Compliance Execution Excellence Program

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compliance Execution Excellence Program"

Transcript

1 Compliance Execution Excellence Program Condivisione Diagnostici Ottobre 2006 SIA-EAGLE

2 Agenda» Condivisione Diagnostici 9-15» Dettaglio trattamento Derivati 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 2

3 SIA-EAGLE Intermediari - Market Abuse prevede 7 diagnostici di manipolazione di mercato MARKET ABUSE DIAGNOSTICI Consentono la rilevazione ex post delle operazione sospette mediante la definizione di parametri e controlli sequenziali che filtrano l operatività dell Intermediario LARGE VOLUME INSTRUMENT PER CLIENT SIGNIFICANCE OF POSITION PER CLIENT CROSS CLIENT INSTRUMENT BALANCE SHORT PERIOD REVERSE POSITION SHORT TIME SPAN ORDERS AND TRADES SHORT LIFE ORDERS SIGNIFICANT TIME TRANSACTIONS» La misura in cui gli ordini di compravendita impartiti o le operazioni eseguite rappresentano una quota significativa del volume giornaliero degli scambi dello strumento finanziario pertinente nel mercato regolamentato interessato, in particolare quando tali ordini o operazioni conducono ad una significativa variazione del prezzo dello strumento finanziario» La misura in cui gli ordini di compravendita impartiti o le operazioni eseguite da soggetti con una significativa posizione di acquisto o di vendita su uno strumento finanziario conducono a significative variazioni del prezzo dello strumento finanziario o dello strumento derivato collegato o dell'attività sottostante ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato» Se le operazioni eseguite non determinano alcuna variazione nella proprietà ovvero non comportano alcun trasferimento effettivo della proprietà di uno strumento finanziario ammesso alla negoziazione in un mercato regolamentato» La misura in cui gli ordini di compravendita impartiti o le operazioni eseguite prevedono inversioni di posizione in acquisto o in vendita nel breve periodo e rappresentano una quota significativa del volume giornaliero di scambi dello strumento finanziario pertinente nel mercato regolamentato interessato e possono associarsi a significative variazioni del prezzo di uno strumento finanziario ammesso alla negoziazione in un mercato regolamentato» La misura in cui gli ordini di compravendita impartiti o le operazioni eseguite sono concentrati in un breve lasso di tempo nel corso della sessione di negoziazione e conducono a una variazione del prezzo che successivamente si inverte» La misura in cui gli ordini di compravendita impartiti modificano la rappresentazione dei migliori prezzi delle proposte di acquisto o di vendita di uno strumento finanziario ammesso alla negoziazione in un mercato regolamentato o, più in generale, la misura in cui essi modificano la rappresentazione del book di negoziazione a disposizione dei partecipanti al mercato, e sono revocati prima della loro esecuzione» La misura in cui gli ordini vengono impartiti e le operazioni eseguite al momento o intorno al momento in cui vengono calcolati i prezzi di riferimento, i prezzi di regolamento e i prezzi di valutazione, determinando variazioni nei prezzi che hanno effetti su detti prezzi di riferimento, di regolamento o di valutazione 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 3

4 e l opportunità di integrarli con altri 7 diagnostici per controlli interni su insider trading e internal dealing 9 FRONT RUNNING» La presenza di operazioni eseguite che nella tempistica di esecuzione anticipano le operazioni della clientela sullo stesso strumento finanziario 10 ANALISI FINANZIARIE» La presenza di ordini o operazioni su titoli oggetto dell Analisi che, nella tempistica di esecuzione, si collocano N giorni precedenti l uscita dell analisi finanziaria 11 DIFFUSIONE TRADING IDEAS» Il Diagnostico mira ad individuare ordini o operazioni che si discostano dal comportamento degli altri clienti e che potrebbero derivare dalla disponibilità di informazioni non diffuse al pubblico o dalla diffusione di valutazioni su uno strumento finanziario o sul suo emittente dopo avere preso posizione sullo stesso, beneficiando così dell impatto sul prezzo della valutazione stessa OPERAZIONI DI STABILIZZAZIONE DIFFUSIONE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE» Il Diagnostico individua giornalmente le operazioni effettuate nel periodo di stabilizzazione successivo al collocamento (30 giorni), eseguite dall intermediario in conto proprio (su conti stabiliti) e in conto terzi. Per ogni strumento finanziario i controlli sono basati su dati dell IPO (o emissione secondaria) e conti specificati dall utente, con periodi e valori di riferimento specifici per ciascun conto» Il diagnostico individua le operazioni di soggetti rilevanti/informati per un emittente (es. membri degli organi di amministrazione, direzione, sorveglianza; soci con partecipazioni rilevanti e persone a loro strettamente legate) e/o persone che hanno potenziale accesso a informazioni privilegiate in modo permanente e occasionale OPERAZIONI SUI 14» Il diagnostico verifica se sono state eseguite operazioni sul Mercato dei Blocchi con ampi scostamenti rispetto BLOCCHI al prezzo di chiusura del mercato di quotazione del titolo 15 OPERAZIONI FUORI MERCATO» Il diagnostico verifica se sono state eseguite operazioni fuori mercato con prezzi al di fuori dell intervallo di oscillazione del prezzo del mercato di quotazione del titolo 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 4

5 Diagnostico N 9 DIAGNOSTICO 9 SIA-EAGLE INTERMEDIARI FRONT RUNNING OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO 9: Il Il Diagnostico individua la presenza di operazioni rilevanti eseguite da un Operatore che nella tempistica di esecuzione anticipano operazioni eseguite per conto di altra clientela sullo stesso strumento finanziario da parte dello stesso Operatore 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 5

6 Diagnostico N 9 FRONT RUNNING OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il Diagnostico individua la presenza di operazioni eseguite da un operatore-dipendente a favore di un conto che nella tempistica di esecuzione anticipano operazioni per conto di altra clientela sullo stesso strumento finanziario eseguiti dallo stesso Operatore CONTROLLO effettuato in base ai seguenti criteri: Per ogni giornata operativa e strumento finanziario (inclusi derivati), per mercato (oppure OTC) per le sole operazioni» si considerano le operazioni su ciascun conto intestato ad operatori (che ricevono ordini dai clienti o operano sul mercato) e si verifica se in un breve lasso di tempo T1 (configurabile e calcolato in termini di minuti) successivo ad ogni operazione sono presenti altre operazioni dello stesso segno eseguite dall operatore stesso su conti della clientela da lui seguita abitualmente;» si verifica la rilevanza della quantità delle operazioni eseguite sul conto dell operatore rispetto al volume giornaliero di mercato (soglia parametrica) e si verifica se l operatore ha tratto vantaggio dalla transazione controllando che lo scostamento di prezzo della stessa rispetto ai prezzi di eseguito sui conti dei clienti sia superiore alla soglia parametrica % stabilita; (anticipazione di operazione a favore dell operatore stesso).» Gli stessi controlli sono applicati per verificare eventuali Front Running di un conto rispetto agli altri conti, fra quelli che fanno riferimento allo stesso operatore (anticipazione di operazione a favore di un cliente) OUTPUT» RIEPILOGO: per conto, titolo, operatore e ruolo dell operatore, sono riportati i dati calcolati delle variabili di controllo e le relative soglie applicate, con evidenza del numero di transazioni sospette. Informazioni aggiuntive: posizione sul titolo per conto; conti correlati» DETTAGLIO: dati delle transazioni relative a ciascuna segnalazione. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 6

7 Diagnostico N 9 FRONT RUNNING OPERAZIONI MERCATO di riferimento Anticipazione di operazione a favore dell operatore stesso Operazione sul c/personale (anche se non eseguite direttamente da lui) Intervallo di tempo (min) P P1 P2 FATTE DALLO STESSO OPERATORE Intervallo di tempo (min) STESSO SEGNO AND MINVOLTRADE (% Vol Mkt) Applicato a tutte le operazioni fatte dall operatore sul suo conto personale nella giornata AND SCOSTAMENTO PREZZO Acquisti: P<P1/2/n Vendite: P>P1/2/n P-Pn SOGLIA Pn-P SOGLIA OR Stessi controlli precedenti: Anticipazio ne di operazione a favore di un cliente MINVOLTRADE (% Vol Mkt) Applicato a tutte le operazioni fatte sul conto in oggetto nella giornata Acquisti: P<P1/2/n Vendite: P>P1/2/n P-Pn SOGLIA Pn-P SOGLIA 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 7

8 Diagnostico N 9 FRONT RUNNING ACQUISTO P > P1 Anticipo Operatore o Cliente1 TMS Trade Cliente2 P P = P - P1 > Pmin P1 T1 VENDITA P1 > P Anticipo Operatore o Cliente1 P1 TMS Trade Cliente2 P = P1 - P > Pmin P T1 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 8

9 Diagnostico N 9 FRONT RUNNING Intervallo temporale Scostamento prezzo Soglia quantitativa 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 9

10 Diagnostico N 10 ANALISI FINANZIARIE OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il Diagnostico individua la presenza di ordini o operazioni che interessano strumenti finanziari oggetto dell analisi e - nella tempistica di esecuzione - si collocano nel periodo di divieto degli N giorni precedenti l uscita dell analisi finanziaria stessa CONTROLLO effettuato in base ai seguenti criteri: Per ogni analisi finanziaria, nei due giorni operativi immediatamente precedenti la pubblicazione, per gli strumenti finanziari interessati dall analisi finanziaria (inclusi i derivati), per mercato (oppure OTC)» Si evidenziano tutti gli ordini e operazioni effettuate sui titoli oggetto dell analisi/raccomandazione negli N giorni precedenti la pubblicazione, con evidenza dell Analista, del Trader, dell intestatario del conto e degli altri conti collegati (in modo da visualizzare i casi in cui le transazioni sono state eseguite su conti intestati all analista o eseguite dall analista stesso). OUTPUT» REPILOGO: si presentano le segnalazioni per titolo, analisi finanziaria e analista, con l indicazione sintetica del numero di transazioni sospette» DETTAGLIO: dati delle transazioni relative a ciascuna segnalazione. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 10

11 Diagnostico N 10 ANALISI FINANZIARIA ANALISI FINANZIARIE DAY gg di elaborazione del Diagnostico ANALISITA T2 Verifica se a DAY-T2 (parametro) sono presenti Analisi/Raccomandazioni T1 N gg precedenti la diffusione dell Analisi / Raccomandazione ANALISI FINANAZIARIA TUTTI ORDINI OPERAZIONI Con indicazione: Analista Trader Intestatario Conto Rapporti collegati 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 11

12 Diagnostico N 10 ANALISI FINANZIARIE Intervallo temporale per cui viene analizzata l operatività Intervallo temporale per cui vengono analizzati i documenti di analisi 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 12

13 Diagnostico N 11 TRADING IDEAS OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il Diagnostico mira ad individuare ordini o operazioni che si discostano dal comportamento degli altri clienti e che potrebbero derivare dalla disponibilità di informazioni non diffuse al pubblico o dalla diffusione di valutazioni su uno strumento finanziario o sul suo emittente dopo avere preso posizione sullo stesso, beneficiando così dell impatto sul prezzo della valutazione stessa CONTROLLO effettuato in base ai seguenti criteri: Per ogni giornata operativa, per ogni strumento finanziario (inclusi i derivati), per mercato (oppure OTC) OUTPUT» si individuano le operazioni eseguite da uno stesso Operatore e si verifica la presenza - in un breve intervallo di tempo precedente (calcolato in termini di minuti) - di operazioni di segno opposto su altri dei clienti eseguite dallo stesso operatore;» si verifica la rilevanza (% rispetto ai Vol Mkt in base alla soglia parametrica) del totale di queste operazioni di segno opposto;» si calcola inoltre in base all operatore che le ha eseguite - il numero di conti con saldo negoziato positivo (acquisti > vendite) e con saldo negoziato negativo (vendite > acquisti); si controlla quindi se il rapporto fra il numero di conti con saldo positivo (o negativo) rispetto al numero totale di conti che l operatore ha movimentato sul titolo nella giornata è inferiore a una soglia percentuale parametrica, ovvero se pochi conti si sono mossi in modo opposto rispetto la massa.» Si verifica infine che il saldo sul titolo sia superiore a una soglia quantitativa di rilevanza.» RIEPILOGO: per conto, titolo e operatore, sono riportati i dati calcolati delle variabili di controllo e le relative soglie applicate, con evidenza del numero di transazioni sospette. Informazioni aggiuntive: posizione sul titolo per conto; conti correlati» DETTAGLIO: dati delle transazioni relative a ciascuna segnalazione. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 13

14 Diagnostico N 11 TRADING IDEAS OPERAZIONI TRADERS INFORMATI : OPERAZIONI MERCATO di riferimento Operazioni eseguite dallo stesso Trader TRADER SEGNO OPPOSTO Intervallo temporale (min T1) SOGLIA MinVolTrd % Vol Mkt Applicato a tutte le operazioni di segno opposto fatte dallo stesso operatore Il Diagnostico mira ad individuare ordini o operazioni che si discostano dal comportamento degli altri clienti e che potrebbero derivare dalla disponibilità di informazioni non diffuse al pubblico o dalla diffusione di valutazioni su uno strumento finanziario o sul suo emittente dopo avere preso posizione sullo stesso, beneficiando così dell impatto sul prezzo della valutazione stessa 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 14

15 Diagnostico N 11 TRADING IDEAS OR OPERAZIONI SQUILIBRATE: POCHI CLIENTI (raggruppati in base all operatore che ha eseguito le operazioni) SI SONO MOSSI IN MODO OPPOSTO RISPETTO LA MASSA SALDO CONTI Acquisti > Vendite Vendite > Acquisti N conti Acquisto / N conti movimentati N conti Vendita / N conti movimentati SOGLIA MaxPositions AND Degli investitori anomali si verifica l entità rilevante dello SBILANCIO tra saldi di negoziazione (acquisti e vendite) SOGLIA MinBalance 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 15

16 Diagnostico N 11 TRADING IDEAS Soglia di rilevanza Soglia di rilevanza del saldo individuato Intervallo temporale Percentuale massima di sbilancio per segno 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 16

17 Diagnostico N 12 OPERAZIONE DI STABILIZZAZIONE OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il Diagnostico individua giornalmente le operazioni effettuate nel periodo di stabilizzazione successivo al collocamento (30 giorni), eseguite dall intermediario in conto proprio (su conti stabiliti) e in conto terzi. Per ogni strumento finanziario i controlli sono basati su dati dell IPO (o emissione secondaria) e conti specificati dall utente, con periodi e valori di riferimento specifici per ciascun conto. CONTROLLO effettuato giornalmente nel periodo di riferimento e in base al tipo di conto:» si individuano le operazioni eseguite sui conti stabiliti (nel data entry) che coinvolgono lo strumento finanziario segnalando le operazioni eseguite a prezzi non in linea con le finalità di stabilizzazione (controllo eseguito per conti proprietà e conti terzi di stabilizzazione);» si verifica se la posizione del conto proprio di stabilizzazione, a fine giornata, supera la soglia prestabilita evidenziando tutte le operazioni del periodo;» si verifica se il rapporto fra il volume negoziato sul conto terzi di stabilizzazione nel periodo di stabilizzazione e il volume medio giornaliero negoziato nei sei mesi precedenti la data di inizio stabilizzazione è superiore a una soglia percentuale (questo controllo viene eseguito ogni giorno considerando i volumi parziali incrementali). OUTPUT» REPORT DEI CONTROLLI GIORNALIERI: per ogni strumento finanziario, riepilogo dei conti con operatività al di fuori delle soglie stabilite, con dettaglio delle operazioni collegate» REPORT DI STABILIZAZZIONE: per ogni strumento finanziario ogni giorno si estraggono tutte le operazioni effettuate sui conti di stabilizzazione (propri e terzi) anche se rientrano nelle soglie stabilite. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 17

18 Diagnostico N 12 OPERAZIONE DI STABILIZZAZIONE IPO PERIODO DI STABILIZZAZIONE S1 - Soglia minima di rilevanza D1 Inizio offerta D2 Fine offerta D3 Inizio stabilizzazione D4 Fine stabilizzazione CONTROLLI: A) Operazioni Operazioni che che superano superano uno uno di di questi questi controlli controlli: (per il conto proprio di stabilizzazione): Pz acq > p coll.to Pz ven < p coll.to Pz vend < pz rif gg precedente Posizione > soglia S1 B) TUTTE le operazioni senza distinzione 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 18

19 Diagnostico N 12 OPERAZIONE DI STABILIZZAZIONE Date relative all IPO 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 19

20 Diagnostico N 13 DIAGNOSTICO 13 SIA-EAGLE INTERMEDIARI DIFFUSIONE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO 13: Il Il Diagnostico individua le operazioni di soggetti rilevanti/informati per un emittente (es. membri degli organi di amministrazione, direzione, sorveglianza; soci con partecipazioni rilevanti e persone a loro strettamente legate) e/o persone che hanno potenziale accesso a informazioni privilegiate in modo permanente e occasionale 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 20

21 Diagnostico N 13 DIFFUSIONE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il Diagnostico individua le operazioni di soggetti rilevanti/informati per un emittente (es. membri degli organi di amministrazione, direzione, sorveglianza; soci con partecipazioni rilevanti e persone a loro strettamente legate) e/o persone che hanno potenziale accesso a informazioni privilegiate in modo permanente e occasionale CONTROLLO effettuato in base ai seguenti criteri: Per ogni giornata operativa e strumento finanziario (inclusi i derivati): ordini e operazioni sono considerate separatamente, mentre acquisti e vendite sono sommate fra loro: Per ogni soggetto rilevante si verifica:» se il soggetto ha effettuato transazioni relative al titolo di cui potrebbe essere informato e se tali transazioni sono rilevanti rispetto al volume giornaliero negoziato sul mercato (soglia parametrica); Inoltre, qualora l emittente sia cliente dello stesso intermediario, si evidenzia come bollino informativo - se anche quest ultimo ha operato sul titolo nella stessa giornata operativa. OUTPUT» RIEPILOGO: per conto ( a cui un soggetto informato/rilevante è collegato) e titolo, sono riportati i dati calcolati delle variabili di controllo e le relative soglie applicate, con evidenza del numero di transazioni sospette» DETTAGLIO: dati delle transazioni relative a ciascuna segnalazione. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 21

22 Collegamento Proprietà/Operatori - Emittente E possibile collegare tramite apposita funzione di data-entry l ndg di un soggetto (persona fisica o giuridica) a un Emittente al fine di individuare operazioni fatte da conti cui l ndg è collegato su titoli emessi dall Emittente in oggetto SOGGETTO INFORMATO / RILEVANTE Emittente 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 22

23 Diagnostico N 13 DIFFUSIONE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE ORDINI OPERAZIONI MERCATO di riferimento INSIDER LIST INSIDER LIST Emittente TITOLO X Soggetto Rilevante/Informato NEW RELEVANT PERSON NEW RELEVANT PERSON Acquisti TITOLO X 1 2 SOGLIA % Vol Mkt Vendite 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 23

24 Diagnostico N 13 DIFFUSIONE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Soglia 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 24

25 Inserimento News ritenute price sensitive NEWS E sempre possibile inserire tramite apposita funzione di data-entry News ritenute price sensitive. INFORMAZIONE AGGIUNTIVA La News viene quindi presentata nell output del diagnostico come informazione aggiuntiva (bollino informativo) che può supportare l utente di compliance nell attività di approfondimento. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 25

26 Diagnostici a supporto dell attività di rendicontazione DIAGNOSTICO 14 SIA-EAGLE INTERMEDIARI OPERAZIONI SUL MERCATO DEI BLOCCHI OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO 14: Il diagnostico verifica se sono state eseguite operazioni sul Mercato dei Blocchi con ampi scostamenti rispetto al prezzo di chiusura del mercato di quotazione del titolo DIAGNOSTICO 15 SIA-EAGLE INTERMEDIARI OPERAZIONI FUORI MERCATO (OTC) OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO 15: Il diagnostico verifica se sono state eseguite operazioni OTC con prezzi al di fuori dell intervallo di oscillazione del prezzo del mercato di quotazione del titolo 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 26

27 Diagnostico N 14 OPERAZIONI SUL MERCATO DEI BLOCCHI OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il diagnostico verifica se sono state eseguite operazioni sul Mercato dei Blocchi con ampi scostamenti rispetto al prezzo di chiusura del mercato di quotazione del titolo CONTROLLO Per ogni giornata operativa e strumento finanziario: per ogni operazione eseguita sul mercato dei blocchi:» si verifica se lo scostamento percentuale del prezzo dell operazione rispetto al prezzo di chiusura della stessa giornata del mercato di quotazione del titolo è uguale o superiore a una soglia parametrica. OUTPUT» RIEPILOGO: per conto e titolo, sono riportati i dati calcolati delle variabili di controllo e le relative soglie applicate, con evidenza del numero di transazioni sospette» DETTAGLIO: dati delle transazioni relative a ciascuna segnalazione. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 27

28 Mercato dei Blocchi MERCATO DEI BLOCCHI Tutti i diagnostici (1-13*) trattano anche le transazioni avvenute sul mercato dei blocchi come mercato a parte con soglie dedicate.» I prezzi di riferimento e i volumi del mercato sono quelli del mercato di riferimento del titolo.» Il D14 tratta solo le operazioni eseguite sul mercato dei Blocchi con controllo dedicato sul prezzo * Resta escluso il D12 per il quale si eseguono controlli di stabilizzazione 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 28

29 Diagnostico N 14 OPERAZIONI SUL MERCATO DEI BLOCCHI OPERAZIONI Mercato dei Blocchi Prezzo eseguito Mercato di Riferimento Prezzo chiusura SCOSTAMENTO PREZZO Pz eseguito - Pz ch Mkt rif / Pz ch Mkt rif SOGLIA 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 29

30 Diagnostico N 14 OPERAZIONI SUL MERCATO DEI BLOCCHI Scostamento prezzo 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 30

31 Diagnostico N 15 OPERAZIONI FUORI MERCATO OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il diagnostico verifica se sono state eseguite operazioni fuori mercato con prezzi al di fuori dell intervallo di oscillazione del prezzo del mercato di quotazione del titolo CONTROLLO Per ogni giornata operativa e strumento finanziario, per ogni operazione eseguita fuori mercato:» si verifica se il prezzo dell operazione è al di fuori dell intervallo di variazione del prezzo del mercato di quotazione del titolo per la stessa giornata operativa, ossia se è minore del minimo o maggiore del massimo prezzo di mercato. OUTPUT» RIEPILOGO: per conto e titolo, sono riportati i dati calcolati delle variabili di controllo e le relative soglie applicate, con evidenza del numero di transazioni sospette» DETTAGLIO: dati delle transazioni relative a ciascuna segnalazione. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 31

32 La gestione delle operazioni OTC Tutti i diagnostici ad eccezione dell 8 - trattano anche le transazioni OTC sia sui titoli che sui derivati (opzioni). Le concentrazioni delle operazioni OTC:» sono considerate separatamente dalle operazioni eseguite sui mercati» sono rapportate ai volumi del mercato regolamentato del titolo/derivato trattato con la logica seguente (definita dalle linee guida ABI): per gli strumenti finanziari quotati in Italia e/o in altri Paesi UE: si fa riferimento al volume del mercato italiano, anche per operazioni eseguite su altri mercati UE; per gli strumenti finanziari negoziati su mercati UE ma non in Italia: si usa il volume del mercato di quotazione; nel caso di multi-quotazione si usa come riferimento il mercato più significativo 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 32

33 Diagnostico N 15 OPERAZIONI FUORI MERCATO OPERAZIONI OTC Prezzo eseguito Mercato di Riferimento Prezzo Min Prezzo Max PREZZO compreso tra Min & Max Pz Min Mkt rif < Pz es < P Max Mkt rif 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 33

34 Diagnostico N 15 OPERAZIONI FUORI MERCATO Intervallo di oscillazione del prezzo 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 34

35 Controllo trasversale delle segnalazioni SIA-EAGLE Intermediari offre la possibilità di analizzare in modo trasversale tramite una serie di filtri di inquiry flessibili - i risultati di tutti i Diagnostici al fine di individuare i casi in cui una stessa transazione/titolo/conto/soggetto ordinante/ecc. siano stati intercettati da più Diagnostici, oppure in modo ripetuto o saltuario nel tempo, ecc. La possibilità di interrogare in base allo stato attribuito alla segnalazione (c.d. workflow) permette inoltre di monitorare la qualità e lo stato dell arte del monitoraggio VANTAGGI OFFERTI DALLA FUNZIONE:» Alcuni casi di abuso possono essere individuati solo da un analisi congiunta dei risultati dei Diagnostici» Una visione complessiva consente di rafforzare o ridimensionare a seconda del caso i sospetti di abuso» Partendo dalla ricorrenza di determinati fattori, è possibile affinare i controlli traendo indicazioni dai legami non immediatamente palesi (soggetti-emittenti-titoli, ecc) che emergono 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 35

36 Overview globale 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 36

37 Funzione aggiuntiva: Calcolo statistico delle concentrazioni SIA-EAGLE Intermediari è dotato di una funzione base di calcolo statistico. Tramite apposita funzione (D91) è infatti possibile impostare in modo semplice ed immediato - il calcolo dei valori medi di alcune delle principali variabili utilizzate dai Diagnostici (es. livelli di concentrazione dell operatività di un singolo Conto rispetto ai volumi di Mercato su un certo strumento finanziario, dell Intermediario vs il Mercato, o del Conto vs l Intermediario) sulla base di un arco temporale predefinito dall utente. Media concentrazione Intermediario vs Mercato Media concentrazione Conto vs Mercato 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 37

38 Funzione aggiuntiva: Calcolo statistico delle concentrazioni VANTAGGI OFFERTI DALLA FUNZIONE DI CALCOLO STATISTICO:» I risultati della funzione possono essere utili nel processo di definizione delle soglie (in special modo nel momento in cui si procede alla specializzazione delle soglie ad esempio in base al tipo strumento).» Offrono un supporto semplice ed immediato alla Compliance per individuare il tipo di operatività media posta in essere dalla clientela/proprietà» Permettono di verificare cmportamenti eventualmente anomali da parte del Cliente-investitore 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 38

39 Agenda» Condivisione Diagnostici 9-15» Dettaglio trattamento Derivati 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 39

40 La gestione degli strumenti derivati (I)» Future negoziati sui mercati regolamentati italiani ed esteri (EU)» Opzioni dei mercati regolamentati per singola serie (opzione call put / sottostante / scadenza / style /strike price) e negoziate fuori mercato (OTC)» Covered warrant: ad es. nel mercato italiano sono presenti CW su azioni italiane ed estere, anche fuori EU; su indici, anche fuori EU; su valute: Eur/JpY, Eur/Usd; su commodities; su altri derivati: Bund future, Future petrolio ecc.» Diritti e Warrant - trattati sui mercati regolamentati del titolo sottostante oppure OTC - sono considerati alla stregua dei titoli cash quando vengono eseguiti controlli di concentrazione e di scostamento di prezzo, mentre vengono presi in considerazioni come derivati per i controlli cross market (es. impatto sul sottostante di un operazione eseguita sul derivato). 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 40

41 La gestione degli strumenti derivati (II) Esempio formula Diagnostico 1 I controlli vengono applicati anche ai derivati per singola serie. Le concentrazioni in questo caso vengono calcolate considerando per il volume dei derivati la seguente formula: V = N lotti x (N azioni x lotto) rapportandola al volume totale di derivati negoziati sul mercato. Vtot = N tot lotti x (N azioni x lotto) 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 41

42 SIA-EAGLE Intermediari Market Abuse Modulo Diagnostici T+1 GESTIONE DIAGNOSTICI PRESA IN CARICO 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 42

43 WORKFLOW Risultato Diagnostici INPUT SIA-EAGLE OUTPUT DIAGNOSTICO Risultato Diagnostico START STATUS 1 Segnalazione STATUS 2 No Non rilevante STATUS 4 Sospetto Possibile cambio stato Si Prima Valutazione Decisione di di segnalazione STATUS 5 In In attesa decisione Si No STATUS 3 Pending STATUS 7 Abuso STATUS 6 da da Non Segnalare Produzione REPORT3 Per segnalazione invio STATUS 8 Segnalato 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 43

44 SIA-EAGLE Intermediari Market Abuse Modulo Diagnostici T+1 DIAGNOSTICI PER SOGGETTO 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 44

45 Diagnostici per Soggetto INVESTITORE Conto Elemento di aggregazione SOGGETTO ORDINANTE RELATIONSHIP MANAGER RELATIONSHIP MANAGER INFO TRADER TRADER BROKER BROKER TRADING VENUE Cliente Gestore GPM Gestore F.do SGR Elemento di aggregazione 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 45

46 Ambiti di applicazione GPM Elemento Elemento di di aggregazione aggregazione dei dei Diagnostici Diagnostici per per Soggetto Soggetto ORDINANTE GESTORE GESTORE TRADER TRADER Sia-Eagle TRADING TRADING VENUE VENUE TIPO DEPOSITO TITOLI DEPOSITO DEPOSITO CALDERONE CALDERONE GPM GPM INTESTATARIO LINEA LINEA GPM GPM DISTRIBUZIONE SUI SINGOLI DEPOSITI GESTITO GESTITO SINGOLO SINGOLO SINGOLO SINGOLO CLIENTE CLIENTE CLIENTE CLIENTE ATTIVITA ESCLUSA DAI CONTROLLI 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 46

47 Soggetti: Impatto sui Tracciati Soggetto CORRISPONDENZA NEL TRACCIATO Ordine Revoca Eseguito Ordinante: investitore, gestore (SGR o GPM), asset manager. Oppure chi richiede la revoca (può essere diverso dall ordinante) Cod_soggetto (ClientID) Cod_soggetto (ClientID) Cod_soggetto (ClientID) Ricevente: relationship manager (operatore), sistema di trading online, promotore se inserisce direttamente l ordine nei sistemi di front; si ipotizza anche il percorso investiorepromotore-operatore-trader. Chi riceve l ordine o la revoca. Cod_ricevente (OperatorID) Cod_ricevente (OperatorID) Cod_ricevente (OperatorID) Trader Cod_esecutore (Operator_ID) Promotore: se è coinvolto a qualunque titolo nell esecuzione dell ordine, può essere anche uguale al Ricevente Cod_promotore (Operator_ID) Cod_promotore (Operator_ID) Cod_promotore (Operator_ID) 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 47

48 Diagnostici per Soggetto DIAGNOSTICI DIAGNOSTICI PER SOGGETTO Insieme di Diagnostici disponibili: 20 D01 D02 D03 D04 D05 D06 D08 D09 D10 D11 D12 D13 D14 D15 D01S D02S D03S D04S D05S D06S L Intermediario può scegliere quanti e quali utilizzare in base alle proprie esigenze specifiche 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 48

49 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE

Compliance. Metodologia adottata in Banca Fideuram per le verifiche previste dalla Direttiva sul Market Abuse

Compliance. Metodologia adottata in Banca Fideuram per le verifiche previste dalla Direttiva sul Market Abuse Compliance Metodologia adottata in Banca Fideuram per le verifiche previste dalla Direttiva sul Market Abuse Roma, 26 giugno 2013 INDICE Introduzione... 3 Disegno della soluzione... 3 Diagnostici... 5

Dettagli

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets

SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets SIA-EAGLE Intermediari per i Conflitti di interessi e la MiFID Deborah Traversa, SIA-SSB, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets Milano, 01/12/2008 sia ssb 2008 Importante per la nuova funzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI NEGOZIAZIONE INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI BARI S.C.P.A. E UTILIZZO DEL FONDO ACQUISTO AZIONI PROPRIE TITOLO I- DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento.

Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento. Covered Warrant di UniCredit, soluzioni per mercati in movimento. I Certificate descritti in questa pubblicazione sono strumenti finanziari strutturati complessi a capitale non protetto. Non è garantito

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing

ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing Consiglio di Amministrazione del 19 dicembre 2002 ARTICOLO 1 Finalità del Codice

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

Agenda di SIA-EAGLE Clients & Friends

Agenda di SIA-EAGLE Clients & Friends L offerta MiFID per la Compliance dei processi di negoziazione, gestione cliente, monitoraggio e controllo [D. Traversa, Responsabile Marketing Divisione Capital Markets] Milano, 20/09/2007 sia ssb 2007

Dettagli

SIA-EAGLE Clients & Friends Controlli MiFID e revisione periodica dell Execution Policy: il modello di controllo MiFID e i suoi obiettivi

SIA-EAGLE Clients & Friends Controlli MiFID e revisione periodica dell Execution Policy: il modello di controllo MiFID e i suoi obiettivi SIA-EAGLE Clients & Friends Controlli MiFID e revisione periodica dell Execution Policy: il modello di controllo MiFID e i suoi obiettivi A cura della Direzione Organizzazione e Sistemi Informativi Milano,

Dettagli

DATA INIZIO OPERATIVITÀ 22 MAGGIO 2009 ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA

DATA INIZIO OPERATIVITÀ 22 MAGGIO 2009 ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA REGOLAMENTO DELL ATTIVITA DI NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO SU TITOLI DI STATO ITALIANI E OBBLIGAZIONI DI PROPRIA EMISSIONE SVOLTA DALLA BANCA POPOLARE DELL EMILIA ROMAGNA Soc.Cooperativa DATA INIZIO OPERATIVITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE

REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE REGOLAMENTO MERCATO AZIONI BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE Codici ISIN: IT0001040820, IT0004459241, IT0004734205, IT0004841349 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 23/02/2015 Data di entrata

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori

Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori Marcello Minenna Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori Orienta Finanza 22 febbraio 2002 Rimini Covered Warrant Volumi Scambiati 62.000 56.000 Controvalori Scambiati (milioni

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

consente di ricercare ed elencare le quotazioni dei singoli strumenti finanziari in tempo reale e differito. Figura 2: Pagina d apertura

consente di ricercare ed elencare le quotazioni dei singoli strumenti finanziari in tempo reale e differito. Figura 2: Pagina d apertura Manuale Utente 5 Quotazioni La sezione consente di ricercare ed elencare le quotazioni dei singoli strumenti finanziari in tempo reale e differito. Figura 2: Pagina d apertura Essa prevede alcune modalità

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 luglio 2006 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 7 agosto 2006 al

Dettagli

Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX. Head of Market Supervision

Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX. Head of Market Supervision Gli impatti della MiFID sui mercati: il punto di vista di TLX Milano, 18 dicembre 2006 Stefano Cuccia Head of Market Supervision 1 I normali ambiti di attività dei mercati 1.Listing (ammissione alla negoziazione

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

Workshop sulle Misure di Livello

Workshop sulle Misure di Livello Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati: Internalizzatori Sistematici Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 22 luglio

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

20160414v01. Manuale Derivati 1

20160414v01. Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Attivazione servizio... 3 3. Borse... 3 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures... 3 4.1 Conoscere è importante...3 4.2 Rischi

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

24.000 OPZIONI. Marcello Minenna. Covered. 24.000 premio. 8.000 Diritto di OPzione. Marcello Minenna. Investitori. Marcello Minenna.

24.000 OPZIONI. Marcello Minenna. Covered. 24.000 premio. 8.000 Diritto di OPzione. Marcello Minenna. Investitori. Marcello Minenna. Volumi Scambiati Le Digressione Diritti di opzione 32.000 Controvalori Scambiati (milioni di euro) 28.000 Volatilità Implicita, e Scelta degli 24.000 OPZIONI 20.000 16.000 8.000 Premi 12.000 Idem 4.000

Dettagli

REGISTRAZIONE DEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA DI ENERGIA ELETTRICA ED ESECUZIONE DI TALI CONTRATTI NELL AMBITO DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO

REGISTRAZIONE DEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA DI ENERGIA ELETTRICA ED ESECUZIONE DI TALI CONTRATTI NELL AMBITO DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO REGISTRAZIONE DEI CONTRATTI DI COMPRAVENDITA DI ENERGIA ELETTRICA ED ESECUZIONE DI TALI CONTRATTI NELL AMBITO DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO Autorità per l energia elettrica e il gas DIREZIONE ENERGIA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A.

REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A. REGOLAMENTO DEL MERCATO INTERNO DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA S.C.P.A. TITOLO I- DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Art. 1 - Oggetto del Mercato Interno. Art. 2 Modifiche al

Dettagli

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali

La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali La Cassa Controparte Centrale dei Mercati Cash Azionari La Metodologia di Calcolo dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 2.1 Indice Premessa... 3 a) Ambito... 3 b) Obiettivi... 3 1. Metodologia di calcolo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Regolamento per la prevenzione e la gestione degli Abusi di Mercato

Regolamento per la prevenzione e la gestione degli Abusi di Mercato Regolamento per la prevenzione e la gestione degli Abusi di Mercato Processo Finanza Data approvazione Versione 16/09/2010 v.0.1 26/04/2012 v.0.2 INDICE 1. FINALITA DEL DOCUMENTO... 3 2. OGGETTO E FINALITA

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A. Versione Aggiornata 28/11/2014 INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA CASSA DI RISPARMIO DI RAVENNA S.P.A Versione Aggiornata 28/11/2014 Copia della presente Informativa è a disposizione della clientela presso tutte

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO BANCOPOSTA LIQUIDITÀ EURO Collocatore Pagina 1 di 12 A) SCHEDA IDENTIFICATIVA funzionamento. Denominazione, tipologia e durata del

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

my Solutions Opzioni e prodotti strutturati personalizzati

my Solutions Opzioni e prodotti strutturati personalizzati my Solutions Opzioni e prodotti strutturati personalizzati credit-suisse.com/mysolutions I prodotti strutturati non costituiscono una partecipazione in un investimento collettivo di capitale ai sensi della

Dettagli

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI VERSIONE 1.0 TITOLO 1 MERCATO TELEMATICO AIM Articolo 1 (Strumenti negoziabili) 1. Nel mercato AIM si negoziano, per qualunque quantitativo, strumenti finanziari.

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 INDICE PREMESSA...3 1.1. Fattori di Rischio...3 2.2. Funzionamento e formazione prezzi...4

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

NOTA TECNICA. REGOLAMENTAZIONE DELLE PRATICHE DI STABILIZZAZIONE DELLE QUOTAZIONl IN OCCASIONE DELLE OFFERTE PUBBUCHE DI VENDITA (Dicembre 1998)

NOTA TECNICA. REGOLAMENTAZIONE DELLE PRATICHE DI STABILIZZAZIONE DELLE QUOTAZIONl IN OCCASIONE DELLE OFFERTE PUBBUCHE DI VENDITA (Dicembre 1998) NOTA TECNICA ART. 95, COMMA 2, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA - DISPOSIZIONl IN MATERlA DI REGOLAMENTAZIONE DELLE PRATICHE DI STABILIZZAZIONE DELLE QUOTAZIONl IN OCCASIONE DELLE OFFERTE PUBBUCHE DI VENDITA

Dettagli

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Versione Aggiornata

INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Versione Aggiornata INFORMATIVA SULLA TRATTAZIONE DELLE AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Versione Aggiornata Copia della presente Policy è a disposizione della clientela presso tutte le Filiali e nel sito della Banca

Dettagli

CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING )

CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING ) CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING ) 1. Premessa L art. 2.6.3, comma 1, del Regolamento dei mercati organizzati e gestiti dalla

Dettagli

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A, GRUPPO BNP PARIBAS, DAI PROPRI CLIENTI AL DETTAGLIO E PROFESSIONALI INDICE I

Dettagli

Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato EuroTLX.

Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato EuroTLX. MODIFICA AL REGOLAMENTO DI EUROTLX Si informa che sono state approvate le modifiche al Regolamento del Mercato EuroTLX. Il nuovo regolamento entrerà in vigore lunedì 14 luglio 2014, compatibilmente con

Dettagli

CONTABILITA ANALITICA

CONTABILITA ANALITICA CONTABILITA ANALITICA Operazioni da svolgere per gestire Movimentazioni di Contabilità Analitica. Il documento che segue ha lo scopo di illustrare le operazioni che devono essere eseguite per: Predisporre

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

PANNELLO DI CONTROLLO

PANNELLO DI CONTROLLO Capitolo 9 PANNELLO DI CONTROLLO Sezioni della Finestra Principale SEZIONE SUPERIORE: INFORMATIVA SEZIONE CENTRALE: NEGOZIAZIONE ****** SEZIONE INFERIORE: GESTIONE DEL DEPOSITO La finestra principale è

Dettagli

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

Regolamento per la raccolta, trasmissione e negoziazione. tramite l Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane. delle azioni ordinarie

Regolamento per la raccolta, trasmissione e negoziazione. tramite l Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane. delle azioni ordinarie Regolamento per la raccolta, trasmissione e negoziazione tramite l Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane delle azioni ordinarie della Banca di Credito Popolare S.C.p.A. Adottato dal Consiglio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO IL REGOLAMENTO definisce gli obiettivi e i criteri, individua gli ambiti di azione e le responsabilità, e disciplina le procedure e le modalità della gestione patrimoniale e finanziaria della Fondazione,

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 15 1. Le società di intermediazione

Dettagli

Policy. Sulla distribuzione di prodotti finanziari illiquidi. 18/05/2015 Massimo Lazzarini Visto Luca M. Ercolessi Visto

Policy. Sulla distribuzione di prodotti finanziari illiquidi. 18/05/2015 Massimo Lazzarini Visto Luca M. Ercolessi Visto Policy Sulla distribuzione di prodotti finanziari illiquidi Data di emissione Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni 29/11/2010 La Direzione Visto Data ultima modifica Approvato da

Dettagli

MiFID Policy Strategia di esecuzione e trasmissione di ordini

MiFID Policy Strategia di esecuzione e trasmissione di ordini MiFID Policy Strategia di esecuzione e trasmissione di ordini CDA DEL 28 gennaio 2015 INDICE IMPOSTAZIONE METODOLOGICA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 5 2. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE

Dettagli

OPERAZIONI PERSONALI Guida agli adempimenti per i dipendenti ed i collaboratori

OPERAZIONI PERSONALI Guida agli adempimenti per i dipendenti ed i collaboratori OPERAZIONI PERSONALI Guida agli adempimenti per i dipendenti ed i collaboratori Premessa Le Regole per le Operazioni Personali individuano gli adempimenti ed i limiti cui sono soggetti, tra gli altri,

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI EXECUTION POLICY

REGOLAMENTO GENERALE DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI EXECUTION POLICY REGOLAMENTO GENERALE DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI EXECUTION POLICY Edizione settembre 2014 1 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. AMBITO DI APPLICAZIONE DEI SERVIZI DI NEGOZIAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare. Il Mulino, Bologna, 2001 (solo Capitolo 1)

Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare. Il Mulino, Bologna, 2001 (solo Capitolo 1) Cenni sulle principali caratteristiche di funzionamento dei mercati secondari Cenni sulla struttura competitiva dell exchange industry Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare.

Dettagli

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012

Come usare gli ETF. Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team. Rimini, 17 maggio 2012 Come usare gli ETF Valerio Baselli e Azzurra Zaglio Morningstar Editor&Analyst team Rimini, 17 maggio 2012 Cosa sono gli Etf? Gli Etf sono una particolare categoria di fondi d investimento mobiliare quotati

Dettagli

axélero S.p.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

axélero S.p.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING axélero S.p.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da axélero

Dettagli

PRICE LIST PER IL SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE IN VIGORE DALLA DATA DI ENTRATA IN PRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA MILLENNIUM IT

PRICE LIST PER IL SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE IN VIGORE DALLA DATA DI ENTRATA IN PRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA MILLENNIUM IT PRICE LIST PER IL SERVIZIO DI NEGOZIAZIONE IN VIGORE DALLA DATA DI ENTRATA IN PRODUZIONE DELLA PIATTAFORMA MILLENNIUM IT SEZIONE N.1: TARIFFARIO INTERMEDIARI 1. Membership Fee 1 Canone Annuale 2 15.000

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Obbligo di dichiarazione delle transazioni di borsa

Circolare della Commissione federale delle banche: Obbligo di dichiarazione delle transazioni di borsa Circ.-CFB 04/3 Obbligo di dichiarazione Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Obbligo di dichiarazione delle transazioni di borsa (Obbligo di dichiarazione) del 19 agosto 2004 (Ultima

Dettagli

Scheda condizioni economiche

Scheda condizioni economiche Scheda condizioni economiche Il presente documento costituisce parte integrante delle Condizioni generali che regolano il contratto per la prestazione dei servizi e delle attività di investimento e del

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

REGOLAMENTO aprile 2014 1

REGOLAMENTO aprile 2014 1 REGOLAMENTO 1 Sommario 1. Strumenti negoziabili... 3 2. Struttura del Sistema... 3 3. Unità Operative e personale addetto... 3 4. Criteri di formazione dei prezzi... 4 5. Regime di trasparenza pre-negoziazione...

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

NEGOZIAZIONE. Capitolo 11. Consente di effettuare operazioni di compra/vendita dei titoli. Intestazione

NEGOZIAZIONE. Capitolo 11. Consente di effettuare operazioni di compra/vendita dei titoli. Intestazione Capitolo 11 NEGOZIAZIONE Consente di effettuare operazioni di compra/vendita dei titoli. Intestazione Scelta Deposito E un menù a tendina che permette di selezionare il deposito sul quale si intende appoggiare

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

vwd trader La vostra soluzione per il trading online www.vwd-italia.com

vwd trader La vostra soluzione per il trading online www.vwd-italia.com vwd trader La vostra soluzione per il trading online 1 Caratteristiche vwd trader è un front-end per il trading che si presenta come white label, personalizzabile dalle Istituzioni Finanziarie, che la

Dettagli

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6

INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI... 3 1.1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE...4 2. STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 6 2.1 TITOLI AZIONARI E RELATIVI DIRITTI DI OPZIONE, COVERED WARRANTS,

Dettagli

STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI. 8 maggio 2002

STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI. 8 maggio 2002 STRATEGIE DI TRADING CON LE OPZIONI 8 maggio 2002 LE STRATEGIE... Strategie di trading utilizzando: un opzione e l azione sottostante due o più opzioni sulla stessa azione Nelle tabelle che seguono verranno

Dettagli

MiFID LA BEST EXECUTION NELLA GESTIONE DEGLI ORDINI

MiFID LA BEST EXECUTION NELLA GESTIONE DEGLI ORDINI MiFID LA BEST EXECUTION NELLA GESTIONE DEGLI ORDINI Le soluzioni informative La direttiva MiFID ha segnato una svolta in tutti i mercati finanziari. Come rispettare gli adempimenti di legge previsti e

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 23.2.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 148/2013 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2012 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

MiFID. Mercati finanziari europei integrati ed efficienti. La nuova direttiva è in partenza.

MiFID. Mercati finanziari europei integrati ed efficienti. La nuova direttiva è in partenza. MiFID Mercati finanziari europei integrati ed efficienti. La nuova direttiva è in partenza. MiFID: le soluzioni informative In risposta al nuovo scenario introdotto dalla direttiva MiFID, Borsa Italiana

Dettagli

Diritti di Opzione Aumento di Capitale Banca Prospetto Informativo Regolamento Biverbanca

Diritti di Opzione Aumento di Capitale Banca Prospetto Informativo Regolamento Biverbanca REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE DIRITTI DI OPZIONE DERIVANTI DALL AUMENTO DI CAPITALE DI BANCA C.R. ASTI SPA (art. 1 comma 5, lett. e) e comma 5 sexies del D.Lgs. n. 58/98) 1. Oggetto del Regolamento

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

Certificato Short Protection su tasso di cambio. CERTIFICATES. ISIN: DE000HV8BDC6 Sottostante: EUR/USD Scadenza: 01.08.2017

Certificato Short Protection su tasso di cambio. CERTIFICATES. ISIN: DE000HV8BDC6 Sottostante: EUR/USD Scadenza: 01.08.2017 CERTIFICATES Certificato Short Protection su tasso di cambio. ISIN: DE000HV8BDC6 Sottostante: EUR/USD Scadenza: 01.08.2017 Il Certificato Short Protection è uno strumento finanziario strutturato complesso

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

Strategia. degli ordini

Strategia. degli ordini Strategia di Trasmissione degli ordini Edizione 05/2012 INDICE Premessa 2 Fattori e criteri di esecuzione 2 Strategia di trasmissione degli ordini 2 Trattamento di ordini disposti in particolari condizioni

Dettagli

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA Rimini, 18 maggio 2012 Il Quadro Normativo: La Revisione della MiFID La Struttura del Mercato L Esperienza degli Stati

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Edizione 01/014 INDICE Premessa Fattori e criteri di esecuzione Strategia di trasmissione degli ordini Trattamento di ordini disposti in particolari condizioni di

Dettagli

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge

info Prodotto Eurizon GP Unica Facile A chi si rivolge Eurizon Eurizon è il Servizio di Gestione di Portafogli di Eurizon Capital SGR dove l investitore può scegliere tra due Componenti differenziate su tre dimensioni: classi di attività finanziarie (azioni,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Decorrenza 05/08/2015 Foglio 00.09.001 pag. 1 di 8

Decorrenza 05/08/2015 Foglio 00.09.001 pag. 1 di 8 Società per Azioni con socio unico Sede Legale e Amministrativa: Piazzale Fratelli Zavattari, 12 20149 MILANO Tel.: 800.99.11.88 - Fax: (+39) 02 74.874.918 Indirizzo e-mail: info@iwbank.it - Sito internet:

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal]

Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO. di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO di Stefano Cenna [Certificate Journal] Analisi delle strutture dei Certificati IL PUNTO TECNICO Introduzione; Idem vs Sedex; Breve introduzione

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PAG. 1 SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PER LA DETERMINAZIONE DEL GRADO DI LIQUIDITA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DISTRIBUITI ALLA CLIENTELA AL VERSIONE N. 1/12 DEL 30/08/2012

Dettagli

LA PRESENTE ANNULLA E SOSTITUISCE INTEGRALMENTE LA COMUNICAZIONE A PROT. 51/2002 SERVIZIO NEGOZI FINANZIARI E PROMOTORI DEL 13/03/2002.

LA PRESENTE ANNULLA E SOSTITUISCE INTEGRALMENTE LA COMUNICAZIONE A PROT. 51/2002 SERVIZIO NEGOZI FINANZIARI E PROMOTORI DEL 13/03/2002. Disposizioni Operative per Agenzie Abilitate e Negozi Finanziari Bologna, 17 settembre 2003 COMUNICAZIONE N. 7/2003 Ai NEGOZI FINANZIARI Alle AGENZIE ASSICURATIVE ABILITATE Ai PROMOTORI FINANZIARI Alle

Dettagli