NEWSLETTER Italian Corporate Department

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEWSLETTER Italian Corporate Department"

Transcript

1 NEWSLETTER Italian Corporate Department Nella presente newsletter vengono brevemente commentate due recenti pronunce della Corte di Cassazione in materia di Market Abuse. In particolare la prima sentenza si concentra sul concetto di insider trading dopo la riforma del 2005, chiarendo altresì il requisito del carattere "non pubblico" dell'informazione quale presupposto di operatività dei divieti previsti dalla disciplina sull'insider trading. La seconda sentenza si focalizza invece sulla nozione di profitto del reato di Market Abuse. Marzo 2009 MARKET ABUSE: IL CONCETTO DI INSIDER TRADING DOPO LA RIFORMA DEL 2005 Con sentenza n del 7 novembre 2008 (depositata il 28 novembre 2008) la Cassazione Penale ha chiarito il rapporto fra vecchia disciplina del reato di abuso di informazioni privilegiate (c.d insider trading) di cui all'art. 180 del TUF e quella nuova di cui all'art. 184 del TUF introdotta con la Legge 62/2005, precisando che fra le stesse sussiste un rapporto di continuità normativa, limitandosi quella novellata a specificare ulteriormente comportamenti già sanzionabili in base a quella previgente. Con la medesima sentenza è stato altresì chiarito il requisito del carattere "non pubblico" dell'informazione quale presupposto di operatività dei divieti previsti dalla disciplina sull'insider trading. Il fatto Nel caso di specie la Corte di Cassazione è stata chiamata ad esprimersi sul ricorso presentato da una donna che era stata condannata nel precedente grado di giudizio per il reato di insider trading per aver la stessa, sfruttando le informazioni ricevute dal convivente-trader di un'importante SIM, realizzato tra il 1999 e il 2002 operazioni finanziarie che avevano fruttato plusvalenze per quasi 2 milioni di euro. La realizzazione di tali plusvalenze era stata resa possibile dal comportamento del trader, il quale comunicava in anticipo alla convivente i termini di operazioni di acquisto/vendita ordinate da clienti della SIM che sarebbero da li a poco state immesse sul mercato e ritenute in grado di influire sensibilmente sui prezzi dei titoli oggetto degli ordini, consentendo in questo modo alla ricorrente di effettuare conseguentemente operazioni c.d di front running, ovvero di comunicare ordini di negoziazione che beneficiassero in anticipo degli effetti derivanti dalla trasmissione degli ordini da parte della clientela. Condannata in grado di Appello, la convivente del trader ricorreva in cassazione deducendo tra l'altro la contraddittorietà e manifesta illogicità della sentenza in quanto condannata per un comportamento che, all'epoca dei fatti, non era previsto come - 1 -

2 vietato dall'allora vigente art. 180 TUF, posto che solo con la riforma introdotta dalla legge 62/2005 la novellata disciplina avrebbe previsto - ex art. 181 comma 5 - che il reato di insider trading potesse configurarsi anche avendo ad oggetto "l'informazione trasmessa da un cliente e concernente gli ordini del cliente in attesa di esecuzione", ovverosia esattamente la fattispecie per cui si procedeva. In considerazione di quanto appena esposto, veniva ritenuto non utilizzabile il novellato art. 184 del TUF per definire l'abuso di informazioni privilegiate, dovendosi al contrario far riferimento al previgente art. 180 del TUF. La ricorrente lamentava altresì l'impossibilità di qualificare come non pubbliche (presupposto di operatività dei divieti previsti dalla disciplina sull'insider trading) le informazioni ricevute, posto che i termini degli ordini comunicati dalla clientela erano a disposizione e quindi noti a tutti gli operatori delle diverse sedi della SIM, in quanto caricati dal trader sul sistema informatico della società. La normativa di riferimento Attuale disciplina Reato di abuso di informazioni privilegiate ex art. 184 del TUF La fattispecie punisce chiunque, essendo direttamente entrato in possesso di informazioni privilegiate per essere membro di organi amministrativi, di direzione o di controllo di una società emittente, oppure per essere socio, ovvero per averla appresa nel corso e a causa di un attività lavorativa privata o pubblica: a) acquista, vende o compie altre operazioni, direttamente o indirettamente, per conto proprio o per conto di terzi, su strumenti finanziari utilizzando le informazioni privilegiate acquisite nelle modalità sopra descritte; b) comunica tali informazioni ad altri, al di fuori del normale esercizio del lavoro, della professione, della funzione o dell ufficio cui si è preposti (a prescindere dalla circostanza che i terzi destinatari utilizzino effettivamente l informazione comunicata per compiere operazioni); c) raccomanda o induce altri, sulla base delle conoscenze ricavate dalle informazioni privilegiate delle quali è in possesso, a compiere taluna delle operazioni indicate nella lettera a). In base all'art. 181 del TUF per informazione privilegiata deve intendersi un'informazione di carattere preciso, che non è stata resa pubblica, concernente direttamente o indirettamente uno o più emittenti strumenti finanziari o uno o più strumenti finanziari e che, se resa pubblica, potrebbe influire in modo sensibile sui prezzi di tali strumenti finanziari (art. 181 TUF). Rileva precisare che in base al comma 5 del suddetto articolo "nel caso delle persone incaricate dell'esecuzione di ordini relativi a strumenti finanziari, per informazione privilegiata si intende anche l'informazione trasmessa da un cliente e concernente gli ordini del cliente in attesa di esecuzione.." Disciplina previgente Anteriormente all'entrata in vigore della della Legge 62/2005, il reato di abuso di informazioni privilegiate era regolato dal previgente art. 180 del TUF. La suddetta disposizione in qualche modo accorpa in un unico articolo quanto, a seguito - 2 -

3 dell'entrata in vigore della Legge 62/2005, è stato diluito invece negli articoli 181 e 184 del TUF. Nello specifico, l'art.180 pre-riforma, dopo aver previsto quali comportamenti integrano il reato di abuso di informazione privilegiata (" chiunque a) acquista o vende o compie altre operazioni, anche per interposta persona, su strumenti finanziari avvalendosi delle informazioni medesime b) senza giustificato motivo, da comunicazione delle informazioni, ovvero consiglia ad altri, sulla base di esse, il compimento di taluna delle operazioni indicate dalla lettera a) ), indica cosa debba intendersi per informazione privilegiata (.un'informazione specifica di contenuto determinato, di cui il pubblico non dispone, concernente strumenti finanziari o emittenti strumenti finanziari, che, se resa pubblica, sarebbe idonea a influenzarne sensibilmente il prezzo ). Nella formulazione dell'art. 180 del TUF preriforma, manca però di un esplicito riferimento introdotto solo con la Legge 62/2005 al fatto che il reato di insider trading possa configurarsi anche relativamente ad un'informazione "trasmessa da un cliente e concernente gli ordini del cliente in attesa di esecuzione". Il giudizio della Corte di Cassazione La Cassazione ha respinto il ricorso allineandosi al giudizio formulato dalla Corte d'appello. La Corte infatti sostiene che tra le fattispecie di cui al testo originario dell'art. 180 del TUF e quella prevista dall'attuale art. 184 del medesimo decreto vi sia continuità normativa essendo le stesse in rapporto di specialità, limitandosi quella novellata a meglio specificare i soggetti attivi e a dettagliare maggiormente le condotte vietate. Tra l'altro sottolinea la Corte "prevalente rispetto agli elementi aggiuntivi introdotti con la nuova normativa, è, con riguardo alle condotte, il significato lesivo dell'elemento comune e tipico in entrambe le fattispecie, cioè l'abuso delle informazioni privilegiate, «abuso» che rappresenta il nucleo di disvalore del fatto e che è rimasto immutato, sicché vi è continuità nel tipo di illecito e la condotta tenuta dalla ricorrente - in concorso con l'insider primario "era disciplinata e ricompressa nell'art. 180 comma 1 del TUF, vigente all'epoca dei fatti, prima cioè della modifica di cui alla l.n. 62/05, che puniva l'insider primario il quale, essendo in ragione dell'esercizio di una professione in possesso di informazioni privilegiate, acquista, vende o compie altre operazioni, anche per interposta persona, su strumenti finanziari avvalendosi delle informazioni medesime". Alla luce di quanto sopra, la Corte ha concluso affermando che trattandosi di un fenomeno di leggi meramente modificative, nell'ambito delle indicata continuità normativa tra le fattispecie, poiché la condotta della ricorrente era prevista come reato da entrambe le fattispecie di legge, i giudici di merito hanno giustamente applicato alla ricorrente, con riguardo al trattamento sanzionatorio, la disciplina più favorevole, nella specie quella di cui al precedente art. 180 TUF, ciò coerentemente con il disposto di cui all'art. 2 comma 4 c.p. Quanto al secondo motivo del ricorso, la Corte ha sottolineato come l'informazione comunicata dal trader alla convivente "non potesse in alcun modo considerarsi pubblica in ragione del suo inserimento nel sistema informatico della SIM, e ciò in quanto per pubblico deve intendersi solo quello dei potenziali investitori sul mercato telematico", che non può certo coincidere con i traders della SIM i quali vengono a conoscenza delle informazioni privilegiate relative agli ordini da eseguire a causa dell'esercizio della loro attività - 3 -

4 professionale; sul punto la Corte ha aggiunto infine che "la ridotta circolazione delle informazioni privilegiate tra gli operatori della SIM non tramuta le stesse informazioni sull'ordine da eseguire in informazione pubblica, consistendo la notizia privilegiata non in un qualsiasi ordine di negoziazione in attesa di esecuzione, bensì nell'ordine del trader, definito in tutti i suoi aspetti, di immediata immissione, che diveniva noto alla convivente allorché invece, pur se noto agli altri operatori della SIM, non lo era per il pubblico degli investitori". MARKET ABUSE: NOZIONE DI PROFITTO DEL REATO Con sentenza n del 18 luglio 2008 (depositata in data 25 novembre 2008) la Cassazione Penale ha accolto, in tema di Market Abuse, la nozione più estesa di profitto del reato, soggetto a sequestro preventivo finalizzato alla successiva confisca, sempre prevista in caso di condanna per questa tipologia di reati. Il fatto La Corte di Cassazione si è pronunciata sul ricorso di un correntista destinatario di un provvedimento di sequestro preventivo del profitto del reato a seguito della commissione dell'illecito di manipolazione di mercato nell'ambito della "scalata di Antonveneta". Il provvedimento di sequestro adottato dal Gip del Tribunale di Milano e confermato in larga parte dal Tribunale del riesame con successiva ordinanza includeva nel profitto del reato anche la somma utilizzata dal suddetto correntista per l'acquisizione dei titoli azionari oggetto di aggiotaggio. Il difensore del correntista richiedeva l'annullamento della suddetta ordinanza nella parte in cui includeva - nell'ammontare da sottoporre a sequestro preventivo - anche le competenze bancarie da quest'ultimo pagate, in considerazione del fatto che "le somme componenti le competenze bancarie costituirebbero non già il profitto del reato e cioè il vantaggio economico ricavato per effetto della commissione del reato ma rientrerebbero nel risultato lordo dell'operazione vale a dire nella nozione di prodotto del reato. Solo l'inammissibile sovrapposizione del concetto di profitto con quello di prodotto renderebbe estensibile il provvedimento di sequestro sul piano quantitativo fino a ricomprendere indebitamente le competenze bancarie, direttamente approdate, in esito all'operazione d'investimento, nella sfera giuridica della banca". All'esame della Suprema Corte è stata in definitiva sottoposta la questione se il profitto del reato oggetto del sequestro preventivo in vista della confisca, debba essere commisurato al lordo, cioè all'intero ricavo dell'illecito, o al netto, cioè all'effettivo guadagno tratto dal reo, ottenuto sottraendo i costi sostenuti da quest'ultimo per la commissione del reato. La normativa di riferimento Il reato di manipolazione del mercato ex art.185 del TUF In base all'art. 185 di cui al D.Lgs 24 febbraio 1998 n. 58 (TUF) commette reato di manipolazione del mercato chiunque diffonde notizie false (c.d manipolazione informativa) o pone in essere operazioni simulate o altri artifizi concretamente idonei a provocare una sensibile alterazione del prezzo di strumenti finanziari (c.d. manipolazione negoziativa)

5 In base al richiamato art. 185 del TUF, chi commette reato di manipolazione di mercato è punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da euro ventimila a euro cinquemilioni (con riferimento a quest'ultima sanzione rileva precisare che "il giudice può aumentare la multa fino al triplo o fino al maggiore importo di dieci volte il prodotto o il profitto conseguito dal reato quando, per la rilevante offensività del fatto, per le qualità personali del colpevole o per l'entità del prodotto o del profitto conseguito dal reato, essa appare inadeguata anche se applicata nel massimo"). Necessita infine di essere menzionato quanto disposto dall'art. 187 del TUF in materia di confisca, in base al quale "in caso di condanna per uno dei reati previsti dal presente capo è disposta la confisca del prodotto o del profitto conseguito dal reato e dei beni utilizzati per commetterlo". Il giudizio della Corte di Cassazione La Cassazione Penale ha dato credito alla posizione accolta dal Tribunale del riesame, in base alla quale nel calcolo del profitto non possono scomputarsi gli interessi versati dall'indagato per ottenere l'affidamento necessario per l'acquisizione dei titoli azionari. Secondo il giudizio del Tribunale del riesame infatti, l'attività i cui costi l'imputato avrebbe voluto fossero esclusi dal profitto confiscabile, pur essendo di per sé lecita (in quanto concretatesi nell'erogazione di un mutuo nell'ambito dell'esercizio del credito da parte di un istituto autorizzato), era in ogni caso prodromica alla realizzazione di un reato e pertanto finalizzata a creare le condizioni necessarie perché potesse essere compiuto il reato di manipolazione sui titoli di Antonveneta. La successiva pronuncia della Cassazione, nel confermare quanto espresso dal precedente grado di giudizio, ha sostanzialmente ribadito l'orientamento tracciato da una recente sentenza della Cassazione a Sezioni Unite (Cass. Pen. SS.UU , n.26654), secondo la quale il profitto del reato va inteso come complesso dei vantaggi economici tratti dall'illecito e a questo strettamente pertinenti. Una simile nozione generale di profitto, sempre secondo la sentenza in esame, sarebbe in linea "con la strategia internazionale, particolarmente dell'unione Europea, che affida alla confisca dei proventi del reato, intesi in senso sempre più ampio ed omnicomprensivo, il ruolo di contrasto alla criminalità economica ed a quella organizzata e, a tal fine, elabora strumenti funzionali alla promozione dell'armonizzazione delle legislazioni nazionali in materia". Merita menzione in questo senso la Legge 25 febbraio 2008, con cui si è conferita delega al Governo per l'attuazione della decisione quadro dell'unione Europea relativa alla confisca di beni, strumenti e proventi di reato (2005/212/GAI). In particolare, l'articolo 31, comma 1, lettera b), n. 1 della richiamata legge precisa che per "proventi del reato" sono da considerarsi il prodotto ed il prezzo del reato, nonché "il profitto derivato direttamente o indirettamente dal reato" o il suo impiego; la stessa disposizione al n. 3 impone la previsione della confisca per equivalente dei beni costituenti il prodotto, il prezzo o il profitto del reato. A tal proposito, la pronuncia della Cassazione in esame, osserva come "il legislatore, nel disciplinare la confisca del profitto del reato, non opera alcuna distinzione fondata sul margine di guadagno "netto" ricavato dal reato e, anzi, menzionando specificamente il "profitto indiretto", da rilievo, ai fini dell'applicazione della misura ablativa, anche ai - 5 -

6 vantaggi indotti dal profitto direttamente acquisito per effetto della consumazione dell'illecito". Sulla scorta delle argomentazioni appena richiamate, la Cassazione Penale ha confermato quanto disposto dal Tribunale del riesame di Milano, escludendo che dal profitto del reato, oggetto di sequestro preventivo in vista della confisca, dovessero essere detratte le competenze bancarie versate alla banca dal correntista. * * * Il presente documento è una nota di studio; quanto ivi riportato non può essere utilizzato o interpretato quale parere riferito a una o più transazioni, adottato o comunque preso a riferimento da chiunque, ivi inclusi i consulenti legali, per qualsiasi scopo diverso dalla analisi generale delle questioni in esso affrontate. La riproduzione del presente documento è consentita purché ne venga citato il titolo e la data accanto alla indicazione: Orrick, Herrington & Sutcliffe, Newsletter - Italian Corporate Department. Alessandro De Nicola Partner Orrick, Herrington & Sutcliffe

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito Responsabilità degli amministratori in ambito penale tipologie di reati specifici per le società quotate in borsa REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA a cura di Margherita Gardi per il

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

TITOLO I-BIS 362 ABUSO DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E MANIPOLAZIONE DEL MERCATO. Capo I Disposizioni generali. Art.

TITOLO I-BIS 362 ABUSO DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E MANIPOLAZIONE DEL MERCATO. Capo I Disposizioni generali. Art. pag. 102 Consob - Raccolta normativa TITOLO I-BIS 362 ABUSO DI INFORMAZIONI PRIVILEGIATE E MANIPOLAZIONE DEL MERCATO Capo I Disposizioni generali Art. 180 (Definizioni) 1. Ai fini del presente titolo si

Dettagli

D.LGS. 231/2001 AGGIORNAMENTO NORMATIVO E GIURISPRUDENZIALE

D.LGS. 231/2001 AGGIORNAMENTO NORMATIVO E GIURISPRUDENZIALE A cura del Dipartimento italiano Corporate D.LGS. 231/2001 AGGIORNAMENTO NORMATIVO E GIURISPRUDENZIALE Si riporta di seguito una breve rassegna dei provvedimenti maggiormente significativi in materia di

Dettagli

Emissione di fatture false

Emissione di fatture false Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 88 24.03.2014 Emissione di fatture false Il commercialista risponde del reato assieme al cliente, se lo ha istigato Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE MONCLER S.P.A. 1. PREMESSA Il Consiglio di Amministrazione di Moncler S.p.A. (la Società ) ha istituito il registro delle persone che

Dettagli

numero 21.2011 25 maggio 2011 Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino

numero 21.2011 25 maggio 2011 Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino Page 1 of 5 numero 21.2011 25 maggio 2011 IL PUNTO Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino di Federica Caponi, SELF Servizi e Formazione

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

Corporate Law Alert AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001

Corporate Law Alert AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001 Corporate Law Alert SETTEMBRE 2013 AGGIORNAMENTO NORMATIVO: I NUOVI REATI PRESUPPOSTO EX D.LGS. 231/2001 Con l articolo 9 comma 2 del D.L. 14 agosto 2013, n. 93 recante Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Svolgimento del processo e motivi della decisione Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n. 41499 Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà

Dettagli

Carte credito, vaglia postale veloce,carta

Carte credito, vaglia postale veloce,carta Carte di credito, vaglia postale veloce,carta di Pagamento,penale,pagamenti,internet,legalgeek Cassazione Feriale Penale del 15 settembre 12 dicembre 2011, n. 45946 testo Civile.it " I reati sono stati

Dettagli

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa)

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva

Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva In tema di gestione dei rifiuti, quando il deposito di rifiuti non possiede i requisiti fissati

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Penale Sent. Sez. 3 Num. 23484 Anno 2014 Presidente: FIALE ALDO Relatore: DI NICOLA VITO Data Udienza: 07/03/2014 SENTENZA sul ricorso proposto da Petroni Domenico, nata a Canosa di Puglia il 09/09/1971

Dettagli

Reati informatici. Elementi generali. Sentenza. Violenza sulle cose. Normativa di riferimento. Accesso abusivo a un sistema informatico 1/3

Reati informatici. Elementi generali. Sentenza. Violenza sulle cose. Normativa di riferimento. Accesso abusivo a un sistema informatico 1/3 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa) e/o detentive (es. reclusione). Reati informatici

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 45 26.06.2014 Commercialisti. Concorso nella frode fiscale Categoria: Professionisti Sottocategoria: Commercialisti Rischia una condanna per

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 Ritenuto in fatto 1. Con decreto dì sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del 26 ottobre 2012, il GIP presso il Tribunale

Dettagli

MICROSOFT S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. D. Lgs. 231/2001. P a r t e S p e c i a l e 2 -

MICROSOFT S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. D. Lgs. 231/2001. P a r t e S p e c i a l e 2 - MICROSOFT S.R.L. Modello di Organizzazione Gestione e Controllo D. Lgs. 231/2001 P a r t e S p e c i a l e 2 - Edizione settembre 2008 Reati Societari Pagina 2 di 18 INDICE PARTE SPECIALE 2 1. Le fattispecie

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N. 28352: reati fiscali e tributari in relazione ad attività di trasporto rifiuti. «Questa Corte ha costantemente affermato, sulla scia

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N. 13008: art. 659 c.p. (Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone) e responsabilità del gestore di un esercizio commerciale.

Dettagli

Responsabilità di datore di lavoro, dirigente, preposto e RSPP

Responsabilità di datore di lavoro, dirigente, preposto e RSPP Responsabilità di datore di lavoro, dirigente, preposto e RSPP Nel caso di infortuni sul lavoro, non basta la nomina di un soggetto addetto al servizio di prevenzione e protezione in uno specifico stabilimento,

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 PARTE SPECIALE D ABUSI DI MERCATO INDICE 1. DEFINIZIONI. 3 2. FUNZIONE DELLA PARTE SPECIALE D... 4

Dettagli

SOLUZIONI ESAME 2012 - PARERE DI DIRITTO PENALE. Parere n.1

SOLUZIONI ESAME 2012 - PARERE DI DIRITTO PENALE. Parere n.1 SOLUZIONI ESAME 2012 - PARERE DI DIRITTO PENALE Parere n.1 Nel corso di una indagine di polizia giudiziaria finalizzata alla repressione del fenomeno dello sfruttamento dei minori a fini sessuali, l'agente

Dettagli

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 Libertà di informazione in Rete

Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 Libertà di informazione in Rete Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-15 Libertà di informazione in Rete Nicola Lugaresi - Diritto di Internet 2014-2015 1 DIRITTO DI CRONACA: CRITERI Autenticità e veridicità della notizia Interesse

Dettagli

La protezione patrimoniale del contribuente tra pianificazione lecita e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte

La protezione patrimoniale del contribuente tra pianificazione lecita e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte La protezione patrimoniale del contribuente tra pianificazione lecita e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte La difesa del contribuente tra esigenze di effettività e rischio di riscossione anticipata

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici

PARTE SPECIALE Sezione II. Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Reati informatici PARTE SPECIALE Sezione II Sommario 1.Le fattispecie dei Reati Presupposto (Art. 24 bis del D. Lgs. 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole generali...

Dettagli

MARKET ABUSE. Introduzione

MARKET ABUSE. Introduzione MARKET ABUSE Introduzione La disciplina del Market Abuse, entrata in vigore dal 1 Aprile 2006 a seguito del recepimento della direttiva 2003/6/CE GUCE L 096 del 12.4.2003 nasce con la finalità di contrastare

Dettagli

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1).

Codice Penale. 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Codice Penale 270- bis. Associazioni con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell'ordine democratico (1). Chiunque promuove, costituisce, organizza, dirige o finanzia associazioni

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006 CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438 SENTENZA N. 1488 REG. GENERALE n. 43848/05 pubblica udienza del 28.9.2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO

Dettagli

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Art. 32 quaterc.p. Casi nei quali alla condanna consegue la incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione. Testo previgente Ogni condanna per i

Dettagli

IL D.L. 93/2013: L IMPATTO IN AMBITO DI RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE PERSONE GIURIDICHE. (Avv. Andrea Milani)

IL D.L. 93/2013: L IMPATTO IN AMBITO DI RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE PERSONE GIURIDICHE. (Avv. Andrea Milani) IL D.L. 93/2013: L IMPATTO IN AMBITO DI RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE PERSONE GIURIDICHE (Avv. Andrea Milani) Il nostro prolifico legislatore, sempre particolarmente attivo in materia di dlgs. 231/01

Dettagli

CASSAZIONE CIVILE SEZIONE I

CASSAZIONE CIVILE SEZIONE I CASSAZIONE CIVILE SEZIONE I Sentenza 23 novembre 2004 n. 22116 Pres. Plenteda D Rel. Fioretti FM P.M. Ceniccola R (Conf.) Pizzighello c. Provincia Biella SANZIONI AMMINISTRATIVE - DEPENALIZZAZIONE DI DELITTI

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Progetto della Commissione di redazione per il voto finale Approvato dal Consiglio degli Stati il 20.12.2011 Proposte della Commissione del Consiglio nazionale del 27.04.2012 Legge federale sulle borse

Dettagli

TEMATICHE PENALI DELL USURA. Avv. Alessandra Abbate

TEMATICHE PENALI DELL USURA. Avv. Alessandra Abbate L USURA NEI CONTRATTI BANCARI FIRENZE, 30 giugno 2015 TEMATICHE PENALI DELL USURA Avv. Alessandra Abbate L usura non è stata sempre oggetto di uno specifico divieto contenuto in una norma penale. Non era

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

OMESSI VERSAMENTI IVA

OMESSI VERSAMENTI IVA OMESSI VERSAMENTI IVA Profili pratici e sviluppi giurisprudenziali a seguito della pronuncia della Corte Costituzionale n. 80/2014 in materia di omesso versamento Iva Normativa La disciplina dei reati

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) N. 03963/2015 REG.PROV.COLL. N. 02235/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) ha pronunciato la presente

Dettagli

Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI

Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI Antonio Vallebona L'INGIUSTIFICATEZZA QUALIFICATA DEL LICENZIAMENTO: FATTISPECIE E ONERI PROBATORI SOMMARIO: 1. L' ingiustificatezza qualificata come via di accesso alla tutela reale. - 2. Le due ipotesi

Dettagli

Tax Law Alert AZIONI, OBBLIGAZIONI, TITOLI ATIPICI E RELATIVO REGIME FISCALE CENNI 1. PREMESSA: 2. AZIONI E STRUMENTI FINANZIARI SIMILARI ALLE AZIONI:

Tax Law Alert AZIONI, OBBLIGAZIONI, TITOLI ATIPICI E RELATIVO REGIME FISCALE CENNI 1. PREMESSA: 2. AZIONI E STRUMENTI FINANZIARI SIMILARI ALLE AZIONI: Tax Law Alert GIUGNO 2013 AZIONI, OBBLIGAZIONI, TITOLI ATIPICI E RELATIVO REGIME FISCALE CENNI 1. PREMESSA: Il legislatore tributario, per effetto delle novelle apportate al codice civile con la riforma

Dettagli

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014

Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Infortunio: le condizioni per la rendita ai superstiti - Sent. Cass. n. 18914/2014 Organo: CASSAZIONE CIVILE - SEZIONE VI LAVORO Numero atto: SENTENZA N. 18914 DEL 9 SETTEMBRE 2014 Sintesi : Il diritto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE /h (I 373 96 /14 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VINCENZO ROMIS Dott. GIACOMO FOTI Dott.

Dettagli

Non è reato abbandonare l amico quadrupede al canile

Non è reato abbandonare l amico quadrupede al canile Non è reato abbandonare l amico quadrupede al canile SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE (Terza Sezione Penale) - n. 12852 del 7 febbraio 2013 (dep. 20 marzo 2013) - Collegio composto dai signori : Presidente:

Dettagli

Regolamento per la prevenzione e la gestione degli Abusi di Mercato

Regolamento per la prevenzione e la gestione degli Abusi di Mercato Regolamento per la prevenzione e la gestione degli Abusi di Mercato Processo Finanza Data approvazione Versione 16/09/2010 v.0.1 26/04/2012 v.0.2 INDICE 1. FINALITA DEL DOCUMENTO... 3 2. OGGETTO E FINALITA

Dettagli

High Value Audit Communiti - Milano, 16 aprile 2010 Protiviti - Via Tiziano, 32 - Milano

High Value Audit Communiti - Milano, 16 aprile 2010 Protiviti - Via Tiziano, 32 - Milano Il ruolo dell Internal Audit nei processi di gestione e verifica dei Modelli organizzativi ex D. Lgs. 231/01, anche sottoposti al vaglio della Magistratura: l esperienza Impregilo High Value Audit Communiti

Dettagli

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI

- PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI - PARTE SPECIALE B- DELITTI INFORMATICI E TRATTAMENTO ILLECITO DI DATI B.1. I reati di cui all art. 24 bis del D. Lgs. n. 231/2001 La legge 18 marzo 2008, n. 48, recante Ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole

Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole Frodi carosello e cattive frequentazioni: incolpevole l ultimo anello inconsapevole La Corte di Giustizia Europea ha dichiarato non punibile l utilizzatore finale che dimostra di non essere parte dell

Dettagli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Assemblea Annuale di Assifero Venezia 7 Maggio 2010 Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Avv. Roberto Randazzo Sommario La Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sez. III Penale. Composta dagli Ill.mi Sigg.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sez. III Penale. Composta dagli Ill.mi Sigg. Bonifica dei siti contaminati Evento potenzialmente in grado di contaminare un sito Superamento delle CSR- Cassazione, sentenza n. 16702 del 29 aprile 2011 La disciplina relativa alla bonifica dei siti

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani

Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani Nr. 3131.10 R.G. mod. 21 AVVISO ALL INDAGATO DELLA CONCLUSIONE DELLE INDAGINI PRELIMINARI E INFORMAZIONE DI GARANZIA (art. 415 bis - 369 C.P.P.) Il

Dettagli

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Integra il reato di abbandono o deposito incontrollato di rifiuti l'accumulo di "beni destinati alla rottamazione" elencati nel catalogo europeo dei rifiuti (CER) quali i veicoli e i pneumatici fuori uso,

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 27 gennaio 2015, n. 1476 Svolgimento del processo La Corte d appello di Trieste, con la sentenza indicata in epigrafe, ha confermato, riunendo i giudizi, le tre sentenze

Dettagli

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva

Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva di Avv. Rosa Bertuzzi Abbandono di rifiuti, deposito incontrollato e discarica abusiva Il testo unico ambientale impone il divieto di abbandono di rifiuti, obbligando, in primis, il trasgressore alla rimozione.

Dettagli

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari

Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari Settembre 2010 Oggetto: quesito in merito all applicazione delle disposizioni in materia di Fondo Unico Giustizia alle forme pensionistiche complementari (risposta fornita a un associazione di categoria)

Dettagli

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione Legge 27/5/2015 n. 69 (G.U. 30/5/2015 n. 124) Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio Articolo 1 - Modifiche alla disciplina

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: LEGGE 27 maggio 2015, n. 69 (in Gazz. Uff., 30 maggio 2015, n. 124). - Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio. La

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE il giudice per le indagini preliminari dr. Claudio Tranquillo, all'udienza del 24.10.2012 ha pronunciato mediante lettura

Dettagli

Omesso versamento di ritenute: la prova dai modd. DM10 Renzo La Costa

Omesso versamento di ritenute: la prova dai modd. DM10 Renzo La Costa Omesso versamento di ritenute: la prova dai modd. DM10 Renzo La Costa Se è pacifico che non può configurarsi il reato di omissione di versamento delle ritenute se la retribuzione non è stata materialmente

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione

Circolare Informativa n 5/2014. Pillole di Cassazione Circolare Informativa n 5/2014 Pillole di Cassazione Pagina 1 di 7 INDICE 1) Sicurezza sul lavoro, doveri del datore e presunzione di responsabilità pag. 3 2) Le somme accantonate dal datore di lavoro

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Alla S.T.P. S.p.A. BARI Viale Lovri, 22 70132 Bari

Alla S.T.P. S.p.A. BARI Viale Lovri, 22 70132 Bari Allegato 2.a FAC- SIMILE DI DICHIARAZIONE DA PRESENTARE A CORREDO DELLA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA GARA (art. 17.2 del Disciplinare di gara) Alla S.T.P. S.p.A. BARI Viale Lovri, 22 70132 Bari Invito

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

No alla sanzione per trasporto illecito di rifiuti per gli ambulanti di robivecchi

No alla sanzione per trasporto illecito di rifiuti per gli ambulanti di robivecchi No alla sanzione per trasporto illecito di rifiuti per gli ambulanti di robivecchi SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE (Terza Sezione Penale) - n. 19111 del 9 aprile 2013 (dep. 3 maggio 2013) - Collegio

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO S.C.A R.L.

BANCA POPOLARE DI MILANO S.C.A R.L. BANCA POPOLARE DI MILANO S.C.A R.L. REGOLAMENTO DEL CONCERNENTE LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI SOCIETARIE E GLI OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AI SENSI DELL ARTICOLO 114 TUF (MODIFICATO DA ULTIMO CON DELIBERA

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari

Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari Commissione di redazione del... Relatore / Relatrice:... Approvato dal Consiglio degli Stati il 20.12.2011 Legge federale sulle borse e il commercio di valori mobiliari (, LBVM) Disegno Modifica del L

Dettagli

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di

si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il realizzarsi di un' ipotesi di LE OPERAZIONI SOGGETTIVAMENTE INESISTENTI L'intestazione fittizia della fattura o del documento, tale da far apparire che l'operazione si riferisce a soggetti diversi da quelli effettivi, determina il

Dettagli

45922/14 REPUBBLICA ITALIANA

45922/14 REPUBBLICA ITALIANA 45922/14 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE PENALE Composta da Claudia Squassoni Gastone Andreazza Aldo Aceto Andrea Gentili Alessio Scarcella

Dettagli

di Bruno Pagamici Risorse Umane >> Gestione e organizzazione del personale

di Bruno Pagamici Risorse Umane >> Gestione e organizzazione del personale LA DIFFUSIONE DELLA PASSWORD ALL ESTERNO CONFIGURA IL LICENZIAMENTO PER GIUSTA CAUSA di Bruno Pagamici Risorse Umane >> Gestione e organizzazione del personale Il dipendente che diffonde all esterno dell

Dettagli

Cassazione Civile - Sez. II, Sent. n. 11826 del 22/05/2007. omissis. Svolgimento del processo

Cassazione Civile - Sez. II, Sent. n. 11826 del 22/05/2007. omissis. Svolgimento del processo Pagina 1 di 5 18.06.2007 CORTE di CASSAZIONE ( annullata la sanzione di oltre 30.000,00 Euro irrogata al medico per violazione delle disposizioni sui dispositivi medici ) 1 - al medico odontoiatra veniva

Dettagli

Ordine avvocati Gorizia

Ordine avvocati Gorizia Ordine avvocati Gorizia La responsabilità penale del promotore finanziario Gorizia 21 novembre 2014 Art. 31 TUF dlgvo 24 febbraio 1998 n. 58 E' promotore finanziario la persona fisica che, in qualita di

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 17 gennaio 2014, n. 898 Lavoro - Mobbing - Pagamento del premio di rendimento - Note di qualifica del datore - Valutazione mediocre del dipendente Svolgimento del processo

Dettagli

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive"

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 Disposizioni in materia di indagini difensive Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2001 Capo I MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA PENALE Art. 1 1. All'articolo

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

LA SOLUZIONE I PRECEDENTI

LA SOLUZIONE I PRECEDENTI 26/03/2015 PREVIDENZA INTEGRATIVA Le Sezioni Unite tornano a pronunciarsi sulla natura dei contributi ai fondi di previdenza integrativa Paola Salazar - Avvocato Con la sentenza 12 marzo 2015, n. 4949

Dettagli

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 Modificazioni ed integrazioni delle norme del codice penale e del codice di procedura penale in tema di criminalità informatica. La Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica

Dettagli

Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale

Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale Non è più soggetta ad autorizzazione la installazione del singolo impianto che produce emissione in atmosfera,

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

Responsabilità del datore di lavoro nella verifica del permesso di soggiorno

Responsabilità del datore di lavoro nella verifica del permesso di soggiorno N. 383 del 10.10.2011 La Memory A cura di Raffaele Covino - Avvocato e Funzionario della DTL Modena (1) Responsabilità del datore di lavoro nella verifica del permesso di soggiorno Con sentenza n. 32934

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria 1 Ruolo e compiti della polizia giudiziaria SOMMARIO 1. Funzioni di polizia giudiziaria. 2. Attività di iniziativa. 3. Attività delegata. 3.1. Notificazioni. 1. Funzioni di polizia giudiziaria Il nuovo

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

SENTENZA N. 346 ANNO 1994 REPUBBLICA ITALIANA. In nome del Popolo Italiano LA CORTE COSTITUZIONALE

SENTENZA N. 346 ANNO 1994 REPUBBLICA ITALIANA. In nome del Popolo Italiano LA CORTE COSTITUZIONALE 1 di 5 14/09/2011 8.43 SENTENZA N. 346 ANNO 1994 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: Presidente Prof. Francesco Paolo CASAVOLA Giudici Prof. Gabriele

Dettagli

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale

Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione professionale Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione p Cassazione Penale, 28 luglio 2011, n. 30071 - Smaltimento di materiali tossici e mancanza di formazione

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 71 del 13 Maggio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi I reati fiscali tenui potrebbero essere non punibili Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con

Dettagli

Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria

Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria Atto scritto di informazione (denuncia) all Autorità giudiziaria COMPITI GENERALI IL DOVERE DI INFORMARE L AUTORITA LE DENUNCE OBBLIGATORIE SANITARIE: comunicazione all Autorità competente (Sindaco, in

Dettagli

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE

IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE IL DIVORZIO IN ARMONIA PUÒ ESSERE CONTROPRODUCENTE Gli effetti di una rottura coniugale, come è noto, sono numerosi e coinvolgono questioni psicologiche, affettive, mutamenti di stile, di vita, limitazioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUINTA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Relatore - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUINTA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Relatore - SENTENZA 12204/14 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUINTA SEZIONE PENALE Composta da Gennaro Marasca Antonio Bevere Paolo Oldi Antonio Settembre Luca Pistorelli - Presidente

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

MEMORANDUM AMMINISTRATORI. SOFTEC S.p.A.

MEMORANDUM AMMINISTRATORI. SOFTEC S.p.A. MEMORANDUM AMMINISTRATORI SOFTEC S.p.A. 16 novembre 2012 MEMORANDUM Il presente documento (il Memorandum ) è stato redatto al fine di fornire al Consiglio di Amministrazione e al Collegio Sindacale di

Dettagli

Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA. EMAK s.p.a.

Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA. EMAK s.p.a. Parte Speciale H : I reati informatici MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AGGIORNATO DA EMAK s.p.a. con delibera del Consiglio di Amministrazione del 31Gennaio 2014 Parte Speciale H 1. I reati

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO

Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 231 del 2001 CODICE ETICO CIRES BOLOGNA FERRARA Soc. Coop. Via Scipione Dal Ferro 19/a 40138 BOLOGNA Tel. 051/30.88.79 Fax 051/34.22.42 E-mail: ufficiotecnico@cires-bo.it Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi

Dettagli