Compliance Execution Excellence Program

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Compliance Execution Excellence Program"

Transcript

1 Compliance Execution Excellence Program Condivisione Diagnostici Ottobre 2006 SIA-EAGLE

2 Agenda» Condivisione Diagnostici 9-15» Dettaglio trattamento Derivati 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 2

3 SIA-EAGLE Intermediari - Market Abuse prevede 7 diagnostici di manipolazione di mercato MARKET ABUSE DIAGNOSTICI Consentono la rilevazione ex post delle operazione sospette mediante la definizione di parametri e controlli sequenziali che filtrano l operatività dell Intermediario LARGE VOLUME INSTRUMENT PER CLIENT SIGNIFICANCE OF POSITION PER CLIENT CROSS CLIENT INSTRUMENT BALANCE SHORT PERIOD REVERSE POSITION SHORT TIME SPAN ORDERS AND TRADES SHORT LIFE ORDERS SIGNIFICANT TIME TRANSACTIONS» La misura in cui gli ordini di compravendita impartiti o le operazioni eseguite rappresentano una quota significativa del volume giornaliero degli scambi dello strumento finanziario pertinente nel mercato regolamentato interessato, in particolare quando tali ordini o operazioni conducono ad una significativa variazione del prezzo dello strumento finanziario» La misura in cui gli ordini di compravendita impartiti o le operazioni eseguite da soggetti con una significativa posizione di acquisto o di vendita su uno strumento finanziario conducono a significative variazioni del prezzo dello strumento finanziario o dello strumento derivato collegato o dell'attività sottostante ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato» Se le operazioni eseguite non determinano alcuna variazione nella proprietà ovvero non comportano alcun trasferimento effettivo della proprietà di uno strumento finanziario ammesso alla negoziazione in un mercato regolamentato» La misura in cui gli ordini di compravendita impartiti o le operazioni eseguite prevedono inversioni di posizione in acquisto o in vendita nel breve periodo e rappresentano una quota significativa del volume giornaliero di scambi dello strumento finanziario pertinente nel mercato regolamentato interessato e possono associarsi a significative variazioni del prezzo di uno strumento finanziario ammesso alla negoziazione in un mercato regolamentato» La misura in cui gli ordini di compravendita impartiti o le operazioni eseguite sono concentrati in un breve lasso di tempo nel corso della sessione di negoziazione e conducono a una variazione del prezzo che successivamente si inverte» La misura in cui gli ordini di compravendita impartiti modificano la rappresentazione dei migliori prezzi delle proposte di acquisto o di vendita di uno strumento finanziario ammesso alla negoziazione in un mercato regolamentato o, più in generale, la misura in cui essi modificano la rappresentazione del book di negoziazione a disposizione dei partecipanti al mercato, e sono revocati prima della loro esecuzione» La misura in cui gli ordini vengono impartiti e le operazioni eseguite al momento o intorno al momento in cui vengono calcolati i prezzi di riferimento, i prezzi di regolamento e i prezzi di valutazione, determinando variazioni nei prezzi che hanno effetti su detti prezzi di riferimento, di regolamento o di valutazione 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 3

4 e l opportunità di integrarli con altri 7 diagnostici per controlli interni su insider trading e internal dealing 9 FRONT RUNNING» La presenza di operazioni eseguite che nella tempistica di esecuzione anticipano le operazioni della clientela sullo stesso strumento finanziario 10 ANALISI FINANZIARIE» La presenza di ordini o operazioni su titoli oggetto dell Analisi che, nella tempistica di esecuzione, si collocano N giorni precedenti l uscita dell analisi finanziaria 11 DIFFUSIONE TRADING IDEAS» Il Diagnostico mira ad individuare ordini o operazioni che si discostano dal comportamento degli altri clienti e che potrebbero derivare dalla disponibilità di informazioni non diffuse al pubblico o dalla diffusione di valutazioni su uno strumento finanziario o sul suo emittente dopo avere preso posizione sullo stesso, beneficiando così dell impatto sul prezzo della valutazione stessa OPERAZIONI DI STABILIZZAZIONE DIFFUSIONE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE» Il Diagnostico individua giornalmente le operazioni effettuate nel periodo di stabilizzazione successivo al collocamento (30 giorni), eseguite dall intermediario in conto proprio (su conti stabiliti) e in conto terzi. Per ogni strumento finanziario i controlli sono basati su dati dell IPO (o emissione secondaria) e conti specificati dall utente, con periodi e valori di riferimento specifici per ciascun conto» Il diagnostico individua le operazioni di soggetti rilevanti/informati per un emittente (es. membri degli organi di amministrazione, direzione, sorveglianza; soci con partecipazioni rilevanti e persone a loro strettamente legate) e/o persone che hanno potenziale accesso a informazioni privilegiate in modo permanente e occasionale OPERAZIONI SUI 14» Il diagnostico verifica se sono state eseguite operazioni sul Mercato dei Blocchi con ampi scostamenti rispetto BLOCCHI al prezzo di chiusura del mercato di quotazione del titolo 15 OPERAZIONI FUORI MERCATO» Il diagnostico verifica se sono state eseguite operazioni fuori mercato con prezzi al di fuori dell intervallo di oscillazione del prezzo del mercato di quotazione del titolo 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 4

5 Diagnostico N 9 DIAGNOSTICO 9 SIA-EAGLE INTERMEDIARI FRONT RUNNING OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO 9: Il Il Diagnostico individua la presenza di operazioni rilevanti eseguite da un Operatore che nella tempistica di esecuzione anticipano operazioni eseguite per conto di altra clientela sullo stesso strumento finanziario da parte dello stesso Operatore 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 5

6 Diagnostico N 9 FRONT RUNNING OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il Diagnostico individua la presenza di operazioni eseguite da un operatore-dipendente a favore di un conto che nella tempistica di esecuzione anticipano operazioni per conto di altra clientela sullo stesso strumento finanziario eseguiti dallo stesso Operatore CONTROLLO effettuato in base ai seguenti criteri: Per ogni giornata operativa e strumento finanziario (inclusi derivati), per mercato (oppure OTC) per le sole operazioni» si considerano le operazioni su ciascun conto intestato ad operatori (che ricevono ordini dai clienti o operano sul mercato) e si verifica se in un breve lasso di tempo T1 (configurabile e calcolato in termini di minuti) successivo ad ogni operazione sono presenti altre operazioni dello stesso segno eseguite dall operatore stesso su conti della clientela da lui seguita abitualmente;» si verifica la rilevanza della quantità delle operazioni eseguite sul conto dell operatore rispetto al volume giornaliero di mercato (soglia parametrica) e si verifica se l operatore ha tratto vantaggio dalla transazione controllando che lo scostamento di prezzo della stessa rispetto ai prezzi di eseguito sui conti dei clienti sia superiore alla soglia parametrica % stabilita; (anticipazione di operazione a favore dell operatore stesso).» Gli stessi controlli sono applicati per verificare eventuali Front Running di un conto rispetto agli altri conti, fra quelli che fanno riferimento allo stesso operatore (anticipazione di operazione a favore di un cliente) OUTPUT» RIEPILOGO: per conto, titolo, operatore e ruolo dell operatore, sono riportati i dati calcolati delle variabili di controllo e le relative soglie applicate, con evidenza del numero di transazioni sospette. Informazioni aggiuntive: posizione sul titolo per conto; conti correlati» DETTAGLIO: dati delle transazioni relative a ciascuna segnalazione. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 6

7 Diagnostico N 9 FRONT RUNNING OPERAZIONI MERCATO di riferimento Anticipazione di operazione a favore dell operatore stesso Operazione sul c/personale (anche se non eseguite direttamente da lui) Intervallo di tempo (min) P P1 P2 FATTE DALLO STESSO OPERATORE Intervallo di tempo (min) STESSO SEGNO AND MINVOLTRADE (% Vol Mkt) Applicato a tutte le operazioni fatte dall operatore sul suo conto personale nella giornata AND SCOSTAMENTO PREZZO Acquisti: P<P1/2/n Vendite: P>P1/2/n P-Pn SOGLIA Pn-P SOGLIA OR Stessi controlli precedenti: Anticipazio ne di operazione a favore di un cliente MINVOLTRADE (% Vol Mkt) Applicato a tutte le operazioni fatte sul conto in oggetto nella giornata Acquisti: P<P1/2/n Vendite: P>P1/2/n P-Pn SOGLIA Pn-P SOGLIA 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 7

8 Diagnostico N 9 FRONT RUNNING ACQUISTO P > P1 Anticipo Operatore o Cliente1 TMS Trade Cliente2 P P = P - P1 > Pmin P1 T1 VENDITA P1 > P Anticipo Operatore o Cliente1 P1 TMS Trade Cliente2 P = P1 - P > Pmin P T1 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 8

9 Diagnostico N 9 FRONT RUNNING Intervallo temporale Scostamento prezzo Soglia quantitativa 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 9

10 Diagnostico N 10 ANALISI FINANZIARIE OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il Diagnostico individua la presenza di ordini o operazioni che interessano strumenti finanziari oggetto dell analisi e - nella tempistica di esecuzione - si collocano nel periodo di divieto degli N giorni precedenti l uscita dell analisi finanziaria stessa CONTROLLO effettuato in base ai seguenti criteri: Per ogni analisi finanziaria, nei due giorni operativi immediatamente precedenti la pubblicazione, per gli strumenti finanziari interessati dall analisi finanziaria (inclusi i derivati), per mercato (oppure OTC)» Si evidenziano tutti gli ordini e operazioni effettuate sui titoli oggetto dell analisi/raccomandazione negli N giorni precedenti la pubblicazione, con evidenza dell Analista, del Trader, dell intestatario del conto e degli altri conti collegati (in modo da visualizzare i casi in cui le transazioni sono state eseguite su conti intestati all analista o eseguite dall analista stesso). OUTPUT» REPILOGO: si presentano le segnalazioni per titolo, analisi finanziaria e analista, con l indicazione sintetica del numero di transazioni sospette» DETTAGLIO: dati delle transazioni relative a ciascuna segnalazione. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 10

11 Diagnostico N 10 ANALISI FINANZIARIA ANALISI FINANZIARIE DAY gg di elaborazione del Diagnostico ANALISITA T2 Verifica se a DAY-T2 (parametro) sono presenti Analisi/Raccomandazioni T1 N gg precedenti la diffusione dell Analisi / Raccomandazione ANALISI FINANAZIARIA TUTTI ORDINI OPERAZIONI Con indicazione: Analista Trader Intestatario Conto Rapporti collegati 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 11

12 Diagnostico N 10 ANALISI FINANZIARIE Intervallo temporale per cui viene analizzata l operatività Intervallo temporale per cui vengono analizzati i documenti di analisi 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 12

13 Diagnostico N 11 TRADING IDEAS OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il Diagnostico mira ad individuare ordini o operazioni che si discostano dal comportamento degli altri clienti e che potrebbero derivare dalla disponibilità di informazioni non diffuse al pubblico o dalla diffusione di valutazioni su uno strumento finanziario o sul suo emittente dopo avere preso posizione sullo stesso, beneficiando così dell impatto sul prezzo della valutazione stessa CONTROLLO effettuato in base ai seguenti criteri: Per ogni giornata operativa, per ogni strumento finanziario (inclusi i derivati), per mercato (oppure OTC) OUTPUT» si individuano le operazioni eseguite da uno stesso Operatore e si verifica la presenza - in un breve intervallo di tempo precedente (calcolato in termini di minuti) - di operazioni di segno opposto su altri dei clienti eseguite dallo stesso operatore;» si verifica la rilevanza (% rispetto ai Vol Mkt in base alla soglia parametrica) del totale di queste operazioni di segno opposto;» si calcola inoltre in base all operatore che le ha eseguite - il numero di conti con saldo negoziato positivo (acquisti > vendite) e con saldo negoziato negativo (vendite > acquisti); si controlla quindi se il rapporto fra il numero di conti con saldo positivo (o negativo) rispetto al numero totale di conti che l operatore ha movimentato sul titolo nella giornata è inferiore a una soglia percentuale parametrica, ovvero se pochi conti si sono mossi in modo opposto rispetto la massa.» Si verifica infine che il saldo sul titolo sia superiore a una soglia quantitativa di rilevanza.» RIEPILOGO: per conto, titolo e operatore, sono riportati i dati calcolati delle variabili di controllo e le relative soglie applicate, con evidenza del numero di transazioni sospette. Informazioni aggiuntive: posizione sul titolo per conto; conti correlati» DETTAGLIO: dati delle transazioni relative a ciascuna segnalazione. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 13

14 Diagnostico N 11 TRADING IDEAS OPERAZIONI TRADERS INFORMATI : OPERAZIONI MERCATO di riferimento Operazioni eseguite dallo stesso Trader TRADER SEGNO OPPOSTO Intervallo temporale (min T1) SOGLIA MinVolTrd % Vol Mkt Applicato a tutte le operazioni di segno opposto fatte dallo stesso operatore Il Diagnostico mira ad individuare ordini o operazioni che si discostano dal comportamento degli altri clienti e che potrebbero derivare dalla disponibilità di informazioni non diffuse al pubblico o dalla diffusione di valutazioni su uno strumento finanziario o sul suo emittente dopo avere preso posizione sullo stesso, beneficiando così dell impatto sul prezzo della valutazione stessa 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 14

15 Diagnostico N 11 TRADING IDEAS OR OPERAZIONI SQUILIBRATE: POCHI CLIENTI (raggruppati in base all operatore che ha eseguito le operazioni) SI SONO MOSSI IN MODO OPPOSTO RISPETTO LA MASSA SALDO CONTI Acquisti > Vendite Vendite > Acquisti N conti Acquisto / N conti movimentati N conti Vendita / N conti movimentati SOGLIA MaxPositions AND Degli investitori anomali si verifica l entità rilevante dello SBILANCIO tra saldi di negoziazione (acquisti e vendite) SOGLIA MinBalance 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 15

16 Diagnostico N 11 TRADING IDEAS Soglia di rilevanza Soglia di rilevanza del saldo individuato Intervallo temporale Percentuale massima di sbilancio per segno 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 16

17 Diagnostico N 12 OPERAZIONE DI STABILIZZAZIONE OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il Diagnostico individua giornalmente le operazioni effettuate nel periodo di stabilizzazione successivo al collocamento (30 giorni), eseguite dall intermediario in conto proprio (su conti stabiliti) e in conto terzi. Per ogni strumento finanziario i controlli sono basati su dati dell IPO (o emissione secondaria) e conti specificati dall utente, con periodi e valori di riferimento specifici per ciascun conto. CONTROLLO effettuato giornalmente nel periodo di riferimento e in base al tipo di conto:» si individuano le operazioni eseguite sui conti stabiliti (nel data entry) che coinvolgono lo strumento finanziario segnalando le operazioni eseguite a prezzi non in linea con le finalità di stabilizzazione (controllo eseguito per conti proprietà e conti terzi di stabilizzazione);» si verifica se la posizione del conto proprio di stabilizzazione, a fine giornata, supera la soglia prestabilita evidenziando tutte le operazioni del periodo;» si verifica se il rapporto fra il volume negoziato sul conto terzi di stabilizzazione nel periodo di stabilizzazione e il volume medio giornaliero negoziato nei sei mesi precedenti la data di inizio stabilizzazione è superiore a una soglia percentuale (questo controllo viene eseguito ogni giorno considerando i volumi parziali incrementali). OUTPUT» REPORT DEI CONTROLLI GIORNALIERI: per ogni strumento finanziario, riepilogo dei conti con operatività al di fuori delle soglie stabilite, con dettaglio delle operazioni collegate» REPORT DI STABILIZAZZIONE: per ogni strumento finanziario ogni giorno si estraggono tutte le operazioni effettuate sui conti di stabilizzazione (propri e terzi) anche se rientrano nelle soglie stabilite. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 17

18 Diagnostico N 12 OPERAZIONE DI STABILIZZAZIONE IPO PERIODO DI STABILIZZAZIONE S1 - Soglia minima di rilevanza D1 Inizio offerta D2 Fine offerta D3 Inizio stabilizzazione D4 Fine stabilizzazione CONTROLLI: A) Operazioni Operazioni che che superano superano uno uno di di questi questi controlli controlli: (per il conto proprio di stabilizzazione): Pz acq > p coll.to Pz ven < p coll.to Pz vend < pz rif gg precedente Posizione > soglia S1 B) TUTTE le operazioni senza distinzione 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 18

19 Diagnostico N 12 OPERAZIONE DI STABILIZZAZIONE Date relative all IPO 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 19

20 Diagnostico N 13 DIAGNOSTICO 13 SIA-EAGLE INTERMEDIARI DIFFUSIONE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO 13: Il Il Diagnostico individua le operazioni di soggetti rilevanti/informati per un emittente (es. membri degli organi di amministrazione, direzione, sorveglianza; soci con partecipazioni rilevanti e persone a loro strettamente legate) e/o persone che hanno potenziale accesso a informazioni privilegiate in modo permanente e occasionale 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 20

21 Diagnostico N 13 DIFFUSIONE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il Diagnostico individua le operazioni di soggetti rilevanti/informati per un emittente (es. membri degli organi di amministrazione, direzione, sorveglianza; soci con partecipazioni rilevanti e persone a loro strettamente legate) e/o persone che hanno potenziale accesso a informazioni privilegiate in modo permanente e occasionale CONTROLLO effettuato in base ai seguenti criteri: Per ogni giornata operativa e strumento finanziario (inclusi i derivati): ordini e operazioni sono considerate separatamente, mentre acquisti e vendite sono sommate fra loro: Per ogni soggetto rilevante si verifica:» se il soggetto ha effettuato transazioni relative al titolo di cui potrebbe essere informato e se tali transazioni sono rilevanti rispetto al volume giornaliero negoziato sul mercato (soglia parametrica); Inoltre, qualora l emittente sia cliente dello stesso intermediario, si evidenzia come bollino informativo - se anche quest ultimo ha operato sul titolo nella stessa giornata operativa. OUTPUT» RIEPILOGO: per conto ( a cui un soggetto informato/rilevante è collegato) e titolo, sono riportati i dati calcolati delle variabili di controllo e le relative soglie applicate, con evidenza del numero di transazioni sospette» DETTAGLIO: dati delle transazioni relative a ciascuna segnalazione. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 21

22 Collegamento Proprietà/Operatori - Emittente E possibile collegare tramite apposita funzione di data-entry l ndg di un soggetto (persona fisica o giuridica) a un Emittente al fine di individuare operazioni fatte da conti cui l ndg è collegato su titoli emessi dall Emittente in oggetto SOGGETTO INFORMATO / RILEVANTE Emittente 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 22

23 Diagnostico N 13 DIFFUSIONE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE ORDINI OPERAZIONI MERCATO di riferimento INSIDER LIST INSIDER LIST Emittente TITOLO X Soggetto Rilevante/Informato NEW RELEVANT PERSON NEW RELEVANT PERSON Acquisti TITOLO X 1 2 SOGLIA % Vol Mkt Vendite 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 23

24 Diagnostico N 13 DIFFUSIONE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Soglia 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 24

25 Inserimento News ritenute price sensitive NEWS E sempre possibile inserire tramite apposita funzione di data-entry News ritenute price sensitive. INFORMAZIONE AGGIUNTIVA La News viene quindi presentata nell output del diagnostico come informazione aggiuntiva (bollino informativo) che può supportare l utente di compliance nell attività di approfondimento. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 25

26 Diagnostici a supporto dell attività di rendicontazione DIAGNOSTICO 14 SIA-EAGLE INTERMEDIARI OPERAZIONI SUL MERCATO DEI BLOCCHI OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO 14: Il diagnostico verifica se sono state eseguite operazioni sul Mercato dei Blocchi con ampi scostamenti rispetto al prezzo di chiusura del mercato di quotazione del titolo DIAGNOSTICO 15 SIA-EAGLE INTERMEDIARI OPERAZIONI FUORI MERCATO (OTC) OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO 15: Il diagnostico verifica se sono state eseguite operazioni OTC con prezzi al di fuori dell intervallo di oscillazione del prezzo del mercato di quotazione del titolo 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 26

27 Diagnostico N 14 OPERAZIONI SUL MERCATO DEI BLOCCHI OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il diagnostico verifica se sono state eseguite operazioni sul Mercato dei Blocchi con ampi scostamenti rispetto al prezzo di chiusura del mercato di quotazione del titolo CONTROLLO Per ogni giornata operativa e strumento finanziario: per ogni operazione eseguita sul mercato dei blocchi:» si verifica se lo scostamento percentuale del prezzo dell operazione rispetto al prezzo di chiusura della stessa giornata del mercato di quotazione del titolo è uguale o superiore a una soglia parametrica. OUTPUT» RIEPILOGO: per conto e titolo, sono riportati i dati calcolati delle variabili di controllo e le relative soglie applicate, con evidenza del numero di transazioni sospette» DETTAGLIO: dati delle transazioni relative a ciascuna segnalazione. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 27

28 Mercato dei Blocchi MERCATO DEI BLOCCHI Tutti i diagnostici (1-13*) trattano anche le transazioni avvenute sul mercato dei blocchi come mercato a parte con soglie dedicate.» I prezzi di riferimento e i volumi del mercato sono quelli del mercato di riferimento del titolo.» Il D14 tratta solo le operazioni eseguite sul mercato dei Blocchi con controllo dedicato sul prezzo * Resta escluso il D12 per il quale si eseguono controlli di stabilizzazione 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 28

29 Diagnostico N 14 OPERAZIONI SUL MERCATO DEI BLOCCHI OPERAZIONI Mercato dei Blocchi Prezzo eseguito Mercato di Riferimento Prezzo chiusura SCOSTAMENTO PREZZO Pz eseguito - Pz ch Mkt rif / Pz ch Mkt rif SOGLIA 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 29

30 Diagnostico N 14 OPERAZIONI SUL MERCATO DEI BLOCCHI Scostamento prezzo 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 30

31 Diagnostico N 15 OPERAZIONI FUORI MERCATO OBIETTIVO DEL DIAGNOSTICO: Il diagnostico verifica se sono state eseguite operazioni fuori mercato con prezzi al di fuori dell intervallo di oscillazione del prezzo del mercato di quotazione del titolo CONTROLLO Per ogni giornata operativa e strumento finanziario, per ogni operazione eseguita fuori mercato:» si verifica se il prezzo dell operazione è al di fuori dell intervallo di variazione del prezzo del mercato di quotazione del titolo per la stessa giornata operativa, ossia se è minore del minimo o maggiore del massimo prezzo di mercato. OUTPUT» RIEPILOGO: per conto e titolo, sono riportati i dati calcolati delle variabili di controllo e le relative soglie applicate, con evidenza del numero di transazioni sospette» DETTAGLIO: dati delle transazioni relative a ciascuna segnalazione. 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 31

32 La gestione delle operazioni OTC Tutti i diagnostici ad eccezione dell 8 - trattano anche le transazioni OTC sia sui titoli che sui derivati (opzioni). Le concentrazioni delle operazioni OTC:» sono considerate separatamente dalle operazioni eseguite sui mercati» sono rapportate ai volumi del mercato regolamentato del titolo/derivato trattato con la logica seguente (definita dalle linee guida ABI): per gli strumenti finanziari quotati in Italia e/o in altri Paesi UE: si fa riferimento al volume del mercato italiano, anche per operazioni eseguite su altri mercati UE; per gli strumenti finanziari negoziati su mercati UE ma non in Italia: si usa il volume del mercato di quotazione; nel caso di multi-quotazione si usa come riferimento il mercato più significativo 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 32

33 Diagnostico N 15 OPERAZIONI FUORI MERCATO OPERAZIONI OTC Prezzo eseguito Mercato di Riferimento Prezzo Min Prezzo Max PREZZO compreso tra Min & Max Pz Min Mkt rif < Pz es < P Max Mkt rif 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 33

34 Diagnostico N 15 OPERAZIONI FUORI MERCATO Intervallo di oscillazione del prezzo 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 34

35 Controllo trasversale delle segnalazioni SIA-EAGLE Intermediari offre la possibilità di analizzare in modo trasversale tramite una serie di filtri di inquiry flessibili - i risultati di tutti i Diagnostici al fine di individuare i casi in cui una stessa transazione/titolo/conto/soggetto ordinante/ecc. siano stati intercettati da più Diagnostici, oppure in modo ripetuto o saltuario nel tempo, ecc. La possibilità di interrogare in base allo stato attribuito alla segnalazione (c.d. workflow) permette inoltre di monitorare la qualità e lo stato dell arte del monitoraggio VANTAGGI OFFERTI DALLA FUNZIONE:» Alcuni casi di abuso possono essere individuati solo da un analisi congiunta dei risultati dei Diagnostici» Una visione complessiva consente di rafforzare o ridimensionare a seconda del caso i sospetti di abuso» Partendo dalla ricorrenza di determinati fattori, è possibile affinare i controlli traendo indicazioni dai legami non immediatamente palesi (soggetti-emittenti-titoli, ecc) che emergono 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 35

36 Overview globale 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 36

37 Funzione aggiuntiva: Calcolo statistico delle concentrazioni SIA-EAGLE Intermediari è dotato di una funzione base di calcolo statistico. Tramite apposita funzione (D91) è infatti possibile impostare in modo semplice ed immediato - il calcolo dei valori medi di alcune delle principali variabili utilizzate dai Diagnostici (es. livelli di concentrazione dell operatività di un singolo Conto rispetto ai volumi di Mercato su un certo strumento finanziario, dell Intermediario vs il Mercato, o del Conto vs l Intermediario) sulla base di un arco temporale predefinito dall utente. Media concentrazione Intermediario vs Mercato Media concentrazione Conto vs Mercato 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 37

38 Funzione aggiuntiva: Calcolo statistico delle concentrazioni VANTAGGI OFFERTI DALLA FUNZIONE DI CALCOLO STATISTICO:» I risultati della funzione possono essere utili nel processo di definizione delle soglie (in special modo nel momento in cui si procede alla specializzazione delle soglie ad esempio in base al tipo strumento).» Offrono un supporto semplice ed immediato alla Compliance per individuare il tipo di operatività media posta in essere dalla clientela/proprietà» Permettono di verificare cmportamenti eventualmente anomali da parte del Cliente-investitore 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 38

39 Agenda» Condivisione Diagnostici 9-15» Dettaglio trattamento Derivati 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 39

40 La gestione degli strumenti derivati (I)» Future negoziati sui mercati regolamentati italiani ed esteri (EU)» Opzioni dei mercati regolamentati per singola serie (opzione call put / sottostante / scadenza / style /strike price) e negoziate fuori mercato (OTC)» Covered warrant: ad es. nel mercato italiano sono presenti CW su azioni italiane ed estere, anche fuori EU; su indici, anche fuori EU; su valute: Eur/JpY, Eur/Usd; su commodities; su altri derivati: Bund future, Future petrolio ecc.» Diritti e Warrant - trattati sui mercati regolamentati del titolo sottostante oppure OTC - sono considerati alla stregua dei titoli cash quando vengono eseguiti controlli di concentrazione e di scostamento di prezzo, mentre vengono presi in considerazioni come derivati per i controlli cross market (es. impatto sul sottostante di un operazione eseguita sul derivato). 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 40

41 La gestione degli strumenti derivati (II) Esempio formula Diagnostico 1 I controlli vengono applicati anche ai derivati per singola serie. Le concentrazioni in questo caso vengono calcolate considerando per il volume dei derivati la seguente formula: V = N lotti x (N azioni x lotto) rapportandola al volume totale di derivati negoziati sul mercato. Vtot = N tot lotti x (N azioni x lotto) 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 41

42 SIA-EAGLE Intermediari Market Abuse Modulo Diagnostici T+1 GESTIONE DIAGNOSTICI PRESA IN CARICO 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 42

43 WORKFLOW Risultato Diagnostici INPUT SIA-EAGLE OUTPUT DIAGNOSTICO Risultato Diagnostico START STATUS 1 Segnalazione STATUS 2 No Non rilevante STATUS 4 Sospetto Possibile cambio stato Si Prima Valutazione Decisione di di segnalazione STATUS 5 In In attesa decisione Si No STATUS 3 Pending STATUS 7 Abuso STATUS 6 da da Non Segnalare Produzione REPORT3 Per segnalazione invio STATUS 8 Segnalato 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 43

44 SIA-EAGLE Intermediari Market Abuse Modulo Diagnostici T+1 DIAGNOSTICI PER SOGGETTO 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 44

45 Diagnostici per Soggetto INVESTITORE Conto Elemento di aggregazione SOGGETTO ORDINANTE RELATIONSHIP MANAGER RELATIONSHIP MANAGER INFO TRADER TRADER BROKER BROKER TRADING VENUE Cliente Gestore GPM Gestore F.do SGR Elemento di aggregazione 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 45

46 Ambiti di applicazione GPM Elemento Elemento di di aggregazione aggregazione dei dei Diagnostici Diagnostici per per Soggetto Soggetto ORDINANTE GESTORE GESTORE TRADER TRADER Sia-Eagle TRADING TRADING VENUE VENUE TIPO DEPOSITO TITOLI DEPOSITO DEPOSITO CALDERONE CALDERONE GPM GPM INTESTATARIO LINEA LINEA GPM GPM DISTRIBUZIONE SUI SINGOLI DEPOSITI GESTITO GESTITO SINGOLO SINGOLO SINGOLO SINGOLO CLIENTE CLIENTE CLIENTE CLIENTE ATTIVITA ESCLUSA DAI CONTROLLI 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 46

47 Soggetti: Impatto sui Tracciati Soggetto CORRISPONDENZA NEL TRACCIATO Ordine Revoca Eseguito Ordinante: investitore, gestore (SGR o GPM), asset manager. Oppure chi richiede la revoca (può essere diverso dall ordinante) Cod_soggetto (ClientID) Cod_soggetto (ClientID) Cod_soggetto (ClientID) Ricevente: relationship manager (operatore), sistema di trading online, promotore se inserisce direttamente l ordine nei sistemi di front; si ipotizza anche il percorso investiorepromotore-operatore-trader. Chi riceve l ordine o la revoca. Cod_ricevente (OperatorID) Cod_ricevente (OperatorID) Cod_ricevente (OperatorID) Trader Cod_esecutore (Operator_ID) Promotore: se è coinvolto a qualunque titolo nell esecuzione dell ordine, può essere anche uguale al Ricevente Cod_promotore (Operator_ID) Cod_promotore (Operator_ID) Cod_promotore (Operator_ID) 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 47

48 Diagnostici per Soggetto DIAGNOSTICI DIAGNOSTICI PER SOGGETTO Insieme di Diagnostici disponibili: 20 D01 D02 D03 D04 D05 D06 D08 D09 D10 D11 D12 D13 D14 D15 D01S D02S D03S D04S D05S D06S L Intermediario può scegliere quanti e quali utilizzare in base alle proprie esigenze specifiche 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE 48

49 31 Ottobre 2006 SIA-EAGLE

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

V1pc Internet Banking

V1pc Internet Banking 2.6 Area Portafoglio In questa area è possibile ottenere informazioni sull'andamento del portafoglio titoli relativa al dossier selezionato tenendo così costantemente aggiornati l utente sul valore degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Per agevolare l operatività, si prevede che, per ogni azione che ammette il voto maggiorato, vi siano 4 codici identificativi:

Per agevolare l operatività, si prevede che, per ogni azione che ammette il voto maggiorato, vi siano 4 codici identificativi: PROCEDURA VOTO MAGGIORATO La procedura ha come scopo quello di fornire le modalità operative nei confronti delle società emittenti e degli intermediari, per poter consentire alle società quotate l esercizio

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali

Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Codice di Condotta Professionale per i Gestori Patrimoniali Etica: valore e concretezza L Etica non è valore astratto ma un modo concreto per proteggere l integrità dei mercati finanziari e rafforzare

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI Nel rispetto della nuova disciplina comunitaria introdotta dalla direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

GUIDA OPZIONI BINARIE

GUIDA OPZIONI BINARIE GUIDA OPZIONI BINARIE Cosa sono le opzioni binarie e come funziona il trading binario. Breve guida pratica: conviene fare trading online con le opzioni binarie o è una truffa? Quali sono i guadagni e quali

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Report Operativo Settimanale

Report Operativo Settimanale Report Operativo n 70 del 1 dicembre 2014 Una settimana decisamente tranquilla per l indice Ftse Mib che ha consolidato i valori attorno a quota 20000 punti. L inversione del trend negativo di medio periodo

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli