Patrimoni culturali e paesaggi di Puglia e d Italia tra conservazione e innovazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Patrimoni culturali e paesaggi di Puglia e d Italia tra conservazione e innovazione"

Transcript

1 1 Roma, MIBACT, 16 giugno 2014 Patrimoni culturali e paesaggi di Puglia e d Italia tra conservazione e innovazione Intervento di Michel Gras, Il titolo del libro, curato da Giuliano Volpe, indica tra conservazione e innovazione ma il contenuto sa più di innovazione che di conservazione. Prima di entrare in argomento, un relatore straniero deve fare una breve premessa. Questa pubblicazione tratta di una riflessione approfondita sul patrimonio italiano e su delle scelte da fare, e un non italiano come me avverte la necessità non di proporre soluzioni operative ma di far emergere delle riflessioni a monte delle scelte. La Puglia non mi è per niente indifferente : è in Puglia, alla metà degli anni settanta, che ho cominciato il mio percorso nell Italia continentale rispondendo all invito di Francesco D Andria nel neonato istituto di archeologia dell Università di Lecce, studiando le anfore preromane di Santa Maria di Leuca (allora era un materiale non studiato) e insegnando come professore a contratto. Da allora la Puglia ha fatto tanta strada, con gli ecomusei del Salento, con l impegno della Regione e dell Università di Foggia, ecc I beni culturali italiani non si fermano ad Eboli e la Puglia ha un immenso territorio con 800 km di litorali, che sono degli spazi fragili dove si gioca una parte del futuro del Mediterraneo con un contesto turistico in piena trasformazione, per motivi di geopolitica, come si sa. Non è male, credo, partire da un discorso regionale anche se da un Francese ci si aspetta un elogio dello Stato centrale Ma noi siamo ormai lontani da Colbert come voi siete ormai lontani da Fiorelli. E non si tratta di parlare male né dell uno né dell altro perché abbiamo ancora molto bisogno e dell uno e dell altro. I problemi di patrimonio e di beni culturali sono complessi e nessuno di noi può vantare di avere delle ricette. Delle convizioni si. Avere delle regioni che possono fare da laboratorio è un gran vantaggio. La Puglia è attualmente un grande laboratorio con la sua normativa - il PPTR : Piano paesaggistico territoriale regionale - e con la sua politica regionale adatta ovviamente alle sue realtà ma con certi valori come la riqualificazione delle periferie. Si portano avanti dei sistemi territoriali e i beni culturali sono uno di loro. Ci sono tre nodi che vengono al pettine in questo libro e ho scelto per affrontare molte domande e suggestioni presenti negli atti di queste due tavole rotonde di Foggia. Il primo nodo sta nel binomio Stato-Regione, un altro sta nel binomio Soprintendenza-Università, un terzo nella capacità di affrontare certi temi su un piano interministeriale.

2 2 Stato-Regione. Io, lo dico subito, e per togliere ogni suspense, mi sono trovato a mio agio con molte delle idee presentate in questo volume, ma su un punto solo, prenderei le distanze (tanto farlo subito!) quando Giulio Volpe nella discussione dice che l esperienza siciliana non può servire a niente, avendo in mente i soliti problemi siciliani che sappiamo. La Sicilia "disco rotto" aggiunge Daniele Manacorda, tanto per chiarire e fare buona misura. L esperienza siciliana ha ormai 35 anni (decreto 637 del 30 agosto 1975 ; legge regionale 80 del 1 agosto 1977 e legge regionale 116 del 7 novembre 1980), un tempo sufficiente per cominciare invece a fare bilanci, e dunque tale esperienza va analizzata, anzi scorticata, e finalmente potrebbe portare molt acqua al mulino e nello stesso tempo evitare di ricadere in certi errori - perché effettivamente sbagliano quelli che sono contrari ad ogni decentramento solo perché la Sicilia funziona con difficoltà. Si possono cogliere aspetti negativi ma anche positivi nella situazione siciliana. Non si tratta qui di prendere/o/lasciare. Sono modelli complessi da studiare, da modificare, anche da inventare. Non siamo davanti a dei binari dai quali non potremmo uscire. Chi si ricorda delle battaglie siciliane degli anni 70, non può dimenticare un ambizione, un vero progetto che io ritrovo quando Daniele Manacorda giustamente dice dobbiamo tutelare per contesti e non per discipline accademiche (p.77). Giustissimo. D altra parte, non si può dimenticare la bravura, l impegno, direi anche il coraggio di molti dei nostri colleghi siciliani, e i loro pareri potrebbero risultare utili quando hanno vissuto dall interno - da tanti anni - la riforma regionale. A me sembra che molti di loro non vogliono tornare indietro pur sapendo bene cosa non funziona e perché. E spesso sulla loro pelle. Forse qualche responsabilità l ha avuto anche la Regione Sicilia nel suo modo di gestire, e anche l Assessorato competente, il quale, forse, non è stato sempre all altezza della riforma? Tutto non è colpa del sistema ma dell uso troppo politico (nel senso dell interventionnismo) che se ne fa. Non si deve dunque buttare trent anni di sperimentazione e di lavoro, anche di errori. Non si deve buttare più di un secolo di archeologia in Sicilia e non si deve dimenticare che Fiorelli mandava i suoi di Pompei a seguire Cavallari nei suoi scavi della provincia di Siracusa alla fine dell Ottocento. Come Fiorelli, Roma deve dare un occhiata a quello che succede oltre lo Stretto. Tanto si tratta d Italia. Certamente non vanno dimenticati certe cose, ma l esperienza siciliana dimostra ancor una volta che fra la Stato e la Regione - qualsiasi regione - ci vuol collaborazione stretta e qui sta il nodo di tutto o quasi. Il ritiro totale dello Stato, in politica dei beni culturali, non funziona e non funziona nemmeno la spartizione facile, comoda a prima vista per tutti, fra tutela e valorizzazione : tutela allo Stato, valorizzazione alle Regione. Non può funzionare

3 3 cosi è non dico una novità : da anni lo dice e lo scrive Salvatore Settis. Il futuro della relazione fra Stato e Regione, e non solo per l archeologia, passa attraverso le costruzione di una relazione nuova : come due laboratori di ricerca - quello statale centrale e quello statale territoriale - che vogliono arrivare insieme ad una grande scoperta, cioè ad una nuova gestione dei beni culturali ancora tutta da inventare. Il discorso centrale di questo libro porta giustamente sulla relazione archeologiaterritorio. Non mi perdo in discussioni del passato sulla relazione storia dell artearcheologia. Una non deve uccire l altra, e ogni documentazione è da utilizzare e a valorizzare. Ma la relazione al territorio è globale e integra tutto il potenziale culturale del Territorio, o se vogliamo tradurre in termini amministrativi, della Regione. Il Territorio dunque. La nostra generazione sarà duramente giudicata un giorno come quella che ha sprecato il territorio daperttutto in Europa : la gente è scappata dai centri delle città perché questi centri non erano più adatti alla vita moderna, alla casa moderna, e non per sola volontà di andare altrove e di allontarnarsi dal lavoro. Oggi, per gestire i territori sul piano culturale, abbiamo bisogno di strumenti e la Carta dei beni culturali della Regione Puglia è certamente da seguire con attenzione e da sostenere (p ). Nel territorio, si gioca anche una grossa partita adesso, quando i nostri Stati devono allegerire sia il dispositivo centrale che il dispositivo territoriale, pur sapendo che tale dispositivo (il territoriale), quando funziona correttamente è la chiave di molti successi. Il problema è di trovare il modo giusto e di evitare appunto spreci e doppioni. Io sono un ammiratore del "progetto locale" di Magnaghi e della sua coscienza del luogo qui ricordato, un libro che ho divorato con passione quando è uscito nel Una parola sul caso particolare di Roma, con la divisione amministrativa dell area centrale fra Stato e Comune, figlia di una storia prestigiosa, che un giorno o l altro, nei momenti buoni direi (e adesso mi sembra un momento buono per merito dei funzionari in carica), va chiarita e coordinata con un confine più chiaro o ancora meglio una cogestione responsabile. Secondo nodo.soprintendenza-università. Il tema si tocca di qua e di là nel libro e vorrei ricordare, senza nessuna pretesa, che negli anni 90 (dieci anni prima della legge sull archeologia preventiva) ne abbiamo fatto un punto centrale in Francia sotto l impulso di un grande direttore generale del CNRS, François Kourilsky ( ), recentemente scomparso : la nascità di Centri misti di ricerca per l archeologia, fra soprintendenza, CNRS e università è andata avanti dalle prime esperienze compiute allora, e nessuno oggi parla di tornare

4 4 indietro. Il numero di tali Centri è fortemente cresciuto. La maggior parte dei grandi Centri francesi di ricerca in archeologia (e non soltanto) ha ormai questo taglio. Certamente questo non risolve tutto ma il clima è in gran parte cambiato anche se dei problemi ci sono ancora con l INRAP, arrivato dopo, nel 2001 : forse appunto perché arrivato dopo. Un giovane archeologo, in Italia come in Francia quando ha la fortuna di trovare un posto di lavoro - si ritrova, direi per caso o quasi, all Università o in Soprintendenza. Molti dei professori di archeologia italiani hanno cominciato il loro percorso in Soprintendenza prima di passare all Università come si sa. Certo il mestiere è cambiato in Soprintendenza : forse Paolo Orsi o Raffaele Causa (tanto per fare due nomi di grandi soprintendenti del passato, un archeologo e uno storico dell arte) non sarebbero oggi a loro agio, e Giorgio Buchner non potrebbe portare avanti la sua straordinaria impresa nella necropoli di Ischia. Ma oggi, le lotte e le tensioni fra questi istituzioni statali sono spesso soltanto il riflesso delle posizione antagoniste dei capi pro tempore che poi si rifettono sui giovani, dividendo cosi una comunità che oggi più che mai ha bisogno di star insieme, e lo dico a livello europeo ovviamente (ma dell Europa parleremo durante il prossimo semestre con presidenza italiana). I giovani funzionari devono recuperare il sentimento di appartenere ad un unica comunità scientifica e questo passa attraverso un inserimento paritario come Luigi Malnati lo sottolinea (p. 126). E dei Centri di questo tipo si possono fare senza spese nuove ma con l alleanza degli innovatori come viene chiesto nel volume (Manacorda a p. 150 ripreso da Volpe a p. 155) : dei Centri per condividere dei progetti, delle strategie. Tutto questo senza dimenticare il CNR - ormai dotato di un unico Dipartimento delle scienze umani e sociali e del Patrimonio culturale - e di alcuni Centri più coerenti di prima anche se un analisi comparativa delle competenze e delle missioni di alcuni Centri del CNR e di altri del MIBAC potrebbero lasciare spazio ad iniziative, proprio nel senso della condivisione. Infine potrei parlare a lungo delle Scuole straniere avendo lavorato in una di esse per 20 anni : per le Scuole straniere come per le Università italiane, la recente circolare della Direzione generale (la 18 del 19 settembre 2013) va nel senso giusto ma non si deve creare il mito di Scuole ricche di fronte ad Università italiane povere per finanziare gli scavi perché non è proprio cosi, cifre alla mano, salvo eccezioni (contra Malnati, p. 123). Terzo nodo. Livello interministeriale. Volpe allude con giusta ambizione (p. 41) ad un sistema statale integrato. Non è solo l arrivo dell ambiente che solleva il problema. I Beni culturali hanno a monte la questione dell educazione e della formazione : formazione di specialisti ma, prima di questo, educazione del cittadino, del civis. L educazione dei giovani è indispensabile per vincere a lunga scadenza la battaglia della tutela (e forse in certi casi i Musei

5 5 potrebbero essere la vera sede scolastica). E, a valle, c è la dimensione ricerca perché tutelare per tutelare senza capire, spiegare e pubblicare non avrebbe senso. Lo scavo è sempre un operazione scientifica anche quando si tratta di archeologia preventiva e deve dunque elaborare un sapere (e non soltanto banche dati) e tale sapere deve uscire fuori e ritornare, magari con vari passaggi divulgativi, al cittadino. La coordinazione col MIUR è dunque indispensabile. Poi, non esistono due archeologie, quella che scava nel territorio nazionale e quella che scava fuori, e qui ci vuol coordinamento col Ministero degli affari esteri. Negli anni 90, si è tentato di far creare in Francia un comitato interministeriale sull archeologia (rapport di Marc Gautier) : l obiettivo è mancato per poco e avremmo avuto successo proponendo un comitato trasversale sull intero patrimonio nazionale e sull paesaggio. Torno un attimo sulla formazione per dire che il problema della formazione sul campo meriterebbe una riflessione in più. Oggi, in Francia come in Italia, il concetto di cantiere scuola non è ben chiaro per quanto riguarda la formazione iniziale dello studente in archeologia (la formazione per i dottorandi è un altro discorso e va bene nei cantieri direi normali). Per la fase iniziale, non è possible fingere di credere che un cantiere portato avanti solo con gli studenti, utilizzati come manodopera e soltanto per questo, riesce sia a dare la formazione giusta sia a portare avanti la ricerca, e dunque la pubblicazione, E tutti i siti non sono adatti ad accogliere studenti principianti. Si rischia un doppio danno : sia per la formazione scarsa (lo studente che aiuta per i lavori pesanti e impara poco se non la virtu del lavoro, e questo effettivamente è da considerare) sia per l impossibilità, spesso, per il capo missione, di portare avanti da solo la pubblicazione perché gli studenti dei primi anni non sono in grado di aiutarlo. Avere, in ogni Regione, due o tre cantieri adatti a tale formazione iniziale non sarebbe male. E per questo una stretta collaborazione fra i ministeri è d obbligo. Non ho considerato la relazione pubblico-privato come un nodo perché ormai non lo è più. Basta tuttavia non dimenticare che la regola del gioco deve essere la stessa per tutti : se fare benefici è giusto, leggittimo, anzi necessario per i privati, lo deve anche essere per lo Stato o la Regione, i quali non sono altro che una collettività di privati. Non si può portare avanti un sistema dove si lasciano i debiti alle enti pubbliche, e soltanto a loro. Torno un attimo alla Francia per dire che oggi da noi la legge del 2003 sull archeologia preventiva mette troppo in concorrenza selvaggia l Istituto centrale (INRAP), le Regioni e i privati. C è spazio per tutti, anzi ci deve essere spazio per tutti, ma con delle regole chiare, giuste e condivise. I sindacati dell INRAP vogliono il monopolio dell archeologia preventiva e questo non mi sembra oggi una strada percorribile, ma certamente lo Stato non può avere un Istituto centrale che fa

6 6 dei debiti quandi gli altri fanno gli scavi meno difficili e costosi e ne tirano benefici. Non va dimenticato che l INRAP, per legge, deve fare gli scavi che gli altri non vogliono fare. Per chiudere qualche considerazione su Paesaggio e Patrimonio. Nel paese di Emilio Sereni questo binomio non può non essere un punto centrale. Sarei in difficoltà per dire che non sono d accordo con l impostazione del libro e il pensiero di Settis, di Volpe, di Manacorda e di altri in proposito. Paesaggio e patrimonio sono due faccie della stessa medaglia, e oggi più che mai abbiamo bisogno, daperttutto in Europa, di ricucire e non di creare delle frontieri. Ma certamente ci sono anche delle articolazioni da seguire e degli equilibri da rispettare. E le Soprintendenze devono recuperare una certa leggitimità offuscata dalla creazione delle Direzioni regionali. L esempio dei parchi è utile in proposito. I parchi sono senz altro positivi in certi casi ma la loro moltiplicazione crea un effetto perverso. Il concetto di parco, con una prima analisi lucida di Guzzo in Bollettino di archeologia del 1991 (pp ), provoca discussioni senza fine. Non c è bisogno di Giardini botanici o zoologici per custodire, proteggere, difendere i Beni culturali. Va allontanato il modello della riserva indiana che serve anche a moltiplicare piccoli poteri locali. Le soprintendenze hanno bisogno di un territorio omogeneo davanti alla legge. Moltiplicare gli statuti territoriali non porta a niente e la strategia ha bisogno di spazio. Sotto questo aspetto, l esperienza siciliana insegna anche : basta pensare all assurdità della città greca di Siracusa ormai strappata fra la soprintendenza e un parco. Dicendo questo non voglio parlare male dei parchi. Capisco bene che è l unica strada da seguire - se posso dire - quando parliamo dell Appia, impresa fondamentale e direi simbolica, ma in tanti altri situazioni meno complessi è meglio giocare la carta dell inserimento del bene nel tessuto urbanistico e sociale. Scrive a ragione Antonella Recchia (p. 108) : E il momento del passaggio dall idea di Bene Culturale Custode all idea di Bene culturale Servizio. Non dobbiamo infatti dimenticare l obiettivo finale anche se ne siamo ancora molto lontani : e la società, tutta la società che ha vocazione a difendere il bene ; e la società che dovrà un giorno (certo lontano) chiedere i vincoli allo Stato o alla Regione ; solo tenendo presente questo obiettivo si potrà andare avanti. L Assessore della Regione Puglia, Angela Barbanenti (p. 92) sottolinea che oggi i vincoli sono indispensabili ma che non devono avere un taglio puramente burocratico ma essere uno strumento di dialogo con la società. Poi, in un contesto speciale come l area centrale di Roma, nessun cittadino romano vuol un Disneyland riservato ai turisti e ai loro pullmann e separato

7 7 dalla città, ma questo non significa che certi dibattiti del passato non sono ancora di grande attualità soprattuto in um moment dove interferiscono con il futuro del progetto della metropolitana. Adriano La Regina, negli anni finali degli anni settanta, ha dato una svolta direi epocale alla riflessione e ha lanciato un dibattitto collettivo, cittadino e responsabile. Oggi, ci vogliono dei progetti precisi per convincere i vostri concittadini, progetti che integrano di più l area centrale alla città (e il concetto di parco, appunto, non funziona in questo caso). La gente ormai non va più avanti nel buio e non si può andare avanti senza la gente come lo ricordava bene Andreina Ricci nel 2006 nel suo bel libro (Attorno alla nuda pietra). E qui ritrovo il pensiero di Salvatore Settis, il quale a p. 43 ricorda che l adagio si può rovesciare e che la vita (odierna, aggiungo io) è maestra di storia. L archeologia, scrive Settis, va capito come memoria vivente della società e non accumulo di dati eruditi. Ci siamo. Conclusione Ho citato ogni tanto la Francia ma non si tratta di proporre ricette francesi. Anzi. La Francia, prima dell ultimo ventennio, ha sempre preso dall Italia la sua normativa sia nel 1912 sia nel E oggi la Francia deve continuare a guardare all Italia perché la densità del patrimonio archeologico italiano è senza confronto come si sa. Su questo piano, l Italia ha una legittimità europea per indicare la strada da seguire, sia per merito della vostra storia sia per merito del vostro presente. Senza dimenticare l articolo 9 della vostra Costituzione. La questione è anche di far capire alla classe politica dei nostri paesi che l archeologia non è più soltanto una scienza dell erudizione. Ormai siamo usciti dalla nicchia. Per alcuni dei nostri colleghi ed amici, spesso più anziani di noi ma non sempre, è stato un traumatismo : 50 anni fa si entrava in archeologia per studiare, come si entrava in religione per pregare. Oggi molti religiosi s impegnano ben oltre la preghiera e noi, archeologi, studiamo e vogliamo continuare a studiare ma ci impegnamo anche sul territorio e possiamo esser utili all amministrazione, statale o regionale, per la gestione equilibrata e umana di tale territorio. Ricordare la cara Marina Mazzei è d obbligo in tale contesto. E anche Riccardo Francovitch. L espressione che mi ha più colpito nel libro è quella di fruizione lenta dei paesaggi" (p. 193) o anche della mobilità dolce (p. 197). Bellissimo, anche se, come Marisa Dalai (p. 229) preferisco godimento a fruizione. Non vogliamo trasformare i nostri paesi in musei (anche se i musei e la gestione dei turisti meritano attenzione), pensiamo anche noi al futuro e non soltanto al passato. Vogliano dei territori economicamente vivaci ma umani. E la gente vuol anche questo. Sono indispensabili evoluzioni forti certamente, ma senza rovesciare il tavolo perché si tratta di

8 8 trasformare le mentalità e dunque di educare (la scuola, l ho già detto, è fondamentale) e l obiettivo non è di provocare la rivolta popolare (Angela Barbanente, p. 95). Gli archeologi meritano fiducia per dare il loro contributo a tale obiettivo perchè hanno fatto una grande mutazione. Questo libro ha un sapore d impegno, d innovazione, di responsabilità, di approccio collettivo e non personale, e porta testimonianza di tale mutazione e di una riflessione vivace attraverso l esempio pugliese. Mi sembra che per la richezza del dibattito non siamo ormai troppo lontani dagli anni 70 : la stagione dei Dialoghi di archeologia di Bianchi Bandinelli et della seconda edizione di Archeologia e cultura materiale di Andrea Carandini (1975, proprio l anno iniziale di questo Ministero), stagione sempre presente per molti di noi. Allora, la Francia e non soltanto la Francia, era all ascolto dell Italia. Questi tempi possono tornare presto. Non si tratta dunque per l Italia di organizzare un evento in più ma di impostare e far partire subito una maratona, prolungando il lavoro degli amici e colleghi pugliesi e senza dimenticare l esperienza siciliana.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA

CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessorato all Urbanistica, enti locali e personale CODICE DELL URBANISTICA E DELL EDILIZIA SETTEMBRE 2010 Dipartimento Urbanistica e ambiente Servizio Urbanistica e tutela

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO

QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO QUELL ATTIMO INFINITAMENTE SIMMETRICO Illustrazione di Matteo Pericoli 2002 Lui. Onroignoub! Lei. Come dice, scusi? Lui. Ouroignoub. Ah, mi perdoni. Buongiorno. Credevo che si fosse tutti d accordo a parlare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

GENNAIO 2011. download www.maecla.it. Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni )

GENNAIO 2011. download www.maecla.it. Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni ) Esperienza didattica nella scuola primaria a cura di Giuseppe Amato ( alias Davide Tamatoni ) I NUMERI NEGATIVI Lezione tratta da http://www.maecla.it/bibliotecamatematica/af_file/damore_oliva_numeri/mat_fant_classe4.pdf

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira

Sardegna. della memoria. Collana diretta da. Romano Cannas. Gli Archivi. Su Balente e sa Emina. con Michelangelo Pira Sardegna Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas Su Balente e sa Emina con Michelangelo Pira presentazione di Bachisio Bandinu Gli Archivi della memoria Collana diretta da Romano Cannas

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

CITTÀ POLITICA CRONACA SINDACATI SPETTACOLO SPORT ECONOMIA. Viabilità provinciale, aggiudicati i lavori finanziati con i Fondi FAS

CITTÀ POLITICA CRONACA SINDACATI SPETTACOLO SPORT ECONOMIA. Viabilità provinciale, aggiudicati i lavori finanziati con i Fondi FAS Pagina 1 di 5 Home 0881.568734 redazione@teleradioerre.it CITTÀ POLITICA CRONACA SINDACATI SPETTACOLO SPORT ECONOMIA SANITÀ CULTURA Invia query BREAKING NEWS un corso educativo per la vignetta razzista

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto

UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto Provincia di Ravenna Album fotografico UN MONDO MIGLIORE: ne abbiamo il diritto CONSIGLI/CONSULTE DEI COMUNI PARTECIPANTI SCUOLA Consulta ragazzi di Alfonsine Michelacci Andrea Scuola Primaria "Matteotti

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo.

E a questa domanda che cercheremo di dare una risposta nel breve spazio di quest articolo. C è una Parma che funziona: è, prima di ogni altra cosa, la Parma delle imprese industriali esposte pienamente alla concorrenza internazionale. Questo risultato non è un accidente della storia, bensì il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli