologia delle comunicazioni di massa - I media e la loro psicologia; - La pubblicità sui mass media 2 MODULO: LE RELAZIONI UMANE O INTERPERSONALI Gli atteggiamenti specifici che determinano le relazioni: - Atteggiamenti e motivazioni - Componenti cognitive; affettive e pragmatico-comportamentali La motivazione e i bisogni personali e sociali -La gerarchia dei bisogni - Scopi e motivazioni turistiche -Turismo di massa e di nicchia La motivazione all ascolto 3 MODULO: FATTORE UMANO E FLUSSI DI COMUNICAZIONE IN AZIENDA La storia del fattore umano in azienda: la scuola delle relazioni umane ; le teorie motivazionali, Herzberg, Likert e il toyotismo Le comunicazioni efficaci in azienda - Le comunicazioni interne - I flussi di comunicazione esterna - Comunicazione e fattore umano come elementi di qualità strategici nell ambito turistico -Le comunicazioni disfunzionali in azienda - Il mobbing - Strategie per comunicare con persone difficili 23

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy

Culture Programme. Nuoro, 9 Novembre 2010. Marzia Santone-CCP Italy Culture Programme 2007- -2013 Nuoro, 9 Novembre 2010 Marzia Santone-CCP Italy Intro From a cultural point of view Perché l UE si interessa alla cultura? Fattori simbolici L Unità nella Diversità L UE caratterizzata

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico

Liceo Artistico Statale «Boccioni Palizzi» Istituto Superiore Artistico Idoneità alla 3^ classe: ESAMI IDONEITA' INTEGRATIVI A.SC. 2013/14 1 Grimaldi Sabrina: in poss. promoz. al 2 anno Istituto Alberghiero 2 anno Storia e Geografia (orale) 2 anno Storia dell Arte (orale)

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli