Patrimoni culturali e paesaggi di Puglia e d Italia tra conservazione e innovazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Patrimoni culturali e paesaggi di Puglia e d Italia tra conservazione e innovazione"

Transcript

1 1 Roma, MIBACT, 16 giugno 2014 Patrimoni culturali e paesaggi di Puglia e d Italia tra conservazione e innovazione Intervento di Michel Gras, Il titolo del libro, curato da Giuliano Volpe, indica tra conservazione e innovazione ma il contenuto sa più di innovazione che di conservazione. Prima di entrare in argomento, un relatore straniero deve fare una breve premessa. Questa pubblicazione tratta di una riflessione approfondita sul patrimonio italiano e su delle scelte da fare, e un non italiano come me avverte la necessità non di proporre soluzioni operative ma di far emergere delle riflessioni a monte delle scelte. La Puglia non mi è per niente indifferente : è in Puglia, alla metà degli anni settanta, che ho cominciato il mio percorso nell Italia continentale rispondendo all invito di Francesco D Andria nel neonato istituto di archeologia dell Università di Lecce, studiando le anfore preromane di Santa Maria di Leuca (allora era un materiale non studiato) e insegnando come professore a contratto. Da allora la Puglia ha fatto tanta strada, con gli ecomusei del Salento, con l impegno della Regione e dell Università di Foggia, ecc I beni culturali italiani non si fermano ad Eboli e la Puglia ha un immenso territorio con 800 km di litorali, che sono degli spazi fragili dove si gioca una parte del futuro del Mediterraneo con un contesto turistico in piena trasformazione, per motivi di geopolitica, come si sa. Non è male, credo, partire da un discorso regionale anche se da un Francese ci si aspetta un elogio dello Stato centrale Ma noi siamo ormai lontani da Colbert come voi siete ormai lontani da Fiorelli. E non si tratta di parlare male né dell uno né dell altro perché abbiamo ancora molto bisogno e dell uno e dell altro. I problemi di patrimonio e di beni culturali sono complessi e nessuno di noi può vantare di avere delle ricette. Delle convizioni si. Avere delle regioni che possono fare da laboratorio è un gran vantaggio. La Puglia è attualmente un grande laboratorio con la sua normativa - il PPTR : Piano paesaggistico territoriale regionale - e con la sua politica regionale adatta ovviamente alle sue realtà ma con certi valori come la riqualificazione delle periferie. Si portano avanti dei sistemi territoriali e i beni culturali sono uno di loro. Ci sono tre nodi che vengono al pettine in questo libro e ho scelto per affrontare molte domande e suggestioni presenti negli atti di queste due tavole rotonde di Foggia. Il primo nodo sta nel binomio Stato-Regione, un altro sta nel binomio Soprintendenza-Università, un terzo nella capacità di affrontare certi temi su un piano interministeriale.

2 2 Stato-Regione. Io, lo dico subito, e per togliere ogni suspense, mi sono trovato a mio agio con molte delle idee presentate in questo volume, ma su un punto solo, prenderei le distanze (tanto farlo subito!) quando Giulio Volpe nella discussione dice che l esperienza siciliana non può servire a niente, avendo in mente i soliti problemi siciliani che sappiamo. La Sicilia "disco rotto" aggiunge Daniele Manacorda, tanto per chiarire e fare buona misura. L esperienza siciliana ha ormai 35 anni (decreto 637 del 30 agosto 1975 ; legge regionale 80 del 1 agosto 1977 e legge regionale 116 del 7 novembre 1980), un tempo sufficiente per cominciare invece a fare bilanci, e dunque tale esperienza va analizzata, anzi scorticata, e finalmente potrebbe portare molt acqua al mulino e nello stesso tempo evitare di ricadere in certi errori - perché effettivamente sbagliano quelli che sono contrari ad ogni decentramento solo perché la Sicilia funziona con difficoltà. Si possono cogliere aspetti negativi ma anche positivi nella situazione siciliana. Non si tratta qui di prendere/o/lasciare. Sono modelli complessi da studiare, da modificare, anche da inventare. Non siamo davanti a dei binari dai quali non potremmo uscire. Chi si ricorda delle battaglie siciliane degli anni 70, non può dimenticare un ambizione, un vero progetto che io ritrovo quando Daniele Manacorda giustamente dice dobbiamo tutelare per contesti e non per discipline accademiche (p.77). Giustissimo. D altra parte, non si può dimenticare la bravura, l impegno, direi anche il coraggio di molti dei nostri colleghi siciliani, e i loro pareri potrebbero risultare utili quando hanno vissuto dall interno - da tanti anni - la riforma regionale. A me sembra che molti di loro non vogliono tornare indietro pur sapendo bene cosa non funziona e perché. E spesso sulla loro pelle. Forse qualche responsabilità l ha avuto anche la Regione Sicilia nel suo modo di gestire, e anche l Assessorato competente, il quale, forse, non è stato sempre all altezza della riforma? Tutto non è colpa del sistema ma dell uso troppo politico (nel senso dell interventionnismo) che se ne fa. Non si deve dunque buttare trent anni di sperimentazione e di lavoro, anche di errori. Non si deve buttare più di un secolo di archeologia in Sicilia e non si deve dimenticare che Fiorelli mandava i suoi di Pompei a seguire Cavallari nei suoi scavi della provincia di Siracusa alla fine dell Ottocento. Come Fiorelli, Roma deve dare un occhiata a quello che succede oltre lo Stretto. Tanto si tratta d Italia. Certamente non vanno dimenticati certe cose, ma l esperienza siciliana dimostra ancor una volta che fra la Stato e la Regione - qualsiasi regione - ci vuol collaborazione stretta e qui sta il nodo di tutto o quasi. Il ritiro totale dello Stato, in politica dei beni culturali, non funziona e non funziona nemmeno la spartizione facile, comoda a prima vista per tutti, fra tutela e valorizzazione : tutela allo Stato, valorizzazione alle Regione. Non può funzionare

3 3 cosi è non dico una novità : da anni lo dice e lo scrive Salvatore Settis. Il futuro della relazione fra Stato e Regione, e non solo per l archeologia, passa attraverso le costruzione di una relazione nuova : come due laboratori di ricerca - quello statale centrale e quello statale territoriale - che vogliono arrivare insieme ad una grande scoperta, cioè ad una nuova gestione dei beni culturali ancora tutta da inventare. Il discorso centrale di questo libro porta giustamente sulla relazione archeologiaterritorio. Non mi perdo in discussioni del passato sulla relazione storia dell artearcheologia. Una non deve uccire l altra, e ogni documentazione è da utilizzare e a valorizzare. Ma la relazione al territorio è globale e integra tutto il potenziale culturale del Territorio, o se vogliamo tradurre in termini amministrativi, della Regione. Il Territorio dunque. La nostra generazione sarà duramente giudicata un giorno come quella che ha sprecato il territorio daperttutto in Europa : la gente è scappata dai centri delle città perché questi centri non erano più adatti alla vita moderna, alla casa moderna, e non per sola volontà di andare altrove e di allontarnarsi dal lavoro. Oggi, per gestire i territori sul piano culturale, abbiamo bisogno di strumenti e la Carta dei beni culturali della Regione Puglia è certamente da seguire con attenzione e da sostenere (p ). Nel territorio, si gioca anche una grossa partita adesso, quando i nostri Stati devono allegerire sia il dispositivo centrale che il dispositivo territoriale, pur sapendo che tale dispositivo (il territoriale), quando funziona correttamente è la chiave di molti successi. Il problema è di trovare il modo giusto e di evitare appunto spreci e doppioni. Io sono un ammiratore del "progetto locale" di Magnaghi e della sua coscienza del luogo qui ricordato, un libro che ho divorato con passione quando è uscito nel Una parola sul caso particolare di Roma, con la divisione amministrativa dell area centrale fra Stato e Comune, figlia di una storia prestigiosa, che un giorno o l altro, nei momenti buoni direi (e adesso mi sembra un momento buono per merito dei funzionari in carica), va chiarita e coordinata con un confine più chiaro o ancora meglio una cogestione responsabile. Secondo nodo.soprintendenza-università. Il tema si tocca di qua e di là nel libro e vorrei ricordare, senza nessuna pretesa, che negli anni 90 (dieci anni prima della legge sull archeologia preventiva) ne abbiamo fatto un punto centrale in Francia sotto l impulso di un grande direttore generale del CNRS, François Kourilsky ( ), recentemente scomparso : la nascità di Centri misti di ricerca per l archeologia, fra soprintendenza, CNRS e università è andata avanti dalle prime esperienze compiute allora, e nessuno oggi parla di tornare

4 4 indietro. Il numero di tali Centri è fortemente cresciuto. La maggior parte dei grandi Centri francesi di ricerca in archeologia (e non soltanto) ha ormai questo taglio. Certamente questo non risolve tutto ma il clima è in gran parte cambiato anche se dei problemi ci sono ancora con l INRAP, arrivato dopo, nel 2001 : forse appunto perché arrivato dopo. Un giovane archeologo, in Italia come in Francia quando ha la fortuna di trovare un posto di lavoro - si ritrova, direi per caso o quasi, all Università o in Soprintendenza. Molti dei professori di archeologia italiani hanno cominciato il loro percorso in Soprintendenza prima di passare all Università come si sa. Certo il mestiere è cambiato in Soprintendenza : forse Paolo Orsi o Raffaele Causa (tanto per fare due nomi di grandi soprintendenti del passato, un archeologo e uno storico dell arte) non sarebbero oggi a loro agio, e Giorgio Buchner non potrebbe portare avanti la sua straordinaria impresa nella necropoli di Ischia. Ma oggi, le lotte e le tensioni fra questi istituzioni statali sono spesso soltanto il riflesso delle posizione antagoniste dei capi pro tempore che poi si rifettono sui giovani, dividendo cosi una comunità che oggi più che mai ha bisogno di star insieme, e lo dico a livello europeo ovviamente (ma dell Europa parleremo durante il prossimo semestre con presidenza italiana). I giovani funzionari devono recuperare il sentimento di appartenere ad un unica comunità scientifica e questo passa attraverso un inserimento paritario come Luigi Malnati lo sottolinea (p. 126). E dei Centri di questo tipo si possono fare senza spese nuove ma con l alleanza degli innovatori come viene chiesto nel volume (Manacorda a p. 150 ripreso da Volpe a p. 155) : dei Centri per condividere dei progetti, delle strategie. Tutto questo senza dimenticare il CNR - ormai dotato di un unico Dipartimento delle scienze umani e sociali e del Patrimonio culturale - e di alcuni Centri più coerenti di prima anche se un analisi comparativa delle competenze e delle missioni di alcuni Centri del CNR e di altri del MIBAC potrebbero lasciare spazio ad iniziative, proprio nel senso della condivisione. Infine potrei parlare a lungo delle Scuole straniere avendo lavorato in una di esse per 20 anni : per le Scuole straniere come per le Università italiane, la recente circolare della Direzione generale (la 18 del 19 settembre 2013) va nel senso giusto ma non si deve creare il mito di Scuole ricche di fronte ad Università italiane povere per finanziare gli scavi perché non è proprio cosi, cifre alla mano, salvo eccezioni (contra Malnati, p. 123). Terzo nodo. Livello interministeriale. Volpe allude con giusta ambizione (p. 41) ad un sistema statale integrato. Non è solo l arrivo dell ambiente che solleva il problema. I Beni culturali hanno a monte la questione dell educazione e della formazione : formazione di specialisti ma, prima di questo, educazione del cittadino, del civis. L educazione dei giovani è indispensabile per vincere a lunga scadenza la battaglia della tutela (e forse in certi casi i Musei

5 5 potrebbero essere la vera sede scolastica). E, a valle, c è la dimensione ricerca perché tutelare per tutelare senza capire, spiegare e pubblicare non avrebbe senso. Lo scavo è sempre un operazione scientifica anche quando si tratta di archeologia preventiva e deve dunque elaborare un sapere (e non soltanto banche dati) e tale sapere deve uscire fuori e ritornare, magari con vari passaggi divulgativi, al cittadino. La coordinazione col MIUR è dunque indispensabile. Poi, non esistono due archeologie, quella che scava nel territorio nazionale e quella che scava fuori, e qui ci vuol coordinamento col Ministero degli affari esteri. Negli anni 90, si è tentato di far creare in Francia un comitato interministeriale sull archeologia (rapport di Marc Gautier) : l obiettivo è mancato per poco e avremmo avuto successo proponendo un comitato trasversale sull intero patrimonio nazionale e sull paesaggio. Torno un attimo sulla formazione per dire che il problema della formazione sul campo meriterebbe una riflessione in più. Oggi, in Francia come in Italia, il concetto di cantiere scuola non è ben chiaro per quanto riguarda la formazione iniziale dello studente in archeologia (la formazione per i dottorandi è un altro discorso e va bene nei cantieri direi normali). Per la fase iniziale, non è possible fingere di credere che un cantiere portato avanti solo con gli studenti, utilizzati come manodopera e soltanto per questo, riesce sia a dare la formazione giusta sia a portare avanti la ricerca, e dunque la pubblicazione, E tutti i siti non sono adatti ad accogliere studenti principianti. Si rischia un doppio danno : sia per la formazione scarsa (lo studente che aiuta per i lavori pesanti e impara poco se non la virtu del lavoro, e questo effettivamente è da considerare) sia per l impossibilità, spesso, per il capo missione, di portare avanti da solo la pubblicazione perché gli studenti dei primi anni non sono in grado di aiutarlo. Avere, in ogni Regione, due o tre cantieri adatti a tale formazione iniziale non sarebbe male. E per questo una stretta collaborazione fra i ministeri è d obbligo. Non ho considerato la relazione pubblico-privato come un nodo perché ormai non lo è più. Basta tuttavia non dimenticare che la regola del gioco deve essere la stessa per tutti : se fare benefici è giusto, leggittimo, anzi necessario per i privati, lo deve anche essere per lo Stato o la Regione, i quali non sono altro che una collettività di privati. Non si può portare avanti un sistema dove si lasciano i debiti alle enti pubbliche, e soltanto a loro. Torno un attimo alla Francia per dire che oggi da noi la legge del 2003 sull archeologia preventiva mette troppo in concorrenza selvaggia l Istituto centrale (INRAP), le Regioni e i privati. C è spazio per tutti, anzi ci deve essere spazio per tutti, ma con delle regole chiare, giuste e condivise. I sindacati dell INRAP vogliono il monopolio dell archeologia preventiva e questo non mi sembra oggi una strada percorribile, ma certamente lo Stato non può avere un Istituto centrale che fa

6 6 dei debiti quandi gli altri fanno gli scavi meno difficili e costosi e ne tirano benefici. Non va dimenticato che l INRAP, per legge, deve fare gli scavi che gli altri non vogliono fare. Per chiudere qualche considerazione su Paesaggio e Patrimonio. Nel paese di Emilio Sereni questo binomio non può non essere un punto centrale. Sarei in difficoltà per dire che non sono d accordo con l impostazione del libro e il pensiero di Settis, di Volpe, di Manacorda e di altri in proposito. Paesaggio e patrimonio sono due faccie della stessa medaglia, e oggi più che mai abbiamo bisogno, daperttutto in Europa, di ricucire e non di creare delle frontieri. Ma certamente ci sono anche delle articolazioni da seguire e degli equilibri da rispettare. E le Soprintendenze devono recuperare una certa leggitimità offuscata dalla creazione delle Direzioni regionali. L esempio dei parchi è utile in proposito. I parchi sono senz altro positivi in certi casi ma la loro moltiplicazione crea un effetto perverso. Il concetto di parco, con una prima analisi lucida di Guzzo in Bollettino di archeologia del 1991 (pp ), provoca discussioni senza fine. Non c è bisogno di Giardini botanici o zoologici per custodire, proteggere, difendere i Beni culturali. Va allontanato il modello della riserva indiana che serve anche a moltiplicare piccoli poteri locali. Le soprintendenze hanno bisogno di un territorio omogeneo davanti alla legge. Moltiplicare gli statuti territoriali non porta a niente e la strategia ha bisogno di spazio. Sotto questo aspetto, l esperienza siciliana insegna anche : basta pensare all assurdità della città greca di Siracusa ormai strappata fra la soprintendenza e un parco. Dicendo questo non voglio parlare male dei parchi. Capisco bene che è l unica strada da seguire - se posso dire - quando parliamo dell Appia, impresa fondamentale e direi simbolica, ma in tanti altri situazioni meno complessi è meglio giocare la carta dell inserimento del bene nel tessuto urbanistico e sociale. Scrive a ragione Antonella Recchia (p. 108) : E il momento del passaggio dall idea di Bene Culturale Custode all idea di Bene culturale Servizio. Non dobbiamo infatti dimenticare l obiettivo finale anche se ne siamo ancora molto lontani : e la società, tutta la società che ha vocazione a difendere il bene ; e la società che dovrà un giorno (certo lontano) chiedere i vincoli allo Stato o alla Regione ; solo tenendo presente questo obiettivo si potrà andare avanti. L Assessore della Regione Puglia, Angela Barbanenti (p. 92) sottolinea che oggi i vincoli sono indispensabili ma che non devono avere un taglio puramente burocratico ma essere uno strumento di dialogo con la società. Poi, in un contesto speciale come l area centrale di Roma, nessun cittadino romano vuol un Disneyland riservato ai turisti e ai loro pullmann e separato

7 7 dalla città, ma questo non significa che certi dibattiti del passato non sono ancora di grande attualità soprattuto in um moment dove interferiscono con il futuro del progetto della metropolitana. Adriano La Regina, negli anni finali degli anni settanta, ha dato una svolta direi epocale alla riflessione e ha lanciato un dibattitto collettivo, cittadino e responsabile. Oggi, ci vogliono dei progetti precisi per convincere i vostri concittadini, progetti che integrano di più l area centrale alla città (e il concetto di parco, appunto, non funziona in questo caso). La gente ormai non va più avanti nel buio e non si può andare avanti senza la gente come lo ricordava bene Andreina Ricci nel 2006 nel suo bel libro (Attorno alla nuda pietra). E qui ritrovo il pensiero di Salvatore Settis, il quale a p. 43 ricorda che l adagio si può rovesciare e che la vita (odierna, aggiungo io) è maestra di storia. L archeologia, scrive Settis, va capito come memoria vivente della società e non accumulo di dati eruditi. Ci siamo. Conclusione Ho citato ogni tanto la Francia ma non si tratta di proporre ricette francesi. Anzi. La Francia, prima dell ultimo ventennio, ha sempre preso dall Italia la sua normativa sia nel 1912 sia nel E oggi la Francia deve continuare a guardare all Italia perché la densità del patrimonio archeologico italiano è senza confronto come si sa. Su questo piano, l Italia ha una legittimità europea per indicare la strada da seguire, sia per merito della vostra storia sia per merito del vostro presente. Senza dimenticare l articolo 9 della vostra Costituzione. La questione è anche di far capire alla classe politica dei nostri paesi che l archeologia non è più soltanto una scienza dell erudizione. Ormai siamo usciti dalla nicchia. Per alcuni dei nostri colleghi ed amici, spesso più anziani di noi ma non sempre, è stato un traumatismo : 50 anni fa si entrava in archeologia per studiare, come si entrava in religione per pregare. Oggi molti religiosi s impegnano ben oltre la preghiera e noi, archeologi, studiamo e vogliamo continuare a studiare ma ci impegnamo anche sul territorio e possiamo esser utili all amministrazione, statale o regionale, per la gestione equilibrata e umana di tale territorio. Ricordare la cara Marina Mazzei è d obbligo in tale contesto. E anche Riccardo Francovitch. L espressione che mi ha più colpito nel libro è quella di fruizione lenta dei paesaggi" (p. 193) o anche della mobilità dolce (p. 197). Bellissimo, anche se, come Marisa Dalai (p. 229) preferisco godimento a fruizione. Non vogliamo trasformare i nostri paesi in musei (anche se i musei e la gestione dei turisti meritano attenzione), pensiamo anche noi al futuro e non soltanto al passato. Vogliano dei territori economicamente vivaci ma umani. E la gente vuol anche questo. Sono indispensabili evoluzioni forti certamente, ma senza rovesciare il tavolo perché si tratta di

8 8 trasformare le mentalità e dunque di educare (la scuola, l ho già detto, è fondamentale) e l obiettivo non è di provocare la rivolta popolare (Angela Barbanente, p. 95). Gli archeologi meritano fiducia per dare il loro contributo a tale obiettivo perchè hanno fatto una grande mutazione. Questo libro ha un sapore d impegno, d innovazione, di responsabilità, di approccio collettivo e non personale, e porta testimonianza di tale mutazione e di una riflessione vivace attraverso l esempio pugliese. Mi sembra che per la richezza del dibattito non siamo ormai troppo lontani dagli anni 70 : la stagione dei Dialoghi di archeologia di Bianchi Bandinelli et della seconda edizione di Archeologia e cultura materiale di Andrea Carandini (1975, proprio l anno iniziale di questo Ministero), stagione sempre presente per molti di noi. Allora, la Francia e non soltanto la Francia, era all ascolto dell Italia. Questi tempi possono tornare presto. Non si tratta dunque per l Italia di organizzare un evento in più ma di impostare e far partire subito una maratona, prolungando il lavoro degli amici e colleghi pugliesi e senza dimenticare l esperienza siciliana.

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan

Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding. Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan Saluto di Vincenzo Consoli Amministratore Delegato di Veneto Banca Holding Assemblea Unindustria Treviso Villa Spineda Gasparini Loredan venerdì 25 giugno 2010 Buon pomeriggio. Un cordiale saluto al Ministro

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute

A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute A cura di: Dott.ssa Rita Faso e Dott.ssa Valentina Fiorica Psicologhe-Psicoterapeute Questo opuscolo è il frutto del dialogo che il Centro Regionale Trapianti della Sicilia ha avuto negli anni con molti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato

Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Tariffazione, regolazione, ruolo di pubblico e privato Intervento a Ecomondo Oroblu 2013 su Marisa Abbondanzieri, Presidente A.N.E.A. Pagina 1 di 4 Il compito che mi è stato assegnato è quello di fare una riflessione sul futuro degli ATO nel nuovo contesto

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte.

Presentiamo dunque un lavoro progettato per chi crede in una scuola per tutti, per chi si pone domande e per chi cerca risposte. Introduzione Il manuale La scuola inclusiva nell Italia che cambia. si propone di accompagnare e sostenere l insegnante in ogni fase dell inserimento scolastico di un allievo non madrelingua nella scuola

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili.

professionisti e non, e familiari con un totale di 67 beneficiari, tra cui la maggioranza erano pazienti psichiatrici, anziani e disabili. Testimonianza presentata al Convegno Amministrazione di sostegno e Volontariato svoltosi a Bologna il 14 ottobre 2011 Avvocato Carla Baiesi, Amministratore di Sostegno Mi è stato chiesto di dare al mio

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011

Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 Trascrizione dell intervento di Rino Campioni 17 maggio 2011 La relazione di Sergio Veneziani contiene tutta la struttura dell idea che noi abbiamo di Auser attraverso gli strumenti per qualificare e migliorare,

Dettagli

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO

NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO SINTESI ORIENTAMENTI CONGRESSUALI 2016 NIENTE PAURA. CON LE ACLI ATTRAVERSIAMO IL CAMBIAMENTO È la 25 volta che gli Aclisti si riuniscono in congresso: un occasione per ascoltarci e parlare tra noi, percorrere

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Sembra un fiore che giorno dopo giorno ci presenta una sfumatura dei propri petali.

Sembra un fiore che giorno dopo giorno ci presenta una sfumatura dei propri petali. Agosto-- Galliate ( NO ) Ass. di volontariato per portatori di handicap L.go Martiri 2 Agosto CF 94016410030 COPIA OMAGGIO 1 Ogni giorno vediamo crescere la nostra struttura, da semplici fondamenta si

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA

DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA DISTRUGGERE IL MURO DEL SILENZIO: SCHIACCIAMO L'ABUSO PSICOLOGICO TAVOLA ROTONDA E DIBATTITO MACERATA PALASPORT FONTESCODELLA INTERVENTO DEL DR ANDREA MAZZEO PRESENTAZIONE Il mio compito è quello di parlarvi

Dettagli

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati

RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013. Elenco e Programmi dei candidati RINNOVO DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI DELL ISIA DI FIRENZE TRIENNIO 2010/2013 Elenco e Programmi dei candidati ISIA Firenze, aprile 2010 ELENCO DEI CANDIDATI PER LA CONSULTA DEGLI STUDENTI TRIENNIO 2010-2013

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi

AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi Cari Presidenti, le prossime elezioni per il rinnovo del Comitato Centrale coincidono con la conclusione della mia esperienza

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Dio ricompensa quelli che lo cercano

Dio ricompensa quelli che lo cercano Domenica, 22 agosto 2010 Dio ricompensa quelli che lo cercano Ebrei 11:6- Or senza fede è impossibile piacergli; poiché chi si accosta a Dio deve credere che Egli è, e che ricompensa tutti quelli che lo

Dettagli

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte: Lezione 9 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

Tipologie di consumo Informazioni per il PD

Tipologie di consumo Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/5 Compito Gli alunni fanno un esperimento volto a illustrare le differenze tra un «consumo occasionale» e un «consumo problematico». Gli alunni riassumono le caratteristiche che

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio

La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La radio a scuola: l esperienza lombarda della trasmissione La porta accanto Marie Pierre Bartesaghi, Atelier Radio La storia di questo tipo d esperimento risale all inizio degli anni 80 quando, in Francia,

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui.

Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. Buonasera e grazie dell invito rivoltomi e a tutti voi per essere qui. E un grande momento questo perché si mette a tema l educazione e questo tema per me che sono un imprenditore è quello centrale della

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze.

Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Come si valuta per competenze? Competenza situata. Definizione dei profili di competenza. Situazioni problema per la valutazione di competenze. Criterio 1. Competenza situata Descrizione Per valutare per

Dettagli

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326

Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Convegno Prospettive future per il volontariato 9 novembre 2012 Bari - Hotel Mercure Villa Romanazzi Carducci - Via Capruzzi, 326 Intervento di Stefano Tabò Condivido molto, quasi tutto di quello che è

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 3 PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 3 Fino ad ora abbiamo lavorato sulla consapevolezza, identificando le 4 chiavi che ci servono per aver successo nel nostro

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze)

STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) STEFANIA SACCARDI (Assessore al Welfare del Comune di Firenze) È un piacere per il Comune di Firenze ospitare questo bellissimo incontro ricco di contenuti. Ho partecipato anche ai lavori di stamani. È

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI Pochi giorni fa a un incontro organizzato dalla Provincia di Roma in occasione dei 60 anni dell Unesco, ho conosciuto un sacerdote,

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione?

Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Cosa devono fare le banche per favorire i processi di aggregazione? Prima di provare a rispondere a questa domanda mi pare indispensabile una premessa che contestualizzi l attuale situazione. Perché a

Dettagli

Componenti CLP RUP. Componenti CLP RUP. streaming

Componenti CLP RUP. Componenti CLP RUP. streaming Lezione frontale - 9,00-18,00 [sotto modulo A5] Scenari strategici. Fruizione dei beni paesaggistici e culturali. Introduzione al tema. Politiche di tutela e sviluppo dei Beni paesaggisti. Obiettivi generali

Dettagli

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE

МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК TELEFONINI CHE PASSIONE МИНИСТЕРСТВО НА ОБРАЗОВАНИЕТО И НАУКАТА ОЛИМПИАДА ПО ИТАЛИАНСКИ ЕЗИК ОБЛАСТЕН КРЪГ 01.02.2014 VIII клас I. PROVA DI COMPRENSIONE DI TESTI ORALI Per studiare la scheda avete 3 minuti. Sentirete il testo

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

La valutazione degli insegnanti

La valutazione degli insegnanti La valutazione degli insegnanti Incipit Le considerazioni di questo breve testo in parte nascono da quanto letto in un articolo del Corriere della sera dell'11 giugno del 2008; un'intervista nella quale

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare

Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù. Poesia della mia prima elementare Ricordi, giochi, poesie e abitudini dell infanzia e della gioventù Poesia della mia prima elementare Sebbene faccio la classe prima Non mi è difficile parlare in rima, teco l augurio che il cuor mi detta

Dettagli

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA

LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA LA FECONDAZIONE ASSISTITA TRA SCIENZA ED ETICA Martedì 7 giugno 2005, dalle ore 15 alle ore 20, si è svolto il 3 convegno alla Camera dei Deputati dell Associazione Nazionale ConVoglio Valori (per il 1

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO

STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO STILE DI COPPIA E FAMIGLIA D ORIGINE TRA CONTINUITA E CAMBIAMENTO Nell ultimo incontro ci siamo lasciati con l esortazione dei genitori di Anna rivolta a Tobi: Davanti al Signore ti affido mia figlia in

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO

L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO L AGGIORNAMENTO E L AUTOFORMAZIONE DEI FORMATORI GENERALI: L ESPERIENZA DI ASSOCIAZIONE MOSAICO Tamara Mazzoleni Convegno C.e.s.c. Lombardia Formatori in rete Costruzione di un percorso. Formazione generale

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Perché è sempre troppo tardi quando inizi a occuparti della tua salute?

Perché è sempre troppo tardi quando inizi a occuparti della tua salute? Perché è sempre troppo tardi quando inizi a occuparti della tua salute? Succede spesso ed è un comportamento molto diffuso. Troviamo la motivazione per occuparci della nostra persona (fisico e mente) solo

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

AGENDA DIGITALE RAVENNA

AGENDA DIGITALE RAVENNA FOCUS GROUP AZIENDE 3 Sala Maraldi 19/11/2013 AGENDA PARTECIPANTI: 11 uditori (3 tecnici del Comune di Ravenna +1 Lepida + Assessore Cameliani) GENERE: 10 uomini e 1 donna ETA MEDIA: 47 NAZIONALITA : italiana

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Schema relazione su rapporto Formedil 2013

Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Schema relazione su rapporto Formedil 2013 Questa seconda giornata nazionale della formazione edile inizia con la presentazione del rapporto Formedil 2013, un lavoro impegnativo realizzato come impegno

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa

Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa Banchese Focus 1 Introduzione 2 Il tema del credito è stato affrontato più volte dalla rivista Microimpresa (si rimanda, in particolare, ai numeri 35 e 36 relativi ai alle imprese è un argomento ancora

Dettagli

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015

RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 RESOCONTO ALLEGATO ALLA DELIBERA DI C.C. N. 118 DEL 25.11.2015 Ottavo punto all O.d.G. O.d.G. del Consigliere Musa sulle celebrazioni matrimoniali in luoghi diversi della casa comunale Illustra il Consigliere

Dettagli

NEWSLETTER. Luglio 2007. I l g r u p p o I t a l i a n o

NEWSLETTER. Luglio 2007. I l g r u p p o I t a l i a n o NEWSLETTER - I N V E N T A R E I L F U T U R O - Luglio 2007 I l g r u p p o I t a l i a n o Il gruppo italiano Inventare il futuro è iniziato lo scorso mese di maggio e si riunisce quasi ogni settimana

Dettagli

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE 84 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE TREMONTI: Per quanto è possibile in

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli